Clamer Informa Dicembre 2021

Page 1

i r u ug

A

12 Anno XLVI

Mensile tecnico scientifico di floricoltura orticoltura e vivaismo

Clamer informa Dicembre 2021

Rimandata a gennaio 202 l’edizione 20 3 22 IPM Essen di


Clamer informa Dicembre 2021

Stai leggendo gratuitamente questo numero grazie a :

Auguri iClamer nforma Dicembr e

12 Anno XLV I

Riman data a gen l’edizionaio 2023 ne IPM E2022 di ssen

Mensile tec floricoltura nico scientifico di orticoltura e vivaismo

pubblicità

2021


Vi aspettiamo a

! e t s e F e n o u B Vi augura

Christmas ChristmasUniverse Universe

Tutto l’universo in in una stella Tutto l’universo una stella

Pad 16 Stand K10


Novembre 2021

Clamer informa Mensile tecnico scientifico di floricoltura orticoltura e vivaismo guri Au

Spedito per oltre 40 anni in versione cartacea ai soli abbonati in tutta Italia, Clamer informa da Gennaio del 2016 abolisce l’abbonamento, la spedizione postale e la stampa, diventando il primo mensile storico della filiera paperless ed esclusivamente digitale.

12

Clamer informa Dicembre 2021

Rimandata gennaio 20 a l’edizione 20 23 22 IPM Essen di

Anno XLVI

Mensile tecnico scientifico di floricoltura orticoltura e vivaismo

Una scelta radicale, coraggiosa e decisamente ecologica. La quantità di carta, inchiostro e film plastico utilizzati per la stampa e spedizione di 4000 pezzi 11 mesi all’anno non è trascurabile. Se poi prendiamo in considerazione tutte le riviste sul mercato, la quantità di carta e plastica in circolazione è impressionante. Oltre a ciò il numero di numeri spediti è incrementato esponenzialmente così come il numero di lettori. Ogni numero è liberamente condivisibile con amici e colleghi. Non si tratta di un’anteprima o di una versione limitata ma della rivista vera e propria. pubblicità

La condivisione e la diffusione è gradita e incoraggiata da parte nostra.

4


Chi proprio non può fare a meno della carta può comodamente stampare tutto il numero o solo gli articoli che gli interessano utilizzando la propria stampante oppure approfittare del servizio di “stampa on demand” messo a disposizione da Issuu/Peecho online, cliccando sull’ultimo pulsante in basso della newsletter del numero del mese. Per non perdere nemmeno un numero e ricevere via e-mail il link per scaricare il mensile, vi consigliamo di iscrivervi alla lista di distribuzione utilizzando l’apposita pagina

Ci

http://www.clamerinforma.it/registrazione.asp premurandovi di inserire il mittente rivista@clamerinforma-news.it tra gli utenti affidabili (whitelist) in modo tale che il vostro client di posta non scambi erroneamente il messaggio contenente i link per scaricare il mensile, per spam. Se utilizzate Gmail come client di posta, vi consigliamo inoltre di spostare il messaggio dalla sezione Promozioni alla sezione Principale. Sarà sufficiente cliccare sul messaggio e trascinarlo sulla sezione Principale nella Clamer a m r fo in parte superiore della pagina. 2021 Novembre

Begonia I’CONIA Aroma Peach Selecta One Magic Stars

11 Anno XLVI

di ico scientifico Mensile tecn oltura e vivaismo floricoltura ortic

5


Clamer informa

Indice

1/4

Block notes

Rimandata a gennaio 2023 l’edizione 2022 di IPM Essen

11 14

Intesa tra l’Ufficio scolastico regionale per la Toscana e il Coordinamento regionale dei periti agrari e dei periti agrari laureati della Toscana

18

“Poinsettia Day”, un giorno dedicato alla Stella di Natale, fiore per eccellenza delle festività

21

Agrotecnici, iniziati gli esami abilitanti: mai cosi’ tanti i candidati (+46% Sul 2020, +71% sul 2019)

23

AIAB e FederBio bocciano la bozza di Piano Strategico Nazionale della PAC: va data priorità trasversale al biologico Le Associazioni del biologico: è il momento di approvare la legge sul bio

6

28


30

All’assemblea dell’Ass. Vivaisti Italiani del 10 dicembre il sì unanime al bilancio preventivo e il punto su quanto fatto e i nuovi piani

36

La Francia vince la seconda edizione del prestigioso European Green Cities Award

CiAuguri

Auguri iClamer nforma Dicembr

Indice

2/4

Block notes Dicembre 2021 7

e 2021

12 Anno XLV I

Mensile tec floricoltura nico scientifico di orticoltura e vivaismo

Riman genn data a l’edizionaio 2023 e IPM E2022 di ssen


Clamer informa

Ci

Indice i

Augur

lamer Dicembre 2021 nforma

comunica

Anno XLVI

Mensile tecn ico scientifi floricoltura orticoltura co di e vivaismo

Rimandata a gennaio 2023 l’edizione 2022 di IPM Essen

Articoli 38

Gli ibridatori soci di Fleuroselect proseguono la lotta alla propagazione illegale

58

8

Clame informra Dicembre

12

Perenni da fiore reciso: Gentiana

3/4

2021

Riman genn data a l’edizio aio 2023 ne IPM Es2022 di sen


Articoli4/4 Indice

Considerazioni sulle miscele di fitofarmaci

62

Zantedeschia aethiopica - la difesa delle piante ornamentali e da fiore reciso

78

Le cinque principali innovazioni tecnologiche in agricoltura

Ci

Indice annata

110

9

94


Super Highlights Primavera

2022


Clamer informa Dicembre 2021

Rimandata a gennaio 2023 Block l’edizione 2022 di IPM Essen

notes

Il rinvio dell’edizione 2022 di IPM a gennaio 2023 potrebbe indirettamente conferire maggiore importanza e prestigio alla prossima edizione di Myplant&Garden 2022, salvo inconvenienti

Quando sembrava che saremmo finalmente riusciti a tornare ad una parvenza di normalità e ad incontrarci finalmente di persona alla principale fiera del settore, IPM Essen, è arrivata come una doccia fredda la comunicazione ufficiale di Messe Essen, l’ente fiera di Essen, che rinviava l’appuntamento clou del settore orto-florovivaistico

europeo a gennaio dell’anno prossimo. Avevamo iniziato a temere il peggio una volta iniziate a circolare voci di un possibile lockdown nella vicina Austria. Anche i numeri dei contagi e delle ospedalizzazioni in terapia intensiva in Germania e Olanda non facevano ben sperare. A fine novembre, inizio di-

11


Block notes

Clamer informa

Dicembre 2021

cembre sono arrivate puntualmente le prime defezioni di Syngenta Flowers e Florensis seguite a stretto giro di posta da PanAmerican Seed. Solo pochi giorni dopo ci è giunta in redazione la comunicazione ufficiale dell’ente fiera di Essen che annunciava il rinvio dell’edizione 2022 a gennaio dell’anno prossimo. In sintesi contenuto del comunicato di Messe Essen in merito all’edizione 2022 di IPM è il seguente: La fiera IPM di ESSEN, in programma dal 25 al 28 gennaio 2022, non potrà avere luogo a causa dell’attuale difficile situazione della pandemia a livello mondiale. In stretta collaborazione con le associazioni partner, Messe Essen permetterà agli espositori che avevano deciso di partecipare all’edizione 2022 di trasferire la propria registrazio-

ne alla prossima edizione di IPM ESSEN 2023. La prossima edizione della fiera leader mondiale nel settore dell’orto-florovivaismo avrà luogo dal 24 al 27 gennaio 2023. La fiera di Essen organizzerà inoltre un’edizione estiva della fiera IPM della durata di due giorni il 13 e il 14 giugno 2022. L’edizione vuole essere un mix tra una vetrina espositiva per la presentazione di nuovi prodotti e una piattaforma che offra possibilità di incontro e interazione tra soggetti della filiera. Il commento di Oliver Kuhrt, CEO di Messe Essen è stato il seguente: “mentre stavamo lavorando a pieno ritmo per preparare l’edizione di IPM ESSEN 2022, la situazio-

12


Block notes

Clamer informa

Dicembre 2021

ne della pandemia COVID-19 si è notevolmente aggravata sia in Germania che a livello internazionale. Nonostante le attese per quella che può definirsi la maggiore fiera del settore del verde, l’incertezza tra espositori e visitatori si è rivelata eccessiva. Per questo motivo diamo a tutte le aziende espositrici che si sono registrate finora l’opportunità di trasferire la propria registrazione alla prossima edizione di IPM 2023” La situazione in Italia, ed in particolare in Lombardia, sia per quanto riguarda la percentuale della popolazione vaccinata, sia per quanto riguarda il numero di ricoveri in terapia intensiva, sembra al momento molto migliore di quella registrata in Germania e Olanda. Per questo motivo, se dovesse svolgersi regolarmente, la fiera Myplant&Garden, già

ben affermata in Italia, potrebbe guadagnare ulteriore prestigio e importanza a livello nazionale e internazionale, in qualità di primo grande evento della filiera del verde negli anni della pandemia. Purtroppo può succedere ancora di tutto visto che al momento l’unica certezza sembra essere l’incertezza. Noi ci auguriamo vivamente di potervi incontrare finalmente di persona alla prossima edizione di Myplant&Garden a Milano dal 23 al 25 febbraio 2022.

13


Block notes

Clamer informa

Dicembre 2021

Intesa tra l’Ufficio scolastico regionale per la Toscana e il Coordinamento regionale dei periti agrari e dei periti agrari laureati della Toscana

Protocollo d’intesa tra l’Ufficio scolastico regionale per la Toscana e il Coordinamento regionale dei periti agrari e dei periti agrari laureati della Toscana per la promozione, implementazione e realizzazione dei percorsi delle competenze trasversali e per l’orientamento

E’ stata un intesa immediata tra i Periti Agrari della Toscana e l’Ufficio Scolastico Regionale. Il Dirigente Dott. Ernesto Pellecchia, in rappresentanza della Direzione Regionale della Toscana del Ministero della Pubblica Istruzione, ed il Presidente Giulia Parri, in rappre-

sentanza del Coordinamento Regionale e del Collegio dei Periti Agrari e dei Periti Agrari Laureati delle Province di Lucca, Pisa, Pistoia, Livorno e Massa Carrara hanno sviluppato questo protocollo. Abbiamo lavorato in questi mesi ad un nuovo format che, attraverso azioni integrate

14


Block notes

Clamer informa

Dicembre 2021

e/o congiunte per la messa a sistema di un modello condiviso, possa conseguire un miglioramento qualitativo dei percorsi formativi scolastici nell’ambito dei piani triennali dell’offerta formativa che ogni Istituto Tecnico Agrario prediFirme protocollo Ernesto Pellecchia e Antonio spone, prevedendo Sacchini 18 Novembre 2021 lo svolgimento di specifici moduli su sione di Perito Agrario nelle temi ed argomenti riguardanti materie tecnico scientifiche; l’attività di libera professione b) implementazione della codi Perito Agrario e l’orientanoscenza del ruolo del Perito mento professionale tenendo Agrario in vista dell’orientaconto delle effettive peculiamento alla professione. rità ed esigenze degli Istituti La premessa è di promuoTecnici Agrari della Toscana e vere la realizzazione presso anche della loro dislocazione gli Istituti Tecnici Agrari delterritoriale. la Toscana di percorsi per le Le azioni comuni di cui sopra competenze trasversali e l’odevono perseguire il raggiunrientamento per il tramite del gimento dei seguenti obiettiMinistero dell’Istruzione - Ufvi: ficio Scolastico Regionale per a) potenziamento delle conola Toscana, l’Istituto Tecnico scenze propedeutiche all’eAgrario ed i Collegi territoriali sercizio della libera profes-

15


Block notes

Clamer informa

Dicembre 2021

dei Periti Agrari e Periti Agrari Laureati presenti sul territorio. Il Coordinamento Regionale della Toscana ed i Collegi dei Periti Agrari e Periti Agrari Laureati, attraverso la proposta di percorsi formativi che combinino lo studio teorico d’aula con forme di apprendimento pratico svolte nel contesto professionale, promuoveranno la conoscenza di tematiche riguardanti la Libera Professione di Perito Agrario, al fine di favorire l’acquisizione da parte degli studenti di conoscenze, abilità e competenze in merito al ruolo del Perito Agrario e del Perito Agrario Laureato; l’obiettivo l’intento sarà rafforzato con l’approfondimento di tematiche specifiche relative alla professione di Perito Agrario con i Docenti di materie tecniche dei medesimi ITAS toscani. Significativa e di valenza è l’intesa per sviluppare una costante collaborazione, al fine di promuovere iniziative

comuni, volte a fornire collaborazione dei Collegi agli ITAS per la sottoscrizione di convenzioni con i soggetti partecipanti alle attività di orientamento. Questo permette di rafforzare il raccordo tra scuola e mondo del lavoro per offrire agli studenti opportunità formative di alto e qualificato profilo per l’acquisizione di competenze spendibili nel mercato del lavoro: • Supportare le istituzioni scolastiche nella realizzazione dei PCTO negli Istituti Tecnici Agrari come previsto dalla Legge 107/2015 e dalla L. 145/2018;

16


Block notes

Clamer informa

Dicembre 2021

• Favorire la qualificazione del servizio scolastico attraverso forme di partenariato con Enti pubblici, aziende e imprese con l’apporto anche di esperti esterni per la realizzazione di interventi che richiedano competenze specialistiche; • Accompagnare le Istituzioni scolastiche, nel rispetto della loro autonomia, verso l’adozione di nuovi modelli organizzativi atti a rafforzare il raccordo tra scuola e mondo del lavoro e delle professioni; • Monitorare le iniziative in essere e le azioni delle scuole al fine di sostenerne la pro-

gettualità e mantenere un modello organico delle azioni di PCTO. Il Presidente Giulia Parri ritiene che il risultato raggiunto sia di grande importanza per la crescita condivisa a beneficio dei “giovani professionisti” in uscita dagli ITAS; si augura che la collaborazione dei Coordinamenti e degli USR sul territorio nazionale porti alla replica del modello toscano. L’adesione al protocollo di tutti gli ITAS toscani è di fondamentale importanza per la nostra presenza nella scuola.

Stai leggendo

Clamer informa grazie a un link che ti hanno consigliato? Per riceverlo GRATIS tutti i mesi

Iscriviti 17


Block notes

Clamer informa

Dicembre 2021

“Poinsettia Day”, un giorno dedicato alla Stella di Natale, fiore per eccellenza delle festività

Il 12 dicembre è stato il Poinsettia Day, il giorno dedicato alla celebrazione della più comunemente nota Stella di Natale, il fiore natalizio per eccellenza. Sergio Ferraro: “ASPROFLOR invita a sostenere il comparto italiano acquistando una pianta prodotta sul nostro territorio: sono circa 18 milioni i vasi di Stelle di Natale prodotte in Italia nel 2021”

famosa pianta dal fiore rosso, che sempre più spesso presenta anche sfumature rosa, bianche e arancioni. La me-

Torino, 13 dicembre 2021 – È tempo di Natale; è tempo, quindi, anche del Poinsettia Day, il giorno che celebra la

18


Block notes

Clamer informa

glio nota “Stella di Natale” è tipica proprio del periodo natalizio e proviene dal Messico, dove, nel 1828, Joel Roberts Poinsett la scoprì, decidendo quindi di importarla negli Stati Uniti. Questa è in assoluto la pianta più venduta negli Stati Uniti e in Canada con un fatturato di 250 milioni di dollari. La ricorrenza legata a questa pianta risale a metà Ottocento e da alcuni anni si è affermata anche in Italia: la data prescelta è il 12 dicembre, ed è un’occasione importante per ricordare a tutti il valore della produzione florovivaistica legata alla Stella di Natale. A livello europeo è nata nel 2000 un’iniziativa dal nome “Stars for Europe” grazie a coltivatori europei di Poinsettia, che ha lo scopo di promuovere questa pianta; il progetto torna

Dicembre 2021

anche quest’anno, nel 2021, per rafforzare l’immagine della Stella di Natale, pianta protagonista delle feste. “In Italia, secondo i dati della nostra Associazione, sono 25 mila le aziende attive nel settore, con un fatturato di due miliardi e 600 milioni di euro, il 5% della PLV (Produzione Lorda Vendibile) agricola, ed un bilancio attivo nelle esportazioni in Europa con 690 milioni di export -comunica Sergio Ferraro, produttore e presidente di ASPROFLOR Comuni Fioriti- I produttori a noi associati consigliano dunque di sostenere il comparto italiano, impegnato nella produzione di oltre diciotto milioni

19


Block notes

Clamer informa

Dicembre 2021

di piante: solo 600 mila sono coltivate in Piemonte, utilizzando anche fonti di energia rinnovabile per il loro riscaldamento; le altre grandi Regioni produttive della Poinsettia sono il Veneto, l’Emilia Romagna, la Liguria, il Lazio, la Puglia, la Campania e la Sicilia. Quest’anno una pianta di Poinsettia entrerà nelle case di due famiglie su tre, portando con sé colore, festa e auguri”. Per il buon mantenimento della pianta ASPROFLOR suggerisce di mantenerla in un luogo caldo e luminoso senza eccedere nelle irrigazioni: la Poinsettia è molto sensibile agli sbalzi termici e difficilmente si adatta alle rigide temperature e ai lunghi viaggi. Ad oggi si contano circa 150 varietà diverse del fiore natalizio per eccellenza, il quale presenta differenti combinazioni di forme e colori che la rendono perfetta come decoro o pensiero rivolto a chi ci

sta più a cuore; ogni anno, inoltre, vengono aggiunte nuove tipologie di Poinsettia. Il mercato offre Stelle di Natale di tutte le misure e di tutti i prezzi, dal vaso micro di 5,5 cm a ciotole da 30-40 cm o con forme particolari ad albero o a piramide, con prezzi che partono da due euro per piccoli vasi, fino ad arrivare a 40-50 euro per le forme più insolite. Qualsiasi sia la colorazione di questa pianta, la sua presenza allieterà in ogni modo le case di chi la possiede, dando un tono più vivace alle festività.

20


Block notes

Clamer informa

Dicembre 2021

Agrotecnici, iniziati gli esami abilitanti: mai cosi’ tanti i candidati (+46% Sul 2020, +71% sul 2019)

due scritte). I candidati sono un piccolo esercito: 1.648, mai così tanti nella storia dell’Albo. Facendo peraltro registrare una crescita di +46% rispetto al 2020 e addirittura di +71% sul 2019. Numeri così elevati dimostrano la capacità attrattiva dell’Albo degli Agrotecnici e degli Agrotecnici laureati ed il successo della professione che, da dieci anni ininterrottamente, è il primo nel settore agrario come numero di candidati. Nel 2021 addirittura gli Agrotecnici hanno raccolto il 50% di tutti i candidati che hanno scelto di diventare

Si sono aperti, in tutte le Regioni italiane, gli esami abilitanti alla professione di Agrotecnico ed Agrotecnico laureato; tutte le 31 Commissioni (alcune Regioni ne hanno anche 3, in relazione all’alto numero dei candidati) hanno lavorato regolarmente sulla piattaforma informatica fornita dal Collegio Nazionale dell’Ordine e non si sono registrate criticità. Va ricordato che, in relazione alla perdurante epidemia da COVID-19, gli esami si svolgono da remoto con una sola prova on-line (rispetto alle tradizionali tre prove, di cui

21


Block notes

Clamer informa

Dicembre 2021

liberi professionisti “agrari” (il restante 50% si è disperso negli altri tre Albi di settore), come si può vedere dalla tabella allegata. I candidati presentano profili diversificati; 1.043 accedono con una laurea (triennale o magistrale) e, fra di esse, la crescita maggiore è nelle lauree in Scienze Agrarie e Forestali (+84% per le lauree magistrali, rispetto al 2020; +122% per le lauree triennali); bene anche le lauree in Biologia/Biotecnologia agraria (+63% per le magistrali; +20% per le triennali). Fra i restanti 606 candidati, che accedono agli esami (ancora) con un diploma e 18 mesi di pratica professionale, volano le domande dei diplomati che provengono da Istituti Tecnici Agrari (i “periti agrari”) che aumentano del 61% rispetto all’anno precedente e che, complessivamente, raggiungono le 438 unità (di cui 322 con il solo diploma ed altri 116 aggiungono al diploma

di “perito agrario” anche una laurea). I restanti candidati sono in possesso del tradizionale diploma di “agrotecnico”, unitamente a 18 mesi di tirocinio. Da ultimo è interessante rilevare come vi sia anche una quota non irrilevante di candidati (oltre il 5%) che dichiarano di essere già iscritti in altri Albi, svolgendo la relativa professione, e che pertanto intendono lasciare la categoria di appartenenza per “migrare” nel nuovo Albo degli Agrotecnici e degli Agrotecnici laureati, vuoi per usufruire dei migliori servizi offerti o delle elevate performance offerte dalla Cassa di previdenza.

22


Block notes

Clamer informa

Dicembre 2021

AIAB e FederBio bocciano la bozza di Piano Strategico Nazionale della PAC: va data priorità trasversale al biologico

Un Piano Strategico Nazionale del tutto inadeguato. Questo giudizio negativo ha spinto FederBio e AIAB a scrivere sia al Ministro dell’Agricoltura Patuanelli, al Sottosegretario Battistoni e agli Assessori Regionali dell’Agricoltura sia alle principali organizzazioni di rappresentanza agricola italiane. Il punto evidenziato nelle co-

municazioni è che, sebbene il biologico sia centrale per il contrasto al cambiamento climatico, per la tutela dell’ambiente e della biodiversità e sia l’unico sistema regolamentato a livello europeo che certifica la sostenibilità dei processi agricoli, la bozza del PSN non gli riconosce adeguata importanza relegandolo di fatto a solo 1 dei 9 obiettivi

23


Block notes

Clamer informa

Dicembre 2021

petitori diretti come Francia e Spagna.

specificati, pur citando ripetutamente il termine “sostenibilità” in tutti i punti del documento.

In concreto, AIAB e FederBio chiedono di puntare al raggiungimento del 30% di SAU biologica entro il 2027, obiettivo realizzabile destinando ai sistemi biologici almeno il doppio delle risorse rispetto alla programmazione precedente. Per questo occorre stanziare complessivamente 900 milioni di euro sia attraverso un ecoschema per il biologico nel primo pilastro della PAC, sia attraverso le misure agro-climatico-ambientali dello Sviluppo Rurale di competenza delle Regioni.

Con l’attuale bozza del PSN, l’Italia, tra i Paesi leader a livello europeo con oltre 2 milioni di ettari coltivati a biologico e più di 80mila operatori, rischierebbe di perdere concrete opportunità di sviluppo, rilevanti per l’intero comparto agricolo. Inoltre, attribuire un ruolo marginale all’agricoltura biologica comprometterebbe la svolta verso l’agroecologia e il raggiungimento degli obiettivi delle Strategie e del Piano d’azione Ue per il biologico, lasciando peraltro il sostegno dei fondi Ue a com-

Questi elementi sono parte

24


Block notes

Clamer informa

Dicembre 2021

integrante della proposta di AIAB e FederBio inseriti anche nel documento di proposta della Coalizione #CambiamoAgricoltura. Infine, uno strumento strategico come il PSN, non può considerare l’agricoltura biologica come un settore separato dalle altre forma di agricoltura e, dunque, le associazioni del bio dovrebbero partecipare ai tavoli di confronto politico-strategici insieme alle altre organizzazioni di settore.

Giuseppe Romano Presidente di AIAB

la punta avanzata di tali proposte. In Italia manca da anni una politica agricola nazionale ed è oramai necessario ripensare anche un Piano Strategico per il bio e una strategia condivisa che proietti l’agricoltura dell’Italia nel futuro. Non possiamo permetterci come Paese di perdere quest’occasione di rinnovamento per disegnare un nuovo sistema dell’agroalimentare”, ha dichiarato Giuseppe Romano Presidente di AIAB.

“Il biologico deve entrare in modo trasversale nel PSN, oltre che per i benefici ambientali del metodo di produzione anche per i riscontri economici e di mercato che offre alle aziende. Non possiamo rimanere indietro rispetto alle politiche green sull’agricoltura proposte dall’Ue, che hanno nel bio il cuore pulsante. Sarebbe miope per l’agroalimentare italiano non essere

“Con 2,9 miliardi di euro di vendite sui mercati inter-

25


Block notes

Clamer informa

Dicembre 2021

nazionali, l’Italia è di fatto il primo Paese esportatore di biologico. L’agricoltura bio costituisce quindi un asset fondamentale per lo sviluppo e il rilancio dell’intero sistema agroalimentare nazionale, oltre a rappresentare, attraverso i distretti biologici, una concreta opportunità di crescita economica e sociale dei territori rurali che favorisce l’occupazione dei giovani e delle donne. Riteniamo inaccettabile che manchi una strategia nazionale per il biologico, lasciandone di fatto il sostegno solo ai PSR regionali. Siamo in grande ritardo per un PSN realmente all’altezza

Maria Grazia Mammuccini, Presidente FederBio

delle sfide cui ci chiama l’Europa. Purtroppo, finora tutte le nostre proposte integrative al PSN non sono state accolte pregiudicando così la sfida alla transizione ecologica dell’agricoltura e del sistema alimentare nazionali”, ha dichiarato Maria Grazia Mammuccini, Presidente FederBio.

26


Block notes

Clamer informa

Dicembre 2021

27


Block notes

Clamer informa

Dicembre 2021

Le Associazioni del biologico: è il momento di approvare la legge sul bio

L’Italia, con oltre 80mila operatori, è tra i Paesi leader per la produzione biologica ed è il primo Paese in Europa (secondo al mondo) nell’esportazione di prodotti bio, con oltre 2,6 miliardi di euro, circa il 6% di tutto l’export agroalimentare nazionale. Ma nonostante ciò, il Disegno di Legge 988 “Disposizioni per la tutela, lo sviluppo e la competitività della produzione agricola, agroalimentare e dell’acquacoltura con metodo biologico” non è ancora stato approvato.

vazione sono state le Associazioni nazionali del biologico FederBio, AssoBio, Associazione biodinamica, Aiab e Asso. cert.bio con una lettera inviata ormai da due settimane ai Capigruppo di maggioranza della Camera e che oggi plaudono per l’analogo appello nella stessa direzione di Coldiretti, Legambiente, WWF e altre organizzazioni. In linea con le nostre richieste, anche queste associazioni considerano la legge sul bio uno strumento fondamentale per favorire la transizione al biologico dei sistemi agroali-

A chiederne la rapida appro-

28


Block notes

Clamer informa

Dicembre 2021

mentari e rispondere così alle istanze espresse dall’Europa con il Green Deal e il Piano d’azione europeo sul biologico La norma, dopo essere stata approvata praticamente all’unanimità sia alla Camera che al Senato, attende ancora da mesi l’approvazione definitiva alla Camera. FederBio, AssoBio, Associazione biodinamica, Aiab e Asso.cert.bio hanno scritto una lettera ai Capigruppo parlamentari per sollecitare la finalizzazione di questa legge decisiva per la crescita del settore. Le associazioni del bio sottolineano come l’approvazione sia cruciale per i sistemi agroalimentari considerando che entro fine anno dovrà essere approvato il Piano Strategico Nazionale della PAC e, dal primo gennaio 2022, entrerà in vigore il nuovo Regolamento europeo sul biologico. Il DDL 988 rappresenta inoltre l’opportunità concreta di utilizzare le risor-

se economiche per il sostegno all’agricoltura, la promozione dei prodotti alimentari e la ricerca che l’Unione europea, attraverso il Piano d’Azione, ha espressamente vincolato all’agricoltura biologica. “Ritardando l’approvazione della Legge, l’Italia sta perdendo un’opportunità concreta per lo sviluppo di un settore che può contribuire all’occupazione e alla ripresa economica del Paese. È fondamentale che Associazioni come Coldiretti, Legambiente e WWF siano uscite in questi ultimi giorni per sollecitare una tempestiva approvazio-

29


Block notes

Clamer informa

Dicembre 2021

ne di questa norma, segno evidente di come il biologico rappresenti un’opportunità per un settore strategico per l’economia del nostro Paese come l’agroalimentare, e al tempo stesso uno strumento efficace per raggiungere gli obiettivi europei e internazionali di sostenibilità. Considerando i numerosi tentativi per ostacolare il Disegno di Legge, siamo molto preoc-

cupati. Da qui l’appello a tutti i gruppi politici, dai quali attendiamo risposta, affinché la norma venga iscritta all’ordine del giorno della Camera per il mese di dicembre per essere approvata definitivamente entro il 2021, dopo oltre 15 anni di attesa”, hanno commentato le Associazioni del bio.

Block notes

All’assemblea dell’Ass. Vivaisti Italiani del 10 dicembre il sì unanime al bilancio preventivo e il punto su quanto fatto e i nuovi piani Magazzini: deliberato il contributo regionale per il PID sul vivaismo sostenibile, ora studiamo partecipazione di distretto al PNRR

sultati positivi dell’indagine dell’Arpat sulle acque pistoiesi (con il trend in migliora-

Il presidente dell’Associazione Vivaisti Italiani (AVI) Magazzini, sottolineati i ri-

30


Block notes

Clamer informa

Dicembre 2021

mento) e dello studio su “Mortalità e rischio cancerogeno nei florovivaisti” della Fondazione Pofferi (con meno morti e meno tumori in provincia di Pistoia rispetto alla media toscana), ha annunciato il sì definitivo della Regione Toscana al contributo di 4,5 milioni di euro per il Progetto Integrato di Distretto (PID) da 11,5 milioni (di cui 7 messi dalle aziende) “Vivaismo per un futuro sostenibile” e la prosecuzione dell’attività formativa del GO Autofitoviv sulle buone pratiche per “la gestione fitosanitaria sostenibile nel vivaismo ornamentale”. Ora AVI sta lavorando a una partecipazione unitaria del Distretto vivaistico ornamentale di Pistoia ai bandi del PNRR (soglia minima 4 milioni di euro) e ospiterà nel periodo festivo un’azienda di macchinari avanzati per il taglio dell’erba per verifiche sul grado di adattabilità

alle complessità dei vivai ornamentali. Dati suggerimenti alle associazioni di categoria agricole nazionali sulle modalità di applicazione al comparto vivaistico del decreto contro le pratiche sleali. Si è chiusa con l’approvazione unanime del bilancio preventivo di cassa 2022 l’assemblea ordinaria del 10 dicembre 2021 a Pistoia dei soci dell’Associazione Vivaisti Italiani (AVI), soggetto referente del Distretto vivaistico ornamentale pistoiese. Le uscite ed entrate previste (a pareggio) sono di 138.500 euro, ormai digerite le spese per

31


Block notes

Clamer informa

Dicembre 2021

l’acquisto della nuova sede. Fra le uscite, si prevedono 12 mila euro per la prosecuzione del progetto di formazione del Gruppo Operativo (GO) Autofitoviv “Buone pratiche per l’autocontrollo e la gestione fitosanitaria sostenibile nel vivaismo ornamentale”, di cui AVI è coordinatore, e 63.700 euro per tutte le altre attività di promozione e i progetti di ricerca e partecipazione a bandi a favore delle aziende vivaistiche. Mentre sono sostanzialmente stabili le prudenziali voci d’entrata preventivate: 51.500 euro dalle quote associative e 75.000 euro dalle sponsorizzazioni, oltre ai 12 mila euro di con-

tributi ricevuti per coprire le spese di Autofitoviv. Un’assemblea a cui è intervenuto anche il presidente del Distretto rurale vivaisticoornamentale di Pistoia Francesco Ferrini, che si è soffermato su quanto fatto nei primi cinque mesi di attività dal momento del suo insediamento e sui progetti futuri del Distretto. Con attenzione particolare a quanto si sta facendo per rendere sempre più sostenibili i vivai del distretto, come ad esempio incontri con aziende produttrici di macchinari e prodotti nuovi volti ad aumentare la sostenibilità ambientale salvaguardando quella economica, e al rischio che l’eccessivo aumento della domanda di piante provochi l’import di piante dall’estero di qualità genetica, sanitaria e morfologica inferiore, con tutti i rischi fitosanitari connessi. «Innanzi tutto voglio sottolineare – ha dichiarato subito dopo l’assemblea il presi-

32


Block notes

Clamer informa

Dicembre 2021

dente di AVI Luca Magazzini – i risultati complessivamente positivi su due questioni ambientali che ci stanno a cuore. L’altro giorno il report dell’Arpat sullo stato di salute delle acque ha confermato che le acque di falda pistoiesi sono negli standard di qualità e quelle destinate alla potabilizzazione sono nella classe di qualità più elevata, ma anche che nei corsi d’acqua con alcuni valori fuori norma di residui di fitofarmaci c’è una generalizzata tendenza al miglioramento. Poi oggi la presentazione della ricerca dell’Ispro e della Fondazione Pofferi su “Mortalità e rischio cancerogeno nei florovivaisti” in cui è stato riportato che l’incidenza della mortalità in generale e anche dei tumori è inferiore alla media toscana a Pistoia, a parte 3 o 4 tipologie sulle circa 40 indagate. E, come sottolineato oggi dalla direttrice della Fondazione Sandra Fabbri alla nostra assemblea, si tratta di studi che arrivano al 2015, pertanto effetto in

gran parte di un modo di fare vivaismo non aggiornato alle ultime pratiche innovative. Basti pensare che l’impegno esplicito all’autoregolamentazione sulla salute previsto nel “Carta dei valori” del Distretto risale al 2017. Quindi i nuovi dati dovrebbero essere ancora migliori. Questo non significa che non cercheremo di migliorare ulteriormente nell’uso dei fitofarmaci sia sul fronte dell’impatto sulle acque che per la salute di noi operatori». «Riguardo all’attività dell’associazione, si procede bene, come da programma – ha continuato Magazzini -. Ab-

33


Block notes

Clamer informa

Dicembre 2021

biamo portato avanti tutti i progetti avviati e con successo, visto che adesso, da circa metà novembre, finalmente, è stato deliberato dalla Regione Toscana il contributo da 4,5 milioni di euro per il Pid “Vivaismo per un futuro sostenibile”, un progetto da 11,5 milioni di euro di investimenti a cui partecipano con 7 milioni di tasca propria un gruppo di aziende del distretto vivaistico pistoiese. Le aziende sono già partite, ma adesso hanno la certezza di ricevere i contributi regionali». A proposito delle prossime tappe, Magazzini ha segnalato che AVI è «in contatto con le organizzazioni di categoria agricole nazionali per costruire, a proposito del decreto contro le pratiche sleali, dei contratti quadro di riferimento per il comparto vivaistico che consentano di non ingessare per troppa burocrazia la nostra attività, ma al tempo stesso assicurare i requisiti previsti dalla nuova normativa: la durata dei contratti,

il fatto che siano scritti e la previsione di tempi certi di pagamento. Insomma tutti i presupposti per combattere le pratiche sleali». Mentre sul fronte dell’ecosostenibilità «AVI sta interloquendo, come detto anche dal Prof. Ferrini, con aziende di tecnologie meccaniche dotate di sensoristica avanzata per testare la possibilità di applicazioni in grado di ridurre l’uso degli erbicidi anche nelle coltivazioni in pieno campo e non solo in vaso come ora con le pacciamature naturali. Nella settimana fra Natale e Capodanno saranno effettuate delle prove con macchine per il taglio meccanico dell’erba

34


Block notes

Clamer informa

Dicembre 2021

raggiungere tale soglia. Stiamo vagliando inoltre anche la possibilità che il progetto includa sinergie tra il distretto vivaistico ornamentale e il distretto forestale della Montagna Pistoiese. Il bando non è ancora uscito, dovrebbe uscire a dicembre o al massimo a gennaio, e avrà una durata di 90 giorni, quindi bisogna farci trovare pronti, perché c’è pochissimo tempo».

per vedere se possono essere adattate alla complessità dei vivai ornamentali». Infine, Magazzini ha annunciato che «sul PNRR siamo nella fase di costruzione della squadra dei tecnici che progetteranno la domanda per il bando come AVI in quanto capofila di distretto. La soglia di investimento minimo è pari a 4 milioni di euro e bisogna verificare se c’è il numero sufficiente di aziende per

35


Block notes

Clamer informa

Dicembre 2021

La Francia vince la seconda edizione del prestigioso European Green Cities Award

Dopo la vittoria della città di Beringen (Belgio) nel 2020, è Nantes in Francia a vincere la seconda edizione dell’European Green Cities Award, organizzato dall’European Nurserystock Association (ENA) all’interno del progetto “Green Cities Europe”.

Le Jardin Extraordinaire, da vecchia cava a parco lussureggiante. Le Jardin extraordinaire o anche noto come “101° giardino di Nantes” è diventato una vera e propria attrazione grazie alla grande opera di riqualificazione effettuata sul terreno di una cava dismes-

sa. Grazie all’utilizzo sapiente di differenti essenze tra cui felci arboree, edere secolari e banani l’ex cava di pietra di Miséry è stata infatti trasformata in giardino dai toni esotici e ricco di colori, adatto al microclima presente nel luogo. Inoltre, una passeggiata con sette scorci mozzafiato

36


Block notes

Clamer informa

Dicembre 2021

collega il parco al vivace quartiere Chantenay di Nantes. Il progetto verde “Le Jardin Extraordinaire” ha partecipato al concorso di quest’anno con altri 12 progetti provenienti da Belgio, Bulgaria, Danimarca, Germania, Grecia, Ungheria, Irlanda, Italia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo e Svezia. Per L’Italia candidato lo splendido parco City Life grazie ad ANVE, partner italiano del progetto e con la collaborazione del Direttore della rivista internazionale TOPSCAPE Paysage, Novella Cappelletti, nonché giudice italiano del premio europeo. Durante la cerimonia di premiazione di particolare rilievo la presenza dei parlamentari europei Norbert Lins Presidente della commissione per l’agricoltura e lo sviluppo rurale e César Luena, vicepresidente della commissione ENVI, che si sono resi amba-

sciatori del progetto Green Cities esprimendo il valore di città europee più verdi come parte significativa della strategia europea per la biodiversità. Henk Raaijmakers, Presidente ENA. “Il progetto Green Cities è IL luogo dove imparare e sperimentare cosa può fare il verde nella tua città. Un ambiente verde è necessario per una comunità vitale e sana. Alberi e piante contribuiscono sostanzialmente per ridurre lo stress da calore, l’inquinamento atmosferico, le inondazioni e la mancanza di biodiversità dentro e fuori la città.”

37


Ci

nforma

Tratto dalla monografia di Clamer Informa Perenni da fiore reciso

Gentianaceae Perenne da fiore reciso

Acquista o nline la monografia completa perenni da fiore reciso

Gentiana

Clicca qui


Clamer informa

- perenni da fiore reciso

SPECIE e VARIETA’

Il genere é composto da 200 a 800 specie a seconda del sistema di classificazione; la maggior parte sono perenni e longeve, con foglie intere opposte; i fiori hanno una corolla imbutiforme con 5 lobi, solitari o raccolti in cime terminali. Le Gentiana di origine europea fioriscono in primavera ed in estate, quelle di origine asiatica in autunno. Le specie sono suddivise in 9 sezioni. Alla sezione ‘Megalanthe’ appartiene Gentiana acaulis (Gentiana kochiana): montagne dell’Europa centromeridionale; foglie lanceolate, ellittiche o obovate; corolle con macchie verdi nella gola; crescita a rosetta; intollerante del calcare; fioritura primaverile; esistono le varietà’ Alba’ e ‘Gigantea’. Il gruppo acaulis é formato da: Gentiana clusii a fiori blu intenso, rosa, bianco; di facile coltivazione. Gentiana angustifolia, vegeta in terreni calcarei; di facile coltiva-

Gentiana acaulis (foto Jelitto)

zione; simile alla Gentiana acaulis; colore blu brillante; adatta al reciso. Gentiana dinarica: fiori blu intenso sen-

Gentiana clusii (foto web)

39


Clamer informa

- perenni da fiore reciso

Gentiana angustifolia (foto web)

Gentiana ‘Frohnleiten’ (foto web)

Gentiana occidentalis (foto web)

Gentiana dinarica (foto web)

za macchie nella gola; vegeta in terreni calcarei ed umidi; molto vigorosa; adatta al reciso; ‘Frohnleiten’ la più vigorosa del tipo. Gentiana ligustica gradisce terreni calcarei. Gentiana occidentalis, gradisce terreni calcarei; di facile coltivazione ma poco diffusa. Le specie del ‘gruppo acaulis’ sono poco esigenti, tranne Gentiana alpina, ed adatte

Gentiana alpina (foto web)

alla produzione del fiore reciso in aprile-giugno, a seconda dell’altitudine di coltivazione.

40


Clamer informa

- perenni da fiore reciso

Gentiana punctata (foto web)

Le specie della sezione ‘Gentiana’: Gentiana punctata e Gentiana purpurea sono intolleranti del calcare e di difficile coltivazione. Gentiana lutea gradisce terreni calcarei; steli fiorali di 150 cm, con fiori gialli in estate; usata per il taglio ed in erboristeria.

Gentiana punctata (foto Jelitto)

Gentiana lutea (foto Jelitto)

Gentiana purpurea (foto web)

41


Clamer informa

- perenni da fiore reciso

Alla sezione ‘Pneumonanthe’ appartengono Gentiana asclepiadea: diffusa in Europa, Russia e Asia occidentale; alta 40-60 cm; fiori solitari o a gruppi di 2-3, ascellari, sessili, campanulati, blu scuro, azzurri, rosa o bianchi: fioritura in agosto; adatta al fiore reciso ma i singoli fiori hanno una breve durata; é acidofila. Gentiana makinoi: Giappone; 30 cm; fiori raccolti all’apice di steli non ramificati, blu chiaro; usata nell’incrocio con Gentia-

Gentiana pneumonanthe forma alba (foto Jelitto)

Gentiana asclepiadea (foto Jelitto)

Gentiana asclepiadea ‘Pink’ (foto Jelitto)

42


Clamer informa

- perenni da fiore reciso

Gentiana septemfida var lagodechiana Select (foto Jelitto)

Gentiana Makinoi Hybrid Royal Blue (foto Jelitto)

na triflora per ottenere Gentiana x makinoi ‘Royal Blue’, coltivata per il reciso ma limitata nella diffusione per il fatto di essere strettamente acidofila; ha steli di 50-60 cm che portano 20-30 fiori blu cobalto, da luglio a ottobre. Gentiana pneumonanthe gradisce terreni umidi e molto acidi; steli di 10-40 cm con fiori blu intenso; di difficile coltivazione. Gentiana septemfida: diffusa in Asia Minore, Caucaso; alta 20-40 cm; fiori in fitti gruppi terminali, portati da steli eret-

Gentiana septemfida var. lagodechiana (foto Jelitto)

43


Clamer informa

- perenni da fiore reciso

ti; fiori campanulacei blu con gola bianca marcata da striature e macchie; luglio agosto; ‘Lagodechiana’ ha steli prostrati, eretti solo all’ apice; ‘Doeringhiana’ molto fiorifera, grandi fiori blu scuro, adatta al taglio; entrambe di facile coltivazione, sopportano il calcare ed amano posizioni soleggiate. Gentiana triflora: diffusa in Asia orientale; steli eretti ed alti 20-80 cm; foglie lanceolate; fiori ascellari nella parte superiore dello stelo, blu

scuro e blu porpora, campanulati; gradisce terreni acidi. La sezione ‘Frigida’ comprende specie di origine asiatica, a fioritura autunnale, adatte alla produzione di vasi fioriti molto richiesti: Gentiana farreri: diffusa in Cina; crescita prostrata e stolonifera; foglie lineari; fiori imbutiformi, blu cielo all’ interno e bianco crema striato all’esterno; eccellente per il taglio; sopporta poco il calcare e la siccità. Gentiana sino-ornata: diffusa

Gentiana septemfida var. lagodechiana Bella Alpinella (foto Jelitto)

Gentiana triflora var japonica (foto Jelitto)

44


Clamer informa

- perenni da fiore reciso

Gentiana farreri (foto web)

in Cina; 10-15 cm; crescita a rosetta centrale da cui partono numerosi stoloni; foglie lineari, verde scuro, rigide; fiori solitari, azzurri all’ interno e più chiari e sfumati di porpora all’ esterno; strettamente acidofila; fioritura autunnale; viene coltivata dagli specialisti in acidofile per la produzione di vasi fioriti molto richiesti; sono disponibili selezioni con epoca di fioritura diversa e con colorazioni più o meno intense. Le specie della sezione ‘Frigida’ vengono moltiplicate per divisione a fine inverno; per semina di semi non ancora maturi; per separazione,

Gentiana sino-ornata (foto web)

in luglio-agosto, degli stoloni che si sviluppano all’ ascella delle foglie; per taleaggio, in marzo­-aprile, sfruttando piante madri messe a vegetare in serra. La Gentiana sinoornata ha fiori di lunga durata (fino a 4-5 settimane) e fiorisce fino ai geli ma é tardiva; gli steli sono lunghi ed é strettamente acidofila, per cui é stata incrociata con Gentiana ornata, Gentiana farreri, Gentiana hexaphilla e Gentiana prolata, al fine di ottenere una pianta compatta e ramificata con fioritura più precoce, foglie spesse e resistenti e facil-

45


Clamer informa

- perenni da fiore reciso

I semi sono fini ed, é preferibile mescolarli con sabbia per ottenere una uniforme distribuzione nella seminiera che viene riempita con un terriccio ammendato al valore di pH richiesto dalla specie. Per ottenere 1000 piante calcolare 5 gr di semente per Gentiana septemfida, lutea, purpurea, punctata, tibetica; 2 gr per Gentiana acaulis, angustifolia, clusii, dinarica; 1 gr per Gentiana asclepiadea, cruciata,

mente riproducibile; la durata dei fiori si é, però, ridotta a 2 settimane. Le varietà coltivate sono ‘Blauer Zwerg’, agosto-ottobre, la più precoce; ‘Praecox’, settembre-ottobre; ‘Lapis’, settembre-novembre, molto vigorosa, facilmente moltiplicabile, fioritura non abbondante; ‘Excelsior’ settembre-novembre, blu chiaro, molto fiorifera, crescita compatta, foglie fini; ‘Blaue Stem’, metà settembre-novembre, compatta, fiori grandi, facilmente riproducibile; ‘Kjngfisher’, ottobre-novembre, la più apprezzata; ‘Stevangensis’, molto compatta e fiorifera; Gentiana x bemardii (Gentiana sino-ornata x Gentiana veitchiorum) , molto precoce, blu scuro.

COLTIVAZIONE

La semina avviene normalmente nel periodo invernale, ma per Gentiana septemfida può essere anticipata a fine estate, purché si provveda alla vernalizzazione dei seminati.

Gentiana dahurica (foto Jelitto)

46


Clamer informa

- perenni da fiore reciso

Gentiana cruciata ‘Blue Cross’ (foto Jelitto)

Gentiana gracilipes (foto Jelitto)

brachyphylla, dahurica, gracilipes; 0,5 gr per Gentiana nipponica, pneumonanthe, triflora, verna. Le giovani piante crescono lentamente e vanno trapiantate, quando hanno circa 3 foglie, in contenitori alveolari o vasetti utilizzando un substrato concimato e calcitato rispettando le esigenze della specie. Per la fioritura sono necessari circa 3 anni di coltivazione. La moltiplicazione per talea viene effettuata

in autunno (vedi Temperatura) ma,per le specie asiatiche a fioritura autunnale, l’epoca migliore é quella che precede la fioritura, in giugno-luglio per Gentiana farreri, hexaphylla, lawrencei; in primavera per Gentiana sino-ornata, Gentiana veitckiorum. Per il gruppo Gentiana acaulis e Gentiana verna le talee possono essere prelevate in giugno come pure per Gentiana septemfida e septemfida ‘Doeringiana’. Nel-

47


Clamer informa

- perenni da fiore reciso

la pratica le talee di Gentiana sino-ornata e delle sue varietà vengono prelevate, in marzo-aprile, da piante forzate o in maggio-giugno, da piante all’esterno, in modo da ottenere piante fiorite in autunno. Le talee vengono fatte radicare, a gruppi di 2-3, in vasetti da 8 cm che porteranno in autunno 2-3 fiori. La moltiplicazione per divisione viene poco utilizzata a causa dello scarso rendimento: per Gentiana acaulis, alpina, clusii, angustifolia, dinarica l’epoca più indicata é maggio-giugno; per le specie asiatiche a fioritura autunnale l’estirpazione e divisione delle piante madri va effettuata a fine inverno, quando appaiono i nuovi ricacci; per Gentiana

Gentiana bavarica (foto Jelitto)

farreri, hexaphylla, asclepiadea é preferibile operare in autunno. Le divisioni con una porzione di radice, vengono collocate in vasetti di piccolo diametro e coltivate per un anno in cassone. Per Gentiana sino-ornata e le sue varietà si ricorre alla separazione degli stoloni ascellari, in luglioagosto, che invasati, a gruppi di 2-3, in vasi da 8 cm porteranno, nell’autunno dell’anno successivo, 6-8 fiori.

Gentiana farreri (foto web)

48


Clamer informa

- perenni da fiore reciso

I cespi di Gentiana ‘Royal Blue’, estirpati dopo il terzo anno di produzione, vanno divisi in marzo o anche prima se si dispone di una camera fredda per la loro conservazione; le divisioni vengono invasate immediaGentiana Makinoi Hybrid Royal Blue tamente in vasi da (foto web) 9-­10 cm o conservate, fino a 3 settimane, in torba umida, a O-1 °C; quelle più piccole possono essere coltivate per un anno in vaso od in aiuola. Le Gentiana variano notevolmente per quanto riguarda le caratGentiana kochiana (foto web) teristiche del terreno che in ogni caso deve essere fresco, profondo, alla produzione di fiore reciso) ricco di sostanza organica e lirichiede terreni acidi; Genmoso. Nelle Gentiana a rosettiana acaulis in senso stretto ta, come il gruppo delle acau(Gentiana kochiana) é meno lis, la resistenza al calcare é resistente al calcare di Genmolto variabile fra le specie: tiana elusii, Gentiana dinarica, Gentiana alpina (non adatta Gentiana angustifolia che sop-

49


Clamer informa

- perenni da fiore reciso

portano un pH fra 6,8 e 8. Le Gentiana a fioritura autunnale e a portamento compatto, come Gentiana farreri e Gentiana sino­ornata e la sua cv ‘Praecox’ , richiedono un pH di 4-4,5. Le specie asiatiche, a fioritura estiva con lunghi steli fiorali, come Gentiana septemfida e le sue varietà ‘Doeringiana’ e ‘Lagodechiana’, esigono un terreno con un pH inferiore a 7, resistono alla temporanea siccità, mentre Gentiana x makinoi ‘Royal Blue’ richiede un terreno con pH fra 4 e 5, profondo, ricco di humus, fresco, molto drenante, ben arieggiato, per cui non sono adatte composizioni ricche di limo od argilla. Gentiana asclepiadea richiede terreni acidi. In generale per la coltivazione in contenitore si impiegano miscele di torba con una concimazione di base inferiore a 1,5 gr/l e pH appropriato per le specie, oppure un miscuglio di tre parti di torba non calcitata ed una parte di terra di campo. Per la coltu-

Gentiana Paradoxa-Hybrid Blue Herald (foto Jelitto)

ra della cv ‘Royal Blue’ si usano fitocelle da 5 litri, tenute per il primo anno a contatto, mentre il 2° e 3° anno (anni di raccolta del fiore) si toglie una riga e poi una fila; come terriccio si impiega una miscela di torba bionda e nera calcitata con 1kg/mc di calcare. Nella coltivazione per il fiore reciso, vanno calcolate, per le specie a portamento compatto, 15-20 piante/mq impiantando da giugno a settembre

50


Clamer informa

- perenni da fiore reciso

o erica; le sue esigenze nutrizionali sono poco conosciute, in genere viene concimata per fertirrigazione continua a 0,5 gr/l di un concime complesso contenente Calcio se l’acqua é piovana o molto ‘dolce’. Il mantenimento dell’intervallo ottimale di pH viene ottenuto utilizzando concimi con una differente capacità acidificante in base al tipo di substrato e di acqua. Per ‘Royal Blue’, coltivata in piena terra, é preferibile reintegrare, ad ogni autunno, la pacciamatura con torba o aghi di conifere e spar-

solo materiale precoltivato in vaso; ‘Royal Blue’ si impianta in marzo-aprile ad una distanza di 35x30 cm (4 file per aiuole) collocando le divisioni in modo che le gemme siano coperte da 2-3 cm di terreno e da uno strato di 2 cm di torba. Le Gentiana a crescita compatta vengono piantate a 15-20 x 20 cm, in giugno-settembre. La durata economica dell’impianto é di 3-4 anni. L’esigenza nutritiva della Gentiana é molto variabile tra le specie; per quelle a portamento compatto sono sufficienti fertirrigazioni mensili con un concime complesso a prevalenza potassica, oppure una distribuzione annuale di fertilizzante organico a lento effetto. Per la coltivazione in vaso di Gentiana sino-ornata utilizzare un substrato commerciale per azalea

Gentiana verna (foto web)

51


Clamer informa

- perenni da fiore reciso

gere nel primo anno di impianto 40 gr/mq di concime complesso granulare a prevalenza potassica quando gli steli sono lunghi 30-40 cm, mentre negli anni di raccolta se ne distribuiscono 50-60 gr/mq in maggio e 30-40 gr/mq in agosto; é una pianta con media esigenza di sostanze nutritive. Nella coltura in contenitore concimare la torba con 2 gr/l di concime a cessione controllata con durata di 3-4 mesi ed intervenire in copertura con il medesimo fertilizzante in ragione di 1 gr/l di substrato oppure con ripetute fertirrigazioni a 2 gr/l di concime solubile complesso; al momento della fioritura il contenuto in elementi nutritivi del terreno deve essere: (valori in mg/l di substrato) N = 150-200, P2O5 = 300­500, K2O =400-600. Mantenere l’umidità del terreno ad un livello regolare e moderato, evitando

Gentiana septemfida (foto web)

la formazione di ristagni e della crosta. Prima dell’impianto lavorare ripetutamente il terreno per eliminare le malerbe annuali ed utilizzare Roundup contro quelle poliennali; é raccomandabile sterilizzare le aiuole con bromuro di metile per evitare la diffusione dei parassiti dell’apparato radicale, particolarmente nel caso delle specie a stelo lungo. Dopo l’impianto utilizzare contro l’inerbimento una pacciamatura di torba oppure delle lavorazioni superficiali perché sull’impiego degli erbicidi non esistono ancora delle indicazioni. La

52


Clamer informa

- perenni da fiore reciso

nanthe germina alla luce. Le esigenze di luce o la tolleranza al sole dipendono dalla specie: richiedono ombra o mezzombra Gentiana asclepiadea, clausii, glauca, saponaria, villosa; richiedono pieno sole: Gentiana affinis, cachemirica, saxosa, septemfida.

fioritura può essere anticipata di 3­-4 settimane coprendo le aiuole con tunnel di plastica a partire dal mese di marzo, nel caso di ‘Royal Blue’ la copertura migliora la qualità del raccolto primaverile e protegge gli ultimi steli dalle piogge autunnali; é importante che le strutture di protezione siano ben ventilabili. Per le specie a portamento compatto lo sfruttamento economico delle piante per il fiore reciso dura 3 anni, per le specie a stelo lungo 4-5 anni. Per ‘Royal Blue’, il primo anno la produzione é di 1-2 steli (alti 30-60 cm) per pianta; il secondo anno di 5-8 steli normali (100-130) cm, il terzo ed il quarto anno di 8-10 steli.

TEMPERATURA

La germinazione richiede un periodo di freddo per superare la dormienza dell’embrione; i semi vengono stratificati con sabbia umida e tenuti ad una temperatura di 0/4°C per 5-8 settimane o meglio 0/5°C per un periodo più lungo, in una

LUCE

I semi vanno coperti con uno strato leggero di terriccio perché la germinazione é migliore al buio; Gentiana pneumo-

Gentiana acaulis (foto web)

53


Clamer informa

- perenni da fiore reciso

camera fredda, oppure in un cassone o in una serra fredda; prima della stratificazione é preferibile fare rigonfiare i semi a 20°C per 2-4 settimane. La germinazione avviene meglio ad una temperatura di 10-15°C ma il valore ottimale é una caratteristica della specie; Gentiana pneumonanthe germina bene a 5°C. Per la radicazione delle talee, mantenere il terreno a 8-13°C (da non superare); l’anticipo di fioritura richiede una temperatura ambientale non superiore a 12°C; i fiori recisi possono essere conservati a 3-5°C.

ma della commercializzazione possono essere tenuti fino a 5 giorni a secco, in camera fredda, a 2-5°C.

NB. In Rosso sono segnalati i prodotti REVOCATI mentre in Verde quelli AUTORIZZATI, in ARANCIONE i prodotti in scadenza o alcuni formati autorizzati.

MALATTIE E PARASSITI Marciume del colletto e delle radici - Pvthium spp - Fusarium spp Sintomi: la zona del colletto presenta una marcescenza bruna o nera; i tessuti corticali della radice si separano facilmente dal tessuto centrale; la pianta appassisce e muore. Difesa: impiegare per la coltura in vaso substrati indenni o sterilizzati; disinfettare le ai-

RACCOLTA e IMPIEGO

l fiori delle specie a rosetta vanno raccolti quando sono aperti e durano 8­-12 giorni in acqua; gli steli di ‘Royal Blue’ vanno recisi quando tre quarti dei fiori sono colorati di blu e almeno metà già aperti; la loro durata é di 16-21 giorni e può essere prolungata con l’impiego di conservanti; pri-

54


Clamer informa

- perenni da fiore reciso

uole di coltura, prima del trapianto, con bromuro di metile o vapore; evitare gli eccessi di umidità ed il ristagno dell’acqua meteorica; dopo aver fatto riconoscere il patogeno da un laboratorio utilizzare contro il Pythium irrigazioni di Previcur, Fongarid, Ridomil; contro il Fusarium irrigare con soluzioni di benzilimidazolici.

ta umidità ambientale le zone necrosate si ricoprono del caratteristico feltro miceliare grigio. Difesa: irrorare dall’inizio dell’attacco e ripetutamente Rovral, Ronilan, Euparen, Duaxo, Folpan 80 WDG, Signum, Switch; particolare sorveglianza va prestata nelle colture anticipate sotto protezione in film plastico.

Muffa grigia - Botrytis cinerea Sintomi: sulle foglie e sugli steli compaiono delle macchie bruno chiare con margini più scuri; in condizioni di eleva-

Maculatura fogliare - Septoria microspora - Phyllosticta gentianellae Sintomi: sulle foglie si sviluppano delle piccole macchie

55


Clamer informa

- perenni da fiore reciso

di colore giallo o bruno, molto mobili. Difesa: il colore blu dei fiori costituisce una attrattiva per questi parassiti; dai primi sintomi irrorare Mesurol, Karate, Thiodan, Rufast, Lannate, Vertimec.

tondeggianti, di colore bruno giallastro; la malattia si sviluppa a partire dalle foglie inferiori che in seguito ingialliscono e muoiono. Difesa: trattare ripetutamente dall’inizio dell’ infezione, soprattutto nei periodi di clima caldo e umido, con mancozeb, Polyram Combi, Saprol, benzilimidazolici.

Nematodi fogliari - Aphelencoides spp Sintomi: sulle foglie si sviluppano delle macchie gialle e poi brune delimitate dalle nervature principali; l’infestazione ha un andamento a macchie che si allargano dopo periodi di piogge o di ripetute irrigazioni sopracchioma; le piante fortemente colpite ingialliscono e muoiono. Difesa: eliminare precocemente le piante infestate; trattare le colture con Metasystox R, Temik, Vertimec, Lannate.

Ruggine - Puccinia gentianae Sintomi: sulla pagina fogliare inferiore si formano numerose pustole giallo­brunastre; le foglie ingialliscono e seccano. Difesa: in primavera-estate irrorare Baycor, Plantvax, Thiocur, Saprol, Duaxo, Topas. Tripidi - Frankliniella occidentalis e altri generi Sintomi: i fiori mostrano rotture di colore e necrosi marginali; i boccioli faticano ad aprirsi, le foglie sono deformi e mostrano delle lesioni superficiali argentee; sulla chioma si notano dei sottili insetti,

56


Clamer informa

- perenni da fiore reciso

ticolare evidenza ai prodotti commerciali indicati, ne per quelli non riportati deve intendersi alcuna esclusione pregiudiziale; semplicemente per ragioni di spazio, è stato indicato un solo formulato per ciascun principio attivo. Alcuni dei prodotti commerciali indicati non sono registrati in Italia, potrebbero non essere più registrati al momento della pubblicazione, non essere registrati sulle colture ornamentali o per le coltivazioni sotto protezione o per quella particolare applicazione. La loro menzione in questo volume, dovuta all’efficacia dimostrata, serve a completare l’informazione fornita. La decisione di un loro eventuale impiego spetta unicamente al coltivatore che deve essere consapevole delle conseguenze legali che ne potrebbero derivare.

AVVERTENZE I metodi di difesa indicati sono frutto dell’esperienza dell’autore, delle informazioni raccolte presso gli operatori del settore e dei riscontri bibliografici, tuttavia le condizioni di applicazione, la condotta delle colture, lo stato delle piante, la sensibilità varietale ed il clima condizionano pesantemente i risultati, per cui i trattamenti riportati (prodotto commerciale, concentrazione, modalità di applicazione) devono essere intesi dal lettore come una indicazione di larga massima, per la quale non è possibile accettare alcuna responsabilità. Sarà cura del lettore effettuare delle prove di validazione nelle proprie condizioni per accertare eventuali controindicazioni. Nella formulazione degli interventi di difesa, non si è inteso dare alcuna par-

57


Dicembre 2021

Clamer informa

Attualità

Gli ibridatori soci di Fleuroselect proseguono la lotta alla propagazione illegale

Dopo una pausa dovuta al Covid-19 lo scorso anno, gli ibridatori soci di Fleuroselect hanno ripreso la campagna di controllo contro la propagazione illegale di piante da vaso e da aiuola. Come accadeva ne-

gli anni precedenti, sono stati effettuati controlli e visite a campione presso aziende di coltivazione per determinare se il numero di piante finite corrispondesse al numero di talee consegnate. Fleurose-

58


Clamer informa legalmente le talee sono stati multati e obbligati a pagare le royalty non pagate per le talee propagate illegalmente.

lect ha operato in collaborazione con Royalty Administration International, specialista mondiale per quanto riguarda diritti di riproduzione delle piante, accordi di licenza e royalty. Un altro ciclo di controlli è previsto anche nel 2022.

Consapevolezza Le aziende ibridatrici affiliate a Fleuroselect ribadiscono che l’obiettivo principale della campagna è quello di aumentare la consapevolezza, nell’ambito della filiera internazionale, che la riproduzione illegale non è tollerata. A tale riguardo, Karol Pawlak, Presidente di Fleuroselect si è così espresso: “Gli ibridatori soci di Fleuroselect investono fino al 25% dei loro profitti nell’ibridazione al fine di creare nuove varietà da lanciare sul mercato. Le varietà nuove o migliorate possono essere prodotte in modo più economi-

Croazia e Slovenia In seguito alla crisi causata dal COVID-19, l’organizzazione ha deciso di ridurre la portata complessiva del progetto e di concentrarsi nel corso dell’anno, sul controllo dei coltivatori in Croazia e Slovenia. In totale, sono stati nuovamente sottoposti a controllo da parte di Royalty Administration International 42 vivai, selezionati tra quelli già sorpresi a propagare illegalmente talee negli anni precedenti. Le visite hanno evidenziato il fatto che in Slovenia, la metà dei coltivatori controllati riproduceva ancora illegalmente le talee mentre in Croazia quasi un coltivatore su tre non è stato in grado di giustificare tutte le piante in produzione. I coltivatori sorpresi a propagare il-

59


Clamer informa co o possono essere vendute a prezzi al dettaglio più elevati generando valore aggiunto. Generano margini più elevati per i coltivatori ed il canone di licenza rappresenta un sistema equo per contribuire ai costi di sviluppo sostenuti dalle aziende”.

Tutte le segnalazioni sono considerate altamente riservate. Le segnalazioni ricevute vengono gestite e monitorate dalla Royalty Administration International e potranno essere inserite a campione nell’ambito di un futuro ciclo di controlli. 2022 Fleuroselect continuerà a far presente ai soggetti appartenenti alla filiera orto-florovivaistica internazionale che la propagazione illegale non è tollerata. L’anno prossimo, l’organizzazione prevede di aumentare il numero di controlli effettuati riportandolo al livello della campagna pre-COVID 19 e il prossimo ciclo di controlli è già stato programmato.

Riservatezza Esistono vari modi per segnalare attività sospette di propagazione illegale:

Chiamando l’apposito numero di segnalazione “Tip Line” 0031 (0)85 0645251 Inviando una e-mail a tips@fleuroselect.com Compilando l’apposito modulo presente sul sito Fleuroselect.

60


Stai leggendo Clamer informa grazie a un link che ti hanno consigliato? Per riceverlo GRATIS tutti i mesi

Iscriviti


Dicembre 2021

Clamer informa

Patologia

Considerazioni sulle miscele di fitofarmaci

Considerazioni sui benefici e le preoccupazioni associate alle miscele a ciascun principio attivo. Le miscele possono essere più efficaci contro certi stadi (uova, larve, ninfe, adulti) di artropodi parassiti che non un singolo fitofarmaco, per quanto il risultato possa variare in funzione del dosaggio e della formulazione dei prodotti miscelati.

La miscela di fitofarmaci si ottiene quando 2 o più di essi (nel caso specifico insetticidi ed acaricidi) vengono combinati nella soluzione per un trattamento; come conseguenza gli individui di una popolazione di parassiti risultano esposti contemporaneamente

62


Clamer informa Le miscele di fitofarmaci sono già ampiamente e correntemente usate nelle produzioni sotto serra e vivaistiche in tutto il mondo, anche perché la combinazione di prodotti selettivi può essere richiesta per contrastare popolazioni miste di artropodi presenti sulla pianta. Normalmente vengono mescolati due fitofarmaci, ma in qualche caso anche 3 o più per colpire popolazioni di insetti e/o acari differenti. Questo articolo riguarda i benefici e le preoccupazioni associate alle miscele, come esse possono ritardare l’insorgenza della resistenza e il loro impatto sulle popolazioni di nemici naturali.

ti mescolati. Sinergia significa che la tossicità di un determinato fitofarmaco viene migliorata dall’aggiunta di un altro meno o non tossico o di altri prodotti sinergici. Potenziamento indica l’aumento della tossicità verso una popolazione di artropodi in conseguenza della miscelazione di due fitofarmaci, ciascuno dei quali tossico per i parassiti. Il beneficio primario della miscelazione è la riduzione del numero di trattamenti necessari e quindi del costo di manodopera; inoltre può portare a un aumento della mortalità dei parassiti rispetto a due trattamenti con i prodotti separati. Gli studi hanno dimostrato che la miscelazione au-

Vantaggi associati alle miscele di insetticidi Le miscele di insetticidi possono migliorare la soppressione di popolazioni di parassiti grazie all’interazione sinergica o al potenziamento dei prodot-

63


Clamer informa menta l’efficacia verso insetti come il tripide occidentale dei fiori Frankliniella occidentalis e gli aleurodidi rispetto a trattamenti separati. Per esempio la miscelazione di permetrina e clorpirifos aumenta la tossicità verso certi insetti, quella di insetticidi piretroidi potenzia l’attività dell’insetticida biorazionale a base di Bacillus thuringiensis subsp. kurstaki contro Spodoptera frugiperda. La miscelazione dell’insetticida naturale piretro al Bacillus thuringiensis subsp. kurstaki lo rende più efficace contro Hyphantria cunea. Parecchi studi hanno valutato l’azione delle miscele contro le popolazioni di insetti delle

Spinosad

Abamectina

Bifenazate

Azadiractina

Imidacloprid grandi colture, solo pochi hanno interessato la loro efficacia sugli insetti e gli acari delle coltivazioni ornamentali. È stato dimostrato che le miscele a due, tre o quattro componenti a base di spinosad più abamectina, bifenazate, azadiractina e imidacloprid non influenzavano la percentuale di mortalità di popolazioni del tripide occidentale dei fiori. Ciò significa che non vi è antagonismo in nessuna delle miscele testate. E’ stato anche dimostrato che quasi

Bacillus thuringiensis al microscopio

64


Clamer informa

Cristalli della tossina di Bacillus Thuringensis

Tetranychus urticae Ragnetto rosso

tutte le combinazioni di miscelazione possibili, con due o tre componenti, fra acetamiprid, bifenazate, buprofezin e clorfenapir (non registrato in Italia, N.d.T.) non hanno mostrato un effetto antagonistico nei trattamenti contro il bioti-

po B di Bemisia tabaci e di ragnetto rosso delle serre Tetranychus urticae. La miscela di abamectina e del fungicida triforine (non più registrato in Italia, N.d.T.) ha ottenuto il 95% di controllo di uova larve e adulti di ragnetto rosso delle serre; un miglioramento del controllo dello stesso parassita è stato ottenuto anche dalla miscelazione di fenpirossimate e propargite (non più registrato in Italia, N.d.T.) rispetto ai due acaricidi usati singoli.

Acetamiprid

Bifenazate

Buprofezin

Problemi associati all’uso delle miscele Per quanto ci siano dei vantaggi nel mescolare due o più fitofarmaci, bisogna tenere pre-

Clorfenapir

65


Clamer informa senti i problemi associati che possono essere la fitotossicità, la incompatibilità fra di essi e l’antagonismo. Quest’ultimo si verifica quando la miscelazione di due o più prodotti porta a una riduzione di efficacia (basata sulla percentuale di mortalità) rispetto alla applicazione separata di ciascuno o quando la tossicità verso i parassiti della miscela è inferiore alla somma delle tossicità dei prodotti applicati singolarmente. Quindi l’antagonismo può compromettere l’efficacia di insetticidi e/o acaricidi. Per esempio la miscelazione dell’acaricida bifenazate con l’estere fosforico clorpirifos e i carbammati insetticidi metomil, oxamyl, sevin (non più registrato in Italia, N.d.T.) può ridurre l’efficacia del bifenazate nei confronti del ragnetto rosso delle serre indicando l’insor-

Oziorrhinco su ciclamino

genza dell’antagonismo. Tuttavia gli effetti possono dipendere anche dal ceppo di insetto o acaro, dalla fisiologia e dai meccanismi di resistenza presenti nella popolazione. L’incompatibilità è un fenomeno fisico per cui i fitofarmaci non si mescolano formando una soluzione o una sospensione omogenea; invece si formano fiocchi, cristalli o gocce d’olio e si verifica una separazione visibile. L’incompatibilità può essere dovuta alle proprietà fisiche e/o chimiche dei fitofarmaci, al loro tipo di formulazione e alle impurità presenti nell’acqua. Per deter-

Metomil

Oxamyl

66


Clamer informa di parassiti perché i meccanismi necessari per resistere a ciascun principio attivo possono non essere diffusi o presenti nella popolazione. Come tale è difficile per gli individui della popolazione sviluppare contemporaneamente la resistenza a diversi modi di azione. Quegli artropodi, presenti nella popolazione e resistenti a uno o più principi attivi, probabilmente soccomberebbero a causa degli altri pesticidi nella miscela se questi hanno diversi modi di azione. Per esempio è noto che la miscela di chlormediform (non registrato in Italia, N.d.T.) con permetrina ritarda

minare l’incompatibilità si dovrebbe fare il “test del vaso” in cui un campione rappresentativo della miscela viene versato in un recipiente trasparente e lasciato riposare per circa 15 minuti; se la soluzione rimane omogenea o uniforme i fitofarmaci sono compatibili, se si vede una separazione o la formazione di fiocchi non lo sono. Miscele e riduzione della resistenza E’ stato ipotizzato che la miscelazione di fitofarmaci possa ritardare l’inizio della resistenza in popolazioni di artropodi. L’adozione di strategie per la riduzione della resistenza è importante per mantenere l’efficacia dei fitofarmaci disponibili. Tuttavia vi è una minima prova a supporto del fatto che la miscelazione di fitofarmaci possa effettivamente ridurre l’inizio della resistenza. Miscele di insetticidi con differenti modi di azione possono ritardare lo sviluppo della resistenza in popolazioni

Plutella xylostella

67


Clamer informa la comparsa della resistenza in popolazioni del verme del tabacco Heliotis virescens, Tuttavia non sempre le miscele ritardano la resistenza; ci sono indicazioni che esse sono meno efficaci nel ritardare la resistenza in Plutella xylostella rispetto ai trattamenti con i fitofarmaci singoli. Inoltre questo approccio rischia di selezionare un meccanismo di disintossicazione che potrebbe permettere la sopravvivenza ad entrambi i principi attivi ed effettivamente aumentare la pressione di selezione generale, quindi accelerare la comparsa della resistenza. Gli effetti delle miscele sono imprevedibili perché le differenze nel modo di azione non necessariamente assicurano la mancanza di meccanismi di resistenza comune e possono solo riflettere la specificità associata con gli enzimi responsabili della disintossicazione. Inoltre gli effetti delle miscele di fitofarmaci possono differire a seconda della popolazione di parassiti in conse-

guenza delle specie, dei ceppi e dei biotipi presenti. Queste differenze potrebbero essere collegate alla fisiologia e ai meccanismi di resistenza presenti nella popolazione. I meccanismi di resistenza, anche, non rispondono normalmente alla “pressione di selezione” come pure alla frequenza di trattamento nello stesso modo in conseguenza ai prodotti irrorati. Infatti alcuni meccanismi di resistenza possono negare il vantaggio dei trattamenti con le miscele. Un aspetto delle miscele di fitofarmaci è l’opportunità di ottenere interazioni complesse inclusi sinergismo e antagonismo. Due principi attivi possono competere per o inibire lo

68


Clamer informa stesso enzima portando a un aumento della tossicità della miscela. Il sinergismo può avvenire quando un fitofarmaco interferisce col meccanismo di disintossicazione di un altro. Alcuni esteri fosforici si legano al sito attivo associato con l’enzima esterasi responsabile della disintossicazione degli insetticidi piretroidi, quindi essi possono essere considerati utili sinergici dei piretroidi. Questo è il motivo per il quale le case di fitofarmaci formulano insetticidi che associano esteri fosforici e piretroidi per controllare popolazioni complesse di parassiti e ritardare la resistenza. Per esempio vengono commercializzate formulazioni di clorpirifos o clorpirifos-metile mescolati a cipermetrina o deltametrina. Anche certi carbammati insetticidi hanno un effetto sinergico con i piretroidi; metiocarb, pirimicarb, oxamyl e anche il fungicida propamocarb hanno dimostrato di migliorare l’efficacia del piretroide acrinatrina nei confronti del tripide occidentale dei fiori.

Frankliniella occidentalis

Tuttavia l’uso continuato di questo tipo di miscele può portare alla resistenza a entrambi i modi di azione, specialmente nelle popolazioni di artropodi che hanno la capacità di sviluppare resistenze multiple cioè diventano resistenti a pesticidi con diversi modi di azione o a classi di prodotti chimici che danno luogo all’espressione di differenti meccanismi di resistenza. Come con l’applicazione di prodotti singoli è importante miscelare solo fitofarmaci con differenti modi di azione o che influiscono su diversi processi biochimici per ridurre l’insorgenza della resistenza. Per esempio acefate (non più registrato in Italia, N.d.T.)

69


Clamer informa

e metiocarb non dovrebbero essere miscelati perché, per quanto appartengano a due classi chimiche diverse (esteri fosforici e carbammati), hanno il medesimo modo di azione. Acefate e metiocarb bloccano l’azione della acetilcolinesterasi, un enzima che disattiva l’acetilcolina, responsabile della attivazione dei recettori dell’acetilcolina che permettendo il trasporto dei segnali attraverso tutto il sistema nervoso centrale. Sia acefate che metiocarb bloccano l’acetilcolinesterasi attaccandosi ad esso. Allo stesso modo gli acaricidi acequinocyl, piridaben e fenpi-

rossimate, pur appartenendo a classi chimiche diverse (rispettivamente a naftochinoni, piridazoni e fenossipirazoli) agiscono tutti e tre come inibitori del trasporto elettronico mitocondriale (METI), riducendo la produzione di energia mediante la prevenzione della formazione di adenosintrifosfato (ATP). Le miscele di fitofarmaci possono ritardare l’insorgenza della resistenza se si rispettano i seguenti punti fondamentali: 1. La resistenza associata con ciascun prodotto mescolato è monogenica (risultante dalla espressione di un solo gene) e

70


Clamer informa controllata indipendentemente a livello genetico. Inoltre fra gli individui della popolazione non è presente resistenza incrociata ai pesticidi mescolati. Per resistenza incrociata si intende la condizione per la quale la resistenza a un principio attivo conferisce anche quella a un altro principio attivo nonostante la popolazione non sia mai stata esposta a questo secondo principio; inoltre si riferisce alla insensibilità a pesticidi, con modi di azione simili o appartenenti alla stessa classe chimica, in conseguenza a un comune meccanismo di resistenza o processo di disintossicazione associati a differenti principi attivi. Queste condizioni si verificano quando vi sono diversi luoghi d’azione e enzimi di disintossicazione coinvolti nella resistenza a due pesticidi. E’ possibile che in tali determinate circostanze gli individui che possiedono simultaneamente meccanismi di resistenza ad entrambi i pesticidi siano estremamente rari . 2. Individui in una popolazione parassita che possegga-

Aleurodidi

no i geni di resistenza (alleli) esclusivamente recessivi o che siano doppiamente resistenti sono molto rari. L’evoluzione della resistenza è istantanea se un sopravvissuto possiede i geni doppiamente resistenti o meccanismi di resistenza multipla. 3. Alcuni individui nella popolazione non vengono colpiti dalla soluzione insetticida a causa della presenza di rifugi o quando si verifica l’immigrazione di o l’accoppiamento con individui sensibili, riducendo la proporzione di quelli resistenti nella popolazione. 4. I fitofarmaci nella miscela hanno la stessa persistenza in modo che gli individui del-

71


Clamer informa la popolazione parassita non vengono esposti a uno solo dei principi attivi per un prolungato periodo. 5. I meccanismi di resistenza a ciascun principio attivo sono presenti con una frequenza così bassa che non possono coincidere in nessun individuo della popolazione. Gli assunti sopraesposti non sono realistici in quasi tutte le circostanze, Per esempio la miscela di fitofarmaci stimola la comparsa di una resistenza multipla che potrebbe estendersi attraverso altre classi chimiche dando origine a una popolazione specifica controllabile con molta difficoltà. Inoltre possono esistere molte altre vie che portano, alla fine, allo sviluppo di popolazioni resistenti. Per quanto la miscelazione di fitofarmaci possa ritardare la resistenza a causa della insensibilità dei siti di azione, che è normalmente specifica per certe classi chimiche, l’uso delle miscele incrementa la selezione per un’accentuata espressione degli enzimi metabolici che pos-

Hyphantria cunea

sono rendere meno tossici entrambi i pesticidi, anche perché resistenze incrociate e multiple possono svilupparsi fra pesticidi con il medesimo meccanismo di azione. Quindi la selezione verso l’espressione di alti livelli di enzimi di disintossicazione compromette l’efficacia di tutti i pesticidi anche quelli con nuovi modi di azione a cui la popolazione non è mai stata esposta prima. Ulteriori problemi associati alla convinzione di usare le miscele di fitofarmaci per ritardare la resistenza derivano dal fatto che la frequenza di individui con resistenza doppia o con resistenza multipla può essere elevata nella popolazione. Questo fatto può derivare dalla storia della esposizione ai

72


Clamer informa fitofarmaci, con la conseguente selezione di resistenze nelle precedenti popolazioni, con l’implicazione che potrebbero essere rimasti, nella popolazione, dei livelli residui di caratteristiche o di meccanismi di resistenza per ciascun pesticida usato nella miscela. Inoltre nella produzione di ornamentali sotto serra normalmente non ci sono rifugi per preservare gli individui sensibili.

Spodoptera frugiperda

L’uso delle miscele di fitofarmaci è il metodo più corretto per conservarne l’efficacia o è preferibile applicarli singolarmente? Le miscele possono essere costose soprattutto se i componenti vengono usati al massimo dosaggio d’etichetta; di conseguenza una pratica comune è quella di ridurre le dosi di ciascun componente anche se tale soluzione non riduce effettivamente lo sviluppo della resistenza nella popolazione. Un uso più razionale delle miscele richiederebbe la conoscenza approfondita della interazione dei componenti per ottimizzar-

ne il dosaggio a valori inferiori a quelli di etichetta sfruttando l’effetto sinergico sviluppato. Le miscele di pesticidi possono essere un mezzo efficace per ritardare lo sviluppo della resistenza se vi è un elevato livello di dominanza nella popolazione e avviene l’immigrazione di individui sensibili. In base ai modelli genetici delle popolazioni le miscele di pesticidi possono efficacemente sopprimere geni

73


Clamer informa di resistenza recessivi e conferire resistenza a un solo principio attivo. Tuttavia è possibile che la miscela selezioni verso geni dominanti conferendo resistenza incrociata. La velocità di sviluppo della resistenza in una popolazione parassita verso due o più principi attivi di una miscela può o non può essere maggiore rispetto alla applicazione singola. Il vantaggio delle miscele può essere sostenuto solo se la resistenza non è pienamente dominante. Dato che l’affidabilità dell’impiego di una miscela si basa su molti assunti, l’applicazione dei prodotti singolarmente o la rotazione di principi attivi con differenti modi o siti di azione può essere una strategia più appropriata.

Neoseiulus cucumeris

guardato gli effetti diretti e indiretti delle miscele di pestici- d i sui nemici naturali, in particolar modo sugli acari predatori. Uno studio ha trovato che le ninfe di Neoseiulus cucumeris , predatore del tripide occidentale dei fiori, erano più sensibili degli adulti a certe miscele comprendenti spinosad, abamectina ed i fungicidi fenexamide e tiofanato-metile. In generale la mortalità degli acari predatori, associata all’uso delle miscele, non era significativamente differente rispetto alla applicazione singola dei prodotti. Studi in campo condotti con l’acaro predatore Typhlodromus pyri hanno trovato che la miscela dei fungicidi mancozeb o

Miscele di pesticidi e nemici naturali L’uso di miscele di pesticidi con largo spettro e multipli siti d’azione può impattare negativamente sugli agenti per la lotta biologica o i nemici naturali più di trattamenti singoli. Tuttavia solo pochi studi hanno ri-

74


Clamer informa tiofanato-metile con clorpirifos era più dannosa agli acari predatori che non l’applicazione separata. È stato riscontrato che i fungicidi maneb e mancozeb erano moderatamente tossici per Typhlodromus pyri se applicati singolarmente ma i loro effetti venivano ridotti se applicati in miscela fra loro. Non vi sono differenze significative nella percentuale di mortalità e nella fecondità delle femmine del predatore del ragnetto rosso delle serre Phytoseiulus persimilis a seguito della esposizione a exitiazox, triadimefon (non più registrato in Italia, N.d.T.) e eptenofos (non più registrato in Italia, N.d.T.) applicati singoli o in miscela. Riassunto La miscelazione di pesticidi coinvolge la combinazione di due o più principi attivi in una soluzione. Le miscele vengono largamente usate per trattare molti parassiti che infestano produzioni vivaistiche e ornamentali allo scopo di risparmiare lavoro. Inoltre la miscelazione può dare origine a

Typhlodromus pyri

fenomeni di sinergia o potenziamento (miglioramento dell’effica-

75


Clamer informa Link Utili:

cia) e ridurre lo sviluppo della resistenza. Tuttavia possono verificarsi casi di antagonismo (riduzione dell’efficacia). L’uso razionale delle miscele o di quelle che possono essere integrate con l’adozione della lotta biologica è molto importante perché i parassitoidi e i predatori possono sopprimere le popolazioni di parassiti indipendentemente dalle caratteristiche di resistenza di questi ultimi. L’uso di miscele di pesticidi per ridurre l’insorgenza della resistenza non deve deviare l’attenzione dall’adozione di strategie alternative di difesa quali misure colturali, prevenzione e lotta biologica, che possono ridurre l’affidamento solo su miscele di fitofarmaci e ritardare lo sviluppo della resistenza. L’uso delle miscele continuerà a essere un componente fondamentale dei programmi di difesa a causa della continua necessità di controllare una moltitudine di parassiti nelle produzioni di ornamentali.

6

6.5 Preparazione della

GESTIONE DEI PRODOTTI FITOSAN ITARI

PREPARARE LA MISCELA DI PF

6

6.5

miscela

Sequenza di immission e dei PF nel serbatoio L’ordine di immission dell’irroratrice nel e deve rispettare la caso di miscele. numerazione crescente dei preparati.

Preparare la miscela di prodotti fitosanitari

•••

Compatibilità e Miscele di un Prodotto Fitosanitario

La valutazione comparativa de i prodotti fitosanit ari Parte I

La valutazione comparativa dei prodotti fitosanitari

76


Clamer informa

77


Dicembre 2021

Clamer informa

Piante

Zantedeschia aethiopica la difesa delle piante ornamentali e da fiore reciso

basali largamente sagittate e piccioli <9 cm, infiorescenze primaverili, solitarie, di colore bianco, composte da una lunga spata a forma d’imbuto, e da uno spadice biancastro eretto,

La calla (Zantedeschia aethiopica, (L.) Spreng. 1826), dal greco kalos, bello, è una pianta perenne sempreverde dotata di un rizoma oblungo, di grandi dimensioni, con foglie

78


Clamer informa fiori monoici. Appartiene alla famiglia delle Araceae. Il botanico tedesco Kurt Sprengel (1766 - 1833) dedicó il genere Zantedeschia a un botanico italiano, Giovanni Zantedeschi (1773-1846), scienziato e botanico italiano di Molina, in provincia di Verona, amico personale di Sprengel. Il nome della specie, aethiopica, è un riferimento alla zona d’origine di questa specie ma non sta ad indicare l’attuale Etiopia; infatti nei secoli scorsi questo termine indicava, in modo generico, il Sud del mondo allora conosciuto, ovvero la zona a sud di Egitto e Libia.

79


Clamer informa Agenti patogeni fungini, batterici e virali Marciume batterico del cormo - Erwinia carotovora Sintomi: la chioma ingiallisce, appassisce e imbrunisce, soprattutto a partire dal margine; alla base dei piccioli e dello stelo fiorale si manifestano delle tacche di marciume; il rizoma viene colpito da un marciume deliquescente e fetido che disorganizza i tessuti che diventano bianchi e spugnosi; la pianta finisce poi col seccare e morire. La Zantedeschia aethiopica è molto meno sensibile delle varietà a fiore colorato, per cui

Sintomi fogliari di batteriosi

gli ibridatori stanno lavorando per introdurre, nei nuovi ibridi, una relativa insensibilità al patogeno. Difesa: il patogeno si conserva nei residui vegetali della coltura, nel terreno e sui rizomi infetti, mantenendo la sua capacità infettiva per anni. Quando sussistono condizioni favorevoli (temperatura e umidità elevate), il patogeno invade i tessuti delle piante attraverso ferite artificiali o na-

Disfacimento dei tessuti del bulbo dovuti a Erwinia

80


Clamer informa Erwinia carotovora

turali; soprattutto durante la raccolta dei fiori che vengono strappati, si creano lesioni alla superficie del rizoma, che facilitano l’infezione. La modalità dell’infezione, la resistenza del patogeno e la scarsa efficacia della lotta chimica, impongono di adottare delle stringenti misure di prevenzione. Utilizzare rizomi sani o disinfettati, prima dell’impianto, mediante immersione in acqua a 50°C o in una soluzione di formaldeide al 2%. Preparare il terreno con una lavorazione profonda e con assolcature superficiali, in modo da favorire lo sgrondo delle acque. Disinfettare l’appezzamento, in preimpianto, con bromuro di metile (60 gr per metro quadrato), soluzioni di formaldeide a 1%, pastorizzazione a vapore. Limitare le concimazioni azotate per non intenerire i tessuti. Durante la coltivazione controllare le irrigazioni e ventila-

Pianta in stadio avanzato di batteriosi

re abbondantemente. Irrorare in prevenzione, soprattutto dopo la sfogliatura e la raccolta dei fiori con: • Ossicloruro di rame (Cupravit) 0,2% • Idrossido di rame (Kocide 101) 0,1- 0,2% Eliminare prontamente le piante infette, disinfettando la zona con una abbondante irrigazione di formaldeide al 1% e coprendola con un telo di pla-

81


Clamer informa Il patogeno è diffuso nelle colture su terreno poco drenante e soggetto al continuo reimpianto. I sintomi sono simili a quelli della batteriosi, ma la mancanza del marciume molle e fetido, che interessa rapidamente il rizoma, rende riconoscibile questo patogeno; sono possibili, tuttavia, infezioni miste. Il patogeno si mantiene nel terreno e nei residui vegetali infetti; con condizioni di abbondanti irrigazioni e temperature medio-alte, produce gli organi di propagazione che invadono i tessuti del colletto dell’ospite.

stica ben sigillato, ai lati, con un riporto di terra bagnata. Marciume radicale Phytophthora richardiae e altre specie Sintomi: le radici mostrano delle lesioni rossastre, sono colpite da un marciume molle che si estende al rizoma dove si formano delle tacche depresse marcescenti. Le foglie esterne iniziano ad ingiallire e seccano, soprattutto all’inizio della fioritura. I fiori sono deformati e presentano degli imbrunimenti apicali. La crescita viene rallentata e decade lentamente.

82


Clamer informa Difesa: Per le misure agronomiche di prevenzione durante la preparazione del terreno e per il trattamento dei rizomi, fare riferimento alle modalità utilizzate per evitare il marciume batterico di cui sopra. Utilizzare rizomi sani o disinfettati, prima dell’impianto, mediante immersione in acqua a 50°C o in una soluzione di formaldeide al 2%. Preparare il terreno con una lavorazione profonda e con assolcature superficiali, in modo da favorire lo sgrondo delle acque. Disinfettare l’appezzamento, in preimpianto, con bromuro di metile (60 gr per metro quadrato), soluzioni di formaldeide a 1%, pastorizzazione a vapore. Limitare le concimazioni azotate per non intenerire i tessuti. Rispettare le distanze di impianto per facilitare la circolazione dell’aria tra le piante e ventilare le serre per evitare gli eccessi termici e igrometrici. In pretrapianto mescolare al terreno: • Furalaxyl (Fongarid 5G) 10 gr/mq

• Benalaxyl (Galben 5G) • Metalaxyl (Ridomil)

10 gr/mq gr/mq

Dopo l’impianto, in alternativa, irrigare con soluzioni di: • Phosetil-Al (Aliette) 0,1% 10 litri/mq • Furalaxyl (Fongarid 25 WP) 0,05% 10litri/mq • Propamocarb (Previcur) 10–15cc/mq Ripetere i trattamenti ogni 20 – 30 giorni per 2 – 3 volte. Maculature fogliari

83


Clamer informa Cercospora richardiaecola Colletotrichum montemartini Gloeosporium callae Colletotrichum coccodes Phyllosticta richardiae Sintomi: sulle foglie, steli e spate fiorali compaiono delle macchie necrotiche ovali o tondeggianti, di dimensioni variabili, di colore grigiastro o bruno, talvolta con aloni clorotici; le necrosi possono confluire provocando il disseccamento di ampie aree del lembo. L’esatta determinazione del patogeno può avvenire solo in laboratorio, ma non è importante ai fini della difesa. L’infezione è favorita da una elevata umidità ambientale e dalla presenza di residui del

ciclo precedente su cui permangono gli organi di propagazione del fungo. Difesa: Eliminare accuratamente i residui del ciclo precedente e le foglie molto infette di quello in corso; evitare la prolungata bagnatura della chioma; ventilare abbondantemente per facilitare la rasciugatura delle foglie dopo una irrigazione per aspersione; sfogliare la pianta per facilitare la circolazione dell’aria. Irrorare in prevenzione e dalla comparsa dei primi sintomi con: • benomyl (Benlate) 0,1% • clorothalonil (Bravo 75 WP) 0,1–0,15% • dithianon (Delan SC)

Cercospora richardiaecola

84


Clamer informa

Cercospora richardiaecola

0,05–0,075% • triforin (Saprol) 0,15% • ossicloruro di rame (Cupravit) 0,2% • mancozeb (Mazeb) 0,15%

lembo, ondulazioni e necrosi marginali; i fiori sono deformati o presentano rotture di colore. Il TSWV (virus dell’appassi-

Virosi - virus dell’appassimento maculato del pomodoro TSWV – Virus del mosaico del taro DMV Sintomi: le foglie mostrano malformazioni, maculature e striature clorotiche, una ampia decolorazione della zona centrale del

Decolorazione sulla foglia dovuta a virosi

85


Clamer informa

Sopra decolorazione del fiore dovuta a virosi a dx, degenerazione clorotica dovuta al virus dell’avvizzimento maculato del pomodoro (TSWV) foto Bellardi

mento maculato del pomodoro) è diffuso da alcune specie di tripidi, piuttosto diffuse nelle colture floreali e può provocare seri danni; il DMV (virus del mosaico del taro) viene diffuso dagli afidi e dalle lavorazioni. Difesa: Utilizzare rizomi sani ed evitare la diffusione del virus combattendo i tripidi e gli afidi vettori; eliminare prontamente le piante infette.

Agenti patogeni animali

haemorroidalis Sintomi: le foglie presentano deformazioni, arricciamenti, striature o macchie cosparse di defecazioni puntiformi nere. Le spate sono deformi, stentano ad aprirsi, mostrano delle lesioni allungate brune e delle necrosi marginali. Gli spatici sono malformati. Parassiti piuttosto comuni e capaci di provocare gravi danni sia direttamente che attraverso la trasmissione del TSWV.

Tripidi - Frankliniella occidentalis e altre specie – Thrips tabaci – Heliothrips

Difesa: irrorare e vaporizzare insetticidi di classe diversa, nel caso di forti infestazioni di

86


Clamer informa

Frankliniella ripetere i trattamenti per 3 – 4 volte ad intervalli di 5 giorni. • Dichlorvos (Dedevap) 0,1–0,15% • mathamirophos (Tamaron) 0,15% • omethoato (Folimat) 0,15% • acephate (Orthene) 0,15% • metholyl (Lannate 25) 0,15 - 0,2% • methiocarb (Mesurol) 0,15% • endosulfan (Thiodan 35) 0,15% • acrinatrina (Rufast) 0,04% • flufenoxuron (Cascade)* 0,1 – 0,2% • pyridaben (Nexter)* 0,08% • abamectin (Vertimec) 0,04% * testare la fitotossicità del prodotto su un campione pri-

Frankliniella occidentalis

ma di trattare la coltura Acari - Ragnetto rosso - Tetranychus urticae Sintomi: la pagina fogliare superiore sbiadisce a causa di decolorazioni puntiformi molto fitte, poi il lembo ingiallisce e secca; la crescita è notevolmente rallentata e le piante vengono defogliate. Sulla pagina fogliare inferiore si possono vedere dei piccoli acari di colore rossastro o giallo pallido, con 2 macchie scure ai lati del corpo, lunghi circa 0,5 mm. Le generazioni si succedono in continuazione, con un Ragnetto rosso

87


Clamer informa

rallentamento nel periodo invernale, per cui la diffusione è molto rapida. I focolai iniziali sono, in genere, localizzati nelle vicinanze delle aperture o dove le piante sono lambite da correnti di aria secca.. Difesa: dai primi sintomi irrorare ripetutamente avendo cura di provare la fitotossicità sulla pianta per i prodotti contrassegnati con un asterisco: • fenbutatinoxide (Torque SC) 0,1-0,15% • fenpropathrin (Danitol) 0,1-0,2% • abamectin (Vertimec) 0,05-0,07% • exitiazox (Matacar) 0,05% • clorfentezine (Apollo SC) 0,04% • bifenthrin (Brigata) 0,04-0,06% • flucycloxuron (Andalin) 0,08%* • flufenoxuron

Ragnetto rosso

(Cascade) 0,1-0,2%* • piridaben (Nexter) 0,08-0,1% • fenpyroximate (Miro, Danitron) 0,15-0,2%* • amitraz (Brumetran) 0,2-0,25% • cyhexatin (Pennstyl 25 PB) 0,08-0,12% • tebufenpyrad (Masai) 0,06-0,1%* • bromopropylate (Neoron 25) 0,2%. Afidi - generi vari Sintomi: sulle foglie in via di sviluppo e sulla pagina inferiore di quelle distese si vedono delle colonie di insetti lunghi 2 – 3 cm con il corpo piriforAfidi

88


Clamer informa me, di colore dal verde al bruno; la loro attività alimentare provoca deformazioni e decolorazioni del lembo fogliare ed è accompagnata da un abbondante sviluppo di fumaggine sulle deiezioni zuccherine. Difesa: alla comparsa delle prime colonie irrorare o nebulizzare con prodotti specifici • pirimicarb (Pirafid) 0,1 – 0,15% • ethiofencarb (Croneton 40 PB) 0,1 – 0,15% • heptenophos (Hostaquick) 0,07 – 0,1% • imidacloprid (Confidor) 0.05 – 0,15% o altri insetticidi insetticidi a base di cipermetrina, deltametrina, estratto di piretro, acetamiprid, maltodestrina, taufluvalinate, …

Cocciniglia cotonosa Planococcus citri

mento del picciolo sul lembo, si notano ammassi fioccosi, candidi e insetti rosati o grigiastri, ovali, mobili, appiattiti, ricoperti da cera farinosa e muniti di raggi cerosi periferici. La chioma è deturpata dalla abbondante melata sulla quale si sviluppa la fumaggine. Il loro sviluppo è favorito da una umidità relativa elevata, luminosità ridotta e da temperature di 24 – 27°C. Difesa: sono parassiti presenti comunemente; all’inizio della infestazione irrorare:

Cocciniglie cotonose - Planococcus citri – pseudococcus longispinus Sintomi: le giovani foglie presentano delle decolorazioni puntiformi e deformazioni; la crescita è rallentata. Sulla pagina fogliare inferiore, nella guaina e nelle zone di inseri-

89


Clamer informa • omethoato (Folimat) 0,15% • pirimiphosmethyl (Actellic New 25) 0,2 – 0,3% • methomyl (Lannate 25) 0,15 – 0,2% • methidathion (Supracid 20) 0,15 – 0,2% • deltametrina (Decis) 0,1% • imidacloprid (Confidor) 0,05 – 0,15% (Admiral, Bang, Bang Plus, Evure Pro, Lascar, …)

Cocciniglia cotonosa

zioni puntiformi visibili sulla pagina superiore e, nel caso di grosse infestazioni, di ingiallimenti fogliari, rallentamenti della vegetazione e una abbondante formazione di fumaggine. Si tratta di un parassita piuttosto comune e diffuso; attivo nelle zone a clima mediterraneo, anche nel periodo invernale, per quanto le temperature ridotte e il giorno corto ne rallentino notevolmente la

Fumigare con: • sulfotep (Bladafum II) 1 pastiglia ogni 300 m3. Ripetere i trattamenti ogni 10 giorni fino alla scomparsa del parassita. Mosca bianca - Trialeurodes vaporariorum – Bemisia tabaci, Bemisa argentifolia Sintomi: sulla pagina fogliare inferiore si notano delle piccole mosche bianche, molto mobili e le loro forme giovanili piatte e giallastre, immobili. La loro attività alimentare provoca la comparsa di decolora-

Bemisia - adulto

90


Clamer informa i trattamenti di vaporizzazione che la chioma sia asciutta.

moltiplicazione. Difesa: le mosche bianche sono abbastanza ben controllate dai trattamenti contro gli afidi, tripidi e cocciniglie cotonose, in caso di pesanti infestazioni irrorare e vaporizzare: • dichlorvos (Dedevap) 200– 400gr/100mq • methamidophos (Tamaron) 100–200 gr/100 mq • bifenthrin (Brigata) 0,04–0,06% • cyflutrin (Bayteroid EW) 0,05% • methomyl (Lannate 25) 0,15–0,2% • endosulfan (Thiodan 35) 0,15% • omethoato (Folimat) 0,15% • buprofezin (Applaud) 0,1–0,2% • imidacloprid (Confidor) 0,1–0,15% • pyridaben (Nexter) 0,05–0,08% • primiphos-methyl (Actellic New 25) 0,15–0,2% (Admiral Gold, Afidane 200, Agro Pyr, Agrumin, Ascot, Botanigard OD,…) Porre attenzione nell’effettuare

Fitotossicità

Non usare per irrigazioni prodotti a base di dimetoato e oxidementon-metile. Avvertenze I metodi di difesa indicati sono frutto dell’esperienza dell’autore, delle informazioni raccolte presso gli operatori del settore e dei riscontri bibliografici, tuttavia le condizioni di applicazione, la condotta delle colture, lo stato delle piante, la sensibilità varietale ed il clima

91


Clamer informa condizionano pesantemente i risultati, per cui i trattamenti riportati (prodotto commerciale, concentrazione, modalità di applicazione) devono essere intesi dal lettore come una indicazione di larga massima, per la quale non è possibile accettare alcuna responsabilità. Sarà cura del lettore effettuare delle prove di validazione nelle proprie condizioni per accertare eventuali controindicazioni. Nella formulazione degli interventi di difesa, non si è inteso dare alcuna particolare evidenza ai prodotti commerciali indicati, ne per quelli non riportati deve intendersi alcuna esclusione pregiudiziale; semplicemente per ragioni di spazio, è stato indicato un solo formulato per ciascun principio attivo. Alcuni dei prodotti commerciali indicati non sono registrati in Italia, potrebbero non essere

più registrati al momento della pubblicazione, o non sono registrati sulle colture ornamentali o per le coltivazioni sotto protezione o per quella particolare applicazione. La loro menzione in questo volume, dovuta all’efficacia dimostrata, serve a completare l’informazione fornita. La decisione di un loro eventuale impiego spetta unicamente al coltivatore che deve essere consapevole delle conseguenze legali che ne potrebbero derivare.

92


100% RICICL ATI E RICICL ABILI

VASI RICICLATI E RICICLABILI AL 100% (R&R)

Fatti al 100% di plastica riciclata (PP) Riciclabili nella raccolta differenziata della plastica Certificati Cyclos È possibile stampare su tutti i vasi

d

nstitute cy by I clo

P HT s-

• • • •

cer tifi e

Si tratta di vasi realizzati in plastica riciclata al 100%. Non contengono carbon black e sono pertanto riciclabili al 100%. Dopo l’uso, l’utente potrà smaltirli attraverso la raccolta differenziata della plastica. Abbiamo ragione di dire che, in materia di riutilizzo della plastica, con questo prodotto abbiamo ottenuto il massimo raggiungibile.

100% r e c y c l ab l e

W W W. M O D I F O R M . C O M


Dicembre 2021

Clamer informa

Attualità

Le cinque principali innovazioni tecnologiche in agricoltura

I progressi tecnologici sono fondamentali per il futuro dell’agricoltura, dal momento che gli agricoltori si sforzano di nutrire il mondo con risorse naturali limitate di dollari di finanziamenti per le innovazioni tecnologiche in agricoltura e lungo la filiera alimentare. Mentre molti di questi investimenti sono destinati alle star-

Si stima che nel mondo ci siano circa 570 milioni di aziende agricole e, in una netta sinergia numerica, secondo Valoral Advisors, nel 2014 sono stati raccolti circa 570 milioni

94


Clamer informa le futuro deve essere costruita sui dati attuali, con i dati che vengono poi mappati per raccontare la storia di una regione. Questa storia è effettivamente scritta sul suolo, nel terreno. L’Africa Soil Information Service (AfSIS) sta sviluppando mappe digitali del suolo a livello continentale per l’Africa subsahariana utilizzando nuove analisi, statistiche, prove sul campo e crowdsourcing. Finanziato dalla Bill and Melinda Gates Foundation, il progetto ISRIC World Soil Information AfSIS ha creato partnership chiave con i governi, oltre a una serie di soggetti interessati e istituzioni accademiche, tra cui l’Earth Institute della Columbia University. Idee innovative per l’agricoltura,

tup “ag-tech” e a nuovi operatori rivoluzionari sul mercato, per molti versi le priorità rimangono le stesse di sempre: innovazione nell’uso delle risorse, soprattutto in termini di terreno e acqua (anche energia), per aumentare l’efficienza e i raccolti. Ecco cinque delle soluzioni tecnologiche agricole che aiuteranno a sostenere la crescita globale dell’agricoltura sostenibile e della produzione alimentare nel prossimo futuro. 1. Dati intrappolati nel suolo Per i modelli agricoli tradizionali, forse il principale fattore determinante della capacità di approvvigionamento è semplicemente la disponibilità e l’idoneità del terreno. Tuttavia, qualsiasi idea del potenzia-

95


Clamer informa come la mappatura digitale del suolo, in particolare in regioni con una scarsa densità di dati come l’Africa, sono fondamentali per pianificare una intensificazione agricola sostenibile e la gestione delle risorse naturali. Grazie all’accesso libero, queste mappe interattive sono pubblicamente disponibili e possono essere essere esplorate su Google Earth.

mente. Non solo, ma sono stati coltivati nella prima azienda agricola di Singapore con licenza per la coltivazione di ortaggi indoor, un gigante dell’elettronica meglio noto per la produzione di televisori e HiFi: Panasonic. La capacità di produzione annuale in terra dello stabilimento iniziale di Panasonic, lanciato l’anno scorso, era di 3,6 tonnellate, ma l’azienda non è assolutamente l’unico marchio high-tech che sviluppa soluzioni tecnologiche agricole innovative per dimostrare la tecnologia piuttosto che per realizzare profitti. La Sharp sta coltivando fragole

2. L’innovazione agricola diventa “underground” Singapore dipende fortemente dalle importazioni per oltre il 90% della frutta e verdura. Potrebbe quindi sorprendere il fatto che la rucola, i ravanelli e gli spinaci novelli vengono effettivamente coltivati local-

Panasonic indoor farming

96


Clamer informa

Coltivazione indoor in Cina

Agricoltura verticale (ENEA)

a Dubai, mentre Sony, Toshiba e Fujitsu stanno tutti utilizzando gli impianti delle ex camere bianche degli stabilimenti di semiconduttori in tutto il Giappone per la produzione di lattuga. Queste verdure coltivate fuori suolo che non richiedono lavaggio, sono frutto della coltivazione idroponica e vengono cresciute a più del doppio della velocità della normale produzione

in campo, grazie a un’illuminazione a LED specializzata per ottimizzare la fotosintesi. 3. Verdure concimate dai rifiuti arcobaleno Un’innovazione popolare in agricoltura consiste nella creazione di un circolo virtuoso di reciprocità. L’idroponica, come suggerisce il nome, è un metodo di coltivazione che utilizza acqua arricchita di minerali e

97


Clamer informa sostanze nutritive. L’acquaponica si spinge oltre, riunendo l’allevamento di pesci e piante in un unico sistema a ricircolo. Alla Bioaqua Farm di Blackford nel Somerset - la più grande azienda agricola acquaponica integrata in Europa - vengono coltivate verdure e allevate trote arcobaleno in simbiosi biologica, senza prodotti chimici o pesticidi, ma con l’ausilio di api e vermi. I pesci forniscono la maggior parte della nutrizione ai vegetali, per mezzo degli effluenti derivanti dall’allevamento ittico. A loro volta, i metaboliti di scarto dei pesci vengono rimossi per nitrificazione e assorbimento diretto da parte delle piante dopodiché l’acqua

Acquaponica: cos’è e come funziona

opportunamente trattata viene reimmessa nelle vasche dei pesci. Nel complesso, si sostiene che questa innovativa idea di allevamento richieda fino al 95% di acqua in meno rispetto ai metodi tradizionali di coltivazione. 4. Generare acqua dolce usando il sole Un’altra delle principali tendenze moderne dell’agricoltura è l’aumento dell’efficienza idrica nell’agricoltura e nella produzione alimentare. Che si tratti di irrigazione in ambito rurale tradizionale, della coltivazione in regioni particolarmente aride o di moderni impianti agricoli urbani di agricoltura verticale, questo fattore rap-

Acquaponica

98


Clamer informa presenta una metrica chiave di fronte alla crescita della popolazione globale e al cambiamento climaSchema Sundrop Farms tico. Considerati nel loro insieme, la scarsità di acqua potabile profitto dell’agricoltura. ed il fatto che il 71 per cen- Un processo innovatito della superficie terrestre sia vo in agricoltura, presentato ricoperto d’acqua, costituisco- da Sundrop Farms, impiega no un argomento convincente una delle poche fonti energeper la desalinizzazione. Stori- tiche rinnovabili presenti in camente, l’ostacolo è sempre misura ancora più abbondante stato rappresentato dal note- dell’acqua di mare - la luce del vole costo in termini energetici sole. Sundrop Farms raccoglie e dai costi di gestione proibiti- l’energia solare per generare vi rispetto ai ridotti margini di energia per la desalinizzazione e fornire l’acqua dolce necessaria alle serre idroponiche. Non richiedendo acqua potabile, terreni agricoli o combustibili fossili, questo sistema dal potenziale rivoluzionario per l’agricoltura sostenibile sta creando 300 posti di lavoro a Port Augusta, South Australia, Desalinizzazione o dopo che l’azienda si è aggiudissalazione: processi dicata un contratto decennale tecnologici disponibili

99


Clamer informa per la coltivazione di pomodori per la catena di supermercati Coles. Quantum System

5 Agricoltura aerea di precisione Nei media, i droni sono solitamente associati ai militari e allo spionaggio, oltre

a stravaganti trovate pubblicitarie come il drone che consegna la pizza o i pacchi di Amazon, tuttavia i droni potrebbero diventare una delle innovazioni più utili in agricoltura, se usati con saggezza.

Drone ibrido Quantum Systems

Valore globale in miliardi di dollari delle soluzioni industriali basate su droni

100


Clamer informa

Agricoltura di precisione

e di un modello ad ala fissa – capacità di decollo verticale unite al volo veloce rettilineo tipico di un normale aereo. La progettazione di Quantum VRT permette agli agricoltori di adottare precise strategie di concimazione per mezzo di un software in grado di gestire piani di volo di alta precisione che consentono l’accurata valutazione delle condizioni delle colture, riducendo di conseguenza la dipendenza dai fertilizzanti e aumentando i raccolti. Dubai prevede di aumentare l’uso della tecnologia dei droni agricoli nel tentativo di diventare autosufficiente per quanto riguarda la produzione alimentare entro il 2030. Con il 98% delle importazioni, l’emirato supera attualmente Singapore.

Quantum-Systems Trinity F90+ | eVTOL fixedwing UAV

Un concorso annuale negli Emirati Arabi Uniti, UAE Drones for Good Award, riconosce sia l’oscura reputazione dei droni sia il fatto che le cose stiano cambiando. I finalisti del concorso quest’anno hanno presentato i vantaggi per i veicoli aerei senza pilota; dalle attività di supporto alla conservazione ambientale alle consegne dei farmaci ed infine alle applicazioni in agricoltura. Il progetto Quantum-Systems, azienda con sede a Monaco di Baviera, prevedeva l’uso di un aeromobile ibrido in grado di combinare le capacità di un drone elicottero multipala

101


Ci

lamer nforma

Gennaio

Clamer informa Gennaio 2021

Block notes:

l Dümmen Orange organizza la nuova esibizione online ‘Digital Garden Trends’ l Lanciata in California Plenty United Inc. fattoria verticale da quasi mezzo 1 miliardo di euro. Dietro c’è Amazon l “Circuito nazionale vivere in un Comune fiorito” l Dümmen Orange lancia la nuova rosa bianca Snowstorm+l Regione Lombardia: in arrivo in questi giorni, per le aziende florovivaistiche danneggiate da Covid-19, un ristoro di oltre 6000 euro l Servizi e consulenza per il mondo agricolo, pubblicato l’11° Rapporto del Centro Trasferimento Tecnologico l AICL: Novità prodotti 2021 Turf & Landscape l Gli agrotecnici ricorrono contro Agea l La floricoltura italiana in Europa con Gianluca Boeri, nominato Vice Presidente del gruppo floricolo europeo l Esami abilitanti verso lo sblocco: si faranno a febbraio l Ha preso il via il 7° censimento dell’agricoltura che terminerà il prossimo 30 giugno l Giorgio Tesi Group dona 200 piante al consorzio “KilometroVerdeParma” l Il libro della Terapia Forestale l Ansia, stress e disturbi del sonno: come il microbioma influenza la nostra salute mentale l La Toscana punta sul biologico: molto positivo l’incontro tra FederBio e la Vicepresidente e Assessore all’agricoltura della Regione Dümmen Ora lancia la nuonge va rosa bianca Snowstorm +

Anno XLVI

Mensile tecnico scientifico di floricoltura orticoltura e vivaismo

l Le varietà vincitrici della Medaglia d’Oro Fleuroselect 2022 l Perenni da fiore reciso: Campanula l Controllo nutrizionale della Primula - Primula vulgaris l Le varietà di Poinsettia Selecta più significative del 2021 l Apre in Toscana il primo impianto Airfloating® l Agricoltura: 2021 anno del biologico?

Clamer informa Febbraio 2021

2

Anno XLVI

Mensile tecnico scientifico di floricoltura orticoltura e vivaismo

Dümmen Ora presenta il nuonge vo crisantemo “Ilo nka”

Febbraio

Block notes: l Universol e Osmocote Exact: una combinazione vincente Recovery Plan: per FederBio occorre puntare sul biologico come asset fondamentale per il rilancio del sistema agroalimentare italiano l CAA/AGEA: si schiera anche la cassa di previdenza degli agrotecnici l La Fondazione Minoprio promuove la cultura l Sfalci e potature. Cosa cambia davvero per le imprese agricole e per quelle 110


Ci

lamer nforma

artigiane dopo il recepimento della direttiva n. 851/2018 con il d.lgs. n. 116/2020? l Sfida le leggi della natura, fai arrivare prima la primavera! l Studio sugli effetti di diverse sorgenti luminose sulle caratteristiche di crescita del crisantemo coreano l GreenTech Americas spostata al 15 - 17 agosto 2021 l Valoya e l’università di Hohenheim annunciano una partnership di ricerca l Container Centralen si divide in due società specializzate nella logistica florovivaistica e di largo consumo in Europa l Myplant & Garden: la VI edizione si terrà a febbraio 2022 l Superbonus: Florovivaisti, accordo con Esco per tariffe agevolate ai soci l Boccione maggiore e boccione minore come nuovi potenziali prodotti per la IV gamma.

l Il nuovo crisantemo Ilonka di Dümmen Orange è pronto per il lancio su larga scala sul mercato mondiale l Perenni da fiore reciso: Bergenia specie e ibridi l Novità Jelitto 2021: le novità in evidenza l Controllo nutrizionale del Basilico - Ocimum basilicum l La USDA APHIS statunitense annuncia la deregolamentazione delle petunie arancioni ritirate dal mercato nel 2007 in seguito ad una petizione presentata da Westhoff l Controllo nutrizionale del Geranio - Pelargonium x hortorum l Il commercio verso il Regno Unito ostacolato dai problemi causati dai controlli e certificati di pre-esportazione

Marzo Block notes: l Come gestire al Clamer meglio le resistenze?l Schede vainforma Marzo 2021 rietali Poinsettia 2020 - Centro Po di Tramontana l Pesaro-Urbino. Bene il concorso del parco interregionale per agronomi ed agrotecnici iscritti nell’albo l FederBio a BioFach per consolidare il networking internazionale in un contesto europeo che vede il bio in grande crescita l Spinaci che inviano mail. Straordinaria sperimentazio3 ne al MIT l 8 marzo: Florovivaisti Italiani, ottima annata per mimose. Giro d’affari da 15 mln (+20%) trainato da export l Altre 12 bandierine di prodotti agroalimentari tradizioni pugliesi l PEC gratuite agli iscritti nell’albo degli agrotecnici, con capienza raddoppiata l Un webinar per la gestione ecocompatibile del verde urbano l AGROvsCOVID-19: il fondo mutualistico di Asnacodi per mantenere viva l’attività agricola l FederBio plaude all’annuncio del Ministro Patuanelli sul concreto impegno del MIPAAF per l’approvazione della legge sul biologico l “La gestione dei residui vegetali derivanti dalla manutenzione del verde urbano, pubblico e privato” resoconto dell’incontro svoltosi virtualmente lo scorso 10 marzo Dal Centro Po montana le di Travarietali Poi Schede nsettia 2020

Anno XLVI

Mensile tecnico scientifico di floricoltura orticoltura e vivaismo

l Perenni da fiore reciso: Centaurea specie l La concimazione delle piante orna-

111


Ci

lamer nforma

mentali e da fiore reciso - Cap. 1: Fattori di crescita e leggi di produzione l Gestione della concimazione della Petunia - Petunia x atkinsiana l Bolle di sapone lanciate da droni potrebbero contribuire all’impollinazione l Controllo nutrizionale della Lattuga - Latuca sativa l Le serre olandesi sono piene fino all’orlo

Clamer l Modiform intro- Aprile informa duce colori di tendenza nella gamAprile 2021 ma di vasi alla moda Thomsen per il 2021-2022 l Dümmen Orange lancia la resistente varietà di rosa gialla Momentum+ ® l AIAB, Associazione Biodinamica e FederBio denunciano: il biologico trascurato dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza l Legge sul florovivaismo. Senza l’abrogazione dell’art. 16 si rischia l’istituzionalizzazione della capitozzatura degli 4 alberi urbani l Associazione Arboricoltori su art. 16 Ddl 2009 l Convenzione AGEA-CAA: anche la Calabria dice “no” - E’ la quarta Regione italiana a schierarsi contro AGEA l FederBio: molto positivo il Piano d’azione della Commissione Europea che valorizza il biologico l Un volume sul nocciolo scaricabile gratuitamente l Prezzario AIVEP del Verde pensile l Il primo impianto di biometano da scarti agricoli in Italia supera il traguardo delle 10 mila ore di attività l Zooniverse, lancia il nuovo progetto Buzzy Bee - African Canopy Pollinators

Block notes:

Modiform intr colori di ten oduce nella gamma denza di vasi

Anno XLVI

Mensile tecnico scientifico di floricoltura orticoltura e vivaismo

l Carenze nutrizionali nel geranio l La difesa delle piante ornamentali - Araceae l Vigorplant: la campagna televisiva che innalza il percepito sul terriccio l A ognuno il proprio Geranio: come scegliere il fiore più adatto l Impatto delle comuni pratiche di produzione di piante ornamentali da aiuola e contenitore sulla gestione dei parassiti l A ognuno il proprio Geranio: come scegliere il fiore più adatto

Clamer informa Maggio 2021

Maggio

5

Anno XLVI

Mensile tecnico scientifico di floricoltura orticoltura e vivaismo

Modiform pre sen Euro Stacking ta Boxes

Block notes: l Dümmen Oran-

ge affida a L&M Group la vendita dei prodotti finiti rose e gerbere l Modiform offre nuove soluzioni di confezionamento per le scatole Euro impilabili (Euro Stacking Boxes) progettate per contenere vasi da 15 cm l Valutazione della partecipazione di Selecta ad Hor-

112


Ci

lamer nforma

tiflorexpo l IPM Shanghai l Giornata mondiale della Terra l Su 100 euro spesi dal consumatore solo 6 in tasca al produttore, Cia; occorre riequilibrare la catena del valore l Sui caa agea perde contro i professionisti: il tar annulla la delibera che li escludeva l INVITO WEBINAR Le tappe della coltivazione del ciclamino : la radicazione l FederBio: appello ai gruppi parlamentari di maggioranza per l’inserimento del biologico nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza l Una pianta perenne e trappole per combattere in modo naturale la mosca che danneggia le olive l Premio “La città per il verde” 2021 - 22a edizione

l Controllo nutrizionale Impatiens della Nuova Guinea - Impatiens hawkeri l Perenni da fiore reciso: Convallaria majalis l Controllo nutrizionale giovani piantine di melanzana - Solanum melongena l Le novità del catalogo garofanini Selecta One 2021 l Maggio: piena fase vegetativa del tappeto erboso l Anche in Italia cresce l’interesse per l’applicazione dei LED in serra l Creare valore dai rifiuti di plastica l Astronauta della NASA dipinge il quadro dei successi nella coltivazione di piante nello spazio

Clamer l Dümmen Oran- Giugno informa ge: nuovo spazio espositivo per le Giugno 2021 Phalaenopsis l FEM invita il mondo agricolo e tutta la cittadinanza trentina a contribuire alla lotta contro la cimice asiatica progettate per contenere vasi da 15 cm l FederBio: finalmente approvata dal Senato la Legge italiana sull’agricoltura biologica! l MyPlant & Garden andrà in scena nei giorni 23-2425 febbraio 2022 l Registro regionale e valorizzazione 6 delle risorse genetiche autoctone l Orticolario diventa “diffuso”e concorre al premio compasso d’oro 2022 l Al TAR Agea perde ancora, contro il CAA degli agrotecnici l La Compagnia del Carosello: come bio vuole

Block notes:

Le novità var ietali di e

Anno XLVI

Mensile tecnico scientifico di floricoltura orticoltura e vivaismo

l Perenni da fiore reciso: Delphinium Ibridi l Tantissime novità nei giardini espositivi di Dümmen Orange l Selecta one presenta online le varietà nuove e di spicco per il 2021/22 l Consigli utili per la pulizia e la manutenzione periodica delle serre l Quale novità varietale succederà alla Dahlia Sincerity di Syngenta Flowers nel concorco FleuroStar 2021/2022?

113


Ci

lamer nforma

Luglio

Clamer informa Luglio 2021

Block notes: l Modiform lancia

il nuovo catalogo: novità naturalmente sostenibili lDümmen Orange amplia la collaborazione con Jan Spek Rozen in Asia Selecta one pubblica la nuova rivista di marketing ONE 7 Magazine l Dümmen Orange apre il Trend Center di 300 metri quadrati l Cambio ai vertici di Selecta one l Prove varietali e di fioritura dei crisantemi da reciso Dümmen Orange: Piña Colada e Ilonka sotto i riflettori l L’App tabUi continua a “sbocciare” e farà scoprire i Comuni Fioriti ai turisti l Ministro Bianchi: tre mesi per una firma, e gli esami non si celebrano. Gli agrotecnici perdono la pazienza e lo diffidano l Flormart riparte a ottobre con un nuovo progetto l Preparare e vendere i ciclamini per l’esterno, OUTstanding® Cyclamen l FederBio consolida la partnership storica con SANA BolognaFiere l PNRR: 300 milioni di euro al biologico. Un ottimo risultato che premia l’impegno di AIAB, Assobio, Associazione Biodinamica e FederBiol Il Distretto Vivaistico di Pistoia ha un nuovo presidente: Francesco Ferrini l Vespe samurai in arrivo in 44 siti trentini: parte il 2° anno di rilasci contro la cimice I’CONIA Aroma si aggiudica Peach il pre FleuroStar Aw mio ard 2021

Anno XLVI

Mensile tecnico scientifico di floricoltura orticoltura e vivaismo

l La Begonia I’CONIA Aroma Peach si aggiudica il premio FleuroStar Award 2021 l I prodotti ecoExpert di Modiform realizzati con cartone riciclato sono da oggi anche certificati da Cyclos!l Perenni da fiore reciso: Doronicum specie e varietà l Le Aracee - Aglaonema: avversità, sintomi e difesa l Caladium - la difesa delle piante ornamentali e da fiore recisol Controllo nutrizionale giovani piante di peperoncino - Capsicum annuum l Controllo nutrizionale delle giovani piante di pomodoro - Solanum lycopersicum

Clamer informa Agosto 2021

Clamer informa

Il secondo capi de “La concimaztolo ne delle piante ionamentali e orda fiore reciso Dümmen Oran ge ErfGoedFloor e

zione La concima tali ornamen delle piante reciso e da fiore di coltivazione Manuale Giorgio Rampinini rielaborazione Libro in digitale edizione

56

8

Anno XLVI

Mensile tecnico scientifico di floricoltura orticoltura e vivaismo

presto

di

disponibile

in

57

Agosto

Block notes:

l Dümmen Orange avvia l’installazione della pavimentazione ErfGoedFloor per una coltivazione priva di emissioni l Periti agrari versus Agrotecnici: la psicologia dell’invidia l Luca Magazzini confermato presidente dell’Associazione Vivaisti Italiani l Asproflor a Pomaretto per una giornata di lavoro: all’ordine del giorno l’organizzazione degli eventi dei prossimi mesi l Esami abilitanti: dopo oltre 100

114


giorni il ministro Bianchi firma l’ordinanza l FederBio esprime soddisfazione per la nomina di Angelo Frascarelli alla presidenza di ISMEA l Cassa di previdenza agrotecnici. Piu’ welfare e pensioni piu’ alte con il nuovo regolamento previdenziale

Ci

lamer nforma

l La concimazione delle piante ornamentali e da fiore eciso - Cap. 2 l Modiform sta ricercando i flussi europei di riciclo della plastica lPanAmerican Seed® sponsorizza l’esperimento Eklosion sulla stazione spaziale internazionale fornendo semi di Tagetes sulla Terra l Pratiche colturali e lotta integrata nella coltivazione di Poinsettie l I marciumi radicali del ciclamino l Il Tripide della Poinsettia

Block notes: l Il mondo dei cri- Settembre

Clamer informa

santemi gareggia per aggiudicarsi la Luglio 2021 Harry Kloppenburg l Memorial Cup l Nuova edizione della pubblicazione contenente l’elenco dei nomi ufficiali di piante legnose e perenni l Nuovi highlight di GreenTech: Sicurezza alimentare, sostenibilità, idroponica l Agrotecnici: Orlandi riconfermato presidente nazionale dell’albo l Vigorplant si racconta l Save the date Stars for Europe 7 2021! l FederBio: il bio Made in Italy cresce del 5,1% come superfici coltivate, ma deve accelerare per allinearsi agli altri Paesi europei l Assofloro: conferenza sul florovivaismo al Biocampus di Latina a presentazione di Assofloro Lazio l Agrotecnici: + 30% i candidati agli esami abilitanti l Eletta la Giunta Esecutiva Nazionale di Assofloro I’CONIA Aroma si aggiudica Peach il pre FleuroStar Aw mio ard 2021

Anno XLVI

Mensile tecnico scientifico di floricoltura orticoltura e vivaismo

l Perenni da fiore reciso: Echinops l Perenni da fiore reciso: Erigeron sp. l Ruggine bianca del crisantemo l Il marciume basale della Poinsettia l Settembre: la manutenzione tardo estiva del tappeto erboso l Controllo nutrizionale Crisantemo da vaso e da giardino Clamer Chrysanthemum ×morifolium informa Ottobre 2021

Ottobre

Selecta Magic Stars One 23 Novembre 20 e 24 21

10 Anno XLVI

Mensile tecnico scientifico di floricoltura orticoltura e vivaismo

Block notes: l Selecta One Magic Stars 23 e 24 Novembre 2021 l Dümmen Orange espone le sue nuove varietà durante l’evento porte aperte a De Kwakel, nei Paesi Bassi l Asproflor Comuni Fioriti all’EIMA International di Bologna: si presenta 115


Ci

lamer nforma

il progetto RinascITALIA l Il consiglio di amministrazione attende con grande trepidazione la prossima edizione di IPM ESSEN 2022 l Syngenta e Cascina Pulita presentano la loro intesa per rendere sostenibile la filiera dei contenitori di agrofarmaci l La varietà BLUEZ+ di Dümmen Orange incoronata varietà campione a Proflora 2021 l Torna dopo due anni l’appuntamento più atteso, ricco e importante per i professionisti del verde l Trauttmansdorff vince l’European Award for ecological Gardening 2021 con il Progetto “Diversity” l Acque alpine, il 1° censimento della biodiversità identifica nuovi organismi l L’Azienda Lapietra conquista il premio “Oscargreen 2021 Puglia”

l Perenni da fiore reciso: Eryngium l La coltivazione del cavolo l Controllo nutrizionale Cavolo ornamentale e Kale (cavolo riccio) Brassica oleracea var. acephala l Patologie della Poinsettia

Clamer l Dümmen Oran- Novembre informa ge tra le più importanti aziende Novembre 2021 olandesi nel settore della tecnologia orticola l Al via Selecta-One Magic Stars il 23 e 24 Novembre a Latina Dümmen Orange trasferisce la produzione di rose in Etiopia ad AQ Roses l Poinsettia 2021 – Giornata tecnica in presenza l Dümmen Orange e Jan Spek Rozen estendono la collaborazione in Sud America l Myplant 2022: Il grande 11 business torna in fiera l FederBio, Anci Toscana e ToscanaBio firmano un protocollo per la valorizzazione del biologico nella Regione Toscana l Flormart special edition: Lo storico salone del verde cambia data, da novembre 2021 al 9-11 febbraio 2022l Edagricole - | FRUTTI INSOLITI, nuove e antiche piante eduli da valorizzare l Macchine per il giardinaggio: offerta più ampia, assistenza più immediata l L’elenco degli enologi contrappone le professioni l COP26: FederBio rimarca l’importanza dell’agroecologia nella transizione verso la neutralità climatica entro il 2050

Block notes:

Begonia I’CONIA Aroma Peach

Selecta One Magic Stars

Anno XLVI

Mensile tecnico scientifico di floricoltura orticoltura e vivaismo

Perenni da fiore reciso: Gaillardia Ibridi l Raddoppiata la produzione di talee della varietà vincitrice del premio FleuroStar, la Begonia I’CONIA Aroma Peach di Dümmen Orange l Fabbrichiamo il domani l Ancora una volta, Dümmen Orange e Beekenkamp Plants organizzano le prove varietali di Poinsettia insieme l Ulteriore caratterizzazione di Barattiere e Carosello per valorizzare l’agro-biodiversità pugliese l Myplant & Garden: dal 23 al 25 febbraio 2022 a Fiera Milano l Fiori simbolo senza tempo

116


guri Au

Clamer informa Dicembre 2021

Dicembre

Block notes:

Ci

lamer nforma

l Rimandata a gennaio 2023 l’edizione 2022 di IPM Essen l Intesa tra l’Ufficio scolastico regionale per la Toscana e il Coordinamento regionale dei periti agrari e dei periti agrari laureati della Toscana l “Poinsettia Day”, un giorno dedicato alla Stella di Natale, fiore per eccellenza delle festivitàl Agrotecni12 ci, iniziati gli esami abilitanti: mai cosi’ tanti i candidati (+46% Sul 2020, +71% sul 2019)l AIAB e FederBio bocciano la bozza di Piano Strategico Nazionale della PAC: va data priorità trasversale al biologicol Le Associazioni del biologico: è il momento di approvare la legge sul bio l All’assemblea dell’Ass. Vivaisti Italiani del 10 dicembre il sì unanime al bilancio preventivo e il punto su quanto fatto e i nuovi piani l La Francia vince la seconda edizione del prestigioso European Green Cities Award Rimandata gennaio 20 a l’edizione 20 23 22 IPM Essen di

Anno XLVI

Mensile tecnico scientifico di floricoltura orticoltura e vivaismo

l Perenni da fiore reciso: Gentiana l Gli ibridatori soci di Fleuroselect proseguono la lotta alla propagazione illegale l Considerazioni sulle miscele di fitofarmaci l Zantedeschia aethiopica - la difesa delle piante ornamentali e da fiore reciso l Le cinque principali innovazioni tecnologiche in agricoltura l Indice annata

Auguri 117


Iscriviti a Clamer informa


Millions discover their favorite reads on issuu every month.

Give your content the digital home it deserves. Get it to any device in seconds.