Page 1


PREMESSA Il Piano dell’Offerta Formativa è il documento fondamentale che costituisce l’identità della scuola nell’ambito dell’autonomia, viene elaborato dal Collegio dei Docenti, con il concorso dei portatori di interesse del territorio, ed adottato dal Consiglio di Istituto. Il POF è il documento di riferimento per tutte le parti interessate ma, in alcuni casi, può risultare poco accessibile ai “non addetti ai lavori” . Per tale motivo è stato predisposto il presente documento che richiama sinteticamente alcuni contenuti del P.O.F. al fine di:  favorire la partecipazione attiva di tutte le componenti dell’istituzione scolastica,  condividere gli intenti programmatici e gli assetti operativi della scuola con gli studenti, le famiglie e tutte le parti interessate. Si tratta di una sintesi del documento adottato al quale si rinvia per eventuali approfondimenti e/o riferimenti normativi. Il P.O.F., nella sua versione integrale, è consultabile sia in formato cartaceo (presso le sedi) che in formato digitale nel sito www.isisvittorioveneto.it.

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE “VITTORIO VENETO” Città della Vittoria Via Vittorio Emanuele II, 97 31029 VITTORIO VENETO tel. 0438-57147 fax 0438-940780 email:segreteria@ipsiavv.191.it


IL CONTESTO

L’area geografica in cui l’Istituto si inserisce come unico polo tecnico-professionale (ristorazione e ricettività turistica escluse) è quella che s’incentra sulla città di Vittorio Veneto ed il territorio che vi gravita, dalla Vallata alle estreme pendici orientali delle Prealpi trevigiane, dal basso bellunese, al coneglianese al quartier del Piave. La struttura economica portante è quella di un reticolo di piccole attività, con vocazione prevalentemente manifatturiera (interna ed estera) e relativi servizi, nonché diffusa presenza di servizi finanziari ed aziendali (questi ultimi più concentrati nelle aree urbane) ed anche di ristorazione. Circa il 30 % dell’economia dell’area sopra descritta è legata al settore del legno-arredo. La fase economica attuale sconta una profonda stagnazione e ristrutturazione, che sta mettendo a dura prova il tessuto economico locale, costringe ad aumentare la qualità dei prodotti, l’internazionalizzazione delle aziende, la qualità dei servizi e quindi obbliga anche ad un cambiamento negli assetti della proprietà nel senso di una capitalizzazione più consistente. Manifatturiero, servizi, turismo ed agricoltura di qualità rimangono le radici di fondo della struttura economica del territorio sia pure non più su scala e con dimensione unicamente locale, ma da sviluppare ormai in un orizzonte sempre più decisamente globale. Dal punto di vista sociale si constata un tasso medio di disoccupazione intorno al 7 %, una presenza media di immigrati intono al 12 %.

Tasso di disoccupazione per provincia, Classe di età e Tempo e frequenza tasso di disoccupazione - valori percentuali provincia di Treviso

Anno 2010 Anno 2011

15-24 anni 20,34 19.68

25-34 anni 7.92 8.26

35 anni e più 4.19 2.8


GLI OBIETTIVI E LE SFIDE Stante questo contesto ed i rapporti già in essere con il territorio, l’Istituto Vittorio Veneto – Città della Vittoria , intende sviluppare – in un’ottica pluriennale -, sulla scorta delle indicazioni europee recepite anche dalla recente riforma degli Istituti Superiori e dalle sue prime implementazioni, la propria attività di servizio di istruzione e formazione secondo le seguenti linee di fondo:

Sviluppo delle attività di alternanza scuola-lavoro

•Contatto con il mondo del lavoro non più occasionale, ma strutturale ed organico al percorso di istruzione delle attività d’aula scolastiche, con tutte le ricadute educative, di orientamento e di preparazione che ciò può comportare.

Collaborazione con le aziende, con gli studi professionali, con gli enti territoriali

Attività formative specifiche anche per adulti (oltre al corso serale già in essere)

•Come luoghi di costruzione ed elaborazione del sapere a pari dignità con la scuola, fino ad arrivare ad individuare e tradurre didatticamente nel curricolo scolastico le competenze professionali richieste dal territorio. •Per diminuire o eliminare l’attuale discontinuità tra preparazione scolastica e necessità del mondo del lavoro.

•per un più agevole reinserimento nel ciclo occupazionale •per consentire di cambiara/migliorare il proprio percorso professionale e il proprio progetto di vita nell'ottica della formazione continua per tutta la vita.


STRUMENTI E METODI

Costituzione di Comitati tecnicoscientifici

•l’aggiornamento costante delle conoscenze e delle competenze •divenire anche, relativamente ai percorsi di istruzione e formazione attivi al proprio interno, uno dei punti di riferimento della cultura tecnico-professionale del territorio •collegamenti costanti con gli altri istituti tecnici e professionali a livello regionale e interregionale e con gli Istituti Tecnici Superiori

Più esperienze di partenariato con altri Paesi

• dimensione ormai europea del mercato del lavoro e degli orizzonti sociali e culturali • approfondimento delle lingue straniere attraverso esperienze di soggiorno, incontro, lavoro e studio

Recupero e lotta alla dispersione

• attraverso anche percorsi triennali per incontrare le diverse esigenze formative presenti nella popolazione giovanile • attraverso didattica maggiormente laboratoriale e per compiti autentici, nello sforzo di offrire ad ogni allievo percorsi formativi i più motivanti e positivi possibili • individuazione ri modalità, strumenti e sinergie per attuare/migliorare il recuparo su base motivazionale, di contenuti e competenze, di riorientamento.


CHI SIAMO: LA NOSTRA SCUOLA L’Istituto di Istruzione Superiore Vittorio Veneto – Città della Vittoria è sorto nel 2008 dalla fusione tra l’Istituto Tecnico Industriale, l’Istituto Tecnico Commerciale, l’Istituto Professionale per i Servizi Commerciali e l’Istituto Professionale per l’Industria e l’Artigianato, tutti con alle spalle una storia pluridecennale ed anche ultrasecolare. Sono attivi, secondo la riforma del 2010, i seguenti percorsi: Informatica e telecomunicazioni

Settore tecnologico

Elettrotecnica ed elettronica progetto SIRIO corsi serali

Istituto tecnico

Settore economico

Durata Quinquennale Settore Servizi Commerciali

Isituto professionale

Amministrazione Finanza e Marketing Relazioni Internazionali per il Marketing Promozione commerciale e pubblicitaria

Manutenzione e assistenza tecnica

Settore Industria e Artigianto.

Produzioni industriali ed artigianali Arredi e forniture d'interni

Durata Triennale

Operatore meccanico (macchine utensili)

ordinamento regionale

Addetto alle vendite


LA COMUNITA’ SCOLASTICA L’Istituto Vittorio Veneto – Città della Vittoria , conta attualmente in totale circa 850 allievi. Provenienza degli studenti:

1% 1% 1%

PV BELLUNO

41%

PV PORDENONE ALTRE PROVINCIE

56%

ALTRI COMUNI PV TV VITTORIO VENETO

Comuni di provenienza – valori percentuali sul totale degli iscritti non residenti a Vittorio Veneto 10,9 9,7

9,2 8,6

8,0 6,9

6,5 5,3 5,0 4,8

VALDOBBIADENE

REFRONTOLO

ALTIVOLE

GAIARINE

FONTANELLE

0,6 0,4 0,4 0,2 0,2 0,2 SERNAGLIA DELLA B.

SANTA LUCIA DI P.

FARRA DI SOLIGO

CODOGNE'

SUSEGANA

GODEGA DI S.U.

S.VENDEMIANO

1,7 1,7 1,5 1,3 1,1 1,1 1,1 S.PIETRO DI F.

1,9

MARENO DI PIAVE

ORSAGO

PIEVE DI SOLIGO

MIANE

CISON DI VALMARINO

S.FIOR

CONEGLIANO

FOLLINA

CORDIGNANO

REVINE LAGO

FREGONA

COLLE UMBERTO

TARZO

SARMEDE

CAPPELLA MAGGIORE

2,7 2,7 2,5 2,5


LE QUATTRO SEDI Le lezioni vengono svolte nelle singole sedi. L’organizzazione delle sedi è delegata dal Dirigente ad un Docente Referente.

Sede Via Cavour: Settore Tecnologico diurno e serale. Altri Istituti

Sede Centrale: Dirigenza, Uffici Amministrativi. Istituto Professionale

Sede Via Pontavai:

Biennio Tecnico Commerciale Sede Via Pasqualis: Triennio Tecnico Commerciale

SEDE CENTRALE (IPSIA) ITIS ITC ITC

INDIRIZZO Via Vittorio Emanuele II, 97 Via Cavour, 1 Via Pasqualis, 4 Via Pontavai

TELEFONO 0438.57147 0438.59194 0438.555525 0438.555138

DOCENTE REFERENTE Prof. Massimo Da Ros Prof. Carambia Giuseppe Prof. De Poi Giovanni Prof. Tiziana Bortoluzzi


ORGANIZZAZIONE L’anno scolastico è suddiviso in due periodi: Il primo termina con la fine delle lezioni per la pausa natalizia, Il secondo termina a giugno con la fine delle lezioni. A metà del secondo periodo (16 marzo 2013) viene formulata una valutazione intermedia (pagellina) L’orario settimanale prevede 32 unità di lezione. Il tempo scuola: anno scolastico 2012/2013 Indirizzi professionali Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato 8.00-9.00 8.00-9.00 8.00-9.00 8.00-9.00 8.00-9.00 8.00-9.00 9.00-9.55 9.00-9.55 9.00-9.55 9.00-9.55 9.00-9.55 9.00-9.55 9.55-10.50 9.55-10.50 9.55-10.50 9.55-10.50 9.55-10.50 9.55-10.50 intervallo intervallo intervallo intervallo intervallo intervallo 11.05-12.05 11.05-12.05 11.05-12.05 11.05-12.05 11.05-12.05 11.05-12.05 12.05-13.00 12.05-13.00 12.05-13.00 12.05-13.00 12.05-13.00 12.05-13.00 14.00-15.00 15.00-16.00

Lunedì 8.00-9.00 9.00-9.55 9.55-10.50 intervallo 11.05-12.05 12.05-13.00

Martedì 8.00-8.50 8.50-9.40 9.40-10.30 intervallo 10.40-11.30 11.30-12.20 12.20-13.10

Indirizzi tecnici Mercoledì Giovedì 8.00-9.00 8.00-9.00 9.00-9.55 9.00-9.55 9.55-10.50 9.55-10.50 intervallo

intervallo

11.05-12.05 12.05-13.00

11.05-12.05 12.05-13.00

Venerdì 8.00-8.50 8.50-9.40 9.40-10.30 intervallo 10.40-11.30 11.30-12.20 12.20-13.10

Sabato 8.00-9.00 9.00-9.55 9.55-10.50 intervallo 11.05-12.05 12.05-13.00

Calendario scolastico a.s. 2012/2013 Festività obbligatorie: - tutte le domeniche - il 1° novembre, festa di tutti i Santi - l’8 dicembre, Immacolata Concezione - il 25 dicembre, Natale - il 26 dicembre - il 1° gennaio, Capodanno - il 6 gennaio, Epifania

- il lunedì dell’Angelo - il 25 aprile, anniversario della Liberazione - il 1° maggio, festa del Lavoro - il 2 giugno, festa nazionale della Repubblica (domenica) - la festa del Santo Patrono : 16 gennaio.

Vacanze scolastiche: - da giovedì 1 novembre a domenica 4 novembre 2012 (ponte di Ognissanti); - da domenica 23 dicembre 2012 a domenica 6 gennaio 2013 (vacanze natalizie); - da domenica 10 febbraio a mercoledì 13 febbraio 2013 compresi (carnevale e mercoledì delle Ceneri); - da giovedì 28 marzo a martedì 2 aprile 2013 compresi (vacanze pasquali) Fine attività didattica: 8 giugno 2013 (sabato) Esami di qualifica classi terze Professionali: 29/30/31 maggio 2013 Prima prova scritta esami di stato: 19 giugno 2012;


PROFILI IN USCITA Il profilo del corso coniuga saperi teorici e competenze pratiche fondamentali per la preparazione di professionisti aggiornati in grado di inserirsi nel mondo del lavoro o a proseguire studi a livello universitario. Il diplomato in Amministrazione, Finanza e Marketing ha una buona preparazione culturale di base integrata dalla conoscenza di due lingue straniere e dell’informatica, ha un’approfondita formazione nelle aree economica, aziendale e giuridica. E’ in grado di organizzare, programmare, gestire e controllare in modo autonomo tutte le attività aziendali; tenere la contabilità secondo la normativa civilistica e fiscale vigente; utilizzare specifici strumenti informatici di settore; utilizzare prodotti finanziari; di svolgere attività di marketing. Il diplomato in Relazioni Internazionali per il Marketing ha una buona preparazione culturale di base e una formazione economica e giuridica. E’ in grado di occuparsi della comunicazione e del marketing aziendale utilizzando tre lingue straniere e strumenti tecnologici appropriati; di collaborare nella gestione dei rapporti aziendali nazionali e internazionali riguardanti differenti realtà geopolitiche e vari contesti lavorativi.

Il diplomato nell’indirizzo professionale “Servizi Commerciali” ha competenze professionali che gli permettono di supportare operativamente le aziende del settore sia nella gestione di processi amministrativi e commerciali, sia nell’attività di promozione delle vendite. E’ in grado di interagire nel sistema azienda per ricercare dati relativi al mercato, per gestire la contabilità e gli adempimenti di natura fiscale, per organizzare eventi promozionali, per gestire il sistema informativo aziendale. Il diplomato nell’indirizzo servizi commerciali opzione promozione commerciale e pubblicitaria è in grado, inoltre, di promuovere l’immagine dell’azienda attraverso l’utilizzo di diversi tipi di strumenti di comunicazione, compresi quelli pubblicitari. Il diplomato in Elettrotecnica ed elettronica ha competenze specifiche nel campo dei materiali e delle tecnologie connessi alla costruzione di macchine elettriche, impianti elettrici ed elettronici, produzione di energia elettrica ,sia da combustibili tradizionali e nucleari che da fonti rinnovabili con particolare riguarda al fotovoltaico. Ha competenze nella progettazione, costruzione e collaudo di macchine elettriche, impianti elettrici e dispositivi elettronici. Ha competenze ed è consapevole del rischio in ambito tecnico, sa intervenire con dispositivi per adeguare, secondo le normative in materia di sicurezza, impianti elettrici, macchine elettriche e dispositivi elettronici. Conosce le tecniche del controllo per l’automazione e utilizza software dedicati per contribuire all’innovazione e all’adeguamento degli impianti. Il diplomatico in Informatica possiede conoscenze che abbracciano l'intero spettro delle discipline informatiche, sia nell'ambito della progettazione e realizzazione di prodotti software, sia nell'ambito sistemistico della ideazione, realizzazione e gestione di reti di computer; conosce e sa applicare i moderni paradigmi di programmazione, come la programmazione orientata agli oggetti, attraverso l'uso dei più diffusi linguaggi di programmazione quali C++, Java, C#, PHP; è in grado di lavorare in gruppi di progetto strutturati per lo sviluppo di software di tutte le categorie (embedded, desktop, applicazioni web e mobile); è in grado di


partecipare alla progettazione, manutenzione e amministrazione di database relazionali (MySQL e altri); conosce gli standard ed i protocolli di rete ed è in grado di applicarli sia nella progettazione e realizzazione di infrastrutture di rete sia negli aspetti di gestione delle reti.


L’OFFERTA FORMATIVA


L’OFFERTA FORMATIVA


L’OFFERTA FORMATIVA


L’OFFERTA FORMATIVA


L’OFFERTA FORMATIVA


L’OFFERTA FORMATIVA


L’OFFERTA FORMATIVA


L’OFFERTA FORMATIVA


L’OFFERTA FORMATIVA


L’OFFERTA FORMATIVA


L’OFFERTA FORMATIVA


L’OFFERTA FORMATIVA


L’OFFERTA FORMATIVA


FORMAZIONE DELLE CLASSI Il numero delle classi viene stabilito dall’ufficio Scolastico Regionale, la formazione delle classi prime viene fatta la prima settimana di settembre, al termine degli scrutini di fine agosto, secondo i criteri stabiliti dal Consiglio di Istituto.

Scelta dell'indirizzo o della specializzazione seconda lingua straniera (ITC) Omogeneità delle classi: in ogni classe devono essere presenti in egual misura voto scuola media

maschi/femmine

alunni con disabilità

alunni ripetenti o provenienti da altri isituti

Provenienza scuola media

comune di residenza

Formazione delle classi intermedie

Scelta della specializzazione Classe di provenienza Omogeneità della classe

Assegnazione delle classi ai docenti

alunni con disabililità

alunni ripetenti o provenienti da altro istituto

situazione particolare della classe

continuità didattica equa ripartizione degli impegni/numero delle classi omogeneità dei Consigli di classe (docenti a tempo indeterminato e a tempo determinato) funzionalità del Consiglio di classe (docenti a tempo determinato e indeterminato a coprire più classi)

Formulazione dell’orario settimanale delle lezioni

competenze specifiche dei docenti

utilizzo generalizzato dei laboratori e delle palestre

distribuzione omogenea carichi di lavoro alunni non concentrazione ore di teoria nella stessa giornata distribuzione omogenea carichi di lavoro docenti situazioni particolari dei docenti (part-time- legge 104/92 – spezzoni con completamento in altre scuole, particolari esigenze di famiglia)


ACCOGLIENZA E ORIENTAMENTO Il passaggio dalla scuola del primo a quella del secondo ordine (medie-superiori) rappresenta un momento importante e delicato per gli studenti e per le famiglie. Il progetto accoglienza, rivolto agli studenti della classi prime, offre agli studenti la possibilità di conoscersi e di conoscere la scuola (strutture, organizzazione,..) per favorire l’inserimento nel nuovo ambiente. L’accoglienza si svolge i primi giorni di scuola ed è coordinata da un docente della classe. I dati raccolti durante questa attività vengono poi condivisi dal Consiglio di Classe e dal Collegio Docenti e utilizzati, assieme ai test di ingresso delle singole discipline, per definire la programmazione.

L’orientamento avviene in due momenti: in itinere per la scelta dell’indirizzo nel passaggio dal secondo al terzo anno e in uscita rivolto agli studenti dell’ultimo anno. L’orientamento in itinere consiste in incontri tra gli insegnanti delle materie più rappresentative delle diverse opzioni con gli studenti del secondo anno. Gli incontri si svolgono nei mesi di dicembre e gennaio.

L’orientamento in uscita è rivolto agli studenti dell’ultimo anno sia che intendano continuare gli studi sia che desiderino conoscere le opportunità lavorative. La scuola favorisce la diffusione del materiale informativo proveniente dalle università e agevola la partecipazione degli studenti alle attività di orientamento programmate da enti o istituzioni.


VALUTAZIONE

La valutazione si ispira ai principi di: Centralità dell'allievo

Qualità dell'apprendimento

Condivisione di obiettivi comuni a tutto il Consiglio di Classe

La valutazione avviene durante tutto l’anno scolastico.

Le singole prove di verifica (scritte, orali o pratiche) vengono misurate secondo criteri oggettivi fissati preventivamente. La misurazione viene espressa con un voto compreso tra 1 e 10.

LO STUDENTE: conosce che cosa e come viene valutato, capisce che ciò che viene valutato è la singola prestazione, ha gli elementi per condividere la valutazione e migliorare le prestazioni. Riceve informazioni sul livello raggiunto.

IL DOCENTE: esplicita i criteri di valutazione e gli argomenti oggetto di verifica. Riceve informazioni sull'efficacia ed efficienza del lavoro svolto.

LA FAMIGLIA: tiene sotto controllo i risultati delle singole prove, riceve informazioni sul livello di conoscenze e competenze acquisite.

Le valutazioni delle singole verifiche scritte devono essere comunicate agli studenti non oltre 15 giorni dalla data di effettuazione e al termine della prova nel caso di verifiche orali.


SCRUTINI e PAGELLE La pagella è il documento ufficiale in cui sono registrati: i voti e le ore di assenza per ciascuna disciplina, il voto di condotta e, nella pagella di fine anno, l’esito dello scrutinio finale. Sempre nello scrutinio finale agli studenti degli ultimi tre anni ammessi alla classe successiva, o all’esame di stato, viene attribuito il credito scolastico. A partire dalle proposte di voto il Consiglio di Classe assegna le valutazioni definitive che vengono trascritte nella pagella.

Partecipaz ione all'attività didattica

PROPOSTA di Voto


SCRUTINI e PAGELLE Il voto di condotta misura il grado di partecipazione attiva e responsabile alle attivitĂ e alla vita scolastica, un voto di condotta inferiore a 6/10 comporta la non ammissione alla classe successiva.

Partecipazi one alle attivitĂ che si svolgono in classe.

VOTO di Condotta

Rapporti con i compagni di classe e con gli insengnanti .


SCRUTINI e PAGELLE La validità dell’anno scolastico è legata al numero di ore di frequenza. Se tale numero è inferiore ai 3/4 del totale l’anno scolastico non è ritenuto valido e lo studente non può accedere alla classe successiva. Il limite viene derogato a fronte di situazioni particolari e documentate (motivi di salute, terapie programmate, donazioni di sangue, attività sportive e/o agonistiche organizzate da federazioni riconosciute dal CONI, adesioni a confessioni religiose …). In numeri: validità dell’anno scolastico = assenze non superiori a 264 ore (circa 52 giorni) Esito dello scrutinio finale:

scrutinio di giugno

validità dell'anno scolastico+valutazione positiva in tutte le discipline e in condotta

ammesso alla classe successiva o all'esame di stato

anno non valido per numero assenze o insufficienze diffuse e/o gravi o condotta insufficiente

non ammesso alla classe successiva o all'esame di stato

validità dell'anno scolastico+alcune materie insufficienti+voto di condotta positivo

sospensione del giudizio

verifiche estive di superamento dei debiti formativi

scrutinio entro il 31 agosto dell'anno in corso

Sospensione del giudizio: per gli studenti che non presentino la sufficienza in tutte le discipline il Consiglio di Classe esamina, caso per caso, la possibilità che lo studente possa recuperare le lacune nel periodo estivo.

miglioramenti rispetto alla situazione di partenza

massimo tre insufficienze

Impegno ed interesse per le discipline dell'area di indirizzo

possibilità di recuperare

SOSPENSIONE DEL GIUDIZIO

In tali casi non si procede allo scrutinio ma si sospende il giudizio. Allo studente e alla famiglia vengono fornite le indicazioni sul lavoro da svolgere al fine di recuperare le lacune e il calendario delle prove di verifica. La situazione verrà riesaminata entro la fine del mese di agosto alla luce degli esiti delle prove di recupero. sospensione del giudizio

indicazioni per il recupero

prove di recupero

scrutinio finale

Criteri di ammissione all’esame di stato

Validità dell'anno scolastico

valutazione positiva in tutte le discipline e in condotta

AMMISSIONE ALL'ESAME DI STATO

ammissione o non ammissione alla classe successiva


SCRUTINI e PAGELLE Il credito scolastico A chi si assegna il credito scolastico? Il credito scolastico viene assegnato agli studenti di terza, quarta e quinta ammessi alla classe successiva o all’esame di stato. Come si calcola? Il punto di partenza è il valore M = media aritmetica dei voti (compresa la condotta)

classi 3e

e

classi

4e

5e

M=6

M=6

Punti 3 o 4

Punti 4 o 5

6<M≤7

6<M≤7

Punti 4 o 5

Punti 5 o 6

7<M≤8

7<M≤8

Punti 5 o 6

Punti 6 o 7

8<M≤9

8<M≤9

Punti 6 o 7

Punti 7 o 8

9<M≤10

9<M≤10

Punti 7 o 8

Punti 8 o 9

Il valore M fissa il minimo e il massimo del credito. L’attribuzione del minimo o del massimo del relativo intervallo viene stabilita dal Consiglio di Classe in relazione a: profitto (elemento prioritario), assiduità della frequenza scolastica, interesse e impegno in classe e in eventuali attività integrative, crediti formativi debitamente documentati. Il credito formativo si acquisisce attraverso esperienze vissute all’esterno della scuola che arricchiscono lo studente di competenze coerenti con il corso di studio o con gli obiettivi del Consiglio di Classe (esempio: esperienze lavorative, attività sportive, di volontariato, culturali). N.B. Non è possibile per alcun motivo uscire dall’intervallo individuato da M.

E’ importante che gli studenti e le famiglie siano consapevoli che il profitto conseguito nelle classi terza, quarta e quinta concorre alla determinazione del punteggio dell’esame di stato. Ciò è possibile in quanto un quarto del punteggio massimo (100) è riservato al credito scolastico:

Credito del 3° anno

Credito del 4° anno

Massimo 25 punti

Credito del 5° anno

Esito delle prove d'esame

Massimo 75 punti

PUNTEGGIO IN CENTESIMI


RAPPORTI SCUOLA FAMIGLIA

L’apporto che le famiglie degli studenti danno al fine di realizzare gli obiettivi formativi e per migliorare tutti gli aspetti della vita scolastica è fondamentale. Modalità di comunicazione:

Aspetti organizzativi

•libretto scolastico •circolari e avvisi recapitati a casa

Andamento scolastico

•colloqui individuali con gli insegnanti. •colloqui generali con gli insegnanti.

Particolari necessità

•colloquio con il Coordinatore di classe •colloquio con il Responsabile di sede •colloquio con il Dirigente Scolastico

Il libretto personale viene consegnato all’inizio dell’anno ai genitori degli studenti minorenni e direttamente agli studenti se maggiorenni. Sul libretto devono essere apposte le firme in originale dei genitori o di chi ne fa le veci. Il libretto è suddiviso in sezioni a seconda che si debba  giustificare assenze, ritardi o richiedere permessi di uscita anticipata.  Trasmettere una comunicazione alla famiglia o viceversa.  Registrare i voti delle verifiche. E’ importante che lo studente porti sempre con sé il libretto personale che va tenuto costantemente aggiornato e in buone condizioni. Gli insegnanti fissano all’inizio dell’anno un orario settimanale di ricevimento genitori. Il ricevimento settimanale si svolge nelle singole sedi e sempre al mattino. Per prenotare il colloquio con un insegnante è sufficiente telefonare a scuola (nella sede specifica) oppure la prenotazione può essere effettuata direttamente dallo studente. Due volte l’anno: prima di natale e a metà del secondo periodo (marzo-aprile) si tengono, in orario pomeridiano, due incontri generali. In queste occasioni sono presenti tutti gli insegnanti.

Il Dirigente Scolastico riceve presso la sede centrale. E’ possibile in ogni momento inviare una mail all’indirizzo dirigente@isisvittorioveneto.it.


LE ATTIVITA’ DI RECUPERO Le attività di recupero vengono svolte durante tutto l’anno scolastico secondo diverse modalità, lo scopo di tali attività è di aiutare gli studenti a colmare le lacune nella preparazione.

Corso di recupero

•Si svolge al pomeriggio •Per gruppi di studenti della stessa classe o di classi parallele •Su argomenti programmati dal docente. •Durata 8/10 ore. •Partecipazione obbligatoria.

Sportello

Peer Education

Recupero curriculare

•Si svolge al pomeriggio. •Singolarmente o a gruppi •Su argomenti specifici richiesti dallo studente.

•Attività autogestita dagli studenti. •Uno o più studenti tutor supportano i compagni nello studio. •L'attività è supervisionata da un Docente che rimane a disposizione.

•Attività di recupero svolta in orario curriculare.


CONVERSAZIONI IN LINGUA INGLESE

DATA BASE

OLIMPIADI DELLA MATEMATICA E DELL'INFORMATICA

GREEN SCHOOL

PROGETTO ROBOTICA

COOPERATIVA SCOLASTICA

PEER EDUCATION

STAGE AZIENDALI

ALTERNANZA SCUOLA LAVORO

CERTIFICAZIONI LINGUISTICHE

PROGETTI EUROPEI

I PROGETTI

POF: piano dell'offerta fromativa  

offerta formativa dell'IIS Vittorio Veneto Città della Vittoria. IPSIA - IPSSC - ITC - ITIS

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you