Issuu on Google+

“Anatome Milano” Manuale d’uso del marchio


1

Indice Pag. 3 Pag. 4 Pag. 5 Pag. 6 Pag. 7 Pag. 8 Pag. 9 Pag. 10 Pag. 11 Pag. 12

Composizione del logo Griglia di base Area di rispetto Dimensioni minime Colori istituzionali Versioni in bianco e nero e in negativo Utilizzo della versione cromatica Utilizzo della versione in bianco e nero Utilizzo della versione in negativo Variazione del logo


3

Composizione del logo Il logo “Anatome Milano” è stato ideato per identificare la trasposizione della galleria di grafica “Anatome” di Parigi nell’ambiente di Milano. Esso è realizzato impiegando esclusivamente la tipografia, partendo dalla “a” minuscola del carattere “Bauer Bodoni” nella versione “bold”, nascondendone alcune parti del disegno pur mantenendone la leggibilità; il secondo carattere utilizzato, per contrasto, è il più moderno “Din”, scelto nella versione “condensed” per mantenere la compattezza del logotipo. La parola “Milano” è ancora in carattere Bodoni ed è posizionata nello spazio lasciato libero dalla mancanza dell’arco superiore della “a” di “Anatome”. Bauer Bodoni Bold: ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ

abcdefghijklmnopqrstuvwxyz Din Neuzeit Grotesk Bold Condensed:

ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ abcdefghijklmnopqrstuvwxyz


"Anatome Milano" - Manuale d'uso del marchio

4

Griglia di base Il modulo minimo della griglia (x) è ricavato dalla distanza verticale tra le lettere “a-n” di “Anatome”, mantenuta identica a quella orizzontale tra la parola “Milano” e le lettere sottostanti. La linea di base del logotipo coincide con la linea di base del carattere “Din”, le cui lettere mantengono quindi le abbondanze dove necessarie. Il limite superiore coincide con l’altezza della “M” maiuscola di “Milano”, allineata con l’elemento superiore della “a” in modo che essa lo superi leggermente. Le linee rosse mostrano gli allineamenti della parola “Milano” con le lettere sottostanti, mentre la distanza y si riferisce alla larghezza degli appoggi della prima “a”.

17x

32x x

4x x

13x

8x

y

y 50x


5

Area di rispetto L’area che, quando si utilizza il logo, dev’essere lasciata libera intorno ad esso per non comprometterne la leggibilità e la visibilità, è definita come pari a cinque volte il modulo della griglia di base, uguali per ogni lato. per comodità, si può prendere come riferimento la larghezza della "o" nella parola “Anatome”, all’incirca uguale alla distanza richiesta.

5x

23x

13x

50x 60x


"Anatome Milano" - Manuale d'uso del marchio

6

Dimensioni minime Il logotipo non dev’essere utilizzato con dimensione, in larghezza, minore di 2 centimetri: questo è infatti il limite al di sotto del quale la parola con corpo più piccolo, “Milano”, diventa illeggibile. L’altezza va ricavata proporzionalmente, in questo come in tutti gli altri casi: non è possibile in alcun caso deformare il logo.

2 cm


7

Colori istituzionali I colori utilizzati nel logo sono due, ognuno con riferimento a un colore Pantone e alla sua trascodifica in quadricromia. La “a” iniziale della parola “Anatome”, pur evidenziata dalla diversità del carattere, è tenuta visivamente unita alle altre lettere grazie alla scelta di una spaziatura appropriata, ma anche all’utilizzo del medesimo colore. Esso vuole esprimere raffinatezza, senza invasività, e mantenersi versatile pur senza essere anonimo.

Pantone: 669 C C: 76% M: 78% Y: 0% K: 47%

Pantone: Process Black C C: 0% M: 0% Y: 0% K: 100%


"Anatome Milano" - Manuale d'uso del marchio

8

Versioni in bianco e nero e in negativo Nell’utilizzo in bianco e nero, i due colori in precedenza utilizzati vengono uniformati nella sostituzione con il nero, senza l’utilizzo di grigi. Anche nella versione in negativo, creata per la leggibilità su fondi scuri, tutti gli elementi sono bianchi, senza la presenza di gradazioni di grigio.


9

Utilizzo della versione cromatica La versione a colori del logotipo può essere utilizzata solo su uno sfondo bianco, considerato nelle possibili leggere varianti di tono dovute alla diversa fattura delle carte da stampa (ghiaccio, avorio, pergamena, eccetera). Non è possibile utilizzare il logotipo, nella sua versione cromatica, su carte colorate o posizionarlo su uno sfondo colorato, nÊ su sfondi fotografici.


"Anatome Milano" - Manuale d'uso del marchio

10

Utilizzo della versione in bianco e nero La versione in bianco e nero del logotipo può essere utilizzata sulla carta bianca da stampa qualora non sia possibile utilizzare la stampa a colori. Inoltre essa sostituisce la versione cromatica nel caso di posizionamento su sfondi colorati o fotografici, con attenzione alla tonalità del colore di sfondo o dei colori prevalenti nella fotografia, che dovranno essere in prevalenza chiari per mantenere la leggibilità del logotipo in nero.


11

Utilizzo della versione in negativo La versione negativa del logotipo va utilizzata in sostituzione delle altre varianti in caso di sfondo nero o scuro, o in caso di posizionamento su immagini fotografiche dalle tonalitĂ  prevalentemente scure, in modo da mantenerne il piĂš possibile la leggibilitĂ . Non va utilizzata quindi su fondi troppo chiari, siano essi campi uniformi o immagini fotografiche; in generale, non va utilizzata laddove il risultato sarebbe meglio leggibile scegliendo la versione in nero.


"Anatome Milano" - Manuale d'uso del marchio

12

Variazione del logo È possibile utilizzare solamente il disegno della “a” iniziale della parola Anatome in luogo dell’intero logotipo, nel caso non sia necessaria la sua completezza, o semplicemente sia preferibile un simbolo più compatto in riferimento al tipo di supporto e di utilizzo, come per la creazione di gadget o di texture associate. Non è tuttavia consentito accostare il disegno della “a” a un lettering diverso da quello previsto nella versione completa del logotipo.

Anatome Milano


Politecnico di Milano - FacoltĂ  del Design Corso di laurea in Design della Comunicazione Laboratorio di Sintesi Finale - Corso C1 - Prof. Bleu, Torri Chiara Di Terlizzi - Matricola: 746149



Manuale di identità Anatome Milano