Page 1

2013 FacoltĂ ti da vita

San Gabriele scuola tecnica in Tanzania


EDITORIALE Sviluppo sostenibile: dalle parole all’azione

L

o sviluppo sostenibile è un progetto meraviglioso. i Passionisti vedono Gesù Crocefisso. Il confronto si È un paradigma di sviluppo visionario; e nell’arco centra su come mettere in relazione il nostro carisma con degli ultimi vent’anni governi, uomini d’affari, società un tale contesto umano di sfide. Oltretutto, quest’ultimo civile e congregazioni religiose si son impegnate per è composto da un’ulteriore crescente e reale minaccia al raggiungere gli obiettivi dello sviluppo sostenibile. benessere planetario: la crescita economica dei paesi in Maurice Strong, ex-segretario generale della via di sviluppo che sta seguendo i modelli di consumo Conferenza di Rio, nel 1998 sottolineava come lo intensivo delle risorse usati dalle nazioni sviluppate. sviluppo sostenibile “fosse stato abbracciato da gente Senza un cambiamento e una azione reale che prenda di di ogni latitudine”. Nonostante il riconoscimento di un mira i livelli di consumismo e si uso delle risorse nei paesi impegno secondo i principi di uno sviluppo sostenibile, sviluppati, uno si potrà ben difficilmente aspettare di le azioni intraprese non son state sufficientemente trovare una audience recettiva tra i paesi in via di sviluppo significative e, di sicuro, non hanno condotto a quei quando si cerca di dirigere la loro attenzione sulle loro cambiamenti radicali che erano necessari per sostenere pratiche di sviluppo economico. Lo sviluppo sostenibile richiede nuovi modelli in cui paesi già sviluppati e paesi una transizione verso uno sviluppo sostenibile. onostante il dibattito ancora in corso su cosa ciò significhi, si tende a puntare l’accento su alcuni principi comuni. Il primo è l’impegno per l’uguaglianza e la giustizia, nel senso che si deve dare priorità al miglioramento delle condizioni di vita dei più poveri del mondo e le decisioni devono tener conto dei diritti delle future generazioni. Lo sviluppo sostenibile si esemplifica in processi di integrazione, di comprensione e azione dentro la complessa interconnessione tra ambiente, economia e società. Questo non è un bilanciare o un contrapposizione di una problematica contro l’altra, ma il riconoscimento della natura interdipendente di questi pilastri intrecciati. A dispetto di una P. Stanley Baldon, sacerdote passionista in Filippine ara un generale accettazione del fatto che lo sviluppo campo di mais autoctono sostenibile richieda una convergenza tra i tre pilastri dello sviluppo economico, della uguaglianza in via di sviluppo possano avventurarsi nel dialogo, nella sociale e della protezione dell’ambiente, il concetto cooperazione e, quel che più conta, nella fiducia, che rimane tuttavia oscuro per molta gente a livello locale. semplicemente non viene riflessa dalle odierne istituzioni Passionisti hanno lavorato concretamente nello multilaterali o regimi. ’è una grande distanza tra i processi multilaterali, con stabilire il regno di giustizia tra molta gente, mentre i loro obiettivi e politiche ad ampio raggio, e le azioni erano concentrati sull’obiettivo speciale dell’attività prese a livello nazionale, che riflettono le realtà politiche missionaria, ossia impiantare la Chiesa tra popolazioni o gruppi in cui non aveva ancora messo radici. Essi ed economiche locali. Una grande maggioranza di persone hanno una missione speciale complementare nel mondo si occupa profondamente e parla di sviluppo sostenibile, ma non si intraprendono azioni serie sul nell’ambito della cooperazione sociale. n molti Stati sappiamo per certo che la gente non si campo. Son necessari profondi cambi strutturali nel modo cura affatto di ciò che è stato descritto con i termini in cui le società gestiscono i loro affari economici, sociali di sviluppo sostenibile. Ciò che li preoccupa molto di e ambientali; e scelte difficili sono necessarie per passare più è la povertà, che si riflette in fame, malattie, dalle parole all’azione. P. Aloyce Babene, CP condizioni precarie di abitazione, carenza di scuole, Responsabile del bollettino mancanza di territorio, scarsità di acqua. In tutto questi,

N

I

I

C


JPIC nelle Filippine Commemorazione del Massacro di Maguindanao

I

l 23 Novembre 2009, 58 persone vennero massacrate in un episodio di violenza collegato alle elezioni, nella città di Ampatuan, Maguindanao, nelle Filippine. Dopo quattro anni, le famiglie delle vittime stanno ancora lottando per avere giustizia. Il Centro Passionista per la Giustizia, Pace ed Integrità del Creato (JPIC) si è unito a loro in solidarietà con la loro battaglia. Il 23 Novembre 2013, P. Rey Carvyn Ondap, sacerdote passionista nelle Filippine, ha celebrato una santa messa per le vittime del massacro di Maguindanao. Hanno chiamato questo giorno (23 Novembre) la “giornata internazionale per la fine della impunità”.

Servizi Sociali – El Salvador Programma per la rimozione dei tatuaggi in El Salvador

G

oodbye Tatoo” (Addio Tatuaggio) in El Salvador è un programma specialistico per la rimozione dei tatuaggi della Clinica Padre Rafael Palacio in Mejicanos, San Salvador, un progetto dei Servizi Sociali Passionisti diretti da Padre Antonio Rodriguez. Il personale è specializzato per affrontare le problematiche che vivono i giovani che cercano la rimozione di ogni tipo di tatuaggio. Al bisogno viene offerto anche un sostegno psicologico. La clinica riceve persone inviate dalle organizzazioni che lavorano direttamente con le bande (gang) che arruolano i giovani.

Ufficio Passionista della Solidarietà e le Missioni

A

Installazione dei pannelli solari in Arusha, Tanzania

d Arusha, Tanzania, nella casa di formazione per gli studenti filosofi son stati installati i pannelli solari. Questa casa da alloggio a studenti passionisti dal Mozambico, dal Kenya e dalla Tanzania. Il progetto ha cambiato la vita degli studenti, dei formatori e dei visitatori, che ora possono finalmente godersi una doccia calda. Il progetto è stato sponsorizzato dall’Ufficio Passionista per la Solidarietà e le Missioni con una spesa di 3.500 euro. La collaborazione nell’ambito della Formazione serve a rafforzare il futuro della Congregazione in Africa.

Progetto di investimento in Kenya

I

Fare il Pane

l Vicariato Passionista del Kenya ha iniziato un progetto per la produzione di pane in Karungu, Kenya, come una della sue intuizioni per gli investimenti economici. Ogni comunità o parrocchia è incoraggiata ad iniziare e mantenere il suo proprio progetto economico in sostegno dei suoi religiosi. Si tratta di una grande idea da cui molte delle nostre comunità passioniste in Africa possono trarre insegnamento. L’investimento per la produzione di pane è stato sostenuto dal Sig. Valerio Zansone di Vertova con una somma di 5.000 Euro.


P. Aloyce Babene, CP Responsabile del bollettino

La vita consacrata e la dottrina sociale della Chiesa, che sono i nodi aggrovigliati, traggono il loro potere da due cose. Prima della realtà umana in un momento della storia e il secondo è l’obiettivo escatologico. Il Vaticano II afferma che la vita sulla terra è limitata e noi sappiamo che Dio sta preparando una dimora eterna e una terra nuova, nella quale la giustizia possa morare e la sua felicità possa soddisfare il desiderio di giustizia che sorgono del cuore. La Regola e Costituzioni sono profondamente consapevoli del fatto che le aspettative di questa nuova terra devano essere considerati in linea con l’incarnazione e la crocifissione dell’amore di Dio nella storia umana. È in questo senso che i Passionisti in solidarietà con la sofferenza umana attraverso la passione, morte e risurrezione nei crocifissi, nella natura e nei diritti umani. “Guidati dal magistero della Chiesa e spinti dalla consacrazione alla Passione di Cristo, facciamo in modo che la nostra vita e il nostro apostolato siano segno vero e credibile per la causa della giustizia e della dignità umana. Il nostro stile di vita deve essere una denuncia profetica della ingiustizia che vediamo attorno a noi e una continua testimonianza contro la società dei consumi”. (Aree di nostra attività apostolica, Cost. nº 72)

Donazioni per le Missioni Passioniste Potete inviARe un Assegno Al seguente indiRizzo: P. Jesús Mª Aristín. Segretariato Generale della Solidarietà e Missione Piazza Santi Giovanni e Paolo, 13 00184 Roma. ITALIA Teléfono: (39) 06 772711 E-mail: cpmissioni@passiochristi.org tRAnsfeRimento BAnCARio A: Banca: BANCA POPOLARE DI SONDRIO Direzione della Banca: Agenzia 24 di Roma Via San Giovanni Laterano, 51 A 00184 Roma (RM) Numero Conto: 2650 / 35 IBAN: IT68U 05696 03224 000002650X35 Cidice Bancario: (Swift): POSO IT 22 I donativi possono sgravarsi dalla Dichiarazione dell’IRPF.

BOLLETInO PER InvIARE DOnAzIOnI ALLE nOSTRE MISSIOnI Nome: ............................................................................................................... Cognome: ......................................................................................................... Indirizzo: ........................................................................................................... CAP: .............................. Città: ........................................................................ Telefono: ........................................................................................................... E-mail: .............................................................................................................. Desidero collaborare con: ................................................................................

Italian  
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you