Page 1

BILANCIO DI MISSIONE 2015

C.I.F.A ONLUS - CENTRO INTERNAZIONALE PER L’INFANZIA E LA FAMIGLIA ORGANIZZAZIONE NON GOVERNATIVA

1


C.I.F.A ONLUS - CENTRO INTERNAZIONALE PER L’INFANZIA E LA FAMIGLIA ORGANIZZAZIONE NON GOVERNATIVA

INDICE 3

1. Introduzione

Lettera del CDN 2.

CHI SIAMO

6

7

8

9

Storia & Riconoscimenti

Mission & Vision

Principi & Valori

10

11

14

15

Codici di Condotta

Reti

Assetto Istituzionale

17

26

34

37

Adozione Internazionale

Cooperazione Internazionale

Sostegno a Distanza SAD

Educazione alla Cittadinanza Mondiale EAS

40

53

55

Comunicazione & Fundraising

Cifa Services

Lettera del Presidente

Contatti

3.

COSA FACCIAMO

Preventivo di Bilancio 2015

2


C.I.F.A ONLUS - CENTRO INTERNAZIONALE PER L’INFANZIA E LA FAMIGLIA ORGANIZZAZIONE NON GOVERNATIVA

1 INTRODUZIONE LETTERA DEL CDN Nel corso del 2015 sono state convocate due assemblee ordinarie, la prima il 28 aprile, durante la quale è stato eletto il nuovo Consiglio Direttivo di Cifa, e la seconda il 13 dicembre, che ha visto invece l’approvazione del bilancio preventivo. L’elezione del nuovo Consiglio Direttivo ha visto la conferma alla presidenza di Gianfranco Arnoletti e di Maria Paola Maurino come vicepresidente, di Sandro Giannini come consigliere e l’ingresso di Valeriomaria Liprandi come tesoriere e di Paola Strocchio come consigliere. Per quanto riguarda il settore relativo alle adozioni internazionali, il numero delle adozioni portate a termine ha subito una diminuzione che avevamo preventivato soltanto in parte, pari a circa il 18 per cento. Sempre a proposito di adozioni, segnaliamo che per alcuni Paesi, in particolare nella Federazione Russa, sono aumentati i tempi relativi agli abbinamenti ed è invece diminuito il numero di bambini adottati. Nessun Paese né l’insieme di più Paesi, a oggi, hanno potuto sostituire il peso specifico della Federazione Russa, che ha registrato una diminuzione pari al 40 per cento dei bambini diventati figli. Segnaliamo invece un buon aumento del numero delle adozioni in Bulgaria, con una crescita pari a circa il 40 per cento. Ancora, ottimo il trend delle Filippine, che ha visto il raddoppio del numero di bambini che hanno visto realizzarsi il loro diritto più importante, quello di avere una famiglia. In Cambogia la situazione risulta ancora a un punto fermo, nonostante le rassicurazioni provenienti dal Paese khmer e nonostante l’incontro ufficiale tra le autorità competenti cambogiane e quelle italiane che si è tenuto nel 2014. Tutto fermo anche per quanto riguarda Congo, Haiti e Moldavia. Segnali confortanti arrivano invece dalla Cina, che ha mantenuto ritmi costanti, e dall’apertura dell’India, Paese per il quale abbiamo già preso i primi incarichi. 3


C.I.F.A ONLUS - CENTRO INTERNAZIONALE PER L’INFANZIA E LA FAMIGLIA ORGANIZZAZIONE NON GOVERNATIVA

La ragione del mancato raggiungimento degli obiettivi va ricercata nella crisi economica che ha colpito praticamente ogni settore del nostro Paese, ma anche dal fatto che i Paesi da cui provengono i nostri bambini propongono minori che devono confrontarsi con problemi fisici o psichici, appartenenti quindi alle liste speciali, o bambini di età superiore ai 7 oppure 8 anni. Inoltre, il rallentamento di alcuni Paesi, in particolare quello nella Federazione Russa, ha fatto sì che i numeri di bambini diventati figli subisse una riduzione importante. Nel corso del 2015 sono stati pubblicati tre numeri del nostro giornalino “CIFA 4children”, anche quest’anno in versione digitale, per ottimizzare i costi e le risorse. Inoltre è stata lanciata una nuova versione del nostro sito Internet www.cifaong.it ed è stata creata una sezione apposita dedicata esclusivamente al Sostegno a Distanza (www. sostieniunbambino.it) accessibile anche non attraverso il nostro sito Internet ufficiale. A differenza dell’anno precedente, abbiamo usufruito per due settimane (invece che una) dell’SMS solidale, che ci ha permesso di raccogliere fondi per il nostro progetto di cooperazione internazionale “Via del Campo”, con una buona copertura mediatica sia a livello nazionale sia a livello locale, su radio, carta stampata e televisioni. Inoltre, abbiamo partecipato alla raccolta del 5 mille, realizzando un apposito video che è stato trasmesso anche da alcune televisioni locali. Infine, abbiamo organizzato un meeting di tre giorni, che ha permesso a tutti gli operatori del nostro Ente (provenienti da ogni sede d’Italia) di incontrarsi, migliorare la conoscenza e irrobustire le relazioni umani e professionali. Torino, 29 Gennaio 2016

4


C.I.F.A ONLUS - CENTRO INTERNAZIONALE PER L’INFANZIA E LA FAMIGLIA ORGANIZZAZIONE NON GOVERNATIVA

2. CHI SIAMO 5


C.I.F.A ONLUS - CENTRO INTERNAZIONALE PER L’INFANZIA E LA FAMIGLIA ORGANIZZAZIONE NON GOVERNATIVA

CONTATTI Sede Legale: TORINO Via Ugo Foscolo n. 3 10126 Torino Tel. +39 011 43 38 059/433 08 53 Fax +39 011 43 38 029 Email cifa.torino@cifaong.it Sedi operative: ROMA Via Giambattista Vico n. 22 00196 Roma Tel. +39 06 44 40 991 Fax +39 06 49 38 27 99 Email cifa.roma@cifaong.it

VENEZIA Via Antonio Gramsci n. 2/1 30035 Mirano (VE) Tel. +39 041 57 02 779 Fax +39 041 57 27 469 Email cifa.venezia@cifaong.it

BARI Via Giacomo Leopardi n. 37 70032 Bitonto (BA) Tel. +39 080 2374242 Fax +39 080 2374242 Email cifa.puglia@cifaong.it

ANCONA Via Guglielmo Marconi n. 102 60015 Falconara M.Ma (AN) Tel. +39 071 59 03 000 Fax +39 071 91 66 399 Email cifa.ancona@cifaong.it

milano Via Giuglio e Corrado Venini n. 35 20127 Milano Tel. +39 02 26149752 Fax +39 02 26149752 Email cifa.milano@cifaong.it Sportelli Informativi: FIRENZE Email: bazzoffi@cifaong.it

Riferimenti sul territorio: BOLOGNA Email: cifa.roma@cifaong.it NAPOLI Email: cifa.roma@cifaong.it LUCCA Email: locci@cifaong.it

6


C.I.F.A ONLUS - CENTRO INTERNAZIONALE PER L’INFANZIA E LA FAMIGLIA ORGANIZZAZIONE NON GOVERNATIVA

STORIA CIFA nasce nel 1980 a Torino come associazione di un gruppo di genitori che hanno adottato i propri figli in Paesi in via di sviluppo. Dalla decisione di unire le forze per creare una rete che aiuti quanti vogliano avvicinarsi all’adozione internazionale, nasce il Centro Internazionale Famiglie pro Adozione, il cui acronimo è CIFA. L’associazione diventa un punto di riferimento per gli aspiranti genitori adottivi, apre una seconda sede a Venezia e vive, passo dopo passo, i vari cambiamenti legislativi che accompagnano il panorama dell’adozione internazionale. Ai sensi della legge 476 del 1998 (che istituisce anche la CAI - Commissione Adozioni Internazionale), CIFA diviene a tutti gli effetti un Ente Autorizzato. Nel 2000 CIFA inaugura una terza sede a Falconara Marittima, nelle Marche: un passo verso le numerose coppie adottive provenienti dal centro Italia e dal mezzogiorno. Una svolta importante avviene nel 2005, con il riconoscimento dello status di Organizzazione Non Governativa. CIFA diviene così Centro Internazionale per l’Infanzia e la Famiglia, cambia la propria missione e all’impegno per l’adozione internazionale affianca progetti di cooperazione allo sviluppo, col compito di tutelare l’infanzia in diversi Paesi del mondo, nonché prevenire l’abbandono e lo sfruttamento dei bambini. Nel 2009 CIFA inaugura una quarta sede a Roma. Nel 2010 è ammesso all’Istituto Italiano della Donazione, e viene insignito della certificazione di qualità ISO 9001. CIFA festeggia i suoi primi trent’anni a cavallo tra il 2010 e il 2011 con una serie di eventi e pubblicazioni, confermando ancora oggi

la leadership nel settore delle adozioni, rinnovando quotidianamente il proprio impegno nella cooperazione, nell’educazione ai diritti, nella formazione e nella comunicazione. Nel 2014 CIFA inaugura la quinta sede a Bitonto, in Puglia. Nel 2015 lo sportello informativo di Milano si trasforma in sede al fine di ottemperare alle innumerevoli richieste provenienti dal territorio lombardo.

RICONOSCIMENTI Il 16 dicembre 1993 l’Ente è stato iscritto all’Albo Regionale del Piemonte per il Volontariato ai sensi della Legge quadro sul Volontariato n266/91. L’8 agosto 1996 l’Ente è stato eretto in Ente Morale con Decreto Ministeriale e nel 1997 D.L.460 diventa una O.N.L.U.S - Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. Il 16 gennaio 2008 l’Ente è stato riconosciuto dal M.A.E. idoneo a operare nel campo della Cooperazione Internazionale per l’”Informazione ed Educazione allo Svilppo” ai sensi dell’art.28 della Legge n.48/87

IT233894

7


C.I.F.A ONLUS - CENTRO INTERNAZIONALE PER L’INFANZIA E LA FAMIGLIA ORGANIZZAZIONE NON GOVERNATIVA

MISSION Agiamo per migliorare le condizioni di vita dei bambini e degli adolescenti in situazione di bisogno o in stato di abbandono. Ci impegniamo a garantire loro una identità, una famiglia e una crescita armoniosa. Promuoviamo la cultura dei diritti dell’infanzia sanciti nella convenzione ONU.

VISION Sogniamo un mondo di pace in cui a tutti i bambini e agli adolescenti siano garantiti acqua, cibo, salute, scuola, gioco, affetto e protezione. Un mondo in cui i bambini e gli adolescenti si sentano amati e rispettati all’interno di una famiglia e di una comunità, divenendo soggetti attivi della propria crescita armoniosa.

8


C.I.F.A ONLUS - CENTRO INTERNAZIONALE PER L’INFANZIA E LA FAMIGLIA ORGANIZZAZIONE NON GOVERNATIVA

PRINCIPI E VALORI Interesse superiore dei bambini e dei ragazzi CIFA, in tutti i suoi interventi, valuta come prioritario l’interesse superiore dei bambini e degli adolescenti, partendo dall’analisi del contesto locale e con la partecipazione attiva degli stessi, consentendo loro di esprimere liberamente le proprie opinioni su tutte le questioni che li riguardano. Non discriminazione CIFA agisce affinché tutti i bambini e gli adolescenti godano dei propri diritti senza che possano essere fatte discriminazioni di alcun tipo. Volontariato CIFA considera fondamentale l’impegno dei volontari che si adoperano per contribuire al conseguimento degli obiettivi dell’organizzazione. Rispetto verso i propri collaboratori e partner CIFA riconosce nei propri collaboratori, italiani e stranieri, il valore della professionalità, dell’impegno e del contributo anche in termini di risultati raggiunti. CIFA si rapporta con i propri partner, italiani e stranieri, garantendone l’autonomia, il pieno coinvolgimento e la cooperazione lavorando con loro in un’ottica di interscambio di esperienze, conoscenze e professionalità. Trasparenza CIFA garantisce una gestione trasparente, sia nei confronti dei donatori sia nei confronti dei partner, riconoscendo la necessità di rendere conto delle proprie attività, tanto sul piano finanziario quanto su quello dell’efficacia degli interventi.

Correttezza e Onestà CIFA assume comportamenti corretti e leali in tutte le attività proprie dell’organizzazione, nel pieno rispetto dei soggetti coinvolti. Pluralismo CIFA è apartitico, apolitico e non è legato ad alcuna confessione religiosa. CIFA riconosce a tutti i suoi collaboratori e partner il diritto alla libertà di opinione, politica e confessionale. Rispetto della cultura, leggi e regole locali CIFA opera nel rispetto della cultura locale, favorendo il dialogo interculturale e promuovendo i diritti e la dignità della persona come previsto dalla Dichiarazione Universale dei Diritti Umani delle Nazioni Unite. Solidarietà e cooperazione tra i popoli CIFA promuove azioni che mettono al centro la persona umana e che sono volte a rafforzare forme di autosviluppo attraverso una collaborazione alla pari tra le popolazioni del Nord e del Sud del mondo. Rifiuto della guerra e di ogni forma di violenza CIFA considera la pace un elemento essenziale per lo sviluppo dei popoli e promuove la cultura della non violenza.

9


C.I.F.A ONLUS - CENTRO INTERNAZIONALE PER L’INFANZIA E LA FAMIGLIA ORGANIZZAZIONE NON GOVERNATIVA

CODICI DI CONDOTTA EUROCHILD MEMBERS’ CHARATER Eurochild è un network internazionale di associazioni e di individui che si impegnano a migliorare le condizioni di vita dell’infanzia in Europa. I principi e i valori cui si ispira l’azione di Eurochild sono contenuti nella Convenzione Onu dei diritti dell’infanzia. La carta dei Soci di Eurochild, usata anche da Cifa, è il documento che ogni socio del coordinamento sottoscrive e si impegna a rispettare nell’ambito del lavoro con Eurochild. CARTA SERVIZI CIFA La Carta dei Servizi è un documento prezioso: come sancito dall’articolo 16 delle Linee Guida che sono state emanate dalla Commissione per le Adozioni Internazionali il 28 ottobre 2008 con delibera n. 13/2008/SG, si tratta di uno strumento conoscitivo di quelli che sono i principi e i valori che stanno alla base delle attività del nostro Ente Autorizzato. Inoltre descrive le attività finalizzate allo svolgimento della procedura adottiva internazionale e dei servizi offerti. CODICE ETICO CIFA Il Codice Etico di Cifa definisce un insieme di principi di condotta che rispettano particolari criteri di adeguatezza, di trasparenza, di correttezza e soprattutto di tutela dei minori, in riferimento ai contesti in cui il nostro Ente Autorizzato opera, nell’ambito dell’adozione internazionale, della cooperazione internazionale e dell’educazione alla cittadinanza mondiale. 10


C.I.F.A ONLUS - CENTRO INTERNAZIONALE PER L’INFANZIA E LA FAMIGLIA ORGANIZZAZIONE NON GOVERNATIVA

RETI EUROCHILD

RETI NAZIONALI

Eurochild è una rete che raccoglie 135 organizzazioni di 35 Paesi europei, impegnate in attività “Insieme e a favore dei bambini”. La sua missione è promuovere i diritti e il benessere del bambino in Europa influenzando le politiche a livello europeo e nazionale, aiutando a elaborare nuove buone pratiche, promuovendo la partecipazione dei bambini e dei giovani. Eurochild lavora applicando i principi espressi nella Dichiarazione delle Nazioni Unite sui Diritti del Fanciullo (UNCRC), focalizzandosi in particolare sulla lotta contro la povertà infantile e l’esclusione sociale dei bambini e degli adolescenti. La forza di questa rete sta nel fornire una serie di servizi ai suoi associati, grazie allo scambio di buone pratiche provenienti dalle realtà più strutturate e dai Paesi che hanno una forte cultura dei diritti dell’infanzia verso soggetti di Paesi di recente adesione all’Unione Europea, tradizionalmente meno attenti a questi temi. CIFA è membro associato di EUROCHILD dal 2010.

PER I DIRITTI DELL’INFANZIA E DELL’ADOLESCENZA - PIDIDA

FUNDAMENTAL RIGHTS PLATFORM – F.R.A.

GLOBAL CAMPAIGN FOR EDUCATION – G.C.E.

La Piattaforma per i Diritti Fondamentali è il luogo dedicato al dialogo e alla cooperazione con la società civile per la realizzazione degli obiettivi concernenti la promozione dei Diritti Fondamentali, creato dall’Agenzia Europea dei diritti Fondamentali. CIFA partecipa ai lavori della F.R.A. a partire dal 2010.

G.C.E. nasce nel 2002 come un movimento composto da associazioni della società civile, educatori, insegnanti, ONG e sindacati capaci di mobilitare idee e risorse, e di fare pressione sulla comunità internazionale e sui governi affinché si impegnino per il raggiungimento degli obiettivi dell’EFA. Nel 2008, un gruppo di Organizzazioni Non Governative che aderiscono alla campagna a livello internazionale ha lanciato la coalizione italiana, composta tra gli altri da Action Aid, Mani Tese, Save the Children, We World 11

Il PIDIDA è un libero tavolo di confronto e coordinamento aperto a tutte le Associazioni, ONG, e in generale alle realtà del Terzo Settore che operano per la promozione e la tutela dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza in Italia e nel mondo. CIFA, all’interno del gruppo di coordinamento nazionale, fa parte del tavolo di lavoro sulla Partecipazione, del gruppo di lavoro sulla Sessione Speciale (c.d. “Gruppo UNGASS”) e del gruppo di lavoro sull’approfondimento della Convenzione. CIFA partecipa ai lavori del PIDIDA a partire dal 2010. Nell’ambito del Pidida, CIFA è attivo nel progetto Partecipare, Infinito, Presente e, attraverso una serie di azioni condivise con altre associazioni, sta lavorando alla costituzione del Pidida Piemonte.


C.I.F.A ONLUS - CENTRO INTERNAZIONALE PER L’INFANZIA E LA FAMIGLIA ORGANIZZAZIONE NON GOVERNATIVA

Intervita etc… Le attività della C.G.E. in Italia consistono in un lavoro continuo di sensibilizzazione della società civile al fine di promuovere i valori dell’educazione inclusiva da un lato, e dall’altro si concentrano in due momenti particolari: la Giornata Mondiale dell’Insegnante e la Global Action Week. CIFA è entrato a far parte della G.C.E. Italia nel 2011. CIFA fa parte del comitato di coordinamento della coalizione nell’ambito del gruppo policy ed è coordinatore del Gruppo Scuola Italia.

sociali del volontariato e della cooperazione internazionale, nel rafforzamento delle relazioni tra individui e comunità. AOI promuove iniziative e alleanze con altre rappresentanze e coordinamenti associativi, reti tematiche, enti locali per la certezza e l’efficacia delle risorse e per una cooperazione di sistema eticamente e territorialmente sostenibile, confrontandosi e dialogando anche con il mondo profit. CIFA è socio di AOI dal 2013. RETI LOCALI

CONSULTA NAZIONALE DELLE ASSOCIAZIONI E CONSORZIO ONG PIEMONTESI – COP ORGANIZZAZIONI (Ufficio Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza) Il COP è un’associazione che riunisce le principali organizzazioni operative sul territorio La Consulta si riunisce almeno due volte l’anno piemontese che si occupano prioritariamente presso la sede del Garante. Le associazioni e di cooperazione internazionale e di educazione le organizzazioni che compongono la Consulta alla cittadinanza mondiale. sono individuate dal Garante tra le associazioni Nato nel 1997, a oggi conta 25 organizzazioni, e le organizzazioni che dimostrino di svolgere operative in oltre 90 Paesi grazie al lavoro di continuativamente la loro attività nei settori circa 100 collaboratori, 1.000 volontari in dell’infanzia e dell’adolescenza. Il Garante Piemonte e 70 impegnati all’estero. A fianco di definisce le modalità di funzionamento e le collaboratori locali e centinaia di associazioni relative procedure. Particolare attenzione è ed enti partner, i membri del COP lavorano accordata alle associazioni e alle organizzazioni grazie ai fondi raccolti in Italia e in Europa da che, nello svolgimento delle loro attività, migliaia di privati cittadini ed enti di ogni tipo, promuovono fattivamente la partecipazione permettendo di realizzare al momento circa e l’ascolto dei bambini e degli adolescenti. 260 progetti. CIFA fa parte della Consulta a partire dalla sua CIFA è diventato socio effettivo del Consorzio istituzione. nel 2010. ASSOCIAZIONE DELLE ORGANIZZAZIONI MARCHE SOLIDALI ITALIANE DI COOPERAZIONE E SOLIDARIETA’ INTERNAZIONALE (AOI) Marche Solidali è una rete regionale di associazioni e organizzazioni non governative AOI ha come finalità la rappresentanza e aventi tra le loro finalità quelle della la valorizzazione della pluralità degli attori cooperazione, della solidarietà internazionale, 12


C.I.F.A ONLUS - CENTRO INTERNAZIONALE PER L’INFANZIA E LA FAMIGLIA ORGANIZZAZIONE NON GOVERNATIVA

dell’educazione allo sviluppo e delle migrazioni con particolare riferimento al co-sviluppo. Il coordinamento intende offrire servizi sia ai consociati sia agli esterni, come: formazione interna sulla progettazione e gestione dei progetti, formazione esterna per la sensibilizzazione e coinvolgimento dei giovani, banca dati comune per la gestione del personale e dei volontari, progettazione condivisa, programmazione di eventi e attività volte alla visibilità di ogni associazione, un’educazione allo sviluppo coordinata e capillare, monitoraggio continuo dei bandi per il finanziamento di progetti di cooperazione allo sviluppo. CIFA è membro dal 2010. ARCI SERVIZIO CIVILE TORINO Arci Servizio Civile Torino, quale articolazione territoriale di Arci Servizio Civile Nazionale, è un’associazione senza fini di lucro composta da 20 organizzazioni socie che risultano idonee e accreditate per il servizio civile. Arci Servizio Civile Torino promuove i valori della pace, della non violenza e del servizio civile come forma di educazione alla cittadinanza attraverso l’impegno sociale sul territorio. Ritiene segno di identità del servizio civile la dimensione formativa e opera per la promozione di culture ed esperienze. Si attiva affinché i progetti presentati dagli enti che fanno parte dell’Associazione siano progetti “di qualità” e offrano ai volontari e alle volontarie un percorso di cittadinanza attiva serio e significativo. CIFA ha un delegato nel Consiglio Direttivo e un membro all’interno del Collegio dei Revisori dei Conti. 13


C.I.F.A ONLUS - CENTRO INTERNAZIONALE PER L’INFANZIA E LA FAMIGLIA ORGANIZZAZIONE NON GOVERNATIVA

ASSETTO ISTITUZIONALE ORGANO DI GOVERNO C.D.N. – CONSIGLIO DIRETTIVO NAZIONALE (mandato aprile 2015 - aprile 2018) PRESIDENTE – Gianfranco Arnoletti VICE PRESIDENTE – Maria Paola Maurino TESORIERE – Valeriomaria Liprandi CONSIGLIERE – Paola Strocchio CONSIGLIERE – Sandro Giannini ORGANI DI CONTROLLO COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI INTERNI (mandato aprile 2015 - aprile 2018) Silvano Donà Enrico Furlan Massimo Husse REVISORE DEI CONTI ESTERNO CIFA ha conferito incarico al ragionier Paolo Briziobello. Tale attività di revisione contabile è sotto la responsabilità di un professionista iscritto all’Albo dei Revisori contabili, come disciplinato dal D.lgs. n. 88 del 1992. COLLEGIO DEI PROBIVIRI (mandato aprile 2015 - aprile 2018) Paolo Bazzoffi Marco Merigo Vincenzo Provenzale Supplenti: Daniela Cavalla Luigino Quarchioni

ORGANO DELIBERATIVO ASSEMBLEA DEI SOCI Possono essere Soci tutti coloro che, maggiorenni, ne facciano domanda e che, ai sensi dell’art. 3 dello Statuto, condividano le finalità dell’Associazione tendenti a uno spirito di solidarietà umana e si impegnino ad accettare e rispettare il contenuto del presente Statuto, dimostrando un ampio senso di collaborazione democratica (art. 7 Statuto). Statuto dell’Ente BASE SOCIALE Totale Soci ordinari N° Soci aventi diritto al voto N° Soci non aventi diritto di voto N° Soci che prestano attività di volontariato continuativa

3799 172 3627 20 14


C.I.F.A ONLUS - CENTRO INTERNAZIONALE PER L’INFANZIA E LA FAMIGLIA ORGANIZZAZIONE NON GOVERNATIVA

BILANCIO PREVENTIVO 2016 ENTRATE

TOTALE

Entrate adozione

1.816.575,00

Entrate nazionale

376.575,00

Entrate altre

610.450,00

Totale entrate

2.803.600,00

USCITE

TOTALE

Gestione sede - Utenze

244.279,00

Gestione sede - Servizi

38.700,00

Gestione sede - Logistica

48.550,00

Gestione sedi - Varie

9.600,00

Gestione Sedi - Rappresentaza

64.000,00

Gestione Sedi - Hard. & Softw.

37.668,00

Costi Personale dip. e/o altro

949.800,07

Costo professionisti vari

241.080,00

Costo professionisti c/adozione

318.300,00

Costogestione estero

167.300,00

Costi legalizzazioniI-assic.-varie paesi

133.000,00

Costi gestione pre-post adozione Costi gestione progetti vari -regione Costi SAD trasferimento Costi progetti cooperazione

91.800,00 2.500,00 96.000,00 248.000,00

Oneri finanziari

13.280,00

Costi eventi vari

102.300,00

Imposti e Tasse

16.442,93

Gestione Amministrativa Totale uscite

5.000,00 2.803.600,00 15


C.I.F.A ONLUS - CENTRO INTERNAZIONALE PER L’INFANZIA E LA FAMIGLIA ORGANIZZAZIONE NON GOVERNATIVA

3. COSA FACCIAMO 16


C.I.F.A ONLUS - CENTRO INTERNAZIONALE PER L’INFANZIA E LA FAMIGLIA ORGANIZZAZIONE NON GOVERNATIVA

ADOZIONI INTERNAZIONALI Attraverso l’istituto dell’Adozione Internazionale garantiamo una famiglia a quei bambini cui non è data la possibilità di crescere in un ambiente familiare adeguato all’interno del proprio Paese di origine. CIFA, nello spirito del principio di sussidiarietà sancito dalla Convenzione dell’Aja del 1993 sulla protezione dei minori e sulla Cooperazione in materia di Adozione Internazionale, considera l’Adozione come la scelta estrema e residuale rispetto ad altre forme di aiuto ai bambini che si trovano in situazioni difficili e di estrema precarietà. In quest’ottica affianchiamo gli aspiranti genitori adottivi nel processo di accrescimento della consapevolezza di sé e delle proprie capacità genitoriali nel percorso di Adozione e nell’inserimento del bambino, attraverso l’erogazione dei seguenti servizi: • incontri di prima informazione, dove vengono fornite alle coppie aspiranti all’Adozione Internazionale informazioni su: aspetti psicologici dell’adozione internazionale, tempi, costi, procedure dell’adozione, metodologie operative e legislazioni relative ai Paesi di origine del bambino; • corsi di formazione, che hanno l’obiettivo di trasmettere alle coppie partecipanti una conoscenza approfondita su: - filosofia, struttura e metodologia operativa dell’Ente; - aspetti psicologici, sanitari e giuridici, grazie alla collaborazione di professionisti; - nozioni tecniche su procedure adottive e costi; - esperienza vissuta da famiglie adottive che hanno già concluso l’iter;

• gestione dell’iter adottivo, dal momento del Conferimento d’Incarico da parte della coppia all’Ente fino alla realizzazione dell’Adozione Internazionale; • gestione dell’attesa, che prevede incontri tematici specifici e sui Paesi in cui opera il CIFA; • monitoraggio post adottivo, che prevede il supporto alla coppia nell’elaborazione delle relazioni post adottive richieste dalle Autorità dei Paesi di origine dei bambini.

ADOZIONI 2015 PAESE Brasile Bulgaria Cambogia Cina Colombia Etiopia Filippine Kazakhstan Perù Russia Togo Ucraina Vietnam Totale

COPPIE

MINORI

6 21

7 25

-

-

100 1 15 9 1

100 1 18 10 1

5

5

52 -

61 -

1

1

-

-

211

229 17


C.I.F.A ONLUS - CENTRO INTERNAZIONALE PER L’INFANZIA E LA FAMIGLIA ORGANIZZAZIONE NON GOVERNATIVA

COLLOQUI INFORMATIVI E DI APPROFONDIMENTO Nel 2015 sono stati attivati un totale di 802 Totale colloqui di approfondimento, inclusi primi colloqui informativi di coppia e 487 quelli non preceduti da incontro informativo: colloqui di approfondimento. Per colloquio SEDE LOCALITà NUMERO di approfondimento si intende il percorso GESTIONE COLLOQUIO COLLOQUI pre-conferimento svolto con la coppia in 56 Ancona Ancona uno o più incontri dedicati. Tutti i colloqui informativi e di approfondimento svolti prima 9 Firenze Ancona del conferimento d’incarico sono gratuiti per la 25 Bari Bari coppia. Roma 5 Bologna 6 Firenze Roma SEDE LOCALITà NUMERO 1 Napoli Roma GESTIONE COLLOQUIO PRESENTI 107 Roma Roma 94 Ancona Ancona 74 Milano Torino 18 Firenze Ancona 105 Torino Torino 49 Bari Bari Venezia 99 Venezia Milano 10 Milano 487 Totale 18 Bologna Roma Roma Roma Roma

Firenze Napoli Roma

37 7 143

Torino Torino Venezia

Milano

150

Torino Firenze

135 8

Venezia

Venezia

133

Totale

802

CORSI DI FORMAZIONE CIFA Per il corso di formazione, il nostro personale ha utilizzato diverse metodologie formative: interventi in plenaria, lavori in piccoli e grandi gruppi, simulazioni (in particolare riguardanti il momento della proposta di abbinamento), incontri con famiglie adottive, affiancamento con medici specializzati in patologie dei minori. Le principali criticità sulle quali si è soffermata l’attenzione sono state: 1) la gestione del rischio sanitario e le peculiarità legate all’adozione di bambini più grandi; 2) le difficoltà incontrate dal minore adottato nel suo percorso di crescita, legate al suo passato di abbandono, di maltrattamenti o 18


C.I.F.A ONLUS - CENTRO INTERNAZIONALE PER L’INFANZIA E LA FAMIGLIA ORGANIZZAZIONE NON GOVERNATIVA

abusi fisici e psicologici 3) come gestire la genitorialità sin dai primi tempi e l’importanza di dare priorità ad alcuni aspetti della crescita e tralasciarne altri. Un’attenzione particolare è stata data alla necessità di stabilire delle regole chiare; 4) l’inserimento a scuola; si sono date indicazioni pratiche, vista l’età media dei minori in adozione.

1) aggiornamento sulle procedure adottive; 2) approfondimento socio-culturale, con la presentazione dei nostri progetti di Cooperazione Internazionale nel Paese; 3) immedesimazione con le esperienze di altre famiglie adottive, attraverso l’incontro con famiglie adottive già formate. Gli incontri sono stati molto positivi, e hanno risposto adeguatamente alle necessità delle coppie di sentirsi accompagnante nel percorso Nei corsi dedicati alle coppie che decidono adottivo e di entrare maggiormente in contatto di intraprendere il percorso per una seconda con la realtà del Paese di provenienza del adozione, ci si è in particolar modo focalizzati bambino che andranno ad accogliere. su: 1) motivazione che spinge la coppia ad affrontare nuovamente il percorso. CENTRO DI ASCOLTO 2) il mutamento familiare con l’arrivo del secondo figlio e il rapporto da costruire con il Nel 2015 molte sono state le richieste fratello/sorella maggiore. d’intervento: la maggior parte di queste ha richiesto un incontro diretto e personale, Questo accompagnamento è stato visto mentre alcune hanno trovato soddisfazione dalle coppie come un momento di ulteriore grazie a una consulenza telefonica. riflessione e, in alcuni casi, di verifica della Altro servizio che è risultato molto richiesto dalle stessa volontà di continuare il percorso famiglie è stata la consulenza psicologica adottivo. prestata ai figli adolescenti in crisi evolutiva. Numerosi sono stati i contatti via Skype con SEDE PARTECIPANTI le famiglie all’estero nelle prime settimane di convivenza con i loro bambini, in particolare in 96 Torino quei Paesi dove la permanenza è più lunga e 55 Venezia le dinamiche da gestire possono rivelarsi più 43 Ancona complesse. Roma 66 Da ultimo, il CIFA ha risposto positivamente alle sempre maggiori richieste provenienti dalle 6 Bitonto famiglie per organizzare interventi nelle classi GESTIONE DELL’ATTESA e direttamente con gli insegnanti dei bambini adottati, per agevolare il loro inserimento in Sono stati attivati corsi attesa sui seguenti Italia. Paesi: Russia, Filippine, Cina, Bulgaria, Etiopia, Perù. Le principali tematiche trattate in questi percorsi sono state: 19


C.I.F.A ONLUS - CENTRO INTERNAZIONALE PER L’INFANZIA E LA FAMIGLIA ORGANIZZAZIONE NON GOVERNATIVA

REPORT POST ADOZIONE ADOZIONI Non sono al momento disponibili i primi dati statistici pubblicati ogni anno dalla CAI relativi all’anno appena concluso e al 2014. DATI DI COMPARAZIONE CIFA 2014 CON 2015

ANNO Coppie in lista di attesa al 31/12/2015 Incarichi assunti Incarichi revocati e rimessi Tempo medio di attesa in mesi (incarico/chiusura) Età media minori adottati in anni, mesi (arrivo)

ANNO Coppie in lista di attesa al 31/12/2014

Incarichi assunti Incarichi revocati e rimessi

Tempo medio di attesa in mesi (incarico/chiusura) Età media minori adottati in anni, mesi (arrivo)

2015 409 284 61 20 4,4 2014 494 302 61 21 4,6

NUOVE STRADE La novità più importante relativa all’apertura nuovi Paesi, per il 2015, riguarda l’India. CIFA ha ottenuto l’accredito presso l’Autorità Centrale indiana (CARA) nel mese di marzo, e a partire da quel momento ha lavorato per consolidare la propria struttura in loco. Nel mese di ottobre si è svolta la prima missione nel Paese, dove sono state incontrate le autorità indiane e quelle italiane all’estero e si sono gettate le basi per il deposito dei primi dossier delle coppie. I primi conferimenti d’incarico sono stati accettati a partire dal mese di novembre.

Il servizio di post adozione (report adottivo) è garantito da equipe di psicologhe e assistenti sociali, da personale che si occupa della gestione e della segreteria post adozione Si desidera mettere in risalto che il lavoro del post adozione non prevede unicamente la semplice produzione di un report scritto, ma implica sostanzialmente un momento ulteriore di sostegno alla genitorialità utile alla famiglia adottiva e volto a garantire un servizio di qualità. PAESE Brasile Bulgaria Cambogia Cina Colombia Etiopia Filippine Kazakhstan Perù Russia Sri Lanka Togo Ucraina Vietnam Totale

N° REPORT 49 89 367 572 19 307 26 54 39 467 30 2 46 23 2.090

20


C.I.F.A ONLUS - CENTRO INTERNAZIONALE PER L’INFANZIA E LA FAMIGLIA ORGANIZZAZIONE NON GOVERNATIVA

PROGETTI REGIONALI In conformità con quanto previsto dall’applicazione dei Protocolli e Convenzioni firmati da CIFA e finalizzati alla promozione, sviluppo e consolidamento di interventi a sostegno della genitorialità adottiva e del minore adottato, sono state programmate attività articolate seguendo le fasi del processo adottivo stesso: 1. l’informazione, la formazione e il sostegno aperto alle coppie che hanno dato disponibilità all’adozione e sono nella fase dell’attesa (fase dell’attesa);

• l’adolescenza: si è ritenuto di consolidare le esperienze di lavoro sul tema dell’adolescenza quale momento critico del ciclo di vita della famiglia adottiva, legato alla costruzione dell’identità con predominanza di sentimenti di estraneità e discontinuità. • la ricerca delle origini: riflettere/esplorare con le famiglie adottive e le coppie in attesa di adozione come i genitori adottivi supportino i propri figli nel complesso compito di definire la propria identità.

2. l’attuazione di attività dedicate alle famiglie • special needs, con uno sguardo particolare rivolto alle famiglie che si aprono a bambini adottive (fase del post adozione); grandi e a fratelli. 3. gli interventi di integrazione nell’ambiente scolastico, rivolti all’inserimento di singoli • la scuola e l’applicazione delle Linee Guida minori, ma anche interventi rivolti alla totalità MIUR con lo scopo di :promuovere l’integrazione dell’ambiente scolastico, quali per esempio, scolastica del minore adottato; potenziare e interventi di sensibilizzazione e formazione valorizzare le competenze dei docenti; fornire strumenti operativi di lettura e decodificazione per docenti (fase del post adozione); delle dinamiche relazionali e comunicative per Molte delle attività sono in prosecuzione con sviluppare nel corpo docente capacità di lettura quelle già programmate l’anno precedente, di determinati comportamenti dei minori ma con focus specifico alle coppie adottive adottati; costruire percorsi didattici, strategici di minori adolescenti (coppie che hanno per un’efficace integrazione; migliorare e adottato minori in età adolescenziale o con potenziare la relazione tra famiglia adottiva, minori adottati che hanno raggiunto l’età alunni, personale docente, Servizi Territoriali e Enti Autorizzati. adolescenziale). Gli elementi emergenti progettualità , sono stati:

alla base delle

Di seguito ecco uno schema di sintesi delle attività nei diversi territori regionali:

21


C.I.F.A ONLUS - CENTRO INTERNAZIONALE PER L’INFANZIA E LA FAMIGLIA ORGANIZZAZIONE NON GOVERNATIVA

REGIONE VENETO

CORSI DI FORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE N°6 corsi di sensibilizzazione secondo le modalità definite dal Protocollo della Regione, che prevede per ogni incontro due giornate di approfondimento per un totale di 12 ore a corso. PROGETTI ATTESA Ciclo di 7 incontri per le coppie aspiranti all’adozione con le seguenti tematiche: - L’identità etnica: viaggio nei Paesi di provenienza dei bambini. - La famiglia allargata: risorsa per la coppia in attesa. - I bambini con bisogni speciali: aspetti tecnici, medici e di sostegno all’inserimento scolastico. - L’attesa del nipote adottivo e il sostegno dei futuri nonni e parenti alla coppia adottiva. PROGETTI POST In continuità con la progettualità 2014: - Ciclo di 7 incontri per i genitori sul tema “Adozione e adolescenza: rinforzare il patto adottivo costruire l’identità” co-gestite da uno psicologo e da un professionista dell’Ente CIFA - Ciclo di 4 incontri: ” Adozione e Adolescenza”. Entrambe le iniziative hanno visto la co-gestione di uno psicologo dei Servizi Sociali e di un professionista di CIFA. FORMAZIONE Ciclo di due incontri gestito dall’Ente in favore degli operatori dei servizi sulla realtà dei Paesi di Adozione.

22


C.I.F.A ONLUS - CENTRO INTERNAZIONALE PER L’INFANZIA E LA FAMIGLIA ORGANIZZAZIONE NON GOVERNATIVA

REGIONE EMILIA ROMAGNA

CORSI DI FORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE N° 4 corsi per ciascuno dei territori Bologna-Ferrara in applicazione delle Convenzioni stipulate con le rispettive Province. PROGETTI POST Convenzione Provincia di Bologna per la continuazione di un ciclo di incontri per genitori adottivi sulla “rivelazione” della storia personale; programmazione di un laboratorio per l’individuazione di strumenti pratici che possano essere di aiuto ai genitori. FORMAZIONE Convenzione Provincia di Bologna: - Continuazione progettualità “Accogliere ed essere accolti”. - Ciclo di quattro incontri per la formazione degli insegnanti attraverso la realizzazione di laboratori: “Ascolto, mi emoziono, provo, taglio e costruisco”. Si è registrata la partecipazione di 3 istituti per un totale di 150 insegnanti. REGIONE PIEMONTE

CORSI DI FORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE N° 4 corsi secondo le modalità definite dal Protocollo della Regione, che prevede per ogni ciclo due giornate di approfondimento di cui una completamente dedicata all’adozione internazionale.

23


C.I.F.A ONLUS - CENTRO INTERNAZIONALE PER L’INFANZIA E LA FAMIGLIA ORGANIZZAZIONE NON GOVERNATIVA

REGIONE TOSCANA

CORSI DI FORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE N° 4 corsi di informazione e sensibilizzazione per le coppie aspiranti all’adozione internazionale nei distretti di Firenze-Pisa-Prato-Siena in applicazione del Protocollo stipulato con la Regione Toscana. FORMAZIONE Nei distretti Siena-Firenze l’Ente ha svolto attività di formazione per i Servizi Sociali relativamente alle modalità di abbinamento degli Stati esteri e alla documentazione relativa per la conoscenza del minore/ri ISTITUTO DEGLI INNOCENTI: L’Ente è stato chiamato in qualità di relatore alla formazione regionale sul tema dell’adolescenza, sul mondo del social network in relazione alla costruzione dell’identità dei figli e all’utilizzo della metodologia dello storytelling. REGIONE MARCHE

PROGETTI POST Bando Regione Marche attivazione di due cicli di formazione: SCUOLA PER GENITORI - GENITORI CONSAPEVOLI - GENITORI EFFICACI SCUOLA PER GENITORI - ADOLESCENTI E IL LORO MONDO - RISORSE E CRITICITà su tematiche inerenti l’adozione internazionale.

24


C.I.F.A ONLUS - CENTRO INTERNAZIONALE PER L’INFANZIA E LA FAMIGLIA ORGANIZZAZIONE NON GOVERNATIVA

REGIONE LAZIO

PROGETTI ATTESA Follow-up Progetto Autobiografico Messa a punto del follow-up da avviare con le coppie che hanno partecipato al progetto autobiografico del Dott. Leonardo Luzzatto. Il follow-up da condurre su due gruppi (uno sperimentale e uno di controllo) avrà inizio dopo un anno e mezzo dal rientro in Italia delle famiglie adottive. FORMAZIONE Formazione Regione Lazio Incontro formativo c/o Sede della Regione Lazio - Lazioservice

REGIONE PUGLIA

CORSI DI FORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE - Incontro informativo Consultorio di Casarano 30 aprile 2015 - Accordo con Servizio della Regione Abruzzo per programmazione una serie di eventi informativi: primo incontro fissato per 8 febbraio 2016 FORMAZIONE - Richiesta di partecipazione al Tavolo di lavoro regionale sulle adozioni internazionali (CRAI) della Regione Campania. - Contatti nel territorio pugliese con il Garante Dei Diritti dell’Infanzia e Adolescenza 25


C.I.F.A ONLUS - CENTRO INTERNAZIONALE PER L’INFANZIA E LA FAMIGLIA ORGANIZZAZIONE NON GOVERNATIVA

COOPERAZIONE INTERNAZIONALE CIFA è impegnato nella realizzazione di progetti di cooperazione internazionale di medio-lungo termine e programmi di sostegno a distanza in Asia, e Africa. L’obiettivo principale è quello di tutelare e garantire i diritti fondamentali dell’infanzia e dell’adolescenza e i diritti delle donne. I progetti nascono per rispondere a precisi bisogni identificati in collaborazione con i nostri partner, al fine di migliorare le condizioni di vita dei bambini e delle loro famiglie. Le famiglie sono considerate un attore strategico della protezione dell’infanzia, così come le comunità cui i bambini appartengono. Per questa ragione i progetti sono contraddistinti da un approccio olistico che mira da un lato a garantire i diritti fondamentali dell’infanzia (cibo, salute, educazione, non discriminazione) in un’ottica di children welfare; dall’altro al rafforzamento economico di giovani e donne attraverso azioni che agiscono sugli elementi socio-economici (formazione su life skills, formazione tecnica e professionale, accesso al credito); infine vengono realizzate campagne di sensibilizzazione per le famiglie e le comunità sui diritti dell’infanzia, le tematiche di genere, le pratiche nocive e la non discriminazione. Tale approccio è teso a favorire la sostenibilità degli interventi. L’approccio di genere è centrale nella metodologia utilizzata. Favorire l’accesso all’educazione (con un approccio di genere) e la partecipazione delle donne alla vita socio-economica costituiscono una priorità degli interventi di Cifa. Lo sviluppo umano è alla base dei nostri interventi: ogni individuo, e in particolare ogni bambino, deve poter condurre una vita sana, acquisire competenze, accedere alle risorse e ai servizi necessari per vivere dignitosamente e poter contribuire allo sviluppo del suo

Paese. I ”concetti-chiave” presenti in ogni idea progettuale sono: partecipazione attiva della comunità beneficiaria e sostenibilità dei progetti. CIFA ritiene essenziale mantenere vitali nel tempo i benefici delle azioni implementate, in un’ottica di sostenibilità che renda duraturi i risultati raggiunti. I progetti di sviluppo si fondano su partnership strategiche con ONG locali, italiane e internazionali, Università italiane e locali e sono realizzati in collaborazione con le autorità locali. Il pieno coinvolgimento delle organizzazioni della società civile e delle istituzioni locali è un elemento imprescindibile dell’operato dell’ente. Il SAD (Sostegno A Distanza) è un gesto solidale mediante il quale un sostenitore si impegna in modo libero e continuativo ad accompagnare un bambino che vive una situazione di difficoltà, nel suo percorso di crescita e sviluppo psico-fisico. Rappresenta un contributo economico stabile che permette ai beneficiari di migliorare le proprie condizioni di vita, rimanere nel proprio Paese e partecipare allo sviluppo della propria comunità. Per Cifa rappresenta sempre più uno strumento di co-finanziamento dei progetti che unisce il desiderio del sostenitore di avere un rapporto “esclusivo” con il bambino sostenuto con la necessità di superare il concetto di sostegno “uno a uno” verso un approccio progettuale, in grado di rafforzare non il singolo bambino bensì un’intera comunità, gettando le condizioni per uno sviluppo sostenibile che costituisce il vero obiettivo dei nostri interventi. Oggi oltre il 30% dei nostri sostegni a distanza è parte di più ampi progetti di sviluppo. 26


C.I.F.A ONLUS - CENTRO INTERNAZIONALE PER L’INFANZIA E LA FAMIGLIA ORGANIZZAZIONE NON GOVERNATIVA

CAMBOGIA Titolo Progetto: “Via del Campo” Programma di sviluppo integrato a favore dell’infanzia nelle città di Neak Loeung e Sihanoukville – Cambogia. Ente Finanziatore: Tavola Valdese, Fondazione Cuori Bianconeri Onlus, Sostegno a distanza e fondi propri. Stato di avanzamento: in corso. Il progetto interviene nelle zone periferiche delle città di Neak Loeung (cittadina situata nella subregione del Mekong) e di Sihanoukville (situata nella Cambogia meridionale e affacciata sul golfo del Siam). L’obiettivo generale è quello di contribuire al miglioramento delle condizioni di vita dei bambini e delle bambine in particolare stato di bisogno nelle province di Prey Veng e Preah Sihanouk attraverso il contenimento del fenomeno dei “bambini di strada” presso Neak Loeung e Sihanoukville. Il programma affonda le sue radici in due progetti realizzati da CIFA nelle medesime aree di intervento, che coinvolgono bambini in particolare stato di bisogno. I progetti hanno rilevato ottimi risultati per quanto riguarda il miglioramento delle condizioni di salute generale dei 170 bambini accolti presso i Centri diurni di

Neak Loeung e Sihanoukville, nonché un netto miglioramento del loro sviluppo psicocognitivo. Attualmente i beneficiari sono 170. Il progetto persegue i propri obiettivi attraverso diversi strumenti e metodologie quali un programma di sostegno scolastico, l’organizzazione di corsi di educazione informale di preparazione e di sostegno alla scuola, l’attuazione di laboratori culturali e ricreativi, l’attuazione di un programma medico e di sostegno alimentare per i bambini beneficiari. Si sottolinea che il centro di Neak Loeung è stato chiuso in aprile 2015. Importanti risultati sono stati raggiunti: almeno 200 bambine e bambini sono stati accompagnati nel loro percorso scolastico. Hanno ricevuto adeguato supporto nutrizionale e adeguata assistenza sanitaria. Molti tra loro hanno avuto l’opportunità di frequentare, alla fine del loro percorso di studi, un corso di formazione professionale e di trovare un impiego che permette loro di condurre una vita dignitosa e di essere di supporto per le loro famiglie. 27


C.I.F.A ONLUS - CENTRO INTERNAZIONALE PER L’INFANZIA E LA FAMIGLIA ORGANIZZAZIONE NON GOVERNATIVA

Nonostante gli importanti risultati raggiunti, la decisione di chiudere risiede nei cambiamenti stessi della realtà di Neak Loeung. Infatti, il governo giapponese, impegnato da anni nella realizzazione di un ponte che potesse collegare le due rive del fiume, ha portato a compimento l’opera in aprile 2015. Per raggiungere Neak Loeung, quindi, non è più necessario sostare per aspettare un battello: Tsubasa, che letteralmente significa “ali di uccello” è il nome del ponte che unirà le due rive del Mekong. Questo cambiamento importante per la città ha spinto anche CIFA e RFC a ripensare alla propria strategia d’intervento. Alla luce di questa nuova realtà, Cifa ha valutato che la presenza del centro e lo sviluppo delle attività così come era avvenuto in questi anni poteva non essere più pienamente corrispondente alle nuove esigenze del contesto e ai nuovi bisogni della popolazione. Il programma di Sostegno a Distanza (SAD), invece, attraverso cui vengono garantiti accesso all’istruzione, a cure mediche e a un’alimentazione adeguata, continua grazie al supporto dei sostenitori di Cifa. 28


C.I.F.A ONLUS - CENTRO INTERNAZIONALE PER L’INFANZIA E LA FAMIGLIA ORGANIZZAZIONE NON GOVERNATIVA

ETIOPIA Titolo Progetto: “Insieme contro l’AIDS” Sostegno ai bambini sieropositivi, malati di AIDS e orfani - un approccio olistico per migliorare le loro condizioni di vita ad Addis Abeba. Ente Finanziatore: Tavola Valdese, Sostegno a distanza e fondi propri. Stato di avanzamento: in corso. L’intervento intende migliorare le condizioni di vita dei bambini e delle bambine in Etiopia, in particolar modo mira a ridurre l’impatto socio-economico dell’HIV/AIDS sui bambini e le bambine nei quartieri di Yeka e Gullele della capitale Addis Abeba. I beneficiari del progetto sono oltre 120 bambini e bambine affetti da HIV/AIDS e le loro famiglie. Attraverso l’assistenza sanitaria, un sostegno nutrizionale e la fornitura di materiale scolastico garantisce ai bambini le condizioni di base per poter frequentare la scuola con regolarità. Per assicurare la sostenibilità nel tempo delle azioni le mamme dei bambini partecipano a corsi di formazione in microimprenditoria per potenziare le loro capacità economiche. A ciò si affianca un accompagnamento per far accedere le donne a cooperative di credito e risparmio che ne rafforzano le capacità finanziarie al fine di migliorare le loro condizioni economiche. Gli operatori di Cifa garantiscono un servizio di sostegno psicologico sia individuale sia di gruppo ai bambini e ai membri adulti delle loro famiglie che ne facciano richiesta. A completamento delle azioni, CIFA realizza campagne di prevenzione dell’HIV/AIDS e di sensibilizzazione delle comunità di intervento

al fine di prevenire il diffondersi del virus e ridurre i fenomeni di stigmatizzazione nei confronti delle persone sieropositive e malate. Titolo Progetto: “Tutte a scuola!” Programma di sviluppo socio-economico, contro la discriminazione, lo sfruttamento e la violenza di genere nel distretto di Ambassel nella Regione dell’Amhara in Etiopia. Ente Finanziatore: Regione Marche, Sostegno a distanza e fondi propri. Stato di avanzamento: in corso. Il progetto intende favorire l’accesso all’istruzione primaria e secondaria alle bambine e alle ragazze e rafforzare le condizioni socio-economiche delle donne che vivono nella Città di Wuchale. Beneficiarie del progetto sono 150 ragazze e 150 donne. Una prima fase del progetto ha riguardato l’intervento di ristrutturazione della scuola primaria di Wuchale. Il progetto prevede la fornitura di materiale scolastico (libri, quaderni, uniformi) alle studentesse della scuola primaria provenienti dalle famiglie più povere. E’ stata inoltre istituita una residenza scolastica capace di ospitare 30 ragazze, provenienti dai villaggi più remoti della zona, che altrimenti non potrebbero frequentare la scuola secondaria, proprio a causa della distanza casa-scuola. Le ragazze ospitate dall’ostello hanno iniziato il quarto e ultimo anno della scuola secondaria e risultano tra le migliori studentesse delle oltre 2.000 frequentanti la scuola secondaria di Wuchale. Le donne della comunità vengono accompagnate in un processo di rafforzamento 29


C.I.F.A ONLUS - CENTRO INTERNAZIONALE PER L’INFANZIA E LA FAMIGLIA ORGANIZZAZIONE NON GOVERNATIVA

TOGO Titolo Progetto: “Un tesoro di bambini”

delle proprie capacità imprenditoriali, anche grazie all’accesso a programmi di microcredito, per potenziare le loro attività generatrici di reddito. Il rafforzamento della condizione femminile passa anche attraverso una notevole attività di formazione e sensibilizzazione della comunità. Il progetto prevede la formazioni e campagne di sensibilizzazione, per le persone che rivestono ruoli chiave nella comunità, sull’importanza di accesso all’educazione per le bambine, sulle pari opportunità, sulle pratiche nocive tradizionali (punizioni corporali, mutilazioni genitali femminili, matrimoni precoci). Interessano: i club delle ragazze della scuola primaria e di quella secondaria per favorire la creazione di consapevolezza e la diffusione dei propri diritti tra pari; gli insegnanti per creare una cultura dell’accoglienza a scuola priva di violenza e discriminazione, i quadri delle autorità locali e della polizia per creare le condizioni politiche e le azioni di vigilanza per favorire una cultura del rispetto delle donne; le donne leader delle associazioni di donne presenti sul territorio per rafforzare il loro ruolo all’interno della società civile. Per il rafforzamento dello staff locale del progetto e delle persone cui è rivolta la formazione, CIFA collabora con il Master di Teatro Sociale e di Comunità dell’Università di Torino i cui esperti lavorano per brevi periodi in Etiopia.

Programma per la promozione dei diritti dell’infanzia a Lomé e Avoutokpa. Ente Finanziatore: Tavola Valdese, Fondazione Zanetti, Sostegno a distanza e fondi propri. Stato di avanzamento: in corso. Il Progetto, iniziato nel 2011 ed eseguito in collaborazione con il partner locale BNCE Togo, ha l’obiettivo di migliorare le condizioni generali e le prospettive di vita dei bambini particolarmente vulnerabili nella capitale Lomé e nella zona rurale di Avoutokpa; nello specifico, i beneficiari diretti sono 250 bambini con meno di 6 anni figli delle donne e delle ragazze portefaix a Lomé, e tra le donne che svolgono attività agricola ad Avoutokpa. Attraverso questo intervento si offre alle donne un luogo sicuro per i propri figli durante le molte ore della giornata trascorse al lavoro. I bambini che frequentano i centri possono beneficiarie di un pasto al giorno bilanciato e di controlli sanitari regolari, mentre sviluppano le proprie capacità cognitive e si preparano all’accesso alla scuola primaria. Alcune donne che dimostrano le capacità e l’interesse di sviluppare piccole attività commerciali attività o di potenziare quelle che già svolgono vengono rafforzate nelle loro capacità e indirizzate verso un programma di accesso al microcredito. Ciò al fine di aumentare il loro reddito e garantire una condizione economica più solida alle loro famiglie e ai propri figli. Un’azione rilevante è 30


C.I.F.A ONLUS - CENTRO INTERNAZIONALE PER L’INFANZIA E LA FAMIGLIA ORGANIZZAZIONE NON GOVERNATIVA

svolta a favore del diritto all’identità di donne e bambini. Ogni anno il personale giuridico del partner accompagna donne e bambini privi del documento di identità nel processo di registrazione all’anagrafe per l’ottenimento del documento. Un’azione fondamentale per garantire il diritto all’identità ai bambini e alle donne, allora senza il quale sono invisibili e impossibilitati a esercitare alcun diritto. Progetti di ricerca nell’ambito dell’attività di cooperazione CIFA, grazie alla collaborazione con l’Università di Torino, nel quadro delle opportunità offerte dal bando Uni.coo (e cofinanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Torino) ha proposto una serie di progetti di ricerca sulle tematiche più sensibili affrontate nei progetti di cooperazione attualmente in corso. Il bando Uni.coo mette a disposizione borse di mobilità in uscita nell’ambito di progetti di Cooperazione allo Sviluppo per studenti (da laureandi di secondo livello fino a dottorandi), neolaureati e assegnisti di ricerca di Unito. I progetti di ricerca presentati da CIFA all’Università di Torino si sono orientati su aree tematiche diverse in aree geografiche differenti in base alle necessità di approfondimento delle progettualità in corso. In Togo CIFA ha focalizzato il progetto di ricerca presentato all’Università di Torino sul tema delle tradizioni locali e dell’impatto di queste sui diritti dei bambini. Grazie al lavoro svolto da una equipe di ricercatori e docenti universitari italiani e togolesi ne è uscita una ricerca dal titolo “Les pratiques culturelles vaudous au sud du Togo. L’experiénce religieuse des enfants, des adolescents et des jeunes en rélation au droit de l’enfant” i cui spunti di

riflessione sono molteplici e particolarmente interessanti. La capacità di analisi del contesto ha messo in risalto le cause (prevalentemente ascrivibili a mancanze di servizi adeguati offerti dallo stato) di molti disagi che le popolazioni affrontano affidandosi alle pratiche tradizionali. Ciò che dunque all’inizio si considerava una delle possibili cause per la piena attuazione dei diritti dell’infanzia è divenuta una delle conseguenze delle carenze sistemiche della pubblica amministrazione. In Cambogia sono state realizzate due ricerche nell’ambito del progetto realizzato a Sihanoukville. La prima di natura socio economica sulle possibilità di sviluppo economico locale nel quartiere di Poum Thmey a Sihanoukville. La seconda di natura psicologica, sull’osservazione del comportamento infantile tra pari nel Centro Via del Campo. La prima ricerca, i cui risultati sono sintetizzati nel documento “Creating job opportunities for Poum Thmey’s women: a feasibility study”, analizza le opportunità offerte dal quadro socio-economico del territorio di riferimento e le difficoltà da superare, con una particolare attenzione alla condizione socio-economica del target cui si riferisce (le donne del villaggio di Poum Thmey). Le conclusioni mettono in risalto la necessità della creazione di opportunità di lavoro per le donne della comunità oggetto di indagine, evidenziando quali criticità debbano essere tenute in considerazione e affrontate per la rimozione degli ostacoli che più inficerebbero il raggiungimento dell’obiettivo di migliorare la condizione socio-economica delle beneficiarie. La seconda ricerca riassunta nel documento “Slum living culture and families daily life in the South-West of Cambodia. The 31


C.I.F.A ONLUS - CENTRO INTERNAZIONALE PER L’INFANZIA E LA FAMIGLIA ORGANIZZAZIONE NON GOVERNATIVA

childhood in Phoum Thmey, Sihanoukville” aveva per obiettivo quello di analizzare il comportamento e la vita quotidiana delle famiglie e dei bambini che accedono al centro di Sihanoukville al fine di investigare il contesto economico, politico e sociale in cui i bambini sviluppano le proprie capacità cognitive e relazionali, nonché il concetto stesso di infanzia presso la società. Risulta evidente come nell’ambiente familiare ci siano molti episodi di violenza e abusi domestici che, anche se non diretti principalmente ai bambini, si ripercuotono sulle loro vite e sul loro sviluppo. Il centro di CIFA favorisce il processo di scolarizzazione e sostiene la rete tra i bambini; aiutandoli a sviluppare il loro percorso emotivo e cognitivo. Dallo studio emergono anche le potenzialità non sfruttate pienamente dal centro. Quest’ultimo, infatti, potrebbe rappresentare una buona opportunità per una più alta partecipazione dei genitori nella vita scolastica dei loro figli. Poiché mancano nella comunità, anche a causa della sua recente costituzione, capacità di trovare risposte innovative ai bisogni dei singoli e collettivi il centro potrebbe diventare un punto d’incontro dove cominciare attività indirizzate agli adulti, per esempio fornendo loro corsi di alfabetizzazione o di rafforzamento di capacità (tenendo sempre in considerazione che le donne di solito hanno difficoltà a stare lontane da casa). Le summenzionate ricerche saranno pubblicate in un unico articolo scientifico sul sito della rivista universitaria Junco, pubblicazione prevista in marzo 2016. Inoltre, si segnala la presentazione di un progetto-studio diagnostico che si colloca all’interno del progetto finanziato dall’Unione europea «Comunicare in rete per lo sviluppo» di cui l’Università di Torino è associato

regionale. Si tratta di un’iniziativa il cui capofila è il Coordinamento delle Organizzazioni Non Governative Catalane (85 organizzazioni socie), con sede a Barcellona, e i due partner, rispettivamente il Consorzio Ong Piemontesi e RESACOOP, il coordinamento della Regione di Rhône-Alpes, con sede a Lione (quest’ultimo costituito da diverse Ong, ma anche da enti locali francesi e università). Gli associati regionali in Italia sono, oltre all’università di Torino, la Regione Piemonte, l’Associazione Stampa Subalpina e il Coordinamento dei Comuni per la Pace. Il progetto ha come obiettivo generale migliorare la comunicazione della cooperazione internazionale nei paesi coinvolti e in specifico costituire una rete di giornalisti e professionisti della comunicazione per lo sviluppo, costituita da giornalisti spagnoli, italiani, francesi e dei paesi del Sud del mondo, operatori della comunicazione delle tre reti regionali nonché accrescere le competenze dei “comunicatori” delle ong e degli enti locali che fanno cooperazione. Cifa ha coordinato e supervisionato tale studio-ricerca in Cambogia nel periodo compreso tra luglio e dicembre 2015. I risultati della presente ricerca saranno presentati nel Forum finale del progetto europeo che si terrà a Barcellona a febbraio 2016. In Etiopia è stata realizzata una ricerca azione in ambito psicologico sulle competenze emotive dei bambini sieropositivi o affetti da Aids, i cui risultati sono stati presentati nel documento “La promozione del benessere psicologico tra bambini etiopi affetti da Hiv: un intervento per lo sviluppo della competenza emotiva”. Obiettivi della ricerca erano: promuovere la salute psicologica di 32


C.I.F.A ONLUS - CENTRO INTERNAZIONALE PER L’INFANZIA E LA FAMIGLIA ORGANIZZAZIONE NON GOVERNATIVA

bambini afferenti al progetto, sviluppare le competenze emotive dei bambini, fornire un supporto psicologico ai loro caregivers e valutare l’efficacia dell’intervento, adattare e tradurre un test per la valutazione della comprensione emotiva alla cultura etiope e creare un campione di confronto composto da bambini di nazionalità etiope a sviluppo tipico. Per quanto riguarda i risultati riguardanti l’efficacia di un intervento per la promozione della salute di bambini affetti da HIV si può notare come fornire supporto psicologico ai genitori e incentivare lo sviluppo della competenza emotiva di bambini diminuisca le difficoltà psicologiche da essi presentate. Si osserva un miglioramento della capacità dei bambini di dare un nome alle differenti emozioni; di riconoscerle in se stessi e negli altri facendo ricorso agli indici del corpo o del volto; di comprendere come queste possano essere causate da specifiche situazioni e dal significato che il soggetto ne dà. Tali cambiamenti sono accompagnati da un miglioramento nella capacita di gestire sentimenti ansiosi e una diminuzione di vissuti e comportamenti depressivi. Si riscontra un miglioramento della capacità dei bambini di interagire in maniera proficua con i propri pari, dando loro l’opportunità di porre le basi per la creazione di una possibile rete di scambio e supporto. Un punto importante su cui porre l’attenzione per progetti futuri riguarda un lavoro che si dispieghi al livello della comunità, volto alla promozione dell’integrazione di soggetti affetti da HIV e alla sensibilizzazione della popolazione riguardo all’importanza dello sviluppo emotivo per la promozione della salute psicologica nell’infanzia.

33


C.I.F.A ONLUS - CENTRO INTERNAZIONALE PER L’INFANZIA E LA FAMIGLIA ORGANIZZAZIONE NON GOVERNATIVA

PROGRAMMA DI SOSTEGNO A DISTANZA (SAD) CAMBOGIA Il programma di sostegno a distanza in Cambogia è attivo: • nella capitale Phnom Penh • nella città di Battambang, situata al confine con la Thailandia • nella cittadina di Sihanoukville A Phnom Penh i beneficiari del programma sono i bambini che vivono in condizioni di precarietà socio-economica nell’immensa periferia della città: si tratta di minori particolarmente vulnerabili ed esposti al rischio di abbandono e a varie forme di sfruttamento; molti di essi sono orfani di uno o entrambi i genitori. I bambini di Battambang vivono nel centro “Bambini d’Asia” costruito da ASPECA (Association de Sponsorization Enfants de Cambodge), composto da 28 case-famiglia, all’interno delle quali vivono gruppi di 10 minori seguiti da una tutrice Partner: Respect For Children. SAD attivi

229

34


C.I.F.A ONLUS - CENTRO INTERNAZIONALE PER L’INFANZIA E LA FAMIGLIA ORGANIZZAZIONE NON GOVERNATIVA

FILIPPINE

INDONESIA

Il programma di sostegno a distanza in Filippine è rivolto ai bambini residenti nei quartieri poveri del distretto di Toril, nella città di Davao, capoluogo dell’isola di Mindanao, dove la metà della popolazione (60.000 persone) ha meno di 17 anni. Il programma interviene in favore dei casi più gravi di precarietà socio-economica, con l’obiettivo di soddisfare i bisogni primari dei bambini e garantendo i loro diritti fondamentali, attraverso azioni concrete che comprendono: l’istruzione scolastica, un’assistenza medica regolare, e l’avvio di corsi di formazione professionale per facilitare l’inserimento nel mondo del lavoro degli adolescenti. Partner: Child Alert e Congregazione Suore Francescane del Sacro Cuore. Il programma è in via di conclusione.

Il programma di sostegno a distanza in Indonesia è attivo sull’isola di Nias, ed è nato alla conclusione di un progetto di ricostruzione di una scuola distrutta dallo tsunami del 2005. I beneficiari del sostegno sono bambini appartenenti a famiglie molto povere, costrette a vivere in baraccopoli, o bambini appartenenti a famiglie sfollate, ospitate nei campi profughi. I genitori dei bambini inseriti nel programma di sostegno a distanza non hanno un lavoro fisso e guadagnano in media 20.000 rupie al giorno (poco più di 1 €). Il programma è volto a combattere la dispersione scolastica e a garantire un’infanzia serena e dignitosa a questi bambini, garantendo loro cibo, scuola, salute e gioco. Il programma è in via di conclusione. Partner: PKPA.

SAD attivi

SAD attivi

13

6

INDIA

SRI LANKA

Il programma di sostegno a distanza in India è rivolto ai bambini ospitati presso gli Istituti delle Suore Missionarie di Sant’Aloisio e a bambini seguiti dalla Congregazione “LOVE & SERVE CHARITABLE TRUST” nella persona di Padre Joseph Komaravalli. Tutti i minori beneficiari vivono nell’Andhra Pradesh, una delle regioni più povere dell’India. Si tratta di bambini con genitori gravemente malati, o appartenenti alle classi sociali più disagiate nel sistema delle caste indiano. Grazie all’inserimento nel programma, i bambini frequentano la scuola, consumano pasti regolari e sono periodicamente sottoposti a controlli sanitari.

Il programma di sostegno a distanza in Sri Lanka è attivo dal 2005, a seguito dello tsunami che ha colpito il Paese; i beneficiari vivono a Tangalle e nei villaggi limitrofi, nella parte meridionale dell’isola. Si tratta di minori rimasti orfani o appartenenti a famiglie indigenti. Attraverso il sostegno a distanza, il Cifa garantisce loro i diritti fondamentali quali: istruzione, accesso alle cure mediche, sano sviluppo psico-fisico grazie ad una appropriata alimentazione, e diritto al gioco. Il programma è in via di conclusione.

SAD attivi

115

SAD attivi

35

35


C.I.F.A ONLUS - CENTRO INTERNAZIONALE PER L’INFANZIA E LA FAMIGLIA ORGANIZZAZIONE NON GOVERNATIVA

ETIOPIA

TOGO

In Etiopia CIFA è presente sia con il programma di sostegno a distanza tradizionale, sia con la modalità “progetto”.

Il programma di sostegno a distanza in Togo è attivo dalla seconda metà del 2012 ed è strettamente legato al progetto di cooperazione “Un tesoro di bambini”. Tale progetto è a favore delle donne Portefaix di Lomé e Avoutokpa e dei loro figli, ed è in essere da luglio 2011, garantendo la cura e gestione quotidiana dei figli delle donne Portefaix e delle donne che lavorano nei campi. Sono presenti due centri diurni per l’infanzia, che sollevano le madri dalla responsabilità di dover accudire i loro figli durante l’orario di lavoro. Vengono forniti pasti caldi e assistenza sanitaria. Nei due centri si provvede inoltre a fornire una formazione pre-scolare per i bambini di 5 anni o più, per favorire il loro inserimento nella scuola primaria. Particolare attenzione viene inoltre dedicata alle attività pedagogiche per i bambini di età inferiore ai 5 anni. Partner: Bice Togo.

Il programma tradizione è rivolto a bambini che vivono nell’area di Addis Abeba, la cui situazione familiare risulta di grande vulnerabilità socio-economica. Il programma offre supporto alimentare, sanitario ed economico ai beneficiari e alle loro famiglie. Partner: IFSO. SAD attivi

42

Inoltre, sono attivi due programmi di sostegno a distanza integrati ai progetti di cooperazione in corso: il primo rivolto ai bambini affetti da HIV/AIDS che vivono nella capitale Addis Abeba, precisamente nelle kebele di Yeka e Gulele; si tratta spesso di minori orfani di uno o entrambi i genitori, che vivono in famiglie allargate con redditi bassissimi. Il sostegno a distanza ha tre obiettivi principali: garantire la sopravvivenza del bambino e del suo nucleo familiare, garantire l’assistenza sanitaria al bisogno, promuovere la frequenza regolare della scuola, favorire un buon sviluppo emotivo dei beneficiari attraverso un centro di ascolto psicologico, operativo sia a livello individuale sia di gruppo. Il progetto di cooperazione allo sviluppo e il programma di sostegno a distanza agiscono parallelamente. Partner: IFSO. SAD attivi

SAD attivi

200

112

36


C.I.F.A ONLUS - CENTRO INTERNAZIONALE PER L’INFANZIA E LA FAMIGLIA ORGANIZZAZIONE NON GOVERNATIVA

EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA MONDIALE (EAS) Cifa promuove attraverso le attività di Educazione allo Sviluppo quanto sancito dalla Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e una cultura della Cooperazione quale strumento per il miglioramento delle condizioni di vita dei bambini e degli adolescenti.

Titolo Progetto: “Giovani solidali: europrogettazione per il non-profit”

Educare allo sviluppo significa, quindi, utilizzare un approccio pedagogico per creare una più diffusa consapevolezza sui diritti dell’uomo e dell’infanzia, sulla valorizzazione delle differenze e sul tema della cittadinanza globale.

Progetto annuale sulle politiche giovanili. In qualità di partner, Cifa attende alla segreteria organizzativa per l’attivazione di tirocini all’interno delle organizzazioni socie del Coordinamento Marche Solidali per 2 giovani partecipanti alle due scuole di formazione (Summer School di Pesaro e October School di Grottammare - AP) su europrogettazione e fund raising; seleziona i giovani interessati a svolgere un’esperienza lavorativa nel mondo del non profit marchigiano; predispone le necessarie convenzioni per l’attivazione delle esperienze lavorative; redige un progetto formativo e individua soggetti promotori; monitora e fa follow-up dell’azione attraverso la valutazione di questionari e relazioni finali.

Titolo Progetto: “Incontriamoci in Cascina” Ente finanziatore: Tavola Valdese Progetto in partenariato con: MAIS Ong, Tampep Onlus, Cascina Roccafranca. Il progetto, di cui CIFA è capofila, punta a creare delle opportunità d’incontro per giovani tra gli 11 e i 16 anni nel quartiere di Mirafiori Nord, a Torino. Attraverso attività di sostegno allo studio (doposcuola), cineforum tematici legati ai diritti umani e incontri serali con i genitori, si vogliono creare le basi per rendere il centro pubblico d’incontro Cascina Roccafranca, da sempre riferimento per le fasce più adulte degli abitanti del quartiere, anche per i più giovani, in modo da sopperire alla chiusura o al ridimensionamento dei centri di aggregazione giovanile del quartiere. Inizio progetto: Novembre 2015. Durata: un anno rinnovabile

Ente Finanziatore: Regione Marche Progetto in partenariato con: Marche SolidaliCOM

Titolo Progetto: “Accordo operativo biennale 2015/16 tra Regione Marche e Marche SolidaliCOM” Convenzione biennale, in corso, tra la Regione e il Coordinamento di Marche Solidali (tra cui Cifa) secondo cui Marche Solidali-COM (e dunque Cifa) dovrà attendere a gestione operativa delle attività; partecipazione alle attività dei coordinamenti nazionali ed europei; campagna di comunicazione; diffusione della guida ai finanziamenti; percorso di formazione in europrogettazione; cittadini del mondo - database dei formatori 37


C.I.F.A ONLUS - CENTRO INTERNAZIONALE PER L’INFANZIA E LA FAMIGLIA ORGANIZZAZIONE NON GOVERNATIVA

per le scuole e le associazioni; seminari di formazione per gli operatori; percorso di formazione volontari; gruppi di lavoro sulla progettazione comune. Progetti chiusi nel 2015: Titolo Progetto: “REDDSO Régions pour l’Education au Développement Durable et Solidaire“ Ente Finanziatore: Comunità Europea Progetto in partenariato con: Regione RhôneAlpes (capofila), Regione Piemonte, Consorzio delle ONG Piemontesi e di RESACOOP, Regione Catalogna (Spagna), Federazione delle ONG Catalane e della Regione Malopolska (Polonia). Il progetto vuole favorire il processo partecipativo tra le regioni partners, promuovere e sensibilizzare azioni delle politiche pubbliche volte all’educazione allo sviluppo sostenibile e alla solidarietà internazionale nei sistemi educativi per incrementare una formazione di una cittadinanza mondiale. Le tematiche principali su cui il progetto è declinato sono: acqua, rifiuti, alimentazione, energie rinnovabili. Le principali attività del progetto verranno realizzate prevalentemente in ambito scolastico, attraverso laboratori con studenti e momenti formativi per insegnanti.

Titolo Progetto: “Communiquer en Réseau pour le Développement “ - Comunicare in rete per lo sviluppo Ente Finanziatore: Comunità Europea Progetto in partenariato con: FEDERACIÓ CATALANA D’ONG PER AL DESENVOLUPAMENT (capofila) con COP e RESACOOP. Il progetto mira a costruire una rete internazionale tra il mondo della cooperazione internazionale, il sistema dell’informazione e le Università nell’ambito delle loro attività accademiche volte a formare i futuri giornalisti. Il progetto permetterà la realizzazione in Piemonte, così come in Spagna e in Francia, di una serie di seminari e atelier internazionali, corsi di formazione rivolti al personale di ONG ed Enti Locali che si occupano di comunicazione e di cooperazione, corsi di formazione e/o aggiornamento per giornalisti, moduli formativi o seminari da proporre all’interno dei percorsi universitari, due studi, da realizzarsi a livello regionale, (uno su come i media affrontano le tematiche legate alla cooperazione internazionale e uno sull’impatto e sulle modalità di comunicazione delle ONG) e un’azione che permetterà la realizzazione di reportage in Paesi dove le ONG piemontesi, catalane e rhonalpine operano, con l’istituzione di un Premio internazionale ad hoc da assegnare a fine progetto in occasione di un Forum finale.

38


C.I.F.A ONLUS - CENTRO INTERNAZIONALE PER L’INFANZIA E LA FAMIGLIA ORGANIZZAZIONE NON GOVERNATIVA

Titolo Progetto: Servizio Civile Regionale “Diritti dei Bambini e Welfare partecipato” Ente Finanziatore: cofinanziato dalla Regione Marche Progetto annuale: Regione Marche ha fatto svolgere all’interno di Cifa un’esperienza di servizio civile regionale a due giovani volontarie. Si è trattato di un’esperienza concreta nella solidarietà locale volta a stimolare un senso di cittadinanza attiva nelle giovani volontarie che, sensibilizzando a livello locale cittadini e studenti sulle tematiche della CRC e collaborando con le Amministrazioni locali, hanno vissuto un’esperienza formativa e di crescita personale. L’attività di sensibilizzazione e informazione “politica” infatti si è rivelata un’occasione per sperimentarsi e per rafforzare le proprie competenze tecnico/professionali in senso lato. Titolo Progetto: “Scuola per Genitori” Ente Finanziatore: Regione Marche Progetto in partenariato con: Garante Regionale Infanzia Adolescenza Progetto annuale, capofila Cifa, sulle politiche per la famiglia (rapporto genitori-figli, risorse e criticità dell’adolescenza, il ciclo di vita della famiglia, il valore della rete sociale…)

39


C.I.F.A ONLUS - CENTRO INTERNAZIONALE PER L’INFANZIA E LA FAMIGLIA ORGANIZZAZIONE NON GOVERNATIVA

COMUNICAZIONE e FUNDRAISING SITI WEB Nel 2015 la comunicazione digitale è aumentata in modo esponenziale. Il nuovo sito istituzionale rappresenta uno strumento fondamentale tanto per la comunicazione istituzionale quanto per la raccolta fondi. Il nuovo sito istituzionale CIFAONG.IT ha visto negli ultimi sei mesi dell’anno 13.323 utenti univoci, che hanno generato 87.809 visualizzazioni di pagina. Il 53% sono nuovi visitatori, mentre il restante 47% è dato dal numero di utenti che tornano a visitare il nostro sito. I dati demografici indicano una percentuale del 69,6%, composta da un pubblico femminile, il 45% di questo è dato da una fascia di età compresa tra i 35 - 44 anni.

Abbiamo raggiunto l’Europa, l’America, l’Asia e l’Africa generando 12.729 nuovi utenti provenienti dagli stati europei per l’81,3%. In Italia le tre città più attente a CIFA sono Milano, Torino e Roma, che hanno portato globalmente oltre 4.500 nuovi utenti. Dall’analisi degli utenti attivi nel solo mese di dicembre abbiamo avuto 2.743 utenti univoci con una media giornaliera di 90 utenti. Il mese in cui abbiamo avuto il maggior numero di visite è stato novembre, con 3.686 utenti e una media giornaliera di 183 visite. I flussi degli utenti indicano una permanenza media di oltre 3 minuti e generano una visualizzazione media di 3,7 pagine a utente, segno della costante attività di informazione svolta sul sito e seguita con interesse.

DATI DEMOGRAFICI 01 gen 2015 -31 dic 2015 Età

16.5% sessioni totali

Sesso

femmine

40%

maschi 30%

28.9%

20% 71.1%

10% 0%

18-24

25-34

35-44

45-54

55-64

65+

40


C.I.F.A ONLUS - CENTRO INTERNAZIONALE PER L’INFANZIA E LA FAMIGLIA ORGANIZZAZIONE NON GOVERNATIVA

PANORAMICA DEL PUBBLICO 01 lug 2015 -31 dic 2015 sessioni 400 200

ago 2015

sett 2015

ott 2015

nov 2015

dic 2015

Basti pensare che nel corso del 2015 sono stati lanciati 170 comunicati stampa. Dalla panoramica di acquisizione si attesta un buon posizionamento sui motori di ricerca che hanno generato 14.482 sessioni, con un incremento pari al 52,66%. Il sito dedicato al matrimonio solidale ECOWED.IT nel corso del 2015 ha portato visibilità a 4.692 utenti univoci, che hanno navigato complessivamente in 11.151 pagine. Anche in questo caso si confermano i dati demografici che riportano un’utenza femminile pari al 71,4%.

nuovi visitatori visitatori che ritornano

46.9%

Nel dicembre 2015 è stato attivato il nuovo sito SOSTIENIUNBAMBINO.IT che permette ai sostenitori una costante informazione sui SAD attivi e un metodo di comunicazione più veloce ed efficace.

53.1%

41


C.I.F.A ONLUS - CENTRO INTERNAZIONALE PER L’INFANZIA E LA FAMIGLIA ORGANIZZAZIONE NON GOVERNATIVA

4CHILDREN Il periodico 4Children è stato realizzato in tre numeri, a distanza di circa quattro mesi l’uno dall’altro (in versione digitale). Per contenere i costi e favorire la dematerializzazione, anche quest’anno abbiamo fatto ricorso alla produzione di newsletter elettronica periodica inviata al nostro database, che dispone di 10123 contatti. SOCIAL NETWORK E’ stato compiuto uno sforzo importante per mantenere il posizionamento di CIFA sui principali social network (in particolare Facebook) a un buon livello. Il numero di visualizzazioni sulla pagina è notevolmente cresciuto: la media della copertura raggiunta nel 2015 è stata di oltre 1300 giornaliere, con 4 picchi di oltre 3000 persone. La copertura TOTALE della pagina arriva quasi al mezzo milione di persone (482.165 per esattezza), copertura che (si ricorda) non equivale al totale delle visualizzazioni, ma degli utenti che hanno visto la pagina Cifa direttamente o indirettamente. VISUALIZZAZIONI SULLA PAGINA 01 gen 2015 -31 dic 2015 6K 5K 4K 3K 2K 1K 0

feb

2015

mar

apr

mag

giu

lug

ago

set

ott

nov

dic

42


C.I.F.A ONLUS - CENTRO INTERNAZIONALE PER L’INFANZIA E LA FAMIGLIA ORGANIZZAZIONE NON GOVERNATIVA

CAMPAGNE Nel corso del 2015 abbiamo lanciato numerose campagne. Tra queste segnaliamo “L’istruzione per un pezzo di pane”, figlia della collaborazione preziosa con una catena di panifici torinesi, Delper, grazie alla quale, per ogni chilogrammo di pane “Sole della Vita” acquistato, un euro viene destinato al nostro progetto di cooperazione internazionale in Etiopia “Tutte a scuola!”. La campagna è continuativa ed è proseguita per tutto il 2015, supportata anche dalla realizzazione di pannelli appesi nei vari punti vendita coinvolti e dalla presenza saltuaria di nostri operatori, che hanno illustrato ai clienti dell’attività il progetto che si va a sostenere.

Ancora, sulla nostra pagina Facebook abbiamo ideato e lanciato una campagna per celebrare la festa della mamma e del papà: ai nostri contatti abbiamo chiesto di inviarci – naturalmente con apposita liberatoria – un’immagine che rappresentasse la coppia papà-figlio/i e mamma-figlio/i. La campagna ha avuto un impatto emotivo forte e felice e ha raccolto un ottimo successo. Anche quest’anno abbiamo ideato e promosso campagne relative alla Pasqua e al

Natale solidali, proponendo ai nostri contatti prodotti artigianali, eticamente sostenibili e naturalmente solidali, per raccogliere fondi sempre a favore del nostro progetto di cooperazione internazionale “Tutte a scuola!”, in Etiopia. I prodotti alimentari offerti, cioccolato e panettoni/pandoro, sono stati selezionati tra quelli proposti da aziende radicate sul territorio, che rispettano anche i diritti dei loro lavoratori, nell’ottica del massimo rispetto di ciascun soggetto coinvolto. Ancora, abbiamo realizzato due video per promuovere la sensibilizzazione a favore della raccolta del 5 per mille e dell’SMS solidale, strumento di cui abbiamo usufruito per due settimane a maggio dello scorso anno, grazie al sostegno di operatori telefonici, televisioni, radio e testate nazionali. Entrambi i video, che hanno visto il coinvolgimento nel girato di bambini, nel pieno rispetto dei loro diritti e della loro dignità, hanno avuto un’eccellente viralità, raccogliendo numerose visualizzazioni e condivisioni. Grande attenzione è stata dedicata alla campagna “Le ragazze di Wuchale”, nata, ideata, promossa e contestualizzata con uno splendido reportage realizzato dalla nostra Ong in collaborazione con il Consorzio Ong Piemontesi (grazie al bando vinto da Cifa nell’ambito del progetto DevReporter – Comunicare la Cooperazione) e con i giornalisti Antonio Faccilongo, Alessandro Gilioli e Niccolò Bruna. Il reportage (video e cartaceo) ha avuto un successo notevole e una diffusione nazionale, grazie anche al lancio e alla promozione attraverso i social network. 43


C.I.F.A ONLUS - CENTRO INTERNAZIONALE PER L’INFANZIA E LA FAMIGLIA ORGANIZZAZIONE NON GOVERNATIVA

A questo proposito abbiamo anche creato una pagina facebook dedicata appositamente al reportage, “Le ragazze di Wuchale”, aggiornata quotidianamente e puntualmente durante il periodo di permanenza del nostro operatore e dei giornalisti coinvolti in Etiopia, con un diario toccante ed emozionante, che ha raggiunto buone visibilità e viralità sul web. Inoltre, abbiamo creato un sito Internet appositamente dedicato alla campagna. Nell’ambito della promozione del reportage, la versione completa del prodotto è stata proiettata in anteprima in una serata del Festival di Cinemambiente di Torino, raccogliendo il massimo successo in sala, sia come presenze sia come valutazione degli spettatori.

Le Ragazze di Wuchale In occasione del “Meskel”, la festa della Croce, una delle più importanti e suggestive festività celebrate dalle popolazioni cristiane dell’Etiopia, nel mese di settembre Cifa ha lanciato una campagna per permettere anche alle persone meno abbienti di festeggiare il Meskel in serenità e con un pizzico di allegria.

La campagna ha voluto spingere una raccolta fondi per acquistare un kit scolastico piuttosto che uno zaino, qualche chilo di farina piuttosto che un trattamento sanitario completo, per aiutare i bambini seguiti dai progetti di scolarizzazione (“Tutte a scuola!”) e di assistenza psicologica, alimentare e sanitaria (“Insieme contro l’AIDS”) portati avanti da Cifa. In occasione della prima edizione del Dono Day, ideato e promosso dall’Istituto Italiano della Donazione – di cui la nostra Ong fa parte - e celebrato presso l’Expo di Milano lo scorso ottobre, abbiamo realizzato un video in cui abbiamo ringraziato in maniera empatica tutti i nostri sostenitori, coinvolgendoli dal vivo nelle riprese dello stesso video. Le immagini girate sono poi state caricate anche sulle nostre pagine social: taggando ogni sostenitore ripreso nel video, siamo riusciti a incrementare ulteriormente il numero di visualizzazioni e di condivisioni. In virtù del legame forte che abbiamo con la Cambogia per progetti di cooperazione internazionale, abbiamo lanciato una campagna per raccogliere fondi a favore dei bambini di strada seguiti con il nostro progetto “Via del Campo”. In occasione del Capodanno Khmer, una delle festività più importanti e più amate da tutto il popolo cambogiano, abbiamo promosso una raccolta fondi per permettere a tutti i bambini di festeggiare in maniera adeguata. Per questa ragione abbiamo stilato una sorta di “lista regali” che i nostri sostenitori hanno compilato, per poi donare ai giovani beneficiari quanto raccolto. Nel mese di dicembre, infine, abbiamo lanciato – in parallelo anche sul nostro sito Internet, sui nostri social network e su numerose testate – la campagna di comunicazione #noiconloro. 44


C.I.F.A ONLUS - CENTRO INTERNAZIONALE PER L’INFANZIA E LA FAMIGLIA ORGANIZZAZIONE NON GOVERNATIVA

EVENTI Si tratta di una campagna che in poche settimane ha ottenuto risultati eccellenti, confortati anche da una rassegna stampa molto ricca, nell’ambito della quale quattro testimonial appartenenti a quattro campi artistici differenti (Keita Balde, calciatore, Simona Guatieri, ballerina, Sara Galimberti, cantante e Giordano Petri, attore) hanno scelto di prestare gratuitamente la propria immagine per comunicare a livello nazionale l’importanza dell’adozione, una forma di genitorialità che non vogliamo venga considerata di serie B, e soprattutto il diritto di ogni bambino a diventare figlio. La campagna è figlia di uno shooting fotografico che abbiamo realizzato in un prestigioso studio di Roma, supportati da una maestra della fotografia, Sabina Felice, che ha messo la propria professionalità gratuitamente al servizio della nostra Ong.

Nel corso 2015 la nostra Ong ha organizzato e preso parte attività a numerosi eventi su tutto il territorio nazionale. CAPODANNO CINESE La Cina è un Paese cui la nostra Ong è particolarmente legata, e non soltanto per l’elevato numero di adozioni che vengono portate a termine ogni anno (oltre 100). Proprio per questa ragione anche nel 2015 abbiamo deciso di festeggiare insieme con le famiglie che hanno adottato un bambino in Cina il capodanno cinese, una ricorrenza molto sentita dal punto di vista culturale. È stata un’occasione preziosa per ritrovarci, nella location torinese di Cascina Marchesa, per continuare a coltivare il rapporto prezioso che spesso ciascuna famiglia adottiva ha nei confronti del Paese di origine dei propri figli, e per dare un feedback relativo alla missione portata a termine in Cina dal nostro presidente Gianfranco Arnoletti e dalla psicologa Paola De Piccoli. THE COLOR RUN “The Color Run” è un evento sportivo incentrato sulla festa, sulla musica e sul colore. è anche conosciuta come “i 5 km più felici sul pianeta” ed è una corsa coloratissima che promuove il benessere, la felicità e l’armonia e non richiede nessun livello di preparazione. Anche nel 2015, così come nel 2014, la nostra ONG ha partecipato come charity partner nella corsa più colorata del mondo, la spettacolare 45


C.I.F.A ONLUS - CENTRO INTERNAZIONALE PER L’INFANZIA E LA FAMIGLIA ORGANIZZAZIONE NON GOVERNATIVA

“The Color Run”, nella tappa di Torino, che si è tenuta lo scorso 16 maggio.

aste online etwoo, sul quale abbiamo messo all’asta il pallone della Juventus campione d’Italia, autografato dai più noti calciatori bianconeri. Grazie al prezioso cimelio abbiamo potuto sostenere il nostro progetto di cooperazione internazionale in Cambogia “Via del campo”. CONCERTO INTI-ILLIMANI

REGALACI UN DISEGNO Nel mese di maggio abbiamo ideato e realizzato un’iniziativa riuscita, che ha coinvolto numerosi bambini e studenti delle scuole elementari e medie delle province in cui si trovano le sedi Cifa. Si tratta del concorso “Regalaci un disegno”, un progetto dal tema “Il diritto al cibo”, con cui abbiamo voluto porre l’accento sull’importanza di una alimentazione corretta, anche in considerazione di Expo Milano 2015. I disegni sono stati valutati da un’apposita commissione e poi esposti sui nostri social network e negli spazi concessi gratuitamente da una biblioteca della circoscrizione, che ha ospitato una mostra dedicata proprio ai disegni realizzati dai bambini partecipanti. PALLONE DELLA JUVENTUS ALL’ASTA Nel mese di giugno abbiamo rinnovato la nostra collaborazione proficua con il portale di

Nel mese di settembre, CIFA ha organizzato l’attesissimo concerto degli Inti-Illimani Historico, connubio prezioso di musica, arte e diritti dei bambini. Il famoso gruppo cileno è tornato in scena proponendo una fetta di storia della musica mondiale, salendo sul palco per sostenere e aiutare i bambini che loro malgrado si ritrovano a vivere situazioni di disagio e di difficoltà. Come recita lo stesso titolo del tour, “Los ninos nacen para ser felices”, gli Inti-Illimani Historico hanno scelto di donare il ricavato della prevendita dei biglietti a favore della nostra Ong, sostenendo in particolare il nostro progetto di cooperazione internazionale in Etiopia “Tutte a scuola!”. TULIPANI DI SETA NERA Nell’ambito della Festa del Cinema di Roma, Cifa ha partecipato attivamente nel corso della Giornata della Critica Sociale “Sorriso Diverso Roma”, voluta dall’associazione l’Università Cerca Lavoro. Durante la giornata, di fronte a una platea interessata e attenta, è stato presentato anche il cortometraggio prodotto da Cifa per Rai Gold, che verte sul tema dell’adozione di un fratello di origine internazionale, dal titolo “Il fotografo”, in 46


C.I.F.A ONLUS - CENTRO INTERNAZIONALE PER L’INFANZIA E LA FAMIGLIA ORGANIZZAZIONE NON GOVERNATIVA

collaborazione con l’associazione culturale Cinemage. L’iniziativa si è inserita come attività del progetto di comunicazione sociale “Tulipani di seta nera”, di cui Cifa è partner culturale da parecchi anni, insieme con la Regione Lazio, il Comune di Roma Capitale, con il patrocinio della RAI, del Ministero per i Beni e le Attività culturali e Turismo, del Ministero del lavoro e politiche sociali, l’INAIL, l’ANMIL, e con il supporto di Rai Cinema Channel. Sempre nell’ambito delle attività portate avanti dai Tulipani di Seta Nera, Cifa ha partecipato attivamente anche alla Mostra del Cinema di Venezia, nella sezione “Sorriso diverso Venezia 2015”, sezione che premia l’opera cinematografica che meglio valorizza i temi dell’integrazione e dell’inclusione sociale di persone emarginate.

MERCATINI DI NATALE Come ogni anno abbiamo presenziato al tradizionale Mercatino di Natale della Città di Torino, dal 4 al 23 dicembre, in piazza Borgo Dora. In questa occasione, nel contesto di uno spazio riservato alle iniziative solidali, abbiamo presentato la nostra campagna di Natale, proponendo i nostri panettoni, i pandoro e le tavolette di cioccolato.

VANITY SHOW Insieme con una compagnia teatrale locale, abbiamo ideato e organizzato uno spettacolo teatrale benefico, il Vanity Show, ottenendo il patrocinio della circoscrizione 1 e del Comune di Torino, nel prestigioso Teatro Vittoria di Torino, nella centralissima via Gramsci. I proventi che abbiamo raccolto grazie allo spettacolo teatrale (che ha riscontrato grande successo sia in termini di presenze sia in termini di apprezzamento), insieme con quelli raccolti con una lotteria organizzata nello stesso teatro e nella medesima serata, hanno permesso di sostenere il nostro progetto di cooperazione internazionale “Tutte a scuola!” in Etiopia. 47


C.I.F.A ONLUS - CENTRO INTERNAZIONALE PER L’INFANZIA E LA FAMIGLIA ORGANIZZAZIONE NON GOVERNATIVA

CIFA SUI MEDIA Cifa, nella figura del Presidente Arnoletti e di numerosi operatori dell’Ente Autorizzato, è stato ospitato all’interno di numerose trasmissioni televisive e radiofoniche, nazionali e locali, per parlare di adozioni e di cooperazione internazionali. In particolare, nelle due settimane comprese tra il 3 e il 16 maggio, durante le quali ancora una volta CIFA ha beneficiato dell’SMS solidale, uno spot appositamente realizzato dalla nostra Ong per promuovere la raccolta fondi a favore del progetto “Via del Campo” in Cambogia è stato trasmesso dalle principali emittenti televisive e radiofoniche nazionali e locali, garantendo una buona copertura mediatica su tutto il territorio. Alcune campagne/eventi hanno consentito di collezionare una buona rassegna stampa, al di là delle questioni che abitualmente vedono protagonista la nostra Ong (vale a dire cooperazione e adozione). Per esempio, la messa all’asta online del pallone autografato dalla Juventus, ha permesso uscite sul Corriere dello Sport e su Tuttosport, testate che abitualmente non seguono Cifa, così come la nostra partecipazione alla seconda edizione della The Color Run, che si è tenuta a Torino il 16 maggio e che ci ha visto partecipare come charity partner, ha permesso la nostra presenza sulla Gazzetta dello Sport. Ancora, la campagna #noiconloro, lanciata a dicembre del 2015, ha raccolto una rassegna stampa consistente, tra quotidiani, testate on line, periodici nazionali familiari e femminili.

48


C.I.F.A ONLUS - CENTRO INTERNAZIONALE PER L’INFANZIA E LA FAMIGLIA ORGANIZZAZIONE NON GOVERNATIVA

AMICI DI CIFA

49


C.I.F.A ONLUS - CENTRO INTERNAZIONALE PER L’INFANZIA E LA FAMIGLIA ORGANIZZAZIONE NON GOVERNATIVA

TESTIMONIAL Simona Guatieri inizia da giovanissima ad approcciarsi al mondo della moda, fino a partecipare nel 2008 a Miss Italia. Approda in televisione in Spagna, come velina del tg satirico in onda su Telecinco nel 2013/2014 e in Italia, conducendo diversi programmi di intrattenimento e sport. Sara Galimberti, cantautrice lanciata dal Festival di Sanremo del 2007, quando ha ottenuto un grande successo con il brano “Amore ritrovato”, è tornata nella hit-parade con le canzoni “Danza”, “Come il mare in me” e “Chiamami per nome”, dalle quali sono stati realizzati tre videoclip che hanno ottenuto un enorme riscontro su YouTube. Giordano Petri ha recitato di recente nella fiction di successo di Rai Uno “Un medico in famiglia”, ma il suo è un curriculum vasto e di tutto rispetto, che parte dal teatro per approdare in TV e al grande cinema. Diplomato alla Scuola Nazionale di Cinema di Roma, ha lavorato con numerosi maestri come LucaRonconi, Leo Gullotta, Anna Galiena, Lando Buzzanca, Monica Guerritore.

Keita Baldè Diao è un calciatore spagnolo di origine senegalese. Cresciuto nel settore giovanile del Barcellona, l’attaccante viene acquistato nel 2011 dalla Lazio, dove attualmente gioca in prima squadra.

Michela Coppa è una showgirl e conduttrice italiana. Anche quest’anno è accanto a Davide Mengacci in Ricette all’Italiana, su Rete 4.

50


C.I.F.A ONLUS - CENTRO INTERNAZIONALE PER L’INFANZIA E LA FAMIGLIA ORGANIZZAZIONE NON GOVERNATIVA

Adriana Volpe è una delle più note conduttrici televisive italiane. Laureata in lettere, modella e attrice, è la mamma di una bambina meravigliosa, Gisele. Nel ‘92 si trasferisce a Roma e debutta in Rai dove partecipando a 3 edizioni di “Scommettiamo che?”, programma in prima serata su Rai1 con Fabrizio Frizzi, Milly Carlucci e il maestro Mazza. Nel ‘95 recita in due film: “Viaggi di nozze” di Carlo Verdone nel ruolo di Marcella e “Croce e Delizia” di Luciano De Crescenzo nel ruolo di Barbara. Dal ‘96 al ‘98 viene promossa a conduttrice di “The Lion Network” un programma per ragazzi di 100 puntate in diretta preserali in onda su TMC2. Nel ‘99 ritorna in Rai dove le viene affidata la conduzione di “Mezzogiorno in Famiglia”, programma in onda tutti i sabati e le domeniche su Rai2 dalle 11 alle 13. Nel 2000 recita nel film “Arresti Domiciliari” di Stefano Calvagna. Dal 2003 a giugno 2009 conduce due programmi: “Mezzogiorno in Famiglia” e “Mattina in Famiglia” - entrambi per la regia di Michele Guardì - in onda su Rai2 tutti i fine settimana dalle 06.45 alle 10.00 e dalle 11.00 alle 13.00. A giugno 2004 è autrice e conduttrice di “In forma Rimini Fitness” in onda il primo pomeriggio su Rai2. Nello stesso anno realizza un calendario per Panorama. Dal 2004 è iscritta all’albo dei giornalisti come giornalista pubblicista. Nel 2007 partecipa come concorrente alla seconda edizione di “Notti sul Ghiaccio” in onda su Rai1. Nel 2008 sposa l’imprenditore Roberto Parli dopo un fidanzamento durato poco più di un anno. Da settembre 2009 ad oggi conduce “I fatti vostri” in onda su Rai2 dal lunedì al venerdì dalle 11.00 alle 13.00 insieme a Giancarlo Magalli e Marcello Cirillo. Amauris Perèz è un pallanuotista cubano naturalizzato italiano, attualmente difensore dell’Acquachiara. Oro ai Campionati mondiali del 2011 a Shanghai, è conosciuto al grande pubblico anche per la partecipazione a numerose trasmissioni televisive, tra cui Pechino Express, Ballando con le stelle e Si può fare.

51


C.I.F.A ONLUS - CENTRO INTERNAZIONALE PER L’INFANZIA E LA FAMIGLIA ORGANIZZAZIONE NON GOVERNATIVA

Mauro Berruto è uno degli allenatori di pallavolo più conosciuti al mondo. Dopo avere allenato l’ItalVolley maschile, oggi è affermato opinionista televisivo della Domenica Sportiva.

Francesca Piccinini è una delle più grandi pallavoliste italiane, nota in tutto il mondo. Attualmente gioca nel ruolo di schiacciatrice nel Volleyball Casalmaggiore di seria A1 femminile.

Stefano Mancinelli è uno dei più importanti cestisti italiani. In passato capitano della nazionale italiana, oggi gioca nella PMS Manital Torino in serie A1. Può giocare sia come ala piccola sia come ala grande.

Gianluigi Lentini è un ex calciatore italiano. Ha vestito per 13 volte la maglia della Nazionale, esordendo a Terni il 13 febbraio 1991, quando ancora vestiva la maglia del Torino.

52


C.I.F.A ONLUS - CENTRO INTERNAZIONALE PER L’INFANZIA E LA FAMIGLIA ORGANIZZAZIONE NON GOVERNATIVA

CIFA SERVICES CIFA Services nasce con l’obiettivo di offrire alle famiglie, ai bambini e a ogni singolo individuo, servizi di welfare e interventi mirati allo scopo di rispondere a tutta una serie di esigenze concrete, nell’interesse dell’intera comunità. Lo scopo principale delle proposte è quello di supportare i nuclei familiari offrendo strumenti, servizi, consulenze, corsi, progetti di cura del benessere di adulti, bambini e della famiglia allargata, senza trascurare l’ampio lavoro possibile con scuole, enti e istituzioni. Il lavoro di CIFA Services rientra nel “Programma Welfare” di CIFA Onlus. Da settembre 2015 si è deciso di implementare la struttura organizzativa con l’obiettivo di migliorare i servizi erogati. CIFA Services è un aiuto concreto che i nostri professionisti dedicano da anni a tutti i cittadini offrendo un welfare su misura. I nostri professionisti operano a Torino, Milano, Venezia, Ancona, Roma, Firenze e Bitonto (BA), pronti a spostarsi in caso di necessità. Nel corso degli incontri organizzati nel 2015 sono stati affrontati diversi temi: dalla genitorialità materna e paterna nell’adozione all’educazione dei figli, dal rapporto con la scuola a quello con il cibo, dalla gestione dei conflitti a quella delle emozioni. E ancora: quali giochi per i figli, la gestione del telecomando e dei mezzi tecnologici, il corretto inserimento dei bambini nella comunità, le regole da

rispettare, sostegno e supporto per affrontare le difficoltà e i momenti critici, come educare l’emotività dei nostri figli, l’attesa di nonni e parenti adottivi, l’adolescenza, sostegno e supporto per lo svolgimento dei compiti a casa. Ai partecipanti è stato chiesto di compilare un questionario relativo alla qualità: dall’elaborazione dei dati si evince grande soddisfazione per i servizi forniti e per la professionalità con cui sono stati trattati anche gli argomenti più delicati. Nel 2015 sono stati organizzati 50 seminari, incontri e laboratori di cui 37 realizzati. Dettaglio incontri: SEDE

ORGANIZZATI

Torino Venezia Ancona Roma Bitonto Milano Sportello Firenze

REALIZZATI

13 15

9 10

7

2

9 6 7

3 6 7

53


C.I.F.A ONLUS - CENTRO INTERNAZIONALE PER L’INFANZIA E LA FAMIGLIA ORGANIZZAZIONE NON GOVERNATIVA

Presso la sede di Torino, nell’anno 2015, le psicologhe hanno incontrato, individualmente, alcune famiglie e ragazzi che hanno usufruito del “Programma Welfare” CIFA Services. Le ore che hanno dedicato a questi incontri sono state in tutto 53. Per quanto riguarda la sede di Mirano, le ore dedicate dalle psicologhe agli incontri sono state 54. Inoltre, una pedagogista ha seguito 5 gruppi di genitori anche fuori sede (Montegrotto Terme, Genova, Conegliano Veneto, Mantova e Legnago). Nell’ottica di venire incontro alle esigenze delle nostre famiglie è stato inoltre deciso di regalare una tessera, grazie alla quale è possibile usufruire di agevolazioni e convenzioni stipulate da Cifa Services per Cifa Onlus. La tessera è stata pensata, oltre che per venire incontro alle esigenze delle famiglie e dei bambini, anche per offrire un servizio di welfare immediato e pratico. Dal mese di ottobre 2015 è attiva la pagina Facebook Cifa Services che viene aggiornata quotidianamente per divulgare tutte le nostre iniziative e le nuove convenzioni stipulate, e arricchita di notizie di welfare. Sono stati inoltre avviati incontri con le Circoscrizioni di Torino per farci conoscere. Abbiamo incontrato i Presidenti delle Circoscrizioni 1, 8 e 4. Contatti: Telefono: 011- 6502215 Fax: 011- 4338029 E-mail: info@cifaservices.it

54


C.I.F.A ONLUS - CENTRO INTERNAZIONALE PER L’INFANZIA E LA FAMIGLIA ORGANIZZAZIONE NON GOVERNATIVA

LETTERA DEL PRESIDENTE In occasione della redazione del rapporto di missione relativo al 2015, vorrei aggiungere alcune considerazioni, in merito a quelle che riteniamo essere lacune della normativa che regolamenta la vita dell’Ente Autorizzato e i suoi rapporti con la pubblica amministrazione. Riteniamo che il regime non chiaro impedisca di impostare un rapporto che ruoti sui ruoli (diritti e doveri) nell’ambito dei rapporti quotidiani con la Commissione Adozioni Internazionali, in quanto organo appartenente alla pubblica amministrazione e vigilante sull’attività degli stessi Enti. Ci riferiamo in particolare a quelli che sono i doveri di informazione e comunicazione con la Cai, i tempi di risposta della stessa Commissione ai quesiti degli Enti. Ancora, ci chiediamo se il termine dei 60 giorni debba essere valido per entrambi i soggetti (CAI ed EA) e se valga la regola del silenzio assenso. Altre considerazioni riguardano invece la gestione del soggetto economico “impresa sociale”. In quest’ultimo anno è stato particolarmente difficile spiegare alla pubblica amministrazione in generale e alla Commissione Adozioni Internazionali che l’Ente Autorizzato è un soggetto economico. L’essere associazioni senza fini di lucro non significa che non si sia comunque soggetti alle regole del mercato in termini di domanda e offerta di servizi, di bilancio positivo, di pianificazione delle proprie attività, di sviluppo e di investimenti. Pur non distribuendo utili, l’Ente Autorizzato deve perseguire la parità di bilancio, caricandosi di due responsabilità specifiche: la prima verso le coppie con procedura in corso e la seconda nei confronti dei dipendenti. Escludiamo da questa analisi la parte “charity”, non oggetto di autorizzazione e vigilanza da parte della pubblica amministrazione, che riconosce gli enti quali aziende su tutti i documenti fiscali, e che non sbaglia definendo l’Ente un’impresa sociale. Le nostre osservazioni riguardano infine l’integrazione pubblico privato. Il legislatore, ai tempi della ratifica della Convenzione dell’Aja, ha immaginato un sistema che poggiasse su quattro soggetti in un equilibrio di diritti-doveri, vale a dire il Tribunale, i Servizi Sociali pubblici, gli Enti Autorizzati e la Commissione Adozioni Internazionali. Questo meccanismo avrebbe dovuto consentire a costi contenuti un efficiente sistema garantito dalla vigilanza della Commissione, senza dover creare un nuovo apparato pubblico il cui rapporto di costo è, a consuntivo degli ultimi 10 anni, e per il solo esempio della Regione Piemonte, “enne” volte il costo di ogni singola adozione svolta privatamente. A consuntivo abbiamo dovuto constatare che la sinergia, la collaborazione e l’integrazione è sono state molto deludenti, anche da parte degli enti che hanno operato in maniera che oseremmo definire “selvaggia”. Sono stati posti a carico degli Enti adempimenti e costi consequenziali impropri, arrivando anche alla trasmissione verso la pubblica amministrazione di documenti che in realtà erano già in suo possesso. Ancora, alla presa in carico di responsabilità verso Paesi stranieri delle relazioni post, pur essendo nota la mancanza di strumenti giuridici per obbligare le famiglie ad adempiere. 55


C.I.F.A ONLUS - CENTRO INTERNAZIONALE PER L’INFANZIA E LA FAMIGLIA ORGANIZZAZIONE NON GOVERNATIVA

Infine, vogliamo sottoporre alla vostra attenzione una situazione che ha indubbiamente del paradossale: a oggi numerosi Enti Autorizzati si trovano in condizione di essere creditori da parecchi anni nei confronti della Commissione Adozioni Internazionali, per un ammontare che indicativamente supera il milione di euro. Mantenere un rapporto bilanciato in condizioni di questo tipo è indubbiamente un esercizio di grande equilibrio. Forse non saranno maturi i tempi, ma non vogliamo smettere di credere che in un Paese moderno la sussidiarietà sia inevitabile e il riconoscimento del ruolo di cittadini e non di sudditi sia dietro la porta. La tanto vituperata Europa porterà, e cercheremo di chiederlo, un importante contributo. Torino, 29 Gennaio 2016 Gianfranco Arnoletti Presidente

56


C.I.F.A ONLUS - CENTRO INTERNAZIONALE PER L’INFANZIA E LA FAMIGLIA ORGANIZZAZIONE NON GOVERNATIVA

Cifa Onlus Via Ugo Foscolo 3, 10126 Torino 011 4338059 www.cifaong.it

57

Bilancio di Missione 2015  

Cifa Onlus

Bilancio di Missione 2015  

Cifa Onlus

Advertisement