Page 1

Sport Mon Amour POLO GOLF VELA


CREDITS

Edizioni De Lux srl Agenzia - Equos Advertising srl Foto Moda - Silvia Tenenti Foto Sport - Getty Images, Stefano Zardini, Tony Ramirez Coordinamento Generale - Marta Mastrogregori Grafica e impaginazione - Stefano Arduini Responsabile Redazione - Nerina Stolfi Redazione - Francesco Antinolfi, Barbara Nevosi Francesco Nuccioni, Valeria Palieri, Caterina Vagnozzi Traduzione - Language Translations & Services Stampa - Telligraf srl Civita Castellana (VT)

Cesare Attolini S.p.A. Via Nazionale delle Puglie, 42 80013 Casalnuovo (NA) - Tel. +39 081 844 4411 www.cesareattolini.com - info@cesareattolini.com Showroom Milano - Via Visconti di Modrone, 19 - Tel. +39 02 763 16 757 Showroom New York - 610 Fifth Avenue Suite 318 - Tel. +1 212 246 0085 Shop Napoli - Via Filangieri, 15 - Tel. +39 081 1950 6066


di Francesco Antinolfi / ph. Umberto D’Aniello

ELEGANZA IN MOVIMENTO Etica ed estetica. Le due categorie, spesso al centro della dialettica del pensiero occidentale, permeano la pratica atavica di quelle che la civiltà contemporanea chiama discipline sportive. Così come guidano, da tre generazioni, l’appassionato lavoro che la Famiglia Attolini porta avanti nel segno del bello e del ben fatto.

4


Cesare Attolini

5


Elegance in Motion. Ethics and aesthetics. The two categories, often at the centre of dialectics in Western thought, permeate the atavistic practice of what the contemporary civilisation calls sports. The same categories driving, for the past three generations, the passionate work that the Attolini Family brings forwards in the name of beauty and of the well-made. There is a much thinner line than one would expect in the symbolic link that unites Attolini to sports. A man who attempts to practise sports is characterised by a double permeation: ethics and aesthetics. His efforts describe a constant tension to overcome himself, to improve his skills, both physical and moral. His image is fluid, dynamic, free from the mere weight of the superstructures. It is no coincidence that Pier Paolo Pasolini loved to recall that "sport is the last sacred representation of our time". I have no doubt that Vincenzo Attolini treasures in his imagination the idea of a private man free of ethical and aesthetic encumbrances. An idea that he before anyone else, thanks to his legendary skill in tailoring, was able to translate into a completely innovative imago fluens of man himself, reinventing that which today like yesterday is the par excellence men’s garment: the suit jacket. A free man, in the motion of his body just as in that of the mind, whose figure must be permeated by a value larger than any other: harmony. The same harmony, both internal and external, that leaves you breathless when you stand before Myron’s well-known Discus Thrower. It is in 1930 that Vincenzo Attolini, thanks to his strong creative intuition, his deep sense of elegance and unparalleled skill in manual cutting of cloths, rewrites the strict rules of the frozen and eminent British style. He draws, cuts and sews a jacket of a style never seen before and of unusual finish. A garment that would have been considered original even during the sixties, only

C’è un filo molto meno sottile di quanto si pensi nel legame simbolico che unisce Attolini alle discipline sportive. L’uomo intento a praticarle è caratterizzato da una doppia pregnanza, etica ed estetica. I suoi sforzi raccontano di una tensione costante al superamento di se stesso, al miglioramento delle proprie doti, sia fisiche che morali. La sua immagine è fluida, dinamica, libera dal peso delle mere sovrastrutture. Non è un caso che Pier Paolo Pasolini amasse ricordare che “lo sport è l’ultima rappresentazione sacra del nostro tempo”. Non ho dubbi che Vincenzo Attolini serbasse nel suo immaginario privato l’idea di un uomo libero da impacci tanto etici quanto estetici. Idea che prima di ogni altro, grazie alla sua proverbiale abilità nell’arte sartoriale, seppe tradurre in un’imago fluens totalmente innovativa dell’uomo stesso, reinventando quello che ieri come oggi è il capo maschile per eccellenza: la Giacca. Un uomo libero, nei movimenti del corpo quanto in quelli dell’intelletto, la cui figura deve essere permeata da un valore superiore ad ogni altro: l’armonia. Quella stessa armonia, tanto interiore quanto esteriore, che lascia senza fiato quando si è dinanzi al celebre Discobolo di Mirone. È il 1930 quando Vincenzo Attolini, grazie alla sua spiccata intuitività creativa, al suo profondo senso dell’eleganza e ad un’abilità manuale impareggiabile nel taglio dei tessuti, riscrive le rigide regole dell’ingessato ed eminente stile britannico. Disegna, taglia e cuce una giacca dalla linea mai vista prima e dalle rifiniture inconsuete. Un capo che durante gli anni Sessanta sarebbe stato ancora considerato alternativo, per poi essere consacrato definitivamente come paradigma di raffinatezza negli anni Novanta. Una semplicità disarmante capace però di cancellare, di colpo, tutti i rigori dell’eleganza maschile, facendo apparire giurassici i

6


Massimiliano Attolini

7


to be permanently consecrated as a paradigm of elegance in the Nineties. Disarmingly simple but able to delete, all of a sudden, all the rigours of male elegance, making the English garments look like something from the Jurassic. All pads off, on the shoulders too, and inner lining off. Only the essential stays, making the jacket soft and light like a shirt. So deconstructed that it can be folded six, eight, ten times. No tailor had ever dared so much in the previous fifty years. It is a revolution. It is the invention of the Neapolitan style and that garment that, unconsciously, everyone in the world today simply calls "the jacket". But that which the young Vincenzo brings to life, as already mentioned, is not only an opportunity for a new practicality, a relieving lightness, but also the image of a fully performing man. His scissors capable of almost miraculous cuts allow, with those draped chests and sleeves that border lined shabbiness, with the unusual pocket shape and the very bold "boat style" breast-pocket, the transition from a man who dresses with sophistication for etiquette reasons, to one that, in dressing, does no more than express himself. He is finally free of indulging in all freedom his own self as well as his spontaneous motion. A new way of being, as well as an innovative way of dressing. Expression of the desire to avoid clichés imposed to recover the image of one’s self. An approach not very far, in the writer's opinion, from the spirit that animates a breakaway on a sailboat or the challenging concentration of a test on the green. "The design of this publication entitled 'Sport Mon Amour' blossomed from the desire to honour the deepest soul of sport disciplines and their practice. From the expression, characterised by an indissoluble union between ethics and aesthetics, which makes it one of the most fascinating and timeless languages that man has ever manifested. A language we feel our own precisely because ethics and aesthetics are the categories and values that guide us in our work day after day. In the name of a true couture, respectful of the traditional purely manual work and teachings dictated by grandfather Vincenzo and father Cesare, with an idea of elegance that has deep roots and wings projected towards the contemporary and the future," says Giuseppe Attolini with deep emotion. Words followed by those of his brother Massimiliano: "The elegance of sporting motion is doubtlessly a source of great fascination. Just think of the plastic paths mapped out by a polo player riding his horse, or the rainbow drawn by a golfer in the typical movement executed to strike the ball, or the rhythmic arm dance of a helmsman leading his sailboat. Unique, profound sources of inspiration, that have pushed us towards the creation of a parallelism of shapes, lines, and styles through our garments. Unique, unrepeatable and different from each other just like the movement of an authentic athlete."

capi d’abbigliamento inglesi. Via le imbottiture, via le spalline, via la fodera. Resta solo l’indispensabile, rendendo la giacca morbida e leggera come una camicia. Talmente destrutturata da potersi piegare in sei, in otto, in dieci. Nessun sarto aveva mai osato tanto negli ultimi cinquant’anni. È una rivoluzione. È l’invenzione dello stile napoletano e di quel capo che tutto il mondo oggi si limita a chiamare inconsapevolmente “la giacca”. Ma ciò a cui il giovane Vincenzo dà vita, come già accennato, non è solo l’opportunità di una nuova praticità, di una leggerezza liberatoria, bensì è un’immagine completamente performata dell’uomo. La sua forbice capace di fenditure quasi taumaturgiche permette, con quei drappeggi ai petti e alle maniche che sfioravano la trasandatezza, con l’inconsueta forma delle tasche e quella alquanto ardita del taschino “a barchetta”, il passaggio da un uomo che veste con raffinatezza per etichetta ad uno che, vestendosi, non fa altro che esprimere se stesso. Potendo finalmente assecondare in tutta libertà sia il proprio io che la propria spontaneità gestuale. Un nuovo modo d’essere, oltre e più che un innovativo modo d’abbigliarsi. Espressione della volontà di rifuggire dai clichè imposti per riappropriare se stessi. Un approccio non molto distante, ad avviso di chi scrive, dallo spirito che anima una fuga in barca a vela o la sfidante concentrazione di una prova sul green. «L’ideazione di questa pubblicazione che titola ‘Sport Mon Amour’ nasce proprio dalla volontà di rendere omaggio all’animo più profondo delle discipline sportive e della loro pratica. A quell’espressione, caratterizzata da un connubio indissolubile fra etica ed estetica, che ne fa uno dei linguaggi più affascinanti e senza tempo che l’uomo abbia mai manifestato. Linguaggio che sentiamo affine proprio perché etica ed estetica sono le categorie ed i valori che guidano giorno dopo giorno il nostro operato. Nel segno di una sartorialità autentica, rispettosa del tradizionale lavoro esclusivamente manuale e degli insegnamenti dettati da nonno Vincenzo e da papà Cesare, e di un’idea d’eleganza che ha radici lontane ed ali proiettate verso la contemporaneità e il futuro», dice con sentito trasporto Giuseppe Attolini. Parole cui seguono quelle del fratello Massimiliano: «L’eleganza del gesto sportivo è senza alcun dubbio fonte di enorme fascinazione. Basti pensare alle traiettorie plastiche tracciate da un giocatore di polo in sella al suo cavallo, all’arcobaleno disegnato da un giocatore di golf nel tipico movimento finalizzato al colpire la pallina, alla ritmica danza di braccia di un timoniere alla guida della sua barca a vela. Suggestioni uniche, profonde, che ci hanno spinti a creare un parallelismo di forme, linee e stilemi con i nostri capi. Unici, irripetibili e diversi uno dall’altro proprio come lo è il gesto di un autentico atleta».

8


Giuseppe Attolini

9


LO SPORT DEI RE IL RE DELLO SPORT


10 16 20 26 28 38

IL POLO, DALL’INDIA AL RESTO DEL MONDO LA ROYAL FAMILY SCENDE IN CAMPO ARGENTINA IL POLO D’ECCELLENZA CORTINA, ROMA, PORTO CERVO QUANDO IL POLO DIVENTA SPETTACOLO LE REGOLE DELLO SPORT A PIÙ ALTO RISCHIO


di Nerina Stolfi

IL POLO, DALL’INDIA AL RESTO DEL MONDO Nasceva duemila anni fa in Oriente. Il polo è considerato infatti lo sport più antico del mondo e uno dei più nobili, tanto da essere definito fin dall’antichità “lo sport dei re… il re degli sport”. Un viaggio lungo secoli attraverso le Indie, l’Europa e l’America Latina.


uemila anni fa a Costantinopoli, Isfahan, Jaipur e Damasco, già si giocava a polo. Fu il Re persiano Dario a portare, nel 522 a.C. il polo in India. “Chaugan” era il nome dato dai persiani alla mazza e bastone, si passò poi al termine “pullu” o “pulu”, nome che indicava il legno con cui venivano fabbricate le palle da gioco e da questo ultimo termine si giunse all’odierno polo. Lo sport si sviluppò anche in Cina e assunse un’importanza tale che per poter accedere alle cariche pubbliche più importanti, era necessario essere anche abili giocatori. Ufficiali inglesi di stanza in India iniziarono a praticare questo sport alle corti dei Maharaja a Manipur ed a Latore: essi fondarono i primi club a Chocar, a Sichar, a Calcutta e a Pershavar e da lì, passando per Malta dove nel 1868 fu fondato il primo club europeo, lo portarono in Inghilterra. Il primo club inglese, il Monmouthshire, nacque nel 1872; le regole invece vennero codificate successivamente dall’Hurlingham Polo Association. Nel 1879 arrivò in Argentina. Ad introdurlo fu un giovane giocatore di polo inglese, Tom Preston, che si trasferì a Buenos Aires dall’India. Dopo solo tre anni fu fondato il primo club di polo Argentino, nella nazione divenuta la più stimata sia per la qualità dei cavalli che per la professionalità dei giocatori, modificando tecniche di gioco ed esportandole prima in America e poi in Europa e nel resto del mondo. Nel 1975 erano già nati 583 club di polo in 39 paesi, fino alla definitiva consacrazione tra i giochi olimpici. Negli Stati Uniti era già arrivato nel 1876 quando al Jerome Park di New York fu disputata la prima partita ufficiale. Fu James Gordon Bennet, proprietario del giornale ‘New York Herald’, a farlo conoscere ai suoi connazionali e fu lui a fondare il primo club del Paese a Westchester. Sempre nel 1876, il tenente colonnello Thomas St.Quintin introdusse il gioco in Australia. Dopo poco arrivò in Sud Africa e in Nuova Zelanda. Nel resto d’Europa il Polo si diffuse in Spagna, a Jerez de la Frontera nel 1872, in Germania nel 1898 quando fu fondato il polo Club di Amburgo, in Francia e in Italia attorno ai primi anni del ’900. Il primo vero circolo italiano fu fondato nel 1924 da Carlo Kupelweiser sull’isola di Brioni che allora apparteneva ancora al nostro Paese. Fu Sua Altezza Reale il Duca di Spoleto, presidente onorario del club di Brioni a voler lanciare a Roma, coadiuvato dal Cap. Lodi, il magnifico sport soprattutto per permettere ai giocatori italiani che frequentavano Brioni di poterlo praticare anche nella Capitale. Nacque così, negli anni ’30, il Roma Polo Club. Furono dieci i soci fondatori: Luciano Zingone, Enrico Peschiera, Francesco Aloisi, Carlo Brenciaglia, Ernesto Morini, Gianni Bendoni, Filippo Morini, Danilo Fumanti, Luigi Morini e Giampiero Morini. Il Club ebbe il suo primo ground sui terreni dell’Ippodromo di Villa Glori, concessi in uso dalla “società corse al trotto”. In seguito venne spostato all’Acqua Acetosa dove fu realizzato lo splendido club, ancora oggi un piccolo paradiso nel centro di Roma. Negli anni a seguire il polo cominciò a diffondersi nel resto d’Italia, sino a giungere agli attuali 12 club italiani: Roma Polo Club, Ambrosiano Polo Club, Sport Club Bornago, Milano Polo Club, la Ginevra Polo Club, Villa a Sesta Polo Club, Argentario Polo Club, Polo Grande Slam, Veneto Polo Club, la Mimosa Polo Club, la Fiorina Polo Club e l'Acquedotto Romano Polo Club per un totale di oltre 20 campi. Il vero rilancio del Polo romano lo si deve tuttavia al Barone Francesco Antonelli Incalzi (prematuramente scomparso durante una partita del “Torneo d’Autunno”) che diede un nuovo impulso a questa disciplina sportiva, organizzando corsi per studenti e giovanissimi, diffondendone la pratica e la conoscenza e facendo crescere numericamente e qualitativamente lo sport nella Capitale, sino ad arrivare ai giorni nostri a contare 140 cavalli scuderizzati, 8 squadre di alto livello e oltre 200 soci.

D

14


15


16


Polo, from India to the rest of the world. A game first played two thousand years ago in the East. Polo is in fact considered the most ancient and noble of sports worldwide, described since ancient times as "the sport of kings ... the king of sports". A long journey through the centuries, across India, Europe and Latin America. Polo was already played two thousand years ago in Constantinople, Isfahan, Jaipur, and Damascus. It was Persian King Darius who brought Polo in India in 522 BC. "Chaugan" was the name given by the Persians to the mallet and stick, later renamed "pullu" or "pulu", a name that indicated the wood with which the game balls were made and what finally became today’s name “Polo”. The sport was developed in China and gained so much importance that in order to access the most important public charges, it was also necessary to be skilled players. British officers stationed in India began to practise this sport in the courts of Maharaja, Manipur, and Latore. They founded the first clubs in Chocar, in Sichar, in Calcutta, in Pershavar, and from there, via Malta where in 1868 they founded the first European club, took it to England. The first English club, Monmouthshire, was set up in 1872, and the rules were codified later by the Hurlingham Polo Association. In 1879 it arrived in Argentina. It was introduced by a young English polo player, Tom Preston, who had moved to Buenos Aires from India. The first Argentinean club was founded after only three years, launching what became the most highly regarded country in terms of quality of horses as well as professionalism of the players, who technically modified the game and exported it first to America and then to Europe and the rest of the world. By 1975, 583 polo clubs were already set up in 39 countries, reaching the final consecration of the Olympic Games. In the United States it had already arrived in 1876 when, at Jerome Park in New York, the first official match was held. It was James Gordon Bennet, owner of the newspaper 'New York Herald', to make polo known to his countrymen and it was he who founded the first club in the country, in Westchester. Also in 1876, Lieutenant Colonel Thomas St. Quintin introduced the game in Australia. Shortly after, it reached South Africa and New Zealand. In the rest of Europe, polo became popular in Spain, Jerez de la Frontera in 1872; in Germany, where the Polo Club in Hamburg was founded in 1898; and in France and Italy around the early ‘900s. The very first Italian club was founded in 1924 by Italian Carlo Kupelweiser on the island of Brioni, which still belonged to our country back then. It was His Royal Highness the Duke of Spoleto, honorary president of the club Brioni, who, assisted by Captain Lodi, enhanced the practice of the wonderful sport, to enable Italian players who travelled to Brioni to be able to practice the sport in the capital as well. That was how the Roma Polo Club came about in the '30s, with ten charter members: Luciano Zingone, Enrico Peschiera, Francesco Aloisi, Carlo Brenciaglia, Ernesto Morini, Gianni Bendoni, Filippo Morini, Danilo Fumanti, Luigi Morini, and Giampiero Morini. The Club had its first ground based in the Hippodrome in Villa Glori, granted use by the "trotting race society". It later moved to Acqua Acetosa, where a splendid club was built, still a corner of paradise in the centre of Rome. In the following years, polo began to spread throughout the rest of Italy, until it reached the current number of 12 Italian clubs: Roma Polo Club, Ambrosiano Polo Club, Sport Club Bornago, Milano Polo Club, La Ginevra Polo Club,Villa a Sesta Polo Club, Argentario Polo Club, Polo Grande Slam, Veneto Polo Club, La Mimosa Polo Club, La Fiorina Polo Club, and the Acquedotto Romano Polo Club, for a total of over 20 fields. The very revival of Roman polo, however, must be attributed to Baron Francesco Antonelli Incalzi (who died prematurely during a game of the “Torneo Autunno”- Fall Tournament), who gave a new stimulus to the sport, organising courses for students and children, and spreading its practice and knowledge, making the sport grow quantitatively and qualitatively in the capital, leading to 140 stabled horses, eight top teams and over 200 members today.

17


di Nerina Stolfi / ph. Getty Images

LA ROYAL FAMILY SCENDE IN CAMPO Era il 1872 quando si giocò in Inghilterra il primo vero incontro di polo. Da allora “lo sport dei re” ha conquistato l’upper class inglese, famiglia reale compresa.


The inscription was carved on a Persian stone of unknown age, but polo is still considered "the king of sports, the sport of kings". As for other disciplines, Great Britain was the one to christen and raise awareness on polo within the Western Hemisphere, after its soldiers had known it and learned it in the arid fields of the eastern colonies. It was 1860 and, just as for tennis and golf, the legendary British precision was immediately devoted to establishing the game’s strict rules which still now, despite minor variations, regulate the horses’ movements over the ball’s trajectory, the number and duration of games, the substitution of horses, or even the unwritten practices, such as the adjustment of lumps by the audience. The whole world has come to adopt these rules. It is, indeed, in England that the first real polo game was played in Monmouthshire Club, founded in 1872 by Captain Francis Herbert. It was so successful that a vast number of other clubs followed, including the prestigious Hurlingham Club, which

’iscrizione era scolpita su una pietra persiana di data indefinita, ma ancora oggi il polo è considerato “il re degli sport, lo sport dei re”. Come per altre discipline, fu la Gran Bretagna a tenere a battesimo e a far conoscere il polo nell’emisfero occidentale, dopo che i suoi soldati l’avevano conosciuto e imparato nelle aride distese delle colonie orientali. Era il 1860 e, come per il tennis e il golf, la proverbiale precisione britannica si dedicò immediatamente a stabilire rigide prescrizioni del gioco che, con qualche variazione, ancora regolano oggi i movimenti dei cavalli rispetto alla traiettoria della palla, o il numero e la durata dei tempi di gioco, o il cambio dei cavalli e persino quelle pratiche non scritte, come la sistemazione delle zolle da parte degli spettatori, che tutto il mondo ha finito per adottare. Ed è appunto in Inghilterra che si giocò il primo vero incontro di polo nel Club di Monmouthshire fondato nel 1872 dal capitano Francis Herbert. Il successo fu tale che seguirono a ruota varie altre associazioni di praticanti, tra cui il prestigioso Hurlingham Club, che ancora oggi dà il nome alla federazione inglese di polo, The Hurlingham Polo Association, che porta la data di nascita del 1874. Dall’Inghilterra il polo fu “esportato” nel resto del mondo senza che la sua crescente popolarità (sempre relativa) riuscisse ad intaccare quell’alone di lusso e di esclusività, legato a location di sogno e a giocatori del jet set internazionale, che accompagna da un secolo e mezzo la pratica di questo sport. “Un handicap di polo - era solito dire Winston Churchill - è un passaporto per il mondo”. E che almeno in Inghilterra sia rimasto “lo sport dei re” ce lo confermano i membri della royal family britannica, i quali sembrano aver fatto di questo sport la cifra della loro nobiltà. Il principe Carlo, ma soprattutto i figli William e Harry non mancano infatti occasione per scendere in campo con la loro squadra Umbogo (dal nome swahili del bufalo), unendo molto spesso alle partite, sempre affollatissime, iniziative di fund raising a favore di istituzioni benefiche, come è accaduto anche poco tempo fa all’Ham Polo Club per le loro onlus, Centrepoint e Mountain Rescue.

L

“Un handicap di polo - era solito dire Winston Churchill - è un passaporto per il mondo”. Dall’Inghilterra infatti il polo fu “esportato” nel resto del mondo mantenendo sempre un alone di lusso ed esclusività. still today gives its name to the English polo federation - The Hurlingham Polo Association - founded in 1874. Polo was “exported” from England to the rest of the world, without letting its (relatively) increasing popularity stain its portrait of luxury and exclusiveness framed in dreamlike locations and players of the International jet set since over 150 years. “A polo handicap”, Winston Churchill used to say, “is a passport for the world." The fact that at least in England it has remained "the royal sport" is confirmed by the British royal family members, who seem to have made of this sport the emblem of nobility. Prince Charles, and especially his sons William and Harry, don’t miss any occasion to step onto the field with their team, Umbogo (from the Swahili name for buffalo). The ever crowded games are often joined to fund raising initiatives in favour of charities, as recently occurred a few weeks ago at Ham Polo Club for their non-profit organisations, Centrepoint and Mountain Rescue.

The royal family takes the field. It was 1872 when the first real polo game was played in England. Since then, this allegedly "royal sport" won the English upper class, including the royal family.

In apertura e nella pagina accanto il Principe William in gara

21


di Caterina Vagnozzi

ARGENTINA IL POLO D’ECCELLENZA Nel Paese dei gauchos, il polo è ormai diventato uno stile di vita. Appuntamento imperdibile di questa disciplina è l’Abierto Argentino, il torneo che si disputa ogni anno nella capitale. In campo i giocatori più forti del mondo che si battono per il titolo più ambito.


uenos Aires, stadio Palermo, primo sabato del mese di dicembre: diciassettemila spettatori ordinatamente distribuiti in due linee di tribune, fuori una folla di gente che si confonde con i bagarini. Il biglietto per la finale di uno dei tornei più importanti del mondo, il Campeonato Argentino Abierto de Polo, può costare sino a mille dollari. È la Wimbledon del polo, l’evento sportivo più atteso dell’anno per la capitale argentina ed uno dei più celebri del Sud America: il torneo di polo per antonomasia in una terra che, dopo aver conosciuto all’inizio del secolo scorso questo gioco antichissimo “importato” dagli ufficiali inglesi, ne è divenuta una vera e propria Mecca. In Argentina, paese “rural” per eccellenza, il polo è stile di vita nella filosofia del “campo”, della campagna. Nulla a che vedere con l’immagine stereotipata di extra-glamour che etichetta i contorni del polo in Europa o in Nord America dove tornei e club hanno sapore di chic già nei nomi: Palm Beach, Santa Monica, St Tropez, St. Moritz, Gstaad, Deauville, Soto Grande, Cortina, Porto Cervo… Il pubblico dell’Abierto ne è conferma assoluta. Nella tribuna più popolare, regno delle tifoserie, il cosidetto “corrego”, i “petiseros” (i ragazzi che si occupano dei cavalli) in espadrillas e basco tipico, jeans vissuti, si mescolano con bambini urlanti, famiglie modeste che rappresentano tre generazioni unite nella passione, europei eleganti che non hanno trovato posto nella più nobile tribuna principale. Qui gli ordini di posti sono ridotti all’osso. L’abbigliamento è casual, firmato con elegante discrezione: occhiali scuri e panama vanno per la maggiore. L’attenzione è tutta concentrata sul vasto terreno di gara (275 metri x 150) ed anche i vip passano inosservati. Diego Armando Maradona e David Nalbandian con indosso la maglia di Adolfo Cambiaso preferiscono gustarsi lo spettacolo al “palenche”, la zona riservata alle squadre. Il polo nel mondo, quello dell’alto goal di handicap (vale a dire quello giocato dai migliori) che sta avendo un discreto incremento di eventi, si gioca in funzione della presenza degli argentini che nel periodo di massimo splendore sportivo (normalmente dai venti ai quarant’anni) sono tutto l’anno in trasferta per partecipare ai tornei che si organizzano nei vari paesi. Da ottobre a dicembre tutti rientrano però alla base per dare vita ad una stagione di tornei che costituisce la vera “serie A” del polo e che individua nell’Abierto di Buenos Aires (riservato alle otto migliori squadre) la sua massima espressione. Per chiunque ami il polo, il richiamo dell’Argentina ad inizio dicembre è irresistibile. Arrivano ospiti da tutto il mondo per applaudire i giocatori più forti in assoluto. L’icona del campione di polo è Adolfo Cambiaso, trentacinque anni, ex enfant prodige che a sedici anni giocava già ai massimi livelli. Oltre che un grande giocatore è anche un fantastico coach. Lontano dal modello dello sportivo di fama, riservato, sempre molto disponibile, ha sposato la modella Maria Velasquez ma rifiuta la maggior parte degli ingaggi pubblicitari che riceve da firme internazionali che se lo contendono come testimonial. Per contro è molto impegnato nelle operazioni di “charity”. Il suo casco, messo all’asta in un polo party di beneficenza, è stato battuto per 10.000 dollari, mentre la sua maglia di gioco firmata dall’amico Maradona, nella stessa occasione, ne ha fruttati 8.000. Nei dintorni di Buenos Aires, nell’arco di sessanta chilometri ed in estancie da sogno, si sviluppa una vera e propria università del polo: si giocano le “pratiche” (si chiamano così le partitelle di allenamento), si assiste ai tornei di massima levatura, si comprano i migliori cavalli che i polo-players mettono a punto come vere e

B


children, modest families representing three generations joined by passion, and elegantly-dressed Europeans who have missed the ticket in the nobler grandstand. Seats are extremely limited here. Casual attire is discreetly labeled: dark glasses and panama hats are very common. All the attention is focused on the spacious race grounds (275 by 150 metres) and even VIPs are unnoticed. Diego Armando Maradona and David Nalbandian are wearing Adolfo Cambiaso’s shirt and prefer enjoying the show from the “palencia” area reserved for teams. Worldwide polo, meaning high goal handicap polo (i.e. played by the best), is moderately increasing in number of events, and is played according to the presence of Argentineans that travel all year long at foreign tournaments throughout all their sports splendor (usually from age twenty to forty). Yet from October to December they all fly back home to launch the real “A-series” polo tournament season, identifying its uttermost expression in Abierto Buenos Aires (reserved for the top eight teams). Argentina’s call for polo in December is irresistible for all fans. Guests coming from all over the world go there to cheer for the best players ever. Adolfo Cambiaso, age 35, is polo’s icon champion. Ex infant prodigy, he played at top levels since age 16. Besides being a great player, he is also a fantastic coach. Far from being the common popular sportsman, he is reserved and always very available; he is married to model Maria Velasquez, but rejects most internationally labeled advertising engagements contending him as a testimonial. On the other hand, he is very involved in charity activities. His helmet was auctioned at a charity Polo Party and was worth 10,000 dollars, while his jersey signed by his friend Maradona was worth 8,000 dollars on the same occasion. In the outskirts of Buenos Aires, within sixty kilometers and dreamlike estancie, a real polo university has been set up: socalled training “practice” matches are played, the most exclusive tournaments are held, and one can purchase the best horses that polo-players consider downright racing cars. A polo horse capable of playing a high goal handicap tournament (a good player should have at least handicap six to eight) can cost from 50 up to 150,000 dollars, and the trip to Europe costs about $7,000 extra. In the area of Pilar, where clubs are crowded, over fifteen thousand horses are raised. All important Argentinean players (one thousand are enrolled in the local federation, but there about five thousand trainees) have a stable with training horses: about a hundred near the capital, and 4 on 500 horses are raised in farms farther away where land is not as expensive as in the areas surrounding the capital city. Business, but above all, passion. They say that once the game’s appeal has taken hold of you, it never lets you go: try and see.

proprie macchine da corsa. Un cavallo da polo in grado di giocare un torneo ad alto goal di handicap (un giocatore che si rispetti deve averne almeno sei/otto) può costare dai 50 ai 150.000 dollari e per portarlo in Europa ce ne vogliono circa 7.000 in extra. Nella sola zona di Pilar, dove pullulano i club, se ne allevano oltre quindicimila. Tutti i giocatori argentini importanti (un migliaio sono i tesserati della locale federazione, ma circa cinquemila i praticanti) hanno la scuderia con i cavalli di allenamento: un centinaio di capi nei pressi della capitale e l’allevamento (4/500 capi) più lontano in regioni dove il costo dei terreni non è proibitivo come nei dintorni della capitale. Business, ma soprattutto passione. Dicono che il fascino del gioco quando ti prende non ti lascia più: provare per credere. Argentina, excellence polo. In the land of gauchos, Polo has become a lifestyle. The tournament Abierto Argentino which is held every year in the capital city is a polo event one cannot miss. World’s strongest players compete to achieve the most desired award. Buenos Aires, Palermo stadium, first Saturday in

Icona del polo argentino è il campione Adolfo Cambiaso, trentacinque anni, considerato il Maradona del polo, a sedici anni giocava già ai massimi livelli, oggi è anche un fantastico coach.

December: seventeen thousand spectators neatly fill two stand rows; just outside, a crowd mingles with the touts. The ticket for the final of one of the most important tournaments worldwide, Campeonato Argentino Abierto de Polo, can cost up to one thousand dollars. It is polo’s Wimbledon, the most awaited yearly event in the Argentinean capital city, and one of the most popular in South America: the quintessential polo tournament in a land that after knowing this very ancient sport “imported” by British officers, has become its very Mecca. In Argentina, known as a typically “rural” country, polo represents life-style in open “fields” and countryside. Nothing to do with the stereotypical super-glamorous label of polo in Europe or North America, where even names of tournaments and clubs sound chic: Palm Beach, Santa Monica, St. Tropez, St. Moritz, Gstaad, Deauville, Soto Grande, Cortina, Porto Cervo... Spectators at Abierto confirm this. In the most common stand, where fans gather, the so-called “corrego” and “petiseros” (young men who take care of horses) wear their typical espadrillas, berets, and worn out jeans, mingling with loud

26


di Caterina Vagnozzi

DA CORTINA A ROMA PASSANDO PER PORTO CERVO Oltre a Cortina, Porto Cervo e Roma, la novità di quest’anno sarà il torneo su sabbia a Forte dei Marmi. Maurizio Zuliani, presidente del Polo Gold Cup Circuit, racconta cosa c’è dietro ogni appuntamento all’impronta del glamour.

l sottile fil rouge che unisce nell’arco di sei mesi Cortina d’Ampezzo a Porto Cervo e a Roma è costituito dall'Audi Polo Gold Cup, un circuito di tornei internazionali di alto spessore sportivo e spettacolare, organizzato da Maurizio Zuliani, presidente del Polo Gold Cup, a cui abbiamo chiesto cosa significa organizzare queste manifestazioni dove lo sport si mixa felicemente al glamour e alla mondanità.

From Cortina to Rome, passing through Porto Cervo. In addition to this three locations, the new feature this year will be the beach tournament in Forte dei Marmi. Maurizio Zuliani, President of the Polo Gold Cup Circuit, tells what is behind every event marked by glamour.The thin thread that unites, in a six-month period, Cortina d'Ampezzo to Porto Cervo to Rome is the Audi Polo Gold Cup, a spectacular polo tournament circuit of high sports and show relevance, organised by Maurizio Zuliani, President of the Polo Gold Cup. We asked him what it means to organise these events where sport mixes happily with glamour and high-life.

I

Quale è il segreto del successo dell’Audi Polo Gold Cup? Insieme a Claudio Giorgiutti, uno dei più fini intenditori ed organizzatori di questo sport, dieci anni orsono abbiamo deciso di ridare vita con un nuovo format al torneo ampezzano trasformandolo da appuntamento sportivo per pochi a spettacolo di alto livello e di ampia visibilità. Abbiamo creato un appuntamento atteso dal pubblico ed appetibile per il mercato delle sponsorizzazioni ma contemporaneamente ineccepibile dal punto di vista tecnico ed organizzativo per giocatori, cavalli e patron delle squadre. L’esperienza di Cortina mi ha portato a pensare ad una location parallela sul mare ed è nata l’esperienza del circuito con Porto Cervo–Costa Smeralda. Poi, siccome da cosa nasce cosa, si è aggiunta la capitale, con la storica sede del Roma Polo Club.

What is the secret for Audi Polo Gold Cup’s success? Together with Claudio Giorgiutti, one of the finest connoisseurs and organisers of this sport, ten years ago we decided to renew the format of the tournament in Cortina, transforming it from a limited number sports event to a show of high level and high visibility. We have created an appointment appreciated by the public and desirable for the sponsorship market, but at the same time technically and organisationally exemplary for players, horses, and team owners. Cortina's experience has led me to think of a sea location and so the Porto Cervo–Emerald Coast venue has been introduced. Successively, the Capital venue was added, in the historical setting of the Roma Polo Club.

Quali sono le sue aspettative per il circuito 2011? Impressioni e previsioni. C’è sempre grande attesa per il nostro circuito e questo è certamente molto stimolante. Il mondo del polo in genere ha trovato un ottimo volano di promozione. La novità di quest’anno sarà il torneo sulla sabbia di Forte dei Marmi nella settimana prima di Pasqua. La più celebre spiaggia della Versilia diventa terreno di gioco per il polo on the beach, che al pari di quel che accade sulla neve altro non è che una inconsueta ma affascinante interpretazione del gioco.

What are your expectations for the 2011 circuit? Impressions and expectations. There are always great expectations for our circuit, and this is certainly very exciting. The world of polo has usually found an excellent driver for its promotion. This year’s new feature will be the beach tournament in Forte dei Marmi during the week before Easter. The most famous beach of the Versilia area will become a playground for beach polo, which, as in the case of the snow events, is no less than an unusual yet fascinating interpretation of the game.

Il gioco del polo è per definizione “lo sport dei re, il re degli sport”, ma la sua popolarità sta crescendo. Ci sono cambiamenti all’orizzonte? Ci sono segnali di sviluppo in Europa e soprattutto negli Usa. Sicuramente questo sport sta crescendo anche in Italia. I numeri sono ancora limitati. Uno dei problemi è quello degli impianti. Nel nostro paese sono pochissimi: serve grandissimo spazio ed una manutenzione molto accurata.

The game of polo is by definition "the sport of kings, the king of sports", but its popularity is growing. Do you expect any future changes? There are signs of development in Europe and especially in the U.S.A. Surely this sport is growing in Italy. The numbers are still limited. One of our problems is that of structures. In our country there are very few: a very large space and meticulous maintenance is required.

28


29


di Caterina Vagnozzi

QUANDO IL POLO DIVENTA SPETTACOLO Lo skyline mozzafiato delle Tre Cime di Lavaredo innevate e l’affascinante immagine del lago ghiacciato di Misurina a quota 1800 metri di altitudine. La Sardegna con i suoi alti profili di granito che arrivano a ridosso del mare turchese della Costa Smeralda. E Roma, città eterna. Tre meraviglie unite dall’Audi Polo Gold Cup Circuit 2010.

30


’Audi Gold Cup Circuit ha chiuso quest’anno a metà giugno al Roma Polo Club il magnifico percorso 2010 iniziato a Cortina d’Ampezzo con il torneo su neve e proseguito non più tardi di due settimane dopo in Costa Smeralda, a Porto Cervo. La credibilità guadagnata a livello internazionale dai tornei organizzati durante questi anni dall’Audi Gold Cup Circuit ha fatto sì che sia l’appuntamento di Cortina sia quello della Costa Smeralda (entrambi 14-15 goal di handicap), primi nel calendario italiano, siano stati inseriti nel Word Polo Tour, che riunisce la vera elite dei tornei nel mondo. A questi due importanti appuntamenti quest’anno si è aggiunta Roma che con il suo storico impianto del Polo Club all’Acqua Acetosa ha scritto la storia del polo italiano. Al Circolo infatti si sono disputati grandi appuntamenti sportivi quali i Campionati d’Europa 2000 o le selezioni europee per i mondiali. Quello di Roma è dunque un ritorno e l’intento della Audi Gold Cup Summer è quello di ricollocare nel panorama nazionale un evento top che possa diventare un appuntamento fisso nel calendario internazionale del polo e che consenta a questo affascinante club di riconfermare il proprio ruolo di volano nei confronti del polo italiano. Si comincia quindi con l’appuntamento di fine febbraio con la Cortina Winter Polo Audi Gold Cup, che si rinnova puntualmente da oltre vent’anni e che è diventato un must assoluto. Il torneo, che si disputa sul lago ghiacciato di Misurina (Auronzo di Cadore), in uno dei paesaggi più celebrati delle Dolomiti Ampezzane dichiarate dall’Unesco patrimonio

L

When Polo becomes show. The breathtaking skyline of the snowy Tre Cime di Lavaredo, and the fascinating 1800m-altitude frozen lake in Misurina. Sardinia, with its high granite profile over the turquoise Emerald Coast sea. And Rome, the eternal city. Three wonders joined by Audi Polo Gold Cup Circuit 2010. This year’s Audi Gold Cup Circuit ended in mid-June at Roma Polo Club its wonderful 2010 course which took off in Cortina d’Ampezzo on the snow, and continued only two weeks later in the Emerald Coast, Porto Cervo. Internationally gained credibility of tournaments organised in these years with Audi Gold Cup Circuit made it possible to join both Cortina and the Emerald Coast (both14-15 goal handicap), considered a priority on the Italian schedule, in the World Polo Tour, bringing together the true world tour elite. Rome has been added to these important venues, with its historical Acqua Acetosa Polo Club, which made the history of Italian polo. This club has hosted important sporting events, such as the 2000 European Championship and world cup qualifying rounds. The setting of Rome is therefore a return and the intention of Audi Gold Cup Summer is to reposition a premium event on the national stage so that it may become a fixed date in International polo, making it possible for this fascinating club to redefine itself as the freewheel of Italian polo. The event opens in late February with the Cortina Winter Polo Audi Gold Cup, a fixed appointment for the past twenty years, that has truly become a must-go. The tournament is held on the frozen lake Misurina (Auronzo di Cadore), in one of the most celebrated landscapes of the Cortina d’Ampezzo Dolomites, recognised as Unesco World Heritage. This year the event will take place from February 20th to the 26th. Matches, resort, and hospitality on the

Per le foto del polo su neve si ringrazia Stefano Zardini

33


dell’Umanità, si svolgerà il prossimo anno dal 20 al 26 febbraio. Partite e villaggio ospitalità sul lago di Misurina all’ombra delle Cime di Lavaredo e del Monte Sorapis racchiudono tutto il glamour e la mondanità nelle attività in quota (memorabile la cena di gala Audi per la chiusura con fuochi di artificio e luna piena) e quelle a Cortina d’Ampezzo. Il torneo quest’anno comprende anche le donne. La Polo Gold Cup, tradizionalmente promotrice di novità di eccellenza, per la prima volta apre alle rappresentanti del gentil sesso e organizza a Cortina un match riservato a sole “polo-ladies” che verrà giocato venerdì 25, alla vigilia dell’attesissima finale. In primavera invece ci si sposta in Costa Smeralda a Porto Cervo, per l’Audi Spring Polo Gold Cup, evento imperdibile per gli appassionati di questo sport. L’internazionalità del torneo e dei suoi protagonisti nella Costa Smeralda Polo Gold Cup si coniuga bene con gli eventi di contorno che hanno sempre location d’eccellenza, come lo Yatch Club di Porto Cervo. Nel giorno di chiusura del torneo, fiore all’occhiello del calendario italiano, il polo village a bordo campo è gremito come sempre di ospiti eleganti ed appassionati, coinvolti sul campo di gara e coccolati dall’accoglienza in stile Cala di Volpe. Per il polo dunque, sport dei re e re degli sport, i tre appuntamenti nostrani, sono diventati un “save the date” d’obbligo nelle agende degli appassionati e dei tanti estimatori, dove glamour e agonismo si sposano in perfetta simbiosi.

Misurina Lake, at the foot of the Lavaredo peaks and Mount Sorapis. Glamour and social life between the activities in Cortina d’Ampezzo and high altitude ones –including Audi’s memorable moonlit closing gala dinner and fireworks. This year’s tournament is also open to women. Polo Gold Cup – traditionally a promoter of exceptional innovations - is for the first time open to women: it will feature a match for polo-ladies only that will be played on Friday 25th, the eve of the much awaited final. Spring will take us to the Emerald Coast, Porto Cervo, for the Audi Spring Polo Gold Cup: an event which polo fans cannot miss. International exposure of the tournament and its protagonists in the Emerald Coast Polo Gold Club is perfectly joined with events in top-notch locations such as the Porto Cervo Yatch Club. On the closing day of the tournament, exclusive date on the Italian schedule, the polo village will be crowded field-side with elegant and passionate guests, all carefully involved in the game and cuddled by the warm welcoming in perfect Cala di Volpe style. For polo, the sport of kings and king of sports, the three Italian venues which perfectly combine glamour and competitiveness have, therefore, become a compulsory “save the date” in schedules of all fans and admirers.

Per le foto del polo su prato si ringrazia Tony Ramirez


di Nerina Stolfi / ph. Tony Ramirez

LE REGOLE DELLO SPORT A PIÙ ALTO RISCHIO Considerato uno sport di contatto, le regole principali sono dettate dalla necessità di limitare gli scontri.

Sports rules at the highest risk. Considered a contact sport, the main rules are dictated by the need to limit clashes. In the collective thought, polo is a sport which has always been identified with a bound, exclusive, elegant, highly luxurious, and wealthy world. Indeed we cannot say it is a sport for workers on redundancy payment! Yet, it would be wrong to misunderstand the fine club of athletes- this sports activity, on the contrary, has all the features of tough and competitive sports. Considered among the riskiest disciplines, the complex rules of polo aim, above all, at safeguarding the integrity of men and animals. The two main rules are in fact dictated by the very need to limit the likeliness of clashes: on one hand, rules state that the line traced by the ball can never be crossed, and on the other, the player who first fits such line shall be given way. Besides, one can easily imagine what might happen on the ground without adequate precautions (as unfortunately happens at times) being there eight horses darted at 50 miles per hour on a grass field of 275 × 180 metres - about three times a football field - chasing a 11.5 cm ball which can speed up to 180 km per hour. Despite these rules, polo is still a contact sport, which allows, for example, to hook one’s stick to the opponent’s, or to lean one’s horse against the opponent’s. This sport’s star is Argentinian Adolfo Cambiaso, considered Polo’s Maradona. As in other sports, each of the four players in a polo team has handicaps ranging from -2 to 10 and about 90% of those who practise this sport have handicaps of less than three, whereas the players attaining a 10-goal handicap are very rare. Given their strenuous effort, each horse plays only one of the four quarters of the game, and during each substitution the spectators walk onto the field to repair the lumps overturned by the horses, as shown in countless films and novels illustrating the high society.

ell’immaginario collettivo lo sport del polo si identifica da sempre con un mondo ristretto, esclusivo, elegante, all’insegna del lusso e della ricchezza. Certo non si può dire che sia uno sport per cassintegrati! Ma sarebbe sbagliato confondere il raffinato club dei praticanti con una pratica sportiva che ha invece tutte le caratteristiche della competizione dura ed agonistica. Considerato tra le discipline a più alto rischio, le complesse regole del polo mirano prima di tutto a salvaguardare l’integrità di uomini e animali. Le due regole principali infatti, sono dettate proprio dalla necessità di limitare la possibilità di scontri: da un lato si stabilisce che la linea tracciata dalla palla non può mai essere attraversata e dall’altro che il giocatore che per primo si inserisce su questa linea ha il diritto di precedenza. D’altronde è facile immaginare cosa potrebbe succedere sul ground (come ahimè talvolta succede), senza le opportune precauzioni, tra otto cavalli lanciati a 50 km all’ora su un campo in erba di 275×180 metri, all’incirca come tre campi di calcio, dietro a una pallina di 11,5 centimetri che può raggiungere la velocità di 180 km orari. Nonostante però queste regole, il polo rimane uno sport di contatto, dove è consentito per esempio agganciare la stecca dell’avversario con la propria, o appoggiare il proprio cavallo contro quello dell’avversario. La stella di questo sport è Adolfo Cambiaso, l’argentino considerato il “Maradona del polo”. Come in altri sport, ciascuno dei quattro giocatori che compongono una squadra di polo ha un proprio handicap che va da -2 a 10 e circa il 90% di coloro che lo praticano hanno handicap inferiori a tre, mentre si contano sulle dita di una mano quelli che raggiungono il dieci. Dato lo sforzo concentrato ogni cavallo gioca uno solo dei quattro tempi previsti e durante il cambio gli spettatori entrano in campo per aggiustare le zolle sollevate dai cavalli, come ci hanno mostrato infinite volte i film e i romanzi sull’alta società.

N

41


IL GOLF A CINQUE CERCHI


42 FRANCO CHIMENTI 44 DOVE GIOCANO LE STELLE DEL GOLF


44


di Nerina Stolfi

FRANCO CHIMENTI L’UOMO DEL GOLF IN ITALIA La sua vittoria più prestigiosa è aver riportato il golf alle Olimpiadi dopo 100 anni. Lo ha guidato l’obiettivo di avvicinare questo sport al grande pubblico. E i numeri gli hanno dato ragione.

Franco Chimenti, Italy’s golfer. His most prestigious victory is to have brought golf back in the Olympics after 100 years. He was led by the aim of bringing golf among the people. And numbers have proved him right. In Italy he is golf. Head of the federation since 2002, Franco Chimenti is now in his third term and, among the many achievements under his presidency, the most recent in chronological order is the return of the discipline in the 2016 Rio De Janeiro Olympics. “A historical decision - said the professor which I fought for, much due to the effort of the Italian Olympic Committee and, in particular, of Franco Carraro, who has strongly supported the return of golf. Participation in the next Olympic tournament will be very selective: 60 players, men and women, but we hope to have three.” The worldwide popularity of golf in the last twenty years has grown exponentially, and the sport continues to spread into new countries. In Italy, its great popularity records participation of more and more young members, of whom we’ll soon hear about. It is the result of targeted strategic choices pursued with courage and determination by Chimenti himself. One of these has been, three years ago, to open golf courses to non-members too. A choice that “has made golf - the President states - gain great popularity, while maintaining the exclusiveness that has always distinguished it. The sport’s growth on the national territory has furthermore made it possible for new great champions to stand out and gain international attention, enhancing in turn outstanding membership statistics, destined to be even more surprising in the future”. In addition to this, we record recent success of new players who are climbing up world rankings. Results that “are the effect - says the President– of modified management policies. Nourishing the sector of youngsters, focusing on children, and reorganizing our technical staff in a completely different manner have been fundamental factors to achieve such important results.” The results have been clearly visible this year. We won four tournaments of the Tour. “It is a top record - Chimenti underscores – Now we want to win some majors, those incredible grand slam competitions. And finally dedicate ourselves more to golf tourism.”

n Italia il golf è lui. Alla guida della federazione dal 2002, Franco Chimenti è oggi al suo terzo mandato e, tra i grandi risultati ottenuti sotto la sua presidenza, l’ultimo in ordine di tempo è il ritorno della disciplina alle prossime Olimpiadi del 2016 a Rio De Janeiro. “Una decisione storica – commenta il professore – per la quale mi sono battuto, dovuta molto all’impegno messo in campo dal Comitato Olimpico Italiano ed in particolare da Franco Carraro che ha sostenuto con grande determinazione il ritorno del golf. La partecipazione al prossimo torneo olimpico sarà molto selettiva, 60 tra uomini e donne, ma noi speriamo di averne addirittura tre”. La popolarità internazionale del golf negli ultimi vent’anni è cresciuta in maniera esponenziale e lo sport continua ad espandersi in nuovi paesi. Da noi la sua grande notorietà, che sta producendo sempre più giovani iscritti di cui sentiremo ben presto parlare, è il frutto di scelte strategiche mirate portate avanti con coraggio e determinazione dallo stesso Chimenti. Una di queste fu, tre anni fa, quella di aprire il golf anche ai non soci. Scelta che “ha fatto acquisire al golf – dichiara il presidente - una grande popolarità, pur mantenendo quell’esclusività che lo ha da sempre contraddistinto. Lo sviluppo del gioco sul territorio inoltre ha fatto sì che sono nati dei grandissimi giocatori che si impongono all’attenzione di tutto il mondo, da cui derivano i nuovi dati del tesseramento, destinati ad essere ancor più clamorosi in futuro”. A tutto questo si aggiungono gli ultimi successi dei nuovi giocatori che stanno risalendo i vertici delle classifiche mondiali. Risultati che “sono il frutto – commenta il presidente – di cambi di politiche gestionali. Foraggiare il settore giovanile, puntando dunque sui più piccoli e riorganizzare il nostro settore tecnico in modo completamente diverso sono stati fattori determinanti per arrivare a risultati importanti”. I risultati quest’anno si sono visti. Vinti 4 tornei del tour. “È il record dei record – sottolinea Chimenti. Ora vogliamo vincere in qualche major, quelle gare incredibili del grande slam. E infine dedicarci al turismo golfistico”.

I

45


di Valeria Palieri

DOVE GIOCANO LE STELLE DEL GOLF Spettacolarità dei tracciati, manutenzione, esclusività e suggestioni dei paesaggi, selezionano i più bei campi del mondo. I farways del Piemonte, della Toscana e della Sardegna tra le più belle strutture italiane. Nel mondo brillano il Wentworth Club nel Regno Unito, il Leopard Creek in Sud Africa e il Miramonte Resort a Palm Springs, in California.


on sono solo le difficoltà del green, il numero delle buche o i par assegnati a decretare i farways più belli del mondo. I principali esperti del settore ne sono convinti: i campi da golf sono il risultato di un complesso connubio di tecnica, progettazione, ma soprattutto armonia tra la natura circostante e l'uomo. Il golf, dunque, oltre ad essere una disciplina sportiva, si pone da sempre come una vera e propria filosofia di vita, uno stato mentale anche fuori dal campo, votato all'equilibrio, al rispetto e alla cortesia. Secondo questi principi, tra i criteri di giudizio, quali la spettacolarità del tracciato, la manutenzione della struttura e la tradizione, elementi sui quali, ogni anno, giurie di giornalisti e giocatori con i migliori handicap basano le proprie classifiche, quello sicuramente più rilevante è la capacità dei club di adeguarsi ai tempi. Il lusso, l'esclusività, la bellezza del paesaggio non sono più elementi secondari, ma caratteristiche irrinunciabili per quei golfisti (e sono la maggioranza) sempre più attenti al servizio, alla ristorazione e al wellness. In Italia, secondo la rivista specializzata “Il Mondo del Golf”, tra le regioni con i golf club più importanti è il Piemonte a occupare una posizione di assoluto dominio con ben quattro circoli: a salire sul gradino più alto del podio dei farways più spettacolari sono stati il Royal Park i Roveri di Torino e Le Betulle di Biella. Anche la Toscana, da sempre vanto della nostra penisola, è una delle location più attraenti per i golfisti di tutto il mondo; tra i green più famosi spicca sicuramente l'Argentario Golf Club, nel cuore della Maremma, dove i giocatori possono destreggiarsi su

N

Where golf stars play. Spectacular well-kept courses, exclusivity and landscape appeal, a selection of the most beautiful courses in the world. The fairways of Piedmont, Tuscany and Sardinia amongst the most beautiful Italian structures. In the world, a spotlight on the Wentworth Club in the UK, Leopard Creek in South Africa, and Miramonte Resort in Palm Springs, California. It is not only the difficulty of the green, the number of holes or pars to establish which the world's finest fairways are. The leading experts in the business are sure: golf courses are the result of a complex mix of technical design, but also harmony between natural environment and man. Golf, therefore, besides being a sport, has always been considered a real life philosophy, a state of mind even outside the course, oriented towards balance, respect, and courtesy. In accordance with such principles, included amongst judgment criteria are spectacularity of the track, maintenance of the structure, as well as its tradition: elements on which, each year, juries, journalists, and players with the best handicaps base their rankings, with the ability of clubs to adapt to the times being by far considered the most important factor. Luxury, exclusiveness and beauty of the landscape are no longer secondary, but essential features for those golfers (the majority) that pay growingly more attention to service, catering, and wellness. In Italy, according to the magazine "The World of Golf", among the regions with the most important golf clubs is Piedmont, holding a position of absolute leader with four courses, and its Roveri Royal Park in Turin and Le Betulle in Biella climbing to the top step of the podium among most spectacular fairways. Tuscany, the pride and glory of our country, is one of the most attractive locations for golfers around the world and among its most famous greens the Argentario Golf Club, in the heart of


un percorso di diciotto buche senza rinunciare al comfort di una raffinata bouvette. Nel periodo estivo, invece, i riflettori si accendono in Sardegna con il Pevero Golf Club di Porto Cervo, uno dei green più suggestivi, diciotto buche par settantadue, incastonati tra rocce, laghetti naturali, bunkers e ginepri. La maestosità del panorama non teme confronti. Uscendo dall’Italia, tra le top location in Europa è d'obbligo annoverare il Wentworth Club nel Regno Unito, uno dei circoli più antichi, un vero e proprio sacrario del golf, conosciuto non solo per il famoso Campionato del Mondo e l'incantevole spa, ma soprattutto per il castello, da cui è stata ricavata la club house, e i personaggi famosi che si sono susseguiti negli anni, tutti debitamente immortalati nella suggestiva “hall of fame”. Tra le mete più lontane, annoverano sempre più proseliti il Leopard Creek, in Sud Africa, nei pressi di Malelane non lontano dal Kruger National Park, e il Miramonte Resort & Spa, a Palm Springs, in California, considerato da “Golfweek Magazine” uno dei “Best Courses You Can Play”. Le isole Seychelles e Mauritius si riconfermano, infine, dopo il trend positivo degli ultimi anni, i paradisi tropicali del golf, con due dei circoli più apprezzati dai professionisti: il Lemuria Golf di Praslin e il Costance Belle Mare Plage, il primo, 18 buche da campionato, par 70, ad opera del campione francese Marc – Antoine Farry, il secondo, 18 buche, par 72, progettate dal fuoriclasse sudafricano Hugh Baiocchi.

the beautiful Maremma area, definitely stands out. Here players can challenge themselves on an eighteen-hole course without giving up the comfort of a refined bouvette. In the summer, however, spotlight turns on Sardinia with its Pevero Golf Club in Porto Cervo, a greenland jewel, par seventy-two eighteen-hole course, set among rocks, natural lakes, bunkers and junipers. The majesty of the landscape is unparalleled. Outside Italy, a must among top locations in Europe is the Wentworth Club in the UK, one of world’s oldest clubs, a true shrine of golf, known not only for the famous World Cup and the enchanting spa, but especially for its castle, in which the clubhouse has been integrated; here celebrities have often occurred over the years, all duly immortalized in the beautiful “hall of fame”. Among the farthest destinations, calling increasingly more visitors, are Leopard Creek, in South Africa, near Malelane not far from the Kruger National Park; and the Miramonte Resort & Spa, in Palm Springs, California, considered by "Golfweek Magazine" as one of the "Best Courses You Can Play." Finally, Seychelles and Mauritius islands are reconfirmed, after the positive trend of recent years, as the tropical paradises of golf, hosting two of the courses that are most appreciated by professionals: the Golf Lemuria on Praslin, and the Constance Belle Mare Plage: the former being an 18-hole championship green, par 70, work of Frenchman Marc-Antoine Farry, and the latter, an 18-hole, par 72, designed by South African champion Hugh Baiocchi.

In apertura e in questa pagina due campi da golf alle Mauritius. Nella pagina precedente un campo da golf alle Seychelles.


52 NEL PANTHEON DEL GOLF MONDIALE


di Nerina Stolfi

NEL PANTHEON DEL GOLF MONDIALE Tiger Woods e John Westwood entrano nella leggenda di questo sport. L’Italia guadagna la ribalta mondiale prima con i fratelli Molinari, poi con il fenomeno Manassero. Il vivaio dà i suoi frutti e il quattordicenne Geminiani sale al top mondiale della sua categoria.


Tiger Woods


erti campioni, si sa, rimangono nella storia con i loro record anche se alla fine qualcuno riesce a batterli. Ma nell’immaginario collettivo certe prodezze, certi risultati e successi riescono solo a dei fuoriclasse e quei pochi godranno per sempre dell’ammirazione altrui. È successo con i dribbling e i gol di Maradona e Pelè; con il palmares di Schumacher e Senna; con gli slalom di Alberto Tomba e le pedalate del “pirata” e di Armstrong. E succede così anche nel golf con il recordman statunitense Tiger Woods che, dopo lo scandalo che ha investito la sua vita privata, ha ritrovato i colpi del fuoriclasse, tornando ad essere il campione di sempre. All’ultima Ryder Cup, considerata per un golfista come il Mondiale per un calciatore, Woods ha messo a segno una serie incredibile di colpi tra cui un tiro direttamente in buca dalla distanza di 125 metri. Un altro grande campione, anzi il numero uno al mondo, è l’inglese Lee John Westwood. A 37 anni Westwood è uno dei pochi giocatori ad aver vinto almeno un torneo in tutti i continenti. Tra il 1998 e il 2001 è stato per 150 settimane tra i primi dieci classificati dell’Official World Golf Ranking dove attualmente mantiene la prima posizione. Westwood tuttavia, che nel corso del 2010 ha giocato un golf fantastico perdendo spesso più per fortuna altrui che per colpe proprie, è stato battuto all’ultimo World Golf Championships disputato a Shangai da Francesco Molinari, che con il fratello Edoardo rappresenta il fior fiore del nostro tricolore. I ‘Molinaris’ infatti, torinesi di origine, sono entrati nella storia vincendo in Cina la prestigiosa World Cup, regalando così all'Italia la sua prima coppa del mondo nella storia del golf. L’accoppiata in sidecar di Edoardo e Francesco resiste stabilmente al sedicesimo e quindicesimo posto nel World Ranking Points, la classifica mondiale che conta la somma di tutti i risultati degli ultimi due

In the pantheon of the golf world. Tiger Woods and John Westwood enter the legend of the sport. Italy shines on the world stage with its Molinari brothers, then with outstanding Manassero. Investment in youth is paying off, and the fourteen-year-old Geminiani takes the lead in his category worldwide. Some champions, you know, go down in history with their records, even if someone manages to eventually break them. But in the collective imagination, certain achievements and successes can be only reached by champions, and those few enjoy the admiration of others forever. It has happened with the dribbling and goals of Pelé and Maradona, with the long list of wins by Schumacher and Senna, with Alberto Tomba’s slaloms, and the rides of the "pirate" as well as Armstrong’s. This also happens in golf with Tiger Woods, the U.S. record-man, who after the scandal that has affected his personal life, found the golden touches again, returning to be the champion he has always been. At the last Ryder Cup, considered by a golfer the equivalent of the World Cup for a football player, Woods has scored on an incredible series of shots including a hole-in-one from a distance of 125 meters. Another great champion, the world number one in fact, is the Englishman John Lee Westwood. At 37 years of age Westwood is one of the few players to have won at least one tournament in all continents. Between 1998 and 2001 he ranked for 150 weeks among the top ten of the Official World Golf Ranking, of which he currently holds the top spot. Westwood, however, who in 2010 played some fantastic golf - often losing more by luck of others than by his own faults – was beaten at the latest World Golf Championships played in Shanghai by Francesco Molinari, considered, along with his brother Edoardo, the cream-of-the-crop of our flag. The ‘Molinaris’, from Turin, have made history by winning the prestigious World Cup in China, thus giving Italy its first world cup ever in golf. The duo in the sidecar, Edoardo and Francesco, firmly hold the sixteenth and fifteenth places in the World Ranking Points, the world ranking that counts the sum of all results from the last two years and those from the biggest tournaments in the last ten. In sixty-second place we find what the press and golf enthusiasts have named “the phenomenon”. In 2009, at only 16 years of

C

56


Lee John Westwood


Edoardo Molinari


Matteo Manassero


anni e i tornei più importanti degli ultimi dieci. Al sessantaduesimo posto troviamo invece quello che la stampa e gli appassionati del golf hanno definito “il fenomeno”. Nel 2009, ad appena 16 anni, il veronese Matteo Manassero è balzato alla ribalta internazionale vincendo il prestigioso Amateur Championship, uno dei due maggiori tornei per dilettanti, diventando il più giovane vincitore di sempre nella sua categoria e garantendosi l'invito al torneo Major Open Championship, giocando al fianco dei grandi campioni. Nonostante la giovanissima età, grazie ad una prestazione maiuscola, Matteo si piazza al 13 posto. Nello stesso anno batte il record di Bobby Cole (Sud Africa), che resisteva dal 1967, divenendo il più giovane giocatore di sempre a passare il taglio, qualificandosi per i due giri finali del Master di Augusta, all'età di 16 anni, 11 mesi e 22 giorni. Termina il torneo al 36mo posto, sbalordendo tutti gli esperti del settore. Nel 2010 gioca il suo primo torneo da pro all'Italian Open, sul campo del Royal Park di Torino, classificandosi tra i primi 30. Invitato poi a giocare il prestigioso PGA Championship a Wentworth, non solo si qualifica per le due giornate finali di gara, ma finisce il torneo al 17mo posto. Ad ottobre, a soli sei mesi dal passaggio a pro, il fuoriclasse veronese vince il torneo di golf Castelo Masters in Spagna diventando a 17 anni sei mesi e cinque giorni il più giovane vincitore di una prova dell'European Tour, e il mese dopo segna un'altra pagina memorabile della sua breve ma strepitosa carriera, conquistando il secondo posto nell'UBS Hong Kong Open, penultimo torneo della stagione nell’European Tour prima del Dubai World Championship dove si sfideranno i migliori 60 del tour con 7,5 milioni di dollari in palio. E dove ci saranno tre italiani in campo: i Molinaris e, ovviamente, lui, il fenomeno. Infine, ma solo per ragioni di età, nella rosa dei giocatori nazionali che si stanno facendo strada sul green c’è Domenico Geminiani, 14 anni, romagnolo da parte di padre e martinicano da parte di madre, che ha già +4 di handicap ed è considerato il miglior giocatore under 14 del mondo. Negli Stati Uniti, dove vive, sta raccogliendo successi a ripetizione nei più importanti tornei giovanili e nel nostro Paese non ha rivali: a luglio ha portato a casa il suo quinto titolo italiano battendo il record del campo. Il suo desiderio per ora è battere il precedente record di 601 putt da imbucare senza errori. Un altro pezzo d’Italia che ci porta sulla vetta del mondo del golf.

age, the Verona native Matteo Manassero has leapt to international prominence by winning the prestigious Amateur Championship, one of the two major amateur tournaments, becoming the youngest winner ever in his category, which has ensured him an invitation to the Major Open Championship, playing alongside prestigious golfers. Despite his very young age, thanks to an immense performance, Matteo closed in 13th place. That same year, beating the record of Bobby Cole (South Africa), that was held since 1967, he became the youngest player ever to make the cut, qualifying for the two final rounds of the Master in Augusta, at the age of 16 years, 11 months and 22 days. He ended the tournament in 36th place, stunning all experts. In 2010, he played his first tournament as a pro in the Italian Open, at the Royal Park green in Turin, finishing in the top 30. Successively invited to play the prestigious PGA Championship in Wentworth, he not only qualified for the final two days of the race, but finished the tournament in 17th place. In October, just six months after turning pro, the champion from Verona won the Castelo Masters in Spain, becoming at 17 years, six months, and five days, the

Oltre ai fratelli Molinari, entrati nella storia vincendo in Cina la prestigiosa World Cup, oggi al 62mo posto nel World Golf Ranking, c’è il fenomeno Matteo Manassero, di soli 17 anni. youngest winner of a test of the European Tour. Just a month later he wrote another memorable page of his brief but outstanding career, coming in second place in the UBS Hong Kong Open, the penultimate tournament of the season in the European Tour before the Dubai World Championship, where he will challenge the best 60 of the tour with $7.5 million up for grabs. There will be three Italians on the green: the Molinaris and, of course, him, the phenomenon. Finally, but only for age reasons, in the pool of national players who are making themselves a name on the green we find Domenico Geminiani, 14, of the Romagna region by father and from Martinique by mother. He already has a +4 handicap and is considered the best under 14 player in the world. In the U.S., where he lives, he is winning major youth tournaments consistently, and in our country he has no rivals: in July, he brought home his fifth Italian title by beating the course record. Now his dream is to beat the previous record of 601 consecutive putts without mistakes. Another piece of Italy that boosts us to the peak of the golf world.

61


di Nerina Stolfi

LE LADY MONDIALI DEL GREEN Dalla Zorzi a Diana Luna, passando per Giulia Sergas. I tempi cambiano e se il golf è diventato uno sport più democratico lo si deve certamente all’emancipazione delle donne che hanno dato il via all’apertura di un’industria colossale che guarda al mercato femminile con grande interesse, sempre alla ricerca di nuovi sbocchi economici.

62


Diana Luna

63


Suzann Pettersen


Golf is sensitivity, strategy, concentration, elegance, and intuition. All typically feminine qualities. From this observation comes a perfect binomial that over the years has managed to "trespass" the male-restricted club where ordinary female mortals were not admitted because unwanted. It was in England long ago in 1867 that women first had the “honour” to form their own association at Saint Andrews - the Ladies’ Putting Club - and the opportunity to play on a short course which today houses the Pilmore Links' Himalayas putting green. Since then, golf has changed and with it the relationship with the fairer sex, that over the years has uncovered true champions capable of exciting the crowds and stealing sports pages from their male colleagues. In Italy, amongst ladies most internationally recognised we find Veronica Zorzi, who had to settle for sixth place in last November’s Women's Indian Open, just missing her third career title. She obtained her first two by winning the 2005 and 2006 French Open. Since then, the tough and tenacious thirty-year-old member of the prestigious Ladies European Tour, is one of our top athletes,

l golf è sensibilità, strategia, concentrazione, eleganza, intuizione. Tutte doti prettamente femminili. Da questa osservazione nasce un binomio perfetto che con gli anni è riuscito a “profanare” quel club riservato ai soli uomini dove le comuni mortali non erano ammesse perché indesiderate. Fu in Inghilterra nel lontano 1867 che le donne ebbero l’“onore” di costituire una propria associazione al Saint Andrews – il Ladies’ Putting Club - e a loro fu data la possibilità di giocare su un percorso corto sul Pilmore Links che oggi ospita l’Himalayas putting green. Da allora il golf è cambiato e con esso anche il rapporto con il gentil sesso che ha sfoderato nel corso degli anni vere campionesse in grado di esaltare le folle e rubare le cronache sportive ai colleghi maschi. In Italia tra le lady del golf più quotate a livello internazionale c’è Veronica Zorzi che all’ultimo Womens Indian Open di novembre si è dovuta accontentare del sesto posto, mancando così di firmare il suo terzo titolo in carriera. I primi due li aveva ottenuti nel 2005 e nel 2006 vincendo l’Open di Francia. Da allora la grintosa e tenace trentenne, socia del prestigioso Ladies European Tour, è una tra le nostre migliori atlete, partecipando ai più grandi eventi mondiali. Altra campionessa del green è Diana Luna che nel 2009 è stata la prima italiana ad aver vinto due tornei consecutivi del circuito europeo, l’AIB Ladies Irish Open e il SAS Ladies Masters in Norvegia. Nello stesso anno si è classificata terza nel LET Solheim Cup ranking e prima italiana della storia ad entrare nella squadra europea per la sfida contro gli Stati Uniti. Donna di gran fascino, Diana ama le passerelle ed è stata scelta quest’anno come testimonial dalla Federazione Italiana Golf, insieme a Matteo Manassero, miglior giocatore dilettante del mondo. Infine Giulia Sergas, la giocatrice triestina, da nove anni protagonista dell’LPGA Tour (il tour professionistico americano) che, in coppia con l’amica e collega Veronica Zorzi, ha raggiunto il secondo posto l’anno scorso alla European Nation Cup in Spagna. Con 10.258 dollari guadagnati nell’ultimo LPGA Tour, disputato ad ottobre a Danville in California, Sergas è salita dal 77° al 74° posto della money list con 82.874 dollari e non avrà problemi per il prossimo anno. Sempre quest’anno ha disputato alcune gare nel LET, con buon esito, onde avere la ‘carta’ anche per l’Europa.

I

Sul podio del ranking mondiale ci sono la coreana Ji -Yai Shin, l’americana Kerr e la norvegese Pettersen. Veronica Zorzi e Giulia Sergas le nostre migliori giocatrici

involved in most major world events. Another green champion is Diana Luna, who in 2009 was the first Italian woman to have won two consecutive tournaments of the European circuit: the AIB Ladies Irish Open and the SAS Ladies Masters in Norway. That same year she was ranked third in the LET Solheim Cup ranking and was the first Italian ever to enter the European team for the match against the United States. A fascinating woman, Diana loves catwalks and was chosen this year as the testimonial of the Italian Golf Federation, along with Matteo Manassero, best amateur player in the world. Finally there is Giulia Sergas, from Trieste, LPGA Tour (the American pro tour) protagonist for the past nine years, and that paired with her friend and colleague Veronica Zorzi, reaching second place last year at the European Nation Cup in Spain. With $10,258 earned in the latest LPGA Tour, played in October in Danville, California, Sergas rose from 77th to 74th place in the money list with $82,874 and will have no problems next year. Also this year, she competed in a few races of the LET successfully, granting her the chances for Europe.

International ladies of the green. From Ms. Zorzi, to Giulia Sergas, to Diana Luna. Times change and if golf has become a more democratic sport it is certainly due to the emancipation of women that have launched the opening of a colossal industry that looks at the female market with great interest, always seeking new business outlets.

65


C O L L E Z I O N E

S P R I N G

/

S U M M E R

2 0 1 1


IL POLO I GIOCATORI DI POLO Fabio Acampora Edoardo Ferrari


IL GOLF I GOLFISTI Roberto Borroni Paolo Gagliardi


LAVELA I VELISTI Federico Colombo Gabrio Guberti Roberto Taschini


CAVALCANDO LE ONDE DEGLI OCEANI


114 116 124 126 134

PAUL CAYARD ANIMA NEL VENTO COPPA AMERICA UN SECOLO E MEZZO DI SFIDE I SUOI PRIMI 40 ANNI IN MARE A VELE SPIEGATE LARRY ELLISON SUL TETTO DEL MONDO


di Nerina Stolfi

PAUL CAYARD ANIMA NEL VENTO Tattico. Skipper imbattibile. Figura carismatica. Primo skipper americano a vincere la Whitbread Round the World Race. Pluricampione mondiale. È Paul Cayard, l’uomo del vento.

Paul Cayard soul in the wind. Tactical. Skipper unbeatable. A charismatic figure. First American skipper to win the Whitbread Round the World Race. Multiple world champion. It’s Paul Cayard, the man of the wind. "The most exciting boat races in my life have been ocean crossings... Going around the world, whales, albatross, Cape Horn... The desire to live somewhat dangerously”. This is how one could summarise Paul Cayard’s sentiment. He was the first American skipper to win Whitbread Round the World Race, round the world stage tour with a crew. Tactical, uncontrollable, with a real talent in communication and sailing. Cayard began his skipper career at a very early age. One of his two putative fathers, American Tom Blackaller, made him – when he was only 18 - a great helmsman of Star (which he became world champion of in 1988); at 25, Raul Gardini handed him the helm of his maxi, Il Moro, and four years later the management of billion-dollar challenge Moro di Venezia for America’s Cup (San Diego, 1992). If on one hand Cayard stepped into world sailing in the USA, it was on Italian boats that he became one of sailing’s protagonists: he won the World Maxi in 1989 with Gardini’s Moro, and the One Ton Cup in Naples on Pasquale Landolfi’s Brava, whose helmsman was skipper Francesco De Angelis, later one of his toughest opponents on Luna Rossa. From 1989 to 1992, he dealt with the Moro di Venezia challenge. He had already raced twice in America’s Cup: in 1983 on Blackaller’s Defender, and in 1987 on USA. He won the Vuitton Cup on Moro, defeating New Zealand, which still now will not forgive him the bowsprit quarrels. He lost the final with America 3. Three years later, in 1995, he was in San Diego as defender, helmsman of Conner’s Stars & Stripes: this time, Kiwis took revenge and took the cup to Auckland. After 1995 America’s Cup, Cayard decided to launch his project to enhance what he had learned, but was unsuccessful. He then agreed to lead one of Whitbread’s teams, and won against everyone at his first ocean race. Soon after came one of the biggest disappointments of his life in the America's Cup where he was beaten by the legendary Italian boat Luna Rossa. Along with his Swedish team, Artemis, Cayard is now preparing to the great challenge – America’s Cup, 34th edition.

Le regate che nella vita mi hanno dato le maggiori emozioni sono le traversate oceaniche… Il giro del mondo, le balene, gli albatros, capo Horn… La voglia di vivere un po’ pericolosamente”. Potrebbe riassumersi così il sentiment di Paul Cayard, primo skipper americano a vincere la Whitbread Round the World Race, il giro del mondo a tappe in equipaggio. Tattico, incrollabile, con un vero talento comunicativo e velico, Cayard comincia la sua carriera di skipper giovanissimo. Uno dei suoi due padri putativi, l'americano Tom Blackaller, fece di lui, appena diciottenne, un grande timoniere di Star (classe di cui nel 1988 è stato campione del mondo), mentre Raul Gardini, a soli 25 anni, gli affida il timone del suo maxi Il Moro e quattro anni dopo la gestione della sfida miliardaria del Moro di Venezia per la Coppa America 1992 a San Diego. Se negli Usa Cayard ha mosso i primi passi nella vela mondiale, è su barche italiane che ne è diventato un protagonista: nel 1989 vince il Mondiale Maxi con il Moro di Gardini e la One Ton Cup a Napoli, su Brava di Pasquale Landolfi, dove al timone c'è Francesco De Angelis, che nel futuro diventerà con Luna Rossa uno dei suoi avversari più temibili. Dal 1989 al 1992 si occupa della sfida del Moro di Venezia: ha già avuto due esperienze in Coppa America, nel 1983 su Defender di Blackaller e nel 1987 su USA. Con il Moro vince la Vuitton Cup contro i neozelandesi, che ancora adesso non gli hanno perdonato la querelle del bompresso, e perde nella finale con America 3. Tre anni dopo, nel 1995, si ritrova a San Diego come defender, timoniere di Stars & Stripes di Conner: questa volta i Kiwi si prendono la rivincita e portano ad Auckland la Coppa. Dopo la Coppa America del ’95 decide di avviare un suo progetto per mettere a frutto quello che ha imparato, ma senza successo. Accetta così di guidare un team della Whitbread e alla sua prima esperienza di regate oceaniche sbaraglia tutti e vince. Poco dopo arriva una delle più grosse delusioni della sua vita: viene battuto durante l'America’s Cup dall'ormai mitica imbarcazione italiana Luna rossa. Oggi Cayard con il team svedese Artemis si prepara alla grande sfida della 34° edizione dell’America’s Cup.

116


117


di Nerina Stolfi

COPPA AMERICA UN SECOLO E MEZZO DI SFIDE È da sempre la regata più importante della vela mondiale. Anche le ultime baruffe legali non hanno appannato il fascino delle precedenti sfide. I vincitori e i vinti delle ultime edizioni e la sfida del 2013, prossima tappa in cui Mascalzone Latino di Vincenzo Onorato sarà il Challenger of record.


o scorso febbraio ce l’aveva messa tutta Alinghi per conservare il trofeo contro lo sfidante Bmw Oracle nella 33° edizione della Coppa America a Valencia, ma alla fine ha dovuto arrendersi alla superiorità del grande trimarano americano. E dire che nella prima parte della gara la barca dell’italo-svizzero Ernesto Bertarelli era riuscita a prendere la testa, ma alla prima boa di bolina c’è stato il sorpasso e alla fine della gara cinque minuti e mezzo separavano le due vele. La grande sfida, iniziata nelle aule dei tribunali di New York dove Ellison e Bertarelli si sono sfidati a suon di carte bollate, è finita nelle acque spagnole dove Alinghi non è riuscita a difendere quella coppa che aveva conquistato nel 2007. Le baruffe legali, le cavillose interpretazioni dell’antico Deed of gift, il documento originale che regola la competizione dal 1857, le tecnologie sempre più spinte e sofisticate delle imbarcazioni, di certo hanno appannato il fascino delle precedenti sfide. Il challenger è andato a farsi benedire con la scomparsa di quella che era la Luis Vuitton Cup. Ciò nonostante l’America’s Cup resta il più antico trofeo sportivo esistente e il più importante evento della vela mondiale. La prima edizione infatti risale al 1851 quando “America”, una goletta di un gruppo di soci del New York Yacht Club ispirati dal Commodoro John Cox Stevens, attraversò l’Atlantico per sfidare gli yacht inglesi sotto il guidone del club newyorkese. La regata si svolse intorno all’isola di Wight e “America” vinse davanti a 14 imbarcazioni inglesi. “Maestà, non c’è secondo”, fu la storica risposta del capo segnalatore dello yacht reale alla Regina Vittoria, presente sul

L

America's Cup, one century and half of challenge. It has always been the most important sailing race worldwide. And the latest legal squabbles have not dimmed the appeal of previous challenges. Winners and losers of the last editions, and the 2013 challenge, of which Vincenzo Onorato's Mascalzone Latino will be the Challenger of Record. Last February Alinghi had strived to defend the trophy against challenger BMW Oracle in the 33rd edition of America's Cup in Valencia, but eventually had to surrender to the superiority of the great American trimaran. And to think that for the first part of the race the Italian-Swiss Ernesto Bertarelli and his team had managed to take the lead, but at the first windward mark the overtaking occurred, with five minutes and a half separating the two sailboats at the end of the race. The great challenge, which began in the courtrooms of New York, where Ellison and Bertarelli competed in a battle of official documents, ended in the Spanish waters where Alinghi simply could not defend the cup it had won in 2007. The legal squabbles, the complex interpretations of the ancient Deed of Gift the original document that governs the competition since 1857 – and the more and more daring and sophisticated technologies applied to the boats, have somewhat tarnished the charm of previous challenges. The challenger went down the drain with the disappearing of what was once the Luis Vuitton Cup. Nevertheless, America's Cup is still the most ancient sporting trophy existent and the most important sailing event worldwide. In fact its first edition dates back to 1851 when "America", a schooner made up of a group of members of the New York Yacht Club, inspired by Commodore John Cox Stevens, crossed the Atlantic to challenge the English yachts under the burgee of the New York club. The race took place around the Isle of Wight and "America" won in front of 14 British ships. "Your


campo di regata. La “Coppa delle Cento Ghinee” seguì i vincitori negli Stati Uniti dove fu prontamente ribattezzata “America’s Cup” e dove rimase, suo piedistallo del New York Yacht Club, per oltre un secolo ai ripetuti tentativi dei numerosi sfidanti. Il fascino di questa sfida ha attratto negli anni personalità di alto profilo, come Sir Thomas Lipton che tra il 1899 e il 1930 tentò di portarla in Irlanda per 5 volte consecutive, o Vanderbilt, Bich, Turner per citarne alcuni. Oggi comunque la Coppa America è tornata negli Stati Uniti da dove mancava dal lontano 1992 quando America3 sconfisse in finale il nostro Moro di Venezia. Erano i tempi di Raul Gardini e del suo skipper Paul Cayard. La barca italiana, dopo essersi aggiudicata la Louis Vuitton Cup contro New Zeland, fu sconfitta in finale dal defender americano. Lo stesso risultato che otto anni dopo raggiungerà Luna Rossa di Patrizio Bertelli (Prada) guidata da Francesco De Angelis, il primo skipper non anglosassone della Coppa America. Ma anche quella volta il traguardo finale fu mancato per merito di Russel Coutts al timone di New Zeland nelle acque di Aukland. Prima di queste due sfide solo un’altra barca italiana aveva partecipato con onore alla Coppa America: era Azzurra dell’avvocato Agnelli che nel 1983, sotto la guida di Cino Ricci, arrivò terza su sette imbarcazioni sfidanti davanti a milioni di italiani che seguirono per la prima volta in diretta l’impresa velica sui teleschermi. La prossima edizione della Coppa America nel 2013 vedrà un’altra barca italiana, Mascalzone Latino di Vincenzo Onorato, nel ruolo di Challenger of record e gli americani nel ruolo di Defender. Il guanto della sfida è lanciato.

majesty, there is no runner-up" was the historical answer given by the head signaller of the royal yacht to Queen Victoria, present on the race course. The "Hundred Guineas Cup" came along with the winners to the United States where it was promptly renamed “America's Cup” and where it remained on a pedestal in the New York Yacht Club for over a century, despite the repeated attempts of many challengers. The charm of this challenge over the years has attracted high profile personalities such as Sir Thomas Lipton, who tried, between 1899 and 1930, to take it to Ireland for 5 consecutive times, along with Vanderbilt, Bich, and Turner just to name a few. Today, however, America's Cup is back in the United States where it hadn’t returned since 1992, when America3 defeated our Moro di Venezia in the final. Those were the days of Raul Gardini and his skipper Paul Cayard. After having won the Louis Vuitton Cup against New Zealand, the Italian boat was defeated in the final by the American defender. The same result achieved eight years reaching Patrizio Bertelli and his Luna Rossa (Prada) led by Francesco De Angelis, the first non-Anglo-Saxon America's Cup skipper. But again the America’s Cup finish line was crossed first by Russell Coutts at the helm of New Zealand in the Auckland waters. Prior to these two challenges only one other Italian boat had participated honourably to America's Cup: Azzurra, owned by famous lawyer Agnelli, that in 1983, under the lead of Cino Ricci, came third out of seven competing boats before the eyes of millions of Italians following for the first time the sailing challenge live on television. The upcoming edition of America's Cup in 2013 will involve another Italian boat, Vincenzo Onorato’s Mascalzone Latino, in the role of Challenger of Record, and the Americans in the role of Defenders. The challenge takes off.

125


di Nerina Stolfi

I SUOI PRIMI 40 ANNI IN MARE È la storia di Giovanni Soldini, navigatore solitario, velista di fama mondiale. Dalle sue esperienze ha capito che del mare bisogna avere una paura rispettosa e che ci si può sentire più soli in mezzo a tanta gente che negli oceani.

His first 40 years at sea. It is the story of Giovanni Soldini, solo sailor, world-class yachtsman. From his lifelong experience he realized that one needs to be respectfully fearful of the sea and that you may feel more lonely among many people than in the open sea. In the world of sailing, there have been great men who have marked this sport’s history with their adventures or feats, becoming, over time, well known even to the general public. Giovanni Soldini is a true sportsman, a greatly awarded champion, yachtsman and seaman. With his feats, he was able to innovate and transform Italian sailing into a professional sport, and was recognised the merit of having spread this discipline leading hundreds of people to discover their passion for the sea and sailing, thanks to his exploits in oceans worldwide. He is one of the few full swing Italian skippers and sailors that enjoys of great fame and popularity even beyond national borders, as much as other great champions like Straulino, Cayard, Falck, or Ricci. He crossed the Atlantic Ocean for the first time at age 16. In 1989 he won the Atlantic Rally for Cruisers, which is the transatlantic yacht race for cruise ships. However, he becomes famous as a solitary sailor during La Baule-Dakar in 1991, at only 25 years of age. In July 1998, after the tragic death of his friend and boat mate Andrea Romanelli, he wins the solitary ocean cross Atlantic Alone on board the ‘Fila’- 60 foot boat which he led, also setting an exceptional record: Falmouth, England, to Charleston in 21 days, 17 hours, 7 minutes and 20 seconds. Yet Soldini will beat the record at the break of day on March 3rd, 1999 in Punta del Este in Uruguay. At 5:55 local time (9:55 in Italy) Fila victoriously cuts the third stage finish line in the solitary sail around the world, Around Alone, 1998-99 edition. Such heroic venture ended very happily; yet its important sports value was set into second place as it was largely overwhelmed by the courage of the sailor from Milan who was the heroic rescuer of Isabelle Autissier, who had fallen into the Pacific Ocean due to weather conditions, far from any possible rescuer. At that time, Giovanni said: "We are continuing the race, but I think that ‘Fila’ (his boat) and I have not won this round-the-world trip, but a much more important race". His next sports adventure will be to participate in the Volvo Ocean Race, the most important and famous ocean-going race around the world which will start from Alicante in autumn 2011. Ten men, led by Giovanni Soldini, in an epic challenge: 37 thousand miles in the uttermost extreme seas of the world.

el mondo della vela ci sono stati grandi uomini che hanno segnato la storia di questo sport con le loro imprese o gesta e che nel tempo sono diventati famosi anche al grande pubblico. Giovanni Soldini è uno sportivo vero, un campione pluri vittorioso, velista e uomo di mare. Con le sue imprese è stato capace di innovare e trasformare la vela italiana in sport professionistico ed ha avuto il merito di far conoscere e avvicinare a questa disciplina centinaia di persone che hanno scoperto la passione per il mare e per la vela grazie alle sue imprese negli oceani sparsi per il mondo. È uno dei pochi skipper e velisti italiani in attività che può godere di una grande fama e notorietà anche fuori dai confini nazionali, al pari di altri grandi campioni come Straulino, Cayard, Falck o Ricci. A 16 anni compie per la prima volta nella sua vita la traversata dell'Atlantico. Nel 1989 vince l’Atlantic Rally for Cruisers, ovvero la regata transatlantica per imbarcazioni da crociera. Diventa però famoso, come navigatore solitario, durante La Baule-Dakar del 1991, a soli 25 anni. Nel luglio del 1998, dopo la tragica scomparsa del suo amico e compagno di barca Andrea Romanelli, vince a bordo del ‘Fila’, il 60 piedi da lui condotto, l'Atlantic Alone, la traversata solitaria dell'oceano, stabilendo anche un record eccezionale: da Falmouth, in Inghilterra, a Charleston in 21 giorni, 17 ore, 7 minuti e 20 secondi. Ma è all'alba del 3 marzo del ’99 a Punta del Este in Uruguay che Soldini passerà alla storia. Alle 5:55 ora locale (9:55 in Italia) Fila taglia vittoriosamente il traguardo della terza tappa dell'edizione 1998-99 della Around Alone, il giro del mondo a vela per navigatori solitari. Si concluse così felicemente un'impresa eroica la cui valenza sportiva, pur importante, passò in secondo piano sopraffatta largamente dal coraggio del navigatore milanese protagonista del salvataggio di Isabelle Autissier, rovesciatasi in pieno Oceano Pacifico e lontana da qualsiasi possibile intervento di salvataggio per via delle condizioni meteorologiche. Di quel momento Giovanni disse: “Continuiamo la regata, ma credo che io e 'Fila' (la sua barca, ndr) abbiamo vinto non questo giro del mondo, ma una regata molto più importante”. La sua prossima avventura sportiva sarà la partecipazione alla Volvo Ocean Race, la più importante e famosa regata d’altura attorno al mondo che partirà da Alicante nell’autunno 2011. Dieci uomini, capitanati da Giovanni Soldini, in una sfida epica: 37mila miglia nei mari più estremi del mondo.

N

126


127


di Barbara Nevosi / ph. Alessandro Catuogno

A VELE SPIEGATE La Rolex Cup non smette di sedurre i lupi di mare pi첫 navigati, come Leonardo Ferragamo e gli appassionati del genere. Da Capri alla Costa Smeralda passando per le acque francesi di Saint Tropez, a colpi di strambate


Unfolded sails. Rolex Cup never stops seducing the most experienced sea dogs like Leonardo Ferragamo and all fans of the genre. From Capri to the Emerald Coast, passing through the French waters of Saint Tropez, through its gybing. The powerful elegance of Maxi Yachts, the sublime style of Swans, the dynamic speed of Mini Maxis: there’s something to suit all tastes. Despite technical difficulties, the Rolex Cup continues to gain proselytes along the coasts of Sardinia, off the coast of Capri’s Faraglioni, not far from the port of Saint Tropez (which hosted Giraglia this year, the oldest boat race of the circuit), where different vessels of timeless charm nimbly plow the Mediterranean waves in an exciting challenge for the final victory. Different contexts for the same goal: to race thrilled by competitive spirit and animated by respect for the highest values of sports and friendship. Giraglia Rolex Cup has a long 58-year history. In fact, the race was first held in 1952 at the behest of Beppe Croce, President of the Italian Yacht Club, and René Levainville, President of the Yacht Club de France. The first edition, in which 22 boats raced, was held in July ’53 on the Cannes - Giraglia – Sanremo course. The race was conceived as follows: one year the boats would start from Cannes to arrive in Sanremo; the following year they would leave Italy to arrive in France. Over the years, the French departure or arrival port changed, but the number of miles to go remained unchanged. Since 1997, Giraglia (which takes its name from a rock in northern Corsica) has found an official partner in Rolex and has had the impulse to become one of the most popular, crowded, and entertaining boat races of the Mediterranean – a charming event that can attract to its breathtaking scenario hundreds of vessels among the most beautiful and important in International sailing. Among the regulars of the circuit sponsored by Rolex also Leonardo Ferragamo, sailor, boat owner, owner of the Nautor's Swan shipyard and heir to one of the most important families of Italian fashion; despite his busy schedule, he always manages to find time for the sea and sailing. "For priorities, as are races, you can always find the time”, said Leonardo Ferragamo, “Since boats have become a job too I have a valid excuse. I have a passionate relationship with the sea and even more with my boat, which I love deeply- I know her from top to bottom, and one of the most entertaining and exciting things is to build it. Paradoxically, the most intriguing thing to me is more to build it than to enjoy it afterwards. I am friends with the crew. How do my team and I face boat races? We are hard-fighting at sea during the competition, but then the gentleman's soul prevails”. And speaking of races between Capri and the Emerald Coast, a fearless sailor has no doubt: "I go to both places”, he explains. “Sardinia is the ideal venue for boat races - there are so many. I think it is one of the most challenging spots of the Mediterranean. Wind is produced all the time. It is a place which

’eleganza possente dei Maxi Yacht, lo stile sublime degli Swan, la velocità scattante dei Mini maxi: ce n’è per tutti i gusti. A dispetto delle difficoltà tecniche, la Rolex Cup continua a creare proseliti lungo le coste della Sardegna, al largo dei Faraglioni di Capri, non lontano dal porto di Saint Tropez (che quest’anno ha ospitato la Giraglia, la regata più antica del circuito), dove imbarcazioni diverse tra loro e dal fascino senza tempo solcano con agilità le onde del Mediterraneo in un’emozionante sfida per la vittoria finale. Contesti diversi per il medesimo obiettivo: competere animati da spirito agonistico e nel rispetto dei più alti valori dello sport e dell’amicizia. La Giraglia Rolex Cup ha una storia lunga 58 anni. La regata nasce infatti nel 1952 per volere di Beppe Croce, presidente dello Yacht Club Italiano e di René Levainville, a capo dello Yacht Club de France. La prima edizione, a cui parteciparono 22 barche, fu disputata nel luglio del ’53 sul percorso Cannes - Giraglia Sanremo. La regata era così concepita: un anno le barche partivano da Cannes per arrivare a Sanremo, l’anno dopo viceversa, partivano dall’Italia per arrivare in Francia. Nel corso degli anni il porto di partenza o di arrivo in Francia è cambiato, ma è sempre rimasto immutato il numero delle miglia da percorrere. Dal 1997 la Giraglia (che prende il nome dallo scoglio a nord della Corsica) ha trovato un partner ufficiale in Rolex ed ha avuto un tale impulso da diventare una delle più seguite, affollate e divertenti regate del Mediterraneo, un evento ricco di fascino che riesce ad attirare in uno splendido scenario centinaia di imbarcazioni tra le più belle ed importanti della vela internazionale. Tra gli habitué del circuito sponsorizzato da Rolex anche Leonardo Ferragamo, velista, armatore, proprietario dei cantieri Nautor’s Swan ed erede di una delle più importanti famiglie della moda italiana, che nonostante gli impegni riesce sempre a trovare il tempo per il mare e la vela. “Per le cose prioritarie, e le regate lo sono, il tempo si trova sempre - spiega Leonardo Ferragamo - Da quando poi le imbarcazioni sono diventate anche un lavoro ho una valida giustificazione. Ho un rapporto passionale con il mare e ancor più con la mia barca, la amo profondamente, la conosco da cima a fondo e una delle cose più divertenti ed entusiasmante è costruirla. Paradossalmente per me è più intrigante costruirla che godersela dopo. Con l’equipaggio ho un rapporto di amicizia. Come io e il mio team affrontiamo le regate? Siamo molto combattivi in mare durante la competizione, ma poi prevale sempre il gentleman’s soul, lo spirito da gentiluomo ”. E parlando di regate tra Capri e Costa Smeralda l’impavido velista non ha dubbi: “Le frequento entrambe - spiega - la Sardegna è la sede ideale per le regate, ce ne sono moltissime, credo sia uno dei campi più impegnativi del Mediterraneo. Lì si fabbrica il vento di

L

131


represents commitment for me. Great and entertaining competitions are also those off Capri’s coast, where Rolex Capri Sailing Week tastes totally different ". Talking of the Rolex Cup on Blue Island, upon ending the latest edition of the Rolex Sailing Week, Massimo Massaccesi, president of the Yacht Club Capri, announced the new format of Sailing Week next May. The most important change concerns the creation of an International event: Rolex Volcanoes' Maxi Race. The boat race, scheduled May 24th - 28th , 2011, will feature Maxi Yachts on the route Gaeta – Ponza - Capri - Stromboli - Vulcano - Alicudi - Capri for overall 400 miles or so. The race will be organized by the International Maxi Association (IMA) in collaboration with the Yacht Club Gaeta and the Yacht Club Capri; Rolex will be its title sponsor.

continuo. Una località che per me è sinonimo di impegno. Belle e divertenti anche le competizioni a largo di Capri dove la Rolex Sailing Week ha un sapore totalmente differente”. A proposito della Rolex Cup sull’Isola azzurra, chiudendo l’ultima edizione della Rolex Sailing Week Massimo Massaccesi, presidente dello Yacht Club Capri, ha annunciato il nuovo format della settimana velica del prossimo maggio. La novità più importante riguarda la creazione di un evento internazionale: Rolex Volcanoes’ Maxi Race. La regata, prevista dal 24 al 28 maggio 2011, avrà come protagonisti i Maxi Yacht sulla rotta Gaeta - Ponza - Capri Stromboli - Vulcano - Alicudi - Capri, per un totale di 400 miglia circa. La regata verrà organizzata dall’International Maxi Association (IMA) con la collaborazione dello Yacht Club Gaeta e dello Yacht Club Capri e avrà Rolex come title sponsor.

135


di Nerina Stolfi / ph. Getty Images

LARRY ELLISON SUL TETTO DEL MONDO Con il suo gigantesco e supertecnologico trimarano capace con la sua ala rigida di volare letteralmente sull’acqua, è riuscito a riportare dopo 15 anni negli Stati Uniti l’ambita Coppa America

Larry Ellison on top of the world. With his giant super technological trimaran literally capable of flying on water with its stiff wing, he managed to return to the United States with America's Cup longed for 15 years. Charismatic, IT and marketing genius, jet pilot, avid aerobatic and boat racer in open seas. It is Larry Ellison, founder and CEO of Oracle, a man of great charm, style and elegance. Worth 28 billion dollars, Ellison is sixth in the 2010 world rankings of billionaires reported by Forbes. His love for the sea and sailing comes from afar. Ellison started with amateur sailing, on board his Maxi Sayonara and won several world titles. Big fan of sailing and boat racing, he became founder and owner of the boat BMW Oracle Racing in 2000. The first competition was the Louis Vuitton Cup in 2003, where in Auckland, New Zealand, Ernesto Bertelli’s Italian-Swiss boat, Alinghi, defeated the American team. Four years later, the Californian tycoon tries again in Valencia, where Oracle is eliminated in the semifinals, despite being one of the best boats racing granting New Zealanders only three defeats over 20 races. That will be the first time in history that an American boat does not reach the Louis Vuitton Cup finals. But in 2010 the American sailing team takes revenge against Defender Alinghi winning America's Cup in Valencia, thus restoring the famous competition in the United States 15 years after America’s last victory. For the next edition, Ellison has announced his plans to introduce several new aims: "cost reduction, widespread participation, great attention to television broadcasting, appeal of Cup races among a young audience". According to the founder of Oracle Racing, these are the central points to make sailing "a great sport both for those who participate and for viewers. Budgets shall be kept under control - continues Mr. Ellison - so that South Africans can return, Swedes can return... One must ensure that the topic concerns not who spends more money on design, but who is most capable of sailing".

arismatico, genio dell’informatica e del marketing, pilota di jet, appassionato di volo acrobatico e di regate in alto mare. È Larry Ellison, fondatore e Ceo di Oracle, uomo di grande charme, stile ed eleganza. Con un patrimonio netto di 28 miliardi di dollari, Ellison è sesto nella classifica mondiale 2010 dei miliardari stilata da Forbes. Il suo amore per il mare e per la vela nasce da lontano. Comincia con la vela dilettantistica quando, a bordo del suo Maxi Sayonara, Ellison conquista diversi titoli mondiali. Grande appassionato di vela e di regate, nel 2000 diventa fondatore e armatore dell’imbarcazione BMW Oracle Racing. La prima competizione sarà la Louis Vuitton Cup del 2003, dove ad Auckland in Nuova Zelanda, la barca americana sarà sconfitta dal team italo-svizzero di Ernesto Bertelli con la sua Alinghi. Quattro anni più tardi il tycoon californiano ci riprova a Valencia dove Oracle, nonostante sia stata una delle migliori imbarcazioni in gara riportando come i neozelandesi solo tre sconfitte su 20 regate, viene eliminata in semifinale. Quella sarà la prima volta nella storia che una barca americana non arriva alla finale della Louis Vuitton Cup. Ma è nel 2010 che il team velico americano si prende la sua rivincita contro il defender Alinghi vincendo l’America’s Cup a Valencia e riportando così la famosa competizione negli Stati Uniti dopo 15 anni dall'ultima vittoria di America³. Per la prossima edizione Ellison ha annunciato l’intenzione di introdurre diverse novità: “riduzione dei costi, massima partecipazione, estrema attenzione alla copertura televisiva, appeal delle regate di Coppa presso un pubblico giovane”. Sono questi, secondo il fondatore di Oracle Racing, i punti centrali per rendere la vela “un grande sport, sia per chi vi partecipa sia per chi lo guarda. Tenere i budget sotto controllo – continua Mr Ellison - in modo che i sudafricani possano tornare, gli svedesi possano tornare... Fare in modo che la cosa riguardi non chi spende più soldi per la progettazione ma chi riesce a navigare meglio”.

C

136


137


di Francesco Nuccioni

IL CAMPIONATO DEL MONDO OFFSHORE CONTINUA A PARLARE NAPOLETANO Successo tutto partenopeo nel campionato Powerboat World Championship. Nelle acque nostrane il team Baia Attolini, conquista il gradino più alto del podio, portandosi così al primo posto della classifica generale Mondiale ed Europea.


The offshore world championship continues to speak Neapolitan An all-round-Neapolitan success in the World Powerboat Championship. Within our national waters the team Baia Attolini wins the top step of the podium, achieving first place in the overall World and European rankings. No doubt about it: 2010 has definitely been the year of the Baia Attolini team. In any water of the world it competed, the offshore motorboat team from the Campania region has not found any rivals, boasting a powerful and meticulous preparation, fruitful immediately by peaking in the top award. So it is with rightful satisfaction that the shipyards of Baia announce their latest triumphs: the 2010. Powerboat GPS World Championship, for which they thank their team - Roy Capasso, Renato Guidi, Stefano Acanfora, and Vittorio Foglia Manzillo. A victory that doubtlessly can be defined as historic, because it comes after just three years since the start of its adventure in the world of offshore. Three years that saw the Neapolitan team consistently improve their results: last year, the “incredible four” had won second place at the world championship, after having triumphed in the national competition. This year, the highest offshore title one can conquer was achieved: the 2010 World Championship. A victory made even more exciting by the fact it was won on ‘home-court’, in the waters of Campania, in its second-to-last stage. It is as if the national team led by Marcello Lippi had won the 2006 Football World Cup before the public of San Paolo in Naples or the Olympic stadium in Rome. In the waters dear to Catullus, in fact, the Baia-Attolini team unexpectedly won the title before the championship even reached its final stage, with a breakaway from the runners-up of 51 points. It could be appropriate to say, an unfathomable distance. In Siracusa then, the final race saw them triumph again, and made them rejoice in great celebration, which was highly deserved given the commitment and determination which they showed all championship long.

on c'è che dire: il 2010 è stato sicuramente l'anno del team Baia Attolini. In qualunque acqua del mondo fosse in competizione, il motoscafo offshore del team campano non ha avuto rivali, forte di una potenza e di una preparazione meticolosa che ha dato immediatamente i suoi frutti con la conquista dei massimi riconoscimenti. Ed è quindi con giusta soddisfazione che i Cantieri di Baia annunciano l'ultimo dei trionfi, quello nel Campionato mondiale di Powerboat GPS 2010, per cui sono grati ai ragazzi del team: Stefano Acanfora, Roy Capasso, Renato Guidi e Vittorio Foglia Manzillo. Una vittoria che senza dubbio si può definire storica, perché arrivata dopo appena tre anni dall’inizio di questa avventura nel mondo dell’offshore. Tre anni che hanno visto il team partenopeo migliorare continuamente i propri risultati: l’anno scorso i “magnifici quattro” si erano aggiudicati il secondo gradino del podio nel campionato mondiale, dopo aver trionfato nella competizione nazionale. Quest’anno è arrivato il massimo titolo che si può conquistare nell’offshore: campioni del mondo 2010. Un trionfo reso ancora più entusiasmante perché conquistato “in casa”, nelle acque campane, durante la penultima tappa. È come se la nazionale di Marcello Lippi avesse vinto il Mondiale di calcio 2006 davanti al pubblico del San Paolo di Napoli o dell'Olimpico di Roma. Nelle acque care a Catullo, infatti, il team Baia Attolini, prima ancora che il campionato giungesse al termine, ha conquistato il titolo più ambito, distaccando i secondi classificati di ben 51 punti. Una distanza che sembra un abisso, è proprio il caso di dirlo. A Siracusa la gara finale li ha visti trionfare ancora, lasciandosi poi andare ai grandi festeggiamenti, più che meritati, visti l’impegno e la grinta con cui hanno affrontato e dominato tutto il campionato.

N

143


Sport Mon Amour  

Cesare Attolini magazine s/s 2011

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you