Page 1

Magazine internazionale di design e tendenze arredamento e stili di vita architettura e arte

nuMero douBle face

Best of desiGn 2016

English text

Settembre 2016 Anno 27 n. 9 € 4,50 Mensile Poste Italiane S.p.A. Sped. in A.P. - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n°46) art.1, comma 1, DCB Milano

Back hoMe rientro a casa con stile a Milano, mixando arte contemporanea e design a roma, in una casa-biblioteca con vista sulla città tendenze Giungla a colori, oasi relax immerse nel verde nuove Mete alla scoperta di città del Messico icone vivere in un capolavoro firmato luis Barragán


SCOPRI IL MONDO DI

mIlano deSIgn Show

Magazine internazionale di design e tendenze arredamento e stili di vita architettura e arte English text

Il Salone In anteprIma

protagonIStI philippe Starck, hella Jongerius, Carsten höller CIttà dI deSIgn losanna, treviso, eindhoven InternI made In Italy patricia Urquiola a milano, piero lissoni in toscana, gordon guillaumier a noto

Il ma magazine agazinne di designn e tendenze, arredamento e stili di vita, architettura e arte. Propone in anteprima i trend, le novità, gli appuntamenti da non perdere e racconta i nuovi modi di abitare. Internazionale per vocazione, promuove la cultura del design nel mondo.

www.elledecor.it

PROVA SUBITO

LA TUA RIVISTA PREFERITA IN VERSIONE DIGITALE APP PER TABLET E SMARTPHONE DISPONIBILE IN ITALIANO E FULL ENGLISH

3 MESI GRATIS*

www.abbonationline.it/apptryandbuy


PROVA SUBITO LA TUA RIVISTA PREFERITA IN VERSIONE DIGITALE APP PER TABLET E SMARTPHONE DISPONIBILE IN ITALIANO E FULL ENGLISH

PER TE * 3 MESI GRATIS www.abbonationline.it/apptryandbuy

E POI ABBONATI CON SCONTI FINO AL 70% *Trascorso il periodo di prova gratuito, l'abbonamento sarà automaticamente rinnovato, salvo tua disdetta, al prezzo e per la durata indicati nell'offerta


Hearst Magazines Italia Spa via R. Bracco 6, 20159 Milano - tel. 02.6619.1

Direttore responsabile

Livia Peraldo Matton lperaldo@hearst.it Caporedattori Filippo Romeo (caporedattore centrale) — fromeo@hearst.it Flavia Giorgi — fgiorgi@hearst.it Bettina Rosso (caporedattore design e tendenze) — erosso@hearst.it Consulente alla direzione Rosaria Zucconi (interni e travel) — rzucconi@hearst.it Direttore artistico Valeria Settembre — vsettembre@hearst.it Redazione Grazia Baccari — gbaccari@hearst.it Piera Belloni — pbelloni@hearst.it Francesca Benedetto (interni, travel, people) — fbenedetto@hearst.it Tamara Bianchini — tbianchini@hearst.it Murielle Bortolotto — mbortolotto@hearst.it Paola Carimati (design e tendenze) — pcarimati@hearst.it Redazione grafica Mariapia Coppin (vice caporedattore) — mcoppin@hearst.it Elena Santangelo (caposervizio) — esantangelo@hearst.it Carlo D’Amico (impaginazione) — cdamico@hearst.it Photoeditor Vivetta Rozza — vrozza@hearst.it Segreteria Elena Contardi (direzione, amministrazione) — econtardi@hearst.it Roberta Salvioni (redazione, produzione) — rsalvioni@hearst.it Emanuela Megliola — emegliola@hearst.it Collaboratori Ilaria Bacciocchi, Anna Battista, Porzia Bergamasco, Chiara Dal Canto/Living Inside, Chiara Di Pinto, Karin Gråbæk, Arianna Lelli Mami, Laura Maggi, Gloria Mattioni, Sonia Pravato, Valentina Raggi, Studiopepe, Marco Tagliafierro, TDR Translation Company, Doriana Torriero, Helle Walsted Fotografi Helenio Barbetta/Living Inside, Settimio Benedusi, Adriano Brusaferri, Federico Cedrone, Donata Clovis, Robert Holden, Jean-Luc Laloux, Nathalie Krag, Andrew Meredith, Hasse Nielsen, Paola Pansini, Giorgio Possenti, Wichmann + Bendtsen Photography, Adam Wiseman, Max Zambelli Progetto grafico Designwork elledecor.it Alessandro Valenti (consulting editor) Chiara Chioda — cchioda@hearst.it Benedetta Lamberti — blamberti@hearst.it Carlotta Marelli — cmarelli@hearst.it Direzione, redazione e amministrazione via R. Bracco 6, 20159 Milano, tel. 02.6619.3375 — 02.6619.2774, fax 02.6619.3862 e-mail segreteria di redazione: econtardi@hearst.it — rsalvioni@hearst.it Direttore responsabile: Livia Peraldo Matton Editore: ©2012 Hearst Magazines Italia Spa — via R. Bracco 6, 20159 Milano Registrazione presso il Tribunale di Milano n. 530 del 16 luglio 1987 Pubblicato a Milano nel 1987 Elle Decoration Network 25 Edizioni Internazionali CHINA — CROATIA — DENMARK — FRANCE — GERMANY — GREECE HOLLAND — INDIA — INDONESIA — ITALY — JAPAN — KOREA — MEXICO MIDDLE EAST — PHILIPPINES — POLAND — RUSSIA — SOUTH AFRICA SPAIN — SWEDEN — TAIWAN — THAILAND — TURKEY — UK— USA ELLE DECOR ITALIA ISSN 1120-4400 is published 10 times per year (except February & August) by HEARST MAGAZINES ITALIA Spa via R. Bracco 6, 20159 Milano - Italia


Hearst Magazines Italia Spa via R. Bracco 6, 20159 Milano - tel. 02 6619 1

PUBLISHIng DIrector DecoratIon BranDS Roberta Battocchio SenIor BranD manager Francesca Scarpelli ELLE DEcoR® è un marchio di Hachette Filipacchi Presse (H.F.P.) e una testata di Hearst Magazines Italia Spa Tutti i diritti riservati ©HEARST MAGAZINES ITALIA SPA P. IVA 12212110154 | Via Roberto Bracco 6, 20159 Milano - Italy HEARST MAGAZINES ITALIA Spa pubblica: Gente, Gente Enigmistica, Gente Puzzle, Gente Puzzle collection, Gente Speciali, Gioia!, gioia.it, cosmopolitan, cosmopolitan.it, Elle, Elle Sfilate, Elle Kids, Elle Luxe, Elle Spose, Elle Spose collezioni, Very Elle Beauty & Fit, Very Elle Shopping Accessori, elle.it, Elle Decor Italia, elledecor.it HMc ITALIA Srl pubblica: Marie claire, Marie claire 2 Bellezza, Marie claire Bis Sfilate, Marie claire Enfants, Marie claire Maison, Marie claire Maison Guida Design, Marie claire #Likes, marieclaire.it conceSSIonarIa eScLUSIVa Per La PUBBLIcIt Hearst Magazines Italia Spa Direzione Generale Pubblicità: Via R. Bracco 6 - 20159 Milano Tel. 02/6619.1 Fax 02/6619.2608 DIrettore generaLe Marco cancelliere, mcancelliere@hearst.it VIce DIrettore generaLe, marKetIng, InIZIatIVe SPecIaLI Roberta Battocchio, rbattocchio@hearst.it cHIeF DIgItaL oFFIcer Biagio Stasi, bstasi@hearst.it DIrettore commercIaLe moDa Roberta Gamba, rgamba@hearst.it DIrettore commercIaLe BeaUtY claudio Brenna, cbrenna@hearst.it DIrettore commercIaLe arreDo Enrico Vecchi, evecchi@hearst.it DIrettore commercIaLe granDI mercatI e centrI meDIa Alberto Vecchione, avecchione@hearst.it DIrettore VenDIte DIgItaL carla costa, ccosta@hearst.it coorDInamento Settore arreDo Marta Pancin, mpancin@hearst.it ItaLIa DIreZIone centro norD TRIVENETo E MANToVA. DIRETToRE coMMERcIALE: Massimiliano Fusi. Hearst Magazines Italia Spa, Strada Battaglia 71/c 35020 Albignasego (PD) Tel. 049/8172876 - Fax 049/8172879. PIEMoNTE, LIGURIA E VALLE D’AoSTA, Adv SpazioErre Srl, c.so Giovanni Lanza 105 - 10133 Torino - Tel. 011/6600.100 - Fax 011/6602875. EMILIA RoMAGNA, ToScANA E UMBRIA. DIRETToRE coMMERcIALE: Sisto casalini. Hearst Magazines Italia Spa, Via Goito 8 - 40126 Bologna Tel. 051/29631.11 - Fax 051/2963130. ItaLIa DIreZIone centro SUD DIRETToRE coMMERcIALE: Massimo Scirocco. LAZIo E SARDEGNA, Hearst Magazines Italia Spa, Via della camilluccia 535 00135 Roma -Tel. 06/688998.1 - Fax 06/68899824. MARcHE-ABRUZZo-MoLISE, Alessandro Fiorelli, Via Garibaldi 47 - 61032 Fano (PU) - Tel. 335/6891463. cAMPANIA E cALABRIA, Valentina Paparo, Via onofrio Fragnito 54 80131 Napoli - Tel. e Fax 081/5456386. PUGLIA-BASILIcATA E SIcILIA, G.S.P. SAS, Via Principe Amedeo 93 70122 Bari - Tel. 080/5045399 - Fax 080/5045401. InternatIonaL aDVertISIng Robert Schoenmaker - Tel. 02/6269.4441 HearSt magaZIne InternatIonaL Kim St. clair Bodden (Senior Vice President, Editorial Director) HearSt magaZIneS ItaLIa SPa David F. carey (Presidente) Giacomo Moletto (Amministratore Delegato e Direttore Generale) Simon Horne - Marcello Sorrentino, Debi chirella (Amministratori) traDemarK notIce Elle® and Elle Decor™ are used under license from the trademark owner, Hachette Filipacchi Presse. LagarDÉre actIVe Denis olivennes (chairman and cEo Lagardère Active) constance Benqué (cEo ELLE France & International) François coruzzi (cEo ELLE International Media Licenses) Sylvie De chirée (Brand Management of Elle Decoration) cristina Romero (SVP/International Director of Elle Decoration) Mickael Berret (SVP/Director of International Media Licenses, Digital Development & Syndication) Linda Bergmark (Editorial Executive of Elle Decoration) Flora Régibier (Marketing Executive of Elle Decoration) Audrey Schneuwly (Syndication coordinator) InternatIonaL aD SaLeS HoUSe: LagarDere gLoBaL aDVertISIng François coruzzi (cEo) Stéphanie Delattre (SVP/International Advertising, stephanie.delattre@Lagardere-Active.com) StamPa e DIStrIBUZIone NIIAG, viale Zanica 92, 24126 Bergamo Per l’Italia: m-Dis Distribuzione Media Spa, via cazzaniga 19, 20132 Milano tel. 02.2582.1. Per l’estero: Johnsons International News Italia Srl, via Valparaiso 4, 20144 Milano - Tel. 02.43982263, fax 02.43976430. E-mail: info@johnsons.it A causa di restrizioni doganali i gadget non vengono spediti in tutti i Paesi.


Hearst Magazines Italia Spa via R. Bracco 6, 20159 Milano - tel. 02 6619 1

ELLE DECORATION CINA Room 2302, n. 193 Fu Jian Road (c) Shanghai P.R.C. ELLE DECORATION CROAZIA Radnicka Cesta 39 10000 Zagreb ELLE DECORATION DANIMARCA Aller Media A/S Postbox 420 DK-0900 København C ELLE DECORATION FILIPPINE Summit Media 6th Floor Robinsons Cybergate Tower 3, Robinsons Pioneer Complex, Pioneer St.Mandaluyong City, Manila, Philippines 1550 ELLE DECORATION FRANCIA 149, rue Anatole France, 92534 Levallois-Perret ELLE DECORATION GERMANIA Arabellastrasse 23, 81925 Munich ELLE DECOR GIAPPONE Minami-aoyama Tokyu Bldg 3-8-38 Minami-Aoyama Minato-ku Tokyo 107-0062 ELLE DECORATION GRECIA 5 Benaki Street 152 38 Chalandri ELLE DECOR INDIA 201, Nirman Kendra Off Dr E Moses Road Famous Studio Lane Mahalaxmi, Mumbai 400 011 ELLE DECORATION INDONESIA Grand Wijaya Center Jl Wijaya II No. E16-17, Jakarta 12160 ELLE DECORATION KOREA Hearst Joongang 5F, Contentree Bldg, 6-13 Nonhyundong, Gangnam-gu Seoul ELLE DECORATION MESSICO Grupo Expansion Av. Constituyentes 956 Col. Lomas Altas CP 11950, Mexico Df. ELLE DECORATION MIDDLE EAST Mantra Communications, Saint Joseph Street, Irani Building, 2nd Floor, 99 999 Achrafieh, Monot, Beirut, Lebanon ELLE DECORATION OLANDA Singel 468 1017 AW Amsterdam ELLE DECORATION POLONIA UL. Warecka 11A 00-034 Warszawa ELLE DECORATION RUSSIA 31 B Shabolovka str Entrance 6 Moscou 115162 ELLE DECOR SPAGNA C/Cardenal Herrera Oria 3 - 28034 Madrid ELLE DECORATION SUDAFRICA 105-107 Hatfield Street (Picasso building) Gardens, Cape Town 8001 ELLE DECORATION SVEZIA Box 27 706 115 91 Stockholm ELLE DECORATION TAILANDIA 7th Floor, Bangkok Post Building 136 Sunthomkosa Road Klong Toey Bangkok 10110 ELLE DECORATION TAIWAN Hearst Magazines Taiwan, 8F, No 90, Sec. 1, Jian Guo N. Road, Taipei 10491 ELLE DECOR TURCHIA Hurriyet Medya Towers 34212 Gunesli - Istanbul ELLE DECORATION UK 72 Broadwick Street, London W1F 9EP ELLE DECOR USA 300 West 57th Street, Floor 28, New York, NY 10019. In Canada i marchi ELLE (denominazione e logo) sono di proprietá di France Canada Editions e Publications Inc.

INTERNATIONAL COMMERCIAL NETWORK: INTERNATIONAL COMMERCIAL DIRECTOR Nelly STREICHENBERGER Mail: nelly.streichenberger@lagardere-active.com; LAGARDÈRE GLOBAL ADVERTISING, 124 rue Danton, 92300 Levallois- Perret, France. CANADA: Françoise CHALIFOUR - Mail: francoise.chalifour@publicitas.com CINA: Wendy LIN - Mail: wendy.lin@publicitas. com.cn COREA: Jung-Won SUH - Mail: sinsegi-2@sinsegimedia.info FRANCIA E BELGIO: Philippe LEONARD - Mail: philippe. leonard@lagardere-active.com GERMANIA: Vanessa NÖTZEL - Mail: vanessa.noetzel@burda.com GIAPPONE: Mayumi KAI - Mail: kai-pbi@gol.com GRECIA: Costis FRONIMOS - Mail: c.fronimos@global-media.gr INDIA: Rachna GULATI - Mail: rachna.gulati@publicitas.com ITALIA: Robert SCHOENMAKER - Mail: rschoenmaker@hearst.it MALESIA: Audrey CHEONG - Mail: audrey.cheong@publicitas.com OLANDA: Peter LANDSHEERE - Mail: peter.landsheere@publicitas.com SCANDINAVIA: Karin SÖDERSTEN - Mail: karin.sodersten@aller.se SPAGNA: Melinda SNIDER - Mail: msnider@hearst.es REGNO UNITO: Victoria JACOB LUCK - Mail: victoria.luck@hearst.co.uk STATI UNITI: Olivier BERTON - Mail: olivier.berton@ publicitas.com TAILANDIA: Steven FONG - Mail: steven.fong@publicitas.com TURCHIA: Emin Tan BILGE - Mail: tanbilge@medialdt.com.tr ABBONAMENTI: Per informazioni contattare il Servizio Clienti Hearst Magazines Italia Spa - Ufficio Abbonamenti - c/o CMP BRESCIA - 25126 E-MAIL: abbonamenti@hearst.it Fax 041.5099553 - Telefono dall’Italia 199.11.55.44; dall’estero 0039.041.5099049. Servizio attivo dal lunedì al venerdì dalle h. 09.00 alle h. 19.00; il costo della chiamata nazionale da telefono fisso è di € 0,12 al minuto + IVA, senza scatto alla risposta. Per chiamate dal cellulare i costi sono legati all’operatore utilizzato. Servizio effettuato da Koiné Brescia srl, via Val D’Avio 9, 25132 Brescia. Gestione operativa: Press Di Distribuzione Stampa e Multimedia srl, via Mondadori 1, 20090 Segrate (Mi). L’abbonamento partirà dal primo numero raggiungibile. Per il rinnovo attendere l’avviso di scadenza. Le copie in abbonamento vengono consegnate direttamente agli uffici postali decentrati. ARRETRATI: Per i numeri arretrati rivolgersi alla propria Edicola di fiducia, che può richiederli attraverso il Servizio Arretrati su www.primaedicola.it. Il prezzo degli arretrati è pari al doppio del prezzo di copertina. La disponibilità di copie arretrate è limitata all’ultimo anno, salvo numeri esauriti. Non è possibile richiedere arretrati delle versioni con gadget. Informativa privacy. Hearst Magazines Italia Spa, quale titolare del trattamento, ai sensi dell’art. 13, D.Lgs. 196/2003, garantisce il trattamento dei dati personali nel rispetto della normativa sulla privacy. I dati dell’interessato sono trattati, manualmente ed elettronicamente, da Hearst Magazines Italia Spa. Il trattamento dei dati è finalizzato all’invio delle riviste richieste in abbonamento e alle operazioni connesse. Hearst Magazines Italia Spa, solo previo consenso dell’interessato, utilizzerà i dati per finalità di marketing, attività promozionali, offerte commerciali, analisi statistiche e ricerche di mercato. Alle medesime condizioni i dati potranno essere comunicati ad aziende terze - ivi comprese le società in rapporto di controllo e collegamento con Hearst Magazines Italia Spa ai sensi dell’art. 2359 c.c. per loro autonomi utilizzi aventi le medesime finalità. Ai sensi dell’art. 7, D.Lgs. 196/2003, l’interessato ha il diritto di consultare i dati ovvero domandarne l’aggiornamento, la rettifica o la cancellazione. Non è invece esercitabile il diritto di conoscere l’origine dei dati personali trattati, ai sensi dell’art. 138, D. Lgs. 196/2003. Responsabile del trattamento è Press Di Distribuzione Stampa e Multimedia srl, via Mondadori 1 - 20090 Segrate (Mi).

FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI

ISSN 1120-4400

ACCERTAMENTI DIFFUSIONE STAMPA CERTIFICATO 7513 DEL 10/12/2012


n. 9—2016

61

160

190

attualitÁ+cultura 28 Elledecor.it Gli extra del mese, da approfondire online 31 Password Back Home: dopo l’estate, il piacere di tornare a casa pensando alla nuova stagione 32 Destinazione arte Installazioni e sculture attingono al mondo dell’interior design. E lo trasformano con sguardo inedito

111 in mostra a Venezia Dalla biblioteca privata della stilista, foto, disegni e cimeli che svelano il mondo intimo di Coco Chanel 231 n.b. Mostre, appuntamenti, vernissage. Gli eventi del mese nel mondo DEsign+architEttura 61 Design Il creativo Philippe Malouin racconta come trasforma la materia in geometria pura

69 Elle Decor incontra Cristina Celestino, progettista e collezionista, nella sua casa, dove convivono prototipi e pezzi di grandi maestri 83 tendenze Vivere in un’icona: da affittare o acquistare le ville firmate dalle archistar del XX secolo 217 inside design Food, wellness, materiali… Tutte le novità

stilE+DEcor 47 Decorscouting Curiosità, mobili, address: tutto da scoprire 93 in mostra a new York Con Li Edelkoort alla ricerca del Textile Month nella Grande Mela 105 Design&Fashion L’esclusiva collezione Dior MAISON in limited edition 117 address Milano/1 La nuova boutique milanese di Pomellato, firmata da Dimore Studio 25

EllE DEcor


Settembre

172 Cover

180 food+travel 99 Nuova ospitalità In Belgio, una piccola stazione di campagna rivive come maison de vacance 123 address Milano/2 Inaugura il Caffè Senato, con un’ospitalità a 360°, dal breakfast all’aperitivo 129 address roma Il ristorante Pasticcio a Testaccio, il roof con giardino più cool della capitale

26

elle decor

134 134 Itinerario A Città del Messico, tra architetture all’avanguardia e ristoranti gourmet INterNI 160 In Messico Casa Pedregal, firmata Luis Barragán, in un restauro che l’ha riportata alle origini 172 Giungla a colori Piccoli living e grande comfort per un rientro in città immersi nel green

180 roma La casa/biblioteca di Antonio Gnoli, suo spazio d’elezione per scrivere, leggere e pensare 190 In danimarca Un’architettura tra legno, vetro e volumi aperti al paesaggio 200 Milano Opere d’arte e design del ’900 nella dimora di un giornalista e collezionista 233 Gli indirizzi 235 english text

Servizio a pag. 200. Di Rosaria Zucconi — foto di Nathalie Krag testo di Filippo Romeo BEST OF DESIGN 2016 Il meglio della produzione italiana e internazionale. Foto di Max Zambelli


elledecor.it Elle Decor Italia è anche sul web con news, video, photo gallery, case, architettura, design, interior decoration. In più: reportage in tempo reale e speciali dalle principali capitali del mondo

extra su elledecor.it Un’apposita grafica segnala i contenuti speciali. Segui il simbolo + alla fine degli articoli. Per trovarli basta aprire la home page e cliccare sulla voce magazine

design Hack: l’ufficio custom made di Konstantin Grcic per Vitra (pag. 50). dior MAISoN, la prima collezione casa dell’esclusivo brand francese (pag. 105). Il meglio del design internazionale del 2016 nello speciale Best of, online a partire dalla seconda settimana di settembre.

da non perdere rockaway!, l’installazione di Katharina Grosse sulla spiaggia americana di Fort Tilden, commissionata dal MoMA PS1 (pag. 34). Le illusioni ottiche di Felice Varini sulla terrazza della Cité Radieuse, a Marsiglia (pag. 47). La london design Biennale in scena alla Somerset House (pag. 231).

reportage Live da Londra lo speciale london design Festival, in calendario dal 17 al 25 settembre con eventi, incontri, new opening, interviste. Da Bologna, il meglio di cersaie 2016, la kermesse dedicata al mondo del bagno e della ceramica. Raccontata in tempo reale dai protagonisti.

Puoi sfogliare Elle Decor Italia anche su tablet, smartphone e dispositivi kindle fire. Disponibile su app store, google play e amazon app-shop anche in versione full English

28

elle decor


password

09.16 [Back Home]

Ritorno a casa. Finalmente, o con un pizzico di malinconia, ancora con l’estate negli occhi e l’entusiasmo per iniziare con un nuovo twist. Ricordando i Paesi, le culture, i luoghi e le emozioni appena vissute e già la voglia di altre scoperte. Un po’ come in questo numero, costruito pensando al mese di settembre e all’inzio di una nuova stagione fatta di novità, anteprime, storie, personaggi. Raccontando il legame fortissimo e sempre crescente fra i linguaggi dell’arte contemporanea e il mondo della decorazione; incontrando designer di talento pronti a spiccare il volo; visitando luoghi sorpendenti e città che, in pochi anni, hanno trasformato la propria immagine. Come Mexico City, megalopoli a 2.240 metri d’altitudine, che ha sfatato la fama di città off limits sviluppando un’anima contemporanea con musei all’avanguardia, locali di tendenza, design e architettura. Nel segno di Luis Barragán, del quale visitiamo uno dei capolavori, Casa Pedregal, che ha ritrovato forme, colori e arredi originali grazie alla dedizione del nuovo proprietario. Un tema, questo delle case d’autore, che ci appassiona. L’abbiamo sviluppato cercando le residenze delle archistar, in Europa e negli Stati Uniti, per scoprire che c’è un mercato fiorente di ville dei Maestri, non solo da sognare ma anche in vendita. Il nostro scouting si conclude con lo speciale ‘Best of Design 2016’, nel reverso del magazine, dedicato al meglio dell’ultimo Salone del Mobile. Un report ricco e creativo sui trend dell’abitare, i protagonisti, i mood del momento e il meglio della produzione internazionale e made in Italy. 31

elle decor


L’arte trova casa Scenari domestici, interni iperdecorati e abitazioni definite in ogni dettaglio, dalle fondamenta al tetto. Installazioni e sculture attingono al mondo dell’interior design. E lo trasformano per sorprendere

Erwin Wurm — È allo Skulpturenpark Waldfrieden della Cragg Foundation, Germania, ‘The Fat House’, uno dei simboli che l’artista austriaco usa per reinterpretare la vita quotidiana in modo grottesco. Wurm, che rappresenterà l’Austria alla Biennale di Venezia 2017, sarà il 14/9 a ‘Firenze Suona Contemporanea’ con ‘Fallen Falls’, video concerto live. www.firenzesuonacontemporanea.it

© VG Bild und Kunst Bonn 2016, Erwin Wurm, foto Michael Richter

di Filippo Romeo e Marco Tagliafierro — ha collaborato Piera Belloni


Foto John Bernardo, courtesy of Luxembourg & Dayan

destinazione aRte

alex da Corte — L’installazione ‘Die Hexe’ (La strega), presentata alla galleria Luxembourg & Dayan di New York, consiste di ambienti ispirati agli antenati ‘concettuali’ dell’autore. Quello in foto allude alla casa della nonna, recuperato dai ricordi familiari. Da Corte è fra gli artisti della collettiva ‘Illumination’ fino all’11/9 al Louisiana di Humlebæk. www.luxembourgdayan.com 33

elle deCoR


DESTINAZIONE ARTE

Hans Op de Beeck — Presentata all’ultima ArtBasel nella sezione Unlimited, la sua ‘Collector’s House’ è una grande installazione dove tutti gli oggetti sono realizzati a grandezza naturale, in legno e gesso dipinto di un grigio monocromo. Gli arredi, i personaggi, la fontana centrale con ninfee, appaiono come pietrificati nel tempo, in un sospeso momento di tranquillità. www.galleriacontinua.com

34

ELLE DECOR

Courtesy Katharina Grosse and MoMA PS1, foto Pablo Enriquez Courtesy Hans Op de Beeck and Galleria Continua, San Gimignano / Beijing / Les Moulins / La Habana, foto Studio Hans Op de Beeck

Katharina Grosse rosse — La pittura oltre i confini ini della tela: l’installazione site ite specific ‘Rockaway!’, commissionata ssionata dal MoMA PS1, è realizzata alizzata con una tecnica spray ay direttamente sulla struttura, uttura, un edificio a Fort Tilden, den, lesionato dall’uragano no Sandy, che sarà demolito a fine anno. Un’operazione per celebrare la memoria, condotta a evocando la forza dell’action painting. www.momaps1.org +elledecor.it


destinazione arte

Courtesy Ai Weiwei e Galleria Continua, San Gimignano / Beijing / Les Moulins, foto Oak Taylor-Smith

ai Weiwei — Il gigantesco ‘Chandelier’ (4 m d’altezza), in mostra lo scorso anno alla Galleria Continua di Pechino, simile a un albero che produce scintillanti luci di cristallo, è un’opera che allude alla nuova prosperità della società cinese, associata a un concept di lusso di stampo europeo. L’artista sarà protagonista a Palazzo Strozzi, Firenze, con una personale dal 23/9. www.palazzostrozzi.org

36

elle decor


diango Hernández — Segni grafici dipinti come un decoro sulle pareti di musei e gallerie (qui, ‘En teoria, la playa’, creata nel 2016 per il Museum Morsbroich, di Leverkusen): così l’artista cubano sintetizza l’appartenenza alla cultura del suo Paese. È uno degli autori chiamati per la collettiva ‘We Call It Ludwig’, al Museum Ludwig di Colonia. Fino all’8/1/2017. www.museum-ludwig.de

Cerith Wyn evans — Con l’installazione ‘Diary: How to Improve the World (You Will Only Make Matters Worse) Continued 1968 (Revised), from “M” Writings ’67–’72 by John Cage’, del 2003, allo Yorkshire Sculpture Park per la mostra ‘Transparency’, fino al 4/9, l’artista gallese colloca ad altezza occhi un lampadario che pulsa in codice Morse i testi di Cage. www.ysp.co.uk

38

elle deCor

thomas demand — Prende spunto dall’attualità il lavoro dell’artista tedesco che a partire da una foto tratta dai giornali la riproduce realizzandone un modello 3D, in carta, che fotografa, riportando l’immagine alle due dimensioni originarie. Come in questa ‘Junior Suite’ del 2012, versione straniante di un evento di cronaca: l’ultima cena di Whitney Houston nella stanza d’hotel dove è stato rinvenuto il corpo. www.thomasdemand.info

© Diango Hernández, foto Anne Pöhlmann - © Thomas Demand by SIAE 2016, Courtesy Matthew Marks Gallery - Arts Council Collection, Southbank Centre, London. © Cerith Wyn Evans

destinazione arte


destinazione arte

Courtesy Massimo De Carlo, Milano / London / Hong Kong

elmgreen & dragset — Il duo artistico con base a Berlino lavora tra arte, architettura e design. Gli spazi domestici, così come gli oggetti più comuni, sono trasformati e ridefiniti nella loro destinazione d’uso e utilizzati per sollecitare interrogativi e inquietudine nello spettatore. Nella foto ‘Mental Piece/Cornered Fireplace’, del 2007, esposta alla Galleria Massimo De Carlo. www.massimodecarlo.com

40

elle decor


destinazione arte

Jorge Pardo — L’artista messicano realizza un intervento architettonico alla Petzel Gallery di New York con ‘Inert’, autentica scultura in acciaio, legno e plexiglas colorato, e insieme vera e propria stanza/rifugio, arredata con letto, tappeto, lampade. Il visitatore è invitato a entrarvi, a camminare e toccare, per annullare la distanza non solo fisica fra sé e l’opera d’arte che esiste di solito in musei e gallerie. www.petzel.com Foto Zarko Vijatovic © The Museum of Contemporary Art, Los Angeles. Gift of Theo Danjuma and James Lindon Courtesy Jorge Pardo e Petzel Gallery, New York

alex israel — Fra realtà e finzione cinematografica: il mood californiano da Hollywood alla Pop Culture è la principale ispirazione per l’eclettico creativo di L.A., autore di dipinti, sculture, una linea di occhiali e dell’interview show visibile sul web ‘As It Lays’. La cui scenografia diventa un’installazione, in mostra all’Astrup Fearnley di Oslo fino all’11/9. www.afmuseet.no

42

elle decor


destinazione arte

La forte presenza del tema dell’interior design nelle installazioni d’arte contemporanea degli ultimi anni svela la totale fascinazione che gli oggetti della produzione industriale e il gusto iperdecorativo del Classico hanno sull’immaginario degli artisti di oggi. Il tutto centrifugato nel frullatore della cultura Pop. Gli sconfinamenti fra i vari territori della creatività provocano un intreccio di linguaggi e significati creando così una visione nuova, fatta di immagini consuete ricollocate in un contesto spiazzante. L’attenzione per la decorazione, ridefinita con una dimensione totalmente onirica e surreale, è da scoprire nelle opere del belga Hans Op de Beeck (Turnhout, 1969) che mette in scena stati d’animo misteriosi, cortocircuiti emotivi legati a continui riferimenti storici e letterari. Nel caso di ‘The Collector’s House’ — installazione di grandi dimensioni messa in scena lo scorso giugno ad ArtBasel Unlimited — ci troviamo in un salotto/museo dove sculture, quadri, mobili e libri sono ricostruiti e dipinti di un grigio ‘cerebrale’ che ne accentua l’astrazione. Mentre con ‘Semi-Detached - John & Ethel Landy’ di Michael Landy (Londra, 1963) siamo di fronte all’archetipo della casa operaia inglese riprodotta in scala reale e trasportata come fosse una scultura nello spazio di un museo. Attivismo e carisma sono invece alla base delle produzioni di Ai Weiwei (Pechino, 1957), uno degli artisti cinesi più influenti e autore di messaggi dalla forte valenza sociale e politica. La sua è una monumentale poesia di denuncia fatta attraverso oggetti d’uso comune o legati alla storia del suo Paese: dimostrando che per tutti è possibile cercare nell’arte antica o contemporanea la forza per un futuro migliore. Con lo stesso spirito, l’austriaco Erwin Wurm (Bruck an der Mur, 1954) in ‘The Fat House’ critica la mentalità e lo stile 44

eLLe decor

di vita occidentali, mettendo in primo piano il bisogno nevrotico e la bulimia del consumismo. La tedesca Katharina Grosse (Friburgo, 1961) trasforma invece un decadente edificio sulla spiaggia di Fort Tilden in un’opera d’arte monumentale rendendolo, con il suo tipico spray multicolor, uno psichedelico edificio-simbolo. Lo stesso vale per Diango Hernández (Sancti Spíritus, Cuba, 1970) che utilizza la sua personale cifra stilistica – il tratto ondulato di colore – nello strumento per raccontare la cultura cubana. È una strada affascinante quella che accomuna gli indirizzi di questi artisti, un percorso che parte dagli spazi ma anche dagli elementi d’arredo o dagli oggetti che li popolano per raccontare significati reconditi e infinite alternative d’interpretazione. È il caso di ‘Mental Piece/ Cornered Fireplace’ con cui Elmgreen & Dragset (Copenaghen, 1961, e Trondheim, 1969) utilizzano un immaginario legato agli interiors per arrivare a sollecitazioni spiazzanti. Ciò che stiamo guardando è reale o solo realistico? I messaggi visivi che ci bersagliano quotidianamente veicolano informazioni attendibili? Anche Thomas Demand (Monaco di Baviera, 1964) parte da questi presupposti e sviluppa il tema a partire da immagini tratte dai giornali, ricostruite in carta e poi fotografate. Tra gli spunti, spazi privi di qualsiasi presenza umana, che lasciano interdetti, come una tavola imbandita o uno scenario domestico che spesso evoca storie di drammatica attualità. L’americano Alex Da Corte (Camden, 1980), invece, distacca materiali e oggetti dalla loro funzione originaria per dare loro nuove potenzialità dentro una scenografia astratta, fatta di elementi architettonici come una staccionata o un pavimento decorato. L’immaginario domestico è ancora una volta protagonista assoluto. —

© Michael Landy. Image courtesy Thomas Dane Gallery, London

Michael hael Landy — S’intitola ‘Semi-detached Semi-detached - John & Ethel Landy’, ndy’, l’edificio-scultura con cui l’autore, utore, attento ai temi sociali, iali, riproduce in scala reale la casa sa dei genitori e ricrea un universo familiare straniante all’interno di uno spazio museale: seale: un’architettura dentro un’architettura. architettura. Landy è protagonista nista della personale ‘Out of Order’, der’, al Museum Tinguely dii Basilea fino al 25/9, www.tinguely.ch uely.ch


Protagonista il design e poi i gioielli scultura di Calder, l’arte che illude e il pianoforte da colorare

© André Morin

a cura di Bettina Rosso e Murielle Bortolotto

Il punto di vista perfetto di Felice Varini, al Mamo di Marsiglia fino o al 2 ottobre ‘Á ciel ouvert’. L’edificio icona di Le Corbusier convertito in un centro d’arte dal designer Ora Ïto veste i colori olori (giallo e rosso) e le forme me bidimensionali tracciate dell’artista tista svizzero. Gli spazi urbani sono per lui un foglio su cui comporre opere grafiche che lo spettatore può ò contemplare solo da una precisa cisa angolazione. www.mamo.fr +elledecor.it elledecor.it

47

elle decoR


decorscouting

Sospeso tra Oriente e Occ Occidente il tavolo Memos in legno e marmo m di Roberto Lazzeroni per Giorgetti. Le gambe tornite in frassino a sezione tonda sorreggono fras il piano pi in cristallo grigio da cm 180 di diametro, d che lascia intravedere al centro ce la suggestiva decorazione in marmo. m www.giorgetti.eu +elledecor.it +ell 48

elle de decor

Rifrazioni luminose e colore per la collezione di oggetti da tavolo Prism di Tomás Alonso per Atelier Swarovski Home. Caleidoscopici oggetti in marmo e cristallo, in tonalità di tendenza che giocano sulla riflessione della luce del taglio a 47° e proiettano effetti affascinanti e illusioni ottiche. www.atelierswarovski.com +elledecor.it ll

© 2016 Calder Foundation, New York - Foto © Estate of Evelyn Hofer

Sculture da indossare, alcuni dei gioielli più scenografici creati da Alexander Calder nella sua lunga carriera saranno esposti a Londra alla Louisa Guinness Gallery dal 27/9, nella mostra ‘The Boldness of Calder’. Nella foto del 1976, una giovane Anjelica Huston, ritratta da Evelyn Hofer, indossa The Jealous Husband (1940). www.louisaguinnessgallery.com


decorscouting Giochi artistici di luce con Lucky Lamp dell’israeliana Albi Serfaty per Aqua Creations. Una lastra in polimero a cromatismi sfumati con tagli fatti a mano, la cui luce è gestita attraverso un sistema Led RGB che può creare 5 storie con relative variazioni di luminosità. www.aquagallery.com

L’ufficio in scatola: Konstantin Grcic sfida la tradizionale scrivania con Hack, il progetto per Vitra che attraverso un’unità autonoma superflessibile supera il concetto di ufficio statico, regalandogli dinamismo. L’elemento base, scrivania/divano può essere piegato e diviene una scatola con pochi gesti. E il piano di lavoro abbassato si trasforma in divano. www.vitra.com +elledecor.it 50

elle decor

© Aqua Creations

India e twist contemporaneo: Aravali, nuovo wallpaper di Osborne&Little by Matthew Williamson, è una serrata successione di morbide colline declinate nella gamma dei neutri (in foto) o in altre 4 varianti. Coordinato anche il tessuto. www.osborneandlittle.com


decorscouting

Il nuovo volto del legno prezioso, lavorato o curvato, super slim o in massello tra savoir-faire italiano, ispirazioni nordiche e jap [1]

[5]

[2]

[3]

[4]

1. Sinuosa la lampada in rovere Libe S160 di Masiero, illuminazione ecofriendly a Led che abbina il cristallo, cm 160x30h, € 3.667. www.masierogroup.com 2. Libreria MHC.2 disegnata da Yasuhiko Itoh nel 1959, edita oggi in 100 esemplari. Le stecche della struttura sono in iroko mentre l’esterno è in teak, della Heritage Collection di Molteni&C. www.molteni.it. 3. Ante effetto 3D per la madia Cubric in noce canaletto di Riflessi, handmade. www.riflessi.it. 4. Piano in vetro e base scultorea per il tavolo che si allunga Segno 72, di Pininfarina per Reflex, da cm 160 a cm 300, www.grupporeflex.com. 5. Direttamente dall’Amazzonia, le texture Piaçava e Pirarucu ideate dai Fratelli Campana per il brand emiliano Alpi, per rivestire le pareti. www.alpi.it. 52

elle decor


decorscouting

La Traviata in scena: sospesa tra arte e design, la lampada creata dallo scenografo Bob Wilson per l’italiana Slamp è una luce astratta che occupa lo spazio in modo teatrale. Una scultura luminosa composta da un elemento centrale in metacrilato che diffonde la luce con un sistema Led. www.slamp.it +elledecor.it

Compleanno per Cutler and Gross, il marchio di occhiali piĂš glam vestito da artisti come David Hockney (nella foto) ma anche da Sir Elton John, Bono Vox, Julia Roberts o Colin Firth. Festeggia i 45 anni della prima boutique londinese di Knightsbridge con la Heirloom collection. Dieci modelli di culto in limited edition. www.cutlerandgross.com

54

elle decor


decorscouting

© Stan Koolen

Dalle 9 alle 17, orario continuato. La serie di arredi per l’ufficio ideati deati da Sanne Beeren per Lensvelt (brand olandese) e Space pace Encounters pone al centro ntro dell’ambiente lavorativo vo l’uomo. Nasce così la Boring Collection: sedie, tavoli, scaffali, mobili contenitori, un cestino e un orologio da parete te tutti realizzati in metallo, llo, super ergonomici, ecologici logici e completamente tinti con il non colore per eccellenza, il grigio ultralight. tralight. Il colore siamo noi. www.boringcollection.com .com

56

elle decor


decorscouting

Classico e irriverente. Al primo sguardo pare un letto della tradizione, leggero e sobrio, in metallo verniciato color verde. Ma a un’osservazione più attenta, Manga by Millenove89 (di Baù e Bigolin) svela un dettaglio ironico che lo rende speciale: 2 bamboline Manga incastonate nella testata che portano una nota comics. www.millenove89.com

Rapsodia in blu, rosso corallo o granato, giallo lime, verde menta o turchese: in questi colori è da oggi declinabile il pianoforte Cambridge del marchio UK Edelweiss. Tinta unita o multicolor a propria scelta, per sonorità intonate agli interni anche nel colore. www.edelweisspianos.com

Ivano Atzori e Kyre Chenven (sardo lui, americana lei), dalle variegate esperienze creative internazionali, approdano a Is Aresus (Cagliari) e creano Pretziada. L’obiettivo è valorizzare il saper fare del territorio, ricco di tradizione, creando oggetti moderni che trattengano la cultura del luogo rinnovandola. Il vaso Circle in terracotta smaltata di Walter Usai, da scegliere in turchese o bianco e in due misure, racchiude tutta la magia della Sardegna. www.pretziada.com 58

elle decor


design

Craf t industriale Ai confini tra serialità e fatto a mano: è il segno autoriale del canadese based in London Philippe Malouin. Che, con le mani, trasforma la materia in geometria pura di Paola Carimati — ritratto di Andrew Meredith

Philippe Malouin ritratto con gli sgabelli Ace nella lobby dell’omonimo hotel a Londra. Qui, la versione colorata è in mostra in occasione della London Design Week 2016.

61

elle deCor


design

“L’idea creativa è tanto più interessante quanto più è in grado di integrare la manualità nella produzione industriale”

Quattro progetti per raccontare il segno semplice e geometrico di Philippe Malouin. In alto a sinistra, l’essenzialità della maniglia Hex per Izé; a destra, la lampada Gridlock per Roll&Hill. Sopra, Dunes per 1882 LTD. In basso, i vassoi in acciaio stampato 3D per Othr.

62

elle decor

Quartiere Hackney Central, East London. È qui, al Post Office, lo studio di Philippe Malouin, che si lavora sodo. Con il progettista canadese, trapiantato dal 2009 nel Regno Unito, 5 collaboratori. Un passato appena trascorso che lo ha consacrato tra i designer internazionali più talentuosi e un futuro a venire ricco di appuntamenti e sfide. “In occasione della London Design Week 2016 presento una versione colorata degli sgabelli Ace, realizzati per l’omonimo hotel. Siamo anche concentrati su una grande installazione per la prossima edizione di Design Miami, così come su nuovi prodotti per il Salone del Mobile di Milano e per ICFF di NY”. Philippe è un giovane uomo di 36 anni consapevole e determinato nel perseguire la professione con coerenza. Vanta una progettualità duttile: con i brand Hem e Othr indaga le potenzialità della produzione seriale, democratica e accessibile, e con le edizioni limitate per la galleria libanese Carwan e l’italiana ProjectB le molte anime del craft. Un eclettismo mutuato da Tom Dixon, il designer inglese con il quale ha lavorato all’inizio della sua carriera. Malouin continua ad amare l’Europa, nonostante Brexit. “Uno dei punti forti della classe creativa inglese è l’incredibile melting pot culturale. Limitare il libero movimento dei residenti della UE potrebbe incidere negativamente sul settore”, afferma pur coltivando l’ottimismo. Expat, ha lasciato infatti Montreal per studiare all’École Nationale Supérieure de Création Industrielle di Parigi e finire la formazione alla Design Academy di Eindhoven. “Scuole


design

“Mi capita spesso di usare un solo materiale per declinare un’intera collezione. Una scelta che mi permette di portare l’esplorazione delle sue potenzialità all’estremo”

20 Planters/Swing lanters/Swing è la serie di vasi disegnati dal designer canadese per Caesarstone. Ognii contenitore, dedicato a un fiore specifico, è caratterizzato ratterizzato da una forma a e da un’interpretazione della a superficie irripetibile: l’unicità cità dei pezzi è infatti amplificata lificata dalla lavorazione razione artigianale.

64

elle decor


design

“Il mio approccio al progetto è geometrico, pulito e definitivo. Mi piace comporre e innestare elementi semplici e modulari”

che mi hanno insegnato a coniugare pensiero e funzione partendo dal processo”. Il suo approccio al design è concretamente sperimentale: si nutre di materiali forti e crudi come legno, metallo e marmo che indaga alternando tecniche di produzione industriale e artigianale. Con le mani elimina il superfluo sino a giungere a un rigore puro e definitivo. La forma articolata della sospensione Gridlock (Roll&Hill) è un buon esempio per raccontare il percorso. “Una parte del mio lavoro si ispira all’architettura: un marciapiede, un ponte, la facciata di un edificio… Questa lampada è un flashback che mi riporta a Bangkok”, precisa. L’immagine di una città caotica diventa una struttura reticolare composta da giunti angolari in ottone, prodotti industrialmente e assemblati manualmente. Oltre all’industrial craft, la poesia: quella della sorgente luminosa che svela un paesaggio di ombre intricate. “Volendo trovare un fil rouge nel mio lavoro, direi che mi piace usare un materiale solo in modalità modulare. Per Slat Collection, la serie composta da tavolo, panca e libreria, ho scelto le assi in legno di abete Douglas, quelle impiegate in edilizia; per le ciotole componibili 1:4 Bowls ho utilizzato il cemento, e per i vasi 20 Planters/Swings il quarzo sintetico Caesarstone”. Malouin si misura anche con la stampa 3D. “L’unica tecnologia possibile che mi permetta di realizzare in acciaio curve e innesti dalle sezioni nitide e senza imperfezioni”. Ancora una riflessione sul dettaglio, alla ricerca di un accorgimento semplice e bello. Un po’ come è lui. — www.philippemalouin.com 66

elle decor

Foto sedia e ritratto Stefano Pavesi - Pannello, Eleonora Mion

Sopra, seduta in acero e betulla Typecast per Matter Matters. A destra, Philippe Malouin ritratto con le ciotole in concrete1:4; sotto, il pannello in Mdf, edizione limitata, tutto per ProjectB. In basso, vasi e ciotole Chamfer per Nude Glass.


elle decor incontra

Un ritratto della progettista accanto alle teche di Piero Lissoni per Glas Italia con i suoi Atomizer. A terra, lampada Medusa di Olaf von Bohr per Ecolight (ora Valenti).

Cris Cristina Celestino Celes

Al quarto piano di un edificio d’epoca, la progettista milanese d’adozione ci svela la sua passione per il collezionismo. Negli interni taylor made realizzati da storiche manifatture italiane convivono prototipi e pezzi firmati dai grandi maestri foto di Helenio Barbetta/living inside — testo di Paola carimati 69

elle decor


ELLE DECOR INCONTRA

160 mq nella Milano degli studenti. Un ambiente luminoso e ricco di storia: quella di uno spazio vissuto che accoglie il design contemporaneo

In alto a sinistra, i profumatori da tavola Atomizers di Cristina Celestino. Qui sopra, sulla mensola in onice con passamanerie Tripolino, i vasi Olfattorio della designer. Accanto, close up del living: sul tavolino Marmolada di Celestino, la lampada di Sergio Asti per Martinelli Luce; poltrone in legno curvato di Joe Colombo per Kartell. In secondo piano, la lampada da terra 4055 di Luigi Bandini Buti per Kartell. 70

ELLE DECOR


ELLE DECOR INCONTRA

Uno scorcio della sala da pranzo adiacente al living. iving. Sul tavolo anni ’30, con sediee anni ’50 Medea di manifattura a italiana Fratelli Tagliabue e Vittorio Nobili, vasi in vetro Deriva e Olfattorio di Cristina Celestino. Accanto canto alla finestra, a sinistra, la lampada ampada da terra Chiara di Mario rio Bellini per Flos e il pannello mosaico Plumage di Celestino per BottegaNove; a destra, il mobile obile in vetro con cubi girevoli di Gallotti allotti & Radice.

72

ELLE DECOR


ELLE DECOR INCONTRA

Nel living di Madame Celestino alla ricerca di rari ninnoli e vezzi d’antan. Un viaggio nel tempo per riscoprire come il presente rilegge il passato

Qui sopra, close up sulla poltrona P40 di Borsani per Tecno, con il cabinet Les Volieres di Cristina Celestino per Seletti e la lampada da terra di Luigi Bandini Buti per Kartell. In alto a destra, sopra il camino, Cristallino, sue autoproduzioni, e il vaso di Simonetto della manifattura Galvani (anni ’30). Accanto, un primo piano del mosaico in ceramica Plumage di Cristina Celestino per BottegaNove. 74

ELLE DECOR


ELLE DECOR INCONTRA

Protagonista nell’ampio ingresso che porta alla a zona notte e allo studio, il mobile ile Sipario di Cristina Celestino per Durame. Sul piano, lampada da tavolo avolo Prismar di Arditi per Nucleo cleo Sormani (1972) e Miuccia, i suoi uoi vasi autoprodotti. A soffitto, lo chandelier handelier Poliedri di Venini. A destra, estra, sulla mensola in onice con passamanerie assamanerie Tripolino, i vasi Olfattorio io di Celestino.

76

ELLE DECOR


ELLE DECOR INCONTRA

Nel soggiorno, divano D70 e poltrone P40 di Bors Borsani per Tecno. Al centro, tavolo tavol Alanda di Paolo Piva per B&B Italia. A destra, lampada da terra di Luigi Bandini Buti pe per Kartell. In fondo a sinistra, la lluce Riflessioni di Claudio S Salocchi per Skipper, a destra il mobile Angolo di Ca Caccia Dominioni per Azucena. Azucen

Milano, zona città Studi, interni di un edificio anni Cinquanta. È qui che incontriamo Cristina Celestino, designer di spicco della nouvelle vague italiana. Classe 1980, un compagno e una bimba, Bianca, si trasferisce in questo appartamento al quarto piano lo scorso anno. “Prima abitavamo in una casa dei primi del Novecento: pianta tagliata in ambienti piccoli e raccolti, soffitti alti e stucchi alle pareti”, racconta Celestino. Qui, in questi nuovi 160 mq, l’atmosfera è tutta un’altra cosa: dal disimpegno all’ingresso, l’affaccio da una parte sull’ampio living immerso nella luce e dall’altra sulla zona notte e di servizio, che include anche lo studio. “Abbiamo conservato l’architettura di interni originale”, continua, “inclusi i dettagli: dal camino alla porta scorrevole con le maniglie in ceramica. Siamo intervenuti solo nel bagno e in cucina, dove abbiamo posato i pavimenti in resina. Mi piacciono le case vissute, quelle che custodiscono una storia. Non capisco chi ne stravolge l’anima per trasformare un classico senza tempo in un loft contemporaneo”. A punteggiare la ricercata scenografia domestica, la scelta degli arredi. Qui non c’è nulla di esibito, urlato, sfacciato, ma al contrario si respira un’aria vintage colta e sofisticata, di chi conosce a menadito la storia del design: i pezzi, scelti dalla progettista con il fiuto da vera collezionista, si accomodano naturalmente nello spazio. Ben riconoscibili i tratti autoriali di Gio Ponti e Caccia Dominioni, ma anche di Borsani e Gardella. L’insieme ci restituisce della giovane donna anche il carattere, determinato, ma gentile, e la sua curiosa passione per le atmosfere sospese nel tempo delle portinerie della vecchia Milano. Ma a sorprendere 78

ELLE DECOR

è la facilità con la quale i segni dei grandi maestri dialogano con i suoi Atomizer, i profumi da tavola in vetro borosilicato, e Les Volieres, il cabinet in tondino di metallo, ma anche con Opalina, la collezione di arredi in vetro per Tonelli e Plumage, il mosaico in ceramica realizzato a mano da BottegaNove. Questo perché Madame Celestino attinge a un repertorio di immagini del passato, “che rileggo con uno sguardo contemporaneo”, precisa. ”Dai vaporizzatori di fragranze alle gabbie per volatili, capricci delle dame d’altri tempi, dalle piume di pavone, animale esotico protagonista di tanta letteratura romantica, alla toeletta per il trucco: oggetti che riscoprono una seconda giovinezza”. Dall’immaginario alla materia. Vetro, ceramica e metallo: è da qui che nasce la riflessione che guida il progetto. “Molto del mio lavoro è realizzato a mano o autoprodotto da Attico, il marchio che ho fondato nel 2011”, racconta. “Collaboro con artigiani fidati che mi aiutano nella scelta delle giuste tecniche di lavorazione: alcune antiche, come la soffiatura a bocca, altre recuperate perché cadute in disuso, come certe finiture sabbiate”. Il racconto mette a fuoco oggetti dai volumi puliti e depurati, completamente privi di orpelli. Nella collezione di contenitori Sipario, per esempio, la passamaneria — il nastro prezioso utilizzato per decorare i tessuti — si riscatta e si trasforma in una morbida anta che chiude il mobile. Un vezzo intelligente che recupera, riusa e avvicina ieri e oggi, per regalarci un inedito che (già) conosciamo. — www.designattico.com


tendenze RichaRd MeieR/Michigan – La Douglas House, progettata negli anni ’70 e considerata tra i capolavori dell’architetto statunitense, è una villa privata da poco inserita nel National Register of Historic Places divenendo un monumento nazionale. Costruita a picco sul fiume, si staglia nella foresta col suo bianco assoluto tra spazi in/outdoor e grandi vetrate. www.richardmeier.com

Vivere in un’icona Le ville dei maestri del modernismo e i capolavori di Richard Meier e Frank O. Gehry. Da sognare, visitare e, potendo, acquistare. Dalle residenze del jet-set hollywoodiano ai gioielli del nostro Paese

Foto Scott Frances/OTTO

di Valentina Raggi

83

elle decoR


tendenze

Edifici esclusivi — Dagli Stati Uniti al vecchio continente, fashion icon, architetti e collezionisti sono i fortunati padroni di casa

osCar niemeyer/ santa monica – Unico edificio residenziale di Niemeyer negli USA (costruito ‘a distanza’ perché membro del Partito Comunista brasiliano), la Strick House in California è stata salvata dalla demolizione da Michael e Gabriella Boyd, architetti. Rivive oggi grazie a un restauro conservativo ed è arredata con pezzi dei grandi maestri del modernismo. www.niemeyer.org.br, www.boyddesign.com

Le Corbusier/Vallée de Chevreuse – Disegnata dal maestro e terminata dal suo allievo André Wogenscky nella campagna parigina, è stata acquistata e restaurata dall’architetto Alec de Lussanet de la Sablonière con i consigli di Wogenscky: “Gli sottoposi il mio progetto di ristrutturazione. Mi disse che era perfetto, e ricalcolò le dimensioni per mantenere le proporzioni del Modulor”.

84

eLLe deCor

Foto Birgitta Wolfgang Drejer/Sisters Agency - foto Ngoc Minh Ngo/Taverne Agency - foto Bruno Comtesse

John Lautner/ Los angeles – La Sheats House è la villa da sogno costruita per un produttore cinematografico nel ’63 dal maestro modernista (il più quotato sul mercato attuale americano). Dal ’72 è proprietà del multimilionario e fashion icon James Goldstein: ha appena annunciato che la donerà in eredità al museo LACMA per farne un luogo culturale aperto al pubblico. www.jamesfgoldstein.com


Tendenze

Ville aperte al pubblico — Sono sedi di fondazioni, luoghi di mostre e scenografia d’eccezione per il cinema. Residenze di carattere con una nuova destinazione

Jean Prouvé/ é/ nancy – Oggi aperta al pubblico, la casa manifesto costruita per la famiglia del progettista francese è fatta di materiali semplici e inediti. “Mio padre l’avrebbe voluta tutta in alluminio”, racconta la figlia di Prouvé. “Ma abbiamo dovuto fare con quello che era rimasto nel deposito dell’azienda”. Con pareti in alluminio e oblò è un unicum architettonico. www.mban.nancy.fr y

eileen Gray/r Gray/roquebrune-Cap-Martin — In Costa Azzurra, nido d’amore della progettista e dell’amante, l’iconica villa dal nome in codice E.1027 (E sta per Eileen, 10 per la J di Jean decima lettera dell’alfabeto, 2 è la B di Badovici, 7 la G di Gray). Oggi è visitabile, dopo un lungo restauro che ha recuperato anche 8 murales di Le Corbusier. www.e1027.org 86

elle deCor

Foto Richard Powers/Photofoyer - foto Jean-François Jaussaud/Luxproductions - foto Getty Images

Frank lloyd WriG WriGhT/los angeles — La Ennis House, favorita del maestro americano, realizzata nel ’24 con 27mila ‘textile blocks’ in calcestruzzo, diviene subito famosa come set del cinema, e scenario di ‘Blade Runner’. Oggi è monumento nazionale e proprietà del magnate Ron Burkle, già membro del Frank Lloyd Wright Conservancy, che l’ha aperta al pubblico. www.ennishouse.com


Tendenze

Capolavori in vendita — Riqualificati da lungimiranti real estate, messi all’incanto da case d’asta, contesi da agenzie immobiliari internazionali Piero PorTTaLuPP PPi/Milano i/Milano – A due passi dal Duomo, il Palazzo RAS realizzato nel ’38 è stato rivisitato e trasformato oggi in residenze di lusso, con alcuni appartamenti ancora disponibili. Il recupero filologico ridona smalto all’iconica facciata in travertino con ampie finestre e logge, l’interno ospita soluzioni ipercontemporanee. www.palazzobeltrade.it

MarceLL Breuer/ Princeton – Ispirata al progetto ‘House in the Museum Garden’ esposto al MoMA di New York nel ’49, la Lauck House nel New Jersey è un’icona del modernismo. Nota per il suo tetto a farfalla, ha la cucina al centro e le camere ai due lati. Negli anni ’80 è stata ampliata con una zona living centrale dalle pareti vetrate. Alla casa di 360 mq si aggiunge un parco di 160 ettari. Ristrutturata nel 2009 grazie a documenti d’archivio del MoMA, è in vendita a 1.470.000 dollari. www.architectureforsale.com

Frank LLLoyd WrighT WrighT/ Minnesota – La Louis Penfield House è ora in vendita con, in aggiunta, un’offerta unica al mondo: un lotto di terra adiacente sul quale poter costruire un’altra villa, la Riverrock, pensata e progettata da Wright poco prima della sua scomparsa. Ora se ne possono acquistare i disegni esecutivi a patto di realizzarla seguendo esattamente le indicazioni degli elaborati. Pacchetto completo: 1.700.000 dollari. www.architectureforsale.com

88

eLLe decor


TENDENZE

Architetture icona — Hanno segnato la storia del progetto, in tutto il mondo, firmate Lautner, Wright, Prouvé, Breuer, Le Corbusier

Abitare in una casa di Frank Lloyd Wright, Oscar Niemeyer, Gio Ponti e colleghi è possibile. A volte non serve essere milionari. Sul web ci sono architetture del gotha del modernismo in vendita o in affitto, a cifre più o molto meno accessibili. Altre, per fortuna, sono diventate oggi luoghi culturali aperti al pubblico. Celebs, magnati e collezionisti hanno speso cifre da capogiro per l’acquisto e spesso il restauro di questi monumenti altrimenti destinati alla decadenza. Dall’editore Benedikt Taschen che abita la Chemosphere, villa a forma di disco volante disegnata da John Lautner sulle colline di Los Angeles, al produttore David Zander, che dopo essersi regalato la Millard House, la cosiddetta ‘Miniatura’ di Wright a Pasadena in California (altro monumento, in vendita fino a poco fa), dice: “Non avevo proprio bisogno di un’altra casa”. Ma si ricrede e compra la Shaffer House di Lautner invenduta da anni. Per intenderci quella di ‘A Single Man’ di Tom Ford, perché incantato “dalla proporzione di ogni singolo spazio e dalla maestria artigianale”. L’architetto Alec de Lussanet de la Sablonière nella campagna parigina ha riconosciuto e acciuffato una casa di Le Corbusier con annesso Cabanon non ascoltando l’agente immobiliare che la definiva “lugubre, fredda e poco pratica”. Molte magioni d’autore sono ancora in cerca di acquirente. Sui siti delle agenzie internazionali come Architecture for sale, Houlihan Lawrence, Christie’s Real Estate o Sotheby’s International Realty (quando queste due non le mettono all’incanto addirittura come opere d’arte), oppure specifiche per zone, Hilton & Hyland su Los Angeles, The Modern House in Gran Bretagna, Idealista e Immobiliare.it in Italia, o sulle organizzazioni per la salvaguardia delle case moderniste, come NC Modernist o Save Wright. Los Angeles è il mercato più ricco al mondo, costellata di dimore uniche. Molte sono Case Study Houses, esperimenti residenziali dei grandi maestri del modernismo americano, altre note perché ritratte da fotografi come Julius Shulman e registi da Brian De Palma a Hitchcock. Tutte hanno rivoluzionato la storia dell’architettura. È in vendita la Borman House di Frank O. Gehry 90

ELLE DEcor

a Malibu a 33,9 milioni di dollari. Troppo? La casa era stata tolta dal mercato dopo essere rimasta invenduta a oltre 20 milioni in più. C’è anche la casa ‘UFO’ dell’attore Bob Hope firmata John Lautner, set del James Bond ‘Diamonds are forever’ e di una recente sfilata di Louis Vuitton, ora a metà prezzo, 25 milioni. In Europa, Milano ha la più alta concentrazione di mattone d’autore. Ci sono appartamenti, in affitto, nella Casa Rustici di Lingeri e Terragni (set anche di un episodio della serie televisiva ‘Gomorra’) a circa mille euro al mese e, in vendita, nel rinnovato Palazzo Beltrade di Portaluppi. Ma c’è anche un trilocale in un palazzo di Jean Nouvel a Colle Val d’Elsa per 180mila euro. Londra offre molto: tra le migliori sul mercato, una casa di John Winter rivisitata da David Adjaye e una di Amyas Connell, padre del modernismo in UK. Ma molte di queste pietre miliari sono oggi monumenti riconosciuti. La più recente entrata nel Registro dei luoghi storici americani è la Douglas House, capolavoro anni ’70 di Richard Meier in Michigan. Altre sono istituti o fondazioni, spesso conservate immacolate dalla loro âge d’or. Da Est a Ovest, tra le varie, sono aperte al pubblico la casa di Luis Barragán a Città del Messico, patrimonio UNESCO (vedi servizio a pag. 160 dedicato a un altro monumento del maestro); la villa E.1027 di Eileen Gray in Costa Azzurra, che lei chiamava il suo “piroscafo immobile” con scritto ‘Entrez lentement’ sull’uscio; il Museo Casa di Carlo Mollino a Torino, un gioiello salvato da Fulvio Ferrari che passa 7 giorni su 7 a recuperare i dettagli di questa “tesi di laurea su ciò che aveva imparato dalla vita”, dice; e l’Unité d’Habitation di Le Corbusier a Marsiglia, fresca di nomina come patrimonio UNESCO, il cui l’Appartamento N. 50 viene interpretato ogni anno da designer e creativi, quest’anno da Mendini. In futuro sarà possibile visitare anche la villa Sheats costruita a Beverly Hills da John Lautner che James Goldstein, cow-boy fashion icon, ha annunciato donerà al LACMA di Los Angeles, con tutto il contenuto. Dalle Rolls-Royce a uno ‘Skyspace’ di James Turrell. Una casa da sogno da condividere con il maggior numero possibile di ospiti. —

Foto Julius Shulman

JohN N Lau LauTNE TNEr/ r/ Los angeles – Una delle ville del glamour hollywoodiano, la Chemosphere, anche detta ‘UFO’, è un’innovativa architettura modernista ottagonale del ’60, realizzata con resine e collanti sperimentali. Dal ’98 è residenza dell’editore Benedikt Taschen. Oltre a essere monumento storico-culturale nazionale è stata set e ispirazione di numerosi film. www.taschen.com


in mostra a new york

Textile Pride Il New York Textile Month di Li Edelkoort: un festival diffuso per raccontare il tessuto. Un viaggio nella storia del suo rapporto virtuoso con architettura, arte, design e moda guidati dalla ricerca

Foto Thirza Schaap

di Paola Carimati

Un ritratto della trend setter olandese curatrice del NYTM in scena in città il mese di settembre. Ex direttore della Design Academy di Eindhoven oggi è decano alla Parsons di New York.

93

elle deCor


in mostra a new york

“Il tessuto? É un campione attraverso il quale leggere la complessità del mondo”

Tra le location da non perdere, il Cooper Hewitt che ospita ‘Scraps: Fashion, Textile and Creative Reuse’: un percorso alla scoperta del recupero creativo dei tessuti di scarto. Protagonisti il lavoro di Luisa Cevese, Christina Kim e Reiko Sudo. Anche il MoMA è parte dell’evento con ‘How should we live?’. In mostra una selezione d’interni moderni disegnati da alcuni tra i più grandi architetti, tra i quali Aino e Alvar Aalto e Charles & Ray Eames per capire come anche l’uso corretto di wallpaper tessili concorre a migliorare la qualità dell’ambiente domestico.

L’installazione Tikdi di Christina Kim per Dosa al Cooper Hewitt

Mobili in legno e tela di Charlotte Perriand al MoMA

Tessuto di Christina Kim al Cooper Hewitt

Dettaglio tessile di Fanny Gentle al Textile Arts Center

Il telaio con i tessuti Blueprint nello studio di Hiroko Takeda 94

elle decor


in mostra a new york

“Innovare vuol dire osservare biologia e tecnologia per sviluppare nuovi filati”

Tra le opere sperimentali realizzate in occasione del ‘Talking Textile Contest’ di Li Edelkoort, ‘I am My Mother’s Only One’ di Julia Wright esposta alla nuova Parsons School of Design.

nEW yOrk TExTILE MOnTh/ SEPTEMbEr 2016 Un festival interamente dedicato al tessuto, raccontato da molti punti diversi (storico, fashion, artistico, architettonico...) e in molti luoghi della città (gallerie, studi, musei...). Curato da Li Edelkoort con il contributo della nuova Parsons School of Design e il Cooper hewitt Smithsonian Design Museum l’evento intende promuovere e sostenere il mondo del textile. Ecco alcuni imperdibili appuntamenti: textile art Center con 2016 ‘Artists in residence’ mette in scena i lavori di Victoria Manganiello, Alex Goldberg, Jamie Israelow, Fanny Gentle, Maeve broome, Colette Aliman, Ignacia Murtagh e yunjung kang, giovani designer che hanno lavorato in residenza. Sperimentali i risultati raggiunti; textile treks in manhattan & Brooklyn Quattro passi per scoprire studi e laboratori di tessitura Made in ny. Tra i tanti spiccano i nomi di hiroko Takeda, We Gather Goods, Weaving hand e Lori Weitzner; High Line art su www.art.thehighline.org il programma della proiezione di corti che interpretano il tessuto; Parsons la scuola ospita seminari tematici sotto il cappello ‘Talking Textiles Seminar’. Programma in via di definizione su www.trendtablet.com/4155-talking-textile; metropolitan museum of art con ‘Antonio ratti Textile Center’ il museo mette in scena l’enciclopedica collezione di tessuti, tappeti, velluti, abiti talari; textile showroom knoll Int., Moooi e Marimekko, tra i tanti, accolgono il pubblico. 96

eLLe deCor

Se chiediamo a Li Edelkoort una definizione di tessuto, serafica risponde: ”È come un pittogramma, un campione che ci restituisce la foto dello status quo economico, politico e culturale del nostro tempo. Una sorta di Dna sociologico che ci permette di prevedere dove la società sta andando e cosa motiverà le persone domani”. Visto così, il textile, per la trend setter più famosa del mondo, deve avere le sembianze di una sfera di cristallo che permette di leggere il futuro. È forse anche per questo motivo che ha deciso di curare la prima edizione del New York Textile Month. Per tutto il mese di settembre, a New York, sotto la sua regia, la nuova Parsons School of Design e il Cooper Hewitt Smithsonian Design Museum hanno deciso di celebrare la forza e la potenzialità creativa di questo materiale con un programma di eventi diffusi in tutta la città. “Mi sono trasferita qui lo scorso anno, quando la Parsons mi ha chiesto, in qualità di decano, di riformare l’Hybrid Design Studies, il dipartimento che include i corsi di Textile, Costume e Couture Design. E poiché da cosa nasce cosa, ecco l’idea di NYTM”, ci racconta Edelkoort. “Il festival ha l’obiettivo di capire come far sopravvivere e innovare questo settore”. Che in Europa e negli Stati Uniti è sopravvissuto al collasso, ma che ancora sta lottando. “Il tessuto è tornato di moda negli interni come reazione al minimalismo degli anni Novanta. Nell’abbigliamento invece, come risposta all’omologazione dilagante: l’abito di buona fattura rende più seduttivi”. Se da una parte stiamo assistendo al ritorno di un nuovo orgoglio produttivo, dall’altra scopriamo la voglia di esplorare la realtà toccandola. Alla tattilità segue sul piano della sperimentazione un’esplosione del textile revival nel mondo dell’arte e del design: opere, installazioni e progetti da accarezzare per essere comprese”. Li Edelkoort ne è certa: la tradizione è tornata di moda. “Meglio se riletta con gli occhi dell’innovazione, perché l’interesse dei consumatori, sollecitati dalla curiosità, aumenta”. I tempi sono maturi per il riscatto del tessile, a patto che ben si focalizzino interesse ed energie. “C’è bisogno di ridisegnare un percorso universitario che rilanci questa disciplina. Noi alla Parsons lo stiamo facendo. Come? Partendo dalle fibre: innoviamo guardando biologia e tecnologia, sviluppando nuovi filati e tecniche di stampa 3D, di saldatura o a ultrasuoni. Ma anche esplorando le potenzialità di ibridi vegetali, sete di ragno e bio-pelli. Il cielo è il confine dove la nostra immaginazione ci può condurre”. Un modo per dire: guardate oltre. — www.textilemonth.nyc


NUOVA OSPITALITÀ

Prossima fermata A Bioul, in Belgio, una piccola stazione di campagna rivive come maison de vacance. Grazie al progetto creativo di una coppia di artisti servizio e foto di Jean-Luc Laloux testo di Francesca Benedetto

All’arrivo degli ospiti, i vecchi binari ferroviari facilitano il trasporto dei bagagli su carrelli, fino all’ingresso.

99

eLLe decOr


“Anne, artista ed ex assistente di volo è naturalmente predisposta all’accoglienza. Io preferisco occuparmi del giardino. Qui abbiamo potuto esprimere tutta la nostra creatività”

Nella cucina-pranzo su disegno di Kyo-co, in alto e accanto, il tavolo è realizzato con traversine ferroviarie. Sedie di recupero, sgabelli di Pepe Cortés, scala con parapetto in legno di abete. I carrelli che trasportano i bagagli, qui sopra, divertono anche gli ospiti più giovani.

100

elle decor

Gran parte della sua vita la trascorre in viaggio, per raccontare attraverso l’obiettivo progetti d’architettura contemporanea nei luoghi più affascinanti del mondo. Jean-Luc Laloux, fotografo e autore di numerosi libri d’immagine, abita in Belgio, a Bioul, un piccolo borgo nella regione collinare delle Ardenne insieme alla moglie Anne, artista. Con lei, da qualche tempo, condivide anche la passione per il recupero creativo di edifici abbandonati, che trasforma in maison de vacance di grande fascino. Dieci anni fa apre La Classe, sette stanze ricavate negli spazi della vecchia scuola del paese, decorate in maniera inconsueta appendendo alle pareti le seggioline colorate degli studenti: come fossero un’installazione artistica. L’ultima nata della famiglia è La Micheline, ricavata nella vecchia stazione ferroviaria della città, in disuso da oltre quarant’anni. Il nome rimanda al vagone inventato da Michelin negli anni ’30 e i binari, ancora visibili, consentono oggi il trasporto dei bagagli fino all’ingresso. “L’edificio risale agli inizi del secolo scorso e ci ha conquistato per la sua posizione. Sembra adagiato sul prato, intorno sorgono le colline della valle Bournot, che amiamo molto”, ci racconta Jean-Luc Laloux. “Ci siamo ispirati al lavoro degli architetti americani Rick Joy e Tom Kundig che salvaguardano il territorio privilegiando soluzioni architettoniche semplici, a basso impatto ambientale”, continua. ”Ma è stata fondamentale la consulenza di Stéphane Lebrun, dello studio Kyo-co: insieme abbiamo scelto di mettere a nudo le linee originarie dell’edificio, eliminando o ripensando i volumi aggiunti nel corso degli anni”. Gli spazi interni, su due


NUOVA OSPITALITÀ

101

eLLe decOr


NUOVA OSPITALITÀ

Legno e pietra a vista nel loft al primo piano, con accesso dal giardino. Per il divano palette viola e arancio, sulla paretecontenitore riproduzione effetto trompe l’oeil di un vecchio vagone. Sotto, accanto al letto su disegno, lampada da terra Read di Antonangeli.

“Questo è il luogo che amiamo. Tanto che un giorno ci piacerebbe trasferirci a La Micheline. Qui ci sentiamo bene, la vista è riposante, le colline ci ricordano la campagna toscana”

livelli, sono stati ridisegnati per ottenere, al piano terra, un ampio soggiorno con cucina che si estende fino alla terrazza e tre camere sull’ala est, ognuna provvista di servizi. Il primo piano invece ha l’aspetto di un loft, funzionale e flessibile, caratterizzato dal tetto a capriate di legno e da una quinta sulla quale spicca l’immagine di un treno d’epoca. “Grazie al mio lavoro sono abituato a raccontare per immagini gli interni di grande atmosfera”, confessa Jean-Luc. “Così il mio primo obiettivo è stato di ricreare lo stesso effetto anche qui”. La scelta principale è stata di dare risalto a materiali essenziali come la pietra, il legno, il metallo e il cemento e di rendere protagoniste la luce, che inonda gli spazi, e la relazione con la natura. Gli arredi, scelti personalmente dalla coppia di proprietari, mixano pezzi vintage, come le poltroncine dei nordici Arne Norell e Kaare Klint, mobili su disegno di Kyo-co e alcuni elementi dal design contemporaneo, in particolare per le stanze da bagno. Il tema del viaggio e i riferimenti all’universo ferroviario sono presenti ovunque: sulle pareti decorate con rotaie giocattolo e modellini di vecchi treni, nella zona living del loft con i bauli d’epoca trasformati in coffee table, fino alle ante del guardaroba decorate con il lavoro firmato Anne Champion, che ricorda il vagone Micheline. Immersi nel silenzio della campagna, sembra ancora di sentire l’arrivo della locomotiva. — La Micheline, 37 rue d’Arbre, Bioul, +32.497.483072 www.lamicheline.be 102

ELLE DECOR


Design&FAshion

Tra i 12 creativi autori dei pezzi di debutto di Dior MAISON, da sinistra l’artista del vetro Jeremy Maxwell Wintrebert, il creativo veneziano Giberto Arrivabene e l’artista Véronique Taittinger.

Gli amici della Maison © Dior

Nomi eccellenti e talenti nuovi interpretano l’art de vivre secondo Christian Dior. Nella prima home collection in limited edition di Valentina Raggi 105

elle DecoR


Design&fashion giberto arrivabene — Il creativo veneziano eziano firma oggetti preziosi,i, tra cui un vaso e una caraffa da abbinare ai bicchieri Hôtels tels Particuliers.

Jeremy Maxwell Wintrebert — I vasi soffiati a bocca dall’artista del vetro francese riprendono la tradizionale filigrana veneziana e tonalità ispirate ai codici della Maison.

Véronique Taittinger — L’artista francese rivisita il motivo cannage, la decorazione a intreccio tipica di Dior, in un set di porcellane da tavola in grigio, bianco e cipria.

india Mahdavi — Ispirate al Winter Garden della boutique Dior di Londra le stoviglie in ceramica di Faenza dalle cromie pastello, ideate dalla designer parigina.

Jérôme faillant-Dumas — Tra i pezzi disegnati dall’interior decorator francese un vassoio in quercia (in alto) che lega classicità e contemporaneità.

106

elle Decor


Design&fashion

Dodici tra a designer, creativi e architetti internazionali si confrontano o con l’essenza del grande couturier per interpretare are la nuova linea Dior MAISON

Lo store londinese di New Bond Street, progettato da Peter Marino e inaugurato a maggio, vende in esclusiva la nuova collezione dedicata alla casa.

108

elle Decor

Dopo aver vestito le donne più affascinanti del mondo, oggi Dior ne arreda le dimore. Un servizio da tè, con infusi ispirati alle fragranze del brand, tovaglie ricamate a mano, preziosi bicchieri di cristallo, scatole da gioco e piccoli complementi d’arredo, che saranno sempre in limited edition, compongono la prima collezione casa Dior MAISON. È un parterre de rois la rosa dei 12 nomi chiamati a disegnarne i prodotti, dall’architetto Peter Marino, già artefice di alcune boutique del brand, alla designer India Mahdavi, dall’interior decorator Jérôme Faillant-Dumas a Giberto Arrivabene, creativo di sangue blu. Ogni talento rivisita, con il proprio stile, i codici della casa di moda tra ispirazione e tributo, pescando dal neo Luigi XVI, amato dal celebre couturier, al lusso contemporaneo. Ideatore del new look che trasforma il concetto di femminilità nel Dopoguerra, monsieur Dior non è solo il primo a creare gli accessori da abbinare agli abiti (dalle scarpe agli smalti), ma anche a concepire uno spazio dedicato alla casa già nella prima boutique di avenue Montaigne a Parigi, hôtel particulier trasformato dal ’46 in sede del marchio, e oggi indirizzo leggendario. È qui che Christian Dior fa conoscere il suo gusto per l’art de vivre e il ricevere, traslando dalle creazioni sartoriali agli ambienti del luogo la passione per lo “stile decorato ma non decorativo”. Un linguaggio che ha caratterizzato anche le sue case di Milly-la-Forêt nell’Île-de-France, di La Colle Noire in Provenza e che è stato il modello di Dior MAISON, collezione lanciata in occasione dell’inaugurazione, lo scorso maggio, della boutique londinese di New Bond Street, dove è per ora disponibile in esclusiva. Confrontarsi con il genio della moda per creare oggetti di design è una nuova sfida. “Quando penso a Dior, mi viene in mente la parola impeccabile”, confessa l’artista francese Jeremy Maxwell Wintrebert, che soffia a bocca vasi nelle cromie della griffe. Per Jérôme Faillant-Dumas, autore di oggetti unici in marmo, ottone e legno, i riferimenti sono chiari: “La prima cosa che mi è venuta in mente è la nozione di colore. Il famoso grigio, il bianco e il nero. Ma ciò che mi interessa di più è che le mie creazioni siano Dior nell’essenza, ben oltre la firma. È questo che rappresenta il vero compimento di un oggetto: la sua identità”. Del resto, fu proprio il grande couturier a profetizzare: “Vivere in una casa che non riflette chi sei è come indossare i vestiti di qualcun altro“. — www.dior.com +elledecor.it


IN MOSTRA A VENEZIA

Foto Cecil Beaton/Condé Nast Collection/Getty Images

Gabrielle ‘Coco’ Chanel nel soggiorno-biblioteca del suo appartamento di Parigi, al secondo piano di rue Cambon numero 31.

Questo è il mio mondo Venezia. Il 17 settembre inaugura a Ca’ Pesaro ‘La donna che legge’, esposizione dedicata a Gabrielle Chanel. Un itinerario affascinante che, a partire dalla biblioteca privata della stilista, svela l’universo più intimo di Mademoiselle di Anna Battista 111

EllE dEcOR


Dall’alto a sinistra, in senso orario, Coco Chanel sullo yacht di Roussy Sert davanti all’Hotel Excelsior, al Lido di Venezia nel 1936. Un’opera di Pablo Picasso, grande amico della creatrice, ‘Donna sdraiata che legge’, 1952, olio su tela e carboncino. Sara Blomqvist in posa surrealista con una borsa Chanel, 2010. Nine d’Urso, figlia di Inès de la Fressange, indossa un tailleur collezione Chanel Haute Couture A/I 2015-16. Mademoiselle in un disegno di Carl Oscar August Erickson del 1954, mentre viene intervistata da Rosamond Bernier.

112

EllE dEcOR

Foto V.H. Grandpierre © All Right Reserved/Courtesy of Vogue Paris - © Succession Picasso - © Richard Burbridge © Ellen von Unwerth/Trunk Archive - Illustration by Carl Oscar August Erickson/Condé Nast Collection/Getty Images

IN MOSTRA A VENEZIA


IN MOSTRA A VENEZIA

“Un interno è la proiezione naturale dell’anima”, afferma Gabrielle ‘Coco’ Chanel in una delle conversazioni riportate dallo scrittore Paul Morand nel suo volume ‘L’allure de Chanel’. Questa massima spiega la ragione per la quale Mademoiselle infonde nel suo appartamento di Parigi, al secondo piano del 31 di rue Cambon, l’essenza della sua personalità, quella moderna ed eclettica eleganza che caratterizzerà le sue collezioni. In questi spazi Chanel sposa Oriente e Occidente, creando inediti contrasti: i paraventi di Coromandel decorati con inserti di giada, porcellana e madreperla vengono smontati e trasformati in pannelli per pareti; mobili francesi si mescolano a influenze italiane e spagnole. Il grande divano in pelle scamosciata beige, con i cuscini che ispireranno l’iconica borsa trapuntata, spicca davanti agli scaffali popolati di libri del salotto-biblioteca. Sfere di cristallo, manufatti religiosi e leoni di ogni foggia e dimensione — un richiamo al suo segno zodiacale e al leone alato di San Marco — abitano questi spazi e diventano per Chanel simboli di protezione. A Venezia, dal 17 settembre, sarà possibile ammirare a Ca’ Pesaro oltre 300 volumi, fotografie, quadri, disegni, e complementi d’arredo di rue de Cambon. ‘La donna che legge’, questo il titolo della mostra curata da Jean-Louis Froment, è un viaggio negli spazi intimi della biblioteca di Coco, diviso in quattro sequenze: ‘La vita che conduciamo’, ‘Le confidenze dell’invisibile’, ‘Thoughts that make you think’ e ‘Gli aspetti del tempo’. Gli anni passati da una giovane Chanel all’orfanotrofio dell’abbazia di Aubazine le fanno amare i romanzi di Pierre Decourcelle, storie di orfani, solitudine e povertà, e le ispirano un certo rigore monastico non solo nelle collezioni di moda, ma anche nell’arredamento. Nella sua residenza, Gabrielle si circonderà infatti di ex voto, croci di cristallo di rocca e di una Vergine con bambino, mentre la sua biblioteca comprenderà testi 114

EllE dEcOR

come Il ‘Cantico dei Cantici’, ‘Le Confessioni di S. Agostino’ e ‘Il Vecchio Testamento’, quest’ultimo con una copertina decorata da motivi di spighe di grano in oro, simbolo di buon auspicio per Mademoiselle. La ricostruzione della sua biblioteca negli spazi di Ca’ Pesaro aiuta a scoprire analogie e corrispondenze visive: pezzi pregiati provenienti dall’appartamento di Parigi creano relazioni immediate con i volumi in mostra. “Ogni autore le rivelava cosa potesse significare la costruzione di un’opera, quel modo d’inscrivere nel tempo una visione del mondo”, spiega Froment. Negli anni, Coco stringe profondi legami di amicizia con Pierre Reverdy, Max Jacob e Jean Cocteau. In contatto con i dadaisti Tristan Tzara e Francis Picabia, Chanel lancia il suo primo profumo nel ’21, battezzandolo N°5 e caratterizzandolo con un’estetica che richiama i volantini prodotti nello stesso periodo dal movimento d’avanguardia. Venezia è una scelta simbolica per questa mostra perché tappa fondamentale nella biografia della stilista: è qui che Chanel si rifugia nel 1920 dopo l’improvvisa morte dell’amante Arthur Edward ‘Boy’ Capel. La città affascina Gabrielle con i suoi tesori, musei, architetture e antiquari, donandole fiducia nella sua indipendenza e nuova forza. Per continuare a leggere e sognare la propria carriera fino a farne un romanzo. — ‘Culture Chanel. La donna che legge’, dal 17/9 all’8/1/2017, Fondazione Musei Civici di Venezia. Ca’ Pesaro, Galleria Internazionale d’Arte Moderna www.culture-chanel.com

Foto Giancarlo Botti/Gamma-Rapho/Getty Images

Essere invitati a sedere sul grande divano in pelle scamosciata nel soggiorno-biblioteca di rue Cambon era un onore riservato a pochi, come l’attrice Jeanne Moreau, qui nel 1960 con Coco Chanel.


address milano/1

Un lusso anticonvenzionale che suggerisce l’atmosfera raccolta di un salotto è il codice del nuovo negozio di Pomellato, firma storica della gioielleria di Milano.

Design prezioso

In via Monte Napoleone apre la seconda boutique milanese di Pomellato. Una vetrina per la clientela internazionale, uno scrigno sofisticato e intimo disegnato da Dimore Studio di Flavia Giorgi — foto di Paola Pansini — ritratto di adam Wiseman

117

elle decor


address MILaNo/1

A destra e nel dettaglio in basso, le lampade disegnate da Dimore Studio illuminano le superfici in vetro opalino laccato in una particolare nuance rosa corallo. Sotto, nel locale di ingresso, il soffitto è rivestito di specchi in un gioco tridimensionale che richiama l’Art Déco e le sfaccettature delle gemme.

“Art Déco, suggestioni orientali, dettagli che citano il taglio delle pietre preziose e la lavorazione artistica dei gioielli sono le fonti d’ispirazione del nostro progetto”

118

eLLe decor


address Milano/1

“Abbiamo rielaborato il mood degli anni ’60/70, che hanno visto nascere il brand, con un codice cromatico personale, che esalta mezzi toni e sfumature uniche”

Pomellato, via Monte Napoleone 17, Milano, tel. 02.76014530, www.pomellato.com

120

elle decor

Ritratto di Adam Wiseman

Qui sopra, un ritratto dei designer Britt Moran ed Emiliano Salci, Dimore Studio. Sotto, il passaggio che mette in comunicazione il primo ambiente della boutique con il secondo spazio, più raccolto. Nel gioco di specchi sul fondo si riflettono la moquette su disegno e il soffitto in legno nero.

Oro in campo nero. Una firma elegante corona l’unica vetrina del palazzo più stretto di via Monte Napoleone come un fregio di sole lettere: Pomellato, brand milanese che dalla fine degli anni ’60 ha introdotto il concetto di prêt-à-porter nella gioielleria classica. “Per questa nuova boutique, localizzata in una posizione strategica in modo da ottenere maggiore visibilità agli occhi della clientela internazionale, siamo partiti da un ritorno alle origini, per poi percorrere una strada inedita”, spiega Vincenzo Castaldo, direttore creativo del marchio. “L’abbiamo tracciata insieme a Dimore Studio, interpretando in modo contemporaneo lo stile milanese sofisticato e anticonvenzionale che ci è proprio, per interni femminili dove il contatto con i gioielli è vissuto come esperienza intima, in un’atmosfera di relax”. Con la fede di Pomellato nel palmo della mano (è la maniglia-citazione), si spinge la porta. Finalmente dentro. Il lusso ovattato di uno scrigno desta meraviglia e trasmette sensazioni di benessere. Pannelli di vetro opalino, colorati e retroilluminati, rivestono le pareti, ritmati da cremagliere d’ottone, elementi di un decoro sofisticato ma anche strumenti studiati per sospendere le teche di cristallo dove ammirare i monili più belli. “Abbiamo immaginato il mood dei Sixties per definire una palette di colori che rielabora le lacche orientali secondo un codice cromatico molto personale, fatto di mezzi toni e sfumature indefinibili”, afferma Britt Moran di Dimore Studio. Il rosso si stempera in un arancio rosato, che forse ricorda i coralli o forse i flaconi esclusivi di certi profumi dell’epoca, e si accoppia ai misteri del nero, allo scintillio di un ottone che a sua volta “richiama, negli arabeschi tagliati al laser di mobili e paraventi, l’oro delle filigrane”. Trionfo Art Déco in versione reloaded sono i soffitti 3D, tessere di specchi grigi che danno forma a poliedri sfaccettati come gemme. In negozio, chi conosce a memoria le collezioni di ogni epoca non ha dubbi: sono l’omaggio al solitario Nudo (2001), best seller degli anelli... Stretto tra pannelli laccati e soffitto di legno scuro, un passaggio a tunnel conduce al secondo ambiente, dove la cerimonia della gioielleria si fa privata, un tête-à-tête tra divanetti di velluto ametista, pouf informali e mobili per il display disegnati ad hoc con i cassetti che si aprono a ventaglio. Sembra il salotto di un universo domestico raffinato, dove la luce soffusa proviene da sfere di vetro bianche e rosa, appese al braccio delle lampade a parete. Disegnate da Dimore Studio, come ogni pezzo, testimoni di un’artigianalità senza tempo. —


ADDRESS milAno/2

Caffè a Palazzo zo A metà settembre, negli eleganti leganti spazi dell’Hotel Senato di Milano lano si inaugura un bistrot con varii ingredienti in più. Tra food curator urator e sound designer, cappuccini e bollicine foto di Robert Holden — testo di Flavia via Giorgi

Ottone, marmo e vetro sono il filo conduttore del progetto di interni, declinato con eleganza dall’architetto milanese Alessandro Bianchi che ne ha seguito la ristrutturazione.

123

EllE DEcoR


ADDRESS MILANO/2

Realizzati lizzati nella residenza di una famiglia milanese, e, caffè e hotel offrono spazi confortevoli e un’accoglienza coglienza unica, 24 ore su 24

Qui sopra, il tranquillo dehors, fra piante di ortensia e ginkgo biloba. Tra lo scenografico lampadario e il bancone su disegno, entrambi realizzati da Bottega Gadda, a sinistra, composizioni della flower designer Rosalba Piccinni. In basso, un angolo del bistrot: dress code, black&white.

124

ELLE DEcOR


ADDRESS MILANO/2

La sala allestita per il breakfast. Il display per la prima colazione rivela un’identità à milanese e una cultura gastronomica omica a filiera corta, nella selezione della food curator Maddalena Fossati sati Dondero.

Un progetto gourmet curato nel dettaglio, un mood milanese sobrio e raffinato, fatto di eccellenze artigianali e di design su misura. Per una coffee experience inedita

Il 14/9, giorno prescelto per l’inaugurazione, saranno le note soul create su misura dalla dj australiana Kitten Jam ad accompagnare la festa all’Hotel Senato di Milano, dove apre al pubblico il Caffè Senato. L’ispirazione è quella classica italiana, dove si coltiva il rito dell’espresso in tutte le sue declinazioni. Si può mangiare o bere a qualsiasi ora del giorno e della notte, degustando menu compilati ad hoc su eccellenze e provenienze a km 0 (o quasi). A firmare la ricerca dei prodotti, filosoficamente fedeli al ‘less is more’, e a elaborarli in personali combinazioni gourmand è la food curator Maddalena Fossati Dondero. Prima di esplorare la carta dei vini, frutto della passione dei fondatori dell’enoteca Bicerìn Milano, prima di perdersi tra i vapori dei cocktail di Andrea Sansò (appositamente strappato alla sua postazione di Miami) o nell’effervescenza delle bollicine del primo Franciacorta Bar, ci si può prendere una pausa. E assaporare, questa volta con gli occhi, l’eleganza del progetto di interni. Brillano come gioielli, sullo sfondo di pareti e pavimenti total white, il bancone di ottone — dove ogni giorno torte e brioche freschissime contendono il posto alle creazioni vegetali della fiorista-cantante Rosalba Piccinni — le lampade di vetro e metallo dorato a grappolo, i tavolini in marmo e quelli dal piano laccato celeste. Un ambiente fresco e rilassante, firmato dall’architetto Alessandro Bianchi con la complicità del laboratorio Bottega Gadda, altra eccellenza meneghina nella lavorazione dei metalli, che ha realizzato gli arredi su misura. Lo stesso binomio che ha lavorato alla trasformazione del palazzo primi ’900, residenza dei Ranza, nell’hotel che la famiglia di imprenditori ha voluto creare all’insegna del design bespoke. E di un’autentica ospitalità milanese. — Caffè Senato & Franciacorta Bar, via Senato 22, Milano www.senatohotelmilano.it

126

ELLE DEcOR


address roma Stile Las Vegas per la decorativa ed esuberante insegna al neon di Pasticcio, ristorante, pizzeria e cocktail bar, con orto in terrazza.

Risto-giardino sul tetto A Testaccio, nella Roma antica e popolare, un’architettura moderna in vetro e acciaio ospita su due piani il luogo piÚ trendy della capitale. Cucina di tradizione, atmosfera festosa di rosaria Zucconi e doriana Torriero — foto di settimio Benedusi

129

elle decor


address roma

“Oggi la vera sfida a è ritrovare e proporre i sapori della cucina romana. Con semplicità emplicità e misurata creatività” Alessandro Battisti, chef

In alto, lo chef Alessandro Battisti nella terrazza tra piante aromatiche e ortaggi. Accanto, arredi anni ’60 di design nordeuropeo (Galleria Attik di Valentina Leoni). Qui sopra, la vetrata lunga 25 metri offre un panorama inedito su Roma. A destra, un pasticcio vegetariano di mozzarella e scarola. 130

elle decor


address roma

Di notte tanti fili di lampadine colorate rendono l’atmosfera allegra e festosa. Sullo sfondo le luci di Roma, il cielo stellato e una timida luna. Ricordi di una gita fuori porta, di grigliate in compagnia, di una sincera e rilassata convivialità.

Vista dal lungotevere Portuense, l’architettura curva in acciaio e vetro con un cilindro laterale che svetta sul tetto insieme a tanti alberi, potrebbe far pensare allo sky garden di un grattacielo newyorchese o al rooftop di un building giapponese. Se non fosse per la grande insegna al neon con la parola Pasticcio, che ci riconduce in Italia, e più precisamente a Roma. Siamo nella storia della capitale, proprio di fronte al vecchio Mattatoio, che oggi è sede del Museo Macro Testaccio, al Tevere, al gasometro caro al regista Özpetek, con la luce del tramonto su Monte dei Cocci. L’edificio così moderno, inserito in un tessuto di vecchi palazzi, ville che un tempo erano di campagna e condomini più recenti, per quattro piani ospita un garage e, al quinto e sesto accoglie Pasticcio, ristorante, pizzeria, bbq, cocktail bar, con giardino e orto. Su strada c’è soltanto un ascensore, che si ferma al quinto piano dove 25 metri di vetrata costringono l’ospite a confrontarsi con un’inedita vista della capitale. Tanta bellezza regalata dal contesto naturale ha spinto lo studio che ha curato gli interior a scegliere uno stile neutro. Tanto bianco con piccoli innesti di rosa carico, pavimenti in teak di recupero, tavoli, sedie e poltrone stile anni ‘60 di design nordico e un materiale, il rame, capace di moltiplicare le mille variazioni della luce romana sul lungo banco bar e sul tavolo sociale. Ancora un piano e si arriva all’orto-giardino sotto le stelle, circa 400 mq segnati da un perimetro verde. L’ottima 132

elle decor

cucina, l’atmosfera rilassante e di festosa convivialità, lo spazio all’aperto così generoso, insieme alla sensazione di poter toccare Roma con un dito, hanno fatto di questo luogo il posto preferito dai romani esigenti e turisti in cerca di sapori autentici. Spazi così sono destinati a chef stellati che hanno voglia di stupire e di sperimentare, Pasticcio invece offre una cucina di qualità, rivolta alla tradizione, la pizza e naturalmente i pasticci. Questo piatto povero, un tempo immancabile sulla tavola familiare italiana, racchiude in un leggero involucro di pasta lievitata primi o secondi, carne o pesce, verdure o formaggi. “Da romano sono cresciuto con la classica cucina capitolina”, racconta Alessandro Battisti, giovane chef con esperienza internazionale al fianco di cuochi stellati. ”È un vero piacere e una sfida nuova ritrovare e proporre i sapori della memoria”. — Pasticcio, lungotevere Portuense 200, Roma www.pasticcioroma.it


itinerario

Messico evolution

Una megalopoli a 2.240 metri di altitudine che negli ultimi anni ha sfatato la fama di città off limits. Mexico City ha sviluppato la sua anima contemporanea con musei all’avanguardia, edifici di archistar e ristoranti gourmet di Gloria Mattioni — foto di Giorgio Possenti 134

elle decor


La terrazza del ristorante Romita Comedor nel quartiere Roma (www. romitacomedor.com). Pagina accanto, il Museo Soumaya nella ‘colonia’ Polanco, progettato dall’architetto Fernando Romero e aperto nel 2011: è il più visitato del Paese (www.soumaya.com.mx)


itinerario

Pedro Reyes — Scultore

Dall’alto in senso orario, una sala del museo d’arte contemporanea Tamayo, nel Parco Chapultepec (www.museotamayo.org). Un angolo del ristorante El Patio, con interni di India Mahdavi, nel cortile dell’Hotel Condesa (www.condesadf.com). Per la curatrice d’arte Ximena Apisdorf “la metropoli, cosmopolita e pulsante, è anche un continuo richiamo alle tradizioni. La gente è al tempo stesso sofisticata e genuina: un perfetto mix per una nouvelle vague artistica creativa”. Un dettaglio del ristorante giapponese Tori Tori, progettato da Michel Rojkind, nel quartiere Polanco (www.toritori.com.mx/).

Dirk-Jan Kinet — Interior decorator Dirk-Ja

136

elle decor

Ximena Apisdorf — Curatrice d’arte


itinerario

Uno scorcio di Plaza laza Carso, nel quartiere di Polanco, nco, dove si trovano il Museo Soumaya, ya, con arte fino al XIX secolo, e ill Museo Jumex: il complesso comprende mprende un centro commerciale e unn cinema con bistrot all’aperto (www.plazacarso.com.mx). .plazacarso.com.mx).

138

elle decor


itinerario Qui sotto e nella foto a sinistra, l’hotel Downtown, in pieno Centro Historico, al primo piano di un palazzo del XVII secolo: il ristorante Puntarena, con uno dei tanti giardini verticali che contribuiscono alla ‘svolta verde’ della capitale, e una delle camere da letto (www.downtownmexico.com). A sinistra al centro, il bar di Habita Hotel in un edificio nel quartiere di Polanco (www.hotelhabita.com). In basso al centro, i modelli della stilista Carla Fernandez esposti al Jumex Museum. Per lei: “Mexico City è un ponte tra antico e moderno, artigianale e industriale, vivace e sobrio”(www.carlafernandez.com).

Carla Fernandez — Fashion designer

Cesar Cervantes Cerva — Operatore culturale

140

elle decor


itinerario

La scalinata interna rna del Museo Soumaya, gestito o da una fondazione no-profit. Propone ne una vasta collezione che spazia da sculture ulture della Mesoamerica pre-ispanica e-ispanica fino a opere di Rodin, Salvador or DalĂ­ e Tintoretto (www.museosoumaya.com.mx). maya.com.mx).

142

elle decor


itinerario

Michel Rojkind — Architetto Cristobal Riestra — Direttore della galleria OMR

Dall’alto in senso orario, una sala espositiva nella nuova sede della galleria d’arte contemporanea OMR (www.galeriaomr.com). L’insegna del Mercado Roma, progettato da Michel Rojkind, che ospita ristoranti e negozi gourmet (www.mercadoroma.com). L’architetto sostiene che “in città si respira talento. É un perfetto terreno di crescita per idee nuove in un contesto con forti tradizioni. Una via aperta per l’innovazione e l’esplorazione”. Qui sopra e a destra, esterno e scalinata interna del Museo Jumex dedicato all’arte contemporanea firmato David Chipperfield (www.fundacionjumex.org). 144

elle decor


itinerario

Minerva Cuevas Cuev — Artista concettuale

Dall’alto in senso orario, l’Elena Garro Cultural Center nel quartiere di Coyoacán, biblioteca-libreria che ingloba un edificio degli inizi del XX secolo. La piscina sulla terrazza dell’Hotel Distrito Capital, nella zona di Santa Fe (www.hoteldistritocapital. com). Uno scorcio della Art Gallery Kurimanzutto che promuove l’arte contemporanea messicana (www.kurimanzutto.com). Monica Manzutto confessa: ”Amo i colori, il ritmo, l’entusiasmo e il senso di possibilità che si respira qui”. Un dettaglio della biblioteca dell’Hotel Distrito Capital, con interni del francese Joseph Dirand.

José Kuri e Monica Manzutto — Fondatori della Art Gallery Kurimanzutto

146

elle decor


itinerario

Una città che vive di contrasti: dalle architetture coloniali agli edifici più all’avanguardia, dalle mescalerie tradizionali ai ristoranti di design che propongono una raffinata nouvelle cuisine messicana

Caotica, con ventun milioni di abitanti, ma in via di miglioramento grazie a un piano per renderla più verde che contempla l’uso di biciclette in affitto e l’intensificazione dei trasporti pubblici, insieme ai giardini verticali che stanno spuntando dappertutto e ai servizi di taxi privati come Uber e il locale Yaxi, che rendono gli spostamenti molto più confortevoli. Sferzante, con un’altitudine di 2.240 metri, e costruita su un plateau vulcanico. Non più pericolosa come negli anni Novanta, a patto che si rimanga nei quartieri centrali della DeFe, ovvero il Distrito Federal, fondato nel 1824 all’indomani dell’indipendenza dalla Spagna. Ma la storia della più antica capitale delle Americhe parte nel 1325. Gli aztechi la costruirono inizialmente sulle sponde del lago Texoco: rimase in quel luogo fino a che il conquistador spagnolo Cortés la mise sotto assedio, nel 1521, arrestando Montezuma II. Da allora in poi, la storia della City è scandita da invasioni, conquiste, rivoluzioni e battaglie (comprese quelle di metà ’800 con la Francia di Napoleone III e con gli Stati Uniti), da scoprire visitando le piramidi a circa un’ora dal centro cittadino e lo splendido e centrale Museo Nacional de Antropologia. Il nostro tour si svolge tra le ‘colonie’, cioè i quartieri, di Centro Historico (Downtown), Condesa, Polanco e Roma. Negli ultimi anni si è scrollata di dosso la cattiva reputazione di un luogo ad alto rischio, dominato dalle faide tra i cartelli della droga, e ha conquistato il primo posto delle destinazioni must del 2016, secondo l’autorevole classifica del ‘New York Times’. Cosmopolita e raffinata, con un flusso costante di visitatori internazionali che raggiunge il picco più alto in febbraio durante Zona Maco, la prestigiosa fiera d’arte contemporanea, e apprezza gallerie internazionali come Kurimanzutto o OMR. Città del Messico oggi più che mai pulsa di storia e ribolle di contrasti, mescolati con inebriante energia vitale. Arrivando dall’aeroporto (che l’archistar locale Michel Rojkind sta ridisegnando), si notano le altissime Torres de Satélite di Barragán (l’architetto messicano più famoso e visionario) dipinte nei suoi caratteristici colori, che spiccano tra lo splendore dei palazzi dell’era coloniale, le ben conservate rovine precolombiane e le nuovissime architetture che hanno rifatto il look urbano: tra queste, addentrandosi in città, assolutamente da non mancare la Cineteca Nacional (di nuovo Rojkind, che ha rivestito i vecchi edifici di un’intelaiatura di alluminio traforato e creato nuove geometrie e proporzioni), il Museo Soumaya di Romero, costruzione che ricorda il collo sinuoso di un gigantesco rettile dalla pelle a scaglie cangianti, il Museo Jumex e l’Elena Garro Cultural Center. È anche una mecca per gli appassionati 148

elle decor

Le Torres de Satélite progettate da Luis Barragán e costruite tra il 1957 e ’58, con la collaborazione dello scultore Mathias Goeritz e del pittore Jesús Reyes Ferreira. Vennero riprese dal regista Alejandro Jodorowsky nel suo film ‘La Montagna Sacra’.

di design, che hanno a disposizione per il soggiorno alberghi modernissimi e dal décor innovativo come quelli del gruppo Habita, laboratori con punti vendita aperti al pubblico da scoprire passeggiando per Polanco e Condesa, atelier che mescolano moda e design come quello della stilista di punta Carla Fernandez o la casa/studio in costante mutamento del designer belga Dirk-Ian-Kinet. Mexico City è letteralmente una pentola d’oro per gourmet: non esiste luogo più stimolante per avventure culinarie alla scoperta dei manicaretti latino-americani, a cominciare dal ristorante Pujol, regno dello chef Enrique Olvera, considerato l’inventore della Nouvelle Mexican cuisine, ai nuovi e popolarissimi sushi bar come Tori Tori (alternativa al ceviche, il delizioso pesce crudo tradizionale), alle trattorie ‘comidor’ come Romita, alle mescalerie di cui pullula colonia Roma: la versione messicana dei pub inglesi, aperti fino a tarda notte e presi d’assalto dagli artisti. —


View [settembre 2016]

160 inside barragÂn. Progettata alla fine degli anni ’40, Casa Pedregal torna allo splendore originario. grazie alla passione del nuovo proprietario impegnato nella valorizzazione dell’opera del maestro messicano. 172 giungla a Colori. Piccoli living e grande comfort, per un rientro in città super soft immersi in una lussureggiante vegetazione tropicale, tra quinte che reinterpretano le tonalità di luis barragán. 180 a roma. una biblioteca con uso di cucina è lo spazio ideale di antonio gnoli per scrivere, leggere e pensare. 190 oPen View. in danimarca il progetto verticale di lene Tranberg, tra legno, vetro e volumi aperti al paesaggio. Quando il valore dell’architettura rivoluziona la qualità della vita. 200 riTraTTo ConTemPoraneo. opere d’arte e design del novecento nella casa di Carlo Prada, giornalista e collezionista milanese d’adozione, che ha scelto di vivere in una residenza a misura di sé. 159

elle decor


inside

barraGàn Progettata alla fine degli anni ’40, Casa Pedregal torna allo splendore originario. Grazie alla passione del nuovo proprietario impegnato nella valorizzazione dell’opera del maestro messicano di Gloria Mattioni — foto di Giorgio Possenti

160

elle decor


Il cortile d’accesso in pietra vulcanica, delimitato da pareti rosa Barragån, con sfumature che spaziano dal piÚ pallido color carne delle prime ore del mattino al quasi arancione del tramonto.


La piscina nel cortile del piano inferiore, dove si trovano la biblioteca, le camere dei bambini, e un soggiorno illuminato dalla grande finestra industriale. Alla base del perimetro, rocce laviche del vulcano PopocatĂŠpetl. Pagina accanto, CĂŠsar Cervantes nel vestibolo che connette i vari livelli.

162

elle decor


164

elle decor


Nella sala da pranzo tavolo, sedie vintage e lampada con base in ceramica, tutto su disegno di Barragรกn. Pagina accanto, nel living, davanti al camino seggiolina in legno disegnata da Barragรกn, vaso in ceramica lavorato dagli artigiani di Oaxaca e attrezzi originali.


Un quarto dei mobili disegnati da BarragĂĄn era stato venduto o perduto. CĂŠsar Cervantes li ha instancabilmente cercati e recuperati. Per far ritornare la casa allo splendore originario


Casa Pedregal vista da uno dei cortili interni. In evidenza la relazione fra geometrie cubiste, colore e natura. Pagina accanto, divano di cuoio e poltroncine in legno originali, tavolino artigianale.

Luis Barragán è il più famoso architetto modernista messicano. Le sue architetture hanno linee pure, geometrie essenziali, colori studiati per integrarsi con il paesaggio. Il suo stile è unico: l’approccio all’ideazione è visionario, poetico e immaginifico, pur avendo una solida base da ingegnere. La maggioranza delle sue opere si trova nella natale Guadalajara e a Città del Messico, dove Barragán si trasferisce nel 1936, in una casa-studio oggi aperta al pubblico nel quartiere di Miguel Hidalgo. Negli anni ’40, acquista un vasto appezzamento di terra in gran parte coperta dalla lava eruttata dal vulcano attivo Popocatépetl, a sud est della città. La sua utopia era trasformare quest’area ancora non invasa dallo sviluppo edilizio in un nuovo quartiere residenziale, i Jardines del Pedregal, aiutato o ispirato dall’interesse di artisti come Diego Rivera e Mathias Goeritz. Questa casa, la più grande residenza privata progettata da Barragán, viene commissionata dalla famiglia Prieto, che vi si trasferirà nel ‘51 — con il patto di portare solo le valigie e nient’altro dall’abitazione precedente — vivendo qui per più di sessant’anni. Tre anni fa venne acquistata da César Cervantes, uomo d’affari ed ex collezionista d’arte contemporanea, oggi operatore culturale impegnato a riabilitare le altre abitazioni dei Jardines del Pedregal, modificate e snaturate nel corso degli anni. “La casa era stata messa in vendita da tempo. Temevo potesse finire nelle mani sbagliate e che il lavoro di Barragán andasse perduto”, racconta il nuovo proprietario. “Volevo comprarla per riportarla al suo splendore originale ma era un progetto molto costoso. D’altra parte anche collezionare arte, mia prima passione, era molto dispendioso. Così ho deciso di vendere le mie opere per dedicarmi a questa nuova impresa”, ci spiega Cervantes. “Ho definito l’acquisto nel dicembre 2013 e ho traslocato dopo appena quattro mesi perché volevo vivere

qui durante i lavori, per seguirli meglio”. I restauri durano venti mesi, coinvolgendo una media di ottanta operai a settimana. Un quarto dei mobili originali disegnati da Barragán erano scomparsi. I pavimenti in legno erano ricoperti di moquette e varie modifiche erano state apportate alla struttura: dal camino a legna, sostituito con una versione elettrica, a un muro eretto per isolare la sala da pranzo. Perfino le strepitose formazioni di lava — parte integrante dell’architettura di Barragán — erano state ricoperte di stucco e fatte sparire con quaranta strati di pittura. “Ho messo annunci, battuto antiquari e mercatini delle pulci per ritrovare i pezzi originali. E ho utilizzato foto d’epoca per rivedere la casa con gli occhi di Barragán. Così, dopo un po’ d’ansia iniziale mi sono sentito più sicuro e ho cominciato a considerare Casa Pedregal (non più Casa Prieto) l’opera d’arte più importante che abbia mai posseduto”, afferma con orgoglio. “Infatti ho preferito lasciare le pareti nude, senza quadri, proprio per dare la scena ai giochi di luci e ombre creati dalle grandi vetrate”. Lo scandire delle diverse ore del giorno fa cambiare il colore delle superfici. In una tavolozza di rosa Barragán che va dalle tonalità più pastello a quelle dorate, infuocate del tramonto. “I miei artwork ora sono le lampade di ceramica realizzate su disegno del maestro dai ceramisti di Oaxaca, le rudimentali sedie di legno che ricordano quelle solide delle haciendas di campagna, i tavoli di ahuehuete (il cipresso delle paludi), i divani di cuoio borchiato e i palo loco in giardino (alberi nativi utilizzati da Barragán per il landscaping)”, confessa César Cervantes. “Vivere in tanta bellezza è un sogno, un privilegio. Una visione che è diventata realtà”. —

167

ELLE DECOR


168

elle decor


Nella camera da letto padronale, intima ed essenziale, le tonalitĂ  pastello alle pareti sono ritornate alla luce dopo aver eliminato 40 strati di pittura stratificati nel corso degli anni. Tutti i mobili sono quelli originali disegnati da BarragĂĄn per Casa Pedregal, incluse le lampade.


Nella cucina rivestita di maioliche rosa Barragรกn, sul pavimento in pietra lavica, intorno al tavolo su disegno, sedie di Harry Bertoia per Knoll International, come da decisione di Barragรกn. Pagina accanto, relax in giardino con arredi vintage acquistati da Cervantes al mercato delle pulci.


171

elle decor


giungLa a coLori Piccoli living e grande comfort, per un rientro in città super soft immersi in una lussureggiante vegetazione tropicale tra quinte che reinterpretano le tonalità di Luis Barragán di Arianna Lelli Mami e Chiara Di Pinto/Studiopepe foto di Federico Cedrone — ha collaborato Sonia Pravato


Tutto, anche il rientro in città si addolcisce grazie a un’atmosfera green: tra banani e piante di Monstera vince il comfort assoluto di un piccolo living disinvolto. Siamo nella serra tropicale di Cappellini Giardinieri, alle porte di Milano (più info a pag. 233). A sinistra, mix di toni accesi: la versione low del tavolo disegnato da Marc Krusin, Mini Clay di Desalto (cm 60 diam., da € 838), con oggetto/scultura Peso Specifico di Sara Ricciardi, accostato al divano Ottoman, di Scholten & Baijings per Moroso. Sfiora le fronde di un Ficus Alii

la lampada Superloon di Jasper Morrison per Flos (cm 198h). A destra, leggera e scultorea la libreria Drizzle di Luca Nichetto per Gallotti&Radice, in alluminio nero e cristallo (cm 100x37x191, € 2.550), vaso giallo Something Good. Pied de poule per la poltrona Febo, di Antonio Citterio per Maxalto (da € 1.705), in teak con piano in grès il coffee table Teka, di Gordon Guillaumier per Roda (€ 1.750), vaso Totem di Mazzotti1903, da Artemest.

173

elle decor


174

elle decor


Fra rigore e fantasia: a sinistra, un gioco grafico disegna Le 20, tavolo in legno di Bruna Vaccher per Alf Da Frè (cm 140 diam., da € 2.066), linee morbide per la poltroncina Bac di Jasper Morrison per Cappellini, nella nuova versione Blu Cina (da € 646), e la seduta a schienale alto in tondino metallico Ginestra Vestita, di Antonino Sciortino per Baxter (€ 1.800). Sospesa, luce Dress di Brian Rasmussen per Torremato (€ 1.025 ca.). Al centro, in primo piano sgabello Mon Oncle con seduta in chintz,

pezzo one-off di Servomuto + Studio.To.Do, e in fondo Joburg Stool di Robbrecht & Daem per Valerie Objects. Sulla quinta di destra, luce in vetro soffiato Giò di Michele Sbrogiò per Leucos (€ 289); accanto il flash colorato di due poltrone Carbon Frog in fibra di carbonio e corda, design Piero Lissoni per Living Divani (€ 2.379) e T-Table optical di Jaime Hayon per Bosa (€ 810).


Fantasie tessili, fra piante di Monstera e due grandi Musa, il nome botanico del banano, in vaso. Da sinistra, mix di fantasie vegetali e geometriche per il coloratissimo lino Papagayo di Pierre Frey (cm 136h, € 143/m), sofisticati disegni grafici stampati su seta greggia per Tangram di Dedar (cm 133h, € 194/m). Davanti, tavolino Larry di Armani/Casa in lacca con dettagli in ottone (€ 9.200) e vaso Bicolore di Matteo Thun Atelier. Al centro, segni tribali ricamati su lino naturale per Valentina Ink, coll. Alberesque di Designers Guild (cm 140h, € 181/m),

dietro in tinta unita con effetti marezzati Carlo di Rubelli, in viscosa, cotone e lino, in 62 tonalità (cm 145h, € 86/m), a destra i maxi ricami ethno-modern su raso di cotone di Zadig, di Élitis (cm 131h, € 211/m). Davanti, seduta per interni in ferro verniciato Spine Chair di André Dubreuil per Ceccotti Collezioni (€ 2.690), e in primo piano pouf Mélange di Sybilla per Nanimarquina.


177

elle decor


Classici reloaded. A sinistra, rivisita in chiave tecno e con maxi proporzioni la sedia da giardino Cala, di Doshi Levien per Kettal, in alluminio e corda intrecciata su base in teak (da € 2.175); accanto, in primo piano tavolino in ceramica bianca e nera InOut 44, di Paola Navone per Gervasoni (€ 269), dietro low table in noce Raster di Tarcisio Colzani per Porada (€ 974), con lampada Elmetto di Martinelli Luce (€ 198 ca.). A destra, cinque contenitori in ceramica Silos di Simona Cardinetti, impilati uno

sull’altro, si accostano al divano due posti Chelsea, di Rodolfo Dordoni per Molteni&C, qui con rivestimento in tessuto della coll. Materia di Marta Ferri, che rielabora il disegno della paglia di Vienna (da € 3.872), alla luce sospesa Flowerpot di &Tradition, design Verner Panton (€ 199), e al cache-pot in fili colorati intrecciati e acciaio Jardin Suspendu di Moroso. INDIRIZZI A PAG. 233


179

elle decor


a roma una biblioteca con uso di cucina. lo spazio ideale di antonio gnoli per scrivere, leggere e pensare di Rosaria Zucconi — foto di Settimio Benedusi

180

elle decoR


Nell’appartamento tutti gli spazi, non definiti, sono pronti ad accogliere libri, appunti, poesie, opere d’arte, fotografie d’autore. Sulla lunga parete-corridoio solo piccole finestre interrompono i volumi regalando inattese viste su Roma e sul lungotevere.


182

elle decor


La cucina, il cibo, è il momento di socialità di Antonio Gnoli. Alla sua tavola si riuniscono amici e persone interessanti da conoscere, che animano frizzanti serate culturali. Al centro dell’appartamento, suddivisa da una vetrata, la cucina è quasi professionale.


La camera da letto-soggiornostudio è una galleria privata di foto d’autore. ‘The knife thrower’ è il titolo dell’opera, cortometraggio su carta, di Paolo Ventura, scelta alla Galleria del Cembalo. Piccoli teatrini animati, tra narrazione e gioco, di un fotografo cresciuto nella moda a Milano e a New York: lavorando in solitario, diventa un fabbricante di sogni.

184

elle decor


Le storie ironiche e surreaLi di PaoLo Ventura fanno diVertire e sognare. e confermano che La fantasia non ha Limiti

185

elle decor


Dovunque libri, protagonisti nello studio con la poltrona da lettura di Gio Ponti e l’opera ‘Finestra a Pianosa’ di Silvia Camporesi. Libri da consultare sul doppio scrittoio, al centro ‘Donna in casa Mollino’, foto di Toni Thorimbert. E ancora libri in cucina, sulla cappa.


Ciascuno, al di là dell’ovvia relazione percettiva con le cose, interiorizza lo spazio in modo diverso, che modifica a seconda delle sue esigenze e anche delle sue nevrosi. Ne è perfettamente consapevole Antonio Gnoli, filosofo, scrittore, giornalista, a suo agio in questo appartamento piccolo, appartato, silenzioso. Dove si compiace di coltivare la propria fondamentale solitudine, non triste, né da anacoreta, libero di decidere gli spazi della sua vita dedicandosi alle proprie passioni: la lettura, lo scrivere, il piacere dell’arte, la cucina. Il suo lungo, entusiasmante, percorso nel giornalismo, iniziato nella dotta ma noiosa sfera culturale del Manifesto, è proseguito spaziando dalla filosofia alla musica raccontata in radio, dalla matematica alla battente attualità, fino all’economia e alle neuroscienze. Antonio Gnoli, per 26 anni nella redazione di Repubblica, anche alla guida delle pagine culturali, ha coltivato con la seguitissima rubrica Straparlando, il piacere di raccontare personaggi dalla vita interessante, in tutti i campi, che non devono dimostrare più nulla. Anche la passione per la cucina ha per lui una doppia valenza. “Strumento per acquisire una certa abilità manuale e occasione di stare con pochi ospiti fissi e persone nuove che mi piace conoscere, per parlare di tutto. La cena è il mio momento di apertura sociale, un pretesto per indagare pezzi di vita che in quel momento mi interessano, vita culturale o dissipata.

Se i nuovi filosofi counselor con i loro spiccioli di verità hanno sostituito gli psicoanalisti, io ho sostituito la psicoanalisi con la cucina”. Uno sguardo profondo nella vita del committente, le sue abitudini, i suoi interessi hanno dato alla progettista Alessandra Marino la possibilità di disegnare una casa da indossare, con elegante sobrietà, da vivere nelle lunghe immersioni di studio e nell’unica concessione alla convivialità, il cibo, vissuto anche questo come collante per dissertazioni culturali. Nessuno spazio è definito, ma tutti, compreso il bagno, sono pronti ad accogliere libri, appunti, poesie, foto e piccole opere, dono di amici artisti. Lo studio diventa zona letto e viceversa, l’ampio spazio centrale è dedicato alla cucina. Il progetto è semplice, mette al centro la necessità di accumulare e ordinare libri in tutti gli ambienti, attraverso arredi e moduli sempre asciutti, quasi monacali, vista l’antipatia di Antonio Gnoli verso qualsiasi forma di ostentazione. La natura dell’appartamento ha permesso di disegnare stanze dove si potesse leggere e scrivere ovunque. “Antonio passa da un lavoro all’altro nello stesso tempo, è incostante, vuole fare tante cose in successione ravvicinata, una sola scrivania non basta, i libri devono essere sempre a portata di mano”, aggiunge divertita Alessandra Marino. “Per fortuna la casa ha una bella terrazza con vista su Roma. A ricordargli che fuori dal suo guscio c’è molto altro”. — 187

elle decor


188

elle decor


Dal terrazzo Antonio Gnoli ha una vista impareggiabile della sua amata Roma. Negli ultimi libri pubblicati ha raccontato Francesco De Gregori e si è immerso nei segreti della neuroscienza. Accanto, la macchina fotografica sul cavalletto in uno scatto inedito del bagno con pareti in marmo a definire la doccia.


OPEN

VIEW In Danimarca il progetto verticale di Lene Tranberg, tra legno, vetro e volumi aperti al paesaggio. Quando il valore dell’architettura rivoluziona la qualità della vita di Helle Walsted — foto di Wichmann + Bendtsen Photography — testo di Karin Gråbæk e Flavia Giorgi


All’ultimo piano, un punto di osservazione privilegiato per abbracciare con lo sguardo il paesaggio tra i tetti delle case, seduti sulla poltrona anni ’50 di Poul Volther e sulla Racket Chair di Helge Vestergaard. Pagina accanto, la facciata rivestita in cannicci di legno interrotta dalle vetrate delle finestre aggettanti. 191

elle decor


Tra pilastri e putrelle gli spazi multipiano piano della villa si susseguono no in un progetto aperto, dove ve il metallo incontra la trasparenza del vetro. Pagina accanto, pranzo in cucina con il tavolo design gn Friis & Black. Dietro il divano vano di Finn Juhl si nota la recinzione ecinzione del giardino in sintonia con il rivestimento o della facciata.


193

elle decor


La padrona di casa Birgit Lyngbye Pedersen (seduta a sinistra) con l’architetto Lene Tranberg in un ritratto che ne sottolinea l’intesa. Pagina accanto, legno come seconda pelle anche negli interni, dove la dimensione verticale si accentua grazie alla libreria passante da un piano all’altro e alla lunga canna del camino di Focus.

Un concetto abitativo diverso, nato dal dialogo e dalla complicità tra progettista e proprietaria. Una struttura dirompente che regala spazio, luce, panorama. E la vertigine della libertà Un ingresso defilato, direttamente dalla pubblica via. Non c’è giardino a creare un argine tra chi passa per caso e chi entra a titolo di proprietario nell’edificio più spiazzante di Hellerup. Intorno, ville bianche e nere oppure rosse di mattoni, l’armonia della tradizione danese che si dispiega nel quartiere vicino al porto. In questo contesto tranquillo, desta stupore la scatola di vetro dal tetto spiovente rivestita su due lati, come una seconda pelle, da una fitta texture di canne di legno. Dentro, un volume unico dilatato su tre piani, dove la vista attraversa i livelli nel gioco di tagli e asimmetrie dei pavimenti, e si innalza libera fino al limite estremo del tetto. “L’impiego di materiali naturali è parte integrante di un disegno che si prolunga nel tempo e che prevede l’affermarsi di una nuova bellezza dovuta all’usura”, dice l’architetto Lene Tranberg. “E la continuità degli spazi, declinata tra alto e basso, tra interno ed esterno, è la cifra di un’architettura posta al servizio della flessibilità, che la rende tanto più interessante quanto più è aperta”. Lo studio Lundgaard & Tranberg Architects è uno dei più quotati in Danimarca, e tra i lavori più noti spiccano progetti per musei e centri culturali in tutto il Nordeuropa. Colpiti dalla particolare atmosfera che la progettista sa infondere alle proprie opere, Birgit Lyngbye Pedersen e il marito hanno affidato a lei l’ideazione della loro casa. Per vent’anni avevano vissuto in una residenza classica di pregio, circondati da pezzi di antiquariato, icone del design, opere d’arte. Poi, la svolta. Le figlie crescono, insieme al desiderio di tutta la famiglia di abitare in modo diverso. 194

elle decor

“L’architettura che Lene Tranberg ha disegnato per noi ci ha aiutato a rilassarci, a rompere la routine, a sentire il mare e gli alberi come una parte viva del nostro panorama domestico. E l’altezza fuori dal comune ci fa toccare il cielo con un dito”, affermano i proprietari, che hanno visto la trasformazione di un immobile fatiscente, del quale il regolamento edilizio locale imponeva di mantenere l’impronta, in una costruzione audace, moderna, unica. Travi d’acciaio sono l’armatura degli interni, dove il metallo è protagonista nelle scale aeree, nei corrimano e nei parapetti a protezione dei vuoti che rendono totale la connessione visiva tra un piano e l’altro. La dimensione verticale è enfatizzata anche dagli elementi d’arredo, come il sistema di scaffalature a doppia altezza integrato alle pareti rivestite in pino; o la canna fumaria nera, che scende dal tetto, attraversa il pavimento superiore e affonda verso il piano terra per terminare in un camino sospeso a centro stanza. Pareti vetrate aprono gli interni allo scenario circostante. In versione scorrevole, sono trasparenti anche le porte che permettono di cambiare la partizione degli spazi on demand. “Tutto è il risultato di infinite conversazioni con i proprietari”, sottolinea l’architetto. “Abbiamo provato a capire insieme che cosa significa davvero vivere una casa”. Cambiare scala di valori, per esempio, spogliandola di funzioni superflue. “Non è stato facile, ma siamo riusciti a compiere un percorso liberatorio”, confessa Birgit. “Rinunciando a vecchi mobili e quadri anche se di valore sentimentale. E scoprendo che anche l’arte appaga di più quando la si ammira al museo”. —


Una cortina naturalee ripara dal sole e dagli sguardi ardi l’area dining al primo mo piano, dove il tavolo oe le lampade sono disegnati segnati dall’architetto mentre re le sedie portano la firma di Hans J. Wegner. Pagina accanto, in cucina, dietro al banco di lavoro a isola, la zona cottura inserita rita tra mobili-contenitore inn legno. 196 96

elle decor co


197

elle decor


Porte scorrevoli trasparenti sparenti si aprono e si chiudono ono all’occorrenza per isolare solare acusticamente gli spazi, pazi, come qui, al pianterreno, rreno, tra la cucina estiva e lo studio arredato con uno scrittoio di George Nelson e una sedia di Jean ProuvÊ, tutto Vitra. Pagina accanto, scorrevoli anche le vetrate tra indoor e outdoor. r.


199

elle decor


Nel living arredi vintage dei grandi maestri del ’900: divano Sesann di Gianfranco Frattini e coffee table di Ico Parisi, tutto Cassina; seggiolina di Gio Ponti per Reguitti,sospensione di Albini e Helg per Sirrah. A parete, quadro di Christian Rosa. Pagina accanto, alle spalle del padrone di casa, opera di May Hands e vasi di Bruno Gambone e Fantoni.

200

elle decor


ritratto contemporaneo opere d’arte e design del n ovecento nella casa di carlo prada, giornalista e collezionista milanese d’adozione, che ha scelto di vivere in una residenza a misura di sé di Rosaria Zucconi — foto di Nathalie Krag — testo di Filippo Romeo


Nella sala da pranzo, attorno al tavolo di Herman Miller, sedie di Carlo de Carli per Cassina; sul piano ceramiche di Gambone e Fantoni; a sospensione lampadario di Gaetano Scolari per Stilnovo: tutti pezzi vintage da collezione. Sulla parete, a sinistra opera di May Hands, a destra un gruppo di lavori di GL Brierley, Marcel Dzama e Vittorio Brodmann.

203

elle decor


204

elle decor


Due inquadrature della cucinaveranda, uno spa spazio di convivio allestito, a sinistr sinistra, con il divanetto vintage di Marco Zanuso e la scrivania anni ’60. ’6 A parete, opera di Paul Cowan. In questa pagina, intorno al tavolin tavolino sedie Leggera di Gio Ponti; sullo sfondo cucina Xera di Understa Understate; lampada di Massimo Vign Vignelli per Venini; piatti di Carlo Zauli ed Ettore Sottsass.


la pavimentazione in resina “azzurro gio ponti” sottolinea l’area della casa che è stata riprogettata

Nella stanza da bagno, con il pavimento in resina azzurra e le ceramiche bianche, il lavabo vintage di Gio Ponti per Ideal Standard, lo specchio anni ’70 illuminato dalle applique di Stilnovo. Pagina accanto, uno scorcio del corridoio definito dalle armadiature anni ’60: sulla panca in fondo foto-collage di Iris Touliatou e vaso di Gabbianelli. A parete un’opera di Urban Zellweger.

Arte contemporanea e design del Novecento dialogano in un gioco di continue relazioni fra i linguaggi più innovativi e i capolavori che hanno fatto la storia del progetto. Siamo a Milano, a casa di Carlo Prada, giornalista e collezionista appassionato che si è trasferito da poco nel quartiere di Porta Vittoria dopo aver selezionato, fra tante, la sua dimora ideale. “È stata una ricerca durata due anni, ma alla fine l’ho trovata”, ci spiega emozionato. “Volevo un palazzo tipicamente milanese ma non potevo assolutamente ambientare la mia collezione d’arte contemporanea in un edificio appena costruito. Così ho avuto la fortuna di imbattermi in questa casa degli anni ’30 con una facciata rigorosa in pietra grigia e uno splendido terrazzo sul retro”. L’appartamento aveva la classica distribuzione con corridoio centrale, ambienti di rappresentanza caratterizzati da soffitti a stucco d’epoca e parquet intarsiato, da un lato, e una sequenza di piccole stanze e servizi, sul retro. “C’erano gli elementi che mi avevano fatto innamorare, come i decori e gli infissi originali, ma anche le armadiature su disegno e le porte a vetri, frutto di una ristrutturazione della fine degli anni ’60. Queste caratteristiche andavano conservate assolutamente, mentre il disimpegno e gli ambienti che portavano al terrazzo dovevano subire alcune modifiche”, ci spiega il padrone di casa. Così per il progetto sceglie l’architetto Hannes Peer, del quale apprezza il lavoro d’interior design, in bilico fra le residenze e gli spazi della moda, da Iceberg a N°21, brand di Alessandro Dell’Acqua. “È stato un lavoro che ha unito restauro, ristrutturazione e trasformazione architettonica di alcuni spazi”, ci spiega Peer. “Abbiamo voluto enfatizzare le due anime della casa: quella classica e quella contemporanea. Rendendo gli ambienti più fluidi, creando collegamenti visivi prima impediti dai muri esistenti e trasformando la zona cucina in una ‘veranda’ collegata al terrazzo e aperta al resto della casa”, continua. Questa nuova area dell’appartamento è sottolineata dalla resina di colore ‘azzurro Gio Ponti’, delimitata da un battiscopa d’ottone, che mette in relazione gli armadi dalle linee grafiche con la nuova configurazione degli ambienti. L’uso del colore, grigio a parete e celeste sul pavimento, è fondamentale per costruire lo sfondo dell’importante collezione di opere d’arte, di arredi e oggetti di design raccolti dal padrone di casa. “Ho iniziato una decina d’anni fa grazie ad amici che mi hanno educato al design italiano, in particolare Sharon Goldreich della galleria milanese Deco XX° Secolo”, confessa Prada. “Mi piace ricercare i progetti dei nomi che hanno fatto la storia del design: Albini, Caccia Dominioni, Zanuso, BBPR, Ponti, Sottsass. L’arte è venuta dopo, anche se l’ho sempre coltivata fra i miei interessi”, racconta. Così in poco tempo ha saputo costruire una collezione con il meglio dell’arte contemporanea più attuale: Christian Rosa, May Hands, Marcel Dzama, Paul Cowan, Jonathan Monk tra i tanti. “Le opere dovevano essere inserite con disinvoltura, per vivere in perfetta armonia con lo spazio e creare situazioni domestiche sempre diverse”, continua. “Mi piace giocare con l’arte e con gli arredi, cambiandone spesso la disposizione. A partire dallo spostamento di un pezzo può variare tutto il resto”. In maniera volubile o razionale, in funzione degli stati d’animo e di nuovi desideri. —


207

elle decor


Monacale la camera con gli arredi in legno che si riflettono ono nel parquet originale della casa. Ai lati del letto, comodini di Franco Albini, tutto per Poggi. In metallo i faretti retti di Giuseppe Ostuni, di Albini e Franca anca Helg la sospensione. A parete rete opere di Mathis Gasser, a sinistra, stra, e Jonathan Monk. Pagina accanto, to, la terrazza collegata alla cucina-veranda veranda è arredata con mobili vintage intage in bambÚ.


209

elle decor


l’AvAnguArdiA delle superfici Materiali innovativi e soluzioni all’avanguardia per ambienti di grande atmosfera. Declinati nei progetti firmati unicomstarker


elle decor per unicomstarker

Le ceramiche della collezione Stonewave di unicomstarker creano un angolo d’atmosfera grazie all’effetto naturale e irripetibile ottenuto con la lavorazione innovativa che rende unico ogni pezzo. Per molteplici soluzioni spaziali in interno e in esterno, per pavimenti e rivestimenti. Pagina accanto, la zona pranzo è definita dalla quinta in muratura rivestita con ceramiche Overall di unicomstarker, in un formato effetto mattone; il pavimento sceglie una misura extra e una sfumatura più chiara che fa risaltare gli arredi in legno.

Appuntamento a unicomstarkerHUB, lo spazio espositivo di Fiorano Modenese, headquarter dell’azienda di ceramiche. Allestito per ricevere la clientela internazionale, si è trasformato velocemente in un luogo di relazione, punto d’incontro per architetti, designer, esperti del settore e committenti. Una location ideale per eventi dove poter condividere momenti di riflessione sul tema del progetto ceramico contemporaneo, valorizzando lo spirito che caratterizza il percorso intrapreso fino a oggi da unicomstarker, fatto di valori come passione, competenza, affidabilità e rispetto. Ma anche innovazione, quella che caratterizza il gruppo industriale nato nel 1983, coniugata ad avanguardia tecnologica

e produttiva, sensibilità ed estetica formale. Il risultato sono prodotti di successo che hanno consolidato il brand nel corso del tempo identificandolo come trendsetter e creatore di prodotti dal valore progettuale eccellente, ideati per le residenze private e il contract, sia indoor sia outdoor. Realizzati con un occhio agli architetti, fornendo loro uno strumento di lavoro facilmente declinabile e di consenso. Qualche esempio? Ceramiche che ricreano l’eleganza del marmo nelle sue sfumature più pregiate o il calore del legno nelle sue essenze più calde e accoglienti. Per uno stile di vita che non rinuncia al comfort, al benessere, alla raffinatezza. www.unicomstarker.com


Materiali inediti, décor fantasia e note stylish per allestire il rientro in città. E due anniversari da ricordare a cura di Tamara Bianchini e Murielle Bortolotto — testi di Piera Belloni

È un compleanno importante quello che Gaggenau celebra nel 2016: è il 333° dalla nascita della fucina che è diventata una delle fabbriche di apparecchi da cucina internazionalmente più note. E quest’anno è anche il 60° da quando Georg von Blanquet (foto), allora proprietario, ha imposto, con la sua visione volta al futuro, una rivoluzione in azienda: per esempio, immaginando la cucina su misura, con elettrodomestici ad hoc. Il primo (al mondo!) a lanciare il forno da incasso, separato dal piano cottura, e la cappa. Un’impresa dallo spirito avanguardista ancora oggi intatto. www.gaggenau.it

217

elle decor


InsIde desIgn/kItchen&food

Minimal da cucina: per arredi conviviali, accessori con stile, piastrelle dai toni delicati e forni con performance elevate

Professionali per uso domestico. Sono proposti dalla giovane designer lituana Aiste Nesterovaite i grembiuli in lino di Formuniform, così stylish che viene voglia di usarli non solo in cucina. In 5 colori. www.formuniform.com

Composizioni creative, asimmetriche o lineari, comunque originali: la linea GiornoxGiorno di Giessegi permette una grande libertà per allestire secondo gusto e necessità pareti attrezzate nel living e in cucina. 20 i colori laccati e 3 le finiture legno degli elementi, chiusi o a giorno. www.giessegi.it

Una semplicità di linee e alte prestazioni per i nuovi forni di Beko, eleganti e tecno-evoluti, in cristallo nero e acciaio. Dall’alto, microonde MGB25333 BG con grill e forno BIM 15300XS linea Superia da 71 litri, multifunzione e con programmatore digitale. www.beko.it

Tra Oriente e Occidente le piastrelle per rivestimento Origami, con motivi in rilievo che ricordano l’arte della piegatura della carta giapponese, in 6 tonalità attuali, dall‘avorio al taupe, dal grigio all’arancio. In bicottura, nel formato cm 25x60, www.polis.it 218

elle decor


InsIde desIgn/kItchen&decor

Un frigorifero tecnologicamente avanzato diventa oggetto da collezione grazie a una decorazione straordinaria. E rappresenta la creatività della couture italiana che si fa arte in limited edition

Foto Adriano Brusaferri

Capsule Collection by Dolce & Gabbana. Soli 100 esemplari, dipinti a mano come autentici quadri da 9 artisti siciliani su temi ispirati all’Opera dei Pupi: FAB28 di Smeg, dalle linee morbide stile Fifties, diventa un Frigorifero d’Arte grazie all’inconfondibile segno D&G. Un elettrodomestico che unisce in sé il meglio del made in Italy, per i contenuti tecnici (classe A++), la creatività del décor, la sintesi fra tradizioni legate al territorio e vocazione internazionale. Presentati in una fantastica scenografia di luminarie colorate, quelle delle feste del Sud, onirica e suggestiva. www.smeg.it +elledecor.it

220

elle decor


InsIde desIgn/wellness

Finiture temporanee/contemporanee, un radiatore che produce effetto cocooning, accessori moderni e compleanni da celebrare Decori temporary. Sono il modo più semplice per rinnovare pavimenti e pareti: le piastrelle adesive Tileskin®. Una lamina plastica spessa meno di un millimetro che si applica su qualunque supporto e non lascia residui una volta rimossa. Qui il pattern Vintage, ma esistono 200 colori e decine di fantasie (€ 21,35 il set di 12 piastrelle cm 20x20). www.tileskin.com

Esperienze di design in Laguna al Venissa Resort, che accoglie gli ospiti nelle residenze diffuse di Burano con arredi Arclinea, Moroso, Bolzan Letti fra gli altri. www.venissa.it

Il segno lineare dei contenitori in ceramica bianca e della fascia in ottone cromato con bottone centrale caratterizzano Bucket, design Giovanna Talocci per Stilhaus. Utile e dal piglio attuale (€ 182 ca). www.stilhaus.it

Un calore immediato e su misura: un comfort garantito dal radiatore Arche Bath di Wiw Segers per Vasco. Classico nelle linee e tecnologico, a risparmio energetico grazie all’elevata resa termica, in 3 misure da cm 87 a 187 h, e in qualsiasi colore, a richiesta. www.vasco.eu 222

elle decor

Era a il 2006 quando la casa madre Dornbracht ornbracht decideva di aprire la filiale italiana. aliana. Sono stati 10 0 anni di successi, chee vogliamo festeggiare conn l’immagine del el prodotto-icona, il bestseller assoluto soluto del marchio: il rubinetto Tara. www.dornbracht.com ww.dornbracht.com


InsIde desIgn/wellness

La natura in interni: un’opzione décor adatta a ogni spazio domestico, anche il più privato. Con un wallpaper tecnico e fantasie su misura

Un motivo tropical green g in scala oversize spic spicca inaspettato su una pa parete del bagno: è realizzato realizza con carta da parati on demand de Ve-Nature, coll. Wet System per ambienti umidi, di De Meo + De Bona per Wall&decò (€ 160 16 mq). www.wallanddeco.com www.wallanddeco.co

224

elle decor


Parquet di listoni tre strati di legno massiccio • Listoni piallati a mano di Noce dal dialetto veneto Vecchia Noghera, proveniente da foreste europee • Design, ricerca e sviluppo Cadorin“fnitura Corteccia” - il colore “au naturel” della corteccia di legno • Collezione“Listoni Epoca”- www.cadoringroup.it/epoca

Vecchia Noghera CADORIN GROUP S.r.l. Tel. +39 0423 920 209 • +39 0423 544 019 commerciale@cadoringroup.it • 31054 POSSAGNO (TV) Italy

GREEN CERTIFICATION

LEGNOPIÙ KM MENO

Infinite immagini e ambientazioni Collezioni CADORIN sono disponibili:

www.cadoringroup.it


InsIde desIgn/materIalI e nuovI storage

Parola d’ordine: keep order, keep clean, ovvero soluzioni di design per riorganizzare gli spazi in modo intelligente e con stile

Texture a rilievo per p Mellow di Marazzi. Pattern Patter geometrico effetto 3D e un un unico formato rettangolare (cm 10x30) 1 ideale per le pareti. pare In ceramica, dal bianco b al peach passando per altri 5 colori. www.ma www.marazzi.it

Appendere easy con Belt Hanging Rack di Jessica Nebel per H Furniture. Un’asta in noce (cm 100x32x50h) tenuta da due cinghie in pelle e due semplici viti. www.hfurniture.co

Estasi olfattive per interni create da esperti Maître Parfumeur per Locherber Milano. Profumazioni dalle note floreali o speziate, rigorosamente naturali. www.cosvalitaly.com

Tutto in ordine. L’iconico sistema di Usm si completa con Inos Box, dei contenitori in simil feltro con un coperchio che all’occorrenza diventa anche un vassoio: un’idea by Atelier Oï. www.usm.com All’apparenza il classico foglio di quaderno, in realtà Paper di Davide Tonelli per Ornamenta è una piastrella in grès porcellanato con spessore di mm 9, da scegliere in tre colori: black, grey e white. www.ornamenta.com 226

elle decor


elle decor per TId “Il nostro obiettivo è creare un network in grado di far circolare le idee più giovani e creative nell’attuale panorama del design, semplificando l’incontro tra domanda e offerta, nuovi talenti e aziende”: queste le parole di Francesco Tursini, CEO di TID, cioè The Interior Design The Network for Design Lovers. Una piattaforma creata da un gruppo di giovani appassionati e designer con un obiettivo: “Vogliamo far scoprire giovani talenti italiani e internazionali, più o meno noti, che in sinergia possono far nascere iniziative innovative, coniugando anche differenti forme creative”. Un laboratorio-officina-showroom, la sede di TID a Baranzate che lavora a 360°, analizzando le richieste dei clienti, proponendo i progetti dei talenti scoperti nelle scuole ed esponendo il meglio delle opere e dei pezzi di design prodotti. “Senza dimenticare le collaborazioni con il mondo dell’arte, una tra tutte quella con la galleria Contini Art Factory di Venezia”, conclude Tursini. E in più, un luogo dove si organizzano workshop, performance artistiche, mostre… Tra le ultime iniziative di TID il contest lanciato insieme a Elle Decor Italia, che ha visto coinvolto l’Istituto Marangoni, e che è culminato nella serata del 16 giugno scorso, organizzata nello spazio TID: protagonisti Matteo Agrati, vincitore del concorso, l’artista Daniele Basso, e Sara Loreni, con una performance di suoni. Da sottolineare il sito, Theinteriordesign.it, sul quale acquistare online, essere informati sugli eventi più significativi del settore, valutare le sinergie, o scoprire le ultime novità.

Uno scorcio dello showroom-galleria TId a Baranzate, con pezzi di giovani talenti e arredi di architetti internazionali. da sinistra, Il tavolo Basel di Simone cappellanti, le sedie dalma di carapace design; poltrona “X” gialla di Anacleto Spazzapan. Sul fondo, sedie adesive stickS-it – Famous design Adhesive chairs di Studio Algoritmo, console Madame di Stefano Grecchi, lampada Sacred Geometry di Giovanni Minelli. Tappeto di dSV carpet.

talent lab

Scoprire i futuri designer di successo: è la missione di TID, piattaforma creativa a caccia di giovani promesse


InsIde desIgn/materIalI

Finiture personalizzate: con un cemento easy to use, un wallpaper tecno-fantastico, dettagli colorati. E un oggetto speciale per chi ama il vinile

Concrete evolution. olution. Da Gypsum,, un nuovo materiale nato ato da un mix di cemento e resina, con elevate prestazioni anche in spessori essori ridotti. È Cementoconcreto, oncreto, si usa per rivestire vestire pareti, pavimenti in e outdoor, e per crearee veri e propri pezzi zzi di arredo, come panchee o tavoli. www.gypsum-arte.com m-arte.com

Per una casa custom made fin nei minimi dettagli, le placche Plana di Vimar sono proposte in 4 materiali (Reflex effetto cristallino, legno, tecnopolimero, metallo) e in una palette di colori extra. Da coordinare anche con dispositivi multimediali, di controllo, illuminazione e videocitofoni. www.vimar.com/it

Mood marino per la carta da parati Blue Sand, della collezione H2O di Tecnografica Italian Wallpaper. Adatta in ambienti umidi, perfino all’interno della doccia, esiste in 5 fantasie, geometriche, astratte o con effetti materici. www.tecnografica.net

Il giradischi rinnovato a 90 gradi è un oggetto décor da mettere in mostra. Floating Record di Gramovox è un sistema all-in-one, con altoparlanti stereo incorporati, a 45 o 33 giri, un solo tasto per accensione e volume, frontale in noce o acero. Niente di meglio per celebrare il ritorno del vinile. www.gramovox.com

228

elle decor


elle decor per dG mosaic

La materia deLL’invenzione Tilla, il progetto in evoluzione di DG Mosaic, coniuga Italian style e sperimentazione DG Mosaic, giovane azienda alle porte di Milano, continua il processo di sinergie intrapreso fin dagli esordi con il mondo del design, dell’architettura, dell’arte e della ricerca progettuale. Protagonista Tilla®, la picotessera quadrata in vetro più piccola al mondo (mm 1,5x1,5x1), con la quale creare un filo narrativo unico nel suo genere, fatto di riflessi e cromie infinite, che solo una lavorazione innovativa può restituire. E proprio per questo, Tilla® di DG Mosaic è in grado di spaziare in ogni luogo, dalle case private al contract, dalle navi ai centri benessere, con progetti su misura sempre capaci di stupire. Così il mosaico va oltre la sua accezione originale, contribuendo all’evoluzione di nuovi linguaggi architettonici, che sono in grado di mettere in primo piano anche il più piccolo dettaglio. Per dare spazio all’immaginazione. www.dgmosaic.it

Il mare entra in casa con la parete decorata dal mosaico che riproduce un corallo nel blu. Decorazione possibile grazie alle picotessere Tilla® di DG Mosaic lavorate con la tecnica ‘rain’, che segue un andamento ‘effetto pioggia’. Con questa tecnologia, le sfumature dei colori sono definite in ogni dettaglio, con graduali passaggi da una tinta all’altra e l’utilizzo di foglie decorative in oro o argento che donano ancora più luminosità al mosaico.


n.b.

Wim m Delvoye, ‘Untitled (Truck Tyres)’, 2013

Settembre — Mostre, fiere, appuntamenti e vernissage a cura di Piera Belloni

Foto Studio Wim Delvoye, Belgique, © Adagp, Paris 2016 /Wim Delvoye Foto Katsuhiro Ichikawa - Courtesy Galleria Massimo Minini, Brescia © Amedeo Benestante

Décor d’artista a Lussemburgo — Le Belle Arti secondo Wim Delvoye: al Mudam, fino all’8/1/2017, l’artista belga espone le testimonianze di 25 anni di carriera, con opere che oscillano tra seduzione e dissonanza. www.mudam.lu Eventi design a Londra — Sono oltre 30 le nazioni partecipanti alla 1ª London Design Biennale, dal 7 al 27/9 alla Somerset House. Ogni team ha lavorato sul tema ‘Utopia by Design’ per rispondere alle questioni più gravi del momento, migranti, inquinamento, equità sociale, supportati da istituzioni locali (per l’Italia, la Triennale Design Museum). www.londondesignbiennale.com +elledecor.it Maestri del vetro a Venezia — Apre l’11 ‘Paolo Venini e la sua fornace’, dedicata all’imprenditore/creativo e agli artisti che lo hanno affiancato dagli inizi, nel 1925, al 1959, anno della sua scomparsa. Con oltre 300 lavori firmati fra gli altri da Ponti, Scarpa, Fornasetti, Bianconi. Le Stanze del Vetro, fino all’8/1/2017. www.lestanzedelvetro.org +elledecor.it Installazioni a Milano — Matthias Bitzer è protagonista di una personale alla Galleria Francesca Minini dal 20/9 al 5/11. In mostra le sue complesse opere, frutto di sperimentazioni su diverse combinazioni di pittura, scultura e disegno. www.francescaminini.it Fotografia a Napoli — S’intitola ‘Attesa, 1960-2016’ la grande retrospettiva del Museo Madre dedicata a Mimmo Jodice, che sottolinea il concetto di tempo come cifra del lavoro del fotografo alle prese con soggetti umani, paesaggi, ambienti metafisici. Fino al 24/10. www.madrenapoli.it

Yasuhiro Suzuki, ‘Blinking Leaves’ , London Design Biennale 2016

Matthias Bitzer, ‘Untitled’, 2015

Paolo Venini, vasi della serie ‘Incisi’, 1956-57

Mimmo Jodice, ‘Anamnesi’, 1999

231

ELLE DEcor


DOVE&COME

A Armani/Casa via Sant’Andrea 9, Milano, tel. 02.76260230, www.armanicasa.com Artemest via Savona 97, Loft C5, Milano, www.artemest.com Azucena showroom via Manzoni 23 Milano, tel. 02.781926, www.azucena.it

B B&B Italia Strada Provinciale 32, Novedrate (Co), n. verde 800.018370, www.bebitalia.com Baxter via Costone 8, Lurago d’Erba (Co), tel. 031.35999, www.baxter.it Bosa via Molini 44, Borso del Grappa (Tv), tel. 0423.561483, www.bosatrade.com Bottega Gadda via Gentilino 6, Milano www.bottegagadda.it

C Cappellini Cap Design, via Busnelli 5, Meda (MB), tel. 031.759111, www.cappellini.it Cassina via Busnelli 1, Meda (MB), tel. 0362.3721, www.cassina.it Ceccotti Collezioni viale Sicilia 4/a, Cascina (Pi), tel. 050.701955, www.ceccotticollezioni.it

D Dedar via della Resistenza 3, Appiano Gentile (Co), showroom via Fiori Chiari 18, Milano, tel. 02.80581823, www.dedar.com Desalto via per Montesolaro, Cantù (Co), tel. 031.7832211, www.desalto.it Designers Guild per informazioni, www.designersguild.com Dimore Studio via Solferino 11, Milano, tel. 02.36537088, www.dimorestudio.net

E Elitis showroom via Savona 97, Milano, tel. 02.42296677, www.elitis.fr

F Flos via Faini 2, Bovezzo (Bs), tel. 030.24381, www.flos.com Focus Viols le Fort, Francia, www.focus-camini.it Friis & Black Lisbet Friis & Uffe Black, www.lisbetfriis.dk

G Galleria Attik via Tiepolo 4, Roma tel. 06.97611053 Galleria Del Cembalo largo della Fontanella di Borghese 19, Roma, tel. 06.93796619, www.galleriadelcembalo.it Gallotti & Radice via Matteotti 17, Cermenate (Co), www.gallottiradice.it Gervasoni viale del Lavoro 88, Pavia di Udine (Ud), tel. 0432.656611, www.gervasoni1882.com

K Kettal Barcelona, Spagna, tel. +34.934879090, www.kettal.com Knoll International showroom p.zza Luigi Bertarelli 2, Milano, tel. 02.7222291, www.knoll-int.com

L Leucos via delle Industrie 16, Salzano (Ve), tel. 041.5741111, www.leucos.it Living Divani Strada del Cavolto, Anzano del Parco (Co), tel. 031.630954, www.livingdivani.it

M Martinelli Luce via T. Bandettini 145, Lucca, tel. 0583.418315, www.martinelliluce.it Matteo Thun Atelier via Appiani 9, Milano, www.matteothunatelier.com

Molteni&C via Rossini 50, Giussano (MB), tel. 0362.3591, n. verde 800.387489, www. moltenigroup.com Moroso via Nazionale 60, Cavalicco di Tavagnacco (Ud), tel. 0432.577111, n.verde 800.016811, www.moroso.it

N Nani Marquina Barcelona, Spagna, www.nanimarquina.com

P Pierre Frey per informazioni, www.pierrefrey.com Porada via Bruno Buozzi 2, Cabiate (Co), tel. 031.766215, www.porada.it

R Roda via Tinella 2, Gavirate (Va), tel. 0332.7486, www.rodaonline.com Rosalba Piccinni Fiori per informazioni, www.fiorirosalba.it Rubelli via della Pila 47, Marghera Venezia, tel. 041.2584411, www.rubelli.com

S Sara Ricciardi per informazioni, www.sararicciardi.org Servomuto per informazioni, www.servomuto.com Simona Cardinetti www.simonacardinetti.com, in vendita da PAU Design Container, via Rosales 5, Milano, tel. 02 798216 Something Good per informazioni, www.somethinggood.it

T Torremato Il Fanale Group, via Bredariol 15, San Biagio di Callalta (Tv), tel. 0422.895200, www.torremato.com

U Understate viale Francesco Crispi 5/b, Milano, tel. 02.62690435,

info@understate.it, www.understate.it

V Valerie Objects Veldkant 21, Kontich (B), www.valerie-objects.com Venini Fondamenta Vetrai 50, Murano (Ve), tel.041.2737211, www.venini.com Vitra Collection distribuito da Unifor e Molteni&C, Giussano (MB), n. verde 800.505191, www.vitra.com

Precisazioni Il prezzo al pubblico della lampada a sospensione Pandora di Ideal Lux, pubblicata su Elle Decor n. 6, giugno 2016, a pag. 185 del servizio ‘Inside design / Lighting’, è di € 71. Per informazioni, www.ideal-lux.com GIUNGLA A COLORI

Z Zanotta via Vittorio Veneto 57, Nova Milanese (Mi), tel. 0362.4981, www.zanotta.it

I progettisti PROSSIMA FERMATA Stephane Lebrun/Kyo-Co, 20 rue de la Pépinière, 1370 St-Rémy-Geest (Jodoigne), Belgique, tel. +32.16.760325, kyo-co.be CAFFÈ A PALAZZO Architetto Alessandro Bianchi, viale Monte Nero 21, Milano, tel. 02.54108242, www.alessandrobianchiarchi tetto.com A ROMA, UNA BIBLIOTECA CON USO CUCINA Studio Alessandra Marino e Associati, Roma, tel. 06.8764619, info@alessandramarino.it, www.alessandramarino.it OPEN VIEW Lene Tranberg/Lundgaard & Tranberg Arkitekter, Pilestræde 10, 3 sal, DK-1112 Copenhagen K, Denmark, tel. +45.33.910717, www.ltarkitekter.dk RITRATTO CONTEMPORANEO Hannes Peer, via Fratelli Fossati 5, 20131 Milano, tel. +39.347.4962455, www.hannespeer.com

La storia di Cappellini Giardinieri, dove è stato scattato il servizio, inizia a fine ’800: un’impresa familiare con una passione green oggi giunta alla quinta generazione. Il vivaio (16 ettari fra la Brianza e Pistoia) è specializzato in grandi esemplari alti fino a 12 m e in arte topiaria, e ospita diverse varietà di magnolie, di ortensie e gli straordinari bambù giganti. Nella serra di 1.000 mq la zona tropicale è abitata da molte varietà di Ficus, oltre a Monstera, Alocasia, Banani e Cissus, tutte disponibili anche per il noleggio; mentre la zona fredda introduce il visitatore al delicato mondo delle Felci. Frequentati soprattutto da gardener professionisti, il vivaio e la serra sono aperti anche alle visite di privati su appuntamento, per acquisti e consigli sulla progettazione di giardini e terrazzi di ogni dimensione. Il vivaio Cappellini sarà al prossimo Orticolario, a Villa Erba di Cernobbio (Como), dal 30/9 al 2/10. Cappellini Giardinieri, S.P. per Novedrate 108/a, Carugo (Co), tel. 031.761714, www.cappellinipiante.it 233

ELLE DECOR


Elle Decor Italia International subscription Starting from today, you can finally subscribe to Elle Decor Italia and bring italian style & design into your home wherever you are... 5 good reasons to make your choice... 1. Every month you will receive your favourite magazine. 2. It will be despatched directly to your home. 3. No more distances; wherever you live, hundreds or thousands kilometers away, any place becomes easy to reach. 4. You can take a glance at Italian style, color and warmth. 5. You are constantly informed on ideas, trends, curiosities, news about design and interior design. But there is more: new life-styles, famous people and emerging personalities, art and whatever is related to interiors. NEW! The subscription also includes browsable digital edition. So you can now read Elle Decor Italia, including back issues and enclosures, even online on PCs, MACs and tablets

The unique Elle Decor Italia style has no boundaries 35%

discount if you subscribe to Elle Decor italia online Starting from today, you can simply click on the Elle Decor Italia cover on the site www.abbonamentionline.com and you can easily subscribe online.

35% discount: 1 year 10 issues for only â‚Ź 29,25 plus shipping charges.


SEPTEMBER 2016

The cover In the living room of a collector’s house, vintage furniture by the great masters of the 20th century: Sesann sofa by Gianfranco Frattini and coffee table by Ico Parisi, all for Cassina; chair by Gio Ponti for Reguitti, pendant lamp by Albini and Helg for Sirrah. On the wall, artwork by Christian Rosa.

English text 32 Home is where the art is. 61 Industrial craft. 69 Cristina Celestino. 83 Living in an icon. 93 Textile pride. 99 Next stop. 105 Friends of the fashion house. 111 My world. 117 Precious design. 123 The caffè at the Palazzo. 129 Roof risto-garden. 134 Evolution in Mexico. 160 Inside Barragán. 180 In Rome, a library with a kitchen. 190 Open view. 200 Contemporary portrait. Best of Design 2016. 27 Piero Lissoni. 34 Vincent Van Duysen. 41 Patricia Urquiola. 235

EllE dEcoR


CONTENTS OF THE ISSUE p. 32 Home Is wHere tHe art Is by Filippo romeo and marco tagliafierro with contribution from Piera Belloni

Domestic settings, ultra-decorated interiors and homes defined in the smallest detail, from the foundation to the roof. Installations and sculptures follow the interior design world. with unexpected transformations p. 61 InDustrIal CraFt by Paola Carimati portrait by andrew meredith

the high-quality signature of the london-based Canadian designer Philippe malouin: a journey along the fine line between serial production and hand-made p. 69 CrIstIna CelestIno photos by Helenio Barbetta/living Inside — text by Paola Carimati

on the fourth floor of a period building, the Italian designer reveals her passion for collecting. In tailor-made interiors by historic Italian firms, prototypes and creations by the great masters co-exist p. 83 lIvIng In an ICon

research-driven virtuous relationship with architecture, art, design and fashion

ingredients: food curator and sound designer, cappuccinos and effervescence

p. 99 next stoP

p. 129 rooF rIsto-garDen

by Francesca Benedetto photos by Jean-luc laloux

by rosaria zucconi and Doriana torriero photos by settimio Benedusi

Bioul, Belgium. a tiny country station is brought back to life as a maison de vacance. thanks to an artistic duo’s creative project p. 105 FrIenDs oF tHe FasHIon House by valentina raggi

p. 134 evolutIon In mexICo

major names and new talents interpret art de vivre, according to Christian Dior. In the first limited edition home collection

by gloria mattioni photos by giorgio Possenti

p. 111 mY worlD by anna Battista

venice. 17 september at Ca’ Pesaro ‘la donna che legge’, an exhibition dedicated to gabrielle Chanel. a fascinating itinerary that focuses on the designer’s private library p. 117 PreCIous DesIgn by Flavia giorgi photos by Paola Pansini portrait by adam wiseman

by valentina raggi

the villas of the masters of modernism and the masterpieces by richard meier and Frank o. gehry. to dream about, visit and, if funds allow, buy

Pomellato opens its second milan boutique in via monte napoleone. It’s a showcase for an international clientèle, a sophisticated and intimate treasure chest designed by Dimore studio

p. 93 textIle PrIDe

p. 123 tHe CaFFè at tHe Palazzo

by Paola Carimati

photo by robert Holden text by Flavia giorgi

li edelkoort is launching the new York textile month: a citywide festival to raise interest in textiles. a journey through the history of her 236

EllE dECOr

In testaccio, an ancient and working class part of rome, two floors of a modern glass and steel building are home to the trendiest spot in the capital. traditional cuisine, a party atmosphere

In mid-september, the elegant interiors of the Hotel senato in milan host the launch of a bistro with some added

a metropolis at 2,240 metres a.s.l. that in recent years has disproved its reputation as an off-limits city. mexico City has developed its own contemporary soul, with cutting-edge museums, buildings by starchitects and gourmet restaurants p. 160 InsIDe Barragán by gloria mattioni photos by giorgio Possenti

Designed in the late 1940s, Casa Pedregal is back to its former glory. thanks to the passion of the new owner, committed to enhancing the work of the mexican master p. 172 Jungle & Colour by arianna lelli mami and Chiara Di Pinto/studiopepe

photos by Federico Cedrone with contribution from sonia Pravato

small living areas and great comfort, for a super gentle return to the city, immersed in lush tropical vegetation amidst backdrops that reinterpret the shades of louis Barragán p. 180 In rome, a lIBrarY wItH a kItCHen by rosaria zucconi photos by settimio Benedusi

antonio gnoli’s ideal space for writing, reading and thinking p. 190 oPen vIew by Helle walsted — photos by wichmann + Bendtsen Photography text by karin gråbæk and Flavia giorgi

In Denmark for the vertical project by lene tranberg, with wood, glass and volumes open to the landscape. when the value of architecture revolutionises the quality of life p. 200 ContemPorarY PortraIt by rosaria zucconi and Francesca Benedetto photos by nathalie krag text by Filippo romeo

20th century works of art and design: at home with Carlo Prada, journalist and collector who has chosen to live in milan, in a house custom-designed for the man and his collection

Inside Barragán — p. 160


english text

Home is where the art is — p. 32

Home is where the art is — p. 32 by Filippo Romeo and Marco Tagliafierro with contribution from Piera Belloni

Domestic settings, ultra-decorated interiors and homes defined in the smallest detail, from the foundation to the roof. Installations and sculptures follow the interior design world. With unexpected transformations The strong presence of the interior design theme in contemporary art installations reveals the total fascination that objects have in the imagery of today’s artists. The attention paid to interior decoration, redefined with a dreamy, surreal dimension, is just waiting to be discovered in the works of Belgian Hans Op de Beeck, who displays mysterious states of mind linked to historical and literary references. In the case of ‘The Collector’s House’, we find ourselves inside a sitting room-museum where sculptures, pictures and furniture are completely rebuilt and painted a ‘cerebral’ grey. While with ‘Semi-Detached-John & Ethel Landy’ by Michael Landy we are presented with the symbolic archetype of the English labourer’s house. Activism and charisma are instead at the base of the works by Ai Weiwei, one of the most influential Chinese artists. ‘Chandelier’, a series of giant candelabra, is a monumental declaration executed using everyday objects. With the same spirit, Austrian Erwin Wurm in ‘The fat house’ criticises the western lifestyle, focusing on the bulimia of consumerism. German Katharina Grosse instead transforms a building on the beach di Fort Tilden, destroyed by hurricane Sandy in 2012, into a monumental work of art. The same goes for Diango Hernandez, who uses his personal style signature to recount Cuban culture: painting the walls of museums and galleries with a sign that is almost a decorative pattern. With ‘Mental Piece/Cornered

Fireplace’, Elmgreen & Dragset use imagery linked to interiors to achieve unexpected stimuli. Also Thomas Demand develops the theme, starting with images taken from newspapers, reconstructed in paper and then photographed. American Alex Da Corte removes materials and objects from their original function to give them new potential within an abstract setting. Domestic imagery is once again the absolute protagonist.

Industrial craft — p. 61 by Paola Carimati — portrait by Andrew Meredith

The high-quality signature of the London-based Canadian designer Philippe Malouin: a journey along the fine line between serial production and hand-made. Wood, steel and glass become pure geometry in his hands In Philippe Malouin’s Post Office studio they work hard: a past that has crowned him as one of the most talented international designers and future brimming with challenges. Philippe possesses a flexible design style: with the brands Hem and Othr he investigates the potential of accessible serial production, whereas with the limited editions for the Lebanese Carwan gallery and the Italian ProjectB he looks into the many souls of craft. His approach to design is experimental, fuelled by strong, rough materials such as wood, metal and marble, which he studies, alternating industrial and artisan production techniques. The articulated shape of the Gridlock (Roll&Hill) lamp is a good example, whereby the image of the chaotic city of Bangkok becomes a mesh structure. “I like to use just one material in a modular way. For Slat Collection, the series comprising a table, bench and bookcase, I chose slats of Douglas pine, cement for 237

elle decor


the modular 1:4 Bowls and for the 20 Planters/Swings vases I used Ceaserstone”. With Othr, Malouin tries out 3D printing, allowing for products in curved steel and perfect joints. www.philippemalouin.com

Cristina Celestino — p. 69 photos by Helenio Barbetta/Living Inside – text by Paola Carimati

On the fourth floor of a period building, the Italian designer reveals her passion for collecting. In tailor-made interiors by historic Italian firms, prototypes and creations by the great masters co-exist Milan, a 1950s building. Here we meet with Cristina Celestino, leading designer of Italian nouvelle vogue. Born in 1980, Celestino moved into this apartment last year. “We preserved the original interior architecture”, she tells us. “I like houses which have lived, which have a story to tell. I don’t understand those who distort the soul of a place, transforming a timeless classic into a modern loft”. Punctuating this refined domestic scene, some carefully selected furniture. There’s a cultured and sophisticated vintage vibe: the pieces, chosen by the designer with the flair of a true collector, fit naturally into the space. An overall reflection of this young woman’s character – determined, but gracious. Ms Celestino has drawn upon a repertoire of images of the past, “which I reinterpreted with a contemporary twist”, she explains. “I work with trusted artisans who help me to choose my techniques: some ancient, some recovered after becoming lost over time”. The collection of Sipario units, for example, features traditional braiding, transformed into soft doors that close the pieces. A clever quirk – something old made into something new. www.designattico.com

Living in an icon — p. 83 by Valentina Raggi

The villas of the masters of modernism and the masterpieces by Richard Meier and Frank O. Gehry. To dream about, visit and, if funds allow, buy. From Hollywood jet-set villas to Italian gems Living in a house by Frank Lloyd Wright, Oscar Niemeyer, Gio Ponti and colleagues is possible. Celebs, tycoons and collectors have spent huge amounts of money on buying and often renovating these monuments of architecture otherwise destined to fall into decay. Producer David Zander, after treating himself to Wright’s ‘La Miniatura’, buys Lautner’s Schaffer House, unsold for years. Architect Alec de Lussanet de la Sabbionière spotted one of Le Corbusier’s houses in the Parisian countryside, not listening to the real estate agent who called it “dismal”. Many designer mansions are still looking for buyers. Los Angeles is the wealthiest real estate market in the world, dotted with unique residences. Many are case study houses, residential experiments from the great masters of American modernism, others famous because they have been portrayed by great photographers or filmmakers. In Minnesota, the Penfields sell the mansion named after them, designed by Frank Lloyd Wright but yet to be built. In Europe, Milan has the highest concentration of designer bricks. There are 238

elle decor

apartments, for rent in the Casa Rustici by Lingeri and Terragni, and for sale in a building of Caccia Dominioni and the renovated Palazzo Beltrade by Portaluppi. The most recent entry in the U.S. National Register of Historic Places is Douglas House by Richard Meier in Michigan. Open to the public, we find the house by Luis Barragán in Mexico City, a UNESCO heritage site; the E-1027 villa by Eileen Gray on the French Riviera; Maison Prouvé in Nancy, his home/manifesto built in ‘54; the Ennis House by Lloyd Wright in Los Angeles, a film set since the thirties; the Carlo Mollino House Museum in Turin; Apartment No. 50 in the Unité d’Habitation by Le Corbusier in Marseille. In the future, it will also be possible to visit Villa Sheats, built in Beverly Hills by John Lautner, which will be donated to the LACMA in Los Angeles, along with all its contents.

Textile pride — p. 93 by Paola Carimati

Li Edelkoort is launching the New York Textile Month: a citywide festival to raise interest in textiles. A journey through the history of her research-driven virtuous relationship with architecture, art, design and fashion According to Li Edelkoort, a fabric “is a kind of sociological DNA which enables us to foresee where society is heading and what will motivate people in the future”. Perhaps it is also for this very reason that she has chosen to curate the first edition of the New York Textile Month. For the entire month of September, The New School: The Parsons School of Design and the Cooper Hewitt Smithsonian Design Museum have decided to celebrate the creative potential of this material by hosting a series of events throughout the city. “The aim of the Festival is to understand how to help this sector survive”. Although it has actually survived the economic collapse, it is still struggling. “On one hand, textiles are making a comeback in interiors as a reaction to the minimalist trend which was in vogue in the 1990s. On the other hand, as regards clothing, this return is seen as a response to increasingly rampant standardisation”. However, we now crave to explore reality by touch, which has brought about a remarkable textile revival within the world of art and design. “It is necessary to re-design a university course for this discipline. We can innovate by creating a symbiosis between biology and technology, developing new yarns and 3D-printing, welding or ultrasound techniques”. In other words, it’s another way of saying: look beyond. www.textilemonth.nyc

Next stop — p. 99 by Francesca Benedetto — photos by Jean-Luc Laloux

Bioul, Belgium. A tiny country station is brought back to life as a maison de vacance. Thanks to an artistic duo’s creative project He spends much of his life travelling, using his camera lens to tell stories about contemporary architecture projects in the world’s most fascinating locations. Jean-Luc Laloux lives in Belgium, in a tiny village in the Ardennes with his wife Anne. He shares with her a passion for creative recuperation of abandoned buildings,


english text

My world — p. 111

which he transforms into maison d’hôtes. The latest is La Micheline, created out of the town’s old railway station. The rails today allow luggage to be taken right to the entrance. “The aim was to safeguard this area, preferring simple architectural solutions with low environmental impact”, Laloux tells us. The interiors are on two levels and have been replanned to give, on the ground floor, a big lounge with kitchen that extends to the patio and three bedrooms in the east wing, each one with its own bathroom. Meanwhile, the first floor looks like a loft, characterised by its timber roof trusses and a room divider featuring the picture of a vintage train. The main idea has been to enhance basic materials (stone, wood, metal and concrete) and to put the light that floods the rooms and the relationship with nature centre-stage. The furnishings are a mix of vintage pieces, bespoke furniture by Kyo-Co and some contemporary design elements. The theme of travel and references to the world of railways are everywhere. La Micheline, 37 rue d’Arbre, Bioul, tel. +32.497483072, www.lamicheline.be.

Friends of the fashion house — p. 105

revisiting the Maison’s codes with their own unique style, drawing inspiration and paying tribute. Monsieur Dior is the first to provide a space dedicated entirely to the home, already established in the first boutique on Paris’s Avenue Montaigne. It is here that Christian Dior will showcase his “decorative but not decorative style”. A language that was the model for Dior MAISON, the collection launched at the opening of the London boutique on New Bond Street, where it is for now exclusively available. “When I think of Dior, the word ‘flawless’ comes to mind”, confesses the French artist Jeremy Maxwell, free-blowing vases in the colours of the Maison. For Jérôme Faillant-Dumas, creator of unique pieces in marble, brass and wood, the references are clear: “The first thing that came to me was the notion of colour”. www.dior.com

My world — p. 111 by Anna Battista

Venice. 17 September at Ca’ Pesaro ‘La donna che legge’, an exhibition dedicated to Gabrielle Chanel. A fascinating itinerary that focuses on the designer’s private library, to reveal the most intimate world of Mademoiselle

by Valentina Raggi

Major names and new talents interpret art de vivre, according to Christian Dior. In the first limited edition home collection After dressing some of the world’s most charming women, now Dior is furnishing their homes. A tea service, hand-embroidered tablecloths, precious crystal glassware and a selection of accessories make up the Fashion House’s first home collection. 12 talents were called upon to design the products, each one

“An interior is the natural projection of the soul,” said Gabrielle ‘Coco’ Chanel. This maxim explains the reason why Mademoiselle infused her Paris apartment with the essence of her personality. In these spaces, Chanel combined East and West, creating unusual contrasts. In Venice, it will be possible to admire over 300 books, photographs, pictures, drawings and furnishing accessories. The years spent at the orphanage at Aubazine abbey inspired a certain monastic simplicity not only in her fashion collections but also in her furnishings. The reconstruction of her library in the exhibition spaces of Ca’ Pesaro helps us to 239

elle decor


discover analogies and visual correspondences: precious pieces from the Paris apartment create instant relationships with the volumes on display. In contact with the Dada artists Tristan Tzara and Francis Picabia, Chanel launched her first perfume in 1921, baptising it N°5 and marking it with an aesthetic that recalled the leaflets of the avant-garde movement. Venice is a symbolic choice for this exhibition: it was here that Chanel took refuge after the sudden death of her lover Arthur Edward ‘Boy’ Capel. The city fascinated Gabrielle, giving her new strength and confidence in her independence. To continue reading and dreaming her career, until it became a novel. ‘Culture Chanel. La donna che legge’, from 17/9 to 8/1/2017, Fondazione Musei Civici di Venezia. Ca’ Pesaro, International Gallery of Modern Art www.culture-chanel.com

Precious design — p. 117 by Flavia Giorgi — photos by Paola Pansini — portrait by Adam Wiseman

Pomellato opens its second Milan boutique in Via Monte Napoleone. It’s a showcase for an international clientèle, a sophisticated and intimate treasure chest designed by Dimore Studio An elegant signature crowns the shop window of the narrowest palazzo in Via Monte Napoleone. The art of display communicates with the passers-by in a free and unexpected language. The precious sparkles are not the exclusive domain of the divine diamond but play across a variety of gems. “For this new boutique, in its strategic position, we started with a return to our origins, and then went in a direction of unprecedented creativity”, explains Vincenzo Castaldo, Creative Director for the brand. Inside the seductive, muted luxury of a treasure chest full of surprising wonders transmits a sense of well-being. Panels of opalescent glass, coloured and backlit, cover the walls interrupted only by the bronze racks. “We imagined the mood of the Sixties to help define a colour palette that reworks the oriental lacquers with indefinable nuances”, states Britt Moran of Dimore Studio. The 3D ceilings are an Art Déco triumph in a reloaded version. Running between the lacquered panels and the dark wood of the ceiling a tunnel passage leads into the second area, where the ceremony of jewel selection takes place in private amid small amethyst-velvet sofas, informal poufs and specially designed showcases with fan-opening drawers. The soft light emanates from the white and pink glass spheres, hung from arms of the wall lights. Pomellato, Via Monte Napoleone 17, Milan, tel. 02.76014530, www.pomellato.com

The caffè at the Palazzo — p. 123 photo by Robert Holden — text by Flavia Giorgi

In mid-September, the elegant interiors of the Hotel Senato in Milan host the launch of a bistro with some added ingredients: food curator and sound designer, cappuccinos and effervescence On the 14/9 the soul notes created for the event by the Australian DJ, Kitten Jam, will set the tone for the Senato Caffè launch party. The inspiration comes from the classic Italian Café, where the rite 240

elle decor

In Rome, a library with a kitchen — p. 180

of the espresso is cultivated in all its various forms. The product research is overseen by food curator Maddalena Fossati Dondero. Before exploring the wine menu or loosing yourself in the mist created by Andrea Sansò’s cocktails, let your eyes savour the luminous elegance of the interior design. White walls provide a backdrop for the gleaming brass counter, the glass and gilded-metal cluster lamps, the marble tables and the tables with sky-blue lacquered tops. The fresh interiors are created by the architect Alessandro Bianchi with the assistance of the Bottega Gadda workshop, another Milanese talent known for their metal work, who have created the furnishings to order. Caffè Senato & Franciacorta Bar, Via Senato 22, Milan www.senatohotelmilano.it

Roof risto-garden — p. 129 by Rosaria Zucconi and Doriana Torriero — photos by Settimio Benedusi

In Testaccio, an ancient and working class part of Rome, two floors of a modern glass and steel building are home to the trendiest spot in the capital. Traditional cuisine, a party atmosphere The curved building in steel and glass with a side cylinder that sticks out from the roof together with lots of trees, might remind you of the sky garden of a New York skyscraper. In reality, we are in a historical part of the capital city. The fifth and sixth floor of such a modern building, amidst a fabric of old palazzi, villas and condominiums, are home to Pasticcio, restaurant, pizzeria, bbq and cocktail bar, with garden and vegetable garden. 25 metres of glass forces the guest to behold an incredible view of the city, a setting whose natural beauty prompted the studio in charge of the interior design to opt for a neutral style. Plenty of white, floors in recycled teak, 1960s style tables and chairs and copper, to multiply the many variations of Roman light. Pasticcio


english text offers high quality, traditional cuisine, pizza and of course “pasticcio”, a humble dish that encloses meat or fish, vegetables or cheese in a light shell of pastry. Pasticcio, lungotevere Portuense 200, Rome www.pasticcioroma.it

Evolution in Mexico — p. 134 by Gloria Mattioni — photos by Giorgio Possenti

A metropolis at 2,240 metres a.s.l. that in recent years has disproved its reputation as an off-limits city. Mexico City has developed its own contemporary soul, with cutting-edge museums, buildings by starchitects and gourmet restaurants Chaotic, but undergoing improvement thanks to a plan to make it greener. Bracing, with an altitude of 2,240 metres and built on a volcanic plain. No longer as dangerous as in the nineties, as long as you stay in the central Federal District. The history of the “oldest capital in the Americas” started in 1325. The Aztecs built Tenochtitlan on the banks of Lake Texoco and the Spanish conqueror Cortes besieged it in 1521. Lively: over recent years it has shaken off its reputation as a high-risk location and has risen to the top of the list of must-visits in 2016, drawn up by the New York Times. Cosmopolitan and refined, with a constant flow of international visitors, especially in February for MACO, the prestigious contemporary art fair. More than ever before, Mexico City today moves to the beat of its history and is packed with contrasts. Arriving from the airport, you note the extremely tall Torres de Satelite by Barragán, painted in their characteristic colours, the well-preserved pre-Colombian ruins and the brand new architecture that has given the city a facelift: the Cineteca Nacional, the Soumaya Museum designed by Romero, the Jumex Museum and the Elena Garro Cultural Center. Design aficionados can stay in the most modern of hotels with innovative decor, like those in the Habita group, visit collectives with sales points open to the public and ateliers that are a blend of fashion and design. It is literally a pot of gold for foodies: there exists no other more exciting place for culinary adventures, a journey of discovery into Latin-American delights, from the Pujol restaurant to the new sushi bars like Tori Tori (as an alternative to ceviche, the delicious traditional raw fish), “comidor” taverns and the mescalerie that fill Colonia Roma, open until late and taken by storm by tourists.

Inside Barragán — p. 160

there in 1951 and lived there for more than 60 years. Three years ago, it was bought by Cesar Cervantes, a businessman and former collector of contemporary art. “I wanted to buy it to restore it to its former glory.” A quarter of the original furniture designed by Barragán had disappeared. The wooden floors were carpeted and several changes had been made to the original structure. Even the amazing lava formations — an integral part of Barragán’s architecture — had been plastered over and made to disappear under 40 layers of paint. “I placed ads to find the original pieces,” he explains proudly. “I preferred to leave the walls bare, with no pictures, precisely to hand the stage over to the plays of light and shadow created by the large windows. The colours change according to the time of day. My pieces of artwork are now the ceramic lamps made by potters in Oaxaca, the rudimentary wooden chairs, the Ahuehuete (swamp cypress) tables, the studded leather sofas and the palo locos (native trees used by Barragán for landscaping) in the garden,” explains Cesar Cervantes. “Living in such beauty is a dream, a privilege.”

In Rome, a library with a kitchen — p. 180 by Rosaria Zucconi — photos by Settimio Benedusi

Antonio Gnoli’s ideal space for writing, reading and thinking We all internalise space in a different way, which we modify according to our own needs. Antonio Gnoli, philosopher, writer and journalist, is perfectly aware of this, and is at ease in this small, quiet apartment. He is happy to spend time alone here, devoting himself to his passions: reading, writing and the joy of art. And cooking, which for him has a dual value. “A way to acquire a certain manual ability and a chance to spend time with just a few habitual guests and new people I’d like to get to know, to talk about everything”. A close look at the life of her client gave the designer Alessandra Marino the chance to design a home to be worn, with elegant sobriety. The design is simple, focusing on the need to accumulate and organise books in all rooms, through essential furniture and modules. “Antonio moves from one task to another at the same time: one desk alone is not enough”, adds Alessandra Marino, amused. “Luckily the house has a fine terrace with a view of Rome. To remind him that outside of his shell, there is a lot more”.

by Gloria Mattioni — photos by Giorgio Possenti

Designed in the late 1940s, Casa Pedregal is back to its former glory. Thanks to the passion of the new owner, committed to enhancing the work of the Mexican master Luis Barragán is the most famous Mexican modernist architect. His architecture has pure lines, essential shapes, colours designed to blend in with the landscape. In 1936, Barragán moved to Mexico City and in the 1940s, he bought a vast plot of land, mostly covered by lava erupted from the Popocatépetl volcano, in the south-east of the city. His utopia was to transform this area into a new residential district, the Jardines del Pedregal. This house was commissioned by the Prieto family, who moved

Open view — p. 190 by Helle Walsted — photos by Wichmann + Bendtsen Photography text by Karin Gråbæk and Flavia Giorgi

In Denmark for the vertical project by Lene Tranberg, with wood, glass and volumes open to the landscape. When the value of architecture revolutionises the quality of life A hidden entrance, directly from the main road. All around, the harmony of Danish tradition unfolds in this quarter close to the port. This peaceful setting reveals the amazing sight of a glass box with sloping roof, covered on two sides by a close-knit 241

elle decor


english text texture of wooden canes. Inside, a single volume on three floors. “The use of natural materials is an integral part of a design that sees the assertion of a new beauty resulting from wear and tear”, states architect Lene Tranberg. “The architecture created for us by Lene Tranberg has helped us to relax, to feel the sea and the trees as a living part of our domestic scenario”, say the owners. Metal is the main player for its airborne stairs, handrail and parapets. The vertical dimension is also emphasised by the furnishing elements, such as the double-height shelving system or the black chimney, which comes down from the roof, through the floor and ends in a fireplace suspended in the middle of the room.

Contemporary portrait — p. 200 by Rosaria Zucconi and Francesca Benedetto photos by Nathalie Krag — text by Filippo Romeo

20th century works of art and design: at home with Carlo Prada, journalist and collector who has chosen to live in milan, in a house custom-designed for the man and his collection Contemporary art and design interact in a game of continuous relations between the most innovative art forms and the masterpieces behind the history of design. We are in Milan, at the home of Carlo Prada, a keen art collector. The flat, located in a characteristic Milanese building, originally had living areas defined by period stucco ceilings and carved parquet. For the renovation, he chose architect Hannes Peer, based on his interior design work, which is halfway between homes and fashion areas. “We wanted to emphasise the two souls of the house: the spirit of the traditional spaces and the contemporary feel, by making the environments more fluid and transforming the kitchen into a ‘veranda’ connected to the terrace and open to the rest of the house”, explains Peer. This new living area in the flat is highlighted by the resin used, in the shade of ‘Gio Ponti light blue’. “I like to seek projects by those who have gone down in the history of design. Art came later, even if I have always nurtured it as one of my interests”, tells us Prada. “The idea was to add the works to the environment with subtlety, ensuring that they live in perfect harmony with their surroundings and create domestic situations that are always different”.

BEST OF DESIGN 2016 New art directions Piero Lissoni — p. 27 by Porzia Bergamasco

On the occasion of its studio’s thirtieth anniversary the Milanese designer talks about his recent collaborations with Alpi and De Padova In November, the Piero Lissoni studio celebrates its thirtieth anniversary. Many of these years have seen him busy as artistic director: from Porro, Living Divani, Boffi and Lema to, more 242

elle decor

recently, Lualdi, Alpi and De Padova. In this sector, he maintains the same design inclination that sees him take an all-round approach: he intervenes in the production processes and commercial aspects, he moves perspective points and welcomes new collaborations. “Each company has its own soul. Factors that must be respected and at times drawn out”, says the architect. Bold challenges that lead to important results, like the recent Compasso d’Oro award to Lualdi or his debut at Alpi. Or the subtle reorganisation of the De Padova catalogue. “This is not a battle. It is simply an attempt to understand if what has happened in the past can still survive in the present. And continue to live in a hypothetical future.” www.lissoniassociati.com

Vincent Van Duysen — p. 34 by Francesca Benedetto

The Belgian architect with offices in Antwerp tells us about the partnership with Molteni&C and Dada This internationally famous designer was appointed creative director of Molteni&C and Dada. Van Duysen tells us: “It is a privilege to collaborate with a historic Italian company whose values and dedication to work I share.” This is the beginning of intense work, studying and reworking the brand’s characters. “The starting point is their incredible DNA. My ambition is simply to revitalise their image.” On the new character of the collections in the pipeline he reveals: “We will be preferring neutral colours and natural materials. Elegant furnishings, refined finishes, following through the company’s historic production and in line with my style. Sober, understated, timeless elegance is our common denominator.” www.vincentvanduysen.com, www.moltenigroup.com

Patricia Urquiola — p. 41 by Laura Maggi

An important year for this designer, Spanish by birth, Italian by adoption, marked by appointment as artistic director of Cassina Untiring, with her unmistakable signature of formality and fantasy, always prolific, at the last Salone del Mobile, Patricia Urquiola presented two new collections for Kartell and Georg Jensen. This year has also seen the first results of her artistic direction at Cassina, which dates back to September 2015. A demanding role due to the very nature of this brand, linked both to production of contemporary design pieces and to reworking of works by the maestros. “We are ready to innovate to maintain this experimental characteristic that allows the brand to possess such huge historical archives.” Starting with putting together of an unprecedented team, its members already being imagined by the designer. It is fundamental to innovate the brand’s character with absolute attention to the question of reworked former editions. “With an attitude of deep respect for the maestros, I study the origins of their projects and try to imagine them in today’s world, without overturning their identity.” www.patriciaurquiola.com, www.cassina.com


1

Magazine internazionale di design e tendenze arredamento e stili di vita architettura e arte English text

best of design 2016


B EST OF DESIGN 2016 Il meglio di stagione del design 2016 italiano e internazionale, e tutto quello che ruota intorno, raccontato in 60 pagine. I trend vincenti, imprescindibili, per l'anno che verrà. Gli eventi clou dell'ultima Milano Design Week: i volti dei protagonisti, gli allestimenti e le grandi mostre che hanno reso la città più speciale che mai. Al centro del nostro Best of Design, la rassegna del must della produzione italiana (e non solo) presentata negli oltre 1.000 eventi del Fuorisalone. La selezione di oltre 200 tra mobili, luci, accessori, cucine, progetti d'arredo bagno, divisi in 25 tipologie, visti dalla redazione di Elle Decor e dai nostri inviati. Le nuove art direction che vedono i designer del momento affiancati alle aziende più prestigiose del panorama italiano per costruire il loro nuovo volto e i successi del futuro. E sempre, un occhio puntato sui talenti di domani. Tutto questo per comporre il grande mosaico che racconta le nuove tendenze dell'abitare./ The pick of the 2016 design season described in 60 pages. The must-have trends for the year to come. The key events of the latest Milano Design Week. A round-up of the top elements in production from Italy (and further afield) presented in the Fuorisalone. The new art directions, which see today’s designers paired with the most prestigious companies in Italy. And an expectant eye on young talents. All this, to describe the new tendencies in the world of living design.

A cura di Bettina Rosso, Tamara Bianchini, Murielle Bortolotto, Paola Carimati Hanno collaborato Grazia Baccari, Ilaria Bacciocchi, Piera Belloni, Francesca Benedetto, Porzia Bergamasco, Flavia Giorgi, Laura Maggi, Filippo Romeo, Vivetta Rozza Foto di Adriano Brusaferri, Donata Clovis, Hasse Nielsen, Max Zambelli Grafica di Valeria Settembre, Mariapia Coppin, Carlo D’Amico, Elena Santangelo Il nostro Best of Design è dedicato a Donata Clovis il cui sguardo fotografico attento e sensibile ha arricchito le pagine di questo speciale

3

06 08 10 18 19 20 22 23 26 27 28 29 32 34 35 36 40 41 42 47 48 49 51 52 54 58 60 62 64

PROGETTO A 360°/ NIKE MIND/ CRAFT SEATING/ COUTURE TREND/ ROSSO CUBISTA ARAD IN RED PROGETTO A 360°/ LEXUS TREND/ CURVY SEDIE/ CURVY TREND/ GRAFISMI NUOVE ART DIRECTION/ PIERO LISSONI TREND/ VERSO EST TAVOLI/ ROTONDI PROGETTI/ COOKING NUOVE ART DIRECTION/ VINCENT VAN DUYSEN TREND/ LEATHER DREAM/ LIGHT SIDEBOARD/ A COLORI NUOVE ART DIRECTION/ PATRICIA URQUIOLA PRIVATE ZONE/ BEAUTY PSICHEDELICO/ ROMANTICO TREND/ AFRO LIBRERIE/ NEODECORATIVE TREND/ BANDA LARGA HEAVY/ DESIGN PROGETTI/ H 2O SELF/ CONFIDENT FREE TIME/ FOR ADULTS SCIENZA/ APPLICATA NUOVA CONVIVIALITÀ


Foto Donata Clovis

bes t of design 2016

6


pr o g etto a 36 0°

È di certo frutto di uno stupefacente brainstorming il progetto di una cittadella per lo sport allestita da Nike in occasione dell’ultima Milano Design Week e poco distante dalla Fondazione Prada. ‘The nature of motion’ è il manifesto della dichiarata ossessione che il brand americano nutre nei confronti delle parole forma, funzione e dinamismo. Concetti chiave che generano innovazione, invenzione, interpretazione. Come quelle firmate dai 10 designer chiamati a raccontare la propria idea di corpo in movimento. Se per Martino Gamper (accanto)

7

allenarsi è ritmo — quello dei tamburi in tessuto tecnico Flyknit fissato ai telai con lacci Nike — per Max Lamb (in questa pagina) diventa sfida alla fatica — di spostare con un dito due quintali di marmo senza attrito grazie a una sottilissima intercapedine d’aria. P.C. www.nike.com/ ‘t ‘the nature of motion’, set up by Nike, reflects the brand’s obsession for form, function and dynamism. the participants are 10 designers, called to describe their idea of body in motion. If training is rhythm for Martino gamper, for Max Lamb it’s a way of challenging fatigue.


Scenografia total red per l’allestimento dell’evento Mindcraft curato da Stine Gam ed Enrico Fratesi dello studio GamFratesi. I designer italo-danesi quest’anno hanno scelto di raccogliersi nelle stanze del Circolo Filologico Milanese per tornare alle origini del progetto: la mente. “Mindcraft è lo spazio dove nascono i pensieri”, racconta la coppia. A ospitarli una sala avvolta scenograficamente da un tessuto purpureo. In un edificio scelto, non a caso, perché qui si studia dove ha origine la parola. Il colore ci accompagna all’interno della nostra

mente. Le cellule cerebrali nell’allestimento sono rappresentate da un’elegante sequenza di podi: pedane sulle quali ruota il lavoro, made in Denmark, di 17 progettisti. P.C. www.mindcraftexhibition.com/ this year, mindcraft, exhibition for promoting danish craftsmanship, curated by gamfratesi, returns to the origins of design: the mind. a room of the circolo filologico milanese is wrapped in a purple fabric (the brain) and hosts a sequence of rotating podiums (the neurons) with the work of 17 designers.

8

Foto Adriano Brusaferri

m i n d cr aft


m i n d li ght

Foto Donata Clovis

Un ambiente buio illuminato da coni di luce che definiscono precise porzioni di spazio e inquadrano piccoli elementi d’arredo: sgabelli e panche semicircolari. Sono i fattori minimi ideati da Sou Fujimoto nell’installazione ‘Forest of Light’ per il fashion brand svedese COS, nell’ex Cinema Arti. L’Oriente incontra l’Occidente e la fusione sembra spontanea come se culture così lontane fossero sempre state in simbiosi. E la magia della natura potesse essere interpretata dalla poesia dell’architettura. “È così”, ci conferma il progettista. “L’idea era

9

dar vita al concetto di foresta, che non è statica. La luce e i visitatori interagivano e questa sinergia creava il legame tra moda, spazio e architettura”. F.R. www.sou- fujimoto. net, www.cosstores.com/ a dark environment illuminated by cones of light framing stools and benches. these are the elements conceived by Sou fujimoto in ‘forest of light’ for the Swedish fashion brand cOS. “the idea was to make the light and the visitors interact, creating a link between fashion, space and architecture”.


SEATI NG C o uTu r E

Lavinia by Lazzarini & Pickering marta Sala Ăˆditions www.martasalaeditions.it

do-maru by doshi Levien B&B Italia www.bebitalia.com www.bebital

drum byy mac Stopa p Cappellini www.cappellini.it

gender by Patricia Urquiola Cassina www cassina com www.cassina.com

Armada by doshi Levien moroso www.moroso.it

jC - 7 Isola by joe Colombo Amini www.amini.it

10


glov up glove by PPatricia Urquiola Molteni&C Mol www.molteni.it www

Odette by Carlo Trevisani Alf Da Frè www.alfdafre.it

Marlon by Vincent Van Duysen Poliform Poliform lif www.poliform.it

isabel by Carlo Colombo Flexform www.flexform.it

Credenza by Patricia Urquiola + Federico Pepe Cc-Tapis www.cc-tapis.com

PolTroNE SCulTurA 2016. lAvorANo Su SAGomATurE, INCASTrI PlASTICI, SovrAPPoSIzIoNI E ImPuNTurE CouTurE/ 2016 sculpted armchairs with focus on silhouettes, solid joints and couture stitchinG 11


s eati n g r o c k ‘s ettanta’

lampadari vintage di Venini. G.B. www.dimorestudio.eu/ the latest collection by dimore studio interprets the dialogue between past and present. From lamps to bookcase, from metal cabinets to the system of modular sofas. the linear structure with handmade silver decorations is mixed and matched with cushions covered in jacquard fabric.

Foto Adriano Brusaferri

Interpreta il dialogo tra passato e presente, con un’anima rock, l’ultima collezione di Dimore Studio: location ideale lo scenografico showroom degli interior decorator Emiliano Salci e Britt Moran, dove nelle sette stanze avvolte dalla penombra si svelano i progetti. Dalle lampade alla libreria, dai cabinet in metallo al sistema di divani componibile (in foto). La struttura lineare con decori in argento handmade si incontra e scontra con i cuscini rivestiti in tessuto jacquard e la cifra distintiva dei designer diventa evidente. Coup de théâtre i preziosi

12


S eati n g ac c e S S o r i z e d Ido do by Mauro Lipparini Natuzzi www.natuzzi.com

Avio by Piero Lissoni Lisso Knoll International Internat www.knoll-int.com www.knoll-int

Beam by Patricia Urquiola Cassina www.cassina.com a.com

Ettore by Antonio Citterio Flexform www.flexform.it www.flexf

Mondrian by Jean-Marie Massaud Mass Poliform www.poliform.it

Sedute multiple, in linea e angolari, reinventate da complementi S peciali. Si rivelano molto piĂš di un Semplice divano/ Multiple seating with special accessories. Much More than just a sofa 13


s eati n g s o ft

Irving by cRD Verzelloni Verzelloni www.verzelloni.it

Essentiel by Sergio Bicego Saba Italia www.sabaitalia.it

Peggy by Roberto Lazzeroni ceccotti collezioni www.ceccotticollezioni.it

Aton by carlo colombo olombo Giorgetti www.giorgetti.eu

cesta by Giuliano ano e Gabriele cappelletti MaxDivani ani www.maxdivani.it axdivani.it

il nuovo neoborghese: segno forte e leggerezza su gambe sottili. comfort ineguagliabile a prova di siesta/ The new new-bourgeoisie: sTrong sTyle and lighTness. unequalled comforT for siesTa-Time 14


s eati n g o n a b e n c h

soffiato montate su bracci in ottone: una magia creata da Hans-Agne Jakobsson negli anni ’60. G.B. www.nilufar.com/ nilufar Depot is an immense Wunderkammer with everything from ancient rugs to vintage collector’s pieces. During the last Design Week, it hosted chairs and tables by Martino gamper. Light was provided by round blown glass bowls set on brass arms: a kind of magic created in the 1960s by hansans-a agne Jakobsson.

Foto Max Zambelli

1.500 metri quadrati di meraviglie: Nilufar Depot è una immensa Wunderkammer che spazia dai tappeti antichi al vintage da collezione, fino alle edizioni più rare dei designer contemporanei. Qui, durante l’ultima Design Week, al centro dell’open space dall’anima industriale, sono stati allestiti in maniera apparentemente casuale panche e tavolini in teak e rivestimento in tessuto e linoleum firmati Martino Gamper. Disposti con effetto caleidoscopio grazie al mix tra forme geometriche e colori accesi. A fare luce, dall’alto, le boule in vetro

15


s eati n g f o r love

Creed reed byy Rodolfo Dordoni Minotti www.minotti.com ww.minotti.com

Womb by Eero Saarinen Saa Knoll International www.knoll-int.com Bonsai by Claesson sson Koivisto Rune Arflex www.arflex.it flex.it

Metropolitan by Jeffrey Bernett B&B Italia www.bebitalia.com

Triclinium by Front Moroso www.moroso.it

Divani small size. rieDizioni D’autore e novità Di stagione, Da usare cheek to cheek o beatamente Da soli/ Small-Size SofaS. RewoRkingS of deSigneR pieceS and new entRieS, to uSe cheek-to-chee oR alone 16


s eati n g extr a lo n g

freeman by Rodolfo Dordoni Minotti www.minotti.com

Agra by David Lopez Quincoces Quincoce Living Divani www.livingdivani.it

Soho Lite Soh by Toan Nguyen fendi Casa www fendi.com www.fendi.com

Essential by francesco rancesco Binfaré Edra www.edra.com

Lapis by Emanuel Gargano & Anton Cristell Amura Amura www.amuralab.com

let’s et s party. f orme eleganti e articolate per composizioni in linea dedicate a chi punta a una grande ospitalità/ ElEgant, articulatEd shapEs for compositions dEdicatEd to thosE aiming for hospitality 17


tr e n d r o s s o c u b i sta

1. KaldoO by Hanna Ernsting & Sarah Böttger Nodus www.nodusrug.it 2. Freeman “Tailor” by Rodolfo Dordoni Minotti www.minotti.com 3. Grek by Oscar & Gabriele Buratti Living Divani www.livingdivani.it 4. Mult8 color by De Vecchi Milano 1935 De Vecchi Milano www.devecchi.com 5. Ico by Ora Ïto Cassina www.cassina.com 6. Concentric by Rob Zinn Marset www.marset.com

1

6

2

4

5 3

new ew red: nelle nuove declinazioni, dal corallo al granato, vest veste oggetti dai tagli e dalle linee dinamiche/ new interpretations, from coral to garnet, it’s used on o objects with dynamic cuts and lines ines 18


Foto Donata Clovis

ar ad i n r e d

Molte le new entry 2016 nell’eclettico portfolio del designer anglo-israeliano: dalla serie Alphabet and Numbers in cristallo per Atelier Swarovski al rinnovamento del Watergate Hotel di Washington. Milano l’ha visto protagonista di ‘Spring to Mind’, mostra nello showroom di Moroso per celebrare i 25 anni con l’azienda. “Ron è una persona intelligente, l’ovvietà non fa parte dei suoi interessi”, afferma Patrizia Moroso. ”Ha debuttato con noi nell’industrial design, e ne vado molto orgogliosa”. Con il cappello di feltro calato sulla

fronte, ormai un trademark, Arad a proposito di ispirazione dichiara: “Il problema non è avere idee, ma capire chi vuole investire nel progetto. Le idee sono l’elemento meno costoso della catena”. L.M. www.moroso.it, www. ronarad.co.uk/ ron arad’s portfolio welcomes many new entries in 2016. Milan witnessed him star in ‘spring to Mind’ in the Moroso showroom, event held to celebrate his 25 years with the company. He remarks, referring to inspiration: “the problem is not having ideas, but understanding who wants to invest in the project.”

19


Foto Adriano Brusaferri

pr o g etto a 36 0°

20


Per presentare il concept della macchina LC - FC, Lexus, il brand automotive giapponese, si è inventato un percorso in tre tappe. Registi d’eccezione, lo studio Formafantasma per il design e Yoji Tokuyoshi per il food. I progettisti italo-olandesi con ‘An Encounter with Anticipation’ (in questa pagina) attraverso prototipi di sgabelli verniciati come vetture, visualizzazioni 3D leggere come l’idrogeno e sculture cinetiche ispirate all’atomo, hanno messo in scena la propria idea di movimento sostenibile. Lo chef stellato con i piatti Buoyancy e Transparent

(accanto) ha invece interpretato la purezza dell’acqua. Mentre a conclusione del percorso potevano essere scoperti i progetti sperimentali del Lexus Design Award 2016. P.C. www.lexus.it/ To present the LC-FC vehicle, Lexus has invented a 3-stage experience. The Formafantasma studio has staged its idea of sustainable movement with ‘An Encounter with Anticipation’. Chef Yoji Tokuyoshi has interpreted the purity of water. At the finishing line, young designers winners of the Lexus Design Award 2016.

21


tr e n d c u rvy 1. Brizia by Carlo Colombo Trussardi Casa www.luxurylivinggroup.com 2. Scribble by Front Moooi www.moooi.com 3. Dimitri by Andrea Parisio Meridiani www.meridiani.it 4. Sydney by Jean-Marie Massaud Poliform www.poliform.it 5. Niloo by Khodi Feiz Artifort www.artifort.com 6. Tabour by Doshi Levien B&B Italia www.bebitalia.it

1

2

3

5

4

6

Su tappeti, divani e acceSSori prêt-à-porter le forme Sii arrotondano a e diventano S mooth/ ooth/ Rounded, smoothed shapes on Rugs, sofas and pRêt-à êt-à-po êt-à-poR po R te teR R accesso accessoR R ies 22


s e d i e c u rvy

Osaka Metal by Cazzaniga Mandelli Pagliarulo Pedrali www.pedrali.it

June 2055 by Frank Rettenbacher Zanotta www.zanotta.it

Dream’Air by Eugenii Quitllet Kartell www.kartell.com tell.com

Miss by Tobia Scarpa Molteni&C www.molteni.it

Halo by Odo Fioravanti Very Wood www.verywood.it

Arco by Francesco Rota LaPalma www.lapalma.it

sit down please! plasmate nel legno e nei nuovi polimeri, firmate da grandi designer, saranno le nuove immortali/ Moulded in wood and the new polyMers, by big naMes, they will becoMe the new iMMortals 23


s e d i e u ltr a le g g e r e Bergen by Hallgeir Homstved Offecct www.offecct.se

Stella ella by Stefano SandonĂ  e Sabrina Bettini Riflessi www.riflessi.it

Aiku by Jean-Marie Massaud MDF Italia www.mdfitalia.com

Mingx by Konstantin Grcic Driade www.driade.com

Neptunia by B.B.P.R. Arflex www.arflex.it

A-Round by Carlo Colombo Trussardi Casa www.luxurylivinggroup.com

Gemma by Draga & Aurel Baxter www.baxter.it

spirito nobile per sedute light che guardano ai maestri del design e si reinventano con eleganza/ A noble spirit for light seAtings thAt looks to the mAsters of design, reworked with elegAnce 24


Foto Adriano Brusaferri

s e d i e u ltr a man ga

Erano tutti in fila per accedere alla magica installazione ‘50 Manga Chairs’, creata da Nendo a San Simpliciano in occasione della Design Week. Il designer giapponese, al secolo Oki Sato, che si sospetta non dorma mai visti gli oltre 400 progetti in portfolio a nemmeno 40 anni, ha attinto dal mondo dei fumetti jap per disegnare sedie dal forte carattere simbolico, ognuna diversa dall’altra. Il fulcro della ricerca progettuale di Nendo sono però gli oggetti: “Ho studiato architettura, e mi sono abituato a considerare l’immagine

25

globale per poi scendere di scala. Dalla città passo alle strade, ai palazzi, agli interni, per arrivare agli oggetti di uso quotidiano. Anche i chopstick possono fare la differenza nella vita di ogni giorno”. L.M. www.nendo.jp/en/ there were long queues to access the magic installation ‘50 manga Chairs’, created by nendo in san simpliciano during design Week. the designer took his inspiration from the world of Japanese cartoons to design chairs with a strong symbolic character.


t r E n d g r af afismi 2

1

1. Agata by Sovrappensiero Incipit lab www.incipitlab.com 2. Giotto by Rubelli Rubelli Design Studio www.rubelli.com 3. Metallico by Piero Lissoni Porro www.porro.com 4. Glove by Patricia Urquiola coll. Materia by Marta Ferri Molteni&C www.molteni.it 5. Stanford by Jean-Marie Massaud Poliform www.poliform.it 6. Creed lounge by Rodolfo Dordoni Minotti www.minotti.com 7. Naive by Patrick Norguet Lea Ceramiche www.ceramichelea.it

7

6

3

5

4

EffE Eff Etto graffiato, cE cErchi non finiti in bianco E nE Ero. riv ivE Estim stimE Enti al maschilE maschilE E un tocco di rosso/ A scrA scr rAtched effect, unfinished circles in blA blA ck A nd white. MA MA sculine upholstery A nd A touch of red 26


n U oVe ArT D i r e CTi o n

Piero Lissoni — in o C CAsione Dei sUoi TrenT’Anni D’ATTiViTà iL Pro geTTisTA miLAnese rAC C onTA Le reCenTi C oLLAb orAzioni C on ALPi e De PAD oVA

Foto Getty Images

Il prossimo novembre, lo studio fondato con Nicoletta Canesi, che Piero Lissoni dirige a Milano con forte impronta interdisciplinare, compie trent’anni. Buona parte dei quali dedicati a un’intensa attività di direzione artistica: dalle collaborazioni più longeve, come per Porro (dal 1987), Living Divani (dal 1988), Boffi (dal 1990) e Lema (dal 1995) a quelle più recenti per Lualdi (dal 2009) e recentissime, per Alpi e DePadova (entrambe dal 2015). In questo ambito, mantiene, se non accentua, l’inclinazione progettuale che lo spinge a un approccio a 360°: interviene sulle tecnologie, sui processi produttivi e gli aspetti commerciali, sposta punti prospettici, reinventa linee, progetta, apre a nuove collaborazioni, ridefinisce i punti vendita. “Ciascuna azienda ha un’anima propria, una caratteristica, e una diversità. Fattori che vanno rispettati e qualche volta forzati, tirati fuori. Mi muovo in modo differente, a seconda delle storie”, racconta l’architetto e designer (in foto, sul divano Largo per Kartell). Sfide coraggiose che, collezione

27

dopo collezione, si completano e portano a importanti risultati, come il recente Compasso d’Oro a Lualdi o il debutto in Alpi, conclamato con la rilettura stilistica della gamma a catalogo delle sofisticate superfici di legno, presentate lo scorso Salone del Mobile. O, ancora, la delicata riorganizzazione del catalogo De Padova. “Ogni volta, per prima cosa, fermo il tempo. Spengo per un po’ i motori, per guardare con freddezza la storia e l’oggi. E mi domando perché l’azienda ha bisogno di un art director”. E poi? “Affilo i coltelli. Non è una battaglia contro, non ci sono vendette estetiche da giocare. C’è semplicemente da guardare e capire se ciò che è accaduto in passato, ha ancora la possibilità di sopravvivere in questo presente. Ed eventualmente, di continuare a vivere in un ipotetico futuro”. P.B. www.lissoniassociati.com/ english text a pag. 235


tr e n d ve r s o e st 2

1. Fusion by Atelier OĂ? Danese Milano www.danesemilano.com 2. La volta celeste by A. Piciocchi e A. Angeli Kiribati. Cronache illustrate da una terra (s)perduta www.24orecultura.com 3. Asterias by Patricia Urquiola Molteni&C www.molteni.it 4. Mari by Ikumi Ishizaki umu design www.umu-design.jp 5. Club by Giorgio Armani Armani/Casa www.armanicasa.com 6. VH15_020 Accanto by Vittorio Hodara Hodara Designer www.hodaradesigner.com

1

5

4 3

6

o ggetti dai preziosismi metallici e un tavolo scultura dal piano girevole per convivialitĂ  sofisticate/Articles with metA metAllic decorA decor rAtion And A sculpted tA tAble encourA encour rAge sophisticA sophisticAted hospitA hospitA lity 28


tavo li r oto n d i

Notess Not by Massimo Mariani Living Divani www.livingdivani.it Brut by Konstantin Grcic Magis www.magisdesign.com www.magisdesig

Paper by Busetti Garuti Redaelli Calligaris www.calligaris.it

Mass by Alain Gilles Bonaldo www.bonaldo.it

Manta by Giuseppe seppe Bavuso Rimadesio sio www.rimadesio.it imadesio.it

Plinto by Andrea Parisio Meridiani www.meridiani.it

le linee tonde dei piani, trasparenti o materici, si abbinano inano a basi scultoree e super dinamiche/ The round shapes of T he Tops, clear or solid,, Team wi wiTh sculpTed, super-dynamic bases 29


tavo li extr a li g ht Tense by Piergiorgio Cazzaniga MDF www.mdfitalia.com

Iseo by Carlo Colombo Flexform www.flexform.it

AMALONG A M A L O3190 N G 3190 Amalong

Giuli ioIacchetti Iacchetti by Giulio Giu ulio Iaccche Bross Bross B roos www.bross-italy.com www.bross-italy.com www.br ross-itaaly co

Add T by Francesco Rota LaPalma www.lapalma.it

Zero by Ron Gilad Alias www.alias.design/it

Come arChetipi, hanno forme rettangolari ed essenziali Che esaltano piani e gambe slim/ Tables like archeTypes: recTangular minimal shapes enhance The slim line of The Tops and slender legs 30


tavo li e xt r a s h i n e Sembra infinita la tavola allestita dalle food designer Arabeschi di Latte nel Padiglione Reale della Stazione Milano Centrale lo scorso aprile. Artefice del progetto il laboratorio creativo Fabrica che, sotto la direzione di Sam Baron, ha interpretato il mondo Veuve Clicquot. Rappresentando con un linguaggio sorprendente la ‘table de remuage’: invenzione, fresca di due secoli, che consente di ottenere un vino limpido e puro ruotando periodicamente la bottiglia di champagne. Nel sontuoso salone

31

giochi di specchi riflettevano sottili raggi di luce. Per un effetto super shine. F.R. www.fabrica.it, www.veuveclicquot.com/ last april, at Milano Centrale station, the creative workshop Fabrica with food designers arabeschi di latte demonstrated the ‘table de remuage’: an invention that periodically rotates a champagne bottle to obtain a clear wine. in the luxurious hall, mirror effects reflected soft rays of light.


PR O G E T T I CO O KI N G

Pure/SE 3003 R by Siematic Siematic www.siematic.com

Blade by Andrea Bassanello Modulnova www.modulnova.it

Genius Loci by Gabriele Centazzo Valcucine www.valcucine.it

JW16 by Massimo Castagna Rossana www.rossana.it

Code by Piero Lissoni Boffi www.boffi.com

Opale by Arrex Arrex Le Cucine www.arrex.it

Italia PVD Champagne by Antonio Citterio Arclinea www.arclinea.com

32


AKB_08 by F. Driusso e A. Berton Arrital www.arritalcucine.com

KI by Nendo Scavolini www.scavolini.com

VVD by Vincent Van Duysen Dada www.dada-kitchens.com

Arthena by CR&S Varenna www.poliform.it

Asia Factory by Arredo3 Arredo3 www.arredo3.it

easy by Doimo Doimo Cucine www.doimocucine.it

B1 by Bulthaup Bulthaup www.bulthaup.it

Tecnologia d’avanguardia in conTeniTori preziosi e Black and WhiTe per nuove isole e Banconi snack/ Cutting-edge teChnology in preCious or blaCk and white Containers for the new islands and Counters 33


N u ovE a R T D i R E c T i o N viNcENT vaN DuysEN — L’aRchiTETTo bELga coN sTuDio aD aNvERsa ci RaccoNTa iL soDaLizio coN moLTENi&c E DaDa di Aldo Rossi, la libreria Graduate di Jean Nouvel, ma anche molti arredi disegnati da Gio Ponti e Tobia Scarpa. Van Duysen, che ha sempre dato importanza al rapporto tra i mobili, i complementi e lo spazio nel quale ambientarli, conferma questo approccio.“Vorrei trasformare l’atmosfera degli showroom, inserendo gli arredi in contesti più domestici e vivibili per favorire una maggior interazione con il pubblico”. Sul nuovo carattere delle collezioni in cantiere ci svela: “Privilegeremo colori neutri e materiali naturali, evitando di seguire tendenze o dogmi. Gli arredi saranno eleganti, le finiture ricercate, in continuità con la produzione storica dell’azienda e in linea con il mio stile. D’altra parte le mie radici nordiche sono decisamente complementari alla cultura italiana di Molteni. L’eleganza sobria, understated e senza tempo è il nostro comune denominatore”. F.B. www.vincentvanduysen.com, www.moltenigroup.com/ English text a pag. 235

Foto Kasia Gatkowska

Designer di fama internazionale, autore di residenze, spazi retail e architetture in tutto il mondo, dal 2015 collabora con il gruppo Molteni per il quale ha lavorato a due progetti di successo, il sistema di armadi Gliss Master e il letto Ribbon. Ma è stato in occasione dello scorso Salone del Mobile che la sinergia diventa più significativa con la nomina a direttore creativo di Molteni&C e Dada. Van Duysen ci spiega le caratteristiche della nuova sfida: “É un privilegio poter collaborare con una realtà storica italiana di cui condivido i valori, la grande passione e la dedizione per il lavoro. La famiglia Molteni mi aveva chiesto di progettare lo stand per l’ultima edizione della Fiera di Colonia. Un’occasione di scambio molto interessante che ha anticipato di qualche mese la mia nomina”. Inizia così un intenso lavoro di studio e di reinterpretazione dei caratteri dei brand. “Il punto di partenza è il loro incredibile Dna. La mia ambizione è semplicemente quella di rivitalizzarne l’immagine, con particolare attenzione al concept retail, ai cataloghi e al website”, spiega il progettista fiammingo che ha tra i suoi pezzi del cuore Molteni&C lo scrittoio Carteggio

34


TR E N D lEaTh E R 1. Ming by Shi-Chieh Lu Poltrona Frau www.poltronafrau.com 2. Eydo by Francesco Rota Lema www.lemamobili.com 3. Paul by Vincent Van Duysen Molteni&C www.molteni.it 4. Crono by Antonio Citterio Flexform www.flexform.it 5. Équilibre d’Hermès by Studio Hermès con G. Delvigne, G. De Lafforest, D. O’Sullivan Hermès www.hermes.com 6. Ricamo Garden by Studioart Studioart www.studioart.it

1

2

3

5

4

6

INTREccI, ImpuNTuRE, TExTuRE sofIsTIcaTE. l’ElEgaNza INTRamoNTabIlE DEl cuoIo E DElla pEllE/ Weaving, stitching, surfaces With understated textures. the timeless elegance of hide and leather 35


d R e Am L I G HT

elementi tubolari) e 8 pezzi della Glassware Collection con autori come Urquiola, Campana, Libeskind. P.B. www.lasvit.com/ Between past and future: the legendary lamps of Palazzo Serbelloni have been restored and joined by contemporary pieces created by Lasvit. With ‘Via Lucis’ the Bohemian company has presented its own take on illumination. With 9 new unique chandeliers and 8 pieces of the Glassware Collection.

Foto Adriano Brusaferri

Tra passato e futuro: gli storici lampadari di Palazzo Serbelloni, che videro il passaggio di Napoleone a Milano, sono stati restaurati e, durante il Salone, affiancati da pezzi contemporanei by Lasvit. Con ‘Via Lucis’ l’azienda boema ha presentato la sua versione dell’illuminazione. Creativa, scintillante, preziosa, e nel segno del design. Con 9 nuovi chandelier, firmati fra gli altri Atelier Oï, Moritz Waldemeyer, Maurizio Galante (qui, il suo Ludwig: proporzioni neoclassiche interpretate con moderni

36


star ligHt Aria Gold by Zaha Hadid Slamp www.slamp.com

Drop by Tomas Dalla Torre Il Fanale www.ilfanale.com

Palm by Mammini Candido Masiero www.masierogroup.com

Theia by Mathias Hahn Marset www.marset.com

Lula by Umberto Asnago Penta www.pentalight.it

Extra gold. la lucE divEnta lussuosa, si rifrangE E si colora di notE mEtallizzatE. su parEti, tavoli E soffitti/ Light goes Lux, refLected and coLoured with metaLLic gLints. on waLLs, tabLes and ceiLings 37


li g h t u p/d own

Nur Acoustic by Ernesto Gismondi Artemide www.artemide.com

Lunaop by Emiliana Martinelli Martinelli Luce www.martinelliluce.it

Parola by Gae Aulenti e Piero Castiglioni FontanaArte www.fontanaarte.com

taccia small by Achille e Pier Giacomo Castiglioni Flos www.flos.com

Tecla by Marco Pagnoncelli Icone Luce www.iconeluce.com

Aella by Toso & Massari Leucos www.leucos.com

Arena TL96 by Ideal Lux Ideal Lux www.ideal-lux.com

38


Solemio by Omar Carraglia Davide Groppi www.davidegroppi.com

Orsa by Forster + Partners Artemide www.artemide.com

Charlotte by Doriana e Massimiliano Fuksas Slamp www.slamp.com

Olvidada by Pepe CortĂŠs BD Barcelona www.bdbarcelona.com Counterbalance by Daniel Rybakken Luceplan www.luceplan.com

Jump by Centro Stile Natuzzi Natuzzi www.natuzzi.it

Mobile by CĂŠdric Ragot Roche Bobois www.roche-bobois.com

tra ra sospensioni scenografiche ipermoderne, soluzioni da terra filiformi e classici da tavolo. luci 2016/ Uber-modern theatrical hanging lamps, slender standards and classic table versions. 2016 lights 39


s i d e b o a r d a c o lo r i

heron by Rodolfo dordonii Mdf Italia www.mdfitalia.com

Essenza by Centro Ricerca e sviluppo Riflessi Riflessi www.riflessi.it

fusion by Cairoli&donzelli Twils www.twils.com

sipa ipario byy Cristina Cristin Celestino durame www.durame.it

accordion by Lanzavecchia + Wai Journey East www.journeyeast.com

Nuove credeN N ze esclusive, decorative, iN i N edite e dalle coNN co NNotazio otazio otazioN io N i sperimeNtali/ sperime ExclusivE nE E w sidE sid E boards, d dE E corativ corativE E , unusual and fEaturing f ExpErimEntal charactEristics 40


sdfd g f gdi f gf as d a dg g htion g n Ua ove rt r ff efchg Patricia UrqU U iola — Un anno imP im P ortante P er la P rogettista sP s Pagnola, e italiana d’adozione, segnato dalla direzione artistica di c assina quella di saper unire personalità molto diverse. si è creato un bel gruppo ma siamo sempre alla ricerca di nuovi progettisti”. fondamentale rinnovare il carattere del brand con attenzione assoluta al tema delle riedizioni, basilare per Cassina. ”Con un atteggiamento di profondo rispetto verso i maestri che hanno fatto la storia del design, studio le origini dei progetti e cerco di immaginarli nel mondo contemporaneo senza stravolgerne l’identità. Perché il design cambia in base alle necessità del vivere quotidiano: gli arredi devono essere attuali e funzionali ma devono anche durare nel tempo”. a proposito dei 90 anni che Cassina festeggerà nel 2017 Urquiola svela: ”Non sarà semplicemente l’occasione di una celebrazione, ma un vero e proprio piano d’azione per presentare l’azienda in maniera inedita. stiamo anche lavorando a un nuovo libro con l’aiuto di personaggi visionari per raccontare quale sarà il modo di vivere del futuro”. L.M. www.patriciaurquiola.com, www.cassina.it/ english text a pag. 235

s tyling Marzia Nicolini, foto Valentina s ommariva

Instancabile, con il suo segno inconfondibile di rigore e fantasia, ha firmato nel 2016 due gioielli dell’hotellerie, il giulia Room Mate di Milano e il sereno hotel in riva al Lago di Como, appena inaugurato. sempre prolifica, in occasione dell’ultimo salone del Mobile, Patricia Urquiola (in foto, sulla chaise longue del Beam sofa system per Cassina) ha presentato due nuove collezioni per Kartell e georg Jensen, oltre a pezzi per Molteni&C, Moroso, glass Italia e spazio Pontaccio. Quest’anno ha anche visto i primi risultati della direzione artistica conferitale da Cassina a settembre 2015. Un incarico impegnativo per la natura stessa del brand legato sia alla produzione di pezzi di design contemporaneo, sia alla riedizione delle opere dei maestri. “Cassina significa tanti temi diversi ed è nel dna dell’azienda essere all’avanguardia”, ci spiega Urquiola. “s “siamo pronti a rischiare e a innovare per mantenere quella peculiarità sperimentatrice che le permette ancora oggi di avere un archivio storico così sostanzioso. stiamo lavorando a nuovi linguaggi, nuove vie per creare prodotti con un forte valore narrativo”. Iniziando a immaginare un team inedito del quale la designer sta pensando i nomi. ”La forza dell’azienda è sempre stata

41


pr ivate z o n e b e au t y

hanno potuto sperimentare di persona, grazie a un inedito beauty nail center creato per l’occasione. P.B. www.vitra.com/ For its first pop-up, vitra created a striking mise-en-scène, the ‘Colour Machine’. organised into four chromatic worlds, reds, lights, greens and darks, this is a special library that visitors were able to try first-hand, thanks to a brand new nail beauty centre.

Foto Adriano Brusaferri

In occasione dell’ultima Milano Design Week, Vitra ha creato una mise-en-scène suggestiva e ironica. Ma lo spirito giocoso dell’installazione ‘Colour Machine’ non deve ingannare: il progetto sotteso è un programma di ricerca che il brand ha intrapreso con Hella Jongerius già dal 2006 e da cui è nata la Vitra Colour & Material Library. Organizzata in quattro mondi cromatici, i rossi, i chiari, i verdi e gli scuri, questa speciale biblioteca è un intelligente sistema dinamico: che i visitatori

42


pr ivate z o n e par ave nti

1

2

1. Vela by Bernhardt&Vella Arflex www.arflex.it 2. Prism by Tokujin Yoshioka Glas Italia www.glasitalia.com 3. Sinua by Atelier Oï Danese Milano www.danesemilano.it 4. Credenza by Patricia Urquiola + Federico Pepe Spazio Pontaccio www.spaziopontaccio.com 5. Set by Giuseppe Casarosa Ceccotti Collezioni www.ceccotticollezioni.it

3

4

5

vedo non vedo, momenti d’intimità d’intimità. à . Colori, speCChi spe hi e tra trasparenze t rasparenze s su us strutture tru uttu u re C Contemporanee/ ontem m por Peek-a-boo. Private moments. n ts Colours, mirrors a and n d tran transParenCies ns on ContemPorary struCtures 43


p r ivate pr e z o n e letti l Makura by Piero Lissoni oni Porro www.porro.com com

Gate by Staffan TollgĂĽrd Vispring www.vispring.com

Louis by Joe Garzone Golden Night-Conte www.goldennight.it

Moore by Enrico Cesana Dorelan www.dorelan.it

FFrame rame me by Monica Graffeo Twils www.twils.it w.twils.it

44


Tulip Double by R&D Bolzan Letti Bolzan Letti www.bolzanletti.it

Kelly by Emmanuel uel Gallina Poliform www.poliform.iti

Siri Soft by Edoardo Gherardi di Novamobili www.novamobili.it Ruben by Damian Williamson Zanotta www.zanotta.it

Svevo by Studio Memo Natuzzi www.natuzzi.com

Doppia opzione: sartoriali nei Dettagli e avvolgenti, oppure sobri, sospesi e superlight. sono i nuovi letti/ Dual option: tailoreD Details anD embracing or unDerstateD anD superlight. here the new beDs 45


pr ivate z o n e let ti Creed Bed by Rodolfo Dordoni Minotti www.minotti.com

Couche by Baxter Progetti getti Baxter www.baxter.it

Twist by Castello o Lagravinese studio Cantori www.cantori.it ori.it

softwing by Carlo Colombo Flou www.flou.it

Jobu by Piero Lissoni ssoni Lema www.lemamobili.com amobili.com

Microc M i, così la testiera-séparé divide gli spazi e organizza le funzioni articolando la zona MicrocosM na notte/ MicrocosM Micr M s, with the bedhead-divider separating spaces and organising functions in the bedrooM bedroo edroo 46


Foto Adriano Brusaferri

ps i C h e d e li C o R o MAnTi C o

Lo stile dell’abitare contemporaneo secondo Cappellini? Ad alto contenuto progettuale e creativo. Così nel nuovo spazio milanese inaugurato durante la Design Week, pensato nel mood internazionale di un loft e dedicato ai professionisti, gli arredi dalle linee nette di Fronzoni dialogano con il Revolving Cabinet di Kuramata, e colori tranquilli si alternano a toni hot. Le novità 2016, dall’ironico divano Adaptation di Fabio Novembre alle iperdecorate Embroidery Chair di Johan Lindstén (nella foto) sono state presentate in un allestimento

immersivo, con videoproiezioni a tema floreale a cura dello studio di visual design Karmachina. P.B. www.cappellini.it/ The style of contemporary living according to Cappellini? Carefully designed and highly creative. And this is the mood in which the simple designs of the furniture by Fronzoni dialogue with the Revolving Cabinet by Kuramata in the new space in Milan. The new products for 2016 have been presented in a walk-in display.

47


tr e n d a f ro 1

2 1. Bond by Giorgetti Giorgetti Atmosphere www.giorgetti.eu 2. Velum by Marco Costanzi Fendi Casa www.fendi.com 3. Astragale by Bina Baitel Roche Bobois www.roche-bobois.com 4. Nudo by Sebastian Herkner Ames Sala www.amesdesign.de 5. Chika by Angeletti Ruzza Da a Italia www.daaitalia.com 6. Drum Shade by Sebastian Wrong Wrong London www.wrong.london

6

3

4

5

intrecci, trame e materiali: un’eleganza essenziale dai codici estetici urban tribal/ Entwining, wEaving and matErials: minimal ElEgancE and urban tribal aEsthEtic codEs 48


li b r e r i e n e o d e c o r ative Libelle by Pietro Russo Baxter www.baxter.it

Biblioteca Itinerante by Federico Peri Nilufar Depot www.nilufar.com

Icaro by Roberto Lazzeroni Flexform www.flexform.it

Parere by Emanuel Gargano Amura www.amuralab.com

Reticolo by Ron Gilad Molteni&C www.molteni.it

SiStemi eclettici dalla ScanSione ritmica per nuovi bookcaSe ultragrafici e prezioSi/ EclEctic systEms with an upbEat rhythm for nEw ultra-graphic, prEcious bookcasEs 49


li b r e r i e s c u ltu r a

Leyva by Giuseppe Viganò Saba Italia www.sabaitalia.it

Lloyd by Jean-Marie Massaud Poltrona Frau www.poltronafrau.com

Wind by Giuseppe Bavuso Rimadesio www.rimadesio.it

Wall 30 by Novalab Novamobili www.novamobili.it

USM Haller by F. Haller e P. Schärer USM www.usm.com

Volumi a colori dal segno deciso, frame geometrici o leggeri: il posto per i libri ha tanti Volti/ Coloured books with deCisive impaCt, light graphiC frames: the different faCes of book storage 50


TR E N D B AN DA L AR GA 1

1. Cabanon Mediterranne by Christian Lacroix Designers Guild www.designersguild.com 2. Doppler by Giuseppe Viganò Bonaldo www.bonaldo.it 3. Wave Long Chair by Jonathan Anderson Loewe www.loewe.com 4. Optical Light by Lee Broom Lee Broom www.leebroom.com 5. From Above by Hagit Pincovici Hagit Pincovici www.hagit-p.com 6. Pipe by Sebastian Herkner Moroso www.moroso.it

2

6 3

5

4

RIGHE EXTRALARGE. PARALLELISMI DALLE PROPORZIONI INEDITE E DAI COLORI A CONTRASTO: TENDENZA 2016/ EXTRA-WIDE STRIPES. PARALLELISMS IN UNUSUAL PROPORTIONS AND CONTRASTING COLOURS: THE TREND FOR 2016 51


2

1

1. Pulegge Struttura meccanica per la lampada in ottone di 4P1B per Nilufar. www.nilufar.com 2. Untitle 01 Un velo di sabbia sullo specchio di Fernando Mastrangelo, da Rossana Orlandi. www.rossanaorlandi.com 3. Vasetti Iconica miniatura di un vaso in marmo di MM Company per Scandola Marmi. www.scandolamarmi.it 4. Serial Planks Bronzo per il tavolo della serie di arredi di Francesco Faccin con Fonderia Artistica Battaglia per Nilufar. www.nilufar.com 5. The secret life of copper Della capsule collection The secret life of metals, il tappeto-arazzo in filo di rame di Nacho Carbonell per Nodus. www.nodusrug.it 6. Peso specifico Un progetto di Sara Ricciardi che trasforma il tradizionale attrezzo da palestra in un prezioso oggetto in marmo. www.sararicciardi.org 7. Spot Sgabelli in noce e quercia accoppiata all’ottone di Michael Anastassiades per Herman Miller. www.hermanmiller.it

3

4

7

5

6

La forza espressiva di bronzo, marmo e rame si fa preziosa se riLetta ri oggi con Le tecniche di ieri/ the force of bronze, marble and copper hanks to today’s reinterpretation of yesterday’s techniques 52


H E AV Y D E S I G N

Foto Takumi Ota

Protagonista in ‘Light&Shadow’, l’installazione di Studio Nendo allo Spazio Bigli per Marsotto: il marmo. Maniacalmente utilizzato per dividere otticamente lo spazio in due e, attraverso i colori bianco e nero, creare uno straniante effetto specchiato. In questa grande operazione illusionista, il materiale fa leva sul peso per rivendicare la sua forza espressiva. Un trend che sembra interessare il design a diverse latitudini. Tappeti di rame, tavoli in bronzo e specchi di sabbia calcificata sono complementi preziosi e di peso,

53

non solo specifico ma anche di valore. Oltre i materiali, per altro tradizionali, a fare la differenza sono come sempre le applicazioni, per mano dei designer. P.C. www.nendo.jp/en, www.marsotto. com / Marble is the main player in ‘Light&Shadow’ by Studio Nendo: it slices the space in two and creates a distancing mirror effect in black and white. Material reclaims its expressive force. Going beyond that, it is always how the designer applies them that makes the difference.


5 designer più 1: chiamati da Axor e Philippe Starck a far parte del progetto ‘Axor WaterDream 2016’, hanno esposto durante la Milano Design Week un nuovo concept di miscelatore. Parliamo di David Adjaye, Werner Aisslinger, Front, GamFratesi e Jean-Marie Massaud. Obiettivo, sperimentare forme e materiali inediti per progettare un’altra idea di bagno, con attenzione al piano emozionale e simbolico. Come nel rubinetto Water Steps firmato dalle svedesi Front: pensato in termini estetici e acustici, enfatizza

il fruscio dell’acqua che dalla fonte si riversa con una mini cascata su un piatto conico in ottone brillante. P.B. www.axor-design.com/ 6 designers for ‘Axor WaterDream 2016’. Aim: to experiment with brand new forms and materials to create a different idea of the bathroom, focusing on its emotional aspect. Such as in the Water Steps project by Swedish designers Front which focuses on the swish of running water in a mini-waterfall.

54

Foto Adriano Brusaferri

pro ge t t i h 2 o


Garden by Piero Lissoni Boffi www.boffi.com

Him by Roberto+Ludovica Palomba Zucchetti www.zucchettikos.it

Drop by Benedini Associati Agape www.agapedesign.it

Duet by Mario Tessarollo CEA www.ceadesign.it design.it Time 2020 by Design Center Directed by Antonio Bongio Bongio www.bongio.it

AF/21 by Naoto Fukasawa asawa Aboutwater www.aboutwater.it A5A3876 by Giorgio Armani Armani/Roca www.armaniroca.com

Si diStinguono per dettagli, formati, finiture metal. alti, baSSi, da parete... la claSSe non è acqua/ They sTand ouT for Their deTails, shapes and meTal finishes. Tall, low, wall versions. Class… on Tap 55


pr o g et t i h 2 o

A45 by Victor Vasilev Boffi www.boffi.com

Val by Konstantin Grcic Laufen www.laufen.com Cut by Prospero Rasulo Valdama www.valdama.it

Bonola by Jasper Morrison Flaminia www.ceramicaflaminia.it

Anfibio by Matteo Ragni Azzurra www.azzurraceramica.it

Fusto by Nevio Tellatin Antonio Lupi www.antoniolupi.it

KI by Nendo Scavolini Bathrooms www.scavolini.com

Free standing, over the top, i nuovi lavabi vincono nel segno del colore, con stile e accessori innovativi/ Free-standing or over the top, the new washbasins tick all the colour boxes, with innovative style 56


Cape Cod by Philippe Starck Duravit www.duravit.it

Lariana by Patricia Urquiola Agape www.agapedesign.it

Baia by Carlo Colombo Antonio Lupi www.antoniolupi.it

Plateau by Sebastian Herkner Ex.t www.ex-t.com

Fusion by Paola Tanini Devon&Devon www.devon-devon.com

Cibele b l by Studio APG Ceramica Cielo www.ceramicacielo.it

IntramontabIlI e rIgorosamente da centro stanza, le vasche 2016 sI rInnovano con bordI progettatI/ Timeless and sTricTly for The middle of The room, 2016 Tubs geT a look wiTh designed edges 57


s e lf c o n fi d e nt

Waltz by GamFratesi amFratesi Gebrüder üder Thonet Vienna www.gebruederthonetvienna.com .gebruederthonetvienna.com

Ops by Umberto Asnago Porada www.porada.it

Ren by Neri & Hu Poltrona Frau au www.poltronafrau.com onafrau.com

Officina by Ronan & Erwan Bouroullec Magis www.magisdesign.com Ceiba by Luis Arrivillaga Living Divani www.livingdivani.it

Comodo byy A. Castiglioni g e G.Pozzi Karakter www.karaktercopenhagen.com

Rollingin by Gio Tirotto Mingardo www.mingardo.com

design esign d’autore per o ggetti silenziosi, utili e preziosi. e sercizi di lavorazioni handmade/ S ignatu r e de S ign for S i le nt, uS e fu l, pr eciouS obj ectS. exe rci S e S i n han d -made production 58


Foto Max Zambelli

s e lf p o rtr ait

Oggetti dalla personalità multipla, installazioni che evocano più significati giocando con le forme e i materiali. Sono i pezzi creati da Vincenzo De Cotiis presentati durante l’ultimo Fuorisalone nello spazio milanese di Progetto Domestico. Complementi d’arredo, in edizione limitata, che vanno oltre il design: sculture funzionali come il cabinet DC1611, uno scrigno in ottone argentato a specchio che nasconde un’anima portaoggetti, e l’applique DC1608B dalla silhouette in ottone lucidato e neon. Progetti fluidi

e contemporanei, come evoca il nome della collezione, Pop Nouveau. F.R. www.progettodomestico.it/ installations designed to evoke many meanings by playing with forms and materials. the pieces in question are those created by Vincenzo de cotiis, presented during the last fuorisalone: functional sculptures such as the dc1611 cabinet, a silver-plated brass treasure chest, and the dc1608B wall light in polished brass and neon.

59


fr e e ti m e f o r ad u lts

Moleskine by Philippe Nigro Driade www.driade.com

Ink by Jasper Morrison Molteni&C www.molteni.it

Palladio by Claesson Koivisto Rune Artifort www.artifort.com

Collector by GamFratesi Porro www.porro.com www.porro.co

Gioielli di ebanisteria moderna firmati. fir portable atelier per lavoro, studio e momenti di riflessione/ Gems of modern cabinet-makinG.. portable por desiG G ner ateliers for work, study and reflection 60


fr e e ti M e f o r ki d s 1. Furia by Front Gebrüder Thonet Vienna www.gebruederthonetvienna.com 2. Armor wallpaper by Elena Salmistraro Texturae www.texturae.it 3. H-horse by Nendo Kartell www.kartell.com 4. Clip Clap by Ferruccio Laviani Kartell www.kartell.com 5. Rabbit Chair Baby by Stefano Giovannoni Qeeboo www.queeboo.com 6. Little Big by Big-Game Magis www.magisdesign.com

1

2

6

5

3

4

Go baby G o… Mini oGG o GGetti etti di desiG desi G n, M obili e coM co M ple pleM M enti, per i G randi di doM do Mani/ Go baby G o… mini desiG desi G n objects, furniture and accessories, for the tiny y desiGners desi of tomorrow 61


1

1. Elettronica Sofisticati circuiti tecnologici per la gestione a parete di Alphabet of Light, il vocabolario luminoso di BIG – Bjarke Ingels Group per Artemide. www.artemide.com 2. Fisica La disciplina che studia i fenomeni naturali trasforma la poltrona in metallo Soul in una scultura che galleggia nell’aria e vince la forza di gravità. Di Angeletti Ruzza per Da a. www.daaitalia.com 3. Chimica Formule alchemiche per la finitura del vetro di Opalina, la toeletta di Cristina Celestino per Tonelli Design. www.tonellidesign.it 4. Geometria Gioco di proporzioni per Glasss, caraffe e bicchieri di Lanzavecchia + Wai per Luisaviaroma. www.luisaviaroma.com 5. Matematica Calcoli matematici per stampare in un unico pezzo il telaio di All Plastic Chair di Jasper Morrison, per Vitra. www.vitra.com 6. Astronomia La scienza che ha ispirato il vaso Starman di Diesel Living con Seletti. www.seletti.it

6

2 5

3

4

creativi reativi che snocciolano fo formule chimiche, risolvono equazioni quazioni e vincono la forza di gravità/ Creative minds hatCh ChemiCal al formulas, resolve mathemati mathematiCal equations and overCome the gravity 62


Foto Hasse Nielsen

s c i e n za appli c ata

Progetti non banali: oltre la forma e la funzione, la conoscenza e l’applicazione di formule e algoritmi. É qui che nasce l’innovazione. Ne parliamo con Alessandro Sarfatti di Astep. L’imprenditore insieme a Francisco Gomez Paz ha presentato la lampada Candela: una lanterna in vetro soffiato rivoluzionaria. “Tutto ruota attorno all’effetto Seebeck”, ci spiega Sarfatti. “Fisicamente una reazione termoelettrica per cui una differenza di temperatura genera elettricità”. Dall’applicazione di questo fenomeno naturale è nato un oggetto

ibrido che illumina senza fili, ricarica cellulari via presa Usb. E avvicina l’orizzonte sperimentale che sempre più sembra uscire dai laboratori per entrare nelle nostre case. P.C. www. astep.design/ “e “everything revolves around the seebeck effect”, explains alessandro sarfatti, owner of the brand astep. “a “a reaction that causes a difference in temperature to generate electricity”. this phenomenon is the concept behind the candela lamp by Francisco Gomez paz, which illuminates wirelessly and charges mobile phones via a Us UsB connection.

63


n u ova c on v i viali tà Come può il design promuovere una nuova idea di socialità? Se lo è chiesto Ambra Medda che per Airbnb, piattaforma di hotel sharing, ha realizzato ‘Makers&Bakers’. Si tratta di una performance ambientata nel ristorante Marta, trasformato per l’occasione in panetteria aperta al pubblico. Cosa ha reso questo evento speciale? “Per promuovere una nuova idea di condivisione, abbiamo pensato di allestire un luogo dove incontrarsi e consumare la colazione”, racconta. Ma sono i 25 progetti per la tavola realizzati dai giovani talenti selezionati

Foto Max Zambelli

dalla curatrice a fare la differenza. “C’è la panca di Giacomo Moor, la brocca di Dossofiorito e i vassoi di Laetitia De Allegri e Matteo Fogale. È nell’atto di usare questi oggetti che si attiva lo scambio”. In linea con lo spirito di Airbnb. P.C. www.airbnb.it/ on the wall of the Marta restaurant, the meaning behind the performance curated by ambra Medda for airbnb: to celebrate the type of design which assigns value to the conviviality of the meal. “With Makers&Bakers we have transformed this place into a cultural crossroads involving young talents.”

64


Elle Decor 9  

Hearst Magazines Italia

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you