Page 1

Comune di Almenno San Salvatore

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO COMUNE DI ALMENNO SAN SALVATORE

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

1


Comune di Almenno San Salvatore

IL PROGETTISTA Dott. Cosimo Caputo PIANIFICATORE TERRITORIALE

Collaboratori: Dott. Ilaria Mazzoleni - Naturalista Dott. Paola Fabbietti – Pianificatore Territoriale Dott- Paolo Motta – Architetto J.

Maggio 2011

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

Studi di Settore Studio geologico: Dott. Geol. Gianluca Boffelli Reticolo idrografico minore: Dott. Geol. Gianluca Boffelli Zonizzazione acustica: Società ECOISOLA in collaborazione con EUROGEO snc

2


Comune di Almenno San Salvatore

INDICE 0. INTRODUZIONE ............................................................................................................................................................................................................... 10 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE ................................................................................................................................................................................... 12 2. LA PIANIFICAZIONE SOVRACOMUNALE E DI SETTORE .................................................................................................................................................. 22 2.1 LO SCHEMA DI SVILUPPO DELLO SPAZIO EUROPEO ...................................................................................................................................................... 24 2.2 IL PIANO TERRITORIALE REGIONALE .................................................................................................................................................................................. 31 2.2.1 COMPATIBILITÀ’ DEGLI ATTI DI GOVERNO DEL TERRITORIO CON IL PTR ................................................................................................. 31 2.2.2 OBIETTIVI E INDIRIZZI DEL PIANO TERRITORIALE REGIONALE..................................................................................................................... 33 2.2.3 ALMENNO SAN SALVATORE E IL PIANO TERRITORIALE REGIONALE ........................................................................................................ 45 DELLA LOMBARDIA ............................................................................................................................................................................................ 45 2.3 IL PIANO PAESAGGISTICO REGIONALE DEL PTR ............................................................................................................................................................. 57 2.3.1 NORMATIVE PER LA PIANIFICAZIONE LOCALE ......................................................................................................................................... 57 2.3.2 ALMENNO SAN SALVATORE E IL PIANO PAESAGGISTICO REGIONALE DEL PTR..................................................................................... 66 2.4 IL PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINciALE (fonte: PTCP, Provincia di Bergamo) ..................................................................... 72 2.4.1 INDIRIZZI DEL PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE PER LA PIANIFICAZIONE LOCALE ......................................... 72 2.4.2 ALMENNO SAN SALVATORE E IL PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE ................................................................ 79 2.5 IL PIANO CAVE DELLA PROVINCIA DI BERGAMO (LR. 14/98) ...................................................................................................................................... 93 2.5.1 ALMENNO SAN SALVATORE E IL PIANO CAVE DELLA PROVINCIA DI BERGAMO (LR. 14/98) ................................................................ 93 3. I PRINCIPALI FENOMENI DI TRASFORMAZIONE DELLA VALLE IMAGNA E LE PRESSIONI ANTROPICHE ......................................................................... 96

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

3


Comune di Almenno San Salvatore

3.1 POPOLAZIONE E MODELLI INSEDIATIVI ............................................................................................................................................................................. 98 3.2 ECONOMIA E LAVORO ..................................................................................................................................................................................................... 121 3.3 INDUSTRIA ............................................................................................................................................................................................................................ 125 3.4 TRASPORTI ............................................................................................................................................................................................................................ 128 3.5 COMMERCIO E SERVIZI ..................................................................................................................................................................................................... 146 3.6 AGRICOLTURA E ZOOTECNIA.......................................................................................................................................................................................... 148 3.7 TURISMO ............................................................................................................................................................................................................................... 154 3.8 EMISSIONI IN ATMOSFERA E QUALITA’ DELL’ARIA......................................................................................................................................................... 157 3.9 ACQUA ................................................................................................................................................................................................................................ 188 3.10 RIFIUTI .................................................................................................................................................................................................................................. 212 3.11 ENERGIA - IMPIANTI IDROELETTRICI ............................................................................................................................................................................... 222 3.12 AGENTI FISICI ..................................................................................................................................................................................................................... 223 4. ASSETTO GEOLOGICO, IDROGEOLOGICO E SISMICO ............................................................................................................................................... 231 4.1 INTRODUZIONE .................................................................................................................................................................................................................... 232 4.2 RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI E METODOLOGICI ............................................................................................................................................................. 234 4.3 INQUADRAMENTO GEOGRAFICO TERRITORIALE.......................................................................................................................................................... 235 4.4 CENNI DI CLIMATOLOGIA GENERALE............................................................................................................................................................................. 236 4.5 GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA ................................................................................................................................................................................... 240 4.6 IDROGRAFIA PRINCIPALE .................................................................................................................................................................................................. 276 4.7 IDROGEOLOGIA ................................................................................................................................................................................................................. 277 4.8 SISMICITA’ ............................................................................................................................................................................................................................ 281

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

4


Comune di Almenno San Salvatore

4.9 CARTA DEI VINCOLI ........................................................................................................................................................................................................... 292 4.10 CARTA DI SINTESI .............................................................................................................................................................................................................. 292 4.11 FATTIBILITA’ GEOLOGICA PER LE AZIONI DI PIANO E NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ................................................................................... 292 4.12 IL RETICOLO IDROGRAFICO ........................................................................................................................................................................................... 297 5. CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE ........................................................................................................................................ 312 5.1 INTRODUZIONE .................................................................................................................................................................................................................... 313 5.2 SCOPI DELLA ZONIZZAZIONE ACUSTICA......................................................................................................................................................................... 313 5.3 MATERIALI E METODI .......................................................................................................................................................................................................... 315 5.3.1 PIANO REGOLATORE GENERALE E STUDIO SUL TRAFFICO .................................................................................................................... 316 5.3.2 INDIVIDUAZIONE DI IMPIANTI INDUSTRIALI SIGNIFICATIVI, SCUOLE, PARCHI, OSPEDALI, AREE PROTETTE (CLASSI I E V) ..................... 316 5.3.3 LOCALIZZAZIONE DI AREE A PREVALENTE CARATTERE RESIDENZIALE (CLASSE II) ................................................................................. 317 5.3.4 LOCALIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DELLE ATTIVITA’ ARTIGIANALI, COMMERCIALI E TERZIARIE SIGNIFICATIVE (CLASSE IV) ............... 317 5.3.5 LOCALIZZAZIONE DELLE AREE APPARTENENTI ALLA CLASSE DI ZONIZZAZIONE III ................................................................................. 317 5.4 VERIFICA STRUMENTALE ..................................................................................................................................................................................................... 318 5.4.1 STRUMENTAZIONE EDILIZIA ...................................................................................................................................................................... 318 5.4.2 LOCALIZZAZIONE DELLE STRUMENTAZIONI DI MISURA ........................................................................................................................... 319 5.4.3 RISULTATI DELLE MISURE........................................................................................................................................................................... 321 5.5 COMMENTO ALLE MISURE EFFETTUATE ........................................................................................................................................................................... 322 5.6 COMPARAZIONE FRA LA ZONIZZAZIONE DEL TERRITORIO E I LIVELLI DI RUMOROSITA’REALMENTE MISURATI -CRITICITA’ EMERSE............... 322 5.6.1 ECCEDENZE RILEVATE ............................................................................................................................................................................. 323 5.6.2 CRITICITA’ ................................................................................................................................................................................................ 324

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

5


Comune di Almenno San Salvatore

5.6.3 EVENTUALI INTERVENTI DI RISANAMENTO ACUSTICO ............................................................................................................................ 326 5.7 CONCLUSIONI ..................................................................................................................................................................................................................... 327 6. IL PAESAGGIO AMBIENTALE E STORICO-CULTURALE .................................................................................................................................................. 328 6.1 IL CARSISMO DELLA VALLE .............................................................................................................................................................................................. 330 6.2 I VERSANTI DELLA VALLE ................................................................................................................................................................................................... 331 6.3 LE GROTTE ........................................................................................................................................................................................................................... 333 6.4 ASPETTI GEOMORFOLOGICI E IDROGRAFICI ................................................................................................................................................................ 333 6.5 ASPETTI FLORISTICO-VEGETAZIONALI ED ECOLOGICI .................................................................................................................................................. 334 6.6 ASPETTI FAUNISTICI ............................................................................................................................................................................................................. 335 6.7 STORIA DELLA VALLE IMAGNA E DI ALMENNO SAN SALVATORE ............................................................................................................................. 337 6.8 ARTE E ARCHITETTURA ........................................................................................................................................................................................................ 342 6.9 SAGRE E PRODOTTI TIPICI .................................................................................................................................................................................................. 353 6.10 SPORT E AMBIENTE .......................................................................................................................................................................................................... 360 6.11 CARTOGRAFIA - ANALISI DEL PAESAGGIO AMBIENTALE E STORICO CULTURALE ................................................................................................ 361 7. DISTRETTO DEL COMMERCIO “ COLLINE OROBICHE “ ................................................................................................................................................ 376 7.1 INDIVIDUAZIONE DELL’AREA OGGETTO DI INTERVENTO ............................................................................................................................................. 378 7.2 BANDO PUBBLICIZZANTE IL DISTRETTO ............................................................................................................................................................................. 380 7.3 DETTAGLIO INVESTIMENTI PROMOSSI DAGLI ENTI PUBBLICI – COD.INT. 5.1 – 6.1 .................................................................................................... 382 7.4 IL PROGRAMMA DEL DID .................................................................................................................................................................................................. 385 7.5 CRONOPROGRAMMA DEGLI INVESTIMENTI .................................................................................................................................................................. 388 8. L’ANALISI URBANA E LA CLASSIFICAZIONE DEL TERRITORIO ....................................................................................................................................... 391

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

6


Comune di Almenno San Salvatore

8.1 IL PIANO REGOLATORE GENERALE ................................................................................................................................................................................. 392 8.1.1 AZZONAMENTO DEL P.R.G..................................................................................................................................................................... 392 8.1.2 DIMENSIONAMENTO DEL P.R.G. ............................................................................................................................................................. 395 8.1.3 STATO DI ATTUAZIONE DEL P.R.G. VIGENTE ............................................................................................................................................ 397 8.2 L'ANALISI URBANA E LA CLASSIFICAZIONE DEL TERRITORIO ....................................................................................................................................... 404 8.2.1 MORFOLOGIA URBANA.......................................................................................................................................................................... 405 8.2.2 IL SISTEMA DEI SERVIZI .................................................................................................................................................................................................... 407 IL TRASPORTO PUBBLICO ................................................................................................................................................................................. 410 8.2.3 IL SISTEMA AMBIENTALE ................................................................................................................................................................................................. 413 8.2.4 USO DEL SUOLO ............................................................................................................................................................................................................... 413 8.2.5 LA CLASSIFICAZIONE DEL TERRITORIO ........................................................................................................................................................................ 421

ELABORATI GRAFICI INQUADRAMENTO TERRITORIALE A01 – INQUADRAMENTO TERRITORIALE A02 – PTCP ALTA VALLE IMAGNA

ANALISI GEOMORFOLOGICA, GEOLOGICA E IDROLOGICA DEL TERRITORIO B01 – CARTA GEOLOGICA B02 – CARTA GEOMORFOLOGICA

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

7


Comune di Almenno San Salvatore

B03 – CARTA DEL DISSESTO CON LEGENDA UNIFORMATA P.A.I. B04 – CARTA IDROGEOLOGICA B05 – CARTA DEI VINCOLI B06 – CARTA DI SINTESI B07 – CARTA DELLA PERICOLOSITÀ SISMICA LOCALE B08 - CARTA DI FATTBILITÀ GEOLOGICA B09 – INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO B10 – INDIVIDUAZIONE DELLE FASCE DI RISPETTO DEL RETICOLO IDROGRAFICO

ANALISI DEL PAESAGGIO AMBIENTALE E STORICO CULTURALE C01 – LA RETE ECOLOGICA PROVINCIALE C02 – TIPOLOGIE FORESTALI C03 – TUTELA DEL PAESAGGIO NATURALE E STORICO CULTURALE C04 – CARTA DEI VINCOLI C05 – CARTA DELLA SENSIBILITÀ ANALISI URBANA D01 – SINTESI DEL P.R.G. VIGENTE D02 – STATO DI ATTUAZIONE DEL P.R.G. D03 – MORFOLOGIA URBANA D04 - IL SISTEMA DEI SERVIZI LOCALI D05 – SISTEMA DELLE RETI DEL SOTTOSUOLO

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

8


Comune di Almenno San Salvatore

D06 - ZONIZZAZIONE ACUSTICA D07 – USO DEL SUOLO D08 – CLASSIFICAZIONE DEL TERRITORIO

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

9


Comune di Almenno San Salvatore

0. INTRODUZIONE

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

10


Comune di Almenno San Salvatore

INTRODUZIONE

Il Documento di Piano rappresenta lo "schema-direttore" con il quale i Comuni, individuate le risorse "naturali" ed "essenziali" presenti nel proprio territorio, definiscono i principi e le grandi strategie per la loro salvaguardia, lo sviluppo e la loro valorizzazione, dettando indirizzi e prescrizioni per la pianificazione operativa e di dettaglio. Esso costituisce un quadro unitario di riferimento, valido per il medio - lungo periodo, dove sono riassunti i dati conoscitivi, le esigenze di tutela, le linee di indirizzo e di coordinamento delle azioni di governo del territorio e gli obiettivi da raggiungere nel rispetto dei principi dello "sviluppo sostenibile". Un piano nasce generalmente nel segno della speranza e della volontà e deve coinvolge necessariamente tutto il complesso dello spazio fisico affrontando i problemi legati ai rapporti tra l'uomo, i suoi bisogni e l'ambiente fisico che lo circonda. Il momento in cui si arriva alla determinazione di redigere e di adottare un nuovo piano di governo del territorio è un momento molto importante nella vita e nella storia di una città: è il momento in cui ci si interroga sul proprio passato, ci si propone di comprendere le caratteristiche della città del presente, e si riflette sui possibili scenari del futuro. Il Piano di Governo del Territorio si struttura su due livelli distinti di pianificazione: il primo (il Documento di Piano) ha carattere strategico e di indirizzo generale, il secondo (il Piano dei Servizi e il Piano delle Regole) ha carattere operativo e attua gli indirizzi del primo. Il quadro normativo di progetto si propone quindi di distinguere indirizzi e scelte strategiche e strutturali, necessariamente proiettate su di un lungo periodo, dalle scelte di dettaglio, tendenzialmente legate ai programmi di un quinquennio amministrativo, più flessibili e modificabili, in ragione delle esigenze e delle disponibilità contingenti. Va ricordato infine la necessità di affrontare la discussione con pacatezza e con la necessaria trasparenza e partecipazione coinvolgendo tutti gli attori del processo di pianificazione raccogliendo tutte le eventuali ulteriori proposte e contributi meritevoli. Le proposte e i contributi che perverranno e il dibattito che si aprirà con le forze politiche e sociali rappresenteranno un’opportunità per apportare i necessari emendamenti e per affinare il quadro normativo di dettaglio del nuovo P.G.T. .

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

11


Comune di Almenno San Salvatore

Si dovranno raccogliere le "opportunità", le "sfide", i "casi", per lo sviluppo in chiave innovativa della città. Infatti, il momento in cui si perviene all'adozione del nuovo piano non è un momento in cui si ferma il processo di pianificazione e programmazione urbanistica, ma bensì il punto di partenza per avviare nuovi approfondimenti progettuali e per raccogliere idee e proposte.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

12


Comune di Almenno San Salvatore

1.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

INQUADRAMENTO TERRITORIALE

12


Comune di Almenno San Salvatore

INQUADRAMENTO TERRITORIALE

Il territorio comunale di Almenno San Salvatore (Provincia di Bergamo) occupa una modesta superficie, circa 4,8 Kmq, dei territori più meridionali amministrati dalla Comunità Montana Valle Imagna, in destra idrografica del Fiume Brembo, nel tratto in cui il corso fluviale abbandona l’ambito montano per immettersi nel lembo di alta pianura bergamasca che delimita verso sud il territorio comunale. Il territorio comunale di Almenno San Salvatore dista circa 12 chilometri dal capoluogo provinciale, a un’altitudine media di 328 m. s.l.m., ospitando circa 5.857 abitanti. I limiti amministrativi si sviluppano per una lunghezza complessiva di poco inferiore ai 12 Km disegnando un confine comunale che in pianta raffigura grossomodo un quadrilatero allungato nella direzione NW - SE. Il confine comunale di Almenno San Salvatore segue, verso est, il lineamento naturale costituito dal Fiume Brembo e confina a ovest con il comune di Almenno San Bartoloneo, a nord con Strozza e con Ubiale Clanezzo, a est con Villa d’Almé e a sud con Almé. Altimetricamente il territorio comunale risulta modestamente articolato da graduali decrementi di quota, passando dagli 830 m.s.l.m. della massima culminazione (individuabile nei pressi dello spartiacque secondario nei pressi della loc. Il Botto), ai circa 230 m.s.l.m. verso sud, nei pressi del confine con Paladina e Valbrembo, in corrispondenza dell’alveo attivo del fiume Brembo. Territorialmente il comune di Almenno costituisce l’ultimo lembo di ambito montano – collinare, caratterizzato dai pendii a vergenza meridionale che formano il raccordo con la porzione di alta pianura bergamasca che lo delimita, anche morfologicamente, verso meridione. L’idrografia superficiale del territorio comunale è governata principalmente dal Fiume Brembo, corso d’acqua di importanza regionale, riferibile al reticolo idrico principale, nonché da diversi corsi d’acqua di importanza locale, riferibili sia al reticolo idrico principale (Torrente Imagna e Torrente Tornago, che segna anche, verso ovest, il limite comunale), sia al reticolo idrico minore, le cui aste torrentizie (tra le quali spicca per importanza il Torrente Armisa), di ordine non elevato secondo la gerarchizzazione di Strhaler, confluiscono direttamente nei due citati corsi d’acqua principali, i quali, a loro volta, si uniscono in corrispondenza del limite meridionale del territorio comunale e confluiscono, poco più a valle, come tributari di destra orografica, nel fiume Brembo. Il territorio comunale è inoltre percorso da reticoli di rogge e canali artificiali irrigui di importanza esclusivamente legata all’ambito locale, riferibili al reticolo idrico minore, che interesano unicamente la porzione meridionale pianeggiante del territorio.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

13


Comune di Almenno San Salvatore

Il territorio comunale è distinto tra il capoluogo e i numerosi borghi adagiati lungo il versante favorevolmente esposto della Corna Rocchetta; la porzione meridionale pianeggiante appare oggi ampiamente urbanizzata e suddivisa in modo abbastanza netto dal tracciato delle principali direttrici viarie, anche se permangono ancora ampi lembi di terreno agricolo, sopratutto nei pressi del fiume Brembo. Percettibile appare anche la vocazione industriale/artigianale della porzione pedemontana del territorio, con i maggiori comparti dislocati lungo le direttrici viarie principali. Nonostante l’urbanizzazione permangono ambiti molto estesi che ancora conservano connotazioni agricole, anche se spesso risultano interclusi ai margini delle aree antropizzate o lungo il corso del Fiume Brembo e delle scarpate dei terrazzi alluvionali ad esso riferibili, ove sono ancora riconoscibili fasce boscate con un certo grado di naturalità. La porzione montana del territorio mantiene invece ancora ampi spazi naturali inalterati e di pregio ambientale. Il comune di Almenno S. Salvatore è raggiungibile: - da Bergamo, percorrendo la SP ex SS470 e la SP14; - da Lecco percorrendo la SP639, la SS342 e la SP175; - da Milano mediante l’autostrada A4, uscita Dalmine, proseguendo per la SP ex SS470dir e la SP14.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

14


Comune di Almenno San Salvatore

Almenno San Salvatore

Fonte: Regione Lombardia

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

15


Comune di Almenno San Salvatore

Il nuovo Documento di Piano non può prescindere dal quadro degli indirizzi e direttive delineato dalla pianificazione sovracomunale definita dal P.T.C.P.. Il Comune di Almenno San Salvatore è compreso dagli strumenti di livello provinciale in rapporto ai caratteri peculiari delle specifiche parti del territorio provinciale e a situazioni di affinità dei caratteri culturali e di omogeneità delle problematiche socio economiche nell'ambito nr.16 a cui appartengono i Comuni di Almenno S.Bartolomeo, Almenno San Salvatore, Caprino Bergamasco, Palazzago, Rota d'Imagna, Bedulita, Berbenno, Brumano, Capizzone, Corna Imagna, Costa Valle Imagna, Fuipiano Valle Imagna, Locatello, Roncola, Sant Omobono Terme, Strozza, Valsecca.

Stralcio della Tavola degli Ambiti Territoriali (Fonte: PTCP della Provincia di Bergamo)

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

16


Comune di Almenno San Salvatore

Sempre secondo il PTCP dal punto di vista paesaggistico il territorio comunale di Almenno San Salvatore rientra nell’Unità di Paesaggio della Val San Martino (n.15).

Stralcio della Tavola delle Unità di Paesaggio n. 15 VAL SAN MARTINO (Fonte: PTCP della Provincia di Bergamo)

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

17


Comune di Almenno San Salvatore

L’UNITA’ DI PAESAGGIO VAL SAN MARTINO (N.15 DEL PTCP)

L’unità ambientale appartiene al paesaggio delle colline pedemontane, e risulta caratterizzato dagli ambiti che gravitano attorno a Caprino, Pontida, Almenno e Brembate Sopra. Geograficamente è delimitata a nord nord-ovest dal versante dell’Albenza, a sud dal crinale del Monte Canto, a est dal corso del fiume Brembo ed a ovest dal confine amministrativo di Provincia. A occidente il versante dell’Albenza discende verso la valle del torrente Sonna ed è caratterizzato dalla presenza di crinali e dal pianoro di origine lacustre - glaciale di Sant Antonio. Le pendici del versante sono boscate con prevalenza di essenze di castagno a nord e di latifoglie a sud; a est ed intorno alla conca di Sant Antonio sono presenti spazi agricoli sede di specie legnose agrarie e di spazi a seminativi situati nella conca medesima. Il sistema insediativo è riassunto dalla presenza di Caprino, che storicamente ha rappresentato il capoluogo della Valle San Martino; il centro storico a sviluppo lineare, è situato parallelo al corso del torrente in posizione dominante, con caratteri di buona conservazione, elevate connotazioni architettoniche, dovute al ruolo politico economico religioso svolto in passato dal comune, nonché dall’impiego del materiale locale di costruzione di carattere morenico. Tale materiale è, infatti, costituito dai graniti e scisti di origine alpina trasportati in sito dagli antichi ghiacciai. La conca di Celana, caratterizzata da antichi edifici e frazioni rustiche sparse, ben conservate e integrate in un paesaggio verde di raffinate connotazioni, costituisce un altro elemento di primario valore connotativo dei luoghi. L’unità, al centro, è poi identificata morfologicamente da una breve valle aperta su un lato, con insediamenti di tipo lineare, collocati nel fondovalle. I versanti si presentano con andamento prevalente nord-sud ed articolati lungo il crinale da duomi e pareti rocciose. Il sistema collinare naturalisticamente è caratterizzato da frange boscate in prevalenza latifoglie, con interposte aree aperte delle legnose agrarie di collina; lo spazio aperto di fondovalle è interessato da attività agricole, a seminativo. Lungo il versante dell’Albenza e prevalentemente nell’area interposta tra le cave, si presentano spazi aperti a matrice naturale con notevoli affioramenti litoidi. L’abitato di Palazzago costituisce unità a se stante e partecipe del contesto vallivo verso Almenno S.Bartolomeo. Esso è un comune articolato in numerose frazioni, sparse nella valletta del torrente Borgogna e sul rilievo che separa il nucleo capoluogo dalla valle principale, ove sono notevoli alcune chiese, ville e cascine.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

18


Comune di Almenno San Salvatore

Palazzago si è staccata da Pontida come parrocchia nel 1343, a mostrare la relativa autonomia che storicamente godevano le singole comunità. È significativo notare che le frazioni di Burligo e di Gromlongo sono ancora oggi parrocchie. Infine, l’ambito che raccorda la pianura del Brembo ed il crinale meridionale dell’Albenza in prossimità della confluenza del torrente Imagna e dell’alveo asciutto del torrente Tornago, è costituito dal territorio dei due Almenno. Le propaggini meridionali del Monte Castra verso il terrazzo fluviale del Brembo accolgono l’insediamento esteso ma compatto di Almenno S.Salvatore, e sono caratterizzate da versanti digradanti verso sud e da due collinette giustapposte verso il torrente Imagna. Almenno S. Bartolomeo si insedia da un lato sul crinale del sistema collinare posto a sud della valle del Tornago e dall’altro con una serie di piccoli insediamenti sparsi sorti lungo la strada secante longitudinalmente il versante meridionale della Cima Rocchetto, dove una serie di vallecole con andamento nord-sud connotano particolarmente il paesaggio. Ai seminativi prevalenti sulla fascia della pianura meridionale, si associano, attorno ai nuclei principali, vigneti anche di recente reimpianto, mentre sul versante montano, prevalgono i caratteri di un' agricoltura silvo-pastorale con i boschi di versante sommitale e quelli legati all’ambiente di fondovalle, intercalati da parti e seminativi storicamente connessi con gli insediamenti sparsi, sorti sui piccoli rilievi e pianori di versante. Almenno S.Salvatore, capoluogo storico della Valle Imagna, sorto presso una strada romana, fu sede di Pieve cristiana, centro di corte longobarda e residenza del Vicario Veneto. Questa particolare funzione storica ha fatto sì che il suo sistema insediativo si sviluppasse in un centro storico di una certa importanza e in una serie di monumenti isolati che tutt’oggi permangono a caratterizzare il territorio. La lettura del territorio mette in evidenza attorno a questo nucleo originario, la consistente recente conurbazione di Almenno S.Salvatore, che ha occupato l’intera piana del terrazzo fluviale corrente tra il nucleo storico originario e l’orlo del terrazzo fluviale fino a saldarsi verso ovest con il nucleo principale di Almenno S.Bartolomeo. Quest’ultimo si è aggregato per successive addizioni attorno ai vecchi tracciati viari di collegamento con Brembate Sopra saldando, senza soluzione di continuità, i vari nuclei originari. Brembate Sopra è in posizione dominante sulla destra del fiume; sorge e si sviluppa per la maggior mantenendo un certo rapporto di relazione con la presenza del fiume. Verso l’Albenza il sistema insediativo fortemente condizionato dall’orografia dei siti, si è

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

19


Comune di Almenno San Salvatore

viceversa sviluppato con piccole addizioni ai nuclei sparsi originari. A cavallo della strada provinciale di collegamento tra la Briantea e la viabilità principale delle Valli Imagna e Brembana, permangono ancora consistenti fasce agricole di rilevante importanza ai fini della percezione del paesaggio. L’ambito delimitato dalla collina della Longa ad ovest di Almenno S.Bartolomeo, è interessato per una porzione assai vasta, dall’insediamento del Golf dell’Albenza che ha trasformato l’originario paesaggio agrario. La particolare articolazione morfologica dei siti conferisce ad ogni tracciato elevati valori percettivi. Di particolare importanza le visuali della Strada Provinciale n. 175 sul sistema montano e collinare d' imbocco delle Valli Imagna e Brembana e sull’Albenza che si erge sulla pianura per oltre 700 metri. Di analoga rilevanza le visuali su tutto il territorio di Bergamo e della Piana del Brembo percepibili dalla strada provinciale n. 172 collegante i due Almenno con Roncola. L’ambito comprende inoltre, come già accennato, il corso dei torrenti Imagna Tornago e Brembo; l’Imagna è compreso per un piccolo tratto verso la confluenza con il Brembo e scorre incassato in una stretta e profonda gola scavalcata in quota dal ponte di Clanezzo. Il torrente Tornago, prevalentemente asciutto, si sviluppa con una serie di anse fittamente boscate a dividere la collina della Longa dal versante dell’Albenza. Il Brembo si sviluppa per circa quattro chilometri in un ampio alveo delimitato dalle due scarpate fluviali interessate nel tratto iniziale anche dall’insediamento urbano e caratterizzato verso sud da tratti coltivati e boscati, di notevole valore percettivo in parte residuati da cave abbandonate. Una grande cava di materiale arido a confine con il Comune di Brembate interessa la scarpata fluviale ed il paleoalveo per un tratto consistente. L’unità risulta delimitata a sud dal rilievo di tipo collinare del Canto. L’ambito collinare è affacciato alla pianura e ne costituisce elemento di fondamentale emergenza visiva; è apparentemente di forma semplice, ma in realtà possiede elementi morfologici assai variati: speroni, conche, vallette interne, profili di cresta. Il Canto anticipa il sistema prealpino della zona rappresentato dalla catena dell’Albenza. Appartiene a diversi comuni, ma costituisce un’entità con caratteri unitari di grande interesse, primo fra tutti è la sua sostanziale integrità ambientale, soprattutto nel versante nord. Questa integrità però, si accompagna al completo sfacelo della sua frazione più caratteristica,

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

20


Comune di Almenno San Salvatore

il Canto, ubicata lungo l’antico percorso che univa l’abbazia di Pontida con quella di Fontanella al Monte. Questi due insediamenti sono storicamente la presenza più incisiva nel sistema del Canto e costituiscono tuttora due emergenze monumentali di estremo interesse. Le testimonianze di una storia plurisecolare legata agli insediamenti monastici spiegano del resto, l’attuale sopravvissuta denominazione di “Monte dei Frati”. Nelle propaggini orientali due chiese si presentano come fulcri paesistici: la parrocchiale di Mapello e il Santuario della Madonna del castello nel comune di Ambivere, dov’è notevole anche per compattezza e grado di conservazione il piccolo nucleo di Genestaro. In sintesi dal territorio emergono alcuni caratteri connotativi particolari propri della struttura del paesaggio. Il versante meridionale dell’Albenza è, infatti, una tra le aree più conosciute sotto il profilo geologico sia per la particolare struttura (piega a ginocchio del Monte Linzone) che per i ritrovamenti paleontologici. Specie nel tratto più meridionale, verso Palazzago e Caprino, affiora in continuità una serie litologica completa studiata a più riprese e pubblicata in varie opere scientifiche anche a livello internazionale. Si segnalano inoltre alcune particolarità morfologiche, quali: i pianalti ferrettizzati di raccordo con il solco vallivo del Brembo sui quali è impostata Almenno S.Salvatore, la scarpata del Brembo, l’incisione del torrente Tornago e il sistema storico ambientale del versante settentrionale del Canto. Sotto il profilo monumentale e paesistico si sottolineano gli edifici ed i manufatti esterni ai perimetri dei centri storici di particolare valore quali il tempietto di S.Tomè, la chiesa di S.Giorgio e la Madonna del Castello. I principali fenomeni negativi sotto il profilo ambientale e percettivo sono stati individuati: nelle quattro cave, d’impatto visivo rilevante, ubicate due in diretta adiacenza all’alveo del fiume Brembo, una sulle pendici dell’Albenza (a cavallo del confine con il Comune di Palazzago) e l’altra in confine con il Comune di Strozza che interessa il crinale e il versante nord del Monte Castra; nelle antenne televisive e per le telecomunicazioni ubicate in prevalenza sul confine tra Almenno S.Bartolomeo e Roncola sulla sommità del pianoro di Roncola che creano una pesante e incontrollata intrusione visiva.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

21


Comune di Almenno San Salvatore

2.

LA PIANIFICAZIONE SOVRACOMUNALE E DI SETTORE

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

22


Comune di Almenno San Salvatore

PREMESSA

Il presente capitolo analizza gli indirizzi e gli obiettivi di Piani sovracomunali e di settore, con cui è indispensabile confrontarsi per la pianificazione locale del Comune di Almenno San Salvatore. In particolare, i Piani considerati nei paragrafi seguenti sono: -

Schema di Sviluppo dello Spazio Europeo (SSSE) Piano Territoriale Regionale della Lombardia e relativo Piano Paesaggistico (PTR, PPR) Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale (PTCP) Piano Cave della Provincia di Bergamo

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

23


Comune di Almenno San Salvatore

2.1 LO SCHEMA DI SVILUPPO DELLO SPAZIO EUROPEO (Fonte: Schema di Sviluppo dello Spazio Europeo SSSE - Verso uno sviluppo territoriale equilibrato e durevole del territorio dell’Unione Europea. Approvato dal Consiglio informale dei Ministri responsabili della gestione del territorio a Potsdam, Maggio 1999).

Senza prevedere nuove competenze comunitarie in materia di assetto territoriale, lo Schema di sviluppo dello spazio europeo (SSSE) costituisce un quadro di orientamento politico finalizzato a migliorare la cooperazione tra le politiche comunitarie settoriali che hanno un impatto significativo sul territorio. La sua elaborazione prende le mosse dalla constatazione che l'azione degli Stati membri si integra meglio se è basata su obiettivi di sviluppo territoriale definiti in comune. Si tratta di un documento di natura intergovernativa a carattere indicativo e non vincolante. Conformemente al principio di sussidiarietà, la sua applicazione avviene al livello di intervento più appropriato e a discrezione dei diversi protagonisti nell'ambito dello sviluppo territoriale. LE FINALITÀ FONDAMENTALI DELL’SSSE Alla luce delle disparità esistenti tra le diverse regioni sul piano dello sviluppo e degli effetti, a volte contraddittori, sullo sviluppo territoriale delle politiche comunitarie, tutti i responsabili dell’assetto territoriale dovrebbero ispirarsi a modelli spaziali o perseguire obiettivi di fondo. La strategia territoriale a livello europeo è finalizzata alla realizzazione di uno sviluppo equilibrato e sostenibile, rafforzando in particolare la coesione economica e sociale. La relazione Brundtland delle Nazioni Unite definisce lo sviluppo sostenibile non solo come sviluppo economico nel rispetto dell’ambiente, che preservi le attuali risorse per le generazioni future, ma anche come sviluppo equilibrato dello spazio. Ciò significa, in particolare, conciliare le esigenze sociali ed economiche in materia di spazio con le sue funzioni ecologiche e culturali, e contribuire in tal modo alla realizzazione di uno sviluppo territoriale duraturo ed ampiamente equilibrato. In tal modo, l’UE si svilupperà progressivamente, da unione economica, in unione ecologica e, successivamente, in unione sociale, rispettando la diversità regionale.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

24


Comune di Almenno San Salvatore

Figura - Triangolo degli obiettivi: sviluppo equilibrato e durevole dello spazio

Fonte: Documento Schema di Sviluppo dello Spazio Europeo SSSE - Verso uno sviluppo territoriale equilibrato e durevole del territorio dell’Unione Europea Approvato dal Consiglio informale dei Ministri responsabili della gestione del territorio a Potsdam, Maggio 1999. Il triplice obiettivo implica il perseguire congiuntamente le tre seguenti finalità politiche: • la coesione economica e sociale, • la salvaguardia delle risorse naturali e del patrimonio culturale, • una competitività più equilibrata dello spazio europeo.

Per ottenere uno sviluppo del territorio più equilibrato, tali finalità o modelli vanno perseguiti contemporaneamente in tutte le regioni dell’UE, tenendo conto anche delle loro interazioni. Gli obiettivi dell’SSSE vanno fatti propri sia dalle istituzioni europee, che dalle autorità di

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

25


Comune di Almenno San Salvatore

governo e delle amministrazioni nazionali, regionali e locali. Il contributo delle politiche di programmazione territoriale consiste nel promuovere lo sviluppo sostenibile dell’UE attraverso una struttura equilibrata della popolazione e del territorio. Già nel 1994, i ministri responsabili dell’assetto del territorio avevano convenuto tre finalità o modelli di politica per lo sviluppo della struttura della popolazione e del territorio dell’UE: • la realizzazione di un sistema di città equilibrato e policentrico e un nuovo rapporto tra città e campagna, • la garanzia di un accesso equivalente alle infrastrutture e alle conoscenze e • lo sviluppo sostenibile, la gestione attenta e la tutela del patrimonio naturale e culturale. Il rafforzamento di territori dell’UE strutturalmente deboli, nonché l’adeguamento delle condizioni di vita e di lavoro al di là dei confini nazionali, in territori che presentano diversi gradi di sviluppo, rappresentano una sfida importante. Vanno pertanto armonizzati i tre obiettivi di sviluppo, di equilibrio e di salvaguardia. Una strategia finalizzata unilateralmente all’equilibrio provoca un indebolimento delle regioni economicamente più forti ed accresce, contemporaneamente, la dipendenza di quelle più deboli. Lo sviluppo di per sé moltiplica gli squilibri regionali. Un’eccessiva protezione o salvaguardia delle strutture territoriali genera il rischio di sclerosi e immobilismo, in quanto pone un freno alle tendenze alla modernizzazione. Solo la combinazione di obiettivi di sviluppo, di equilibrio e di salvaguardia, nonché una valutazione ponderata di tali obiettivi secondo le diverse situazioni territoriali, consentono uno sviluppo territoriale equilibrato e sostenibile. L’SSSE dà una visione del futuro spazio europeo. Con i suoi orientamenti e le sue opzioni esso rappresenta un quadro di riferimento comune per l’adozione da parte delle istanze responsabili, pubbliche e private, di azioni rilevanti ai fini dell’assetto del territorio. L’SSSE dovrà inoltre trasmettere un segnale positivo per un’ampia partecipazione del pubblico al dibattito politico sulle decisioni a livello europeo e sull’impatto di tali decisioni su città e regioni. OBIETTITVI POLITICI E OPZIONI PER IL TERRITORIO EUROPEO Lo SSSE, che è rivolto all'insieme dei protagonisti dello sviluppo dello spazio a livello europeo, nazionale, regionale e locale, persegue i seguenti obiettivi e le seguenti linee politiche: A) l'istituzione di un sistema urbano policentrico ed equilibrato; B) la promozione di modelli di trasporti e di comunicazione integrati, che favoriscono

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

26


Comune di Almenno San Salvatore

l'equivalenza di accesso alle infrastrutture e alle conoscenze nell'intero territorio dell'Unione; C) lo sviluppo e la tutela della natura e del patrimonio culturale.

-

-

-

A) Sviluppo policentrico dello spazio e nuovo rapporto tra città e campagna Attualmente, il cuore dell'Europa - delimitato dalle metropoli di Londra, Parigi, Milano, Monaco di Baviera e Amburgo - è la sola zona dinamica di integrazione nell'economia mondiale. Nell'Unione le attuali tendenze territoriali sono però caratterizzate dalla costante concentrazione di funzioni globali molto efficienti in tale area e in qualche altra metropoli (Barcellona, regione dell'Oresund). Nella prospettiva dell'allargamento e di una crescente integrazione delle economie nazionali nel mercato interno e nell'economia mondiale, il modello di sviluppo policentrico previsto permetterà di evitare un'eccessiva concentrazione della popolazione e del potere economico, politico e finanziario in un'unica zona dinamica. Lo sviluppo di una struttura urbana relativamente decentrata permetterà di valorizzare il potenziale di tutte le regioni europee e quindi di ridurre le disparità regionali. Anziché limitarsi a favorire, come in passato, il semplice collegamento della periferia al centro attraverso nuove infrastrutture, il modello di sviluppo policentrico dello spazio propone: di creare più zone di integrazione economica mondiale; di promuovere un sistema equilibrato di regioni metropolitane e di grappoli di città; di promuovere strategie integrate di sviluppo urbano all'interno degli Stati membri che inglobano gli spazi rurali adiacenti; di rafforzare la cooperazione tematica (trasporti locali, legami tra università e centri di ricerca, gestione del patrimonio culturale, integrazione dei nuovi migranti) nell'ambito di reti transfrontaliere e transnazionali che coinvolgono i paesi del Nord Europa, dell'Europa dell'Est e del bacino del Mediterraneo. Per permettere uno sviluppo sostenibile, le strategie integrate di sviluppo delle città e delle regioni urbane devono cogliere alcune sfide di rilievo: rafforzare il ruolo strategico delle regioni metropolitane e delle "città porta" che danno accesso al territorio dell'Unione (grandi porti, aeroporti intercontinentali, città in cui hanno sede fiere e esposizioni internazionali, centri culturali di fama mondiale), riservando una particolare attenzione alle regioni periferiche; controllare l'espansione delle città ispirandosi al principio di "città compatta" (città dalle

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

27


Comune di Almenno San Salvatore

brevi distanze), in particolare nelle regioni costiere; - migliorare la base economica sfruttando le potenzialità peculiari del territorio e insediandovi attività innovative, diversificate e creatrici di occupazione; - favorire la plurifunzionalità e la pluralità dei gruppi sociali, soprattutto nelle metropoli, per lottare contro l'esclusione sociale di parte della popolazione, ristrutturare e valorizzare i quartieri in crisi e riurbanizzare i siti industriali dismessi; - gestire con intelligenza risorse come l'acqua, il suolo, l'energia e i rifiuti, salvaguardare la natura e il patrimonio culturale, ampliare gli spazi naturali; - migliorare l'accessibilità di tali zone grazie a mezzi di trasporto efficaci e non inquinanti. Vivere e produrre in campagna di per sé non è contrario ad uno sviluppo economico competitivo né alla crescita dell'occupazione. I territori rurali, molto diversi tra loro, si sono riconvertiti (o hanno cominciato a farlo) per dare una risposta alle loro debolezze strutturali e concentrarsi sullo sviluppo endogeno. Per ovviare alla scarsità della popolazione e ad un impiego dei suoli sostanzialmente agricolo, le zone rurali sono infatti costrette a diversificare le loro attività applicando strategie basate su specificità ed esigenze proprie. La riscoperta della multifunzionalità di un'agricoltura orientata alla qualità (sicurezza alimentare, prodotti locali, agriturismo, valorizzazione del patrimonio e dei paesaggi, impiego di energie rinnovabili), lo sviluppo di attività connesse alle nuove tecnologie dell'informazione e lo scambio di esperienze su tematiche mirate permetteranno alle zone rurali di sfruttare in maniera ottimale il loro potenziale di sviluppo. D'altro canto, riflettere a un nuovo partenariato tra città e campagna significherà incoraggiare un approccio integrato su scala regionale per poter risolvere insieme difficoltà insormontabili se affrontate separatamente. Tale partenariato permetterà di definire strategie originali di sviluppo e di conservare un'offerta minima di servizi e trasporti pubblici, nonché di rafforzare efficacemente la pianificazione territoriale. Esso favorirà inoltre gli scambi di esperienze attraverso reti di cooperazione che coinvolgono autorità locali e imprese urbane e rurali. B) Parità di accesso alle infrastrutture e alla conoscenza Pur non potendo conseguire da sole gli obiettivi della coesione economica e sociale, le infrastrutture dei trasporti e delle telecomunicazioni costituiscono senza dubbio strumenti importantissimi che permettono l'interconnessione tra i territori, in particolare tra le zone centrali e quelle periferiche e tra i centri urbani e la provincia.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

28


Comune di Almenno San Salvatore

Il futuro ampliamento delle reti transeuropee dovrà ispirarsi al concetto di sviluppo policentrico. Innanzitutto occorrerà designare e servire in via prioritaria le zone economiche di integrazione mondiale, riservando una particolare attenzione alle regioni con svantaggi di tipo geografico e ai collegamenti secondari all'interno delle regioni. Inoltre, è necessario che tutte le regioni possano beneficiare di un accesso equilibrato ai nodi intercontinentali (porti e aeroporti). L'aumento del traffico di persone e di merci a cui oggi assistiamo costituisce una crescente minaccia per l'ambiente e per l'efficacia dei sistemi di trasporto. Attraverso una politica adeguata di sviluppo territoriale (trasporti pubblici in città, intermodalità, condivisione di infrastrutture), sarà possibile affrontare in maniera integrata le pressioni esercitate sull'ambiente dalla crescente mobilità, dal congestionamento del traffico e dall'occupazione dei suoli. L'accesso alle conoscenze e alle infrastrutture ha una grandissima importanza in una società basata sul sapere. I mercati dell'occupazione e le imprese hanno bisogno di sistemi dinamici di innovazione, di un trasferimento efficace di tecnologie e devono potersi avvalere di un sistema di istruzione e di formazione efficiente. L'accesso al sapere e il potenziale innovativo attualmente restano però male ripartiti nell'Unione europea e concentrati nelle regioni dove l'economia è più dinamica. L'innalzamento del livello di istruzione e di formazione degli abitanti delle regioni in difficoltà, in particolare attraverso la diffusione delle nuove tecnologie dell'informazione (servizio di base, politica tariffaria adeguata, formazione e sensibilizzazione) contribuirà a contrastare gli squilibri esistenti. C) Gestione prudente della natura e del patrimonio culturale Lo sviluppo dello spazio potrà svolgere un ruolo di primo piano a favore del mantenimento della biodiversità e della sua utilizzazione sostenibile su scala locale e regionale. Se talora si giustificano misure rigorose di protezione, spesso appare più indicato inserire la gestione dei siti minacciati in strategie di pianificazione territoriale che prendono di mira zone più vaste. Se rispettate e valorizzate, la natura e la cultura costituiscono infatti un fattore economico non trascurabile ai fini dello sviluppo regionale. La ricchezza del patrimonio e dei paesaggi culturali dell'Europa è l'espressione della sua identità e riveste un'importanza universale. Per invertire la tendenza all'abbandono e al degrado e trasmettere tale patrimonio alle generazioni future nelle condizioni migliori è indispensabile affrontare questo problema con un approccio creativo: occorre definire

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

29


Comune di Almenno San Salvatore

strategie integrate di tutela e di valorizzazione dei paesaggi e del patrimonio naturale e sensibilizzare il pubblico sul contributo delle politiche di pianificazione territoriale in termini di difesa del retaggio per le generazioni future. Nell'Unione europea lo sviluppo delle risorse naturali è fondato anche sulla pianificazione di strategie integrate che garantiscano la gestione sostenibile dei fattori ambientali (acqua, aria e suolo) e una protezione mirata di zone specifiche: - in base agli impegni del protocollo di Kyoto la riduzione delle emissioni di CO2 è indispensabile per contrastare l'effetto serra, in particolare attraverso la promozione di strutture abitative che consumano meno energia, che generano meno traffico e che fanno maggiore ricorso a energie rinnovabili; - l'acqua è una risorsa vitale: anche se in Europa la disponibilità d'acqua si considera spesso un'ovvietà, in futuro sarà sempre più difficile garantire un livello equivalente di approvvigionamento, in termini sia qualitativi che quantitativi, a causa dell'eccessivo consumo e dell'inquinamento. Sono quindi indispensabili politiche concertate per la gestione del patrimonio idrico (acqua di superficie, di falda e di mare), imperniate principalmente sulla prevenzione, su una migliore occupazione dei suoli, sulla gestione delle crisi (inondazioni, siccità), la sensibilizzazione e la cooperazione al di là delle frontiere; - la creazione della rete "Natura 2000" di zone protette costituisce un approccio pertinente di sviluppo sostenibile. Altre zone sensibili (montagne, zone umide, isole) possiedono una grande diversità biologica che, attraverso un'idonea strategia integrata, offre prospettive di sviluppo. La gestione integrata delle zone costiere (GIZC) dovrà affrontare le molteplici problematiche con le quali devono fare i conti ben 90000 chilometri di litorale.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

30


Comune di Almenno San Salvatore

2.2 IL PIANO TERRITORIALE REGIONALE (fonte: sito web del PTR, Regione Lombardia)

Il Consiglio Regionale della Lombardia ha approvato, nella seduta del 19 gennaio 2010, il Piano Territoriale Regionale, principale strumento di governance territoriale. Dal 17 febbraio 2010 il Piano ha acquistato efficacia.

2.2.1 COMPATIBILITÀ’ DEGLI ATTI DI GOVERNO DEL TERRITORIO CON IL PTR

“Il PTR costituisce quadro di riferimento per la valutazione di compatibilità degli atti di governo del territorio,…” , l’assunto della legge implica che ciascun atto che concorre a vario titolo e livello al governo del territorio in Lombardia deve confrontarsi con il sistema di obiettivi del PTR. Tale operazione deve essere intesa, in termini concreti, nell’identificazione delle sinergie che il singolo strumento è in grado di attivare per il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo per la Lombardia, della messa in luce delle interferenze in positivo e in negativo delle azioni e delle misure promosse dal singolo strumento, nonché delle possibilità di intervento che il PTR non ha evidenziato con misure dirette che invece possono essere promosse da altri strumenti più vocati al conseguimento degli obiettivi specifici. La pianificazione in Lombardia deve complessivamente fare propri e mirare al conseguimento degli obiettivi del PTR, deve proporre azioni che siano calibrate sulle finalità specifiche del singolo strumento ma che complessivamente concorrano agli obiettivi generali e condivisi per il territorio regionale, deve articolare sistemi di monitoraggio che evidenzino l’efficacia nel perseguimento degli obiettivi di PTR. L’assunzione degli obiettivi di PTR all’interno delle politiche e delle strategie dei diversi piani deve essere esplicita e puntualmente riconoscibile con rimandi diretti. Le politiche promosse dal piano trovano attuazione a vari livelli e mediante la pluralità di azioni, che i diversi soggetti (Comuni, Province e Regione in primis) mettono in atto avendone condivisa la linea strategica: questo potenzia in particolare il ruolo e le responsabilità degli attori territoriali di livello locale che diventano soggetti di forte collaborazione con la Regione. Perché la valenza programmatoria del piano acquisti operatività, è necessario infatti che la traduzione delle strategie in politiche a livello regionale venga accompagnata da una declinazione a livello locale delle medesime. Per quanto attiene la strategia e la disciplina paesaggistica, il PTR integra nel sistema degli obiettivi le grandi priorità e linee di azione regionale, che declina puntualmente all’interno della sezione Piano Paesaggistico. Il PTR costituisce quadro di riferimento paesistico e strumento di disciplina paesaggistica del territorio regionale.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

31


Comune di Almenno San Salvatore

Ai fini della prevenzione dei rischi geologici, idrogeologici e sismici, il PTR costituisce quadro delle conoscenze delle caratteristiche fisiche del territorio, anche mediante l’utilizzo degli strumenti informativi e con riferimento al SIT Integrato e indica gli indirizzi per il riassetto del territorio. Per la costruzione degli atti di governo del territorio di comuni, province, comunità montane, enti gestori di parchi regionali e di ogni altro ente dotato di competenze in materia e nell’ambito della Valutazione Ambientale prevista per i piani (l.r.12/05 art.4), della valutazione di compatibilità del Documento di Piano dei PGT (l.r.12/05, art.13 comma 8), della verifica di compatibilità dei PTCP (l.r.12/05, art.17 comma 7), il PTR costituisce quadro di riferimento (l.r.12/05 art. 20 comma 1, primo periodo), in particolare per quanto attiene la rispondenza: - al sistema degli obiettivi di piano - agli orientamenti per l’assetto del territorio regionale agli indirizzi per il riassetto idrogeologico - agli obiettivi tematici e per i Sistemi Territoriali - alle disposizioni e indirizzi del Piano Paesaggistico (Piano Paesaggistico – norma art.11), secondo gli effetti previsti dalla normativa di piano (Piano Paesaggistico – norma artt.14, 15, 16) - alle previsioni costituenti obiettivi prioritari di interesse regionale. - Piani Territoriali Regionali d’Area In particolare i Comuni, in sede di predisposizione del Documento di Piano di PGT, indicano i Sistemi Territoriali del PTR cui fanno riferimento per la definizione delle proprie strategie e azioni.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

32


Comune di Almenno San Salvatore

2.2.2 OBIETTIVI E INDIRIZZI DEL PIANO TERRITORIALE REGIONALE

Tre macro-obiettivi per la sostenibilità Il Piano Territoriale Regionale definisce tre macro - obiettivi quali basi delle politiche territoriali lombarde per il perseguimento dello sviluppo sostenibile, che concorrono al miglioramento della vita dei cittadini: - rafforzare la competitività dei territori della Lombardia - riequilibrare il territorio lombardo - proteggere e valorizzare le risorse della regione. Essi discendono dagli obiettivi di sostenibilità della Comunità Europea: coesione sociale ed economica, conservazione delle risorse naturali e del patrimonio culturale, competitività equilibrata dei territori. 1- Rafforzare la competitività dei territori della Lombardia Competitività è la capacità di una regione di migliorare la produttività rispetto ad altri territori, migliorando nel contempo gli standard di qualità della vita dei cittadini. La competitività è un concetto complesso che comprende tutti gli aspetti che vengono indicati come “condizioni per lo sviluppo”. Essa non riguarda quindi solo la capacità di affermazione delle imprese sui mercati interno ed estero, ma anche, e in primo luogo, quei fattori che rendono possibile tali performance. Il concetto di competitività dei territori fa riferimento, più che alla competizione attraverso le imprese, alla capacità di generare attività innovative e di trattenerle sul proprio territorio e di attrarne di nuove dall’esterno. Si fa riferimento, in breve, al fatto che la produttività dipende dalla capacità di generare, attrarre e trattenere sul territorio risorse essenziali, materiali e immateriali, che contribuiscono alla performance delle imprese: tecnologia, capitale, risorse umane qualificate. Essenziale per la competitività di un territorio è quindi la presenza di un insieme di fattori in grado di attrarre queste risorse: centri di ricerca, università, professionalità qualificate, conoscenze e imprese che operano in settori avanzati, oltre ad una pubblica amministrazione efficiente. Ma tra i fattori prioritari per la competitività va annoverata anche – e questo sta diventando sempre più importante - l’efficienza territoriale, globalmente intesa: efficienti reti infrastrutturali di trasporto e di telecomunicazioni, ordinato assetto insediativo, buone condizioni ambientali, efficienze dei servizi alle persone e alle imprese, offerta culturale di qualità. L’efficienza territoriale costituisce, infatti, una “precondizione” indispensabile per

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

33


Comune di Almenno San Salvatore

qualsiasi politica di rafforzamento della competitività della regione nei confronti delle regioni e delle città europee concorrenti, che proprio dell’efficienza territoriale e della qualità della vita hanno fatto un elemento di forte attrattività. Attrattività e competitività sono concetti molto legati e si potrebbe definire l’attrattività come una precondizione della competitività futura di un territorio. Il perseguimento della competitività per la Lombardia non è quindi indipendente dal perseguimento della sua attrattività, che molto dipende dalla valorizzazione e tutela delle risorse territoriali, così come non prescinde dal riequilibrio dei territori della Lombardia. Se si prendono in considerazione i fattori che incrementano l’attrattività di un territorio in relazione a determinate risorse (capitale umano e imprese ad esempio), è chiaro come ogni politica di valorizzazione delle risorse della Lombardia può essere utile al perseguimento di questo obiettivo (es. interventi sul paesaggio o sull’ambiente che, migliorando la qualità dell’ambiente e della vita, favoriscono la decisione di personale altamente qualificato di rimanere sul territorio ovvero di imprese a livello globale di insediarsi in Lombardia). Il miglioramento della qualità della vita genera un incremento della capacità di attrarre e trattenere risorse sul territorio. Questo comporta l’esigenza di una maggiore progettualità territoriale dal basso, a partire dai luoghi di generazione di risorse, e di una maggiore la capacità di cooperazione e di condivisione di obiettivi tra diversi livelli di governo e tra diversi soggetti dello stesso livello. 2 - Riequilibrare il territorio della Regione La Lombardia è costituita da un insieme di territori che possono essere letti su più piani e sotto differenti aspetti, aggregandosi in modo differente secondo l’approccio di lettura adottato. Nella regione coesistono sistemi territoriali, che rivestono ruoli complementari ai fini del miglioramento della competitività, ma che sono molto differenti dal punto di vista del percorso di sviluppo intrapreso: un Sistema Metropolitano denso e continuo, contenitore di importanti risorse propulsive per lo sviluppo, ma anche generatore di effetti negativi sul territorio circostante (congestione, inquinamento, concentrazione delle attività); una montagna ricca di risorse naturali e paesaggistiche spesso non valorizzate e in via di spopolamento a causa della mancanza di opportunità; il Sistema Pedemontano connotato da una rilevante pressione antropica e infrastrutturale e

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

34


Comune di Almenno San Salvatore

da criticità ambientali causate da attività concorrenti; il Sistema dei Laghi con un ricco potenziale e capacità di attrarre funzioni di eccellenza, ma che rischia di diventare lo sfogo della congestione del Sistema Metropolitano e Pedemontano; gli ambiti fluviali e l’asta del Po interessati da fattori di rischio, ma anche connotati da alti valori ambientali e la Pianura Irrigua, che svolge un ruolo di presidio nei confronti della pressione insediativa, ma subisce fenomeni di marginalità e degrado ambientale. I processi di sviluppo portano in sé delle contraddizioni, dovute sostanzialmente alla generazione di disequilibri territoriali che richiedono di essere individuati e controbilanciati con adeguate misure. Riequilibrare il territorio della Lombardia non significa perseguirne l’omologazione, ma valorizzarne i punti di forza e favorire il superamento dei punti di debolezza. L’equilibrio del territorio della Lombardia è inteso come lo sviluppo di un sistema policentrico con lo scopo di alleggerire la pressione insediativa sulla conurbazione centrale e mitigare così gli effetti ambientali negativi senza tuttavia mortificarne il ruolo, rafforzare i centri funzionali importanti ma allo stesso tempo distribuire, per quanto possibile, le funzioni su tutto il territorio in modo da garantire parità di accesso alle infrastrutture, alla conoscenza ed ai servizi a tutta la popolazione, perseguendo la finalità di porre tutti i territori della regione nella condizione di svilupparsi in armonia con l’andamento regionale ed in relazione con le proprie potenzialità. Si tratta di un obiettivo territoriale che aiuta a perseguire la coesione economica e sociale come riduzione dei divari strutturali tra i territori e come promozione di pari opportunità tra i cittadini, insita nel concetto di sviluppo sostenibile. In termini relazionali è necessario costruire le condizioni affinché si definisca una rete di territori efficiente, sia nel perseguimento di obiettivi di sviluppo territoriale, sia nell’interfaccia con l’esterno tramite i poli funzionali maggiori e più accessibili. 3 - Proteggere e valorizzare le risorse della Lombardia La Lombardia è caratterizzata dalla presenza diffusa, su un territorio relativamente vasto, di una varietà di risorse: di tipo primario (naturali, capitale umano, aria, acqua e suolo) e prodotte dalle trasformazioni avvenute nel corso del tempo (culturali, paesaggistiche, identitarie, della conoscenza e di impresa). Tali risorse costituiscono la ricchezza e la forza della regione: esse devono essere

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

35


Comune di Almenno San Salvatore

contemporaneamente preservate dallo spreco e da interventi che ne possano inficiare l’integrità e valorizzate come fattore di sviluppo, sia singolarmente che come sistema, anche mediante modalità innovative e azioni di promozione. Il concetto di risorsa è dinamico, varia nel tempo e nello spazio e dipende fortemente dal contesto di riferimento: ciò che viene considerato risorsa in un dato momento può non esserlo più in un altro. Per quanto riguarda più strettamente le risorse fisiche, naturali o antropiche, tuttavia, la logica della sostenibilità assunta come criterio base comporta un atteggiamento di grande attenzione, in cui la fase preliminare di conoscenza è in ogni caso fondamentale per l’attribuzione del giusto valore alle risorse territoriali. Il complesso delle risorse e del patrimonio culturale rappresenta e costituisce l’identità della regione e in quanto tale deve essere riconosciuto per il suo valore intrinseco e salvaguardato da fattori di rischio, derivanti da uso improprio, e da condizioni di degrado, derivanti da scarsa tutela fisico-ambientale, garantendo nel contempo la sicurezza del territorio e dei cittadini. Un’attenzione particolare deve essere posta alla ricchezza del capitale umano e alla conoscenza accumulata, affinché non sia dispersa e banalizzata, ma venga valorizzata nei progetti di alta formazione per le nuove generazioni. Si tratta di un problema che attiene prevalentemente a politiche economiche e sociali, ma anche le politiche territoriali possono svolgere un importante compito. Gli obiettivi del PTR Per la crescita durevole della Lombardia, il filo rosso che collega i tre macro-obiettivi alla concretezza dell’azione passa attraverso l’individuazione e l’articolazione nei 24 obiettivi che il PTR propone. Essi rappresentano una “meridiana” ideale che proietta sul territorio e nei diversi ambiti di azione l’immagine dello sviluppo cui la Lombardia vuole tendere. Di seguito si riporta lo schema degli obiettivi del PTR tratto dal Documento di Piano del Piano Territoriale Regionale della Lombardia adottato.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

36


Comune di Almenno San Salvatore

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

37


Comune di Almenno San Salvatore

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

38


Comune di Almenno San Salvatore

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

39


Comune di Almenno San Salvatore

Fonte: Documento di Piano del PTR della Regione Lombardia adottato.

Di seguito si riporta la cartografia relativa al documento di Piano del PTR.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

40


Comune di Almenno San Salvatore

TAV.1 – Documento di Piano – P.T.R. Polarità e poli di sviluppo regionale

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

41


Comune di Almenno San Salvatore

TAV.2 – Documento di Piano – P.T.R. Zone di preservazione e salvaguardia ambientale

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

42


Comune di Almenno San Salvatore

Stralcio TAV.3 – Documento di Piano – P.T.R. Infrastrutture prioritarie per la Lombardia. Cerchio giallo: Localizzazione di Almenno S. Salvatore Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

43


Comune di Almenno San Salvatore

Stralcio TAV.4 – Documento di Piano – P.T.R, I sistemi territoriali del P.T.R.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

44


Comune di Almenno San Salvatore

2.2.3 ALMENNO SAN SALVATORE E IL PIANO TERRITORIALE REGIONALE DELLA LOMBARDIA

Il Piano Territoriale Regionale della Lombardia classifica il territorio comunale come appartenente al Sistema territoriale Metropolitano (settore est) e al Sistema territoriale Pedemontano, come illustra la figura seguente.

Localizzazione di Almenno San Salvatore

Estratto tavola 4 “I sistemi territoriali del P.T.R.� del Piano Territoriale Regionale con localizzazione di Almenno San Salvatore.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

45


Comune di Almenno San Salvatore

Di seguito si riportano gli obiettivi del PTR per il Sistema Territoriale Pedemontano e per il Sistema Territoriale Metropolitano, con cui la pianificazione territoriale a livello comunale deve confrontarsi.

OBIETTIVI DEL SISTEMA TERRITORIALE PEDEMONTANO (tratti dal Documento di Piano del PTR) ST3.1 Tutelare i caratteri naturali diffusi attraverso la creazione di un sistema di aree verdi collegate tra loro(reti ecologiche) (ob. PTR . 14, 16, 17, 19) • Tutelare i caratteri naturali diffusi costituti dai biotopi lungo i corsi d’acqua e le rive dei laghi, dalle macchie boscate che si alternano ai prati in quota e alle colture del paesaggio agrario nella zona collinare • Creare un sistema di aree naturali e di connessione verde che si inserisce nella maglia infrastrutturale di nuova previsione e garantisca il collegamento tra parti della rete ecologica soprattutto in direzione nord-sud ST3.2 Tutelare sicurezza e salute dei cittadini attraverso la riduzione dell'inquinamento ambientale e la preservazione delle risorse (ob. PTR . 7,8,17) • Migliorare qualità ed efficienza del parco veicolare incentivando il ricambio di quello vetusto, in particolare dei mezzi commerciali, per ridurre gli elevati livelli di inquinamento atmosferico ed acustico • Adeguare la qualità ed efficienza degli impianti delle attività produttive favorendo l'introduzione dei nuove tecnologie finalizzati a processi produttivi più sostenibili; incentivare la sostituzione degli impianti di riscaldamento ad olio combustibile sia ad uso civile che industriale • Evitare l'eccessiva pressione antropica sull’ambiente e sul paesaggio che potrebbe condurre alla distruzione di alcune risorse di importanza vitale (suolo, acqua, ecc.), oltre che alla perdita delle potenzialità di attrazione turistica di alcune aree di pregio. ST3.3 Favorire uno sviluppo policentrico evitando la polverizzazione insediativa (ob. PTR . 13)

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

46


Comune di Almenno San Salvatore

• Rafforzare la struttura policentrica mediante la valorizzazione dei comuni capoluogo con l’insediamento di funzioni di alto rango, evitando le saldatura tra l’urbanizzato soprattutto lungo le vie di comunicazione e nei fondovalle vallivi e creando una gerarchia di rete tra i centri • Favorire politiche insediative tese a contenere la polverizzazione insediativa e la saldatura dell’urbanizzato lungo le direttrici di traffico, con conseguente perdita di valore paesaggistico, favorendo la ricentralizzazione delle funzioni e delle attività attorno ai punti di massima accessibilità ferroviaria • Ridurre il consumo di suolo e presidiare le aree libere e gli ambiti agricoli a cesura del continuum urbanizzato ST3.4 Promuovere la riqualificazione del territorio attraverso la realizzazione di nuove infrastrutture per la mobilità pubblica e privata (ob. PTR . 2, 3, 4) • Promuovere il trasporto su ferro attraverso la riqualificazione e il potenziamento delle linee ferroviarie. • Rafforzare il sistema infrastrutturale est-ovest, stradale e ferroviario, per ridisegnare il territorio intorno ad un progetto condiviso di sviluppo urbano policentrico, comprendente anche il capoluogo regionale, alternativo allo sviluppo diffusivo che provoca la saldatura delle aree urbane • Potenziare il Servizio Ferroviario Regionale, per favorire le relazioni interpolo, ed estendere i Servizi • Suburbani a tutti i poli urbani regionali, per dare un'alternativa modale al trasporto individuale e ridurre la congestione da traffico • Ridurre la congestione da traffico veicolare ingenerato dalla dispersione insediativa con investimenti sul rafforzamento del Servizio Ferroviario Suburbano e Regionale e comunque tesi a favorire l'uso del mezzo pubblico (centri di interscambio modale e sistemi di adduzione collettiva su gomma di tipo innovativo) • Promuovere un progetto infrastrutturale e territoriale integrato per il territorio interessato dalla BreBeMi per favorire il riequilibrio dell'assetto insediativo regionale e il miglioramento della qualità ambientale delle aree attraversate

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

47


Comune di Almenno San Salvatore

ST3.5 Applicare modalità di progettazione integrata tra infrastrutture e paesaggio (ob. PTR: 2, 20, 21) • Prevedere nei programmi di realizzazione di opere infrastrutturali risorse finanziarie per promuovere progetti di ricomposizione e qualificazione paesaggistico/ambientale dei territori attraversati dai nuovi assi viari e applicazione sistematica delle modalità di progettazione integrata che assumano la qualità ambientale e paesaggistica del contesto come riferimento culturale • Applicare sistematicamente modalità di progettazione integrata che assumano la qualità paesaggistica del contesto come riferimento culturale per la nuova progettazione per una migliore integrazione territoriale e paesistica dei progetti ST3.6 Tutelare e valorizzare il paesaggio caratteristico attraverso la promozione della fruibilità turistico-ricreativa e il mantenimento dell'attività agricola (ob. PTR . 10, 14, 21) • Tutela e ricognizione dei percorsi e dei belvedere panoramici come luoghi di fruizione ampia del paesaggio anche attraverso il recupero dei sentieri escursionistici e dei percorsi ferroviari come itinerari di fruizione turistica privilegiati • Tutela e rafforzamento delle caratteristiche dei diversi paesaggi del Sistema Pedemontano (prealpino, collinare e dei laghi morenici) caratterizzati per l'elevata attrazione per la residenza e il turismo • Garantire il mantenimento di attività agricole in funzione di miglioramento della qualità ambientale complessiva e di valorizzazione del paesaggio ST3.7 Recuperare aree e manufatti edilizi degradati in una logica che richiami le caratteristiche del territorio pedemontano (ob. PTR . 5, 6, 14) • Promuovere interventi di recupero delle aree degradate a seguito di una intensa attività estrattiva • Incentivare il recupero, l’autorecupero e la riqualificazione dell’edilizia rurale, mediante i principi della bioedilizia e il rispetto delle tradizioni costruttive locali ST3.8 Incentivare l'agricoltura e il settore turistico ricreativo per garantire la qualità dell' ambiente e del paesaggio caratteristico

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

48


Comune di Almenno San Salvatore

(ob. PTR . 10, 14, 18, 19, 21) • Promuovere e supportare interventi per l’organizzazione integrata e diversificata dell’offerta turistica, favorendo una fruizione sostenibile del territorio (turismo culturale, termale, congressuale, enogastronomico, naturalistico) • Incentivare l’agricoltura biologica e di qualità come modalità per tutelare e migliorare la qualità dell'ambiente e per contenere la dispersione insediativa • Favorire la creazione di filiere corte ed extracorte della produzione ortofrutticola e zootecnica locale per mantenere la presenza di ambiti agricoli e di produzioni di nicchia anche per evitare la saldatura del territorio urbanizzato ST3.9 Valorizzare l'imprenditoria locale e le riconversioni produttive garantendole l'accessibilità alle nuove infrastrutture evitando l'effetto "tunnel" (ob. PTR . 6, 24) • Valorizzare le iniziative di progettualità comune e condivisa dell'imprenditoria locale sfruttando l’accessibilità internazionale e le sinergie con Milano • Favorire politiche di riconversione produttiva delle aree interessate da settori produttivi in crisi • (tessile-seta, ad esempio) facendo leva sulle punte di eccellenza in alcuni settori, sulle autonomie funzionali radicate sul territorio e sulle potenzialità innovative presenti sul territorio grazie al mix università-esperienza. • Valorizzare il passaggio di infrastrutture di collegamento di livello alto con politiche appropriate di ordine economico (riconversioni produttive, localizzazione di nuovi servizi alle imprese) tali da evitare il rischio dell’effetto “tunnel” con perdita di opportunità di carattere economico e sociale Uso del suolo • Limitare l’ulteriore espansione urbana • Favorire interventi di riqualificazione e riuso del patrimonio edilizio • Conservare i varchi liberi, destinando prioritariamente le aree alla realizzazione della Rete Verde Regionale, anche mediante la proposta di nuovi Parchi Locali di Interesse Sovracomunale • Evitare la dispersione urbana, mantenendo forme urbane compatte • Mantenere la riconoscibilità dei centri urbani evitando le saldature lungo le infrastrutture • Realizzare le nuove edificazioni con modalità e criteri di edilizia sostenibile

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

49


Comune di Almenno San Salvatore

• Coordinare a livello sovraccomunale nell’individuazione di nuove aree produttive e di terziario/commerciale • Evitare la riduzione del suolo agricolo OBIETTIVI DEL PTR PER IL SISTEMA TERRITORIALE METROPOLITANO (tratti dal Documento di Piano del PTR)

-

-

-

-

ST1.1 Tutelare la salute e la sicurezza dei cittadini riducendo le diverse forme di inquinamento ambientale (ob. PTR 7,8,17) Prevenire e ridurre i livelli di inquinamento acustico generati dalle infrastrutture di trasporto (stradale, ferroviario e aeroportuale) e dagli impianti industriali soprattutto in ambito urbano. Ridurre l’inquinamento atmosferico, con una specifica attenzione alle zone di risanamento per la qualità dell'aria, agendo in forma integrata sul sistema di mobilità e dei trasporti, sulla produzione ed utilizzo dell'energia, sulle emissioni industriali e agricole. Promuovere la gestione integrata dei rischi presenti sul territorio, con particolare riferimento agli impianti industriali che si concentrano nella zona del nord Milano. Tutelare il suolo e le acque sotterranee dai fenomeni di contaminazione e bonifica dei siti contaminati anche attraverso la creazione di partnership pubblico-private sostenute da programmi di marketing territoriale. ST1.2 Riequilibrare il territorio attraverso forme di sviluppo sostenibili dal punto di vista ambientale (ob. PTR 14, 17) Sviluppare politiche per la conoscenza e la tutela della biodiversità vegetale e animale sostenuta dal mosaico di habitat che si origina in città. Sviluppare la rete ecologica regionale attraverso la tutela e il miglioramento della funzionalità ecologica dei corridoi di connessione e la tutela e valorizzazione delle aree naturali protette, con particolare riguardo a quelle di cintura metropolitana, che rivestono un ruolo primario per il riequilibrio per la fruizione e la ricreazione dei residenti costituendo ambiti privilegiati per la sensibilizzazione ambientale e fattore di contenimento delle pressioni generate dalla tendenza insediativa Valutare la possibilità di un sistema di incentivi che favorisca la presenza di un settore agricolo che contemperi le esigenze di un'adeguata produttività con un basso impatto ambientale Promuovere l'efficienza energetica nel settore edilizio e della diffusione delle fonti energetiche

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

50


Comune di Almenno San Salvatore

rinnovabili: in particolare il geotermico a bassa entalpia, sfruttando la disponibilità di acqua di falda a bassa profondità, e il solare termico

-

-

-

-

-

-

-

ST1.3 Tutelare i corsi d'acqua come risorsa scarsa migliorando la loro qualità (ob. PTR 16, 17) Ripristinare gli alvei dei fiumi e realizzare politiche per la tutela dei fiumi e per la prevenzione del rischio idraulico, in particolare del nodo di Milano, anche attraverso una maggiore integrazione degli interventi con il contesto ambientale e paesaggistico. Ridurre l’inquinamento delle acque e riqualificare i corsi d’acqua (con particolare riferimento a Seveso, Lambro e Olona) riportando progressivamente pulite le acque ST1.4 Favorire uno sviluppo e riassetto territoriale di tipo policentrico mantenendo il ruolo di Milano come principale centro del nord Italia (ob. PTR 2, 13) Creare un efficace sistema policentrico condiviso in una visione comune, attraverso il potenziamento dei poli secondari complementari evitando il depotenziamento di Milano Creare un polo regionale intorno all’aeroporto di Malpensa che ricomprenda anche il polo fieristico di Rho-Pero, grazie ad un progetto condiviso di valorizzazione e messa a sistema delle risorse territoriali esistenti e la piena valorizzazione delle opportunità offerte dal funzionamento dell’aeroporto e dalla possibilità di collegamenti con il nodo di Novara (che costituisce il collegamento con il porto di Genova) Realizzare le opere infrastrutturali necessarie a favorire l'accessibilità trasportistica su gomma favorendo il perfezionamento della rete stradale e in specie realizzando le opere finalizzate al perfezionamento delle relazioni tra i poli secondari del sistema territoriale, con particolare riferimento al sistema viabilistico pedemontano, alla tangenziale est esterna e al collegamento autostradale Milano-Brescia. Ridurre la tendenza alla dispersione insediativa, privilegiando la concentrazione degli insediamenti presso i poli e pianificando gli insediamenti coerentemente con il SFR ST1.5 Favorire l'integrazione con le reti infrastrutturali europee (ob. PTR 2, 12, 24) Sviluppare politiche territoriali, ambientali infrastrutturali atte a rendere competitivo il sistema urbano metropolitano lombardo con le aree metropolitane europee di eccellenza, puntando, in particolare, alla valorizzazione del patrimonio storico-culturale e paesaggistico, e atte altresì a migliorare la qualità della vita e a renderne manifesta la percezione. Valorizzare in termini di riequilibrio economico e territoriale, e di miglioramento della qualità

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

51


Comune di Almenno San Salvatore

-

-

-

-

-

-

ambientale, i territori interessati dagli interventi infrastrutturali per il collegamento con i nuovi valichi ferroviari del San Gottardo e del Sempione - Lötschberg. Valutare nel realizzare il Corridoio 5 non solo delle opportunità economiche del trasporto, ma anche delle potenzialità di riequilibrio dell'assetto insediativo regionale e di miglioramento della qualità ambientale delle aree attraversate, da governare anche attraverso l’istituzione di uno specifico Piano d'Area. ST1.6 Ridurre la congestione da traffico privato potenziando il trasporto pubblico e favorendo modalità sostenibili (ob. PTR 2, 3, 4) Potenziare il Servizio Ferroviario Regionale, atto a favorire le relazioni interpolo, ed estensione dei Servizi Suburbani a tutti i poli urbani regionali, così da offrire una valida alternativa modale al trasporto individuale ed evitando che le carenze infrastrutturali, che rendono difficoltosa la mobilità di breve e medio raggio, possano indurre fenomeni di decentramento da parte delle imprese e dei residenti. Sviluppare le applicazioni ICT (telelavoro, ecommerce, e-government), al fine di ridurre la domanda di mobilità. Sviluppare sistemi di trasporto pubblico, e percorsi ciclo-pedonali, di adduzione alle stazioni del Servizio Ferroviario Regionale e Suburbano. Rendere effettiva sul piano attuativo e temporale la realizzazione di edificazione di particolare rilevanza dimensionale e strategica con i tempi di realizzazione delle opere infrastrutturali ed i servizi di trasporto pubblico che ne rendano sostenibile la realizzazione ST1.7 Applicare modalità di progettazione integrata tra paesaggio urbano, periurbano, infrastrutture e grandi insediamenti a tutela delle caratteristiche del territorio (ob. PTR 3, 4, 5, 9, 14, 19, 20, 21) Applicare sistematicamente modalità di progettazione integrata che assumano la qualità paesistico/culturale e la tutela delle risorse naturali come riferimento prioritario e opportunità di qualificazione progettuale, particolarmente nei programmi di riqualificazione degli ambiti degradati delle periferie. Valorizzare la rete delle polarità urbane minori preservandone i valori storico-culturali messi a rischio dalla pressione insediativa derivante dallo spostamento della popolazione dai centri maggiori a più alta densità, alla ricerca di più elevati standard abitativi. Recuperare e rifunzionalizzare delle aree dismesse o degradate, con attenzione a previsioni

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

52


Comune di Almenno San Salvatore

-

-

-

-

-

d’uso che non si limitino ad aree edificate ma prendano in considerazione l’insediamento di servizi pubblici e di verde Tutelare il suolo libero esistente e preservarlo dall’edificazione e dai fenomeni di dispersione insediativa, in particolare per quanto riguarda le aree agricole periurbane. Pianificare attentamente gli insediamenti della grande distribuzione, per evitare la scomparsa degli esercizi di vicinato ed evitare creazione di congestione in aree già dense. Favorire la realizzazione di strutture congressuali di rilevanza internazionale valorizzando appieno le risorse ambientali, paesaggistiche e storiche del sistema urbano, unitamente a quelle dell'accessibilità trasportistiche. Realizzare opere infrastrutturali ed edilizie attente alla costruzione del paesaggio urbano complessivo. Valorizzare il sistema del verde e delle aree libere nel ridisegno delle aree di frangia, per il miglioramento della qualità del paesaggio urbano e periurbano ed il contenimento dei fenomeni conurbativi, con specifica attenzione alle situazioni a rischio di saldatura Assumere la riqualificazione e la rivitalizzazione dei sistemi ambientali come precondizione e principio ordinatore per la riqualificazione del sistema insediativo Favorire la riqualificazione dei quartieri urbani più degradati o ambientalmente irrisolti atta a ridurre le sacche di marginalità e disparità sociale e a facilitare l'integrazione della nuova immigrazione. ST1.8 Riorganizzare il sistema del trasporto merci (ob. PTR 2, 3) Completare e mettere a regime un sistema logistico lombardo che incentivi l'intermodalità ferro/gomma con la realizzazione sia di infrastrutture logistiche esterne al polo centrale di Milano, atte a favorire l'allontanamento dal nodo del traffico merci di attraversamento, sia di infrastrutture di interscambio prossime a Milano atte a ridurre la congestione derivante dal trasporto merci su gomma. Riorganizzare i sistemi di distribuzione delle merci in ambito urbano (city logistic) al fine di ridurne gli impatti ambientali. Adeguare la rete ferroviaria esistente e realizzare nuove infrastrutture per il collegamento con i nuovi valichi ferroviari del Gottardo e del Sempione e per lo sgravio del nodo di Milano con infrastrutture ferroviarie di scorrimento esterne al nodo. ST1.9 Sviluppare il sistema delle imprese lombarde attraverso la cooperazione verso un sistema produttivo di eccellenza (ob. PTR 11, 23, 24)

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

53


Comune di Almenno San Salvatore

-

-

-

-

-

-

-

Favorire la realizzazione di strutture di ricerca applicata finalizzate a realizzare economie di scala altrimenti impossibili alla realtà produttiva frammentata delle aziende, in consorzio con le eccellenze esistenti e con il sistema universitario lombardo. Promuovere iniziative di cooperazione con altri sistemi metropolitani italiani ed europei finalizzata a conseguire più elevati livelli di innovazione tecnologica, formativi, di condivisione della conoscenza, di competitività, di sviluppo. Promuovere interventi tesi alla cooperazione con le altre realtà del Sistema Metropolitano del Nord Italia finalizzati ad ottimizzare l’utilizzo delle risorse e a condividere attrezzature territoriali e di servizi, a migliorare la competitività complessiva e ad affrontare i problemi del più vasto sistema insediativo. ST1.10 Valorizzare il patrimonio culturale e paesistico del territorio (ob. PTR 5, 12, 18, 19, 20) Valorizzare gli elementi paesaggistici costituiti dal sistema delle bellezze artistiche, architettoniche e paesaggistiche diffuse nell’area, costituite da elementi storici diffusi (ville con parco, santuari e chiese, sistemi fortificati testimonianze di archeologia industriale) e da presenze riconoscibili del paesaggio agrario (cascine, tessitura della rete irrigua, filari, molini, navigli) al fine di percepirne la natura di sistema atto a contribuire al miglioramento della qualità ambientale complessiva, a produrre una maggiore attrazione per il turismo e a favorire l’insediamento di attività di eccellenza. Aumentare la competitività dell’area, migliorando in primo luogo l’immagine che l’area metropolitana offre di sé all’esterno e sfruttando l’azione catalizzatrice di Milano Valorizzare e riqualificare le aree di particolare pregio nell'ambito del Sistema Metropolitano attraverso progetti che consentano la fruibilità turistica-ricreativa ST1.11 EXPO – Creare le condizioni per la realizzazione ottimale dell’evento e derivare benefici di lungo periodo per un contesto ampio (ob. PTR 2,9,10,11,12,14,19,20,21) Garantire la governance di tutti i processi di allestimento del sito e delle opere connesse Promuovere la qualità progettuale e l’inserimento paesistico con particolare attenzione alle strutture permanenti Progettare la Rete Verde Regionale per un ambito allargato, coordinando le iniziative connesse all’allestimento del sito e le opere di compensazione e mitigazione ambientale, con la valorizzazione del sistema agricolo-forestale e delle acque, la riqualificazione paesistico/ambientale dei bacini di riferimento, il potenziamento della Rete Ecologica e la

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

54


Comune di Almenno San Salvatore

-

RETE ECOLOGICA REGIONALE

realizzazione di Sistemi Verdi Incrementare la ricettività turistica, attraverso la realizzazione di strutture a basso impatto, il riuso e il recupero di insediamenti dimessi sia nei contesti urbani sia in ambiti agricoli, con attenzione a promuovere la mobilità dolce e con l’uso del mezzo pubblico Uso del suolo Limitare l’ulteriore espansione urbana Favorire interventi di riqualificazione e riuso del patrimonio edilizio Conservare i varchi liberi, destinando le aree alla realizzazione della Rete Verde Regionale Evitare la dispersione urbana Mantenere la riconoscibilità dei centri urbani evitando le saldature lungo le infrastrutture Realizzare nuove edificazioni con modalità e criteri di edilizia sostenibile Con la deliberazione n. 8/10962 del 30 dicembre 2009, la Giunta ha approvato il disegno definitivo di Rete Ecologica Regionale, aggiungendo l’area alpina e prealpina. La Rete Ecologica Regionale è riconosciuta come infrastruttura prioritaria del Piano Territoriale Regionale e costituisce strumento orientativo per la pianificazione regionale e locale. La RER, e i criteri per la sua implementazione, forniscono al Piano Territoriale Regionale il quadro delle sensibilità prioritarie naturalistiche esistenti, ed un disegno degli elementi portanti dell’ecosistema di riferimento per la valutazione di punti di forza e debolezza, di opportunità e minacce presenti sul territorio regionale; aiuta il P.T.R. a svolgere una funzione di indirizzo per i P.T.C.P. provinciali e i P.G.T./P.R.G. comunali; aiuta il P.T.R. a svolgere una funzione di coordinamento rispetto a piani e programmi regionali di settore, e ad individuare le sensibilità prioritarie ed a fissare i target specifici in modo che possano tener conto delle esigenze di riequilibrio ecologico; anche per quanto riguarda le Pianificazioni regionali di settore può fornire un quadro orientativo di natura naturalistica ed ecosistemica, e delle opportunità per individuare azioni di piano compatibili; fornire agli uffici deputati all’assegnazione di contributi per misure di tipo agroambientale e indicazioni di priorità spaziali per un miglioramento complessivo del sistema. Per l’area compresa nell’ecoregione Pianura padana e Oltrepo’ pavese sono state elaborate tavole alla scala 1:25.000, suddivise per settori. Il territorio di Almenno San Salvatore non è compreso nell’ecoregione Pianura padana e Oltrepo’ pavese. Per tale area sono stati individuati gli elementi primari esclusivamente a scala

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

55


Comune di Almenno San Salvatore

1:300.000 desumendoli dalle Aree prioritarie per la biodiversitĂ in ambito alpino e prealpino (Convenzione delle Alpi) e sono state indicate in cartografia le principali connessioni e i capisaldi di naturalitĂ  in ambito collinare e montano. Di seguito si riporta un estratto della cartografia in scala 1:300.000, comprendente il territorio di Almenno San Salvatore. Nel territorio del comune di Almenno San Salvatore sono presenti elementi di primo livello ed elementi di secondo livello della RER, nonchĂŠ corridoi regionali primari ad alta antropizzazione. Rete Ecologica Regionale (scala 1:300.000)

Fonte: Regione Lombardia

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

56


Comune di Almenno San Salvatore

Analizzando i dati disponibili in formato shapefiles scaricabili dal sito web della Regione Lombardia, in particolare si osservano: - elementi di primo livello, rappresentati dal corso e dall’area di pertinenza del fiume Brembo. - elementi di secondo livello della RER, i quali interessano principalmente il territorio collinaremontano situato nella parte settentrionale del comune, nonché le aree lungo il torrente Imagna, il torrente Tornago e lungo parte del torrente Armisa. - corridoi regionali primari ad alta antropizzazione, rappresentati dal corridoio ecologico del fiume Brembo e del torrente Imagna. 2.3 IL PIANO PAESAGGISTICO REGIONALE DEL PTR (fonte: sito web del PTR, Regione Lombardia)

Il Piano Territoriale Regionale (PTR), in applicazione dell’art. 19 della l.r. 12/2005, ha natura ed effetti di piano territoriale paesaggistico ai sensi della legislazione nazionale. Il PTR in tal senso assume consolida e aggiorna il Piano Territoriale Paesistico Regionale (PTPR) vigente e ne integra la sezione normativa. Il Piano Paesaggistico Regionale diviene così sezione specifica del PTR, disciplina paesaggistica dello stesso, mantenendo comunque una compiuta unitarietà ed identità. Gli aggiornamenti delle indicazioni regionali di tutela dei paesaggi di Lombardia, nel quadro del PTR, consolidano e rafforzano le scelte già operate dal PTPR vigente in merito all’attenzione paesaggistica estesa a tutto il territorio e all’integrazione delle politiche per il paesaggio negli strumenti di pianificazione urbanistica e territoriale, ricercando però nuove correlazioni anche con altre pianificazioni di settore, in particolare con quelle di difesa del suolo, ambientali e infrastrutturali.

2.3.1 NORMATIVE PER LA PIANIFICAZIONE LOCALE

Il Piano Paesaggistico Regionale del PTR detta alcuni indirizzi per la pianificazione comunale, illustrati nell’art. 34 della relativa normativa, riportato di seguito: Art. 34 (Indirizzi per la pianificazione comunale e criteri per l’approvazione del P.G.T.) 1. I comuni nella redazione dei P.G.T. impostano le scelte di sviluppo urbanistico locale in coerenza con gli obiettivi e gli indirizzi di tutela paesaggistica contenuti nel Piano del Paesaggio, in particolare: a) recepiscono le presenti norme e assumono gli orientamenti contenuti nel Q.R.P. e negli elaborati dispositivi e di indirizzo del presente piano e del P.T.C.P., ove esistente; b) prendono in considerazione, a tal fine, gli elaborati conoscitivi e di inquadramento paesaggistico messi a disposizione dal presente Piano e dal P.T.C.P., ove esistente; c) assumono le necessarie misure di inquadramento delle proprie scelte urbanistiche, in forme adeguatamente integrate per il rispetto di valori paesaggistici di rilievo sovracomunale o di

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

57


Comune di Almenno San Salvatore

interesse intercomunale desumibili dal presente piano e dal P.T.C.P., ove esistente; d) assumono come riferimento metodologico la d.g.r. 29 dicembre 2005, n. 1681 “Modalità per la pianificazione comunale” con specifico riferimento all’allegato “Contenuti paesaggistici del P.G.T.”; e) tengono conto in via prioritaria del recupero e del riuso degli edifici e dei siti abbandonati e della riqualificazione delle aree e degli ambiti di riconosciuto degrado e compromissione paesaggistica. 2. E’ compito dei comuni nella redazione del P.G.T.: a) predeterminare, sulla base degli studi paesaggistici compiuti e in coerenza con quanto indicato dai “Contenuti paesaggistici dei P.G.T.“ di cui alla d.g.r. 1681 del 29 dicembre 2005 e dalle “linee guida per l’esame paesistico dei progetti” di cui alla d.g.r. 11045 dell’8 novembre 2002, la classe di sensibilità paesistica delle diverse parti del territorio comunale o di particolari aree di esso; b) indicare, per particolare ambiti del territorio comunale, prescrizioni paesaggistiche di dettaglio, che incidono anche sugli interventi edilizi, con specifico riferimento all’attuazione della disciplina di tutela a corredo delle dichiarazioni di notevole interesse pubblico di cui al comma 2 dell’articolo 140 del D. Lgs. 42/2004. 3. In sede di approvazione del P.G.T.: a) viene accertata l’adeguatezza dell’apparato analitico e descrittivo del piano nonchè la coerenza tra gli elaborati a contenuto ricognitivo e valutativo, da un lato, e quelli a contenuto dispositivo, dall’altro, anche in riferimento alla predeterminazione della classe di sensibilità paesistica dei luoghi e alla definizione di prescrizioni paesaggistiche di estremo dettaglio; a) viene accertata la presenza e la corretta redazione della cartografia di localizzazione degli ambiti assoggettati alla tutela della parte III del D.Lgs. 42/2004, e successive mod. ed int.; b) viene accertata la sostanziale rispondenza del P.G.T. agli indirizzi e alle strategie del Piano del Paesaggio; c) viene verificato il coordinamento, a fini paesaggistici, con le previsioni dei P.G.T. dei comuni contermini. 4. Il corretto riscontro degli elementi di cui al comma 3, costituisce elemento essenziale ai fini dell’approvazione del P.G.T. e relative varianti. 5. Il P.G.T. per il quale sia stata verificata la rispondenza agli obiettivi di tutela paesaggistica, una volta approvato, assume la natura di atto di maggiore definizione ai sensi dell’articolo 6. 6. Se necessario, la provincia aggiorna e integra il proprio P.T.C.P., per la parte paesaggistica,

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

58


Comune di Almenno San Salvatore

accogliendovi le indicazioni a specifica valenza paesaggistica del P.G.T. stesso. 7. Piani attuativi, Programmi Integrati di Intervento (P.I.I.) e Programmi di Recupero Urbano (P.R.U.) assumono come riferimento il Documento di Piano del P.G.T., alle cui determinazioni devono attenersi; in particolare, posto che i suddetti piani costituiscono attuazione di dettaglio della strategia paesaggistica del Documento di Piano, devono essere corredati da apposite relazione ed elaborazioni cartografiche che descrivano e argomentino la coerenza tra P.G.T. nel suo complesso e scelte paesaggistiche operate nella definizione dell’impianto microurbanistico, degli indici urbanistici e delle caratterizzazioni tipologiche in ordine a: - Tutela ambientale, paesaggistica e storico-monumentale dei caratteri connotativi del paesaggio comunale individuati nel quadro conoscitivo e in particolare nella carta condivisa del paesaggio comunale; - Valorizzazione delle relazioni fisiche, visuali e simboliche tra i diversi elementi e luoghi connotativi; - Risoluzione di eventuali criticità correlate a situazioni di degrado o compromissione del paesaggio; - Continuità dei sistemi verdi e del sistema degli spazi e percorsi pubblici - Coerenza dimensionale e morfologica con il tessuto urbano circostante e limitrofo. 8. In assenza di P.G.T. redatto secondo la l.r. 12/2005, i soggetti proponenti strumenti di pianificazione attuativa, assumono come riferimenti per la descrizione e argomentazione delle scelte paesaggistiche operate, di cui al precedente comma: le letture del paesaggio disponibili o specificamente sviluppate in sede di redazione del piano attuativo; i documenti di indirizzo e gli atti disponibili del Piano del Paesaggio anche di livello sovracomunale; la metodologia di cui alla parte IV delle presenti norme. 9. L’atto di approvazione dei Piani di cui al comma 1, dà conto dell’avvenuta verifica della coerenza delle previsioni e della proposta progettuale con il P.G.T. e il Piano del Paesaggio; l’amministrazione competente può in tal senso acquisire preliminarmente il parere consultivo della Commissione del Paesaggio, ove esistente. 10. Nel caso i piani di cui al comma 7 interessino, anche parzialmente, aree o immobili oggetto di specifica tutela paesaggistica ai sensi dell’articolo 136 del D. Lgs. 42/2004, la relazione e gli elaborati cartografici richiesti devono altresì dar conto della coerenza in merito agli obiettivi di salvaguardia e valorizzazione dei suddetti aree e immobili, con specifico riferimento a quanto indicato dalla disciplina di tutela di cui al comma 2 dell’articolo 140 del D. Lgs. 42/2004, ove esistente, e dalla d.g.r. 2121 del 15 marzo 2006.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

59


Comune di Almenno San Salvatore

Stralcio della Tavola A del P.P.R. – Ambiti geografici e unità tipologiche di paesaggio

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

60


Comune di Almenno San Salvatore

Stralcio della Tavola B del P.P.R. – Elementi identificativi e percorsi di interesse paesaggistico

Stralcio della Tavola C del P.P.R. – Istituzioni per la tutela della natura

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

61


Comune di Almenno San Salvatore

Stralcio della Tavola D del P.P.R. – Quadro di riferimento della disciplina paesaggistica regionale

Stralcio della Tavola E del P.P.R. – Viabilità di rilevanza paesaggistica

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

62


Comune di Almenno San Salvatore

Stralcio della Tavola F del P.P.R. – Riqualificazione paesaggistica - Ambiti ed aree di attenzione regionale

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

63


Comune di Almenno San Salvatore

Stralcio della Tavola G del P.P.R. – Contenimento dei processi di degrado e qualificazione paesaggistica: ambiti ed aree di attenzione Regionale

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

64


Comune di Almenno San Salvatore

Stralcio della Tavola H del P.P.R. – Contenimento dei processi di degrado paesaggistico: tematiche rilevanti

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

65


Comune di Almenno San Salvatore

2.3.2 ALMENNO SAN SALVATORE E IL PIANO PAESAGGISTICO REGIONALE DEL PTR

Di seguito si riporta la lettura della cartografia del Piano Paesaggistico Regionale (in particolare Tavola F e Tavola G) e i relativi indirizzi di tutela per il territorio di Almenno San Salvatore.

Tavola F “Riqualificazione paesaggistica: ambiti ed aree di attenzione regionale”

Secondo le tavole F “Riqualificazione paesaggistica: ambiti ed aree di attenzione regionale” e G “Contesto dei processi di degrado e qualificazione paesaggistica: ambiti ed aree di attenzione regionale” del PPR, il territorio di Almenno San Salvatore presenta:

Tavola G “Contesto dei processi di degrado e qualificazione paesaggistica: ambiti ed aree di attenzione regionale”

• Aree e ambiti di degrado paesistico provocato da processi di urbanizzazione, infrastrutturazione, pratiche e usi urbani • Aree e ambiti di degrado paesistico provocato da sottoutilizzo, abbandono e dismissione Di seguito si riportano gli estratti cartografici, le descrizioni e le indicazioni relativi a tali ambiti tratti dal volume Indirizzi di Tutela Parte IV “Riqualificazione Paesaggistica e contenimento dei potenziali fenomeni di degrado” del Piano Paesaggistico del PTR.

Indirizzi di Tutela Parte IV “Riqualificazione Paesaggistica e contenimento dei potenziali fenomeni di degrado” del Piano Paesaggistico Regionale del PTR di interesse per il territorio di Almenno San Salvatore (la numerazione dei paragrafi corrisponde a quella originaria del PPR). 2. AREE e AMBITI DI DEGRADO PAESAGGISTICO PROVOCATO DA PROCESSI DI URBANIZZAZIONE, INFRASTRUTTURAZIONE, PRATICHE E USI URBANI 2.3 Territori contermini alle reti infrastrutturali della mobilità e del trasporto e produzione dell’energia Riguarda le porzioni più o meno ampie e continue di territorio caratterizzate dalla presenza intrusiva di manufatti infrastrutturali, sia della mobilità che del trasporto e produzione dell’energia. Territori maggiormente interessati : fenomeno diffuso. In particolare, per quanto le grandi infrastrutture per la mobilità, oltre a quelle che interessano

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

66


Comune di Almenno San Salvatore

gli ambiti della “megalopoli padana” e della sua possibile espansione (corridoi paneuropei, sistema viabilistico pedemontano, l’accessibilità all’aeroporto della Malpensa, tangenziale est esterna di Milano, la Bre-Be-Mi) e delle “conurbazioni” di cui ai punti precedenti, si segnalano come ambiti a rischio le aree contigue ai tracciati delle grandi infrastrutture di collegamento di nuova realizzazione e/o potenziamento in corso o previste : in particolare si segnala la BroniMortara, il raccordo autostradale tra l’A4 e la Valtrompia e la grande crociera tra l’asse autostradale Brennero-Verona-Parma-La Spezia (TiBre) e l’autostrada Cremona-Mantova. Criticità e riferimenti alle tavole di piano Criticità • Inserimento di elementi estranei ed incongrui ai caratteri peculiari compositivi, percettivi o simbolici del contesto • frattura e frammentazione ecosistemica, d’uso e delle relazioni percettive, con formazione di aree marginalizzate, perdita di continuità e relazioni del sistema del verde e degli spazi agricoli, conseguente riduzione di caratterizzazione identitaria e progressiva omologazione dei paesaggi attraversati. In particolare si segnalano le criticità paesaggistiche provocate dalla conformazione delle stazioni di servizio poste lungo i principali assi stradali e autostradali, sia per quanto attiene ai caratteri eterogenei dei diversi manufatti edilizi che alle loro reciproche relazioni ed alle relative aree di pertinenza INDIRIZZI DI RIQUALIFICAZIONE Integrazione degli aspetti paesaggistici nelle politiche e nelle azioni di Pianificazione territoriale e di settore (PTCP, aree protette etc.) e di Governo locale del territorio (PGT) Azioni : • interventi di mitigazione anche tramite equipaggiamenti verdi in grado di relazionarsi con il territorio • interventi correlati alle infrastrutture esistenti attenti alle zone marginali e volti a ridurre la loro estraneità al contesto e l’effetto frattura che generano • attenta considerazione degli interventi di servizio alle infrastrutture cercando di evitare la possibile accentuazione dell’effetto di frattura indotto, operando riconnessioni funzionali tra i territori separati e recuperando gli ambiti marginali con la massima riduzione dell’impatto intrusivo; in particolare :

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

67


Comune di Almenno San Salvatore

- le barriere antirumore dovranno avere caratteristiche di qualità paesaggistica, oltreché ambientale, sia per quanto riguarda il lato interno, verso l’infrastruttura stessa, sia per quanto riguarda il lato esterno, rivolto verso il territorio circostante - gli interventi di manutenzione e adeguamento delle aree di servizio dovranno porsi obiettivi di riqualificazione paesaggistica INDIRIZZI DI CONTENIMENTO E PREVENZIONE DEL RISCHIO Integrazione degli aspetti paesaggistici nelle politiche e nelle azioni di Pianificazione territoriale e di settore (PTCP, aree protette etc.) e di Governo locale del territorio (PGT), Progettazione tecnica di settore Azioni : • progettazione integrata del tracciato, comprensivo del suo equipaggiamento verde, attenta ai caratteri paesaggistici dei contesti • progettazione unitaria dei manufatti e delle relative aree di servizio attenta ai caratteri paesaggistici dei contesti • eventuale acquisizione delle aree laterali all’infrastruttura in misura adeguata allo sviluppo e attuazione di un progetto di valorizzazione paesaggistica dei territori attraversati 2.7 Ambiti estrattivi in attività Gli ambiti estrattivi sono distinti in : cave di monte, cave di pianura, a loro volta distinte in cave asciutta e cave in falda, comprendendo in queste ultime anche le cave in alveo fluviale. Territori maggiormente interessati : cave di monte : fascia alpina, prealpina e collinare; cave di pianura: fascia della alta e bassa pianura (in particolare nel territorio milanese e nel bresciano); cave in alveo fluviale: fasce fluviali dei fiumi maggiori (in particolare Po e Ticino). Criticità e riferimenti alle tavole di piano Criticità: • rottura e alterazione della morfologia territoriale con forte degrado paesaggistico e ambientale sia delle aree oggetto di escavazione sia del contesto • abbandono di manufatti e opere legate alle attività e alle lavorazioni di inerti • omologazione dei caratteri paesaggistici derivante da interventi standardizzati di recupero

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

68


Comune di Almenno San Salvatore

INDIRIZZI DI RIQUALIFICAZIONE Integrazione degli aspetti paesaggistici nelle politiche e nelle azioni di Programmazione provinciale (Piani Cave) e di Progettazione dell'attività estrattiva Azioni: • Interventi di mitigazione degli effetti di disturbo durante l’attività estrattiva coerenti con gli obiettivi di riutilizzo e riassetto ambientale e paesaggistico previsti al termine del ciclo estrattivo • Integrazione degli aspetti paesaggistici nei Piani di Recupero Ambientale visti in un’ottica sistemica con l’obiettivo di contribuire in particolare : - alla riqualificazione della rete verde e della rete ecologica comunale - al potenziamento della dotazione di servizi in aree periurbane anche di carattere musealeespositivo - al miglioramento dell’offerta turisticoricreativa - al miglioramento della biodiversità di alcune aree di pianura - alla possibile valorizzazione economica nel quadro degli obiettivi di ricomposizione paesaggistica e di riqualificazione ambientale ma anche di sviluppo locale (riempimento con inerti, attività turistiche o sportive, allevamenti ittici, produzione di particolari specie igrofile etc.) - possibili sinergie con le politiche di difesa del suolo e di valorizzazione dei sistemi fluviali. INDIRIZZI DI CONTENIMENTO E PREVENZIONE DEL RISCHIO Integrazione degli aspetti paesaggistici alle azioni correlate alle di Pianificazione territoriale e di Programmazione provinciale (Piani Cave) Azioni : • Attenzione localizzativa correlando le previsioni di nuovi ambiti di escavazione a: - obiettivi di recupero di situazioni di degrado paesaggistico in essere - programmazione degli interventi di mitigazione coerenti con la destinazione finale e attenti al paesaggio naturale, agrario e/o urbano circostante - coerenza con le politiche ambientali, paesaggistiche, di difesa del suolo e di sviluppo • Definizione di interventi integrati di recupero in un’ottica sistemica che possano contribuire in particolare : - alla ambientale dei sistemi fluviali e dell’equipaggiamento vegetale anche in sintonia con i programmi di difesa idraulica (creazione di aree di esondazione dei corsi d’acqua o

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

69


Comune di Almenno San Salvatore

realizzazione di vasche di laminazione inserite nel paesaggio etc.) - alla riqualificazione della rete verde provinciale e del sistema verde comunale, valutando le opportunità di successivo riempimento con inerti piuttosto che il mantenimento di specchi d’acqua ad uso produttivo o ricreativo al potenziamento della dotazione di servizi in aree periurbane anche di carattere museale-espositivo (zone umide a valore didattico o, per le cave di pietra, musei/geoparchi o scenografia per teatri all’aperto etc) - al miglioramento dell’offerta turistico ricreativa (specchi d’acqua e palestre di roccia) con la realizzazione di poli attrezzati integrati nel sistema turistico locale - al miglioramento della biodiversità in alcune aree di pianura

4. AREE E AMBITI DI DEGRADO E/O COMPROMISSIONE PAESISTICA PROVOCATA DA SOTTOUTILIZZO, ABBANDONO E DISMISSIONE 4.1 Cave abbandonate Si tratta: degli ambiti di escavazione relativi ad attività cessate prima dell’entrata in vigore della normativa che ha assoggettato l’autorizzazione alle coltivazione all’obbligo del recupero ambientale (legge n.92/1975); delle cave cessate in tempi successivi e non ancora recuperate o recuperate solo parzialmente; delle cave abusive che hanno lasciato segni significativi sul paesaggio. Si distinguono in cave di monte e cave di pianura (in asciutto e in falda). Territori maggiormente interessati: fenomeno diffuso Criticità e riferimenti alle tavole di piano Criticità: degrado paesaggistico con significativi effetti negativi indotti sul contesto, soprattutto dal punto di vista geomorfologico e ambientale ed estetico-percettivo INDIRIZZI DI RIQUALIFICAZIONE Integrazione degli aspetti paesaggistici nelle politiche e nelle azioni di Programmazione provinciale (Piani Cave) e di Governo locale del territorio (PGT), Azioni : • rimozione degli impianti e dei manufatti dismessi.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

70


Comune di Almenno San Salvatore

• recupero, distinguendo tra le diverse situazioni e contesti territoriali, attraverso progetti integrati di ricomposizione e valorizzazione che le trasformino in elementi positivi del territorio con possibili riutilizzi turistico- fruitivi e ambientali in raccordo con la Rete verde provinciale e i sistemi comunali del verde; in particolare: - cave di monte : valorizzazione in termini di nuova connotazione del paesaggio e della struttura geomorfologica finalizzata anche a utilizzi turistico/ricreativi e culturali (ad. es. geoparchi, musei, teatri all’aperto, palestre di roccia, interventi di land-art etc.) - cave di pianura: inserimento nelle strategie più generali di ricomposizione paesaggistica e ambientale dei contesti di riferimento valutando, dove possibile, l'opportunità di un loro mantenimento come specchi d'acqua o viceversa la necessità di loro riempimento, finalizzando gli interventi anche a utilizzi turistico/ricreativi, culturali, oltreché ambientali e ecosistemici (ad. es. realizzazione di parchi, zone umide, elementi del sistema del verde, zone per attività sportive, per spettacoli all’aperto, interventi di land-art etc.). Nei territori contermini ai corsi d'acqua l'azione di riqualificazione deve essere attentamente coordinata con le politiche di difesa del suolo e di valorizzazione del sistema fluviale; nelle situazioni periurbane si impone la necessità di verificare le proposte di recupero in riferimento al disegno complessivo degli spazi aperti e dei servizi pubblici o di fruizione collettiva del Piano dei Servizi comunale. INDIRIZZI DI CONTENIMENTO E PREVENZIONE DEL RISCHIO Integrazione degli aspetti paesaggistici nelle politiche e nelle azioni di Programmazione provinciale (Piani Cave) Azioni : • attività di monitoraggio e prevenzione per evitare il ripetersi di eventi simili al di fuori della programmazione e della pianificazione

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

71


Comune di Almenno San Salvatore

2.4 IL PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINciALE (fonte: PTCP, Provincia di Bergamo)

Il Consiglio della Provincia di Bergamo nella seduta del 22 aprile 2004 ha approvato il PTCP con deliberazione consiliare n. 40. Ai sensi dell'art. 3 - comma 36 - della L.R. 1/2000, lo stesso ha acquisito efficacia in data 28.07.2004, giorno di pubblicazione di detta delibera di approvazione sul BURL n. 31 - Foglio Inserzioni.

2.4.1 INDIRIZZI DEL PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE PER LA PIANIFICAZIONE LOCALE

INDIRIZZI PER LA SOSTENIBILITÀ ECOLOGICA NELLA PIANIFICAZIONE LOCALE

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

Al fine di garantire che ciascun intervento di previsione e di disciplina a livello delle singole entità territoriali si inquadri in un contesto omogeneo e collabori alla costruzione della rete complessiva della sostenibilità il PTCP prevede che le previsioni di sviluppo nei PRG (ora P.G.T.), abbiano particolare riferimento a: - garantire il rispetto dei criteri di sostenibilità territoriale; - adeguare le proprie previsioni alla salvaguardia degli elementi primari di conservazione della biodiversità del territorio e di connotazione del paesaggio tipico; - prescrivere idonee forme di inserimento ambientale delle infrastrutture e degli insediamenti, che tutelino la componente paesaggistica e la connessione ecologica; - introdurre criteri di mitigazione e compensazione, nonché di integrazione del territorio comunale nel sistema di rete ecologica di riferimento locale; - adottare idonei strumenti operativi a supporto delle decisioni pianificatorie, anche come studi integrativi del PRG o studi settoriali, come per esempio piani del verde; - piani di reti ecologiche locali, piani della biodiversità, ecc.; - integrare le azioni di sviluppo territoriale con quelle del settore agricolo, attraverso l’adozione del principio del minor impatto possibile nell’inserimento di infrastrutture ed insediamenti nel territorio e di salvaguardia delle strutture agricole; - riconoscere le attività agricole come elementi della struttura produttiva del sistema economico ma anche come servizio di tutela e gestione ambientale del territorio; - sostenere la pratica agro-ambientale nello sviluppo della sostenibilità del territorio; - sviluppare modalità di affidamento della sostenibilità del territorio, nello sviluppo di progetti paesistici di riqualificazione degli interventi infrastrutturali, alle aziende agricole.

72


Comune di Almenno San Salvatore

INDIRIZZI GENERALI PER L’UTILIZZO DEI SUOLI AI FINI DI ESPANSIONE DELLE AREE URBANIZZATE

Il PTCP individua indirizzi per orientare i Comuni nella definizione degli ambiti di sviluppo della forma urbana dei singoli Centri. L’indicazione è derivata dalla considerazione dei seguenti elementi: • previsioni dei PRG vigenti o adottati; • valutazione della dinamica demografica e dei fabbisogni; • “compattezza” dell’ambito per il minor pregiudizio del territorio; • visuali delle fronti di margine e di percezione delle parti storiche dei Centri; • prospetti su aree di particolare rilevanza paesistica, sui laghi, sponde fluviali e dei corsi d’acqua; • mantenimento di spazi liberi interurbani, ad evitare conurbazioni tra centri abitati e zone costruite o per mantenimento di aperture tra aree di significativo valore ambientale; • creazione di fasce o aree verdi di distacco ambientale dai tracciati delle infrastrutture di mobilità primaria, efficaci anche nelle mitigazioni dei conseguenti inquinamenti. In particolare il PTCP propone la definizione di criteri di salvaguardia ambientale e paesistica nella progettazione urbanistica che dovranno essere recepiti dalle Amministrazioni Comunali nelle scelte localizzative e nella pianificazione delle aree urbanizzate e degli insediamenti residenziali. In questo senso prevede l’esclusione dell’attività edificatoria delle aree in cui esistano limitazioni di tipo fisico-morfologico e ambientali-naturalistiche quali la presenza di: 1. Rischio idrogeologico individuato dall’Autorità di Bacino o dagli studi realizzati dalla Provincia 2. Pendenze superiori a 20° che rendono tali terreni inadatti agli insediamenti residenziali 3. Movimenti franosi attivi o quiescenti 4. Aree protette istituite o proposte quali: • Parchi Regionali o Provinciali istituiti o proposti • Biotopi istituiti o proposti 5. Aree di pregio dal punto di vista paesaggistico o naturalistico 6. Aree di elevata qualità paesistico-ambientale 7. Aree boscate 8. Suoli ad eccellente o buona produttività

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

73


Comune di Almenno San Salvatore

Viceversa il PTCP considera quali elementi favorevoli per l’offerta di un più elevato grado di qualità insediativa: - aree dotate di un buon livello di accessibilità con i sistemi della mobilità pubblica - aree caratterizzate da valenze storico-culturali da tutelare e da rivitalizzare attraverso interventi di recupero e riutilizzazione - aree adiacenti a centri sedi di servizi interurbani - aree adiacenti ad ambiti di sistemi produttivi esistenti o in rafforzamento - aree di espansione, individuate con l'obiettivo di rendere più compatto e funzionale il sistema dei centri e dei nuclei esistenti. Sulla base degli indirizzi sopra sintetizzati, il PTCP invita le Amministrazioni Comunali, nell’adeguamento dei Piani urbanistici vigenti o in formazione, vengono quindi sollecitate ad orientarsi al “compattamento urbano” e non verso la sua diffusione o dispersione, verificando gli effetti dei nuovi interventi sul territorio e sulla città, ridimensionandone le quantità, esigendo doti e requisiti di alta qualità insediativa, tipologica ed edilizia. Si sottolinea che la normativa prevede che i Comuni, in sede di predisposizione di nuovi strumenti urbanistici o di varianti, dovranno fornire motivate valutazioni sulle necessità di nuove espansioni rispetto alle superfici urbanizzate, soprattutto quando queste espansioni vadano ad intaccare aree per le quali il PTCP indica vocazioni e finalità di diversa natura. La progettazione degli interventi dovrà sempre essere rivolta ad un adeguato inserimento paesistico ed ambientale, da ottenersi anche mediante l’adeguata previsione di impianti arborei ed arbustivi nelle parti esterne, adiacenti il territorio agricolo. La pianificazione locale potrà motivatamente proporre diverse perimetrazioni rispetto a quelle di previsione del PTCP in funzione delle proprie valutazioni strategiche, mantenendosi però all’interno del criterio del contenimento di consumo dei territorio agricolo, rispetto al quale la gradazione di “valori” individuata dal Piano già fornisce un preciso orientamento di modificabilità. INDIRIZZI GENERALI SUI SUOLI AGRICOLI

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

Il PTCP pone alla base della disciplina in materia di zone agricole, obiettivi che riguardano rispettivamente il sostegno alle caratteristiche distintive della agricoltura bergamasca (qualità, varietà, innovatività), nonché il riconoscimento del paesaggio come contesto dell’attività agricola la quale assume una funzione importante di strumento di manutenzione del paesaggio agrario. Per quanto riguarda gli indirizzi e criteri per la salvaguardia nei PRG comunali delle zone con

74


Comune di Almenno San Salvatore

esclusiva o prevalente funzione agricola il PTCP ritiene opportuno sottolineare l’esigenza di evitare il consumo di suolo a fini edilizi ed infrastrutturali nelle zone già oggetto di investimenti pubblici in materia di irrigazione o bonifica, nelle zone con suoli di alta qualità e/o produzioni di alto valore aggiunto, nelle zone dove sono percepibili testimonianze delle antiche organizzazioni agricole. Il PTCP ritiene in tal senso che i PRG debbano destinare precipuamente tali aree ad esclusiva funzione agricola. Il PTCP disciplina gli interventi di sistemazione ambientale da collegare anche al recupero degli edifici che potrebbe comportare il mutamento della loro destinazione originaria di uso agricolo. Il PTCP ritiene infine opportuno che i Comuni, nell’ambito delle proprie competenze, indirizzino la creazione di nuovi manufatti verso l’utilizzo di materiali che ne consentano una facile eliminazione al termine della loro vita produttiva o che si connettano per caratteri di inserimento ambientale agli elementi della tradizione costruttiva. Relativamente all'agricoltura il PTCP individua i seguenti obiettivi: Per le aree di pianura 1) Tutelare e orientare l'attività agricola nelle zone a forte specializzazione ed ad elevata produttività; 2) Tutelare le aree a elevata capacità d’uso del suolo e forte limitazione alla modificazione d’uso delle stesse per usi non agricoli; 3) Sostenere le politiche in materia di agricoltura eco-compatibile; 4) Promuovere la forestazione di pianura nelle aree residuali incolte o in abbandono da altre attività agricole. Per le aree rurali svantaggiate e aree montane 1) Lottare contro la marginalità e all'abbandono: reinventare un nuovo ruolo dell'agricoltura come elemento motore dello sviluppo locale; 2) Conservare l'attività agricola in funzione produttiva (valorizzando anche quella con caratteri integrativi) e in funzione protettiva (tutela del territorio e del paesaggio agrario); 3) Sostenere le attività anche part-time (integrazione di reddito e presidio del territorio); 4) Reinventare un nuovo ruolo delle attività forestali come elemento motore dello sviluppo locale e di promozione, gestione e conservazione di ricchezze collettive quali il paesaggio, la fruibilità turistico-ricreativa.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

75


Comune di Almenno San Salvatore

INDIRIZZI SPECIFICI RELATIVI AGLI INCREMENTI RESIDENZIALI

Il PTCP indica la necessità di perseguire come obiettivo generale, in particolare a livello di pianificazione comunale, il recupero del patrimonio edilizio esistente, per favorire il contenimento dell’uso del suolo destinato a residenze e ribadisce che gli insediamenti di nuovo impianto dovranno consentire un’adeguata capacità insediativa con il minimo uso di suolo agricolo. Prioritariamente, quindi, sollecita i Comuni a prevedere, preliminarmente alla definizione delle espansioni, il recupero del patrimonio edilizio esistente nei centri e nei nuclei, anche attraverso interventi di sostituzione e trasformazione edilizia degli insediamenti irrazionalmente collocati e/o obsoleti nonché a privilegiare la realizzazione di interventi di completamento edilizio nelle aree interstiziali e di frangia, con l'obiettivo di rendere più compatto e funzionale il sistema dei centri e dei nuclei esistenti. Indirizzi di carattere generale vengono espressi dalla normativa del PTCP anche con l’indicazione del recupero a scopo di residenza e di ricettività turistica degli agglomerati rurali esistenti di antica formazione con caratteristiche apprezzabili di edilizia spontanea; il contenimento dell’espansione con privilegio del recupero edilizio, potrà incidere positivamente sui caratteri della ricettività turistica in genere e sull’incentivazione della attività di servizio agro-turistico.

INDIRIZZI PER LA REALIZZAZIONE DI STRUTTURE PER IL TURISMO

L’economia derivante dal turismo è sicuramente uno degli elementi di maggiore importanza nel quadro complessivo dell’assetto socioeconomico della Provincia sia per le aree montane, specie per quanto riguarda i comuni della media e alta valle, sia anche lungo la fascia del Sebino, ma anche – se pur in misura diversa – nella fascia collinare. Sicuramente è la montagna il contesto più interessato da una vocazione strutturale al turismo e può farne un elemento di rilancio della propria economia. Questa attività, tuttavia, si pone in un certo senso “in tono minore” rispetto ad altri contesti territoriali montani e ciò per una serie di fattori dei quali sinteticamente si elencano gli aspetti principali: - la sempre più scarsa situazione dell’innevamento delle aree montane delle alte valli che comporta – indipendentemente dalla capacità di iniziativa e dagli investimenti nel settore del demanio sciabile e delle strutture ricettive – una inevitabile contrazione dei tempi di permanenza turistica nel periodo invernale;

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

76


Comune di Almenno San Salvatore

- una situazione ambientale estremamente positiva sotto il profilo paesistico e tuttavia legata ai caratteri peculiari della morfologia e dell’ambiente prealpino che si pongono non sempre in termini sufficientemente competitivi anche nella stagione estiva rispetto alle stazioni turistiche montane delle zone alpine che con l’attuale facilità di spostamento attraverso il mezzo privato divengono fortemente competitive rispetto ai bacini prealpini anche durante la stagione estiva creando una forte selezione della potenziale utenza; - una non sempre adeguata offerta di “servizi” all’utenza turistica che non consente spesso di trattenere l’utenza stessa ed in particolare la fascia di età giovanile che – se in generale tende oggi a muoversi più frequentemente verso mete estive marine quando non verso bacini turistici esterni al territorio nazionale – trova nella scarsità di offerta di attrezzature e di opportunità di occupazione del tempo libero un ulteriore motivo per disertare le nostre valli inducendo anche il fenomeno di progressivo allontanamento dei nuclei familiari. Questi ed altri fattori portano ancora oggi a quella debolezza del settore turistico la cui crescita è invece un elemento essenziale per lo sviluppo economico delle Comunità Locali all’interno del bacino. La valorizzazione e la “messa in circuito” dell’importantissimo patrimonio urbanistico ed edilizio presente nelle valli bergamasche, legato ad una serie importante di fattori storici – che peraltro travalicano la storia locale – di testimonianze artistiche e di tradizioni di cultura nonché alla presenza di fatti architettonici e urbanistici di rilevanza significativa, non può certo essere proposto come elemento risolutivo delle problematiche sopra accennate, ma può certamente porsi come elemento importante dell’offerta turistica non solo a servizio dell’ “occupazione del tempo libero” ma anche come elemento attrattivo di un possibile fenomeno turistico esteso all’intero arco dell’anno, che può essere determinato attraverso il richiamo di flussi nelle giornate festive e nei fine settimana, soprattutto se legato ad una adeguata attività di propaganda e ad una –essenziale – offerta di servizi “logistici”. Tutto il patrimonio delle aree montane di cui si è molto parlato e di cui molto si è scritto necessita tuttavia, ai fini di un reale contributo ai programmi di sviluppo delle valli di essere riconsiderato e “ricomposto” in “blocchi tematici” o lungo “percorsi articolati” che consentano di offrire all’utenza del turismo culturale situazioni organizzate da utilizzare come obiettivo di specifiche attività “escursionistiche”. La ricchezza e la vasta articolazione di questo patrimonio sia sotto il profilo qualitativo ma anche per la estensione temporale su un vasto arco di secolo della sua formazione, possono consentire di organizzare una serie di “pacchetti” di forte e articolato interesse capaci di

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

77


Comune di Almenno San Salvatore

soddisfare le più varie esigenze dei turisti. E ciò sia per un turismo di elevata qualificazione culturale sia per un turismo più rivolto alla ricerca di “sensazioni” e di immagini. È infatti possibile offrire pacchetti che si articolano per specifici periodi storici, a partire dall’organizzazione di percorsi di tipo archeologico, a percorsi organizzati sul filo di specifici periodi dell’architettura (architetture di insediamenti medioevali, rinascimentali, ottocenteschi, Liberty ecc.) ed ancora è possibile organizzare invece percorsi turistici seguendo tracciati della viabilità storica lungo i quali possono essere evidenziati tutti gli elementi ancora riconoscibili (e ve ne sono di grande importanza) che caratterizzavano lo snodarsi lungo il percorso di strutture, di manufatti, di architetture, di nuclei urbani coevi alle fasi temporali di realizzazione dei percorsi e della loro utilizzazione (quali importanti occasioni per un “trekking culturale” che può dilatarsi anche su un arco di tempo su più giornate e usufruire nel contempo dei servizi offerti da un’adeguata organizzazione dell’accoglienza turistica). La vicinanza delle valli a tutti i principali centri metropolitani della nostra regione ed in particolare al Capoluogo milanese consente di comprendere con facilità quale capacità di richiamo (oltre alla tradizionale attrattiva di un importante ambiente naturale e paesistico)può essere determinata dalle offerte di pacchetti “per il turismo culturale”, anche da utilizzarsi nell’arco breve di una giornata. Non è tuttavia difficile comprendere come la quantità e l’articolazione dei beni da offrire all’attenzione e alla fruizione culturale dei turisti possa permettere di individuare ed organizzare “pacchetti di offerta culturale” che possono occupare anche periodi più lunghi della singola giornata offrendo itinerari che possono essere praticati nelle forme più sportive del trekking, o con i mezzi privati ma anche con l’uso di mezzi di trasporto collettivi opportunamente organizzati ed appoggiati a specifiche “basi logistiche”. Inutile ricordare che a questi percorsi possono essere quindi abbinate offerte di ospitalità turistica, specifiche indicazioni per la ristorazione, momenti di completamento culturale nelle ore serali ecc. Indirizzo fondamentale delle previsioni del PTCP per il settore turistico è la possibilità di veicolare i flussi turistici dall’Italia e dall’esterno verso la bergamasca, esaltandone le bellezze paesaggistiche, gli itinerari delle Orobie e i percorsi artistico-culturali, sfruttando le potenzialità dei collegamenti aerei.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

78


Comune di Almenno San Salvatore

2.4.2 ALMENNO SAN SALVATORE E IL PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE

La pianificazione a scala provinciale riconosce nel territorio comunale diversi ambiti territoriali caratterizzati da differenti peculiarità ambientali, in cui le azioni e gli interventi devono essere programmati in accordo con i valori riconosciuti a ciascun ambito. Di seguito vengono riportate le diverse zone del territorio in base all’ambito in cui vengono collocate dal piano provinciale e in base al loro ruolo nella rete ecologica a valenza paesistico ambientale della Provincia di Bergamo. L’analisi è stata condotta mediante la lettura delle seguenti tavole del P.T.C.P. e delle norme di attuazione del relativo piano territoriale di coordinamento: - Tavola E2.2 Paesaggio e ambiente – Tutela, riqualificazione e valorizzazione ambientale e paesistica del territorio - Tavola E4 - Organizzazione del territorio e sistemi insediativo – Quadro strutturale - Tavola E5.5 – Rete ecologica provinciale a valenza paesistico-ambientale. Secondo la cartografia del P.T.C.P. analizzata, il territorio comunale presenta: -

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

Paesaggio montano debolmente antropizzato e paesaggio montano antropizzato con insediamenti sparsi Aree agricole con finalità di protezione e conservazione Ambiti di opportuna istituzione di P.L.I.S. Aree con fenomeni urbanizzativi in atto o previsti prevalentemente inedificate di immediato rapporto con i contesti urbani Aree urbanizzate Ambiti soggetti ad attività di escavazione Corsi d’acqua Aree di primo riferimento per la pianificazione locale Nuclei storici

79


Comune di Almenno San Salvatore

Per quanto riguarda la rete ecologica, sul territorio comunale sono presenti: Classificazione Aree di elevato valore naturalistico in zona montana e pedemontana

Ruolo nella rete ecologica

Struttura naturalistica primaria

Ambiti naturali dei laghi o dei fiumi Parchi locali di interesse sovra comunale (ambiti di opportuna istituzione) Aree agricole strategiche di connessione, protezione e conservaizone

Nodi di I livello provinciale

Nodi di II livello provinciale

Di seguito si riportano gli estratti della cartografia del PTCP della provincia di Bergamo, per l’area di interesse.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

80


Comune di Almenno San Salvatore

Stralcio Tavola E1 “Elementi di pericolosità e di criticità: compatibilità degli interventi di trasformazione del territorio” del PTCP

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

81


Comune di Almenno San Salvatore

Stralcio tavola E2.2 “Paesaggio e ambiente – Tutela, riqualificazione e valorizzazione ambientale e paesistica del territorio” del PTCP

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

82


Comune di Almenno San Salvatore

Stralcio tavola E3 “Infrastrutture per la mobilità: quadro integrato delle reti e dei sistemi” del PTCP

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

83


Comune di Almenno San Salvatore Stralcio tavola E4 “Organizzazione del territorio e sistemi insediativo – Quadro strutturale” del PTCP del PTCP

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

84


Comune di Almenno San Salvatore

Stralcio tavola E5.5� Rete ecologica provinciale a valenza paesistico-ambientale� del P.T.C.P.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

85


Comune di Almenno San Salvatore

Di seguito si riportano le norme tecniche di attuazione del P.T.C.P. relative agli ambiti di interesse per il Comune di Almenno San Salvatore. Estratto delle Norme tecniche di attuazione del PTCP della Provincia di Bergamo Art. 58 Paesaggio montano debolmente antropizzato e paesaggio montano antropizzato con insediamenti sparsi 1. Gli ambiti di cui al presente articolo che sono caratterizzati dalla presenza di elementi del paesaggio montano debolmente antropizzato e di relazione con gli insediamenti di versante e fondovalle o da pascoli montani e versanti boscati con interposte aree prative, edificazione scarsa, sentieri e strade sono da considerarsi aree principalmente destinate alla attività agricola. 2. Qualsiasi tipo di attività o di intervento dovrà avvenire nel massimo rispetto della naturalità e degli aspetti paesaggistici; dovranno essere valorizzati i percorsi, gli insediamenti e gli edifici storici nonché gli elementi di particolare interesse ambientale. 3. Gli strumenti urbanistici comunali e i regolamenti edilizi dovranno definire specifici parametri per gli insediamenti e le infrastrutture anche agricole e indicare puntuali localizzazioni degli stessi in funzione del mantenimento degli elementi percettivi e del carattere dei luoghi avendo anche riguardo alle necessarie indicazioni in ordine alle tipologie e ai materiali. 4. Gli interventi di completamento e di espansione edilizia necessari al soddisfacimento dei fabbisogni residenziali o delle attività economiche (produttive, commerciali, turistiche ecc.) potranno essere allocati nelle aree di cui al presente articolo a condizione che interessino zone di completamento di frange urbane, ambiti agrari già dismessi o aree agricole di marginalità produttiva volgendosi prioritariamente alle aree di margine urbano individuate all’allegato E5.4. Negli ambiti di cui al presente articolo, il PRG potrà, inoltre, individuare a mezzo di appositi Piani Attuativi interventi per il recupero ed il riuso del patrimonio edilizio esistente. I Piani Attuativi, previa verifica della compatibilità con il rispetto dei caratteri architettonici, tipologici ed ambientali degli edifici, potranno prevederne limitati ampliamenti volumetrici. 5. In ogni caso i nuovi interventi esterni dovranno porsi in coerenza con i caratteri generali dell’impianto morfologico degli ambiti urbani esistenti e non necessitare, per i collegamenti funzionali con le aree urbanizzate di nuovi significativi interventi di infrastrutturazione.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

86


Comune di Almenno San Salvatore

Art. 62 Aree con fenomeni urbanizzativi in atto o previsti prevalentemente inedificate di immediato rapporto con i contesti urbani Sono individuate nella Tav.E2.2. In tali aree valgono le seguenti direttive: 1. le espansioni e trasformazioni urbane, ove previste, dovranno prioritariamente essere orientate alla riqualificazione e alla ricomposizione delle zone di frangia degli insediamenti. La progettazione degli interventi dovrà essere rivolta ad un adeguato inserimento paesistico ed ambientale, da ottenersi anche mediante previsione di impianti arborei ed arbustivi nelle parti esterne, adiacenti il territorio agricolo; 2. le previsioni degli strumenti urbanistici per queste aree dovranno considerare l’opportunità della formazione di reti ecologiche e di collegamento con le aree a verde o reti ecologiche esistenti sul territorio a valenza paesistico-ambientale. Art. 71 Ambiti di opportuna istituzione dei PLIS (Parchi Locali di Interesse Sovracomunale) 1. Il PTCP individua alcuni ambiti di particolare significato naturalistico, ambientale e paesistico di dimensione sovracomunale e con caratteri di interesse provinciale per i quali viene ritenuta opportuna l’istituzione di PLIS, al fine di garantire una maggiore valorizzazione del patrimonio naturale e paesistico e una progettazione degli interventi, sia sotto il profilo delle opportunità di utilizzo delle risorse a fini di miglioramento della qualità dell’offerta ambientale e paesistica, sia sotto il profilo della gestione degli interventi per la salvaguardia e la valorizzazione dei luoghi e delle loro peculiarità. 2. A tal fine la Provincia potrà promuovere iniziative opportune per la formazione dei PLIS di cui al comma 1. 3. Fino all’approvazione dei PLIS i suddetti ambiti sono soggetti alla disciplina dell’art.54 e seguenti, in rapporto alla classificazione delle aree in essi comprese, come individuata nella tavola allegato E5.4. In particolare le aree individuate nel sistema del “Paesaggio della naturalità” sono soggette alla disciplina dell’art.54. Le aree interne al sistema del “Paesaggio agrario e delle aree coltivate” e appartenenti alla “fascia prealpina”, sono soggette alla disciplina dell’art.58. Le aree interne al medesimo sistema e appartenenti alla “fascia collinare”, sono soggette alla disciplina dell’art. 59. Le aree della “fascia della pianura” sono soggette, nell’ordine, alla disciplina degli artt. 60, 61, 63,

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

87


Comune di Almenno San Salvatore

64, 57 come richiamati nella legenda della Tav. E5.4. Gli strumenti urbanistici comunali dovranno specificamente individuare tutti i “sistemi ed elementi di rilevanza paesistica” definiti alla Tav.E5.4, prevedendone specifica disciplina e valorizzazione. 4. Il PTCP recepisce inoltre i PLIS istituiti o gli ampliamenti delle relative perimetrazioni anche se non specificamente rappresentati nella cartografia di Piano. 5. Qualora venissero istituiti da parte di Enti locali nuovi PLIS successivamente all’adozione del PTCP, le previsioni e le prescrizioni a contenuto ambientale, paesistico e naturalistico saranno considerati come elementi di maggiore definizione, ai sensi degli articoli 3, 3° comma e 6, del PTPR e, come tali, saranno prevalenti immediatamente sulla disciplina paesistica del PTCP. Sono fatti salvi e prevalgono comunque gli elementi prescrittivi del PTCP relativi al quadro infrastrutturale. 6. Qualora i PLIS istituiti avessero perimetri di dimensione diversa da quella individuata dal PTCP, le parti esterne al perimetro del PLIS istituito restano soggette alla disciplina del comma 3 del presente articolo. Art. 74 Rete ecologica provinciale 1. La Rete ecologica della Provincia di Bergamo definita nella Tav. E5.5 del PTCP, sarà oggetto di specifico Piano di Settore come previsto dall’art. 17. 2. Il Piano di settore per la rete ecologica definisce uno scenario ecosistemico polivalente a supporto di uno sviluppo sostenibile, in modo che si riducano per quanto possibile le criticità esistenti suscettibili di compromettere gli equilibri ecologici, e si sviluppino invece le opportunità positive del rapporto uomo-natura. 3. I criteri e le modalità di intervento saranno volti al principio prioritario del miglioramento dell’ambiente di vita per le popolazioni residenti e all’offerta di opportunità di fruizione della qualità ambientale esistente e futura e al miglioramento della qualità paesistica. 4. Il Piano di Settore prevederà: a. il riequilibrio ecologico di area vasta e locale, attraverso la realizzazione di un sistema funzionale interconnesso di unità naturali di diverso tipo; b. la riduzione del degrado attuale e delle pressioni antropiche future attraverso il miglioramento delle capacità di assorbimento degli impatti da parte del sistema complessivo; c. lo sfruttamento ecosostenibile delle risorse ambientali rinnovabili. 5. I progetti di opere che possono produrre ulteriore frammentazione della rete ecologica, dovranno prevedere opere di mitigazione e di inserimento ambientale, in grado di garantire

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

88


Comune di Almenno San Salvatore

sufficienti livelli di continuità ecologica. Le compensazioni ambientali dovranno favorire la realizzazione di nuove unità ecosistemiche, coerenti con le finalità della rete ecologica provinciale. 6. L’allegato Tav. E5.5 del PTCP costituisce l’inquadramento strutturale fondamentale della rete ecologica e pertanto modificabile solo previa variante al PTCP con le procedure di cui all’art.21. 7. Il Comune, in fase di adeguamento dello strumento urbanistico generale o di formazione di nuovo strumento, recepisce e articola gli indirizzi della Tav. E5.5 del PTCP e individua eventuali specifici interventi di riqualificazione ecologico-ambientale, in coerenza con il Piano di Settore di cui ai precedenti commi e ai contenuti relativi alla rete ecologica individuati dai Piani di Indirizzo Forestale. In tale contesto dovranno essere salvaguardati i varchi riportati nell’allegato E5.5 che non risultassero compresi nelle zone disciplinate dall’art.65, provvedendo al mantenimento ed al rafforzamento di adeguati spazi verdi tali da garantire la continuità dei corridoi. Art. 75 Elementi della rete ecologica 1. La Tav. E5.5 individua i contenuti di inquadramento dello schema della rete ecologica e degli elementi fondamentali costituiti da: a. Struttura naturalistica primaria; b. Nodi di livello regionale; c. Nodi di 1° livello provinciale; d. Nodi di 2° livello provinciale; e. Corridoi di 1° livello provinciale; f. Corridoi di 2° livello provinciale. 2. Il sistema di relazioni funzionali della rete ecologica sarà articolato dal Piano di Settore con valore di piano attuativo, con riferimento ai seguenti elementi: − Aree principali di appoggio in ambito montano − Isole di biodiversità − Matrici naturali interconnesse − Aree di collegamento in ambito montano-collinare − Aree della ricostruzione ecosistemica polivalente in ambito montano-collinare − Gangli principali in ambito planiziale − Gangli secondari in ambito planiziale − Principali ecosistemi lacustri

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

89


Comune di Almenno San Salvatore

− Corridoi fluviali principali − Corridoi fluviali secondari − Corridoi terrestri − Greenways principali − Aree della ricostruzione ecosistemica polivalente in ambito planiziale − Principali barriere infrastrutturali ed insediative − Fasce di inserimento delle principali barriere infrastrutturali − Principali punti di conflitto della rete con le principali barriere infrastrutturali − Ambiti urbani e periurbani della ricostruzione ecologica diffusa − Varchi insediativi a rischio − Fasce di permeabilità in aree problematiche − Ambiti urbani e periurbani della ricostruzione ecologica diffusa − Aree della ricostruzione polivalente dell’agro-ecosistema − Direttrici di collegamento esterno Art. 76 Ambiti soggetti ad attività di escavazione 1. Nelle Tav. E2.2 ed E4 sono individuati i poli estrattivi del Piano delle attività estrattive vigente alla data di adozione del PTCP. L’identificazione cartografica ha finalità esclusivamente ricognitiva, mentre la consistenza e l’identificazione degli ambiti estrattivi sono individuabili più puntualmente negli elaborati del “Piano Cave” vigente. 2. I criteri e le modalità di intervento in tali ambiti devono esserem volti alla riqualificazione ambientale. Il piano cave della Provincia per le attività estrattive in esaurimento al termine delle attività dovrà dettare delle linee d’indirizzo per il recupero totale dell’area eventualmente costituendo una fascia boscata ed in ogni caso inserendola nel sistema (verde) provinciale. Queste aree potrebbero, secondo le caratteristiche del recupero, costituire dei gangli primari o secondari. 3. Nella tavola relativa all’Ambiente e Paesaggio (E2.2), nella tavola inerente il Quadro Strutturale (E4), il PTCP attribuisce ai poli estrattivi di cui al comma 1 la funzione che si ritiene più correttamente prescrivibile a ciascun sedime nel quadro del recupero e dell’inserimento ambientale che dovranno avvenire in fase di restituzione, a coltivazione ultimata. Tale indicazione consentirà di definire gli orientamenti e i contenuti da assumere nell’ambito

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

90


Comune di Almenno San Salvatore

della formulazione delle convenzioni. Negli ambiti montani e pedecollinari, ove il PTCP preveda l’indicazione di “Aree del paesaggio montano debolmente antropizzato” e di “Aree del paesaggio montano antropizzato con insediamenti sparsi” e di “Versanti delle zone collinari e pedemontane” nonché nelle “Aree di elevato valore naturalistico e paesistico”, il recupero deve avvenire in condizioni di coerenza con i caratteri morfologici, ambientali e paesistici delle aree contermini di medesima definizione. 4. La disciplina del presente articolo si applica anche agli ambiti oggetto di attività di escavazione mineraria anche se non specificamente individuati negli elaborati cartografici del PTCP. Art. 93 Disciplina delle aree di primo riferimento per la pianificazione urbanistica locale 1. I Comuni nella formazione dei propri strumenti urbanistici devono determinare il fabbisogno di sviluppo residenziale, produttivo e terziario, delle infrastrutture e servizi pubblici, alla luce delle norme regionali in materia, avendo riguardo al minor consumo di territorio possibile. Il PTCP, valutati gli insediamenti urbani nella loro configurazione consolidata alla data di approvazione del PTCP, individua alcuni ambiti che possono contribuire alla definizione della forma urbana, ai quali attribuisce valore di area di primo riferimento per la pianificazione urbanistica locale. 2. Le aree di primo riferimento non costituiscono previsioni di azzonamento finalizzate ad una prima individuazione di aree da edificare. Esse si configuarano come indicazione di ambiti che il PTCP ritiene, alla scala che gli è propria, meno problematici al fine della trasformazione urbanistica del territorio, intendendosi per tale l’insieme degli interventi destinati alla realizzazione di attrezzature, infrastrutture, standard urbanistici e degli eventuali interventi edificatori. Le aree di cui al presente comma, ove siano individuate come Zone E negli strumenti urbanistici comunali, sono comunque soggette alle limitazioni di cui all’art. 89, comma 2 della LR 12/2005. Conseguentemente gli interventi di trasformazione urbanistica previsti da Programmi Integrati di Intervento in variante allo strumento urbanistico comunale vigente, benché compatibili con la disciplina del presente articolo, potranno essere attuabili solo se le aree stesse risultino dismesse antecedentemente alla richiesta di adozione del PII. 3. Tali aree sono individuate dal PTCP sulla base di valutazioni, riferite agli aspetti paesisticoambientali e alla salvaguardia dei suoli a più idonea vocazione agricola, in correlazione alle finalità della disciplina paesistica del PTCP, in rapporto agli obiettivi di cui al precedente art. 92 e con particolare riferimento alle aree di cui all’art.62. Esse saranno quindi oggetto di preventiva valutazione nell’ambito della formulazione delle nuove previsioni di sviluppo degli strumenti

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

91


Comune di Almenno San Salvatore

urbanistici, fermo restando che le aree stesse non si definiscono come ambiti obbligatori per le previsioni di trasformazione territoriale, ma si configurano come ambiti per i quali il PTCP non richiede che gli strumenti urbanistici comunali debbano effettuare particolari ed ulteriori approfondimenti di dettaglio. 4. Il Comune può conseguentemente formulare previsioni di organizzazione urbanistica e di strutturazione morfologica dei completamenti e dell’espansione urbana rivolte anche all’esterno delle aree di primo riferimento. In tal caso le previsioni devono essere supportate da approfondimenti alla scala di dettaglio propria del PRG relativi ai caratteri delle aree, alle loro peculiarità ambientali e paesistiche in riferimento alle trasformazioni territoriali ed ambientali che si intendono effettuare, ed alla occupazione delle aree a vocazione agricola, che il PTCP intende tendenzialmente conservare. Tali approfondimenti dovranno essere precisati nella relazione del PRG che dovrà inoltre esplicitare le motivazioni che hanno condotto alle specifiche scelte insediative. 5. Lo strumento urbanistico dovrà, inoltre, dare dimostrazione che le aree agricole oggetto di eventuale trasformazione d’uso non abbiano usufruito di aiuti comunitari strutturali rilasciati dall’Unione Europea o notificati alla stessa, per i quali è ancora presente un vincolo di destinazione o di uso.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

92


Comune di Almenno San Salvatore

2.5 IL PIANO CAVE DELLA PROVINCIA DI BERGAMO (LR. 14/98)

La Provincia di Bergamo è dotata di un Piano Cave approvato con Dcr numero VIII/ 619 del 14 maggio 2008 e pubblicato sul Burl - Bollettino Ufficiale Regione Lombardia - 2° supplemento straordinario - numero 28 del 10 luglio 2008.

2.5.1 ALMENNO SAN SALVATORE E IL PIANO CAVE DELLA PROVINCIA DI BERGAMO (LR. 14/98)

Nel territorio comunale il Piano Cave della Provincia di Bergamo individua l’ambito estrattivo di calcari e dolomie ATEc15 (ex polo AP10q), situato nella parte settentrionale del territorio comunale. Tale ambito corrisponde alla parte centrale dell’ex polo AP10q. Di seguito si riportano l’estratto cartografico e la scheda descrittiva dell’ambito estrattivo, derivati dal Piano Cave vigente.

Ambito Territoriale Estrattivo ATEc15 (Estratto del Piano Cave vigente)

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

93


Comune di Almenno San Salvatore

Ambito territoriale estrattivo ATEc15 (ex polo AP10q) Dati generali Località interessata

Valle Settimana

Comuni interessati

Almenno San Salvatore, Strozza

Superficie

Ha 12,2

Contesto e infrastrutture

• Boschi e foreste (ex D.Lgs. 490/99) • Corsi d’acqua (ex D.Lgs. 490/99) • Vincolo idrogeologico (R.D. 3267/23) Zona boscata

Formazione utilizzata

Calcare di Sedrina

Vincoli

Previsioni di Piano Riserve stimate

300.000 mc

Produzione prevista nel decennio

300.000 mc

Riserve residue

0

Prescrizioni tecniche per la coltivazione • • Parametri geometrici • • • Ulteriori prescrizioni

• •

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

Inclinazione massima dell’alzata: 65°. Nell’eventualità della realizzazione di più gradoni, gli stessi non potranno superare singolarmente 15 m di altezza. Larghezza pedata minima del gradone: 2/5 delll’altezza. Profilatura dei fronti con metodo di abbattimento controllato. Monitoraggio dei fronti di scavo attivi e in abbandono Profili finali delle discariche di sterile con pendenza massima della scarpata ½. Raccolta e smaltimento delle acque meteoritiche, anche mediante realizzazione di canalette sui gradoni in

94


Comune di Almenno San Salvatore

contropendenza. Riduzione dello scavo dello sterile, che non deve superare la quantità mercantile estratta.

Prescrizioni tecniche per il recupero ambientale Destinazione finale

Recupero scarpate

Recupero fondo cava Ulteriori prescrizioni

Naturalistica/ forestale Riporto di inerti al piede, successivo tratto di terreno vegetale e piantumazione con specie arboree ed arbustive autoctone. Le discariche di sterile devono essere inerbite e dotate di idonei drenaggi alla base. Stesura di terreno vegetale, successivo inerbimento e piantumazione. Contestualità tra operazioni di escavazione e di recupero ambientale.

Note • •

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

I valori indicati di inclinazione sono i massimi possibili e la stabilità delle scarpate dovrà comunque essere dimostrata in sede progettuale con opportune verifiche. L’ambito deve essere recuperato e restituito alla destinazione finale prevista dal Piano Cave entro 6 anni dall’approvazine del progetto e comunque entro il periodo di validità del Piano.

95


Comune di Almenno San Salvatore

3. I PRINCIPALI FENOMENI DI TRASFORMAZIONE DELLA VALLE IMAGNA E LE PRESSIONI ANTROPICHE

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

96


Comune di Almenno San Salvatore

I PRINCIPALI FENOMENI DI TRASFORMAZIONE DELL’AREA DELLA VALLE IMAGNA

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

In questo quadro, che deriva dalla consapevolezza che la città si trova al centro di un sistema urbano a scala regionale e provinciale, strumenti analitici tradizionali ed innovativi sono stati utilizzati per conoscere il territorio, per far "parlare" la cartografia, per comprendere quali regole fondative, quali caratteristiche strutturali portanti - non solo urbanistiche, ma anche relative all'assetto sociale ed economico - fanno sì che Almenno San Salvatore rappresenti un perno per i paesi della bassa Valle Imagna. Si è trattato di analisi a tutto campo, che non si sono limitate ad ottemperare alle direttive legislative, ma che hanno tentato di proporre diverse chiavi di lettura del territorio, aperto e costruito, per fornire alla città, da diversi punti di vista, materiali per un dibattito costruttivo su cui indirizzare il processo di pianificazione. Come si è visto nel paragrafo precedente il Comune di Almenno San Salvatore è compreso dagli strumenti di livello provinciale in rapporto ai caratteri peculiari delle specifiche parti del territorio provinciale e a situazioni di affinità dei caratteri culturali e di omogeneità delle problematiche socio economiche in un ambito territoriale che raggruppa tutti i paesi dell’Area della Valle Imagna coordinati tra di loro dalla stessa Comunità Montana. Da qui, quindi, la necessità di non limitarsi ad analizzare i dati socio economici solo del Comune di Almennno San Salvatore ma, bensì, valutare gli stessi in rapporto all’intera area della Valle Imagna.

97


Comune di Almenno San Salvatore

3.1 POPOLAZIONE E MODELLI INSEDIATIVI

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

I dati riferiti all’anno 2001 registrano, per l’Area della Valle Imagna, una popolazione residente di poco meno di 29.000 abitanti (3% della popolazione provinciale), dei quali il 50% circa concentrati nei Comuni maggiormente vicini al capoluogo (Almenno S. Bartolomeo, Almenno S. Salvatore, Palazzago). La tabella mostra tali informazioni con un livello di dettaglio comunale per gli anni 1981, 1991 e 2001. A livello di Area della Valle Imagna in generale, nel passaggio dal 1981 al 1991 e dal 1991 al 2001 si registra un incremento di popolazione consistente (6,24% e 11,51%), con valori al di sopra della media provinciale; tale movimento sembra essere confermato anche dai dati riferiti all’anno 2002 dove si registrano 29.300 abitanti. Se si entra nel dettaglio dei singoli Comuni, si registrano però alcuni andamenti demografici negativi: nel decennio 1981/1991 perdono popolazione i Comuni di Berbenno, Brumano, Costa Valle Imagna, Fuipiano Valle Imagna, Locatello, Roncola e Valsecca; nel decennio 1991/2001 permangono andamenti negativi nei Comuni di Costa Valle Imagna, Fuipiano Valle Imagna e Valsecca.

98


Comune di Almenno San Salvatore

Tabella – Dinamica della popolazione residente, anni 1981, 1991 e 2001 Comuni

Popolazione residente

Variazione %

1981

1991

2001

1981/1991

1991/2001

Almeno S. Bartolomeo

3.670

4.067

4.950

10,82

21,71

Almeno S. Salvatore

5.204

5.638

5.776

8,34

2,45

Barzana

975

1.066

1.558

9,33

46,15

Bedulita

523

608

711

16,25

16,94

Berbenno

2.224

2.197

2.365

-1,21

7,65

Brumano

79

78

87

-1,27

11,54

Capizzone

1.014

1.084

1.195

6,90

10,24

Corna Imagna

691

791

933

14,47

17,95

Costa Valle Imagna

691

654

620

-5,35

-5,20

Fuipiano Valle Imagna

260

242

230

-6,92

-4,96

Locatelo

691

681

738

-1,45

8,37

Palazzago

2.814

3.081

3.616

9,49

17,36

Roncola

559

553

632

-1,07

14,29

Rota d'Imagna

810

815

853

0,62

4,66

2.782

2.969

3.188

6,72

7,38

840

854

936

1,67

9,60

Sant’Omobono Terme Strozza Valsecca

483

450

413

-6,83

-8,22

Totale CM

24.310

25.828

28.801

6,24

11,51

Totale Bergamo

874.035

909.692

968.723

4,08

6,49

Fonte: Istat

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

99


Comune di Almenno San Salvatore

ANDAMENTO DEMOGRAFICO NEL COMUNE DI ALMENNO SAN SALVATORE L’andamento demografico è stato analizzato secondo dinamiche di breve e di lungo periodo. Relativamente alle dinamiche di lungo periodo ci si è riferiti alla serie storica dei censimenti nazionali Istat a far data dal 1941 sino a giungere all’ultimo dato disponibili relativo all’anno 2001, da cui emerge un incremento della popolazione pari a circa il 93,38% tra gli estremi temporali considerati. Serie storica censimento Istat 1941

1951

1961

1971

1981

1991

2001

2.993

3.326

3.686

4.332

5.206

5.635

5.788

Osservando i dati dell’andamento della popolazione negli ultimi venti anni (dinamica di breve periodo) si nota un drastico aumento della popolazione nel 2001, si passa infatti da 3027 abitanti residenti nel 2000 a 5776 residenti nel 2001 con un incremento della popolazione superiore al 90%. Negli anni successivi al 2001 la popolazione presente si è mantenuta sostanzialmente stabile.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

100


Comune di Almenno San Salvatore

Tabella – Andamento della popolazione residente nel comune di Almenno San Salvatore (anni 1991-2009) Anno

1991

1992

1993

1994

1995

1996

1997

1998

1999

Popolazione al 31 Dicembre

2953

2912

2943

2939

2941

2953

2948

2959

3024

Anno

2000

2001

2002

2003

2004

2005

2006

2007

2008

2009

Popolazione al 31 Dicembre

3027

5776

5787

5800

5844

5844

5821

5838

5831

5841

Grafico – Andamento della popolazione residente nel comune di Almenno San Salvatore (anni 1991-2009)

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

101


Comune di Almenno San Salvatore

Tasso di variazione della popolazione Il tasso di variazione della popolazione è calcolato secondo la formula:

ed indica la variazione percentuale dell’ammontare della popolazione rispetto al periodo precedente. Come si può osservare dalla figura seguente, relativa al tasso di variazione della popolazione dei comuni della Provincia di Bergamo nell’anno 2008, il comune di Almenno San Salvatore è stato interessato da un lieve decremento della popolazione. Tale fenomeno ha interessato in modo più o meno marcato, principalmente i comuni montani della provincia di Bergamo.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

102


Comune di Almenno San Salvatore

Tasso di variazione della popolazione della Provincia di Bergamo nell’anno 2008

Fonte: SITer Provincia di Bergamo

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

103


Comune di Almenno San Salvatore

BILANCIO DEMOGRAFICO Il saldo naturale calcolato per gli anni 1991 e 2001, evidenzia per l’intera Comunità Montana segni positivi, anche se, vi sono singole situazioni comunali caratterizzate da segni negativi (nel 1991 Fuipiano Valle Imagna, Strozza e Valsecca; nel 2001 Costa Valle Imagna, Fuipiano Valle Imagna, Locatello e Rota d’Imagna). Lo stesso andamento generale è rilevabile per quanto riguarda il saldo migratorio; tra i Comuni con saldo negativo vi sono Almenno S. Salvatore, Berbenno, Brumano e Costa Valle Imagna nel 1991 e Almenno S. Salvatore, Barzana, Bedulita e Sant’Omobono Terme nel 2001.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

104


Comune di Almenno San Salvatore

Tabella – Bilancio demografico, confronto 1991- 2001

Saldo naturale 1991

Comune Nat i

Morti

Saldo migratorio 2001

Sald o

Nati

Morti

1991 Sald o

Immig r

2001

Emigr

Sald o

Immig r

Emigr

Sald o

Almeno S. Bartolomeo

40

28

12

69

35

34

175

93

82

203

108

95

Almeno S. Salvatore

64

54

10

61

47

14

96

102

-6

136

197

-61

Barzana

8

8

0

26

10

16

28

18

10

49

54

-5

Bedulita

9

4

5

6

3

3

25

14

11

13

19

-6

Berbenno

30

23

7

33

27

6

38

41

-3

58

33

25

Brumano

1

1

0

2

0

2

1

4

-3

4

1

3

Capizzone

9

6

3

13

12

1

46

16

30

28

27

1

Corna Imagna

8

8

0

14

6

8

20

6

14

33

31

2

Costa Valle Imagna

3

3

0

4

8

-4

11

16

-5

16

7

9

Fuipiano Valle Imagna

1

4

-3

0

1

-1

7

7

0

4

4

0

Locatelo

13

13

0

6

9

-3

13

7

6

31

17

14

Palazzago

38

25

13

44

26

18

89

75

14

126

94

32

Roncola

7

4

3

11

6

5

7

7

0

22

15

7

Rota d'Imagna

11

7

4

6

9

-3

17

12

5

26

26

0

Sant’Omobono Terme

37

25

12

60

34

26

93

74

19

107

111

-4

Strozza

6

9

-3

18

3

15

24

18

6

30

27

3

Valsecca

2

5

-3

4

0

4

13

13

0

6

3

3

Totale CM

287

227

60

377

236

141

703

523

180

892

774

118

Fonte: Istat

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

105


Comune di Almenno San Salvatore

Tabella - Bilancio demografico anno 2009 e popolazione residente al 31 Dicembre Comune: Almenno San Salvatore Maschi Popolazione al 1° Gennaio Nati Morti Saldo Naturale Iscritti da altri comuni Iscritti dall'estero Altri iscritti Cancellati per altri comuni Cancellati per l'estero Altri cancellati Saldo Migratorio e per altri motivi Popolazione residente in famiglia Popolazione residente in convivenza Unità in piÚ/meno dovute a variazioni territoriali Popolazione al 31 Dicembre Numero di Famiglie Numero di Convivenze Numero medio di componenti per famiglia

2814 35 29 6 61 6 3 65 5 1 -1 2809 10 0 2819

Femmine 3017 25 32 -7 70 7 0 60 1 4 12 2899 123 0 3022 2236 2 2.55

Totale 5831 60 61 -1 131 13 3 125 6 5 11 5708 133 0 5841

Fonte: Istat

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

106


Comune di Almenno San Salvatore

COMPOSIZIONE DELLA POPOLAZIONE PER CLASSI D’ETÀ Le tabelle seguenti riportano la composizione della popolazione per classi d’età in valore assoluto e percentuale; per la Area della Valle Imagna si nota che le classi di età più popolose sono quelle che spaziano dai 25 ai 44 anni (17% 25-34 anni, 16% 35-44 anni); le classi meno numerose vanno da 0 anni ai 14 anni. Tale distribuzione è confermata sia dall’indice di vecchiaia della popolazione della Area della Valle Imagna, che dall’indice di ricambio.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

107


Comune di Almenno San Salvatore

Tabella - Classi d’età della popolazione, anno 2001 – valore assoluto Comune

0-4

5-9

10 14

15 24

25 34

35 44

45 54

55 64

65 74

oltre 75

Totale

Almenno S. Bartol.

344

246

253

517

920

887

649

446

377

311

4.950

Almenno S. Salvatore

296

282

320

696

852

955

732

611

570

462

5.776

Barzana

129

79

77

177

312

279

186

144

111

64

1.558

Bedulita

45

42

34

85

114

98

92

106

55

40

711

Berbenno

130

132

145

280

386

343

320

267

207

155

2.365

Brumano

4

2

5

13

9

17

16

5

9

7

87

Capizzone

71

67

50

140

194

188

160

150

95

80

1.195

Corna Imagna

78

56

57

136

166

149

107

78

55

51

933

Costa Valle I.

20

31

18

53

105

88

78

88

86

53

620

Fuipiano Valle I.

9

4

8

27

43

22

37

30

25

25

230

Locatello

38

39

52

93

99

103

116

69

50

79

738

Palazzago

219

154

172

439

702

544

537

387

271

191

3.616

Roncola

40

29

37

67

106

108

77

64

57

47

632

Rota d'Imagna

38

32

40

104

118

118

118

99

101

85

853

Sant’Omobono Terme

191

160

162

385

540

503

369

361

299

218

3.188

Strozza

56

47

48

117

161

151

119

110

79

48

936

Valsecca

18

19

14

57

72

45

64

51

37

36

413

Totale CM

1.72 6

1.42 1

1.492

3.386

4.899

4.598

3.777

3.066

2.484

1.952

28.80 1

Fonte: Istat

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

108


Comune di Almenno San Salvatore

Tabella – Classi d’età della popolazione, anno 2001 – Valore percentuali Comune

0-4

5-9

10 - 14

15 - 24

25 - 34

35 - 44

45 - 54

55 - 64

65 - 74

oltre 75

Almenno S. Bartol.

6,95

4,97

5,11

10,44

18,59

17,92

13,11

9,01

7,62

Almeno S. Salvatore

5,12

4,88

5,54

12,05

14,75

16,53

12,67

10,58

9,87

6,28 8,00

Barzana

8,28

5,07

4,94

11,36

20,03

17,91

11,94

9,24

7,12

4,11

Bedulita

6,33

5,91

4,78

11,95

16,03

13,78

12,94

14,91

7,74

5,63

Berbenno

5,50

5,58

6,13

11,84

16,32

14,50

13,53

11,29

8,75

6,55

Brumano

4,60

2,30

5,75

14,94

10,34

19,54

18,39

5,75

10,34

8,05

Capizzone

5,94

5,61

4,18

11,72

16,23

15,73

13,39

12,55

7,95

6,69

Corna Imagna

8,36

6,00

6,11

14,58

17,79

15,97

11,47

8,36

5,89

5,47

Costa Valle Imagna

3,23

5,00

2,90

8,55

16,94

14,19

12,58

14,19

13,87

8,55

Fuipiano Valle Imagna

3,91

1,74

3,48

11,74

18,70

9,57

16,09

13,04

10,87

10,87

Locatelo

5,15

5,28

7,05

12,60

13,41

13,96

15,72

9,35

6,78

10,70

Palazzago

6,06

4,26

4,76

12,14

19,41

15,04

14,85

10,70

7,49

5,28

Roncola

6,33

4,59

5,85

10,60

16,77

17,09

12,18

10,13

9,02

7,44

Rota d'Imagna

4,45

3,75

4,69

12,19

13,83

13,83

13,83

11,61

11,84

9,96

Sant’Omobono Terme

5,99

5,02

5,08

12,08

16,94

15,78

11,57

11,32

9,38

6,84

Strozza

5,98

5,02

5,13

12,50

17,20

16,13

12,71

11,75

8,44

5,13

Valsecca

4,36

4,60

3,39

13,80

17,43

10,90

15,50

12,35

8,96

8,72

Totale CM

5,99

4,93

5,18

11,76

17,01

15,96

13,11

10,65

8,62

6,78

Fonte: Istat

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

109


Comune di Almenno San Salvatore

Grafico - Classi d’età della popolazione, anno 2001 – Valori percentuali

Fonte: Istat

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

110


Comune di Almenno San Salvatore

Tabella – Indice di vecchiaia e indice di ricambio, anno 2001 Comune

Indice vecchiaia

Indice di ricambio

Almeno S. Bartolomeo

0,82

1,16

Almeno S. Salvatore

1,15

1,14

Barzana

0,61

1,23

Bedulita

0,79

0,80

Berbenno

0,89

1,05

Brumano

1,45

2,60

Capizzone

0,93

0,93

Corna Imagna

0,55

1,74

Costa Valle Imagna

2,01

0,60

Fuipiano Valle Imagna

2,38

0,90

Locatelo

1,00

1,35

Palazzago

0,85

1,13

Roncola

0,98

1,05

Rota d'Imagna

1,69

1,05

Sant’Omobono Terme

1,01

1,07

Strozza

0,84

1,06

Valsecca

1,43

1,12

Totale CM

0,96

1,10

Fonte: Istat

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

111


Comune di Almenno San Salvatore

L’INDICE DI CARICO SOCIALE L’indice di carico sociale è calcolato secondo la formula:

ed indica il numero di soggetti al di fuori dell’età lavorativa formale (meno di 15 anni e più di 64 anni) per ogni cento soggetti in età lavorativa. Come si può osservare dalla figura seguente, relativa all’indice di carico sociale nei comuni della provincia di Bergamo, nel comune di Almenno San Salvatore si registra, per l’anno 2008, un valore medio-basso dell’indice.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

112


Comune di Almenno San Salvatore

Indice di carico sociale - anno 2008

Fonte: SITer Provincia di Bergamo

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

113


Comune di Almenno San Salvatore

IL COEFFICIENTE DI GRAVITAZIONE Il coefficiente di gravitazione è calcolato secondo la formula:

ed indica la variazione per mille della differenza tra immigrati ed emigrati nel comune rispetto alla popolazione totale. Come si può osservare dalla figura seguente, relativa al coefficiente di gravitazione nei comuni della provincia di Bergamo, nel comune di Almenno San Salvatore si registra, per l’anno 2008, un basso incremento del valore del coefficiente.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

114


Comune di Almenno San Salvatore

Coefficiente di gravitazione - anno 2008

Fonte: SITer Provincia di Bergamo

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

115


Comune di Almenno San Salvatore

TASSO D’INCIDENZA DELLA POPOLAZIONE STRANIERA Il tasso d’incidenza della popolazione straniera è calcolato secondo la formula:

ed indica il numero di stranieri ogni cento residenti. Come si può osservare dalla figura alla pagina seguente, relativa al tasso di incidenza della popolazione straniera nei comuni della provincia di Bergamo, nel comune di Almenno San Salvatore si registra, per l’anno 2008, un basso valore del tasso. Tuttavia, negli ultimi 5 anni si è registrato un incremento del valore del tasso, come si può osservare dalla tabella sottostante. Andamento della popolazione straniera ad Almenno San Salvatore

Anno

N. stranieri

2005 2006 2007 2008 2009 Variazione 2005-2009

151 168 191 199 215 42,38%

N. abitanti totale 5844 5821 5838 5831 5841 -0,05%

Tasso incidenza popolazione straniera 2,58% 2,89% 3,27% 3,41% 3,68% 42,64%

Fonte: Istat

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

116


Comune di Almenno San Salvatore

Tasso d’incidenza della popolazione straniera - anno 2008

Fonte: SITer Provincia di Bergamo

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

117


Comune di Almenno San Salvatore

DENSITA’ ABITATIVA La tabella riporta la densità abitativa sia in relazione alla superficie territoriale che alla sola superficie urbanizzata. Il valore medio della densità abitativa in Valle Imagna è di 282,09 abitanti/km2, superiore alla fascia di montagna ma largamente inferiore al dato collinare; tra tutti i Comuni della Valle spiccano Brumano e Almenno S. Salvatore, rispettivamente per la densità abitativa più bassa (10,69 abitanti/km2) e più alta (1.216 abitanti/km2). Tali Comuni sono gli stessi che emergono se consideriamo l’incidenza della popolazione sulla sola superficie urbanizzata; anche in questo caso, il valore medio della Comunità Montana (2.239,72 abitanti/km2) risulta essere superiore alla fascia di montagna e inferiore a quella di collina. Tabella – Densità Abitativa, anno 2001 Superficie Superficie (km2)

Densità abitativa (ab/km2)

Popolazione /sup. urbanizzata (ab/km2)

Almenno S. Bartolomeo

10,42

2,55

475,05

1.941,65

Almenno S. Salvatore

4,75

1,63

1.216,00

3.539,07

Barzana

2,06

0,70

756,31

2.224,06

Bedulita

4,13

0,42

172,15

1.710,27 2.317,20

Comuni

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

Densità

Superficie urbanizzata (km2)

Berbenno

6,30

1,02

375,40

Brumano

8,14

0,14

10,69

623,06

Capizzone

4,59

0,47

260,35

2.526,92

Corna Imagna

4,54

0,34

205,51

2.706,29

Costa Valle Imagna

4,26

0,34

145,54

1.822,03

Fuipiano Valle Imagna

4,23

0,29

54,37

804,59

Locatelo

3,75

0,30

196,80

2.484,81

118


Comune di Almenno San Salvatore

Palazzago

13,98

1,61

258,66

2.251,61

Roncola

5,07

0,49

124,65

1.285,59

Rota d'Imagna

6,00

0,51

142,17

1.668,89

Sant’Omobono Terme

10,80

1,38

295,19

2.302,39

Strozza

3,85

0,41

243,12

2.304,98

Valsecca

5,23

0,26

78,97

1.582,30

Totale CM

102,10

12,86

282,09

2.239,72

Fascia Montagna

1.729,90

138,39

121,23

1.515,40

Fascia Collinare

320,60

76,61

985,51

4.120,02

Totale Bergamo

2.722,90

350,82

355,76

2.761,31

Fonte: Istat

La figura seguente illustra la densità della popolazione (numero medio di abitanti per ogni kmq di estensione territoriale) per i comuni della provincia di Bergamo nell’anno 2008. Il comune di Almenno San Salvatore risulta avere una densità abitativa medio - bassa. Rispetto al dato medio della provincia di Bergamo, Almenno San Salvatore, con una densità abitativa nel 2008 di 1228 abitanti per km2 si colloca tra i 61 comuni a maggior densità.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

119


Comune di Almenno San Salvatore

DensitĂ della popolazione - anno 2008

Fonte: SITer Provincia di Bergamo

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

120


Comune di Almenno San Salvatore

3.2 ECONOMIA E LAVORO

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

Ai fini di un inquadramento socio-economico funzionale alla valutazione dello stato dell’ambiente, è opportuno focalizzare alcuni parametri essenziali relativi alla struttura delle attività economiche. Tuttavia, il livello di aggregazione sub-provinciale dell’analisi in oggetto non consente di reperire alcune tipologie di dati, tra le quali anche alcune di natura economica (prodotto interno lordo, reddito disponibile, consumi). Nelle seguenti tabelle sono riportati il numero delle unità locali per settore di attività economica, così come rilevati dall’Istat: poiché il dato è desunto dal Censimento Industria e Servizi dell’anno 2001, è opportuno tenere presente che non sono comprese le aziende agricole. Nel grafico è possibile osservare la ripartizione delle unità locali per settore di attività economica. Si può osservare una netta prevalenza del settore delle costruzioni, con il 30,4% delle unità locali, ampiamente superiore al dato provinciale. Infatti, nello stesso anno 2001, nella Provincia di Bergamo sono presenti 78.141 unità produttive locali (per un totale di 400.652 addetti), di cui il 20% circa attivo nelle costruzioni, un altro 20% nel comparto manifatturiero (in particolare, lavorazione di metalli, industria meccanica, tessile, elettrica) e il restante 60% principalmente nel settore del commercio e servizi. Rispetto al dato provinciale si osserva inoltre anche un peso inferiore del comparto manifatturiero, anche se non così marcato come la natura del territorio potrebbe suggerire. Analizzando con maggiore dettaglio la distribuzione delle unità locali nei diversi comuni, si possono osservare le vocazioni specifiche di alcune località. Ad Almenno S. Bartolomeo è insediato circa un quarto dell’industria manifatturiera, circa il 17% delle attività di costruzioni e quote significative delle attività di servizio. Almenno San Salvatore denota invece una spiccata vocazione agricola (37,5% delle unità locali) e presenta una significativa concentrazione anche delle altre attività economiche. Si osservano inoltre la rilevante presenza agricola a Palazzago e una buona presenza industriale nel Comune di S. Omobono Terme. Tenendo presente che lo scopo del presente inquadramento socio-economico è quello di fornire un quadro di riferimento per la successiva elaborazione di indicatori di sostenibilità, nelle pagine seguenti sono riportati alcuni dati di natura descrittiva, relativi ai diversi settori di attività economica, con un livello di approfondimento differenziato per tenere conto della peculiarità del territorio considerato. In particolare, sono fornite solo alcuni elementi specifici sull’industria e sul commercio, al fine di evidenziare e localizzare sul territorio le possibili criticità, mentre saranno analizzate con un maggiore grado di approfondimento in paragrafi successivi le

121


Comune di Almenno San Salvatore

tematiche dell’agricoltura e zootecnia e del turismo.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

122


Comune di Almenno San Salvatore

UNITÀ LOCALI NEL COMUNE DI ALMENNO SAN SALVATORE Nel territorio di Almenno San Salvatore sono presenti 191 unità locali. La tabella seguente riporta le unità locali per settore di attività economica. Osservando i dati, si rileva la predominanza di unità locali del settore delle costruzioni, seguito dal settore delle industrie manifatturiere. Unità Locali delle imprese artigiane rilevate al censimento industria e servizi per sezione di attività economica. Anno 2001 Tipologia di unità

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

N° di unità

%

Agricola Pesca Estrazione minerali Industrie manifatturiere Energia gas acqua

0 0 0 40 0

0,00% 0,00% 0,00% 20,94% 0,00%

Costruzioni

85

44,50%

Commercio e riparazioni

19

9,95%

Alberghi e ristoranti

3

1,57%

Trasporti magazzini e comunicazioni

16

8,38%

Intermediazione monetaria e finanziaria

0

0,00%

Attività professionali

8

4,19%

Pubblica amministrazione

0

0,00%

Istruzione

0

0,00%

Sanità e servizi sociali

0

0,00%

123


Comune di Almenno San Salvatore

Altri servizi

20

Totale

191

10,47%

Fonte: Istat Grafico - UnitĂ Locali delle imprese artigiane rilevate al censimento industria e servizi per sezione di attivitĂ  economica. Anno 2001

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

124


Comune di Almenno San Salvatore

3.3 INDUSTRIA

Tabella - Indicatore di concentrazione industriale (Tale indicatore è stato calcolato come rapporto tra il numero di addetti di ciascun settore e di ciascun comune e il numero di addetti complessivi del medesimo settore.) Legno e prodotti in legno Comune

Conc.

Sant’Omobono Terme Brembilla

4,79% 3,75%

Berbenno

3,67%

Zogno

3,62%

Bergamo

2,95%

Sedrina

2,48%

Treviglio

2,44%

Bolgare

2,40%

Romano di Lombardia

2,35%

Come anticipato in termini generali, nel territorio della Comunità Montana la presenza di attività industriali in senso stretto (escludendo quindi le costruzioni) è sensibilmente inferiore a quella media della Provincia ma si registrano alcune situazioni di concentrazione significativa. Si tratta tuttavia di realtà isolate e non sono presenti aggregazioni di comuni caratterizzati da attività omogenee che si possano configurare come distretto industriale. Nessun comune della Comunità Montana infatti appartiene a Distretti Industriali istituiti dalla Regione Lombardia. Per valutare la presenza industriale sul territorio, al fine di mettere in luce eventuali situazioni critiche, è comunque possibile utilizzare un “indice di concentrazione industriale”, analogamente a quanto riportato nella Relazione sullo Stato dell’Ambiente della Provincia. Tale indice è in grado di individuare le concentrazioni di attività omogenee in ambiti territoriali specifici, mettendo in luce le aree che dovrebbero essere oggetto di particolare attenzione ai fini della sostenibilità ambientale. Di seguito è riportato il valore dell’indice di concentrazione di imprese per alcuni settori industriali presenti nel territorio della Comunità Montana. A scopo di confronto, sono riportati i comuni della Provincia, per i quali il valore dell’indicatore supera il 2%, anche se non appartenenti alla Comunità. Si tenga presente che, se ogni attività produttiva fosse uniformemente distribuita sul territorio provinciale, l’indicatore assumerebbe ovunque valore pari a circa 0,4%. Si osserva una notevole presenza nel settore del legno di alcuni comuni della Comunità Montana: Berbenno e S. Omobono Terme, con un numero di addetti nel settore in quest’ultimo comune pari a quasi il 5% dell’intera Provincia di Bergamo.

Fonte: ISTAT 1996, elaborazioni IPA

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

125


Comune di Almenno San Salvatore

RISCHIO DI INCIDENTE RILEVANTE

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

Le aziende a rischio di incidente rilevante sono imprese che per presenza nel proprio sito di determinate sostanze pericolose oltre un definito livello di quantità possono rappresentare un pericolo potenziale per il territorio in caso di incidenti rilevanti e sono pertanto sottoposte a particolari adempimenti legislativi (Direttiva 96/82/CE - D.Lgs. 334/99) in materia di prevenzione e sicurezza per l’uomo e per l’ambiente. La normativa italiana ordina le aziende RIR (aziende a rischio di incidente rilevante) in tre classi, secondo il tipo di sostanze pericolose e i quantitativi presenti, sottoponendole a differenti obblighi: rapporto di sicurezza (art.8 del D.Lgs. 334/99), notifica (art.6 del D.Lgs. 334/99), relazione o individuazione dei rischi di incidente rilevante (art.5 comma 3 e comma 2 del D.Lgs. 334/99). Nella provincia bergamasca sono presenti 244 Comuni, nel territorio di 27 di questi sono presenti, in numero variabile, aziende a Rischio di Incidente Rilevante ex D.L.gs. n. 334/99 s.m.i. In base alle definizioni date, la compatibilità dello stabilimento con il territorio circostante va valutata in relazione alla sovrapposizione delle tipologie di insediamento, categorizzate in termini di vulnerabilità con l’inviluppo delle aree di danno. Le aree di danno corrispondenti alle categorie di effetti considerate individuano quindi le distanze misurate dal centro di pericolo interno allo stabilimento, entro le quali sono ammessi gli elementi territoriali vulnerabili. Nel territorio di Almenno San Salvatore e dei comuni confinanti non sono presenti aziende a rischio di incidente rilevante.

126


Comune di Almenno San Salvatore

Presenza aziende RIR in Provincia di Bergamo e nei Comuni limitrofi

Fonte: Documento preliminare di piano del Piano di settore PdSRIR per la disciplina degli stabilimenti a rischio di incidente rilevante di cui al D.M. 09.05.2001

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

127


Comune di Almenno San Salvatore

3.4 TRASPORTI

La Area della Valle Imagna, presenta una accessibilità differenziata in merito alle infrastrutture viarie: la zona di fondovalle risulta essere adeguatamente collegata sia al proprio interno che alla principale viabilità provinciale; la zone superiore, soffre ancora oggi di una viabilità insufficiente, sia nelle relazioni interne che con il resto della Provincia. Il comune di Almenno S. Salvatore è raggiungibile: - da Bergamo, percorrendo la SP ex SS470 e la SP14; - da Lecco percorrendo la SP639, la SS342 e la SP175; - da Milano mediante l’autostrada A4, uscita Dalmine, proseguendo per la SP ex SS470dir e la SP14.

Fonte: Provincia di Bergamo, 2000

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

128


Comune di Almenno San Salvatore

LA RETE DELLA MOBILITA’ Le due zone di fondovalle e di Alta Valle godono di diverse condizioni infrastrutturali. Infatti mentre la zona di fondovalle può valersi di una rete di mobilità interna e verso l’esterno relativamente adeguata, la zona dell’Alta Valle soffre ancora oggi di una rete insufficiente sia per la mobilità interna che per l’accessibilità alla valle che per le relazioni con le aree esterne. Essendo l’intera area totalmente priva di sistemi di trasporto su ferro le uniche infrastrutture esistenti sono quelle viarie. L’Alta Valle può essere servita sul versante orientale anche dalla strada che proviene dalla Valle Brembilla (C.M. di Valle Brembana) e sul versante occidentale da Roncola e dalla Valle S. Martino (da Carenno verso Costa V.I.). Ai problemi di origine prevalentemente interna si associano quelli connessi alla carenza di trasporti pubblici e una ormai cronica congestione del nodo viario di Almenno San Salvatore che costituisce la porta principale di accesso all’Alta Valle. Circa il tema dei trasporti, la Valle si sostiene in prevalenza sul trasporto privato in quanto il trasporto pubblico dispone di poche linee su gomma che servono solo i centri principali. Questa grave carenza costituisce uno degli ostacoli principali che incontrano le classi giovani per poter proseguire negli studi, e più in generale per tutta la popolazione per poter svolgere la propria attività lavorativa o usufruire dei servizi socio-sanitari e assistenziali e stabilire rapporti più costruttivi sotto il profilo culturale e ricreativo. Un recente studio promosso nell’ambito del Programma LEADER II ha confermato la situazione di isolamento che interessa non solo le frazioni sparse ma anche interi Comuni soprattutto nel periodo estivo quando ai problemi quotidiani e alle necessità di collegamento con i presidi sociosanitari localizzati in S. Omobono T., si aggiungono i problemi dei turisti.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

129


Comune di Almenno San Salvatore

ViabilitĂ principale nel comune di Almenno San Salvatore (in arancione: strade provinciali)

Fonte: Regione Lombardia

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

130


Comune di Almenno San Salvatore

LA RETE DEI COLLEGAMENTI INTERVALLIVI Nel quadro del sistema della viabilità provinciale, la rete dei collegamenti intervallivi, nella zona montana e collinare, assume particolare rilievo nel ruolo di assicurare i rapporti tra le popolazioni di vallate vicine. Le funzioni dei singoli tracciati possono essere differenziate in quanto assumono, oltre al carattere sociale, specifici o congiunti aspetti di scambi relativi alla produzione e al commercio locale o vicinale e soprattutto, per molte strade della rete, particolare interesse turistico, derivante dalla rilevanza paesistica e naturalistica dei territori attraversati. Si amplia l’orizzonte alla conoscenza delle bellezze del paesaggio montano, si ritrovano lungo il percorso importanti centri storici con rilevanti opere d’arte, oppure piccoli nuclei o antichi agglomerati rurali di squisita spontaneità nelle loro espressioni tradizionali nelle quali si avverte il genuino rapporto con la natura che è nostro obbligo conservare. Sono tracciati, in genere, di tranquilla percorribilità per il traffico normalmente abbastanza contenuto; per essi sarà opportuno programmare, oltre all’adeguamento tecnico alle singole caratteristiche, anche una progettazione verde di armonico inserimento nel paesaggio, arricchita da spazi di sosta in corrispondenza di posizioni di particolare attrazione. I collegamenti intervallivi, inoltre, nell’eventualità di emergenze con blocchi delle strade di fondovalle costituiscono percorsi alternativi, anche in aiuto agli interventi di Protezione Civile, per evitare isolamenti, ancorché temporanei negli ambiti montani. PREVISIONI DEL PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE Il P.T.C.P. della Provincia di Bergamo prevede, nel territorio comunale di Almenno San Salvatore la realizzazione di un tratto stradale di collegamento tra la strada provinciale SP175 nel comune di Almenno S. S. e la strada provinciale SP ex SS470dir tra il comune di Almé e di Paladina (tratteggio verde in figura). Il PTCP individua inoltre, a sud del tracciato della SS175 e del tratto di previsione, il tracciato della linea tramviaria prevista (linea a pallini neri in figura).

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

131


Comune di Almenno San Salvatore

Stralcio tavola E3 “Infrastrutture per la mobilità: quadro integrato delle reti e dei sistemi” del PTCP

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

132


Comune di Almenno San Salvatore

MAPPE SINOTTICHE DELLA MOBILITÀ NELLA PROVINCIA DI BERGAMO La cartografia tematica, derivata dal popolamento di una data base territoriale a mezzo dei risultati derivanti dall’analisi della domanda di mobilità, evidenzia come i principali Comuni generatori di spostamenti (in termini di numero di spostamenti emessi) si concentrino nella zone di Bergamo, dell’Isola Bergamasca e del Trevigliese. Distribuzione degli indici di emissione e degli spostamenti generati

Fonte: Provincia di Bergamo

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

133


Comune di Almenno San Salvatore

Analizzando gli spostamenti generati in termini di indice di emissione (rapporto tra il numero di spostamenti generati e la popolazione residente) il quadro complessivo non subisce sostanziali mutamenti: i Comuni dei territori vallivi presentano mediamente indici inferiori rispetto a quelli dei distretti produttivi nell’intorno di Bergamo e Treviglio. Si rileva inoltre come gli stessi si distinguano per il loro basso indice di emissione a conferma della loro prevalente funzione di poli attrattori. Quest’ultima considerazione viene confermata dalla mappatura su base comunale degli spostamenti in destinazione (attratti): Bergamo, Treviglio e, più in generale, i Comuni lungo le principali arterie di comunicazione (direttrici Nord-Sud, Est-Ovest) presentano infatti i più elevati indici di attrazione (rapporto tra il numero di spostamenti attratti e la popolazione residente). Il Comune di Orio al Serio si segnala per un indice di attrazione particolarmente elevato dovuto alla presenza sul suo territorio dell’Aeroporto internazionale.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

134


Comune di Almenno San Salvatore

Distribuzione degli indici di attrazione e degli spostamenti attratti

Fonte: Provincia di Bergamo, 2000 MOBILITÀ IN VALLE IMAGNA La tabella, mostra l’indice di motorizzazione dei Comuni della Valle Imagna; il valore complessivo è pari a 0,69 veic/ab, di poco inferire alla media provinciale (0,73 veic/ab).

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

135


Comune di Almenno San Salvatore

Tabella – Veicoli circolanti e indice di motorizzazione dei Comuni della Comunità Montana Valle Imagna – anno 2000 Indice di Comune Veicoli circolanti motorizzazione Almenno S. Bartolomeo 3.617 0,73 Almenno S. Salvatore 3.919 0,68 Barzana 1.158 0,74 Bedulita 506 0,71 Berbenno 1.506 0,64 Brumano 44 0,51 Capizzone 778 0,65 Corna Imagna 603 0,65 Costa Valle Imagna 306 0,49 Fuipiano Valle Imagna 151 0,66 Locatelo 520 0,70 Palazzago 2.752 0,76 Roncola 403 0,64 Rota d'Imagna 555 0,65 Sant’Omobono Terme 2.040 0,64 Strozza 706 0,75 Valsecca 249 0,60 Totale CM 19.813 0,69 Totale Provincia di Bergamo 707.597 0,73 Fonte: ACI; Istat Relativamente all’anno 2008 l’Indice di motorizzazione (veicoli/abitante) ad Almenno San Salvatore è pari a 0,766 veicoli per abitante.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

136


Comune di Almenno San Salvatore

In particolare nell’anno 2008 risultano circolare ad Almenno San salvatore 4468 veicoli a fronte di una popolazione residente di 5831 abitanti al 31 Dicembre 2008, così ripartiti per tipologia:

RIMORCHI E SEMIRIMORCHI TRASPORTO MERCI

TRATTORI STRADALI O MOTRICI

TOTALE

10

RIMORCHI E SEMIRIMORCHI SPECIALI / SPECIFICI

3295

MOTOVEICOLI E QUADRICICLI SPECIALI / SPECIFICI

61

MOTOCICLI

MOTOCARRI E QUADRICICLI TRASPORTO MERCI

389

AUTOVETTURE

3

AUTOVEICOLI SPECIALI / SPECIFICI

AUTOCARRI TRASPORTO MERCI

Numero veicoli

AUTOBUS

Tabella – Parco veicolare circolante per categoria ad Almenno San Salvatore per tipologia– anno 2008

7

56

34

17

4468

59 6

Fonte: Istat

Nella tabella successiva si riportano i valori del Traffico Giornaliero Medio (TGM) rilevati per alcune strade presenti nel territorio della Valle Imagna. E’ evidente come si sia verificato un aumento nel TGM nel decennio trascorso fra il 1981/1982 e il 1992/1993, in particolare per alcune sezioni stradali (SP 175 e SP 14); è lecito pensare che ad oggi i valori del TGM di tali sezioni stradali sia ulteriormente aumentati.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

137


Comune di Almenno San Salvatore

Tabella – Traffico Giornaliero Medio di alcune sezioni stradali, anni 1981/1982 e 1992/1993 TGM 1992/1993

Variazione %

14.301 (Almenno S.S.)

19.092 (Villa d’Almè)

33,50

1.403 (Capizzone)

1.568 (Capizzone)

11,76

902 (Almenno S. S.)

1.032 (Almenno S. S.)

14,41

SP 173 – Ponte S. Pietro – Almenno S. B.

10.009 (Almenno S. B.)

11.482 (Brembate Sopra)

14,72

SP 175 – SS 342 – Almenno S. Salvatore

6.638 (Almenno S.S.)

10.830 (Almenno S.S.)

63,15

Denominazione

TGM 1981/1982

SP 14 – Valle Imagna SP 16 - SP 14 – Costa Valle Imagna SP 172 – SP 14 – Roncola

Fonte: Provincia di Bergamo, Settore Politiche del Territorio

In merito agli spostamenti pendolati per motivi di lavoro e di studio, non sono ancora disponibili i dettagli comunali dell’ultimo censimento Istat; i dati contenuti nel PTCP registrano però un elevato pendolarismo. Il pendolarismo interno alla Provincia registra spostamenti interni alla Valle o gravitanti sui grandi agglomerati urbani posti a sud della Comunità Montana, (in particolare verso il Comune capoluogo). Gli studi redatti per il Programma Triennale dei Servizi di Trasporto Pubblico della Provincia di Bergamo nel 2000, confermano quanto esposto finora. La tabella successiva riassume le relazioni Origine/Destinazione, caratterizzate da maggiore domanda potenziale di mezzi pubblici di trasporto dovuta al numero elevato di spostamenti, per i Comuni della Valle Imagna.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

138


Comune di Almenno San Salvatore

Tabella – Principali relazioni della matrice O/D, anno 2000 Tipologia

In uscita

In entrata

Interni

Origine

Destinazione

Spostamenti

Sant’Omobono Terme

Bergamo

189

Almenno San Salvatore

Bergamo

495

Almenno San Bartolomeo

Bergamo

296

Berbenno

Bergamo

110

Capizzone

Bergamo

114

Rota d’Imagna

Bergamo

50

Corna Imagna

Bergamo

59

Locatello

Bergamo

52

Almenno San Salvatore

Almè

85

Almenno San Bartolomeo

Brembate di Sopra

159

Almenno San Salvatore

Mozzo

35

Barzana

Brembate di Sopra

47

Bergamo

Almenno San Bartolomeo

47

Almenno San Bartolomeo

Almenno San Salvatore

60

Almenno San Salvatore

Almenno San Bartolomeo

142

Almenno San Bartolomeo

Barzana

41

Barzana

Almenno San Bartolomeo

33

Fonte: Provincia di Bergamo, 2000

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

139


Comune di Almenno San Salvatore

La tabella seguente mostra i dati relativi agli spostamenti giornalieri generati ed attratti per il comune di Almenno S.S. per motivo e mezzo di trasporto. Tabella degli spostamenti giornalieri

Fonte: Provincia di Bergamo, 2000 In particolare, le tabelle seguenti riportano i dati relativi agli spostamenti da e verso il comune di Almenno San Salvatore suddivisi per motivo e mezzo di trasporto nella fascia oraria 7.15 - 9.15.

Tabella - Relazioni Origine/Destinazione (ore 7.15 – 9.15) – Spostamenti da Almenno San Salvatore

Fonte: Provincia di Bergamo, 2000

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

140


Comune di Almenno San Salvatore

Tabella - Relazioni Origine/Destinazione (ore 7.15 – 9.15) – Spostamenti verso Almenno San Salvatore

Fonte: Provincia di Bergamo, 2000 La tabella seguente riporta le relazioni Origine/Destinazione degli studenti provenienti da Almenno San Salvatore iscritti nelle scuole secondarie superiori nell’anno scolastico 2003/2004 all’interno della Provincia di Bergamo. Tabella - Destinazione degli studenti iscritti nelle scuole secondarie superiori nell’anno scolastico 2003/2004 ORIGINE

Almenno San Salvatore

DESTINAZIONE Bergamo Dalmine Presezzo San Pellegrino terme Seriate Zogno Totale

SPOSTAMENTI 132 2 73 10 4 16 237

Fonte: Provincia di Bergamo

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

141


Comune di Almenno San Salvatore

Grafico - Destinazione degli studenti iscritti nelle scuole secondarie superiori nell’anno scolastico 2003/2004

TRASPORTO PUBBLICO La mobilità che si sviluppa su mezzi di trasporto collettivi nella provincia di Bergamo ammonta a circa il 20% di quella complessiva. Dall’analisi delle linee di desiderio emergono le seguenti direttrici: • l’asse Bergamo – Seriate, che in termini di mobilità giornaliera complessiva compare tra le prime venti coppie O/D in entrambe le direzioni, si colloca tra le prime venti coppie O/D solo per il numero di spostamenti che hanno destinazione Bergamo (circa 800); • l’asse Bergamo – Dalmine si conferma nella sola componente attratta da Bergamo; • le due direttrici che collegano il BOD “esterno” di Milano, Varese, Lodi, Pavia a Treviglio e al capoluogo di Provincia appaiono come le più consistenti in termini di numero di spostamenti e le più equilibrate nelle due direzioni di flusso. Si osserva come l’asse Bergamo – Milano, Varese, Lodi, Pavia sia caratterizzato da circa 2.100 trasferimenti e sia l’unico a contare più di 1.000 spostamenti in una delle due direzioni.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

142


Comune di Almenno San Salvatore

Oltre alle direttrici già osservate nel paragrafo relativo all’intero universo degli spostamenti giornalieri emerge l’asse Bergamo – Lecco, lungo il quale si sviluppa una mobilità che ammonta a circa 550 spostamenti, prevalentemente in uscita dal BOD “esterno”. Viene confermata la forte attrattività di Bergamo nei confronti dei Comuni limitrofi di Stezzano, Sorrisole, Ponteranica e Torre Boldone. Nella zona settentrionale dell’area di studio si registra un fenomeno di contrazione del numero complessivo di coppie O/D, a testimonianza dell’uso prevalente del mezzo privato per effettuare i trasferimenti sistematici dovuti a motivi di studio e lavoro. Zogno e Clusone continuano a rappresentare, anche se in misura meno marcata, i principali poli di gravitazione della mobilità valliva. Nella parte meridionale dell’area di studio tale ruolo viene invece assunto dai due Comuni di Treviglio, già polo di una delle principali direttrici della mobilità provinciale, e Romano di Lombardia.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

143


Comune di Almenno San Salvatore

Linee di desiderio giornaliere, spostamenti su mezzo pubblico

Fonte: Provincia di Bergamo

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

144


Comune di Almenno San Salvatore

IL TRASPORTO PUBBLICO AD ALMENNO SAN SALVATORE Almenno San Salvatore è attraversata da percorsi di linee extraurbane, i cui itinerari di collegamento con il Capoluogo principale consentono un regolare collegamento via gomma entro l'ambito provinciale. Almenno San Salvatore è servita da TRE linee di autobus gestite dalla società Sab (Consorzio: Bergamo Trasporti Ovest): • la linea B00a-c Costa Imagna - S. Omobono - Villa d'Almè Linea BERGAMO - S. OMOBONO - VALSECCA - COSTA IMAGNA // ROTA IMAGNA – BRUMANO che offre 28 corse per Almenno San Salvatore e 29 corse da Almenno. Sul territorio comunale sono presenti 2 fermate, una in località Cinque Vie e la seconda in località Gabbione. Linea BERGAMO - PONTE GIURINO - BERBENNO – BLELLO che offre 5 corse per e da Almenno San Salvatore. Sul territorio comunale è presente una fermata in località Cinque Vie. • la linea B00e Roncola - Almenno S.S.- Albenza: Linea ALMENNO SAN BARTOLOMEO - ALBENZA-CASUCCO che offre 2 corse per e da Almenno S. Salvatore. Sul territorio comunale è presente una fermata in località Cinque Vie. Linea ALMENNO SAN SALVATORE - RONCOLA CANALE - COSTA IMAGNA che offre 9 corse per e da Almenno S. Salvatore. Sul territorio comunale sono presenti 3 fermate, due in località Cinque Vie e la terza in località Rondò. • la linea P Almè - Almenno S.S.- Ponte S.Pietro che offre 14 corse per Almenno San Salvatore e 15 corse da Almenno. Sul territorio comunale sono presenti 4 fermate, una in località San Martino, una in località Rondò, la terza in località Cinque Vie e la quarte in prossimità del Ristorante Palanca.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

145


Comune di Almenno San Salvatore

3.5 COMMERCIO E SERVIZI

Per quanto riguarda le attività commerciali, appare interessante infine fornire alcune indicazioni sulla presenza nel territorio in oggetto di punti vendita di dimensioni tali da essere classificate come grande distribuzione ai fini ISTAT. Nella seguente tabella è riportata la consistenza della grande distribuzione alimentare e, come si può osservare, nel 2002 risultano censiti complessivamente tre supermercati, per una superficie complessiva di 3.226 m2. La densità commerciale della grande distribuzione, espressa come superficie complessiva dedicata alla grande distribuzione ogni 1.000 abitanti sul territorio della Comunità Montana, vale pertanto circa 110 m2/ab, con una punta ad Almenno San Bartolomeo di 260 m2/ab, largamente superiore alla media regionale (174 m2/ab), un valore più contenuto negli altri due comuni citati (Almenno San Salvatore 220 m2/ab e Palazzago 167 m2/ab) e un valore nullo in tutti gli altri. Tabella - Esercizi della grande distribuzione. Supermercati alimentari autonomi per comune. Numero, superficie, addetti. Anno 2002

Comuni

Superficie (m2)

esercizi

di vendita

Addetti

totale

Maschi

Femmine

Totale

Almenno San Bartolomeo

1

1.350

1.350

8

44

52

Almenno San Salvatore

1

989

1.276

12

10

22

Palazzago

1

550

600

3

7

10

Totale Comunità Montana Totale Lombardia

3

2.889

3.226

23

61

84

1.122

1.074.394

1.571.426

11.475

14.873

26.348

Fonte: Ministero delle attività produttive

Alla data del 30 giugno 2009, come rilevato dall’Osservatorio regionale del commercio, ad Almenno San Salvatore sono presenti una grande struttura di vendita e sei medie strutture di vendita.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

146


Comune di Almenno San Salvatore

Tabella - Grandi strutture di vendita alla data del 30 giugno 2009 – Almenno San Salvatore

Centro Comm.le

Titolare

Indirizzo

Settore merc. non alim.

Sup. alimentari

Sup. non alimentari

Sup. Totale

SI

MIGROSS SPA

Via Pitentino, 45

-

566

1.254

1.820

Fonte: Regione Lombardia. Direzione Generale Commercio, Fiere e Mercati. Osservatorio regionale del commercio Tabella - Anagrafica medie strutture di vendita alla data del 30 giugno 2009 – Almenno San Salvatore Centro Comm.le

Titolare

Indirizzo

Decod. tipologia

Sup. alimentari

Sup. non alimentari

Sup. Totale

NO

LIVING BOX S.R.L.

Via Lemen

C

-

310

310

NO

FR ARREDAMENTI S.R.L.

Quartiere Ronco

C

-

620

620

NO

EMMECI S.R.L.

Via Lemen

-

700

74

774

NO

C.E.F. S.N.C.

Via Clanezzo 1/B

D

-

251

251

NO

CAVA S. SALVATORE S.R.L.

Via I Maggio

D

-

218

218

NO

ANDE S.R.L.

Via Lemen

A

-

410

410

Fonte: Regione Lombardia. Direzione Generale Commercio, Fiere e Mercati. Osservatorio regionale del commercio

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

147


Comune di Almenno San Salvatore

Relativamente agli esercizi di vicinato, ad Almenno San Salvatore sono presenti 48 esercizi, di cui 9 alimentari, 31 non alimentari e 8 misti, come illustrato nella seguente tabella. Tabella - Commercio al dettaglio. Esercizi di vicinato alla data del 30 giugno 2009 – Almenno San Salvatore Alimentari

Non alimentari

Misti

Numero

Supeficie (mq)

Numero

Supeficie (mq)

Numero

Supeficie (mq)

9

474

31

2.056

8

344

Fonte: Regione Lombardia. Direzione Generale Commercio, Fiere e Mercati. Osservatorio regionale del commercio

3.6 AGRICOLTURA E ZOOTECNIA

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

I dati relativi all’agricoltura sono organizzati a livello territoriale secondo le due regioni agrarie “Val Brembana Meridionale” e “Colline di Bergamo”, in base alla classificazione riportata nel Censimento ISTAT dell’Agricoltura: nella seguente tabella sono riportati i comuni appartenenti a ciascuna delle due regioni agrarie. La Area della Valle Imagna ha una superficie agricola utilizzata (SAU) pari a 1.818,7 ha, che costituisce il 17,8% dell'intero territorio. Di seguito è riportata la ripartizione delle colture per Regione Agraria, con riferimento all’anno 2000. Analizzando la distribuzione della SAU fra le due Regioni Agrarie presenti si osserva che essa costituisce rispettivamente il 12,9% e il 20,0% del territorio preso in esame. Prati permanenti e pascoli incidono per il 86,1% sulla SAU complessiva. Rispetto al 1990 è diminuita la relativa superficie sia in Val Brembana Meridionale (-48,4%), sia nelle Colline di Bergamo, con una diminuzione più consistente in quest'ultima regione (-67,5%). Risulta nettamente ridimensionato il peso delle colture boschive rispetto alla superficie agricola totale, con una riduzione del 76,7% nelle Colline di Bergamo e del 75,3% in Val Brembana

148


Comune di Almenno San Salvatore

Meridionale. Una così consistente diminuzione potrebbe essere giustificata con l’uscita dal campo di osservazione del Censimento di numerose aziende forestali, che non svolgono più alcuna attività di sfruttamento del patrimonio boschivo e non sono pertanto più rilevate come aziende silvicole. Tabella – Comuni appartenenti alle due Regioni Agrarie Regione Agraria Val Brembana Meridionale

Regione Agraria Colline di Bergamo

Bedulita

Almenno San Bartolomeo

Berbenno

Almenno San Salvatore

Brumano

Palazzago

Capizzone Corna Imagna

Barzana

Costa Valle Imagna Fuipiano Valle Imagna Locatello Roncola Rota d'Imagna Sant’Omobono Terme Strozza Valsecca

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

149


Comune di Almenno San Salvatore

Tabella - Ripartizione in ha delle colture per Regione Agraria. Anno 2000. Superficie Agricola Utilizzata Superficie Agricola Utilizzata Seminativi

Coltivazioni legnose agrarie

Prati permanenti e pascoli

Colture boschive

Totale

Altra superficie

Superficie Agricola Totale

Superficie territoriale

Colline di Bergamo

178,9

51,1

173,7

403,6

190,6

34,7

628,9

Val Brembana Mer.

9,9

13,1

1.392,1

1.415,0

546,5

62,8

2.024,3

3.121,0 7.089,0

Tot. Comunità M.

188,7

64,1

1.565,8

1.818,7

737,1

97,5

2.653,3

10.210,0

Tabella - Ripartizione delle colture per Regione Agraria. Variazione percentuale 2000-1990 – Confronto provinciale Superficie Agricola Utilizzata

Colline di Bergamo Val Brembana Mer.

Seminativi

Coltivazioni legnose agrarie

-27,8%

-57,6%

Prati permanenti e pascoli -67,5%

Totale -55,3%

Colture boschive -76,7%

Altra superficie -77,5%

Superficie Agricola Totale -66,5%

-1,4%

33,8%

-48,4%

-48,0%

-75,3%

-53,2%

-60,0%

Tot. Comunità M.

-26,7%

-50,7%

-51,6%

-49,8%

-75,7%

-66,2%

-61,8%

Prov. di Bergamo

-8,9%

-28,2%

-12,7%

-11,4%

-42,4%

-36,7%

-24,4%

Inoltre la riduzione delle superfici boschive potrebbe essere amplificata dalla mancata rilevazione di alcune grandi aziende forestali, convertite nel corso degli anni novanta in aree protette e, in quanto tali, non più rilevate come aziende silvicole. In Val Brembana Meridionale risulta poco diffusa la coltivazione dei seminativi, che copre lo

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

150


Comune di Almenno San Salvatore

0,7% della SAU, mentre assume un ruolo più rilevante nelle Colline di Bergamo con un valore del 44,3%. Rispetto al 1990 la superficie investita a seminativi si è comunque ridotta del 26,7%, valore nettamente superiore a quello provinciale (-8,9%). Particolarmente bassa è la superficie destinata alle coltivazioni legnose agrarie, soprattutto per quel che riguarda la Val Brembana Meridionale, benché aumentata del 33,8% nel periodo intercorso tra i due censimenti. Un fattore di pressione rilevante del settore agricolo è costituito dalle attività zootecniche, poiché i reflui prodotti dai capi di bestiame contribuiscono all’apporto di sostanza organica biodegradabile e di nutrienti nei corpi idrici. I valori consentono una prima caratterizzazione del sistema agricolo locale che si configura fortemente orientato verso l’allevamento bovino e avicolo, anche se, analizzando i dati relativi agli anni 1990 e 2000, si nota come nella Comunità si è assistito a una diminuzione del numero di bovini, tendenza confermata anche a livello provinciale e regionale. Un lieve incremento si è avuto invece per i capi suini, passati da 198 nell’anno 1990 a 270 nel 2000, dato in linea rispetto ai valori provinciali e regionali, che testimoniano un incremento per questa tipologia di capi. Una tendenza più specifica della Provincia di Bergamo è lo sviluppo dell’allevamento ovino e caprino, con una crescita del numero di capi da 237 a 287 in Val Brembana Meridionale, cui corrisponde una lieve diminuzione per quanto riguarda le Colline di Bergamo. E’ interessante notare che per tutte le categorie di bestiame la netta prevalenza dell’indirizzo produttivo zootecnico è caratteristica della Val Brembana Meridionale, dove sono presenti 204 aziende su un totale di 287 dell’intera Comunità. Analizzando i dati relativi al carico zootecnico dell’intera Comunità si nota come questo sia nettamente inferiore al valore provinciale e regionale per quel che riguarda i capi bovini (18,3 capi/km2), suini (2,6 capi/km2), avicoli (42,4 capi/km2), ovini e caprini (4,3 capi/km2), mentre quello relativo agli equini risulta nettamente superiore (2,6 capi/km2), pur assumendo valori comunque contenuti. Si può pertanto affermare che la zootecnia non sembra costituire affatto un fattore di pressione ambientale particolarmente rilevante, poiché il carico zootecnico non risulta significativo. Al contrario l’agricoltura può svolgere un ruolo strategico, particolarmente nelle aree montane e rurali, di salvaguardia e valorizzazione ambientale. Una risposta alla necessità di sviluppare attività intersettoriali che valorizzino in modo integrato le risorse presenti nel sistema rurale dell’area è fornita dalle attività agrituristiche, che

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

151


Comune di Almenno San Salvatore

ricomprendano, insieme a specifiche risorse aziendali, i beni storico-culturali e ambientalinaturalistici che caratterizzano gran parte del territorio. L’impresa agricola dovrà dunque essere sempre più: impresa di turismo rurale, impresa di valorizzazione ambientale, impresa attenta alla qualità.

Tabella - Aziende con allevamenti per Regione Agraria – Confronto provinciale – Anno 2000 Aziende totali

Aziende bovini e bufalini

Aziende suini

Aziende ovini e caprini

Aziende equini

Aziende avicoli

Colline di Bergamo

83

57

24

13

19

70

Val Brembana Meridionale

204

128

30

46

65

131

Tot. Comunità Montana

287

185

54

59

84

201

Prov. Di Bergamo

5.929

3.304

1.341

1.346

1.283

3.855

Tabella - Carico zootecnico per cat. di bestiame e Regione Agraria Confronto provinciale e regionale Anni 1990 e 2000 - Capi per km2 Capi bovini e bufalini 2000 1990

Capi suini

Capi ovini e caprini 2000 1990

Capi equini

Capi avicoli

2000

1990

2000

1990

2000

Colline di Bergamo

16,9

24,4

5,2

3,3

4,9

6,0

2,4

2,8

59,1

nd

Val Brembana Meridionale

18,9

21,0

1,5

1,3

4,0

3,3

2,7

2,2

35,0

nd

Tot. Comunità M.

18,3

22,1

2,6

1,9

4,3

4,2

2,6

2,4

42,4

nd

Prov. di Bergamo

57,6

65,0

95,5

70,2

13,3

11,2

1,8

1,7

1.542,4

nd

Reg. Lombardia

67,4

82,2

159,6

120,7

5,9

6,1

0,9

1,0

1.143,5

nd

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

1990

152


Comune di Almenno San Salvatore

AGRICOLTURA E ZOOTECNIA: LA SITUAZIONE NEL COMUNE DI ALMENNO SAN SALVATORE Il censimento Generale dell’Agricoltura 2000 rileva sul territorio comunale la presenza di 19 aziende agricole, di cui 18 con SAU e 15 con allevamenti. Tali aziende risultano così suddivise per tipologia di coltura prevalente: Tabella - Aziende agricole secondo le principali forme di utilizzazione dei terreni. Anno 2000 Aziende con superficie totale 19

Aziende con SAU

Aziende con SAU a seminativi

legnose

orti

a prati

a pascoli

11

agrarie 14

familiari 15

permanenti 15

3

18

Fonte: Istat Le tabelle seguenti riportano le Aziende zootecniche per tipologia di bestiame e il numero di capi allevati per tipologia di bestiame sul territorio comunale (anno 2000): Tabella - Aziende zootecniche per tipologia di bestiame – Anno 2000

Bovini

Bufalini

Ovini

Caprini

Suini

7

0

1

2

3

Polli da Galline Avicoli carne da uova 7

13

13

Conigli

Struzzi

Equini

9

0

2

Fonte: Istat

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

153


Comune di Almenno San Salvatore

Tabella- Numero di capi per tipologia di bestiame – Anno 2000 bovini

bufalini

ovini

caprini

suini

avicoli

conigli

struzzi

equini

28

0

1

63

60

402

224

0

5

Fonte: Istat

3.7 TURISMO

Relativamente al territorio della Comunità montana Valle Imagna si segnalano buoni livelli di recettività, con significativa concentrazione in alcune località, in particolare Roncola e S.Omobono Terme. Gli arrivi tra il 2001 e il 2003 risultano in crescita, anche se il dato di reale presenza turistica non può che apparire sottostimato, in particolare per le località montane facilmente raggiungibili dai grandi centri urbani e nelle quali si è assistito a un notevole impulso al fenomeno della “seconda casa”. Un dato significativo che mette il luce le potenzialità si sviluppo del sistema turistico della valle è la percentuale degli arrivi in Valle Imagna rispetto al totale della provincia (1,6%), nettamente inferiore all’ analoga percentuale in termini di dotazione alberghiera (7,2%). La pressione del turismo sul territorio, in termini di arrivi e presenze per Kmq, risulta inferiore alla media provinciale. Ad Almenno San Salvatore sono presenti 2 strutture ricettive, quali un albergo ed un’azienda agrituristica (dato: anno 2000-2003).

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

154


Comune di Almenno San Salvatore

Carta delle dotazioni per ciascun comune: ricettivo-alberghiere e turistiche

Fonte: SITer Provincia di Bergamo

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

155


Comune di Almenno San Salvatore

La tabella seguente riporta i dati relativi agli arrivi e alle presenze di turisti negli esercizi recettivi di Almenno San Salvatore, nell’anno 2005. Tabella - Arrivi e presenze dei turisti italiani e stranieri negli esercizi ricettivi. Anno 2005

Arrivi totale esercizi alberghieri

Presenze totale esercizi alberghieri

Italiani

Stranieri

Totale

Italiani

Stranieri

Totale

665

158

823

1.840

304

2.144

Fonte: Istat Grafico - Arrivi e presenze dei turisti italiani e stranieri negli esercizi ricettivi. Anno 2005

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

156


Comune di Almenno San Salvatore

Tabella - Esercizi alberghieri, posti letto, camere e bagni al 31.12. 2009 – Almenno San Salvatore n. eserc.

posti-letto

camere

bagni

1

42

32

31

Fonte: Istat

3.8 EMISSIONI IN ATMOSFERA E QUALITA’ DELL’ARIA

GLI EFFETTI SULLA SALUTE E SULL'AMBIENTE DELLA QUALITÀ DELL’ARIA (tratto dal Rapporto sulla qualità dell’aria di Bergamo e provincia anno 2008) L'importanza della determinazione degli inquinanti atmosferici è conseguente all'influenza che tali sostanze hanno sulla salute degli esseri viventi e sull'ambiente in generale. Gli inquinanti atmosferici hanno effetti diversi sui vari organismi a seconda della concentrazione atmosferica, del tempo di permanenza e delle loro caratteristiche fisico-chimiche. D'altro canto anche la sensibilità di piante ed animali agli inquinanti atmosferici è differente a seconda delle peculiarità degli organismi stessi e del tempo di esposizione cui sono sottoposti. Ne consegue che la valutazione degli effetti sull'ambiente e sulla salute è complessa ed articolata. Gli apparati più soggetti agli effetti delle sostanze immesse in atmosfera sono quelli deputati alla respirazione e alla fotosintesi. Le sostanze più dannose sono quelle di tipo gassoso e le particelle più sottili che riescono ad arrivare nelle profondità dell'apparato respiratorio e fotosintetico superando le barriere di difesa presenti nelle vie aeree superiori e negli apparati fogliari. Le patologie conseguenti possono perciò interessare i bronchi, il parenchima o la pleura così come il floema fogliare.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

157


Comune di Almenno San Salvatore

Gli effetti degli inquinanti possono essere di tipo acuto, quando insorgono dopo un breve periodo di esposizione (ore o giorni) ad elevate concentrazioni di inquinanti, o di tipo cronico, se si manifestano dopo un lungo periodo (anni o decenni) ad esposizioni non necessariamente elevate ma continue. La conoscenza dei meccanismi di azione degli inquinanti necessita ulteriori approfondimenti poiché, se da un lato si hanno informazioni sugli effetti acuti provocati da una singola sostanza, dall'altro non sono ben noti gli effetti cronici delle miscele di inquinanti a concentrazioni poco elevate. D'altronde recenti indagini segnalano un aumento proprio delle patologie bronchiali e polmonari e dei danni alla vegetazione conseguenti al peggioramento degli ambienti sottoposti alla pressione antropica. Questi segnali rendono evidente l'urgenza di approfondire le relazioni tra il degrado della qualità dell'aria e l'incremento delle malattie respiratorie e di esaminare la tossicità dello smog fotochimica sulle piante. L'inquinamento produce anche un danno sociale, relativo alla popolazione nel suo complesso: danni apparentemente trascurabili possono produrre un aumento della frequenza della malattia. La prevenzione diventa quindi imperativa sia a livello individuale (limitazione del fumo, minor utilizzo di automobili e moto, ecc.) sia a livello collettivo (ad esempio normative e sanzioni adeguate). così da indurre dei cambiamenti volti al miglioramento della qualità dell'aria nel comportamento dei singoli e dell'intera società. Tuttavia è molto difficile stabilire se e in che misura l'inquinamento dell'aria è responsabile di una malattia respiratoria o della morte di una pianta. Infatti è necessario calcolare l'influsso di tutti i fattori potenzialmente influenti come l'effetto combinato della miscela di sostanze presenti in atmosfera e lo stato di salute e sociale del paziente, piuttosto che il succedersi di eventi siccitosi che possono rendere più sensibile la vegetazione a certi inquinanti. Per misurare e caratterizzare la miscela di sostanze nocive presenti nell'aria si possono utilizzare diversi tipi di indicatore. La nicotina, ad esempio, è un indicatore molto specifico per l'intero miscuglio di sostanze tossiche prodotte dalla combustione del tabacco. Gli ossidi di azoto (NOx) sono indicatori non specifici, nel senso che quanto più elevata è la loro concentrazione, tanto è maggiore l'inquinamento atmosferico nel suo complesso. Dagli studi epidemiologici più recenti emerge un'evidenza medica e scientifica dovuta all'esposizione alla materia particolata fine (particelle di dimensione inferiore ai 10 µm) e ultrafine (particelle di dimensione inferiore a 0.1 µm). Il particolato atmosferico di queste dimensioni riesce a penetrare in profondità nell'apparato respiratorio. Si parla infatti di frazione "respirabile" per le

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

158


Comune di Almenno San Salvatore

particelle di diametro al di sotto di 10 µm, e toracica per quelle più piccole di 2.5 µm. Non essendo la salute un parametro misurabile si cerca di rilevare le conseguenze dell'inquinamento atmosferico, come il peggioramento della funzione polmonare o i giorni di attacchi di asma, la frequenza di emicranie e irritazioni agli occhi. Possono venire considerate anche la frequenza del ricorso a prestazioni mediche. Stabilire nessi tra la qualità dell’aria e le sue conseguenze sulla salute degli esseri viventi e sugli ecosistemi è una questione molto complessa; l'azione patologica di alcuni inquinanti è spesso amplificata dalla presenza in aria di altre sostanze; l'effetto dell'esposizione può manifestarsi anche con un ritardo di diversi anni; gli effetti dell'inquinamento atmosferico si manifestano spesso con la diffusione di patologie croniche, raramente caratterizzate da improvvisi picchi epidemici. GLI INQUINANTI Le sostanze inquinanti emesse in atmosfera dalle attività umane sono responsabili di diversi problemi ambientali, alcuni già evidenti altri ritenuti potenzialmente molto pericolosi. Sono ormai generalmente discusse le problematiche relative alle piogge acide, all'effetto serra, all'impoverimento dell'ozono stratosferico, agli episodi di degrado della qualità dell'aria che hanno avuto in diverse occasioni riflessi diretti sulla vita quotidiana di milioni di persone. Gli inventari delle emissioni considerano generalmente i seguenti inquinanti atmosferici: • • • • • • • • • • •

ossidi di zolfo (SO2); ossidi di azoto (NOx); composti organici volatili non metanici (COVNM); metano (CH4); monossido di carbonio (CO); anidride carbonica (CO2); ammoniaca (NH3); protossido d'azoto (N2O); polveri totali sospese (PTS) o polveri con diametro inferiore ai 10 m (PM10); metalli pesanti (As, Cd, Cr, Cu, Hg, Ni, Pb, Se e Zn); composti organoclorurati (diossine, PCB, ecc.).

che possono essere suddivisi in:

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

159


Comune di Almenno San Salvatore

• inquinanti primari, che vengono cioè emessi direttamente in atmosfera da fenomeni naturali o da fonti antropiche, come ad esempio SO2, NO, NH3, CO, CO2; • inquinanti secondari, che si formano nell'atmosfera attraverso reazioni chimiche o fisiche di inquinanti primari, come ad esempio NO2, SO3, O3, acidi vari, aldeidi, chetoni. Nella tabella seguente sono riassunte, per ciascuno dei principali inquinanti atmosferici, le principali sorgenti di emissione. Tabella - Sorgenti emissive dei principali inquinanti

Fonte: RAPPORTO SULLA QUALITA’ DELL’ARIA DI BERGAMO E PROVINCIA Anno 2008

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

160


Comune di Almenno San Salvatore

EMISSIONI IN ATMOSFERA – DATI DEL COMUNE DI ALMENNO SAN SALVATORE La tabella alla pagina seguente riporta i dati relativi alle emissioni in atmosfera nel Comune di Almenno San Salvatore per l’anno 2007, per tipo di fonte combustibile o non combustibile e macrosettore di provenienza della emissione. I dati di emissione sono espressi tutti in tonnellate/anno con le sole eccezioni di CO2, CO2eq e sostanze acidificanti che sono invece espresse in chilotonnellate/anno. La fonte dei dati di emissione è: ARPA LOMBARDIA - REGIONE LOMBARDIA (2009), INEMAR, Inventario Emissioni in Atmosfera: emissioni in regione Lombardia nell'anno 2007.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

161


Comune di Almenno San Salvatore

Descrizione macrosettore

C02

PM10

C02_eq

PREC_OZ

0,4014

0,02712

0,42574

0,42098

0,07595

0,03797

0,00052

0,00014

0,00055

0,00605

0

0

13,54873

0,45945

96,72821

0

0,13938

0,0066

0

0,00246

0,00068

N20

CH4

CO

PM2.5

COV

PTS

S02

NOx

NH3

SOST_AC

0,10849

0,02712

0,01627

0,02712

0,54244

0,32151

0

0,02394

0

0,00246

0,00014

0,00062

0,00015

0,00099

0,00423

0

0,00012

0,58157

13,29324

210,35149

13,1208

68,36045

14,11451

0,53822

4,1336

0,41541

0,13112

1,12615

0,01858

0,03982

0,3424

0,10951

0,79643

0,19911

0,01327

0,23893

0,01327

0,00639

0

0,03123

0

0,00147

0,02774

0,00211

0,02774

0,00351

0

0,00034

0

0

0,0003

0,00072

0,00173

0,00012

0

0,00014

0,00024

0

0,00036

0,00133

0,00133

0

0

3,57296

0,18154

3,63696

27,87094

0,14117

0,96353

69,8744

0,18154

15,89803

0,18154

0,11233

3,50265

0,83736

0,12886

0,00142

0

0,00149

0,42898

0

0,00361

0,71143

0

0,34946

0

0

0,00099

0

0

6,67371

0,02427

6,7942

6,57082

0,36402

0,36402

3,03351

0,02427

0,6067

0,02427

0,06067

4,61093

0

0,10214

0,38831 0,02637

0,00139 0

0,39514 0,02684

0,5675 0,05379

0,02087 0,00145

0,01739 0,00077

0,1391 0,21599

0,00139 0

0,01739 0,01013

0,00139 0

0,00203 0

0,43817 0,01631

0 0

0,00959 0,00026

0

0,00302

0

0

0

0

0

0,00302

0

0,00403

0

0

0

0

Combustibile

gasolio

legna e similari

residui agricoli olio combustibile benzina senza piombo

gas naturale (metano)

rifiuti solidi urbani gas petrolio liquido (GPL) gasolio per autotrasporto (diesel)

Combustione non industriale Combustione nell'industria Combustione non industriale Combustione nell'industria Trattamento e smaltimento dei rifiuti Combustione non industriale Trasporto su strada Altre sorgenti mobili e macchinari Combustione non industriale Combustione nell'industria Trasporto su strada Trattamento e smaltimento rifiuti Combustione non industriale

0,11817

0,00035

0,12643

0,14254

0,0265

0,00189

0,01893

0,00035

0,00379

0,00035

0

0,112

0

0,00244

Trasporto su strada

0,21401

0

0,21644

0,95004

0,00641

0,0211

1,8819

0

0,23525

0

0

0,41597

0

0,00904

Trasporto su strada

4,89211

1,31189

4,93469

31,52559

0,12923

0,11974

7,55274

1,31189

1,89393

1,32911

0,15971

23,60587

0,01628

0,51913

Altre sorgenti mobili e macchinari

0,28982

0,50308

0,3307

5,39614

0,13078

0,01591

1,679

0,4956

0,57624

0,55023

0,05556

3,79917

0,00022

0,08435

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

162


Comune di Almenno San Salvatore

Descrizione macrosettore

C02

PM10

C02_eq PREC_OZ

N20

CH4

CO

PM2.5

COV

PTS

S02

NOx

NH3

SOST_AC

senza combustibile Processi produttivi

0

0,25239

0

2,30258

0

0

0

0,05224

2,30258

0,27673

0

0

0

0

Estrazione e distribuzione combustibili

0

0

0,68303

3,72807

0 32,52506

0

0

3,27272

0

0

0

0

0

Uso di solventi

0

0

0,6598

50,4726

0

0

0

0

50,4726

0

0

0

0

0

Trasporto su strada

0

1,12969

0

0

0

0

0

0,59949

0

1,66208

0

0

0

0

Trattamento e smaltimento rifiuti

0

0,00398

0

0

0

0

0

0,00398

0

0,00398

0

0

0

0

Agricoltura

0

0,01265

0,24161

0,16921

0,48004

4,42516

0

0,0048

0,00342

0,02589

0

0,08505

3,15441

0,18724

Altre sorgenti e assorbimenti

0

0,58244

0,00743

11,69439

0

0,354

5,89957

0,56234

10,8099

0,59744

0,043

0,189

0,043

0,00798

Fonte: ARPA LOMBARDIA - REGIONE LOMBARDIA (2009), INEMAR, Inventario Emissioni in Atmosfera: emissioni in regione Lombardia nell'anno 2007. Dati finali, ARPA Lombardia Settore Aria, Regione Lombardia DG QualitĂ dell'Ambiente.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

163


Comune di Almenno San Salvatore

Come si può osservare dal grafico seguente, analizzando l’emissione di biossido di zolfo SO2, ossidi di azoto NOx, monossido di carbonio CO e anidride carbonica CO2, le fonti combustibili maggiormente responsabili delle emissioni risultano essere il gasolio per autotrasporto (diesel), la benzina senza piombo e la legna e similari (questi ultimi, in particolare per le emissioni di SO2 e CO). I macrosettori maggiormente responsabili delle emissioni sono il trasporto su strada (maggiore del 50%), per gli NOx e la CO2 e la combustione non industriale per il CO e gli SO2. Grafico – Ripartizione percentuale delle emissioni di SO2, NOx, CO e CO2 per tipologia di fonte combustibile/ non combustibile

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

164


Comune di Almenno San Salvatore

Grafici – Emissioni di SO2, NOx, CO (tonnellate/anno) e CO2 (chilotonnellate/anno) per tipologia di macrosettore da cui provengono

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

165


Comune di Almenno San Salvatore

QUALITA’ DELL’ARIA La qualità dell’aria nella Regione Lombardia è costantemente monitorata da una rete fissa, rispondente ai criteri del DM 60/02 e del D.Lgs. 183/04, costituita da 154 stazioni. Il monitoraggio così realizzato, integrato con l’inventario delle emissioni (INEMAR), gli strumenti modellistici, i laboratori mobili e altri campionatori per campagne specifiche, fornisce la base di dati per effettuare la valutazione della qualità dell’aria, così come previsto dalla normativa vigente. La legislazione italiana, costruita sulla base della cosiddetta direttiva europea madre (Direttiva 96/62/CE recepita dal D.Lgs. 351/99), individua le Regioni quali autorità competenti in materia di valutazione e gestione della qualità dell’aria. In questo ambito è previsto che ogni Regione definisca la suddivisione del territorio in zone e agglomerati, nelle quali valutare il rispetto dei valori obiettivo e dei valori limite e definire, nel caso, piani di risanamento e mantenimento della qualità dell’aria. La zonizzazione deve essere rivista almeno ogni 5 anni. La Regione Lombardia, sulla base dei risultati della valutazione della qualità dell’aria, delle caratteristiche orografiche e meteoclimatiche, della densità abitativa e della disponibilità di trasporto pubblico locale con la D.G.R 2 agosto 2007 n. 5290 e D.G.R. 29 luglio 2009 n. 9958 ha modificato la precedente zonizzazione distinguendo il territorio nelle seguenti zone: ZONA A: agglomerati urbani (A1) e zona urbanizzata (A2) ZONA B: zona di pianura ZONA C: area prealpina e appenninica (C1) e zona alpina (C2) Il Comune di Almenno San Salvatore rientra nella zona C1 “Zona prealpina e appenninica”.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

166


Comune di Almenno San Salvatore

Figura - Classificazione del territorio della Lombardia per la gestione della qualità dell’aria

Fonte: RAPPORTO SULLA QUALITA’ DELL’ARIA DI BERGAMO E PROVINCIA Anno 2008

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

167


Comune di Almenno San Salvatore

La rete di monitoraggio La Rete di rilevamento della Qualità dell’Aria regionale è attualmente composta da 154 stazioni fisse (tra stazioni pubbliche e stazioni private, queste ultime afferenti a grandi impianti industriali quali centrali termoelettriche, raffinerie, inceneritori), che per mezzo di analizzatori automatici forniscono dati in continuo ad intervalli temporali regolari (generalmente a cadenza oraria). Le specie di inquinanti monitorati sono quelle riportate in tabella 3.1; sempre in tabella, viene indicato il numero di postazioni in grado di monitorare un particolare tipo di inquinante: a seconda del contesto ambientale (urbano, industriale, da traffico, rurale, ecc.) nel quale è attivo il monitoraggio, infatti, diversa è la tipologia di inquinanti che è necessario rilevare; di conseguenza non tutte le stazioni sono dotate della medesima strumentazione analitica. Le postazioni regionali sono distribuite su tutto il territorio regionale in funzione della densità abitativa territoriale e della tipologia di territorio. Nello specifico, la Rete di Rilevamento è suddivisa in 11 sottoreti provinciali, ciascuna di esse afferente, in termini di manutenzione e analisi dati, ai singoli Dipartimenti Provinciali di ARPA Lombardia. I dati forniti dalle centraline fisse, vengono integrati con quelli rilevati durante campagne temporanee di misura mediante 20 laboratori mobili e 57 campionatori gravimetrici per il rilevamento del particolato fine.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

168


Comune di Almenno San Salvatore

Figura – La rete regionale delle centraline di rilevamento ed inquinanti

Fonte: RAPPORTO SULLA QUALITA’ DELL’ARIA DI BERGAMO E PROVINCIA Anno 2008

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

169


Comune di Almenno San Salvatore

Le postazioni fisse del Dipartimento ARPA di Bergamo Nel territorio della Provincia di Bergamo è presente una rete pubblica di monitoraggio della qualità dell’aria, di proprietà dell’ARPA e gestita dal Dipartimento ARPA di Bergamo, costituita da n° 12 stazioni fisse, n° 1 postazioni mobili e n° 3 campionatori gravimetrici per il PM10 . Sono operanti inoltre n° 5 stazioni private di proprietà R.E.A., Ecolombardia ed Italcementi. Per le reti private, il controllo di qualità, la manutenzione delle stazioni e la validazione dei dati è effettuato dall’A.R.P.A. della Lombardia Dipartimento di Bergamo. Nella tabella 3.2 è fornita una descrizione delle postazioni delle reti pubbliche e private in termini di localizzazione e tipologia di destinazione urbana. La figura 3.2 mostra la mappa della localizzazione delle stazioni mentre in tabella 3.3 si evidenziano per ciascuna postazione gli inquinanti monitorati. Tabella - Stazioni fisse di misura nel territorio della Provincia di Bergamo, anno 2008

Fonte: RAPPORTO SULLA QUALITA’ DELL’ARIA DI BERGAMO E PROVINCIA Anno 2008

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

170


Comune di Almenno San Salvatore

* Nella Stazione di S. Giorgio gli analizzatori degli inquinanti sono stati tolti e riposizionati in altre stazioni nel mese di giugno 2004 ( sono presenti in stazione i sensori meteo e il misuratore di traffico). ** La Stazione di Dalmine è in fase di rilocazione. *** La Stazione di Villa di Serio è stata installata in data 10/10/2008. rete: PUB = pubblica, PRIV = privata tipo zona Decisione 2001/752/CE: - URBANA: centro urbano di consistenza rilevante per le emissioni atmosferiche, con più di 30005000 abitanti. - SUBURBANA: periferia di una città o area urbanizzata residenziale posta fuori dall’area urbana principale. - RURALE: all’esterno di una città, ad una distanza di almeno 3 km; un piccolo centro urbano con meno di 3000-5000 abitanti è da ritenersi tale. tipo stazione Decisione 2001/752/CE: - TRAFFICO: se la fonte principale di inquinamento è costituita dal traffico (se si trova all’interno di Zone a Traffico Limitato, è indicato tra parentesi ZTL). - INDUSTRIALE: se la fonte principale di inquinamento è costituita dall'industria. - FONDO: misura il livello di inquinamento determinato dall’insieme delle sorgenti di emissione non localizzate nelle immediate vicinanze della stazione; può essere localizzata indifferentemente in area urbana, suburbana o rurale.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

171


Comune di Almenno San Salvatore

Figura - Localizzazione delle stazioni fisse di misura nella Provincia di Bergamo

Fonte: RAPPORTO SULLA QUALITA’ DELL’ARIA DI BERGAMO E PROVINCIA Anno 2008

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

172


Comune di Almenno San Salvatore

Tabella - Stazioni fisse e inquinanti monitorati nella Provincia di Bergamo

Fonte: RAPPORTO SULLA QUALITA’ DELL’ARIA DI BERGAMO E PROVINCIA Anno 2008

* Nella Stazione di S. Giorgio gli analizzatori che misuravano gli inquinanti sono stati tolti e riposizionati in altre stazioni nel mese di giugno 2004 ( sono presenti in stazione i sensori meteo e il misuratore di traffico). ** La Stazione di Dalmine è in fase di rilocazione.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

173


Comune di Almenno San Salvatore

Le campagne di misura Nel corso dell’anno sono state effettuate 12 campagne di monitoraggio con il laboratorio mobile. La tabelle seguente riportano, per ogni campagna effettuata con strumentazione mobile, le tabelle che seguono indicano nel dettaglio i siti e il periodo di rilevamento gli inquinanti monitorati e i rendimenti strumentali. In particolare, si può notare che è stata effettuata una campagna di misura nel comune di Almenno San Bartolomeo, i cui risultati vengono approfonditi in paragrafi seguenti, e impiegati come riferimento per la valutazione della qualità dell’aria nel comune di Almenno San Salvatore. Tabella – Campagne di monitoraggio realizzate nella Provincia di Bergamo

Fonte: RAPPORTO SULLA QUALITA’ DELL’ARIA DI BERGAMO E PROVINCIA Anno 2008

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

174


Comune di Almenno San Salvatore

rete: PUB = pubblica, PRIV = privata tipo zona Decisione 2001/752/CE: - URBANA: centro urbano di consistenza rilevante per le emissioni atmosferiche, con più di 30005000 abitanti. - SUBURBANA: periferia di una città o area urbanizzata residenziale posta fuori dall’area urbana principale. - RURALE: all’esterno di una città, ad una distanza di almeno 3 km; un piccolo centro urbano con meno di 3000-5000 abitanti è da ritenersi tale. tipo stazione Decisione 2001/752/CE: - TRAFFICO: se la fonte principale di inquinamento è costituita dal traffico (se si trova all’interno di Zone a Traffico Limitato, è indicato tra parentesi ZTL). - INDUSTRIALE: se la fonte principale di inquinamento è costituita dall'industria. - FONDO: misura il livello di inquinamento determinato dall’insieme delle sorgenti di emissione non localizzate nelle immediate vicinanze della stazione; può essere localizzata indifferentemente in area urbana, suburbana o rurale.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

175


Comune di Almenno San Salvatore

Tabella - Gli inquinanti misurati e rendimenti percentuali (%) nelle campagne di monitoraggio con strumentazione mobile

Fonte: RAPPORTO SULLA QUALITA’ DELL’ARIA DI BERGAMO E PROVINCIA Anno 2008

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

176


Comune di Almenno San Salvatore

STIMA DELLA QUALITÀ DELL’ARIA NEL COMUNE DI ALMENNO SAN SALVATORE Come si evince dai paragrafi precedenti, nel territorio di Almenno San Salvatore non sono presenti stazioni di rilevamento fisse e negli ultimi anni non sono state effettuate campagne di rilevamento mobili. Pertanto, per stimare la qualità dell’aria nel territorio comunale si è fatto riferimento ai valori rilevati da stazioni di rilevamento e in campagne di monitoraggio disponibili dei comuni più prossimi. In particolare, per valutare la qualità dell’aria nel Comune di Almenno San Salvatore si considerano i rilevamenti effettuati da: Stazione di fissa di misura situata a Ponte San Pietro (distanza da Almenno San Salvatore: c.a. 8 km) Campagna di rilevamento nel territorio di Almenno San Bartolomeo - anno 2008 (comune confinante con Almenno San Salvatore)

La stazione di misura di Ponte San Pietro La figura seguente mostra la localizzazine della stazione di misura di Ponte San Pietro.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

177


Comune di Almenno San Salvatore

Figura – Individuazione della stazione di misura di Ponte San Pietro (stella verde)

Fonte: RAPPORTO SULLA QUALITA’ DELL’ARIA DI BERGAMO E PROVINCIA Anno 2008

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

178


Comune di Almenno San Salvatore

Gli analizzatori della stazione di Ponte San Pietro misurano quotidianamente le concentrazioni di NO2 e CO. Come si può osservare dai valori giornalieri di concentrazione di NO2 e CO riportati in figura (dati del 22/03/2010 e del 23/03/2010), i livelli di concentrazione risultano nettamente inferiori al valore limite. Figura – Rilevamento concentrazione di NO2 e CO - Centralina di Ponte San Pietro

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

179


Comune di Almenno San Salvatore

Fonte: sito ARPA Lombardia

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

180


Comune di Almenno San Salvatore

La campagna di Misura della Qualità dell’Aria nel comune di Almenno San Bartolomeo (dal 5/02/08 al 24/02/08) (tratto dalla relazione “Campagna di misura della qualtià dell’aria nel comune di Almenno San Bartolomeo, ARPA) La campagna di misura nel comune di Almenno San Bartolomeo è stata condotta dal Dipartimento Provinciale di Bergamo dell’ARPA Lombardia su richiesta del Comune di Almenno San Bartolomeo. Lo scopo della campagna era il monitoraggio della qualità dell’aria per valutare l’inquinamento atmosferico nel territorio comunale. A tale fine, in accordo con il Comune, il laboratorio mobile è stato posizionato presso il parcheggio di Via della Resistenza (vedi piantina) tra il 5 febbraio 2008 e il 24 febbraio 2008. Il luogo in cui è stato posizionato il laboratorio mobile è interessato da traffico locale in zona densamente residenziale. Il laboratorio mobile è attrezzato con strumentazione per il rilevamento di: • Biossido di Zolfo (SO2); • Monossido di Carbonio (CO); • Ossidi di Azoto (NOx,NO e NO2); • Particolato Fine (PM10); • Polveri totali sospese (PTS); • Ozono (O3). • Benzene, Toluene e Xilene. La Tabella seguente riassume i limiti previsti dalla normativa per i diversi inquinanti considerati. Sono inclusi sia i limiti a lungo termine che i livelli di allarme. Si fa notare che il DM n. 60/02 ha introdotto, oltre ad una serie di valori limite per biossido di zolfo, biossido di azoto, ossidi di azoto, PM10, piombo, benzene e monossido di carbonio, anche il termine temporale entro il quale tali valori limite devono essere raggiunti. Prevede inoltre un percorso nel tempo che porta ad un graduale raggiungimento dei limiti, stabilendo un margine di tolleranza che si riduce negli anni. Nella tabella i margini di tolleranza validi per l’anno 2006 sono indicati tra parentesi.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

181


Comune di Almenno San Salvatore

Tabella – Limiti di Legge

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

182


Comune di Almenno San Salvatore

Fonte: relazione “Campagna di misura della qualtià dell’aria nel comune di Almenno San Bartolomeo”, ARPA

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

183


Comune di Almenno San Salvatore

La strumentazione presente sul laboratorio mobile ha permesso il monitoraggio a cadenza oraria degli inquinanti gassosi, quali biossido di zolfo (SO2), ossidi di azoto (NO ed NO2), ozono (O3), monossido di carbonio (CO), particolato fine (PM10), benzene, toluene e xilene (BTX) oltre alla misura giornaliera del particolato fine (PM10). Il D.M. 60 del 02.04.02 stabilisce, per SO2, NO2, CO e PM10, i valori limite per la protezione della salute umana e i margini di tolleranza che si riducono progressivamente negli anni, fino ad annullarsi. I livelli di concentrazione degli inquinanti elencati saranno però di seguito confrontati con i rispettivi limiti “a regime”, cioè con margini di tolleranza zero, adottando le condizioni più cautelative, anche quando non ancora vigenti per l’anno 2007. Poiché i livelli di concentrazione degli inquinanti aerodispersi dipendono fortemente dalle condizioni meteorologiche osservate durante il periodo di misura e dalle differenti sorgenti emissive, è importante confrontare i dati rilevati nel corso di una campagna limitata nel tempo con quelli misurati, nello stesso periodo, in alcune stazioni fisse della Rete di Rilevamento della Qualità dell’Aria (RRQA). I livelli di concentrazione misurati a Bergamo sono pertanto stati confrontati con quelli registrati in altre postazioni della rete. Come mostrato in Tabella 4 le centraline fisse scelte come riferimento sono localizzate in ambiente urbano e suburbano, e in siti adatti a misure di inquinanti da traffico e di fondo. L’evoluzione temporale dei diversi inquinanti monitorati è rappresentata con l’utilizzo di grafici relativi a: • concentrazioni medie orarie: evoluzione oraria dell’inquinante nel periodo di misura; • concentrazioni medie 8 h: ogni valore è ottenuto come media tra l’ora h e le 7 ore precedenti l’ora h. • concentrazioni medie giornaliere: evoluzione giornaliera dell’inquinante ottenuta mediando i valori delle concentrazioni dalle ore 0.00 alle ore 23.00 dello stesso giorno; • giorno tipo: evoluzione media delle concentrazioni medie orarie nell’arco delle 24 ore. Per “giorno tipo” o “giorno medio” si intende l’andamento delle concentrazioni medie orarie mediato su tutti i giorni feriali (o su tutti i giorni pre-festivi ovvero festivi) del periodo in questione. I

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

184


Comune di Almenno San Salvatore

giorni feriali, pre-festivi e festivi sono stati considerati separatamente nel calcolo del giorno tipo per mettere in evidenza le eventuali diverse caratteristiche emissive, legate al traffico o alle attività produttive. Si fa inoltre presente che l’ora a cui sono associati i dati si riferisce all’ora solare. Le concentrazioni di biossido di zolfo (SO2), registrate durante il periodo di misura nella 3

postazione del Comune di Almenno San Bartolomeo, sono di 7 µg/m per la media aritmetica e 3

di 11 µg/m per la media massima giornaliera. Le concentrazioni di monossido di carbonio (CO), registrate durante il periodo di misura nella 3

postazione del Comune di Almenno San Bartolomeo, sono di 2.7 mg/m per la media massima 3

oraria e di 2.2 mg/m per la media massima su 8 ore. Le concentrazioni di biossido di azoto (NO2), registrate durante il periodo di misura nella 3

postazione del Comune di Almenno San Bartolomeo, sono di 23 µg/m per la media aritmetica 3

oraria e di 124 µg/m per la media massima oraria. Le concentrazioni di Ozono (O3), registrate durante il periodo di misura nella postazione del 3

Comune di Almenno San Bartolomeo, sono di 87 µg/m per la media massima oraria e di 62 3

µg/m per la media massima su 8 ore. Le concentrazioni del Particolato Fine (PM10), registrate durante il periodo di misura nella 3

postazione del Comune di Almenno San Bartolomeo, sono di 89 µg/m per la media aritmetica 3

e di 182 µg/m per la media massima giornaliera. Le concentrazioni di Benzene, Toluene e Xilene (BTX), registrate durante il periodo di misura 3

nella postazione del Comune di Almenno San Bartolomeo, sono di 3.0 µg/m per il Benzene, di 3

3

7.7 µg/m per il Toluene e di 5.9 µg/m per lo Xilene per la media aritmetica. Durante la campagna del Laboratorio Mobile nel Comune di Almenno San Bartolomeo sono 3

state misurate anche le Polveri Totali Sospese (P.T.S.) con valore di 99 µg/m per la media aritmetica. Durante la campagna del Laboratorio Mobile nel Comune di Almenno San Bartomeo si è colta

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

185


Comune di Almenno San Salvatore

l’occasione per effettuare un’indagine sulla radioattività presente. L’indagine, con un carattere di primo “screening”, è stata svolta attraverso l’esecuzione di tre analisi di spettrometria gamma ad alta risoluzione eseguite con un rilevatore al germanio su un insieme di tre serie di filtri delle polveri aerodisperse, rappresentativi del mese di febbraio 2008. I risultati dell’analisi radiometrica non evidenzia nessun fenomeno di radiocontaminazione in atto. Le misure effettuate sul territorio del Comune di Almenno San Bartolomeo hanno consentito una caratterizzazione generale della qualità dell’aria nelle zona in cui sono presenti abitazioni private e traffico stradale. • i valori di NO2 hanno presentato andamenti e livelli medi di concentrazione più basse rispetto a quelli misurati presso le postazioni urbane di Garibaldi(BG), Seriate e Ponte S.Pietro; • i valori medi di CO sono simili a quelli misurati nelle postazioni della rete e risultano inferiori ai limiti di legge; • per quanto riguarda SO2, i valori e gli andamenti sono comparabili alle altre centraline della rete fissa con valori simili; • i valori e gli andamenti dell’O3 sono simili a quelli rilevati presso le centraline della rete fissa; • il PM10 mostra un andamento simile a quanto rilevato nella Zona A1 (agglomerati urbani) bergamasca con valori medi giornalieri inferiori alla stazione di Meucci (BG) ma superiori alle stazioni di Lallio e Osio Sotto. • i valori medi di Benzene sono superiori a quelli misurati nella postazione di Calusco; risultano comunque inferiori ai limiti di legge Durante il periodo di misura ad Almenno San Bartolomeo la maggior parte degli inquinanti monitorati (SO2, NO2, CO e O3) non ha fatto registrare superamenti dei limiti normativi. Il PM10 ha superato il valore limite di legge per 17 giorni sui 20 giorni del monitoraggio. Si ribadisce che gli episodi di criticità per il PM10 non sono propri del sito di monitoraggio, ma

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

186


Comune di Almenno San Salvatore

interessano una vasta area della Pianura Padana. In particolare l’accumulo delle polveri fini nei bassi strati atmosferici durante la stagione fredda, e il conseguente superamento del valore limite normativo, è modulato principalmente dalle condizioni climatiche che si instaurano sulla pianura lombarda in inverno, oltre alle caratteristiche geografiche della regione. Durante le fasi di stabilità atmosferica le calme di vento e il raffreddamento radiativo del suolo determinano una diminuzione delle capacità dispersive dell’atmosfera, favorendo l’accumulo degli inquinanti al suolo.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

187


Comune di Almenno San Salvatore

3.9 ACQUA

LA RISORSA ACQUA IN VALLE IMAGNA La Valle Imagna è come noto costituita da due ben distinti bacini idrografici. Il tema del ciclo delle acque (approvvigionamento idropotabile e collettamento e depurazione dei reflui urbani) ha avuto soluzioni tecniche diverse e per molti versi autonome. Nell’alta Valle i problemi riguardanti l’approvvigionamento dell’acqua destinata al consumo umano hanno avuto una concreta soluzione grazie alla realizzazione di numerosi interventi di sistemazione e di ampliamento della rete che sono in grado di garantire un servizio adeguato sia alle popolazioni residenti che ai turisti. Per quanto si riferisce al tema del collettamento e della depurazione dei reflui urbani, il programma approntato dalla Comunità Montana è stato in gran parte realizzato con la costruzione del depuratore dell’alta valle (ubicato nel Comune di Strozza) e di tutti i collettori principali di adduzione. I problemi che devono ancora essere affrontati e che comportano una non irrilevante compromissione ambientale si riferiscono al collettamento dei reflui delle numerosissime contrade disperse su tutto il territorio dell’alta valle. Il reticolo idrografico, come noto caratterizzato da innumerevoli valli e vallecole di importanza minore che hanno costituito nel passato (ed in parte anche oggi) lo strumento di dispersione ed autodepurazione dei reflui urbani, ha contribuito a diffondere un inquinamento organico superficiale, e spesso anche delle falde sotterranee, che deve essere rapidamente risolto per non compromettere la bellezza dei luoghi e disperdere una risorsa come quella ambientale, che costituisce uno dei punti di forza dell’offerta turistica locale. Accanto a questo problema, peraltro avviato a soluzione almeno nei suoi aspetti più rilevanti, vi è una situazione di inquinamento localizzato dovuto alla discarica abusiva di rifiuti solidi urbani che ha interessato una dolina situata nel Comune di Costa Imagna. Da ultimo si sottolinea la particolare situazione delle attività produttive del settore del legno (filiera che caratterizza gran parte della media Valle ed in particolare i territori di Berbenno e Sant’Omobono T.) che oggi eliminano autonomamente gli scarti legnosi di lavorazione attraverso l’incenerimento, con una pluralità di punti di emissione di fumi e la dispersione di una potenziale energia derivante dall’utilizzo della biomassa di scarto. La base conoscitiva sulle infrastrutture di acquedotto, fognatura e depurazione, pur con alcune criticità residue, ha subito una recente significativa evoluzione attraverso la ricognizione

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

188


Comune di Almenno San Salvatore

effettuata dall’ Autorità d’ ambito, mentre, per quanto riguarda le derivazioni da acque superficiali, il catasto recentemente acquisito dalla provincia consente di avere un quadro dettagliato della situazione. I consumi idrici procapite del territorio della Comunità Montana, tenendo conto anche degli abitanti fluttuanti che, in talune località, sono ampliamente prevalenti rispetto ai residenti, risultano tendenzialmente contenuti (mediamente 250 litri/ab giorno), con una pressoché totale copertura di servizio di acquedotto. L’approvvigionamento idrico avviene in larga parte da sorgenti prive, in linea di massima, di inquinanti di origine industriale o agricola (es. solventi, nitrati), ma con possibili contaminazioni occidentali di natura organica a causa di una maggiore esposizione rispetto alla falda acquifera di pianura. La copertura della rete fognaria è molto elevata e raggiunge il 100% in numerosi Comuni, così come emerge una buona situazione in termini di depurazione dei reflui, con una depurazione superiore al 90% in molti comuni e un numero ridotto di situazioni di scarico diretto in corpo idrico superficiale. La situazione, peraltro, è destinata a migliorare ulteriormente, a seguito del completamento dei lavori sul collettore fognario, che permetterà una copertura ancora più completa del servizio di depurazione, nonostante le maggiori difficoltà rispetto alle situazioni convenzionali delle aree urbane, connesse con la configurazione del territorio, le basse temperature invernali e, in alcuni casi, una certa variabilità delle portate dovuta alla fluttuazione delle presenze. Sul territorio della comunità è censita una sola derivazione da acque superficiali, a scopo industriale, ad Almenno San Salvatore. Non vengono quindi sottratte portate idriche rilevanti al principale corso d’ acqua e non emergono quindi particolari criticità in termini di deflusso minimo vitale, con conseguenze sia sugli ecosistemi sia sulla qualità delle acque superficiali, negativamente influenzata dalla scarsa diluizione, come avviene invece in numerose realtà del territorio bergamasco. Ciononostante, la situazione di controllo qualità acque superficiali (T. Imagna – esterna al territorio) evidenzia uno stato di qualità solo “sufficiente”, con una sostanziale stabilità tra le diverse rilevazioni. Le tabelle seguenti riportano i valori degli indicatori relativi all’acqua per ogni comune della Comunità Montana, relativi agli anni 2002-2003 (fonte: RSA Valle Imagna 2005).

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

189


Comune di Almenno San Salvatore

Consumi idrici totali (2002-2003) Comune Almenno San Bartolomeo Almenno San Salvatore Barzana Bedulita Berbenno Brumano Capizzone Corna Imagna Costa Valle Imagna Fuipiano Valle Imagna Locatello Palazzago Roncola Rota d’Imagna Sant’Omobono Terme Strozza Valsecca

Consumi (mc/anno) 159.860 182.000 ND 71.566 153.890 51.171 100.110 100.000 129.379 94.483 85.244 ND 71.982 263.807 250.871 61.103 70.375

Nota: per Almenno San Bartolomeo, Almenno San Salvatore e Roncola il consumo indicato è una stima del volume immesso in rete; per Almenno San Bartolomeo e Roncola, inoltre, il dato non è disponibile per alcuni impianti.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

190


Comune di Almenno San Salvatore

Consumi idrici procapite (2002-2003) Consumi procapite Comune (l/ab giorno) Almenno San Bartolomeo 84 Almenno San Salvatore 86 Barzana ND Bedulita 244 Berbenno 164 Brumano 644 Capizzone 205 Corna Imagna 269 Costa Valle Imagna 236 Fuipiano Valle Imagna 259 Locatello 193 Palazzago ND Roncola 304 Rota d’Imagna 309 Sant’Omobono Terme 146 Strozza 174 Valsecca 428

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

191


Comune di Almenno San Salvatore

Abitanti serviti da acquedotto (2002-2003) Comune Almenno San Bartolomeo Almenno San Salvatore Barzana Bedulita Berbenno Brumano Capizzone Corna Imagna Costa Valle Imagna Fuipiano Valle Imagna Locatello Palazzago Roncola Rota d’Imagna Sant’Omobono Terme Strozza Valsecca

% residenti serviti ND ND ND 100% 100% 100% 100% 100% 100% 100% 100% ND ND 100% 100% 100% 100%

% ab. Tot. serviti ND ND ND 100% 100% 95,8% 100% 100% 100% 100% 100% ND ND 100% 100% 100% 100%

Nota: la tabella evidenzia pressoché totale copertura della popolazione, sia residente, sia fluttuante, da parte della rete acquedottistica. L’unica eccezione (Brumano) coinvolge comunque esclusivamente i fluttuanti.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

192


Comune di Almenno San Salvatore

Abitanti serviti da fognatura (2002-2003) Comune Almenno San Bartolomeo Almenno San Salvatore Barzana Bedulita Berbenno Brumano Capizzone Corna Imagna Costa Valle Imagna Fuipiano Valle Imagna Locatello Palazzago Roncola Rota d’Imagna Sant’Omobono Terme Strozza Valsecca

% residenti serviti 70,1% 100% ND% 77,3% 98,8% 92,0% 100% 100% 90,6% 103,6% 118,6% ND 95,1% ND 96,9% 100% 65,9%

% abitanti residenti serviti 76,2% 100% ND 88,5% 99,4% 92,0% 100% 100% 89,1% 120,4% 135,6% ND 94,4% ND 96,9% 100% 58,4%

% ab. fluttuanti serviti 0,0% ND 60,0% 97,2% 92,0% 100% 90,9% 102,0% 111,5% ND 95,3% ND 100% 86,7%

Nota: Si osserva che la percentuale di abitanti serviti da fognatura risulta nella maggior parte dei casi elevata e non lontana al 100%. Emergono solo alcune criticitĂ localizzate in alucni comuni, interpretabili come una prevalenza di nuclei abitativi si evidenziano le situazioni anomale di Fuipiano V. imagna e Locatello, dove il valore superiore al 100% rivela possibili incongruenze nella banca dati di origine.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

193


Comune di Almenno San Salvatore

Abitanti serviti da depurazione (2002-2003) Comune Almenno San Bartolomeo Almenno San Salvatore Barzana Bedulita Berbenno Brumano Capizzone Corna Imagna Costa Valle Imagna Fuipiano Valle Imagna Locatello Palazzago Roncola Rota d’Imagna Sant’Omobono Terme Strozza Valsecca

% residenti serviti 0% 0% ND% 77% 86% 92% 100% 100% 91% 0% 79% ND 95% ND 20% 100% 66%

Corpo idrico 1% 25% ND 0% 13% 0% 0% 0% 0% 104% 40% ND 0% ND 77% 0% 0%

Spandimento 0% 0% ND 0% 0% 0% 0% 0% 0% 0% 0% ND 0% ND 0% 0% 0%

Altro/no n id. 69% 75% ND 0% 0% 0% 0% 0% 0% 0% 0% ND 0% ND 0% 0% 0%

Nota: La situazione che emerge è tendenzialmente positiva: buona parte dei Comuni è servita da depurazione e risulta limitato a pochi casi lo scarico diretto superficiale. Vanno considerati con attenzione i casi di Almenno San Salvatore e Almenno San Bartolomeo, poiché, dai dati disponibili, non è noto il recapito finale. Si evidenzia la situazione anomala di Fuipiano V. imagna, dove il valore superiore al 100% rivela possibili incongruenze nella banca dati di origine.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

194


Comune di Almenno San Salvatore

Di seguito si riportano dati più recenti relativi alla realtà comunale di Almenno San Salvatore, forniti dal Comune e dalla società dei servizi idrici integrati BAS SII Gruppo a2a. •

Servizio acquedotto

Il servizio di adduzione acquedotto copre l’intero territorio comunale con il 100% degli abitanti allacciati al servizio. La rete in esercizio si sviluppa per 29,9 km (dato al 31/12/2010) I volumi prelevati dalle fonti di approvvigionamento (percentuali riferite al 2010)sono i seguenti: ⇒ dall’acquedotto sovra comunale detto di Algua (con impianto di sollevamento in territorio di Villa d’Almè): 79,4% ⇒ da sorgenti (site in comune di Roncola): 18,0% ⇒ da pozzi (siti in territorio di Villa d’Almè): 2,6%

• Servizio fognatura e depurazione La rete di fognatura, di tipo misto, sviluppa una lunghezza di circa 30 km ed è dotata di n.21 sfioratori di piena. Il 95% della popolazione è servita da pubblica fognatura, mentre sono collettati agli impianti di depurazione i reflui dell’85% della popolazione stessa, la maggior parte all’impianto consortile di Valbrembo ed in minima parte al depuratore di Barzana. Relativamente agli scarichi autorizzati in corsi d’acqua superficiali, oltre agli sfioratori di piena si segnalano n. 4 scarichi di pubblica fognatura. Non risultano invece presenti scarichi sul suolo.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

195


Comune di Almenno San Salvatore

•

Consumi idrici

Nella tabella seguente sono riportati, con riferimento al triennio 2008-2010 i consumi fatturati e le utenze servite suddivise per tipologia d’uso.

2008 Consumi fatturati mc Domestico Altri usi Industriali Agricolo Totale

365.628

2009 Consumi fatturati mc

Utenze n. 2.583

64.427 146

364.773

2010 Consumi fatturati mc

Utenze n. 2.624

75.653 253

166

413.978

Utenze n. 2.634

74.718 263

118

267

472

6

676

5

262

5

430.673

2.842

441.268

2.892

489.076

2.906

Nel triennio di riferimento sono stati mediamente distribuiti circa 454.000 mc/anno, dei quali circa 382.000 mc/anno per uso domestico, pari ad un consumo pro capite di circa 178 l/ab*g, distribuito a circa 5.900 abitanti.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

196


Comune di Almenno San Salvatore

Rete acquedotto – Almenno San Salvatore

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

197


Comune di Almenno San Salvatore

Rete fognaria – Almenno San Salvatore

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

198


Comune di Almenno San Salvatore

QUALITÀ DELLA ACQUE DEL TORRENTE IMAGNA Indice biotico esteso – IBE Premesso che l’IBE ha un andamento fluttuante nel corso dell’anno, il motivo delle fluttuazioni è da ricondurre alle variazioni dei livelli idrici dei corsi d’acqua, che in presenza di portate medie o elevate riescono a diluire gli apporti inquinanti derivanti dagli scarichi civili e zootecnici mentre in regime di magra non riescono ad autodepurarsi correttamente, le rilevazioni effettuate nel 2002 e nel 2004, hanno fornito, alla stazione di rilevamento di Ubiale Clanezzo un IBE pari a 6, classe III “ambiente inquinato o comunque alterato”. Livello di inquinamento da macrodescrittori LIM. Stazione di Ubiale Clanezzo, il LIM rilevato presenta un valore pari a 2 giudizio buono, nel 2002 e pari a 2/3 giudizio buono/mediocre nel 2004. Stato ecologico dei corsi d’acqua – SECA Sempre presso la stazione di Ubiale Clanezzo, il SECA rilevato nel 2002 e 2004 presenta un valore pari a 3, qualità sufficiente, tendenza stabile.

Tabella - Inidicatori di qualità delle acque del Torrente Imagna

Livello macrodescrittori

Indice Biotico Esteso

Stato ecologico

Stato di qualità ambientale

2002

2004

2002

2004

2002

2004

2002

2004

2

2/3

6

6

Classe 3

Clase 3

Sufficiente

Sufficiente

Fonte : ARPA Bergamo

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

199


Comune di Almenno San Salvatore

QUALITÀ DELLE ACQUE DEL FIUME BREMBO Per stimare la qualità delle acque del fiume Brembo ad Almenno San Salvatore, si è fatto riferimento ai dati disponibili relativi a stazioni di rilevamento a monte a a valle del Comune, in quanto non sono stati effettuati rilevamenti delle acque del fiume sul territorio comunale. Di seguito si riportano pertanto i valori relativi alla qualità delle acque del fiume Brembo rilevati nelle seguenti stazioni: -stazioni di Valbrembo (dato novembre 2006) -stazione di Brembate Sopra (dato dal 2000 al 2006) -stazione di Ubiale Clanezzo (dato novembre 2007, febbraio 2008, maggio 2008 e agosto 2008) Vengono inoltre riportati i risultati dell’indagine relativa all’Indice di Funzionalità Fluviale (IFF) del fiume Brembo a monte di Almenno San Salvatore, tratto dallo studio effettuato dalla Comunità Montana Valle Brembana.

Gli scarichi dei depuratori nel tratto da Lenna a Ponte San Pietro (fonte: Carta ittica provinciale di Bergamo- bacino del Brembo)e la qualità delle acque del fiume Brembo a valle di Almenno San Salvatore Il depuratore di maggiore dimensione che scarica da Lenna a Ponte S. Pietro nel fiume Brembo è quello intercomunale di Valbrembo (77000 AE); ve ne sono poi altri che scaricano indirettamente nel Brembo per via di affluenti, quali quello Selvino (12000 A.E., recapito nel Rio Cantor) e Strozza (5000 A.E., recapito nel T. Imagna); importante sono anche gli scarichi fognari di S. Pellegrino e quello di Zogno, cui fanno capo rispettivamente 5069 e 4200 abitanti (Regione Lombardia, 2006b). In questo tratto non sono presenti stazioni ARPA di monitoraggio della qualità delle acque. Il risultato di un campionamento IBE nella parte terminale del tratto, presso Valbrembo poco a monte del ponte di Briolo, riportato nella tabella che segue, mostra una qualità biologica delle acque scarsa; in questa zona il corso d’acqua risente particolarmente della scarsità di deflusso nei periodi di magra e il territorio circostante è notevolmente antropizzato. Sulla base delle indicazioni del PTUA (Regione Lombardia, 2006b) la qualità della parte alta di questo tratto è invece elevata fino a S. Pellegrino, dove si riduce per effetto degli scarichi civili ed industriali

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

200


Comune di Almenno San Salvatore

presenti. Risultati dell’applicazione dell’indice IBE nel f. Brembo a Valbrembo

Nel tratto da Ponte San Pietro alla foce, invece, il principale scarico civile che insiste sul fiume Brembo è quello del depuratore intercomunale di Bergamo, che serve 220000 A.E.; vi è poi quello di Dalmine, che serve 18000 A.E.. In questo tratto sono presenti due stazioni ARPA di monitoraggio della qualità delle acque rispettivamente a Brembate Sopra e Brembate Sotto. Nella stazione di monte la situazione è stabilmente attestata su un giudizio “sufficiente”; in quella a valle il giudizio “sufficiente” è stato raggiunto in 4 degli ultimi 6 anni di monitoraggio, mentre nel periodo 2003-04 la valutazione era scesa a “scarso”. La situazione, pur non essendo drammatica, è quindi poco soddisfacente. Risultati del monitoraggio ARPA nel F. Brembo a Brembate Sopra

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

201


Comune di Almenno San Salvatore

La qualità delle acque del fiume Brembo e l’indice di funzionalità fluviale (fonte: Comunità Montana Valle Brembana) a monte di Almenno San Salvatore. Il piano di monitoraggio di qualità delle acque ha interessato la parte meridionale del bacino del fiume Brembo compreso all’interno dei limiti territoriali di competenza della Comunità Montana della Valle Brembana. In particolare lo studio si propone di inquadrare le caratteristiche ambientali di un tratto del fiume Brembo, al fine di disporre di dati oggettivi sui quali valutare l’importanza naturalistica dell’ambiente acquatico e le misure particolari di protezione da prevedere in termini di mitigazione dell’impatto sulla biocenosi acquatica. L’indagine svolta ha interessato le principali componenti biotiche ed abiotiche che determinano la qualità degli ambienti fluviali con analisi dei principali parametri chimico-fisici e microbiologici delle acque e determinazione della struttura della comunità macrozoobentonica. In sintesi le attività di ricerca si sono articolate mediante l’esecuzione delle seguenti tipologie di indagini ed elaborazioni: 1. 2.

Indagini sulla qualità chimico-fisica e microbiologica delle acque. Indagine sulla qualità biologica delle acque (metodo: Indice Biotico Esteso - IBE).

Metodologia Per la caratterizzazione ambientale del corso d’acqua indagato, sono state individuate 7 stazioni sul fiume Brembo, posizionate da Lenna a Sedrina. Le indagini sono state effettuate in quattro diverse campagne di rilievo: novembre 2007, febbraio 2008, maggio 2008 e agosto 2008.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

202


Comune di Almenno San Salvatore

Qualità delle acque superficiali ⇒ Qualità chimico-fisiche Le analisi chimico-fisiche e microbiologiche eseguite nelle stazioni di controllo sono state prevalentemente quelle necessarie al dosaggio macrodescrittori di qualità. I parametri indagati sono: BOD5, COD, conducibilità elettrica, ossigeno disciolto e saturazione di ossigeno, sostanze azotate, fosforo, Escherichia coli. Attraverso tali parametri è possibile calcolare l’indice LIM (Livello di Inquinamento espresso dai Macrodescrittori). ⇒ Qualità Biologica Le indagini sulla qualità biologica delle acque consente di definire gli effetti globali sull'ecosistema acquatico dell'azione, spesso sinergica, dei vari elementi presenti nelle acque. Il metodo utilizzato per l'esecuzione della è l’indice IBE (Indice Biotico Esteso), un'analisi della comunità dei macroinvertebrati bentonici, organismi costantemente presenti nel corso d'acqua, la cui taglia alla fine dello stadio larvale supera in genere la dimensione minima di 1 mm. ⇒ Lo stato ecologico Dall’integrazione dei risultati relativi alle due componenti esaminate, ossia quella chimico-fisica e batteriologica (LIM) e quella biologica (IBE), ed attribuendo alla sezione in esame il risultato peggiore tra quelli emersi, è possibile risalire ad una classe che identifica lo stato ecologico del corso d’acqua secondo l’indice SECA.

Risultati Livello di inquinamento espresso dai macrodescrittori chimico-batteriologici (LIM) Dal calcolo del LIM (valore calcolato del 75° percentile) è emerso che nel complesso delle 4

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

203


Comune di Almenno San Salvatore

campagne di monitoraggio, la stazione migliore dal punto di vista chimico-fisico e batteriologico risulta essere la ST_04, ubicata sul fiume Brembo in località Camerata Cornello. In tutti gli altri punti di indagine il Livello di Inquinamento descritto dai Macrodescrittori risulta pari a 2, ossia con un giudizio di buono. In linea di massima i parametri maggiormente compromessi sono l’azoto nitrico, l’azoto ammoniacale e l’Escherichia coli. Qualità biologica (IBE) Dalle indagini biologiche, condotte secondo il metodo dell’Indice Biotico Esteso (IBE), è emerso un ambiente con moderati sintomi di alterazione (II classe di qualità) lungo tutto il tratto del Fiume Brembo monitorato, da Lenna ad Ambria. Per quanto riguarda il torrente Brembilla si è rilevata una situazione di ottima qualità biologica (I classe di qualità) nella stazione più a monte, situata in località Cadelfoglia, mentre nella stazione a valle, in località Primo Ponte, l’ambiente che emerge è nel complesso alterato (II classe di qualità). Le indagini eseguite sul torrente Serina-Ambria hanno messo in evidenza un ambiente di ottima qualità nella stazione di monte, localizzata nell’abitato di Serina, pari ad una I classe di qualità, ed un ambiente di buona qualità nella stazione più a valle, in località Ambria, pari ad una II classe di qualità. Lo stato ecologico (SECA) La classificazione dello stato ecologico si effettua incrociando il dato risultante dalle analisi dei macrodescrittori con quello dell’indice biotico, attribuendo alla stazione il risultato peggiore. Tutte le stazioni indagate sul Fiume Brembo sono caratterizzate da uno stato ecologico buono, corrispondente ad un livello 2, poiché presentano tutte un valore sorgente IBE che le pone in una II classe di qualità biologica, ed una valore di LIM pari a 2, fatta eccezione per la stazione ST_04, in località Camerata Cornello

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

204


Comune di Almenno San Salvatore

Carta del livello di inquinamento dei Macrodescrittori (L.I.M.)

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

Carta della qualitĂ biologica delle acque secondo il metodo I.B.E.

205


Comune di Almenno San Salvatore

Carta dello Stato Ecologico de Corsi d'Acqua (S.E.C.A.)

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

Risultati LIM, IBE e SECA delle 11 stazioni indagate

206


Comune di Almenno San Salvatore

L’INDICE DI FUNZIONALITÀ FLUVIALE (IFF) (FONTE: COMUNITÀ MONTANA VALLE BREMBANA) L’Indice di Funzionalità Fluviale (IFF) è stato applicato con rigorosa osservanza del protocollo tecnico ufficiale A.N.P.A. (ora I.S.P.R.A.) nella sua versione più recente (A.N.P.A., 2003). Lo studio ha fornito un quadro generale dello stato dell’ambiente fluviale e della sua funzionalità, attraverso la descrizione dei parametri morfologici, strutturali e biotici dell’ecosistema. L’indice analizza in modo particolare gli aspetti riguardanti la componente vegetazionale, in quanto le fasce perifluviali sono valutate diversamente a seconda della presenza di specie indigene o aliene, dall’ampiezza e dal portamento arboreo, arbustivo o erbaceo delle stesse. Questa caratterizzazione è fondamentale per la valutazione degli ambienti ripari poiché la vegetazione contribuisce in maniera sostanziale a determinare la funzionalità ecologica del corpo idrico inteso come unita ecologica. Metodologia I valori di IFF vengono tradotti in 5 Livelli di Funzionalità espressi con numeri romani (dal I che indica la situazione migliore al V che indica quella peggiore), ai quali corrispondono i relativi giudizi di funzionalità; sono inoltre previsti livelli intermedi, al fine di meglio graduare il passaggio da una classe all’altra. Ad ogni Livello di Funzionalità viene associato un colore convenzionale per la rappresentazione cartografica; i livelli intermedi vengono rappresentati con un tratteggio a due colori alternati. La rappresentazione grafica viene effettuata con due linee, corrispondenti ai colori dei Livelli di Funzionalità, distinguendo le due sponde del corso d'acqua.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

207


Comune di Almenno San Salvatore

Livelli di funzionalitĂ e relativo giudizio e colore di riferimento

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

208


Comune di Almenno San Salvatore

Nel fiume Brembo l’indice è stato applicato dal confine sud della comunità montana fino alla confluenza del fiume Brembo di Mezzoldo Risultati L’Indice di Funzionalità Fluviale è stato applicato su un tratto di 26.667 m. Il fiume scorre in un territorio caratterizzato da una notevole diversificazione degli elementi funzionali presenti. Sulla sinistra prevalgono le foreste ed i boschi, mentre sulla destra le aree urbanizzate. La vegetazione perifluviale è presente prevalentemente in fasce di tipo primario sulla sinistra e secondario sulla destra ed all’interno di queste è caratterizzata soprattutto dalla presenza di vegetazione riparia arborea ed arbustiva. Le ampiezze in senso ortogonale delle fasce perifluviali di vegetazione arborea ed arbustiva sono diversificate sulle due sponde; in sinistra prevalgono le fasce con ampiezza maggiore di 30 m e sulla destra le fasce con ampiezza compresa tra 1 e 5 m. La continuità longitudinale della vegetazione arborea ed arbustiva delle fasce perifluviali è mantenuta discretamente sulla sinistra, anche se prevalgono in entrambe le sponde le interruzioni. Le rive sono principalmente caratterizzate dalla presenza di vegetazione erbacea o arbustiva o sono nude. L’alveo di morbida è prevalentemente inferiore al triplo di quello bagnato e le strutture di ritenzione assicurano nella maggior parte del fiume una capacità ritentiva discreta o sufficiente. I processi di tipo morfologico-erosivo in atto sono in prevalenza limitati da interventi di difesa longitudinali. La sezione trasversale è in gran parte interessata da interventi artificiali di lieve o notevole entità. Dal punto di vista strutturale l’alveo risulta caratterizzato principalmente da un fondo a tratti movibile con le piene, mentre dal punto di vista della diversificazione morfologica esso è caratterizzato da raschi e pozze che si alternano in una successione irregolare o da lunghe pozze che si alternano a corti raschi. Il periphyton è soprattutto spesso, il detrito è costituito generalmente da frammenti riconoscibili e fibrosi e la comunità macrobentonica risulta sempre sufficientemente diversificata ma con struttura alterata rispetto a quanto atteso. Analizzando nel dettaglio i risultati dell’indice di funzionalità da valle verso monte, il fiume Brembo ottiene dei giudizi compresi tra il mediocre ed il buono fino alla confluenza del torrente Brembilla, in particolare a causa della presenza di opere collegate alla derivazione delle acque del torrente ed alla particolare conformazione dei versanti. A monte della confluenza del torrente Brembilla i giudizi di funzionalità scadono generalmente ad un livello compreso tra il mediocre e lo scadente, soprattutto a causa della presenza di interventi antropici legati alla

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

209


Comune di Almenno San Salvatore

messa in sicurezza degli abitati di Zogno, Ambria, San Pellegrino Terme e San Giovanni Bianco e alle vie di comunicazione costituite dalla SS n° 470, dall’ex ferrovia e dalle opere a loro connesse. In tutto questo tratto soprattutto sulla sinistra idrografica si annota la presenza di alcuni tratti omogenei con giudizio buono e buono-mediocre. A monte di San Giovanni Bianco la presenza di tratti che ottengono un giudizio buono diventa maggiore soprattutto quando il fiume Brembo si allontana dai centri abitati.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

210


Comune di Almenno San Salvatore

Indice di funzionalitĂ fluviale (IFF)

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

211


Comune di Almenno San Salvatore

La derivazione delle acque del fiume Brembo ad Almenno San Salvatore (Fonte: Carta ittica provinciale di Bergamo- bacino del Brembo) Ad Almenno S. S. le acque del Brembo vengono derivate dalla società Energy srl, come specificato nella tabella seguente.

3.10 RIFIUTI

LA PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI NELLA COMUNITÀ MONTANA VALLE IMAGNA I dati relativi alla gestione dei rifiuti sul territorio della Comunità Montana Valle Imagna devono essere valutati a fronte delle peculiarità del territorio, che presenta alcuni ostacoli nell’ attività di trasporto, rendendo da un lato meno significativi i target comunemente utilizzati con riferimento alla normativa in vigore e agli standard nazionali, dall’ altro valorizzando l’ opportunità di iniziative per la prevenzione della produzione e la valorizzazione dei residui: dal compostaggio domestico al recupero degli scarti industriali della lavorazione del legno attraverso l’ introduzione di tecnologie pulite. Per quanto riguarda specificamente i rifiuti urbani, la produzione procapite (0,97 kg/ab giorno) risulta in ogni caso decisamente inferiore al dato medio provinciale (1,22 kg/ab giorno) e regionale (1,39 kg/ab giorno), mentre la percentuale di raccolta differenziata (42%), pur inferiore al dato provinciale (48%), risulta comunque molto maggiore della media nazionale (19%) e dal target di legge (35%). Del resto il valore provinciale della percentuale di raccolta differenziata è da considerare come caso di eccellenza e risulta difficilmente replicabile in tutte le realtà locali, caratterizzate

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

212


Comune di Almenno San Salvatore

da una configurazione del territorio profondamente diversa. Per la natura delle attività economiche sul territorio, la produzione di rifiuti speciali è molto limitata (57.000 t), concentrata in un numero limitato di Comuni (tra cui Almenno S. Bartolomeo, Barzana e Palazzago) e principalmente dovuta al trattamento superficiale dei materiali, all’ attività estrattiva e alla lavorazione del legno. La presenza di impianti di recupero/smaltimento è limitata ai soli Comuni di Almenno S. Salvatore, Barzana e Bedulita, con quantità trattate decisamente modeste rispetto alla produzione. Ampiamente prevalenti e superiori alle quantità prodotte (oltre 6.000 T/A) sono i rifiuti di lavorazione del legno. LA PRODUZIONE DI RIFIUTI E RACCOLTA DIFFERENZATA AD ALMENNO SAN SALVATORE E CONFRONTO CON LA SITUAZIONE PROVINCIALE La tabella seguente riporta i dati relativi alla produzione di rifiuti urbani per il comune di Almenno San Salvatore per l’anno 2008, tratti dal Rapporto sulla produzione di rifiuti urbani e sull’andamento delle raccolte differenziate - anno 2008 redatto dalla Provincia di Bergamo. La produzione pro capite di rifiuti, pari a 1,157 kg/ab*giorno, risulta inferiore alla media provinciale pari a 1,235 kg/ab*giorno.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

213


Comune di Almenno San Salvatore

Tabella - PRODUZIONE DEI RIFIUTI URBANI – ANNO 2008 PARAMETRO Abitanti RUind (kg/anno)

VALOR E 5.831

Spazzamento strade (kg/anno)

908.19 0 94.280

Ingombranti (kg/anno)

62.920

TotRD (kg)

1.403.9 33 2.470.0

Totale rifiuti Percentuale Rd(%)

53 56,84

Pro capite RUInd 2008 (kg/ab*giorno)

0,426

Variazione % pro capite RUInd 2008-2007

- 1,87

Pro capite Ring 2008 (Kg/ab*giorno)

0,044

Variazione % pro capite Ring 2008-2007

- 6,01

Pro capite RD 2008 (kg/ab*giorno)

0,029

Variazione % pro capite RD 2008-2007

1,52

Pro capite rifiuti a smaltimento (kg/ab*giorno)

0,500

Pro capite rifiuti totali 2008 (kg/ab*giorno)

1,157

Variazione pro capite rifiuti totali

- 0,65

%RD+IngRec

56,84

Fonte dati: Provincia di Bergamo (Rapporto sulla produzione di rifiuti urbani e sull’andamento delle raccolte differenziate - anno 2008)

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

214


Comune di Almenno San Salvatore

RU (RIFIUTI URBANI): rifiuti di origine domestica destinati a smaltimento e/o recupero compresi quelli di origine non domestica assimilati ai rifiuti urbani (ai sensi dell’art.184 del D.Lgs. 152/06 e s.m.i.). RUInd (RIFIUTI URBANI INDIFFERENZIATI): rifiuti urbani destinati a smaltimento in discarica o inceneritore (frazione residuale). RIng (RIFIUTI INGOMBRANTI): rifiuti di origine domestica di dimensioni e di ingombro tali da non poter rientrare nel circuito di raccolta dei RUInd (ad es. mobili e pezzi d’arredamento, grossi imballi), generalmente costituiti da materiali suscettibili di recupero. RIngR (RIFIUTI INGOMBRANTI inviati a recupero) desumibile dalle informazioni ricevute dagli impianti e da quelle dichiarate nei Mud RIngS (RIFIUTI INGOMBRANTI inviati a smaltimento) SPAZZ (SPAZZAMENTO STRADE) : rifiuti derivanti da operazioni di pulizia delle strade. RD (RACCOLTA DIFFERENZIATA) : comprende tutte le frazioni di rifiuto che sono raccolte separatamente (rispetto al flusso indifferenziato destinato a smaltimento). Essa può essere finalizzata al recupero di materia o alla produzione di energia, ad es. attraverso un processo di riciclaggio o compostaggio, oppure allo smaltimento in condizioni di sicurezza per l’ambiente e la salute di alcune sostanze ad elevato potere inquinante (ad es. nel caso dei Rifiuti Urbani Pericolosi).

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

215


Comune di Almenno San Salvatore

Tabella - PRODUZIONE DEI RIFIUTI NELLA PROVINCIA DI BERGAMO– ANNO 2008

Fonte dati: Provincia di Bergamo (Rapporto sulla produzione di rifiuti urbani e sull’andamento delle raccolte differenziate - anno 2008)

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

216


Comune di Almenno San Salvatore

La tabella seguente riporta i dati relativi alla raccolta differenziata per il comune di Almenno San Salvatore per gli anni 2007-2008, tratti dal Rapporto sulla produzione di rifiuti urbani e sull’andamento delle raccolte differenziate - anno 2008 redatto dalla Provincia di Bergamo. Nel territorio comunale viene effettuata la raccolta differenziata di 16 tipologie di rifiuti. Rispetto al 2007, nel 2008 si osserva una diminuzione della raccolta totale e pro capite di batterie e pile, legno, metalli ferrosi, olio minerale e vetro, mentre si ha un incremento di raccolto di accumulatori al piombo, carta e cartone, cartucce toner, contenitori T/F, farmaci, F.O.R.S.U., olio vegetale, plastica, RAEE e scarti vegetali (per i pneumatici il dato di variazione non è disponibile).

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

217


Comune di Almenno San Salvatore

Tabella – RACCOLTA DIFFERENZIATA – ANNO 2008 (Abitanti = 5.831)

ACCUMULATORI AL PIOMBO BATTERIE E PILE CARTA E CARTONE CARTUCCE TONER CONTENITORI T/F FARMACI F.O.R.S.U. LEGNO METALLI FERROSI OLIO MINERALE OLIO VEGETALE PLASTICA PNEUMATICI RAEE SCARTI VEGETALI VETRO

3.300 600 295.7 30 144 1350 650 361.7 70 78.41 0 47.88 0 570 2250 70.29 0 280 25.19 9 285.6 70 229.8 40

9,63 - 6,98 5,39 414,29 110,94 31,31 0,52 - 1,90 - 11,97 - 24,00 2,27 2,27 nd 27,42 2,46 - 0,79

0,57 0,1 50,72 0,02 0,23 0,11 62,04 13,45 8,21 0,10 0,39 12,05 0,05 4,32 48,99 39,42

Variazione % pro capite 2007-2008

Pro capite (Kg/ab*an no)

Variazione % totale raccolto 2007-2008

DATI RACCOLTA DIFFERENZIATA Totale raccolto (Kg/a)

MATERIALE

9,77 - 6,87 5,52 414,4 0 111,1 9 31,47 0,64 - 1,78 11,8623,91 2,40 2,39 nd 27,58 2,58 - 0,67

Fonte dati: Provincia di Bergamo (Rapporto sulla produzione di rifiuti urbani e sull’andamento delle raccolte differenziate - anno 2008)

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

218


Comune di Almenno San Salvatore

Grafico – RACCOLTA DIFFERENZIATA - ANNO 2008 (valori percentuali) (Abitanti =5.831)

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

219


Comune di Almenno San Salvatore

Confrontando i dati della raccolta differenziata ad Almenno San Salvatore, con quelli dell’intera provincia (vedi tabella seguente), per le tipologie di rifiuto comparabili, si osserva un valore di raccolto pro capite superiore alla media provinciale relativamente a materiali ferrosi, scarti vegetali, contenitori T/F, farmaci, RAEE e oli vegetali, e dati inferiori per carta, vetro, plastica, legno, oli minerali, pile e pneumatici. Complessivamente la percentuale di rifiuti sottoposti a raccolta differenziata nel comune di Almenno San Salvatore (56,84%) è superiore al dato provinciale (54,01%).

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

220


Comune di Almenno San Salvatore

Tabella – RACCOLTA DIFFERENZIATA NELLA PROVINCIA DI BERGAMO - ANNO 2008

Fonte dati: Provincia di Bergamo (Rapporto sulla produzione di rifiuti urbani e sull’andamento delle raccolte differenziate - anno 2008)

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

221


Comune di Almenno San Salvatore

3.11 ENERGIA - IMPIANTI IDROELETTRICI

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

Il contributo del territorio della Comunità Montana Valle Imagna ai consumi elettrici provinciali risulta molto modesto (circa 83 MWh sui circa 6.200 MWh provinciali), con un peso del consumo industriale ampiamente superiore al residenziale, anche se in misura minore di quanto avviene a livello provinciale dove, in alcune aree, sono presenti consistenti insediamenti produttivi. Il consumo procapite residenziale è mediamente inferiore alla media provinciale (1.109 kWH/ ab.), mentre quello procapite industriale, in conseguenza del ridotto peso dell’ industria, risulta nettamente inferiore (9.268 kWh/ab anno rispetto a 22.159). Nel territorio delle Comunità Montana della Valle Imagna non risultano presenti impianti idroelettrici (l’unica derivazione da corpo idrico superficiale è ad uso industriale), né impianti di cogenerazione. Non sono inoltre presenti impianti a biomasse. Per quanto riguarda gli altri impianti a fonti rinnovabili (solare termico, fotovoltaico, eolico, etc), si registra la presenza di un impianto fotovoltaico con una producibilità indicativa di circa 24 MWh/anno ad Almenno S. Bartolomeo. Tale contributo, pur marginale rispetto alla produzione provinciale, è comunque significativa per lo sviluppo di una fonte energetica attualmente non competitiva sul piano economico, ma potenzialmente interessante per il futuro. Va sottolineato, peraltro, che la produzione provinciale da fonti rinnovabili include una consistente presenza della termovalorizzazione dei rifiuti (fonte assimilata alle rinnovabili). È opportuno infine tenere presente che esiste sul territorio un certo numero di piccoli impianti solari (termici e fotovoltaici), che hanno fruito dei numerosi finanziamenti statali e regionali, ma che non sono censiti nella fonte citata. Del tutto assenti risultano invece gli impianti eolici. Nella logica di un utilizzo sostenibile delle risorse energetiche risulta quindi auspicabile una valorizzazione delle fonti rinnovabili, a partire da una valutazione dei possibili ambiti di applicazione compatibili con i vincoli ambientali esistenti.

222


Comune di Almenno San Salvatore

3.12 AGENTI FISICI

Il termine agenti fisici indica l’insieme di fattori la cui presenza determina l’immissione di energia nell’ambiente − energia la cui origine può essere sia naturale sia antropica − e che viene immessa in diverse forme: meccanica, elettromagnetica o nucleare. Gli agenti fisici d’interesse ambientale sono le radiazioni non ionizzanti, le radiazioni ionizzanti e il rumore (per il rumore, si rimanda al capitolo della zonizzazione acustica). SINTESI DELLA SITUAZIONE NELLA COMUNITA’ MONTANA VALLE IMAGNA I tratti di linee elettriche ad alta tensione che attraversano centri abitativi, indicatori della presenza di potenziali criticità legate ad esposizione a campi elettromagnetici a bassa frequenza, sono in generale poco rilevanti. Esistono alcune eccezioni, quali ad esempio il Comune di Almenno S. Bartolomeo, dove è presente circa 1 km di linea un’area urbana e dove potrebbe essere opportuno un approfondimento per valutare la presenza di possibili criticità locali. Sul piano delle misure di inquinamento elettromagnetico effettuate dall’ ARPA provinciale, risultano limitate le situazioni di esposizione a livelli significativi di campi elettromagnetici, con valori comunque ampiamente inferiori ai limiti di legge. Dal punto di vista dell’inquinamento acustico, le campagne di rilevamento effettuate registrano un mediocre livello di rumore generato dal traffico stradale, in particolare per quanto riguarda la strada SP 175. Circa il 24% dei centri urbani è interessato dall’attraversamento di strade generatrici di inquinamento acustico; un solo Comune ha effettuato la classificazione acustica del territorio. RADIAZIONE ELETTROMAGNETICA (RADIAZIONI NON IONIZZANTI La presenza dei campi elettrici e magnetici è connessa alla presenza di conduttori di alimentazione elettrica, dagli elettrodotti ad alta tensione fino ai cavi degli elettrodomestici. Mentre il campo elettrico di queste sorgenti è parzialmente schermato dalla presenza di ostacoli, il campo magnetico prodotto invece è poco attenuato da quasi tutti gli ostacoli, per cui la sua intensità si riduce, al crescere del quadrato della distanza dalla sorgente. Per questo

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

223


Comune di Almenno San Salvatore

motivo gli elettrodotti possono essere la causa di un'esposizione intensa e prolungata per coloro che abitano in edifici vicini alla linea elettrica. Le basse frequenze, o ELF (Extremely Low Frequency), consistono in campi elettrici e magnetici che si formano in corrispondenza di elettrodotti (a bassa, media ed alta tensione) e di tutti i dispositivi domestici alimentati a corrente elettrica alla frequenza a noi più noti, quali elettrodomestici, videoterminali, ecc. Alle basse frequenze le caratteristiche fisiche dei campi sono più simili a quelle dei campi statici rispetto a quelle dei campi elettromagnetici veri e propri; è per questo che per le ELF il campo elettrico e il campo magnetico possono essere considerati e valutati come entità a sé stanti. Si distinguono due principali tipologie di sorgenti in base alle diverse caratteristiche del campo emesso: quelle deputate al trasporto e distribuzione dell’energia elettrica e gli apparecchi che utilizzano energia elettrica. ELETTRODOTTI Per quanto attiene al trasporto si parla di elettrodotti, cioè sorgenti di campo elettromagnetico a frequenza industriale (50 – 60 Hz). Per elettrodotto si intende l’insieme delle linee elettriche, delle sottostazioni e delle cabine di trasformazione. Le linee elettriche portano energia elettrica dai centri di produzione agli utilizzatori (industrie, abitazioni, etc.) mentre le cabine di trasformazione trasformano la corrente prodotta dalle centrali in tensioni più basse per l'utilizzazione nelle applicazioni pratiche. Le tensioni di esercizio delle linee elettriche in Italia si distinguono in 15 kV e 60 kV per la bassa e media tensione, 132, 220 e 380 kV per l'alta tensione. L'intensità dei campi elettrici e magnetici diminuisce con l’aumentare della distanza dal conduttore, dipende dalla disposizione geometrica e dalla distribuzione delle fasi della corrente dei conduttori stessi e anche dal loro numero. Il Comune di Almenno San Salvatore è attraversato da 3 linee elettriche. Due elettrodotti scorrono paralleli e accostati, tagliando da sud-ovest a nord-est il territorio settentrionale del Comune, attraversando via G. Buttinoni. Un'altra linea elettrica attraversa indicativamente da ovest a est la porzione meridionale del territorio comunale, ricalcando in parte il tracciato della Strada Provinciale SP 175. I tratti che interessano aree urbanizzate hanno una lunghezza complessiva di 181 m, pari al 6,69 % della rete della C. M. e allo 0,12% della rete provinciale (dato 2002, RAS Valle Imagna). Tale dato risulta inferiore alla media provinciale.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

224


Comune di Almenno San Salvatore

IMPIANTI DI RADIOTELECOMUNICAZIONE La L. 36/01 disciplina, tra gli altri dettati, anche il risanamento degli impianti radioelettrici esistenti per ciò che riguarda le situazioni di superamento dei limiti di esposizione, dei valori di attenzione e degli obiettivi di qualità con tempi che hanno trovato piena applicazione dopo l’emanazione del D.P.C.M. 8 luglio 2003. La Regione Lombardia, con la L.R. 11/01 delegata dalla Legge Quadro 36/01 e raccordata con il successivo D.Lgs. n. 259/03, ha stabilito una propria disciplina in materia di impianti radioelettrici per l’istallazione ed esercizio, la localizzazione, i risanamenti e le sanzioni, qualora fossero riscontrati superamenti di tali limiti. Per quanto riguarda gli impianti per le trasmissioni radio-televisive e per la telefonia, si riporta la mappa della loro distribuzione sul territorio provinciale, come risulta dai dati di ARPA Lombardia. Il territorio di Almenno San Salvatore è interessato dalla presenza di impianti di telefonia in località Vegna e di un impianto di radiofonia in località Cappella degli Alpini a servizio della Comunità Montana Valle Imagna.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

225


Comune di Almenno San Salvatore

Figura - Carta della dislocazione degli impianti radio-televisivi e di telefonia della provincia di Bergamo.

Fonte: ARPA Lombardia

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

226


Comune di Almenno San Salvatore

RADON (RADIAZIONI IONIZZANTI) La Regione Lombardia ha svolto nel corso del 2004 una campagna di misura del gas radon in tutto il suo territorio, al fine dell’individuazione delle radon prone areas (aree ad elevata probabilità di alte concentrazioni di radon), come previsto dal D.Lgs. 241/00. Il piano di misurazione ha visto il territorio regionale suddiviso secondo una griglia a maglie di dimensione variabile in funzione delle caratteristiche geologiche e morfologiche del suolo, ovvero maglie più fitte nella zona alpina e prealpina nella quale ci si aspetta di avere concentrazioni di radon più elevate o comunque caratterizzate da una maggiore variabilità spaziale, e maglie meno fitte laddove si presume di avere basse o comunque relativamente uniformi concentrazioni di radon, come per esempio nella zona della Pianura Padana. I primi risultati delle misure effettuate nell’ambito del piano regionale della Lombardia per la determinazione delle radon prone areas confermano lo stretto legame tra la presenza di radon e le caratteristiche geologiche del territorio, mostrando valori più elevati di concentrazione di radon indoor nelle province di Bergamo, Brescia, Lecco, Sondrio e Varese. Di fatto, nel 84.6 % dei locali indagati (tutti posti al piano terra) nell’intera regione i valori sono risultati essere inferiori a 200 Bq/m3, mentre nel 4.3 % dei casi sono superiori a 400 Bq/m3, con punte superiori a 800 Bq/m3 (0.6 % dei punti di misura). Le indagini condotte classificano il territorio comunale di Almenno San Salvatore in fascia a bassa esposizione, compresa tra 0 e 100 Bq/m3, dove i valori obiettivo per le nuove edificazioni sono fissati dalla Comunità Europea in 200 Bq/m3. Il comune di Almenno San Salvatore è classificato come Comune a bassa concentrazione di radon indoor (Campagna regionale 2003-2005).

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

227


Comune di Almenno San Salvatore

Figura - Piano di mappatura per la determinazione delle radon prone areas in Lombardia (20032005) – localizzazione dei punti di misura

Fonte: ARPA Lombardia

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

228


Comune di Almenno San Salvatore

Figura - Classificazione dei territori lombardi per presenza di radon indoor

Fonte: ARPA Lombardia

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

229


Comune di Almenno San Salvatore

Figura - mappa dei comuni della Lombardia ad “ alta concentrazione “ media concentrazione “ “ bassa concentrazione” di radon indoor.

Fonte: Studio RADON IN LOMBARDIA: DAI VALORI DI CONCENTRAZIONE INDOOR MISURATI, ALL’INDIVIDUAZIONE DEI COMUNI CON ELEVATA PROBABILITA’ DI ALTE CONCENTRAZIONI. UN APPROCCIO GEOSTATISTICO (Campagna regionale 2003-2005).

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

230


Comune di Almenno San Salvatore

4. ASSETTO GEOLOGICO, IDROGEOLOGICO E SISMICO Estratto degli studi di settore: o “Comune di Almenno San Salvatore (BG) – Studio geologico del territorio comunale” redatto dal Dott. Geologo Gianluca Boffelli o “Comune di Almenno San Salvatore – Aggiornamento relativamente alla componente sismica dello studio geologico del territorio comunale” redatto dal Dott. geologo Gianluca Boffelli o “Comune di Almenno San Salvatore - Determinazione del reticolo idrico minore secondo la D.G.R. n° 7/7868 e la D.G.R. n° 7/13950 della Regione Lombardia” redatto dal Dott. geologo Gianluca Boffelli

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

231


Comune di Almenno San Salvatore

4.1 INTRODUZIONE

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

Lo studio geologico redatto dal dottor geologo Gianluca Boffelli si propone quale supporto specialistico al Piano di Governo del Territorio del comune di Almenno San Salvatore (Bg), ed illustra, nel dettaglio, i caratteri geologici ed idrogeologici dell’intero territorio comunale, in ottemperanza all’art. 57 della L.R. 11 Marzo 2005 n° 12 “Legge sul governo del territorio”, che ha abrogato la precedente L.R. 41/97 (“Prevenzione del rischio geologico, idrogeologico e sismico mediante strumenti urbanistici generali e loro varianti”), mediante la DGR n. 8/1566 del 22/12/2005 “Criteri ed indirizzi per la definizione della componente geologica, idrogeologica e sismica del Piano di Governo del Territorio, che sostituisce le precedenti deliberazioni n. 7/6645 del 29 ottobre 2001, n. 7/7365 del 11 dicembre 2001 ed integra la n. 6/40996 del 15 gennaio 1999. Il comune di Almenno San Salvatore (Bg) non è dotato di studio geologico di supporto alla pianificazione comunale ai sensi della previgente normativa (L.R. 41/97). Su incarico dell'Amministrazione Comunale di Almenno San Salvatore (Bg) è stato pertanto predisposto lo studio delle caratteristiche geologiche del territorio comunale, ai fini della predisposizione di uno strumento di pianificazione e governo, aggiornato alla recente normativa regionale. L’incarico è stato affidato in data antecedente all’entrata in vigore della L.R. 12/05 e della D.G.R. n° 8/1566, pertanto il presente lavoro non analizza gli aspetti sismici del territorio comunale, che dovranno essere oggetto di successiva integrazione, per la predispostone della carta della pericolosità sismica locale. In tale prospettiva, considerato che il territorio in esame non è dotato di alcuna documentazione geologica a corredo del Piano Regolatore Vigente, la metodologia di lavoro è stata sviluppata attraverso le tre successive fasi seguenti, proposte dalla D.G.R. 8/1566: • Fase di analisi storica, bibliografica e compilativa, distinta a sua volta in ricerca storica/bibliografica, compilazione della cartografia di inquadramento e in approfondimento/integrazione. Tale fase consistente nella raccolta della documentazione storica esistente e di tutte le informazioni relative a fenomeni di dissesto idrogeologico che hanno interessato il territorio in esame, per la predisposizione della cartografia di analisi e del rapporto descrittivo. In tale fase sono state acquisite tutte le informazioni disponibili relativamente alle componenti geologia – geotecnica - idrogeologia – sismica, nonché i dati relativi a indagini geologiche – geotecniche eseguite sul territorio comunale; tale fase, che ha consentito la predisposizione della cartografia di base, è stata seguita dalla fase di integrazione

232


Comune di Almenno San Salvatore

dei dati reperiti, mediante indicazioni/osservazioni emerse dalla fotointerpretazione, dall’osservazioni delle evidenze dei rilievi di campagna, nonché dai dati forniti da specifiche indagini geotecniche in sito originali, finalizzate anche alla definizione dell’analisi del rischio sismico del territorio secondo gli scenari di pericolosità sismica locale le relative classi di pericolosità sismica. La raccolta dati e la relativa fase di integrazione ha portato alla predisposizione di "Carte di base e di inquadramento" alla scala 1:5.000, riguardanti gli aspetti geologici, geomorfologici, pedologici, idrogeologici idraulici e sismici di tutto il territorio comunale. • Fase di valutazione e sintesi, che partendo dalle cartografie di inquadramento scaturite dalla fase di raccolta dati, analisi ed integrazione, è sfociata nella predisposizione della carta dei vincoli, nella quale sono puntualmente individuate le limitazioni d’uso del territorio derivanti dalla normative in vigore di contenuto geologico, e nella carta di sintesi che propone la classificazione/suddivisione del territorio in funzione delle della pericolosità geologico – tecnica e della vulnerabilità idrogeologica – idraulica, individuate. • Fase di proposta, definita attraverso la redazione della “Carta di fattibilità geologica del territorio” e delle “norme tecniche geologiche di attuazione”. In tale fase vengono caratterizzati per classi omogenee, gli ambiti di criticità individuati nella carta di sintesi, mediante modalità standardizzate che consentono di redigere la carta di fattibilità geologica per le azioni di piano e le relative norme geologiche di attuazione, nelle quali sono riportate le indicazioni in ordine alle limitazioni nelle destinazioni d'uso, alle cautele da adottare per gli interventi, agli studi ed alle indagini da effettuare per gli approfondimenti del caso, alle eventuali opere di riduzione del rischio ed alla necessità di controllo dei fenomeni in atto. Il comune di Almenno San Salvatore (Bg) risulta inoltre nell’elenco dei comuni che non hanno concluso l’iter di cui all’art. 18 delle N.T.A. del PAI, pertanto la fase di proposta ha comportato anche la predisposizione della “Carta del dissesto con legenda uniformata a quella del PAI”. Sulla base di quanto sopra esposto, adottando come base topografica di riferimento la carta tecnica regionale, sono stati predisposti gli elaborati recepiti nelle seguenti tavole del P.G.T.: Tav. B01 Inquadramento geologico - scala 1: 5000 Tav. B02 Carta geomorfologica e dei dissesti - scala 1:5.000 Tav. B03 Carta del dissesto con legenda uniformata PAI - scala 1:5.000 Tav. B04 Carta idrogeologica idrologica - scala 1:5.000 Tav.B05 Carta dei vincoli - scala 1:5.000

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

233


Comune di Almenno San Salvatore

Tav. B06 Carta di sintesi - scala 1:5.000 Tav. B07 Carta della pericolosità sismica locale - scala 1:5000 Tav. B08 Carta di fattibilità geologica - scala 1:5000 4.2 RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI E METODOLOGICI

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

Il lavoro ha avuto come indispensabile premessa la ricognizione e la raccolta di materiale documentario e bibliografico che ha consentito di elaborare i materiali cartografici di base e di inquadrare il territorio comunale all’interno dell’ambito geografico di riferimento. Sono naturalmente risultate essenziali le informazioni desunte dalla cartografia geologica ufficiale, prodotta sia dal Servizio Geologico nazionale, dalla Provincia di Bergamo, sia dalla Regione Lombardia (anche i dati reperiti presso il portale internet regionale SIT Regione Lombardia), nonché i lavori di sintesi a scala regionale (Carta Geologica della Regione Lombardia). Fondamentali appaiono i lavori dell’ ERSAL dai quali si sono desunte molte delle informazioni generali riferite anche nel presente lavoro, e della Provincia di Bergamo. Numerosi sono i dati contenuti nelle cartografie e nelle relazioni predisposte nell’ambito del lavoro “Monitoraggio delle acque sotterranee della provincia di Bergamo” predisposto dall’Amministrazione Provinciale di Bergamo, dall’Arpa della Lombardia e dalla Sezione di Bergamo del CNR, nonché nello “Studio Idrogeologico del Foglio Vimercate” ed i dati forniti dal servizio idrico comunale e dal Settore Acque della Provincia di Bergamo. L’Amministrazione Comunale, infine, oltre alla base cartografica, ha gentilmente fornito la documentazione in suo possesso relativa ad analisi ed indagini di carattere idrogeologico e geotecnico eseguite sul territorio comunale, in genere a supporto della progettazione e realizzazione di opere pubbliche. Analisi sono state condotte anche nei comuni contermini, al fini di verificare la presenza o meno, di pozzi idrici/sorgenti captate a scopo idropotabile, le cui fasce di rispetto, possano interessare e vincolare aree ricadenti sul territorio amministrato dal comune di Almenno San Salvatore (Bg) . Le informazioni di carattere generale raccolte – confrontate e completate da osservazioni e sopralluoghi eseguiti direttamente sul terreno sono servite, come accennato, per la redazione delle cartografie di inquadramento, preliminari al passaggio alla fase successiva, caratterizzata da analisi ed indagini di maggiore dettaglio per il solo ambito oggetto di variante parziale. Sono inoltre state consultate le cartografie del PSFF predisposte dall’Autorità di Bacino del Po, nonché le analisi e le cartografie di dettaglio, predisposto dall’Ismes - Italtecna, nell’ambito dello studio idraulico del fiume Brembo, il cui corso scorre profondamente inciso, all’interno della serie di terrazzi fluviali, ad est del centro abitato, su aree adibite alle attività agricole.

234


Comune di Almenno San Salvatore

Il comune di Almenno San Salvatore (Bg), non è attualmente dotato di studio per l’individuazione del reticolo idrico minore, ai sensi della Determinazione del Reticolo idrico minore secondo la D.G.R. n° 7/7868 e la D.G.R. n° 7/13950 della Regione Lombardia.

4.3 INQUADRAMENTO GEOGRAFICO TERRITORIALE

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

Il territorio comunale di Almenno San Salvatore (Provincia di Bergamo), individuatonella porzione meridionale della Sezione C5a1 “Almenno San Salvatore” e per una piccolo lembo nella porzione settentrionale della Sezione C5a2 “Ponte San Pietro” , occupa una modesta superficie, circa 4,8 Kmq, dei territori più meridionali amministrati dalla Comunità Montana Valle Imagna, in destra idrografica del Fiume Brembo, nel tratto in cui il corso fluviale abbandona l’ambito montano per immettersi nel lembo di alta pianura bergamasca che delimita verso sud il territorio comunale. I limiti amministrativi del territorio comunale di Almenno San Salvatore (Bg) si sviluppano per una lunghezza complessiva di poco inferiore ai 12 Km disegnando un confine comunale che in pianta raffigura grossomodo un quadrilatero allungato nella direzione NW - SE. Il confine comunale di Almenno San Salvatore segue, verso est, il lineamento naturale costituito dal Fiume Brembo, e confina con i comuni di Almenno San Bartolomeo, Roncola, Strozza e Ubiale Clanezzo. Altimetricamente il territorio comunale risulta modestamente articolato da graduali decrementi di quota, passando dagli 830 m.s.l.m. della massima culminazione (individuabile nei pressi dello spartiacque secondario nei pressi della loc. Il Botto), ai circa 230 m.s.l.m. verso sud, nei pressi del confine con Paladina e Valbrembo, in corrispondenza dell’alveo attivo del fiume Brembo. Territorialmente il comune di Almenno costituisce l’ultimo lembo di ambito montano – collinare, caratterizzato dai pendii a vergenza meridionale che formano il raccordo con la porzione di alta pianura bergamasca che lo delimita, anche morfologicamente, verso meridione. L’idrografia superficiale del territorio comunale è governata principalmente dal Fiume Brembo, corso d’acqua di importanza regionale, riferibile al reticolo idrico principale, nonché da diversi corsi d’acqua di importanza locale, riferibili sia al reticolo idrico principale (Torrente Imagna e Torrente Tornago, che segna anche, verso ovest, il limite comunale), sia al reticolo idrico minore, le cui aste torrentizie (tra le quali spicca per importanza il Torrente Armisa), di ordine non elevato secondo la gerarchizzazione di Strhaler, confluiscono direttamente nei due citati corsi d’acqua principali, i quali, a loro volta, si uniscono in corrispondenza del limite meridionale del territorio comunale e confluiscono, poco più a valle, come tributari di destra orografica, nel

235


Comune di Almenno San Salvatore

fiume Brembo. Il territorio comunale è inoltre percorso da reticoli di rogge e canali artificiali irrigui di importanza esclusivamente legata all’ambito locale, riferibili al reticolo idrico minore, che interesano unicamente la porzione meridionale pianeggiante del territorio. Il territorio comunale è distinto tra il capoluogo e i numerosi borghi adagiati lungo il versante favorevolmente esposto della Corna Rocchetta; la porzione meridionale pianeggiante appare oggi ampiamente urbanizzata e suddivisa in modo abbastanza netto dal tracciato delle principali direttrici viarie, anche se permangono ancora ampi lembi di terreno agricolo, sopratutto nei pressi del fiume Brembo. Percettibile appare anche la vocazione industriale/artigianale della porzione pedemontana del territorio, con i maggiori comparti dislocati lungo le direttrici viarie principali. Nonostante l’urbanizzazione permangono ambiti molto estesi che ancora conservano connotazioni agricole, anche se spesso risultano interclusi ai margini delle aree antropizzate o lungo il corso del Fiume Brembo e delle scarpate dei terrazzi alluvionali ad esso riferibili, ove sono ancora riconoscibili fasce boscate con un certo grado di naturalità. La porzione montana del territorio mantiene invece ancora ampi spazi naturali inalterati e di pregio ambientale. 4.4 CENNI DI CLIMATOLOGIA GENERALE

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

Gli aspetti climatici di riferimento possono essere ricostruiti sulla base delle informazioni riportate in alcuni studi generali prodotti dall’Istituto Sperimentale per la Cerealicoltura di Bergamo, nei dati forniti dall’Ufficio Idrografico del Po (stazione di Bergamo), oltre che nel citato studio dell’ERSAL, per arrivare alla recente “Carta delle precipitazioni medie, minime e massime annue del territorio alpino lombardo” (Regione Lombardia, a cura di M. Ceriani e M. Carelli), registrate nel periodo 1891-1990, che rappresenta praticamente tutto il territorio lombardo. I citati lavori forniscono indicazioni sia sulle precipitazioni sia sulle temperature caratteristiche del territorio al fine di definirne i caratteri climatici complessivi. Il primo dato significativo riscontrabile nei citati lavori è il valore dell’escursione termica annua, mediamente superiore ai 20°C, e della temperatura media annua, pari a 12,7 °C. Il regime termico della stazione considerata è di tipo 2 – 3, ossia con Febbraio più caldo di Dicembre e Marzo più caldo di Novembre, andamento tipico di zone a clima mesotermico umido (C nella classificazione di Koppen). Maggiori informazioni – e più aggiornate - sono disponibili invece relativamente alle precipitazioni, per le quali in particolare si cita il recente lavoro di Ceriani-Carelli per i quali “si può notare come partendo dalla pianura padana, o meglio dal corso del fiume Po, le precipitazioni medie annue tendono progressivamente ad

236


Comune di Almenno San Salvatore

aumentare spostandosi verso nord, cioè verso i rilievi prealpini, passando da 850-950 mm/anno ad oltre 1400 mm/anno�; simile andamento viene riscontrato anche per le variazioni delle precipitazioni massime e minime annue. Vengono di seguito riportati i dati relativi alle precipitazioni pluviometriche registrate alla stazione dell’Istituto Sperimentale di Cerealicoltura di Bergamo: Stazione Bergamo

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

Inizio 1969

Fine 1998

Anni 20

Media 1145

Min 862.0

Max 1773.0

237


Comune di Almenno San Salvatore

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

238


Comune di Almenno San Salvatore

Distribuzione spaziale delle precipitazioni intense Al fine di fornire uno strumento per l’analisi di frequenza delle piogge intense nei punti privi di misure dirette è stata condotta, a cura dell’Autorità di Bacino del Fiume Po, un’interpolazione spaziale con il metodo di kriging dei parametri a e n delle linee segnalatrici, discretizzate in base a un reticolo di 2 km di lato. I risultati sono rappresentati nella tabella allegata; gli elaborati consentono il calcolo delle linee segnalatrici in ciascun punto del bacino, a meno dell’approssimazione derivante dalla risoluzione spaziale della griglia di discretizzazione, per tempi di ritorno di 20, 100, 200 e 500 anni, identificando la localizzazione sulla corografia e, in dettaglio, sulla cartografia in scala 1:250.000. I valori indicati costituiscono riferimento per le esigenze connesse a studi e progettazioni che, per dimensioni e importanza, non possano svolgere direttamente valutazioni idrologiche più approfondite a scala locale. Elaborazione dei dati I risultati delle elaborazioni condotte con tale metodologia, per la stazione indicata in tabella, sono riportati nei grafici allegati in tabella sotto descritta. Parametri di riferimento per le Celle DS66 – DS67 – DT66 – DT67 – DT68 corrispondenti al territorio comunale di Almenno San Salvatore.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

239


Comune di Almenno San Salvatore

4.5 GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA

Il territorio comunale di Almenno San Salvatore presenta interessanti particolarità dal punto di vista geologico - geomorfologico, costituendo il raccordo tra le ultime propaggini meridionali dei rilievi montuosi e l’alta pianura bergamasca. Caratteristica permane la vergenza verso i quadranti meridionali del versante, con favorevole esposizione al sole e acclività non elevata, che ha consentito l’insediamento di nuclei rurali ed edifici sparsi fin nei pressi dello spartiacque del Monte Castra – Il Botto, garantendo al contempo un presidio pressochè capillare del territorio, sfruttato nel recente passato per le attività agricole che garantivano la periodica manutenzione dei manufatti idraulici, dei terrazzamenti a secco per il sostegno delle balze coltivate e per le cura delle aree boscate. Il progressivo abbandono delle attività agricole, ha comportato, anche per Almenno, come le altre realtà montane/collinari, il venir meno di quella presenza capillare e di quella sensibilità, dettata dalla necessità, verso i piccoli fenomeni di dissesto idrogeologico che, se trascurati, evolvono sempre verso forme di dissesto e degrado più estese. Per tali motivazioni, pur non mostrando il territorio comunale di Almenno particolari problematicità di carattere idrogeologico, lungo i versanti montuosi sono spesso riconoscibili locali fenomeni di dissesto idrogeologico sottoforma dei orli di degradazione, di erosioni concentrate e di piccoli dissesti localizzati principalmente lungo i corsi d’acqua riferibili al reticolo idrico minore. Assetto strutturale Il territorio comunale di Almenno S.S. è ubicato nell’ampia fascia collinare/pedecollinare compreso tra la flessura pedemontana e la zona a pieghe e sovrascorrimenti del cretaceo Nel settore compreso tra la Flessura Pedemontana (DESIO, 1929; DE SITTER & DE SITTER KOOOMANS, 1949) ed il margine meridionale degli affioramenti del substrato i lineamenti strutturali a carattere regionale hanno direzioni medie grosso modo comprese tra E-W e N110°. Ad ovest del F. Brembo il sistema di faglie Carenno - Morterone - Faggio separa una zona occidentale in cui la successione giurassica superiore appartenente alla Flessura Pedemontana si corica ricoprendo per piega-faglia inversa le unità del Cretacico sup., dalla zona orientale, in cui le unità cretaciche sono scollate a tetto della Maiolica e retroscorrono sulla successione sottostante per mezzo di faglie inverse subverticali N-vergenti (BERSEZIO & FORNACIARI, 1988b). Una coppia di pieghe sinclinale-anticlinale di dimensioni chilometriche, asimmetriche e debolmente rovesciate verso S e SW, segue a meridione le strutture descritte, coinvolgendo la successione albiano-campaniana (pieghe della Valle dell'Adda, WB nello schema allegato).

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

240


Comune di Almenno San Salvatore

L'asse delle pieghe subisce una marcata torsione dalla direzione N280° ad una direzione circa N330-340°, associata ad una modestissima dislocazione dei fianchi, in corrispondenza della terminazione meridionale della Linea del Faggio. La monoclinale del M. Canto, impostata nella successione Flysch di Pontida - Flysch di Bergamo, raccorda l'anticlinale della Valle dell'Adda e la zona delle pieghe di Paderno - M.Robbio - M.Giglio. Queste ultime sono rappresentate da una successione di sinclinali - anticlinali chiuse, asimmetriche, sud-vergenti, che coinvolgono le unità del Cretacico sup. - Paleogene. Le due zone sono separate per mezzo della prosecuzione orientale della zona di faglia di Rovagnate, affiorante ad ovest dell' Adda fuori dal territorio provinciale (BERSEZIO & FORNACIARI, 1988 b).

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

241


Comune di Almenno San Salvatore

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

242


Comune di Almenno San Salvatore

119 – Unità Postglaciale Definizione - Diamicton massivi e stratificati con ciottoli e blocchi spigolosi, matrice sabbiosa o limoso argillosa da assente a molto abbondante, massivi o rozzamente stratificati; clasti derivanti dalle formazioni locali: depositi di versante. Diamicton, ghiaie e sabbie in corpi lenticolari clinostratificati, sia a supporto di matrice sia a supporto clastico, clasti da subarrotondati a subspigolosi: depositi di conoide. Ghiaie da fini a grossolane con matrice sabbiosa, a supporto clastico, in prevalenti strati planari; sabbie e limi da massivi a laminati; argille: depositi alluvionali. Limi e argille; limi organici scuri; torbe: depositi lacustri, palustri e di torbiera. Diamicton a supporto sia clastico che di matrice: depositi glaciali. Superficie limite superiore caratterizzata da: Entisuoli, Inceptisuoli e Alfisuoli poco espressi. Sinonimi - Unità di nuova istituzione. In letteratura i depositi corrispondenti all’Unità Postglaciale sono stati generalmente cartografati come "Alluvioni attuali, recenti, antiche e tardive" o come unità morfologiche (conoidi, coni e falde detritiche) Litologia - I depositi dell’Unità Postglaciale presentano caratteristiche differenti a seconda del settore, montano o di pianura, in cui si trovano. L’Unità Postglaciale è costituita da: - Depositi alluvionali - I depositi fluviali dell’Unità Postglaciale vengono ulteriormente distinti in funzione delle aree di influenza dei principali fiumi, in modo da coglierne le caratteristiche distintive ed in funzione di particolari situazioni deposizionali che possono essere ricondotte alla sedimentazione fluviale olocenica. Area dei Fiumi Adda, Brembo ed Oglio - I sedimenti fluviali dei Fiumi Adda, Brembo ed Oglio risultano sempre incastrati all’interno delle incisioni fluviali scavate dai torrenti glaciali durante l’ultima espansione glaciale: orli di terrazzo molto netti, con dislivelli spesso superiori ai 10 m, li separano dalle alluvioni fluvioglaciali. Essi risultano a loro volta organizzati in una articolata serie di terrazzi a differente quota, la cui distinzione è stata eseguita su base pedologica e morfologica. La litologia di superficie è in genere molto variabile, con alternanze di zone ghiaiose e zone con ghiaia molto scarsa o assente. Caratteri più uniformi si osservano: 1) nei terrazzi superiori dell’area Oglio, con litologia di superficie quasi esclusivamente a ghiaie, i cui diametri risultano mediamente inferiori a quelli delle ghiaie del Pleistocene superiore; 2) nella piana fluviale a Sud della confluenza dei Fiumi Adda e Brembo, che presenta sequenze sommitali prevalentemente limoso argillose.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

243


Comune di Almenno San Salvatore

La composizione petrografica dei depositi situati lungo i corsi d’acqua principali, prima delle confluenze, è identica a quella delle unità omologhe di età precedente (Unità di Cantu’ per l’Adda, Unità di Treviglio del Complesso del Brembo per il Brembo ed Unità di Palosco per l’Oglio). A valle della confluenza tra i Fiumi Adda e Brembo si registra invece un dominio petrografico, e quindi deposizionale, brembano. Una spiegazione può essere ricercata negli effetti di regimazione fluviale che il Lago di Como esercita nei confronti dell’Adda. Eta’ - I depositi dell’Unità Postglaciale hanno iniziato a depositarsi non appena i ghiacciai hanno iniziato a ritirarsi e sono tuttora in corso di sedimentazione. L’unità è quindi marcatamente diacrona e in certi settori difficilmente distinguibile dai depositi contemporanei ai ghiacciai. L’età è quindi Pleistocene superiore - Olocene. In assenza di possibili relazioni dirette con i ghiacciai o con i depositi ad essi correlati si è fatto ricorso ad osservazioni sullo stato di alterazione dei sedimenti o sui rapporti con i depositi attuali. 117 - Complesso di Palazzago Definizione - Diamicton massivi e stratificati a ciottoli e blocchi da spigolosi a subspigolosi, matrice sabbiosa o limoso argillosa, supporto di matrice o clastico localmente di tipo "open work", locale cementazione: depositi di versante. Diamicton a blocchi fino a metrici: depositi di frana. Diamicton a clasti da subarrotondati a subspigolosi con matrice sabbiosa o limoso argillosa; limi e argille con orizzonti a clasti residuali: depositi di conoide e colluviali. Ghiaie a supporto clastico o di matrice, a ciottoli da spigolosi a subarrotondati, matrice argillosa limosa, sabbie, in corpi lenticolari: depositi alluvionali. Argille limose grigie massive: depositi lacustri. Clasti carbonatici e terrigeni delle formazioni locali, matrice derivante dal rimaneggiamento di suoli preesistenti. I clasti presentano alterazione estremamente variabile. Pedogenesi variabile, colore tra 7.5YR e 2.5Y. Morfologie in erosione. Litologia - Il Complesso di Palazzago è costituito da depositi colluviali, di conoide a dominio di trasporto in massa, fluviali, di versante e lacustri, legati a situazioni deposizionali locali, in particolare: - Depositi di versante: diamicton a ciottoli e blocchi spigolosi, matrice sabbiosa o limosa, supporto di matrice o clastico, in depositi massivi o grossolanamente clinostratificati; talora sono costituiti semplicemente da suoli rimaneggiati. Localmente sono rimaneggiati dalle acque

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

244


Comune di Almenno San Salvatore

meteoriche. I clasti sono essenzialmente carbonatici o terrigeni, a seconda dei versanti di alimentazione. - Depositi di frana: diamicton a ciottoli e blocchi fino a metrici, con matrice fine scarsa. I fenomeni di alterazione e pedogenesi di questi depositi sono moderati, e la matrice presente è derivata essenzialmente dal rimaneggiamento di suoli sviluppatisi prima della messa in posto. - Depositi alluvionali: ghiaie a ciottoli e blocchi eterometrici da spigolosi ad arrotondati, matrice sabbiosa, supporto in prevalenza clastico; è presente una grossolana stratificazione, talvolta obliqua, con gradazione normale, rari cluster. Sabbie in corpi lenticolari a laminazione obliqua a basso angolo ed incrociata, affioranti presso Palazzago, con rari ciottoli centimetrici. La composizione petrografica dei depositi è strettamente condizionata dalla litologia del substrato lapideo locale, costituito nella maggior parte dei casi dalle formazioni terrigene cretaciche e dalla successione calcareo - selcifera giurassica; in misura assai minore si rinvengono elementi "esotici" derivanti dal rimaneggiamento dei depositi fluvioglaciali e fluviali appartenenti alle unità dei bacini principali. Morfologia - Solitamente i depositi dell’Unità di Palazzago si presentano come falde di detrito (glacis) che si raccordano ai versanti senza discontinuità morfologiche, indicando una certa continuità di alimentazione dal versante nelle parti alte anche nell’Olocene, senza poter individuare un limite. Tuttavia le falde di detrito sono reincise dai corsi d’acqua attuali anche per uno spessore di diversi metri. Anche i depositi di frana dal punto di vista morfologico non sono estremamente evidenti: si riconoscono tuttavia contropendenze caratteristiche e nicchie di distacco. Le facies alluvionali danno luogo a piane di estensione molto limitata localizzate in vallecole secondarie, e reincise dai corsi d’acqua olocenici. Rapporti Stratigrafici - Il Complesso di Palazzago risulta costituito da corpi di età differente appartenenti a più cicli sedimentari, caratterizzati petrograficamente dalla presenza di clasti derivanti quasi esclusivamente dal substrato locale. I depositi del Complesso di Palazzago sono stati deposti in periodi di resistasia, durante i periodi freddi corrispondenti ad espansioni glaciali, quando i versanti erano privi di vegetazione anche a grande distanza dai ghiacciai. Nel bacino dell’Adda, e in altre zone del varesotto, depositi di questo tipo sono stati cartografati come depositi di versante dell’Unità di Cantù (vedi) (Bini, 1987). I depositi del Complesso di Palazzago invece interessano più cicli sedimentari relativi a più espansioni glaciali e, per mancanza di

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

245


Comune di Almenno San Salvatore

relazioni geometriche osservabili sul terreno, non è possibile correlarli esplicitamente con le unità ed i complessi istituiti nei differenti bacini. Dall’esame di tutta l’area studiata si può rilevare che esso copre in discordanza tutte le unità più antiche del Pleistocene superiore e viene a sua volta terrazzato o ricoperto da depositi di età posteriore al Pleistocene medio. Eta’ - Sulla base di quanto detto risultano possibili età comprese tra il Pleistocene inferiore ed il Pleistocene superiore. I dati pedologici sembrano tuttavia escludere età anteriori al Pleistocene medio in quanto i profili osservati non presentano caratteri confrontabili con quelli di suoli sviluppati sulle unità ritenute di età pleistocenica inferiore. Pertanto si ritiene che i corpi sedimentari che costituiscono il complesso cadano prevalentemente nell’intervallo cronologico Pleistocene superiore - Pleistocene medio. 80 - COMPLESSO DEL BREMBO Definizione - Diamicton massivo a supporto di matrice limosa: till di ablazione e di alloggiamento. Diamicton a supporto di matrice limoso sabbiosa e clasti spigolosi: depositi di versante. Ghiaie a ciottoli arrotondati a supporto clastico o di matrice sabbiosa; sabbie laminate; limi e sabbie di esondazione, da massivi a laminati: depositi fluvioglaciali e alluvionali. Abbondanti clasti provenienti dall’alta Valle Brembana. Superficie limite superiore caratterizzata da: morfologie ben conservate anche se talora erose, profili di alterazione inferiori a 1,6 m, scarsa alterazione dei clasti e della matrice, colore tra 7.5YR e 10YR, copertura loessica assente. Comprensivo di: Unità dei Piani di Bobbio, Unità di Ornica, Unità di Mezzoldo, Unità di Bàresi, Unità della Cima di Menna, Unità dei Tre Pizzi, Unità di Val Mezzeno, Unità di Zogno, Unità di Treviglio. Il Complesso del Brembo riunisce differenti unità che esprimono le ultime grandi avanzate glaciali nei differenti solchi vallivi. All’altezza di Lenna infatti il bacino del Brembo è diviso in due rami principali, quello del Brembo di Mezzoldo ad Ovest e quello del Brembo di Valleve ad Est, in cui a loro volta confluiscono numerose valli secondarie, dove si sono sviluppati apparati glaciali indipendenti con relazioni reciproche talora non ben chiare a causa dell’intensa erosione. Sinonimi - Würm secondo DESIO (1944b), HAUPT (1938) e LEVY (1915).

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

246


Comune di Almenno San Salvatore

Unità di Treviglio Definizione - Ghiaie a supporto clastico con ciottoli arrotondati e matrice sabbiosa; limi e sabbie di esondazione, da massivi a laminati: depositi fluviali (fluvioglaciali). Superficie limite superiore caratterizzata da Alfisuoli con spessore massimo osservato di 1,6 m e colori da 5 a 7,5 YR. Copertura loessica assente. Sinonimi - Unità di nuova istituzione, indicata dagli autori precedenti come: Anaglaciale Riss II "Livello della Pianura" p.p. (VENZO, 1950); Riss: fluvioglaciale alterato per circa 1 m "livello fondamentale della Pianura" p.p. (DESIO & VENZO, 1954); Diluviale Recente p.p. (RIVA, 1957); Quaternaire recent (Würm) p.p. (GABERT, 1962); Fluvioglaciale rissiano II-Würmiano p.p. (COMIZZOLI et alii, 1969). Litologia - L’Unità di Treviglio è costituita da: - Depositi alluvionali: ghiaie a supporto clastico con matrice sabbiosa e sabbioso-limosa; ciottoli arrotondati prevalentemente discoidali, con dimensioni medie variabili tra 2 e 10 cm, e dimensioni massime di 45 cm. E’ presente una grossolana stratificazione (Gm). Nelle sequenze sommitali delle parti più meridionali dell’unità si osservano·ghiaie sabbiose, a supporto di matrice, stratificate (Gmm), oppure strati e lenti sabbiose a laminazione interna (Sh,Sp), oppure ancora·gradazione diretta da ghiaie a limi. Sulle sequenze ghiaiose sono presenti anche spessori decimetrici di limi a raro scheletro diffuso, in situazione di troncatura erosionale; poichè ad essi non è associabile alcuna morfologia particolare, sono interpretati come limi di esondazione. Localmente compare una debole cementazione, che può interessare spessori metrici di ghiaie. La composizione delle ghiaie è stata valutata con alcune stazioni di conteggio (L9, L10, L24, L25, L30); se si esclude L9, che sembra ricadere nel campo petrografico riscontrato per i corpi sedimentari ad alimentazione Adda, si osserva un campo di variabilità piuttosto ristretto, caratterizzato da elevate percentuali di rocce carbonatiche (55% - 74%), da quantità non elevate di rocce sedimentarie terrigene (21%-29%) e soprattutto rocce endogeno metamorfiche (5% - 15%). Area di Affioramento - L’unità affiora lungo i fiumi Brembo e Adda, da Almenno, posto allo sbocco della Val Brembana, fino a Brembate Sotto (in sponda destra del Brembo) e Misano (in sponda sinistra dell’Adda, a Sud della sua confluenza con il Brembo).

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

247


Comune di Almenno San Salvatore

Morfologia e Paleogeografia - L’Unità di Treviglio forma una fascia, con larghezza massima di 4,5 km, sviluppata prevalentemente in riva sinistra del Brembo e limitata, lungo la sua incisione, da scarpate con dislivelli fino a 10 m. Nell’unità sono anche compresi i più alti sistemi di terrazzi distribuiti lungo l’incisione fluviale dei fiumi Brembo e Adda. La sua superficie modale, coincidente la superficie della pianura, è debolmente articolata da una serie di convessità di bassisima evidenza morfologica, al di sotto del limite di cartografabilità. Queste forme a debolissimo rilievo, di dimensioni decametriche, sono interpretabili come tracce diffuse di corsi d’acqua a canali intrecciati, connesse geneticamente alla piana dalla quale si elevano. L’Unità di Treviglio rappresenta il conoide edificato dalle alluvioni brembane connesse all’ultima espansione glaciale e agli eventi successivi che contrassegnano le fasi di ritiro glaciale. Rapporti Stratigrafici - Nella parte settentrionale e centrale dell’area di affioramento l’Unità di Treviglio terrazza, ricoprendo in discordanza, i sedimenti clastici cementati del Conglomerato di Madonna del Castello e del Ceppo del Brembo, i depositi fluvioglaciali dell’Unità di Brembate e, in sponda destra del Brembo, tra Ponte S. Pietro e Brembate, quelli dell’Unità di Carvico. Più a Sud essa risulta a sua volta debolmente incisa dall’Unità di Cantù, mentre al suo limite meridionale viene suturata, senza esserne troncata erosionalmente, da depositi palustri e fluviali dell’Unità Postglaciale. Sembra inoltre possibile riconoscere più corpi sedimentari nell’ambito dell’unità stessa, con identici caratteri pedologici, organizzati in sistemi di terrazzi. Eta’ del Complesso del Brembo - Le unità riunite nel Complesso del Brembo sono espressione sedimentaria degli ultimi grandi ghiacciai che hanno occupato queste vallate e dei depositi ad essi correlati; dopo la fase di massima espansione individuata in ogni unità si sono verificate solo pulsazioni di minore entità in fase di ritiro. Le punte di massimo delle avanzate glaciali non possono venir considerate esattamente isocrone, come dimostrato in Val Secca di Roncobello dove il ghiacciaio dei Tre Pizzi ha tagliato le morene di massimo del Ghiacciaio di Val Mezzeno: infatti le aree di alimentazione dei ghiacciai, alle testate delle valli, sono fortemente soggette a variazioni microclimatiche, quindi le fasi di avanzata e ritiro dei ghiacciai dipendono, in un contesto generale di deterioramento o miglioramento climatico, da condizioni strettamente locali. Nella zona di pianura (Unità di Treviglio) l’assenza di una copertura loessica è caratteristica dei depositi dell’ultima espansione glaciale. Il Complesso del Brembo, anche in assenza di datazioni geocronometriche, è di età Pleistocene superiore.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

248


Comune di Almenno San Salvatore

78 - UNITÀ DI BREMBATE Definizione: - Ghiaie a supporto clastico o di matrice limoso argillosa, con ciottoli arrotondati: depositi fluvioglaciali e alluvionali. Superficie limite superiore caratterizzata da suoli di spessore maggiore di 5 m, colore da 5YR a 7,5YR, copertura loessica sempre presente. Sinonimi - Unità di nuova istituzione, indicata dagli autori precedenti come: Anaglaciale Riss I "Diluvium medio" auct. p.p. (VENZO, 1950); Riss: fluvioglaciale ad argille arancio in tutta la massa ("Diluvium medio" auct.) e Riss: fluvioglaciale alterato per circa 1 m "livello fondamentale della Pianura" p.p. (DESIO & VENZO, 1954); Diluvium recente p.p. (RIVA, 1957); Alluvioni del Diluvium medio (DESIO & VILLA, 1960); Quaternaire recent (Würm) p.p. (GABERT, 1962); Fluvioglaciale rissiano II-würmiano p.p. (COMIZZOLI et alii, 1969). Litologia - L’Unità di Brembate è costituita da: - Depositi fluvioglaciali e alluvionali: si tratta di ghiaie a prevalente supporto clastico, con matrice limoso-argillosa; i ciottoli, di dimensioni medie attorno a 10 cm, sono arrotondati, con forme discoidali ed ellissoidali. Si osservano accenni di stratificazione suborizzontale (Gm/P). La superficie superiore delle ghiaie, fortemente ondulata a scala metrica e quindi erosionale, è suturata da limi argillosi massivi (F/P) con spessori da 0,5 a 2,5 m. L’analisi tessiturale di un campione di limi proveniente dall’eteropica Unità di Torre Boldone ha evidenziato una curva granulometrica (sabbia 20% limo 40% argilla 40%) che si adatta complessivamente a quella dei loess alterati (Cremaschi, 1987), differenziandosene solo per contenuti in sabbia fine più elevati; pertanto, nonostante questa piccola discrepanza, l’origine più probabile di almeno una parte dei limi sembra essere eolica. La presenza di ciottoli e clasti diffusi (F(r)/P) o, in sezioni prossime ai versanti, organizzati in orizzonti discreti, è inoltre indice dei processi di risedimentazione che hanno interessato, in più occasioni, questi sedimenti. La pedogenesi interessa i sedimenti limosi e ghiaiosi fino alle massime profondità osservate negli scavi (> 5,3 m). Dal punto di vista petrografico è da sottolineare la comune assenza di carbonati, anche sotto forma di fantasmi argillificati; abbondano i litotipi brembani tipici, quali le arenarie del Verrucano, vulcaniti e vulcanoclastiti della formazione del Collio; in quantità minori sono presenti elementi del basamento cristallino sudalpino.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

249


Comune di Almenno San Salvatore

Caratteri Pedologici - Occorre differenziare la pedogenesi sviluppatasi nelle ghiaie e nei limi. Nelle ghiaie i caratteri pedologici sono fortemente omogenei in tutte le sezioni osservate: argilla illuviale presente in quantità elevate fino ad una profondità di 5,5 m (limite inferiore non raggiunto); matrice limoso-argillosa, moderatamente rubefatta (colore 7,5YR, con rare punte di 5YR); alterazione molto debole o assente, ad eccezione di poche sezioni in riva sinistra del Brembo. Lo scheletro si mantiene sensibilmente costante lungo il profilo (> 70%), che ricade nella classe granulometrica scheletrico franca. I limi sommitali, a testimonianza delle loro diverse origini ed età, evidenziano una maggior differenziazione pedologica: presenza di orizzonti sia cambici che argillici e, raramente, con carattere di fragipan. Lo scheletro (ciottoli subarrotondati del diametro medio di 2 cm e clasti subspigolosi millimetrici sparsi) si mantiene sempre su valori percentuali estremamate bassi, per cui la granulometria cade nella classe franca. La pietrosità di superficie risulta assente o moderata. Area di Affioramento - L’unità si rinviene a partire dallo sbocco della Val Brembana; in sponda destra del Brembo, e termina all’altezza di Ponte S.Pietro, mentre in riva sinistra prosegue, allontanandosi progressivamente dal corso del Brembo e successivamente dell’Adda, fino ad Arcene. Morfologia e Paleogeografia - L’unità mostra una forte asimmetria nello sviluppo areale tra la sponda destra e sinistra del Brembo. In riva destra costituisce una ristretta fascia, delimitata, fatta eccezione per l’area tra Arzenate e Tresolzio, da una netta scarpata con dislivelli variabili tra 3 e 15 m. In riva sinistra essa si espande ed assume una forma grossolanamente triangolare, risultando delimitata, nella sua parte occidentale, da un orlo netto di terrazzo che all’altezza di Treviolo si annulla gradualmente, mentre i suoi depositi si spingono per molti chilometri ancora verso Sud a livello della pianura, senza più alcuna evidenza morfologica. Rapporti Stratigrafici - Allo sbocco della Val Brembana l’Unità di Brembate incide il meno elevato dei terrazzi del Complesso di Almenno e ricopre in discordanza il Conglomerato di Madonna del Castello ed il Ceppo del Brembo. Essa viene a sua volta terrazzata dall’Unità di Treviglio (Complesso del Brembo) e, nella sua parte occidentale in sponda destra del Brembo, dall’Unità di Carvico e da depositi fluviali legati al Complesso di Palazzago. Ad Est passa, con limite eteropico, all’Unità di Torre Boldone (bacino del Serio, Complesso di Piario), mentre più a Sud è coperta, in assoluta continuità morfologica, dall’Unità di Comun Nuovo e dall’Unità

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

250


Comune di Almenno San Salvatore

Postglaciale. Eta’ - La presenza costante di depositi eolici ed il forte sviluppo della pedogenesi portano ad attribuire l’unità al Pleistocene medio. 75 - UNITÀ DI STABELLO Definizione - Ghiaie a ciottoli arrotondati con diametro fino a 40 cm, matrice sabbiosa, supporto clastico: depositi alluvionali. Predominanza di ciottoli provenienti dall’alta Valle Brembana. Superficie limite superiore caratterizzata da intensa alterazione dei ciottoli carbonatici per alcuni metri. A tetto in eteropia con depositi di versante carbonatici, profondamente alterati. Sinonimi - Unità di nuova istituzione. Litologia - Ghiaie a supporto clastico, con ciottoli ben arrotondati di dimensione massima 40 cm, spesso discoidali, matrice sabbiosa abbondante; è visibile una laminazione a basso angolo nelle ghiaie, che sembrano essere grossolanamente stratificate. Alcuni affioramenti nell’area più occidentale, presso Cassettone, presentano le stesse litologie, ma cementate in una posizione geometrica perfettamente riconducibile all’Unità di Stabello: di conseguenza o la cementazione è stata determinata da fattori locali, oppure l’alterazione ha determinato la decarbonatazione totale dei cementi in tutto lo spessore dell’unità nelle altre aree di affioramento. I ciottoli sono sia carbonatici che cristallini, con netta predominanza di questi ultimi. Sono molto abbondanti i porfidi della Formazione di Collio, cui seguono in ordine di abbondanza arenarie e conglomerati del Verrucano Lombardo. L’alterazione è variabile, talvolta assai spinta nei primi metri, con decarbonatazione totale anche di ciottoli decimetrici; la matrice sabbiosa risulta pressoché interamente argillificata; i clasti silicei sono inalterati, i ciottoli di Verrucano Lombardo presentano un cortex di alterazione molto friabile. Area di Affioramento - L’unità affiora diffusamente nell’area situata in sinistra idrografica del Fiume Brembo nella conca di Zogno a monte di q. 300 m, dove copre terrazzi in roccia e in precedenti depositi.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

251


Comune di Almenno San Salvatore

Morfologia - L’Unità di Stabello risulta terrazzata, con una successione di scarpate alte fino a 2 m pressoché continua tra q. 390 e q. 365 m, ove la topografia è complessivamente più ripida; tra q. 365 e q. 350 m invece le scarpate sono più ridotte, e separate da pianori molto più ampi caratterizzati da pendenze verso valle conformi all’andamento dei torrenti che scendono dal versante sudorientale della valle. La definizione delle singole scarpate risulta talvolta problematica a causa dell’intensa attività agricola, che ha portato gradualmente a modificarne e rettificarne l’andamento. Pertanto risulta difficile stabilire se le scarpate di dislivello inferiore o pari ad 1 m siano di origine antropica o semplicemente rimaneggiate. Verso valle i depositi di questa unità sono troncati in tutte le aree di affioramento dalla scarpata sinistra del fiume, che rappresenta uno dei più evidenti lineamenti morfologici della bassa Valle Brembana: ha un’altezza media di circa 50 m rispetto all’attuale alveo del fiume Brembo, ed uno sviluppo di oltre 3 km da Piazza Martina a Cassettone. La forma di ampie conoidi che assumono i depositi dell’Unità di Stabello, che appaiono evidenti soprattutto intorno all’abitato di Stabello, è puramente illusoria, in quanto il deposito alluvionale copre un dosso in roccia che ha assunto forma di conoide per l’erosione di due corsi d’acqua adiacenti sui litotipi calcarei ben stratificati intercalati da peliti del Calcare di Zu e delle Argilliti di Riva di Solto. La successiva erosione del deposito alluvionale da parte dei medesimi corsi d’acqua ha poi ulteriormente rafforzato l’aspetto di conoide alluvionale. La più alta superficie deposizionale (limite di aggradazione) di questa unità, all’altezza dell’abitato di Stabello, è situata a q. 390 m, cioè a circa 95 m dall’attuale alveo del fiume; la sedimentazione invece è iniziata al di sopra di una superficie erosionale situata, a valle di Stabello, a circa 350 m. Lo spessore complessivo del deposito alluvionale era dunque di circa 40 m. Queste superfici sono debolmente irregolari ed hanno un gradiente molto basso, inferiore all’8 per mille. Rapporti Stratigrafici - Il limite superiore dell’Unità di Stabello è sempre costituito da una superficie erosionale che coincide con la superficie topografica. Il limite inferiore è costituito da una superficie erosionale che tronca sia precedenti depositi alluvionali (Unità di Endenna) sia i terrazzi in roccia che costituiscono l’ossatura di queste forme. Eta’ - L’assenza di cementazione non costituisce un dato significativo, in quanto gli intensi fenomeni di alterazione potrebbero aver cancellato ogni traccia di cementi carbonatici in tutto l’esiguo spessore dell’unità: i depositi alluvionali cementati che affiorano in località Cassettone potrebbero non essere un prodotto di cementazione locale, ma essere

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

252


Comune di Almenno San Salvatore

testimonianza del deposito originario, cui sono sicuramente riferibili per geometrie e tessiture. In ogni caso sembra necessario risalire almeno al Pleistocene medio, considerando che i depositi più alti si trovano fino a 95 m sopra l’attuale livello del fiume. L’entità dell’erosione è tale da non risultare compatibile con un’età recente dell’unità, considerando anche che il fiume ha approfondito il suo letto di circa 55 m al disotto della base dell’Unità di Stabello. Si può anche pensare che l’erosione del Brembo preceda la deposizione dell’unità; in questo caso i depositi dell’Unità di Stabello avrebbero dovuto riempire completamente l’incisione valliva prima di essere reincisi. Dal punto di vista geometrico il dato più importante è che entro la superficie erosionale che tronca l’Unità di Stabello troviamo i depositi dell’Unità di Zogno del Complesso del Brembo, di età tardo Pleistocenica, con massima aggradazione intorno a q. 330 m, ed i depositi alluvionali dell’Unità di Inzogno del Complesso della Goggia, con massima aggradazione a q. 350 m: gli eventi deposizionali legati a tutte le fasi glaciali note hanno quindi avuto luogo dopo la profonda erosione dei depositi dell’Unità di Stabello. Occorre inoltre ricordare che, trattandosi di depositi alluvionali, presentano superfici deposizionali orizzontali attraverso la valle, e di conseguenza il confronto delle quote è da considerarsi un criterio oggettivo nella valutazione geometrica dei rapporti stratigrafici. Di conseguenza l’Unità di Stabello può essere ascritta al Pleistocene inferiore - medio. 71 - COMPLESSO DI ALMENNO Definizione: Ghiaie a supporto clastico o di matrice, a ciottoli arrotondati: depositi fluvioglaciali e alluvionali. Diamicton a clasti spigolosi residuali: depositi di conoide. I depositi sono pedogenizzati per l’intero spessore osservato (> 8 m). Sotto la definizione di Complesso di Almenno sono riuniti sedimenti di origine alluvionale/fluvioglaciale e di conoide, morfologicamente associati ai terrazzi più elevati dell’area brembana ed accomunati da una forte pedogenesi. Sinonimi - Il complesso risulta di nuova istituzione. Esso comprende depositi indicati dagli autori precedenti come: Anaglaciale Mindel I p.p. (VENZO, 1950); Mindel: fluvioglaciale alterato in argille rosse "ferretto"; Riss: fluvioglaciale ad argille arancio in tutta la massa ("Diluvium Medio" Auct.) p.p. (DESIO & VENZO, 1954). Litologia - Il Complesso di Almenno comprende:

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

253


Comune di Almenno San Salvatore

- Depositi alluvionali e/o fluvioglaciali: costituiti da ghiaie attualmente a supporto di matrice limoso argillosa e clastico (Gmm/P; Gm/P) con ciottoli centimetrici arrotondati; non è osservabile alcuna struttura sedimentaria. La superficie superiore è, nella quasi totalità dei casi, troncata erosionalmente e suturata da limi argillosi di spessore decimetrico a clasti sparsi o concentrati in livelli discreti (F(r)/P). La composizione petrografica è data da litotipi brembani (rocce sedimentarie a cemento siliceo, quarzo, vulcaniti, rocce endogeno metamorfiche) molto alterati; i calcari sono presenti unicamente come rare masse argillificate. - Depositi di conoide: sono rappresentati da diamicton a supporto di matrice e clastico (Dmm/P; Dcm/P), con ciottoli subspigolosi a carattere residuale (quarzo e selci), prevalentemente centimetrici, provenienti dal substrato locale. Sono riconoscibili più episodi deposizionali (superfici erosionali secondarie, interne ai depositi). Area di Affioramento - Il Complesso di Almenno è situato allo sbocco in pianura della Val Brembana, in riva destra del Brembo, tra Almenno S. Salvatore e Barzana. Morfologia e Caratteri Pedologici - In base a criteri geometrici e pedologici si sono identificati quattro cicli deposizionali, la cui espressione morfologica è costituita quattro ordini di terrazzi, di dimensioni ridotte e prevalente sviluppo secondo una direzione NE-SW. Dal più alto al più basso (a pedogenesi decrescente): 1) terrazzo di Cà Verde (q. 350 - 330 m) 2) terrazzo di Almenno Basso (q. media 325 m) 3) terrazzo di Almenno S. Bartolomeo (q. media 310 m) 4) terrazzo di Barzana (q. 300 - 285 m) 1) Circa 100 m a Sud di Cà Verde (Almenno S. Salvatore) è riconoscibile una superficie relitta, fortemente incisa lateralmente dai corsi d’acqua attuali, con profilo debolmente concavo verso l’alto. Una sezione ha messo in luce la presenza di un diamicton a supporto di matrice, con orizzonti a supporto clastico; i clasti sono esclusivamente costituiti da selce e quarzo subspigolosi, legati alle formazioni localmente affioranti. Abbondano patine di Fe-Mn e frustoli carboniosi; sono comuni superfici erosionali interne. L’insieme dei caratteri osservati permettono di riconoscere la presenza di un conoide alluvionale, alimentato dalle piccole valli incise nel versante sud del M. Castra, che si raccordava ad un fondovalle posto ad una quota di circa 90 m più elevata rispetto all’attuale e di 60 m rispetto a quello del Pleistocene superiore.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

254


Comune di Almenno San Salvatore

2) In posizione topografica immediatamente inferiore si sviluppa un terrazzo debolmente articolato, con sviluppo longitudunale WSW-ENE superiore al chilometro e quota media di 325 m. La parte di terrazzo in sponda destra del rio di Valle Armisa è stata attribuita a questo ciclo deposizionale esclusivamente su base topografica. 3) Un ridotto terrazzo si estende in direzione NE-SW, nella parte bassa di Almenno S. Bartolomeo, ad una quota media di 310 m. 4) Costituisce il terrazzo più ampio e articolato del complesso in esame: si estende per quasi 2,5 km tra Almenno S. Bartolomeo e Barzana, in direzione NE-SW, da quota 300 m a 285 m. Esso conserva la sequenza sommitale più completa osservata nel Complesso di Almenno. Rapporti Stratigrafici - Per quanto riguarda le relazioni stratigrafiche interne al complesso, i terrazzi, come evidenziato dai caratteri pedologici e morfologici, devono essere considerati l’espressione di corpi geologici differenti, appartenenti a più cicli sedimentari. Sulla base di considerazioni relative alle quote sommitali dei terrazzi e quindi sui volumi deposti ed erosi, sembra tuttavia possibile un’ulteriore specificazione dei rapporti. I terrazzi più elevati (Cà Verde e Almenno Basso) potrebbero infatti costituire testimonianza di una fase di aggradazione in ambiente continentale più antica di quella relativa ai corpi conglomeratici dell’area, dai quali verrebbero quindi incisi. Non è possibile tuttavia stabilire i rapporti con le unità conglomeratiche del bacino brembano, in quanto il limite inferiore del complesso è definibile con certezza solo in un unico punto (in corrispondenza del terrazzo di Cà Verde, presso la località Stazione di Almenno S. Salvatore) ed è costituito da substrato pedogenizzato. I terrazzi inferiori (Almenno S. Bartolomeo e Barzana) rappresenterebbero invece episodi di aggradazione alluvionale e/o fluvioglaciale successiva alla deposizione dei conglomerati brembani, che costituirebbero il loro supporto. Anche in questo caso l’unico dato verificabile è la loro sostituzione verso Sud, ad un livello topografico immediatamente inferiore, da parte dell’Unità di Brembate, attribuita al Pleistocene medio. Eta’ - In base a quanto detto precedentemente si può ritenere che il Complesso di Almenno raggruppi corpi sedimentari rappresentativi di eventi distribuiti su un arco di tempo piuttosto lungo. In considerazione della sequenza sommitale osservata sul più basso dei terrazzi si attribuisce il complesso ad un ampio intervallo di tempo compreso tra il Pliocene e il Pleistocene inferiore.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

255


Comune di Almenno San Salvatore

70 - CEPPO DEL BREMBO Definizione: Conglomerato grossolano a prevalente supporto clastico, con ciottoli arrotondati e matrice arenacea; intercalazioni basali di limi e argille; forte cementazione: depositi alluvionali. Sinonimi - Il Ceppo del Brembo corrisponde al Membro di Trezzo del Ceppo dell’Adda (OROMBELLI, 1979) che viene elevato a formazione ed esteso fino all’area brembana dove affiora estesamente. Dai precedenti autori è stato indicato come: - area del Fiume Brembo: deposito caotico poligenico, cementato in conglomerato grossolano (VARISCO,1881); conglomerato poligenico (DESIO, 1929; SACCO, 1900; TARAMELLI, 1895); Ceppo poligenico grossolano dell’Interglaciale Günz-Mindel (VENZO, 1950); Ceppo poligenico nella massa maggiore (DESIO & VENZO, 1954); Conglomerato del Brembo (CORSELLI et alii., 1985). - area del Fiume Adda: si rimanda alla sinonimia del Ceppo dell’Adda, dal quale il Ceppo del Brembo non è stato mai distinto in modo organico, se non nei lavori di OROMBELLI & GNACCOLINI (1978) e OROMBELLI (1979). Litologia - Il Ceppo del Brembo è composto unicamente da depositi alluvionali: conglomerati a prevalente supporto clastico e conglomerati arenacei al limite tra supporto clastico e di matrice, con ciottoli arrotondati e subarrotondati. Presentano caratteri estremamente grossolani nella parte più settentrionale, con dimensioni medie dei ciottoli di 25-30 cm e massime superiori al metro; spostandosi verso S e verso SW si assiste ad una riduzione del diametro medio a valori attorno ai 10 cm e, negli affioramenti più meridionali, di 2-3 cm. Anche le strutture sedimentarie mostrano variazioni con la latitudine: a Nord i conglomerati appaiono preferenzialmente organizzati in grossolani strati suborizzontali (Gm), mentre nelle aree più meridionali prevale una stratificazione incrociata planare più definita (Gp). Compaiono con una certa frequenza lenti e strati arenacei decimetrici, a prevalente stratificazione incrociata planare (Sp). Nelle parti basali del Ceppo, si rinvengono lenti siltose e siltoso argillose di spessore e lunghezza metrica, contenenti gusci di molluschi continentali, in genere intercalate ai livelli conglomeratici; presentano una struttura interna laminata o massiva (Sh, Fsc), con colori sui toni giallo bruni del 10YR. La composizione petrografica evidenzia in tutta l’area d’affioramento un’affinità orobica, definendo, rispetto al Ceppo dell’Adda, un campo di esistenza caratterizzato da maggiori quantità di rocce endogeno

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

256


Comune di Almenno San Salvatore

metamorfiche (16%-46%) e, complessivamente, da tenori più bassi di rocce sedimentarie terrigene (8%-38%). Tra queste ultime sono prevalenti, ad eccezione della stazione L6, le arenarie ed i conglomerati a cemento siliceo del Verrucano Lombardo, che, assieme alle vulcaniti del Collio, assumono il ruolo di litologie diagnostiche per il Ceppo del Brembo. Queste litologie e, in misura minore, le rocce cristalline, permettono un’ulteriore suddivisione nell’ambito della formazione in esame. E’ infatti possibile distinguere un campo con basse percentuali di Verrucano e Collio (2%-7%) e contenuti medio-bassi di rocce endogeno/metamorfiche (11%31%), da uno con valori più elevati di arenarie silicee e vulcaniti (20%-41%) e mediamente più bassi di metamorfiti ed intrusivi (0-20%). Poichè questi sottogruppi presentano una distribuzione geografica precisa, ad essi è possibile associare un significato paleogeografico. Area di Affioramento - Il Ceppo del Brembo affiora nelle incisioni dei fiumi Brembo e Adda. Lungo il corso del Brembo è osservabile nel tratto Almenno - Ponte S. Pietro e nel tratto Filago Brembate Sotto, mentre nella forra dell’Adda affiora con continuità tra Calusco e Brembate Sotto. Morfologia e Paleogeografia - L’analisi petrografica ha evidenziato l’esistenza di due raggruppamenti distinti all’interno del Ceppo del Brembo, discriminati principalmente sulla base della percentuale di arenarie del Verrucano e vulcaniti del Collio. Il gruppo a più basso contenuto di queste litologie struttura l’intero spessore del Ceppo del Brembo affiorante lungo l’Adda, fino all’altezza di Suisio e le parti sommitali in aree più orientali e meridionali (Chignolo e Madone, Trezzo in riva destra Adda). L’altro gruppo costituisce il corpo affiorante del Ceppo lungo il Brembo e lungo l’Adda a Sud di C.na S. Giuliano (Suisio). Questa netta diversificazione delle aree di affioramento fa sì che sia possibile associare un significato paleogeografico ai due raggruppamenti. Essi sono infatti l’espressione sedimentaria della fase di massima aggradazione plio-quaternaria in ambiente prealpino ed entrambi evidenziano un’affinità petrografica orobica, ma due differenti bacini di alimentazione nella catena: un conoide, alimentato direttamente dalla Val Brembana, si estendeva verso Ovest fino ad un presunto limite Almenno - Mapello- Suisio, dove entrava in coalescenza con un altro conoide proveniente, probabilmente, dalla Valsassina (OROMBELLI, 1979; OROMBELLI & GNACCOLINI, 1978). La sedimentazione era chiusa, nelle aree prossime al limite, da passate di provenienza valsassinese che ricoprivano, in parte, anche il corpo principale del conoide brembano.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

257


Comune di Almenno San Salvatore

Rapporti Stratigrafici - Il Ceppo del Brembo, data la vastità della sua area di affioramento, presenta relazioni stratigrafiche complesse, con numerose unità. In zona Brembana esso ricopre in discordanza il Conglomerato di Madonna del Castello, che rappresenta l’unità inferiore più recente dell’area, la Formazione del Tornago ed il substrato. Risulta a sua volta troncato e suturato dai depositi fluvioglaciali dall’Unità Postglaciale, di Treviglio (Complesso del Brembo), di Brembate e dalle propaggini più orientali dell’Unità di Carvico. Non sono definibili i suoi rapporti con il Complesso di Almenno. In area abduana il Ceppo del Brembo ricopre con limite netto il Ceppo dell’Adda; in riva sinistra dell’Adda la sua natura erosiva non risulta del tutto evidente, ma per le strette analogie litostratigrafiche tra quest’ultimo ed il Conglomerato di Madonna del Castello e sulla base di quanto osservato in riva destra, si può ritenere di essere in presenza di due unità cronologicamente distinte, in rapporto di discordanza. A sua volta il Ceppo del Brembo è stato inciso profondamente e suturato dai conglomerati del Ceppo Poligenico, che hanno riempito una paleoforra parzialmente coincidente con la gola attuale, ed intagliato da vari ordini di terrazzi, riconducibili all’Unità Postgaciale, di Cantù, di Carvico e di Medolago. Analogamente all’area brembana, non sono definibili i rapporti con una delle unità terrazzate più antiche (Unità di Sotto il Monte). Eta’ - In considerazione dei suoi rapporti con il Conglomerato di Madonna del Castello e dei caratteri litostratigrafici il Ceppo del Brembo viene attribuito al Pliocene superiore (?) Pleistocene inferiore. 69 - CONGLOMERATO DI MADONNA DEL CASTELLO Definizione: Conglomerati a supporto di matrice arenacea e arenarie conglomeratiche clinostratificati; alternanze di limi e argille; forte cementazione: depositi deltizi. Ciottoli derivanti quasi esclusivamente dalle formazioni carbonati che mesozoiche. Sinonimi - Per questa formazione si è utilizzato il nome introdotto da CORSELLI et alii (1985). Dagli autori precedenti è stata definita come: ceppo p.p. (VARISCO,1881); conglomerato calcareo, ceppo (TARAMELLI, 1895); ceppo ad elementi subalpini (SACCO, 1900); conglomerato calcareo, ceppo (DESIO, 1929); Ceppo calcareo del Villafranchiano (VENZO, 1950); Ceppo calcareo e prealpino (Villafranchiano) (DESIO & VENZO, 1954); Conglomerato di Madonna del Castello (CORSELLI et alii 1985).

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

258


Comune di Almenno San Salvatore

Litologia - Il Conglomerato di Madonna del Castello è costituito da depositi deltizi: conglomerati a supporto di matrice arenacea, con ciottoli subarrotondati di dimensioni centimetriche prevalenti, che formano letti mal definiti con spessori non superiori al metro. Essi si alternano con arenarie conglomeratiche organizzate in strati decimetrici (massimo spessore osservato 70 cm) che possono presentare al loro interno una grossolana laminazione incrociata planare. Si osservano anche arenarie laminate, che nella parte più meridionale dell’area di affioramento si interdigitano ad alternanze di silt e argille, e rare intercalazioni di peliti con microfauna. I depositi si caratterizzano per una stratificazione incrociata a grande scala, legata a processi deposizionali primari (foreset) e sono interessati da una forte cementazione, omogeneamente distribuita. La composizione petrografica (CORSELLI et alii 1985) è dominata dai carbonati (media 85%, massimo 98%), mentre rocce metamorfiche e sedimentarie terrigene sono in netto subordine (medie 7% e 6% rispettivamente). Morfologia e Paleogeografia - Il Conglomerato di Madonna del Castello struttura i terrazzi che formano il livello topografico della pianura tra lo sbocco della Val Brembana e Brembate Sopra. Esso testimonia l’edificazione di un delta che, dallo sbocco di un’area valliva, progradava verso Sud, evidenziando un ringiovanimento del rilievo (maggior disponibilità di apporti clastici ed aumento dell’energia dei corsi d’acqua), in probabile risposta ad un sollevamento tettonico e/o ad un incrudimento climatico del Pliocene superiore, attualmente in via di riconoscimento, sulla base di evidenze neotettoniche e paleoambientali, anche in altre aree prealpine. La scarsità di rocce cristalline e terrigene tipiche dell’alta valle evidenzia tuttavia, analogamente a quanto avviene in area abduana per il Ceppo dell’Adda, un bacino di alimentazione limitato alle porzioni più meridionali della catena orobica. Rapporti Stratigrafici - L’unità conglomeratica in esame copre in discordanza le argille del Pliocene inferiore e medio (Formazione del Tornago) e depositi di spiaggia ghiaioso/arenacei ad esse riconducibili, mentre all’altezza di Paladina (comune di Valbrembo) sembra giacere direttamente sul substrato (Sass de la Luna). Essa è a sua volta troncata dai conglomerati fluviali del Ceppo del Brembo e intagliata da terrazzi fluvioglaciali riferibili all’Unità di Treviglio (Complesso del Brembo) ed all’Unità Postglaciale. Eta’ - Le relazioni con la Formazione del Tornago e le microfaune rinvenute in alcune

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

259


Comune di Almenno San Salvatore

intercalazioni pelitiche (CORSELLI et alii 1985) consentono di attribuire l’unità al Pliocene superiore. 58 - FORMAZIONE DEL TORNAGO Definizione - Argille grigio azzurre con lenti di sabbie e ghiaie; sabbie siltose giallastre, fossilifere; argille cineree; argille azzurre screziate (2.5YR - 7.5YR), fossilifere. Sinonimi - Quest’unità è stata così denominata, informalmente, da CORSELLI et alii (1985); infatti, sebbene essa sia nota fin dal secolo scorso per la presenza di una fauna marina pliocenica, non è mai stata formalizzata. Litologia - La successione, il cui spessore massimo è valutabile in 8-9 m, è costituita da argille siltose grigio azzurre, prevalentemente massive, con livelli ghiaiosi a litologia calcarea e silicea e lenti sabbiose, costituenti la maggior parte della formazione, che superiormente passano, con limite netto, a sabbie limose giallastre laminate. La stratificazione mostra giaciture a basso angolo (10° - 20°) con immersione compresa tra SSW e SSE. Area di Affioramento - L’unità è limitata all’incisione del T. Tornago, allo sbocco della Val Brembana e ad altri piccoli spaccati che si rinvengono a Clanezzo e Almenno S. Salvatore. Paleogeografia - Dal punto di vista paleoambientale le faune indicano condizioni di sedimentazione marina in ambiente circalitorale, caratterizzato da continui apporti di materiale terrigeno (facies argillosa) e soggetto ad una riduzione progressiva della profondità fino al piano infralitorale (facies sabbiosa) (BRAMBILLA & LUALDI, 1986; CORSELLI et alii, 1985). La presenza di Pliocene marino all’interno delle preesistenti grandi valli orobiche permette inoltre di disegnare un paesaggio costiero sul modello delle "rias" attuali. Rapporti Stratigrafici - La formazione giace in discordanza sul Flysch di Bergamo (T. Tornago) e sul Sass de la Luna (presso Almenno), mentre superiormente è troncata dai depositi continentali del Conglomerato di Madonna del Castello e del Ceppo del Brembo. Alla Formazione del Tornago sono state attribuite, provvisoriamente, anche argille presenti alla base dei corpi

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

260


Comune di Almenno San Salvatore

conglomeratici affioranti nella forra del Fiume Adda. Le argille ed i limi rinvenibili lungo la forra dell’Adda alla base del Ceppo, sono sempre state interpretate in letteratura come depositi di ambiente lacustre di età Villafranchiana. Venzo (1950) distingueva un Villafranchiano inferiore di clima caldo (per il ritrovamento di un molare di Anancus arvernensis in un affioramento all’altezza di Paderno) ed un Villafranchiano superiore già caratterizzato da un raffreddamento climatico (presenza di diatomee nivali nelle "Argille di Capriate"). Dal rilevamento effettuato sembra tuttavia che i depositi lacustri villafranchiani Auct. raggruppino sedimenti di origine e caratteri differenti. Essi infatti comprendono: - argille pedogenizzate in misura variabile e spesso tettonizzate, presenti esclusivamente alla base del Ceppo dell’Adda, particolarmente in riva destra della forra. In un affioramento di queste argille, presso Conche di Paderno D’Adda, sono stati segnalati recentemente faune ad ostreidi e pectinidi (Orombelli, com. pers.). silt e argille siltose, senza evidenze di pedogenesi e tettonizzazione, associate alle porzioni basali del Ceppo del Brembo e spesso intercalate ad esso (CORTI, 1895), localizzate prevalentemente nella parte meridionale della forra; da questo tipo di depositi provengono le sopraccitate flore a diatomee. Le evidenze di una importante fase pedogenetica sviluppata tra la deposizione delle argille alla base del Ceppo dell’Adda ed il Ceppo dell’Adda stesso indicano la loro appartenenza a cicli sedimentari differenti; in particolare, per i caratteri tessiturali ed il contenuto paleontologico, le argille sembrano riconducibili ad un ambiente marino o transizionale che, nelle aree circostanti, è in genere attribuito al Pliocene. I sedimenti siltosi ed argillosi delle porzioni basali del Ceppo del Brembo mostrano invece una continuità deposizionale con il conglomerato fluviale soprastante; soltanto essi posseggono i caratteri sedimentologici e paleoambientali attribuiti alle "argille lacustri villafranchiane" Auct.. Eta’ - Le micro e macrofaune, contenute sia nella facies argillosa che in quella sabbiosa, consentono l’attribuzione della formazione al Pliocene inferiore e medio; non viene inoltre esclusa la presenza del Pliocene superiore (BRAMBILLA et alii, 1983; BRAMBILLA & LUALDI, 1986).

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

261


Comune di Almenno San Salvatore

COPERTURE GIURASSICHE 35 - CALCARE DI SEDRINA Il Calcare di Sedrina è stato definito formazionalmente da Francani (1967), con area-tipo in bassa Val Brembana (Sedrina). Si tratta di una successione ben stratificata di calcari bioclastici talora dolomitici, calcari oolitici e calcari marnosi con noduli di selce, di colore variabile da grigio a nerastro. A tetto la Formazione può essere coronata da un intervallo al massimo decametrico intensamente silicizzato, di colore bianco o grigio-scuro fino a nero. All’interno della Formazione sono quasi ovunque riconoscibili due livelli riccamente fossiliferi, nella parte inferiore (Grenzbivalvenbank; Kroneker, 1910) e nella parte superiore (banco a Brachiopodi; Rassmuss, 1912). Nella sezione-tipo lo spessore della Formazione è di circa 157 m (Francani, 1967). Tale spessore si riduce gradualmente fino a chiusura nel settore del M. Cavallo, Olera, M. di Nese (bassa Val Seriana), in corrispondenza di un paleoalto strutturale liassico (Casati & Gaetani, 1968). Assottigliamenti in situazioni paleostrutturali analoghe sono noti anche nella zona di Morterone (Valle Imagna, Jadoul & Doniselli, 1987) e del M. Misma (bassa Val Seriana). La Formazione è attivamente cavata in tutta la Bergamasca (Albenza, Pradalunga e vari altri siti), come materiale per cemento. L’età del Calcare di Sedrina, in base alla biostratigrafia ad Ammoniti e Brachiopodi, è prevalentemente Hettangiana (Gaetani, 1970). La Formazione affiora in una stretta fascia a direzione grosso modo E-W, allineata a cavallo della Flessura Pedemontana (Desio, 1929; De Sitter & De Sitter Koomans, 1949), corrispondente ai rilievi dell’Albenza, M. Canto Alto, M. Misma, M. Bronzone. A N di tali rilievi l’unità è presente nella zona di Morterone, ad occidente, e di M. Poieto - M. Cavlera (bassa Val Seriana) ad oriente. Il limite inferiore è frequentemente transizionale, e normalmente corrisponde al passaggio tra i calcari dolomitici massicci della Dolomia a Conchodon ed una successione meglio stratificata, di colore più scuro, con intercalazioni marnose e più abbondanti noduli di selce. La successione del Calcare di Sedrina è stata suddivisa da diversi Autori in differenti litozone, a distribuzione regionale o locale (Francani, 1967; Gaetani, 1970; Gaetani, 1975; Jadoul & Doniselli, 1987). Assai schematicamente si possono distinguere:

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

262


Comune di Almenno San Salvatore

- litozona calcarea inferiore, costituita da calcari grigio scuri a stratificazione media pianoparallela, con rare liste e noduli di selce, alternati a marne in livelli centimetrici. Lateralmente (Morterone e zona di Selvino, tra le valli del Brembo e del Serio) tale litozona può passare a calcari grigi a stratificazione media, poveri di selce e senza intercalazioni argilloso-marnose, frequentemente oolitici e bioclastici (Bivalvi, Gasteropodi, Brachiopodi, Ostracodi) e localmente oncolitici. In questo intervallo è compreso il Grenzbivalvenbank (Kroneker, 1910); - litozona calcareo-marnosa, costituita da calcari micritici di colore grigio scuro, a stratificazione media piano-parallela o piano-ondulata con abbondanti noduli di selce nera, intercalati a marne e marne argillose grigio scure. Tale litozona presenta notevole continuità laterale in tutti i settori di affioramento del Calcare di Sedrina; - litozona oolitico-bioclastica, costituita da strati e banchi di calcareniti e calciruditi ooliticobioclastiche, talora ricche in Brachiopodi, Crinoidi, Bivalvi (banco a Brachiopodi, Rassmuss, 1912), spesso fortemente silicizzate, normalmente organizzate in corpi mal stratificati di spessore fino a decametrico, con laminazioni oblique concave o piane. Le calcareniti possono associarsi a strati di calcari micritici più sottili a bioclasti dispersi. Localmente parte della litozona risulta interamente silicizzata, assumendo un caratteristico colore grigio-bianco, come nella regione dell’Albenza - M. Canto Alto (Casati, 1970). Verso NE (Val Seriana, Sebino) tale litozona viene sostituita lateralmente da calcareniti finissime e calcilutiti molto ricche in noduli di selce nera o bianca, o interamente silicizzate. Le variazioni verticali e laterali nell’associazione di facies del Calcare di Sedrina, sono state interpretate come risultanti dallo sviluppo di una sequenza trasgressivo - regressiva che caratterizza l’intero Bacino Lombardo (Gaetani, 1970; Jadoul & Doniselli, 1987), pur sotto il controllo locale dell’attività tettonica sinsedimentaria ai margini degli alti strutturali che suddividevano il bacino stesso in comparti a differenti caratteri di subsidenza. 37 - CALCARE DI MOLTRASIO Il Calcare di Moltrasio è costituito da una successione di calcari marnosi grigio scuri o neri, con noduli e liste di selce, a stratificazione media, piano parallela, con frequenti intercalazioni marnose. Lo spessore della Formazione varia da 0 metri (in corrispondenza dei già citati alti strutturali di M. del Cavallo e Zandobbio) ad oltre 800 metri (Gaetani, 1975) nei settori bacinali interposti (Albenza, Sebino). Un assottigliamento molto marcato, associato a nette variazioni di litologia e facies, deve essere ricordato per quanto riguarda il paleoalto di Morterone (Jadoul &

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

263


Comune di Almenno San Salvatore

Doniselli, 1987), e le aree del M. Misma e della Valle Adrara (poco a sud del M. Bronzone). L’attuale denominazione dell’unità è da attribuire a Stoppani (1857). Essa trova corrispondenza laterale all’esterno dell’area compresa nella presente carta, con il Lombardische Kieselkalk del Bacino del M. Generoso (comasco) (Bernoulli, 1964) e con il Calcare di Gardone Val Trompia (area bresciana) (Parona, 1897). L’età del Calcare di Moltrasio è Sinemuriano - Pliensbachiano p.p., in base alla biostratigrafia ad Ammoniti (Gaetani, 1975, con bibliografia). Gli affioramenti si distribuiscono nella fascia di rilievi intermedi tra le colline pedemontane e le Prealpi Orobie, ricalcando l’area già indicata per il Calcare di Sedrina. In quest’area il Calcare di Moltrasio costituisce corpi con geometria cuneiforme che si aprono generalmente da E verso W, suggerendo la geometria marcatamente asimmetrica dei bacini deposizionali. Questi sono il bacino di Costa del Palio (Valle Imagna) (Jadoul & Doniselli, 1987), il bacino dell’Albenza, il bacino del Sebino (tra il lago d’Iseo e la Val Seriana) (Gaetani, 1975). Anche il Calcare di Moltrasio è attivamente cavato come materiale per cemento, mentre è da tempo conclusa l’attività di coltivazione come pietra da coti (cave e miniere di Pradalunga). Il limite inferiore della Formazione può essere netto, a tetto dei livelli intensamente silicizzati che coronano il Calcare di Sedrina, o più graduale quando questi ultimi non sono riconoscibili. Di norma il passaggio tra le due unità è definito dalla maggiore frequenza e spessore delle intercalazioni marnose, dal colore nerastro delle selci e dalla comparsa di sedimenti torbiditici. La porzione inferiore della formazione è quasi ovunque caratterizzata dalla presenza di alcuni livelli, sviluppati su spessori metrici, molto intensamente silicizzati, di colore bruno o nerastro. Il Calcare di Moltrasio presenta variazioni laterali e verticali che si associano alla geometria cuneiforme dei litosomi. La successione più tipica è quella bacinale, caratterizzata dall’associazione di strati calcareo-marnosi, piano-paralleli, selciferi e talora spongolitici, di natura torbiditica, con marne calcaree emipelagiche e calcilutiti pelagiche a stratificazione regolare, ricche in selce. Procedendo verso i settori di chiusura marginale dei corpi, a questi sedimenti tendono ad associarsi corpi lenticolari, massivi o caotici, costituiti da paraconglomerati intraformazionali e/o litoclastici e slumps, derivanti da scivolamenti e scoscendimenti in massa sinsedimentari (Lonno, M. Poieto, M. Rena, M. Cavlera in bassa Val Seriana) (Fig. 2.41). A questi sono localmente intercalati corpi di calciruditi, brecce e megabrecce intra- ed extraformazionali (Morterone, Ubiale in bassa Val Brembana, Nese, Albino, M. Poieto in bassa Val Seriana) (Jadoul & Doniselli, 1987; Casati, 1968). Nel caso dell’alto strutturale di Morterone sono note facies massive, costituite da banchi

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

264


Comune di Almenno San Salvatore

calcarei amalgamati, che potrebbero rappresentare depositi risedimentati in ambiente di pendio superiore o addirittura veri e propri sedimenti di piattaforma subtidale aperta (Jadoul & Doniselli, 1987). Nel complesso il Calcare di Moltrasio segnala la fase di strutturazione principale del Bacino Lombardo durante il Lias inferiore, nel corso della quale si individuano i contrapposti dominii di alto strutturale e di bacino, delimitati da faglie normali sinsedimentarie, tettonicamente attive. 38 - CALCARE DI DOMARO La Formazione è costituita da calcari marnosi grigi, a stratificazione variabile da sottile a spessa, piano-parallela, con liste e noduli di selce ed intercalazioni marnose grigio - verdi. In associazione si rinvengono calcilutiti grigie o rosse con intercalazioni di calcari marnosi nodulari, ricchi in Ammoniti, o strati e banchi calcarenitico-marnosi a liste di selce, gradati e laminati. Lo spessore della Formazione varia da 0 ad oltre 700 metri, con una distribuzione analoga a quanto già osservato in merito al Calcare di Moltrasio (riduzione e/o chiusura sugli alti strutturali del M. Cavallo nel settore di Olera - M. di Nese e di Zandobbio e nella zona del M. Misma). Nel complesso si tratta ancora di corpi cuneiformi in progressivo assottigliamento verso i margini di bacino, ma caratterizzati da una maggiore continuità laterale. Lo spessore di tali cunei cresce da W (Albenza) verso E (Sebino). La coltivazione come materiale per cemento è abbastanza diffusa nei settori di maggior spessore, con cave aperte nelle basse valli del Serio e del Cherio, mentre sono in disuso le miniere di pietre da coti. Il Calcare di Domaro ha ricevuto denominazione alla fine del secolo scorso (Bonarelli, 1894), dopo essere stato a lungo chiamato “Medolo” unitamente alle formazioni sinemuriane sottostanti. Bonarelli (1894) istituì, in base alla biozonazione ad Ammoniti, il piano Domeriano, con riferimento alla sezione del M. Domero (oggi Domaro), da cui deriva anche l’attuale denominazione formazionale. Una ben definita sezione-tipo non è però mai esistita, e solo molto recentemente la successione è stata ricostruita a spezzoni sul versante N della Colma di Domaro (Brescia, all’esterno della carta qui illustrata) (Schirolli, 1990). L’età della Formazione è Pliensbachiano (Carixiano p.p.-Domeriano), in base alla biozonazione ad Ammoniti ed alla più recente biostratigrafia a nannofossili calcarei (Bonarelli, 1894; Gaetani, 1975 con bibliografia; Cobianchi, 1992). Il Calcare di Domaro affiora negli stessi settori già indicati per il Calcare di Moltrasio rispetto al quale mostra una maggiore continuità laterale, in particolare in corrispondenza degli alti strutturali, ove sono note successioni condensate o

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

265


Comune di Almenno San Salvatore

ridotte di età Pliensbachiana, talora con caratteri litologici correlabili o in facies di Ammonitico Rosso (Gaetani, 1975) (M. Cavallo, M. Misma, Zandobbio). Il limite inferiore è normalmente graduale, corrispondendo al passaggio da calcari marnosi scuri con selci nere, ad una successione caratterizzata da colori più chiari e stratificazione più regolare. Localmente tale limite precede stratigraficamente di pochi metri un intervallo ricco in intercalazioni di calcilutiti rosate e marne argillose rosse o verdi a noduli micritici (bassa Val Brembana e regione dell’Albenza). Schematicamente la successione verticale e le relative variazioni laterali possono essere così riassunte: - l’intervallo inferiore è rappresentato ad E del F. Serio da alternanze calcareo - marnose, a stratificazione media, piano-parallela, con liste e noduli di selce grigia, associati a torbiditi pelagiche fini, in strati gradati e laminati (bacino Sebino). Presso il margine orientale dello stesso vi si intercalano potenti corpi di slump a geometria marcatamente lenticolare. Ad W del F.Serio lo stesso intervallo inferiore è rappresentato da tipiche coppie calcilutite/marna, costituenti gruppi che si ripetono ritmicamente. A queste seguono calcilutiti grigie o rosate, con intercalazioni marnose nodulari, a stratificazione sottile, piano-parallela, di colore rosso o talora verde. Questo intervallo è particolarmente diffuso in bassa Val Brembana (Membro di Botta Auct.), ma è presente in bergamasca, normalmente al passaggio tra le zone di alto ed i settori bacinali (M. Cavallo, Lonno, M. Misma, Colle di S.Fermo, Zandobbio, Adrara). A questo intervallo vengono ricondotti i calcari nodulari ricchi in Ammoniti domeriane, Bivalvi, Crinoidi, Brachiopodi ed altri fossili, indicati come Ammonitico Rosso sugli alti del M. Cavallo e di Zandobbio (Rossi Ronchetti et alii, 1968; Gaetani, 1975). In questi contesti paleostrutturali la successione è frequentemente intersecata da filoni sedimentari di dimensioni fino a decametriche, costituiti da brecce litoclastico - bioclastiche e micriti pelagiche, normalmente di età toarciana (Rossi Ronchetti et alii, 1968); - l’intervallo superiore è costituito dall’associazione di calcari marnosi grigi in strati e banchi talora plurimetrici, associati a calcareniti gradate passanti a marne, in strati piano-paralleli, da sottili a medi, di origine più chiaramente torbiditica. In alcuni settori (M. Rena in bassa Val Seriana, M. Misma), vi si intercalano limitati corpi di slump o di brecciole, che sottolineano il passaggio alla sovrastante Formazione di Concesio. Gli intervalli caratterizzati da sedimentazione torbiditica, si chiudono più marcatamente e velocemente in corrispondenza dei margini di bacino rispetto alle associazioni di facies pelagiche che conservano maggiore continuità e caratteri litologici riconoscibili anche nelle

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

266


Comune di Almenno San Salvatore

successioni più ridotte. La chiusura laterale dell’intera Formazione (Olera) è caratterizzata dallo sviluppo di una superficie di discontinuità netta, con lacuna corrispondente all’intero Pliensbachiano. Lateralmente tale superficie (M. di Nese, Lonno per quanto riguarda l’alto di M. Cavallo, Selva di Zandobbio per quanto riguarda l’alto omonimo) può essere ricoperta da successioni a carattere differente, comprendenti corpi di brecce, slumps o successioni condensate estremamente ricche in Ammoniti, Belemniti, Bivalvi, Gasteropodi, Crinoidi e bioclasti. Nella zona del M. Misma infine sono presenti calcari rossi debolmente marnosi a Crinoidi, a stratificazione media e spessa, con caratteri di facies peculiari, certamente dissimili dai normali depositi bacinali che caratterizzano il bacino Sebino. La complessa articolazione del Calcare di Domaro suggerisce una differente evoluzione dei diversi settori del Bacino Lombardo, in cui l’attività tettonica migra palesemente da W verso E tra il Sinemuriano ed il Pliensbachiano (Castellarin & Picotti, 1990). Una notevole articolazione dell’area nota come bacino Sebino è inoltre suggerita dalle importanti variazioni di spessore e di facies. 40 - FORMAZIONE DI SOGNO La Formazione di Sogno comprende marne, calcari marnosi ed argilliti, a stratificazione variabile da sottile a media, piano-parallela, di colore variabile da grigio a rosso o verde, con noduli e liste di selce più abbondanti nella parte superiore. Lo spessore dell’unità varia da 0 a circa 140 metri, con chiusure laterali brusche sia ad W che ad E (Gaetani & Poliani, 1978). L’area-tipo è il bacino dell’Albenza, la sezione-tipo affiora lungo la carrozzabile per Colle di Sogno, sul versante meridionale del M. Brughetto. La formalizzazione dell’unità si deve a Gaetani & Poliani ( 1978), cui si rimanda per una descrizione più completa e per le sinonimie e corrispondenze. L’età della Formazione è Toarciano - Baiociano inferiore (o più genericamente Toarciano Giurassico medio) in base alla zonazione ad Ammoniti ed ai nannofossili calcarei (Gaetani & Poliani, 1978; Gaetani & Erba, 1990). L’unità affiora unicamente ad ovest dell’alto del M. Cavallo, risultando parzialmente eteropica con il Rosso Ammonitico Lombardo, e coeva con la Formazione di Concesio. Tra il M. Canto

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

267


Comune di Almenno San Salvatore

Alto e Civate (Como) la Formazione di Sogno affiora con continuità generalmente sul fianco meridionale, subverticale, dell’anticlinale dell’Albenza (Flessura Pedemontana, DESIO, 1929). Il litosoma presenta una geometria quasi tabulare (Gaetani & Poliani, 1978), con una chiusura più brusca verso W. Il limite inferiore, con il sottostante Calcare di Domaro, è netto, e corrisponde al passaggio tra calcilutiti bioturbate grigie, con selce, e marne argillose rossastre, verdi e grigie, con pochi livelli calcarei. In prossimità del limite inferiore della Formazione è presente un caratteristico orizzonte di argilliti nere ricche in materia organica (Gaetani & Erba, 1990). Gaetani & Poliani (1978) hanno suddiviso la Formazione in tre litozone, i cui caratteri sono riassumibili nel modo seguente (dal basso): - litozona 1, caratterizzata dall’alternanza di marne, calcari marnosi ed argilliti grigie, verdi e rosse, cui si intercala l’orizzonte di black shale. La porzione inferiore presenta una significativa frazione terrigena fine; - litozona 2, comprendente un’alternanza ciclica di calcari marnosi e marne, di colore grigio verde nelle porzioni inferiore e superiore, rosso in quella intermedia. La stratificazione è pianoparallela, da sottile a spessa. Frequentemente gli strati calcarei mostrano gradazione diretta da calcarenite molto fine a marna, e risultano bioturbati prevalentemente nella parte sommitale, suggerendo una messa in posto di tipo torbiditico. Sono ricorrenti gli orizzonti bioclastici a Bivalvi pelagici, mentre la selce compare unicamente nella parte superiore dell’intervallo; - litozona 3, costituita da calcari marnosi a stratificazione sottile piana o ondulata, di colore grigio o rossiccio, con intercalazioni argillitiche centimetriche e noduli di selce in prevalenza rossa. Il passaggio con le sovrastanti Radiolariti è sottolineato da un orizzonte di argilliti laminate rosse. Lateralmente le tre litozone conservano buona continuità nella parte centrale dell’area di affioramento. Verso W, fuori dell’area di interesse per la presente carta, il passaggio alle facies di Rosso Ammonitico è brusco e sottolineato dalla presenza ricorrente di corpi risedimentati in massa, quali slump, brecce e calciruditi a clasti tipici della successione mesozoica sottostante. Verso E il passaggio alle stesse facies nella zona del Canto Alto è più graduale (Nicotra, 1952) e mancano i corpi clastici grossolani. Il livello di argilliti nere si ritrova fino alle pendici sud-occidentali del M. Canto Alto, dove la Formazione di Sogno si chiude stratigraficamente.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

268


Comune di Almenno San Salvatore

GRUPPO DEL SELCIFERO LOMBARDO 42 – RADIOLARITI Le Radiolariti appartengono con il Rosso ad Aptici al Gruppo del Selcifero Lombardo. Le tre denominazioni sono state utilizzate in modo informale nella letteratura geologica fin dal secolo scorso, assumendo carattere formale con il lavoro di Pasquarè (1965), cui si rimanda per sinonimie e corrispondenze. L’Autore suddivide le Radiolariti in quattro membri, che rappresentano principalmente variazioni laterali di facies, e si presentano eteropici con distribuzione laterale E-W. Nell’area bergamasca affiora in pratica unicamente il Membro di Burligo (con località - tipo a Burligo, sul fianco meridionale del M. Albenza), con locali intercalazioni di litofacies assimilabili al Membro di Serle tipico del Bresciano. Litologicamente le Radiolariti della Bergamasca consistono di una successione di selci a stratificazione decimetrica, piano-parallela o piano-ondulata, di colore rosso, verde o bruno, con interstrati argillosi e marnosi e livelli marnoso-calcarei, questi ultimi più frequenti nella metà superiore della Formazione. Lo spessore varia da pochi metri ad oltre 70 metri. L’età della Formazione è ritenuta Batoniano superiore - Kimmeridgiano in base alla zonazione a Radiolari (Baumgartner, 1987), anche se nella successione del Colle di Sogno (Albenza) Gaetani & Erba (1990) collocano la base delle Radiolariti quasi al limite Aaleniano - Bajociano, in base ai nannofossili calcarei. L’unità affiora nella fascia meridionale delle prealpi, sul fianco S, in genere verticale, della Flessura Pedemontana, ed in limitati settori a N della stessa (M. Canto Basso, M. Rena, M. Bronzone versante meridionale). Il limite inferiore presenta caratteri differenti a seconda della posizione paleogeografica e strutturale. Nel bacino dell’Albenza il passaggio alla sottostante Formazione di Sogno è molto rapido, e sottolineato dalla locale presenza di un orizzonte metrico di argilliti rosse. In corrispondenza dell’alto strutturale del M. Cavallo le Radiolariti poggiano prima in passaggio graduale sul Rosso Ammonitico e poi in discontinuità stratigrafica su differenti termini della successione hettangiano - domeriana. Nel bacino Sebino il passaggio alla sottostante Formazione di Concesio, per quanto rapido, si presenta graduale, per progressivo incremento degli strati selciferi rispetto a quelli calcareo - marnosi. In corrispondenza dell’alto di Zandobbio infine le Radiolariti mancano localmente per lacuna stratigrafica, ma più frequentemente sono elise dallo scollamento generalizzato della successione liassica rispetto a quella del Giurassico superiore. In generale infatti l’intero Gruppo del Selcifero Lombardo rappresenta un orizzonte di

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

269


Comune di Almenno San Salvatore

scollamento tra le unità giurassiche inferiori e superiori, risultando mancante, ridotto o raddoppiato per ragioni tettoniche. In tutta l’area interessata dalla presente carta è possibile suddividere le Radiolariti in due litozone, grosso modo di ugual spessore, che corrispondono ai sottomembri del Membro di Burligo di Pasquarè (1965). La litozona inferiore comprende selci stratificate brune e verdi, con interstrati argillosi e marnosi, piano-parallele. Il passaggio alla litozona superiore è pressochè netto. Quest’ultima risulta caratterizzata da alternanze calcare - marna - selce, di colore variabile da bruno violetto a rosso, con i colori rossi prevalenti nella parte superiore. Le Radiolariti presentano spessori e associazioni di facies relativamente omogenei nell’area interessata dalla carta, con relazioni di discontinuità alla base e chiusure laterali unicamente in corrispondenza degli alti strutturali liassici. Questi caratteri indicano che il controllo della fisiografia locale del Bacino Lombardo ha condizionato la deposizione delle Radiolariti, durante un intervallo caratterizzato da una relativa quiescenza della tettonica sinsedimentaria e dalla subsidenza relativamente diversificata dell’area. 43 - ROSSO AD APTICI Il Rosso ad Aptici è costituito da una successione di calcari marnosi, marne calcaree e marne, a stratificazione sottile e media, piano-parallela, piano-ondulata o pseudonodulare, con liste e noduli di selce. I colori variano da rosso violacei a grigio rosati a bianchi. L’unità appartiene al Gruppo del Selcifero Lombardo, ed ha ricevuto denominazione formale da Pasquarè (1965), anche se la denominazione è in uso dai primi dell’ottocento in tutta la Lombardia. Pasquarè (1965) distingue il Membro del M. Misma, caratterizzato da una successione prevalentemente argillosa, dominata da colori brunoviolacei. Lo spessore varia da 0 a circa 30 metri. L’età della Formazione è Kimmeridgiano - Titoniano sup. (Pasquarè, 1965 con riferimenti; Gaetani, 1975; Gaetani & Erba, 1990;Bersezio et alii, 1990), in base al ritrovamento di Aptici, ed alla zonazione a Calpionelle e nannofossili calcarei. In questa distribuzione cronostratigrafica sono compresi anche gli orizzonti di transizione sommitali o i corpi di brecce e slump riuniti da Pasquarè (1965) nella Formazione di Prabione e non differenziata nell’ambito della presente carta geologica. L’unità ha distribuzione areale analoga a quella delle Radiolariti, caratterizzando la fascia E-W di affioramenti delle unità giurassiche al bordo meridionale delle Prealpi.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

270


Comune di Almenno San Salvatore

Essa manca per discontinuità stratigrafica in alcuni settori della zona del paleoalto del M. Cavallo e del paleoalto di Zandobbio. Il limite inferiore è graduale nelle successioni più complete dei settori bacinali, risultando determinato dal progressivo decremento degli strati selciferi e dal passaggio a colorazioni più diffusamente rosse. Nei settori di alto strutturale lo stesso limite si presenta netto, e talora associato ad una discontinuità stratigrafica. Il Rosso ad Aptici presenta caratteri litologici uniformi nella porzione centrale, presentando le maggiori variazioni nelle parti inferiore e superiore. La successione più normale comprende la litozona di transizione inferiore, la successione di marne e calcari marnosi sottilmente stratificati e la litozona di transizione superiore, in cui si alternano marne calcaree rosse o rosate e calcilutiti tipo Maiolica. Entrambe le litozone inferiore e superiore possono comprendere corpi di brecce, paraconglomerati intraformazionali e slump, sviluppati principalmente in prossimità dei paleoalti strutturali giurassici. Unicamente a Zandobbio, dove il Rosso ad Aptici manca per lacuna stratigrafica e per elisione tettonica, è presente un corpo di conglomerati e brecce dolomitiche, a clasti della sottostante Dolomia di Zandobbio, attribuito al Titoniano (Bersezio & Calcagni, 1994). La variazione più significativa subita dalla litozona centrale del Rosso ad Aptici si verifica in bassa Val Seriana, ove la Formazione perde i caratteri normali, presentandosi piuttosto come una sequenza marnoso - argillosa con frequenti livelli silicizzati, complessivamente di colori bruni o verdastri (Membro di M. Misma, Pasquarè, 1965). COPERTURE CRETACICHE 44 – MAIOLICA La Maiolica è una successione di calcilutiti bianche o grigio chiare a stratificazione sottile, con liste e noduli di selce di colore variabile da rosa, alla base della Formazione, a grigio o nero. Nel complesso lo spessore varia da circa 25 metri (Zandobbio) ad oltre 180 metri (Torre de’ Busi, Burligo). Gli spessori massimi (circa 300 metri) si registrano all’esterno dell’area della provincia di Bergamo, nella zona del Sebino (Brescia). Le notevoli variazioni di spessore sono determinate dalla troncatura a tetto della successione, spesso incompleta, e dall’irregolare distribuzione dei corpi risedimentati in massa, presenti in diverse posizioni stratigrafiche (Weissert, 1981). L’età della Formazione, nelle successioni più complete, è Titoniano superiore - Aptiano inferiore (Arthur & Premoli Silva, 1982; Barberis et alii., 1990), includendo anche la litozona di transizione

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

271


Comune di Almenno San Salvatore

alla soprastante Marna di Bruntino, che non appartiene alla Maiolica in senso stretto. La Formazione affiora lungo una stretta fascia diretta E-W tra il F. Adda ed il Lago d’Iseo, al limite tra la Flessura Pedemontana e le colline in cui affiorano le unità cretaciche. Affioramenti meridionali sono presenti unicamente nell’area di Zandobbio. Il limite inferiore della Formazione assume caratteri differenti: limite netto con ampia lacuna determinata dalla troncatura delle unità giurassiche sottostanti (Zandobbio ove alla base della Maiolica è presente un conglomerato a clasti carbonatici ricco in Calpionelle titoniane; Monte del Cavallo, discontinuità già descritta da Casati & Gaetani, 1968); limite netto senza lacuna determinabile su basi paleontologiche, con appoggio sul sottostante Rosso ad Aptici; passaggio graduale, con sviluppo di una litozona di transizione tra Maiolica e Rosso ad Aptici (Carenno - Palazzago, Valle Adrara). Sulla base delle differenti associazioni di facies, la Maiolica è stata suddivisa in una successione di litozone, datate in base ai nannofossili calcarei e correlate lateralmente su basi fisiche e paleontologiche (Barberis et alii, 1990; Bersezio, 1994), così riassumibile: - litozona di transizione inferiore, caratterizzata dall’alternanza di calcilutiti sottilmente stratificate bianche e rosate, con marne e selci rosate; - litozone costituite da ritmiche alternanze tra strati di selce e di calcilutiti (nella parte inferiore e media della Formazione); - litozone caratterizzate da coppie calcilutite con noduli di selce-marna e/o calcilutiteblack shale (nelle porzioni inferiore media e superiore, corrispondenti al Berriasiano inf., Valanginiano sup. - Hauteriviano inf., Barremiano); - litozona di transizione superiore, caratterizzata da alternanze calcareo-marnose in strati medi, con black shales ma prive di selce (Barremiano sup. - Aptiano inf.). La normale successione di queste associazioni di litofacies è complicata dalla troncatura a tetto di intere parti della successione post-Berriasiano e dalla distribuzione irregolare ed eterocrona dei corpi risedimentati. Questi ultimi sono rappresentati da slumps, paraconglomerati intraclastici e calcareniti-calciruditi bioclastiche (torbiditi pelagiche), sempre derivanti dalla risedimentazione di calcilutiti pelagiche intraformazionali o al massimo di materiali provenienti dal sottostante Gruppo del Selcifero Lombardo.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

272


Comune di Almenno San Salvatore

45 - MARNA DI BRUNTINO La Marna di Bruntino (Passeri,1969) comprende una successione di argilliti varicolori, marne, siltiti ed areniti fini torbiditiche, con sporadiche intercalazioni di corpi conglomeratici lenticolari. Nell’area coperta dalla presente carta geologica lo spessore della Formazione varia da meno di 80 metri (Albenza) ad oltre 140 metri (bordo pedemontano nell’area compresa tra i fiumi Brembo e Serio). L’età della Formazione è compresa tra l’Aptiano inferiore e l’Albiano superiore, in tutte le aree con successione completa. Localmente risultano mancanti i termini aptiani della successione (Pradalunga e varie zone del comasco e del bresciano al di fuori dell’area in studio). La Marna di Bruntino affiora principalmente al bordo settentrionale dell’area di affioramento delle unità cretaciche, il quale coincide grossolanamente con il fianco meridionale della Flessura Pedemontana (Desio, 1929; De Sitter & De Sitter Koomans, 1949). Tale allineamento (con direzione E-W) corrisponde normalmente a complesse zone di faglia, impostate in corrispondenza della Formazione in esame, che si comporta come livello di scollamento regionale tra la successione giurassica e le unità cretaciche. Gli affioramenti più meridionali si trovano nella zona dell’anticlinale di Zandobbio. Il limite inferiore della Marna di Bruntino può presentare tre aspetti: discontinuità stratigrafica con appoggio netto sulla sottostante Maiolica, incompleta e/o troncata a tetto, con lacuna documentabile su basi paleontologiche (Foraminiferi planctonici, nannofossili calcarei) (Pradalunga, Viganò, Zandobbio); appoggio netto sulla Maiolica probabilmente completa, e senza lacuna documentabile (Villa d’Almè, Bruntino, Nembro); passaggio graduale per mezzo di una litozona di transizione alla sottostante Maiolica (Torre de’ Busi, Palazzago). La Formazione è stata suddivisa in tre litozone, corrispondenti a diverse associazioni di facies (Bersezio, 1992) (Fig. 2.43): - litozona inferiore pelagica, costituita da argilliti varicolori, con ricorrenti black shales e priva di significativi episodi di risedimentazione. Gli orizzonti ricchi in materia organica vengono ancora correlati con l’ Evento Anossico Oceanico 1a (Arthur et alii, 1990); - litozona intermedia torbiditica, costituita dall’alternanza di arenarie fini e siltiti torbiditiche, a stratificazione media e sottile con marne emipelagiche, banchi calcareo marnosi risedimentati e black shales (EAO 1b). Tale litozona comprende inoltre limitati corpi lenticolari di conglomerati silicizzati e slumps che si appoggiano sulla discontinuità inferiore nella zona di Pradalunga Viganò (Bersezio, 1992);

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

273


Comune di Almenno San Salvatore

- litozona superiore marnosa, in cui alle peliti varicolori si associano sempre più frequentemente strati marnosi gradati e laminati, torbiditici, a composizione pelagica, che preannunciano lo sviluppo del corpo di torbiditi pelagiche del Sass de la Luna. 46 - SASS DE LA LUNA Il Sass de la Luna è una successione di torbiditi marnoso-calcaree a stratificazione variabile da sottile a molto spessa, di colore grigio o bruno, con intercalazioni marnoso - argillose. L’unità ha ricevuto l’attuale denominazione da Venzo (1954), ma non è mai stata formalizzata. Lo spessore, nell’area della Provincia di Bergamo, varia tra 30 e 350 metri circa, con i massimi nella zona di Bergamo ed i minimi sul fianco meridionale dell’anticlinale dell’Albenza (Carenno). Il corpo sedimentario mostra un generale assottigliamento verso N. L’età della Formazione è Albiano sommitale (Gelati et alii, 1982) in tutta l’area di affioramento, come definito in base alla biostratigrafia a Foraminiferi planctonici. Il Sass de la Luna affiora nella bassa valle dell’Adda (Corni di Bisone) e sul fianco meridionale dell’anticlinale dell’Albenza, ove è scomposto in tre scaglie tettoniche tra loro sovrapposte con vergenza settentrionale. Ad E del F. Brembo la fascia di affioramenti si amplia, comprendendo la zona delle anticlinali di Bergamo - Zandobbio - Foresto Sparso e le sinclinali fagliate che le affiancano verso N e verso S. Il limite inferiore della Formazione è transizionale, e viene normalmente collocato in corrispondenza della scomparsa degli orizzonti marnoso-argillosi colorati (rosso, verde, nero) più tipici della sottostante Marna di Bruntino. Nelle aree in cui si registrano i massimi spessori il Sass de la Luna può venire suddiviso in due litozone, (Bersezio, 1992) (Fig. 2.44) rispettivamente inferiore marnosa e superiore torbiditica. L’inferiore è caratterizzata dalla maggiore abbondanza e spessore delle intercalazioni marnoso-argillose tra gli strati marnoso-calcarei. Questi hanno geometria piano-parallea, sono normalmente gradati alla base e laminati a tetto, costituendo perciò sequenze torbiditiche caratterizzate da una composizione esclusivamente pelagica (Foraminiferi planctonici, Radiolari, intraclasti). La litozona superiore è caratterizzata dalla progressiva scomparsa delle intercalazioni marnoso argillose e dalla frequenza crescente dei banchi torbiditici, il cui spessore supera in alcuni casi i 10 metri. Nei settori di minor spessore complessivo della formazione la suddivisione tra le due litozone viene meno, e l’intera successione è caratterizzata da alternanze calcareo-marnose di spessore medio. Nel complesso quindi il Sass de la Luna

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

274


Comune di Almenno San Salvatore

costituisce una sequenza thickening upwards nelle zone di maggior accumulo dei sedimenti, cui si contrappongono sequenze meno complesse nelle aree sottoalimentate.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

275


Comune di Almenno San Salvatore

4.6 IDROGRAFIA PRINCIPALE

Come già anticipato nell’ambito del territorio comunale di Almenno San Salvatore sono presenti corsi d’acqua di importanza regionale e di importanza locale, riferibili sia al reticolo idrico principale che secondario. Il fiume Brembo (N prog. Elenco aque pubbliche BG001 – N isrc. Elenco acque pubbliche 1), di importanza regionale scorre lungo il limite sudorientale del territorio comunale. Numero studi sono disponibili per il fiume Brembo, relativamente alle portate di massima piena previste. Sul territorio comunale di Almenno non sono presenti stazioni di misura idrometrica delle portate di massima piena del fiume Brembo; la sezione di chiusura di interesse, in corrispondenza del limite meridionale del territorio comunale, dista però solo circa 2,5 Km dalla storica sezione di misura di Ponte Briolo, in comune di Brembate di Sopra (Bg). Tra il comune di Almenno e la sezione di Ponte Briolo non sono inoltre presenti significativi affluenti del Brembo, pertanto, a deciso favore della sicurezza, si considerano significativi, anche per il territorio comunale di Almenno San Salvatore, i valori di portata misurati alla stazione di Briolo. Nella seguente tabella sono pertanto riportati i valori proposti dal PAI (tabella 5):

La rete idrografica superficiale del territorio comunale è poi completata dal corso del Torrente Imagna (riferibile al reticolo idrico principale al N prog. Elenco aque pubbliche BG013 – N isrc. Elenco acque pubbliche 19), che segna un breve tratto del confine comunale verso NE, e del Tornago (riferibile al reticolo idrico principale al N prog. Elenco aque pubbliche BG012 – N isrc. Elenco acque pubbliche 18), che segna anche, verso ovest, il limite comunale, ed infine dal Torrente Armisa (riferibile al reticolo idrico minore, insieme ad altre aste torrentizie sempre del reticolo idrico minore.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

276


Comune di Almenno San Salvatore

La recente Deliberazione della Giunta Regionale 1 Agosto 2003, n. 7/13950, relativa alla determinazione del reticolo idrico principale, classifica come “principale” tutto il corso del Fiume Brembo, del torrente Imagna e del Torrente Tornago, per i tratti in territorio comunale di Almenno S.S., e come tale la loro gestione rimane di competenza della Regione Lombardia, la quale svolge le funzioni di polizia idraulica. 4.7 IDROGEOLOGIA

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

Il comune di Almenno San Salvatore risulta compreso nella porzione di terriorio posto al raccordo tra la fascia di alta pianura e le prime elevazioni montuose bergamasche. Sul territorio comunale di Almenno non risultano presenti pozzi idrici captati ad uso idropotabile o sorgenti idriche ad uso idropotabile, né risultano, nei comuni limitrofi pozzi o sorgenti le cui fasce di rispetto interferiscano direttamente con il territorio comunale di Almenno S.S. La successione litostratigrafica del sottosuolo può essere sintetizzata, iniziando dal basso verso l'alto, come segue: alla base si colloca il substrato roccioso, cioè l’insieme delle rocce che sono state deformate durante la formazione della catena alpina, che presenta una debole vergenza a sud, al quale si sovrappongono argille marine fossilifere. In contatto erosionale con le argille, sono presenti grossi banchi di conglomerati poligenici che gradualmente passano, verso sud a ghiaie e sabbie più o meno limose. Verso la superficie, al di sopra dei conglomerati, si estendono spessori variabili di ghiaie grossolane, con matrice sabbiosa. I processi di erosione, trasporto e deposito operati dai corsi d'acqua, che portarono alla messa in posto dei sedimenti nella successione sopra descritta, furono condizionati dalle situazioni paleoclimatiche che, per quanto riguarda l'inquadramento evolutivo della pianura bergamasca, si possono descrivere a partire dal “Messiniano” un particolare intervallo di tempo posto a circa 5 milioni di anni fa . Infatti, conclusi i grandi processi deformativi legati all’orogenesi alpina, le vallate alpine e prealpine si presentavano con profonde e strette incisioni paragonabili a canyon, dovuto al disseccamento del Mar Mediterraneo. Tale fenomeno comportò, per tutto il bacino Mediterraneo, l'abbassamento della superficie marina cioè della quota zero. Questa situazione provocò l'aumento repentino dei dislivelli topografici dei corsi d'acqua nelle vallate bergamasche già impostate, innescando un’intensa attività erosiva degli alvei che originò forre, molto profonde, incise nel substrato. Successivamente, nel Pliocene (tra 4 e 2 milioni di anni fa), aumentò il livello del Mediterraneo e il mare risalì le valli Padane, dunque anche quelle bergamasche, profondamente scavate in precedenza. Si sviluppò una morfologia a rias, ovvero a fiordi, delimitati da coste alte nei quali sfociavano i corsi d’acqua che discendevano le valli alpine. Si configurarono, così, ambienti in

277


Comune di Almenno San Salvatore

cui i sedimenti erano costituiti in prevalenza da argille, limi e depositi sabbiosi. La sedimentazione, in ambiente marino, inglobò nei sedimenti gusci di conchiglie, ancor oggi ben riconoscibili nei carotaggi ricavati dalla perforazione di pozzi. Nell’area bergamasca la linea di costa relativa alla massima ingressione marina è stata collocata tra le attuali quote 350m e 400m. Tra la fine del Pliocene e l’inizio del Pleistocene si assiste ad una progressiva riduzione della profondità del mare Pliocenico, causata dalla concomitanza di più fattori come la tettonica, che comporta il sollevamento del sottosuolo, l’eustatismo e la forte sedimentazione. Fenomeni che comportano il progressivo ritiro del mare che si concluderà stabilizzandosi con l'attuale linea di costa. La regressione marina lascia, sulle superfici dalle aree pedemontane a quelle di pianura, bacini e specchi d'acqua di modesta profondità: laghi, stagni e lagune, i cui depositi sono ora rappresentati dalle argille cineree con presenza di molluschi d’acqua dolce e resti di vertebrati. A questo paleoambiente sono riferibili anche livelli torbosi. Infine, i materiali erosi dalle vallate da blocchi rocciosi a ciottoli e ghiaie di varie dimensioni, sono trasportati e depositati raggiungendo notevoli spessori (centinaia di metri nella zona della media e bassa pianura). Costituiscono i depositi conglomeratici e quelli sovrapposti, ghiaioso-sabbiosi corrispondenti ai sedimenti fluvioglaciali accumulatisi in varie fasi, succedutesi nell’ultimo milione e mezzo di anni, e che hanno portato al completo colmamento della depressione padana.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

278


Comune di Almenno San Salvatore

E’ importante osservare, per comprendere l'organizzazione delle falde in pianura ed i rapporti di alimentazione e scambio tra acque superficiali e quelle piÚ profonde, che i corpi ghiaiosi e conglomeratici costituiscono il "condotto" naturale in cui si infiltrano e si distribuiscono dalla superficie nel sottosuolo, le acque che determinano le falde. Queste sono raggiunte dai pozzi per l'alimentazione di reti acquedottistiche o per utilizzi produttivi. Tali "condotti", si dipartono, dunque, dallo sbocco delle attuali valli, ovvero dalle apici dei conoidi dei corsi d'acqua, aprendosi a ventaglio verso la pianura. Dalle sezioni sono

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

279


Comune di Almenno San Salvatore

stati ricostruiti i limiti delle principali unità de posizionali individuate nel sottosuolo e con l’auito di dettagliati studi morfometrici è stato possibile individuarne lo sviluppo areale. Nell'area brembana il substrato post-orogenico presenta un'incisione nne-ssw con decorso quasi parallelo all’attuale fiume Brembo, ma più spostato ad ovest e più profondo evidenziando un antico paleoalveo del fiume, molto più ampio e posizionato diversamente dall'attuale.

Sulla base delle analisi idrogeologiche e stratigrafiche sono state distinte, per la zona in esame, alcune “unità idrogeologiche” che vengono di seguito illustate: Unità Villafranchiana: Costituita da depositi Villafranchiani e rappresentata da limi e, limi sabbiosi e argillosi, con intercalazioni lenticolari sabbiose che fungono da acquiferi. A causa della scarsità di informazioni stratigrafica profonde non è possibile stabilire esattamente il passaggio ai sedimenti calabriani e quindi la potenza dell’unità. Nella zona in esame il tetto dell’Unità Villafranchiana si trova a profondità molto elevate da p.c. • Unità Conglomeratica: A tetto dei depositi Villafranchiani si riscontra la presenza di conglomerati riferibili al Ceppo dell’Adda, del Brembo e Poligenico, affioranti lungo le scarpate che fiancheggiano le forre in cui scorrono i principali corsi d’acqua (Adda e Brembo). Nell’area in esame lo spessore dell’Unità raggiunge anche i 200 m mentre il suo tetto si rinviene a circa 15 – 25 m dal p.c. • Unità Ghiaiosa – sabbiosa - limosa: Si sviluppa al tetto del conglomerati ed è riferibile ai sedimenti fluvioglaciali. La caratteristica principale di tale unità e la scarsa permeabilità

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

280


Comune di Almenno San Salvatore

4.8 SISMICITA’ (TAV. B07)

per la presenza di argilla e limo. Nell’area in esame tale unità non riveste importanza pratica in quanto l’acquifero si localizza a quote decisamente inferiori rispetto al letto dell’unità stessa. Lo spessore complessivo si aggira sui 15 – 25 m nella zona di Filago. Unità Ghiaiosa – sabbiosa: In tale unità sono raggruppate sia le ghiaie sia le sabbie dei sedimenti alluvionali recenti e fluvioglaciali wurmiani. L’unità rappresenta, nell’area in esame, la porzione di sedimenti non saturi al di sopra del livello di piezometrico.

Il territorio comunale di Almenno San Salvatore (Bg), nella precedente normativa sismica non era classificato come comune sismico; la recente Normativa Italiana (Ordinanza 3274), ha invece riclassificato il territorio comunale di Almenno San Salvatore come comune sismico, inserito in Zona Sismica 4.

In base alla Classe Sismica del territorio comunale vengono attribuiti valori dell’accelerezione sismica attesa, secondo quanto riportato nella seguente tabella:

Le risultanze dello studio sismico del territorio comunale sono riassunte nella “Carta della

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

281


Comune di Almenno San Salvatore

pericolosità sismica locale”. ZONAZIONE SISMICA COMUNALE Lo studio per zonazione sismica del territorio comunale, così come indicato nell’Allegato 5 della d.g.r. n. 8/7374 del 28/05/2008, prevede tre livelli di approfondimento con grado di dettaglio in ordine crescente, in adempimento a quanto previsto dal d.m. 14 gennaio 2008 «Norme tecniche per le costruzioni», dalla d.g.r. n. 14964 del 7 novembre 2003 e dal d.d.u.o. n. 19904 del 21 novembre 2003. Dal punto di vista della normativa tecnica associata alla nuova classificazione sismica, dal 5 marzo 2008 e` in vigore il d.m. 14 gennaio 2008 «Approvazione delle nuove Norme Tecniche per le costruzioni», pubblicato sulla G.U. n. 29 del 4 febbraio 2008, che sostituisce il precedente d.m. 14 settembre 2005, fatto salvo il periodo di monitoraggio di 18 mesi, di cui al comma 1 dell’art. 20 della l. 28 febbraio 2008, n. 31. Durante tale periodo, fino al 30 giugno 2009, si potevano utilizzare per la progettazione sia le norme del d.m 14 gennaio 2008, sia le norme previgenti, elencate al comma 2 del sopracitato art. 20 della l. 28 febbraio 2008, n. 31. Facevano eccezione le nuove progettazioni degli interventi relativi agli edifici e alle opere infrastrutturali di cui al decreto del Capo del Dipartimento della Protezione Civile 21 ottobre 2003, per le quali si applicano da subito le disposizioni del d.m. 14 gennaio 2008. Qualora si fosse optato per l’utilizzo della normativa previgente in materia, si dovevano necessariamente considerare le specifiche di «sismicita` media» (S = 9) per i comuni in zona 2 e di «sismicita` bassa» (S = 6) per comuni sia in zona 3 che in zona 4. Dal 1º luglio 2009 la progettazione antisismica, per tutte le zone sismiche e per tutte le tipologie di edifici è regolata dal d.m. 14 gennaio 2008. Le procedure da seguire ed i livelli di approfondimento da adottare sono riportati, in funzione della Zona sismica di appartenenza e della fase progettuale, nella seguente tabella:

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

282


Comune di Almenno San Salvatore

Si specifica a questo proposito, che, ai sensi del d.m. 14 gennaio 2008, la determinazione delle azioni sismiche in fase di progettazione non e` piu` valutata riferendosi ad una zona sismica territorialmente definita, bensı` sito per sito, secondo i valori riportati nell’Allegato B al citato d.m.; la suddivisione del territorio in zone sismiche (ai sensi dell’o.p.c.m. 3274/03) individua unicamente l’ambito di applicazione dei vari livelli di approfondimento in fase pianificatoria. I primi due livelli sono obbligatori (con le opportune differenze in funzione della zona sismica di appartenenza,) in fase di pianificazione, mentre il terzo è obbligatorio in fase di progettazione sia quando con il 2° livello si dimostra l’inadeguatezza della normativa sismica nazionale per gli scenari di pericolosità sismica locale caratterizzati da effetti di amplificazione, sia per gli scenari di pericolosità sismica locale caratterizzati da effetti di instabilità, cedimenti e/o liquefazione e

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

283


Comune di Almenno San Salvatore

contatto stratigrafico e/o tettonico tra litotipi con caratteristiche fisico-meccaniche molto diverse. • 1º livello: riconoscimento delle aree passibili di amplificazione sismica sulla base sia di osservazioni geologiche (cartografia di inquadramento), sia di dati esistenti. Questo livello, obbligatorio per tutti i Comuni, prevede la redazione della Carta della pericolosita` sismica locale, nella quale deve essere riportata la perimetrazione areale (e lineare per gli scenari Z3a, Z3b e Z5) delle diverse situazioni tipo, riportate nella Tabella 1 dell’Allegato 5, in grado di determinare gli effetti sismici locali (aree a Pericolosita` Sismica Locale – PSL). • 2º livello: caratterizzazione semi-quantitativa degli effetti di amplificazione attesi negli scenari perimetrati nella carta di pericolosita`sismica locale, che fornisce la stima della risposta sismica dei terreni in termini di valore di Fattore di Amplificazione (Fa). – L’applicazione del 2º livello consente l’individuazione delle aree in cui la normativa nazionale risulta insufficiente a salvaguardare dagli effetti di amplificazione sismica locale. Per queste aree si dovra` procedere alle indagini ed agli approfondimenti di 3º livello o, in alternativa, utilizzare lo spettro di norma caratteristico della categoria di suolo superiore, con il seguente schema: • anziche´ lo spettro della categoria di suolo B si utilizzera` quello della categoria di suolo C; nel caso in cui la soglia non fosse ancora sufficiente si utilizzera` lo spettro della categoria di suolo D; • anziche´ lo spettro della categoria di suolo C si utilizzera` quello della categoria di suolo D; • anziche´ lo spettro della categoria di suolo E si utilizzera` quello della categoria di suolo D. Il secondo livello e` obbligatorio, per i Comuni ricadenti nelle zone sismiche 2 e 3, negli scenari PSL, individuati attraverso il 1º livello, suscettibili di amplificazioni sismiche morfologiche e litologiche (zone Z3 e Z4 della Tabella 1 dell’Allegato 5) interferenti con l’urbanizzato e/o con le aree di espansione urbanistica. Per i Comuni ricadenti in zona sismica 4 tale livello deve essere applicato, negli scenari PSL Z3 e Z4, nel caso di costruzioni di nuovi edifici strategici e rilevanti di cui al d.d.u.o. n. 19904 del 21 novembre 2003, ferma restando la facoltà dei comuni di estenderlo anche agli altri edifici. Per le aree a pericolosita` sismica locale caratterizzate da effetti di instabilita`, cedimenti e/o liquefazione (zone Z1 e Z2 della Tabella 1 dell’Allegato 5) non e` prevista l’applicazione degli studi di 2º livello, ma il passaggio diretto a quelli di 3º livello, come specificato al punto successivo.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

284


Comune di Almenno San Salvatore

Non e` necessaria la valutazione quantitativa al 3º livello di approfondimento dello scenario inerente le zone di contatto stratigrafico e/o tettonico tra litotipi con caratteristiche fisicomeccaniche molto diverse (zone Z5), in quanto tale scenario esclude la possibilita` di costruzioni a cavallo dei due litotipi. In fase progettuale tale limitazione puo` essere rimossa qualora si operi in modo tale da avere un terreno di fondazione omogeneo. Nell’impossibilita` di ottenere tale condizione, si dovranno prevedere opportuni accorgimenti progettuali atti a garantire la sicurezza dell’edificio. • 3º livello: definizione degli effetti di amplificazioni tramite indagini e analisi piu` approfondite. Al fine di poter effettuare le analisi di 3º livello la Regione Lombardia ha predisposto due banche dati, rese disponibili sul SIT regionale, il cui utilizzo e`dettagliato nell’allegato 5. Tale livello si applica in fase progettuale nei seguenti casi: – quando, a seguito dell’applicazione del 2º livello, si dimostra l’inadeguatezza della normativa sismica nazionale all’interno degli scenari PSL caratterizzati da effetti di amplificazioni morfologiche e litologiche (zone Z3 e Z4 della Tabella 1 dell’Allegato 5); – in presenza di aree caratterizzate da effetti di instabilità, cedimenti e/o liquefazione (zone Z1 e Z2), nelle zone sismiche 2 e 3 per tutte le tipologie di edifici, mentre in zona sismica 4 nel caso di costruzioni di nuovi edifici strategici e rilevanti di cui al d.d.u.o. n. 19904 del 21 novembre 2003, ferma restando la facolta` dei Comuni di estenderlo anche alle altre categorie di edifici. Nel caso di sovrapposizione di piu` scenari sul medesimo ambito territoriale si dovra` procedere con il grado di approfondimento piu`cautelativo. Applicazione del 1° livello Il 1° livello è obbligatorio per tutti i comuni ed è esteso a tutto il territorio comunale. Nel caso specifico, in considerazione delle conoscenze del territorio e dei dati geotecnici e stratigrafici disponibili, non si è ritenuto necessario eseguire nuove indagini originali di carattere geotecnico e/o geofisico di approfondimento, ma si sono acquisite le risultanze di indagini di carattere geotecnico e geofisico eseguite sul territorio comunale a supporto di interventi vari. Per il territorio comunale di Almenno San Salvatore lo studio è quindi consistito nell’analisi dei dati esistenti già inseriti nella cartografia di analisi e inquadramento (carta geologica, carta geomorfologica, ecc. dello studio geologico a supporto del PRG) e nella redazione di un’apposita cartografia (a scala 1:5.000), rappresentata dalla Carta della pericolosità sismica locale, derivata dalle precedenti carte di base, in cui viene riportata la perimetrazione areale delle diverse situazioni tipo, in grado di determinare gli effetti di amplificazione sismica locale.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

285


Comune di Almenno San Salvatore

Gli scenari di pericolositĂ sismica locale proposti dalla normativa vigente, ed i relativi effetti, sono illustrati nella tabella seguente:

Dal punto di vista degli scenari di pericolositĂ sismica locale, per il territorio comunale di Almenno San Salvatore (Bg), sono stati considerati gli scenari riportati nella tabella seguente, in grado di rappresentare tutte le possibili condizioni potenzialmente in grado di determinare fenomeni di amplificazione, riconosciute sul territorio comunale:

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

286


Comune di Almenno San Salvatore

Pertanto per i comuni in Zona Sismica 4, sono obbligatori il 1° ed il 2° Livello di approfondimento, mediante la predisposizione della Carta della Pericolosità Sismica Locale, estesa a tutto il territorio comunale. Nel caso specifico di Almenno San Salvatore gli scenari di possibile amplificazione sismica riconosciuti, e riportati nella “Carta della Pericolosità sismica locale”, sono localizzate esternamente all’edificato/edificabile; solo per lo scenario di amplificazione sismica Z4a, dovuto alla presenza di sedimenti alluvionali, interferisce direttamente con l’edificato/edificabile; pertanto solo per tali aree e per tale scenario, sarà applicato il II Livello. Applicazione del 2° livello Il 2° livello, implementato in presenza del solo scenario Z4a (amplificazioni litologiche), è obbligatorio per le aree che interferiscono con l’edificato/edificabile. Si basa su metodi quantitativi semplificati, che prevedono il confronto tra un fattore di amplificazione sismica locale (Fa) e un valore soglia calcolato per ciascun comune.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

287


Comune di Almenno San Salvatore

Amplificazione litologica (scenari Z4a) Per le procedure semplificate di questo livello è richiesta la conoscenza di alcuni parametri geofisici (andamento delle velocità delle onde di taglio (Vs) con la profondità; spessore e Vs di ogni unità geofisica) necessari alla definizione del modello geofisico del sottosuolo. La procedura semplificata richiede la conoscenza dei seguenti parametri: - litologia prevalente dei materiali presenti nel sito; - stratigrafia del sito; - andamento delle Vs con la profondità fino a valori pari o superiori a 800 m/s; - spessore e velocità di ciascun strato; - sezioni geologiche, conseguente modello geofisico - geotecnico ed identificazione dei punti rappresentativi sui quali effettuare l’analisi. Sulla base di intervalli indicativi di alcuni parametri geotecnici, quali curva granulometrica, parametri indice, numero di colpi della prova SPT, si individua la litologia prevalente presente nel sito e per questa si sceglie la relativa scheda di valutazione di riferimento. Una volta individuata la scheda di riferimento è necessario verificarne la validità in base all’andamento dei valori di Vs con la profondità; nel caso in cui non fosse verificata la validità per valori di Vs inferiori ai 600 m/s si passerà all’utilizzo della scheda tipo 2. All’interno della scheda di valutazione è stata scelta, in funzione della profondità e della velocità Vs dello strato superficiale, la curva più appropriata (indicata con il numero e il colore di riferimento) per la valutazione del valore di Fa nell’intervallo 0.1-0.5 s (curva 1, curva 2 e curva 3 e relative formule) e nell’intervallo 0.5-1.5 s (unica curva e relativa formula), in base al valore del periodo proprio del sito T1. Il periodo proprio del sito T necessario per l’utilizzo della scheda di valutazione è calcolato considerando tutta la stratigrafia fino alla profondità in cui il valore della velocità Vs è uguale o superiore a 800 m/s ed utilizzando la seguente equazione:

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

288


Comune di Almenno San Salvatore

ove hi e Vsi sono lo spessore e la velocità dello strato del modello. Il valore di Fa determinato è stato approssimato alla prima cifra decimale ed è utilizzato per valutare il grado di protezione raggiunto al sito dall’applicazione della normativa sismica vigente. La valutazione del grado di protezione viene effettuata in termini di contenuti energetici, confrontando il valore di Fa ottenuto dalle schede di valutazione con un parametro di analogo significato calcolato per ciascun Comune e valido per ciascuna zona sismica (zona 2, 3 e 4) e per le diverse categorie di suolo soggette ad amplificazioni litologiche (B, C, D ed E) e per i due intervalli di periodo 0.1-0.5s e 0.5-1.5s. Il parametro calcolato per ciascun Comune della Regione Lombardia è riportato nella banca dati della Regione Lombardia e rappresenta il valore di soglia oltre il quale lo spettro proposto dalla normativa risulta insufficiente a tenere in considerazione la reale amplificazione presente nel sito. La procedura prevede pertanto di valutare il valore di Fa con le schede di valutazione e di confrontarlo con il corrispondente valore di soglia, considerando una variabilità di ± 0.1 che tiene in conto la variabilità del valore di Fa ottenuto dalla procedura semplificata. Si possono presentare quindi due situazioni: - il valore di Fa è inferiore o uguale al valore di soglia corrispondente: la normativa è da considerarsi sufficiente a tenere in considerazione anche i possibili effetti di amplificazione litologica del sito e quindi si applica lo spettro previsto dalla normativa (classe di pericolosità H1) per la categoria di suolo individuata; - il valore di Fa è superiore al valore di soglia corrispondente: la normativa è insufficiente a tenere in considerazione i possibili effetti di amplificazione litologica e quindi è necessario effettuare analisi più approfondite (3° livello) in fase di progettazione edilizia (classe di

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

289


Comune di Almenno San Salvatore

pericolosità H2) o, in alternativa, l’uso degli spettri di normativa per la categoria di suolo superiore. Per il comune di Almenno San Salvatore (Bg), i valori soglia di Fa definiti dalla Regione Lombardia, sono i seguenti:

I valori di Fa soglia forniti dalla Regione Lombardia risultano inferiori all’unità. Le procedure matematiche per il calcolo di Fa locale hanno campi di validità validi solo per valori di Fa superiori all’unità; i valori di Fa soglia definiti nella banca dati della Regione Lombardia hanno, per il territorio comunale di Almenno San Salvatore, valori inferiori all’unità. In tale condizione è chiaro che il 2° livello non può essere applicato al territorio comunale di Almenno San Salvatore, perché la normativa sismica vigente non è adeguata a tenere in considerazione gli effetti delle amplificazioni sismiche a scala locale. E’ necessario, in fase di progettazione edilizia, o effettuare analisi più approfondite (3°livello) o utilizzare lo spettro di norma caratteristico della categoria di suolo superiore, con il seguente schema: • anziché lo spettro della categoria di suolo B si utilizzerà quello della categoria di suolo C; nel caso in cui la soglia non fosse ancora sufficiente si utilizzerà lo spettro della categoria di suolo D;

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

290


Comune di Almenno San Salvatore

• anziché lo spettro della categoria di suolo C si utilizzerà quello della categoria di suolo D; • anziché lo spettro della categoria di suolo E si utilizzerà quello della categoria di suolo D. Pertanto, per le aree in esame ed un ragionevole intorno, per entrambi i periodi considerati, la normativa non è da considerarsi sufficiente a tenere in considerazione anche i possibili effetti di amplificazione litologica del sito e quindi si applica lo spettro previsto dalla normativa per la categoria di suolo superiore (classe di pericolosità H2). VALUTAZIONI DI FATTIBILITA’ GEOLOGICA PER LE AZIONI DI PIANO E NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Per il territorio comunale di Almenno San Salvatore (Bg), per gli scenari di pericolosità sismica Z4 direttamente interferenti con l’edificato/edificabile, non è direttamente applicabile il II Livello perché i valori di Fa di soglia defriniti dalla Regione Lombardia sono inferiori all’unità. In fase di progettazione si dovranno adottare i riferimento normativi previsti per la Zona sismica 4 e si dovranno prevedere gli approfondimenti sismici di 3° LIVELLO, solo per gli ambiti Z1 e Z2 così come individuati dal Decreto n. 19904 del 21 novembre 2003, al di fuori del centro abitato e delle perimetrazioni di cui alla carta di fattibilità geologica/sismica allegata qualora dovessero rientrare in ambiti di futura edificazione:

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

291


Comune di Almenno San Salvatore

Valgono le N.T.A. di carattere geologico redatte nella formulazione del giudizio di fattibilità geologica (4.11)

4.9 CARTA DEI VINCOLI (TAV. B05)

La fase di sintesi/valutazione è stata definita tramite la carta dei vincoli, che individua le limitazioni d’uso del territorio derivanti da normative in vigore di contenuto prettamente geologico, e la successiva carta di sintesi, che propone una zonazione del territorio in funzione dello stato di pericolosità geologico-geotecnica e della vulnerabilità idraulica e idrogeologica. La carta dei vincoli è stata redatta su tutto il territorio comunale e vi sono state rappresentate le limitazioni d’uso del territorio derivanti da normative e piani sovraordinati in vigore di contenuto prettamente geologico con particolare riferimento a: • Piano Stralcio per l’Assetto Idrogeologico, approvato con d.p.c.m. 24 maggio 2001 (Elaborato n.8 – Tavole di delimitazione delle Fasce Fluviali) - Piano Stralcio delle Fasce Fluviali approvato con d.p.c.m. 24 luglio1998 (in particolare per quanto riguarda la perimetrazione delle fasce fluviali del Fiume Po); • Quadro del dissesto come presente nel SIT regionale - Elaborato 2 del PAI “Atlante dei rischi idraulici ed idrogeologici”; • Vincoli di polizia idraulica: ai sensi della d.g.r. 25 gennaio 2002, n. 7/7868 e successive modificazioni, sono state riportate le fasce di rispetto, così come definite dalla legge 5 gennaio 1994, n. 36, e relativo regolamento, con i vincoli disposti dall’art. 96, lettera f), del regio decreto 25 luglio 1904, n. 523.

4.10 CARTA DI SINTESI (TAV. B06)

La carta di sintesi è stata redatta su tutto il territorio comunale alla scala 1:5.000. La carta di sintesi rappresenta le aree omogenee dal punto di vista della pericolosità/vulnerabilità riferita allo specifico fenomeno che la genera. Vengono di seguito definiti gli ambiti di pericolosità e di vulnerabilità che costituiscono la legenda della carta di sintesi. La sovrapposizione di più ambiti ha determinato dei poligoni misti per pericolosità caratterizzati da più fattori limitanti. La delimitazione dei poligoni è stata fatta con valutazioni sulla pericolosità e sulle aree di influenza dei fenomeni desunte dalla fase di analisi precedente.

4.11 FATTIBILITA’ GEOLOGICA PER LE AZIONI DI PIANO E NORME TECNICHE

La formulazione del giudizio di fattibilità geologica per le azioni di piano, è stata desunta dalla valutazione incrociata degli elementi di carattere geologicogeomorfologico, geopedologico,

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

292


Comune di Almenno San Salvatore

DI ATTUAZIONE (TAV. B08)

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

idrogeologico, idraulico e geotecnico, descritti nei capitoli precedenti, nonché dei fattori di utilizzo antropico del territorio, attuali e di previsione, prospettati dai progettisti dello strumento urbanistico. La fase di proposta è definita attraverso la redazione della carta di fattibilità geologica delle azioni di piano e delle norme geologiche di attuazione. Tale fase ha previsto modalità standardizzate di assegnazione della classe di fattibilità agli ambiti omogenei per pericolosità individuati nella fase di sintesi, al fine di garantire omogeneità e obiettività nelle valutazioni di merito tecnico. In questa fase propositiva è stata infatti operata l'elaborazione delle risultanze delle indagini condotte nelle fasi precedenti, finalizzata alla valutazione dell'idoneità di massima del territorio all'intervento edificatorio. In linea generale si può affermare che il territorio del Comune di Almenno San Salvatore, risulta complessivamente favorevole all'insediamento urbanistico, pur presentando un’ampia fascia, montana ed una fascia parallela al Fiume Brembo a caratteristiche certamente penalizzanti; tali aree rivestono tuttavia anche un importante valenza naturalistica. Sulla base delle valutazioni sopra esposte e delle indicazioni metodologiche contenute nella DGR n. 8/1566 del 22/12/2005 “Criteri ed indirizzi per la definizione della componente geologica, idrogeologica e sismica del Piano di Governo del Territorio”, è stata allestita la "Carta di fattibilità geologica per le azioni di piano" (TAV. 7) alla stessa scala del P.R.G., che risulta a tutti gli effetti parte integrante del Piano di Governo del territorio e del Piano delle Regole. L’intero territorio comunale viene assegnato a 4 classi di fattibilità secondo quanto definito nella citata D.G.R.. Ad ogni fattore di rischio è stata assegnata una classe di rischio, partendo dalle indicazioni fornite dalla Regione Lombardia, successivamente modificate in funzione delle considerazioni sulla realtà territoriale. La presenza dei fattori di rischio riportati in tabella, riconosciuti sul territorio del comune di Almenno San Salvatore (Bg), ha portato alla suddivisione dello stesso in “classi sintetiche” , determinate dal valore della classe più restrittiva tra quelle compresenti nella stessa area. Per ogni classe viene inoltre fornita l’“indicazione in ordine alle limitazioni e destinazioni d’uso del territorio, alle prescrizioni per gli interventi urbanistici, agli studi ed indagini da effettuare per gli approfondimenti richiesti, alle opere di mitigazione del rischio ed alle necessità di controllo dei fenomeni in atto e potenziali”. Le indicazioni sono da intendersi come Norme Tecniche Geologiche (NTG) e devono essere recepite nel PGT e nel Piano delle Regole di PGT.

293


Comune di Almenno San Salvatore

Classificazione di Fattibilità geologica Le sigle di Classe (1, 2, 3, 4) costituiscono il riferimento univoco alla classificazione di fattibilità e alle prescrizioni ad essa connesse. Classe 1 (colore bianco in carta): Fattibilità senza particolari limitazioni Si tratta di aree che, dal punto di vista geologico ambientale, non presentano particolari limitazioni alla variazione della destinazione d’uso dei terreni. In ogni caso dovranno essere applicate le indicazioni contenute nel DM 11 marzo 1988, nella successiva Circ. LL.PP n.30483 del 24 settembre 1988 relative alle “Norme tecniche riguardanti le indagini sui terreni e sulle rocce, la stabilità dei pendii naturali e delle scarpate, i criteri generali e le prescrizioni per la progettazione, l’esecuzione e il collaudo delle opere di sostegno delle terre e delle opere di fondazione”, nonche quanto previsto nel D.M. 14 Settembre 2005 “Norme tecniche per le costruzioni”. La relazione geologica - geotecnica allegata ad ogni intervento in progetto deve indicare i parametri caratteristici dei terreni di sottofondo ed i valori di capacità portnte ammissibili, nonché l’eventuale grado di interferenza dell’intervento con le acque sotterranee. Nel caso di grandi opere o dell’inserimento sul territorio di un centro di pericolo, sarà necessario un approfondimento atto a mettere in luce l’interazione chimica e fisica dell’intervento stesso con la falda; dovrà per questo essere redatta una relazione che illustri i possibili scarichi permanenti, temporanei o accidentali che la nuova destinazione d’uso potrebbe apportare nel terreno. Per ogni opera e intervento deve essere garantito in ogni caso un franco tra la profondità raggiunta dall’opera e la falda di almeno 5 m e, nel caso sia verificata l’interazione tra l’opera e la falda, dovranno essere applicate le indicazioni più oltre riportate. Classe 2 (colore giallo in carta): Fattibilità con modeste limitazioni Sono inserite in questa classe le aree che presentano modeste limitazioni alla variazione della destinazione d’uso dei terreni. Oltre alle indicazioni contenute nei citati DM 11 marzo 1988, nella successiva Circ. LL.PP n.30483 del 24 settembre 1988 relative alle “Norme tecniche riguardanti le indagini sui terreni e sulle rocce, la stabilità dei pendii naturali e delle scarpate, i criteri generali e le prescrizioni per la progettazione, l’esecuzione e il collaudo delle opere di sostegno delle terre e delle opere di fondazione”, nel D.M. 14 Settembre 2005 “Norme tecniche per le costruzioni”, in queste aree occorre applicare alcune specifiche costruttive e approfondimenti di indagine per la mitigazione del rischio. In queste aree la relazione geotecnica ai sensi del DM

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

294


Comune di Almenno San Salvatore

11/3/88 e del D.M. 14 Settembre 2005, dovrà fornire precise indicazioni sui parametri geotecnici dei terreni di fondazione. INDICAZIONI SINTETICHE CLASSE 2 Vincoli urbanistico territoriali : assenti. Geologia e geomorfologia : area prive di evidenze geomorfologiche significative ad andamento pianeggiante impostate su un substrato dotato di buone caratteristiche litotecniche/geomeccaniche. Rischio esondazione : assente. Soggiacenza falda : Elevata. Capacità portante terreno : Le caratteristiche geotecniche del terreno consentono, per profondità di posa comprese tra 2,00÷3,50 m. dal p.c., una normale edificazione con carichi massimi di esercizio compresi tra 1,00÷2,50 Kg/cm². Fondazioni compatibili : superficiali sia continue che isolate. Indagini preliminari : La possibile variabilità latero-verticale rende necessaria l'esecuzione di accertamenti preliminari di carattere geognostico-geotecnico, da condursi in fase di progetto esecutivo (secondo il disposto del D.M. 11/03/88 e D.M. 14 Settembre 2005 ), finalizzati al corretto dimensionamento delle strutture fondali, anche in funzione dei cedimenti del terreno. Classe 3 (arancione in carta): Fattibilità con consistenti limitazioni Sono qui comprese le aree che presentano consistenti limitazioni alla variazione di destinazione d’uso per le condizioni di pericolosità e vulnerabilità del territorio. Gli interventi in queste aree devono essere preceduti da relazioni geolgiche specialistiche ai sensi del DM 11 marzo 1988, nella successiva Circ. LL.PP n.30483 del 24 settembre 1988 relative alle “Norme tecniche riguardanti le indagini sui terreni e sulle rocce, la stabilità dei pendii naturali e delle scarpate, i criteri generali e le prescrizioni per la progettazione, l’esecuzione e il collaudo delle opere di sostegno delle terre e delle opere di fondazione”, nonche quanto previsto nel D.M. 14 Settembre 2005 “Norme tecniche per le costruzioni”. In particolare dovranno essere approfondite le indagini volte alla ricostruzione della stratigrafia del sottosuolo, spinte fino alla profondità massima raggiungibile dai carichi previsti e per un intorno significativo. Considerata la presenza documentata di discontinuità laterali, le indagini dovranno essere eseguite in numero sufficiente alla ricostruzione di dettaglio del sottosuolo in funzione del tipo di opera prevista. Particolare attenzione dovrà essere posta nella scelta dell’ubicazione delle

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

295


Comune di Almenno San Salvatore

prove e nel calcolo dei cedimenti differenziali. Per ogni progetto dovrà essere verificata la compatibilità degli interventi previsti con la situazione geologico tecnica del sottosuolo e individuate le modalità costruttive più adatte. Il tipo di fondazioni dovrà essere valutato dal progettista solo in seguito al risultato delle prove e in funzione de tipo di struttura. Le limitazioni in queste aree sono connesse alla presenza di terreni a scadenti caratteristiche geotecniche, falda freatica entro 1-2 dal p.c., e/o già allagate in occasione di eventi meteorici eccezionali. INDICAZIONI SINTETICHE CLASSE 3 Vincoli urbanistico territoriali : assenti; viene indicata una fascia di rispetto idraulico di ampiezza pari a 10 m. dalle sponde del Colatore Brembiolo. Geologia e geomorfologia : aree di terrazzo alluvionale recente, corrispondente alla depressione valliforme occupata dal Brembiolo, caratterizzate dalla presenza di una coltre prevalentemente limoso-argillosa, anche organica, di bassa consistenza (spessore minimo di 2,00÷3,00 m. dal p.c.), passante in profondità ad alternanze di sabbie e limi, a densità e/o consistenza variabile. Rischio esondazione : aree allagate in occasione di eventi meteorici a carattere eccezionali, con formazione di lama d’acqua di altezza inferiore ad 1 m. Soggiacenza falda : 1,00÷2,00 m. dal p.c. attuale. Capacità portante terreno : Le caratteristiche geotecniche del terreno impongono la realizzazione di fondazioni di tipo indiretto al fine di evitare l’insorgenza di rotture/cedimenti del terreno di fondazione non sostenibili. Indagini preliminari : Si rende indispensabile l'esecuzione di accertamenti preliminari di carattere geognostico-geotecnico, da condursi in fase di progetto esecutivo (secondo il disposto del D.M. 11/03/88), finalizzati al corretto dimensionamento delle strutture fondali. Classe 4 (rosso in carta): Fattibilità con gravi limitazioni Si tratta di aree che presentano alta pericolosità e vulnerabilità, che comportano gravi limitazioni alla modifica della destinazione delle aree. In queste aree è esclusa ogni nuova edificazione, ad eccezione delle opere volte a diminuire il grado di rischio. Sono ammesse, per gli edifici esistenti, le opere relative agli interventi di demolizione senza ricostruzione, manutenzione ordinaria e straordinaria, restauro, risanamento conservativo, come definiti

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

296


Comune di Almenno San Salvatore

dall’art 31 della legge 457/1978.

4.12 IL RETICOLO IDROGRAFICO (TAV. B09-B10)

INQUADRAMENTO TERRITORIALE L’area esaminata comprende l’intero reticolo idrografico presente sul territorio comunale di Almenno San Salvatore. Il comune si trova alla confluenza tra il torrente Imagna ed il Fiume Brembo (entrambi i corsi d’acqua sono riferibili al reticolo idrico principale), in provincia di Bergamo, nella porzione sudorientale del territorio amministrato dalla Comunità Montana Valle Imagna. Il rilievo è stato eseguito in scala 1:5.000, utilizzando come base cartografica la C.T.R. redatta dalla Regione Lombardia, ed in particolare, per poter inquadrare il territorio comunale, sono stati utilizzati i fogli C5a1 Almenno San Salvatore, sul quale ricade la maggior parte del territorio comunale, e C5a2 Ponte San Pietro. Il reticolo idrico minore e le fasce di rispetto sono state riportate sulla base CTR (scala 1:5.000) per l’intero territorio comunale. A tal proposito si segnala che anche le cartografie tematiche di dettaglio, prodotte a supporto dello studio geologico del territorio comunale, sono state predisposte utilizzando come base cartografica la citata CTR. Nel territorio comunale di Almenno San Salvatore scorre l’alveo del fiume Brembo, riferibile al reticolo idrico principale per il quale sono state definite le fasce fluviali nell’ambito del P.S.F.F. dell’Autorità di Bacino del Fiume Po riportate sulle tavole redatte a supporto dello studio geologico, alle quali si rimanda per i dettagli. RETICOLO IDROGRAFICO Sul territorio comunale di Almenno San Salvatore sono presenti corsi d’acqua riferibili al retiucolo idrico principale per i quali le competenze in materia di polizia idraulica, sono esercitate dala Regione Lombardia. Tali corsi d’acqua sono: • Fiume Brembo (N° Progr. BG001 – N° Iscr. El. AAPP 1); • Torrente Tornago (N° Progr. BG012 – N° Iscr. El. AAPP 18); • Torrente Imagna (N° Progr. BG013 – N° Iscr. El. AAPP 19);

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

297


Comune di Almenno San Salvatore

Il reticolo idrografico di competenza comunale comprende tutti i compluvi rimanenti, individuati sulle cartografia CTR e sui mappali catastali. Il reticolo idrografico del territorio comunale presenta sviluppi molto modesti, infatti il territorio risulta compreso tra il fiume Brembo ed il torrente Imagna e tutti gli impluvi sono tributari di destra di tali corsi d’acqua. Lungo il reticolo idrico principale corre anche il limite comunale, delimitato verso ovest dal torrente Tornago, verso est dal Fiume Brembo e verso nord dal torrente Imagna. Il reticolo idrico minore naturalmente affermato si presenta ben articolato e con sviluppo adeguato alle necessità di drenaggio dei versanti e dei bacini di alimentazione che, come accennato, mostrano comunque sviluppi molto modesti. L’analisi effettuata, pur non avendo lo scopo di fornire dati morfometrici del reticolo idrografico comunale e non avendo evidenziato situazioni di criticità particolare, ha evidenziato l’esigenza di una necessaria e costante manutenzione dei corsi d’acqua di competenza comunale, soprattutto laddove questi vengono intercettati dalla viabilità ed in corrispondenza dei tratti tombinati.

METODOLOGIA DI ANALISI L’indagine può essere definita come un rilievo “da riva” svolto attraverso l’osservazione diretta dell’alveo di ogni corso d’acqua, dalla foce alla sorgente, e in tutte le sue diramazioni. Oggetto di tali osservazioni sono le opere presenti negli alvei, la presenza di manufatti, attraversamenti pedonali e stradali, la presenza o l’assenza di argini di contenimento, di tombotti e di briglie. ELABORAZIONE La cartografia prodotta, che risponde alla metodologia indicata dal DGR del 25 gennaio 2002 n°7/7868 e 1 Agosto 2003 n°7/13950, è costituita da: • la Carta delle fasce di rispetto per il reticolo idrico minore: al fine di migliorare la gestione dei corsi d’acqua, si propone una prima delimitazione delle fasce di rispetto. Tali fasce sono direttamente correlate con le classi di fattibilità geologica determinate nello studio geologico, e costituiscono le aree in cui potranno essere gestiti o attuati interventi di polizia idraulica

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

298


Comune di Almenno San Salvatore

secondo la DGR del 25 gennaio 2002 n°7/7868 e 1 Agosto 2003 n°7/13950. L’ampiezza delle fasce di rispetto è stata determinata essenzialmente su basi geomorfologiche, tenendo comunque in considerazione le condizioni del corso d’acqua e lo stato di fatto. L’allegato A elenca tutti i corsi d’acqua considerati “pubblici” ai sensi della normativa vigente, con il tratto di competenza e la sigla identificativa. In particolare, ciascun tratto è stato identificato con informazioni sul numero d’ordine dell’asta torrentizia identificativa per il Comune (riportato sulla cartografia di riferimento). L’allegato D elenca una serie di articoli per una proposta di normativa per la gestione della polizia idraulica sul reticolo idrico minore, ripresa da esperienze analoghe proposte da diverse autorità di bacino, dalla normativa regionale e dall’esperienza diretta. CONCLUSIONI La relazione e le cartografie prodotte premettono una facile ricognizione dello stato di fatto del reticolo idrografico sottoponibile ai canoni di polizia idraulica secondo la DGR del 25 gennaio 2002 n°7/7868 DGR e1 Agosto 2003 n°7/13950.

ALLEGATO A

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

NUMERO D’ORDINE ASTA TORRENTE 1

QUOTA FOCE O SBOCCO (m.s.l.m.) 576

CONFLUENZA

TRATTO CLASSIFICATO COME SECONDARIO

450 m.s.l.m. Tornago

2

540

330 m.s.l.m.Tornago

3

450

280 m.s.l.m.Tornago

4

410

350m.s.l.m.con asta 3

5

475

330m.s.l.m.con asta 3

6

390

320m.s.l.m.con asta 3

7

340

310m.s.l.m.con asta 3

8

470

340m.s.l.m.con asta 7

9

385

340m.s.l.m.con asta 7

10

450

410m.s.l.m.con asta 11

299


Comune di Almenno San Salvatore

11

445

385m.s.l.m.con asta 9

12

420

385m.s.l.m.con asta 9

13

395

In fogna

14

360

350 m.s.l.m con asta 13

15

380

340 m.s.l.m con asta 13

16

330

Fuori comune

17

350

340 m.s.l.m con asta 16

18

360

320 m.s.l.m con asta 13

ALLEGATO D - PROPOSTA DI NORMATIVA PER L’ESERCIZIO DELLA POLIZIA IDRAULICA SUL RETICOLO IDROGRAFICO MINORE Oggetto L'obiettivo da perseguire si è finalizzato nella salvaguardia del reticolo idrografico del territorio comunale di Almenno San Salvatore e nella protezione dai rischi naturali o che conseguono alle sue modifiche e trasformazioni. Le norme generali del presente Regolamento, fatti salvi gli specifici obblighi e divieti indicati dagli articoli successivi, forniscono indirizzi progettuali validi per ogni tipo di intervento di manutenzione, modificazione e trasformazione dello stato dei corsi d'acqua del territorio comunale e sono costituite da un insieme di regole, criteri operativi, e modalità di intervento atti al conseguimento di un risultato materiale o prestazionale. I1 presente regolamento individua le attività vietate o soggette ad autorizzazione all'interno delle fasce di rispetto del reticolo idrico minore e disciplina le funzioni di polizia idraulica sul reticolo idrico minore attribuite al Comune di Almenno San Salvatore a sensi della D.G.R. 25 gennaio 2002 n. 7/7868 come modificato da D.G.R. 1 agosto 2003 n. 7/13950. Reticolo idrico minore L'elaborato che individua il reticolo idrico minore è costituito dai seguenti allegati:

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

300


Comune di Almenno San Salvatore

Variante allo strumento urbanistico Il Reticolo idrico minore è parte integrante dello strumento urbanistico comunale, pertanto qualsiasi modifica cartografica e normativa del reticolo idrico deve essere recepita attraverso relativa modifica dello strumento urbanistico stesso. Consorzi di Bonifica I1 territorio comunale di Almenno San Salvatore non è interessato dalla presenza dei Consorzi di Bonifica. Fasce di rispetto Sono individuate le seguenti fasce di rispetto dei corsi d'acqua e delle opere di regimazione delle acque del reticolo idrico minore: -a 10 metri per ogni lato dei corsi d’acqua a cielo aperto e/o coperti comprendente la fascia di ineficabilità assoluta misurata dal piede dell’argine esterno o, in assenza di argini in rilevato, dalla sommità della sponda incisa.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

301


Comune di Almenno San Salvatore

Divieti Lungo i corsi d'acqua del reticolo idrico minore, ferme restando le disposizioni vigenti, senza regolare autorizzazione è vietata: a)la formazione di opere con le quali si alteri in qualunque modo il libero deflusso delle acque; b) il danneggiamento, lo sradicamento e l’abbruciamento dei ceppi degli alberi, delle piantagioni e di ogni altra opera in legno secco o verde, che sostengono le ripe dei corsi d'acqua; c) la variazione ed alterazione ai ripari di difesa delle sponde dei corsi d'acqua, e ad ogni altra sorta di manufatti ad essi attinenti; d) le piantagioni dentro gli alvei dei fiumi, torrenti, rivi e canali; e) la costruzione di ponti, ponticelli, passerelle, di passaggi anche provvisori attraverso i canali, ed altro sugli stessi corsi d'acqua; f) l'estrazione di ciottoli, (in quanto materia di esclusiva competenza Regionale) ghiaia, sabbia ed altre materie dei corsi d'acqua. Qualunque concessione di dette estrazioni può essere limitata o revocata ogni qualvolta venga riconosciuta dannosa al regime delle acque e agli interessi pubblici o privati. Nelle fasce di rispetto del reticolo idrico minore, ferme restando le disposizioni vigenti, senza regolare autorizzazione è vietata: g) qualsiasi tipo di edificazione e qualunque tipo di fabbricato per il quale siano previste opere di fondazione; si precisa che le recinzioni in muratura con fondazioni sono assimilate ai fabbricati, mentre quelle semplicemente infisse nel terreno sono assimilate alle piantagioni (D.G.R. 7663 del 08/04/1986); h) qualsiasi tipo di recinzione od interclusione alla fascia di rispetto; i) ogni tipo di impianto tecnologico salvo le opere attinenti alla regimazione dei corsi d'acqua, alla regolazione del deflusso, alle derivazioni; j ) i movimenti di terra che alterino in modo sostanziale e stabilmente il profilo del terreno; k) le piantagioni che s'inoltrino dentro gli alvei dei fiumi, torrenti, rivi e canali, a costringerne la sezione normale e necessaria al libera deflusso delle acque; l) qualunque manufatto, opera o piantagione che possa ostacolare l'uso cui sono destinate le fasce di rispetto. Attività soggette ad autorizzazioni Lungo i corsi d'acqua e sulle sponde, ferme restando le disposizioni vigenti della normativa

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

302


Comune di Almenno San Salvatore

nazionale e regionale, potranno essere realizzate previa autorizzazione le seguenti opere: a) gli attraversamenti aerei di linee telefoniche, teleferiche, ponti canali ecc. b) gli attraversamenti in subalveo di linee tecnologiche, elettriche, telefoniche, acquedotti, fognature, gasdotti, metanodotti ecc.; c) pali e sostegni di linee elettriche o telefoniche ecc.; d) le opere necessarie all'attraversamento del corso d'acqua come passerelle, ponticelli, ponti, guadi ecc.; e) sottopassaggi pedonali o carreggiabili; f) rampe di collegamento agli argini pedonali e carreggiabili; g) la formazione di presidi ed opere a difesa delle sponde; h) la formazione di nuove opere per la regimazione delle acque, per la derivazione e la captazione per approvvigionamento idrico; i) la ricostruzione, senza variazioni di posizione e forma, delle chiuse, delle derivazioni, di ponti, di ponti canali, di botti sotterranee e simili esistenti negli alvei; j ) scarichi di fognature private per acque meteoriche; k) scolmatori di troppo pieno di acque fognarie; l) scarichi di acque industriali o provenienti da depuratori gestiti da enti pubblici; m) posa di cartelli pubblicitari o simili su pali o supporti di altro tipo (oltre la fascia di 4 metri); n) la copertura dei corsi d'acqua nei casi previsti dall'art. 115 del D.Lgs n. 152 del 3 aprile 2006 e successive modificazioni ed integrazioni. Nelle fasce di rispetto del reticolo idrico minore, ferme restando le disposizioni vigenti della normativa nazionale e regionale, potranno essere realizzate previa autorizzazione le seguenti opere: o) interventi di sistemazione a verde; p) percorsi pedonali e ciclabili; q) pali e sostegni di linee elettriche o telefoniche ecc. (oltre la fascia di 4 metri); r) linee aeree telefoniche, di teleferiche ecc.; s) posa di linee tecnologiche, elettriche, telefoniche, acquedotti, fognature, gasdotti, metanodotti ecc.(oltre la fascia di 4 metri); t) rampe di collegamento agli argini pedonali e carreggiabili; u) la formazione di presidi ed opere a difesa del corso d'acqua; v) la formazione di nuove opere per la regimazione delle acque in caso di piena; w) la manutenzione, senza variazioni di posizione e forma, dei fabbricati e simili esistenti nelle

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

303


Comune di Almenno San Salvatore

fasce di rispetto; x) posa di cartelli pubblicitari o simili su pali o supporti di altro tipo (oltre la fascia di 4 metri); y) movimenti di terra che alterino in modo sostanziale e stabilmente il profilo del terreno purchè finalizzati alla realizzazione di progetti di recupero ambientale, di bonifica e di messa in sicurezza dal rischio idraulico (da realizzare oltre la fascia di 4 metri). Corsi d’acqua coperti A sensi dell'art. 115 del D.Lgs n. 152 del 3 aprile 2006 e successive modificazioni ed integrazioni, è vietata la copertura dei corsi d'acqua, che non sia imposta da ragioni di tutela della pubblica incolumità ed a opera esclusiva dell’Amministrazione pubblica. La fascia di rispetto dei corsi d'acqua attualmente coperti è finalizzata a garantire la possibilità di accesso alle ispezioni e/o la possibilità di manutenzione tramite ispezioni poste a distanze adeguate. Manufatti di ispezione devono di norma essere previsti ad ogni confluenza di canalizzazione in un'altra, ad ogni variazione planimetrica tra due tronchi rettilinei, ad ogni variazione di livelletta ed in corrispondenza di ogni opera d'arte particolare. I1 piano di scorrimento nei manufatti deve rispettare la linearità della livelletta della canalizzazione in uscita dai manufatti stessi. I manufatti di cui sopra devono avere dimensioni tali da considerare l'agevole accesso al personale addetto alle operazioni di manutenzione e controllo. Lungo le canalizzazioni, al fine di assicurare la possibilità di ispezione e manutenzione, devono disporsi manufatti a distanza mutua tale da permettere l'agevole intervento del personale addetto. In ogni caso dovranno essere rispettate le indicazioni della Circolare Ministero LL.PP. - Servizio Tecnico Centrale - 7 gennaio 1974, n. 11633 Istruzioni per la progettazione delle fognature e degli impianti di trattamento delle acque di rifiuto: "i pozzetti di ispezione non potranno distare tra loro più di 20-25 metri quando le sezioni non siano praticabili (altezza inferiore a 1,05 m); potranno disporsi a maggiore distanza, e comunque non superiore a m 50, per sezioni praticabili. Sono pertanto vietate nella fascia di rispetto tutte le opere che comportano impedimento alla possibilità di accesso alle ispezioni ed alla manutenzione e/o alla possibilità di ripristino o di realizzazione di nuove ispezioni. Variazioni di tracciato dei corsi d’acqua del reticolo idrico minore Potranno essere autorizzati progetti di modifica dei tracciati dei corsi d'acqua finalizzati al

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

304


Comune di Almenno San Salvatore

miglioramento delle condizioni idrauliche ed ambientali. I1 progetto dovrà riguardare sia il corso d'acqua che la relativa nuova fascia di rispetto. Progetti organici di sistemazione idraulica all’interno di aree previste dal P.G.T. Per le aree edificabili previste dal P.G.T. interessate da corsi d'acqua del reticolo idrico minore con alvei non appartenenti al demanio pubblico dello Stato, è consentito presentare progetti organici di sistemazione idraulica. In particolare i progetti di sistemazione idraulica potranno prevedere: - la sostituzione di terminali irrigui o di corsi d'acqua aventi l'unica funzione di allontanamento delle acque meteoriche dalla superficie oggetto di studio con la rete comunale di fognatura bianca; - lo spostamento di corsi d'acqua in alveo privato con permuta del terreno già interessato dal vecchio alveo con quello interessato dal nuovo tracciato. A sensi dell'art. 115 del D.Lgs. n. 152/2006, i nuovi alvei dovranno essere a cielo aperto ed in terra al fine di favorire la vegetazione spontanea nella fascia immediatamente adiacente i corpi idrici, con funzioni di filtro per i solidi sospesi e gli inquinanti di origine diffusa, da contemperarsi con le esigenze di funzionalità dell'alveo. E' comunque vietata la copertura dei nuovi corsi d'acqua, che non sia imposta da ragioni di tutela della pubblica incolumità. I progetti di sistemazione di un'area edificabile dovranno essere sottoposti all'approvazione del Comune e dovranno essere corredati: - da una relazione idraulica a firma di un tecnico qualificato che giustifichi le scelte progettuali adottate e che ne evidenzi le migliorie sotto l'aspetto della funzionalità idraulica; - da un progetto ambientale riguardante l'inserimento nel territorio dei corsi d'acqua con particolare riferimento all'art. 115 del D.Lgs. n. 152/2006. - dalla proposta di individuazione delle fasce di rispetto in conformità al presente regolamento; - della individuazione delle eventuali opere soggette ad autorizzazione ed ai canoni regionali di polizia idraulica; - dalle domande del titolo autorizzativo compilate in conformità al presente regolamento per ogni opera idraulica di cui al punto precedente. I nuovi corsi d'acqua verranno inseriti nel reticolo idrico minore e saranno soggetti alle prescrizioni del presente regolamento.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

305


Comune di Almenno San Salvatore

Autorizzazione paesistica Qualora l'area oggetto di intervento ricada in zona soggetta a vincolo paesistico il richiedente dovrà presentare apposito atto autorizzativi rilasciato dalla Regione Lombardia - Direzione Territorio e Urbanistica - U. O. Sviluppo Sostenibile del Territorio o, se l'opera rientra tra quelle subdelegate, dagli Enti competenti individuati dalla L.R. n. 12/2005 e s.m.i.. Procedure per Concessioni nel caso di interventi ricadenti nel demanio I1 Comune, in caso di necessità di modificare o di definire i limiti alle aree demaniali dovrà proporre ai competenti uffici dell'amministrazione statale (Agenzia del Demanio) le nuove delimitazioni. Le richieste di sdemanializzazione sul reticolo minore dovranno essere inviate alle Agenzie dei Demanio. L'amministrazione Comunale dovrà in tal caso fornire il nulla-osta idraulico. Si ricorda che, ai sensi del coma 4 dell'art. 115 del D.Lgs. 3 aprile 2006 n. 152, le aree del demanio fluviale di nuova formazione non possono essere oggetto di sdemanializzazione. Scarichi in corsi d'acqua L'autorizzazione di scarichi nei corsi d'acqua a sensi del presente regolamento è rilasciata solamente sotto l'aspetto della quantità delle acque recapitate ed è da intendersi complementare, e mai sostitutiva, alla autorizzazione allo scarico sotto l’aspetto qualitativo rilasciata dall’Amministrazione Provinciale. La materia è normata dall'art. 12 delle Norme Tecniche di attuazione del Piano Stralcio per l'Assetto Idrogeologico, al quale si rimanda, e che prevede l'emanazione di una direttiva in merito da parte delllAutorità di Bacino. In generale dovrà essere verificata, da parte del richiedente l'autorizzazione allo scarico, la capacità del corpo idrico a smaltire le portate scaricate. Nelle more dell'emanazione della suddetta direttiva e in assenza di più puntuali indicazioni si dovrà comunque rispettare quanto disposto dal Piano di Risanamento Regionale delle acque, che indica i parametri di ammissibilita di portate addotte ai corsi d'acqua che presentano problemi di insufficienza idraulica. I limiti di accettabilità di portata di scarico fissati sono i seguenti: - 20 l/s per ogni ettaro di superficie scolante impermeabile, relativamente alle aree di ampliamento e di espansione residenziali e industriali; - 40 l/s per ettaro di superficie scolante impermeabile, relativamente alle aree già dotate di

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

306


Comune di Almenno San Salvatore

pubbliche fognature. I1 manufatto di recapito dovrà essere realizzato in modo che lo scarico avvenga nella medesima direzione del flusso e prevedere accorgimenti tecnici (quali manufatti di dissipazione dell'energia) per evitare l'innesco di fenomeni erosivi nel corso d'acqua. Fabbricati esistenti nelle fasce di rispetto Per i fabbricati esistenti all'interno delle fasce di rispetto del reticolo idrico minore sono ammessi, previa autorizzazione, interventi che non comportino variazioni di posizione forma esterna né aumenti di volume. E' sempre ammessa la demolizione senza ricostruzione. Potranno essere autorizzati interventi che prevedano parziale demolizione con miglioramento delle condizioni idrauliche e di accesso per manutenzione. In ogni caso tali interventi non dovranno pregiudicare la possibilità futura di recupero dell'intera area della fascia di rispetto alle funzioni cui è deputata con priorità al ripristino della vegetazione spontanea nella fascia immediatamente adiacente i corpi idrici. Nel caso di fabbricati esistenti che, per cattiva o mancata manutenzione, costituissero rischio per il deflusso delle acque, l'Amministrazione provvederà a sollecitare i proprietari all'esecuzione delle opere necessarie a ridurre il rischio (non esclusa la demolizione) assegnando un tempo limite per l'esecuzione dei lavori. In caso di inadempienza da parte dei proprietari l'Amministrazione potrà intervenire direttamente addebitando l'onere dell'intervento ai proprietari. Danni all'interno delle fasce di rispetto Nessuno potrà chiedere alla Amministrazione comunale il risarcimento di danni a fabbricati, piantagioni od altro situati all'interno delle fasce di rispetto causati da esondazioni o da operazioni di manutenzione ordinaria o straordinaria ai corsi d'acqua se non per dolo od imperizia dell'impresa che, su ordine dell'Amministrazione comunale, ha effettuato l'intervento. Prescrizioni sulla progettazione ed esecuzione delle opere Il progetto di ogni opera sul corso d’acqua del reticolo idrico minore ed all'interno della relativa fascia di rispetto dovrà essere corredato da uno studio idrologico-idraulico che verifichi le condizioni idrauliche di deflusso di piene con tempo di ritorno 100 anni.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

307


Comune di Almenno San Salvatore

Le nuove opere, particolarmente nelle zone esterne alle aree edificabili previste dal P.G.T., dovranno assicurare il mantenimento o il ripristino della vegetazione spontanea nella fascia immediatamente adiacente i corpi idrici, con funzioni di filtro per i solidi sospesi e gli inquinanti di origine diffusa, di stabilizzazione delle sponde e di conservazione della biodiversità da contemperarsi con le esigenze di funzionalità dell'alveo. Gli attraversamenti (ponti, gasdotti, fognature, tubature e infrastrutture a rete in genere) con luce superiore a 6 metri dovranno essere realizzati secondo la direttiva dell’Autorità di Bacino “ Criteri per la valutazione della compatibilità idraulica delle infrastrutture pubbliche e di interesse pubblico all’interno delle fasce a e b” paragrafi 3 e 4 (approvata con delibera dell’Autorità di Bacino n. 2/99). E' facoltà del Comune richiedere l'applicazione, in tutto o in parte, di tale direttiva anche per i manufatti di dimensioni inferiori in relazione all'importanza del corso d'acqua. Si dovrà verificare che le opere siano coerenti con l'assetto idraulico del corso d'acqua e non comportino alterazioni delle condizioni di rischio idraulico, siano compatibili con gli effetti indotti da possibili ostruzioni delle luci ad opera di corpi flottanti trasportati dalla piena ovvero di deposito anomalo di materiale derivante dal trasporto solido. Per il dimensionamento delle opere ed in particolare dei ponti è necessario considerare, oltre alle dimensioni attuali dell’alveo, anche quelle eventuali di progetto, in modo tale che le opere, una volta realizzate, non siano di ostacolo a futuri interventi di sistemazione idraulica sul corso d’acqua, compresi gli ampliamenti delle dimensioni dell’alveo. Le portate di piena dovranno essere valutate secondo le direttive idrologiche di Autorità di Bacino e Regione. La quota di intradosso del ponte deve essere superiore a quella della sommità arginale. La soluzione progettuale per il ponte e per i relativi rilevati di accesso deve garantire l'assenza di effetti negativi indotti sulle modalità di deflusso in piena; in particolare il profilo idrico di rigurgito eventualmente indotto dall'insieme delle opere di attraversamento deve essere compatibile con l'assetto difensivo presente e non deve comportare un aumento delle condizioni di rischio idraulico per il territorio circostante. Gli attraversamenti e i manufatti realizzati al di sotto dell'alveo dovranno essere posti a quote inferiori a quelle raggiungibili in base all'evoluzione morfologica prevista dell'alveo, e dovranno comunque essere adeguatamente difesi dalla possibilità di danneggiamento per erosione dei corsi d'acqua.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

308


Comune di Almenno San Salvatore

Sottopassi Per il dimensionamento delle opere è necessario considerare, oltre alle dimensioni attuali dell'alveo, anche quelle eventuali di progetto, in modo tale che le opere, una volta realizzate, non siano di ostacolo a futuri interventi di sistemazione idraulica sul corso d'acqua, compresi gli ampliamenti delle dimensioni dell'alveo. In generale si dovranno evitare intersezioni di corsi d'acqua mediante sottopassi a sifone; nel caso di impossibilità tecnica di soluzioni alternative, la progettazione dovrà essere dettagliata, prevedere sistemi atti a ridurre 11 rischio di ostruzione e corredata di piano di manutenzione dell'opera. Imbocco corsi d'acqua intubati A sensi dell'art. 115 del D.Lgs n. 152 del 3 aprile 2006 e successive modificazioni ed integrazioni, è vietata la copertura dei corsi d'acqua, che non sia imposta da ragioni di tutela della pubblica incolumità. Per i corsi d'acqua coperti esistenti o nuovi, all'imboccatura dovranno essere realizzati sistemi atti a impedire o ridurre il rischio di ostruzione per deposito di materiale sedimentabile o flottante. I sistemi tipo griglie filtranti ecc. dovranno essere dimensionati e posizionati in modo da non ridurre la sezione utile di deflusso (mediante allargamenti dell'alveo od altro) e di assicurare una facile manutenzione. I1 progetto dei sistemi di protezione da sedimenti ed ostruzioni dovrà essere corredato da piano di manutenzione. Argini I nuovi argini che dovranno essere messi in opera, sia per la realizzazione delle casse di espansione, sia per il rifacimento e miglioramento di quelli esistenti lungo i corsi d'acqua, dovranno essere progettati in modo tale da consentire la fruibilità delle sponde e di assicurare il mantenimento o il ripristino della vegetazione spontanea nella fascia immediatamente adiacente i corpi idrici, con funzioni di filtro per i solidi sospesi e gli inquinanti di origine diffusa, di stabilizzazione delle sponde e di conservazione della biodiversità da contemperarsi con le esigenze di funzionalità dell'alveo. L'efficienza delle arginature dovrà essere garantita da un programma di manutenzione.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

309


Comune di Almenno San Salvatore

Canalizzazioni agricole (fossi e scoline) Tutti gli interventi su corsi d'acqua inerenti pratiche irrigue, anche se non inseriti nel reticolo idrico minore, dovranno essere volti al mantenimento dell'efficienza delle canalizzazioni, provvedendo in ogni caso al ripristino della loro funzionalità laddove questa risulti essere stata compromessa. Si dovrà porre la massima attenzione affinché l'esercizio irriguo non interferisca con la funzione di smaltimento delle acque meteoriche. Opere e attività non ricomprese negli articoli precedenti Nei casi non ricompresi nei precedenti articoli si rimanda alla valutazione motivata e discrezionale del responsabile del procedimento che valuta, di volta in volta, la tipicità del caso determinando il divieto o l'autorizzazione. Richiesta del titolo autorizzativi Le richieste del titolo autorizzativo all'esecuzione delle opere ammissibili dovranno essere corredate di: - Relazione descrittiva, redatta da un professionista abilitato ai sensi di legge, con descrizione delle opere oggetto di concessione e delle caratteristiche tecniche; - estratto, o copia di originale, della planimetria catastale, contenente l'indicazione delle opere in progetto; - estratto, o copia di originale, del P.G.T.; - relazione idrologica-idraulica, redatta da un professionista abilitato ai sensi di legge, con individuata la piena di progetto nonché le verifiche idrauliche di compatibilità; - Relazione geologica e geotecnica (se necessarie e per opere di particolare rilevanza); - relazione di compatibilità ambientale con particolare riferimento alla possibilità di accesso per manutenzione e alla possibilità di assicurare il mantenimento o il ripristino della vegetazione spontanea nella fascia immediatamente adiacente i corpi idrici; - piano di manutenzione delle nuove opere, del tratto di corso d'acqua interessato e della relativa fascia di rispetto; - la planimetria dello stato attuale e di progetto con indicati i confini catastali demaniali; - le sezioni trasversali attuali e di progetto; - i particolari costruttivi delle opere e relazione di calcolo per le strutture in c.a.; - la sovrapposizione delle opere di progetto con la planimetria catastale e l'esatta

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

310


Comune di Almenno San Salvatore

quantificazione delle aree di proprietà demaniale che verranno occupate; - attestazione che le opere vengono eseguite senza pregiudizi di terzi e di assunzione dell'onere di riparazione di tutti i danni derivanti dalle opere, atti e fatti connessi; - dichiarazione di rinuncia alla rivalsa per danni eventualmente causati alle proprietà all'interno delle fasce di rispetto del corso d'acqua per manutenzione ordinaria o straordinaria. Nelle concessioni sono stabilite le condizioni, la durata, le norme alle quali sono assoggettate ed il canone annuo. Cauzioni I1 rilascio di concessioni di polizia idraulica è subordinato al pagamento di un importo (cauzione) pari alla prima annualità del canone. La cauzione sarà, ove nulla osti, restituita al termine dell'autorizzazione o concessione medesima.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

311


Comune di Almenno San Salvatore

5. CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE

Estratto dallo studio di settore “Classificazione acustica del territorio comunale” redatto dalla società ECOISOLA in collaborazione con EUROGEO dnc.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

312


Comune di Almenno San Salvatore

5.1 INTRODUZIONE

Su incarico dell’Amministrazione comunale di Almenno San Salvatore (BG) è stato predisposto il piano di zonizzazione acustica ai sensi di quanto previsto dalla legge quadro sull'inquinamento acustico 26.11.1995 n. 447, dal D.P.C.M. 1 Marzo 1991, "Limiti massimi d’esposizione al rumore negli ambienti abitativi e negli ambienti esterni", dalla Delibera di Giunta Regionale n. 5/37724 del 25 giugno 1993 e dalla L.R. Regione Lombardia del 10 agosto 2001 n. 13. In particolare la normativa vigente stabilisce che i Comuni predispongano, per la determinazione dei massimi livelli sonori equivalenti, la zonizzazione del territorio comunale in aree definite secondo la loro destinazione d'uso in base al D.P.C.M. 1 marzo 1991, alla Delibera di Giunta Regionale del 2 luglio 2002, n. VII/9776, alla legge quadro sull’inquinamento acustico 26.11.1995 n. 447 e alla L.R. 10 agosto 2001 n. 13. La zonizzazione del territorio comunale in aree omogenee dal punto di vista acustico, come previsto dall'art. 2 del D.P.C.M. 1 marzo 1991, ha una grande importanza se si vogliono garantire condizioni accettabili di vivibilità conformemente a quanto previsto dagli standard socio sanitari. Attribuire limiti massimi d’esposizione al rumore ambientale in funzione delle caratteristiche di destinazione d'uso attuali e future del territorio comunale rappresenta un valido strumento di programmazione necessariamente integrativo di quello urbanistico, poiché introduce criteri di valutazione qualitativi e quantitativi di compatibilità ambientale. La zonizzazione acustica del territorio comunale rappresenta la base conoscitiva propedeutica per la successiva fase di caratterizzazione sperimentale, consentendo di raccogliere informazioni e dati per la redazione d’eventuali piani di risanamento ambientale dei centri urbani.

5.2 SCOPI DELLA ZONIZZAZIONE ACUSTICA

La zonizzazione acustica del territorio rappresenta la classificazione del territorio in zone omogenee per fini acustici. Essa consiste nell’assegnazione di una classe di destinazione d’uso del territorio ad ogni singola unità territoriale omogenea individuabile. Le classi di destinazione d'uso del territorio sono predefinite per legge. Ad ogni classe d'uso del territorio sono quindi associati limiti massimi di rumorosità diurna e notturna ammessi per quella determinata area. Tale metodo può portare a vedere la zonizzazione acustica del territorio come una sorta di "piano regolatore" nei confronti del

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

313


Comune di Almenno San Salvatore

rumore, poiché con essa si stabiliscono obiettivi standard da raggiungere nel tempo rispetto alla rumorosità complessiva del territorio. È peraltro chiaro che la zonizzazione acustica del territorio non è una procedura con la quale si attribuiscono limiti di rumorosità alle sorgenti esistenti. Scopo della zonizzazione è piuttosto quello di pianificare gli obiettivi ambientali di un'area attraverso i valori acustici caratteristici della stessa. Ciò significa che un buon clima acustico di un'area, una bassa rumorosità della stessa, caratterizzano l'area alla pari di proprietà ambientali classiche quali la presenza di flora o fauna, e così come la presenza di particolari specie animali o vegetali merita protezione, allo stesso modo la presenza di bassi livelli di rumorosità caratteristici dell'area merita la protezione degli stessi. Altra considerazione non secondaria è quella riguardante il valore, anche economico, della bassa rumorosità che caratterizza aree di territorio. Tale valore, ormai evidente agli occhi di tutti, assume oggi una precisa quantificazione che può essere oggetto di scambio economico. Un'area silenziosa è sicuramente più pregiata di un'area con le stesse caratteristiche ambientali ma più rumorosa. La classificazione del territorio riconosce tali meriti e tende a mantenerli nel tempo, a non permettere la perdita di tale valore caratteristico. La zonizzazione acustica del territorio deve quindi perseguire valori di qualità valutando il raggiungimento degli stessi a breve, a medio ed a lungo termine ed è realizzata nell’intento di “prevenire il deterioramento di zone non inquinate e di risanare quelle dove attualmente sono riscontrabili livelli di rumorosità ambientale che potrebbero comportare possibili effetti negativi sulla salute della popolazione residente” (Delibera della Giunta Regionale n. 5/37724 del 25 giugno 1993). Obiettivi primari della zonizzazione sono quindi quelli della tutela delle qualità acustiche esistenti sul territorio, tendendo ad una graduale diminuzione della rumorosità esistente, e quelli della prevenzione per quanto riguarda nuove sorgenti di rumore. Risulta evidente che criteri di zonizzazione basati solo sull'analisi degli standard urbanistici presenti o sulla densità della popolazione insediata in un'area non possono essere presi come base per una zonizzazione qualitativamente elevata. Per ciò che riguarda il territorio non urbanizzato, esso è caratterizzato da grande valore paesaggistico e turistico. Tale valore deve essere coerentemente difeso anche per ciò che riguarda l'aspetto della rumorosità e deve quindi essere inserito in una delle prime classi di zonizzazione. La zonizzazione acustica del territorio dovrebbe inoltre essere uno dei documenti di base per la

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

314


Comune di Almenno San Salvatore

redazione degli strumenti di controllo del territorio quali piano del traffico e piano regolatore.

5.3 MATERIALI E METODI

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

Le fasi su cui è stato articolato il lavoro che ha portato alla zonizzazione acustica del territorio comunale hanno seguito le indicazioni di quanto previsto dal punto 5 lettere a) - i) nella Delibera di Giunta Regionale n. 5/37724 del 25 giugno 1993 e dalla Legge Regionale 10 agosto 2001 n.13. In particolare sono state valutate le seguenti informazioni desunte da documenti già in possesso dell'amministrazione comunale e da valutazioni dirette del territorio esistente di Almenno San Salvatore: · analisi e valutazione delle indicazioni definite dal Piano Regolatore Generale (destinazione urbanistica); · analisi e valutazione delle indicazioni desunte dallo studio sulla viabilità, traffico e propensione alla mobilità non veicolare; · individuazione e verifica di localizzazioni sul territorio comunale di impianti industriali significativi, scuole, ospedali, parchi o aree protette; · valutazione della distribuzione sul territorio di attività artigianali, commerciali e terziarie significative dal punto di vista acustico; · individuazione e circoscrizione degli ambiti urbani inequivocabilmente attribuibili rispetto alle loro caratteristiche ad una delle classi; · ipotesi di delimitazione delle classi I, V, e VI; · omogeneizzazione del territorio allo scopo di effettuare inserimento di aree più vaste possibili nelle classi inferiori tra quelle ipotizzabili, in base ai vari fattori caratteristici; · elaborazione di una prima ipotesi di zonizzazione e verifica delle situazioni riscontrate in prossimità delle linee di confine tra zone diverse nonché la congruenza con le zone dei comuni limitrofi; · effettuazione di misure fonometriche atte a valutare i livelli di rumorosità presenti sul territorio; · stima approssimativa del superamento dei livelli ammessi e valutazione della possibilità di riduzione (in particolare per le sorgenti fisse); · dettaglio e verifica delle ipotesi riguardanti le classi intermedie II, III e IV. Pertanto lo studio svolto è finalizzato a regolamentare, dove possibile, zone aventi particolari problemi, gestire eventuali trasformazioni territoriali, regolare le modalità per aggiornamento della zonizzazione acustica, individuare le attività soggette a valutazione previsionale del clima

315


Comune di Almenno San Salvatore

acustico e di impatto acustico. 5.3.1 PIANO REGOLATORE GENERALE E STUDIO SUL TRAFFICO

L'analisi dello stato di fatto viene condotta esaminando sinteticamente il Nuovo Piano Regolatore Generale del Comune di Almenno San Salvatore, redatto dall’Arch. Tosetti nel gennaio 1994.

5.3.1.1 ANALISI DEL PIANO REGOLATORE GENERALE

L'azzonamento del territorio comunale di Almenno San Salvatore si può riassumere esaminando la tavola di Piano in scala 1:5.000. Il Comune di Almenno San Salvatore si trova in provincia di Bergamo e confina con i comuni di Strozza, Ubiale Clanezzo, Villa d’Almè, Almè, Paladina, Almenno San Bartolomeo e Roncola. La viabilità all’interno del Comune è caratterizzata dalla presenza di due arterie principali: la S.P. 175 che collega la strada statale “Briantea” n° 342 alla Valle Imagnae alla Valle Brembana, passando per Almenno San Salvatore; la SP 14, che attraversa il territorio comunale di Almenno San Salvatore. Dal punto di vista acustico le strade provinciali e statali possono determinare una situazione critica a causa del traffico continuo di automezzi leggeri e pesanti. Il nucleo storico è residenziale mentre la maggior parte delle industrie si concentra nella zona sud e nord del territorio comunale.

5.3.2 INDIVIDUAZIONE DI IMPIANTI INDUSTRIALI SIGNIFICATIVI, SCUOLE, PARCHI, OSPEDALI, AREE PROTETTE (CLASSI I E V)

Scopo fondamentale della zonizzazione acustica del territorio comunale è di tutelare innanzitutto aree di particolare interesse e pregio, in cui la presenza di rumore costituisce una limitazione alle attività in esse localizzate. Queste sono ospedali, scuole, parchi pubblici ecc., aree che la legge tutela prevedendone l'inserimento nella prima classe di zonizzazione acustica. All’estremo opposto, la legge consente alle localizzazioni prettamente industriali un maggiore impatto acustico prevedendone l'inserimento nella V o nella VI classe. Coerentemente con quanto previsto dalla DGR VII/9776 art. 7 comma 9 si è assunto come criterio di riferimento ai fini della zonizzazione acustica che zone confinanti, anche appartenenti a comuni limitrofi, non possano assumere limiti assoluti che differiscano più di 5 dB(A). A tale scopo là dove la differenza dei limiti risulta superiore a 5 dB(A) si sono individuate idonee "fasce di attenuazione" di adeguate dimensioni interposte fra zone appartenenti a classi diverse. La larghezza di tali fasce è tale da permettere un abbattimento di 5 dB(A).

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

316


Comune di Almenno San Salvatore

Per ciò che concerne il territorio di Almenno San Salvatore sono da inserire sicuramente in classe I le aree scolastiche (le scuole in Via Europa) e i luoghi di culto (il cimitero, le chiese di San Giorgio, di San Nicola e la parrocchiale in Via XXV Aprile). Non tutte i ricettori sensibili sono stati inclusi in questa classe poiché la legge regionale del 10 agosto 2001 n. 13 prevede che “…non possono essere comprese in classe I,…, le aree che si trovino all’interno delle fasce di pertinenza delle infrastrutture stradali…”. Di conseguenza, il Santuario della Madonna del Castello, che sorge in prossimità della provinciale 175, è stato posto in classe II. Sono invece aree a carattere prettamente industriale, e quindi classificate come aree di classe V, quelle localizzate nelle zone a nord e a sud del comune. 5.3.3 LOCALIZZAZIONE DI AREE A PREVALENTE CARATTERE RESIDENZIALE (CLASSE II)

Le aree a prevalente carattere residenziale di Almenno San Salvatore si trovano nella zona centrale del territorio comunale e sono state poste in classe II. Altre aree che sono state incluse in classe II sono quelle che, per vicinanza con la SP 175, non possono rientrare in classe I (il Santuario della Madonna del Castello, come già spiegato) e quelle che raccordano tra loro le classi I e III.

5.3.4 LOCALIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DELLE ATTIVITA’ ARTIGIANALI, COMMERCIALI E TERZIARIE SIGNIFICATIVE (CLASSE IV)

Rientrano in questa categoria le aree urbane interessate da intenso traffico veicolare, con elevata presenza di attività commerciali o uffici e attività artigianali; le strade di grande comunicazione e le aree con limitata presenza di piccole industrie. Ad Almenno San Salvatore, l’area IV è stata attribuita alla zona occupata dalla SP 175 e dalla SP 14, sedi di intenso e costante traffico sia leggero che pesante. Altre aree sono state incluse in classe IV per raccordare tra loro le classi III e V.

5.3.5 LOCALIZZAZIONE DELLE AREE APPARTENENTI ALLA CLASSE DI ZONIZZAZIONE III

Le aree non classificate precedentemente appartengono alla zonizzazione acustica di classe III. Rientrano in questa classe le aree urbane interessate da traffico veicolare locale o di attraversamento, con media densità di popolazione, con presenza di attività commerciali, uffici, con limitata presenza di attività artigianali e con assenza di attività industriali; aree rurali interessate da attività che impiegano macchine operatrici. La strada provinciale della Roncola n°72 è stata posta in classe III, dato che il volume di traffico che la percorre è inferiore al traffico in genere esistente sulle strade provinciali. Inoltre, il solo tratto della SP 14 che attraversa il centro abitato di Almenno è stato incluso in

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

317


Comune di Almenno San Salvatore

classe III, sia per tutelare le residenze presenti, sia perché gli autoveicoli lo percorrono a velocità moderata. 5.4 VERIFICA STRUMENTALE

A seguito della zonizzazione del territorio di Almenno San Salvatore sono state effettuate alcune misurazioni fonometriche aventi gli scopi di: · verificare il clima acustico generale del territorio di appartenenza del comune; · verificare la rispondenza del rumore realmente presente sul territorio rispetto a quello previsto dalla zonizzazione; · verificare, in caso di superamento dei limiti imposti dalla zonizzazione, quali siano le eccedenze e quali siano le zone più critiche per individuare le priorità di intervento di risanamento. Per ottenere una mappa sufficientemente dettagliata del clima acustico sono state effettuate 6 misure. I punti di localizzazione delle stesse sono stati scelti considerando le aree che lo studio sul traffico individuava come meritevoli di attenzione, significative anche per verificare la zonizzazione acustica del territorio comunale. Le misure sono state effettuate in marzo 2004. Le condizioni meteorologiche erano buone, con assenza di precipitazioni atmosferiche e vento. Il tempo totale di misura è stato pari a 1 ora e 40 minuti, distribuito nelle diverse fasce orarie diurne e notturne, caratteristiche dei maggiori flussi di movimento veicolare e dei relativi intervalli di calma veicolare ed assenza di attività produttiva.

5.4.1 STRUMENTAZIONE EDILIZIA

Per l'effettuazione delle misure è stato utilizzato n.1 fonometro integratore di alta precisione: · Solo 01 dB matricola: 10601 Il fonometro di precisione Solo 01 dB è uno strumento portatile a microprocessore; è in classe 1 secondo le norme IEC 651 (2000 - Sound level meters) IEC 804(2000 – Integrating – averaging sound level meters), IEC 61672-1 (2002), IEC 1260 (1995) e ANSI S1.11 (1986). Soddisfa i requisiti di analisi secondo la norma ISO 1996, è completo di filtri a terzi di ottave secondo la norma IEC 225 e di programma per il calcolo del tempo di riverbero secondo le norme ISO 354 e ISO 3382. Il microfono è di tipo MCE 212 01 dB, n. matricola 38427. Gli strumenti sono stati calibrati mediante la sorgente di riferimento Delta OHM modello HD 9101 conforme alle prescrizioni definite dalla norma IEC 942/1988 per la strumentazione di

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

318


Comune di Almenno San Salvatore

classe 1. Lo strumento e i suoi accessori sono stati tarati a norma di legge in dicembre 2003, dalla società Isoambiente srl (cfr. Allegati): - Certificato di taratura n° 00506; - Data di taratura 19/12/2003 Nel corso delle misure, il microfono è stato posto nelle postazioni di lavoro, ad una altezza dal pavimento pari a quella delle persone che possono frequentare luoghi pubblici, strade, marciapiedi, ecc. La durata dei rilievi è stata tale da fornire dati rappresentativi del rumore presente nelle diverse posizioni. Durante i rilievi sono state misurate le seguenti grandezze acustiche: · livello sonoro equivalente in dB(A); · livello sonoro equivalente in dB; · livello percentile L10 in dB(A); · livello percentile L50 in dB(A); · livello percentile L90 in dB(A); · livello sonoro di picco in dB lineari; Sono inoltre stati registrati l'ora e la durata della misura.

5.4.2 LOCALIZZAZIONE DELLE STRUMENTAZIONI DI MISURA

Le stazioni di misura sono state distribuite sul territorio con l’intento preciso di verificare l’impatto acustico della rete viaria principale, delle attività produttive e delle altre strade che attraversano il territorio comunale. Ogni stazione di misura riporta l’orario, la durata ed una sintetica descrizione delle condizioni al contorno. (Rilevamento Æ D: diurno; N: notturno). 1. La misura è stata effettuata mercoledì 17 marzo 2004 alle ore 15.22 lungo la SP 175, in corrispondenza dei tornanti sul fiume Brembo. Il traffico rilevato è intenso, di tipo sia leggero che pesante. (D: durata 15 minuti). 2. Misura registrata mercoledì 17 marzo alle ore 15.48 sulla SP 14 (Via Repubblica). Il traffico è

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

319


Comune di Almenno San Salvatore

notevole, sia leggero che pesante (D: durata 15 minuti). 3. Misura rilevata il giorno 17 marzo 2004 alle ore 16.10 presso la chiesa di san Giorgio. Il sito è silenzioso, ma si registra il passaggio di più aerei e di alcuni autoveicoli lungo la via retrostante (D: durata 15 minuti). 4. Misura effettuata in Via Manzoni, tra le residenze e l’industria ALGRA, in data 17 marzo, alle ore 16.36. Lo stabilimento possiede un capannone all’aperto, da cui provengono sporadici rumori di lavorazioni meccaniche e ventole. Traffico scarso. (durata D: 20 minuti). 5. Misura rilevata in Piazza San Salvatore il giorno 17 marzo 2004, alle ore 17.05 (D: durata 15 minuti). Il traffico è scarso, ma si registrano rumori provenienti da un cantiere prossimo alla postazione di misura (presso la chiesa parrocchiale). 6. Misura effettuata mercoledì 17 marzo alle ore 17.28 in Via Papa Giovanni XXIII, sull’angolo con Via Europa, tra le scuole medie Giovanni XXIII, l’oratorio e il campo sportivo (D: durata 20 minuti). Il traffico è scarso, i rumori provengono dall’oratorio e dal campo sportivi (vocio di bambini che giocano).

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

320


Comune di Almenno San Salvatore

5.4.3 RISULTATI DELLE MISURE

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

Le misure sopradescritte hanno fornito i risultati riportati schematicamente di seguito.

321


Comune di Almenno San Salvatore

5.5 COMMENTO ALLE MISURE EFFETTUATE

Dai valori rilevati emergono le seguenti considerazioni: 1. Le emissioni sonore più elevate sono generate dal traffico intenso veicolare pesante e leggero lungo le strade provinciali n° 175 e n°14. 2. Il valore del livello sonoro equivalente più elevato in assoluto corrisponde alla misura n.2, effettuata lungo la SP 14. La misura è stata eseguita in periodo diurno, alle ore 15.48: il livello sonoro equivalente rilevato è pari a 73.46 dB(A). Il traffico sulla strada provinciale per la Valle Imagna è intenso, e la presenza di notevoli carichi acustici è aggravata dal fatto che la SP 14 attraversa il centro abitato del paese. 3. I livelli sonori diurni più elevati, dopo il massimo, corrispondono ai punti di misura: ¾ n. 1 situato lungo la SP 175, con un Leq di 71.1 dB(A) rilevato alle ore 15.22; ¾ n. 6 situato in Via Papa Giovanni XXIII, con un Leq di 60.6 dB(A) alle ore 17.28; 4. Il livello sonoro più basso registrato durante i rilievi è stato rilevato davanti allo stabilimento meccanico “Algra” in Via Manzoni (misura 4), il cui livello sonoro è risultato pari a 52.1 dB(A).

5.6 COMPARAZIONE FRA LA ZONIZZAZIONE DEL TERRITORIO E I LIVELLI DI RUMOROSITA’REALMENTE MISURATI -CRITICITA’ EMERSE

Per verificare la compatibilità della rumorosità presente sul territorio con le classi definite dalla zonizzazione acustica, sono state sovrapposte le rilevazioni strumentali alla mappa di zonizzazione differenziando tale confronto nelle due situazioni riferite al periodo diurno ed al periodo notturno. Dal confronto si possono dedurre le seguenti valutazioni: 1. Le misure effettuate evidenziano una media criticità della situazione del comune di Almenno San Salvatore: infatti, la maggior parte dei rilievi fonometrici hanno registrato emissioni sonore che eccedono leggermente il limite massimo consentito dalle classi acustiche di appartenenza. 2. Esistono comunque zone in cui la rumorosità realmente misurata è inferiore a quella potenzialmente consentita dalla classe acustica di appartenenza.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

322


Comune di Almenno San Salvatore

5.6.1 ECCEDENZE RILEVATE

La situazione complessiva è la seguente:

I valori sono più facilmente leggibili se ordinati in senso decrescente, dal punto dove il superamento del limite è stato maggiore al punto dove la tolleranza per raggiungere il limite definito dalla classe di zonizzazione acustica di appartenenza è più elevata.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

323


Comune di Almenno San Salvatore

Dall’analisi delle eccedenze, si nota che tutte le zone più critiche rispetto ai limiti imposti dalla zonizzazione sono quelle poste nei pressi delle due strade provinciali che attraversano il Comune di Almenno San Salvatore, la SP 175 e la SP 14 (densamente trafficate ad ogni ora): in particolare, la SP 14 crea un notevole carico acustico, problema aggravato dal fatto che la provinciale attraversa il centro abitato di Almenno. I rilievi eseguiti lungo queste due arterie hanno evidenziato eccedenze di +8.4 e +6.1 dB (mediamente critiche). Altre aree monitorate che presentano un superamento dei limiti sono zone residenziali (Via Papa Giovanni XXIII, Piazza San Salvatore e Via San Giorgio), quindi appartenenti alla classe acustica II. In tali aree i limiti di legge sono più restrittivi, e qualsiasi rumore (vociare di bambini, traffico di tipo locale) risulta non trascurabile ai fini del calcolo delle eccedenze (rispettivamente +5.6, +4.8 e +4.9 dB). Lo stabilimento produttivo Algra è stato monitorato a causa della sua vicinanza con una zona residenziale: il rilievo fonometrico ha evidenziato che la ditta rispetta i limiti di legge (-12.9 dB), grazie al limite meno restrittivo della fascia IV. In definitiva, per quanto riguarda i valori misurati, si osserva che il Comune di Almenno San Salvatore presenta una situazione mediamente critica dal punto di vista acustico, in quanto la maggior parte delle misure effettuate ha mostrato il superamento dei limiti imposti per legge, ma le eccedenze rilevate non hanno mai superato i 10 dB. Le situazioni più critiche nel periodo diurno si hanno in luoghi densamente trafficati, come la SP 175 e la SP 14.

5.6.2 CRITICITA’

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

La criticità può essere schematizzata in diversi livelli secondo il valore di superamento dei limiti di classe: bassa ≤ o uguale A 5dB(A) , MEDIA 5-10 Db(A); alta 10 – 15 dB(A), altissima >15 dB(A).

324


Comune di Almenno San Salvatore

In questo modo la lettura delle eccedenze rilevate rispetto ai limiti può essere ordinata classificando anche la criticità dalle situazioni piÚ gravi a quelle meno rilevanti.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

325


Comune di Almenno San Salvatore

5.6.3 EVENTUALI INTERVENTI DI RISANAMENTO ACUSTICO

Per ridurre l’inquinamento acustico che grava sul paese di Almenno San Salvatore è opportuno elaborare progetti di risanamento che portino a un miglioramento delle attuali condizioni. Il problema principale di inquinamento acustico da risolvere è quelIo relativo alla viabilità in corrispondenza delle due strade provinciali n° 175 e n° 14, che si ripercuote sul centro abitato di Almenno. Bisognerebbe attuare interventi tendenti a ridurre i flussi di traffico, incentivando ad esempio il passaggio ad automezzi caratterizzati da bassa rumorosità e penalizzando quelli a rumorosità elevata (motocicli). I valori acustici eccessivi possono subire una diminuzione anche in seguito all’abbassamento dei limiti di velocità all’interno del centro abitato: una riduzione di 20 km/h orari della velocità può portare a una diminuzione di circa 4-5 dB(A). La medesima quantità di decibel si può abbattere in seguito alla realizzazione, ove possibile, di barriere fonoassorbenti. La velocità di transito dei veicoli può essere ridotta anche tramite la realizzazione di rotatorie che rallentino il flusso veicolare. La messa in opera di tali infrastrutture dovrebbe però essere accompagnata da interventi tendenti a ridurre i flussi di traffico anche nelle strade minori, tramite la creazione di isole pedonali o aree a traffico limitato. Una migliore manutenzione delle strade, con la progressiva posa di asfalti fonoassorbenti e una sempre migliore tecnologia degli autoveicoli portano a loro volta una riduzione dell’inquinamento acustico. Gli interventi di risanamento che il comune vorrà attuare dovranno seguire, in relazione alle “Norme per la prevenzione dell’inquinamento acustico” previste dalla Regione Lombardia, un ordine di priorità che vede al primo posto il risanamento di aree particolarmente protette, considerando l’entità del superamento dei limiti in rapporto anche alla quantità di popolazione che ne è interessata. A ciò seguiranno interventi per limitare l’emissione alla sorgente, poi interventi sulla propagazione e infine interventi passivi sugli edifici.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

326


Comune di Almenno San Salvatore

5.7 CONCLUSIONI

La zonizzazione acustica del territorio comunale di Almenno San Salvatore ha individuato spazi dove il rumore ambientale è superiore ai limiti definiti dalla zonizzazione stessa. Sono infatti emersi punti di media criticità, in corrispondenza delle due strade provinciali monitorate (SP 14 e SP 175), densamente trafficate ad ogni ora del giorno: l’inquinamento acustico generato dal transito di autoveicoli leggeri e pesanti sulle strade provinciali si ripercuote sulle aree residenziali che sorgono a ridosso di tali arterie. Per queste strade debbono sicuramente essere previsti interventi di mitigazione del traffico e di riduzione della rumorosità ambientale. Le zone residenziali appartenenti alla fascia II hanno evidenziato una bassa criticità (eccedenze minori di +5 dB). Il rilievo fonometrico relativo allo stabilimento Algra (effettuato a causa della sua vicinanza con una zona residenziale) ha evidenziato il rispetto dei limiti di legge (-12.9 dB). Si consiglia di prevedere un controllo periodico con cadenza almeno biennale della situazione di inquinamento sonoro per rilevare eventuali miglioramenti avvenuti successivamente agli interventi di risanamento.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

327


Comune di Almenno San Salvatore

6. IL PAESAGGIO AMBIENTALE E STORICO-CULTURALE

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

328


Comune di Almenno San Salvatore

La Valle Imagna è uno dei bacini idrografici della cerchia prealpina prossima alla pianura e ad una grande città: Bergamo. Posta a poco più di una cinquantina di chilometri da Milano, si potrebbe immaginare una valle dagli aspetti naturalistici, geologici e speleologici ormai ben conosciuti e documentati; tutto ciò non corrisponde alla realtà nella quale, molti aspetti soprattutto naturalistici e speleologici restano ancora oscuri. Il territorio della Valle Imagna è ricchissimo di fenomeni carsici, si tratta infatti di una delle zone della provincia bergamasca che presenta il più alto numero di cavità naturali. Ci sono circa 110 grotte catastate e 140 conosciute, in totale 250, a cui si aggiungono altre che nessuno mai ha scoperto e tantomeno esplorato. Le formazioni geologiche in cui si aprono le grotte carsiche della Valle appartengono al Triassico e si possono ricondurre a tre tipi fondamentali: la Dolomia Principale (Norico); il Calcare di Zu (Retico); le Argilliti di Riva di Solto (Norico - Retico) - (Bus del Cunì - Complesso Tomba del Polacco-Ol Böc ecc.). La Dolomia Principale è una roccia di colorazione chiara, non stratificata, particolarmente compatta e resistente. Il Calcare di Zu è costituito da rocce nerastre, marnose, ben stratificate e meno resistenti. Le Argilliti di Riva di Solto sono argilliti nere, ma pochissimo resistenti. In Valle Imagna esse comprendono anche dei pacchi di calcare e marna neri, interessati da carsismo. L'affioramento della dolomia è facilmente identificabile con pareti ripide, rupi aride e suolo non fertile, mentre l'affioramento del calcare scuro è contrassegnato da un pendio dolce e fertili praterie. Le aree, in cui si concentrano i più interessanti fenomeni carsici, sono cinque: quelle tra Valpiana (Costa Valle Imagna e Bedulita) e Cà Contaglio (S.Omobono Terme), quella del Palio sopra Brumano (Calcare di Sedrina, Dolomia Principale), quella delle Camozzere (Dolomia Principale), quella di Rota d'Imagna (Calcare di Zu e argilliti di Riva di Solto) e la zona tra la Val Marcia (S.Omobono Terme) e Cà Todèsch (Costa Valle Imagna). Sia le grotte presenti in queste zone, sia che si aprano nelle fratture della dolomia compatta o tra gli strati neri dei banchi di calcare, presentano molto spesso spunti di interesse che spaziano dalla bellezza e ricchezza dei fenomeni di concrezionamento ai ritrovamenti paleontologici - archeologici e alla presenza di rare specie di fauna cavernicola.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

329


Comune di Almenno San Salvatore

6.1 IL CARSISMO DELLA VALLE

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

Un esempio di carsismo, sono le doline; alcune di esse sono vistose, ad esempio si trovano sotto la frazione Cà Todèsch, a Costa Valle Imagna, quasi tutte si sono formate per il crollo di un ambiente sotterraneo, parecchie superano i dieci metri di diametro e quasi dieci i 30 m. Altre doline si trovano: sotto Cà Gazzoli, a Costa Valle Imagna, una di esse ha un diametro di 70m e 30/40m di profondità. Un'altra zona con tante doline è sotto Cà Bagazzino di Costa Valle Imagna. Vi sono 12 doline, 3 inghiottitoi di cui 2 grotte, il tutto in una zona di ridotte dimensioni. A Piazzo (frazione del comune di S. Omobono Terme) si possono osservare alcune doline particolarmente belle ed evidenti perché sono situate nei prati. Nella parte alta sulla costa del Palio (Brumano), a circa 1400m d'altezza, ci sono alcune doline di notevole interesse. Innanzitutto per le dimensioni: alcune, perfettamente circolari, hanno un diametro che tocca i 10 m; poi per la posizione, in pieno centro tra la Val Tetto e la Val Foppa (quindi con l'Abisso Vuotodaria da un lato e il Bus della Siberia dall'altro), e infine perché d'inverno si scioglie la neve. Salendo fino quasi al rifugio sul Resegone si incontra a quota circa 1700 un sentiero che conduce al "Buco della Neve", che non è altro che una dolina dove la neve resiste sino a tarda stagione dato che il sole non vi batte quasi mai. È posta a 1750m d'altezza, è profonda circa 15m nel punto in cui ci conduce il sentiero, mentre circe 50m dalla parte più alta delle rupi soprastanti, è larga circa 15m e lunga 100m. Il fondo purtroppo è ricoperto da detriti e ci sono solo due buchetti che non continuano. Nel massiccio del Resegone inoltre c'è un'altra bella zona carsica sulla cresta 1815 m si trovano ben 7 doline tra 1750 e 1815 m d'altezza, due delle quali hanno un diametro di circa 30 m e una profondità di 20 m. Oltre a queste ce ne sono una infinità, la maggior parte difficili da vedersi, perché nascoste dalla vegetazione. Si trovano inoltre il "Carso a blocchi" e i "monoliti" a Bedulita, Costa Valle Imagna, soprattutto nell'area Cà Gazzoli, Cà Todèsch, Cà Bagazzino. Queste ultime tre zone sono meravigliose, crepacci e forre carsiche di vari metri di larghezza e di profondità ornano il paesaggio sotto il bosco. Altro esempio di carsismo sono i "campi solcati", che si possono osservare sulla cresta dell'Albenza, a Pralongone e anche a Cà Gazzoli, Val Muraca, Cà Todèsch, Cà Bagazzino (Costa Valle Imagna). C'è anche il fenomeno del "Tubo di Vento", cioè uno sfiatatoio invernale con flusso di aria calda, che perciò scioglie la neve nei dintorni, ad esempio a Neerola, in comune di Locatello, sul Monte Tesoro, a Costa Valle Imagna. Nel lato verso Carenno (quota 1.426 m) uno di questi sfiatatoi è stato quasi aperto. Da notare che in questa zona il potenziale carsico è di quasi 1000m! Sempre per via del carsismo non ci sono tantissimi ruscelli, soprattutto nelle zone più alte della valle, perchè la maggior parte dell'acqua scorre nel sottosuolo. Un altro esempio

330


Comune di Almenno San Salvatore

di carsismo sono le "sorgenti intermittenti", come O Sbadol e Ol Gass a Valsecca e la Grota dè Val d'Adda (intermittente irregolare), a S.Omobono; in esse ci sono vari sifoni che, appunto, provocano l'intermittenza.

6.2 I VERSANTI DELLA VALLE

Possiamo suddividere la Valle Imagna in due versanti idrografici: quello di sinistra e quello di destra. Quello di sinistra comprende le zone di Brumano, Fuipiano Valle Imagna, la Costa del Palio, Berbenno, Rota d'Imagna, Locatello, Ubiale- Clanezzo. Quello di destra invece ha Costa Valle Imagna, parte di S.Omobono Terme, Roncola S.Bernardo, Bedulita, Valsecca, il gruppo montuoso dell'Albenza. Spartiacque tra i due versanti è il gruppo del Resegone. Versante sinistro Questo versante è delimitato a Nord da montagne di media altezza: il Monte Resegone (1875m), lo Zucco di Pralongone (1503 m), I Canti (1563 m), il Palio, lo Zuc de Valmana (1546 m). Spostandosi a Sud l'altezza delle montagne degrada sino a che diventano semplici colline. L'Argillite di Riva di Solto affiora presso Ponte Giurino, Corna Imagna e Rota d'Imagna con strati metrici alternati a notevoli spessori di copertura quaternaria. Le cavità di cui parleremo hanno sviluppo prevalentemente orizzontale, influenzato dall'andamento delle fratture. Ci sono molte sorgenti con grande portata (si veda la Val Vanzarolo), grotte molto lunghe e complesse (Il Forgnone, Alaska, Complesso Tomba del Polacco - Ol Böc). Gli strati del Palio sono calcarei e hanno un'inclinazione variabile. Nelle estremità, costituite da una parte dal Monte Resegone dalla piana di Brumano e dall'altra dalla piana di Fuipiano Valle Imagna e da I Canti, l’inclinazione dei versanti varia tra i 10° e i 15°, mentre lungo la Costa del Palio (zona centrale) è tra 5° e 10°. La serie stratigrafica comprende, dal più giovane al più vecchio: il Calcare di Moltrasio, il Calcare di Sedrina, la Dolomia a Conchodon e il Calcare di Zu. Quasi lo stesso vale per la zona del Palio nel versante della Val Taleggio. La serie stratigrafica presenta caratteri di continuità, ma in alcuni settori la successione manca di alcune rocce (ad esempio a Morterone non c'è il Calcare di Sedrina). Questo versante non è da trascurare dato che vi sono presenti numerose cavità (con le stesse caratteristiche di quelle della Val Imagna), tra cui spiccano La Maddalena (Lo Co 2654, oltre 10 km di sviluppo) e la risorgenza di Fiöm Latt (Lo Co 1259), che potrebbe essere lo sbocco di tutto questo ipotetico ed enorme bacino di assorbimento. Anche il versante imagnino è ricco di risorgenze, che unendosi danno vita

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

331


Comune di Almenno San Salvatore

all'Imagna, ma nessuna di queste è paragonabile al Fiöm Latt, anche se però esiste una serie di captazioni di cui non si conosce né le portate, né l'utilizzo. Una differenza tra la Valle Imagna e la Val Taleggio è poi data dal fatto che nella seconda il livello di base è riscontrabile al contatto tra Dolomia a Conchodon e Calcare di Zu, mentre quest'ultimo in Valle Imagna è carsificabile (si veda ad esempio Il Forgnone). La zona principale di assorbimento del Palio è posta tra i 950 e i 1100 m, mentre le sorgenti principali sono a 900 m. A quota 800/850 m esistono poi una serie di sorgenti captate, il che potrebbe rappresentare un livello di falda. Spostandosi a Sud incontriamo la Corna Marcia e poi il Monte Ubione, caratterizzato da un bosco molto fitto, con ripide vallette, nelle quali scorre l'acqua solo in periodi piovosi. Da ciò si deduce che anche qua il fenomeno carsico è presente, anche se finora a parer mio, questa zona non è stata esplorata a fondo. Versante destro Questo versante è delimitato a Nord da montagne quali il Resegone (1875 m), la Corna Camozzera (1452 m), l'Ocone (1410 m), il Monte Tesoro (1432 m). Spostandosi a Sud si trovano il Linzone (1392 m), poi la montagna scende. Il substrato è costituito da una buona varietà di rocce calcaree e dolomitiche permeabili e fessurate, per cui le precipitazioni vengono facilmente assorbite e le acqua superficiali sono relativamente scarse. Affiorano le unità litologiche; la continuità della successione stratigrafica è interrotta dalle numerose faglie che tra l'altro influenzano anche la disposizione delle sorgenti. Queste, infatti, risultano allineate lungo fasce preferenziali: ad esempio in Val Ronco si riconosce un allineamento posto sui 580700 m di quota dal quale parte la serie di rivi che convogliano l'acqua scaturita fino al torrente Imagna. Più sopra in corrispondenza di Costa Valle Imagna e Bedulita (900-1000 m), c'è la zona alta di assorbimento con notevole diffusione di doline, inghiottitoi, pozzi carsici, abissi (Nala di Sciupì, Nala di Rote) per lo più in Dolomia Principale non perfettamente pura, infatti spesso troviamo cristalli di quarzo e fluorite (Bedulita). Più sotto si trovano le zone di risorgenze con grotte sub-orizzontali site nello stesso tipo di roccia. Sono principalmente sviluppate lungo fratture orientate a Sud-Ovest/Nord-Est ed interstrati perpendicolari a questi sistemi di diaclasi. Al momento attuale non si può ancora delineare con precisione il complesso ipogeo ed i mutui rapporti tra le varie cavità; si può però ipotizzare la presenza di una falda sospesa all'altezza di 850 m al limite meridionale e che si abbassa sempre più se ci spostiamo al settentrione. La struttura di questo versante non è semplice proprio per l'interagire dei fenomeni tettonici con quelli carsici. Il fondovalle è costituito da uno strato di detriti rocciosi, ghiaiosi. Un chiaro

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

332


Comune di Almenno San Salvatore

esempio di ciò è Valsecca. Vedendola dall'alto notiamo che si trova sopra un cono detritico sceso dal Resegone e dalle Camozzere. Spostandosi nelle zone più elevate dell'Albenza, le grotte sono meno frequenti e anche i fenomeni carsici superficiali diminuiscono rispetto alla zona situata tra i 900 e i 1000 m. Ciò è causato probabilmente dal cambiamento di roccia. Tra il fondovalle e le zone più alte c'è poi un luogo intermedio ripido, ricco di forre anche molte profonde.

6.3 LE GROTTE

Definibile come un grande anfiteatro calcareo da sempre la Valle Imagna, ricchissima di fenomeni carsici ha attirato ed attira interrottamente sia "curiosi" che studiosi di geologia. Senza dubbio è uno dei terreni di caccia più battuti da chi si dedica alla biospeleologia tant'è che i coleotteri di alcune grotte locali sono stati esaminati anche dal grande Jeannel. Le grotte presenti in questa zona spaziano dalla bellezza e dalla ricchezza dei fenomeni di concrezionamento ai ritrovamenti paleontologici - archeologici alla presenza di rare specie di fauna cavernicola. Incredibili gallerie sotterranee, ricche di sale elegantemente decorate con intarsi e drappeggi dai corsi d'acqua sotterranei nel corso dei secoli, si snodano tra le viscere della valle, riserbandosi la loro accoglienza per lo più agli esperti. Alcune grotte conservano testimonianze preistoriche: in letteratura è segnalata la presenza di reperti preistorici nella Grotta dal significativo toponimo “Grotta dei Morti” in località Cà Contaglio e nella Grotta della Cornabusa.

6.4 ASPETTI GEOMORFOLOGICI E IDROGRAFICI (tratto dal documento preliminare del Piano di Settore della rete ecologica provinciale).

La Valle Imagna è una vallata con caratteristiche prettamente montane. Gli altri ambiti che definiscono l’unità territoriale, l’Almennese e il versante sud dell’Albenza, sono invece contesti più aperti in relazione diretta con la pianura. La geologia della Valle Imagna è dominata dalla presenza delle formazioni triassiche della Dolomia Principale, del Calcare di Zù e delle Argilliti di Riva di Solto, le quali rappresentano il litotipo più comune con conseguenze significative sulla morfologia della valle. Nel suo insieme la valle si caratterizza per una morfologia molto complessa, articolata e frammentata dalla presenza di numerose valli secondarie e dal contrasto tra i versanti ripidi e i terrazzi morfologici che addolciscono l’acclività consentendo la pratica agricola e l’insediamento di numerosi e sparsi nuclei abitati. Tale assetto morfologico deriva dal

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

333


Comune di Almenno San Salvatore

succedersi di resistenti rocce calcaree e dolomitiche, responsabili delle forre e dei ripidi pendii boscati e di rocce poco resistenti all’erosione, modellate nelle forme arrotondate dei rilievi che chiudono la valle nel settore nord-orientale. Le alte e rupestri pareti dolomitiche della Corna Camozzera e del Resegone segnano fortemente il paesaggio del settore nord-occidentale della valle. La valle presenta un reticolo idrografico sviluppato, costituito da molti corsi d’acqua che dalla testata della valle confluiscono nel torrente Imagna, tributario del Brembo. Dall’imponente bastionata meridionale dell’Albenza, ben visibile dalla pianura, scendono le valli dei torrenti Tornago e Borgogna che solcano il territorio collinare costituito prevalentemente da “morbide” rocce cretaciche. L’imbocco della valle è caratterizzata dalla presenza della mole tondeggiante del Monte Ubione che divide la Valle Imagna dalla Brembana ed è la causa, con i suoi resistenti calcari giurassici, della formazione delle profonde forre scavate dal torrente Imagna e dal Brembo. L’incisione prodotta dal Brembo fiancheggia il lato orientale dell’ampio terrazzo fluvioglaciale su cui si colloca il territorio almennese, in un ambiente di elevato valore paesaggistico e naturalistico, Monte Albenza minacciato dalla dilagante espansione dell’edificato. Le attività estrattive di maggiore rilevanza nell’area, concernenti lo sfruttamento della quarzite presente nelle rocce della sezione terminale della valle, sono state condotte con una intensità tale da modificare il profilo del monte Castra.

6.5 ASPETTI FLORISTICOVEGETAZIONALI ED ECOLOGICI (tratto dal documento preliminare del Piano di Settore della rete ecologica provinciale)

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

L’elevata escursione altitudinale, la morfologia molto articolata della valle, la varietà dei substrati rocciosi e le attività umane hanno determinato la formazione della diversità di paesaggi vegetali che contraddistingue la Valle Imagna. Il clima della Valle Imagna, di tipo sub-atlantico caratterizzato da piovosità sostenuta e ben distribuita nel corso dell’anno e le temperature fresche favoriscono la diffusione di una copertura forestale a forte connotazione mesofila, costituita da acero-frassineti, querceti misti e, in quota, da faggete. Macchie boscate, la cui composizione afferisce agli acero-frassineti, si attestano lungo i pendii delle numerose vallecole che incidono i versanti, ma avanzano sui pendii meno acclivi e nelle forre. Querceti a cerro (Quercus cerris), accompagnati da castagno (Castanea sativa), rivestono gli

334


Comune di Almenno San Salvatore

affioramenti dei calcari marnosi lungo la costa che sale a Rota Imagna, mentre sugli affioramenti calcarei del versante destro della valle si impone l’ostrieto con carpino nero (Ostrya carpinifolia). Alle quote più elevate diviene dominante la presenza del faggio (Fagus sylvatica) - favorito dal clima particolarmente piovoso dell’area - che chiude l’orizzonte forestale della valle. Le faggete sono state sacrificate per fare spazio a prati e pascoli e pochi sono i consorzi che rimangono a testimoniare l’ampia diffusione che caratterizzava questa specie. Intercalate alle formazioni boscate sono le vaste distese prative e i pascoli percorsi da una rete di siepi che segnano la vecchia rete viaria e i margini dei poderi. Essi interessano in modo particolare gli ampi terrazzi che accompagnano in quota il torrente Imagna e il gradino che taglia il versante settentrionale dell’Albenza, su cui si collocano Costa Imagna, Roncola, Bedulita, su suoli derivanti dalla disgregazione/decomposizione di calcari marnosi. Le praterie di quota al di sopra dei 1100 metri sono caratterizzate da consorzi a Sesleria varia e a Carex sempervirens e Carex firma, ricchi di specie endemiche tra le quali Primula glaucescens, Aquilegia einseliana, Silene elisabethae, Allium insubricum, Viola dubiana, Cytisus emeriflorus, Scabiosa vestina, Saxifraga vandellii, ecc. I ristretti ambiti rupicoli costituiti dalle rupi e dai detriti di falda dei versanti settentrionali dell’Albenza e dalle guglie e pendii rupestri e fessurati del paesaggio dolomitico dei rilievi occidentali ospitano alcune essenze endemiche insubriche quali Campanula elatinoides, Campanula raineri, Telekia speciosissima, accompagnate dal tipico corteggio di piante degli affioramenti litoidi. Il territorio della valle Imagna e dell’Almennese appare caratterizzato da ampie aree boscate con funzione di serbatoi in corrispondenza dei versanti più acclivi e aduggiati dei maggiori rilievi, Monte Ubione, Albenza, Corna Camozzera. Ampie macchie boscate e cortine verdi a sviluppo lineare lungo i numerosi corsi d’acqua formano con le siepi che percorrono gli spazi aperti una fitta trama che conferisce all’area una funzionalità ecologica ancora significativa.

6.6 ASPETTI FAUNISTICI

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

La zona della Valle Imagna si presenta come una delle valli bergamasche che ha subito maggiormente le alterazioni operate dall’uomo. E’ solcata da una principale via di comunicazione fondovalliva che non costituisce una barriera insormontabile per le specie animali. La presenza di abitati ed insediamenti artigianali tendono però a frammentare la valle. Buone sono le connessioni con i territori adiacenti specialmente con la parte alta della Valle

335


Comune di Almenno San Salvatore

Brembana attraverso il corridoio della Val Taleggio. Non mancano flussi faunistici con i territori a Sud del Linzone e della valle S. Martino. Più difficile è il transito faunistici all’imbocco della valle dove persistono centri abitati di una certa dimensione e alcune infrastrutture industriali e abitative. Nella zona sono d’interesse naturalistico, in quanto hanno ancora un buon grado di naturalità, tutte le fasce culminali che vanno dalla Corna Camozzera al Resegone al Palio ai “tre faggi”. Qui si alternano zone rocciose con alpeggi e boschi di latifoglie e di conifere. Di minor interesse è la zona più bassa della valle occupata da insediamenti di vario tipo. La zona esterna alla valle dei comuni di Palazzago, Caprino ed Almenno, presenta delle zone seminaturali di valore in cui si alternano boschi con zone seminaturali di pregio (tratto dal documento preliminare del Piano di Settore della rete ecologica provinciale). La fauna della Valle Imagna è assai ricca. Non è raro trovare nella parte alta della valle, vicino al Resegone esemplari di camosci (Rupicapra rupicapra) e molto diffusi sono i caprioli (Capreolus capreolus), trovando condizioni ideali di vita nei boschi dove si possono tranquillamente riprodurre. Vi è poi la volpe (Vulpes vulpes), diffusissima, presente in tutta la valle. Al limite della vegetazione arborea vivono faine (Martes foina) e donnole (Mustela nivalis), che si cibano di piccoli roditori, ed abbastanza comune è la lepre (Lepus europaeus). Vi sono inoltre tassi (Meles meles), scoiattoli (Sciurus vulgaris), moscardini (Muscardinos avellanarius), ricci (Erinaceus europaeus), ghiri (Glis glis), martore (Martes martes), toporagni alpini (Sorex alpinus), topi selvatici (Apodemus sylvaticus) e pipistrelli. Per quanto riguarda l’avifauna, tra i rapaci troviamo falchi (gen. Falco), poiane (Buteo buteo), gheppi (Falco tinnunculus), civette (Athene noctua), barbagianni (Tyto alba), gufi comuni (Asio otus)e gufi reali (Bubo bubo). Nei boschi non è di rado trovare le gazze (Pica pica) e le ghiandaie (Garrulus glandarius) dalle bellissime penne azzurre, sentire il canto del cuculo (Cuculus canorus) e il ticchettio del picchio (gen. Dendrocopos). Nella parte alta della valle vivono le coturnici (Alectoris graeca), le quali prediligono come habitat i canaloni e le zone soleggiate, e il gallo forcello (Tetrao tetrix) che vive tra gli arbusti nani dell'alta valle, nutrendosi di bacche, lamponi e mirtilli. Nella parte più bassa della valle si trovano i fagiani (Fhasianus colchicus), le starne (Perdix perdix) e le pernici (gen. Alectoris). Tra i passeriformi troviamo, oltre il passero comune (Passer domesticus), il cardellino (Carduelis carduelis), il merlo (Turdus merula), il fringuello (Fringilla coelebs), il pettirosso (Erithacus rubecola) e il verdone (Chloris chloris). La valle è inoltre ricca di presenze appartenenti all’erpetofauna. Tra i rettili che abitano il territorio della valle troviamo: la vipera comune (Vipera aspis), il marasso (Vipera berus),

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

336


Comune di Almenno San Salvatore

l’orbettino (Anguis fragilis), il saettone (Elaphe longissima), il colubro liscio (Coronella austriaca), la natrice dal collare (Natrix natrix), il biacco (Coluber viridiflavus), la lucertola vivipara (Zootoca vivipara), la lucertola comune (Podarcis muralis)e il ramarro (Lacerta bilineata). Tra gli anfibi troviamo invece popolazioni di rospo comune (Bufo bufo), dell’ululone dal ventre giallo (Bombina variegata), specie endemica della Pianura Padano-Veneta orientale, della rana rossa di montagna (Rana temporaria) e della salamandra pezzata (Salamandra salamandra) che trovano nei corsi d’acqua che caratterizzano la valle o nei piccoli bacini di acque ferme, idonei habitat riproduttivi e, nei versanti boscati e nei prati, il loro habitat terrestre. Infine, per quanto riguarda l’ittiofauna, tra le specie ittiche che abitano i corsi d’acqua troviamo le trote, quali l’endemica trota mormorata (Salmo (trutta) marmoratus), e le alloctone trota fario (Salmo (trutta) fario) e trota iridea (Oncorhynchus mykiss), nonché il vairone (Leuciscus muticellus), il barbo (Barbo plebejus) e la sanguinerola (Phoxinus phoxinus).

6.7 STORIA DELLA VALLE IMAGNA E DI ALMENNO SAN SALVATORE

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

La Valle Imagna E’ certo che la Valle Imagna fu popolata fin da tempi lontanissimi, almeno dall’età del rame e del bronzo. I reperti recentemente rinvenuti presso la grotta denominata Tomba del Polacco di Rota confermano la presenza umana già a partire dall’età del bronzo. La grotta fu frequentata per lungo tempo dal 2000 a.C. al 900/800 a.C. Dai reperti ritrovati si può supporre che essa venisse usata per ragioni di culto e per pratiche magiche. Difficile stabilire la provenienza di queste prime popolazioni, si sa per certo che tra il 550 e il 500 a.C. a queste tribù si sovrapposero i Celti, popolo di agricoltori e di guerrieri, provenienti dalle Alpi occidentali e che si stanziarono in territorio bergamasco. In seguito la valle passò gradualmente sotto il controllo dei Romani, di cui in valle sono state trovate testimonianze per lo più sotto forma di lapidi votive. All’epoca il territorio vallivo era ancora ricoperto di boschi e prati, ma gradualmente si intensificarono le attività agro – silvo – pastorali. Seguì un lungo periodo di equilibrio e di sviluppo economico che fu bruscamente interrotto dall’arrivo di popolazioni barbariche. Il V secolo dC. vide infatti il passaggio di numerose popolazioni barbare con il loro corollario di distruzioni, saccheggi, incendi e stragi. L’arrivo dei Longobardi causò un periodo di instabilità che si protrasse fino al 589 e ad aggravare la situazione intervenne anche la peste del 572/573.

337


Comune di Almenno San Salvatore

Ne seguì un periodo di pace fino al 774 quando i Longobardi furono sconfitti dai Franchi guidati da Carlo Magno, Imperatore dei Franchi. Al disgregarsi dell’impero carolingio la valle venne entrò a far parte prima del Regno Italico e poi del Sacro Romano Germanico Impero. Nel 975 fu donata dall’imperatore al vescovo di Bergamo. Dopo il mille, accanto alle attività agricole si svilupparono attività artigianali legate alla lavorazione del legno. Verso il 1100 iniziò invece l’epoca comunale che fu di notevole importanza per lo sviluppo della zona e favorì la nascita creazione di nuovi insediamenti. La denominazione Val Imagna sembra nascere proprio in questo periodo come derivazione dal tardo latino Valdemanus, ossia guardiaboschi. Lo statuto di Bergamo indica la valle come Comune di Valdimania confermando l’acquisita autonomia territoriale e la valle si dota di proprie leggi a cui tutti i borghi devono far riferimento. Le prime vicende politiche proprie della valle a noi note risalgono al 1300 e riguardano lotte tra guelfi e ghibellini ed è proprio per queste vicende belliche che in quegli anni si costruirono i primi castelli. Alla fine del secolo la valle fu annessa alla signoria ghibellina dei Visconti e, sotto il governo di Gian Galeazzo Visconti si ebbe un ulteriore periodo di pace con un relativo progresso economico. I Visconti, entrati in guerra con la Repubblica di Venezia, persero a favore di quest’ultima sia Bergamo che la quasi totalità della Valle Imagna (Brumano rimase viscontea) e, con la pace di Lodi, furono fissati i confini tra Ducato e Serenissima. Nel 1678 vennero riconfermati i confini tra Ducato e Repubblica di Venezia, ma la posizione geografica di confine costituì comunque un pericolo per la gente della valle. Il Ducato di Milano, terminata la signoria viscontea - sforzesca passò prima sotto il governo spagnolo e poi dal 1714 sotto il controllo degli Asburgico, ciò non diminuì però le contese e le controversie tra gli abitanti del milanese e della Valle in merito allo sfruttamento boschivo. Nel corso del Settecento aumentarono le imposte fiscali della Repubblica di Venezia, la valle si caratterizzò per l’alta produzione di castagne ma come tutto il territorio montano della Bergamasca fu costretto ad importare derrate alimentari. Con la caduta della Repubblica di Venezia nacquero prima la Repubblica Cisalpina e poi il napoleonico Regno d’Italia, durante il quale si ebbe una riorganizzazione amministrativa della Valle, ma la situazione economica confermò, comunque, una realtà poco progredita rispetto ai secoli precedenti. Dopo la caduta di Napoleone e fino all’unità d’Italia, la Valle entrò a far parte dell’impero austro-ungarico. Dopo l’unità d’Italia, sul finire del XIX secolo iniziò il fenomeno migratorio, che perdurò fin dopo la seconda guerra mondiale. Le prime iniziative turistiche che interessarono la valle furono avviate all’inizio del ‘900.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

338


Comune di Almenno San Salvatore

Almenno San Salvatore: cenni storici Almenno San Salvatore deriva il proprio toponimo da Lemine, di incerta etimologia, che individuava già in epoca romana un ampio comprensorio territoriale strutturato in pagus il cui centro amministrativo si trovava nell'area del Castello in prossimità del ponte di Lemine, noto come Ponte della Regina. Il territorio almennese, antropizzato fin dalla protostoria, ha visto il passaggio dei Celti, dei Galli Cenomani, dei Romani, che oltre al ponte sul Brembo lasciarono diverse testimonianze archeologiche, per diventare, dopo la conquista longobarda, una curtis regia. Dopo la caduta del regno longobardo, Almenno divenne una curtis comitale del Impero Carolingio e il suo territorio fece parte della contea di Lecco; alla fine dell'XI secolo passò come beneficium all'episcopato di Bergamo nel cui possesso rimase fino al 3 marzo 1220, anno in cui i diritti feudali passarono al nascente comune. Le lotte tra i Guelfi e i Ghibellini interessarono anche la comunità almennese che portò alla divisione del comune, il 26 gennaio 1393, in Lemine Inferiore, ghibellina, e Lemine Superiore, guelfa, spesso in violento e cruento contrasto tra loro, tradizionalmente alleate, la prima, dei Visconti e, la seconda, di Venezia. Dopo il passaggio di Bergamo sotto il dominio veneziano la parte ghibellina subì la rivalsa di quella guelfa che si concluse con la distruzione di Lemine Inferiore per ordine del podestà di Bergamo, Gritti, 13 agosto 1443. Di Lemine Inferiore restarono soltanto la Pieve, la chiesa di San Giorgio e alcune edicole religiose, per i ghibellini fu l'esilio. Lemine Superiore, sopravvissuta alle lotte tra guelfi e Ghibellini, si trovò ad avere una comunità molto ampia che portò alla nascita di un’altra parrocchia oltre il torrente Tornago, quella di San Bartolomeo. Tra le due comunità, coagulate attorno alle due parrocchie, si manifestarono presto interessi differenti e divergenti che resero inevitabile l'ultima scissione di Almenno. Il 30 marzo 1601 fu rogato l'atto notarile che statuiva la suddivisione di Almenno nei due comuni di Almenno San Bartolomeo, costituito dai territori di Albenza, Longa e Pussano, e Almenno San Salvatore, costituito dalle contrade di Porta, Borgo e Sotto.

La carta seguente evidenzia le dinamiche insediative avvenute sul territorio partendo da una situazione dell'urbanizzato al 1885-1890, aggiornata per soglie storiche successive: 1931-1937 /

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

339


Comune di Almenno San Salvatore

1954-1959 / 1969-1974. Tali informazioni sono state tratte dalle carte I.G.M.I. in scala 1:25.000/50.000 e riportate su C.T.R. scala 1:25.000, aggiornate alla soglia temporale della base cartografica 1983 per il territorio montano e al 1994 per la pianura. In esse si riconoscono i nuclei storici, già presenti alla fine del XIX secolo e spicca l’espansione dell’urbanizzato avvenuta negli anni ’70 e ’80 che ha interessato notevolmente il territorio centrale del Comune.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

340


Comune di Almenno San Salvatore

Carta delle soglie significative dell’evoluzione dell’urbanizzato

Fonte: SITer Provincia di Bergamo

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

341


Comune di Almenno San Salvatore

6.8 ARTE E ARCHITETTURA

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

Santuario della Madonna delle Candele o Madonna del Castello Il Santuario Madonna del Castello si trova nella omonima località del comune di Almenno San Salvatore. La Madonna del Castello è costruita a picco sul Brembo in tre corpi: la cripta del VII-VIII secolo, poggiata direttamente sulla parete rocciosa a strapiombo sul fiume, la primitiva chiesa Plebana (IX-XII secolo) e il Santuario di “S. Maria del Castello” del XVI secolo. Senza dimenticare la possente e singolare bellezza, tutta romanica, dell’imponente ambone in pietra del XII secolo e l’eleganza della cappella rinascimentale che incornicia l’immagine miracolosa della Vergine col Bambino. Si tratta di un edificio ecclesiale cinquecentesco molto particolare in quanto costituisce un insieme con la Pieve di Lemine a cui è addossato e che ha inglobato. Nel 1393 Almenno si divise in Lemini Superiore guelfo e Lemine Inferiore ghibellino che venne alfine distrutto quando nel 1428 prevalse la parte guelfa con l’arrivo della Serenissima. Dopo la distruzione di Lemine Inferiore, la pieve cadde in uno stato di abbandono materiale e religioso assoluto, destinata forse a scomparire se non fosse intervenuto alla fine del XIV secolo un intervento straordinario. Un assestamento dell'edificio aveva fatto spostare un muro di rinforzo che copriva l'affresco di una Madonna col Bambino di cui si era persa la memoria. La riapparizione dell'affresco fu ritenuto un evento miracoloso, un segno divino diretto alla riappacificazione della comunità, che gli attribuì effetti miracolosi. La profonda fede della gente, provata da faide, produsse una notevole messe di offerte e donazioni non solo da parte dei fedeli locali, ma anche di quelli delle zone limitrofe. Si determinò così la volontà di costruire una nuova chiesa per onorare il miracolo della riapparizione della Madonna col Bambino, nello stesso posto in cui l'evento si era verificato, addossandola cioè alla vecchia pieve che veniva a fare parte del nuovo edificio e recuperava così l'importanza religiosa perduta. La costruzione della nuova chiesa, piuttosto lenta, probabilmente a causa di difficoltà di ordine finanziario, fu consacrata il 4 giugno 1590 e dedicata alla Madonna del Castello in ricordo del castello ivi sorto in precedenza. Il Santuario della Madonna del Castello è inoltre una delle 4 tappe, insieme a San Nicola, San Giorgio, a San Tomé (quest’ultima ad Almenno San Bartolomeo) del giro della 4 chiese romaniche del’agro almennese.

342


Comune di Almenno San Salvatore

Basilica di San Giorgio in Lemine La chiesa di S. Giorgio, la più grande chiesa romanica della Diocesi di Bergamo dopo S. Maria Maggiore, sorge isolata in aperta campagna. Ora che si sono conclusi, dopo due anni, i lavori di rifacimento della copertura e il restauro dei dipinti murali, i visitatori possono ammirarla nella sua imponente struttura architettonica e visitare all’interno il prezioso campionario di affreschi dal XII al XV secolo dedicati alla vita di Cristo. È’ una chiesa sorta intorno all'anno 1150, ora immersa nel verde della campagna, mentre anticamente era circondata da un borgo medioevale, distrutto dalla Repubblica Veneta nel 1443. Pare sia stata fatta edificare dall'Episcopato di Bergamo nel periodo in cui si ricostruiva la basilica di San Maria Maggiore in città; vi avrebbero lavorato le medesime maestranze, utilizzando gli stessi materiali e tecnica costruttiva. Dopo la fase iniziale, i lavori subirono un’interruzione e furono conclusi sulla fine del XII secolo con una muratura diversa. L'aspetto più importante di San Giorgio è la decorazione pittorica. La chiesa conserva il più consistente campionario di affreschi due-trecenteschi che in Bergamasca si possano ammirare raccolti in un solo luogo. Sulle pareti delle navate laterali e sui pilastri ci sono affreschi votivi, il cui soggetto riguarda la Vergine o Santi particolarmente venerati, ma i più importanti si trovano sulla navata centrale e formano un ciclo completo della Vita di Cristo, il più antico conosciuto in Bergamasca. Pittori ignoti della fine del Duecento e degli inizi del Trecento di scuola romana, assisiate e lombarda ne sarebbero gli autori. Chiesa di San Nicola Spostandosi nella parte alta del paese si può ammirare un altro gioiello di Almenno, la chiesa di San Maria della Consolazione, detta comunemente di San Nicola. Sorta nel 1488 per un voto della popolazione, fu affidata all'ordine degli Agostiniani, per i quali si edificò vicino anche un monastero con un magnifico chiostro in stile tardogotico. Il complesso si trova in un’incantevole posizione sulla sommità di una collina ammantata di vigneti. Nella chiesa si conservano alcune tele di valore, come la "Trinità" del Previtali, datata 1517, la "Sacra Famiglia" di Francesco da Ponte detto il Bassano (XVI sec.). Numerosissimi sono poi gli affreschi dei secoli XV-XVIII, che coprono le pareti delle dodici cappelle laterali, molti dei quali attribuiti ad Antonio Boselli; splendido il soffitto originario a formelle in cotto decorate a mano e alcune lastre tombali degli inizi del XVI secolo.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

343


Comune di Almenno San Salvatore

In San Nicola si trova anche il piÚ antico organo della Bergamasca; fabbricato nel 1588 dagli Antegnati e recentemente restaurato, è spesso usato per concerti di grande richiamo.

Santuario Madonna del Castello

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

344


Comune di Almenno San Salvatore

Chiesa di San Nicola

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

345


Comune di Almenno San Salvatore

Chiesa di San Giorgio

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

346


Comune di Almenno San Salvatore

Vedurta della Chiesa di San Giorgio

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

347


Comune di Almenno San Salvatore

Altri monumenti di rilievo sono le parrocchiali di San Salvatore Nuovo e di San Bartolomeo. La prima, sorta nel 1455 circa, è stata pesantemente ristrutturata nella prima metà del Settecento. La seconda, fondata nel 1426, è stata modificata per ben tre volte; l’edificio attuale è della seconda metà del Settecento. Ambedue sono ricche di numerose opere d'arte: quadri, statue, paramenti e suppellettili sacri. Di notevole importanza architettonica vi è ad Almenno S.Bartolomeo il tempio di San Tomè, affascinante chiesetta romanica del XI-XII secolo che sorge appartata nella campagna circostante. Chiesa parrocchiale di San Salvatore Sorta intorno alla metà del 1400 e consacrata nel 1502 dal vescovo Lorenzo Gabrieli, la parrocchiale di Almenno San Salvatore subì ristrutturazioni di rilievo nel 1660 e nel 1710. Vennero apportate modifiche sia all'interno dell'edificio dove furono abbattute le arcate gotiche, innalzata la navata e impostata la volta a botte, che all'esterno dove la facciata profondamente modificata assunse l'attuale aspetto neoclassico. La chiesa è ricca di numerose opere d'arte tra cui numerosi dipinti: La Vergine con Bambino di Giovan Francesco Barbieri (1591-1666) detto il Guercino da Cento; S. Antonio da Padova, di Padre Massimo da Verona (1600 ca. ? 1679); S. Cristoforo con i Santi Sebastiano e Rocco, tela attribuita a Bernardo Strozzi (1581-1644); Battesimo di Gesù , opera di Vincenzo Angelo Orelli (1751-1813). Chiesa parrocchiale di San Bartolomeo La parrocchiale di Almenno San Bartolomeo venne fondata agli inizi del 1400 dal vescovo Francesco Aregazzi. Dopo aver subito un'iniziale modifica nella seconda metà del 1500, venne ricostruita tra il 1783 e il 1820, su progetto dell'arch. Girolamo Salvatore Luchini, e consacrata nel 1861 dal vescovo Luigi Speranza. Molte sono le opere d'arte dell'antico edificio ancora conservate nell'attuale chiesa come paramenti, suppellettili sacre, statue, e dipinti ad olio di notevole valore artistico: Madonna col Bambino in trono (1485) opera di Bartolomeo Vivarini di Murano (1450-1499); San Pietro in Cattedra (XV secolo) di Cristoforo Caselli detto il Temperello; Madonna e Santa Caterina, eseguita da Gian Battista Moroni (1523-1578); S. Timoteo e Santi(1657) di Padre Massimo da Verona (1600 ca.-1679); Pietà (1659) di Johan Cristoforus Storer (1611-1671)Martirio di San Bartolomeo di Pietro Ricci (1606-1675); L'educazione di Maria Vergine (1826) opera di Giovanni Carnevali detto il Piccio (1804-1873).

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

348


Comune di Almenno San Salvatore

Chiesa di San Tomè Gioiello in senso assoluto di questo patrimonio artistico è il tempio romanico a pianta circolare di San Tommaso in Lemine,universalmente noto come San Tomè,Opera tra le più suggestive del romanico lombardo, il tempio ha pianta circolare con abside sporgente ed è formato da tre cilindri sovrapposti a scalare. La collocazione dell'edificio su un terrazzo fluviale affacciato sul selvaggio corso del Tornago tra una fitta vegetazione, accresce l'atmosfera magica del luogo.

Chiese parrocchiali di Almenno San Salvatore e di Almenno San Bartolomeo

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

349


Comune di Almenno San Salvatore

San Tomè

Tra le altre archietturae di rilievo storico ad almenno San Salvaotre vi sono la Pieve e il palazzo dell’ex-pretura. Pieve di San Salvatore Più importante sotto l'aspetto storico e non meno preziosa sotto l'aspetto artistico, è la Pieve di San Salvatore. E' la più antica chiesa del territorio dalla quale sono nati tutti i luoghi di culto delle valli Brembana, Imagna e Brembilla. Le sue origini si fanno risalire al periodo longobardo, con massicci inte venti nel XII sec. Il monumento è impreziosito da alcuni affreschi fra i più antichi della bergamasca, un pulpito romanico del 1130 ca.in arenaria con scolpiti i simboli dei quattro evangelisti e la cripta del VII-VIII sec., a pianta rettangolare, che nel suo genereè forse l'unico esempio rimasto nella diocesi di Bergamo. Davanti alla facciata della Pieve venne poi edificata, agli inizi del Cinquecento, un'altra chiesa detta della Madonna del Castello, a pianta rettangolare, a navata unica. Al centro della parete di fondo è custodito uno splendido ciborio ottagonale in stile rinascimentale, con scene della Vita della Vergine.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

350


Comune di Almenno San Salvatore

Il palazzo dell’ex Pretura Le notizie storiche concernenti l''ex-Pretura' finora ritrovate risalgono all'anno 1696 e sono reperibili in un atto notarile redatto il 22 novembre di quell'anno 'ante ianuam domorum iuris Ill.mi Comitis Caroli Pellicioli sitarum prope Cimiterium S. Salvatoris', davanti alla porta delle case di proprietà dell'illustrissimo conte Carlo Pellicioli poste presso il cimitero della chiesa di S. Salvatore (Archivio di Stato di Bergamo, Fondo Notarile, G. Battista Lauro Cattaneo n. 7158, 22 novembre 1696). Da questo documento si deduce che l'edificio esisteva già nel Seicento e che il proprietario era il conte Carlo Pellicioli; per cui esso potrebbe essere chiamato Palazzo Pellicioli. Ulteriori ricerche potranno chiarire se fu il conte stesso a farlo edificare ex novo, se esisteva già precedentemente così come è ed il Pellicioli lo acquistò da altri, oppure se egli ampliò una qualche precedente costruzione. Alla morte del conte Carlo l'edificio passò in eredità al figlio Pinamonte Pellicioli, sposo della contessa Emilia Brembati. Che si tratti effettivamente dell'edificio della ex-Pretura è confermato da altro documento redatto 'sub quadam porticu terranea prope domos iuris ill.morum heredum q. ill.mæ d.næ Comitissæ Emiliæ Brembatæ Pelliciolæ... sita prope Ecclesiam Præposituralis', sotto un certo portico al pianterreno presso le case di proprietà degli illustrissimi eredi della fu illustrissima signora contessa Emilia Brembati Pellicioli... posto (il portico) presso la chiesa prepositurale di S. Salvatore (Archivio di Stato di Bergamo, Fondo Notarile, G. Battista Lauro Cattaneo n. 7161, 13 febbraio 1710). Il documento fa senza dubbio riferimento al porticato aperto al piano terra tuttora esistente nella ex-Pretura. La collocazione della Biblioteca Comunale in una parte del palazzo dell''ex-Pretura' ha risolto definitivamente e in modo esemplare il recupero di un importante edificio storico, restituendolo anche alla fruizione pubblica. Le notizie storiche concernenti l''ex-Pretura' finora ritrovate risalgono all'anno 1696 e sono reperibili in un atto notarile redatto il 22 novembre di quell'anno 'ante ianuam domorum iuris Ill.mi Comitis Caroli Pellicioli sitarum prope Cimiterium S. Salvatoris', davanti alla porta delle case di proprietà dell'illustrissimo conte Carlo Pellicioli poste presso il cimitero della chiesa di S. Salvatore (Archivio di Stato di Bergamo, Fondo Notarile, G. Battista Lauro Cattaneo n. 7158, 22 novembre 1696). Da questo documento si deduce che l'edificio esisteva già nel Seicento e che il proprietario era il conte Carlo Pellicioli; per cui esso potrebbe essere chiamato Palazzo Pellicioli. Ulteriori ricerche potranno chiarire se fu il conte stesso a farlo edificare ex novo, se esisteva già

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

351


Comune di Almenno San Salvatore

precedentemente così come è ed il Pellicioli lo acquistò da altri, oppure se egli ampliò una qualche precedente costruzione. Alla morte del conte Carlo l'edificio passò in eredità al figlio Pinamonte Pellicioli, sposo della contessa Emilia Brembati. Che si tratti effettivamente dell'edificio della ex-Pretura è confermato da altro documento redatto 'sub quadam porticu terranea prope domos iuris ill.morum heredum q. ill.mæ d.næ Comitissæ Emiliæ Brembatæ Pelliciolæ... sita prope Ecclesiam Præposituralis', sotto un certo portico al pianterreno presso le case di proprietà degli illustrissimi eredi della fu illustrissima signora contessa Emilia Brembati Pellicioli... posto (il portico) presso la chiesa prepositurale di S. Salvatore (Archivio di Stato di Bergamo, Fondo Notarile, G. Battista Lauro Cattaneo n. 7161, 13 febbraio 1710). Il documento fa senza dubbio riferimento al porticato aperto al piano terra tuttora esistente nella ex-Pretura. La collocazione della Biblioteca Comunale in una parte del palazzo dell''ex-Pretura' ha risolto definitivamente e in modo esemplare il recupero di un importante edificio storico, restituendolo anche alla fruizione pubblica.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

352


Comune di Almenno San Salvatore

6.9 SAGRE E PRODOTTI TIPICI

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

Il dolce tipico di Almenno San Salvatore «Ol Risol» è stato proclamato da una giuria di esperti pasticceri il dolce tipico di Almenno San Salvatore. Il verdetto è stato dato nel corso della cerimonia di premiazione del concorso, promosso dalla Pro loco con il patrocinio del Comune, per «ideare» un prodotto dolciario identificativo del paese di Almenno San Salvatore divenendo: Motivo di promozione territoriale; Elemento di attrazione turistica; Strumento di ricaduta economica sui produttori di Almenno San Salvatore Oggetto di coesione tra gli operatori locali di settore. Ad aggiudicarsi il concorso è stata la «creazione» di Daniel Prandi, chef del ristorante Fia di Almenno San Salvatore: un dolce da forno di due chili con base di pastafrolla a rappresentare l'Isola, sormontato da un triangolo (Almenno) di farina di granoturco, ricotta, uvetta e nocciole. «Oltre che motivo di promozione territoriale – ha spiegato Donata Natali, vicepresidente della Pro loco di Almenno – il nuovo dolce tipico deve diventare un elemento di attrazione turistica». La giuria che ha selezionato il dolce era composta da Alberto Ravasio, già chef al ristorante «Ponte di Briolo» di Valbrembo, da Pietro Lecchi, titolare dell'omonima pasticceria di Capriate, e da Diego Rodeschini, titolare della pasticceria «Acquario» di Sant'Omobono. Dopo una degustazione dei dolci in concorso i giurati hanno decretato il successo della torta «Ol Risol» di Prandi, chef del ristorante Fia. Al secondo posto con il dolce «La turta del butighèt» e una menzione speciale della giuria, si è classificata la Forneria Rota, mentre al terzo posto a pari merito, «Torta Lemine» del ristorante CantinaLemine e «La Smaiassa» del ristorante Palanca. Alle cerimonia di premiazione erano presenti anche gli assessori Onorina Carminati e Giovanni Locatelli. Ora, in accordo con il Comune, la Pro Loco ha già al vaglio strategie possibili affinchè la torta “Ol Risol” si affermi sempre più nel tempo in ambito provinciale e regionale quale “marchio” identificativo del territorio, sempre reperibile in ogni esercizio commerciale da parte degli Almennesi, dei turisti e di quanti un giorno verranno apposta per acquistare il dolce tipico di Almenno San Salvatore.

353


Comune di Almenno San Salvatore

Il Consorzio Tutela Valcalepio e la produzione del vino ad ALmenno San Salvatore L’origine del consorzio Il Valcalepio ha rappresentato sicuramente la rinascita dell'enologia in terra bergamasca. Mentre negli anni dell'industrializzazione selvaggia l'abbandono dei terreni collinari sembrava inarrestabile, verso la metà degli anni settanta si trovavano le forze per porre le prime basi per una nuova, grande, avventura del vino del Colleoni. Il fulcro di questo progetto è stato rappresentato dalla Cantina Sociale Bergamasca che, in quegli anni, ha iniziato una nutrita serie di vinificazioni sperimentali con vitigni autoctoni e vitigni miglioratori, fino ad arrivare alla scelta di due tipologie per le quali richiedere la doc. Rimane quindi indelebile per i viticoltori bergamaschi il 1976, anno in cui si ottenne il decreto che sancisce ufficialmente la denominazione di origine controllata Valcalepio nelle due tipologie: rosso e bianco. Per quell'epoca la scelta era decisamente coraggiosa: il rosso univa due vitigni importanti, Merlot e Cabernet, mentre per il bianco veniva codificato l’impiego di Pinot bianco e Pinot grigio. La struttura agricola nella bergamasca era in decisa evoluzione: si passava dalla mezzadria alla conduzione diretta e tante piccole realtà produttive emergevano e si affermavano in un contesto del consumo del vino in rapida evoluzione. In questo ambito, la fondazione del Consorzio Tutela Valcalepio, che iniziava un'opera di unione delle varie realtà e di formazione dei produttori sia da un punto di vista viticolo che enologico, costituiva sicuramente un evento dirompente, soprattutto per la lungimiranza operativa, tutta protesa a creare lo sviluppo delle piccole imprese. E, per dichiarare apertamente le robuste ambizioni di innovare il settore vitivinicolo per fare un’enologia di alto livello capace di conquistare mercati vicini e lontani, l'effige del Colleoni, il più famoso condottiero bergamasco, fu inserita nel marchio del Consorzio. Un notevole aiuto alla nascita di questa realtà fu fornito dalla locale Camera di Commercio e dall'Amministrazione Provinciale che, negli anni, hanno supportato le aziende al fine di portarle all'adeguamento delle strutture produttive e mercantili. Nel 1993 si intuisce l'importanza di dare un nuovo impulso all'innovazione e di codificarla nella doc: ecco quindi la modifica al disciplinare con l'avvento di una nuova tipologia di rosso, la riserva, caratterizzata da un invecchiamento più accentuato. Nel nuovo disciplinare si è inoltre data maggiore dignità alle varietà autoctone con l'introduzione della tipologia Moscato passito. Il resto è cronaca che, tra gli eventi più importanti, porta a perseguire e a ottenere, primi in

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

354


Comune di Almenno San Salvatore

Italia, la certificazione di prodotto. La passione e il pragmatismo tipico bergamasco si fondono in questo progetto, che inizia con una poderosa indagine di verifica delle attese del consumatore, volto a dare al bevitore saggio maggiore soddisfazione e la sicurezza nella scelta. Così redatto un rigoroso disciplinare basato sulle caratteristiche organolettiche dei Valcalepio, istituito un gruppo di giudici esperti che agiscono secondo le norme scientifiche dell'analisi sensoriale, viene chiamato un ente terzo operante secondo le norme Iso a garantire la perfetta rispondenza tra qualità promessa e qualità erogata. Da questa scelta si può capire l'importanza che ha per l'enologia bergamasca il consumatore: solamente stabilendo patti chiari, questo il credo imperante, è possibile evitare equivoci e mantenere nel tempo un rapporto duraturo e costante. E, per poter dare un'immediata percezione dell'immagine del Valcalepio e del suo collegamento con il territorio, viene fatta un'altra scelta importante: una bottiglia che rappresenti il prodotto, una bottiglia semplice, come semplici sono coloro che producono il vino che essa contiene. Una bottiglia, blasonata dal busto del Colleoni, che conterrà solamente il Valcalepio che ha superato la degustazione della commissione consortile. Il Consorzio Tutela Valcalepio, costituito nel 1977 da 22 soci, ne conta oggi 86 e comprende circa il 98% dei produttori di Valcalepio. Il Consorzio non ha fini di lucro ed stato costituito per tutelare, valorizzare e difendere la produzione e il commercio del vino a Denominazione d'Origine Controllata "Valcalepio". La zona di produzione del Valcalepio si trova nella provincia di Bergamo ed è compresa nella fascia collinare che va dal lago di Como al lago di Iseo. Il ventaglio ampelografico bergamasco decisamente vasto e variegato. I vitigni più importanti sono: vitigni a bacca bianca: Pinot bianco, Pinot grigio, Chardonnay, Manzoni bianco, Moscato giallo; vitigni a bacca nera: Merlot, Cabernet Sauvignon, Barbera, Incrocio Terzi n.1, Franconia, Marzemino, Schiava lombarda, Schiava meranese, Moscato di Scanzo. Sopravvivono anche alcune variet?autoctone quali: Merera, Altulina, Gafforella ed altre che ricordano la storicit della viticoltura locale. Nel territorio di Almenno San Salvatore è presente un’azienda associata al Consozio, l’Azienda Agricola Lurani Cernuschi.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

355


Comune di Almenno San Salvatore

Il comune di Almenno è inserito nel percorso enogastronomico strada del vino e dei sapori della Valcalepio. La Strada del Vino e dei Sapori della Valcalepio si snoda in tre percorsi che consentono ai turisti di poter conoscere tutta la fascia collinare Bergamasca ed i suoi prodotti tipici. Il primo percorso, detto anche dei Monasteri, acui appartiene anche Almenno San Salvatore, si snoda nella parte ovest della provincia e consente di visitare Monasteri e Chiese molto caratteristici. Il secondo percorso, che rappresenta il cuore della Valcalepio enologica, si snoda a partire dalla città di Bergamo, percorre tutta la fascia collinare da Alzano a Chiuduno e consente la visita sia di Castelli e Monasteri che di notevoli bellezze naturali. Il terzo percorso, denominato dei Laghi, parte dal casello autostradale di Grumello del Monte e snodandosi tra le colline di Grumello del Monte, Gandosso e Villongo, approda al lago d’Iseo.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

356


Comune di Almenno San Salvatore

All’interno di tutti i percorsi, oltre alle visite delle numerose bellezze storiche, naturalistiche ed architettoniche, si incontrano un notevole numero di aziende agricole che consentono una breve sosta durante la quale degustare i vini a Denominazione di Origine Valcalepio e quelli a IGT Bergamasca.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

357


Comune di Almenno San Salvatore

L’azienda agricola Lurani Cernuschi L’Azienda agricola Lurani Cernuschi è situata nel territorio del comune di Almenno S. Salvatore, nella zona collinare a ovest di Bergamo. E’ un’azienda a vocazione vitivinicola, interamente all’interno della zona di produzione del Valcalepio D.O.C. Il centro aziendale e le cantine sono posti all’interno di un ex convento del XVI° secolo, perciò si può gustare il vino in un ambiente ricco di storia e di arte. La superficie vitata è di 13 ettari, dei quali 8,5 Ha di uve rosse (Merlot, Cabernet Sauvignon e Franconia) e 4,5 di uve bianche (Chardonnay, Pinot Grigio, Incrocio Manzoni 6.0.13). La produzione annuale di vino è di 800-1000 Hl a seconda dell’andamento stagionale (e delle eventuali, ma non richieste, grandinate !!!). Questa viene per l’80% utilizzata per vino da bottiglia di qualità, e il restante 20% viene venduto in damigiana. I tipi di vino prodotti sono 8, fra cui il Valcalepio Rosso D.O.C. e il Valcalepio Bianco D.O.C. Il vino viene poi venduto direttamente a privati nella cantina stessa. L’Azienda Agricola Lurani Cernuschi ha sede nel convento di S. Maria della Consolazione, detto di S. Nicola, eretto alla fine del XV secolo e abitato dai frati Agostiniani fino alla fine del XVIII secolo. Già in quell’epoca, in località detta “Umbriana”, ai piedi del campanile, si coltivava la vite. Nel 1772 la Repubblica Veneta, nell’ambito di una politica generale di riordino e riduzione degli istituti religiosi, fece chiudere il convento, che venne messo all’incanto. Fu acquistato dal Nobile Paolo Defendo Vitalba e successivamente, per via ereditaria, arrivò al conte Emanuele Lurani Cernuschi. Erano gli inizi del XX secolo e i terreni intorno al convento venivano coltivati a frumento, vigna e orti, oltre alla coltivazione di gelsi per l’allevamento del baco da seta, secondo la forma della mezzadria. Alcune famiglie di mezzadri abitavano nelle celle del convento, che veniva anche utilizzato come deposito di attrezzi agricoli e di materie prime; la cantina era già allora ben attrezzata per consentire, con le uve conferite dai mezzadri, la produzione del vino, che ai tempi veniva venduto esclusivamente in ambito locale. Intorno agli anni ’60, con la fine della mezzadria, Giampiero Lurani Cernuschi, figlio di Emanuele, intraprese l’opera di ammodernamento dell’azienda e di specializzazione vitivinicola. Da più di 20 anni Giovanni De Ferrari, nipote di Giampiero, prosegue l' opera nel rispetto della tradizione di famiglia.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

358


Comune di Almenno San Salvatore

Dalla metà degli anni ’70 l’azienda si è rivolta, con un’ampia gamma di vini di qualità, verso un mercato sempre più esigente e qualificato. Gli ettari vitati sono circa 15, disposti ordinatamente ai piedi del campanile del convento che ospita le cantine ed è ancora oggi il centro aziendale. Il lavoro si svolge nel ciclo della vite, in vigna e in cantina, sempre alla ricerca della qualità e nel rispetto per la natura. I sesti d’impianto, le potature invernali, l’inerbimento interfila, come le potature estive e i diradamenti, sono tutti volti a ridurre la resa per pianta, al fine di garantire la massima qualità dell’uva raccolta. La cantina è dotata di moderne attrezzature che, tra i vecchi e spessi muri costruiti dai frati, consentono una vinificazione ottimale, dalla fermentazione a temperatura controllata fino all’affinamento in bottiglia. Sotto il campanile di San Nicola la storia e il rispetto della tradizione si sposano con la modernità delle migliori tecniche enologiche. Eventi e sagre ad Almenno San Salvatore La tabella seguete riporta le principali sagre che si svolgono nel corso dell’anno nel comune di Almenno San Salvatore.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

EVENTO

PERIODO

Sagra della Madonna Candelora

Febbraio

Sagra Regionale degli uccelli

Agosto

Esposizione-Mercato dei Cani da caccia e da pastore bergamasco

Agosto

Mostra degli Articoli attinenti la caccia

Agosto

Sagra d’autunno (fiera locale aperta ai prodotti tipici, Artigianato, agricoltura, hobbistica, opere dell’ingegno)

Ottobre

359


Comune di Almenno San Salvatore

6.10 SPORT E AMBIENTE

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

Il territorio della Valle Imagna è un immenso parco naturale dove è possibile rigenerarsi all'insegna dello sport e della natura e dove, senza dubbio, gli appassionati degli sport della montagna vi trovano un ambiente ideale. Aggrappati ad una roccia, trascinati dal vento nel cielo, in mountain bike lungo le mulattiere o a cavallo tra gli affascinanti meandri della natura sono tutti modi alternativi per vivere le emozioni della Valle Imagna. E ce n'è per tutti i gusti, sia per i più temerari che per i più tranquilli, sia per gli spericolati amanti del deltaplano che per i filosofi pensatori del bird watching. Scenari alpestri con fianchi alti e dirupati, scavati da valli strette e profonde, sommità arrotondate con verdi praterie ben si prestano per escursioni e passeggiate di ogni livello e difficoltà e, passeggiare tra i sentieri della valle è senza dubbio il miglior modo per sentirsene protagonisti. L'interesse naturalistico è eccezionale, poiché vi sopravvivono specie altrove estinte. I paesaggi appaiono con visuali diverse se visti dall'alto. E inoltre possibile trascorrere piacevoli momenti nel verde dilettandosi nel giocare a golf: gli appassionati troveranno grande soddisfazione al rinomatissimo golf club d'Albenza di Almenno S. Bartolomeo. Per gli appassionati di sci alpinismo, invece, la discesa del Resegone, rappresenta una classica, facile via, partendo da Morterone o dai Piani d'Erna, per giungere fino alla vetta del Resegone e al rifugio Azzoni. Gli appassionati di roccia possono dilettarsi sulle pareti rocciose del monte Resegone, dove vi sono diversi percorsi di arrampicata. E per tutti coloro che amano la pesca il torrente Imagna offre innumerevoli luoghi dove sostare ed ammirare il serpeggiare spumeggiante delle acque. Spesso durante l'anno vengono organizzate delle gare di pesca alla trota. L'esplorazione delle grotte della valle riserva affascinanti scoperte per gli amanti del sottosuolo, esperti speleologi e dilettanti potranno usufruire dell'aiuto del gruppo speleologico della Valle Imagna. La costa del Palio e il Monte Tesoro fanno da grandiosi scenari alle evoluzioni del volo libero con deltaplano o parapendio di cui a Caprino vi è una scuola di addestramento.

360


Comune di Almenno San Salvatore

6.11 CARTOGRAFIA - ANALISI DEL PAESAGGIO AMBIENTALE E STORICO CULTURALE

LA RETE ECOLOGICA PROVINCIALE - C01 La carta riporta gli elementi costituenti la rete ecologica individuata dal PTCP sul territorio comunale di Almenno San Salvatore. In particolare, vengono individuati, quali strutture ed elementi fondamentali per garantire la continuità ecologica del territorio: •

Aree di elevato valore naturalistico in zona montana e pedemontana, le quali costituiscono il ganglio primario della rete ecologica regionale.

Il fiume Brembo, il torrente Imagna e il torrente tornago e corsi d’acqua minori Per quanto riguarda la rete ecologica, sul territorio comunale sono presenti:

Classificazione Aree di elevato valore naturalistico in zona montana e pedemontana

Ruolo nella rete ecologica

Struttura naturalistica primaria

Ambiti naturali dei laghi o dei fiumi Parchi locali di interesse sovra comunale (ambiti di opportuna istituzione) Aree agricole strategiche di connessione, protezione e conservaizone

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

Nodi di I livello provinciale

Nodi di II livello provinciale

361


Comune di Almenno San Salvatore

Tra le aree o elementi che limitano o potrebbero limitare la permeabilità ecologica del territorio vi sono invece: • • •

Le aree urbanizzate, in particolare, di fondovalle. Le aree agricole estese, prive di adeguato equipaggiamento vegetazionale. Le infrastrutture viarie, tra cui la viabilità intercentro.

TIPOLOGIE FORESTALI - C02 Nella presente carta sono state mappate e perimetrale le aree caratterizzate da aspetti vegetazionali e idrici di particolare valore per il sistema ambientale. Il Piano di Indirizzo Forestale della Comunità Montana Valle Imagna individua sul territorio comunale di Almenno San Salvatore le seguenti tipologie forestali: • • • • • •

castagneto dei substrati carbonatici dei suoli mesici castagneto dei substrati carbonatici dei suoli mesoxerici orno ostrieto tipico robinieto misto saliceto di greto saliceto di ripa

In particolare, come si può osservare dalla figura seguente, le aree boscate dominano il paesaggio del territorio settentrionale del comune, caratterrizzate principalmente da castagneti dei substrati carbonatici dei suoli mesoxerici. In prossimità delle aree urbanizzate e in parte dei corsi d’acqua principali predominano invece i robinieti misti. Saliceti di ripa caratterizzano invece le sponde del fiume Brembo nel territorio settentrionale del territorio comunale. Il grafico seguente illustra la ripartizione percentuale delle tipologie forestali rispetto alla superficie forestale complessiva sul territorio di Almenno San Salvatore. Complessivamente le aree boscate individuate dal Piano di Indirizzo Forestale si estendono per

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

362


Comune di Almenno San Salvatore

circa 1,76 Km2 del territorio comunale, pari al 36,7 % del territorio comunale (Indice di boscosità). Grafico – Ripartizione delle tipologie forestali – valori percentuali

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

363


Comune di Almenno San Salvatore

TUTELA DEL PAESAGGIO NATURALE E STORICO CULTURALE - C03 La carta analizza e riporta gli elementi che costituiscono e caratterizzano il paesaggio naturale, agricolo e il paesaggio storico culturale. In particolare, sul territorio comunale sono stati individuati i seguenti elementi: -

-

-

Nuclei di antica formazione Centri storici individuati dal PTCP Aree agricole Aree di interesse paesistico-ambientale Aree di rispetto dei corsi d’acqua Aree boscate individuate dal Piano di Indirizzo Forestale della Comunità Montana Valle Imagna Fascia di rispetto dei corsi d’acqua (D. Lgs. 42/2004) Beni architettonici (D. Lgs. 42/2004) Beni archeologici vincolati Edifici di valore storico-monumentale Rilevanze naturalistiche e paesistiche (Chiese, torri, munufatti storici, strutture ricettive di interesse collettivo, monasteri/conventi) e valori tradizionali (nuclei rurali permanenti e roccoli) Ritrovamenti e aree archeologiche Percorsi pedonali, ciclabili e di fruizione paestica, nonché la viabilità storica (al 1931)

CARTA DEI VINCOLI - C04 La carta riporta i vincoli presenti sul territorio comunale. La tipologia e la localizzazione dei vincoli è stata definita attraverso l’esame degli elementi naturali e delle strutture antropiche esistenti sul territorio di Almenno San Salvatore, dalle seguenti fonti: - PTCP della Provincia di Bergamo

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

364


Comune di Almenno San Salvatore

- Piano di Indirizzo Forestale della Comunità Montana Valle imagna - Piano Stralcio per l’Assetto Idrogeologico (PAI) - Ministero dei beni e delle attività culturali - Sistema Informativo dei Beni Ambientali (SIBA) della Regione Lombardia - PRG vigente, - Studio Geologico Comunale - Studio del reticolo idrografico comunale Da tale ricerca risulta che nel territorio in esame sono presenti i seguenti vincoli: Aree interessate dal vincolo forestale Tutte le aree boscate, come da definizione dell'art. 42 della L.R. 31/2008, necessitano di autorizzazione per la loro trasformazione. Le modifiche che gli interventi apportano alle aree boscate sia per quanto riguarda il taglio/estirpazione di vegetazione arborea e/o arbustiva che per i movimenti terra (sterri e/o riporti) vanno valutate non solo in riferimento alle aree oggetto dei lavori ma estese anche alle aree immediatamente attigue. La sovrapposizione tra i vincoli idrogeologico, forestale e paesaggistico, fa si che laddove c'è violazione alle normative forestali, tale da provocare un danno duraturo al bosco vincolato, è ravvisabile, oltre all'infrazione amministrativa, prettamente forestale, anche la violazione all'art. 146 del D.Lgs. n. 42/04 che integra anche il reato di cui all'art. 734 del Codice penale. Le competenze in materia di vincolo forestale, dapprima espletate dal Corpo Forestale dello Stato, oggi solo organo di controllo e di polizia, sono state in seguito delegate con D.P.R. n. 616/77 alle Provincie e alle Comunità Montane per i rispettivi ambiti territoriali. La Regione Lombardia ha mantenuto le competenze tecniche esercitate con legge regionale n. 8/76, modificata e integrata dalla legge regionale n. 80/89, fino all'emanazione della legge regionale n. 11/98, integrata con legge regionale n. 18/2000, e successivamente dalla L.R. 27/2004, che ha delegato le competenze amministrative all'Ente Provincia, alle Comunità Montane e agli Enti Gestori dei Parchi Regionali. La Regione Lombardia in data 5 dicembre 2008 ha emanato la nuova Legge Regionale Forestale (L.R. n. 31/2008), che di fatto va a sostituire e abrogare le precedenti leggi in materia. Il territorio comunale di Almenno San Salvatore è interessato dalla presenza di aree boscate, individuate dal Piano di Indirizzo Forestale della Comunità Montana Valle Imagna.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

365


Comune di Almenno San Salvatore

-

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

Vincolo Paesaggistico (Parte III art. 146 del D.Lgs. 42/04) Il vincolo paesaggistico è uno strumento previsto dalla legislazione statale per la tutela delle aree di maggiore pregio paesistico, con la finalità di mitigare l'inserimento nel paesaggio di opere edilizie ed infrastrutture nonché di rendere il più possibile compatibili le attività a forte impatto visivo. Tale vincolo è stato introdotto dalla legge 1497/39, successivamente integrato dalla legge 431/85 (Legge Galasso) e quindi inserito nel Testo unico delle disposizioni legislative in materia di beni culturali e ambientali determinato dal D.Lgs. 29 ottobre 1999, n. 490. In data 22 gennaio 2004 il D.Lgs. n. 42 "Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio, ai sensi dell'art. 10 della legge 06 luglio 2002, n. 137", ha provveduto a sostituire ed abrogare tutta la normativa precedente. Successivamente le competenze amministrative, per il rilascio delle autorizzazioni in argomento, sono state ridefinite dall'art. 80 della L.R. n. 12 del 11 marzo 2005 "Legge per il governo del territorio". Il vincolo paesistico-ambientale è stato istituito con la legge 29 giugno 1939, n. 1497, la quale sottoponeva a tutela, per il loro notevole interesse pubblico, le seguenti categorie di beni: Le cose immobili che hanno cospicui caratteri di bellezza naturale o di singolarità geologica. Le ville, i giardini ed i parchi che si distinguono per la loro non comune bellezza. I complessi di cose immobili che compongono un caratteristico aspetto avente valore estetico e tradizionale. Le bellezze panoramiche considerate come quadri e così pure quei punti di vista, o di belvedere, accessibili al pubblico, dai quali si goda lo spettacolo di quelle bellezze. A queste generiche categorie di beni, vincolate singolarmente con apposito Decreto ministeriale e regionale (si tenga presente che non tutti i beni sopra elencati sono stati interessati dall'apposizione del Vincolo paesistico, bensì solamente alcuni di essi, compresi in appositi elenchi depositati presso l'ufficio), a partire dal 1985, con l'entrata in vigore della Legge Galasso (legge 8 agosto 1985, n. 431), sono state vincolate ulteriori categorie di beni legati ad aspetti fisici del territorio, e precisamente: A) i territori costieri compresi in una fascia della profondità di 300 metri dalla linea di battigia, anche per i territori elevati sul mare; B) i territori contermini ai laghi compresi in una fascia della profondità di 300 metri dalla linea di battigia, anche per i territori elevati sui laghi; C) i fiumi, i torrenti ed i corsi d'acqua descritti negli elenchi di cui al testo unico delle disposizioni

366


Comune di Almenno San Salvatore

di legge sulle acque ed impianti elettrici, approvato con R.D. 11 dicembre 1933, n. 1775, e le relative sponde o piede degli argini per una fascia di 150 metri ciascuna, confermati ed integrati con deliberazione della Giunta regionale del 25 luglio 1986, n. 4/12028; D) le montagne per la parte eccedente i 1600 metri sul livello del mare per la catena alpina e i 1200 metri per la catena appenninica e per le isole; E) i ghiacciai e i circhi glaciali; F) i parchi e le riserve nazionali e regionali, nonchÊ i territori di protezione esterna dei parchi; G) i territori coperti da foreste e da boschi, ancorchÊ percorsi o danneggiati dal fuoco e quelli sottoposti a vincolo di rimboschimento; H) le aree assegnate alle Università agrarie e le zone gravate da usi civici; I) le zone umide incluse nell'elenco di cui al decreto del Presidente della Repubblica 13 marzo 1976, n. 448; L) i vulcani; M) le zone di interesse archeologico. I dispositivi di legge previsti dalla legge 431/85 sono stati in seguito integrati nel "Testo unico delle disposizioni legislative in materia di beni culturali e ambientali" determinato dal Decreto legislativo 29 ottobre 1999, n. 490. La Regione Lombardia, dapprima con legge regionale 9 giugno 1997, n. 18 (artt. nn. 6-7) "Riordino delle competenze e semplificazione delle procedure in materia di tutela dei beni ambientali e di piani paesistici. Subdeleghe agli enti locali" e successivamente con la L.R. 12/2005 (art. 80), ha subdelegato parte delle competenze autorizzative in materia paesisticoambientale alle Province territorialmente competenti. Ai sensi dell'art. 146 del D.Lgs 42/2004, qualsiasi intervento su immobili o in aree di interesse paesaggistico sottoposte a tutela (art. 146, comma1), deve ottenere la prescritta "autorizzazione paesaggistica", la quale costituisce atto autonomo e presupposto rispetto al permesso di costruire o agli altri titoli legittimanti l'intervento urbanistico-edilizio. Le procedure per la richiesta e il rilascio dell'autorizzazione paesaggistica sono descritte nel citato art. 146 del D.Lgs 42/2004. Non è comunque richiesta l'autorizzazione paesistica (art. 149 del D.Lgs. 42/2004) per: - interventi di manutenzione ordinaria, straordinaria, di consolidamento statico e di restauro conservativo che non alterino lo stato dei luoghi e l'aspetto esteriore degli edifici; - interventi inerenti l'esercizio dell'attività agro-silvo-pastorale che non comportino alterazione permanente dello stato dei luoghi con costruzioni edilizie ed altre opere civili e sempre che si

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

367


Comune di Almenno San Salvatore

tratti di attività ed opere che non alterino l'assetto idrogeologico del territorio; - il taglio colturale, la forestazione, la riforestazione, le opere di bonifica, antincendio e di conservazione da eseguirsi nei boschi e nelle foreste indicati al comma 1, lettera g) dell'art. n. 142 del D.Lgs. n. 42/2004, purché previsti ed autorizzati in base alle norme vigenti in materia. In caso di rilascio di autorizzazione paesaggistica in ambito boscato, dovrà essere richiesta e acquisita anche l'autorizzazione alla trasformazione del bosco di cui all'art. 43 della L.R. 31/2008, con l'obbligo, ai sensi della D.G.R. 675/2005 e s.m.i., di determinare eventuali interventi compensativi, quali rimboschimenti, interventi di riequilibrio idrogeologico ed opere di miglioramento dei boschi esistenti, interventi da realizzarsi a spese del destinatario dell'autorizzazione, prevedendo eventualmente la monetizzazione delle opere oggetto di trasformazione. La Regione Lombardia, in data 11 marzo 2005, ha emanato la L.R. n. 12 "Legge per il governo del territorio"; la presente legge ha, tra l'altro, ridefinito le competenze amministrative per il rilascio di autorizzazioni paesaggistiche di cui al D.Lgs. 42/04. L'articolo n. 146, comma 4, del D.Lgs. 42/2004, fissa la durata massima delle autorizzazioni paesaggistiche in cinque anni; la Regione Lombardia, all'art. 82, comma 3, della L.R. 12/2005, precisa che l'autorizzazione paesaggistica vale per un periodo di cinque anni decorrenti dalla data di rilascio della stessa. Nel territorio comunale di Almenno San Salvatore sono presenti beni architettonici e archeologici e corsi d’acqua sottoposti a vincolo paesaggistico. In particolare: Beni architettonici Nel territorio comunale sono presenti i seguenti beni architettonici: - Villa Lurani Cernuschi - Palazzo della Pretura - Villa rinascimentale Cà dell'ora - Chiesa di San Nicola (ex convento agostiniano di San Nicola) - Santuario Madonna del Castello - Immobile adiacente all’ex cinema - Parrocchiale del SS. Salvatore - San Giorgio al Cimitero

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

368


Comune di Almenno San Salvatore

Sono inoltre presenti 2 beni archeologici puntuali vincolati dal DECRETO DI VINCOLO ARCHEOLOGICO (Legge 364/1909 - ART. 5): - Avanzi del ponte romano sul Brembo detto della Regina o del Lémine (Cod. Bene DB06_0160070001). - Avanzi del ponte romano sul Brembo in località Ghiale al Brembo (Cod. Bene DB02_0160070001)

Beni architettonici e archeologici – Almenno San Salvatore

Fonte: Progetto I.D.R.A., Ministero per i beni e le attività culturali

Corsi d’acqua e fascia di rispetto (D.Lgs. 42/04) Il D.Lgs. 22 gennaio 2004, n. 42, art. 142, comma 1, lettera c) - "Fiumi, torrenti e corsi d'acqua pubblici e relative sponde" definisce come oggetto di tutela e valorizzazione per il loro interesse paesaggistico: "i fiumi, torrenti, ed i corsi d'acqua iscritti negli elenchi di cui al testo unico delle disposizioni di legge sulle acque ed impianti elettrici, approvato con r.d. 11 dicembre 1933, n. 1775, e le relative sponde o piede degli argini per una fascia di 150 metri ciascuna". Nella norma di tutela di "fiumi, torrenti e corsi d'acqua pubblici e relative sponde" vengono tutelati non solo le sponde o il piede degli argini per una fascia di 150 metri ciascuna, ma anche l'intero corso d'acqua.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

369


Comune di Almenno San Salvatore

-

Nel territorio di Almenno San Salvatore i corsi d’acqua vincolati sono: Fiume Brembo Tratto vincolato: Dallo sbocco alla confluenza dal Brembo di Mezzoldo al Brembo di Branzi Torrente Imagna Tratto vincolato: Dallo sbocco alla biforcazione a nord-est di Brumano Torrente Tornago Tratto vincolato: Dallo sbocco alla mulattiera per Albelasco Vincolo idrogeologico (R.D. 30-12-1923 n. 3.267) Il vincolo idrogeologico è stato istituito dal Regio Decreto n. 3267 del 1923 con l'obbiettivo di prevenire nell'interesse pubblico attività e interventi che possono causare eventuali dissesti, erosioni e squilibri idrogeologici. L'esame del progetto presentato consiste nel valutare le modifiche che l'opera da realizzare apporta sul territorio, con particolare attenzione agli aspetti di stabilità dei versanti, di regimazione idraulica (superficiale e sotterranea) e denudazione di eventuale soprasuolo boscato. Ne consegue che il citato Regio Decreto ha indirizzato, su parti del territorio montano e collinare, un comportamento razionale dell'azione antropica condotta dall'uomo, finalizzata alla stabilità del suolo, del disboscamento, del regime delle acque superficiali e sotterranee. Le colture e l'utilizzazione dei terreni boscati, nei quali lo sviluppo dell'azione antropica è dal vincolo consentita, sono sottoposte all'osservanza delle modalità stabilite dal regolamento delle prescrizioni di massima e di polizia forestale vigente nella Regione Lombardia (R.R. 5/2007 e s.m.i.). Pertanto la stragrande maggioranza dei terreni boscati è vincolata sotto il profilo idrogeologico ed è sottoposta a limitazioni d'uso, perché si riconosce ad essa una azione significativa di prevenzione per la sicurezza pubblica contro il pericolo di esondazioni, franamenti e dissesti. Qualsiasi tipo di intervento, compreso il cambio colturale, da realizzarsi su questi terreni è subordinato a specifica autorizzazione rilasciata dall'autorità forestale territorialmente competente ai sensi dell'art. 7 del R. D. n. 3267/23 e dell'art. 44 della L.R. 31/2008. Tale strumento di tutela concorre congiuntamente al vincolo paesaggistico, di cui all'art. 146 del D.Lgs. n. 42/04, alla salvaguardia ambientale e alla pianificazione territoriale. La parte settentrionale del territorio di Almenno Salvatore è per larghi tratti sottoposta a vincolo

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

370


Comune di Almenno San Salvatore

idrogeologico (ai sensi del R.D. n° 3267/1923), dal quale sono escluse le aree circostanti i principali nuclei abitati.

-

Aree e ritrovamenti archeologici Il PTCP della Provincia di Bergamo individua nel territorio settentrionale del comune di Almenno San Salvatore 2 aree archeologiche: l’area di Epoca Medioevale in Località Monte Castra l’area di Epoca preistorica in Località Duno La Provincia di Bergamo (PTCP) individua inoltre diversi ritrovamenti archeologici puntuali (oltre ai beni archeologici vincolati) sul territorio comunale, come illustrato nella tabella seguente.

RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI PUNTUALI – ALMENNO SAN SALVATORE Acquedotto romano Località: Monte Castra Data di ritrovamento: a) 1962, b) 1962, c) dal 1963 Modalità: a) indagine di superficie, b) sondaggio in corrisp. di cisterna, c) parz.le sterro e distruz. per coltivaz. cava Ara sacra romana databile al I sec. d.C. Località: Leminis ad fores Praepositi Area cimiteriale alto e basso medioevale (a/b) Località: Chiesa di S. Giorgio - Data di ritrovamento: 1989-1990 Modalità: sondaggi esplorativi della Soprintendenza Archeologica in occasione del restauro della chiesa Basamento di torre medioevale in ciottoli di m 5 x 5 Località: Via Carducci Data di ritrovamento: 1987 Modalità: sondaggio della Soprintendenza Archeologica a seguito di sterri edili per posa

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

371


Comune di Almenno San Salvatore

fognatura Frammento angolare di rilievo architettonico (prima eta' imperiale) Località: Via Toscanini n. 5 Reperti romani e cisterna Località: Località' Madonna del Castello Data di ritrovamento: a) 1880, b) 1967 Modalità: a) fortuite/ignote, b) sterro edile Sito protostorico (prima eta' del Ferro) Località: Duno Data di ritrovamento: a) 1961, b) 1985-86 Modalità: a) sondaggi della Soprintendenza Archeologica b) raccolte di superficie Tre pile di ponte romano alluvionato nel 1493 (le tre arcate centrali superstiti furono abbattute nel secolo scorso) Località: Ponte «della Regina» VINCOLATO

Vincoli derivanti dalla pianificazione di bacino La parte orientale del territorio comunale è interessato dal vincolo delle fasce fluviali A, B, C definite dal Piano Stralcio per l’Assetto Idrogeologico, relative al fiume Brembo (PAI). Il Piano evidenzia inotre un’area di frana quiescente nell parte settentrionale del territorio comunale. Vincoli di polizia idraulica: Vincolo di rispetto idraulico ai sensi del R.D. 25 Luglio 1923 n. 523 e L. 5 Gennaio 1994 n. 36 Lo studio del reticolo idrico comunale, redatto dal dottor geologo Gianluca Boffelli, individua le fasce di rispetto relative al reticolo idrico principale e minore. Vincolo delle distanze di rispetto dagli elettrodotti Il territorio di Almenno San Salvatore è attraversato da 3 linee elettriche, a ciascuna delle quali

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

372


Comune di Almenno San Salvatore

è associata una fascia di rispetto. Vincolo delle fasce di rispetto stradali fuori dal centro abitato Il territorio comunale è attraversato da strade provinciali, alle quali è associata una fascia di rispetto per i tratti al di fuori del centro abitato. Nuclei di antica formazione individuati dal P.R.G. Il PRG vigente individua i nuclei di antica formazione del comune, al quale associa norme di tutela. Nuclei storici individuati dal P.T.C.P. Il PTCP individua i perimetri dei centri e nuclei storici, come rilevati alla soglia storica del 1931 desunti dalla cartografia IGM. Vincolo cimiteriale Nell’ambito del territorio comunale sono presenti due aree di rispetto cimiteriale, l’una di rispetto del cimitero, l’altra del complesso di San Giorgio al Cimitero. Altre zone sottoposte a tutela dal P.R.G. Il Prg vigente individua alcune aree da sottoporre a tutela. In particolare tali aree sono sistuate lungo i corsi d’acqua o sono raprpresentate da aree di interesse paesistico-ambientale. All’interno del territorio comunale non sono presenti aree protette relative a parchi regionali, riserve naturali, monumenti naturali, aree di rilevanza naturale ed ambientale, parchi locali d’interesse sovracomunale. Tuttavia il PTCP individua in parte del territorio comunale un’area di opportuna istituzione di PLIS.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

373


Comune di Almenno San Salvatore

CARTA DELLA SENSIBILITA’ - C05 Come stabilito dal Piano Paesaggistico Regionale (art. 34 “Indirizzi per la pianificazione comunale e criteri per l’approvazione del P.G.T”) il PGT ha determinato sulla base degli studi paesaggistici compiuti e in coerenza con quanto indicato dai “Contenuti paesaggistici dei P.G.T.“ di cui alla d.g.r. 1681 del 29 dicembre 2005 e dalle “linee guida per l’esame paesistico dei progetti” di cui alla d.g.r. 11045 dell’8 novembre 2002, la classe di sensibilità paesistica delle diverse parti del territorio comunale. Sulla base degli elementi emersi dalle analisi del paesaggio naturale e storico culturale del territorio comunale vengono riconosciute 5 classi di sensibilità. Per coerenza con l’applicazione del PTPR la classificazione segue i cinque livelli di sensibilità in esso indicati, ossia: • • • • •

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

sensibilità molto bassa sensibilità bassa sensibilità media sensibilità elevata sensibilità molto elevata.

374


Comune di Almenno San Salvatore

La determinazione delle diverse classi di sensibilità paesistica del territorio di Almenno San Salvatore segue il seguente schema: CLASSE DI SENSIBILITA’

sensibilità molto bassa

sensibilità bassa

sensibilità media

TERRITORIO CLASSIFICATO Nessuna zona. Si è ritenuto opportuno non attribuire questa classe di sensibilità ad alcuna parte del territorio, essendo il territorio di Almenno S. Salvatore ricco di rilevanze naturalistiche, paesistiche e storico-culturali, percepibili da diverse parti del territorio. Nella classe sono comprese la maggior parte delle aree residenziali, le aree produttive e le aree destinate a servizi, situate nel territorio pianeggiante, esterni ai nuclei di antica formazione La classe comprende principalmente aree residenziali situate nelle zone collinari, aree agricole marginali, nonchè aree di pertinenza di edifici di valore storico, monumentale e ambientale.

sensibilità elevata

Tale classe è la più estesa sul territorio comunale. Essa comprende le aree agricole e boscate, il nucleo di antica formazione e gli edifici di valore storico-monumentale

sensibilità molto elevata

La classe comprende le aree di maggior naturalità presenti sul territorio comunale, quali aree di interesse paesisticoambientale e aree di rispetto dei corsi d’acqua

La carta riporta inoltre la fascia di rispetto dei corsi d’acqua, come individuata dal D. Lsg. 42/04 art. 142, lettera c., in quanto fascia di tutela paesaggistica, a cui si attribuisce una sensibilità elevata.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

375


Comune di Almenno San Salvatore

7. DISTRETTO DEL COMMERCIO “ colline orobiche “ distretto diffuso di rilevanza intercomunale D.d.u.o. 25.11.2009 n.12555 attuativo della D.g.r. 10478 del 9.11.2009

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

376


Comune di Almenno San Salvatore

PREMESSA

Sul B.U.R.L. (Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia) n. 19 s.o. del 10/05/2010, è stata pubblicata la graduatoria del Bando relativo al progetto strategico Distretti del Commercio per la competitività e l’innovazione del sistema distributivo nelle aree urbane della Lombardia. Il progetto “Colline Orobiche” presentato dal Comune di Almenno San Salvatore capofila il 28/01/2010 e validato in data 04/2/2010, ha ottenuto 71 punti su 100, classificandosi all’ottavo posto in Provincia di Bergamo ed al trentasettesimo posto su 78 in Regione Lombardia, con assegnazione di un contributo complessivo di € 248.776,05 inferiore di solo il 12,35% rispetto all’importo richiesto.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

377


Comune di Almenno San Salvatore

7.1 INDIVIDUAZIONE DELL’AREA OGGETTO DI INTERVENTO

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

Il D.i.D. “Colline orobiche ” è composto da 4 Comuni il cui territorio non presenta tra essi soluzione di continuità: -Almenno San Bartolomeo -Almenno San Salvatore -Palazzago -Barzana Il D.i.D. è posizionato a Nord-Ovest di Bergamo - Capoluogo di Provincia – a ridosso della Provincia di Lecco – in zona di precintura cittadina.

378


Comune di Almenno San Salvatore

Il territorio è ben servito da reti viarie primarie e quindi facilmente raggiungibile grazie alle immediate vicinanze dei caselli autostradali di Capriate S.Gervasio – Dalmine – Bergamo ed all’arteria s.p.175 “Variante degli Almenno”, che lo attraversa, di collegamento diretto con la s.p..342 “Briantea” Bergamo-Lecco. La stazione ferroviaria più prossima, sulla direttrice Bergamo-Lecco, dista Km.2 nel finitimo comune di Ambivere mentre la stazione ferroviaria di Ponte San Pietro dista Km.6,5. Occorrono 18 minuti per raggiungere l’aeroporto di Orio al Serio attraverso la variante esterna alla Città di Bergamo; i tempi saranno ulteriormente abbreviati grazie al nuovo raccordo in corso di esecuzione tra la stessa variante/Bergamo e la s.p. “Briantea” a circa Km.3 dal confine del D.i.D. Il trasporto pubblico su gomma è presente con la Linea A10 di media e bassa forza, ricompresa nei servizi di TPL della sottorete Ovest, come previsto nel programma dei servizi di trasporto pubblico locale del Servizio Trasporti dell’Amministrazione Provinciale di Bergamo. Il territorio interessato dal D.i.D. situato precipuamente in fascia collinare media o medio alta: - Almenno San Bartolomeo escursione altimetrica mt. 972 s.l.m. - minima mt.239 s.l.m. -massima mt.1211 s.l.m. - Almenno San Salvatore “ “ mt. 571 s.l.m. - “ mt.239 s.l.m. - mt. 810 s.l.m. - Palazzago “ “ mt.1125 s.l.m. - “ mt.267 s.l.m. - mt.1392 s.l.m. - Barzana “ “ mt. 89 s.l.m. - “ mt.262 s.l.m. - mt. 351 s.l.m. Degrada armoniosamente in un suggestivo susseguirsi di paesaggi incontaminati, dalla vetta del Monte Linzone (mt.1.392 s.l.m.) e dalle pendici della Roncola (mt.858 s.l.m.) [panoramicamente vi si possono ammirare a sud la Pianura Padana e gli Appennini, a sud ovest la porzione di arco alpino che va dalle Alpi Marittime al massiccio del Monte Rosa, i laghi di Garlate, Olginate, Annone e Pusiano e il Monte Resegone, a nord la Valle Imagna, parte della Val Brembana (dal Pizzo dei Tre Signori al Pizzo del Diavolo di Tenda) e alcune vette della Valtellina, tra cui il Monte Disgrazia e il Bernina, oltre che altre cime delle Orobie tra cui il Pizzo Arera] sino alla zona pianeggiante delimitata dalla s.p.342 “Briantea”, dalla zona dell’ “Isola Bergamasca” e dal più importante fiume interamente bergamasco, il Brembo, che nasce nella parte occidentale delle Alpi Orobie e sfocia nel fiume Adda a monte dell’abitato di Canonica d’Adda. Confina: - a Nord con i Comuni di Ubiale Clanezzo – Strozza – Roncola - ad Est con i Comuni di Villa d’Almè – Almè – Paladina - a Sud con i Comuni di Valbrembo – Brembate Sopra – Mapello – Ambivere

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

379


Comune di Almenno San Salvatore

- ad Ovest con i Comuni di Pontida – Caprino Bergamasco I 4 Comuni ricompresi nel D.i.D., a forte motivazione della collocazione geografica del Distretto stesso, sono situati ai piedi ed a cavaliere tra 3 importanti Valli Bergamasche: la Valle Brembana – la Valle Imagna – la Valle S.Martino. Sono ricompresi nella giurisdizione della Comunità Montana Valle Imagna i Comuni di Almenno San Bartolomeo – Almenno San Salvatore – Palazzago. Il territorio confina a Nord-est con il Comune di Ubiale Clanezzo ricompreso nella Comunità Montana Valle Brembana e ad Ovest con i Comuni di Pontida e Caprino Bergamasco ricompresi nella Comunità Montana Lario orientale-Valle S.Martino. Tra la zona centrale del territorio del D.i.D. è la Città di Bergamo, Capoluogo di Provincia, vi è una distanza di Km.21; tra la zona centrale del D.i.D. e le Città Capoluogo delle Province contermini a quella di Bergamo vi sono le seguenti distanze: - Lecco Km. 28 - Como Km. 49 - Milano Km. 62 - Brescia Km. 75 - Sondrio Km. 108 - Cremona Km. 114

7.2 BANDO PUBBLICIZZANTE IL DISTRETTO

Di seguito si riportano i contenuti del bando pubblicizzante il distretto del commercio Colline Orobiche. III° BANDO 2009 un’opportunità per NEGOZI, BAR e RISTORANTI Cos’è il Distretto del Commercio ⇒ Progetto integrato pubblico/privato ⇒ Finalità : valorizzare i piccoli centri e sostenere il commercio ⇒ Ambito territoriale: sovra-comunale Imprese beneficiarie Imprese del commercio e ristorazione ⇒ NEGOZI

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

380


Comune di Almenno San Salvatore

⇒ ⇒

BAR RISTORANTI

Requisiti • Sede operativa nei 4 Comuni • Codici ATECO del commercio Spese ammissibili PERIODO Sono ammissibili le spese effettuate (quietanzate) a partire dal 1 agosto 2009, sino indicativamente, al mese di Settembre 2011 • acquisto nuove attrezzature per spazi esterni (tende, de hors, tavoli e sedie da esterno, ecc…) • lavori e opere edili per sistemazione facciate e fronti strada pertinenti ad attività commerciali • interventi di messa a norma aree connesse allo svolgimento dell’attività (adeguamento norme d’igiene) • interventi per la sicurezza (sistemi allarme, videosorveglianza, antiintrusione) • impianti multimediali per utilizzo tecnologie innovative per svolgimento attivita’ (cablaggio aree wi fi, ecc…) BENEFICI PER LE IMPRESE Premialità Chi presenta l’adesione – manifestazione di interesse – entro il termine del 30.12.2009 potrà beneficiare di punti premiali sui criteri di valutazione. Contributi Il Bando prevede un contributo a fondo perduto fino al 50% delle spese ammissibili Vincoli Aiuti in regime “de minimis” Contributi non cumulabili con altre agevolazioni

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

381


Comune di Almenno San Salvatore

COME PARTECIPARE FASE 1 - Presentazione della scheda “Manifestazione di interesse” (debitamente compilata e firmata) al proprio Comune o direttamente per fax 035.643041 al Comune capofila di Almenno San Salvatore entro e non oltre il 30.12.2009 FASE 2 - Partecipazione al Bando per l’assegnazione dei contributi, che verrà emanato dal Comune Capofila dopo l’eventuale approvazione e finanziamento da parte della Regione Lombardia

7.3 DETTAGLIO INVESTIMENTI PROMOSSI DAGLI ENTI PUBBLICI – COD.INT. 5.1 – 6.1

Servizi vigilanza per la sicurezza del D.i.D. E’ intuibile la necessità che il Distretto possa fruire di una sorveglianza aggiuntiva e in ausilio alle Forze dell’Ordine dello Stato in particolari momenti di maggior afflusso della clientela agli esercizi commerciali o durante assembramenti straordinari connessi ad eventi e manifestazioni. Il pattugliamento in estensione all’orario ordinario di servizio di Agenti di Polizia Locale, garantirà un security service di cui è avvertita l’esigenza sia da parte delle imprese sia da parte dei consumatori, concorrendo alla necessaria regolazione del traffico, delle soste ed a prevenire fenomeni vessatori, atti criminosi o di deturpazione dell’arredo urbano. Promozione e marketing Collateralmente ad altre azioni è prioritario, avvalendosi della “forza” dell’essere Distretto, promuoverne da subito l’esistenza, la consistenza, la potenzialità affinchè attraverso lo studio di una ”immagine” ragionata ove si concentri la reciproca aspettativa tra impresa e consumatore, si approdi nel breve periodo ad un più alto livello competitivo: - sarà creato un’idoneo strumento promozionale, cartaceo e multimediale (recante l’indicazione del co-finanziamento di Regione Lombardia), che sia presente nei luoghi principali “attrattori” provinciali del turismo con organizzazione periodica di bus-navetta dedicato, per transfer agevolati all’insegna di “Colline orobiche: shopping… tra storia e degustazioni”. - previo definizione del logo del Distretto quale marchio identificativo, sarà realizzata idonea segnaletica verticale a sfondo marrone conforme alle indicazioni del C.d.S., comprensiva del logo regionale; Gli impianti, nello spirito di “segnaletica dell’accoglienza” saranno installati presso tutte le reti viarie

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

382


Comune di Almenno San Salvatore

di ingresso al Distretto in tutto il territorio dei Comuni aggregati, oltre che a corredo delle principali rotatorie e nelle zone a maggior tensione commerciale. Dall’insieme dei singoli investimenti, si può agevolmente affermare come la risposta del territorio sia conforme alla sollecitazione del Bando regionale 12555/2009 esecutore della D.g.r.10478/2009. Ad ulteriore dimostrazione dell’attività svolta per il coinvolgimento del territorio sono stati acquisiti partner esterni non ricompresi tra i beneficiari di contributo regionale, i quali hanno condiviso il D.i.D. “Colline orobiche” impegnandosi formalmente con dichiarazione sottoscritta depositata presso il Comune capofila, a sostenerlo ed implementarlo nel medio-lungo periodo, anche con messa in disponibilità di risorse umane nonché con attuazione di azioni integrative ed apporti sinergici: - Comunità Montana Valle Imagna – nota prot.391 del 25.1.2010; - Associazione Museo S.Tomè/Centro Studi Romanico Lombardo/Antenna Europea del Romanico – Almenno S.Bartolomeo - Associazione Pro-Loco Almenno San Bartolomeo; - Ufficio Informazione, Accoglienza turistica (I.A.T.) – Almenno San Bartolomeo; - Azienda Agricola Lurani Cernuschi di Giovanni De Ferrari – Almenno San Salvatore; - Associazione Polisportiva Comunale Almennese - Almenno San Salvatore; - FG segnaletica s.r.l. dei F.lli Gotti (con impegnativa a scontistica per fornitura segnaletica stradale) – Almenno S.Salvatore; - Agriturismo Picco Alto di Mazzoleni Gianbattista – Palazzago; - Gruppo di Protezione Civile - Barzana - Associazione Pro-Loco Barzana Ulteriori partner esterni non ricompresi tra i beneficiari di contributo regionale, si sono candidati sponsor impegnandosi formalmente con dichiarazione sottoscritta depositata presso il Comune capofila: - Autoservizi Perico s.a.s. – coach operator con unità locale in Almenno San Bartolomeo E.2.000,00; - Impresa F.lli Rota Nodari s.p.a. – Almenno San Bartolomeo E.1.000,00 - Associazione Pro-Loco Almenno San Salvatore E.1.500,00; - Associazione Pro-Loco Palazzago E.2.000,00 - Agriturismo Cascina Ronchi – Palazzago E.500,00 Occorre qui considerare che il D.i.D. avrà una durata minima di tre anni, con propensione alla proroga, ma che il programma di intervento come indicato da Regione Lombardia dura solo

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

383


Comune di Almenno San Salvatore

diciotto mesi per cui in esso, sono evidenziate solo talune azioni tra quelle previste quali tipologie di intervento previste all’interno del Distretto. In tal senso, la risorsa economica aggiuntiva recata dai soggetti partner esterni e da altri eventualmente acquisibili, sarà impiegata per co-finanziare gli interventi codice 5.1/6.1 esposti nel programma ed altri possibilmente attuabili nel periodo di gestione del Distretto quali, in via meramente esemplificativa: - campagna di comunicazione integrata del Distretto con pubblicizzazione all’interno ed all’esterno di esso, in occasione dei periodi dei saldi di fine stagione fissati da Regione Lombardia; - creazione di un sistema integrato di scontistica con veicolazione della “Colline orobiche card” ; - coordinamento apertura straordinaria dei negozi in concomitanza con eventi realizzati nel D.i.D.; - gestione di servizi di pulizia straordinaria periodica degli spazi urbani e commerciali di uso pubblico; - monitoraggio della performance mediante indagini periodiche di customer satisfaction presso le imprese; - contatti face-to-face con gli attori pubblici e privati per scongiurare un graduale decrescimento nell’anonimato del D.i.D. e mantenerne l’ “identità sistemica” ovvero la coscienza di Distretto; - individuazione di un sistema di auto alimentazione del D.i.D. rinveniente dall’attività d’impresa Oltre ai soggetti pubblici e privati, tra i promotori e partners del D.i.D. hanno esplicato ruolo attivo nel suscitare interesse sul territorio le Associazione di categoria Ascom e Confesercenti, maggiormente rappresentative per il settore commercio a’ sensi della L.580/93 con rappresentante attualmente all’interno del Consiglio camerale della C.C.I.A.A.-Bergamo. Nel prosieguo, come esplicitato nell’Accordo di Distretto, sarà loro compito: condividere ed arricchire le analisi e le conoscenze disponibili sul sistema commerciale locale – mobilitare e coinvolgere l’interesse e la partecipazione degli operatori commerciali al Distretto – collaborare al reperimento delle risorse necessarie a sostenere l’attuazione delle misura di intervento, in addizionalità al finanziamento pubblico – favorire la condivisione di esperienze, attivare circuiti di confronto, ricercare l’aggregazione di operatori di realtà territoriali diverse – proporsi come soggetti attuatori, ove opportuno, per la promozione di iniziative rivolte a beneficiari indiretti di contributi regionali.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

384


Comune di Almenno San Salvatore

7.4 IL PROGRAMMA DEL DID

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

Il programma del DID è costituito dai seguenti interventi:

385


Comune di Almenno San Salvatore

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

386


Comune di Almenno San Salvatore

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

387


Comune di Almenno San Salvatore

7.5 CRONOPROGRAMMA DEGLI INVESTIMENTI

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

Di seguito si riporta il crono programma degli investimenti promossi dagli enti pubblici e dall’imprenditoria privata.

388


Comune di Almenno San Salvatore

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

389


Comune di Almenno San Salvatore

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

390


Comune di Almenno San Salvatore

8. L’ANALISI URBANA E LA CLASSIFICAZIONE DEL TERRITORIO

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

391


Comune di Almenno San Salvatore

8.1 IL PIANO REGOLATORE GENERALE

8.1.1 AZZONAMENTO DEL P.R.G.

Il Comune di Almenno San Salvatore è dotato di Piano Regolatore Generale approvato dalla Giunta Regionale con delibera n. 7146 del 22.12.1995. Successivamente sono state redatte le successive varianti parziali quali: - Variante al P.R.G. approvata dalla Regione Lombardia, con apporto di modifiche d’ufficio con delib. G.R. n. 44317 del 12.11.1999 - Variante al P.R.G. approvata con delib. G.R. n.7/5181 del 15.06.2001 - Variante al P.R.G. approvata con delib. G.R. n.17071 del 6.04.2004 Il P.R.G. vigente classifica il territorio comunale nelle seguenti zone: Aree residenziali A - Insediamenti di antica formazione B1 - Insediamenti con contesto misto di episodi di antica formazione ed interventi recenti B2 - Contenimento allo stato di fatto B3 - Contenimento allo stato di fatto con impianto urbanistico confermato B4 - Contenimento allo stato di fatto in aree collinari B5 - Ambiti di completamento B6 - Completamento relative ad ambiti con impianto urbanistico confermato o in zone collinari B7 - Ambiti di espansione in fase di attuazione B8 - Ambiti di ristrutturazione urbanistica C - Ambiti di espansione e nuovo impianto Verde privato vincolato Aree produttive B9 - Complessi produttivi già esistenti e confermati B10 - Insediamenti produttivi di completamento B11 - Ambiti produttivi di immediato rapporto con le zone residenziali B12 - Insediamenti produttivi in fase di attuazione Insediamenti terziario commerciali esistenti D1 - Insediamenti produttivi di espansionE D2 - Insediamenti terziario-commerciali di espansione Aree agricole e zone di rispetto

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

392


Comune di Almenno San Salvatore

E - Zona a destinazione agricola Zona a destinazione florovivaistica Zona di salvaguardia ambientale in ambito boschivo Area di salvaguardia ambientale Zona di salvaguardia dei complessi monumentali Fascia di rispetto cimiteriale Fascia d rispetto stradale Fascia di rispetto dei corsi d'acqua Aree a standard Attrezzature di interesse collettivo Aree di parcheggio pubblico Aree per l'istruzione Aree di standards di scala urbana Aree di verde pubblico variamente attrezzato Aree di verde sportivo Strade

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

393


Comune di Almenno San Salvatore

Sintesi del P.R.G. vigente (Tav. D01)

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

394


Comune di Almenno San Salvatore

8.1.2 DIMENSIONAMENTO DEL P.R.G.

La tabella seguente riporta la suddivisione del territorio comunale di Almenno San Salvatore secondo le previsioni del P.R.G. vigente. Come si può osservare, le espansioni residenziali rappresentano il 3,76% delle aree a destinazione residenziale e il 3,38% delle aree urbanizzate. Le espansioni produttive rappresentano invece il 17,96% delle aree a destinazione produttiva, mentre le espansioni degli insediamenti terziario commerciali ne costituiscono il 3,86%. Rispetto alla superficie urbanizzata essi rappresentano rispettivamente l’1,87% e lo 0,39%. Complessivamente le espansioni delle aree urbanizzate previste dal P.R.G. rappresentano il 5,58% delle aree urbanizzate, pari ad una variazione del 5,91%.

PREVISIONI DEL P.R.G. VIGENTE AZZONAMENTO AREA (HA) 4,13

% su aree residenziali 3,79%

13,39

12,30%

24,26

22,28%

26,83

24,64%

4,79

4,40%

B5 - Ambiti di completamento B6 - Completamento relative ad ambiti con impianto urbanistico confermato o in zone collinari B7 - Ambiti di espansione in fase di attuazione

2,35

2,15%

3,39

3,11%

1,82

1,67%

B8 - Ambiti di ristrutturazione urbanistica

3,24

2,97%

C - Ambiti di espansione e nuovo impianto

4,09

3,76%

20,61

18,93%

AREE RESIDENZIALI A - Insediamenti di antica formazione B1 - Insediamenti con contesto misto di episodi di antica formazione ed interventi recenti B2 - Contenimento allo stato di fatto B3 - Contenimento allo stato di fatto con impianto urbanistico confermato B4 - Contenimento allo stato di fatto in aree collinari

Verde privato vincolato

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

% su aree urbanizzate

3,38%

395


Comune di Almenno San Salvatore

TOT. AREE RESIDENZIALI

108,89

% SU SUPERFICIE TOTALE

22,66%

AREE PRODUTTIVE B9 - Complessi produttivi giĂ esistenti e confermati B10 - Insediamenti produttivi di completamento B11 - Ambiti produttivi di immediato rapporto con le zone residenziali B12 - Insediamenti produttivi in fase di attuazione

89,90%

AREA (HA) 4,94

% su aree produttive 40,40%

% su aree urbanizzate

0,16

1,28%

0,38

3,11%

3,84

31,38%

Insediamenti terziario commerciali esistenti

0,25

2,00%

D1 - Insediamenti produttivi di espansione

2,20

17,96%

1,87%

D2 - Insediamenti terziario-commerciali di espansione

0,47

3,86%

0,39%

TOT. AREE PRODUTTIVE

12,24

100,00%

10,10%

% SU SUPERFICIE TERRITORIALE

2,55%

TOT. AREE URBANIZZATE

121,13

% SU SUPERFICIE TERRITORIALE

25,21%

AREE AGRICOLE E ZONE DI RISPETTO E - Zona a destinazione agricola Zona a destinazione florovivaistica Zona di salvaguardia ambientale in ambito boschivo

AREA (HA) 50,24 0,56 146,46

Area di salvaguardia ambientale

17,80

Zona di salvaguardia dei complessi monumentali

31,11

Fascia di rispetto cimiteriale

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

100,00%

1,93

Fascia d rispetto stradale

20,23

Fascia di rispetto dei corsi d'acqua

25,52

396


Comune di Almenno San Salvatore

TOT. AREE AGRICOLE

293,84

% SU SUPERFICIE TERRITORIALE

61,15%

AREE A STANDARD Attrezzature di interesse collettivo Aree di parcheggio pubblico

2,94

Aree per l'istruzione

2,61

Aree di standards di scala urbana

2,51

Aree di verde pubblico variamente attrezzato Aree di verde sportivo

8.1.3 STATO DI ATTUAZIONE DEL P.R.G. VIGENTE

AREA (HA) 4,95

25,04 3,75

Strade

23,78

TOT. AREE A STANDARD

65,59

% SU SUPERFICIE TERRITORIALE

13,65%

SUPERFICIE TERRITORIALE

480,56

Analizzando lo stato di attuazione delle previsioni del Piano Regolatore Generale vigente si può osservare la parziale realizzazione delle espansioni previste, come illustrato di seguito. ESPANSIONI RESIDENZIALI Per quanto riguarda le espansioni residenziali (C), risultano non attuati gli ambiti di espansione previsti: - uno a monte di via Adamello e della Strada provinciale SP 14. - uno tra via Romanelle e la Strada provinciale SP 175

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

397


Comune di Almenno San Salvatore

per un totale dello 0,67% pari al 17,96% delle superfici previste. ESPANSIONI ARTIGIANALI-INDUSTRIALI Relativamente alle espansioni artigianali e industriali (D1), l’unico ambito di espansione previsto dal P.R.G. vigente, situato in via Borgo Antico pari a 2,20 Ha, risulta in parte attuato e in parte prossimo all’approvazione. ESPANSIONI DEI SERVIZI attrezzature di interesse collettivo Le aree in cui non sono state realizzate le attrezzature di interesse collettivo previste sono: - il piazzale del giuramento di Pontida - l’area a nord di via Bersaglio - l’area prevista situata lungo via della Repubblica per un totale di 1,93 Ha, pari al 38,92% delle superfici previste. aree per l’istruzione Relativamente alle strutture scolastiche, non risulta realizzato l’ampliamento del complesso scolastico, sulle aree poste tra via San Cristoforo e viale Europa, per una superficie di 0,35 Ha. Tale area rappresenta il 13,36% delle superfici delle aree per l’istruzione previste dal P.R.G. aree a parcheggio Per quanto riguarda le aree a parcheggio risultano non attuate diverse previsioni, quali quelle di parcheggi in via don Mazzolari, via Manzoni, via A. De Gasperi, via Bersaglio, via Papa giovanni XXIII, vicolo Cà dell’Ora, via San Giorgio, via Ponte Loca, via Lemen, via Cimaer, per un totale di 1,20 Ha, pari al 40,64% delle superfici previste.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

398


Comune di Almenno San Salvatore

aree di verde pubblico variamente attrezzato Relativamente alle aree di verde pubblico risultano non realizzate - le aree previste lungo via Ponte Noca e via Masconzano - l’area tra via Romanelle e la Strada provinciale SP 175 - parte dell’area prevista al termine di via Quarenghini A tali aree si aggiungono le previsioni di aree a verde pubblico attrezzato lungo il corso del fiume Brembo o ad esse prossime, le quali risultano in toto non realizzate. Pertanto, complessivamente le aree di verde pubblico variamente attrezzato non realizzate, pari a 22,72 ha, rappresentano il 90,71% delle previsioni. aree di verde sportivo Rispetto alla previsoini di P.R.G. risulta non realizzata l’area prevista tra via Val San Martino e via Borgo Antico interessante un’area di 1,59 Ha, pari al 42,43% delle superfici previste di verde sportivo. rete viaria Per quanto riguarda la rete viaria, il P.R.G. prevedeva quasi escluviamente interventi sulla rete viaria esistente, quali allargamento di sezioni stradali e l’adeguamento delle intersezioni. Tali previsioni risultano in gran parte non attuate. In sintesi, come si può osservare dalla tabella seguente, riportante il dimensionamento delle previsioni del P.R.G. e lo stato di attuazione del Piano, risulta non attuato:

⇒ il 17,96% della superficie delle zone residenziali di nuovo impianto ⇒ il 42,57% della superficie delle zone destinate ad ospitare nuove attrezzature pubbliche

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

399


Comune di Almenno San Salvatore

AZZONAMENTO

PREVISIONI P.R.G. AREA (HA)

ATTUAZIONE P.R.G. AREA (HA)

Attuazione %

AREE RESIDENZIALI A - Insediamenti di antica formazione B1 - Insediamenti con contesto misto di episodi di antica formazione ed interventi recenti

4,13

4,13

13,39

13,39

24,26

24,26

26,83

26,83

B4 - Contenimento allo stato di fatto in aree collinari

4,79

4,79

B5 - Ambiti di completamento B6 - Completamento relative ad ambiti con impianto urbanistico confermato o in zone collinari

2,35

2,35

3,39

3,39

B7 - Ambiti di espansione in fase di attuazione

1,82

1,82

B8 - Ambiti di ristrutturazione urbanistica C - Ambiti di espansione e nuovo impianto – attuati e in corso di approvazione

3,24

3,24

4,09

3,36

B2 - Contenimento allo stato di fatto B3 - Contenimento allo stato di fatto con impianto urbanistico confermato

C - Ambiti di espansione e nuovo impianto - non attuati Verde privato vincolato

-17,96%

0,73 20,61

20,61

TOT. AREE RESIDENZIALI

108,89

108,15

% SU SUPERFICIE TOTALE

22,66%

22,51%

B9 - Complessi produttivi giĂ esistenti e confermati

4,94

4,94

B10 - Insediamenti produttivi di completamento B11 - Ambiti produttivi di immediato rapporto con le zone residenziali

0,16

0,16

0,38

0,38

-0,67%

AREE PRODUTTIVE

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

400


Comune di Almenno San Salvatore

B12 - Insediamenti produttivi in fase di attuazione

3,84

3,84

Insediamenti terziario commerciali esistenti D1 - Insediamenti produttivi di espansione – attuati o in corso di approvazione

0,25

0,25

2,20

2,20

D2 - Insediamenti terziario-commerciali di espansione

0,47

0,47

TOT. AREE PRODUTTIVE

12,24

12,24

% SU SUPERFICIE TERRITORIALE

2,55%

2,55%

TOT. AREA URBANIZZATE

121,13

120,39

% SU SUPERFICIE TERRITORIALE

25,21%

25,05%

50,24

50,24

100,00%

-0,61%

AREE AGRICOLE E ZONE DI RISPETTO E - Zona a destinazione agricola Zona a destinazione florovivaistica

0,56

0,56

146,46

146,46

Area di salvaguardia ambientale

17,80

17,80

Zona di salvaguardia dei complessi monumentali

31,11

31,11

1,93

1,93

20,23

20,23

Zona di salvaguardia ambientale in ambito boschivo

Fascia di rispetto cimiteriale Fascia d rispetto stradale Fascia di rispetto dei corsi d'acqua

25,52

25,52

TOT. AREA AGRICOLE

293,84

293,84

% SU SUPERFICIE TERRITORIALE

61,15%

61,15%

4,95

3,02

AREE A STANDARD Attrezzature di interesse collettivo Attrezzature di interesse collettivo non realizzate Aree di parcheggio pubblico

1,93 2,94

Aree di parcheggio pubblico non realizzate Aree per l'istruzione

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

-38,92%

1,75

-40,64%

1,20 2,61

2,26

-13,36%

401


Comune di Almenno San Salvatore

Aree per l'istruzione non realizzate Aree di standards di scala urbana Aree di verde pubblico variamente attrezzato Aree di verde pubblico variamente attrezzato non realizzate Aree di verde sportivo

0,35 2,51

2,51

25,04

2,33 22,72

3,75

Aree di verde sportivo non realizzate Strade

% SU SUPERFICIE TERRITORIALE

23,78

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

-42,43%

23,64 0,14

65,59

37,67

13,65%

7,84%

Aree derivanti da previsioni non attuate SUPERFICIE TERRITORIALE

2,16 1,59

Strade di previsione non realizzate TOT. AREE A STANDARD

-90,71%

-42,57%

28,65 480,56

480,56

402


Comune di Almenno San Salvatore Stato di attuazione del P.R.G. vigente (Tav. D02)

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

403


Comune di Almenno San Salvatore

8.2 L'ANALISI URBANA E LA CLASSIFICAZIONE DEL TERRITORIO

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

Il Comune di Almenno San Salvatore si trova al centro di un sistema urbano a scala sovracomunale che gravita principalmente sul Comune, il quale rappresenta il perno della bassa Valle Imagna. Le analisi condotte hanno tentato di proporre diverse chiavi di lettura del territorio, aperto e costruito, per fornire materiali per un dibattito costruttivo su cui indirizzare il processo di pianificazione. Analisi che sono partite dal territorio per arrivare ai centri edificati e viceversa, senza un itinerario ed una tesi precostituita. Partire dal territorio ha significato ricercare "codici genetici", suggestioni e memorie formali; partire dalla città costruita ha significato ricercarne le tracce fondanti, i segni ed i fatti urbani rilevanti, che ci restituiscono un territorio ricco di molteplici risorse architettoniche ed ambientali. Gli elaborati di analisi contengono l'immagine del territorio urbano diversi in ragione dei punti di osservazione. Il piano ha cercato di ricondurre ad un disegno unitario proprio questa frammentazione per parti e per problemi del territorio: centro e periferia, aree di collina e di pianura, che si intersecano evidenziando una molteplicità di aspetti e di fattori che, forse proprio in ragione della loro diversità, trovano un comune denominatore, restituendoci un'immagine caleidoscopica, di grande effetto. Lo strumento utilizzato per riorganizzare le elaborazioni analitiche su supporto informatico consente una rilettura dei dati in ragione del punto di vista in cui intende porsi l'osservatore, e quindi in ragione del fenomeno che si intende approfondire. Non ci si è quindi limitati a riproporre la griglia di problematiche suggerite dalla circolare regionale, ma, anche con l'obiettivo di adeguare nei limiti del possibile lo strumento urbanistico alle direttive della pianificazione di livello regionale, le chiavi di lettura sono riferite ai tre grandi sistemi, ambientale, insediativo e relazionale. Ciascun sistema rappresenta, per certi aspetti, un serbatoio di informazioni, raccolte per sottosistema, e - quasi come in un gioco di scatole cinesi - per piano e campo di intervento. Cosicché ciascun fenomeno di rilevante interesse per la lettura delle trasformazioni del territorio è stato classificato e catalogato, utilizzando, nei limiti del possibile, le banche dati esistenti. Si tratta comunque di un lavoro in progress, che potrà essere utilizzato ed implementato nella fase di gestione del piano, nell'ambito di un sistema integrato di informazioni, indipendentemente dal processo di formazione del Piano.

404


Comune di Almenno San Salvatore

8.2.1 MORFOLOGIA URBANA

L’assetto fisico del territorio, nelle sue componenti geomorfologiche e orografiche, ha avuto un ruolo determinante nel definire le diverse attitudini dell’area all’insediamento umano. Il paesaggio naturale e quello antropico, specie storico, è caratterizzato da un’ampia variabilità di tipologie e da una diversa qualità dei sistemi urbani, delle forme di appoderamento e del sistema infrastrutturale. I caratteri strutturali e insediativi che la Comunità locale ha stratificato nel tempo sono elementi cardine sui quali fondare le scelte e delineare le strategie di sviluppo che si propongono di rilanciare lo sviluppo del sistema locale a partire dal riconoscimento delle proprie specificità. Le attività agro-forestali, che in passato hanno determinato gran parte dell’assetto ambientale dei luoghi ed hanno assicurato una corretta manutenzione del territorio, oggi non rivestono più un ruolo così preminente, così che anche le problematiche della stabilità idrogeologica e della qualità dei luoghi sotto il profilo igienico, ecologico-naturalistico e fisionomico-paesaggistico non sono più governate dalla costante cura assicurata al territorio. La variabilità ambientale costituisce un altro elemento forte attorno al quale promuovere e migliorare la fruizione dei luoghi, animare il settore turistico tradizionale, promuovere forme di turismo rurale che sappiano valorizzare le diverse risorse ambientali e storico-culturali sfruttando così risorse rilevanti ancora inesplorate. La morfologia urbana del territorio comunale è caratterizzata da aree a destinazione residenziale, tra le quali distinguiamo il nucleo di antica formazione, da aree a carattere prevalentemente artigianale e commerciale, e le aree destinate ad ospitare strutture pubbliche e attrezzature per la collettività. Le aree a prevalente carattere residenziale di Almenno San Salvatore si trovano nella zona centrale del territorio comunale, sebbene siano presenti anche episodi di nuclei residenziali isolati. La maggior parte delle industrie si concentra invece nella zona meridionale e nella zona settentrionale del nord del territorio comunale.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

405


Comune di Almenno San Salvatore

Tavola D03 – Morfologia urbana

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

406


Comune di Almenno San Salvatore

8.2.2 IL SISTEMA DEI SERVIZI AREE E ATTREZZATURE PUBBLICHE

Nel territorio comunale si possono individuare le seguenti aree e attrezzature: Attrezzature religiose La chiesa parrocchiale è la Parrocchia di San Salvatore, sita in via XXV Aprile, Essa volge, oltre la funzione di chiesa, quella di oratorio e di casa parrocchiale. Altre architetture religiose, presenti sul territorio comunale, di rilevante valenza sotrico-culutrale e architettonica sono il santuario Madonna del Castello, la chiesa di San Giorgio al cimitero, la Chiesa di San Nicola e la Chiesa di San Nicolò. Cimitero Il cimitero è posto lungo via dei Caduti. Edifici pubblici L’edificio comunale è collocato in Piazza San Salvatore 11. La biblioteca comunale è ospitata nel palazzo dell’ex Pretura, via XXV Aprile. La biblioteca si sviluppa interamente al piano terra ed è complanare al piano stradale d'accesso. Vi e' pressoche' un'assoluta mancanza di barriere architettoniche. Edifici scolastici Per quanto concerne le infrastrutture scolastiche è possibile rilevare che i singoli comuni vallivi riescono a garantire nella quasi totalità dei casi la presenza di infrastrutture scolastiche relative ai primi cicli di studio (materna e al massimo elementare). Nel Comune di Almenno San Salvatore sono localizzate le infrastrutture scolastiche relative alle scuole medie per i Comuni della Bassa Valle Imagna, mentre a Sant’Omobono Terme per i Comuni dell’Alta Valle. Gli edifici con funzione scolastica ad Almenno San Salvatore sono ubicati in viale Europa. Essi sono rappresentati dalla Scuola dell'Infanzia, dalla Scuola Primaria e dalla Scuola Secondaria di primo grado. E’ inoltre presente un asilo nido, sito in via Regina Teodolinda 3. Gli Istituti Superiori sono localizzati a Bergamo e quelli Universitari fanno capo a tutti i capoluoghi

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

407


Comune di Almenno San Salvatore

delle province Lombarde. Attrezzature sportive e verde Nel territorio comunale è presente un campo per il gioco del calcio, situato nella zona meridionale del teritorio comunale, a nord della strada provinciale SP 175, con accesso da via Lemen. E’ inoltre presente un campo sportivo in prossimità della parrocchia. La aree di verde pubblico sono invece dislocate in varie parti del territorio, la più ampia delle quali si sviluppa nel territorio circoastante il cimitero. Strutture sanitarie Per quanto concerne le infrastrutture sanitarie è possibile rilevare che i singoli comuni vallivi riescono a garantire nella quasi totalità dei casi servizi puramente ambulatoriali e servizi di trasporto verso le terme e verso i presidi ospedalieri soprattutto per le persone anziane o non motorizzate. I presidi Ospedalieri di riferimento sono localizzati a Bergamo e a Ponte San Pietro. Parcheggi Sono presenti parcheggi dislocati in diverse zone del territorio comunale. Viabilità La viabilità principale è raprresentata dalle strade proviniciali SP. 175 e SP 14. Il principale collegamento è rappresentato dalla strada, che mette in connessione i Comuni con il resto della Valle Imagna. La rete di accesso ai centri minori è sufficientemente ramificata. Nel quadro del sistema della viabilità locale sono previste la realizzazione di due tratti stradali ad opera della Comunità Montana che assumono particolare valore strategico in quanto capaci di assicurare i rapporti tra le popolazioni dei comuni limitrofi. La viabilità all’interno del Comune è caratterizzata dalla presenza di due arterie principali: la S.P. 175 che collega la strada statale “Briantea” n° 342 alla Valle Imagnae alla Valle Brembana, passando per Almenno San Salvatore; la SP 14, che attraversa il territorio comunale di Almenno San Salvatore.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

408


Comune di Almenno San Salvatore

Impianti tecnologici Nel territorio comunale sono presenti tre aree destinate ad ospitare impianti tecnologici, in particolare, di telefonia. Rete idrica, rete fognaria e depurazione delle acque Il servizio di adduzione acquedotto copre l’intero territorio comunale con il 100% degli abitanti allacciati al servizio. Il servizio di fognatura copre l’intero territorio con circa il 95% degli abitanti allacciati al servizio. Il servizio di depurazione copre l’intero territorio con circa il 85% di abitanti allacciati al servizio.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

409


Comune di Almenno San Salvatore

IL TRASPORTO PUBBLICO

Il trasporto pubblico è costituito essenzialmente da linee extraurbane di autopullman. Almenno San Salvatore è attraversato da percorsi di linee extraurbane, i cui itinerari di collegamento con il Capoluogo principale consentono un regolare collegamento via gomma entro l'ambito provinciale. Almenno San Salvatore è servita da TRE linee di autobus gestite dalla società Sab (Consorzio: Bergamo Trasporti Ovest): • la linea B00a-c Costa Imagna - S. Omobono - Villa d'Almè Linea BERGAMO - S. OMOBONO - VALSECCA - COSTA IMAGNA // ROTA IMAGNA – BRUMANO che offre 28 corse per Almenno San Salvatore e 29 corse da Almenno. Sul territorio comunale sono presenti 2 fermate, una in località Cinque Vie e la seconda in località Gabbione. Linea BERGAMO - PONTE GIURINO - BERBENNO – BLELLO che offre 5 corse per e da Almenno San Salvatore. Sul territorio comunale è presente una fermata in località Cinque Vie. • la linea B00e Roncola - Almenno S.S.- Albenza: Linea ALMENNO SAN BARTOLOMEO - ALBENZA-CASUCCO che offre 2 corse per e da Almenno S. Salvatore. Sul territorio comunale è presente una fermata in località Cinque Vie. Linea ALMENNO SAN SALVATORE - RONCOLA CANALE - COSTA IMAGNA che offre 9 corse per e da Almenno S. Salvatore. Sul territorio comunale sono presenti 3 fermate, due in località Cinque Vie e la terza in località Rondò. • la linea P Almè - Almenno S.S.- Ponte S.Pietro che offre 14 corse per Almenno San Salvatore e 15 corse da Almenno. Sul territorio comunale sono presenti 4 fermate, una in località San Martino, una in località Rondò, la terza in località Cinque Vie e la quarte in prossimità del Ristorante Palanca. Le carenze più rilevanti riguardano soprattutto l’Alta Valle dove la mancanza di un trasporto pubblico in periodi e fasce orarie determinate mette ulteriormente in difficoltà il settore del turismo montano, specie della seconda casa, in fase di costante contrazione. Il problema della mobilità appare ulteriormente aggravato dalla necessità degli studenti di scuole superiori e universitarie e da una rilevante quantità di lavoratori di recarsi fuori dalla Valle per

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

410


Comune di Almenno San Salvatore

raggiungere i luoghi di studio e lavoro. IL SISTEMA DEI SERVIZI DI ALMENNO SAN SALVATORE La tabella e il grafico seguente riportano i dati relativi alle superfici destinate a servizi, per tipologia di servizio, nel territorio comunale. Tabella – Aree destinate a servizi per tipologia di servizio – Mq

TIPOLOGIA DI SERVIZIO Attrezzature di interesse collettivo

55.196

Attrezzature scolastiche

21.964

Attrezzature tecnologiche

3.752

Aree a parcheggio

29.599

Verde pubblico attrezzato

33.913

Verde sportivo

22.449

Totale superficie a servizi

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

AREA (MQ)

166.873

411


Comune di Almenno San Salvatore

Grafico – Aree destinate a servizi per tipologia di servizio - %

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

412


Comune di Almenno San Salvatore

8.2.3 IL SISTEMA AMBIENTALE

Il quadro ambientale del Comune di Almenno San Salvatore è quello che si rileva dall'analisi del territorio aperto, ed in particolare dell'ambito collinare. Gli elaborati grafici predisposti evidenziano le peculiarità di un territorio segnato da rilievi, vallate, crinali, aree boscate, che forniscono al progettista un puntuale quadro di vincoli, o meglio di un quadro di proposte di regole per la loro tutela. Alcune brevi annotazioni, semplicemente di carattere indicativo, sono relative alla qualità ambientale del territorio comunale di Almenno San Salvatore, come di gran parte della testata della Valle Imagna, anche relativamente agli aspetti geologici, geomorfologici ed idrografici e complessivamente paesistici; infatti, dalle analisi eseguite, si è rilevato come l’intero territorio possieda un’elevata valenza ambientale proprio nel suo complesso, nella scansione e nella stretta interrelazione tra le diverse “componenti” geografiche che in esso si sono riconosciute e che sono state descritte nel rispettivo Capitolo relativo alla descrizione del territorio comunale. Oltre alle maggiori evidenze, tanti sono i dettagli che meriterebbero una considerazione e una valorizzazione, quando non addirittura una salvaguardia. Tutto ciò deve essere considerato nel pensare lo “sviluppo” urbanistico del territorio comunale, come devono essere salvaguardate le viste all’esterno, i “cannocchiali” visivi, le panoramiche, da e verso il territorio del Comune di Almenno San Salvatore.

8.2.4 USO DEL SUOLO

La figura, la tabella e il grafico seguenti illustrano la ripartizione della superficie comunale di Almenno San Salvatore per tipologia di uso del suolo, sulla base del DUSAF 2007. Fonte: SITer Provincia di Bergamo

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

413


Comune di Almenno San Salvatore

Dusaf 2007

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

414


Comune di Almenno San Salvatore

Tabella – Dusaf 2007 – Almenno San Salvatore DESCRIZIONE Zone urbanizzate Tessuto residenziale continuo mediamente denso Tessuto residenziale discontinuo Tessuto residenziale rado e nucleiforme Tessuto residenziale sparso Insediamenti produttivo, grandi impianti e reti di comunicazione Impianti di servizi pubblici e privati Insediamenti industriali, artigianali, commerciali Insediamenti produttivi agricoli Cimiteri Reti stradali e spazi accessori Aree estrattive, discariche, cantieri, terreni artefatti e abbandonati Cave Cantieri

% 28,89%

5,24%

1,53%

70547 2638

Aree verdi non agricole Parchi e giardini Impianti sportivi Aree verdi incolte Seminativi Seminativi arborati Seminativi semplici Colture permanenti

64133 25335 27369 11429 478317 78314 400003 317893

Vigneti Frutteti e frutti minori

301966 10865

Altre legnose agrarie

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

AREA (mq) 1385013 275650 885740 164094 59529 251155 11980 203984 3182 18740 13269 73185

1,34%

9,98%

6,63%

5062

415


Comune di Almenno San Salvatore

Prati permanenti Prati permanenti con presenza di specie arboree ed arbustive sparse Prati permanenti in assenza di specie arboree ed arbustive Aree boscate Boschi di latifoglie a densitĂ media e alta Rimboschimenti recenti Formazioni ripariali Ambienti con vegetazione arbustiva e/o erbacea in evoluzione Cespuglieti in aree di agricole abbandonate Zone aperte con vegetazione rada ed assente Spiagge, dune ed alvei ghiaiosi Corpi idrici Alvei fluviali e corsi d'acqua artificiali Totale superficie Almenno San Salvatore

209915

4,38%

107554 102361 1901929 39,67% 1818335 10 83584 19366 0,40% 19366 47494 0,99% 47494 45502 0,95% 45502 4793902 100,00%

La percentuale di consumo del suolo urbano è pari al 35,66%.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

416


Comune di Almenno San Salvatore

Grafico – Uso del suolo (DUSAF) – Almenno San Salvatore

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

417


Comune di Almenno San Salvatore

La tabella e il grafico seguente riportano invece i dati di sintesi relativi all’suo del suolo così come illustrati nella tavola D07, elaborata per il Documento di Piano, Le destinazioni d’uso sono state derivate dall’analisi del P.R.G., dell’uso del suolo attuale e del Piano di Indirizzo Forestale. Tabella e grafico – Uso del suolo tavola D07 – Almenno San Salvatore

USO DEL SUOLO

%

Aree residenziali

99,88

20,78%

Aree produttive o commerciali

14,98

3,12%

Aree e attrezzature di pubbliche e impianti tecnologici

8,09

1,68%

Aree a parcheggi

2,96

0,62%

Rete viaria

24,07

5,01%

Aree a verde pubblico o privato

12,31

2,56%

Aree agricole

115,16

23,96%

Aree boscate

170,83

35,55%

4,91

1,02%

27,38

5,70%

Aree di interesse paesistico ambientale non boscate Corsi d'acqua e aree di pertinenza non boscate Totale superficie comunale

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

AREA (HA)

480,56

418


Comune di Almenno San Salvatore

Come si può osservare, il territorio comunule risulta caratterizzato da aree boscate, a cui seguono per estensione le aree agricole (prati, pascoli, vigneti) e le aree a destinazione residenziale.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

419


Comune di Almenno San Salvatore

Tavola D07 – Uso del suolo

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

420


Comune di Almenno San Salvatore

8.2.5 LA CLASSIFICAZIONE DEL TERRITORIO

La classificazione del territorio è componente strutturale del Documento di Piano e costituisce il criterio attraverso cui il Piano delle Regole attribuirà l’edificabilità ai diversi ambiti del territorio. Essa si basa sulle diverse situazioni di fatto e di diritto riscontrate al momento dell’adozione del presente Documento di Piano. Sulla classificazione del territorio si fondano: • le regole di perequazione urbanistica che presiedono alle azioni di trasformazione urbanistica da Recepire nel Piano delle Regole relativamente agli ambiti di trasformazione • le regole di perequazione tipologica che presiedono alle azioni di conservazione urbanistica ed edilizia previste dal Piano delle Regole La classificazione non è materia negoziabile né in sede di formazione di varianti al Piano delle Regole né in sede di approvazione degli Ambiti di Trasformazione. Eventuali aggiornamenti della classificazione e/o localizzazione di nuovi Ambiti aventi lo scopo di registrare il consolidamento di un nuovo stato di fatto e di diritto destinato a condizionare le future scelte strategiche e operative del Documento di Piano, costituiscono variante al presente Documento di Piano. La classificazione suddivide il territorio comunale in classi basandosi sul riconoscimento di differenti situazioni di fatto e di diritto. Lo stato di fatto rispecchia: • le aspettative urbane; • la struttura dei luoghi. Lo stato di diritto rispecchia: • le regole consolidate da convenzioni urbanistiche e/o interventi edilizi gia autorizzati alla data di adozione del presente Documento di Piano e che a tale data sono ancora in vigore; • gli assetti fondiari particolari. Le classi individuate sono: 1. TESSUTO URBANO CONSOLIDATO (TUC) che comprende parti del territorio formato dai tessuti insediativi e le aree occupate da servizi esistenti e delimitate da un perimetro continuo che comprende aree completamente edificate e lotti interclusi (Tessuto residenziale consolidato, Tessuto Storico-architettonico, Tessuto produttivo e commerciale consolidato, Tessuto dei servizi consolidati e per attrezzature tecnologiche, Verde privato); 2. TESSUTO URBANO MARGINALE (TUM) che comprende le parti di territorio intercluse tra il tessuto urbano consolidato o a ridosso dello stesso che il Documento di Piano può

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

421


Comune di Almenno San Salvatore

assoggettare a trasformazioni di tipo urbano; 3. TESSUTO AGRICOLO DI CONSERVAZIONE (TA) che comprende le parti esterne al territorio urbano che il Documento di Piano salvaguarda da trasformazioni di tipo urbano ma può assoggettare a trasformazioni di tipo turistico ed ecomuseale a basso impatto; 4. TESSUTO DI INTERESSE PAESISTICO AMBIENTALE (TIP) che comprende le parti di interesse naturalistico, paesistico, ambientale che il Documento di Piano salvaguarda da trasformazioni di tipo urbano ma può assoggettare a trasformazioni di tipo turistico ed ecomuseale a basso impatto. 5. TESSUTO DI RISPETTO DEI CORSI D’ACQUA (TRC) che comprende le parti di interesse naturalistico di pertinenza dei corsi d’acqua che il Documento di Piano salvaguarda da trasformazioni di tipo urbano ma può assoggettare a trasformazioni di tipo turistico ed ecomuseale a basso impatto.

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

422


Comune di Almenno San Salvatore

Tabella e grafico – Classificazione del territorio (tav. D08)

CLASSIFICAZIONE DEL TERRITORIO Tessuto di interesse storico-architettonico Tessuto residenziale consolidato Verde privato vincolato Tessuto produttivo consolidato Tessuto commerciale consolidato Tessuto dei servizi consolidati Tessuto per attrezzature tecnologiche Rete viaria Tessuto urbano marginale Tessuto agricolo di conservazione Tessuto di rispetto dei corsi d'acqua Tessuto di interesse paesistico-ambientale

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

AREA (Ha) 4,83 95,05 6,68 14,45 0,54 16,31 0,38 24,07 16,63 252,56 38,32 10,76

423


Comune di Almenno San Salvatore

Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005

424

Quadro conoscitivo  

Quadro conoscitivo

Advertisement