Page 89

tiamola con la favola degli occidentali ladri e corruttori e degli africani anime buone: c’è stato una complicità che ha reso i loro governanti altrettanto colpevoli quanto i nostri. Chi ci ha rimesso? Come sempre i popoli africani, ai quali la povertà endemica ha impedito lo sviluppo della cultura, delle conoscenza, delle regole che noi abbiamo conquistato negli ultimi 1.000 anni della nostra storia. Così, oggi l’Africa è un continente in rovina, in cui cresce l’unica pianta che si sviluppa in questi casi: la eccessiva natalità, di cui nessuno dei governanti locali si occupa. L’Africa in 100 anni è passata dal colonialismo al colonialismo, con l’intervallo dell’illusione della libertà. Di chi sono le responsabilità della rovina africana? A mio avviso, oltre ai governanti locali e a qualche avventuriero occidentale, sono responsabili due soli paesi, la Cina e la Francia. Cine e Francia: i colonizzatori 2.0 La Cina ha impiegato per prima in modo scientifico due potenti leve del potere mondiale: la concessione di prestiti a tassi bassissimi e accordi economici coi paesi locali per

APRILE - GIUGNO 2019

lo sfruttamento di risorse naturali, con masse di lavoratori africani (spesso bambini, nelle miniere di tantalio in Congo), che operano a ritmi cinesi e sono guidate da cinesi. Quale vantaggio ha la Cina? Appare come un paese inoffensivo perché nel suo passato la macchia del colonialismo non esiste. Così, le popolazioni locali ingenuamente hanno accettato i nuovi venuti, mentre la realtà è ben diversa: in pochi anni l’intero continente africano è diventato un’enorme miniera a cielo aperto in cui milioni di africani lavorano in condizioni disperate per la estrazione di minerali preziosi e delle “Terre Rare”, minerali indispensabili per la costruzione di superconduttori, fibre ottiche, materiali per le saldature, tutti indispensabili per le imprese dei paesi più avanzati. E le condizioni di vita e di lavoro degli africani? Amnesty International ha denunciato che oltre 40.000 minorenni a partire dai 7 anni lavorano nelle miniere per 12 ore al giorno per 2 dollari il giorno. Attraverso una politica di comodi mutui e di investimenti di lungo periodo, oggi la Cina detiene il controllo dei principali settori economici africani, dalle fabbriche ai porti, alle strade, alle industrie estrattive, minerarie, pe-

87

Profile for Ceramicanda

Ceramicanda 135  

Ceramicanda 135  

Advertisement