Page 1

CAMPIONATO ITALIANO SERIE A TIM DOMENICA 29.11.15 - 14^ GIORNATA

NUMERO

07


2


BENTEGODI & DINTORNI Il punto della situazione

GIAN PIETRO PANAREO

Stadi blindati o fatti evacuare in gran fretta; campionati interrotti per motivi di sicurezza. Tifosi e appassionati col fiato sospeso non per un’azione da gol ma per il timore che lo spettacolo possa trasformarsi in qualcosa che con lo sport ma soprattutto con l’umanità, intesa come il complesso di doti e sentimenti che si ritengono propri dell’uomo, nulla hanno a che fare. A causa degli attentati che hanno macchiato Parigi di sangue innocente e sparso morte in altre parti del pianeta anche il mondo del calcio è stato costretto a proteggersi e a fermarsi per la paura di dover pagare un ulteriore prezzo alla barbarie. Ma la vita, si sa, deve e vuole andare avanti pur fingendo una normalità e una tranquillità turbate dagli eventi. Così, superato l’iniziale sgomento, il pallone, dopo la mobilitazione di tutte le sue componenti compatte nell’esprimere la propria chiara e netta risposta di civiltà a chi invece trama e agisce nelle tenebre, poco alla volta ha ricominciato a rotolare, a regalare sogni e divertimento. Riaccesi i riflettori anche sul nostro torneo, il campo ha ripreso a emettere i suoi verdetti. Senza dubbio positivi per il Chievo che in trasferta contro il Carpi, dopo due mesi di astinenza, ha riassaporato il gusto della vittoria firmata dalla coppia Inglese-Meggiorini.

Una boccata d’ossigeno attesa per il morale e la classifica dei gialloblù reduci prima della sosta, dal pareggio interno in rimonta con la Sampdoria marchiato dalla prima rete in Serie A di Roberto Inglese e dall’incredibile, per come maturata, sconfitta di misura a Palermo. Giocato un terzo del calendario, l’odierna sfida con l’Udinese, a sua volta rinfrancata dal successo sulla Sampdoria, potrebbe essere l’occasione propizia per avvicinare anzitempo i venti punti indicati come l’obiettivo minimo da raggiungere prima della pausa natalizia.

INDICE I protagonisti_pagine 5-7 Ciak si gioca_pagina 9 Le classifiche_pagina 11 Le rose_pagina 13 C’era una volta_pagina 17 Notizie in gialloblù_pagina 19 Agenda gialloblù_pagina 21 Il Settore giovanile_pagina 23

TEAM MONDO CHIEVO EDITORE: Coordinamento Amici del Chievo DIRETTORE RESPONSABILE: Marco Sancassani CONDIRETTORE: Paolo Sacchi IDEAZIONE e COORDINAMENTO: Simone Fiorini CREATIVITÀ ed IMPAGINAZIONE: NEXIDIA Comunicazione e Design www.nexidia.it COLLABORATORI: Riccardo Bazzoni, Angela Borruto, Dino Guerrini, Gian Pietro Panareo FOTOGRAFI: Archivio Amici del Chievo, Andrea Bicego, Giovanni Cavedini, Roberto Gandolfi, Renzo Udali AMMINISTRATORE: Coordinamento “Amici del Chievo” STATISTICHE A CURA DI: Ufficio Stampa A.C. ChievoVerona e Alessandro Longo STAMPA: Coraprint Testata registrata presso il Tribunale di Verona col nr. 1850 del 7 ottobre 2009 Anno 7 - Numero 17 del 29 novembre 2015

È ANCHE ONLINE!

SFOGLIALO SUBITO 3


Novità

I Nuovi

Senzdai

con il 30% di grassi in meno* *rispetto alla media delle merende più vendute (riferito al croissant albicocca e crema cioccolato)

4

www.paluani.it

da

Ad

ige

Olio Palma

lto i pa scoli dell’A


I PROTAGONISTI ROBERTO INGLESE PAOLO SACCHI

Roberto, sembri essere arrivato al momento giusto nel posto giusto… Devo davvero ringraziare il mister per avermi dato questa possibilità. Mi sono impegnato tanto nel corso del ritiro estivo affinché venissi notato. All’inizio ero un po’ dubbioso sull’opportunità di restare o meno. Temevo di non trovare spazio, dunque avrei anche accettato di trasferirmi altrove per poter giocare più spesso. Ne avevo parlato anche con il direttore Nember, che mi conosce bene. Adesso devo dire che avevano ragione loro. Si può dire che finalmente hai avuto la tua chance? Direi proprio di si. Nelle ultime stagioni avevo girovagato un po’ per l’Italia anche se il mio cartellino è sempre stato di proprietà del Chievo. Ero già stato qui in ritiro due anni fa. Conoscevo l’ambiente e sapevo che questa è una società ideale per me, un a grande famiglia in cui trovare

tutti i requisiti per migliorare. Hai giocato titolare nelle ultime tre gare: come vivi questo un momento magico? Lo ripeto

sempre: per me è già una grande soddisfazione giocare in serie A e sono ben felice di fare parte di questo eccezionale gruppo. Poi, è ovvio, mi fa piacere per come stanno andando le cose. Qui la concorrenza è tanta, ho compagni bravissimi. Penso solo a impegnarmi al massimo, poi quel che viene, viene. La tua vita è stata un lungo viaggio verso Verona. Sono nato a Lucera, in provincia di Foggia. A otto anni la mia famiglia si è dovuta trasferire a Vasto per motivi di lavoro, dove ho vissuto fino a quando avevo quattordici anni, ovvero nel momento mi ha preso il Pescara. Sono stati i miei primi cinque anni lontano da casa. Lì ho debuttato da professionista: poi sono arrivate tre stagioni a Lumezzane in Lega Pro e infine due anni a Carpi in B. Poi, finalmente, Verona. A Vasto sei un vero e proprio idolo locale. Che effetto ti fa? Ovviamente mi fa davvero piacere, anche perché sono davvero affezionato a Vasto. Con Andrea Iannoni, pilota motociclistico del MotoGP, siamo gli sportivi più seguiti e devo dire amati del posto. Tutto sommato penso sia normale che essere calciatore in serie A possa riscuotere interesse e attenzione in una piccola cittadina. Torni spesso a casa? Si, ogni volta che posso. Sono innamorato di Vasto: si vive molto bene è credo proprio sarà il luogo in cui mi trasferirò definitivamente una volta che avrò terminato la carriera da calciatore. Mettiti il cappello da guida turistica e raccontacela brevemente a chi non la conosce. Si divide in due parti: Vasto città, che più animata d’inverno e Vasto Marina dove, appena arriva il bel tempo, andiamo tutti a godere del bellissimo mare e delle spiagge. La vita scorre in maniera gradevole e non manca nulla. Possiamo dire che sei abbonato ai luoghi “a misura d’uomo”? A dire il vero sono andato a

LA SCHEDA

Foto: R. Udali

Se fosse per l’aplomb che mostra in pubblico, potremmo dire che si, Inglese ha qualcosa di britannico oltre al cognome. In realtà il nuovo bomber del Chievo è un latino a tutto tondo. A partire dall’aver fatto proprio il “carpe diem”, la celebre locuzione del poeta Orazio, quasi compaesano del Roberto gialloblù nato in Puglia e cresciuto in Abruzzo. Giovane ma non più così giovane, a ventiquattro anni gli si sono aperte le porte della serie A. Che, a dirla tutta, se l’era già conquistata sul campo con il Carpi, nel campionato scorso. Apice momentaneo di un lungo viaggio non solo metaforico, personale e professionale, iniziato quando era ancora bambino. Il mondo del Chievo lo conosceva già: era transitato da queste parti in un precampionato di qualche stagione fa. Anche stavolta però Verona sembrava essere solo una tappa di passaggio. Invece no: la massima serie se l’è riconquistata in estate. Gol, qualità e volontà: il mix giusto per ricevere l’investitura direttamente dall’alto. A San Zeno mister Maran e Luca Nember, che ne conosceva le doti dai tempi del Lumezzane, non hanno avuto dubbi: Inglese resta al Chievo. “Carpe diem”. Giorno per giorno Roberto ha saputo contraccambiare la fiducia a suon di prestazioni di livello. Centrattacco vecchio stile, di quelli capaci a, come si usa dire, “tener alta la squadra”, bravo a difendere palla e ritagliarsi spazi in area, sta esibendo anche sul grande palcoscenico del calcio italiano il suo pezzo forte: il fiuto del gol. Tocco di prima e, bang, fucilata verso la porta avversaria. Di testa o coi piedi, da fuori area o sotto rete. Per informazioni chiedere a Sampdoria e Carpi.

Nome: Roberto Cognome: Inglese Data di nascita: 12/11/1991 Luogo di nascita: Lucera (Foggia) Altezza: 187 cm Peso: 75 kg Ruolo: Centravanti Squadre precedenti: Pescara (5/1), Lumezzane (74/21), Carpi (49/8), Chievo (7/2)

Inglese per lui 2 reti in 264 minuti 5


PERCHÉ NOI SIAMO LA NOSTRA AZIENDA! Ci siamo costruiti una buona reputazione, ci presentiamo di persona e lo facciamo con orgoglio. Dedichiamo questa pagina a Voi che siete i nostri Clienti e a quelli che lo vorranno diventare, investendo sulla serietà, sulla qualità dei prodotti e dei servizi che sapremo offrirvi. GRAZIE!

Via Musi, 1/A-3 - 37042 Caldiero (VR) - ITALIA Tel. 045.6139711 - Fax 045.6150251 - info@bertima.it 6

BERTI - Pagina NOI SIAMO LA NOSTRA AZIENDA - 210 x 280 - 9.2015.indd 1

21/09/2015 19:32:54


I PROTAGONISTI ROBERTO INGLESE che di sacrifici dovrò farne tanti ancora per restare a questo livello. Ti sei posto degli obiettivi? Quando si sta facendo bene è naturale pensare a insistere, dare il massimo per affermarsi. Non voglio pormi obiettivi perché preferisco pensare a migliorarmi giorno per giorno. La mia speranza ora è fare del mio meglio per la mia squadra per poter restare qui. Nel frattempo stai scalando l’indice di gradimento dei tifosi gialloblù. Fin dal mio arrivo i tifosi del Chievo mi hanno manifestato grande calore. Forse, chissà, ancor prima di vedermi come giocatore, hanno visto in me una brava persona, un ragazzo semplice. Ora tocca a me continuare a far bene e cercare di regalar loro tante soddisfazioni. Dove può arrivare il Chievo quest’anno? Siamo una squadra che gioca benissimo, ha un grande gruppo e un grande mister, artefice del tipo di calcio che esprimiamo. Se miglioriamo sotto l’aspetto della gestione delle partite, come quella di domenica in cui abbiamo sofferto troppo nel finale, possiamo toglierci anche qualche soddisfazione in più. In serie A siamo tra le squadre più piacevoli da vedere giocare: ora l’importante è far più punti possibili in queste ultime gare del girone d’andata. Un tuo compagni ha detto: “se Inglese resta concentrato, ha grandi potenzialità”. Credo e spero sia la verita! [gran risata NdR]

Dedica Roberto, come tutta la squadra, prima di Chievo-Napoli per l’amico e compagno Mattiello

British col Carpi, la sua rete, di puro stampo… Inglese

Farmaci da banco (SOP e OTC) Fitoterapia Profumeria e idee ragalo Farmaci su ordinazione Bovolone +39 349 725 7341

Foto: R. Udali

dunque la nostra frequentazione è meno assidua rispetto a quella con Federico ma conosce bene Verona e quindi mi dà informazioni utili: mi ha fatto conoscere il suo parrucchiere, mi consiglia su dove andare a cena... A Verona vivi solo o accompagnato? Qui vivo da solo, sono single. Ogni tanto ricevo la visita dei miei genitori che sono pensionati e vengono a tifare per me al Bentegodi [erano presenti anche al suo debutto in serie A in Chievo-Inter N.d.R.]. Vivere da solo non è complicato. Se cucino? A pranzo in pratica siamo sempre qui a Veronello, quindi nessun problema mentre la sera se sono a casa mi arrangio in qualche modo. In emergenza, chiamo mia madre per avere qualche indicazione, ma non ho necessità particolari: una fetta di carne con qualche contorno mi è sufficiente. Hai qualche passione particolare? La musica. Prima della partita le cuffie sono d’obbligo: metto su Ligabue, il mio idolo fin da quando ero bambino. Mi dà una grande carica. Il top è comunque vederlo dal vivo: sono andato alla tappa di “Campo volo” a Pescara nel 2010. Che spettacolo: artisti come lui regalano grandissime emozioni. “Una vita da mediano” dice che nella vita per riuscire occorre fare dei sacrifici. Per quanto mi riguarda credo di averne fatti parecchi. Quando si parte dal basso, come è capitato a me, è ancor più faticoso: si gioca in categorie e campi difficili, da cui non è facile emergere. Ora mi godo la serie A: già essere qui mi sembra un sogno. E so bene Foto: R. Udali

vivere in città in cui le società mi hanno cercato: coincidevano tutte con quelli che erano i miei desideri, ovvero piazze ideali per crescere professionalmente, in linea con il mio carattere di ragazzo tranquillo. A Carpi poi ho avuto la fortuna di vincere il campionato. Ora vivo a Verona che non scopro certo io: è una città bellissima in cui spero di poter restare a lungo. Al “Lume” invece, poco prima di te, è cresciuto un certo Balotelli… Il Lumezzane è una bella società in cui si fa calcio in maniera sana e pulita. Ti garantisce un ambiente perfetto in cui crescere. Negli anni in cui ho giocato c’era il direttore Nember: è stato un periodo importante della mia carriera. La prima persona con cui hai legato al Chievo è stato Mattiello. Sarà stato per motivi anagrafici ma ci siamo trovati immediatamente a nostro agio insieme. In ritiro o fuori dal campo facevamo coppia fissa o quasi. Quando Federico si è nuovamente infortunato non è stato facile per me superare lo shock: non nego di essere tuttora triste per la sfortuna che ha avuto. Gli auguro di tornare presto a giocare. Non solo per il fatto che sia un ottimo calciatore con grandi qualità ma soprattutto perché è un bravissimo ragazzo: merita il meglio dalla vita. Ora sei tu il “bocia” del gruppo. Devo dire che tutti i compagni sono davvero molto gentili con me: il fatto di essere il più giovane della squadra è un bel vantaggio. C’è Cacciatore che mi ha preso sotto la sua ala protettiva. Fabrizio ha famiglia,

Bovolone-Peschiera Centro Com. Galvan

CONSEGNE A DOMICILIO

Consulenze dermocosmetiche Farmaci omeopatici Farmaci veterinari Consulenze per gli sportivi C.com.Galvan 045 958 1115 7


CORA PRINT S.R.L.

Via Postale Vecchia, 79 - 36070 Trissino (VI) ITALY tel. +39 0445 491646 - fax +39 0445 1922099 - info@coraprint.it www.coraprint.it

8


CIAK, SI GIOCA! UDINESE CALCIO L’avversaria come dentro un film

MARCO SANCASSANI

Come sembrano lontani i tempi in cui l’Udinese frequentava i piani alti della classifica con vista sull’Europa. Eppure, a partire dalla stagione 1996/1997, tutto ciò è avvenuto quasi sistematicamente fino a due stagioni or sono portando il sodalizio friulano a vincere l’edizione 2000 della Coppa Intertoto e ad accedere anche alla fase a gironi della Champions’ League 2005/’06. Traguardi momentaneamente consegnati all’album dei ricordi dopo il 13° e il 16° posto ottenuti nello scorso biennio anche se con l’attenuante di cessioni illustri che hanno privato i bianconeri di elementi del calibro di Benatia o Alexis Sanchez su tutti. A brillare ora, oltre all’eterno Di Natale, è l’ex gialloblù della Diga Cyril Théréau cui si deve il botto iniziale che le zebrette hanno messo a segno in casa delle cugine più grandi allo Juventus Stadium nel turno inaugurale. Dopo di allora però la compagine di Stefano Colantuono ha dovuto attendere altre sei giornate per tornare a far punti aprendo una mini striscia positiva a cui si devono 8 dei 12 punti raccolti prima della sosta. Prima della vittoria riportata sette giorni fa tuttavia era dal 25 ottobre che i friulani non riuscivano a incrementare la classifica tanto da ventilare un cambio della guida tecnica. Gli 8 punti fatti in casa e i 7 fuori, i 4 successi equamente ripartiti e le 5 sconfitte di misura su 6 presentano comunque una squadra equilibrata e difficile da affrontare.

L’UOMO BICENTENARIO Risale proprio a una gara contro il ChievoVerona la 200.ma marcatura nel principale campionato di Antonio Di Natale. Era il 23 novembre 2014 e il secondo ‘Totò’ nazionale quel giorno totalizzava anche

GIOVANI SI DIVENTA

Foto: R. Gandolfi

CUORE DI TUONO È al suo fisico robusto e al suo temperamento che Stefano Colantuono deve la sua carriera di buon difensore, trascorsa militando in squadre del Centro Sud conclusa con la Sambenedettese dopo aver calcato i terreni della massima serie con Pisa, Avellino e Ascoli. Appesi gli scarpini sono proprio i rossoblù marchigiani, ripagati dalla promozione in C1 a tenerlo a battesimo sulla panchina, cui seguiranno - tra i cadetti - quelle del Catania e Perugia. Il salto di qualità avviene però per lui alla guida dell’Atalanta con cui, in due fasi distinte intervallate dalle esperienze con Palermo e Torino, centra due promozioni in A e diversi primati prima dell’esonero dello scorso anno. Stanti le assenze pesanti e numerose che hanno colpito la sua squadra, oltre che al sin qui usato ‘3-5-1-2’, il tecnico romano dovrà certo affidarsi anche alla sua personalità.

la sua 400.ma presenza nel torneo. Del resto l’attaccante napoletano ai grandi numeri, intesi tanto come cifre quanto come giocate spettacolari, ha sempre abituato i suoi estimatori grazie a doti tecniche e balistiche di prim’ordine che lo hanno portato all’8° posto assoluto tra i bomber italiani con 308 gol. Messosi in luce nell’Empoli dopo la gavetta con Iperzola, Varese e Viareggio, approda in Friuli nel 2004 dove rimane fino ai giorni nostri, rifiutando anche trasferimenti importanti. La sua dedizione alla causa udinese è tradotta nei dati che lo fanno risultare il primatista del club tanto per presenze e reti in A (373/190) che nelle competizioni europee (37/17).

Ex Théréau, 129 gare e 30 reti col ChievoVerona

Sarà festa grande, domani 30 novembre, tra gli sportivi del capoluogo friulano. A tale data del 1896 si fa infatti risalire la fondazione della Società Udinese di Ginnastica e Scherma, polisportiva dalla quale - il 5 luglio 1911 - nacque poi la branca calcistica che, col nome di Associazione Calcio Udine, si affiliò alla Federazione Italiana Gioco Calcio. A dispetto dell’età, il club bianconero ha fatto le sue fortune affidandosi, a partire dalla metà degli Anni 80, a una serie di giovani di talento provenienti soprattutto da Africa e Sud America. Un’ impostazione voluta dall’allora presidente Giampaolo Pozzo tradotta in pratica da una rete di abili osservatori guidata da Manuel Gerolin, già centrocampista dei friulani nei primi Anni 80 che da un lato ha portato nella bacheca di via Candolini 2 scudetti e una Coppa Italia a livello “Primavera” permettendo contemporaneamente alle zebrette di rimanere ininterrottamente in Serie A da vent’anni. 9


S C O P R I L A N U O VA I M M A G I N E C I T R E S N u o v i ,

b e l l i ,

c o l o r a t i

e … s e m p r e

Scopri tutte le ricette su

b u o n i !

www.citresgourmet.com

CITRES S.p.A. – Via del Giglio, 19 Bovolone (VR) 10

p i ù


SERIE A TIM I NUMERI Dati aggiornati al 29/11/15

SQUADRA

PUNTI

G

V

N

P

RF

RS

Inter

30

13

9

3

1

16

7

Napoli

28

13

8

4

1

24

8

Fiorentina

28

13

9

1

3

26

11

Roma

27

13

8

3

2

29

15

Sassuolo

22

13

6

4

3

15

12

Juventus

21

13

6

3

4

17

11

Milan

20

13

6

2

5

15

17

Lazio

19

13

6

1

6

17

21

Torino

18

13

5

3

5

18

18

Atalanta

18

13

5

3

5

13

15

ChievoVerona

16

13

4

4

5

16

13

Sampdoria

16

13

4

4

5

19

18

Genoa

16

13

4

4

5

14

17

Palermo

15

13

4

3

6

13

17

Udinese

15

13

4

3

6

11

15

Empoli

15

13

4

3

6

15

20

Bologna

13

13

4

1

8

13

17 22

Frosinone

11

13

3

2

8

11

Hellas Verona

6

13

0

6

7

8

21

Carpi

6

13

1

3

9

11

26

DIAMO I NUMERI

Torino - Bologna 28/11 ore 18 Milan - Sampdoria 28/11 ore 20,45 ChievoVerona - Udinese 29/11 ore 15 Frosinone - Hellas Verona 29/11 ore 15 Genoa - Carpi 29/11 ore 15 Roma - Atalanta 29/11 ore 15 Empoli - Lazio 29/11 ore 18 Palermo - Juventus 29/11 ore 20,45 Sassuolo - Fiorentina 30/11 ore 19 Napoli - Inter 30/11 ore 21

INCONTRI DELLA 15^ GIORNATA Lazio - Juventus 4/12 ore 20,45 Torino - Roma 5/12 ore 15 Inter - Genoa 5/11 ore 20,45 Bologna - Napoli 6/12 ore 12,30 Atalanta - Palermo 6/12 ore 15 Fiorentina - Udinese 6/12 ore 15 Frosinone - ChievoVerona 6/12 ore 15 Hellas Verona - Empoli 6/12 ore 15 Sampdoria - Sassuolo 6/12 ore 18 Carpi - Milan 6/12 ore 20,45

CLASSIFICA MARCATORI Goal Rigori 1 Higuain G. (Napoli)

Foto: R. Udali

Sono sin qui 16 le reti messe a segno dal ChievoVerona; a realizzarle 8 calciatori diversi: Paloschi (4), Meggiorini (3), Birsa, Castro e Inglese (2), Pellissier e Pepe (1). Significative del buon approccio alla gara sono le 9 realizzazioni ottenute nel primo tempo, 5 delle quali già nei 15 minuti iniziali. È quindi la fase centrale (16’-30’) della seconda frazione a vantare simile intensità con 3 marcature ripartendo equamente (2) le rimanenti negli altri sesti di gara. Eccettuata quella su calcio piazzato di Birsa alla Lazio infine, equilibrio assoluto anche dal punto di vista delle modalità: 5 di destro, 5 di sinistro e 5 di testa.

INCONTRI DELLA 14^ GIORNATA

10

0

2 Kalinic N. (Fiorentina)

9 0

3 Eder C. (Sampdoria)

9

2

4 Insigne L. (Napoli)

7

0

5 Gervinho K. (Roma)

6

0

6 Bacca C. (Milan)

6

1

7 Pjanic M. (Roma)

6

1

8 Dybala P. (Juventus)

6

2

9 Pavoletti L.. (Genoa)

5

0

10 Salah. M. (Roma)

5

0

Tiri mancini Il sinistro vincente di Birsa a Empoli 11


QualitĂ

Vai su

paluani.it

e scopri le mie ricette esclusive! 12


Udinese Calcio

A.C. ChievoVerona

Allenatore: Stefano Colantuono

Allenatore: Rolando Maran N°

GIOCATORE

NATO A

DATA DI NASCITA

GIOCATORE

NATO A

PORTIERI 1

DATA DI NASCITA

PORTIERI

BIZZARRI Albano Benjamín

Etruria (ARG)

09/09/77

32

BRESSAN Walter

Oderzo (Tn)

26/01/81

90

SECULIN Andrea

Gorizia

14/07/90

DIFENSORI

31

KARNEZĪS Orestīs

Atene (GRE)

11/07/85

97

MERET Alex

Udine

22/03/97

90

ROMO Pérez Rafael Enrique

Turén (VEN)

25/02/90

18/12/89

DIFENSORI 21

ANDRADE dos Santos Edenílson

Porto Alegre (BRA)

29

CACCIATORE Fabrizio

Torino

08/10/86

32

CAMIGLIANO Agostino

Segrate (Mi)

11/07/94

12

CESAR Boštjan

Lubiana (SLO)

09/07/82

30

DAL BELO Dias da Silva Felipe

Guaratinguetá (BRA)

31/07/84

3

DAINELLI Dario

Pontedera (Pi)

09/06/79

11

DOMIZZI Maurizio

Roma

28/06/80

5

GAMBERINI Alessandro

Bologna

27/08/81

75

HEURTAUX Thomas

Lisieux (FRA)

03/07/88

13

INSÚA Zapata Emanuel Mariano

Buenos Aires (ARG)

10/04/91

53

KADHIM Al Tameemi Ali Adnan

Baghdad

19/12/93

5

LARANGEIRA Danilo

São Bernardo do Campo (BRA)

10/05/84

2

WAGUE Molla

Vernon (FRA)

21/02/91

18

GOBBI Massimo

Milano

31/10/80

21

FREY Nicolas Sebastien

Nizza (FRA)

06/03/84

11

MATTIELLO Federico

Borgo a Mozzano (Lu)

14/07/95

20

SARDO Gennaro

Pozzuoli (Na)

08/05/79 7

BADU Emmanuel Agyemang

Berekum (GHA)

02/12/90

23

BIRSA Valter

San Pietro di Gorizia (SLO)

07/08/86

8

BORGES Fernandes Bruno Miguel

Maia (POR)

08/09/94

19

CASTRO Lucas Nahuel

La Plata (ARG)

09/04/89

23

de MATTOS FILHO Marco A. "Marquinho"

Passo Fundo (BRA)

03/07/86

19

dos SANTOS TORRES Guilherme

Santo André (BRA)

05/04/91

16

ITURRA Urrutia Manuel Rolando

Temuco (CIL)

23/06/84

33

KONE Panagiōtīs Geōrgios

Tirana (ALB)

26/07/87

20

LODI Francesco

Napoli

23/03/84 22/02/92

CENTROCAMPISTI

10

CHRISTIANSEN Anders

Copenaghen (DAN)

08/06/90

56

HETEMAJ Përparim

Srbica (FIN/KOS)

12/12/86

13

IZCO Mariano Julio

Buenos Aires (ARG)

13/03/83

CENTROCAMPISTI

7

PEPE Simone

Albano Laziale (RM)

30/08/83

52

MERKEL Alexander

Pervomajskij (KAZ)

6

PINZI Giampiero

Roma

11/03/81

26

PASQUALE Giovanni

Venaria Reale (To)

05/01/82

8

RADOVANOVIĆ Ivan

Belgrado (SRB)

29/08/88

89

PIRIS Leguizamón Iván Rodrigo

Itauguá (PAR)

10/03/89

4

RIGONI Nicola

Schio (Vi)

12/11/90

95

SANTANA de Oliveira Lucas Evangelista

Limeira (BRA)

06/05/95

27

WIDMER Silvan

Aarau (SVI)

05/03/93

01/10/94

ATTACCANTI 45

INGLESE Roberto

Lucera (Fg)

12/11/91

40

MPOKU Ebunge Paul Jose

Kinshasa (GHA)

19/04/92

69

MEGGIORINI Riccardo

Isola della Scala (Vr)

04/09/85

43

PALOSCHI Alberto

Chiari (Bs)

04/01/90

31

PELLISSIER Sergio

Aosta

12/04/79

ATTACCANTI 74

AGUIRRE Soto Rodrigo Sebastián

Montevideo (URU)

10

DI NATALE Antonio

Napoli

13/10/77

18

PERICA Stipe

Zadar (CRO)

07/07/95

77

THÉRÉAU Cyril

Privas (FRA)

24/04/83

9

ZAPATA Banguero Duván Esteban

Cali (COL)

01/04/91

ristorante

Dossobuono (VR) - Via Cavour, 40 Tel. 045 513038 Chiuso il mercoledì

PAGINA A CURA DI ALESSANDRO LONGO

ristorante

13


14


1-Bizzarri Albano Benjamín Presenze /Reti Serie A 2015/16 Presenze totali/Reti totali ChievoVerona

32-Bressan Walter Presenze /Reti Serie A 2015/16 Presenze totali/Reti totali ChievoVerona

90-Seculin Andrea Presenze /Reti Serie A 2015/16 Presenze totali/Reti totali ChievoVerona

3-Dainelli Dario Presenze /Reti Serie A 2015/16 Presenze totali/Reti totali ChievoVerona

5-Gamberini Alessandro Presenze /Reti Serie A 2015/16 Presenze totali/Reti totali ChievoVerona

11-Mattiello Federico Presenze /Reti Serie A 2015/16 Presenze totali/Reti totali ChievoVerona

12-Cesar Boštjan Presenze /Reti Serie A 2015/16 Presenze totali/Reti totali ChievoVerona

13

-13

-

-

-

-

6

-

11

-

1

-

12

-

42

-38

-

-

-

-

106

2

32

-

4

-

162

5

18-Gobbi Massimo Presenze /Reti Serie A 2015/16 Presenze totali/Reti totali ChievoVerona

20-Sardo Gennaro Presenze /Reti Serie A 2015/16 Presenze totali/Reti totali ChievoVerona

21-Frey Nicolas Sebastien Presenze /Reti Serie A 2015/16 Presenze totali/Reti totali ChievoVerona

29-Cacciatore Fabrizio Presenze /Reti Serie A 2015/16 Presenze totali/Reti totali ChievoVerona

4-Rigoni Nicola Presenze /Reti Serie A 2015/16 Presenze totali/Reti totali ChievoVerona

6-Pinzi Giampiero Presenze /Reti Serie A 2015/16 Presenze totali/Reti totali ChievoVerona

7-Pepe Simone Presenze /Reti Serie A 2015/16 Presenze totali/Reti totali ChievoVerona

13

-

-

-

8

-

9

-

11

-

5

-

10

1

14

-

151

7

193

-

9

-

11

-

74

4

11

1

8-Radovanović Ivan Presenze /Reti Serie A 2015/16 Presenze totali/Reti totali ChievoVerona

10-Christiansen Anders Bleg Presenze /Reti Serie A 2015/16 Presenze totali/Reti totali ChievoVerona

13-Izco Mariano Julio Presenze /Reti Serie A 2015/16 Presenze totali/Reti totali ChievoVerona

19-Castro Lucas Nahuel Presenze /Reti Serie A 2015/16 Presenze totali/Reti totali ChievoVerona

23-Birsa Valter Presenze /Reti Serie A 2015/16 Presenze totali/Reti totali ChievoVerona

56-Hetemaj Përparim Presenze /Reti Serie A 2015/16 Presenze totali/Reti totali ChievoVerona

31-Pellissier Sergio Presenze /Reti Serie A 2015/16 Presenze totali/Reti totali ChievoVerona

5

-

-

-

-

-

13

2

13

2

11

1

5

1

72

2

5

-

29

2

14

2

50

2

144

1

433

119

STAFF TECNICO Allenatore in 2.a: Christian Maraner

Preparatore portieri: Lorenzo Squizzi

40-MPoku Ebunge Paul Jose Presenze /Reti Serie A 2015/16 Presenze totali/Reti totali ChievoVerona

43-Paloschi Alberto Presenze /Reti Serie A 2015/16 Presenze totali/Reti totali ChievoVerona

45-Inglese Roberto Presenze /Reti Serie A 2015/16 Presenze totali/Reti totali ChievoVerona

69-Meggiorini Riccardo Presenze /Reti Serie A 2015/16 Presenze totali/Reti totali ChievoVerona

Maran Rolando Panchine ChievoVerona Panchine Serie A

4

-

13

4

7

2

12

3

45 13v 16p 16s

4

-

145

41

7

2

42

7

103 30v 33p 40s

Preparatori fisici: Luigi Posenato Roberto De Bellis

Collaboratori tecnici: Andrea Tonello Ivan Moretto

15


16


C’ERA UNA VOLTA CHIEVO - UDINESE Le sfide del passato coi bianconeri

MARCO SANCASSANI

meno di ricordare tra le sei vittorie chievoveronesi i 2 successi esterni ottenuti alla 5^ giornata della stagione 2001-’02 e alla 14^ di sette anni dopo. Il primo - firmato da Perrotta, l’allora Eriberto (poi Luciano) e Caballero mostrò al Chievo di Delneri le sue potenzialità per sognare l’Europa, l’altro - su autorete di Felipe - mantenne a galla gli uomini di Di Carlo prima di una struggente salvezza. COSÌ GLI ALTRI PRECEDENTI Competizione

G

V

N

P

F

S

C. Italia

C

0

0

0

0

0

0

F

1

1

0

0

2

1

Serie B

C

1

0

0

1

0

1

F

1

0

0

1

0

1

3

1

0

2

2

3

Totali

Foto: R. Udali

Non si può parlare di Chievo-Udinese senza che ti arrivino agli occhi i volti di Sergio Pellissier e Antonio Di Natale. Ben 14 delle 57 reti complessive realizzate sotto i riflettori della Serie A portano infatti la firma di uno dei due: 6 per il re degli attaccanti clivensi, 2 in più per il collega in bianconero. Goal spesso di pregevole fattura, reti quasi sempre decisive. Nel tabellino della stessa gara però i loro nomi entrarono solo in due sfide, curiosamente entrambe giocate in aprile. Se, viste con le lenti gialloblù, quella del 14.4.’07 servì solo a celebrare il compleanno di Pelobomber occorso due giorni prima (Iaquinta prima e Di Natale poi ribaltarono il punteggio), buon viatico ai fini della seconda esperienza nelle coppe continentali della squadra della Diga fu l’1-1 timbrato a Udine il 23.4.’06 a -6 dal termine stagionale. Alla luce dei 26 incroci tenutisi nel massimo campionato non possiamo far a

CF COSTRUZIONI srl Impresa edile DOSSOBUONO (VR) Tel. 045 2372161 www.cfcostruzioni.vr.it 17


le partite del chievo in diretta radio!

verona 87.5 fm stereo

in diretta dalle 18.30 alle 19.30 UN’ORA DI SOLO CHIEVO CON MASSIMO MASSI CHIAMA IN DIRETTA AL 349.4980763

18

RADIO UFFICIALE A.C. CHIEVOVERONA


NOTIZIE IN GIALLOBLÙ

Fatti, informazioni e curiosità dal pianeta Chievo MARCO SANCASSANI 1 Il Chievo a Palazzo “Il ChievoVerona è una Società onesta, con dirigenti seri e un gruppo capace”. Sono queste le parole spese da Antonio Pastorello, Presidente della Provincia di Verona, nell’accogliere lo scorso 19 novembre la squadra gialloblù nelle sale del Palazzo Scaligero, sede dell’istituzione pubblica. “Qui ci sentiamo come a casa” ha risposto Luca Campedelli, chairman clivense di cui è nota la passione per la storia cittadina e a cui si è accomunato mister Rolando Maran dichiarando che “è un onore che cercheremo di trasferire sul campo. Il tradizionale incontro è proseguito con la visita e alcune foto nella Loggia di Frà Giocondo e con il rituale scambio di omaggi. “Speriamo che tutto questo si possa ripetere per tanti anni” ha aggiunto poi Campedelli nel consegnare le maglie e il pallone autografato da staff e giocatori. 2 La trasferta perfetta Carpi diem. Non ce ne vogliano i puristi del latino maben si presta la nostra interpretazione nel riassumere la giornata vissuta dal ChievoVerona e dai suoi tifosi in occasione della sfida disputata a Modenacol Carpi. Se dal lato del punteggio l’esito del match è stato quello più desiderato, non meno soddisfazione ha portato l’insieme delle situazioni create a beneficio di chi ha partecipato alla trasfer1 ta organizzata dal Coordinamento Amici del Chievo e anche singolarmente dai club Buttapietra e ReCEOto. Carpi diem allora, ossia afferra l’attimo in quel di Carpi dove la giornata è iniziata dapprima con le partitelle disputate dalle selezioni 2004 e 2005 dell’ASD Paluani Life con dei pari età locali per proseguire con la visita guida-

ta all’acetaia Masina in compagnia del sodalizio biancorosso Panthers. La perfetta organizzazione dei responsabili della tifoseria locale ha poi dato la possibilità di incontrare per un aperitivo “Quelli del camper” ritrovando le “pantere” per un momento conviviale, seguito dal rituale scambio di omaggi, presso il circolo “Graziosi”. La Calabria chiama, il Chievo risponde È stato un pomeriggio di festa quello che il ChievoVerona ha fatto vivere venerdì 13 novembre agli sportivi di Rossano Calabro e dintorni, zona colpita quest’estate da una forte alluvione, presentandosi allo stadio “Stefano Rizzo” per un amichevole benefica organizzata dal gruppo editoriale “L’Eco dello Jonio” dalla Croce Rossa locale e dall’associazione “Vincenzo Filippelli” e patrocinata dal Comune di Rossano. “Siamo orgogliosi dell’attenzione che il ChievoVerona ci ha dedicato” ha dichiarato il sindaco Giuseppe Antoniotti nel consegnare a Luca Campedelli una copia del Codex Purpureus Rossanensis. L’iniziativa, cui ha partecipato anche il cantautore Mogol, ha così permesso di contribuire all’acquisto di una struttura sanitaria mobile da utilizzare nelle emergenze e a raccogliere fondi destinati all’assistenza dei bimbi malati onco-ematologici. Proprio dalla felicità dei tanti bambini presenti dapprima in campo e quindi sugli spalti è venuta

la miglior conferma della riuscita di una giornata in cui il calcio ha fatto rima con la solidarietà. 3 Metti gli Amici a cena Atmosfera di milonga al ristorante “Da Gianni” lo scorso 11 novembre quando gli iscritti dei club San Giovanni Lupatoto e Ragazzi di Palazzina si sono riuniti per dare il via alla stagione delle cene sociali che il Coordinamento Amici del Chievo organizza di concerto con la Società gialloblù. Il tocco esotico è stato portato così dalla coppia argentina composta da Lucas Castro e Mariano Izco, accompagnata dallo SLO chievoveronese Enzo Ceriani, richiesta per foto e autografi. 2

3

C

M

Y

CM

MY

CY CMY

K

19


20


AGENDA GIALLOBLÙ Gli appuntamenti da non perdere

Il “mondo Chievo” per l’infanzia Ancora una volta il mondo clivense si apre per correre in aiuto dei più bisognosi. L’A.C. ChievoVerona, CuoreChievo onlus e il Coordinamento Amici del Chievo si apprestano a realizzare un progetto benefico destinato a sostenere un’associazione cittadina che svolge attività di supporto morale e sociale ai nati prematuri e alle loro famiglie. A tale proposito si terrà infatti domenica prossima (h. 12), presso il salone parrocchiale di Chievo, un pranzo di beneficenza la cui quota è prevista in 10 euro. Prenotazioni al 345-8342977. Chievo on the road Sono passati otto anni dalla prima e unica volta che i Gialloblù hanno calpestato il terreno dello stadio Matusa di Frosinone. L’occasione era una gara del campionato cadetto, terminata 2-1 per la squadra della Diga grazie alle reti di Cesar

Vinicio e Greco. Il ritorno in Ciociaria stavolta vale la prima assoluta in Serie A per un match rilevante in chiave salvezza e per il quale il Coordinamento Amici del Chievo sta predisponendo i pullman al seguito dei ragazzi di Maran. Per dettagli in merito ed eventuali adesioni è disponibile il succitato numero.

1

1 Bottagisio open days Porte aperte per due giorni - il 5 e 6 dicembre prossimi - al Bottagisio Sport Center. A quasi un anno di distanza dalla sua inaugurazione, il centro di eccellenza sportiva di via Perloso 14/A si aprirà infatti a tutti coloro che volessero visitarlo approfittando così dell’occasione per conoscere tutte le opportunità che le sue strutture offrono a chi ha il piacere di praticare lo sport in un ambiente moderno e confortevole. I dettagli del programma saranno diffusi sul sito e sui social media ufficiali dell’A.C. ChievoVerona.

- Pulizie civili ed industriali per

aziende, studi professionali, impianti

sportivi, spa, ipermercati e centri commerciali

IGEVO Srl Via Verona 22/A 37012 - Bussolengo (VR) Tel. 045 8302631 - info@igevo.it

- Mobile shredding - servizio di triturazione e distruzione documenti - Lavaggio scale e tappeti mobili - Lavaggio ad osmosi impianti fotovoltaici

www.igevo.it 21


22


È SEMPRE PRIMAVERA

Alla scoperta di Sofian Kiyine, uno dei volti nuovi della squadra allenata da mister Lorenzo D’Anna DINO GUERRINI

È uno dei volti nuovi della Primavera di mister Lorenzo D’Anna. Numero 10 sulle spalle (metaforico), dribbling nel sangue e quella capacità di decidere le partite con giocate improvvise che difficilmente puoi allenare: o le hai o non le hai. Non si tratta, però, del classico genio e sregolatezza. Sofian Kiyine, nato 18 anni fa a Verviers città francofona nei sobborghi di Liegi, abbina qualità tecniche a valori morali ben saldi, tramandati da mamma e papà e quando parla pesa accuratamente ogni singola parola. «La vostra lingua è difficile, la scuola in questo periodo mi serve principalmente proprio per imparare bene l’italiano».

quotidiano: «Mi dice sempre di abbassare di più la mia posizione in campo per venire a giocare con i compagni e non stare troppo alto in avanti. Mi suggerisce di non pensare come primissima cosa al gol. La rete arriva dopo, è una conseguenza di un’azione costruita coinvolgendo tutta la squadra. So che ha ragione perché è soprattutto su questo aspetto che devo migliorare». Da trequartista non poteva che ammirare un giocatore che quel numero l’ha portato sulle spalle per anni deliziando i tifosi di mezza Europa: «Ronaldinho per me è stato il giocatore più spettacolare, fortissimo e sempre decisivo. Quando, però, ho cominciato ad allenarmi anche con la Prima squadra a Veronello ho conosciuto e studiato da vicino Perparim Hetemaj e mi sono detto: “Ecco cosa mi manca per diventare un giocatore più completo” perché sono in pochi a giocare sempre per la squadra come fa lui».

In campo si fa capire eccome. Giocatore offensivo che ama svariare da centrocampo in su, è una delle note più liete della formazione gialloblù. «Ho fatto un provino al ChievoVerona lo scorso aprile – racconta – e due settimane dopo mi hanno chiamato per dirmi che era andato tutto bene. Sono arrivato a Verona ad agosto per la preparazione fisica. Vivo al Bottagisio e condivido la camera con altri due ragazzi: ognuno fa il suo per mantenere l’ordine, per il resto qui si pensa solo al calcio». Prelevato dallo Standard Liegi – «Sono cresciuto insieme a Paul (Mpoku, ndr) che mi ha aiutato tanto le prime volte che mi hanno chiamato per allenarmi con la Prima squadra» – ha trascorso gran parte della sua carriera giovanile all’Accademia JMG a Tongerlo. «Sono stati 4 anni intensi. Poi una stagione allo Standard dove ho giocato sia con la Primavera che con l’Under 19. A quel punto ho chiesto io ai miei genitori di lasciarmi andare all’estero. Penso sia meglio per me, posso concentrarmi solo sul calcio, ho meno distrazioni rispetto all’ambiente familiare circondato dagli amici. I miei mi hanno detto “Va bene. Promettici solo che tirerai fuori il massimo da questa esperienza”, e io cerco di farlo tutti i giorni. Papà dall’età di cinque anni mi ha accompagnato ovunque per il calcio. Ad agosto è venuto a trovarmi per vedere le strutture del ChievoVerona ed è rimasto molto ben impressionato». Il Belgio ha scalato le gerarchie del calcio mondiale e sforna un talento dopo l’altro. «È vero, ma se guardate con attenzione tutti i giocatori belgi più forti all’età di 17/18 anni si sono trasferiti all’estero per completare i rispettivi percorsi di crescita. In Belgio si predilige l’aspetto fisico, mentre all’estero tecnica e tattica, soprattutto qui in Italia, sono più rilevanti. Mister D’Anna mi chiede sempre di far girare il gioco e coinvolgere tutti i miei compagni. Meglio concentrarsi sul gioco di squadra che puntare sulle individualità». Un lavoro

Terzo posto in classifica e un inizio di campionato che si è rivelato una sfida continua contro squadre che sulla carta sembravano partire con i pronostici della vigilia: «Abbiamo raccolto sin dalle prime giornate di campionato tanti punti pesanti. L’unica partita non giocata bene è stata quella persa in casa con l’Atalanta, ma ricordo soprattutto le prestazioni contro Bologna, Milan, Perugia, Udinese tutte molto positive. Abbiamo lavorato insieme e per questo abbiamo vinto quelle partite». Certo è che se poi al gioco di squadra aggiungi giocate fulminee tipo la sua a Udine con un tiro dalla distanza che si insacca sotto l’incrocio dei pali è tutto un po’ più facile. «Eh, vabbè, in realtà quando ho tirato ho pensato solo che stava per terminare il primo tempo ed era importante andare negli spogliatoi sull’1-1. Ho controllato il pallone, l’ho “sentito” bene e ho provato. Ne è uscito il mio gol più bello da quando sono in Italia». Colpo individuale? «Sì e no: mister D’Anna ci fa provare anche questo tipo di giocate in allenamento. Se non alleni questi colpi durante la settimana è molto difficile che poi ti riescano in partita».

LA SCHEDA

In azione Sofian Kiyine in contropiede

Nome: Sofian Cognome: Kiyine Data di nascita: 2/10/1997 Luogo di nascita: Verviers (Liegi) Ruolo: Trequartista Giocatore preferito: Ronaldinho 23


NUOVO CENTRO FISIOTERAPICO E SPORTIVO AMBULATORI

FISIOTERAPIA

GINNASTICA POSTURALE

PISCINA, ACQUAGYM, PREPARTO IN ACQUA

FITNESS, CORSI DI YOGA, FISIOPILATES

PALESTRA

Rivolgendoti al centro Atlante troverai il medico dello sport, l’ortopedico, il fisioterapista, l’osteopata, il fisiatra, il posturologo e gli esperti fitness e pilates più qualificati a definire il tuo programma riabilitativo personalizzato o il percorso posturale ideale e ad accompagnarti nelle attività utili a migliorare o ripristinare la tua efficienza motoria. Sarai seguito da un team di grande esperienza nell’applicazione delle più moderne tecniche diagnostiche e terapeutiche che, coadiuvato dalla disponibilità delle più avanzate apparecchiature, ti consiglierà la fisioterapia o la ginnastica in palestra più adeguata alle tue esigenze o indicata dal tuo medico.

O ne

G

EN

A

1

pa A IT ta es ad T Ura! q u to o rit R A est nd di G al na rai A a p eg v T tr ns a A os T Rlla n

M

Co

Vieni a conoscerci e a visitare il centro: in Atlante sarai sempre accolto con entusiasmo perché tu possa sentirti a tuo agio ed essere motivato ad affrontare il percorso verso il tuo benessere e la tua salute fisica.

G

Atlante S.r.l.

gi

IO

na

Strada Bresciana, 14 - 37139 Verona - Tel. +39 045 2061676 www.centroatlanteverona.it

MondoChievo #07 2015/2016  

Notizie e curiosità dal mondo del ChievoVerona.

MondoChievo #07 2015/2016  

Notizie e curiosità dal mondo del ChievoVerona.

Advertisement