Page 1

la Repubblica

DOMENICA 26 MAGGIO 2013

TORINO

■ XIII

L’evento

La kermesse organizzata dall’Ordine comprende 75 iniziative tra mostre, convegni, workshop

Cinque giorni di esplorazioni urbane Alla rassegna i progettisti strizzano l’occhio alle smart city E ESPLORAZIONI urbane, alla riscoperta dei luoghi sconosciuti o in disuso e alla ricerca di prospettive nuove da cui guardare la città. L’attenzione ai temi della “smart city”, dalla realizzazione di edifici ecosostenibili all’utilizzazione degli spazi liberi per ospitare aree verdi o aperte alla socialità. E ancora l’Argentina come paese ospite, protagonista di una mostra e di un convegno, con particolare attenzione agli architetti di origine piemontese che operano in quel paese. Sono i temi al centro della terza edizione del Festival Architettura in Città, che prevede in cinque giorni — da lunedì fino al 1° giugno, come quartier generale le Ogr — oltre 75 iniziative realizzate da più di 100 istituzioni culturali. All’insegna del dialogo tra l’architettura e gli altri linguaggi, dall’arte alla fotografia, dalla musica al design, dalla danza alla letteratura Si parte dalle mostre, tra queste “Le rovine esposte. Urban Explo-

L

la Duomo, dalle 20 ci sarà uno spettacolo a cura di Etnotango Festival e Fondazione Accademia Italiana del Tango, tra visual, teatrodanza e tango. In contemporanea, nello Spazio Incontri, si esibirà con le sue percussioni l’orchestra Meccanica Marinetti. © RIPRODUZIONE RISERVATA

IL LOGO Ecco il simbolo del Festival che parte domani a Torino

Omaggio a Gabetti uno dei padri nobili dell’architettura torinese ration”, a cura di Enzo Biffi Gentili. Ovvero, i nuovi modi di presentare, tramite la fotografia, i video, l’incisione, le rovine contemporanee, con due sezioni principali dedicate ai lavori del francese Christophe Dessaigne su Torino e degli italiani Arianna Arcara e Luca Santese su Detroit. Sullo stesso tema “Spazi sospesi”, “esplorazioni

SPECIALE BIMBI INFORMAZIONE PUBBLICITARIA A CURA DELLA A. MANZONI & C.

PIEDIDOLCI CALZATURE PER BAMBINI E RAGAZZI Se cercate un consiglio valido per le scarpe dei vostri piccoli Piedidolci è ciò che fa per voi. Fin dal 1990 il marchio Piedidolci è un punto di riferimento per le calzature di qualità per neonati, bambini e ragazzi con numeri dal 17 al 40. Il segreto della longevità è dato dalla ventennale esperienza della titolare Patrizia, che seleziona accuratamente le migliori aziende ricercando il giusto mix per soddisfare il bisogno di praticità e robustezza richiesta dai genitori e l'estetica e la funzionalità cercata dai figli. La scelta è delle più complete: dalla calzatura spor-

tiva di marca come Diadora, New Balance, Adidas, alle scarpe in tela Converse All Star, dalle ballerrine classiche e sportive, alle scarpe da cerimonia. L'offerta si completa con il vasto assortimento di prodotti made in Italy o di calzaturifici artigianali europei specializzati nella lavorazione delle calzature in pelle. Non solo qualità dei materiali ma le più famose firme del panorama della moda under 18: Tommy Hilfinger, Birkenstock, Gesswein, Docksteps, Merrel, Gallo Falcotto; le scarpe con le rotelle Heelys; le scarpe in tela con la scimmietta di Paul Frank ; le scarpe da skete e snowboard DC shoes e quelle di Agatha Ruiz de La

Prada. Senza dimenticare i noti marchi: Bikkembergs ed Eureka. Tra le ultime novità si può trovare le calzature Hydrogen caratterizzate dal logo a forma di teschio, disponibile anche nei colori fluo. Oltre ad aprire un altro punto vendita in pieno centro a Torino, in via Mazzini 7, Piedidolci ha esteso la propria offerta anche alle t-shirt fluo per essere sempre alla moda, e a quelle di Spongebob e dei Simpson per non rinunciare mai alla simpatia dei propri cartoni preferiti. Da Piedidolci si possono trovare anche braccialetti alla moda e simpatici accessori per un look curato nel dettaglio!

Crocetta - Corso De Gasperi 48/A Torino - Tel. 0115683278 Centro - Via Mazzini 7 - Torino - Tel. 0114546236. Orario continuato, aperto domenica pomeriggio

BIFFI GENTILI

GABETTI

PISTOLETTO

Ha curato la mostra “Le rovine esposte. Urban exploraion”

A Roberto Gabetti è dedicato un omaggio mercoledì al Circolo dei lettori

Ha contribuito all’allestimento multimediale sul greenbuilding

Nel programma urbane” sulle cattedrali del lavoro riflesse nelle opere dei giovani artisti dell’Accademia Albertina di Belle Arti, a cura di Laura Valle e Monica Saccomandi. Tra gli eventi da segnalare, il progetto “Dal futurismo al futuro sostenibile”, a cura di Greengrass: nel 90° anniversario della nascita del Gruppo Futurista, ripercorre

con un allestimento multimediale e un workshop sul greenbuilding 100 anni di rapporti tra arte e impresa, creatività e industria, per progettare una smart city più vivibile e sostenibile, con il contributo tecnico di Enviromenmt Park e la collaborazione di Michelangelo Pistoletto e Cittadellarte di Biella. In programma inoltre appun-

tamenti sulle architetture per la catastrofe (il 30 maggio alle 16) e il paesaggio dell’abbandono (il 1° giugno alle 18), sulle “esplorazioni musicali”, a cura di Musica 90 (28 e 29 maggio) e sull’architettura “parassita”, quella cioè che si insedia su preesistenze, un esempio per tutti l’intervento di Gae Aulenti sul Palavela di Italia ‘61 (il 29 tra le 14 e le 17). Sono previsti anche tour per la città, (il 1° giugno dalle 10.30 a Porta Palazzo, a cura di Archimemoro), workshop (“Rovine e azioni contemporanee nella natura, il 28 maggio dalle 10 alle 13, alla Cascina Le Vallere, a cura dell’Ente Parco Po e Collina torinese), un dibattito sui mutamenti previsti dalla Variante 200 (“V200 ripensa Torino nord”, il 29 alle 16 alle Ogr), un convegno sull’architettura nelle zone sismiche (Aula Magna del POlitecnico, il 31 dalle 9 alle 19). Non poteva mancare un omaggio a Roberto Gabetti, uno dei padri nobili dell’architettura torinese: al Circolo dei Lettori il 29 alle 18 si presenta “Roberto Gabetti. Insegnare l’Architettura, scritti e testimonianze”, a cura di Sisto Giriodi, edito da Celid. Il festival si conclude il 1° giugno alle 20 con la premiazione delle “Architetture Rivelate 2013”. L’intero programma su www. TAOmag. it. (m. pa.) © RIPRODUZIONE RISERVATA

La repubblica 26 maggio cinque giorni di esplorazioni urbane