__MAIN_TEXT__

Page 1

ARTEFICI DEL NOSTRO TEMPO

Esposizione collettiva digitale delle opere realizzate dagli allievi del Centro San Clemente 1


2


ARTEFICI DEL NOSTRO TEMPO Esposizione collettiva digitale delle opere realizzate dagli allievi del Centro San Clemente Giovanni Lodrini Direttore Benedetta Albini Direttore Organizzativo Laura Tonin e Alice Cherubini Ufficio web content & social media Beatrice Fontana, Yuliya Sidorska, Valeria Magnoli Servizi di segreteria Cura del catalogo Pubblicazione on-line Issuu.com

Nessuna parte di questo libro può essere riprodotta o trasmessa in qualsiasi forma o con qualsiasi altro mezzo elettronico, meccanico o altro senza l’autorizzazione scritta degli autori.

3


4


indice Preludio [Direttore Giovanni Lodrini]

7

Artisti Artefici [Staff del Centro San Clemente]

9

Pittura con il maestro d’arte Marco Fortunato

12

Pittura a olio con il maestro d’arte Riccardo Franzoni

56

Illustrazione con la maestra d’arte Barbara Mancini

78

Disegno con la maestra d’arte Chiara Beschi

92

Fumetto con il maestro Marco Galli

120

Breve storia del Centro San Clemente

132

5


6


PRELUDIO Il Centro San Clemente, fin dagli esordi, ha avuto come primario ambito di riferimento la cultura, intesa non solo come teoria, con lo studio e i corsi dedicati alla storia dell’arte, alla letteratura, alla filosofia....., ma anche come espressione manuale del proprio estro e dei propri talenti, con la conseguente realizzazione di lavori artistici e rappresentativi. Da molti anni è tradizione del Centro San Clemente organizzare nel mese di maggio, un’esposizione collettiva degli iscritti ai diversi corsi dell’area artistica e dei loro docenti, per condividere e mostrare il lavoro svolto da ciascuno al termine del percorso. L’emergenza sanitaria quest’anno non ha purtroppo permesso di confermare la tradizionale mostra, ma ci siamo adoperati a raccogliere tutte le opere per condividerle e valorizzarle al meglio, attraverso la creazione di un unico catalogo digitale a disposizione di tutti. L’iniziativa permette una presa d’atto dei risultati di diversi percorsi artistici e fa emergere al contempo un desiderio di condivisione: oltre 40 allievi hanno infatti risposto positivamente all’invito, contribuendo a rendere questo catalogo unico e originale. Attraverso questa esperienza, il Centro San Clemente respira una creatività nuova, che porta in sé il sapore della libertà che durante questo lockdown ci è un po’ mancata. Sono lusingato che molte persone abbiano aderito all’iniziativa e condiviso il desiderio di esporre le proprie opere, anche attraverso un progetto del tutto innovativo come questo, che esprime una grande passione e un forte senso di comunità. Sono sicuro che le opere presenti in questo catalogo saranno la dimostrazione, per tutti quelli che lo sfoglieranno, che la creatività può aiutarci a star meglio anche nei momenti più difficili. Colgo l’occasione per ringraziare tutti i docenti, i partecipanti ai corsi, che hanno dimostrato grande talento, e lo staff del San Clemente che ha realizzato questa iniziativa. Direttore Giovanni Lodrini

7


8


ARTISTI ARTEFICI Ciascuno di noi è l’artefice del suo destino, spetta a noi crearci le cause della felicità. È in gioco la nostra responsabilità e quella di nessun altro. Dalai Lama Artefici del nostro tempo non è solo un catalogo digitale, è principalmente una risposta positiva, un modo di pensare e agire rispetto all’emergenza sanitaria con cui tutti - chi più e chi meno – ci siamo trovati a combattere. La pandemia che stiamo vivendo ci ha aiutato a capire che dobbiamo accettare gli imprevisti; è difficile che tutto vada come lo si era immaginato, ma questo non deve scoraggiarci né farci trovare impreparati. Il Centro San Clemente ha deciso di vedere nell’imprevisto una preziosa occasione: per impegnarci a far bene anche le cose che ci sembrano difficili, perché ogni ostacolo, ogni limite fa parte di ciò che saremo e di ciò che faremo. Non volendo rinunciare all’idea di esporre i lavori realizzati dagli allievi, lo staff del Centro ha raccolto le opere in un catalogo sfogliabile virtualmente sul sito del Centro San Clemente e sulle pagine social Facebook/Instagram. “Artefici del nostro tempo” vuole essere una risposta all’imprevisto, non potevamo farne a meno: avevamo bisogno di trovare un’occasione d’incontro e condivisione, anche se virtuale.

9


10


FORTUNATO MARCO

11


IL MAESTRO d’arte MARCO FORTUNATO

Dopo aver conseguito il titolo di Maestro d’arte presso l’Istituto Statale a Guidizzolo, successivamente si è diplomato presso l’Accademia delle Belle Arti di Carrara (sita in Bergamo) e poi presso l’Accademia delle Belle Arti di Brera. Nel 1981, quando stava ancora finendo i suoi studi, ha intrapreso la carriera di docente presso il Centro Linguistico Culturale San Clemente. Da sempre mosso da una passione impellente di mettere i colori su una tela, ha partecipato a varie esposizioni e ha vinto diversi concorsi tra Bergamo, Brescia e Milano. Tra i suoi successi si annovera il premio “Morettino”: il concorso prevedeva l’esecuzione di copie del Moretto che sarebbero state esposte nella chiesa di San Clemente di Brescia, che contiene le opere originali del noto artista.

12


13


i corsi del maestro marco fortunato Nella stagione 2019/2020 il Maestro d’arte Fortunato ha tenuto tre corsi di pittura che a fine febbraio hanno dovuto interrompersi bruscamente in ottemperanza delle direttive regionali che hanno imposto la sospensione delle lezioni a causa dell’emergenza Coronavirus. In questi corsi i nuovi allievi hanno iniziato ad esprimersi con il disegno: matita, pastelli, carboncino seppia e matita sanguigna sono stati gli strumenti che hanno utilizzato per ottenere diversi effetti. Attraverso le varie sfumature, i praticanti hanno così potuto esprimere la loro idea, il loro sentire. Gli allievi che seguono da anni il Maestro si sono dedicati a realizzare le loro opere con le tecniche della pittura a olio, dell’acquarello e del pastello. L’entusiasmo, la voglia di imparare, il non sapersi accontentare di fare un lavoro solo piacevole, ma di esprimere qualcosa di sé stessi, è stato il filo conduttore che ha caratterizzato tutti i corsi proposti dal Maestro.

“Questo è ciò che conta al di là delle tecniche e delle mode artistiche che in quanto mode contano poco e vanno superate con l’esperienza e la ricerca personale. Non deve esistere un modo di esprimersi più o meno nuovo o moderno, ma una ricerca libera frutto della propria esperienza.” Marco Fortunato

14


GIARDINO IN ESTATE pittura a olio 150x90 cm 15


IL MAESTRO MARCO FORTUNATO 16

PITTURA

Amoriello Maria Grazia

18

Andreoli Attilio

20

Balduchelli Licia

22

Barzani Vincenzo

24

Biatta Carlo

26

Bresciani Flora

28

Caldera Alessandra

30

Forti Franco

32

Frosio Silvana

34

Gardani Giuseppina

36


Gasparetti Rienzo

38

Gregori Maria Loretta

40

La Placa Maria Luisa

42

Molinari Giovanna

44

Nostro Teresa

46

Perteghella Marisa

48

Pollini Giovanni

50

Roversi Elena Anna

52

Spadanuda Vittorio

54

17


PITTURA PAESAGGIO SUL FIUME pittura a olio 35x50 cm 18


AMORIELLO MARIA GRAZIA

BIMBA AL PRESEPE VIVENTE pittura a olio 35x45 cm 19


PITTURA AUTUNNO olio su tela 25x35 cm 20


andreoli attilio

VENEZIA olio su tela 20x30 cm 21


PITTURA MARINA carboncino 30x23 cm 22


BALDUCHELLI LICIA

RITRATTO disegno a matita 24x33 cm 23


PITTURA CASE DI VISO olio su tela 30x40 cm 24


BARZANI VINCENZO

CATTEDRALE DI LA DORADA (COLOMBIA) olio su tela 50x70 cm 25


PITTURA NATURA MORTA pastello 65x50 cm 26


BIATTA CARLO

VITTORIA ALATA BRESCIA pastello 50x65 cm 27


PITTURA TRAMONTO NEL BOSCO olio su tela 35x50 cm 28


BRESCIANI FLORA

CONTADINELLA CON LE OCHE acquerello su carta cotone 30x20 cm 29


PITTURA ALLA FONDA carboncino su carta da spolvero 20x15 cm 30


CALDERA ALESSANDRA

RISACCA pastello su passepartout 33x18 cm 31


PITTURA NATURA MORTA CON VECCHIO MACININO olio su tela di lino 40x60 cm 32


forti franco

PASTORELLA olio su pannello telato 27,7x36 cm 33


PITTURA NATURA MORTA CON ZUCCA olio su tela 50x40 cm 34


FROSIO SILVANA

CAMPAGNA acquerello 32x24 cm 35


PITTURA L’OMBRELLO ROSSO pittura a olio 40x60 cm 36


gardani giuseppina

LA PASSEGGIATA pittura a olio 40x60 cm 37


PITTURA BARWOMAN (Incompiuto) olio su tela 60x80 cm 38


GASPARETTI RIENZO

RONIN olio su tela 80x80 cm 39


PITTURA L’ESSENZA DEI PAPAVERI olio su tela 80x50 cm 40


GREGORI maria LORETTA

LA PIOGGIA SU NOI olio spatola su tela 40x60 cm 41


PITTURA LA LEGGENDA DELLE TESTE DI MORO: LEI olio su tela 50x70 cm 42


la placa maria luisa

LA LEGGENDA DELLE TESTE DI MORO: LUI olio su tela 50x70 cm 43


PITTURA ACQUA olio su tela 40x50 cm 44


MOLINARI GIOVANNA

ESTATE olio su tela 50x60 cm 45


PITTURA NATURA MORTA pittura a olio 40x30 cm 46


NOSTRO TERESA

ORO acquerello 50x70 cm 47


PITTURA NATURA MORTA pittura a olio 30x24 cm 48


PERTEGHELLA MARISA

FIGURA DI RAGAZZA pittura a olio 30x40 cm 49


PITTURA AFRICAN TOWNSHIP olio su tela 50x30 cm 50


Pollini giovanni

SCIACCA IN TAVOLOZZA olio su tela 80x50 cm 51


PITTURA ESTATE IN MONTAGNA olio su tela 30x60 cm 52


ROVERSI ELENA ANNA

NEVICATA NEL BOSCO olio su tela 30x60 cm 53


PITTURA BAMBINA MEDIORIENTALE IN PRESEPE VIVENTE pittura a olio 35x45 cm 54


SPADANUDA VITTORIO

NATURA MORTA pittura a olio 40x30 cm 55


IL MAESTRO d’arte RICCARDO FRANZONI

Dopo aver conseguito il titolo di Maestro d’arte in decorazione pittorica presso l’istituto d’arte “Caravaggio” di Brescia, prosegue gli studi e nello stesso istituto consegue nel 1993 la maturità in arte applicata. Nel 1997 si diploma in pittura all’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano con il massimo dei voti. Successivamente frequenta lo studio dell’artista bresciano Gabriele Saleri e dal 1998 al 2003 lavora presso una ditta specializzata nella tecnica dello strappo d’affresco. Nel 2004 apre il suo studio di pittura a Nuvolento che poi trasferirà nel 2011 nella sua abitazione a Serle. Nello stesso tempo intraprende la strada dell’insegnamento. Pittura e Disegno sono le materie che insegna in vari istituti di Brescia e tra questi c’è anche il Centro Linguistico Culturale San Clemente. Ha organizzato mostre personali e ha partecipato a mostre collettive, ottenendo consensi dalla critica e dal pubblico. Le sue opere sono presenti in collezioni private in Italia e all’estero. Ha una particolare predilezione e affinità con la tecnica della pittura a olio; Riccardo Franzoni inoltre non ha mi smesso di eseguire strappi d’affresco. Nature morte, ritratti e scene sacre sono le principali rappresentazioni delle sue opere. Si dedica anche alla realizzazione di decorazioni murali e trompe l’oeil.

56


57


i corsi del maestro riccardo franzoni Nella stagione 2019/2020 il Maestro d’arte Riccardo Franzoni ha tenuto i corsi di pittura a olio di livello base e avanzato, che a fine febbraio hanno dovuto interrompersi bruscamente in ottemperanza delle direttive regionali che hanno imposto la sospensione delle lezioni a causa dell’emergenza Coronavirus. Gli allievi del corso di pittura a olio livello base hanno appreso, durante la prima parte del corso, le tecniche del disegno dal vero e, nella seconda parte del corso, si sono dedicati alla pittura a olio. Nella parte teorica del corso sono state illustrate le proprietà dei colori, le mescolanze (colori primari, secondari, complementari), l’impasto, la stesura, la preparazione della tela, i medium, ecc. Per apprendere al meglio come si raffigura un oggetto, la sua collocazione nello spazio, i volumi, la resa delle superfici, le luci e le ombre si è partiti dalla raffigurazione delle nature morte. Lo stile utilizzato è il figurativo classico, che è il più idoneo per chi è alle prime armi. Più avanti si sarebbe passati alla riproduzione di soggetti più complessi come il paesaggio o la figura. Il docente ha seguito personalmente ogni allievo nell’esecuzione dei lavori mediante suggerimenti teorici e pratici.

58


Il corso di pittura pittura a olio olio avanzato, avanzato, costituito costituito da da allievi allievi che che avevano già buona dimestichezza con la tecnica, si è proposto di approfondire e perfezionare le conoscenze e le abilità acquisite in precedenza. In questo corso i praticanti hanno avuto la piena libertà di scelta del soggetto da riprodurre e del linguaggio da utilizzare. Il Maestro ha aiutato gli allievidaa In questo corso i praticanti pittorico hanno avuto la piena libertà di scelta del soggetto curare al meglio dettagli oltre che a gestire con più naturalezza l’uso del chiaroscuro, riprodurre e del i linguaggio pittorico da utilizzare. Il Maestro ha aiutato gli allievi a della prospettiva, delle forme della loro collocazione nello spazio. curare al meglio i dettagli oltreeche a gestire con più naturalezza l’uso del chiaroscuro, della prospettiva, delle forme e della loro collocazione nello spazio. “Ritengo che pittura e disegno siano fra gli strumenti più idonei per esprimere la propria creatività e, in questo particolare momento, possano anche costituire un efficace mezzo di evasione dalla monotonia e dalla “clausura” che stiamo vivendo.” Riccardo Franzoni

59


IL MAESTRO riccardo franzoni IL SORRISO DI LAURA olio su tela 35x45 cm 60


PITTURA aA olio OLIO Basso Massimo

67 62

Bonzi Daniela

69 64

Caini Mariella

71 66

CominottoDavide Cominotti Davide

68 73

Fracassi Alessia

70 75

61


PITTURA BARCHE SULLA SPIAGGIA pittura a olio su cartone telato 60x40 cm 62


basso massimo

AUTUNNO IN ROSSO pittura a olio su cartone telato 35x50 cm 63


PITTURA FUOCO D’AUTUNNO pittura a olio 50x50 cm 64


bonzi daniela

SGUARDO NEI RICORDI pittura a olio 25x35 cm 65


PITTURA NATURA MORTA CON BROCCA olio su tela 30x23 cm 66


caini mariella

PASSAGGIO olio su tela 40x40 cm 67


PITTURA ARANCE IN SACCO olio su tela 50x70 cm 68


cominotti davide

CIPOLLE olio su tela 50x60 cm 69


PITTURA ALBA IN AFRICA pittura a olio 35x25 cm 70


fracassi alessia

COPIA DELLA ‘SIBILLA DELFICA’ DI MICHELANGELO pittura a olio 30x40 cm 71


IL MAESTRO riccardo franzoni

UN AMICO olio su tavola 72


PITTURA a olio PITTURA avanzato a olio Braga Francesco

74 79

Spotti Mario

76 81

73


PITTURA KIMMY (MIA FIGLIA) olio su tela 40x70 cm 74


braga francesco

RICCARDO (MIO FIGLIO) olio su tela 40x60 cm 75


PITTURA DEDICATO A VENEZIA pittura a olio 50x35 cm 76


spotti mario

SCAPPO ME NE VADO DA CASA, VADO IN GIARDINO pittura a olio 35x50 cm 77


la maestra d’arte barbara mancini

Barbara Mancini ha studiato presso il Liceo Artistico Brera 1 di Milano e ha conseguito il Master di 1° livello in Illustrazione per l’Editoria Infantile presso l’Accademia di Belle Arti di Macerata. Pittrice e disegnatrice, alterna la sua attività di illustratrice con quella di decoratrice e artista di murales. Da molti anni insegna presso il Centro Linguistico Culturale San Clemente cercando di coniugare uno studio della pittura classico e scolastico con la sperimentazione di nuove tecniche, divertenti ed imprevedibili. Come docente di Illustrazione prepara l’allievo ad affrontare tutte le regole editoriali al fine di proporre un progetto-libro pronto per la pubblicazione, attraverso la realizzazione anche di alcune tavole illustrate realizzate con varie tecniche pittoriche, sempre con grande passione e creatività.

78


79


80


CORSOdella DELLAmaestra MAESTRA barbara BARBARA mancini MANCINI ilILcorso Nella stagioneBarbara 2019/2020 la Maestra Barbara tenuto il corso di di Alla prof.ssa Mancini è statod’arte affidato nella Mancini stagioneha2019/2020 il corso illustrazione. illustrazione. Ogni anno all’inizio del corso pongo ai miei allievi una semplice domanda “cos’è “Ogni anno all’inizio del la corso pongo allievi l’illustrazione?”, dichiara docente, poiailomiei spiego conuna un’semplice altrettantodomanda semplice “cos’è risposta: l’illustrazione?”. Poi lo spiego con un’altrettanto semplice risposta: “illustrare è narrare”. “illustrare è narrare”. Ecco questo è il contenuto del mio corso: imparare a raccontare per immagini. Ecco questo è il contenuto delcorso mio corso: imparare a raccontare per immagini. Durante le prime lezioni del gli allievi sono andati a cercare in qualche angolo nascosto del foglio bianco, i personaggi e le ambientazioni della storia e hanno approntato Durante le prime lezioni del corso gli allievi sonohanno andatidato a cercare in qualche angolo con le matite i primi schizzi. Successivamente vita allo storyboard, cioè il nascosto del piccole foglio bianco, i personaggi e le ambientazioni racconto per immagini che ne spieghino lo svolgimento.della storia e hanno approntato con le matite i primi schizzi. Successivamente dato vita allo Nel corso non è mancata anche la parte teorica, con lo studiohanno della Teoria del Colore, storyboard, cioè racconto per piccole immagini ne spieghino lo svolgimento. per imparare adilapplicarla correttamente, e utileche anche ad inventare nuove tecniche pittoriche che permettano di “raccontare e interpretare” al meglio il testo del racconto. A Nel corso non è stato mancata anche la partelateorica, con con lo studio Teoria del Colore, questo punto naturale illustrare loro storia tantedella tavole colorate….Proprio per imparare ad applicarla correttamente, come quelle che sfogliavamo da bambini. e utile anche ad inventare nuove tecniche pittoriche che permettano di “raccontare e interpretare” al meglio il testo del racconto. A questo punto è stato naturale illustrare la loro storia con tante tavole colorate... Proprio come quelle che sfogliavamo da bambini. “ Barbara Mancini

81


la maestra barbara mancini LA BEATA PAOLA GAMBARA grafite e acquerello 15,5x21,5 cm 82


illustrazione illustrazione Boni Francesca

84 89

Bossini Mariapaola

86 91

Prandini Elisa

88 93

Voltini Pierangelo

90 95

83


illustrazione FONDALE tecnica mista (acquerello, collage, pastelli) 34x24 cm 84


BONI FRANCESCA

MINACCIA tecnica mista (acquerello, collage, pastelli) 34x24 cm 85


illustrazione

TAV. I DE 86


BOSSINI MARIAPAOLA

ELLA FAVOLA “IL REGALO DEL DRAGO VERDE” DI PAOLA BRIGHENTI grafite e matite colorate 42x29,7 cm

87


illustrazione TOGETHER grafite, acquerello 51x21 cm 88


PRANDINI ELISA

LA SPESA grafite, acquerello 34,5x17,5 cm 89


illustrazione IL SILENZIO DEL TROMBETTISTA china 21x30 cm 90


VOLTINI PIERANGELO

FASHION china e acquerello 30x42 cm 91


la maestra d’arte chiara beschi Chiara è una giovane artista attiva dal 2010 nel panorama di Brescia e provincia con mostre personali e con esposizioni collettive a livello nazionale. Il percorso artistico nasce prima di tutto dalla pittura e si sviluppa successivamente con la modellazione della creta. Dal 2015 porta la sua esperienza a disposizione anche di altri creativi e appassionati d’arte. E’ docente di disegno e modellazione della creta in diverse realtà di Brescia e provincia, tra le più rilevanti il Centro Linguistico Culturale San Clemente. I corsi ideati da Chiara Beschi intendono prima di tutto avvicinare gli allievi all’arte del disegno a mano libera attraverso un percorso che prevede la scoperta del mondo intorno a noi. Come? Prima di tutto attraverso l’osservazione delle forme, dei dettagli, e dei colori. Lo scopo principale è quello di osservare la realtà con attenzione, immaginare che ogni cosa che ci circonda possa trasformarsi in un disegno. Pensare che una matita possa accompagnare le nostre giornate come un sorso d’acqua. Che sia un piccolo gesto quotidiano, che ci dia la possibilità di staccare i pensieri e concentrarci semplicemente su quello che desideriamo rappresentare con una matita. Il disegno non è altro che una forma di linguaggio, pertanto esiste una tecnica da imparare. Non si tratta di un dono speciale che solo pochi hanno. Così come la scrittura è composta da lettere che formano parole, anche il disegno nasce da una successione di linee che andranno a creare forme. I corsi di disegno si sviluppano in diversi argomenti quali la natura morta, il ritratto e la figura umana attraverso tecniche prevalentemente grafiche.

92


93


I corsi DELLA MAESTRA chiara beschi Nella stagione 2019/2020 la Maestra d’arte Chiara Beschi ha tenuto tre corsi: disegno a mano libera, il ritratto e figura, che a fine febbraio hanno dovuto interrompersi bruscamente in ottemperanza delle direttive regionali che hanno imposto la sospensione delle lezioni a causa dell’emergenza Coronavirus. Il corso di disegno a mano libera di livello base nasce da una forte convinzione della Maestra d’arte: chiunque può imparare a disegnare. Le prime lezioni si sono concentrate sull’osservazione di soggetti dal vivo e di oggetti della propria quotidianità. L’analisi preliminare dei soggetti è stata fondamentale per dare vita alle composizioni artistiche. Successivamente il lavoro si sviluppato nella scomposizione in forme elementari e geometriche del soggetto, procedimento necessario per creare disegni armonici e proporzionati: la semplificazione ha permesso di lavorare meglio sui dettagli. L’apprendimento è avvenuto in modo graduale e per passaggio di livelli e di difficoltà così che tutti potessero apprendere un passo alla volta. La costanza e l’esercizio sono gli ingredienti fondamentali per migliorare e per eccellere.

94


Il corso di ritratto nasce dalla volontà di approfondire un argomento articolato e vasto: Illacorso di ritratto nasce rappresentazione deldalla volto volontà umano.di approfondire un argomento articolato e vasto: la rappresentazione del volto umano. Durante le prime lezioni si sono apprese nozioni di anatomia e di proporzione fino ad

arrivare a studiare i dettagli del volto. Durante le prime lezioni si sono come apprese nozioni di viene anatomia e di proporzione fino Successivamente si è analizzato l’espressione influenzata dalle emozioni ad arrivare a studiare i dettagli del volto. Ci si è poi addentrati ad analizzare come le e come la fisionomia cambi a seconda dell’età e dell’etnia. Un cammino intenso, per emozioni l’ espressione e come la fisionomia a seconda dell’etàede certi versiinfluenzino anche introspettivo, in cui attraverso la matitacambi si sono sondati aspetti dell’etnia. Un cammino intenso, per certi versi anche introspettivo, in cui attraverso la emozioni che restano ferme nei pensieri e nei ricordi. matita si sono sondati aspetti ed emozioni che restano ferme nei pensieri e nei ricordi. Il corso di figura si è concentrato sullo studio e sulla rappresentazione del corpo Ilumano. corso diArgomento figura si è concentrato sullo studio e sulla del corpo umano. molto complesso, ma allo rappresentazione stesso tempo così affascinante: Argomento complesso, ma allo stesso tempo così affascinante. L’anatomia l’anatomia emolto lo studio delle proporzioni sono stati analizzati in parallelo con lo studioe lo studio delle proporzioni sono stati analizzati in parallelo con lo studio della storia della storia dell’arte. Quest’ultimo ha consentito ai partecipanti di conoscere come il dell’arte. Quest’ultima ha consentito nelle ai partecipanti di conoscere come il corpo umano corpo umano veniva rappresentato diverse epoche storiche. veniva diverse epoche storiche. Il corso si èvarie addentrato poi nella Il corsorappresentato si è addentratonelle poi nella realizzazione del dettaglio delle parti del corpo: realizzazione del dettaglio delle varie parti del corpo: mani, piedi, gambe per poi mani, piedi, gambe per poi giungere alla figura intera, rappresentata in diverse giungere posture. alla figura intera, rappresentata in diverse posture. “Chiunque può imparare a disegnare. Quante volte sentiamo pronunciare “Io sono negato nel disegno”, “non sono capace a disegnare”. Una matita, uno sguardo ben attento, un paio di trucchetti ed il gioco è fatto!” Chiara Beschi

95


la maestra CHIARA BESCHI SALVADOR DALì carboncino e acrilico su tavola 40x40 cm 96


disegno disegnoaamano manolibera libera Faroni Anna

103 98

Pezzotti Francesco

105 100

Rebessi Chiara

107 102

97


disegno a mano libera SUGGESTIONI “A REBOURS” sanguigna 30x41 cm 98


faroni anna

LA PELLE COME UNA CORAZZA matita 41x30 cm 99


disegno a mano libera SILENZIO carboncino 35x50 cm 100


pezzotti francesco

CHE VUOI?!? matita 35x50 cm 101


disegno a mano libera RINGLET matita 35x50 cm 102


rebessi chiara

THE LIFE IN THE LEAF matita 35x50 cm 103


la maestra CHIARA BESCHI

104


il ritratto Ghidini Claudia Ghidini Claudia

111 106

Lorenzoni Lorenzoni Donatella Donatella

113 108

Nostro Nostro Teresa Teresa

115 110

Reboldi Irene Reboldi Irene

117 112

105


il ritratto BAMBINA sanguigna e tempera 25x30 cm 106


ghidini claudia

GIOVANE DONNA sanguigna 20x30 cm 107


il ritratto

disegno a matita, fotografato 108


LORENZONI DONATELLA

TOO TOUGH TO DIE o e rielaborato digitalmente 30x40 cm 109


il ritratto OCCHIO DI ANZIANO matita grafite 30x40 cm 110


NOSTRO TERESA

ANZIANA SIGNORA matita grafite 30x40 cm 111


il ritratto RITRATTO DI DONNA ANZIANA grafite su carta da spolvero 42x29,7 cm 112


REBOLDI IRENE RITRATTO DI BAMBINO sanguigna e matita bianca su carta da spolvero e sfondo in acrilico 29,7x42 cm 113


la maestra CHIARA BESCHI UNTITLE sanguigna, carboncino e acrilico su tavola in legno 40x100 cm 114


FIGURA figura Campopiano Fortunato

121 116

Coppini Cristina

123 118

115


FIGURA PRIMA DI VOLARE matita 34x49 cm 116


CAMPOPIANO FORTUNATO

QUARANTENA pastelli 28x36 cm 117


FIGURA ESERCIZIO 1 matita su carta 29,5x34,7 cm 118


COPPINI CRISTINA

ESERCIZIO 2 matita e carboncino su carta 42x29,5 cm 119


IL MAESTRO d’arte MARCO GALLI

Marco Galli nasce nel 1971 a Montichiari in provincia di Brescia. Ha pubblicato 8 libri a fumetti in Italia, Francia e Spagna. I suoi lavori sono stati pubblicati su importanti riviste come Linus, Il Male, Internazionale. Ha collaborato come Character designer del pluripremiato cartoon “Gatta Cenerentola”, vincitore dell’Oscar Europeo per l’animazione. Attualmente sta disegnando un Dylan Dog scritto interamente da lui e lavorando alla preproduzione di un film sceneggiato a due mani con Chiara Carpani. Ha insegnato illustrazione all’Accademia SantaGiulia e collabora stabilmente con il Centro Linguistico Culturale San Clemente.

120


121


122


ilIL corso CORSO del DEL maestro MAESTRO marco MARCO galli GALLI Ad ottobre 2019 il Centroil Maestro San Clemente ha affidato al tenuto prof. Marco il corso di Nella stagione 2019/2020 d’arte Marco Galli ha il corsoGalli di laboratorio laboratorio fumetto che non ha è stato possibile concludere a causaindell’emergenza di fumetto, di che a fine febbraio dovuto interrompersi bruscamente ottemperanza sanitaria che ha portata alla temporanea del centro. delle lezioni a causa delle direttive regionali che chiusura hanno imposto la sospensione L’obiettivo del docente è stato quello di spiegare agli allievi le varie tappe del dell’emergenza Coronavirus. percorso creativo che portano alla realizzazione di una storia a fumetti. Si è partiti dallo studio dell’anatomia, della prospettiva, della le sue inquadrature Durante il corso il docente ha spiegato agli allievi le regia tappecon del percorso creativo chee della sceneggiatura. portano alla realizzazione di una storia a fumetti: si è partiti dallo studio dell’anatomia, I partecipanti hanno dapprima studiato e personaggi poi hanno realizzato le della prospettiva, della regia con le sue scene inquadrature e della esceneggiatura. bozze a matita per poi andare a definirle con l’inchiostrazione. I partecipanti hanno dapprima studiato scene e personaggi e hanno poi realizzato le bozze a matita per andare successivamente a definirle con l’inchiostrazione.

123


il maestro marco galli DYLAN DOG “COLOR FEST” N°16 acquerello e china 21x29 cm 124


LABORATORIO laboratorioDIdiFUMETTO fumetto Boldini Luca Boldini Luca Civini Federico Civini Federico Galeri Alex Galeri Alex

126 131 128 133 130 135

125


fumetto OLD BUT BOLD, pagina 1 matita 29,7x42 cm 126


boldini luca

OLD BUT BOLD, pagina 1 pennarelli e fude pen 29,7x42 cm 127


fumetto BEAST MASTER pennarelli e penbrush 29,7x42 cm 128


civini federico

BEAST MASTER pennarelli e penbrush 29,7x42 cm 129


fumetto corso n. 109 CHARACTER DESIGN disegno digitale su base a matita 29,7x48 cm 130


galeri alex

PAGINA 1: L’INIZIO DELL’AVVENTURA disegno digitale su base a matita 29,7x42 cm 131


centro linguistico culturale san clemente Il Centro San Clemente nasce nel 1951 quando il Vescovo di Brescia decide di promuovere dei corsi di lingua straniera per i bresciani che per esigenze di lavoro dovevano andare all’estero. Nel 1986 la gestione del Centro viene affidata alla Cooperativa Vincenzo Foppa. Nasce così il Centro Linguistico Culturale San Clemente, rilanciato come luogo di animazione culturale che offre al pubblico, accanto ai corsi di lingua straniera, anche proposte di cultura, formazione professionale e permanente. Si è favorita in tal modo l’aggregazione costante di un pubblico intelligente e aperto, che sceglie il Centro per la qualità delle sue proposte, per la sua serietà.

Il Centro San Clemente oggi Attualmente il Centro San Clemente organizza ogni anno oltre 300 corsi, anche personalizzati, che si svolgono presso la sede legale della Cooperativa Foppa insieme al Liceo Artistico Foppa e l’Istituto Piamarta. La sede si trova vicino al centro della città di Brescia, ed è dotata di due parcheggi interni e con locali adeguati e confortevoli. Le attività del Centro coinvolgono ogni anno circa 3000 persone di diversa età, preparazione culturale ed estrazione sociale, che si iscrivono per ragioni professionali, di studio o per piacere.

132


133


134


135


LA BELLEZZA , SALVERA IL MONDO. LA CULTURA I SUOI ABITANTI. 136

Profile for Centro San Clemente

Artefici per il nostro tempo  

La pandemia che stiamo vivendo ci ha aiutato a capire che dobbiamo accettare gli imprevisti; è difficile che tutto vada come lo si era immag...

Artefici per il nostro tempo  

La pandemia che stiamo vivendo ci ha aiutato a capire che dobbiamo accettare gli imprevisti; è difficile che tutto vada come lo si era immag...

Advertisement