Page 1

MAGAZINE

CIGV

maggio-giugno 2015

il magazine dei Grandi Viaggiatori italiani

26

Libia Club Italia


V

EDITORIALE

Ovidio Guaita, Vice Presidente Nazionale Club Italia

Editoriale icino o lontano. Un dilemma. Se tempo e budget lo consentono di solito si sceglie

di viaggiare lontano. Perché tanto vale andarci ora che siamo in forma (non si sa mai), perché c’è il tempo e non sappiamo se il lavoro ci lascerà altre occasioni e così via. Ciò che è lontano appare sempre più esotico, intrigante, ci fa sentire più viaggiatori. Un semplice passaggio non basta, occorre tempo, curiosità e l’esperienza si arricchisce. Giugno è ancora tempo però di mete vicine. Di solito il viaggio lungo lo facciamo a luglio e per

alcuni ancora ad agosto. Poco male, come dire, se sappiamo vedere, ciò che è vicino sorprende quanto l’esotico dall’altra parte del pianeta. Siamo così andati in giro soprattutto nel Mediterraneo per questo numero, per presentarvi un po’ di Mare Nostrum di latina memoria.


SOMMARIO

14

I TOP 10 DEL CIGV

golf resorts

18

NEWS

42

SOIREE & EVENTI

notizie dal Club Italia

gli eventi delle delegazioni del Club Italia


56

DESTINATIONS

84

CARTOLINE i soci in viaggio

i viaggi dei soci del Club Italia


i n

c o l l a b o r a z i o n e

PALIDANOPRESS LONDON . NEW YORK

c o n


L E

G U I D E

Maria Coscarelli Roberto Sessoli Maria Coscarelli Roberto Sessoli

Paolo Gerbaldo

Ovidio Guaita Elsa Bozzaotra

Croazia

Paolo Gerbaldo ha visitato a varie riprese il Paese. Un contatto continuo ed efficace che lo ha portato a questo volume che è anche una dichiarazione d’amore per questa terra.

fasti caucasici da Baku a Sheki

PalidanoPress

diari di viaggio

PP

Rapa Nui

RAPA N UI

CROAZIA

AZERBAIGIAN Meta facile. Vicina e quasi scontata. Eppure ricca di sorprese. Un “Viaggio in Croazia” racconta dell’Adriatico, della sua storia, di popoli e religioni. Lasciati gli ombrelloni c’è un mondo da scoprire e riempire le pagine del diario di un viaggio in Croazia non è certo difficile.

PP

C I G V

Paolo Gerbaldo

Ovidio Guaita Elsa Bozzaotra

Azerbaigian

D E L

PalidanoPress

L’isola più remota al mondo. Un’isola che è appena un puntino nel Pacifico. Un’isola con una storia enigmatica e, a volte, triste. Un’isola con persone meravigliose, che ci hanno fatto sentire speciali. Un’isola che ha reso questo viaggio indimenticabile e che resterà, per sempre nel nostro cuore. Bisogna sempre volare in alto con i sogni e con le speranze. Questo è lo spirito che ci ha fatto decollare. Destinazione: Rapa Nui.

disponibili su Amazon.it

l’isola dimenticata

PP

PALIDANOPRESS LONDON . NEW YORK


n. 26 2015 CIGV CLUB ITALIA Presidente nazionale Leonardo Giardina Vice Presidente nazionale Ovidio Guaita Segretario nazionale Gianni Manuelli Delegazione Piemonte Presidente Denis Geuna Segretario Paolo Gerbaldo Delegazione Lombardia Presidente Daniela Libero Delegazione Emilia Romagna Presidente Gianni Bersani Segretario Giovanna Cervellati Delegazione Toscana Presidente Ovidio Guaita Segretario Gianni Manuelli CIGV MAGAZINE Club Italia Direttore Ovidio Guaita Redattore capo Gianni Manuelli Collaboratori a questo numero Domenico Pizzillo, Cristiana Fichi, Mirca Baroldi, Marcello Sergio Layout Palidano Press, London Editore CIGV Club Italia rivista bimestrale © 2015 CIGV Club Italia Tutti i diritti di proprietà artistica riservati. E’ vietato qualsiasi tipo di riproduzione, intera o parziale, in qualsiasi lingua, senza previa autorizzazione scritta dell’editore. www.cigv.it


hanno collaborato OVIDIO GUAITA Presidente della Delegazione Toscana e VP nazionale è il direttore della rivista.

GIANNI MANUELLI Segretario nazionale del Club Italia, Gianni è fondatore nonchè redattore capo della rivista.

DOMENICO PIZZILLO Deserto libico. Pensieri riflessi.

CRISTIANA FICHI Madeira, l’isola dei fiori.

MIRCA BAROLDI Cordialità sudanese..

MARCELLO SERGIO Tra Nepal e Tiber, “over the clouds”.


MAGAZINE

CIGV il magazine dei Grandi Viaggiatori italiani


18

MAGAZINE

C L U B

I N T E R N A Z I O N A L E

MAGAZINE

20

Grecia

G R A N D I

17

CIGV C L U B

I N T E R N A Z I O N A L E

G R A N D I

V I A G G I A T O R I

16

Hong Kong Club Italia

www.issuu.com/cigv-italia

V I A G G I A T O R I

giugno 2014

marzo 2014

Club Italia

V I A G G I A T O R I

Club Italia

CIGV

Indonesia

Nicaragua Club Italia

V I A G G I A T O R I

luglio-agosto 2014

MAGAZINE

MAGAZINE

G R A N D I

G R A N D I

novembre 2014

novembre 2014

gennaio 2015

I N T E R N A Z I O N A L E

I N T E R N A Z I O N A L E

LIA ITA

CIGV C L U B

C L U B

LIA ITA

14

CIGV

Club Italia

LIA ITA

LIA ITA

V I A G G I A T O R I

V I A G G I A T O R I

Zimbabwe

Club Italia

CIGV G R A N D I

G R A N D I

US National Parks

Club Italia

I N T E R N A Z I O N A L E

I N T E R N A Z I O N A L E

21

22

Tunisia

C L U B

CIGV C L U B

V I A G G I A T O R I

ottobre 2014

G R A N D I

maggio 2014

23

I N T E R N A Z I O N A L E

MAGAZINE

C L U B

MAGAZINE

CIGV MAGAZINE

MAGAZINE

V I A G G I A T O R I

LIA ITA

G R A N D I

LIA ITA

I N T E R N A Z I O N A L E

LIA ITA

C L U B

LIA ITA

CIGV

Botswana Club Italia


TOP 10 | GOLF RESORTS

14

CIGV MAGAZINE


Ovidio Guaita

Top

10

golf resoretccsellenti green

i Manele Bay, Hawai at i’i na La rt so Re s 1. Four Season is is, St. Kitts and Nev ev N rt so Re s on as 2. Four Se Golf Resort, Mexico & h ac Be do in ar m 3. El Ta and, Barbados 4. Royal Westmorel rtugal and Golf Resort, Po el ot H a ng Lo na Pe 5. ritius 6. Le Touessrok, Mau Club, Bahamas 7. One&Only Ocean Canouan Island 8. Canouan Resort, et, Thailand 9. Banyan Tree Phuk sia 10.Amanusa, Indone

CLUB ITALIA

15


TOP 10 | GOLF RESORTS

E’

ta ne ll ’O ce an o un ’is ol a sp er du e un te m po de lle Ha w ai i, ch o ag el ip rc ’a ll la ta ne re so r t ha og gi Pa ci fic o, in an el Tr as fo r m at a in . as an an di e on ec i m in ut i. Un o er a un a pi an ta gi o po co pi ù di di an st di e ch lf ne r is si m e ro cc e du e ca m pi da go su sc og lie re di e, ar m pa re l su o cc ’in te r no , do ve tr op ic al e, a pi lle co lli ne de ll su i di ad o gr ltr i ’a l ec e st an za , di vu lc an ic he ec i m in ut i di di pi ù Di ’i a. na nd La la lf. r I go in di es se re gg es tio ne : il su de an gr r i a ic pe a un nu ov e di ffe re nz a m a un oz io ni se m pr e em e fr of o og o lu di qu al si as i al tr an o il m eg lio . rc ce e ch i st go lfi i ca m pi no n ss o re so r t. Ta nt ne an n co n ee gr co ns id er at i in Di ec i fa nt as tic i in di no n so no qu e e tiv et ic r e gi ud iz io so no ha nn o st ru tt ur li ch e a no st ro el qu il co Ec a. cu ni di qu es ti qu es ta cl as si fic ss io na ti. Pe r al pa ti ap pi i os gl i r r op pe pr ir r in un ci ab ili ù da of fr ire ai un ’a tt iv ità in pi am pi pr at i ca m po è so lo n og ni ca so gl i I . ss ne si bu re i è il co of an i. Di ec i m en tr e pe r al tr o ca m pi on i e pr an in sc fa af o an r ni ta os pi ta lit à. ve rd i ch e li at to nt es to di ra ffi na co un in , di in qu go lf da pr ov ar e at ifi ca rs i. gr e e er lg du in Pe r

16

CIGV MAGAZINE


e d i w d l r o W s t r o s e R 0 0 1 Top

51 Amanwana ldives at Reethi Rah Ma ly On e& 52 Amansara On 1 aavaru ala Estate, Bali Resort at Landaa Gir ns aso Se ur 53 Como Shambh Fo 2 i aw gk Lan t ce uri sor 54 Shanti Ma Four Seasons Re 3 ence yal Mirage, The Resid Pangkor Laut at s ate Est e 55 One&Only Ro Th 4 Palace 56 Anassa Taj Umaid Bhawan 5 Jimbaran Bay at li Ba ves Rangali Island t sor Re ns 57 Conrad Maldi Four Seaso 6 s ve ldi Ma a, Sp & i Resort 58 Reid's Palace Shangri-la's Villingil 7 e vat Pri nd Isla 59 Amanpulo FrĂŠgate 8 at Sayan li Ba e t sor Re ns aso 60 Grande Roch Four Se 9 try Hotel un Co nd rla o Ku jiw an 61 10 Am raa Hu da Ku at ean Club Resort 62 One&Only Oc 11 Four Seasons s ve ldi Ma a, s sort and Sp 63 Aman-i-Kha 12 Taj Exotica Re z ga Ra d Ba t sor Re 64 Amankora d 13 Gran Resort a Sp & lf Go ra 65 Suvretta House rdu 14 Ve eirah yas ala Him 66 Madinat Jum 15 Ananda in the lla we 67 Aman 16 Amanusa du Cap Ferrat Resort Chiang Mai ns aso 68 Grand Hotel Se ur Fo 17 Resort Nevis 69 Four Seasons 18 Il Salviatino mbo Lodge t, Bali 70 Singita Lebo 19 Bulgari Resor e & Spa 71 The Nam Hai 20 Al Areen Palac Zanzibar e lac 72 The Residence 21 Taj Lake Pa jvilas 73 Sandy Lane 22 The Oberoi Ra mp Golden Triangle Ca ted Ten ns aso 74 Blancaneaux 23 Four Se Spa rr Al Jissah Resort & gh ba 75 Shangri-la's Ba 24 Aman Lodge 76 Amankila 25 Sabi Sabi Earth Lijiang y Ca 77 Banyan Tree t rro 26 Pa sort & Spa Re e lac et Phuk 78 Blue Pa 27 Banyan Tree Palm e Th ly On 79 One& 28 The Legian i a Ma yar g an ian 80 Am 29 The Chedi Ch Tunis Resort Bora Bora ns aso 81 The Residence Se ur Fo a 30 Sayang Resort & Sp sa Ra 's -la gri an Sh 82 31 Amandari rtesin scat 83 Hotel Finca Co 32 The Chedi Mu ita ah An at s den-Roc tiu Resort Mauri 84 Hotel du Cap-E 33 Four Seasons 85 Le Touessrok 34 Cheval Blanc lle Ga ess rtr 86 Soneva Fushi 35 The Fo iera Maya es ell ych Se e Tre 87 The Tides Riv an 36 Bany Country Estate au uh watu 88 Whareka 37 Alila Villas Ulu es ell Seych 89 Muse 38 Four Seasons Ringha hl Hasheesh Sa i ero 90 Banyan Tree Ob e Th 39 ele ch Mi n e Sa lac Pa 91 Villa 40 Beau-Rivage sert Resort & Spa De on t cti sor lle Re Co un ry ch xu 92 Fu 41 Al Maha, a Lu roa Kia 93 42 Palazzo Sasso oon Resort and Spa aivilas 94 Bora Bora Lag 43 The Oberoi Ud h Van Bay cil 95 Six Senses Nin 44 The Oberoi Ce o 96 MesaStila 45 Hotel Splendid try Club Sanya un Co & tel Ho e pir 97 Banyan Tree 46 The Em ce rsa 98 Palazzo Ve 47 Amanpuri urice 99 K Club 48 Le Prince Ma tal Carlton Cannes e dg Lo i en Sw 100 InterContinen a git 49 Sin Resort & Spa 50 Cuisinart Golf

CLUB ITALIA

17


NEWS | NOTIZIE DAL CLUB ITALIA

s w Ne notizie dal Club Italia


PROSSIME AT TIVI

TĂ€

16 giugno 25 giugno 30 giugno 3 dicembre 5 dicembre 12 dicembre 19 dicembre

Bologna, visita al

Cenobio di San Vi

a bordo piscina M ilano, apericena Torino, serata conv

os (Tennis Club Ambr

iviale al Ristorante

Torino, gala nataliz Roma, gala nataliz Firenze, gala nata

ttore

Canottieri

io

io

lizio al Four Season

io M ilano, gala nataliz

s Hotel

allo Chateau M on

fort

iano)


NEWS | NOTIZIE DAL CLUB ITALIA

20

CIGV MAGAZINE


CLUB ITALIA

” e r e i l g i s n o C “ i l l e u n a M i n n Gia A che nello scorso

ci del CIGV ITALI ichiamo a tutti i so

e comun Con grande piacer

mese

è stato nominato lli ue an M i nn ia G . onale dott ro Segretario nazi st no il io ra bb Fe di sia per r Generale in Tuni ie rt ua Q il so es pr CIGV RNAZIONALE del CONSIGLIERE INTE ionale dott. Rached az rn te In te en id es Pr ito dal arico è stato confer nc L’i 6. 01 -2 15 20 o l’ann ni nel ente negli ultimi an am tiv at to ra bo lla co nostro Segretario ha a Trimèche perché il erlo sempre di più e nd pa es a o nd ue contrib i grandi Viaggiatori, de le na io az rn te In Club mpre ntraddistinguono se co e ch a, ic et ll’ de e esia ll’amicizia, della cort veicolare i valori de di più il CIGV.

CLUB ITALIA

21


NEWS | NOTIZIE DAL CLUB ITALIA

22

CIGV MAGAZINE


CLUB ITALIA

d o o F y r a n i d Extraor ieme o Milone (ass i g r o i G e a l r i Ca ei nostri soc o Con le foto d ta al Castell a r u g u a n i a t ) è sta ltri fotografi a i d e l l e u q a ood. traordinary F x E a r t s o m a o l Abbiategrass i Sforzesco di di popoli e d e i r o t s o n a t accon magini che r m i o t n e c e r t Ol esca. raccoglie e p , a n i m e s , a r r te he coltiva la o cibo. Gente c lle Vie del cib u s o i g g a i v n ioni. U i e di piantag t a c r e m i d o t Fo onio iderare patrim s n o c o m a i s s po di saperi che alla scoperta dell’umanità.

CLUB ITALIA

23


NEWS | NOTIZIE DAL CLUB ITALIA

Andrea Fiocchi Simone Maioli

Da che parte la guardi

o

a Terme Alto Ren

Lions club Porrett

24

CIGV MAGAZINE


CLUB ITALIA

i d r a u g a l e t r Da che pa l nuovo

Questo è il titolo de

i arricchito dai testi

ch ettano Andrea Fioc libro del socio porr

fondali vita e di morte. Di di o tt fa o gi ag vi n U dedicato al viaggio. di Simone Maioli. E’ de grafato da un gran to fo o gi ag vi n U . gio vero li oppressi. Un viag po po di e si lio ig av mer osa di ato dall’elegante pr oc ev te en am id nd sple Andrea Fiocchi e viaggiatore come a pensare, ci invitano o an rt po ci , to at nt o un co e pagine stabiliscon st ue Q i. ol ai M e on Sim tietnicità che riflette la mul do on m un di i es attutto sono la sint o. a scoprire. Ma sopr senziale del rispett es se ba , za en sc no to alla co la fine sono un invi al e a ne ra po em nt co cui noi to di sconosciuti, di lu sa to ra lo co un a si levi a rispondere Perché un braccio ne. seguito alcune pagi i D o. ric ca ra st n io hio cam la strada su un vecc to ia oc cr in o am bi ab

CLUB ITALIA

25


NEWS | NOTIZIE DAL CLUB ITALIA

26

CIGV MAGAZINE


IL TIbET è UNO SchIAFFO Appesi a una montagna, i villaggi hanno la gravità di un giunco. Al passaggio di una nuvola imbruniscono come sassi di stagno. Il Tibet si è fatto piccolo, dall’umiltà all’umiliazione: tutto intorno è troppo grande, sempre, dalla montagna alla politica. Il Tibet ha imparato a farsi piccolo, da sempre. Fino a scomparire. Io sono il Tibet. Piccolo e insignificante guardo il cielo passare dall’angolo del mio muro d’intimità. Il mio monastero è un riparo per la mia anima, ogni mattone mi separa da un me stesso pieno di paura. Non c’è preghiera, non c’è carità: i miei luoghi mi respingono come io ho respinto i miei luoghi. Dove sono non c’è niente. Io sono l’ombra porpora che si siede di fianco a me. Io sono Joshua. Come sia arrivato qui è un mistero. Ho un visto governativo che certifica la mia appartenenza all’ordine, ma non ho padre né madre che mi aspettino in fondo alla valle, non ho un passato né discendenza illustre. Come la polvere, sono in balia di un soffio e il vento mi consuma. Prego se c’è da pregare, mangio se c’è da mangiare. Il resto del tempo lo passo nel mio angolo. Mi chiamano edera, per scherzare, e briciola, per compatire. Questo è per tutti l’angolo di Joshua. Il mio unico contatto con qualcosa che potrei chiamare famiglia è stato dal mio angolo. Da qui si vede la grande porta, l’ingresso del monastero. Qui non viene mai nessuno, se non per visite ufficiali annunciate mesi prima. La mattina in cui risuonarono i grandi battenti in bronzo, un sussulto serpeggiò tra i viottoli ben curati. Quando venne aperto, una figura si mostrò di lontano, senza che potessi distinguerla. Ma capii che era per me. Subito un monaco mi si fece incontro, in uno stato di eccitazione mista a circospezione. Lo guardai, e sprofondai nel mio angolo, la mia 9

CLUB ITALIA

27


casa. Da quel giorno più niente si è frapposto tra me e l’ineluttabile. La figura, a cui nemmeno noi siamo in grado di dare un nome, riconoscendo Joshua si rincuorò. Sapeva che non avrebbe potuto incontrarlo, parlarci, ma il solo fatto di vederlo lì fu motivo di felicità. Quando il monaco, tornando indietro, si spinse fuori dalle mura per comunicarle che non si erano verificate le condizioni per un ricongiungimento, non trovò nessuno e provò una strana sensazione d’incompiuto che, più tardi, si tramutò in ansia. Potrei esserne fiero. Pochi possono vantare di possedere un pezzo di terra. Io sono il mio pezzo di terra e passo tutto il mio tempo a riempirlo. Ma so che se domani me ne andassi, il mio angolo non mi apparterrà più. Vince chi resta, e dalla mia ho il problema della precarietà. Il mio angolo è immortale, anche senza di me. Oggi mi si è avvicinato il mio Lama. Forse preoccupato dal mio stato di salute, che tra l’altro io giudico nella norma, ha insistito perché mi recassi ogni tanto al villaggio per delle commissioni. A dire il vero non ha né insistito né ha parlato di commissioni. Si è seduto vicino a me e ha contemplato il mio angolo, che io ho mostrato con orgoglio. L’ha guardato con cura, annuendo di tanto in tanto. Poi mi ha osservato, come si osserva una banconota sospetta. Mi ha osservato in controluce, i suoi occhi erano oltre il mio angolo, io ero oltre i suoi occhi. Non c’è stato bisogno di parole, non ce ne sarebbe mai. Mi sono alzato e ho salutato il mio angolo, convinto che sarei tornato. Ho preso la mia felpa come si prende una valigia e tutto il coraggio di un esploratore.

28

CIGV MAGAZINE

10


La terra ha strane venature nere ed è soffice il passo di chi non ha camminato mai. La scarna vegetazione che ogni tanto segna il mio incedere mi respinge come un estraneo, un usurpatore. Eppure io sono di questa terra, anche se non ho un passato. Ma è come una fusione fallita, una sostanza insolubile. I miei piedi sono di opposta polarità, ed io non ho un nome. La montagna mi osserva. Tracciata d’acciaio, si prepara la pioggia con sorde avvisaglie. In realtà, stanno decidendo cosa fare di me. Il vento mi segue, mi spia le intenzioni, mi annusa. Il cielo mi opprime, si gonfia e minaccia. Mi affretto, ma un motivo non c’è, né scampo. Schianta un tuono. Schianta. E piovono lame. In breve, torrenti d’acqua mi precedono a valle, verso il villaggio che io vedo agitarsi, minuscolo. Presto verrò travolto e il mio corpo si mischierà alla tempesta e sarà la stessa cosa dell’acqua e del fango. Ma decido di proseguire, il mio unico riparo ormai sarà già preda dei topi. Quanta brutalità sconvolge queste alture e gli elementi si confondono in uno scenario di piombo. Io ne sono risucchiato ma non per punizione, semmai per accettazione. Ho gli stessi contorni del gorgo e chiunque mi vedesse, adesso, direbbe che sono a capo degli elementi. Sto guidando una rivolta che rimbomba e affila, sto franando giù. Scoppia il mio passo come un mantice.

11

CLUB ITALIA

29


Le poche case che mi accolgono si sono già arrese agli eventi. L’acqua è una frusta da circo che sferza e spacca, un drago nero con squame di pietra che invade le strade e divora corpi, e denti di schiuma. Ad ogni muggito corrisponde un crollo e ad ogni sciabordio si apre l’abisso. Più che la vista mi lacera il suono: cupo e profondo come una diga che s’incrina, se non fosse così repentina la crederesti magma, gonfio e indistruttibile. Non urla né pianti, con la natura non si contratta. Si cominci subito a guardare la vita così come essa è, diciamo noi. Eppure il mio cuore è sconvolto. A quest’ora il villaggio sarebbe stato un alveare croccante: nel piccolo mercato vulcani d’orzo avrebbero sgranato le grandi tavole di legno e piccole palle di tsampa avrebbero decorato i piatti arabescati, nella loro scura semplicità. Il cibo tibetano non è gustoso né colorato, persino il latte di yak è poco più che dissetante, e il tè manca dell’aroma a cui sono abituati i palati indiani. Ma non è forse l’arcobaleno figlio del bianco? E non è forse un cieco soddisfatto del labile contorno? Sfuggente è la via per la verità perché sfuggente è la verità stessa. Qualche anno prima, in seguito ad una leggera scossa di terremoto, un’ala del monastero era crollata. Un’ala dismessa, in pessime condizioni, venuta giù con un leggero crepitìo. Una nuvola di polvere aveva ricoperto le morbide statue a protezione del tempio e un drappo giallo si divincolava, come a chiedere aiuto. Subito i monaci si erano adoperati per rimediare al danno, togliendo le macerie. Anche Joshua si era recato lì e alla vista di questo inutile affanno era rimasto come paralizzato. Con una scrollata di spalle la terra poteva cancellare secoli di storia, come formiche agli uomini non restava che reagire alla fatalità, per continuare in eterno ad alimentare un meccanismo senza speranza. Né salvezza. Così aveva pensato, prima di tornare al suo angolo.

30

CIGV MAGAZINE

12


13

CLUB ITALIA

31


Adesso camminare diventa difficile. Il terreno si muove sotto i miei piedi e la poltiglia marrone sulla quale cammino è sempre più instabile. Non ho appigli e avanzo come un equilibrista, e il mio filo è il mondo. L’acqua poi mi tira le caviglie e sembra voglia rendermi partecipe dello strazio che si sta consumando tra i pochi muri rimasti. I rami e le grosse pietre che mi affiancano potrebbero finirmi in un attimo se solo cadessi a terra. Mi aggrappo con le dita dei piedi a tutta questa realtà che vuole disarcionarmi e la stanchezza m’avvampa. Una donna è salita su un tetto. Urlante, malferma, tiene in mano un fagotto come si tiene un lattante. M’incontra nello sguardo e m’implora di lontano, credendomi un dio. Non ho lucidità né forza e la contemplo a bocca aperta, sperando che non esista. Perché dovrebbe? Qui il tempo si ferma. Joshua non credeva ai suoi occhi. In pieno uragano quel bambino sembrava dormire e la madre disperata non disturbava minimamente il suo sonno. Il piccolo volto rilassato, morbido, era come se provenisse da un altro mondo e asciutti erano anche i pochi stracci che lo avvolgevano, tanto che avresti potuto confonderlo a un sogno. Chissà come, Joshua riuscì a distinguerne chiaramente i lineamenti e le piccole ciglia scure, a intravederne addirittura una discreta somiglianza con la madre, che intanto si sbracciava, impazzita, di fianco a lui. Ma il cielo è in terra e l’acqua in cielo. Un tronco d’albero scagliato come fionda travolge entrambi e il vortice l’inghiotte con un fremito. Portami in un posto normale, dammi una vita normale, voglio ingolfarmi di banalità tra persone banali, morire di banalità e guardare il mio presente dall’alto di chi può godere nel lusso dell’ignoranza. Portami lontano da qui tra chi non sa e non vuole sapere. Portami nel mio angolo. Svenne Joshua, e fu come un riflusso. Mi risveglio ed è come risuscitare. Non so quanto tempo sia passato ma ora l’acqua ha lasciato posto alla melma e un sole colpevole passeggia vago tra i sentieri dell’innominato. Perché io sia qui, tra le cose, è incomprensibile. Il come poi è inspiegabile, se penso all’oceano rovesciato che ha pettinato queste radure. Ho ancora la mia felpa e nient’altro. Sono scalzo. M’aspetto d’imbattermi in corpi annodati e gonfi, ma tra i resti di tutta questa povertà rimane solo un odore marcio di fogna. Eppure. Avverto una vibrazione, non lontano da me. La stessa sensazione provata quel giorno, al monastero. C’è qualcuno, qui intorno. Lo so, lo sento. Faccio per muovermi e un dolore mi punge alla caviglia, forse rimasta scomposta per troppo tempo. Mi trascino tra le rovine di pietra di un villaggio che non c’è più con la speranza di qualcosa che non comprendo. Miracolato, acquisto forza con la consapevolezza di essere ancora vivo, nonostante tutto. D’un tratto un miagolìo. Lo sento distintamente, non posso sbagliarmi. Possibile? Un gatto qui, ora? Mi giro da ogni parte, in preda ad una strana febbre. E lo vedo. Bianco, è una macchia di luce. Non c’è diffidenza, ci guardiamo come esseri graziati e complici e con naturalezza gli vado incontro e lo prendo in braccio. Non si nega, anzi s’avvolge in me e io mi avvolgo nel suo calore. Mi sciolgo d’estasi e penso a quanto, d’ora in poi, il mio viaggio sarà sicuro. Insieme partiremo e sarà per sempre. 32

CIGV MAGAZINE

14


CLUB ITALIA

33


NEWS | NOTIZIE DAL CLUB ITALIA

34

CIGV MAGAZINE


DELEGAZIONE EMILIA ROMAGNA mercoledì 16 giugno Cenobio di San Vittore

e r o t t i V n a S i Cenobio d mercoledì 16 giugno La delegazione Em

ilia Ro

re di invitarvi a magna ha il piace

par tecipare alla

ledì del giorno merco 0 ,0 20 e or le al d che si svolgerà prossima iniziativa hi più antichi e og lu ei d o un a a at n una visita guid 16 giugno 2015 co io di San Vittore. ob en C il a gn lo Bo i ttà d suggestivi della ci

CLUB ITALIA

35


D NEWS | NOTIZIE DAL CLUB ITALIA

ot a, il Ce no bi o di or ig in e re m ne no n rd in o, fu or i Po r ta Ca st ig lio ia te G e de i c am pi so rg e su l M on m er so ne l ve rd im o, an bi ar B lle di lo nt an o da l co i. ch os b i e de at a al m ar ti re e, ch ie sa de di c or tt Vi an S di vi si in se di a L a fo nd az io ne co lo XI qu an do se l . ne e en vi av la ri L at er an en si de l IV se co lo , Ca no ni ci Re go di a c da ti e as ra on ac m ns à co un a co m un it G io va nn i IV la ov o di B ol o gn a é il m ed es im o ch so es pr e Ne l 11 78 il ve sc en ti an m a ur tt el lim en to la st ru qu el m om en to ni la vo ri di ab b cu al to et cc (e 17 98 zi e b ol o gn es i as p et to fi no al co m e al tr e ab ba do an qu ) V X Na p ol eo ne . ri sa le nt i al se c. a p er vo lo nt à di ss re pp so e en an ch e qu es ta vi to rn a in m an i co , la ch ie sa ni eo ol ti p na do pr ob le m i do vu Do p o il p er io ; su p er at i va ri 97 e 19 en al vi o no bi fi no o, il Ce ec cl es ia st ic he ri a e ab ba nd on di cu in to a iu te ’a l en al m pr ev al en te l 19 99 gr az ie to ta lm en te ne ri st ru tt ur at o la sa . l ’in te rn o, W oj ci ec h Pr ze k su gg es ti vo è e to ol cc ra lig ne o de l Pa r ti co la rm en te io re da un co ro er p su te r pa lla ro at ti gu o al la im pr ez io si to ne io si tà il ch io st ar de l an gr di e at o al la fi ne de 14 24 -2 6, m en tr XI I e ri st ru tt ur c. se l ne o it ch ie sa , co st ru te ‘4 00 . ri o da l Pr es id en ci sa rà da to pr op o bi no Ce al to I l B en ve nu Pr ze k la sa ! la cc a. Do tt . W oj ci ec h de lla cu ci na Po gu st i e sa p or i n co na ce e in Al te rm le fo na nd o r te ci pa zi on e te pa la e ar al se gn ta ri a CI GV , Si ri co rd a di la no st ra S eg re al io ra bb fe 16 en tr o il lu ne dì 33 4 39 34 12 2 a Ce r ve lla ti al nn va io G sa .s Do tt

36

CIGV MAGAZINE


DELEGAZIONE EMILIA ROMAGNA mercoledì 16 giugno Cenobio di San Vittore

CLUB ITALIA

37


NEWS | NOTIZIE DAL CLUB ITALIA

38

CIGV MAGAZINE


DELEGAZIONE LOMBARDIA giovedì 25 giugno Tennis Club Ambrosiano

a n i c s i p o d r o Apericena a b giovedì 25 giugno l CIGV

La Delegazione de

Tennis ganizza a Milano al or ia rd ba m Lo lla de

Club Ambrosiano in

Via

ire giugno 2015 a part 25 ì ed ov gi a, in sc a bordo pi a bellissima serata un ) ne di U a on (z pericena Feltre n.33 rsi l’estate con un A de go no an tr po i ic soci e am bellissima location ta es qu In 0. r .3 20 dalle ’ottima occasione pe un rà Sa o! ec gr ef Ch da uno ente per l’occasione m ta si po ap a at ar greca, prep ccogliere idee e ra i, nt na ci as aff e e e insolit gio, parlare di met ag Vi on Bu di ri gu ioni scambiare gli au euro e per informaz 30 di rà sa ta ra se sto della attività del CIGV. Il co re tu fu le r pe ti en suggerim mail endo alla seguente riv sc a ili ux A a ric attare la Sig.ra En e prenotazioni cont l.com.

enrica.auxilia@gmai

CLUB ITALIA

39


NEWS | NOTIZIE DAL CLUB ITALIA

40

CIGV MAGAZINE


DELEGAZIONE PIEMONTE martedì 30 giugno Ristorante Canottieri

e l a i v i v n o c o r Incont

martedì 30 giugno

bellissima dalle ore 2015, una no ug gi 30 dì te ar a per m se del CIGV organizz te on em pi e on ta zi ga La dele nottieri Esperia ospi Ca o ol rc Ci Il 2. ri o Moncalie Canottieri”, in Cors e nt ra to is “R al o te delle serata a Torin tro creativo e aman es ll’ da ef Ch e an ov ita, un gi ù è curato da Yaris en m i cu il le ca lo questo enti si scambieranno es pr ci so e i ic am i a dove gl consueta cena estiv la E’ e. ch ni et ni io itivo e contaminaz inizierà con un aper ta ra se La ri. tu fu li su quel ssati e discuteranno pa gi ag vi di to. e nz esperie azzi” di Piazza Vene ur “m i de io ar en sc suggestivo li sullo sfondo del vo ta ai o nt pu ap entari e continuerà r intolleranze alim pe te es hi ric , ni io informaz ere informale. Per tt ra ca di rà sa ta La sera 86237274 euna al numero 33 G is en D te en id es tare il Pr il 26 giugno, contat prenotazioni, entro

CLUB ITALIA

41


s e ĂŠ r i So

i t n e v e &

le SERATE e gli eventi delle delegazioni del Club I talia


CIGV LOMBARDIA | 12 MAGGIO

44

CIGV MAGAZINE


Leonardo da Vinci a Milano

Milano

Leonardo da Vinci a Palazzo Reale

Pomeriggio d’arte organizzato dalla Delegazione CIGV della Lombardia al Palazzo Reale di Milano lo scorso 12 maggio alla scoperta di cento disegni autografi di Leonardo contenuti nel Codice Atlantico.

CLUB ITALIA

45


U

CIGV LOMBARDIA | 12 MAGGIO

n bellissimo pomeriggio organizzato dalla Delegazione CIGV della Lombardia al Palazzo Reale di Milano lo scorso 12 maggio. L’iniziativa è stata sapientemente proposta e realizzata da Enrica Auxilia e Maristella Ghitti, in collaborazione con il “Gruppo Artema” che ha fornito una Guida specializzata, Marina Fassera e una visita riservata solo ai circa 30 tra soci e amici alla Mostra su “Leonardo da Vinci”. Si è rivelata un’esposizione senza precedenti per il numero di opere presenti, si scopre proprio l’attività poliedrica del Genio, attraverso i suoi codici originali, oltre cento disegni autografi, di cui circa trenta dal celeberrimo “Codice Atlantico”, e un cospicuo numero di opere d’arte: disegni, manoscritti, sculture, incunaboli provenienti dai più celebri Musei e Biblioteche del Mondo. Interessante poi l’ampiezza dei contenuti e delle tematiche affrontate con un taglio critico aggiornato che tiene conto non solo delle più recenti acquisizioni degli studi storico artistici, ma anche dei dati emersi dalle più recenti campagne diagnostiche e di restauro cui molte opere sono state sottoposte. Una mostra non mitografica né celebrativa, ma trasversale su tutta l’opera del poliedrico personaggio di Leonardo che si svela prepotentemente in tutta la sua grandezza di artista e scienziato. E’ stato un pomeriggio davvero esaltante e ha rappresentato un’occasione unica per ammirare e comprendere in una visione d’insieme la straordinaria complessità di questo genio universale. Un Genio universale per un’esposizione universale, a celebrazione dell’indiscusso simbolo dell’arte e della creatività italiana, figura immediatamente riconoscibile dal pubblico internazionale, e simbolo anche di Milano e della sua attività eclettica nel campo delle arti, dell’industria e della tecnologia. Questa esposizione ha lasciato però nei partecipanti un velo di tristezza al pensiero di quanto deve essere stato frustante per Leonardo scienziato, avere delle illuminazioni incredibili e non disporre delle conoscenze e dei mezzi per approfondirle.

46

CIGV MAGAZINE


CLUB ITALIA

47


CIGV EMILIA ROMAGNA | 16 MAGGIO

48

CIGV MAGAZINE


escursione a Veleia

Escursione a Veleia

con il fondatore del CIGV Rached Trimeche

La Delegazione CIGV dell’Emilia Romagna ha avuto l’onore e il piacere di ospitare a Bologna nei giorni 15-16-17-18 maggio il nostro Presidente Internazionale Rached Trimèche, accompagnato dalla sua consorte Signora Fawzia.

CLUB ITALIA

49


R

CIGV EMILIA ROMAGNA | 16 MAGGIO

ac h ed Tr imèch e è il fon datore del CIGV, il Club al quale tutti n oi siamo affez ion ati e andan do in giro per il mon do, oltre ch e apprez z ar n e l e b e llez ze, c i impegn iamo a stimolare un o spir ito di co mpren sion e e tolleran z a n elle diver sità tra le genti. Q uesto n ostro compor tamento ser ve per dare con creta at t uaz ion e al pr imar io scopo del n ostro Club: “Paix dan s l e mon de”. Nella gior n ata di sabato 1 6 maggio R ac h ed e la S ign ora Faw z ia h an n o par tec ipato alla escur sion e a Veleia, in p rovin c ia di Piacen z a, per contin uare, dopo il pran zo n el B o rgo di a Castell ’Arquato. Le mete di questa escur sion e so no situate n ella zon a dell ’Appen n in o Piacentin o, a quo te var iabili tra i 2 8 0 e i 4 6 0 metr i di altitudin e. Ol tre 2 0 i soc i e amic i presenti e proven ienti da var ie D el e gaz ion i del CIGV. L a mattin a siamo par titi con la p io g gia, poi per for tun a il tempo è migliorato n ella gio r n ata, per fin ire con un gran sole! Abbiamo avuto una giuda d ’eccez ion e il n ostro S oc io CIGV Arc h eologo D o t tor Baldassar re Giardin a ch e c i h a accompagn ati con mo l t a profession alità, con oscen z a dei luogh i e c uran do o gni dettaglio. Vo gliamo veramente r in graz iar lo per l ’impegn o p ro fession ale di questa lun ga gior n ata e an c h e per la sua prestaz ion e completamente gratuita.

50

CIGV MAGAZINE


escursione a Veleia

CLUB ITALIA

51


CIGV EMILIA ROMAGNA | 16 MAGGIO

52

CIGV MAGAZINE


a cena con il Presidente

a cena con il Presidente Rached Trimèche a Bologna

La sera dello scorso 16 maggio a Bologna, presso il Ristorante “Nonno Rossi”, serata all’insegna della cucina emiliana in onore del Presidente Internazionale e fondatore del CIGV, Rached Trimèche.

CLUB ITALIA

53


L’

CIGV EMILIA ROMAGNA | 16 MAGGIO

in contro h a visto la presen z a di o l t re 4 0 soc i e amic i c h e h an n o veramente apprez z ato la serata e l ’eccellente organ iz z az ion e della D elegaz ion e C IGV E milia R omagn a. Era n o presenti, il Presidente del CIGV I talia D ott. Leo n ardo Giardin a, il vice Presidente D ott. O vidio Gu aita e il S egretar io dott. Gian n i M an uelli, in oltre ha par tecipato n aturalmente il Presidente della D el egaz ion e E milia R omagn a dott. Gian n i B er san i e so ci in rappresentan z a della D elegaz ion e Piemonte, Lo mbardia e Tosc an a. I l Presidente Tr imèc h e h a r in graz iato il CIGV I talia p er l ’ottima organ iz z az ion e e tutti i presenti, in mo do spec iale quelli ven uti da lontan o, per la sentita p ar tec ipaz ion e. I noltre h a lodato il CIGV I talia per la vitalità c h e ha r iscontrato n egli ultimi an n i e soprattutto per la vo g l ia di fare c h e h a coinvolto n uove per son e c h e si so no av vicin ate e iscr itte al n ostro Club, aumentan do il numero degli associati a livello italian o. Co m e gr uppo dir igente del CIGV I talia n on possiamo dirci ch e felici di queste espression i di con sen so da p ar te del Presidente I nter n az ion ale, ch e ren don o on ore al for te lavoro svolto per il Club n egli ultimi 3 an n i.

54

CIGV MAGAZINE


a cena con il Presidente

CLUB ITALIA

55


s n o i t a n i t s e D i VIAGGI dei soc i del Club I talia

56

CIGV MAGAZINE


In questa sezione del CIGV Magazine pubblichiamo i contributi dei soci. Tutti gli iscritti sono invitati a partecipare. Ecco le specifiche dei materiali da inviare: - testo una pagina (1500-2500 max battute spazi compresi) - 15-20 foto in alta risoluzione (come escono dalla macchina) da inviare al nostro segretario con www.wetransfer.com

CLUB ITALIA

57


DESTINAZIONE | LIBIA

58

CIGV MAGAZINE


un viaggio di Domenico Pizzillo

Libia

deserto libico, pensieri riflessi

Vi racconto un viaggio che ho fatto qualche anno fa in Libia, oggi terra inospitale turisticamente parlando. Ma non vi parlo della fascia costiera ma del profondo sud di questo immenso paese per il 90% completamente disabitato per la presenza “ingombrante� del Sahara.

CLUB ITALIA

59


DESTINAZIONE | LIBIA

L’

Ak ak u s nel sud- ove st del paese ai con f i n i con l ’Al g er ia ad ovest e co n il N ig er a sud. Ar r i vato a Tr ip o l i ho dovu to p rendere un altro aereo pe r a r r i va re n el su d p er p o i p erco r rere oltre duecento c h i l om e t r i i n fu o r ist rada p er ar r ivare nei pressi del M e s s a k S e t a fe t, il co siddet to Al to p iano N ero, dove vi era l ’a cc a m p a mento. N e ll ’i m m a gi n ar io co l l et t ivo, e p er q uello ch e h o i m p a rato a s c uo l a, ho semp re p ensato ch e il S ah ara fo s s e u n a d i s tesa inter minab il e e mo no ton a di dun e di s a b b i a f i n o a l l ’o r izzo nte. N i e nte d i p i ù er rato l a mo l tep l icit à d i paesaggi in q u e s to d e s e r to ha del l ’incredib il e. Le d i s te s e di du ne di sab b ia, no n solo n on son o m on oton e, m a creano, nel caso di nub i in cielo, un gioco

60

CIGV MAGAZINE


CLUB ITALIA

61


DESTINAZIONE | LIBIA

d i lu c i e d om b re che p ro duce effet t i fantastic i sotto il p rof i lo fotogra fico e p aesag gist ico, l ’ Erg di M ur z uq. Vi a s s i c u ro u na vera so r p resa, l e p it t ure r upestr i, i gra f f i t i , i fos s i li mar ini, i l ag hi di g esso, l e oasi, è sempre u n o s cop r i re ! M ol to te m p o fa al p o sto del deser to vi era un a ve ge t a z i on e r i go g l io sa e b u o na p ar te del ter r itor io era sot to i l l i ve ll o d el mare si p ercep isce ic t u oculi. Fa nt a s t i c h e le o asi imp rov vise ed in p ar ticolare i lagh i d i U b a r i , c h e a pp aio no dove finisco no l e d un e, per dare sp a z i o a l l ’a cq u a ed al l e p al me. L’e s p e r i e n z a del S ahara l ’ ho co mp iut a p r ima in campo te n d ato f i s s o e p o i in tenda e sacco a p el o. Q u e s t ’ u l t i m o è, senza o mb ra di du bbio, il modo m i g l i ore d i vi vere qu esto immenso dese r to. E poi… il si l e n z i o, s e n s a zio ne unica. Ne l m on d o di o g gi co sì frenet ico no n s appiamo cosa si a i l ve ro s i le n zio che invece si “p ercep isce” n el S ah ara. Pa s s e ggi a re in so l it ar io t ra l e dune di sabbia e i n q u e s t i p a e sag gi inco nt aminat i è u n a esper ien z a i n d i m e nt i c a b i l e. Ecco cos a ce rcano i co siddet t i “sahar ian i ” cioè coloro c h e p e rcor ron o in l u ng o ed in l arg o questo deser to: è u n m od o p e r cercare se stessi e p er r iflettere sulla p rop r i a vi t a . A d i s t a n z a d i qual che anno, p ro p r io in con sideraz ion e d i q u e l l o oggi che st a accadendo in Afr ica S ettentr ion ale, r ite n go d i e s s e re st ato l u ngimirante nel visitare all ’epoca qu e s te zon e t a nto remo te ed ino sp it al i l a cui bellez z a è ce r t a m e nte i m pag ab il e.

62

CIGV MAGAZINE


CLUB ITALIA

63


DESTINAZIONE | LIBIA

Domenico Pizzillo e il suo blog di viaggio Mi chiamo Domenico Pizzillo e svolgo la professione di avvocato, classe ‘63. Sono da tanti anni socio del CIGV e la mia passione per i viaggi è nata gradualmente. Tutto ha avuto inizio quando da bambino ho cominciato a viaggiare con i miei genitori. Nel settembre 1975, grazie a loro, ho avuto la possibilità in un unico viaggio nel Mediterraneo di mettere piede in 3 continenti: Europa, Africa e Asia. L’amore di esplorare luoghi nuovi, a me sconosciuti, si è consolidata una decina di anni fa quando sono stato per la prima volta in Africa. La natura incontaminata, i popoli, le abitudini così diverse dalle nostre hanno fatto sì che decidessi di immortalare quei posti meravigliosi con la mia macchina fotografica. In un colpo solo ho così unito le mie due più grandi passioni: viaggiare e fotografare. Viaggisenzatempo.com, partendo dall’esperienza del vecchio sito viaggisenzatempo.it nato nel 2011 e del blog viaggisenzatempo. blogspot.com nato nel 2008, nasce proprio con l’intento di far conoscere alle persone posti non molto noti, attraverso diverse angolazioni che solo la fotografia può garantire oppure di far conoscere posti noti con angolazioni e prospettive particolari. Con le mie immagini cercherò di trasmettere le sensazioni che ho provato ogni qual volta ho affrontato un viaggio. Cercherò di fermare il tempo in uno scatto. Il blog di viaggisenzatempo.com offrirà un ulteriore modo di dialogare con gli utenti attraverso dei veri e propri dibattiti riguardanti informazioni di ogni genere sui luoghi da me visitati. Oltre ai numerosi consigli che cercherò di fornire mi piacerebbe anche ispirarvi per la prossima meta da scegliere per il vostro viaggio alternativo e non convenzionale. Perchè viaggisenzatempo.com è un sito dove non troverete le solite mete ma luoghi che forse non immaginavate neanche che esistessero. www.viaggisenzatempo.com

64

CIGV MAGAZINE


CLUB ITALIA

65


DESTINAZIONE | MADEIRA


un viaggio di Cristiana Fichi

Madeira l’isola dei fiori

La prima volta che ho sentito parlare di Madeira ero molto piccola. Guardavo il famoso cartone animato “Gli aristogatti” e le mitiche papere Adelina e Guendalina Bla Bla parlavano di andare a trovare il loro zio Reginald, che nel frattempo si ubriacava col “Madeira”.


D DESTINAZIONE | MADEIRA

Devo ammettere che l’associazione del vino con questa isola è avvenuta molto tempo dopo, ma già quel nome mi piaceva e mi dava una sensazione di… allegria. Solo molto tempo dopo ho saputo che Madeira è l’isola principale, molto verde e frastagliata, di un arcipelago costituito da varie isole, tra cui l’isola di Porto Santo che presenta belle spiagge, a differenza delle alte scogliere di Madeira, tra le più alte al mondo. Le altre 3 isolette sono deserte e diventate parchi naturali. La scogliera più alta nell’isola di Madeira ha un fantastico belvedere con un panorama mozzafiato, a Cabo Girao, a ovest della capitale, Funchal. Le isole situate nell’Oceano Atlantico a nord delle Canarie, distano circa 450 Km da queste, 600 Km dall’Africa e 900 Km dal Portogallo. Si raggiungono direttamente da Lisbona o con voli low cost da Milano e Roma. Scoperte secondo la leggenda nel 1346 da una coppia di amanti in fuga dall’Inghilterra, solo dopo vennero colonizzate dai portoghesi, da cui il nome Madeira, che significa “legname”, per la grande vegetazione presente e dal 1976 divenute autonome dalla madre patria, dal punto di vista amministrativo. La prima impressione di Madeira è quella di un’isola molto verde (molti bananeti, fiori -in particolare la sterlizia- frutta e vigneti), con vette spettacolari di origine vulcanica, molti terrazzamenti, altissime scogliere ed un’eterna primavera. Questa lontananza dalla terraferma ne ha fatto nel passato una meta


DESTINAZIONE | MADEIRA interessante per capi di stato e reali in cerca di pace e tranquillità. Gli abitanti del luogo celebrano sempre tra i suoi turisti più illustri la principessa Sissi e Winston Churchill. Il turismo sicuramente rappresenta la risorsa principale, insieme all’agricoltura. Gli europei del Nord rappresentano i turisti di gran lunga più presenti, ma qua il turismo è meno appetibile delle vicine isole Canarie. Qui la natura selvaggia ha la meglio sulle strutture turistiche, nonostante un imponente e moderno Casinò. Solo gli amanti della quiete e della natura possono apprezzare questa isola. Il pesce è l’alimento principe ed il pesce sciabola (espada) la fa da padrone. Camara de Lobos, poco distante da Funchal, è un pittoresco villaggio di pescatori specializzati proprio nella cattura di questo pesce. Tra i vini e i liquori, a parte il famoso Madeira, è degno di nota la Poncha, un mix di grappa di canna, miele e succo di limone. Molte sono tuttavia le cantine di vino dove degustare le specialità locali. Tra le tradizioni locali degne di nota per i turisti vi è la corsa in slitta di vimini, scendendo dal Monte Palace, poco sopra Funchal, ormai diventata attrazione turistica. Funchal rappresenta sicuramente il punto di partenza per conoscere questa bellissima isola. In primo luogo il lungomare: l’Avenida do Mar. Qui si può ammirare la Marina, porto turistico, ormai piccolo ma un tempo importante per le barche in rotta per i Caraibi. Nel porto commerciale è ben visibile anche la riproduzione di una delle caravelle di Cristoforo Colombo, la Santa Maria. Ogni tanto si vede in giro davanti al porto di Funchal con qualche turista nostalgico di quei tempi coloniali. Sul lungomare si nota la Fortaleza de Sao Lourenco, la più antica fortezza di Madeira (1540), a difesa della città dai corsari e nemici dei portoghesi. Oggi è sede istituzionale del governo portoghese, nonostante l’autonomia. All’interno merita la zona pedonale, ricca di bar, caffè, locali art deco e decorati con i tipici azulejos, la cattedrale, il palazzo del parlamento regionale ed, in occasioni speciali, vari banchetti in legno con vendita di ogni genere alimentare, in particolare i frutti tropicali, profumati, colorati

70

CIGV MAGAZINE


e di ogni genere, dalla classica papaya e frutto della passione nelle forme e specie più originali, al guave, alla pitanga. Proseguendo verso il parco di Santa Catarina comincia la zona degli alberghi, alcuni molto imponenti e storici, come il Carlton Park Hotel dove soggiornò la principessa Sissi o il Reid’s Palace, dove vennero ospitati oltre a Winston Churchill, ospiti illustri e famosi come Roger Moore e Gregory Peck. Se la parte terrestre è così ricca di mete da esplorare tra la campagna contadina, i terrazzamenti coltivati e le montagne per amanti del trekking, il mare offre splendide crociere in mezzo alle isole deserte od in pieno oceano sulle tracce di delfini e balene o altre specie autoctone. La sera poi Funchal è un bellissimo spettacolo di luci colorate e solo dal mare può essere apprezzato. Insomma, consiglio vivamente a chi ancora non conoscesse Madeira e a chi non ama l’afa e la calura estiva, un lungo week end di relax tra sole e mare, volendo anche enogastronomico, in tutti i periodi dell’anno, perché qui la primavera è perenne!

CLUB ITALIA

71


DESTINAZIONE | SUDAN

72

CIGV MAGAZINE


un viaggio di Mirca Baroldi

Sudan

cordialità sudanese

Non è vero che ormai il mondo è tutto uguale, neanche nelle cose che più saltano agli occhi. È più facile accorgersi di quello che c’è piuttosto che di quello che manca, ma in Sudan si nota subito: niente McDonalds, niente carte di credito, niente Coca Cola, ma un paese ancora vero, integro, con tutte le sue difficoltà, ma con tanti, tanti sorrisi.

CLUB ITALIA

73


L DESTINAZIONE | SUDAN

a cosa che più mi ha colpito sono proprio i sorrisi, la disponibilità verso l’altro, senza paura, senza malizia, ma solo curiosità. Non mi era mai capitato (se non in Giappone) che mi chiedessero se potevano fotografarmi, di sentirmi io, un essere esotico, sempre con gentilezza, sempre con smaglianti sorrisi. Arrivata a Khartoum di notte e riconosciuto, senza difficoltà, l’unico italiano, l’archeologo che mi avrebbe accompagnata, nel marasma solito di qualsiasi aeroporto africano, mi sono fiondata in uno dei tanti letti di un enorme albergo (sembra una colossale supposta) situato alla confluenza del Nilo azzurro e del Nilo bianco, modernissimo, stonato, costruito da Gheddafi nel 2009. La vera città è però al di là del Nilo, Omdurman la vecchia capitale, dove si possono visitare luoghi sacri come la tomba del Mahdi che siamo riusciti a visitare anche l’interno solitamente chiuso; luoghi storici come la casa del Kahalifa, un patriota che lottò per l’indipendenza e partecipare a strani party macabri: il Venerdì pomeriggio, all’interno di un cimitero si ritrovano quelli che vengono definiti dervisci, ma che non hanno niente a che fare con i dervisci che conosciamo, sono solo degli invasati che danzano freneticamente al suono di tamburi, ma senza un ritmo, senza una regola, vestiti nei modi più strani all’interno di un cerchio formato da una moltitudine di uomini e donne. Si parte per Naga dove, in un paesaggio tipicamente sahariano di rocce e sabbia, si trovano i resti di templi.

74

CIGV MAGAZINE


CLUB ITALIA

75


DESTINAZIONE | SUDAN

Si prosegue per Massawarat per visitare i resti di un antichissimo caravanserraglio risalente ai tempi in cui le carovane utilizzavano gli elefanti e non ancora i cammelli, dormendo poi in tenda con vista sulle Piramidi di Meroe! Si attraversa il Nilo su un traghetto e poi una lunga attraversata del deserto del Bayuda, incontrando gli abitanti, mangiando con loro e fermandoci a due pozzi, molto profondi, dove si raccoglie l’acqua in una pelle di capra tirata da una fune legata ad un asino. Si arriva così a Karima, cittadina che ha nuovissime infrastrutture grazie agli investimenti cinesi che hanno costruito anche una grande diga che fornisce energia elettrica a tutto il paese. Si dorme di fronte al Jebel Barkal, il famoso Monte Sacro con una lunga storia alle spalle. Nei giorni successivi visitiamo diversi siti tutti risalenti all’epoca dei Faraoni Neri o precedenti con una piacevole navigazione sul Nilo osservando le formazioni granitiche che formano le famose cataratte. Il giorno dopo sono svegliata dal vento che soffia impetuoso e mi ritrovo in una tempesta di sabbia impressionante. Indomiti la affrontiamo per andare a visitare villaggi nubiani lungo il Nilo con una popolazione particolarmente ospitale e dove le donne, con abiti coloratissimi, non si coprono il volto. Il giorno dopo ci dedichiamo al sito di Nuri, la più importante necropoli di Napata, l’antica capitale dei Faraoni Neri. Infine il giorno seguente si riparte verso la Capitale Khartoum per il rientro, fermandoci a un “autogrill” autoctono, dove siamo accolti, come sempre, con il sorriso. Il deserto rimane la mia grande passione, ma devo dire, che stavolta quello che mi ha colpito di più è stata l’umanità di questo bellissimo Paese.

76

CIGV MAGAZINE


CLUB ITALIA

77


DESTINAZIONE | NEPAL E TIBET

78

CIGV MAGAZINE


un viaggio di Marcello Sergio

Nepal e Tibet “over the clouds�

Q u e sto vi aggi o ci h a p or t a t o i n d ue P a e si che per mo l ti rapp r e se n t a n o d e i l uogh i m i t i c i , d a v i si tare al men o un a v ol t a n e l l a v i t a : ricch i di sto ri a, cul t ur a , n a t ur a e b e l l e zze a rch i tetto ni ch e.

CLUB ITALIA

79


L DESTINAZIONE | NEPAL E TIBET

Arriviamo a Kathmandu e ci troviamo subito immersi in un traffico caotico, la guida è a destra, l’uso del clacson è spropositato ed è un incrociarsi continuo di mini taxi, automobili, motorini, bus. Giunti in hotel, accendendo per caso la televisione, capitiamo sulla Himalaya TV” ed allora ci rendiamo conto che ci troviamo proprio lì: vicino alla catena dell’Himalaya. Cominciamo a visitare la città: le strade sempre piene di persone che camminano con ritmo frenetico, sono permeate dal profumo dell’incenso che proviene dalle case, dai negozi, ma anche dai templi che si trovano numerosi nel centro storico. Kathmandu, a 1350 m. di altitudine, e’ la capitale del Nepal ed e’ patrimonio dell’Umanità dell’Unesco dal 1979. Visitiamo il Swayambhunat, il “ tempio delle scimmie” , che domina l’intera valle e da cui si gode di uno splendido panorama sulla città. Qui vediamo le caratteristiche “ruote” che sono girate dai fedeli pellegrini in senso orario, così come gli strumenti di preghiera che sono roteati con un movimento della mano. Scendiamo verso il centro storico e visitiamo la Piazza Centrale, Durban Square, su cui si affacciano le tipiche case di legno. Una di queste ospita la Kumari, una bambina di circa dieci anni scelta dagli induisti come dea vivente e quando il cortile si riempie di turisti la bimba si affaccia per farsi vedere ma le è proibito sorridere ed è vietato fotografarla. Visitiamo il Palazzo Reale e il tempio buddista con il tipico cortile interno e poi visitiamo Patan, la seconda città della valle di Kathmandu, detta anche Laliput, la città della bellezza. Tornati a Kathmandu, per la gioia dei turisti, si può fare una passeggiata

80

CIGV MAGAZINE


CLUB ITALIA

81


DESTINAZIONE | NEPAL E TIBET

nel quartiere Thamel pieno di negozi dove poter fare acquisti, tra cui i famosi Mandala, tessuti coloratissimi dipinti a mano da maestri e allievi che rappresentano la strada per raggiungere il Nirvana e le “Singing bowls” che vibrando riproducono il suono meditativo buddista dell’ Om. Poco lontano da Kathmandu, possiamo vedere la più alta statua del mondo di Shiva di 30m. Emozionante è stato l’attraversamento di una gola, bellissima e ricchissima di vegetazione con campi di riso e terrazzamenti, ma con una strada pazzesca chiamata dai nepalesi “the most dangerous road in the world”. Con un volo da Kathmandu, sorvolando la catena dell’Himalaya, atterriamo a Lhasa e da qui cominciamo il nostro lungo tour in Tibet che ci porterà a vedere templi buddisti e bellezze naturali. Lhasa è la capitale del Tibet e li abbiamo subito visitato uno dei luoghi più famosi del Tibet e dell’intera Cina, il Potala Palace. Per noi è stato uno dei momenti più magici dell’intero tour. Il Palazzo è stato per secoli la residenza del Dalai Lama e la sua visione dalla piazza antistante rende l’idea della sua grandezza. Mai vista, nei numerosi viaggi in giro per il mondo, una costruzione così imponente! 1000 stanze disposte su tredici piani. I colori rosso, bianco, ocra danno un fascino unico al Palazzo ed all’ interno si trovano statue di Budda e del Dalai Lama con un enorme quantità di oro e pietre preziose. Nel pomeriggio visitiamo il tempio di Jokhang, il più sacro e frequentato del Tibet, dove numerosi fedeli buddisti s’inginocchiano e pregano; tutto intorno al Barkhor con il “kora”, un circuito ad anello che è percorso in senso orario, ricco di negozi e bancarelle cariche di souvenir. Il giorno successivo visitiamo il Norbulingka, il Palazzo d’Estate del Dalai Lama del 1755, caratteristico per gli ampi e curatissimi giardini che circondano gli edifici e i templi. Pochi chilometri fuori Lhasa si trova il Monastero di Sera, dove è possibile ammirare gli unici Mandala disegnati dal Dalai Lama e realizzati dai monaci con la sabbia dai mille colori. Il monastero è principalmente un collegio per giovani monaci e si può assistere a una “discussione” tra monaci durante la quale con un battito di mani si rivolge la domanda e con una battuta di piede si da’ la risposta. L’ultima sera a Lhasa, sulla Potala Place, assistiamo ad un evento straordinario: uno spettacolo di giochi d’acqua, colori e suoni dal tipico stile cinese, mentre il Potala Palace si illumina e nella notte i suoi colori

82

CIGV MAGAZINE


diventano sempre più vividi. Spettacolo di grande fascino e commozione che resterà indimenticabile nelle nostre menti. Il giorno successivo iniziamo il vero e proprio tour percorrendo una strada tortuosa che ci porta a quota 4500 m, dove potremo vedere alcuni esemplari di mastino tibetano e cucciolo di yak, tenuti in braccio da bambine in costume locale. Ammiriamo il lago Yamdrok (4441 m) dal passo di Kampala (4700 m), continuando a 5000 m il ghiacciaio di KaroLà. Infine arriviamo nella città di Gyantse (3950 m), dove, nel Monastero di Pal-Cho, si trova la più grande stupa del Tibet. Si prosegue per Shigatze, dove visitiamo il Monastero di Tashilunpo, famoso perché ospita la statua di Budda più grande del Tibet e forse del mondo. Il giorno successivo si parte alla volta del Monastero di Sakya, un tempo uno dei più importanti, ma adesso in buona parte distrutto dalla rivoluzione. Le mura del monastero e delle abitazioni del villaggio hanno tre colori, rosso, bianco e blu, ad indicare protezione da parte di Budda per i fedeli. Nella sala di riunione dei monaci, è possibile dedicare una preghiera a una persona cara: un monaco, con una piccola offerta, produce mediante una conchiglia sacra, un suono di una nota che si alza verso il Cielo. Con un lungo spostamento arriviamo nel villaggio di Tingri. Da qui, con una sveglia prima dell’alba, siamo pronti per vivere l’esperienza forse più emozionante di tutto il viaggio. Attraverso una strada sterrata di circa 90 km, 4 ore di viaggio, detta “bombing road” per i continui sobbalzi del bus, arriviamo al Campo Base dell’ Everest a 5520 m. Poter osservare da così vicino la più alta montagna del mondo di 8848 m è un’esperienza unica che ci donerà un ricordo indelebile. Possiamo ritenerci fortunati perché la vetta dell’Everest al nostro arrivo s’irradia della luce del sole e le poche nuvole che la circondano rendono l’immagine ancora più affascinante. Vedere l’Everest illuminato dal sole, in questa stagione dei monsoni, è un evento piuttosto raro e lo interpretiamo come un sorriso che ci arriva dal punto più alto del mondo.

CLUB ITALIA

83


CARTOLINE | I SOCI IN VIAGGIO

e n i l o t r Ca i soci in viaggio


CARTOLINE | I SOCI IN VIAGGIO

Renato Ganeo ad Addis Abeba, in Etiopia

Laurence Taylor difronte a un Tempio a Angkor Wat, in Cambogia


Luca Frassi alla Torre dell’Orologio a Tbilisi, in Georgia

Gianni Manuelli sulla Lagoa das Sete Cidades, alle Azzorre

Ovidio Guaita in centro, a Astana, in Kazaskistan


I VIDEO | DEL CIGV 2003 La mostra LE RAGIONI DEL VIAGGIO è stata organizzata dalla delegazione toscana del CIGV con il patrocinio del Comune di Firenze allo spazio BZF di Firenze con le foto dei soci.

2004 La mostra YEMEN - SULLA VIA CAROVANIERA DELL’INCENSO è stata organizzata dalla delegazione toscana del CIGV con il patrocinio del Comune di Firenze allo spazio BZF di Firenze con le foto di Ovidio Guaita.

2006 La mostra VIAGGI E VIAGGIATORI è stata organizzata dalla delegazione toscana del CIGV con il patrocinio del Comune di Firenze presso la Galleria il Bisontedi Firenze con le foto dei soci.

88

CIGV MAGAZINE


2008 La mostra I VOLTI DEL VIAGGIO è stata organizzata dalla delegazione toscana del CIGV con il patrocinio della Provincia di Firenze nella Limonaia di Palazzo Medici Riccardi con le foto di Vanni Vannucci.

2013 Presentazione del volume di Ovidio Guaita ed Elsa Bozzaotra AZERBAIGIAN. FASTI CAUCASICI TRA BAKU E SHEKI (London, Palidano Press, 2014). 13 dicembre 2013, Four Seasons Hotel Firenze, gala del CIGV (Club Internazionale Grandi Viaggiatori).

disponibili sul canale del CIGV Club Italia

CLUB ITALIA

89


C L U B

I N T E R N A Z I O N A L E

G R A N D I

V I A G G I A T O R I

I N T E R N A Z I O N A L E

G R A N D I

V I A G G I A T O R I

C L U B

3

febbraio 2013

I N T E R N A Z I O N A L E

G R A N D I

CIGV MAGAZINE

CIGV MAGAZINE

CIGV C L U B

2

gennaio 2013

1

V I A G G I A T O R I

C L U B

4

I N T E R N A Z I O N A L E

G R A N D I

5

India

A380 Lufthansa Four Seasons Hotel Firenze

Cina

MAGAZINE

10

America

V I A G G I A T O R I

Club Italia

CIGV C L U B

13

I N T E R N A Z I O N A L E

G R A N D I

I N T E R N A Z I O N A L E

G R A N D I

marzo 2014

Bosnia

Nicaragua

Zimbabwe Club Italia

CIGV MAGAZINE

V I A G G I A T O R I

I N T E R N A Z I O N A L E

G R A N D I

V I A G G I A T O R I

23

US National Parks Club Italia

MAGAZINE

MAGAZINE

ottobre 2014

settembre 2014

Grecia Club Italia

CIGV

il magazine dei Grandi Viaggiatori italiani

24

CIGV C L U B

I N T E R N A Z I O N A L E

G R A N D I

gennaio 2015

V I A G G I A T O R I

6

Capraia

Chad Club Italia

V I A G G I A T O R I

20

Praga

Tunisia Club Italia

G R A N D I

MAGAZINE

CIGV C L U B

I N T E R N A Z I O N A L E

Club Italia

novembre 2014

22

C L U B

giugno 2013

G R A N D I

CIGV

febbraio 2015

I N T E R N A Z I O N A L E

V I A G G I A T O R I

19

Indonesia

MAGAZINE

MAGAZINE

C L U B

G R A N D I

luglio-agosto 2014

giugno 2014

maggio 2014

CIGV

novembre 2014

21

I N T E R N A Z I O N A L E

Club Italia

LIA ITA

V I A G G I A T O R I

CIGV

C L U B

LIA ITA

MAGAZINE

V I A G G I A T O R I

Club Italia

LIA ITA

LIA ITA

G R A N D I

G R A N D I

18

Club Italia

CIGV

90

I N T E R N A Z I O N A L E

Hong Kong

Club Italia

I N T E R N A Z I O N A L E

CIGV C L U B

17

Botswana

C L U B

V I A G G I A T O R I

MAGAZINE

G R A N D I

MAGAZINE

MAGAZINE

MAGAZINE

I N T E R N A Z I O N A L E

LIA ITA

CIGV C L U B

16

LIA ITA

V I A G G I A T O R I

Club Italia

Club Italia

LIA ITA

G R A N D I

LIA ITA

I N T E R N A Z I O N A L E

LIA ITA

C L U B

Club Italia

Club Italia

CIGV

V I A G G I A T O R I

15

14

febbraio 2014

gennaio 2014

CIGV C L U B

V I A G G I A T O R I

Mongolia

Bhutan

Club Italia

V I A G G I A T O R I

marzo 2014

MAGAZINE

MAGAZINE

Azerbaigian

G R A N D I

novembre 2013

settembre 2013

luglio-gosto 2013

giugno 2013 MAGAZINE

dicembre 2013

G R A N D I

I N T E R N A Z I O N A L E

Club Italia

CIGV I N T E R N A Z I O N A L E

C L U B

Uganda

Malta

C L U B

V I A G G I A T O R I

CIGV

LIA ITA

G R A N D I

V I A G G I A T O R I

LIA ITA

I N T E R N A Z I O N A L E

12

11

G R A N D I

9

LIA ITA

CIGV C L U B

V I A G G I A T O R I

I N T E R N A Z I O N A L E

Club Italia

LIA ITA

LIA ITA

G R A N D I

CIGV C L U B

V I A G G I A T O R I

8

Club Italia

CIGV

G R A N D I

MAGAZINE

I N T E R N A Z I O N A L E

Croazia

Club Italia

I N T E R N A Z I O N A L E

CIGV C L U B

7

Capraia

C L U B

V I A G G I A T O R I

ottobre 2013

G R A N D I

MAGAZINE

MAGAZINE

MAGAZINE

I N T E R N A Z I O N A L E

LIA ITA

CIGV C L U B

6

Club Italia

LIA ITA

V I A G G I A T O R I

Club Italia

LIA ITA

G R A N D I

LIA ITA

I N T E R N A Z I O N A L E

LIA ITA

CIGV

Club Italia

MAGAZINE

Club Italia

MAGAZINE

Club Italia

C L U B

V I A G G I A T O R I

maggio 2013

V I A G G I A T O R I

aprile 2013

G R A N D I

marzo 2013

I N T E R N A Z I O N A L E

MAGAZINE

MAGAZINE

C L U B

CIGV MAGAZINE

CIGV


MAGAZINE

CIGV il magazine dei Grandi Viaggiatori italiani

sfoglia gli arretrati su www.issuu.com/CIGV-italia

CLUB ITALIA

91

CIGV Magazine Club Italia n. 26  
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you