Issuu on Google+

People Cesare Prandelli The coach. Nino Bertasio Beguin the beguinner… Marco dal Fior That’s the press, baby. NEWS&EVENTS 1982-2012: we are thirty! Chervo’s tech-underwear. TRAVEL Balzi Rossi Sanremo Villa Mariani - Bordighera

Chervò for all seasonS 1

www.chervo.com


SAVETHEDATE

editorial

3

Editorial

Chervò 30th anniversary party!

6 White Shadow CESARE PRANDELLI The Coach

People

sul mare e vegetazione lussureggiante: dal vivo così come nei quadri di Monet e Matisse, questo tratto di costa ligure è così, da sempre, splendidamente incastonato tra cielo e mare.

18 Italian Sport 34 Events 1982-2012: WE ARE THIRTY 36 Luxury Graphics 42

Lasciatevi quindi prendere per mano e fatevi accompagnare da Mr & Mrs Chervò alla scoperta della Liguria di Ponente che riesce a riflettere perfettamente i mood della collezione.

People 

NINO BERTASIO Beguin the beguinner…

44 Bloom / Light&Color 14

People

56

News

60

Technologies

 MARCO DAL FIOR That’s the press, baby. Peter Erlacher

Your TOTAL look Chervo®-Tex

Cover

Back cover www.chervo.com

CHERVÒ for all SEASONS

PEOPLE Cesare Prandelli The coach. Nino Bertasio Beguin the beguinner… Marco dal Fior That’s the press, baby.

1

dmazzari.com

WWW.CHERVO.COM

Polo Man Albeso Dry-Matic® Trousers Man Scotada Dry-Matic® Belt Man Uforo

NEWS&EVENTS 1982-2012: we are thirty! Chervo’s tech-underwear.

CHERVÒ S.p.A.

TRAVEL Balzi Rossi Sanremo Villa Mariani - Bordighera

WHEREVER, WHENEVER. Golf & Sportswear

Polo Lady Ager Sun-Block® Trousers Lady Scansate Sun-Block® Polo Man Auton Sun-Block® Trousers Man Sbusada Dry-Matic® Hat Man Wow Boy Belt Man Urgen

Via 1° Maggio, 10/A 37010 Costermano (VR) Italia

Tel. +39-045.620.34.11 Fax +39-045.620.34.16 chervo@chervo.it

Polo Lady Atresso Sun-Block® Trousers Lady Sufita Dry-Matic® Polo Man Arbassa Dry-Matic® Bermuda Man Ganasa Dry-Matic® Belt Man Ulaser

www.chervo.it www.chervo.com

Cari amici, il 2012 è per noi di Chervò un anno fondamentale: la nostra azienda compie 30 anni. Dalla sua fondazione, mio fratello ed io abbiamo voluto caratterizzare la marca con una precisa identità, che facesse da linea guida a tutte le nostre attività, dalla ricerca costante e continua di materiali e tessuti allo stile, dalla produzione alla scelta distributiva, sino alla comunicazione, cercando di essere, anno dopo anno, coerenti nella sua crescita ed evoluzione.

Prima tappa alla spiaggetta dei Balzi Rossi a Ventimiglia, un piccolo angolo di Paradiso, dove i colori raffinati e l’ambiente esclusivo vi conquisteranno fin dal primo momento. In questa incantevole cornice naturale sfila il tema White Shadow, un trend creativo minimalista che da sempre accompagna lo stile Chervò, e che in questa collezione diventa sublimazione delle raffinate tonalità del bianco, il colore-non-colore, re della moda estiva, con la sua intrinseca, fresca eleganza. Dall’ascetica pulizia del bianco passiamo a quella, vivace e gioiosa, della vegetazione mediterranea capace di incantare, tra gli altri, Matisse e Monet e proprio quest’ultimo di questi luoghi scrisse: “Tutto è mirabile, e ogni giorno la campagna è

6

Abbiamo quindi dato corpo alla nostra vision aziendale immaginando “Mr & Mrs Chervò” e trasferendo loro per osmosi i nostri valori, obiettivi, sogni, ambizioni e, ovviamente, la grandissima passione per il golf e lo sport. Oggi Mr & Mrs Chervò compiono 30 anni, un traguardo importante che vogliamo festeggiare idealmente con voi sulle pagine del nostro Magazine, invitandovi alla presentazione di questa “Milestone Collection Spring-Summer 2012” tra il blu del Mediterraneo e il verde del palmeto più settentrionale del mondo: il Ponente Ligure. Paesaggi luminosi, borghi colorati a picco

Dear Friends, 2012 will be a key year for us at Chervò because our company reached 30 years of experience. When we set up the business, my brother and I wanted to give the brand a precise identity which would be a guideline for all of our activities, including constant, ongoing research into materials and fabrics, styling, manufacture, distribution choices and even communications, aiming for coherent year-on-year growth and development. We therefore created “Mr & Mrs Chervò” to personify our corporate vision, instilling in them our values, goals, dreams, ambitions and obviously our immense passion for golf and sport. Mr & Mrs Chervò reached 30 years of experience today and that’s an important milestone which we’d really like to celebrate with you on the pages of our magazine by inviting you to the presentation of this Milestone Collection Spring-Summer 2012, set against the blue of the Mediterranean sea and the green of the world’s most northerly palms on the Riviera di Ponente in Liguria. With its radiant landscapes, colourful little towns perched over the sea and lush green vegetation, in real life, this part of the Ligurian coastline stretches out, as it always has, like a gemstone between the sky and the sea, just as it was depicted in the paintings by Monet and Matisse. So let Mr & Mrs Chervò take your hand and accompany you on a voyage of discovery along the Riviera di Ponente which reflects the moods of the collection perfectly.

White Shadow

First stop is the tiny Balzi Rossi beach in Ventimiglia, a little corner of paradise, whose stunning colours and luxurious setting will win you over immediately.

Chervò for all seasonS 3

14


SAVETHEDATE

editorial

42

Da Sanremo, andando incontro al tramonto, il Ponente Ligure si stempera nella Costa Azzurra che, con i suoi profumi e panorami si sovrappone con eleganza all’ultimo tratto di costa, con incredibili giochi di luce e colori creati dal mare e dal sole. Light & Colours riflette questo rincorrersi di colori forti e cangianti, nel proseguimento più ardito - e perfettamente abbinabile della linea Bloom: ogni singolo capo di questo tema è perfetto per farvi brillare… wherever, whenever.

18

La Meridiana, prezioso ed elegante Relais & Châteaux, circondato dai green del Golf Garlenda, ci accoglie sulle colline di Albenga. Luogo ideale per Italian Sport, la linea più spiccatamente sportiva, ricca di colori, fresca nei tessuti e nello stile, ideale per passare con la stessa, immutata eleganza dalla 18ma buca all’aperitivo in club house. Si avvicina la sera e una festa in questa parte della riviera esige una tappa al Casinò di Sanremo, progettato in forme eleganti dall’architetto francese Ferret. L’edificio, con forti connotati liberty che si innestano nell’eclettismo di matrice francese e con decorazioni neobarocche, è di certo il monumento più significativo della Belle Epoque a Sanremo: ambiente perfetto per i capi della linea Luxury Graphics, caratterizzati da tagli e forme sartoriali, arricchiti da preziose grafiche ed eleganti dettagli, pensati per la clientela più esigente. Il Roof Garden del Casinò è il luogo ideale per brindare idealmente con voi, in questo “Milestone Magazine”, ai nostri 30 anni, ricordando il 1982, quello dei memorabili mondiali di calcio in Spagna, indimenticabili per noi italiani! È quindi un onore e un piacere ancora più grande, poter ospitare in questo numero l’amico Cesare Prandelli, CT della nazionale Azzurra, che, come noi, è un grande sportivo e un appassionato golfista. Grazie a tutti voi per averci accompagnato sin qui, ma ora buona lettura e… enjoy the party! Peter Erlacher

It provides the enchanting backdrop for the White Shadow theme, a minimalist creative trend that has always been part of Chervò style, and which in this collection becomes a sublimation of the elegant shades of white - the No-Colour, colour! - king of summer fashion with its intrinsic, fresh elegance. From crisp clean white we move into the lively, bright look of Mediterranean flora that managed to cast a spell over Matisse and Monet among others. Monet was indeed moved to write of these places, “Everything is admirable, and each day the countryside becomes more beautiful, and I am bewitched by this land.” The Bloom theme is presented inside the famous AG Cactus greenhouse in Sanremo where the silvery green of the succulents and cacti make the colours of this line with intense romantic overtones leap out and explode, with new, exciting colour matches worked against floral patterns. The pieces mix and match fluidly in an endless riot of possible combinations like the colours on a painter’s palette.

The Casino’s Roof Garden is the perfect place for us to raise a toast to our 30th anniversary with you in this Milestone Magazine, remembering 1982, the year of that memorable football World Cup in Spain, unforgettable for we Italians! It is therefore an honour and an even greater pleasure to be able to feature our friend Cesare Prandelli, Coach and Selector for the Italian national team who, like us, is a great sportsman and keen golfer. Thank you to everyone for staying with us until now, we hope you enjoyed your reading and… enjoy the party! Peter Erlacher

Chervò for all seasonS 5

più bella, ed io sono stregato dal paese”. Il tema Bloom è presentato all’interno della storica serra sanremese AG Cactus dove il verde-argentato delle succulente e delle cactacee esalta ed esplode le cromie di questa linea dal retrogusto romantico, con accostamenti di tonalità nuove e stimolanti sviluppate su fantasie floreali. Come i colori su una tavolozza di un pittore, i capi si mixano armoniosamente in un’infinita possibilità di combinazioni.

From Sanremo, we head off towards the sunset. The Riviera di Ponente melts into the Cote d’Azur, which elegantly overlaps this last section of coastline with its fragrant scents and panoramic views, where the sea and sun create incredible light effects and colours. Light & Colours reflect the constantly changing, intense, glowing colours, in a bolder -and perfectly matching- follow-up to the Bloom line: just one piece in this theme is all you need to shine …wherever, whenever.

34

The elegantly high-class Relais & Châteaux La Meridiana, surrounded by the greens of Golf Garlenda, welcomes us into the hills of Albenga. It’s the perfect place for Italian Sport, the most distinctly sporty line. Bursting with colours and fresh fabrics and style, it’s just the thing for coming in from the 18th hole to apèritifs at the club house with the same, unswerving elegance. Evening draws in and a party in this part of the Riviera requires a stop-off at the Sanremo Casino, whose elegant features were designed by French architect Ferret. With strong liberty elements grafted onto an eclecticism of French origins with Neo-Baroque decorations, it is certainly the most important Belle Époque monument in Sanremo and offers the perfect backdrop for the pieces in the Luxury Graphics line, featuring sartorial cut and shaping, embellished with unique graphics and elegant detailing, designed for the most exacting clients.

Sweater Lady Persiuto Sun-Block® Trousers Lady Sfinio Dry-Matic® Polo Man Abez Dry-Matic® Trousers Man Ganasa Dry-Matic® Belt Man Urgen


White Shadow

Sweater Lady Paon Sun-Block®

Trousers Lady Scodea Dry-Matic®

White Shadow

A minimalist creative trend that has always been part of Chervò style, and which in this collection becomes a sublimation of the elegant shades of white - the No-Colour, colour! - king of summer fashion with its intrinsic, fresh elegance.

Chervò for all seasonS 7

Un trend creativo minimalista che da sempre accompagna lo stile Chervò, e che in questa collezione diventa sublimazione delle raffinate tonalità del bianco, il colore-non-colore, re della moda estiva, con la sua intrinseca, fresca eleganza.


Anorak Man Roseghin Wind-Lock® Polo Man Abez Dry-Matic® Trousers Man Skiantos3 Dry-Matic® Sweater Lady Primissia Comfort® Polo Lady Aveduto Sun-Block® Bermuda Lady Goerno Drymatic®

Polo Man Abez Dry-Matic® Trousers Man Skiantos3 Dry-Matic® Belt Unisex Ufreedom Polo Lady Aveduto Sun-Block® Bermuda Lady Goerno Dry-Matic® Belt Lady Uda

Chervò for all seasonS 9

Belt Unisex Ufreedom Belt Lady Uda


Balzi rossi

Chervò for all seasonS 11

Polo Lady Averto Sun-Block® Polo Lady Atresso Sun-Block® Trousers Lady Sufita Dry-Matic® Polo Man Arbassa Dry-Matic® Bermuda Man Ganasa Dry-Matic® Belt Man Ulaser

Belt Unisex Ufreedom Trousers Man Sciantiso Sun-Block® Polo Man Apede Dry-Matic®

Just a few paces from the Ponte San Ludovico border crossing at Grimaldi di Ventimiglia, besides the most important archaeological site in the Western Mediterranean, you’ll find Balzi Rossi beach, also known as the Spiaggia delle Uova or the Beach of Eggs, an unusual beach covered in round white pebbles, protected by cliffs and overlooked by majestic jutting red rocks. This extraordinarily beautiful little cove is a haven for artists, writers and a rendez-vous of famous personalities, but is also regular haunt for families whose ties to the place go back generations. From May to September, the beach comes to life and is elegantly “decked out” with the Spiaggetta dei Balzi Rossi beach club, which offers relaxing days spent beside the sea, surrounded by nature, with a host of services organised for guests by the beach management team. The club, which was completely renovated by master artist Ugo Nespolo, offers its clientele a list of exclusive services: the freshest food prepared to order and served at beach umbrellas, barbecues, aperitifs, live music evenings, a cooling misting system, massage, health and beauty centre, shuttle service and everything you need for total pampering...

Skirt Lady Jenoci Dry-Matic®

A pochi passi dalla frontiera di Ponte San Ludovico, in località Grimaldi di Ventimiglia, oltre al sito archeologico più importante del Mediterraneo occidentale, trovate la Spiaggetta dei Balzi Rossi, detta anche Spiaggia delle Uova, un inatteso arenile di ciottoli bianchi e tondi protetto dalle scogliere e sovrastato da maestose rocce rosse. Questa piccola insenatura di rara bellezza è ritrovo di artisti, scrittori e punto di riferimento di personaggi famosi, ma anche puntuale consuetudine di famiglie ancorate al luogo da generazioni. Da maggio a settembre, la spiaggia si anima e si “arreda” elegantemente con lo stabilimento Spiaggetta dei Balzi Rossi, che propone giornate di mare rilassanti e immerse nella natura, con una serie di servizi organizzati per gli ospiti dal team che gestisce la spiaggia. La struttura, totalmente rinnovata a firma del Maestro Ugo Nespolo, offre alla sua clientela una rosa di servizi esclusivi: cibi freschissimi preparati al momento e serviti anche all’ombrellone, grigliate, aperitivi, serate con musica dal vivo, impianto rinfrescante di nebulizzazione, massaggi, centro benessere, servizio di navetta; in pratica tutte le coccole possibili...


Polo Man Angonara Dry-Matic®

Belt Man Uspago

Chervò for all seasonS 13

Jacket Man Mostacio Aqua-Block®

Sweater Lady Persiuto Sun-Block® Trousers Lady Sfinio Dry-Matic® Polo Man Abez Dry-Matic® Bermuda Man Ganasa Dry-Matic® Belt Man Urgen


CESAREPrandelli

the

coach Voleva diventare architetto, ma il suo amore e la sua passione per progettare, creare e costruire li ha invece portati nel mondo del calcio, prima come giocatore, poi come allenatore delle più importanti squadre italiane e, dal 30 maggio 2010, alla guida del mitico Team Azzurro. Cesare Prandelli è uno dei personaggi del calcio italiano più rispettato, apprezzato ed amato di tutti i tempi; come allenatore, alla guida della Fiorentina dal 2005-2006 sino alla stagione 2009-2010, vince per due anni consecutivi la “Panchina d’oro” e nei due seguenti l”Oscar del Calcio AIC” sempre con i Viola e il “Premio Facchetti”. Ha scoperto il golf undici anni fa: «Il mio rapporto con questo sport è stato da subito straordinario», racconta . «Iniziai dopo che Zamparini mi esonerò a Venezia. Ero molto dispiaciuto e un amico mi disse: ’Vieni con me’. È stato subito amore a prima vista con questo sport che mi permette di staccare la spina e rilassarmi in posti meravigliosi. Ogni tiro è una sfida, ma c’è grandissimo rispetto e fair play». Il Presidente della FIG, Franco Chimenti, in occasione della consegna della “Tessera d’onore” della Federazione,

l’ha descritta come “uno degli esponenti più seri e preparati che lo sport abbia. Quando era ancora calciatore mi colpiva per come si comportava sul campo, per la sua etica e per la sua sportività.”: cos’è per lei l’etica nello sport e come si può/deve trasmettere ai giovani sportivi? “è un concetto centrale nello sport e nella vita di tutti i giorni. Etica significa rispetto delle regole, dei ruoli, degli avversari e dei propri compagni: quando una persona è rispettosa di questi principi, lavora sulla base di queste qualità morali”. L’allenatore ha un compito difficilissimo: esaltare la genialità di ciascun componente creando nel frattempo un forte spirito di squadra. Esiste una “ricetta magica” per coniugare questi due aspetti che a un esame superficiale sembrano diametralmente opposti? “Da quando gioco a calcio c’è sempre stato questo contrasto tra due ideologie diverse, ovvero tra coloro i quali dicono che un giocatore deve essere sempre al servizio della squadra, e altri secondo i quali il talento deve comunque costituire l’elemento trainante di un gruppo. Personalmente ritengo che si possano coniugare le due cose: un giocatore

He wanted to become an architect, but his love and passion for designing, creating and construction drew him into the world of football instead, as a player first and then as coach of the most important teams in Italy and, since May 30th 2010, he’s managed the legendary Azzurri, the Italian team. Cesare Prandelli is one of the most highly-respected, loved and admired personalities Italian football has ever seen. He won the Panchina d’oro for two years on the run while coaching and managing Fiorentina from 20052006 until the 2009-2010 season, and in the following two years the Oscar del Calcio AIC, again with Fiorentina, and the Premio Facchetti prize. He picked up golf eleven years ago. “My relationship with this sport was extraordinary from the word go”, he tells us. “I started after Zamparini took over from me at Venezia. I was really gutted and a friend said to me, “Come along with me.” It was love at first sight with this sport which lets me relax and unwind in stunning places. Every shot is a challenge, but there’s immense respect and fair play.” When Italian Golf Federation President Franco Chimenti handed you the Federation’s Tessera d’onore, he described you as “one of the most serious and well-prepared representatives that this sport has. When he was still a football player, I was struck by his behaviour on the pitch, his ethics and sportsmanship”. How do you see ethics in sport and how can or should it be transmitted to young sportsmen and women? “It’s a central concept in sport and in everyday life. Ethics means respecting the rules, roles, adversaries and your friends: when people respect those principles, their work is based on these moral qualities.” A coach has a really tough task in bringing out the genius in each player while creating a strong team spirit. Is there a “magic formula” for combining these two aspects which seem to be polar opposites on first glance?

“There has always been this contrast between two different ideologies, or rather between those who say that a player always has to be at the service of the team, and the others who say, however, that talent must be the driving element of a group as it was when I was playing football. I personally believe that you can do both. A top quality player can be an element of unpredictability if he has the ability to integrate into a well organised team setting. That might perhaps be the magic recipe”. You started out as a player and then went on to coach the most important Italian teams, earning the respect and affection of the players, directors and fans, even in moments of difficulty, both minor and major. What aspects did you try to improve and what new ideas did you bring to your coaching from your experience as a player? “I started out training as youth team coach for Atalanta, which was an exceptional school of sport and life. There, the main objective was to get the boys to grow not just technically, but also in their behaviour. We got amazing results. When I went on to coach professional footballers, I transferred those experiences. A coach holds a heap of responsibilities inside himself and has to make what he does every day mean something. As for me, the goal I work towards is giving my team an aspect of clearly-defined playing and behaviour.” And what experiences / techniques if they exist - do you manage to carry across from the world of golf into coaching? “Golf requires a very long concentration span. It’s an aspect that we also work on in football using special exercises, particularly in the two days immediately before the match. It helps get the team used to the stress that they will encounter on the pitch.” Plenty of football players have been fallen under the spell of the green field (the one with 18 holes!). Why do you think that is? “They were bewitched like I was! Golf is a discipline that allows you to do physical activity, it has a strong competitive element and above all the only person you can get annoyed with is yourself. But what I like most is perhaps the fact that golf allows you to detach yourself completely from your problems.” Attackers, defenders and goalkeepers: how much of their role does a footballer bring to golf? “It’s not a question of roles. High level players have an advantage in the approach to this sport because they have a competitive attitude, they play stroke for stroke and, above all, they have the mentality to recover the stroke.” Fantasy football: if Manassero played

Chervò for all seasonS 15

interview


Ha iniziato come giocatore per poi allenare le più importanti squadre italiane, facendosi rispettare e amare dai giocatori, dalla dirigenza e dai tifosi, anche nei momenti di – piccole e grandi – difficoltà. Quali aspetti ha cercato di migliorare e quali innovazioni ha portato dalla sua esperienza come giocatore a quella di allenatore? “Ho iniziato ad allenare nei settori giovanili dell’Atalanta, una scuola di sport e di vita eccezionale. Lì l’obiettivo primario era di far crescere i ragazzi non solo sotto il profilo tecnico, ma anche sul piano del comportamento. Abbiamo avuto grandi risultati. Quando successivamente ho intrapreso l’attività tra i professionisti, ho trasferito quelle esperienze. Un allenatore racchiude in sé un ventaglio di responsabilità e deve comunque dare senso a quello che fa nel quotidiano. Per quanto mi riguarda, l’obiettivo che perseguo è quello di dare alla mia squadra una fisionomia di gioco e comportamento ben definiti“. E - se esistono - quali esperienze/ tecniche del mondo del golf riesce a portare nell’allenamento? “Nel golf il periodo di concentrazione richiesto è molto lungo, è un aspetto che anche nel calcio lavoriamo con appositi esercizi in particolare nei due giorni immediatamente precedenti alla partita. Serve per abituare la squadra alle sollecitazioni che troveranno sul terreno di gioco”. Molti calciatori sono stati stregati dal campo verde (da 18 buche!): quali sono secondo lei le motivazioni di questa scelta? “Stregati come lo sono stato io! Il golf è una disciplina che ti consente di fare attività fisica, ha una marcata componente competitiva e soprattutto non ti devi arrabbiare se non con te stesso. Ma la cosa che forse apprezzo di più è il fatto che il golf ti consente di staccare completamente dai tuoi problemi”.

Attaccanti, difensori, portieri: quanto del proprio ruolo sul campo si porta nel golf? “Non è un discorso di ruoli, i giocatori di alto livello sono avvantaggiati nell’approccio a questo sport perché sono competitivi sotto il profilo attitudinale, giocano colpo su colpo, e soprattutto hanno la mentalità per recuperare il colpo”. Fantacalcio: se Manassero giocasse a calcio in che ruolo lo vedrebbe? E i due fratelli Molinari? E chi vedrebbe come allenatore? “Manassero è un finalizzatore, un goleador, i Molinari invece li vedrei come i registi della squadra” Il calcio, si sa, scorre nel DNA di tutti gli italiani, e ciascuno si sente il miglior allenatore di sempre. Quanto pesa allenare la Nazionale, avendo una nazione di “esperti” pronti a portarti dall’altare alla polvere in un battito di ciglia? “Il ruolo degli allenatori è particolare: una settimana sei bravo, quella successiva sei in discussione. Nella Nazionale poi sono in buona compagnia, ci sono 60 milioni di colleghi. Rimani solo soltanto nel momento in cui perdi”. Ha due splendidi figli: li porta a giocare con lei? “Niccolò ha già iniziato, ha praticato per un po’, però ora ha ancora l’esuberanza della gioventù che gli fa preferire sport definiti da lui più ‘fisici’. Carolina invece non sono ancora riuscito a convincerla”. Come - e quando - si allena per migliorare il suo stile sul green? “Purtroppo mi alleno poco: un anno fa pensavo che avrei avuto più tempo rispetto a quello che avevo quando ero alla guida di squadre di club. Invece il lavoro con la Nazionale mi tiene molto occupato. Mi consola il fatto che ogni giorno, comunque, mi sveglio pensando di trovare il tempo necessario per andare sul green”. Con chi vorrebbe confrontarsi? “Con i nostri grandi campioni, sicuramente. Mi piacerebbe fare qualche buca con loro, i loro consigli preziosi potrebbero aiutarmi a migliorare il mio handicap”.

Chervò for all seasonS 17

di grande qualità, se ha la capacità di integrarsi in un contesto di squadra ben organizzato, può rappresentare un elemento di imprevedibilità. Forse questa potrebbe essere la ricetta magica”.

E chi sceglierebbe come coach e perché? “Tempo fa ho fatto una ‘clinic’ con Costantino Rocca, sono stati dei giorni meravigliosi perché oltre alla grande esperienza, capacità di insegnare e correggere, Rocca è un uomo fantastico”. L’abbigliamento tecnico nello sport è fondamentale: cosa apprezza di più ? “La performance di un abbigliamento tecnico in una disciplina outdoor è molto importante : personalmente apprezzo di più quei capi che, oltre a rispondere a determinate esigenze correlate all’attività fisica e al gesto tecnico, rispondono anche a canoni di eleganza”. Non possiamo lasciarla senza la domanda di prassi: chi vede favorito ai prossimi Open d’Italia? “Mi auguro che i nostri tre Italiani, ai quali faccio un grande In bocca al lupo, possano salire sul podio”. Grazie Coach per il tempo che ci ha dedicato e in bocca al lupo con gli Azzurri!

football, what position would you see him as playing? And what about the two Molinari brothers? And who would you see as the coach? “Manassero is a finisher, a striker, whereas I could see the Molinaris as deep-lying playmakers. Football is in the blood of every Italian, as we know, and everyone thinks he/ she is the best coach the world has ever seen. How stressful is it to coach the National Squad, having a nation of “experts” ready to knock you to the ground at the drop of a hat? “The role of coaches is something special: one week you’re great and the next you’re under fire. In the National, I’ve got a lot of friends; there are 60 million colleagues out there. You’re only on your own when you’re losing.” You’ve got two lovely children. Do you take them out to play with you? “Niccolò has already started and he’s been practising for a while, although

at the moment he’s still full of youthful exuberance which makes him favour sports that he defines as more “physical”. I still haven’t managed to convince Carolina on the other hand.” How - and when - do you train to improve your style on the green? “Unfortunately I rarely train. One year ago I thought I’d have had more time with respect to when I was managing club teams. Instead my work with the Italian National team keeps me really busy. I take consolation from the fact that every day, however, I wake up thinking that I’ll find the time I need to get out on the green.”

Costantino Rocca. It was a marvellous time because, besides his vast experience, ability to teach and correct, Rocca is a fantastic man.” Technical clothing is fundamental in sport: what do you appreciate the most? “How technical clothing performs in an outdoor discipline is very important. I personally appreciate the clothes that comply with the rules of elegance besides fulfilling determined requirements relating to physical activity and technical movement.”

Who would you like to take on? “Our major champions, for sure. I’d love to play a few holes with them. Their valuable advice might help me improve my handicap.”

We can’t leave you without asking the stock question. Who do you reckon is the favourite in the next Italian open? “I sincerely hope that our three Italian players, to whom I send the very best of luck, might be the ones on the podium.”

And who would you choose as a coach and why? “A while back I attended a golf clinic with

Coach, thanks for sparing us the time for this interview and good luck to the Azzurri!


Vest Man Evidence Wind-Lock® Polo Man Alaorar Sun-Block® Trousers Man Skiantos3 Dry-Matic® Cap Unisex Wyoming Glove Man Xam Golf Bag Ginevra

Polo Lady Assion Sun-Block® Shirt Man Lievaro Sun-Block®

Trousers Lady Scanarse Sun-Block® Glove Lady Xadit Trousers Man Simala Sun-Block® Belt Unisex Umamma

Golf Bag Ginevra

The most distinctly sporty line. Bursting with colours and fresh fabrics and style, it’s just the thing for coming in from the 18th hole to apèritifs at the club house with the same, unswerving elegance.

Chervò for all seasonS 19

La linea più spiccatamente sportiva, ricca di colori, fresca nei tessuti e nello stile, ideale per passare con la stessa, immutata eleganza dalla 18ma buca all’aperitivo in club house.


Bermuda Lady Giosseto Sun-Block®

Trousers Lady Spasemo Dry-Matic®

Polo Lady Altiero Dry-Matic®

Polo Lady Andeda Sun-Block®

Glove Lady Xemai

Belt Lady Uda

Chervò for all seasonS 21

Polo Man Artante Climatic® Trousers Man Sdenta Dry-Matic® Belt Man Ulaser Glove Man Xam


Chervò for all seasonS 23

Jacket Lady Maghesso Aqua-Block® Bermuda Lady Galeto Sun-Block® Glove Lady Xemai

Jacket Lady Musigot Aqua-Block® Shirt Lady Lengua Dry-Matic® Trousers Lady Siesa Comfort® Visor Lady Verdu Glove Lady Xadit Anorak Man Restisso Aqua-Block® Bermuda Man Guantanamo Sun-Block® Cap Unisex Wariant Glove Man Xam

Jacket Lady Maridarse Wind-Lock® Polo Lady Ager Sun-Block® Trousers Lady Sciopo Dry-Matic® Glove Lady Xemai Hat Lady Wheeze


Chervò for all seasonS 25 Polo Man Arlevada Dry-Matic®

Sweater Lady Petusso Sun-Block® Polo Lady Atempa Sun-Block® Skirt Lady Jutland Sun-Block® Polo Man Ato Dry-Matic® Trousers Man Sbusada Dry-Matic® Belt Man Uspago Visor Unisex Vogel

Polo Man Auton Sun-Block®


Polo Man Altrez Dry-Matic® Trousers Man Sdenta Dry-Matic® Belt Man Urgen Glove Man Xadisi Sweater Lady Proin Comfort® Trousers Lady Scorda Sun-Block®

Entrando nel verde entroterra ligure, a metà strada tra Montecarlo e Portofino, potrete scoprire tra i green del Golf Garlenda e l’azzurro mare di Alassio, questa incantevole residenza di campagna trasformata in un prezioso ed elegante Relais&Châteaux.

Inoltre, dall’Hotel potrete raggiungere il vicino Golf Club Garlenda, e scoprire le nuove collezioni Chervò nell’attrezzatissimo pro-shop; approfittare del vicino maneggio o scegliere il mare di Alassio, nota per il suo “Budello” (il carruggio antico che la attraversa) e per la spiaggia che affaccia sull’Isola della Tartaruga; oppure partire alla scoperta di Albenga, con il suo famoso centro storico di epoca romana e l’antica Via Julia Augusta a strapiombo sul mare. La Meridiana è la meta ideale per incontrare una Liguria affascinante, che vi conquisterà; un albergo che con il suo ristorante gourmet “Il rosmarino”, davvero, merita una deviazione. Halfway between Monaco and Portofino, a charming hotel to spend a unique holiday, where Guests can recharge their spirit with the magic quiet of this place, or can restore their body with hundreds of sports, or can reassure and pamper themselves with the attentive, accurate and customized service of “La Meridiana”. Golf enthusiasts can play at the nearby 18 holes Golf Club Garlenda, and in the meantime, they can choose their new clothing at Chervò pro-shop, just around the corner from this hotel. In this charming “Relais & Chateaux” you feel far from the world, as you were protected and enveloped by a huge park and a lovely garden… but - in reality - “La Meridiana” is just two steps away from everything: golf and horse riding are within walking distance, the airport is only a mile away, the highway exit is just six miles from there, and in a moment you can reach Alassio with its beautiful beach and its sparkling nightclubs, and Albenga with its famous old town and the ancient stunning Roman Via Julia Augusta overlooking the sea. In short, an ideal destination to discover this fascinating Italian Riviera. An hotel that, with its gourmet restaurant “Il Rosmarino”, really worths a detour: that’s la Meridiana. www.lameridianaresort.com - meridiana@relaischateaux.com Tel. + 39 0182 580 271

Chervò for all seasonS 27

Luogo di charme, buon gusto e sport, l’hotel ***** La Meridiana vi farà trascorrere una vacanza unica, in grado ricaricare lo spirito grazie alla magica tranquillità del luogo e, contemporaneamente, ritemprare corpo e mente, con un servizio attento, accurato e personalizzato.


Chervò for all seasonS 29 Polo Lady Anesin Dry-Matic® Bermuda lady Goerno Dry-Matic® Vest Man Erpegada Aqua-Block® Polo Man Antozoo Dry-Matic®

Belt Lady Uda Glove Lady Xaren Trousers Man Sciantiso Sun-Block®

Glove Man Xam


Polo Man Avilio Dry-Matic®

Trousers Man Simala Dry-Matic®

Glove Man Xam

Chervò for all seasonS 31

Polo Lady Aio Climatic® Trousers Lady Siesa Comfort®


Villa Pompeo Mariani

Sweater Man Pifaro Comfort® Trousers Man Simala Sun-Block®

Villa Mariani, in origine, era un piccolo cottage, fatto costruire nel 1885 dalla contessa Fenshawe su progetto dell’Architetto Charles Garnier (1825-1898), l’ideatore dell’Operà di Parigi. Pompeo Mariani acquisterà questo piccolo edificio nel 1909 e dopo l’acquisizione darà incarico agli architetti Rodolfo Winter e Luigi Broggi di ampliarlo, trasformandolo così una struttura di circa 600 metri quadrati. Gli interni, ancora oggi visibili nella loro interezza, saranno curati dal noto ebanista Eugenio Quarti con l’aggiunta di manufatti di Giovanni Lomazzi e del maggior artista del ferro battuto del periodo Liberty, non solo a livello nazionale, Alessandro Mazzucotelli; sua la bellissima balconata in ferro realizzata nel 1911 per il lato sud della Villa recante la scritta: “Ave Mariani pictor celeberrime el to lisander ferrè”*. Villa Pompeo Mariani è stata l’ultima dimora del grande pittore impressionista e conserva ancora oggi un corpus di opere pittoriche, nonchè una parte delle sue collezioni, ma anche arredi e oggetti d’arte. Inoltre è tra i più rari esempi al mondo di Casa d’Artista con l’Atelier perfettamente conservato. Il Parco di Villa Mariani fa parte del Progetto Regionale “Un Mare di Giardini” ed è quindi inserito tra i 26 Giardini più significativi della Liguria. Nel 2008 ha fatto parte di Grandi Giardini Italiani. Qui sono ancora presenti 90 ulivi secolari e piante esotiche, e il visitatore potrà ancora oggi ben individuare i tre punti dove Claude Monet pose il cavalletto nel 1884.

Chervò for all seasonS 33

*”Ave Mariani, pittore famosissimo, il tuo Alessandro fabbro ferraio”.

Villa Mariani was originally a small cottage, which Countess Fenshawe had built in 1885 to plans by the architect Charles Garnier (1825-1898), creator of the Opéra in Paris. Pompeo Mariano bought this tiny building in 1909 and after purchasing it he commissioned architects Rodolfo Winter and Luigi Broggi to extend it, thus transforming it into a 600 metre square structure. The interiors, still visible in their original state, were crafted by renowned cabinetmaker Eugenio Quarti with the addition of artefacts by Giovanni Lomazzi and Alessandro Mazzucotelli, the most important wrought iron artist of the Liberty period, not only on a national level; his stunning wrought iron balcony created in 1911 for the Villa’s south side bears the inscription: “Ave Mariani pictor celeberrime el to lisander ferrè”. Villa Pompeo Mariani was the great Impressionist painter’s last home and still houses a collection of the artist’s paintings today, along with a part of his own collections but also furnishings and objets d’art. It is furthermore one of the world’s rarest examples of a perfectly conserved Artist’s Home with Atelier. The Villa Mariani Park is part of Un Mare di Giardini Regional Project [A Sea of Gardens] and is therefore one of the 26 most important gardens in Liguria. It was included in Great Italian Gardens in 2008. There are still 90 ancient olive trees and exotic plants here, and visitors can still clearly see the three places where Claude Monet set up his easel in 1884.

www.fondazionepompeomariani.com - fond.pmariani@tiscali.it

Hat Lady Wicika Aqua-Block® Jacket Lady Messiada Aqua-Block® Glove Lady Xilema Hat Unisex Wanitoso Jacket Man Missia Aqua-Block® Glove Man Xam

Sweater Lady Piavolo Comfort® Polo Lady Aiba Dry-Matic® Bermuda Lady Grumo Comfort® Glove Lady Xila


anniversary

1982: Italy won the Football World Cup by beating Germany 3-1 in Madrid (with goals from Paolo Rossi, Tardelli and Altobelli); Prince William of England was born; the Commodore 64 computer came out; Sony put the first cd player on the market; people flocked to cinemas to see Spielberg’s ET; Michael Jackson released the Thriller album, which became the biggest selling lp of all time. Lastly, the Chervò brand was created out of a mix of glamour, technology, sport, ambitions and dreams.

We Are

1982: l’Italia vince i mondiali di calcio battendo 3-1 la Germania a Madrid (una rete di Paolo Rossi, una di Tardelli e una di Altobelli); nasce il principe William d’Inghilterra; esce il computer Commodore 64; Sony lancia sul mercato il primo lettore cd; ET di Spielberg spopola nei cinema; Michael Jackson pubblica l’album Thriller, che diventa l’lp più venduto di tutti i tempi. Infine, da un mix di glamour, tecnologia, sport, ambizioni e sogni nasce il marchio Chervò.

2002

It’s a history that first started out with technical skiwear, created out of Peter Erlacher’s experience as a skier and trainer in the 70s, and his natural taste for beautiful things, which led him to create and manufacture ultratechnological clothing with inimitable style.

Moving on from skiing to golf, the two brothers not only discovered a new competitive passion, but also and above all a new market and a fresh challenge: dressing a unique sport with Italian taste and cutting edge technology. A golfer has to take on 18 holes with the most effective, comfortable clothing possible, knowing that the 19th hole – the club house – is to be faced in clothing that satisfies the strictest dress code.

This perfect mix became the philosophy underpinning the company: the “chic-tech” style that has been the Chervò range’s trademark for thirty years.

Ancora una volta, la filosofia “chic-tech” risulta vincente e Chervò diventa nel tempo il marchio di riferimento per gli sportivi del green in tutto il mondo, raccogliendo consensi anche tra gli amanti dello sportswear e del leisurewear.

I fratelli Manfred e Peter Erlacher riescono a coniugare la loro passione per lo sport e la loro visione imprenditoriale, fondando nel 1982 l’azienda che trent’anni dopo si è affermata tra i leader nel mondo del Golf&Sportswear.

Questo perfetto mix, diventa la filosofia portante dell’azienda: lo stile “chic-tech” che da trent’anni contraddistingue tutta la produzione Chervò. Dallo sci al golf, i due fratelli scoprono non solo una nuova passione agonistica, ma anche e soprattutto un nuovo mercato e una nuova sfida: vestire con gusto italiano e tecnologie sempre all’avanguardia uno sport indiscutibilmente unico. Il golfista deve affrontare le 18 buche con l’abbigliamento più efficiente e confortevole possibile, sapendo che anche la 19ma buca – la club house – dovrà essere affrontata con capi che soddisfino il dress code più esigente.

Friends who have been seen sporting the Chervò brand in recent years number among their ranks television personalities and stars of the Italian cinema, including Natalia Estrada, Ascanio Pacelli, Valerio Staffelli; international sports personalities like Franz Klammer, Hansi Hinterseer, Alex Del Piero and Cesare Prandelli; international actors from Fritz Wepper to Hugh Grant; true golfers like Rocco Mediate, Maria Verchenova, Richard Stern, Emanuele Canonica, Costantino Rocca and Harmeet Kalhoon; last but not least are the captains of industry and entrepreneurs like Guido Barilla and Mario Faccioli. Finally, we are proud to mention Ross Kemp, Dennis Bergkamp, Rod Stewart, David Ginola, Colin Montgomerie and Mr Bean (Rowan Atkinson) among the VIPs who have crossed the threshold of the Chervò boutiques.

1982

Tra gli amici che hanno scelto in questi anni il marchio Chervò si possono annoverare personaggi della televisione e del cinema italiano: Natalia Estrada, Ascanio Pacelli, Valerio Staffelli; sportivi internazionali come Franz Klammer, Hansi Hinterseer, Alex Del Piero e Cesare Prandelli; attori internazionali: da Fritz Wepper a Hugh Grant; golfisti “doc” come Rocco Mediate, Maria Verchenova, Richard Stern, Emanuele Canonica, Costantino Rocca e Harmeet Kalhoon; sino a capitani dell’industria e dell’imprenditoria quali Guido Barilla e Mario Faccioli; infine, tra i VIP che hanno varcato l’ingresso delle boutiques Chervò ci fa piacere citare Ross Kemp, Dennis Bergkamp, Rod Stewart, David Ginola, Colin Montgomerie e Mr Bean (Rowan Atkinson).

Una storia che ha visto come primo protagonista l’abbigliamento tecnico per lo sci, nato dall’esperienza di sciatore e allenatore - negli anni ’70 - di Peter Erlacher e dal suo gusto innato per il bello, che lo porta a creare e produrre capi caratterizzati da un’altissima tecnologia e da uno stile inimitabile.

The “chic-tech” philosophy once again turned out to be a winning one and over time Chervò became a benchmark brand for sportsmen and women on the green the world over, gaining popularity among sportswear and leisurewear enthusiasts as well.

1999

2001

Nowadays Chervò can be seen on greens the world over. The collections evolve year on year, always offering the very latest in technical, high performance textiles. The range has its eye on the future and is expanding into “zero impact” garments, although the company has not betrayed its origins. The two Erlacher brothers are still at the helm and personally create the collections with the same focus and passion that they had thirty years back.

Oggi Chervò è presente sui green di tutto il mondo, le collezioni si evolvono anno dopo anno proponendo tessuti tecnici sempre più nuovi e performanti, la produzione guarda al futuro e si arricchisce di capi “a impatto zero”, ma l’azienda non ha tradito le sue origini: sono ancora i due fratelli Erlacher a tenere il timone e a creare personalmente le collezioni, con la stessa cura e passione di trent’anni fa.

Another story to add to “What happened in 1982” and there’s no doubt that it was a winning year.

Un’altra storia da segnare nel “What happened in 1982”: non c’è dubbio, un’annata vincente.

1982

1983

1984

1985

1986

1987

1988

1989

1990

1991

1992

1993

1994

1995

1996

1997

1998

1999

2000

2001

2002

2003

2004

2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

Chervò for all seasonS 35

thirty

1982-2012

Brothers Manfred and Peter Erlacher managed to combine their passion for sport and their entrepreneurial vision, setting up the company in 1982 which would establish itself among the world’s leading golf and sportswear firms thirty years down the line.


Capi caratterizzati da tagli e forme sartoriali, arricchiti da preziose grafiche ed eleganti dettagli, pensati per la clientela più esigente.

Belt Man Uforo Trousers Man Sbusada Dry-Matic® Polo Man Abossar Sun-Block®

Polo Lady Alfio Dry-Matic®

Skirt Lady Jacheta Dry-Matic®

Jacket Lady Milenaus3 Aqua-Block®

Chervò for all seasonS 37

Featuring sartorial cut and shaping, embellished with unique graphics and elegant detailing, designed for the most exacting clients.


Vest Lady Elotuo Comfort®

Polo Lady Azidin Sun-Block®

Skirt Lady Joto Sun-Block®

Polo Man Atola Sun-Block®

Polo Man Aocato Dry-Matic® Trousers Man Sbusada Dry-Matic® Polo Lady Aloso Dry-Matic® Bermuda Lady Grasiola Sun-Block®

Chervò for all seasonS 39

Dress Lady Jornata Sun-Block® Trousers Man Sieson Comfort®

Belt Unisex Uncut


Polo Lady Angordo Climatic® Skirt Lady Jacheta Dry-Matic® Polo Man Angonara Dry-Matic®

Chervò for all seasonS 41

Polo Lady Ansian Sun-Block® Skirt Lady Jacheta Dry-Matic®

Il Casinò con le sue bianche torrette è il simbolo della città di Sanremo, l’emblema del suo amore per la cultura, per le tradizioni, per la ricerca costante del bello. Realizzato dall’ingegnere Eugenio Ferret, primo gestore, inaugurato il 12 gennaio 1905, è un inno all’Art Nouveau con richiami all’arte Decò che lo rendono unico. Le sale hanno mantenuto il fascino dei suoi 105 anni di storia, riuscendo a coniugare tradizione e innovazione, glamour e nuove offerte

di gioco. Nel Casinò, infatti, convivono roulette francese e video poker tra i più divertenti e innovativi, tavoli di roulette americana, di black jack, di chemin de fer e di hold’em poker: ogni esigenza di gioco viene soddisfatta. Motto del Casinò “Non solo gioco”. Oltre alla sfida alla dea bendata il Casinò offre ai suoi ospiti un ristorante sotto le stelle, il Roof Garden, aperto tutte le sere dell’anno, spettacoli musicali e di intrattenimento nel Teatro dell’Opera ma anche concerti, mostre ed esposizioni. Nella sua più che centenaria vita il Casinò ha tenuto a battesimo eventi rimasti nella storia nazionale e internazionale come il Festival della Canzone italiana, quello della Canzone d’Autore, il Festival del Jazz e quello della Moda Maschile.

With its white towers, the Casino is the symbol of Sanremo and the emblem of the town’s love for culture, traditions and a constant quest for all things beautiful. Created by the engineer, Eugenio Ferret, its first manager, it opened on 12th January 1905 and is a homage to Art Nouveau with hints of Art Deco that make it unique. Its rooms have maintained the charm of the casino’s 105 years of history, managing to blend tradition and innovation along with glamour and new styles of gambling. French Roulette and Video Poker are among some of the most entertaining, innovative games on offer as well as American Roulette, Black Jack, Chemin de Fer and Hold’Em Poker tables. There’s a game for every requirement.

The Casino’s motto is “It’s not only gambling”. As well as challenging Lady Luck, the Casino’s guests can enjoy the Roof Garden restaurant under the stars, open all year round, musical and stage entertainment in the Teatro Dell’Opera and also concerts, shows and exhibitions. In more than a centenary of existence, the Casino has hosted events that have gone down in national and international history, like the Italian Song Festival, the Singer-Songwriter Festival, the Jazz Festival and the Men’s Fashion Festival. www.casinosanremo.it www.onlinecasinosanremo.it


NINOBERTASIO

interview

beguin

the beguinner…

Nino Bertasio, giovane campione di Salò (BS) il 19 febbraio 2011, al debutto tra i pro’, ha ottenuto la sua prima conquista con il Cimar Open Samanah di Marrakesch, tappa del tedesco Epd Tour vincendo con 209 colpi (68 74 67), sette sotto par, chiudendo l’ultimo giro con 8 birdie, 1 bogey e un doppio bogey.

Hai iniziato a giocare giovanissimo, com’è nata questa passione? Direi giovane, non giovanissimo: avevo quasi 10 anni quando è nata la mia passione per questo sport, grazie a mio padre, che ha avuto la grande idea di portare me e mio fratello maggiore Fabio a Garda Golf.

Un debutto eccezionale per questo ragazzo di 23 anni, che ha collezionato i maggiori titoli italiani prima del passaggio alla categoria “professionisti”: solo nel 2008 il Campionato Nazionale Medal, il tricolore Match Play e i Campionati Internazionali d’Italia. Nella squadra azzurra ha dato grande prova di sé in diversi tornei internazionali: nel marzo del 2010 ha vinto la graduatoria individuale della Copa R.C.G. Sotogrande European Nations Championship, al Real Club de Golf Sotogrande in Spagna, trascinando l’Italia al secondo posto nella graduatoria a squadre. Nel 2008 ha fatto parte della compagine azzurra, con Federico Colombo e Andrea Pavan, che si è classificata quarta al Campionato del Mondo a squadre. Siamo orgogliosi di poterlo annoverare tra i nostri amici, BRAVO NINO !

Alberto Binaghi e Mike Bender: come hanno influenzato il tuo gioco/stile e perché? Direi che Alberto ha influenzato il mio gioco per molti aspetti, a partire da come preparare una gara sia tecnicamente sia tatticamente. Ormai sono quasi 4 anni che lavoro con lui e ho avuto il piacere di costruire un ottimo rapporto, sia sul campo sia fuori, che ci permette di lavorare con serenità e in modo efficace. Mike è sicuramente un grande maestro e mi ha insegnato tanto dal punto di vista tecnico dello swing. Avere la possibilità di andare da lui per qualche settimana d’inverno fa sempre piacere. Quando mi alleno con lui, ci concentriamo prevalentemente sui fondamentali del mio swing, che è molto importante e soprattutto utile nel periodo di stop in cui

Ora sei nei pro’: qual è il tuo riferimento? Non mi viene molto difficile avere un riferimento tra i pro’ dato che ho un amico tra i primi 50 nella classifica mondiale, che è noto anche sotto il nome di Manny (Matteo Manassero), complice di questa amicizia è il fatto di essere cresciuti a Garda Golf insieme e aver giocato varie competizioni internazionali con la maglia della Nazionale. Attualmente le occasioni di vederci si riducono ai momenti di stop e sono possibili grazie al fatto che siamo seguiti dallo stesso team. Entrambi, infatti, abbiamo Alberto Binaghi come allenatore, Massimo Messina come preparatore atletico e fisioterapista e lo stesso Management: la IMG. La sfida che vorresti: contro chi? Nessuna in particolare… ma sarebbe divertente un giorno lottare per un titolo importante sulle ultime nove buche con Matteo o essere in coppia con lui al Ryder Cup e battere magari dei giocatori come Striker e Tiger che sono quasi invincibili! Quanto è importante l’abbigliamento tecnico per un professionista? L’abbigliamento è fondamentale per un pro’: si deve sentire comodo e completamente a suo agio con quello che indossa durante una competizione, soprattutto nelle giornate difficili di vento e pioggia dove essere preparati fa guadagnare qualche colpo a fine torneo. Il tuo debutto nei pro’ è stato spettacolare: quali sono i tuoi prossimi obiettivi? Sì, devo ammettere che il debutto non è stato male, anche se il resto della stagione poteva andare meglio. Comunque l’obiettivo per il 2012 è di vincere sul Challenge Tour e guadagnarmi i diritti sul tour maggiore la stagione successiva.

Making his debut among the pros, Nino Bertasio, the young champion from Salò (BS), had his first victory on 19th February with the Marrakesh Cimar Open Samanah, one of the rounds in the German EPD Tour, winning seven under par with 209 strokes (68 74 67), closing the final round with 8 birdies, 1 bogeys and a double bogey. It was an exceptional debut for this young man of 23, who has collected the major Italian titles before moving up into the “professional” category. In 2008 alone he picked up the National Championship Medal, the Italian Match Play and the Italian International Championships. He acquitted himself well in various international tournaments in the Italian national team. In March 2010 he won the individual ranking of the Copa R.C.G. Sotogrande European Nations Championship, at the Real Club de Golf Sotogrande in Spain, bringing Italy up to second place in the team ranking. In 2008, along with Federico Colombo and Andrea Pavan, he was part of the Italian team which was ranked fourth in the World Team Championship. We are proud to be able to count him among our friends, BRAVO NINO! You started playing when you were really young, so how did this passion come about? I’d say quite young, not really young: I was almost 10 years old when I really got into this sport with a passion, thanks to my father, who had the bright idea of taking me and my big brother Fabio to Garda Golf. How have Alberto Binaghi and Mike Bender influenced your game/style and why?

I would say that Alberto has influenced many aspects of my game, starting with how to prepare for a competition both technically and tactically. I have been working with him for almost 4 years now and I’ve been able to build a fantastic relationship with him, both on and off the golf course, which allows us to work calmly and efficiently. Mike is certainly a great teacher and he has taught me so much about swing technique. It’s always nice to be able to go to his for a few weeks in winter. When I train with him, we mainly work on the fundamentals of my swing, which is very important and above all useful in the rest period when there are no competitions. Then there’s the great advantage that in Florida between January and February you can train in temperatures that are almost like summer...whereas in Italy it is the middle of winter!

Now you’re in the pros, so who is your reference? I don’t find it difficult to have a reference among the pros seeing as how I have a friend in the world ranking top, who also goes by the name of Manny (Matteo Manassero). What aids this friendship is the fact that we grew up together at Garda Golf and played various international competitions wearing the National team shirt. Currently the chances for us to get together are limited to rest periods and are possible because we have the same team following us. In fact, we both have Alberto Binaghi as trainer, Massimo Messina as athletic trainer and physio and we have the same management: IMG. Who would you like to challenge? No one in particular…although it would be fun to one day play for an important title on the back nine with Matteo or pair with him at the Ryder Cup and perhaps beat players like Striker and Tiger who are almost unbeatable! How important is technical clothing for a professional sportsman or woman? Clothing is essential for a professional. You’ve got to feel comfortable and completely at ease with what you are wearing during a competition, especially on difficult windy and rainy days where being prepared will gain you several strokes at the end of the tournament. Your debut among the pros was spectacular. What goals are you working towards now? Yes, I have to admit that my debut was not bad at all, even if the rest of the season could have gone better. My goal for 2012 is however to win on the Challenge Tour and earn rights on the grand tour the following season.

Chervò for all seasonS 43

non ci sono gare. Poi c’è il grande vantaggio che in Florida tra gennaio e febbraio si ha la possibilità di allenarsi a temperature quasi estive… mentre in Italia è pieno inverno!


The silvery green of the succulents and cacti make the colours of this line with intense romantic overtones leap out and explode, with new, exciting colour matches worked against floral patterns.

Polo Lady Assento Dry-Matic® Trousers Lady Sbatuo Sun-Block® Glove Lady Xilema

Chervò for all seasonS 45

Il verde-argentato delle succulente e delle cactacee esalta ed esplode le cromie di questa linea dal retrogusto romantico, con accostamenti di tonalità nuove e stimolanti sviluppate su fantasie floreali.


Chervò for all seasonS 47 Polo Lady Acoarasa Dry-Matic® Trousers Lady Sbatuo Sun-Block®

Polo Lady Angossa Climatic® Trousers Lady Scorda Sun-Block® Glove Lady Xemai

Polo Man Aglianico Sun-Block® Trousers Man Shotnew Dry-Matic® Belt Man Ucolor Polo Lady Adritura Sun-Block® Trousers Lady Sciopo Dry-Matic®


Polo Man Amolo Dry-Matic® Bermuda Man Guantanamo Sun-Block® Belt Man Ucolor

Shirt Lady Lustro Sun-Block®

Hat Lady Weekend Aqua-Block®

Glove Lady Xila

Chervò for all seasonS 49

Polo Lady Anguela Dry-Matic® Trousers Lady Stajona Sun-Block® Belt Lady Ucolorlady Foulard Yamme

Polo Lady Arente Sun-Block® Trousers Lady Sfinio Dry-Matic® Belt Lady Ucolorlady Cap Lady Walax


Jacket Man Molton Wind-Lock®

Polo Man Arlevada Dry-Matic®

Chervò for all seasonS 51

Jacket Man Manfry3 Aqua-Block®

Trousers Man Sporty Dry-Matic®

Scarf Unisex Yengi


Polo Man Amolo Dry-Matic® Trousers Man Sieson Comfort® Belt Man Urgen

Polo Man Avansadin Sun-Block®

Polo Lady Anarete Sun-Block® Skirt Lady Jutland Sun-Block® Belt Lady Uda Visor Lady Visierina Sun-Block® Scarf Unisex Yommi

“A place where, protected by Man’s skilled hands, nature creates astonishing, endearing forms of life in huge specially-equipped greenhouses. This is the world of succulents and cactaceae. You will visit a plantgrowing business and wander among specimens from every corner of the globe in a surprising experience somewhere between science and beauty…” this is what the FAI (Italian Environmental Fund) of Imperia had to say, after visiting the stunning AG Sanremo greenhouse. The Asseretto family has been in greenhouse flower cultivation for four generations, particularly cultivating cacti for 35 years now. The entire greenhouse business spreads out over more than 3 hectares in the hills above Sanremo, in an area whose climate suits the growing and cultivation of succulents. The owners’ passion for this activity has over time drawn them into growing both the simplest and the most unusual forms, almost resembling sculptures, in the most delicate and vivid shades, which transform and flower with blooms of every shade in the spring and summer period of every vegetative cycle. The company caters for a discerning, loyal clientele, seeking to satisfy every request with its range of more than five thousand varieties of cactus and succulent, from the smallest specimens (only a few centimetres high) to the most imposing specimens (several metres tall) and plants which can withstand the hottest or coldest climates in order to adorn gardens and terraces across the entire world. www.agsanremo.it - info@agsanremo.it

Sun-Protection Sleeve Yudittas Sun-Block® Snood Yuke Sun-Block® Head Band Yower Sun-Block®

Chervò for all seasonS 53

Polo Lady Agrin Dry-Matic® Glove Lady Xemai

Skirt Lady Joto Sun-Block® Hat Lady Wilma Sun-Block®

“Un luogo dove la natura, protetta dalle abili mani dell’uomo, in grandi serre appositamente attrezzate, crea forme di vita strabilianti e commoventi: è il mondo delle “succulente“ e delle “cactacee”. Visiterete una realtà produttiva e compirete un viaggio tra esemplari provenienti da ogni parte del mondo, un’esperienza sorprendente tra scienza e bellezza…” questo è il commento del FAI (Fondo Ambiente Italiano) di Imperia, dopo aver visitato la meravigliosa serra AG Sanremo. La famiglia Asseretto opera da quattro generazioni nel settore florovivaistico e, in particolare, nella coltivazione dei cactus, da ben 35 anni. L’azienda nel suo complesso si estende per oltre 3 ettari nelle colline sopra Sanremo, in una zona in cui il clima è favorevole alla produzione e alla coltivazione delle piante grasse. La passione dei proprietari per questa attività li ha portati nel tempo ad avere una produzione di piante sia dalle forme più semplici, sia più particolari, che sembrano quasi delle sculture, dai colori più tenui a quelli più accesi, che ad ogni loro ciclo vegetativo mutano e regalano nel periodo primaverile ed estivo fioriture meravigliose di ogni tonalità. L’azienda si rivolge ad una clientela differenziata e affezionata, cercando di soddisfare ogni richiesta grazie ad oltre cinquemila varietà di cactus e succulente, dagli esemplari più piccoli (pochi centimetri) a quelli più imponenti (alcuni metri), dalle piante resistenti ai climi più caldi a quelli più freddi, per poter abbellire giardini e terrazzi di tutto il mondo.


MARCODALFIOR

press,

That’s the

Mi sono presentato e da allora non mi sono ancora stufato.

Marco dal Fior, Presidente dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti, inizia la sua carriera giornalistica nel mondo delle radio, approdando poi alla carta stampata e – oggi – all’informazione online. Come giornalista di cronaca, collabora con i più importanti quotidiani italiani, da La Repubblica a Il Giornale, da La Voce del compianto Indro Montanelli al Corriere della Sera, testata con cui collabora tutt’oggi nella sua versione online. Il suo lavoro, unito alla grande passione per lo sport, lo ha portato negli anni a dedicarsi anche alla cronaca sportiva, e, oggi, a seguire da appassionato golfista sia il blog dedicato al golf sul sito del Corriere sia a scrivere di green e fairway su riviste specializzate (Il Mondo del Golf, Style Golf).

Quali sono le prossime attività dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti? Stiamo concludendo una stagione che ci ha visti impegnati su una quindicina di campi italiani e in diversi campi all’estero. Il nostro Challenge Aigg-Contarini è una gara a tappe che nel 2011 ha toccato alcuni dei percorsi più belli e affascinanti: Olgiata, Le Querce, Arzaga. Milano, Bogogno, Castelconturbia, Cansiglio, Asolo, Perugia, Antognolla, Margara e La Margherita. A questi appuntamenti bisogna poi aggiungere i Campionati Italiani che abbiamo disputato sui green di San Domenico, in Puglia, grazie al sostegno della Regione e di “Diavolina” che ha sponsorizzato l’evento e i Campionati Italiani di doppio, in programma nella prima metà di novembre al Chervò San Vigilio, un appuntamento classico del nostro calendario. Ma non è finita qui: siamo stati a Parigi al Golf National per la sfida contro i colleghi francesi, a Huelva per quella contro i giornalisti spagnoli e a Mieming, vicino a Innsbruck, per il tradizionale incontro con i giornalisti austriaci. E a Porto Santo, l’isola portoghese vicino a Madeira dove Ballesteros ha realizzato un campo stupendo, la nostra squadra ha partecipato ai Campionati Europei di categoria dopo il doppio successo nel 2009 e nel 2007. A tutti questi appuntamenti raccogliamo delle offerte da destinare in beneficenza. Abbiamo già distribuito 40.000 euro e contiamo di toccare i 50.000 entro la fine dell’anno. Per quanto riguarda la prossima stagione, stiamo preparando in questi giorni il calendario, ma sarà sicuramente all’altezza di quello appena passato agli archivi.

Nel 2008 è stato nominato Presidente dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti, ma la sua passione per il golf è tutto sommato recente. Come si è avvicinato a questo sport? Recentissima non direi: tento di mandare palline in buca – con risultati ahimé molto alterni – dal 1990, anno in cui ho preso in mano per la prima volta un ferro. Ho cominciato in Corso di Porta Romana a Milano. Avevo letto un comunicato stampa dove si parlava di una palestra che proponeva un pacchetto di lezioni e l’utilizzo di un simulatore di golf.

Siete tutti giornalisti di testate e editori spesso concorrenti sul mercato: che clima si respira all’interno di un torneo dell’Associazione? Siamo prima di tutto un’Associazione. Ed è questa la cifra che ci caratterizza. Colleghi di testate diverse, storie ed esperienze diverse, città e regioni differenti si incontrano in media un paio di volte al mese e con la scusa di infilare una pallina in una buca si scambiano idee, impressioni, pareri. Ovviamente non solo sul golf. Per far capire il clima dei nostri incontri, vale forse la pena di sottolineare una nostra usanza: ad ogni gara viene assegnato,

baby.

all’ultimo classificato di ogni categoria, un cucchiaio di legno, un innocente sfottò che capita, a turno, un po’ a tutti. Invece di prendersela, i nostri soci hanno suggerito al consiglio direttivo di organizzare, a fine stagione, un master per i cucchiai di legno, una grande festa in onore degli ultimi. È autore del blog Golf Club, all’interno del sito del Corriere della Sera. Crede che ci sia una liason particolare tra il mondo del golf e internet? Internet è uno dei sistemi di comunicazione privilegiati nella nostra società. Offre opportunità prima inimmaginabili. Con la rete posso mettermi in contatto con tutto il mondo e avere a disposizione una platea sterminata per esporre le mie idee. Il golf è a sua volta un modo di comunicare. Una partita di golf implica dialogo, partecipazione al gioco dei compagni, socializzazione. La Rete e i fairways parlano lo stesso linguaggio, ovvio che si incontrino con facilità. Il golf in Italia: sport elitario o è in atto una vera e propria democratizzazione? Ripeto ormai da tempo che il golf in Italia – e non solo – rischia di restare elitario non tanto per questioni economiche ( giocare a golf ormai costa meno che sciare) quanto per ragioni di tempo. Impegnare cinque ore della propria giornata per fare 18 buche con gli amici è un lusso che in pochi si possono permettere. Durante la settimana c’è il lavoro, nel week end la famiglia. Occorre trovare delle formule che riducano i tempi, salvaguardando il divertimento. Campi vicini alle città, gare a 9 buche e via immaginando. Ha un sogno nel cassetto legato al golf? Un campione col quale vorrebbe confrontarsi? Il mio sogno è banale: vedere la mia pallina che parte sempre lunga e diritta verso il bersaglio con la certezza che arriverà esattamente dove volevo arrivasse. Non è un sogno, è – almeno nel mio caso – un’utopia. Non ho però velleità agonistiche così sviluppate da desiderare di confrontarmi con qualche campione. Casomai vorrei che i fratelli Molinari, Manassero o Gagli (cito i nostri quattro moschettieri per sano orgoglio patrio) mi soffiassero nell’orecchio il segreto dello swing. Perché ci deve essere, ne sono sicuro. Anche se ho il sospetto che – se mai riuscissi a scoprirlo – poi mi divertirei un po’ meno in campo.

Marco Dal Fior, president of the Associazione Italiana Giornalisti Golfisti (Italian Golf Journalists Association), started out as a journalist in the world of radio, then entering the news media and – today – online information. As a news journalist, he collaborates with the most important Italian daily newspapers, including La Repubblica, Il Giornale, the late lamented Idro Montanelli’s La Voce and Corriere della Sera, the newspaper whose online version he is still working for today. Over the years, along with his great passion for sport, his work has led him to also specialise in sports reporting and today, as an avid golfer, to follow both the Corriere website’s golf blog and write about greens and fairways for the Milanese daily and specialist magazines (Il Mondo del Golf, Style Golf). In 2008 you were elected President of the Italian Golf Journalists Association, although your passion for golf is actually fairly recent. How did you get into this sport? I wouldn‘t say it was that recent: I’ve been trying to play holes - with unfortunately varying degree of success - since 1990, which is when I first took up a golfing iron. I started in Corso di Porta Romana in Milan. I had read a press release mentioning a gym which was offering a packet of lessons and use of a golf simulator. I went along and I still haven’t got fed up with it. What’s on in the upcoming Italian Golf Journalists Association schedule? We are at the end of a season which saw us busy doing our thing on fifteen or so Italian golf courses and a range of courses abroad. Our AIGG-Contarini Challenge is a tournament in stages which has reached some of the most stunningly beautiful golf courses in 2011, including Olgiata, Le Querce, Arzaga, Milan, Bogogno, Castelconturbia, Cansiglio, Asolo, Perugia, Antognolla, Margara and La Margherita. Add to those events the Italian Championships that we competed for on the greens of San Domenico in Puglia, thanks to the support of the Puglia Region and event sponsor “Diavolina”, and the Italian doubles Championships, scheduled for the first half of November at Chervò San Vigilio, a classic event in our events diary. But it doesn’t end here. We were at Golf National, Paris, to take on our French colleagues, in Huelva to take on the Spanish journalists and Mieming, near Innsbruck, for our traditional meeting with the Austrian journalists. And on the Portuguese island of Porto Santo near Madeira, where Ballesteros created an amazing golf course, our team took part in the European category Championships, after its double success in 2009 and 2007. The team took second place after its double success in 2009 and 2007. We must add the charity fundraisers to all these events. We’ve already donated 40,000 Euros and are hoping to hit the 50,000 mark by the end of the year. As for the upcoming season, we are currently preparing the events diary, but it’s sure to match the previous season. You are all journalists on major papers and

editors who are often competing within the same market. What’s the atmosphere like during an Association tournament? We are first and foremost an association. And this is the code that defines us. Colleagues from different papers, different backgrounds and with different life experiences, from different towns, cities and regions meet up a couple of times a month on average, and, under the pretext of playing a few holes, exchange ideas, impressions and opinions. Obviously not just about golf. To gain a better understanding of the atmosphere at our meetings, it’s maybe a good idea to mention a custom of ours. At every competition, the lowest ranking player in every category is awarded a wooden spoon, in innocent ribbing that happens to most of us sooner or later. Instead of taking offence, our members have suggested that the board of directors organise a wooden spoons’ master tournament at the end of the season, a great party in honour of the lowest ranking players. You write the Golf Club blog on the Corriere della Sera website. Do you think there is a particular link between the world of golf and the Internet? The Internet is one of our society’s preferred systems of communication. It offers opportunities that we could never have imagined before. With the internet I can be in contact with the entire world and have an unlimited audience for me to present my ideas to. Golf is, in its turn, a way of communicating. A round of golf involves dialogue, participating in your companions’

game and socialising. The Net and the fairways talk the same lingo, so it’s obvious that they are a good match. Is golf in Italy an elitist sport or true democratization? I keep on saying that golf in Italy - and not only Italy - is at risk of being an elitist sport not so much because of economic issues (playing golf nowadays costs less than skiing) but because of time. Spending five hours of your day playing 18 holes with friends is a luxury which only the lucky few can allow themselves. During the week there’s work and at the weekend there’s the family. You have to find formulae which reduce time, while retaining the entertainment. Golf courses near cities and towns, 9 hole competitions and so on. Do you have a secret dream linked to golf? A champion who you’d like to take on? My dream is rather dull. It’s to see my golf ball heading long and true towards its target with the certainty that it is going to end up exactly where I wanted it to go. I realise that this is a utopia rather than a dream, or at least, in my case it is. I don’t have such foolishly ambitious amateur ideas as to want to take on a champion. In any case I’d rather have the Molinari brothers, Manassero or Gagli (I’m mentioning our four musketeers out of pure patriotic pride) whisper the secret of the swing shot in my ear. Because there has to be one, I’m sure of it. Even if I do have a sneaking suspicion – if I were to ever find out - that I wouldn’t enjoy myself as much on the golf course then.

Chervò for all seasonS 55

interview


4

5

6

n

3

e Chervò for all seasonS 57

w

Your

look

TOTAL

1

2

7

1 2 3 4 5 6 7

Scarf Yves Unisex Scarf Yesyes Unisex Scarf Yello Unisex Scarf Yoko Unisex Scarf Yengi Unisex Scarf Yommi Unisex Foulard Yamme


Your

look

1

2

3

4

5 1 2 3 4 5 6

6

Belt Man Uforo Belt Man Uspago Belt Man Ucolor Belt Lady Ucolorlady Belt Unisex Umamma Belt Lady Uda

In arrivo la linea Chervò “tech-underwear”: preparatevi a vivere sensazioni uniche! Un piacevolissimo abbraccio direttamente sulla pelle che, grazie agli inserti di fibre speciali nei punti di maggiore stress fisico (ginocchia e spalle) e ai tessuti utilizzati, aiuta e ottimizza il vostro gesto atletico. Come sempre il sigillo Chervo-Tex® si fa garante delle nuove fibre utilizzate, un vero e proprio concentrato di benessere. I capi sono realizzati con un’innovativa microfibra in polipropilene e poliammide che donano il massimo comfort e le massime prestazioni. Inoltre, grazie alla caratteristica di termoregolazione del filato, che mantiene la temperatura del corpo fresca in estate e calda in inverno, è un tessuto adatto tutto l’anno. è dermatologicamente testata. La fibra di carbonio, caratterizzata da una struttura morbida e resistente, con proprietà antistatiche dissipative e di protezione dai disturbi elettrici, respinge batteri e polvere, riducendo la formazione di sporco e di cattivi odori. Viene inserita nei capi nei punti a contatto con spalle e ginocchia. Questi capi sono adatti ad essere utilizzati per molte ore sul green, offrendo a chi li indossa una piacevole sensazione di benessere. La linea Chervò Underwear sarà disponibile dal prossimo autunno.

Chervò’s tech-underwear line is on its way: get ready to experience its unique feel! The special fibre inserts in the major physical stress zones (knee and shoulders) and fabrics used pleasantly hug your skin, assisting and maximising your athletic moves. The Chervo-Tex® seal guarantees the new fibres, the ultimate in feeling good, as always. The garments are manufactured in innovative polypropylene-polyamide microfibre for maximum comfort and superior performance. Thermo-regulating yarn keeps your body cool in summer and warm in winter, thus making it a year-round fabric. It’s dermatologically tested. The soft, resistant structure of static dissipative and shielding carbon fibre resists bacteria and dust, reducing formation of dirt and bad odour. It is integrated into garments at shoulder and knee contact points. These garments are perfect for hours of use on the green, giving the wearer a pleasant feeling of well-being. The Chervò Underwear line will be available in the coming autumn.

Chervò for all seasonS 59

TOTAL


Chervo®-Tex

Chervo®-Tex

La filosofia Chervò rivolta al futuro CHERVÒ-TEX® sintetizza la filosofia creativa e produttiva di Chervò: CHERVÒ-TEX® garantisce benessere e comfort in qualsiasi condizione climatica. Per poter offrire tale risultato Chervò si impegna da oltre trent’anni nella ricerca di materiali resistenti alle condizioni climatiche più avverse, attraverso test effettuati sul campo da parte di professionisti e tramite prove di laboratorio. Ma Chervò non si accontenta della performance tecnica: pretende di coniugare le proprietà delle materie prime selezionate all’aspetto chic del capo finito. Solo capi che offrono contemporaneamente qualità strutturali e stile meritano il sigillo di garanzia CHERVÒ-TEX®. Il concetto CHERVÒ-TEX® si esprime grazie alle principali tecnologie usate per la realizzazione dei prodotti Chervò, con particolari proprietà e caratteristiche.

Chervò’s philosophy: looking to the future CHERVÒ-TEX® synthesizes Chervò’s creative and production philosophy in order to achieve wellbeing and comfort in any weather conditions. Chervò has been committed to extensive field and laboratory testing for more than 30 years in order to develop fabrics capable of withstanding the most extreme and adverse weather conditions. But technical performance alone is not enough: the finished garments must unite the best performing fabrics with a chic look. Only garments offering both structural quality and style deserve the CHERVÒ-TEX® warranty seal. The CHERVÒ-TEX® concept is expressed by the properties and features of the main technologies used to manufacture the Chervò product.

AQUA-BLOCK® La tecnologia Aqua-Block® rende i capi impermeabili all’acqua e al vento grazie alla membrana ad elevata tecnologia laminated-plus con 20.000 mm di colonna d’acqua e alle cuciture nastrate e idrorepellenti grazie ad un finissaggio indelebile. È garantita l’elevata traspirabilità della membrana idrofilica, con valori di 20.000 g/mq-24h. I capi sono morbidi e silenziosi grazie alla microfibra e alla particolare tecnologia di applicazione della membrana. Facilmente lavabili. Aqua-Block technology provides garments with full protection against water and wind, thanks to its high-tech laminated-plus film with 20.000 mm of water column performance, its taped and.water-repellent seams and indelible finishing. High.transpiration values are assured by the hydrophilic film, with values of 20.000 g/sqm per 24h. All the items are soft and noiseless thanks to the use of micro-fibres and to the special technique of membrane application. All items are easy to wash. ®

WIND-LOCK® La tecnologia WIND-LOCK® consente di vivere e di fare attività sportiva all’aria aperta con il massimo comfort, evitando i disagi del freddo e del vento. I capi sono realizzati con tessuti speciali antivento. Grazie a fodere con membrane elastiche o a trame supercompatte del tessuto esterno il vento e il freddo rimangono chiusi fuori. La modellazione dei capi è progettata specificamente per garantire la massima libertà di movimento. Wind-Lock® technology provides sportsmen and women and lovers of outdoor life maximum comfort and protection against cold and windy weather. Garments are made from special windproof fabrics and feature linings with elastic membranes and ultra-compact external weaving to keep the wind and the cold out. Special modelling features ensure maximum freedom of movement.

ULTIMATE COOL IMPACT® L’uso della tecnologia ULTIMATE COOL IMPACT® riduce la temperatura dell’irradiazione diretta del sole. Protegge dai nocivi raggi ultravioletti. Il tessuto è leggero e setoso. Quattro proprietà raccolte in un unico capo d’abbigliamento: freschezza, protezione, leggerezza, antipiega. Direct sun radiation is reduced by means of the ULTIMATE COOL IMPACT® technology. Protection from harmful ultra-violet radiation. Light and silky feel. Four features gathered together is a single garment: freshness, protection, lightness, crease-resistance.

CHERVÒ-TEX® looks beyond technology.

Chervò for all seasonS 61

CHERVÒ-TEX® guarda oltre la tecnologia.

SUN-BLOCK® La tecnologia SUN-BLOCK® offre un’elevatissima capacità di protezione dai raggi UV-A e UV-B grazie all’utilizzo dell’innovativo filtro UV SUN-BLOCK® a base di titanio. La costruzione bifacciale del tessuto crea inoltre un effetto drenante per una più veloce asciugatura del sudore e dell’acqua. SUN-BLOCK® technology offers protection against UV-A and UV-B rays, thanks to its ground-breaking titanium-based UV SUN-BLOCK® filter. Moreover, the double-faced textile system creates a draining effect which promotes quick drying of perspiration and water.

DRY-MATIC® I capi DRY-MATIC® sono realizzati con tessuti in microfibra a struttura elicoidale trattati con uno specifico finissaggio che insieme conferiscono loro straordinarie proprietà di traspirabilità e rapida evaporazione, assicurano una freschezza continua e non fanno temere la pioggia improvvisa. Il trattamento antibatterico mantiene l’equilibrio fisiologico della pelle con effetto skin-safe che aiuta a prevenire lo sviluppo di cattivi odori. DRY-MATIC® garments are made of helical-structured micro-fibre textiles, treated with a special finish, joined together for providing extraordinary transpiration and fast evaporation properties, assuring lasting freshness and quick-dry protection if caught out by sudden rain. An antibacterial treatment maintains the skin physiologic equilibrium, with a skin-safe effect helping to prevent unpleasant odours.

ECO-SAFE® I capi d’abbigliamento, contraddistinti da questo sigillo di garanzia, sono prodotti con fibre certificate dal marchio di qualità ecologica dell’Unione Europea “Ecolable”. I criteri stabiliti per ottenere la certificazione “Ecolable“ sono molto rigidi e valutano ben 40 aspetti nel ciclo produttivo, il tutto finalizzato a garantire il massimo rispetto dell’ambiente. Garments carrying this warranty label are manufactured with fibres certified by the Ecolabel European Union ecological quality brand. The established criteria for achieving the Ecolabel certification are very strict taking into account 40 steps in the processing cycle to assure maximum environmental friendliness.

CLIMATIC® Tre funzioni riunite in un unico tessuto: asciugatura rapida, grazie alla struttura molecolare del poliammide e agli specifici finissaggi che favoriscono una rapida evaporazione; filtro solare, grazie al trattamento di opacizzazione delle fibre con biossido di titanio che agisce da scudo solare; termoregolazione, grazie alla speciale costruzione alveolare del tessuto che garantisce un continuo ricambio d’aria e una naturale climatizzazione. Three functions united in the same fabric: quick drying, thanks to the polyamide molecular structure and the special finishing treatments which promote fast evaporation; solar filtering, thanks to the fibre opacization treatment with titanium dioxide, which acts as a solar filter; thermal regulation, thanks to the special alveolar textile manufacturing system which assures steady air circulation and natural temperature regulation.

COMFORT® Sono capi d’abbigliamento studiati e realizzati per garantire, in ogni situazione, massima libertà di movimento e sensazione di benessere. Filati e tessuti elastici per capi modellati sul corpo che assecondano armoniosamente e senza costrizioni tutta la forza del gesto sportivo. Garments designed and manufactured for assuring maximum freedom of movement and wellbeing in any situation. Garments are designed to fit perfectly to the body allowing harmonious athletic gesture without constraints.


Italy - France CHERVÒ TRADE S Srl Strada Ninz, 61 - I-39030 La Villa in Badia (BZ) Tel. +39-0471-847.766 - Fax +39-0471-847.755 chervo@altabadia.it Germany CHERVÒ DEUTSCHLAND GmbH Industriestrasse, 4 1/2 - D-83404 Ainring Tel. +49-(0)8654-4814.0 - Fax +49-(0)8654-478682 chervo@chervo.de Austria - Hungary CHERVÒ Österreich GmbH Wolf - Dietrich - Strasse, 23 - A-5020 Salzburg Tel. +49-(0)8654-4814.0 - Fax +49-(0)8654-478.682 chervo@chervo.de Switzerland CHERVÒ SCHWEIZ AG Ruessenstrasse, 6 - CH-6341 Baar Tel. +41-041-769.72.90 - Fax +41-041-769.73.86 sales@textil-trade.ch Spain - Portugal - Andorra CARSER SPORTS S.L. C/ Balmes, 92 - 3°1a B - E-08008 Barcelona Tel. +34-(93)363.53.97 - Fax +34-(93)396.90.14 info@carsersports.com Benelux BUVA SPORTS Karrewegstraat, 104 - B-9800 Deinze Tel. +32-09-386.87.44 - Fax +32-09-386.06.01 info@buvasport.com Finland NORDIC FASHION - TEX OY Helsinki Fashion House - Mikkolantie, 1 - 00640 Helsinki Tel. +358-9-241.12.01 - Mobile +358.40.774.32.44 gitte@nordicfashion.fi United Kingdom and Ireland CHERVÒ SPA Tim Greenwood - 78 Creffield Road - Acton - London - W3 9PS Tel. +44-208.993.87.99 - Mobile +44-781.509.79.28 tim@w3golf.co.uk Poland SAT Ul. Grochowska, 27 - PL-60277 Poznan Tel. +48-61-865.50.50 - Fax +48-61-861.40.35 sat@sat.poznan.pl Estonia – Latvia – Lithuania SPOLEMAN OU Toompuiestee 33A - 10149 Tallinn Tel. +372-66-30.152 - Fax +372-66-30.153 katrin@spoleman.ee Czech & Slovak Republic B1, a.s. Cukrovarska, 106/65 - 196 00 Praha 9 - Cakovice Tel. +420-266.310.878 - Fax +420-266.310.459 Mobile +420-603.500.848 info@chervo.cz or chervo@chervo.cz Slovenija TOVO TRADE d.o.o. Gregorciceva 51 - SI-2000 Maribor Tel. +386-2.251.44.55 - Fax +386-2.251.44.55 tovo.trade@vogrinec.si Turkey GLOBAL GOLF Mal.Tur.Dis Tic.LTD Sti. Fener mah. 1964 sk. - Aras Evleri No 12 - A Blok Kat 3 Daire 8 - Antalya Tel. +90-0242-322.14.25 - Fax +90-0242-322.14.45 info@golfstorebelek.com

Chervò Golf Shops & Stores

United Arab Emirates MONA EMIRATES TRADING LLC P.O. Box 111548 - Office 903 - U.A.E. - Dubai Tel. +971-4-36.05.99.0 - Fax +971-4-36.05.99.1 dagostin@emirates.net.ae

United Kingdom Store

South Africa MMIDI cc. 6, Lamotte - Malcolm Road - Ruimsig 1732 Rep. of South Africa Tel. +27-11-234.21.23 - Fax +27-11-234.58.22 Mobile +27-845.837.299 - info@mmidi.co.za

Italy Pro Shops

Russian Federation - Kazakhstan GOLF EAST 8, Novinsky Boulevard, 6th floor Lotte Plaza Shopping Center RU-121099 Moscow Tel. +7-495-363.13.27 info@golfeast.ru

Penning Rotthalmünster - Bad Griesbach

Ukraine GOLF and GROUND Development Sovetskaya 18 - 92101 Lugansk Tel. +38-050-32.88.301 - Fax +38-064-25.99.76.7 ukrgolf_01@yahoo.com

Holzhäuser - Bad Griesbach

Fashion Shop Maximilian - Bad Griesbach

Gut Rieden - Starnberg

Korea YSY Co., Ltd 501-2, Sangdo-1 Dong Dongjak Gu - Seoul Tel. +82-02- 813-9711 - Fax +82-02-826-0754 chervo@crvk.com

Korea (airport duty free) ARMONIA srl Viale Assunta 16 – I 20063 Cernusco s/n (MI) Tel.+39-02-921.483.21 - Fax +39-02-921.058.28 ilaria.cilli@armoniasrl.it China ROYAL MANDARIN LTD Room 2022, No.5 Jincheng Jianguo Building, No.5 Jianguomen North Street, Dongcheng District, Beijing 100005 PRC Tel. +8610-6518.52.98 Fax +8610-6518.82.65 liranran@royalmandaringroup.com Hong Kong - Macau ROYAL MANDARIN DISTRIBUTION Co. LTD 7th Floor, 9 Queen’s Road Central - Hong Kong Tel. +852 2160 0938 - Fax +852 2160 0988 liranran@royalmandaringroup.com Japan GRIP INTERNATIONAL Co. LTD Makler Kobe Bldg. 6th Floor - 4-2-2 Kumoi-Dori, Chuo-Ku - Kobe, 651-0096 Tel. +81-078-262.59.20 - Fax +81-078-262.59.30 info@grip-inter.com United States of America LGB INC LTD 8735, Dead Stick Rd - San Diego, CA, 92154 U.S.A. Tel. +1-619-424.3855 EduardoSneider@aol.com Bulgaria PIRIN GOLF & COUNTRY CLUB Razlog 2760 - 24A Gotse Delchev str. Tel. + 359.885.535.506 news@piringolf.bg Iceland IPTAEKNI EHF Fannafold 55 - 112 Reykjavik Tel. +354-550.30.58 sibbape@internet.is

Thanks to

London at Harrods

Chervò Golf Resort San Vigilio

Arzaga Golf & Country Club

Garda Golf

Jesolo Golf

Germany Pro Shops

Austria Pro Shops

Goldegg am See

Golfzentrum Laimer Bad Ischl

Golf Club Millstatt, Millstätter See

Chervò for all seasonS 63

Chervò World-Wide Distribution

Further information on Chervò world-wide pro-shops and stores is available at

www.chervo.it www.chervo.com

Corporate Partner

Photographers: Rohn Meijer Project: dmazzari.com


dmazzari.com

www.chervo.com

wheRever, WHENEVER. Golf & Sportswear


Chervò for all seasons - spring summer 2012