Page 1

d

w men zĂ n mi

nĂ­

* Preghiera dopo la comunione *

Per questo sacrificio di riconciliazione perdona, o Padre, i nostri debiti e donaci la forza di perdonare ai nostri fratelli. Per Cristo nostro Signore.

* Preghiera sulle offerte *

Parola del Signore. Lode a te, o Cristo.

201037

   III domenica di Quaresima

š›"œ"



Anno C

Zq#Â?žIÂ&#x; ¥¢R£¤ O Dio, che ci nutri in questa vita con il pane ÂĽÂŚI§¨ŠªzÂ…ÂŤ ­ del cielo, pegno della tua gloria, faÂ’ che manifestiamo nelle nostre opere la realtĂ  ÂŽÂŻR#°¹²³´¾œ¡Y" presente nel sacramento che celebriamo. Per Â’q=“”•–—Â…˜™# Cristo nostro Signore.



Zq‚ƒ„…†‡ˆ‰# Š‹Œ�Ž#��‘"’ q=“”•–—…˜™#š ›"œ"



  

j



  GesĂš disse loro: ÂŤCredete che quei Galilei   fossero piĂš peccatori di tutti i Galilei, per  !"#$% aver subito tale sorte? No, io vi dico, ma se non vi convertite, perirete tutti allo stesso &' ()*+,-./" modo. O quelle diciotto persone, sulle quali 0&123456789:; crollò la torre di SĂŹloe e le uccise, credete che < =>?@ fossero piĂš colpevoli di tutti gli abitanti di ABCDEF !"# Gerusalemme? No, io vi dico, ma se non vi $%&' ()* convertite, perirete tutti allo stesso modoÂť. Diceva anche questa parabola: ÂŤUn tale +,-./"G aveva piantato un albero di fichi nella sua HI <JA<KL vigna e venne a cercarvi frutti, ma non ne AMNO'PQRSTUVWX" trovò. Allora disse al vignaiolo: Â&#x201C;Ecco, sono YRPZ['\]^[_` tre anni che vengo a cercare frutti su aWbc#deYR MN questÂ&#x2019;albero, ma non ne trovo. TĂ glialo O'PZ['\]^[_f dunque! PerchĂŠ deve sfruttare il terreno?Â&#x201D;. Ma quello gli rispose: Â&#x201C;Padrone, lascialo ghi jklhmnopWb ancora questÂ&#x2019;anno, finchĂŠ gli avrò zappato qrsh Aeitu attorno e avrò messo il concime. Vedremo se #Rhvwxo ZyzLY{ porterĂ  frutti per lÂ&#x2019;avvenire; se no, lo |'\`}Iz ~Â&#x20AC; h taglieraiÂ&#x201D;Âť. fI"G

Dio misericordioso, fonte di ogni bene, tu ci hai proposto a rimedio del peccato il digiuno, la preghiera e le opere di caritĂ fraterna; guarda a noi che riconosciamo la nostra miseria e, poichĂŠ ci opprime il peso delle nostre colpe, ci sollevi la tua misericordia. Per il nostro Signore GesĂš Cristo... Prima lettura

N¸šºŸ½ž¿Â&#x;qKĂ&#x20AC; Ă #Ă&#x201A;Ă&#x192;ÂťÂ&#x161;Â&#x203A;Ă&#x201E;Ă&#x2026;Ă&#x2020;*!Ă&#x2021;Ă&#x2C6; Ă&#x2030;Ă&#x160;zÂ&#x2026;Â&#x2DC;Â&#x2122;#Ă&#x2039;Ă&#x152;Ă? (#Ă&#x17D;~Ă?Ă?Ă&#x2018;Â&#x2039;Â&#x2026;Ă&#x2019;ÂŤ# ÂĽÂŚšºĂ&#x201C;Ă&#x201D;"Â&#x2019;Â&#x192;\ #q=Â&#x201C;Â&#x201D;Â&#x2022;Ă&#x201E;Ă&#x2022;Â&#x192;ÂĄ !Ă&#x2013;AÂ&#x;qĂ&#x2014;°Ă&#x2014;Ă&#x2DC;"Â&#x153;"



201037

   III domenica di Quaresima



Anno C

9Ă&#x2122;Ă&#x161;Ă&#x203A; Ă&#x153;Ă?Ă&#x17E;Ă&#x;Ă ĂĄÂ&#x201E; In quei giorni, mentre Mosè stava =âãäüzAĂŚüèÊêĂŤ  pascolando il gregge di Ietro, suo suocero, _IÂ&#x;qĂŹĂ­ĂŽĂŻ"ZqÂŤĂ°Ăą sacerdote di Madian, condusse il bestiame oltre il deserto e arrivò al monte di Dio, òóôþܲá£øzÚÚc lÂ&#x2019;Oreb. Ăş9òó þÝß6òóý^Ăź LÂ&#x2019;angelo del Signore gli apparve in una Ăž"Ă&#x161;Ă&#x203A;#+_9 cc fiamma di fuoco dal mezzo di un roveto. Egli guardò ed ecco: il roveto ardeva per il fuoco, <  ÂŁ   jkòóß ĂžGZqĂşY cÂ&#x;q` ma quel roveto non si consumava. òóô² Ă&#x161;Ă&#x203A;tĂ&#x161;Ă&#x203A;tG Mosè pensò: ÂŤVoglio avvicinarmi a osservare questo grande spettacolo: perchĂŠ il roveto #R "GÂ&#x;q  non brucia?Âť. Il Signore vide che si era  _ YtL Z 5  avvicinato per guardare; Dio gridò a lui dal Â&#x2019; p!Â&#x192;p"G  roveto: ÂŤMosè, Mosè!Âť. Rispose: ÂŤEccomi!Âť. #!Ă?Â&#x;qÂ&#x;q  Riprese: ÂŤNon avvicinarti oltre! Togliti i ? Â&#x;q ĂŻÂ&#x;q"G sandali dai piedi, perchĂŠ il luogo sul quale tu stai è suolo santo!Âť. E disse: ÂŤIo sono il Dio Ă&#x161;Ă&#x203A;Â&#x2019; cĂşÂ&#x;qÂ&#x20AC; Y " di tuo padre, il Dio di Abramo, il Dio di Zq#cĂş#R Ă&#x2022; Isacco, il Dio di GiacobbeÂť. Mosè allora si Â&#x17E; !Â&#x2122;ĂşÂ&#x2019;"#7 $6 coprĂŹ il volto, perchĂŠ aveva paura di guardare ¾¡%&z#'(Ă?_ !" verso Dio.  #+5ĂŤ )§ *Ă&#x2022; Il Signore disse: ÂŤHo osservato la miseria del +Â?*,9p _A< -. mio popolo in Egitto e ho udito il suo grido a causa dei suoi sovrintendenti: conosco le sue Â?/p0102p"G sofferenze. Sono sceso per liberarlo dal Ă&#x161;Ă&#x203A;aÂ&#x;q3 #_ 45 \D potere dellÂ&#x2019;Egitto e per farlo salire da questa 9 678Â&#x;q9 terra verso una terra bella e spaziosa, verso

Dal libro dellÂ&#x2019;Ă&#x2C6;sodo (3,1-8.13-15)

* Colletta *

 

 3:1-8,13-15

III domenica di Quaresima

  




Sal 102

Salmo responsoriale

Parola di Dio. Rendiamo grazie a Dio.

201037

   III domenica di Quaresima

Â?ZqDE šFÂ?Â&#x2018;GÂş H mEÂľÂ&#x2021;"Â&#x20AC;&ZÂ&#x; n*5p ok p u qr Ă°Âş Fsop " BC

Â?Zqbcde "_ Â&#x17E;7$ Ă°qfgh"ZqKLSTh >$ iĂ&#x161;Ă&#x203A;ø 45\DjáSTk l"BC

Â?!Â&#x2C6;Â&#x2030;I UVW! Ă&#x2021;XIABY! ! Z [R8/²Œ_Š\ !]šº Ă&#x2022;F^ø_I`a"BC



Anno C

Misericordioso e pietoso è il Signore, lento allÂ&#x2019;ira e grande nellÂ&#x2019;amore. PerchĂŠ quanto il cielo è alto sulla terra, cosĂŹ la sua misericordia è potente su quelli che lo temono.

Il Signore compie cose giuste, difende i diritti di tutti gli oppressi. Ha fatto conoscere a Mosè le sue vie, le sue opere ai figli dÂ&#x2019;Israele.

Egli perdona tutte le tue colpe, guarisce tutte le tue infermitĂ , salva dalla fossa la tua vita, ti circonda di bontĂ  e misericordia.

BC Zq DEš FÂ?Â&#x2018;G Âş Il Signore ha pietĂ del suo popolo. H"IJ 103:8K Â?#LM N6 ZqOP# Benedici il Signore, anima mia, quanto è in QX N6qÂ&#x2014;OP "#LM N me benedica il suo santo nome. Benedici il Signore, anima mia, non dimenticare tutti i 6ZqOPN +RS¨T" suoi benefici. BC

 103:1-2; 3-4; 6-7; 8,11

   

gn xiè tin zh



in generazioneÂť.

Âľ#_ YĂ&#x2122;:+;#  una terra dove scorrono latte e mieleÂť.  jkÂ&#x2014; < #+j k Mosè disse a Dio: ÂŤEcco, io vado dagli = GÂ&#x;q 6 Ă&#x161;Ă&#x203A;#!S  Israeliti e dico loro: Â&#x201C;Il Dio dei vostri padri mi ha mandato a voiÂ&#x201D;. Mi diranno: Â&#x201C;Qual è il Ă°"G + -a 45\ suo nome?Â&#x201D;. E io che cosa risponderò loro?Âť. D9>SĂ°?9Âľ#_ Dio disse a Mosè: ÂŤIo sono colui che sono!Âť. Y"GÂ&#x;q aĂ&#x161;Ă&#x203A;+ E aggiunse: ÂŤCosĂŹ dirai agli Israeliti: Â&#x201C;Io Sono -a 45\DZq 78 mi ha mandato a voiÂ&#x201D;Âť. Dio disse ancora a Â&#x;qÂ&#x;q? Â&#x; Mosè: ÂŤDirai agli Israeliti: Â&#x201C;Il Signore, Dio dei qĂ&#x201E;ĂŻ Â&#x;q9Âľ#_ vostri padri, Dio di Abramo, Dio di Isacco, Dio di Giacobbe mi ha mandato a voiÂ&#x201D;. Y !#Â&#x2014; <@_Ă&#x2014;Ăšz Questo è il mio nome per sempre; questo è il !#A&@_Ÿ¤"G titolo con cui sarò ricordato di generazione

y

n

de

xn lĂ­ng tĂłng zĂ i

yĂş

nĂ­

) * + 

Vangelo

quello dei loro sacrifici. Prendendo la parola,

Il Signore sia con voi. E con il tuo spirito. + Dal Vangelo secondo Luca. (13,1-9) Gloria a te, o Signore.

201037

   III domenica di Quaresima



Anno C

9Ă&#x2122;¢ ÂŁ < ¤  In quel tempo si presentarono alcuni a Â&#x2039; ÂĽÂŚo §¨  riferire a GesĂš il fatto di quei Galilei, il cui Â&#x201E;ŠªĂ&#x201E;RAÂ&#x2039;ÂŤ$ø=Â&#x201C; " sangue Pilato aveva fatto scorrere insieme a

(

yuĂ n gung rĂłng gu

 '

zh

0 - ,  1 2 . / + 3456 13:1-9

y

'-, ./

Lode a te, o Cristo, re di eterna gloria!

&'()*+,



Convertitevi, dice il Signore, il regno dei cieli è vicino. (Mt 4,17)

Lode a te, o Cristo, re di eterna gloria!

Canto al Vangelo

Â?=Â&#x201C;Â?H()itÂ&#x2019;

Â&#x;Â&#x17E;Â&#x;Â I"GIÂĄ 4:17K

&'()*+,

   



Parola di Dio. Rendiamo grazie a Dio.

 gn xiè tin zh

Non voglio che ignoriate, fratelli, che i nostri padri furono tutti sotto la nube, tutti attraversarono il mare, tutti furono battezzati in rapporto a Mosè nella nube e nel mare, tutti mangiarono lo stesso cibo spirituale, tutti bevvero la stessa bevanda spirituale: bevevano infatti da una roccia spirituale che li accompagnava, e quella roccia era il Cristo. Ma la maggior parte di loro non fu gradita a Dio e perciò furono sterminati nel deserto. Ciò avvenne come esempio per noi, perchÊ non desiderassimo cose cattive, come essi le desiderarono. Non mormorate, come mormorarono alcuni di loro, e caddero vittime dello sterminatore. Tutte queste cose però accaddero a loro come esempio, e sono state scritte per nostro ammonimento, di noi per i quali è arrivata la fine dei tempi. Quindi, chi crede di stare in piedi, guardi di non cadere.

tuvw #xĂ? yz#78*KR {|5*Ăą }² Â&#x160;*KR {² Ă&#x201E;}²Â&#x17E;I~ 6E Ă&#x161;Ă&#x203A;*Â&#x20AC; Â&#x160;, -¥¢*  Â&#x160;,-ÂĄÂ z Â&#x201A;Y   !YS Â&#x192; ÂĄ Â&#x2026; Â&#x2020;9 Â&#x2026;Â&#x2020;Â&#x20AC;!Â&#x201D;Â&#x2022;" !² oÂ&#x2021; !Â&#x;qÂ&#x2C6;Â&#x2030; Â&#x2019;64 Â&#x160;R ĂŠĂŞI" Â&#x2039;*!#Â&#x152; Ă&#x192;

# Â?Â&#x17D;Â?Â&#x2039; Â&#x20AC;& Â?Â&#x17D; Â&#x160;A-" s Â?Â&#x2018;Â&#x20AC;&²  Â?Â&#x2018;Â&#x160; Ăž Â&#x2019;Ă° Â&#x201C;Â&#x2019;"¾°R Â&#x201D;Z ABÂ&#x2039;*! ø _Â&#x152; Ă&#x192;Â&#x152; SÂ&#x2022;I5Y Â&#x2013;Ă&#x192;#

°¹R¤Â&#x2014;" Â&#x2DC;S  ÂŚÂ&#x2122;Â&#x161;+Â&#x203A;Â&#x2030;ÂŚÂ&#x153;4"

Seconda lettura Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai CorĂŹnzi (10,1-6.10-12)

  !"#$% 10:1-6,10-12

http://www.centroitaliacina.it/wp/wp-content/uploads/2008/12/2010_03_07_iiidomtq_c  

http://www.centroitaliacina.it/wp/wp-content/uploads/2008/12/2010_03_07_iiidomtq_c.pdf

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you