Page 1

IL MENSILE DELLA PROVINCIA DI NOVARA

Noi Anno V N° 6 - Giugno 2013

www.noimagazine.it

Outlook Mercati Cosa è successo a Maggio? NOVARA I segreti artistici della Caserma Gherzi

SPECIALE

NOI a tavola!

ECONOMIA Il futuro ha posti liberi ARTE Appuntamenti imperdibili.

Un paese a sei corde 2013

Economia Arte Salute Storia Territorio Enogastronomia Letteratura


Large lascia a casa solo la casa.

f I At 5 0 0 l . I t

la city lounge

nuova fiat 500l tua DA 14.900 € CON CLIMA E ESC Da oggi anche con il brillante Multijet II 1.6 105 Cv e il multijet II 1.3 85 cv con cambio dualogic L POP 1.4 Bz 95 cv con climatizzatore, prezzo promo in caso di permuta o rottamazione di vettura di proprietà dell’acquirente posseduta da almeno 3 mesi € 14.900 (IPT e contributo PFU esclusi). Iniziativa valida fino al 31 maggio 2013 Consumi ciclo combinato 6,2 l/100 km. Emissioni CO2 145 g/km. FIAT 500L POP 1.4 Bz 95 cv con climatizzatore, prezzo promo in caso di permuta o rottamazione di vettura di proprietà dell’acquirente posseduta da almeno 3 mesi € 14.900 (IPT e contributo PFU esclusi). Iniziativa valida fino al 15 aprile 2013 Consumi ciclo combinato 6,2 l/100 km. Emissioni CO 2 145 g/km.

NOME CONCESSIONARIA Via xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx tel. 000-000000 Concessionaria Fiat a Borgomanero - C.so Sempione, 56 - Tel. 0322 846253 (r.a.) - 0322 81822 (r.a.) - Fax 0322 844064 Centro Assistenziale: Via G.B. Curti, 26 - Borgomanero - www.autocusio.com - info@autocusio.com


IL MENSILE DELLA PROVINCIA DI NOVARA

Noi Anno V N° 6 - Giugno 2013

www.noimagazine.it

Outlook Mercati Cosa è successo a Maggio? NOVARA I segreti artistici della Caserma Gherzi

5 EDITORIALE

30 MUSICA

6 IL PUNTO

34 LETTERATURA

8 ECONOMIA

39 ARTE

SPECIALE

NOI a tavola!

ECONOMIA Il futuro ha posti liberi ARTE Appuntamenti imperdibili.

sommario

Un paese a sei corde 2013

Economia Arte Salute Storia Territorio Enogastronomia Letteratura

N° 6 - Giugno 2013 Autorizzazione Tribunale di Novara n. 372 del 15.12.2008 Direttore Editoriale Marco Trivelli Direttore Responsabile Giuliano Ladolfi Hanno collaborato a questo numero: Andrea Baiardi Daniele Bevacqua Giulio Greco Emi Guidetti Chiara Ratto Francesco Teruggi Giuseppe Tortomasi Mark Welner Marco Zacchera

12 OUTLOOK MERCATI

55 NOI .. A TAVOLA!

16 INFO POINT

82 RICETTE

20 SALUTE 22 PSICOLOGIA 24 AMICI ANIMALI

Grafica e impaginazione CENTROMEDIA Editore e Pubblicità CENTROMEDIA 28024 Gozzano (NO) - Italy Viale Parona, 6 info@centromediaitalia.com

www.noimagazine.it Tutti i diritti riservati. È vietata e perseguibile civilmente e penalmente ai sensi della legge sul diritto d’autore ogni forma di riproduzione dei contenuti di questa rivista, compresi gli spazi pubblicitari, senza autorizzazione dell’Editore. Giudizi, opinioni, notizie riportate negli articoli firmati o siglati impegnano esclusivamente gli autori. L’editore declina inoltre ogni responsabilità per la pubblicazione di materiale fotografico fornito direttamente o tramite commissione a terzi da enti, società e privati che ne abbiano palesato il pieno e legittimo possesso senza porre vincoli alla sua diffusione.

NOI - GIUGNO 2013

3


EDITORIALE

Il mestiere dell'insegnante Non mi sono mai pentito di aver intrapreso il lavoro di insegnante e, se rinascessi, non lo cambierei con nessun altro ...

Giuliano Ladolfi

Qualche tempo da, uscito da scuola, sul ponte dell’Agogna ho incontrato Stefano Zanetta, un mio ex alunno docente di ruolo nella scuola media statale di Borgomanero, e ci siamo messi a ragionare sul mestiere dell’insegnante. Mi ha colpito il suo atteggiamento entusiasta per questo lavoro: «Anche se esistono difficoltà, mi piace andare a scuola, aiutare i ragazzi a crescere, vederli conquistare la conoscenza. Mi trovo bene con me stesso anche quando torno nella mia famiglia. Sono soddisfatto». È proprio vero, il mestiere dell’insegnante divide chi lo pratica, non si può essere indifferenti: o lo si ama alla follia oppure lo si subisce come la peggiore delle pene. Quando nel giugno del 2010 ho salutato i miei studenti del Liceo Scientifico “Antonelli” di Novara, ho detto loro: «Vado in pensione e per molti aspetti mi dispiace. Avrei potuto intraprendere altre carriere molto più redditizie. Ma avere una casa di 100 mq in più o un’auto con una cilindrata superiore non mi avrebbe recato quelle soddisfazioni che neppure

NOI - GIUGNO 2013

una famosa carta di credito può pagare. Il fatto di aver aiutato molti giovani a superare le difficoltà scolastiche e adolescenziali mi ripaga ad usura rispetto ai limiti che il mancato riconoscimento sociale ha causato. Non mi sono mai pentito di aver intrapreso il lavoro di insegnante e, se rinascessi, non lo cambierei con nessun altro». A dire il vero, dal 1997 ho lasciato l’insegnamento vero e proprio per la dirigenza, ma dicevo sempre di essere “un preside pentito”, perché amavo fare le supplenze e questo mi permetteva di conoscere gli studenti, di ascoltarli e di verificare il lavoro dei docenti. Mi mancava, però, l’entrare in aula, dialogare, vederli crescere ed entusiasmarsi per Virgilio, per Dante, per Luzi, per Proust, per la letteratura russa, per Manzoni. Da dirigente avevo, tuttavia, la possibilità di impostare una scuola incentrata sullo studente. Dicevo che chi si trova nella scuola senza predisposizione, vive una vera e propria tortura. Sono profondamente convinto che così avvenga quando non

si instaura quel legame di empatia che, nonostante le difficoltà, permette di sentirsi utili agli altri. Si parla di missione e questo è profondamente vero per molti colleghi che lavorano in zone di “frontiera”. Personalmente sono stato fortunato. Ricordo con nostalgia le visite didattiche, gli spettacoli, i giri in bicicletta, i concerti, le feste, ma soprattutto i colloqui. E, quando questi giovani uscivano rinfrancati e consolati, capivo che non stavo vivendo invano. E nessuna vincita al Superenalotto può essere paragonata a questa soddisfazione. Ancora oggi non mi so distaccare dalla scuola: dirigo due magnifici licei al “Don Bosco” di Borgomanero, dove ho studiato. E questo mi fa sentire che la giovinezza è una stagione dell’anima, non della vita, e che la differenza d’età non esiste quando si ha il coraggio di aprire le orecchie e intrecciare gli sguardi. Ricevo molto di più di quanto non sia capace di dare.

5


IL PUNTO

Quando muore un'edicola Ha chiuso la “mia” edicola di piazza Gramsci. Da bambino ci compravo le figurine, da grande i quotidiani, ma da lunedì sulla saracinesca abbassata c’è solo un commuovente messaggio di saluto alla clientela del proprietario che dopo anni di stenti ha definitivamente chiuso i battenti. L’episodio sottolinea le cretinate intrinseche a certe “liberalizzazioni” che danneggiano tutti e non creano nulla di buono. L’edicola ha chiuso perché quotidiani e riviste adesso si comprano al supermarket, ma se la concentrazione commerciale può a volte far abbassare i prezzi, che vantaggio ne ha la gente se un quotidiano tanto costa uguale in edicola o al supermercato? Venduto all’edicola permetteva fino a ieri ad una famiglia di campare (e di pagare le tasse sul territorio), venduto

al supermarket non ha portato ad un solo posto di lavoro in più e dà maggior reddito solo ad una società che notoriamente è straniera e quindi contribuisce indirettamente ad inaridire l’economia del nostro paese. Oltretutto dieci anni fa l’attuale edicolante aveva comprato e pagato una licenza, oggi nessuno l’ha indennizzato per aver perso il proprio capitale che è andato interamente perduto. Eppure allora l’erario guadagnò da quella transazione, oggi nulla ricava da una chiusura e perderà pure il reddito di un’impresa definitivamente abbandonata mentre da lunedì si contano due disoccupati in più. Pensiamoci. Marco Zacchera

Rimborsi & Partiti Marco Zacchera, parlamentare dal 1994, ex Sindaco di Verbania

6

In molte regioni (e anche in Piemonte) è scoppiato lo scandalo dei rimborsi-spese a gruppi politici e singoli consiglieri regionali, mentre feroce è la polemica sui contributi versati ai vari partiti, a tutti i livelli. Credo che in materia sia ora di fare chiarezza, ma senza cadere nella facile e un po’ scontata demagogia. Chiarezza, per esempio, sarebbe che le presidenze di Camera e Senato dicessero chiaramente e finalmente a tutti gli italiani quanto riconoscono a diverso titolo ai singoli gruppi parlamentari. In 18 anni di Montecitorio io non sono mai riuscito a saperlo e se è vero che è la Camera stessa ad approvarsi il

proprio bilancio interno in autonomia finanziaria c’è da dire che le somme sono così variegate e disperse nei vari capitoli che un quadro completo è quasi impossibile (volutamente) da capire. Circa invece la “diaria” e i rimborsi spese ai singoli parlamentari (si tratta di alcune migliaia di euro al mese) da anni il rimborso era forfettario e solo per questo non sono usciti scandali sul loro utilizzo, come è invece avvenuto a livello regionale. Queste somme una volta servivano effettivamente per mantenere le strutture del singolo deputato e del suo partito nel collegio o nella circoscrizione di competenza, ma poi – venen-

NOI - GIUGNO 2013


IL PUNTO

do meno i partiti – queste spese sono diminuite o sparite quasi del tutto, ma l’indennità (pur un po’ ridotta) è restata. Il problema infatti è sempre quello: se un eletto si comporta correttamente ed effettivamente lavora sul territorio spende quegli importi per fare politica e tenere i contatti con gli elettori. In questo caso trovo giusto che incassi dei rimborsi, ma se non fa nulla (come è la situazione di molti eletti), allora è del tutto ingiusto che i contributi gli vengano versati ugualmente. Stessa solfa per chi era stato per molti anni – come me – l’unico eletto o quasi in una intera regione, e si faceva quindi migliaia di chilometri al mese (io da solo coprivo 7 province piemontesi) rispetto a chi invece se la prendeva comoda, strafottendosene allegramente.

Uno squallido moltiplicarsi negli anni i forfait “a voto” che invece dovrebbero sparire o almeno essere molto più modesti, soprattutto per chi non riesce ad eleggere nessuno. Non solo ci sono partiti “famigliari” che per decenni hanno prosperato alle spalle degli italiani, ma molti altri non spendono minimamente quanto ricevono a rimborso, oppure sprecano nel disinteresse generale: vi sembra giusto? Marco Zacchera

Da allora le cose sono peggiorate: se oggi diventi parlamentare per Grazia Divina e posizione di lista, ma certo non per meriti, chi te lo fa fare a correre? In questo senso andrebbe corretto anche il criterio dei rimborsi delle spese di viaggio e soggiorno, perché chi vive a Roma ha molte meno spese di chi viaggia settimanalmente da lontano. Su questo aspetto però i “romani” sono distratti. Circa la Regione ricordo che, quando nei primi anni ‘90 ero consigliere regionale del Piemonte, i contributi versati ai gruppi permettevano ad un consigliere di organizzare al massimo un solo incontro elettorale al bimestre, poi rimborsi e contributi sono saliti in modo esponenziale (e ingiustificato): come sempre le esagerazioni prima o poi si pagano. Infine la questione dei partiti e dei loro rimborsi elettorali: è una pagliacciata, un'autentica mascalzonata, perché si sono presi in giro gli italiani ed il loro voto al referendum allora promosso dal Partito Radicale.

NOI - GIUGNO 2013

7


ECONOMIA

Il futuro ha posti liberi Si intitola “Il futuro ha posti liberi” la Newsletter rivolta ai docenti della scuola secondaria di primo grado e promossa dal “Club dei 15”, l’organizzazione confindustriale che riunisce le associazioni territoriali delle 17 province italiane a più alto tasso di industrializzazione, fra cui quella di Novara, che è stata distribuita nello scorso mese di maggio a tutti gli istituti scolastici del territorio novarese.

Aureliano Curini

Il periodico presenta le figure professionali, e i relativi corsi di studio, maggiormente ricercate dal mondo del lavoro e si propone come nuovo strumento a supporto delle attività di orientamento svolte dagli insegnanti. Vi vengono illustrate, in particolare, le opportunità di lavoro in campo tecnicoscientifico e sono realizzati approfondimenti su professioni e mestieri richiesti dalle imprese, sulle aree di specializzazione universitaria e sui racconti di chi ha intrapreso con successo una professione in ambito tecnico. 8

«Siamo certi – spiega il direttore dell’Associazione Industriali di Novara, Aureliano Curini – che i docenti, più di chiunque altro, riconoscano che nessuna professione può essere svolta con successo senza uno specifico interesse e una necessaria predisposizione; tuttavia crediamo che debbano essere consapevoli che la sfida per i ragazzi e le loro famiglie, soprattutto in questo momento, risiede nel coniugare le attitudini dello studente con la necessità di trovare un posto di lavoro in un mondo in rapido cambiamento. Far conoscere, raccontare, diffondere informazioni ed esperienze su aree innovative e competitive può stimolare gli studenti a riflettere concretamente sul loro futuro professionale, aprendo nuovi orizzonti nella scelta del percorso di studio. Ci auguriamo che l’iniziativa riscontri l’interesse da parte del mondo della scuola e auspichiamo che le potenzialità dello strumento vengano colte e apprezzate dagli insegnanti di riferimento, che svolgono un ruolo fondamentale nell’indirizzare le energie e le aspettative dei giovani studenti».

Insieme per

Sinergie tra scu per creare oppo

Il periodico "Il Futuro ha posti lib mento di supporto pergli insegnan grado e, in particolare, per i docen stico. Meglio di chiunque altro so può essere svolta con successo se ma, soprattutto oggi, sanno anche gli stessi insegnanti, è poter coniu studente con la necessità di trovar rapido cambiamento. È difficile prevedere quali figure s gli studenti delle scuole medie di una laurea. Ma il futuro, in alcuni Unioncamere – Excelsior a fine 20 rischio di rimanere insoddisfatte: Questo anche causa di uno squilib la richiesta delle aziende che, in a una preparazione non sufficientem Esiste, dunque, anche la necessità e impresa e non va trascurata la po percorsi che offrano una formazio È importante unire il ‘saper essere tere il valore dei mestieri del‘sape studenti. Il periodico intende concentrare l’ offerte dalle professioni di ambito di trasformazione della nostra soc offrendo approfondimenti su profe se, proponendo focus sulle diverse ma anche raccontando storie di ch professione in ambito tecnico. I ragazzi si appassionano a ciò di sono diverse le difficoltà per un ap scientifiche che testi sul campo le predisposizione. Spesso la scelta di una formazione sufficientemente considerata prop rapporto più coinvolgente con que ancora vissute come ‘maschili’. Far conoscere, raccontare, diffond sti ambiti può essere un’utile chia più ampio di possibilità per il futu NOI - GIUGNO 2013


r costruire futuro

per e futuro

uola e impresa ortunità

mpresa per come creare opportunità beri" si propone un nuovo stru-

nti della scuola secondaria di primo ome un nuovo strumento di supporto nti impegnati nell’orientamento scola- per ono consapevoli che nessuna professione ndaria di primo grado e, in particolare, per non è animata da una genuina passionealtro mento scolastico. Meglio di chiunque e che la sfida per i ragazzi, le famiglie e professione può essere svolta con successo ugare la naturale predisposizione di uno inaunpassione ma, soprattutto oggi, re posto di lavoro in un mondo in sanno

le famiglie e gli stessi insegnanti, è poter saranno tra 5-10 anni osizione richieste di uno studente conquando la necessità oggi conseguiranno un diploma o n un mondo in rapido cambiamento. i settori, ha posti liberi; un’indagine e saranno richieste tra 5-10 anni quando 012 calcolava 65.500 assunzioni a ie di oggidelconseguiranno un diploma o il 16,1% totale. cunitrasettori, hache posti liberi;forma un’indagine brio le figure la scuola e alcuni casi (vedi tabella a lato), rilevano 2012 calcolava 65.500 assunzioni a rischio mente idonea perQuesto il mondo del lavoro. 1% del totale. anche causa di uno àscuola di un maggiore collegamento tra scuola forma e la richiesta delle aziende ossibilità per gli studenti di scegliere a a lato), rilevano una preparazione non one in alternanza scuola-lavoro. mondo delfare’, lavoro. Esiste, edunque, e’ al ‘saper e cogliere trasmet-anche scuola einimpresa erlegamento fare’ è un’ tra opportunità più per eglinon va studenti di scegliere percorsi che offrano ’attenzione sulle possibilità unire il ‘saper cuola-lavoro. È importante o tecnico-scientifico cogliendo i trend re e trasmettere il valore dei mestieri del cietà in particolare nell’area tecnologica, in più per gli studenti. essioni e mestieri richiesti dalle imprel’attenzione universitaria, sulle possibilità encentrare aree di specializzazione hi ha intrapreso con successo una bito tecnico-scientifico cogliendo i trend ocietà in particolare nell’area tecnologica, cui possono fare esperienza, ma ofessioni e mestieri richiesti dalle imprese, pproccio più pratico nelle materie seloro aree di specializzazione conoscenze e ne verifichiuniversitaria, la di chi ha intrapreso con successo una

e tecnica non è prio percui la difficoltà esperire un iò di possonodifare esperienza, ma este materie troppo spesso, peraltro,

un approccio più pratico nelle materie po le loro conoscenze e ne in verifichi dere informazioni ed esperienze que- la celta una una formazione non è ave perdiaprire finestra su tecnica uno spettro uro di ragazzi e ragazze. proprio per la difficoltà di esperire un queste materie troppo spesso, peraltro, i’. Far conoscere, raccontare, diffondere NOI - GIUGNO 2013 questi ambiti può essere un’utile chiave

ECONOMIA

I diplomati più richiesti I diplomati più richiesti Ecco allealle aziende Eccochi chiinteressa interessa aziende Foglio1 Grafico 4

Fonte: Unioncamere – Ministero del Lavoro, Sistema Informativo Excelsior, 2012

45.000 40.000

70,0

39.860 60,5

60,0

35.000 30.000

46,2

50,0

49,0

25.000

50,0

41,6

38,2

40,1

37,3

38,1

20.000

30,0

15.250

15.000

25,3 20,0

9.560

10.000

6.870 4.580

5.000 0

40,0

Amministrativocommerciale

Meccanico

Turisticoalberghiero

Totale diplomati assunti

Socio-sanitario

Informatico

4.110

Elettrotecnico

10,0

2.800

2.440

1.940

1.580

Elettronico

Edile

Agrarioalimentare

Tessile, abbigliamento e moda

0,0

% Giovani diplomati in uscita dal sistema formativo adatti a svolgere la professione

I dieci indirizzi tecnico-professionali più richiesti e relativa idoneità di un giovane in uscita dal Page 1 sistema formativo, secondo le assunzioni non stagionali previste dalle imprese per il 2012

La fabbrica non è più La fabbrica è più quella di unanon volta quella di una volta

Lavoro in fabbrica uguale lavoro sporco e di bassa manovalanza. L’abbiamo sempre uguale visto così. Ma sporco anche lee fabbriche cambiano. L’abbiamo Lavoro in fabbrica lavoro di bassa manovalanza. Alla Tellure Rota in provincia di Modena i pavimenti sono addirittura bian- in sempre visto così. Ma anche le fabbriche cambiano. Alla Tellure Rota chi. “I nostri tecnici – spiega Diego Lenzini, l’ingegnere poco più che trenprovincia di Modena i pavimenti sono addirittura bianchi. “I nostri tecnici tenne responsabile dello stabilimento – sono esperti capaci di programmare – spiega Diego Lenzini, l’ingegnere poco più più chespecializzati”. trentenne responsabile macchine sofisticate e in futuro saranno sempre La Tellure delloè stabilimento sono in esperti di programmare macchine Rota tra le primarie –aziende Europacapaci nella produzione di ruote per carrelli industriali, e ruote per supporti, è la prima in Italia. In 60Rota sofisticate arredamento e in futuro saranno sempre piùedspecializzati”. La Tellure anni ha continuato adEuropa evolversi e può contare sudiunruote laboratorio è tradilestoria primarie aziende in nella produzione per carrelli certificato di ricerca e sviluppo con alla testa un ingegnere chimico, un industriali, arredamento e ruote per supporti, ed è la prima in Italia. In 60 laureato in meccatronica e un perito chimico. Qui viene anche applicato il anni di ‘Lean’ storia ha evolversi e può ilcontare su unproduzione laboratorio metodo checontinuato elimina gli ad sprechi e ottimizza valore della certificato di ricerca e sviluppo con alla testa un ingegnere chimico, in una logica di miglioramento continuo. Nell’azienda, 154 dipendenti e 22un milioni di fatturato eannuo, si impiegano che diplomati in il laureatodiineuro meccatronica un perito chimico. sia Quilaureati viene anche applicato materie tecniche. Sommati laureati e diplomati, i diplomati rappresentano metodo ‘Lean’ che elimina gli sprechi e ottimizza il valore della produzione circa il 60%. “Nel corso del tempo – spiega Lenzini – sono però aumentati in una logica di miglioramento continuo. Nell’azienda, 154 dipendenti e 22 i laureati perché, preferendo continuare il percorso di studi, diventava milioni di di fatturato si impiegano laureati che diplomati in sempre piùeuro difficile reperireannuo, diplomati, soprattuttosia periti meccanici che materie tecniche. Sommati laureati e diplomati, i diplomati rappresentano comunque vengono valorizzati: è proprio ad un perito che è stata affidata la responsabilità dellacorso produzione”. Ma–cosa puòLenzini fare la –differenza nelaumentati proprio circa il 60%. “Nel del tempo spiega sono però percorso professionale? “Senza dubbio – conclude Lenzini – dimostrare i laureati perché, preferendo continuare il percorso di studi, diventava voglia di fare, di imparare. Più che tante qualifiche, a fare la differenza sono sempre più difficile reperire diplomati, soprattutto periti meccanici che una buona preparazione di base e soprattutto la capacità di mettersi in gioco”. comunque vengono valorizzati: è proprio ad un perito che è stata affidata la http://www.tellurerota.com

responsabilità della produzione”. Ma cosa può fare la differenza nel proprio percorso professionale? “Senza dubbio – conclude Lenzini – dimostrare voglia 7 di fare, di imparare. Più che tante qualifiche, a fare la differenza sono una


ECONOMIA

Impresa Continua

Sostegno alla creazione di nuova imprenditoria per il trasferimento d’azienda. Italia Lavoro con il Programma AMVA si pone l’obiettivo di facilitare il ricambio generazionale nelle imprese agevolando la creazione di nuova imprenditoria per il trasferimento d’azienda. La finalità espressa di questa terza linea del Programma AMVA è quella di favorire l’accesso dei giovani ai mestieri tradizionali, promuovendo il tramandarsi della tradizione italiana e al contempo la creazione di nuove imprese attraverso il trasferimento d’azienda da imprenditori con età superiore ai 55 anni a giovani imprenditori di età compresa tra i 18 e i 35 anni non compiuti. Diverse sono le attività interessate e indicate nell’avviso pubblico: dall’agricoltura alla lavorazione dei prodotti alimentari, dalla ristorazione al catering, dalla lavorazione di pietre e metalli alla gioielleria, dai prodotti del legno alla lavorazione della carta, dall’industria tessile alla

confezione, fino a mestieri che sempre più rischiano l’estinzione come la legatoria, il restauro artistico, la costruzione degli strumenti musicali. La domanda di contributo potrà essere presentata solo a subentro o rilevamento intervenuti e conseguentemente la relativa istanza potrà essere proposta unicamente dall’azienda risultante dal subentro o rilevamento effettuato. Tipologia di contributi · 5 mila euro per trasferimenti di azienda compresi tra 10 mila e 29999,99 euro; · 10 mila euro per trasferimenti di azienda pari o superiori a 30 mila euro. Requisiti dei subentranti · età compresa tra 18 e 35 anni non compiuti; · che non siano titolari di imprese individuali né soci al di sopra del 25% di società in attività.

Requisiti dei cedenti Micro e piccole imprese: · sede legale e operativa in Italia; · attività riferita ai codici ATECO pubblicati nell’avviso; · ditte individuali, società in nome collettivo o in accomandita semplice; · esistenti da almeno 10 anni. il cui titolare o socio: · abbia un’età superiore ai 55 anni; · sia da almeno 5 anni nella compagine societaria. Termini e modalità della domanda di partecipazione La domanda di contributo può essere presentata unicamente attraverso il sistema informativo http://impresacontinua.italialavoro.it La domanda può essere presentata dalle ore 10:00 del 20/02/2013 e non oltre il 31/12/2013, salvo esaurimento delle risorse disponibili.

Ravanelli e Robiglio in Giunta Confindustria Fabio Ravanelli, presidente dell'Associazione industriali di Novara, è entrato far parte della Giunta di Confindustria. Nato a Novara l'8 gennaio 1970, Ravanelli è laureato in Economia e Commercio all'Università di Torino ed è già stato vicepresidente dell'Ain dal giugno 2004 al giugno 2008. È vicepresidente e amministratore delegato della Mirato Spa (prodotti cosmetici e per la cura della persona) dove è responsabile delle direzioni Finanza e controllo ed Export. È, tra l'altro, amministratore (con delega alla Finanza e all'Export) della controllata Mil Mil Spa, membro del Consiglio di indirizzo della Fondazione Edison e Consigliere di amministrazione del Banco Popolare. Carlo Robiglio, vicepresidente del Co10

Fabio Ravanelli e Carlo Robiglio

mitato regionale della Piccola Industria di Confindustria Piemonte e presidente uscente del Comitato per la Piccola Industria dell’Associazione Industriali di Novara, è entrato a far parte della Giunta di Confindustria su indicazione del Comitato centrale della Piccola industria di

Confindustria. Nato a Torino il 24 giugno 1963 e laureato in giurisprudenza, Robiglio è presidente di Ebano Spa, holding di partecipazioni di cui fanno parte varie società dei servizi, del terziario avanzato, dell’intrattenimento e della ristorazione: la casa editrice Interlinea, il Gruppo Strategica (direct marketing, business intelligence, servizi di comunicazione, piattaforme web e progetti Ict), Eikon Italia (grafica, stampa digitale e gestione banche dati) Assifin (assicurazioni e prodotti finanziari), Modena55 (progettazione e gestione locali di intrattenimento e ristorazione), Via dell’Archivio (ristorazione) e AGF Vini (importazione e commercializzazione vini). C.S. NOI - GIUGNO 2013


Ypsilon Elefantino 1.2 69 CV - prezzo promo € 10.450 30.06.2013 con il contributo Lancia e dei Concessionari. Immagini vetture 10.600 (IPT e contributo PFU esclusi). Offerta valida fino al 30.04.2013 indicative. Val. Max. consumi ciclo combinato (l/100km): 6,8 (Ypsilon 1.2 8v GPL 69 CV). Emissioni CO2 (g/km): 120 (Ypsilon 1.2 8v 69 CV BZ).

YPSILON ELEFANTINO lancianewypsilon.it

NATURALLY CHIC.

Arriva Ypsilon Elefantino 5 porte.

DETTAGLI GLAMOUR

Cerchi, specchietti, poggiatesta con dettagli fluo. Cuciture fucsia su volante, cambio e sedili. Nuovi interni urban look. Disponibile anche metano e GPL .

10.600

Tua da 10.450 € con clima, radio e volante in pelle.

ELEGANZA IN MOVIMENTO. Dal 1906.

NOME CONCESSIONARIO - Indirizzo

Concessionaria Lancia a Borgomanero - C.so Sempione, 56 - Tel. 0322 846253 (r.a.) - 0322 81822 (r.a.) - Fax 0322 844064 Centro Assistenziale: Via G.B. Curti, 26 - Borgomanero - www.autocusio.com - info@autocusio.com


OUTLOOK MERCATI

i t a c r e m Outlook

a cura di Giuseppe Tortomasi Daniele Bevacqua

Cos'è successo a Maggio Come dicono gli inglesi: so far, so good! A maggio il mercato è salito ancora e in USA ha stabilito i nuovi massimi storici. Mentre la liquidità continua abbondante a sostenere il mondo della finanza, si comincia a notare anche in Europa una nuova attenzione per il problema della disoccupazione. A oriente, il Giappone fa partire la prima ondata della vera nuova guerra delle valute, con riflessi importanti sull’economia globale. Ecco le domande per giugno: 1) Il mercato equity si confronta con la previsione del nostro modello che identifica un massimo a maggio in area 1700: cosa succederà adesso? 2) Dalle valute: nuova benzina per i rialzi, o instabilità e volatilità in crescita?

Il massimo in area 1700

Nel febbraio di quest’anno proponevamo lo schema calcolato dal nostro modello previsionale sul S&P500. Il modello indicava in maggio il mese di un possibile massimo storico per l’indice americano in area 1700 punti. I mesi sono passati, l’indice americano ha dato vita a correzioni modeste, in linea con la sua media mobile a 50 giorni, per portarsi in questi giorni vicino ai massimi che lo schema aveva previsto. Come dobbiamo affrontare questa situazione? È giusto fare quello che gli analisti delle major propongono ai mercati, cioè rettificare al rialzo le previsioni fatte? Goldman è uscita pochi giorni fa indicando in quota 1900 il nuovo obiettivo per il 2013, una revisione al rialzo che, giusta o sbagliata che sia, non può non suscitare dubbi e anche qualche sospetto di conflitto di interessi tra chi le azioni le vende di mestiere e chi comprandole gli fa guadagnare bonus importanti. Si deve notare che dall’inizio dell’anno la Borsa USA è cresciuta del 18% e che a febbraio eravamo tra i pochi a indicare in area 1700 punti l’obiettivo del 2013. Inoltre il mercato sale 12

dal 2009 quando SPX stava a 666 punti, e, oggi possiamo dirlo, il crollo del 2011 è stato l’ultima grande occasione di acquisto. Quando il giorno 22 maggio, in concomitanza con la pausa di assestamento di Tokio, la Borsa ha accennato ad una correzione gli investitori si sono affrettati a comprare ETF short sul SPX. Naturalmente con troppa furia e senza calcolare la forza di un trend che ha avuto molte occasioni per invertire la sua corsa, ma ha saputo superarle tutte. Se analizziamo l’andamento del mercato dai suoi vecchi massimi storici, quelli del 2007, notiamo che mentre il mercato ha continuato a crescere, gli investitori in fondi (dati JPM) hanno continuato a disinvestire dal mondo equity, fino a sottrarre al mercato quasi 600 miliardi di dollari dal 2007 al 2012. Viene da chiedersi, visto che la Borsa continua a salire, cosa succederebbe se il 20% di quello che è uscito dovesse rientrare…. Questa è un’altra delle molte contraddizioni con cui dobbiamo convivere: i flussi di investimento e la Borsa hanno seguito percorsi opposti. Se questo è un dato strano, ma non preoccupante, qui sotto vediamo un grafico che illustra l’esposizione al mercato degli investitori, amplificata dall’uso della leva finanziaria.

NOI - GIUGNO 2013


OUTLOOK MERCATI

Per quanto la leva non abbia raggiunto ancora i livelli del 2007, la crescita esponenziale dell’indebitamento a fini speculativi dalla seconda metà del 2012 è preoccupante. Infatti sta raggiungendo l’area in cui in passato i venditori hanno ripreso il controllo dei mercati e l’indice Usa ha subito perdite molto importanti. Dal grafico di Doug Short (un’autorità in materia) si nota anche che il massimo storico dei nostri giorni è solo vero in termini nominale. Depurato dall’inflazione, invece, SPX sarebbe ancora sotto i massimi del 2000 e del 2007. Quelli relativi ai livelli raggiunti dalla leva finanziaria sono ovviamente dati preoccupanti, ma non certo in grado di darci la cosa che serve davvero a chi fa il nostro mestiere: il segnale di vendita. Il mercato può rimanere in condizioni di ipercomprato per periodi di tempo anche molto lunghi, e, quando la liquidità è abbondante e a basso prezzo come lo è in questo momento storico, è molto difficile trovare corrispondenze affidabili tra l’andamento dei mercati e i valori degli asset calcolati in modo classico. Quello che tutti vorremmo avere è un segnale di “fuori tutto”, un warning che salvi i nostri averi dal ribasso che (ma quando?) prima o poi arriverà.

Guardare il Nikkei dice molto sul gradimento della Borsa quanto alla politica di Abe, ma guardare i singoli titoli è ancora più esemplificativo. I valori dei titoli sono letteralmente esplosi. Daikin, per esempio, comincia ora una fase di storno dopo una salita mozzafiato.

Giappone: l’Impero colpisce ancora

La violenza con cui i giapponesi hanno abbracciato il percorso di svalutazione dello Yen è davvero impressionante. In pochi mesi dollaro ed euro si sono apprezzati vertiginosamente, mandando alle stelle la Borsa di Tokio e aprendo un fronte nuovo in quella che è da anni descritta come la guerra della svalutazione delle monete. In realtà questo è il primo vero atto che meriti la definizione bellica, tra tutti quelli che hanno contraddistinto i vari interventi riflazionistici, in particolare quelli americani. Il Giappone è partito in quarta, prendendo tutti di sorpresa nel tentativo di far ripartire l’economia, esportando la sua deflazione. L’industria giapponese per anni ha dovuto confrontarsi con la concorrenza fatta da Paesi che beneficiavano della forza dello Yen e, per sopravvivere, ha dovuto puntare sulla qualità dei suoi prodotti che sono diventati eccellenti sotto tutti i punti di vista. Erano però considerati costosi, fino a poco tempo fa. Oggi lo sconto contro euro e dollaro supera il 30% e di colpo sta diventando più conveniente comprare un video Panasonic che un Samsung. Quanto dovrà passare prima che i cinesi dimentichino la BMW e comprino Lexus?

Mentre negli ultimi sei mesi Daikin volava al raddoppio, il suo concorrente tedesco più classico rallentava la corsa in maniera preoccupante. Ecco Siemens:

Il mercato ha reagito immediatamente, ecco alcuni esempi:

Qualche giorno fa, il noto analista americano John Mauldin ha attaccato pesantemente il ricorso giapponese al QE, sostenendo che la manovra sarà insostenibile e genererà un vero e proprio disastro finanziario globale, specie se dovesse creare instabilità nell’enorme debito pubblico giapponese. Quello che colpisce NOI - GIUGNO 2013

13


OUTLOOK MERCATI

dell’analisi di Mauldin è il fatto di pensare che l’impatto dell’Abenomic sul debito pubblico giapponese sia un dato che la BOJ non avrebbe preso in considerazione. Come fu per la crisi dell’Euro, valuta sicuramente condannata già nel 2012 a dissolversi secondo Mauldin e non solo, gli americani sembrano pensare che gli unici in grado di fare reflation siano loro. Intanto, mentre il Nikkei vola, Bmw tracheggia. Oggi l’intervento giapponese è un vero e proprio game changer a livello fondamentale. La reazione delle economie concorrenti deve essere rapida e decisa per proteggere le industrie domestiche dall’invasione di merci di qualità molto alta di nuovo concorrenziali nei prezzi. In Europa si comincia a parlare di politiche favorevoli al rilancio dell’occupazione, forse che il nuovo corso giapponese avrà avuto qualche influenza sulla nuova tendenza più accomodante dei nostri governanti, in particolare dei governanti tedeschi? Proponiamo la lettura di quest’analisi fatta da uno dei migliori contributor del nostro Ufficio Studi che approfondisce la tematica giapponese.

Giappone: il cambiamento economico porta volatilità e opportunità

Siamo ottimisti sull’outlook in un’ottica a un anno per le azioni giapponesi. Crediamo che lo scopo del primo ministro Abe di rinvigorire la crescita economica ponendo fine a due decenni di deflazione continuerà a spingere le azioni giapponesi verso l’alto. Siamo stati piacevolmente sorpresi dalla velocità e dalla forza con cui i mercati hanno finora anticipato il successo delle sue politiche. L’indice azionario Nikkei 225 ha quasi raddoppiato dal suo minimo di novembre fino al recente massimo e lo Yen si è deprezzato di più del 25% rispetto al dollaro. La strategia di Abe delle tre frecce (1. Quantitative Easing per invertire la deflazione e indebolire lo Yen, 2. Stimolo fiscale per promuovere gli investimenti e la crescita, 3. Riforme strutturali per aumentare la competitività e sostenere l’espansione dei profitti aziendali) è uno degli esperimenti politici più aggressivi mai fatti da qualsiasi maggiore economia e gli esiti possono solo essere stimati. Ma come noi siamo ottimisti, altrettanti sono gli scettici. Il declino del Nikkei 225 giovedì scorso (-7,3%) è comprensibile se visto nel contesto di variazioni significative nelle stime degli utili, dei tassi di interesse a lungo termine e dell’attività economica. Il mercato americano e quelli globali hanno avuto una simile volatilità e simili oscillazioni di prezzo a seguito del cambiamento delle aspettative nel 2008: all’epoca, dal momento che le azioni andavano incontro ad un periodo di aggiustamento a causa dei significativi cali nella crescita e negli utili, abbiamo vissuto svariate settimane in cui le azioni sono cresciute del 5-10% nonostante i il mercato rimanesse in un forte trend ribassista. Pensiamo che il Giappone stia sperimentando la situazio14

ne opposta. Restiamo sulla nostra posizione di overweight nel medio periodo. Anche le azioni americane hanno subito una flessione settimana scorsa, sebbene poco più dell’1%, riflettendo un ambiente economico più stabile e molta meno dispersione delle stime. Consideriamo il rallentamento del trend rialzista americano come salutare piuttosto che come un motivo per cui allarmarsi. I mercati hanno reagito ai commenti di Bernanke sulla diminuzione dell’acquisto di asset come una “scusa” per vendere, nonostante non si possa ravvisare alcunché di nuovo nelle sue affermazioni. Il sentiment della massa è diventato estremamente ottimista a seguito della striscia di nuovi massimi storici segnati dall’S&P500 da inizio aprile. Pensiamo che quest’ottimismo necessiti probabilmente di scemare un poco, prima che le azioni possano riprendere a salire. La Fed ha esplicitamente affermato che comincerà a rimuovere le politiche straordinarie accomodanti nel momento in cui il tasso di disoccupazione dovesse arrivare al 6,5%: attualmente la disoccupazione è al 7,5% e potrebbe plausibilmente raggiungere il target della Fed in circa un anno, dato l’attuale lento (ma costante) tasso di crescita dell’occupazione. Il focus sta virando sulle tempistiche di una riduzione del Quantitative Easing. La minoranza interventista dei membri della commissione politica della Fed è stata esplicita sul fermare immediatamente i QE (ossia vendendo asset e aumentando i tassi d’interesse), ma i dati sull’inflazione e le aspettative di inflazione al momento non la supportano. Consideriamo i commenti della Vice-Presidente Janet Yellen (forte candidata nel succedere Bernanke al termine del suo mandato a gennaio 2014) come una guida più influente in relazione alla politica monetaria. La Yellen ha recentemente affermato: “È probabile che io integri i dati sul lavoro e la disoccupazione con analisi dei flussi di occupazione lordi, come i licenziamenti e le assunzioni, che descrivono le dinamiche sottostanti al mercato del lavoro, cercando di raggiungere un incremento nei tassi di assunzione. Allo stesso modo, una ripresa del tasso di dimissioni (che permane su bassi livelli) segnalerebbe che i lavoratori percepiscono che le loro possibilità di essere riassunti sono elevate: in altre parole che la domanda di lavoro si è rafforzata”. Il tasso di assunzione è stato piatto su valori intorno al 3% e ben al di sotto di quelli precedenti alla recessione. I commenti della Yellen suggeriscono che un incremento sostenuto verso il 4% è necessario affinché la Fed possa togliere il piede dall’acceleratore. Il Nikkei 225 è sceso del 7,3% giovedì scorso, incoraggiando timori in merito alla fine del rally cominciato lo scorso novembre. Con l’incremento dell’80% del Nikkei da novembre al picco NOI - GIUGNO 2013


OUTLOOK MERCATI

di settimana scorsa, riteniamo che un pull-back sia normale. In base ai tipici ripiegamenti, la flessione di settimana scorsa non ha raggiunto nemmeno il 23,6% del rally tra novembre e marzo, la correzione più bassa sperimentata durante rally sostenuti. Il Nikkei è stato volatile (da giugno 2012 è diminuito del 19% dal suo massimo di marzo). Un simile declino dal picco di settimana scorsa porterebbe il Nikkei a 12700, per una correzione compresa tra il 38% e il 50%, che sarebbe ancora coerente con un pull-back di breve periodo nel contesto di un trend di lungo termine. Ad ogni modo, dato il recente successo ed entusiasmo per la strategia delle tre frecce di Abe, ci aspettiamo una ripresa del trend rialzista e che i pull-back siano del 5-7%, così come lo sono stati a partire dal rally di novembre. Inoltre, in un’ottica di lungo termine, il Nikkei è sotto del 62% rispetto ai massimi di sempre registrati nel dicembre del 1989 e ha segnato un minimo storico in termini relativi rispetto all’S&P 500 a ottobre dell’anno scorso. Da quel minimo il Nikkei ha sovraperformato l’S&P 500 di circa il 48%. Ci aspettiamo che le azioni giapponesi conoscano una sovraperformance per il resto dell’anno e che rimangano sovrappesate nel nostro portafoglio.

Conclusioni

Il livello di attenzione che si deve mantenere sulle posizioni equity resta alto, soprattutto perché il trend è ormai maturo: la crescita della Borsa USA dura ormai da quattro anni. Molto si scrive sul fatto che la crescita sarebbe drogata dalla liquidità, da un comportamento scriteriato delle Banche Centrali e da una gigantesco errore di calcolo che un giorno (ma chissà quando?) genererà la voragine che tutti ci inghiottirà. Sta di fatto che dal fiscal cliff che non c’è stato (ricordate la moneta di platino da mille miliardi di dollari da coniare il dicembre scorso per salvare il mondo?) fino ad oggi, la Borsa è ancora salita, l’Euro con buona pace dei profeti di sventura è ancora lì e il povero debito della Grecia che sembrava pronto a finire nella spazzatura della Storia adesso merita una diversa

Daniele Bevacqua, Amministratore Delegato Sofia Sgr

considerazione, almeno sui mercati. A nostro parere, dire oggi quando il mercato si fermerà non è possibile, e pensare che le Banche Centrali stiano gestendo le loro politiche monetarie in maniera casuale secondo noi è un pensiero arrogante: Bernanke e soci hanno a disposizione mezzi e cervelli di prim’ordine. Certamente possono sbagliare, ma finora la manovra di reflation ha funzionato in USA e il rigore ha riportato i rendimenti greci a livelli molto lontani da quelli del default. Secondo noi le Banche Centrali guidano e vengono giudicate dai mercati e proprio sui mercati si vedrà chiaramente se ci saranno segnali di indebolimento. Quindi tatticamente siamo rialzisti, senza cieca fiducia e consci che il trend è maturo. Ci sono possibilità di storno, specie dopo salite troppo rapide, ma per ora segnali di inversione non se ne vedono e quindi perché dovrebbe essere obbligatorio cercarli per forza? Da ultimo i nostri Citisurprise. Ancora tutti in sell, a indicare che l’economia e la finanza stanno andando in direzioni diverse. Questo è probabilmente il motivo della sensazione di anomalia che oggi accompagna la crescita delle Borse.

Se ti piacciono le nostre analisi e pensi che ti piacerebbe approfondire il nostro modo di affrontare il mondo degli investimenti, manda una mail a

sofiaborgomanero@sofiasgr.it

Un nostro esperto ti contatterà per proporti un’analisi gratuita del tuo portafoglio e uno studio approfondito delle tue esigenze per ottimizzare i tuoi investimenti.

NOI - GIUGNO 2013

15


I N F O P O I N T

Salone del Libro, Lingua Madre premia Novara

Trasferta all'ombra della Mole per la cultura novarese. Lo scorso 20 maggio il Sindaco Andrea Ballarè ha premiato con il Ministro Cécile Kyenge la vincitrice del Concorso letterario Lingua Madre, Gul Ince. Il suo racconto, “Mare vuol dire Deniz”, si è classificato al primo posto assoluto del contest letterario. Riconoscimento anche per la diciottenne di origini albanesi Lina Alushi, che si è aggiudicata il “Premio Speciale Rotary Club Torino Mole Antonelliana”. «Un momento importante di cultura, ma anche di condivisione», conferma il Sindaco, che ha voluto far visita agli espositori novaresi del Salone del Libro. «La loro presenza – commenta Ballarè – testimonia la vitalità del nostro territorio, come pure l'impegno di editori e operatori del settore, che affrontano un periodo non certo facile con spirito di iniziativa e volontà di innovare».

Homo Sapiens: fino a fine luglio prorogata la durata della mostra

Visto il grande successo, Comune, Provincia e produzione hanno deciso di prolungare l’apertura fino a domenica 28 luglio. Un mese di Homo Sapiens in più quindi, visto il grande successo che ha portato finora a Novara 23.000 visitatori, con un trend in continua crescita. La mostra sarà quindi aperta non fino al 30 giugno, ma fino a domenica 28 luglio, con gli stessi orari settimanali di apertura. «Abbiamo valutato – spiegano l’assessore alla cultura del Comune di Novara

Paola Turchelli e l’assessore alla cultura della Provincia di Novara Alessandro Canelli – che un ulteriore mese di apertura possa far crescere ulteriormente il numero degli ingressi, offrendo in particolare una opportunità di visita alla città ai numerosi turisti stranieri che nel mese di luglio affollano in particolare gli alberghi e i campeggi nelle località del Lago Maggiore e del Lago d’Orta. Per questa ragione sarà effettuata una ulteriore campagna promozionale mirata in particolare a questo tipo di pubblico»

Calendario unico per le scuole novaresi

Un calendario scolastico omogeneo per favorire le famiglie e ottimizzare i servizi. Questa la proposta dell'amministrazione comunale agli Istituti Comprensivi della città. «L’idea è quella di invitare le scuole ad adottare il calendario regionale, per non creare differenziazioni che possono essere fonte di problemi» spiega l'Assessore all'Istruzione, Margherita Patti. Una scelta univoca potrà portare a un miglioramento dei servizi per gli studenti. «La ristorazione, il trasporto e l’assistenza agli alunni disabili - precisa l'Assessore - sono solo alcuni esempi, senza trascurare la qualità della vita di quelle famiglie con più figli che frequentano istituti differenti». La delibera, approvata dalla giunta, sarà sottoposta agli istituti al fine di trovare la più ampia condivisione e individuare le modalità di applicazione a partire dal prossimo 10 settembre, data di inizio delle lezioni fissata dalla Regione.

Insieme per decidere: una città che cambia

Partecipazione e collaborazione. L'assemblea plenaria ed i tavoli tematici di "Insieme per decidere" hanno approfondito anche i temi ambientali e della mobilità. Due linee chiave per l'amministrazione comunale, impegnata in una NOI - GIUGNO 2013


INFO POINT

revisione del sistema traffico cittadino: più mobilità lenta e incremento delle aree pedonali, per ridurre i livelli di inquinamento atmosferico e rendere la città sempre più a misura d'uomo. Obiettivi che prevedono il coinvolgimento diretto dei cittadini, come è accaduto sul fronte rifiuti: la differenziata al 72,4% rappresenta un modello nazionale che ha consentito anche di ridurre la quota complessiva di rifiuti prodotta pro capite, 440 chilogrammi contro gli oltre 560 della media nazionale.

Il sindaco di Novara nel “governo” dell'Anci

Novara nel “governo” dell'Anci. Si è riunita giovedì 16 maggio a Roma la prima assemblea dell’Associazione Nazionale dei Comuni d’Italia, con Andrea Ballaré tra i componenti dell'ufficio di presidenza. Una nomina comunicata lo scorso 7 maggio dal Ministro e presidente uscente dell'Associazione, Graziano Del Rio. «Non posso che essere soddisfatto - commenta il Sindaco - per un riconoscimento che va a tutta la città. Considero questo incarico di grande importanza strategica e farò in modo che questa opportunità possa portare vantaggi concreti anche per la città di Novara». La città gaudenziana assume quindi un ruolo di primo piano nell'organismo che riunisce oltre 7mila comunità, e potrà confrontarsi direttamente con il Parlamento, il Governo e gli organismi dell'Unione europea. NOI - GIUGNO 2013

«In un momento di grande difficoltà per le amministrazioni locali – commenta Ballarè – avere la possibilità di essere partecipe dei tavoli sui quali queste scelte prendono forma è certamente importante, soprattutto per le conseguenze delle decisioni che vengono assunte a livello centrale».

Dallo "spreco" alimentare al solidale

Stop agli sprechi e sì alla solidarietà. Queste le finalità del progetto SitiCibo, avviato nel mese di maggio nelle scuole primarie di novara Fratelli di Dio, Bottacchi, Bollini, Rigutini e Buscaglia. Un percorso educativo che vede protagonisti i più piccoli. «Un'iniziativa solidale – spiega l'Assessore all'Istruzione Margherita Patti – in cui ciascun bambino è responsabile del proprio cibo; da un lato si educa ad evitare gli sprechi, dall'altro si raccoglie quanto avanzato per metterlo a disposizione di chi ha più bisogno». Il progetto ,concordato con l'Asl, nasce in collaborazione con le scuole, che hanno rilevato una notevole quantità di cibo avanzato e “non toccato” nelle mense. «Una sperimentazione – precisa l'Assessore – che proseguirà fino a settembre con la supervisione dei volontari del Banco Alimentare, per poi essere allargato a tutte le scuole cittadine». Quanto raccolto verrà, infine, messo a disposizione di chi è in difficoltà presso le mense del Convento dei Cappuccini di San Nazzaro della Costa e delle Suore del Sacro Cuore di Novara.

Comune e Provincia per un nuovo modello di trasporto pubblico

Garantire il trasporto pubblico. Questo l'obiettivo fissato dall'amministrazione comunale, che affianca Sun Spa in un percorso aziendale che proprio in questi giorni ha portato al taglio delle corse festive dei bus cittadini. Da un lato la situazione finanziaria dell'azienda, dall'altro il peso specifico del servizio festivo (2mila passeggeri contro

i 29mila delle corse feriali) hanno condotto ad una decisione difficile. «E' nostra intenzione potenziare il trasporto pubblico – spiega il sindaco, Andrea Ballarè – per questo vogliamo riportare Sun nelle migliori condizioni per fornire il proprio servizio». In quest'ottica si inserisce la convenzione sottoscritta con la Provincia di Novara per l'affidamento ad un unico gestore mediante gara pubblica dei servizi di trasporto pubblico locale urbano, suburbano ed extraurbano. Un documento che avvia un percorso di integrazione tariffaria, gestionale e di pianificazione dei servizi, uniformando circa 6milioni di chilometri di servizio annuo distribuito su 25 linee complessive (9 urbane e 16 extraurbane) e la gestione del bike sharing cittadino. Un passaggio determinante per garantire standard elevati, efficienza e sostenibilità economica.

Street Games, sport protagonista nel centro storico

Novara si prepara all'invasione di Street Games. «Una manifestazione che trasforma la nostra città in un laboratorio di idee, iniziative e partecipazione», ha spiegato il Sindaco, Andrea Ballarè, durante la conferenza stampa alla Sala del Compasso, al metro settantacinque della Cupola antonelliana. Dal 22 al 30 giugno il cuore della città cambia volto e grazie alla collaborazione di Novara Sportiva l'offerta sportiva raddoppia. «Basket, volley e calcetto sono la storia della manifestazione – spiega Michele Belletti, leader del comitato organizzatore “Street Games” – ma nella nostra piccola olimpiade ci sarà spazio per ogni sport. Dalle arti marziali all'atletica, passando dagli sport acquatici e dal ciclismo, fino alla scherma e all'arrampicata sportiva; non ci scordiamo di nessuno». Intanto Street Games si propone come “Festa No Slot”, una scelta condivisa tra amministrazione comunale e organizzatori. «L'organizzazione – spiega 17


I N F O P O I N T

l'Assessore al Commercio del Comune di Novara, Sara Paladini – ha accolto la nostra sollecitazione rinunciando a sponsorizzazioni legate al mondo del gioco d'azzardo».

Più decoro urbano con l'aiuto dei novaresi

Non fare il salame. Insaccali! I rifiuti ovviamente, perché neppure vivendo cent'anni, in tal caso, li vedremmo riassorbiti nell'ambiente. Da qui la campagna di sollecitazione del Comune di Novara che ha preso il via a fine maggio. «Novara è la città simbolo della raccolta differenziata – sottolinea il primo cittadino, Andrea Ballarè – ora vogliamo che la sensibilità dei cittadini cresca anche sotto il profilo del decoro urbano». Per questo l'iniziativa ha tra le sue principali finalità quella di coinvolgere in prima persona i cittadini. La campagna di affissione, così come i variopinti “cestini mostruosi” realizzati dagli studenti del Liceo Felice Casorati, sono solo i primi esempi del taglio partecipativo dell'iniziativa.

“ARTE, ARTI E ARTISTI” del territorio novaresi

Concorso Fotografico organizzato dall’Unione Sportiva Acli e dal CSF EnAIP di Oleggio, giunto alla 5° edizione. Gli scatti fotografici potranno cogliere in modo inusuale e fantasioso opere d’arte presenti in provincia di Novara, espressioni artistiche tradizionali e moderne tipiche del territorio, artisti o presunti tali durante le loro performance o accanto ai loro capolavori. Si richiedono massimo 3 scatti reali, recenti e senza fotomontaggi, su supporto fotografico 35 (A3+) e montati su cartoncino nero rigido 35x50. Le foto devono essere titolate o commentate in breve. La consegna dovrà avvenire entro sabato 22 giugno 2013, presso il CSF EnAIP di Oleggio, in viale Paganini n. 21 o presso l’ADS Sporting Oleggio, in via Castelnovate 6/B.

Per maggiori informazioni tel n. 0321-94440 www.enaip.piemonte.it

Fondazione "La nosta Gent" onlus Romagnano Sesia

Bando di concorso 2013 per l’assegnazione di un premio con argomento: “I dialetti del Novarese e Bassa Valsesia, lingue che non muoiono. Ruolo dei ialetti nella società futura”. La partecipazione è riservata a cittadini italiani e stranieri, singoli e associati; alle scuole e/o classi scolastiche di ogni ordine e grado; agli istituti ed enti di ricerca pubblici e privati. Il lavoro, che dovrà essere inedito, potrà essere costituito da materiale scritto, immagini, suoni, filmati. Il testo del Bando, il regolamento e il modulo di domanda di ammissioni si possono trovare sul sito www.lanostagent.it. Le domande di partecipazione dovranno pervenire entro il 31 luglio 2013.

Impresa Continua Sostegno alla creazione di nuova imprenditoria per il trasferimento d’azienda

Nell’ambito del Progetto AMVA – Apprendistato e Mestieri a Vocazione Artigianale – realizzato da Italia Lavoro e sostenuto dalla Provincia sono disponibili contributi per promuovere il tramandarsi della tradizione italiana e la creazione di nuove imprese attraverso il trasferimento d’azienda da imprenditori con età superiore ai 55 anni a giovani imprenditori di età compresa tra i 18 e i 35 anni non compiuti. La domanda di contributo può essere presentata unicamente attraverso il sistema informativo http://impresacontinua.italialavoro.it. La domanda può essere presentata dalle ore 10:00 del 20/02/2013 e non oltre il 31/12/2013, salvo esaurimento delle risorse disponibili. Tutti i dettagli nel link qui di seguito: http://www.provincia.novara.it/PrimoPiano/data/Impresa%20Continua.pdf

NOI - GIUGNO 2013


INFO POINT

Streetgames 2013 - Dal 22 al 30 Giugno Novara si veste di sport «Dove c'è uno spazio lo copriamo di sport: quest'anno saremo in ogni angolo del centro storico». Parola di Michele Belletti, leader del l’ Associazione Sportiva Streetgames A.S.D, che dal 22 al 30 giugno colorerà piazze e vie del cuore di Novara. «Una manifestazione che trasforma la nostra città in un laboratorio di idee, iniziative e partecipazione», ha spiegato il Sindaco, Andrea Ballarè durante la conferenza stampa alla Sala del Compasso, al metro settantacinque della Cupola antonelliana. «Lo scorso anno – prosegue il primo cittadino – abbiamo chiesto all'organizzazione di crescere ancora e hanno rispettato l'impegno». Con il contributo di Novara Sportiva, in particolare per le attività con le scuole e con i ragazzi, gli Streetgames raddoppiano l'offerta sportiva e gli spazi per le iniziative. «Basket, beach volley e calcio a cinque rappresentano la storia della manifestazione – spiega Belletti – ma nella nostra NOI - GIUGNO 2013

piccola olimpiade ci sarà spazio per ogni sport. Dalle arti marziali all'atletica, passando dagli sport acquatici e dal ciclismo, fino alla scherma e all'arrampicata sportiva; non ci scordiamo di nessuno e speriamo che la città faccia festa con noi». Una particolare attenzione agli atleti diversamente abili che si sfideranno sul campo da beach volley, sotto canestro e per la prima volta nel tiro con l'arco (al Broletto) e nel tennis, sul campo da basket. «Saranno davvero molte le novità – aggiunge Marta Bechis, già stella del volley e membro attivo del comitato organizzatore di Streetgames – e la collaborazione con il Novara Calcio, in particolare, riserverà una bella sorpresa a tutti gli appassionati... ma non possiamo svelare proprio tutto alla prima uscita ufficiale». Intanto Streetgames si segnala come “Festa No Slot”, una scelta condivisa tra amministrazione comunale e organizzatori. «Il comitato – spiega l'Assessore

al Commercio del Comune di Novara, Sara Paladini – ha accolto la nostra sollecitazione rinunciando a sponsorizzazioni importanti. È stata una scelta di indirizzo: l'impegno dell'Amministrazione su questo fronte non ammette tentennamenti e questa iniziativa di sport, partecipazione e valori positivi non poteva che rappresentare un punto fermo della nostra azione». Il “fischio d'inizio” degli Streetgames 2013 è affidato alla tradizionale cerimonia di apertura, Sabato 22 giugno, divisa tra piazza Duomo, spazio dell'intrattenimento per tutta la durata della manifestazione, e piazza Martiri con uno spettacolo di mapping sulle facciate di palazzo Venezia. Il programma dettagliato e i format per le iscrizioni ai tornei sul sito www.streetgames.it

19


SALUTE

ASL NO

Giornata mondiale contro il tabagismo

Smettere di fumare è vincere in salute L’Azienda Sanitaria Locale di Novara, anche per l’anno 2013, il 31 maggio scorso ha aderito alla giornata mondiale contro il tabagismo, per sensibilizzare le persone sui danni connessi all’utilizzo di tabacco ed informare la popolazione sui rischi significativi di sviluppare malattie cardiovascolari, respiratorie e oncologiche e orientare le persone a smettere di fumare. La sigaretta elettronica (e.cig), ritenuta uno strumento sicuro che avrebbe consentito al fumatore di continuare la sua dipendenza azzerando i rischi connessi al tabacco, in realtà potrebbe rappresentare l’induzione ad una nuova dipendenza, soprattutto sui giovani e gli adolescenti. L’unica soluzione al problema tabac-

co è cessare del tutto i contatti con tale sostanza, se la motivazione a smettere è sufficiente, ma occorre rinforzarla con un trattamento integrato psico-comportamentale e farmacologico che, al momento, sembra essere quello che permette di raggiungere i migliori risultati in termini di disassuefazione dal tabagismo a lungo termine. La ricaduta temporanea, quando avviene, non è da vivere come un fallimento, bensì come una fase del percorso stesso, considerando che ogni dipendenza è definita come una patologia cronica recidivante e che la corretta elaborazione delle eventuali ricadute è una tappa fondamentale verso il conseguimento di una disassuefazione definitiva e stabile.

A questo proposito vogliamo ricordare ai tabagisti di Novara e Provincia che il Centro di Trattamento del Tabagismo dell’A.S.L. NO di Novara, coordinato dal dott. Giovanni Pistone, sito in via Monte S. Gabriele n. 4, è sempre disponibile a supportarli gratuitamente (nelle prestazioni mediche, psicodiagnostiche e psicoterapeutiche) in un percorso di disassuefazione. Gli interessati possono rivolgersi, per semplici informazioni o per un primo appuntamento, ai seguenti numeri: 0321/374373 (per lasciare un messaggio in segreteria telefonica ed essere ricontattati) o al 338/9671484 nelle giornate lavorative, indicativamente dalle 9.00 alle 17.

A Borgomanero è nato un luogo dove si possono organizzare feste di compleanno per i vostri bambini con una spesa modica. Un posto dove c’è la possibilità di avere un catering per bibite e merenda o di organizzarsi da soli. Un posto riscaldato con bagno a disposizione e spazio dove i bimbi possono correre e una sala dove mangiare seduti ad un tavolo se così preferite. Per informazioni: 20

0322 83 16 66 NOI - GIUGNO 2013


LASCIAMO CHE SIA IL SORRISO DEI NOSTRI OSPITI A PARLARVI DI NOI

Residenze per anziani in Piemonte

Il calore di un’atmosfera familiare e la certezza di assistenza medica e riabilitativa adeguata per anziani autosufficienti e non autosufficienti, anche per soggiorni temporanei. È questo che garantiamo ai tuoi cari: competenza, attenzione e ascolto costanti. Vieni a trovarci in una delle 15 residenze piemontesi convenzionate, è il modo migliore per comprendere come si vive da noi.

Rette promozionali a partire da 36 €/giorno

Tel. 011 9826100 - info@anniazzurri.it - www.anniazzurri.it


PSICOLOGIA

Manovre di "self help strategico"

Raggiungere i propri obiettivi attraverso la tecnica dello scalatore «Anche un viaggio di mille leghe comincia con un piccolo passo». Lao Tze

di Chiara Ratto Psicologa e Psicoterapeuta

22

Con questa frase, la saggezza cinese più antica ci indica il modo corretto di affrontare e risolvere anche problemi complessi e particolarmente resistenti al cambiamento. Nei fatti, significa che a volte, per sbloccare una situazione problematica, non sono necessarie, come ho spiegato in un precedente articolo, grandi scoperte o azioni straordinarie, ma è fondamentale iniziare a mettere in atto il più piccolo e concreto cambiamento possibile. Spesso la tendenza naturale di tutti i noi di fronte ai problemi invece, è quella di guardare lontano, quando in realtà la soluzione è molto più vicina di quanto si pensi. In natura, tutti i sistemi viventi cercano in qualche modo di resistere al cambiamento del proprio equilibrio, qualora esso si sia consolidato nel tempo, un fenomeno che Claude Bernard definì con il nome di «omeostasi». Pertanto, non si potrà agire su di essi in maniera troppo evidente e repentina, pensando di sovvertire in un solo colpo la loro

condizione, ma concentrarsi invece su quello che potrebbe essere il più piccolo ed apparentemente innocuo intervento da realizzare. Del resto, Thom, parlando del cosiddetto «effetto Butterfly», sosteneva come anche il più piccolo cambiamento introdotto all’interno di un sistema complesso fosse in grado di innescare una serie di reazioni a catena in grado di sovvertirne l’equilibrio generale. Frequentemente tuttavia, le persone coinvolte all’interno di un problema non sono in grado di individuare quale debba essere la prima mossa rispetto alle successive all’interno di un processo di trasformazione, proprio per la tipica tendenza ad accelerare tale dinamica. A questo proposito, la Terapia Breve Strategica propone una tecnica facile da utilizzare e straordinariamente efficace, allo scopo di pianificare la sequenza di azioni da intraprendere per raggiungere l’obiettivo prefissato.

NOI - GIUGNO 2013


PSICOLOGIA

La cosiddetta tecnica dello scalatore prende il nome dal metodo utilizzato dalle guide alpine esperte per preparare la scalata di una montagna. Queste ultime invece che progettare il percorso a partire dalla base, lo studiano a partire dalla cima, costruendolo così a ritroso, al fine di evitare tratti fuorvianti rispetto all’obiettivo da raggiungere. Scendendo all’indietro infatti, è molto più facile scegliere il tragitto idoneo e quindi costruirlo nei suoi diversi stadi, prevedendo tappe intermedie o la possibilità di cambiare percorso se si incontrassero difficoltà inattese. Analogamente, quando il terapeuta strategico si trova di fronte un obiettivo come punto d’arrivo del proprio intervento, cercherà di guidare le persone

coinvolte a suddividere la distanza da percorrere, a partire da esso, in una serie di stadi o micro-obiettivi. In altre parole, si chiederà a coloro che prendono parte al processo di cambiamento di porsi questa domanda: «Quale sarebbe il punto raggiunto il quale potremmo dire che la situazione problematica è stata risolta? Quale sarebbe lo stadio subito precedente alla completa risoluzione del problema? E quello ancora prima?». È fondamentale quindi, aiutare i soggetti a frazionare il percorso in almeno 10 piccoli passi, ognuno dei quali dovrà corrispondere al conseguimento di uno specifico sotto-obiettivo. In questo modo, li si guiderà a definire in termini estremamente concreti ogni piccolo passo del processo di soluzione del

problema a partire dall’obiettivo finale fino al punto di partenza. Grazie al frazionamento dell’obiettivo, il terapeuta sarà in grado di aggirare la resistenza al cambiamento all’interno del sistema e potrà quindi proporre ed utilizzare, per ogni singolo stadio e a partire dal più piccolo micro-obiettivo realizzabile, tecniche e stratagemmi specifici di intervento, verificandone di volta in volta l’efficacia, senza sovraccaricare le persone coinvolte nel cambiamento di eccessive responsabilità. Usando le parole di John Weakland: «Ogni cosa conduce a un’altra cosa, che conduce a un’altra cosa… Se ti concentri sul fare la più piccola, poi la successiva e così via, ti troverai a fare grandi cose, avendo fatto solo piccole cose».

AMA TE STESSO GUARISCI LA TUA VITA Corso Ufficiale Louise Hay - Heal Your Life® approvato dalla Hay House

Borgomanero (No) 15-16 GIUGNO 2013 dalle ore 9.30 alle ore 18.30 con Erica Chilese Insegnante certificata Louise Hay - Heal Your Life® Un potente seminario ideato da Louise Hay nel quale si lavora su 4 livelli: fisico, emotivo, mentale e spirituale. Una vasta scelta di esercizi pratici, individuali, a coppie e di gruppo, affermazioni positive e visualizzazioni, lavoro allo specchio ed altre tecniche semplici e divertenti per accrescere l’autostima, aumentare il successo e riscoprire il potere che è in noi. Il seminario è un gioco di squadra dove apprendere, sperimentare, comprendere ed utilizzare la propria creatività in maniera più utile, gioiosa ed illimitata, dove contattare e liberare la tua forza vitale, rilasciare le emozioni che bloccano la gioia di vivere e l’intuito, imparare ad interpretare gli schemi che si nascondono dietro alla “malattia”, trasformare la tua esistenza nella gioia e nella consapevolezza.

Costo € 260,00 Promozioni: • Tessera annuale obbl. Change Lab € 20,00

NOI - GIUGNO 2013

Info e prenotazioni

0322 831666 23


AMICI ANIMALI

Festa di pre-inaugurazione domenica 2 giugno

Il nuovo "Parco Gatti" a Galliate Domenica 2 Giugno a Galliate si è svolta l’anteprima del nuovo “Parco Gatti”, che aprirà ufficialmente i battenti a fine luglio. Il progetto prevede la costruzione di un parco gatti nel Comune di Galliate, che servirà non solo l’intera provincia, ma sarà operativo in tutta Italia con collegamenti in Spagna e, talvolta, anche in Bosnia e in Romania. In un grandissimo e meraviglioso parco potranno vivere tutti i gatti meno fortunati, che all'interno della struttura avranno un ruolo importante, aiutando con 24

il loro calore e il loro affetto i bambini disabili e autistici. Sarà la prima struttura in Italia, per questo il progetto è stato definito pilota. Sarà aperto a tutti i bambini ed ai disabili, con percorsi gratuiti di recupero: un progetto di forte valenza sociale, non solo per togliere dalla strada e dare una casa ai gatti randagi, ma un vero e proprio progetto integrato di recupero e di pet therapy, con l’utilizzo dei felini quali protagonisti del percorso riabilitativo. Grande successo di pubblico di ogni età per questa pre-inaugurazione, che

ha apprezzato ed elogiato il comitato organizzatore di questa iniziativa, capitanato dalla dott.ssa Daniela Monfroglio. Graditissima anche la degustazione gratuita di gelati, pizze, nutella, gorgonzola IGOR e tante altre ghiottonerie. Ha allietato la festa la presenza di alcune atlete della Igor Volley, accompagnate dal General Manager Enrico Marchioni. Un progetto voluto con caparbietà da un gruppo molto determinato, che ha costituito l'Associazione "Amici dei Gatti onlus". NOI - GIUGNO 2013


AMICI ANIMALI

NOI - GIUGNO 2013

25


Operazione ELETTRODOMESTICI Visto Acquistato

Installato! Un servizio in pi첫 che proponiamo a tutti i nostri Clienti !!!

A PREZZI

ECCEZIONALI!!! ZEROWATT - ZANUSSI - REX - NARDI - DPM I NUOVI TELEVISORI

CENTRO AUTORIZZATO

AUDIO - VIDEO - TELEFONIA CELLULARE - IMPIANTI ANTENNE SATELLITARI IMPIANTI TERRESTRI DIGITALI - LABORATORIO RIPARAZIONE PLASMA - LCD ELETTRODOMESTICI - VENDITE RATEALI IN SEDE

Digital Center di Godio Claudio

GATTICO (NO) - Via Mazzini, 6 - Tel. 0322 880195 - Cell. 338 8859320 BORGOMANERO (NO) - Via Maggiora, 119 - Tel. 0322 842049 MALESCO (VB) - Via Conte Mellerio, 9 - Tel. 0324 92580 STRESA (VB) - Piazza Felice Possi - Tel. 0323 30068


AMICI ANIMALI

DAL JUST CAVALLI IN BENEFICENZA 200 CHILI DI CROCCANTINI In regalo ad un canile e ad un gattile della Bergamasca Andrea G. Pinketts, Edoardo Raspelli, Roberto De Marchi, Carlo Bianchessi...: nel celebre locale notturno,VIP e sponsor (il patrocinio era di Fortesan) per l'iniziativa dell' "Amica degli animali" Maura Anastasia. È uno dei locali più alla moda di Milano: sotto la svettante mole illuminata a giorno, nel cuore del Parco Sempione, ai piedi della Torre Branca, si fa l'alba nei suoi lussuosi interni e nel lussureggiante giardino all'aperto del Just Cavalli. Ma in una sera di fine maggio, accanto

NOI - GIUGNO 2013

alle cozze alla marinara ed ai Prosecco del buffet, nel celebre locale milanese si è svolta un'iniziativa diversa dal solito. Maura Anastasia, modella, attrice ma, soprattutto "Amica degli animali", con la collaborazione del P.R. e manager Paolo Chiparo ha chiamato a raccolta i suo amici, VIP e non, chiamandoli tutti al Just Cavalli per una serata di beneficenza: tutti erano invitati a presentarsi portando solo croccantini e scatolette per cani e gatti. Sarebbero andati ai piccoli animali bisognosi, ospitati in due strutture della provincia di Bergamo e precisamente all'As-

sociazione Amici con i baffi per il Rifugio dei gatti di Madone e per il canile di Grignano. Sono stati raccolti in questo modo ben 200 chili di cibo, in parte donato dallo sponsor, in parte portati direttamente da attori, cantanti, personaggi della TV. La serata ha avuto l'adesione della Mondial Pet Distribution che ha offerto un importante quantitativo di cibo per animali del suo marchio Fortesan. Durante la serata è stato presentato anche l'ultimo CD del cantante Zeus One ''Cattivissimo me''. Testimonial della manifestazione il "cro-

27


AMICI ANIMALI

nista della gastronomia” Edoardo Raspelli, conduttore su Canale 5 di Melaverde, recente vincitore come giornalista tv del premio al MIFF, Milano International Film Festival (il neo Telegatto) ed amante degli animali (in casa sua ha tre gatti: Spicchio, Percival e Semola). Ospiti della serata, oltre naturalmente a Maura Anastasia ed Edoardo Raspelli, Valeria Sorli (giornalista e presentatrice), lo scrittore Andrea G.Pinketts, il cantante rap Zeus One, lo stilista Renato Gatti, i comici Carlo Bianchessi e Roberto De Marchi, gli attori Carlo Emanuele Ostuni e Cristiano Lorenzetto, Maurizio Foschi (direttore Mondi in Rete), il regista Fabio Bastianello, la show girl Tania Cambarau, la presentatrice e cantante Eleonora Cassandra Espago, Antonio Barrera (TS Agency) e suo figlio Alessandro, gli orNOI - GIUGNO 2013

ganizzatori e P.R. Paolo Chiparo (Stars Management) ed Andrea Montaneri, la show girl Valentina Zambon, la conduttrice tv Chiara Squaglia, il cantante Tony Rey, Daniele Ferrentino vice presidente EiPA... Durante la serata sono stati esposti anche alcuni quadri dell'artista Alekas Ghirsen, opere anch’esse dedicate agli animali. Tutti sono stati immortalati dai flash di Astrid Smile, maga del ritratto e del gossip. Maura Anastasia da anni si batte per i diritti degli animali, causa in cui crede con tutta se stessa: ha partecipato attivamente alle manifestazioni contro Green Hill e contro Harlan, non esitando a farsi incatenare per attirare l'attenzione sul problema della vivisezione e del maltrattamento degli animali. Ha collaborato ed aiutato va-

rie associazioni e fatto da madrina a varie manifestazioni animaliste, tra cui il DOG PRAY DAY a Montecatini Terme. Fotomodella da anni (e qualche volta anche attrice) è stata protagonista di vari calendari, il cui guadagnato dalle offerte raccolte viene da lei usato sempre per aiutare cani e gatti bisognosi: Maura Anastasia è anche presente su Facebook dove ha tantissimi fan amanti degli animali; è fondatrice del gruppo "Perché i diritti degli animali vengano rispettati in tutto il mondo''. Di recente Maura Anastasia ha fatto l’attrice in un video del cantante Zeus One (regia di Fabio Bastianello) che ha totalizzato ben oltre 41.000 visualizzazioni ancora in aumento. C.S. 29


UN PAESE A SEI CORDE 2013

Ottava edizione per UN PAESE A SEI CORDE, festival itinerante che, ormai, è una realtà nel panorama italiano della chitarra acustica. Ventitre concerti in rassegna e un’anteprima straordinaria con protagonisti artisti di livello assoluto che, dal lago d'Orta al Maggiore, dalla pianura alla montagna, offriranno il meglio della loro produzione. La rassegna offre anche l'opportunità di visitare alcune tra le più suggestive località, scoprendo paesi e luoghi dal fascino straordinario e dai panorami formidabili. La novità di quest’anno sarà sicuramente il ciclo di incontri con i liutai denominato FINGERSTYLE LIFE, che permetterà di toccare con mano strumenti unici e di ascoltarli suonare nelle mani di artisti in grado di valorizzarli appieno. Torna, come di consueto, la rassegna nella rassegna, ovvero Chitarra Femminile 30

Singolare, che propone alcune delle migliori interpreti di livello nazione della chitarra classica a fianco di giovani promesse. Tutti i concerti iniziano alle ore 21, ad eccezione delle giornate del 14 luglio e del 14 agosto. I luoghi indicati tra parentesi sono le alternative in caso di pioggia. Venerdì 7 Giugno Ameno, Palazzo Tornielli, sala Museale ingresso 5 € ANTEPRIMA AMENOBLUES FESTIVAL in collaborazione con La Finestra sul Lago Roberto Dalla Vecchia & Jim Hurst Virtuosi dello strumento, il loro stile sulla chitarra è tanto originale quanto creativo, in grado di coinvolgere l'ascoltatore in un arcobaleno di emozioni. I due musicisti saranno protagonisti di un concerto che si preannuncia carico di grandi emozioni,

grazie anche ai dialoghi musicali imprevedibili che saprà proporre. Sabato 15 Giugno San Maurizio d'Opaglio frazione Lagna, cortile Associazione (Teatro degli Scalpellini) ingresso gratuito. Claus Bosser-Ferrari Chitarrista tedesco di forte impatto emotivo ridisegna il ruolo e i suoni della chitarra acustica, producendo con le sue chitarre 6 e 12 corde sonorità che spaziano dalla melodia delle ballate ai suoni sperimentali e percussivi, rileggendo Hendrix e i Doors, oppure esponendo frammenti di Miles Davis o Saint-Saens Domenica 16 Giugno FINGERSTYLE LIFE San Maurizio d'Opaglio frazione Lagna, cortile Associazione (chiesa di S. Rocco) incontro con il liutaio dalle 17 alle 19 NOI - GIUGNO 2013


57 artisti si esibiranno nel corso dei 24 concerti che si svolgeranno in 17 comuni diversi tra la provincia di Novara e quella del Verbano Cusio Ossola. Di questi 42 italiani e ben 15 stranieri. Un successo annunciato per questa edizione che, nonostante le notevoli difficoltà del momento, non ha diminuito la sua offerta, ma al contrario ha costruito nuove e importanti collaborazioni con realtà culturali già operanti nei comuni che la accolgono. concerto ore 21, ingresso gratuito. Anton Kudryavtsev - Liutaio Pepe Toldo Solista con l'Orchestre Symphonique de Berne, la Società Orchestra di Bienne, l'Orchestra Municipale di San Pietroburgo e l'Orchestra Sinfonica Nazionale dell'Ucraina, è un musicista moderno e capace di interpretazioni di altissimo livello. Domenica 23 Giugno FINGERSTYLE LIFE San Maurizio d'Opaglio frazione Lagna cortile Associazione (chiesa di S.Rocco) incontro con il liutaio dalle 17 alle 19 concerto ore 21 ingresso gratuito. Dario Fornara - Liutai Fratelli Chatelier Direttore artistico della manifestazione, ideatore del ciclo di incontri con i liutai, Dario è soprattutto un ottimo chitarrista, capace di regalare intense interpretazioni di brani famosi quanto di delicati momenti dalle atmosfere intriganti. NOI - GIUGNO 2013

Domenica 30 Giugno FINGERSTYLE LIFE San Maurizio d'Opaglio frazione Lagna cortile Associazione (chiesa di S.Rocco) incontro con il liutaio dalle 17 alle 19 concerto ore 21 ingresso gratuito. Danilo di Prizio - Liutaio Aldo Illotta La sua chitarra e la sua musica sono istintive e ricche di contaminazioni, grazie ad una grande apertura verso ogni genere e ogni forma di linguaggio. Artista poliedrico, ama mischiare varie forme di espressione e creatività. Sabato 6 Luglio Cressa cortile del Municipio (Museo del Baco da Seta) ingresso 5 € IN COLLABORAZIONE CON L'ASSOCIAZIONE SESTA CORDA Marco Pagani Suona ovunque perché non c’è spazio che la musica non possa trasformare. Ama

l’incontro con il pubblico, quel dialogo sottile che nasce tra le note e i pensieri. Uno scambio magico, ogni volta unico. Che musica suona? Non sa mai rispondere a questa domanda… Domenica 7 Luglio Briga oratorio di s. Tommaso (chiesa di S.Giovanni Battista) ingresso gratuito. Roberto Taufic Ha suonato con i grandi della musica italiana, ha studiato jazz e musica brasiliana, insegna nei conservatori in Italia e in Brasile. Musicista colto e raffinato propone uno spettacolo raffinato e assolutamente coinvolgente. Domenica 14 Luglio San Maurizio d'Opaglio frazione Lagna giardino Associazione (Teatro degli Scalpellini) dalle ore 17 ingresso 10 € con degustazioni. 31


MUSICA

Nico Di Battista - Lorenzo Favero - Dario Chiazzolino - Davide Sgorlon Quattro musicisti molto diversi tra loro, che spazieranno dal fingerstyle più classico fino alla sperimentazione più estrema, in grado di regalare uno spettacolo quanto mai vario e una giornata davvero speciale. Progetto NUOVI SEGNALI ACUSTICI Sabato 20 Luglio Soriso piazza del Municipio (chiesa di S.Giacomo) ingresso gratuito. Tatè Nsongan Quartetto Un'opera ispirata ai problemi dei migranti: l'autore si è avvicinato a questo argomento con il dovuto rispetto, ma anche con tutta la sua creatività e il suo talento, narrando di viaggi, distacchi, lacerazioni, speranze, traghetti traboccanti di immigrati erranti. Storie con epiloghi talvolta tragici, raccontate attraverso nuove sonorità morbide ed avvolgenti. Lunedì 22 Luglio Orta piazza Motta (porticato del palazzotto) ingresso gratuito Camera Ensemble Un quartetto che coniuga il jazz alla musica etnica, evocando scenari Mediterranei. Il viaggio, diventa viaggio interiore, un affascinante equilibrio tra sognato e consapevole. Sabato 27 Luglio Casale Corte Cerro frazione Ramate sala Polivalente Il Cerro ingresso gratuito Eva Feudo Shoo / Federica Artuso Eva Shoo oltre alla musica classica, si dedica all’esplorazione di altri linguaggi, dal Rhythm and Blues alla Bossa-Nova, dagli standard jazz alla musica popolare. Di Federica Artuso Paul Galbraith ha scritto: “Il suo suonare è qualcosa di speciale, fuori dall'ordinario, raro, nel senso più profondo”. C’è da fidarsi, ha assolutamente ragione. Domenica 28 Luglio Nonio cortile di Casa Moglini (chiesa di S. Maurizio) ingresso gratuito. Valter Tessaris & Maurizio Stefanizzi Prendete un ottimo chitarrista, moderno e coinvolgente, mettetelo assieme a un mimo, intrattenitore, animatore e… si ot32

tiene una miscela esplosiva e la garanzia di uno spettacolo unico. Venerdì 2 Agosto Pella lungolago piazza Motta (chiesa di S.Albino) ingresso gratuito IN COPRODUZIONE CON ARMONIE SUL LAGO Alex “kid”Gariazzo, Roberto Bongianino, Paolo Grappeggia & Marco 'benz' Gentile Carlo Lopresti & Alessandro Molinaro Gariazzo è un eccellente chitarrista, capace di esprimersi in contesti differenti sempre con la stessa convinzione e capacità di comunicazione. In questa serata si incontra artisticamente con la chitarra classica di Lopresti: un dialogo sulle note della Musica. Sabato 3 Agosto Gravellona Toce tensostrutture Lake's Dome zona Ipercoop ingresso gratuito Balen Lopez De Munain & Joxan Goikoetxea Il duo di musicisti baschi esprime una poetica che riesce a mettere insieme emozioni e raffinatezza espressiva, eleganza formale e profondità di contenuto, per una musica popolare-contemporanea elaborata su una matrice tradizionale. Martedì 6 Agosto Miasino cortile Villa Nigra (Villa Pestalozza) ingresso 10 € IN COPRODUZIONE CON MIASINOJAZZ Manomanouche Quartetto La proposta artistica dei Manomanouche è caratterizzata da un personale ed originale lavoro di ricerca del suono, degli strumenti e dell'approccio caratteristici dello Swing Manouche. La loro musica è basata sull'improvvisazione, è aperta alle contaminazioni ed è derivante principalmente dalla fusione dello swing, del folklore tzigano e della melodia Italiana. Sabato10 Agosto Pettenasco cortile Casa Medioevale (chiesa di S.Caterina) ingresso gratuito. Pino Forastiere Diplomato al conservatorio di Santa Cecilia, ma folgorato dalla chitarra di Michael

Hedges poco dopo, Forastiere è un musicista con un impatto sullo strumento fisico e viscerale. La sua musica, allo stesso modo, è intensa e ricca di sfaccettature. Domenica 11 Agosto Baveno fraz. Feriolo sagrato della chiesa di S.Carlo Borromeo (chiesa di S.Carlo Borromeo) ingresso gratuito Matteo Crugnola & Alessia Scesa & Ermanno Panta Tra fingerstyle, wordmusic e Africa, la proposta di questi giovanissimi musicisti passa dalla Tanzania alla Galizia fino al Sud America per arrivare in Giamaica, il tutto interpretato con gusto e originalità. Mercoledì 14 Agosto San Maurizio d'Opaglio frazione Lagna giardino Associazione (Teatro degli Scalpellini) dalle ore 17 ingresso 10 € con degustazioni. Matteo Gobbato - Val Bonetti & Sara Mambrini - Massimo Alloisio & Loris Stefanutto “Per un pugno di giovani” di belle, ottime speranze. Una giornata dedicata alle nuove promesse del chitarrismo (e non solo) del nostro paese. Il futuro della musica ha bisogno di spazio. Giovedì 15 Agosto Madonna Sasso Santuario di Boleto ingresso gratuito IN COLLABORAZIONE CON PRO LOCO BOLETO Luca Allievi Diplomato al conservatorio, amante del jazz e delle contaminazioni, colpito dalle vibrazioni della chitarra di Tommy Emmanuell – per cui ha aperto un concerto nel 2006 – ha un modo di suonare moderno, intenso e coinvolgente. Sabato 17 Agosto Stresa, giardino Centro Studi Rosminiani (Palazzina Liberty) ingresso gratuito. Ensemble Sinigaglia L’idea di questa formazione è quella di fondere il classico e il popolare soprattutto attraverso la rilettura colta, operata dal compositore contemporaneo Carmelo Lacertosa, di alcuni fra i temi più conosciuti del repertorio raccolto dai ricercatori, priNOI - GIUGNO 2013


mo fra tutti Leone Sinigaglia, allievo di Dvoràk a Praga Sabato 24 Agosto Verbania chiesa Valdese ingresso gratuito. IN COLLABORAZIONE CON LA SOCIETA' DANTE ALIGHIERI Francesca Riva - Gaelle Solal Giovane talento della chitarra, la bella Gaelle Solal nel giro di pochi anni ha incantato le platee di mezzo mondo. Da sola o in duo con Francisco Varnie, ovunque, ha raccolto ampi consensi per l’ineccepibile livello tecnico e la grande carica comunicativa che è capace di esprimere sul palco. Apre il concerto la giovanissima Francesca Riva del Conservatorio di Milano. Sabato 31 Agosto Baveno piazza della chiesa SS Gervasio e Protasio (Salone Nostra@domus) ingresso gratuito. Don Ross Uno dei chitarristi più esplosivi in circolazione, con un approccio allo strumento viscerale e dal forte impatto emotivo. Venerdì 6 Settembre Invorio cortile Casa Curioni (salone Casa Curioni) ingresso gratuito IN COLLABORAZIONE CON PRO LOCO INVORIO Real Duo Il Real Duo, composto da Luciano Damiani (mandolino) e Michele Libraro (chitarra), si forma nel 2003 con l’intento di proporre una formazione poco celebrata dal gran pubblico. L’effetto delle sonorità del Duo, davvero gradevole, passa attraverso le contrapposizioni dei suoni cristallini del mandolino al suono caldo della chitarra. Sabato 7 Settembre Pella chiesa di S.Albino ingresso gratuito. Ed Gerhard Uno dei più talentuosi chitarristi acustici e “slide” della scena musicale americana. Il suo magico tocco strumentale, basato su di un uso inventivo delle accordature aperte, e la sua splendida sensibilità per la melodia rendono le sue composizioni uniche. www.unpaeseaseicorde.it NOI - GIUGNO 2013


Giuliano Ladolfi Editore

Una stella che splende al Salone del Libro di Torino 2013 Sempre attenta all'innovazione, alla qualità e alla ricercatezza, la casa editrice GIULIANO LADOLFI EDITORE, ha brillato come una stella al Salone Internazionale del Libro 2013, il più esclusivo ed importante evento internazionale del mondo dei libri, che come ogni anno si è tenuto al Lingotto di Torino. «Siamo riusciti a rendere luminoso perfino il nero!» racconta scherzosamente Giuliano Ladolfi, titolare insieme a Giulio Greco, mentre mi accompagna a visitarlo. «Desideravamo uno stand nuovo, innovativo e accogliente, ma anche discreto; quasi un sipario in grado di accogliere ed esaltare le nostre pubblicazioni e i nostri autori. Sembrava una sfida impossibile, eppure ce l'abbiamo fatta». Hanno ragione, inutile negarlo: lo stand è davvero affascinante, uno dei più eleganti della manifestazione. La scelta, apparentemente azzardata, di 34

impostarlo sui toni del nero, si è invece rivelata una splendida trovata per trasformarlo in una cornice perfetta per i tanti libri che la casa editrice produce e propone. Su tutto veglia, come un grande occhio, come una luna tonda e distante avvolta dalle nubi, che irradia una morbida luce sulle forme moderne e le linee decise che la circondano, un dipinto della celebre artista belga Sophie Cauvin, cui Giuliano e Giulio hanno dedicato il volume a colori, fiore all'occhiello della casa editrice. «La scrittura è arte, la parola è arte e abbracciando questo pensiero, abbiamo consacrato il nuovo stand proprio all'Arte» spiega Giulio, ventiduenne socio di Giuliano, giovane ma con una passione viscerale per la poesia e la scrittura, che ne hanno fatto uno dei più giovani e stimati editori italiani. «Gran parte delle copertine dei nostri volumi è costruita intorno a dipinti, alcuni

famosi, altri meno. Perciò, impostare intorno a una pittura di valore il nostro stand ci è sembrata una scelta naturale. Certo, ci voleva un quadro che, in qualche modo, riassumesse tutti i quadri e tutte le copertine, tutti i testi e tutti gli stili. L'abbiamo trovato nell'atelier di Sophie Cauvin». L'altro desiderio che ha mosso le scelte di Giuliano e Giulio era quello di creare uno spazio che fosse degli autori e per gli autori, un salotto dove ciascuno di essi potesse esprimersi, raccontarsi e mostrare i propri lavori. «Siamo una squadra, la nostra forza è quella di non essere soltanto una casa editrice, bensì un gruppo di lavoro affiatato, formato da amici mossi dalla passione comune per la scrittura e per il bello, una fucina di idee, di scambi e di confronti, di cui vogliamo che ogni nostro autore possa davvero sentirsi parte. Il nostro stand nasce proprio con questo spirito: una spazio aperto alla idee, alle persone, alla bellezza, NOI - GIUGNO 2013


LETTERATURA

all'arte». Non è da meno il programma di incontri ed eventi che Giuliano e Giulio hanno proposto. Per dare adeguato risalto a Sophie Cauvin, il cui libro è stato presentato per la prima volta alla fine del 2012 a New York e al poeta georgiano David (Dato) Magradze, di cui la casa editrice pubblica la traduzione italiana dell'ultimo, meraviglioso poema “Giacomo Ponti”, che gli è valso la candidatura al premio Nobel, hanno scelto la cornice di uno dei saloni del polo fieristico, la sala Agorà. L'imperdibile evento che ha visto la partecipazione di entrambi gli artisti, si è poi concluso con un “confronto poetico”, in forma di vivace scambio di domande e risposte, tra gli alunni del liceo Don Bosco di Borgomanero e alcuni dei più celebrati autori e collaboratori della casa editrice: Giuseppe Langella, Giancarlo Pontiggia, Daniele Piccini, Andrea Temporelli Maria Clelia Cardona, Paola Cosentino, Lionello Inglese, Paola Lucarini. Lo spazio espositivo è stato invece dedicato ai singoli autori, con un nutrito e serrato programma di presentazioni e incontri cui gli scrittori sono stati ben lieti di partecipare anche come relatori. Ampio risalto è stato dato in particolare ai nuovi prodotti editoriali e ai nuovi talenti scovati dagli infaticabili Giulio e Giuliano, che negli ultimi mesi hanno inaugurato ben quattro nuove collane: Giada, dedicata all'arte, con il libro “Sophie Cauvin”; Ametista, che raccoglie testi di filosofia contemporanea e che conta già sei titoli; Malachite, rivolta alla ricerca storica interdisciplinare; Ossidiana, con due titoli nuovi nuovi, entrambi di autrici giovanissime, che intende selezionare testi di narrativa fantasy di pregio. Gli autori Matteo Mario Vecchio, Enrico Bonadei, Giuseppe Casa, Luigi Agangi, Andrea Temporelli, Daniele Piccini, Giuseppe Caracchia, Domenico Ingenito, Lionello Inglese, Maria Clelia Cardona, Alberto Cravero, Bianca Garavelli, Giulia Massini, Paola Lucarini, Beatrice Benfatti, Francesco Teruggi, Giancarlo Pontiggia, Maddalena Bertolini, Laura Pollino, Rita Nicolaidis e gli stessi Dato Magradze

NOI - GIUGNO 2013

e Sophie Cauvin, hanno avuto modo di intrattenersi con il pubblico nell'elegante “salotto letterario” della casa editrice, avvicendandosi al microfono con la costante partecipazione di Giuliano e di Giulio. Gli incontri si sono susseguiti a ritmo serrato per tutti i giorni della manifestazione, accompagnati da vini italiani, salumi e formaggi di qualità: un richiamo scherzoso al “mens sana in corpore sano” di Giovenale che, in effetti - come qualcuno fa notare non ci starebbe proprio male tra gli autori mirabilmente tradotti che compongono la prestigiosa collana “Diamante”. Nulla insomma è stato lasciato al caso, neppure il curioso capo di abbigliamento che è stato inventato da Giulio e Giuliano per far sentire e vedere la presenza della casa editrice in ogni angolo del Salone del Libro: la “gonna poesia”, indossata da una graziosa fanciulla, trapuntata di pagine di libri e di poesie da strappare e portarsi a casa. L'insolita trovata si è subito guadagnata una foto in prima pagina su La Repubblica. In occasione della manifestazione è stato infine presentato il nuovo sito www. ladolfieditore.it pensato per riproporre lo stile inconfondibile della casa editrice, il

suo spirito innovatore e l'attenzione per la qualità anche nell'ambiente telematico. «Siamo soddisfatti», racconta Giulio al termine della manifestazione, «del grande lavoro di squadra che siamo riusciti a fare. I sorrisi sui volti dei nostri autori e la numerosissima partecipazione di visitatori che non hanno mancato di fermarsi al nostro stand, ascoltare le presentazioni e intrattenersi con i nostri scrittori ed amici, ci ripagano delle fatiche e confermano le nostre scelte. Abbiamo dimostrato – a noi stessi prima di tutto – che nonostante la situazione congiunturale socio-politica non sia favorevole, la qualità e la ricercatezza, l'eleganza, l'arte, la bellezza nel suo significato più alto non conoscono decadenza. Questo ci sprona a continuare e ci proietta con rinnovato entusiasmo nel futuro». Francesco Teruggi


La poesia salva il mondo? Che cos’è la poesia? È forse un modo di esprimersi per soli addetti ai lavori, oscuro e privo di interesse per i più che lo trovano noioso, difficile, fondamentalmente inutile? O è una modalità particolare di leggere la realtà e comunicarla, che può aiutare a comprendere meglio il mondo circostante e noi stessi? Senza dubbio la poesia funziona con le sue regole, i versi, le rime, la metrica, le metafore, i giochi delle parole e delle immagini e così via, ma non è solo una tecnica che impiega oggetti come le parole, bensì un alfabeto del mondo che ne svela i segreti. La poesia ha a che fare con noi, con la nostra vita, con la parte più profonda e irrazionale della nostra psiche, è carica di messaggi e suggestioni, di immagini ed emozioni che servono a guardare le cose sotto un’altra luce e a leggere l’esistenza in una prospettiva nuova, rivela un senso diverso delle cose a chi già sappia ascoltarla, a chiunque voglia iniziare a leggerla. Studio, lettura dei poeti, cultura ampia mirano a uno scopo solo: interrogarsi sul senso della vita, aprire gli orizzonti 36

della percezione, impadronirsi di nuovi strumenti per guardare la realtà. Quando si legge la tragedia dell’amore scritta da Dante su Paolo e Francesca, quel sentimento provato da tutte le persone che hanno abitato e che abitano la terra prende nome e consistenza intellettiva. Quando leggiamo la prima egloga di Virgilio, sentiamo la desolazione di chi deve lasciare i luoghi cari. Quando muore un giovane o una giovane, piangiamo con gli stessi sentimenti che Giacomo Leopardi ha scritto per Silvia. Vediamo una notte stellata con la raffigurazione di Saffo e, quando contempliamo la grandezza dell’universo, ci sentiamo “pastori erranti dell’Asia”. La primavera ha il canto di Lucrezio e l’ardore del viaggio assume il ritmo dei versi dell’Ulisse dantesco. Un amore non corrisposto viene sofferto con le espressioni di Francesco Petrarca. Chi ama la poesia, ama vivere in pienezza e permette alle proprie parole di vestirsi di suggestioni che plasmano il modo stesso di rapportarsi con il mondo. Purtroppo la società contemporanea ha

bandito la poesia; non si vedono più raccolte nelle vetrine delle librerie; a scuola ha perso la centralità didattica che rivestiva nei decenni scorsi; i poeti sono ignorati dai “massmedia” e sono citati soltanto quando divengono personaggi. L’umanità si sta appiattendo sugli SMS, sugli slogan da stadio, sui messaggi di internet, sugli insulti politici. Riusciremo a riemergere da questa nuova barbarie? Se la generazione che detiene oggi le leve del potere ci ha condotto a questo abisso, come sarà “povera” di umanità la generazione futura? Sarà possibile salvare quel tesoro di tradizione umanistica lasciata in eredità dalla cultura classica e rinascimentale che può veramente imprimere una svolta alla società e agli individui? Non si tratta di nostalgia per un tempo passato, si tratta di comprendere che, se l’uomo non si “nutre” di umanità, non si può sperare in un avvenire migliore. Giuliano Ladolfi

NOI - GIUGNO 2013


LETTERATURA

LIBRI Continua il successo del libro di Adelchi Cravero Come può un autore sconosciuto, anzi scomparso, suscitare tanto interesse in tutti coloro che lo leggono? Non si tratta di un attore, di un cantante, di un calciatore e neppure di un personaggio televisivo, ma di un medico che racconta i più begli aneddoti capitati durante l’esercizio della sua professione. La neve cadeva a larghe falde… perché? perché un tempo il medico condotto, l’antenato del medico di base, doveva essere pronto per ogni evenienza e soprattutto per i parti. E, mentre leggiamo, lo vediamo salire verso il Mottarone al buio, in mezzo al bosco, con la valigetta degli attrezzi meditabondo e consapevole della propria responsabilità. In questo libro c’è un mondo, una civiltà, una cultura, un’aggregazione sociale che i giovani della mia età non riescono più immaginare. Quando ho preso in mano il testo, mi sono sentito catapultare in una dimensione più lontana di quella in cui vivevano gli autori latini… Ora ci sono le ambulanze, gli ospedali, ora il medico per fortuna si riserva il giorno di riposo settimanale, ci sono le NOI - GIUGNO 2013

analisi, ci sono i cellulari se ci troviamo in difficoltà e in un attimo ci colleghiamo con tutto il mondo. Ma i nostri nonni come vivevano? Come riuscivano a trarre il sostentamento da una terra avara come quella della montagna? Come parlavano? Che cosa dicevano di quella sterminata distesa piatta che si intravede da qualche cucuzzolo? Mi sono lasciato affascinare dai racconti di questo medico che possiede il fascino dell’arte del narrare. Oggi lo scrittore di moda è per lo più asciutto o manierato, manca di quell’eleganza classica che rende “preziosa” ogni parola e che avvince e convince il lettore. Cravero dimostra la più preziosa dote del narratore, e cioè la “gioia”, sentimento che traspare anche nelle occasioni difficili, anche nei momenti crudi e dolorosi. E questa gioia altro non è che fiducia nelle persone, nella vita, è speranza e apertura al mondo. Uguali sentimenti provavo da bambino quando mio nonno, un grandissimo violinista belga, mi parlava della sua professione, della sua famiglia, di suo

padre partigiano e regista cinematografico che lo avevo cooptato per un film ambientato in Congo. Le anime grandi sanno suonare identiche melodie che come echi si rispondono e che confortano perché toccano le corde del nostro cuore. Giulio Greco

Codice ISBN: 978-88-6644-087-1 Autore: Adelchi Cravero Titolo: La neve cadeva a larghe falde (i racconti di un medico condotto), Borgomanero, Ladolfi Editore Anno di Edizione: 2012, 20132 Numero di pagine: 98 Collana: Rubino Prezzo: 10 euro

37


ARTE

Una mostra da non perdere, a Milano - Galleria del Novecento.

ANDY WARHOL'S STARDUST Stampe dalla collezione Bank of America Merrill Lynch

I

l Museo del Novecento, dopo la riuscita esperienza dello scorso anno con la mostra fotografica Conversations, mette in campo una seconda collaborazione con Bank of America Merrill Lynch – sponsor principale del museo, insieme a Finmeccanica – attraverso un’esposizione dedicata a una delle icone internazionali dell’arte del dopoguerra, Andy Warhol (1928-1987). Lo spazio espositivo del museo ospita alcune delle stampe più significative dell’artista, provenienti dalla collezione Bank of America Merril Lynch, che attua il prestito nell’ambito del programma Art in Our Communities. La polvere di stelle evocata dal titolo non è solo la polvere di diamante utilizzata in molte stampe, ma è la capacità di Warhol di creare icone scintillanti e immortali. NOI - GIUGNO 2013

Attraverso un percorso espositivo cronologico, che inizia con le serigrafie degli anni settanta e si conclude con quelle create nel corso degli anni ottanta, la mostra è un’occasione per tornare su alcune delle tappe salienti della produzione artistica di Warhol. A partire dalle celebri serie di stampe tra la fine degli anni sessanta e i primi anni settanta, come Campbell’s Soup, Flowers, Sunset, fino a Grapes, Space fruits, il percorso mette in luce la produzione seriale di stampe realizzate in gran parte dagli assistenti della Factory e nate per essere vendute, ma che Warhol rifiniva e ritoccava con spasmodica attenzione. “La mia filosofia è: fare un quadro al giorno” affermava Warhol, e così è stato dall’inizio degli anni settanta e per tutti gli anni ottanta, quando ritrova vigore la sua produzione pittorica, orientata soprattutto alla ritrattistica.

Da Muhammad Alì, a Marilyn Monroe, alle copertine di “Interview” “i suoi ritratti non sono documenti del presente quanto icone in attesa di futuro”, come ha scritto David Bourdon nel 1975. I volti e i nomi che Warhol rappresenta, esposti in mostra, non appartengono solo a persone: nel ventaglio dei suoi soggetti compaiono anche personaggi mitici - Myths -, eroi dei fumetti e dei cartoni animati per i quali la tecnica, il formato, il taglio dell’immagine e la tavolozza sono i medesimi utilizzati per le persone reali. Il metodo è lo stesso: una visione orizzontale che non percepisce differenze di trattamento, ad esempio, tra i pensatori e protagonisti della cultura del XX secolo – tra cui Freud, Einstein, Gertrude Stein –, le drag queen della New York più mondana, Babbo Natale e Superman. L’approccio di Warhol uniforma e 39


ARTE

ridistribuisce i pesi, perchè fermarsi alla superficie rende tutti sufficientemente attraenti e, soprattutto, importanti allo stesso modo. Rena De Sisto, International CSR e Global Arts & Culture Executive di Bank of America Merrill Lynch afferma: “La nostra azienda è impegnata nell’aiutare ad avvicinare le persone e le culture di tutto il mondo attraverso il linguaggio potente e condiviso dell’arte. Questa mostra, unica e dinamica, raccoglie una splendida selezione della produzione artistica di Warhol, offrendo ai visitatori una visione approfondita dell’opera di uno dei protagonisti della Pop Art. La realizzazione della mostra Andy Warhol’s Stardust. Stampe dalla Collezione Bank of America Merrill Lynch in collaborazione con il Museo del Novecento è un capitolo estremamente gratificante del nostro programma Art in Our Communities e rafforza ulteriormente il nostro impegno verso le arti e la cultura in Italia, dove siamo orgogliosi di operare da più di 50 anni.” Il sabato e la domenica di giugno, come è già avvenuto nei mesi di aprile e maggio, Civita organizzerà per i bambini dai 6 ai 12 anni, oltre alla visita didattica, laboratori specifici sui temi della mostra. Inoltre, la compagnia di danza contemporanea Progetto D’Arte proporrà una serie di laboratori nello spazio espositivo della mostra, per avvicinare i bambini e soprattutto gli adolescenti, alle tematiche di Warhol, attraverso un lavoro sul corpo e una performance adatta ai giovanissimi.

zione con i servizi del Settore Educazione del Comune di Milano. Per la mostra non sono stati realizzati pannelli e didascalie, ma solo brevi testi con informazioni flash che appaiono sui muri come piccoli pop up, permettendo diversi livelli di lettura attraverso nozioni storiche su Warhol e la Pop art, notizie sul contesto socioculturale e curiosità. L’allestimento a cura di Fabio Fornasari sottolinea la produzione seriale, attraverso l’allineamento delle stampe che si susseguono su un corridoio come la corsia di un supermarket dell’arte, dove ogni opera ha lo stesso valore e diventa oggetto di consumo. Museo del Novecento Dal 05/04/2013 al 08/09/2013 Lun: 14:30-19:30 Mar-Mer: 09:30-19:30 Gio: 09:30-22:30 Ven: 09:30-19:30 Sab: 09:30-22:30 Dom: 09:30-19:30 COSTO: 5€ http://museodelnovecento.org/

Alcune delle attività proposte coinvolgeranno bambini e adolescenti anche nel periodo estivo, grazie alla collabora-

NOI - GIUGNO 2013

41


ArtSite

Arte attuale al Castello di Buronzo a cura di Domenico Maria Papa Realizzazione dell'associazione PhanĂŠs in collaborazione con Conti Editore dal 14 luglio al 6 ottobre 2013, Castello di Buronzo - Via del Castello, Buronzo (VC). Inaugurazione 13 luglio 2013, ore 18.00


ARTE

L

’associazione Phanés in collaborazione con la Conti Editore presenta, a partire dal 14 luglio 2013, ArtSite, progetto a cura di Domenico Papa che propone una ventina di giovani artisti di diversa nazionalità, provenienti da Italia, Slovenia, Polonia,

44

Germania, Francia, Stati Uniti e Giappone che per l’occasione realizzeranno installazioni site specific, appositamente pensate per gli spazi del Castello. Tra gli artisti che esporranno Serena Piccinini, Isobel Blank, Asato Hishiki, Artsiom Parchynski, Diego Dutto,

Sabrina Milazzo, Valentina Perazzini, Marika Vicari, Jernei Forbici, Cyryl Zakrewki, Olga Schigal, Christoph Luckeneder, Vesna Bukovec, Stefano Giorgi, Sheila Pepe, Sabrina Muzi, Monika Grycko, Leo F, Demetz, Matthias Langer, Marcus Jansen, Aqua Aura, Nelly Monnier, Chiara Paderi e Vivian NOI - GIUGNO 2013


ARTE

Nel periodo estivo i visitatori potranno percorrere le sale dell'intero edificio accompagnati dalle opere degli artisti. «L'arte contemporanea esprime attraverso progetti site specific la caratteristica propria dell'opera di adattarsi e interpretare le qualità fisiche e percettive di uno spazio - afferma Domenico Maria Papa, curatore del progetto - Quando l'opera d'arte diviene mezzo per leggere un contesto e per restituirlo allo spettatore, come accade con ArtSite, diviene anche il veicolo più efficace di conoscenza di un luogo. Abbiamo voluto chiamare a Buronzo i più promettenti artisti della scena internazionale e abbiamo chiesto loro di creare o allestire opere che non mancheranno di coinvolgere gli spettatori. Crediamo, infatti, in un arte che pure essendo espressione della creatività più avanzata, sappia dialogare con un pubblico ampio e che si faccia veicolo di promozione del territorio». La mostra sarà l'occasione per scoprire alcune delle più promettenti esperienze d'arte contemporanea, ma anche per riscoprire il fascino delle architetture storiche locali e godere dell'enogastronomia del territorio. All'ingresso della mostra sarà allestito un bookshop che sarà una vera e propria vetrina atta ad accogliere le eccellenze del luogo. Il catalogo della manifestazione e la guida al Castello sarà edito da Conti Editore.

Bertrand. Pittura, scultura, video, fotografia, installazione, performance, ma anche danza, teatro e letteratura sono le chiavi attraverso cui gli artisti interpretano un luogo di grande fascino, da poco riaperto al pubblico, dopo un accurato e lungo restauro. NOI - GIUGNO 2013

Ha pubblicato numerosi articoli e saggi su arte e cultura visiva. Tra questi ultimi, i principali: Origini della distanza (Torino, 1998); Il mondo va considerato all’ombra (Torino, 2001); Il mezzo dello sguardo (Arezzo, 2006); Il Museo Civico d’arte Antica di Torino (Torino, 2006); Per molteplici sensi (Arezzo 2008). Ha curato numerose mostre e manifestazioni culturali in spazi pubblici e privati. Conti Editore nasce nel 2012 grazie a una lunga esperienza maturata nell’ambito della progettazione culturale europea e si propone di riportare alla memoria il patrimonio di tradizioni, storia, cultura e testimonianze popolari. Le proposte Conti sono caratterizzate da un forte radicamento nel territorio, che nasce dalla conoscenza della realtà piemontese e valdostana. Nel catalogo Conti, trova posto la narrativa, lo sport e la saggistica. Un ulteriore indirizzo è dato dalle arti visive: in collaborazione con l'associazione Phanés, sono stati pubblicate raccolte di racconti illustrati da artisti emergenti e per ciascun titolo è stato prodotto un ebook per la fruizione di contenuti aggiuntivi. Conti ha partecipato al Salone internazionale del libro di Torino nel 2012 e nel 2013.

Domenico Maria Papa si occupa di comunicazione per i beni culturali. Dal 2005 al 2010 è stato docente presso l’Accademia di Belle Arti di Venezia, per i corsi di Psicologia della percezione e di Metodologia e tecniche della comunicazione. Ha insegnato, tra il 2001 e il 2006 presso la Facoltà di Scienze della Comunicazione dell’Università degli Studi La Sapienza di Roma e presso la Link Campus Roma – University of Malta. 45


ARTE

Novara

I segreti artistici della Caserma Gherzi L’ex caserma Gherzi di Viale Curtatone a Novara fu per molti anni un ospedale militare. Edificato negli anni venti del secolo scorso, era costituito da un fabbricato principale a due piani in cui si trovavano gli uffici, le sale per degenti, i bagni, le infermerie, gli studi medici. Altri padiglioni erano destinati ad alloggi, a magazzini o a servizi vari. Poteva ospitare circa trecento pazienti. Nello studio del responsabile dell’ospedale, il Dott. Luigi Vercelli, nella primavera del 1943 un giovane uomo terminava un imponente policromo di dodici metri quadrati: era Salvatore Fiume, ricoverato, allora ventottenne, durante la seconda guerra mondiale. Ma questa non è l’unica opera artistica contenuta in quest’edificio, oggi di proprietà del demanio civile. Nel 1956 tra i degenti dell’ospedale militare c’era un altro giovane ventenne che amava il ballo, l’arte e la libertà. Questo ragazzo dagli occhi azzurri era Camillo Fait, che dipingerà nel 1956 un grande murales nella sala ristoro dell’ospedale. L’opera rappresentava l’interno di un’osteNOI - GIUGNO 2013

ria, la colorazione era molto “forte” quindi di potente impatto visivo. Camillo Fait nasce a Milano il 30 gennaio 1935. Nel 1950 inizia i suoi studi artisti come scultore e decoratore di ceramica con il maestro di Aligi Sassu, che lo seguirà per circa due anni, quindi si dedicherà alla grafica. Infine, dopo aver frequentato la scuola d'arte "Augusto Colombo", si dedica alla pittura. Ha eseguito murales in molte città italiane: all'Ospedale Militare di Novara, nel Villaggio Calampiso (Trapani), nel Villaggio La Tonnara di Tindari (Messina), nel Comune di Marchirolo (Varese), al Fraglia Vela di Desenzano, nel Comune di Gardone Riviera. La sue sculture si trovano nella sede della Cassa di Risparmio di Alessandria e presso la ditta Fermak; inoltre, alcune sue opere si trovano nella Pinacoteca Civica di Dolceacqua e di Mozzate. L’artista affianca all'opera pittorica anche la produzione di sculture, che hanno come tema principale cavalli, figure di donna e galli, soggetti da lui molto amati. È presente alle maggiori manifestazioni e

sui cataloghi delle fiere d'arte in Italia, Europa e America. È stato invitato a esporre al Museo d'Arte Moderna di Hameenlinna in Finlandia. Camillo Fait ha più di duecento personali all'attivo, tra le quali una a Lisbona, patrocinata dal Governo portoghese. Queste sono solo alcune delle opere che ha prodotto. All'interno della ex caserma esistono anche murales più recenti, dei quali non se ne conosce purtroppo l'autore. Andrea Baiardi Camillo Fait

47


ARTE

48

NOI - GIUGNO 2013


ARTE

Studi Aperti

Arts festival nel Cuore Verde tra Due Laghi 5 - 6 - 7 luglio 2013 – Ameno (NO) Ritorna il consueto appuntamento con le espressioni multiformi della contemporaneità grazie alla nona edizione di Studi Aperti - Arts festival, promosso da Asilo Bianco, in programma dal 5 al 7 luglio 2013. Ameno - piccolo paese sulle colline sopra il Lago d’Orta (Novara) - si trasforma in una mostra a cielo aperto, dove è possibile conoscere e incontrare gli artisti nei loro luoghi di lavoro, scoprire installazioni, partecipare a seminari e performance, godersi le bellezze naturali e architettoniche di questo territorio incontaminato. Studi Aperti da sempre sceglie la contaminazioni dei linguaggi e permette un NOI - GIUGNO 2013

incontro fra le diverse aree artistiche, con un programma che include architettura, fotografia, arti visive e nuove tecnologie, seguendo come filo conduttore per questa edizione l'idea di “Laboratorio Diffuso”. Atelier, installazioni, workshop e laboratori sono visitabili in spazi pubblici e privati, giardini e parchi, tutti accessibili a ingresso libero per la tre giorni. Tra gli appuntamenti consueti, ritorna anche la rassegna di architettura del paesaggio “Paesaggi Mirati” coordinata da DA A Architetti che invita i più prestigiosi nomi dell’architettura italiana a una progettazione site specific sul territorio.

Cuore Verde tra Due Laghi è un progetto di valorizzazione integrata, per promuovere l’area collinare tra il Lago d’Orta e il Lago Maggiore, grazie a una rete diffusa tra associazioni, comuni, enti e pro loco. STUDI APERTI Arts festival nel Cuore Verde tra Due Laghi Ameno (No) 5-6-7 luglio 2013 Ingresso libero a tutti gli spazi ed eventi Tel. 0322 998717 www.studiaperti.it www.cuoreverdetraduelaghi.it

49


ARTE

I Piccaia,

da Orta a Venezia i Piccaia si presentano a Venezia, Padiglione Tibet. dal 1 giugno 2013. In Santa Marta Congressi - Spazio Porto - Giorgio e Matteo Piccaia, con altri importanti artisti, rendono omaggio alla spiritualità tibetana con una rilettura del mandala e della ruota della preghiera. Nel frattempo prosegue fino al 13 giugno, con una media di 150 visitatori al giorno, la mostra i Piccaia a Orta San Giulio, Palazzo della Comunità, piazza Motta. Il padre (Matteo) e il figlio (Giorgio) aprono il calendario delle mostre nel bellissimo Palazzo della Comunità della Riviera. Costruito nel 1582 nell’attuale piazza Motta, il Palazzotto si affaccia sul lago e sull’Isola di San Giulio; l’edificio è stato per lungo tempo sede del Consiglio Generale della Comunità della piccola Repubblica della Riviera d’Orta. «Siamo lieti di ospitare nel Palazzotto i Piccaia, questi due artisti che lavorano insieme da diversi anni - ci spiega il sindaco Cesare Natale – la nostra amministrazione è sempre attenta all’arte che è volano per l’economia turistica del nostro Comune». Matteo e Giorgio Piccaia sono un duo artistico contemporaneo. Espongono insieme dal 2009. I loro è un progetto artistico inusuale. Sono padre e figlio. «La mostra i Piccaia a Orta San Giulio - ci spiega Piccaia senior - si sviluppa in tre momenti artistici. La prima dal titolo Opera Romantica sono lavori miei e di mio figlio, ed è il cuore della mostra, è un intreccio tra due generazioni, due quadri vicini l’un l’altro, uno mio e l’altro di Giorgio, lo stesso dna, due mani diverse con lo stesso soggetto”. NOI - GIUGNO 2013

“Hortus Conclusus – ci dice invece Piccaia junior – è lo spazio che raggruppa le mie ceramiche. Qui riprendo il tema della fonte sigillata. Il piatto è un giardino chiuso dove si passeggia per trovare l’essenza dell’esistenza. Il terzo momento ha come titolo Umano troppo Umano. Composto da un’installazione con quadri alla riscoperta delle radici dell’uomo per non dimenticare la nostra origine». «Abbiamo deciso volentieri – concludono Pierluigi e Alberto Nobili – di sostenere la mostra di Giorgio e di Matteo che stimiamo come artisti. Il nostro è un intervento a favore di questo territorio, ricchissimo di arte e cultura, che va difeso e valorizzato. Anche i prodotti Nobili, apprezzati in tutto il mondo per la loro bellezza oltre che per la tecnologia all’avanguardia, sono realizzati totalmente in Italia a completa difesa del made in Italy». Il padre Matteo Piccaia nasce in provincia di Venezia. S’interessa al disegno e alla pittura sin da giovane. Ha vissuto, dopo la seconda guerra mondiale, per vent’anni in Francia e in Svizzera, entrando in contatto con gli ambienti artistici d’avanguardia. Opera artisticamen-

te dal 1940. Definito da Dino Buzzati “neo-figurativo emblematico” (Corsera 1971). Vive in provincia di Varese. Il figlio Giorgio Piccaia nasce a Ginevra in Svizzera. Studia architettura al Politecnico di Milano dove è allievo di Corrado Levi. Tra il 1970 e il 1980 lavora in Polonia e in Italia con Jerzy Grotowski, un maestro del teatro contemporaneo, ed in quegli anni realizza molte performance ed happening. Le sue opere sono dipinti, installazioni e ceramiche. Vive in provincia di Novara. I Piccaia sono presenti anche a Venezia nella chiesa di Santa Marta con il loro lavoro Mandala nel Padiglione Tibet, evento concomitante con la 55° Biennale. i PICCAIA a Orta San Giulio Giorgio e Matteo Piccaia 14 maggio - 13 giugno 2013 h. 10,30/17,30 Palazzo della Comunità (Palazzotto) piazza Motta, Orta San Giulio (No) info: 3357407666 giorgiopiccaia@gmail.com http://giorgiopiccaia.blogspot.com 51


ARTE

52

NOI - GIUGNO 2013


ARTE SPORT

Il Padiglione Tibet Dopo le mostre a Venezia presso Cà Zanardi nel 2011 ed a Torino nella Sala Nervi del Palazzo delle Esposizioni nei primi mesi del 2012, coordinata in collaborazione con Dossier Tibet, ISCOS e con il patrocinio del Consiglio Regionale del Piemonte, dopo i servizi giornalistici per RAI Parlamento trasmessi su RAI 1 e RAI 2, anche quest'anno Venezia, grazie a Padiglione Tibet - con il patrocinio del Comune di Venezia – Assessorato alle Politiche Giovanili Centro Pace - sarà invasa pacificamente da immagini, colori, atmosfere e suoni che misceleranno, come un prezioso intreccio, la creatività e la sensibilità degli artisti contemporanei, che hanno voluto aderire e contribuire a creare questo particolare Padiglione, con l'arte della composizione dei Mandala dei monaci tibetani (Lama Thupten e Lama Tenzing) che completeranno, con la loro sapiente, accurata e minuziosa perizia durante un rituale-performance che ne evidenzierà ancor più l'intima spiritualità ed energia, un Archivio di STRUTTURE – MANDALA realizzate in sinergia con gli artisti che ne tracceranno le "linee-guida" e con la spiritualità tibetana intrinseca nelle RUOTE DELLA PREGHIERA chiamate anche della legge: strumenti di preghiera buddista, esclusivamente tibetani, per la crescita spirituale. Strutture cilindriche realizzate nei laboratori di Albisola, luogo d'eccellenza della ceramica artistica - che saranno elaborate/progettate dagli artisti e realizzate in ceramica con un perno centrale che ne permetterà la rotazione e con cui i visitatori interagiranno attraverso un'esperienza sensoriale che si trasmetterà con un lieve tocco ed uno sfioramento sulla materia-segno. All'interno di ogni ruota sarà arrotolato un mantra (preghiera buddista) che verrà scritto direttamente dai monaci invitati all'evento con i caratteri tipici della loro lingua; i tibetani fanno ruotare le ruote

NOI - GIUGNO 2013

della preghiera (come faranno anche i visitatori della mostra) per invocare un buon karma per tutti gli esseri senzienti rendendo questa pratica più di un semplice movimento rotatorio. In un'epoca in cui dati di tutti i tipi vengono trasmessi ad iper-velocità da una parte all'altra della Terra - la convinzione che delle preghiere possano essere recitate e diffuse per invocare divinità solo con un semplice, lieve tocco, con un soffio di vento, può sembrare quasi infantile; al contrario è indice di quanto la realtà tibetana profondamente spirituale si fonda intrinsecamente con la natura stessa in un inarrestabile scambio con l'universo. Da sempre la circolarità è sinonimo di movimento, di ritmo, di flusso, un concetto presente in ogni aspetto della storia dell'Umanità e che la cultura tibetana ha sviluppato attraverso la realizzazione di strutture e costruzioni legate alla propria filosofia di vita. Per l'uomo tibetano la maggiore preoccupazione non è cosa fare durante il giorno, ma cosa essere nella propria intera esistenza. Questo grande evento artistico è dedicato ai 100 martiri tibetani (numero ormai tragicamente superato) che si sono immolati per la libertà di altri, per la verità di tutti... Un unico tema declinato nei modi della pittura, della scultura, della performance, del video per realizzare un grande evento che sottolinei coralmente il profondo senso di spiritualità dell' universo tibetano e creare un ponte sensibile che induca i visitatori ad una maggiore conoscenza di questo popolo che ormai si può definire, purtroppo, una minoranza etnica e che rischia di perdere il proprio patrimonio culturale e spirituale fondato su concetti di pace e non violenza ... un ulteriore motivo per varcare la soglia della Chiesa di Santa Marta.

Artisti Irene Accarini, Lucio Afeltra, Piergiorgio Baroldi, Luisa Bergamini, Carla Bertola - Alberto Vitacchio, Giorgio Biffi, Renzo Bortolussi, Nirvana Bussadori, Jorge Canale, Rosaspina B. Canosburi, Paolo Carnevale, Domenico Castaldi, Stefano Cerioli, Pino Chimenti, Giampietro Cudin - Carla Rigato, Flaminio Da Deppo, Marcello Diotallevi, Gillo Dorfles, Giglio Frigerio, Luciano G. Gerini, Carlos Gigena Seeber, Bruno Gorgone, Isa Gorini, Ursula Huber, Celeste Lazo, Franco Lippi, Oronzo Liuzzi - Roberto Scala, Beatriz Margossian, Fabrizio Martinelli - Giovanni Genshō Ponzoni, Gianni Marussi - Alessandra Finzi, Alessandro Novellino, Silvia Ovsejevich, Clara Paci, Lucia Paese, Marisa Pezzoli, Giorgio Piccaia - Matteo Piccaia, Siro Polazzetto, Benedetto Predazzi, Tiziana Priori - Simonetta Chierici, Monica Rizzi, Pietro Ronzat, Virginia Ryan, Maria Savino, Pino Secchi, Cesare – Leonardo – Lucio - Simone Serafino, Ilaria Sperotto, Francesco Stefanini, R. Steiner, Roberto Testori, Micaela Tornaghi, Silvio Vigliaturo, Andrea Vizzini, Marcela Zelikowicz. PADIGLIONE TIBET ideato e curato da Ruggero Maggi Santa Marta Congressi – SpazioPorto Venezia 1 giugno – 7 settembre 2013 entrata libera orari: martedì – domenica 10.00/18.00 chiusura: lunedì Per informazioni e aperture straordinarie (22 giugno – 6 luglio – 7 settembre): www.padiglionetibet.com ruggero.maggi@libero.it 320.9621497

53


ORGANIZZAZIONE PRIVATA Dal 1973 tutti i servizi investigativi Italia-Estero INFORMAZIONI, RICERCHE E SICUREZZA info@grandi-investigazioni.it

È dal 1973 che per noi non ci sono frontiere. Non solo in Europa. La nostra organizzazione ha operato su tutto il territorio nazionale ed inoltre: Barcellona, Belgrado, Gibilterra, Ibiza, Istambul, Londra, Monaco di Baviera, Montecarlo, Marsiglia, New York, Parigi, Vaduz, Vama, Vienna, Zurigo, Mosca e numerose altre località. Con discrezione.

28021 BORGOMANERO (NO) - C.so Sempione, 38 Tel. 0322 842021 - Fax 0322 842166 La nostra organizzazione investigativa, nata nel 1973, è fra le più conosciute nel suo settore. Fin dall' inizio abbiamo svolto servizi che riguardano la sfera commerciale ed industriale non tralasciando le diverse problematiche della famiglia. Si avvalgono quindi della nostra opera sia privati cittadini per casi strettamente personali che aziende per la salvaguardia del proprio patrimonio. Così pure si rivolgono a noi studi legali per l'acquisizione di prove valide in giudizio come previsto dal nuovo codice di procedura penale (Artt. 38 e 222 C.P.P.).

I NOSTRI SERVIZI LA VOSTRA SICUREZZA • SICUREZZA e BODY GUARD. • ACCOMPAGNAMENTO con NOSTRE VETTURE e PERSONALE SPECIALIZZATO (Vip, famigliari) • SICUREZZA e CONTROLLO per EVENTI, CONVENTIONS e PARTY. • ACCERTAMENTI PRIVATI Prove foto documentate per separazioni legali e divorzi. Indagini pre-post matrimoniali. Ricerca di persone scomparse. Indagini per reati e querela di parte. Lettere anonime. Ricatti. Servizi riservati antidroga su soggetti a rischio. • INDAGINI AZIENDALI Tutela marchi e brevetti. Controspionaggio industriale. Accertamenti su personale e soci. Prevenzione furti. Concorrenze illecite e sleali. Incarichi di fiducia. Sicurezza ambientale. Assenteismo. Verifiche intercettazioni telefoniche e ambientali. Contraffazione marchi. • INFORMAZIONI COMMERCIALI Orientative sul credito, Fido , Solvibilità.

www.grandi-investigazioni.it


Supplemento a NOI di Aprile 2013

a tavola!

Il mensile del buon gusto italiano RICETTA DEL MESE

Capesante su letto di riso con zucchine.

TRENTO Cantine Ferrari Villa Margon Locanda Margon

Ăˆ tempo di fragole


ENOGASTRONOMIA


ENOGASTRONOMIA

È tempo di fragole


P

er fragola si intendono i frutti delle piante del genere Fragaria a cui appartengono molte specie differenti. Comunemente con questo termine si intende la parte edule della pianta: anche se le fragole sono considerate dei frutti dal punto di vista nutrizionale, non lo sono dal punto di vista botanico: i frutti veri e propri sono i cosiddetti acheni, ossia i semini gialli che si vedono sulla superficie della fragola. La fragola viene considerata come un frutto aggregato perchÊ non è altro che il ricettacolo ingrossato di un'infiorescenza, posizionata di norma su un apposito stelo. La pianta, al di fuori del sistema riproduttivo, ha sistemi di moltiplicazione non sessuale, come lo stolone, ramificazione laterale radicante, per mezzo del quale può produrre nuovi cespi che sono di fatto cloni dello stesso individuo vegetale.


ENOGASTRONOMIA

Le fragole oggi comunemente coltivate sono ibridi derivanti dall'incrocio tra varietà europee e varietà americane. Dotate di un buon contenuto calorico a causa dell'elevato tenore zuccherino, le fragole rappresentano una eccellente fonte di vitamina C e di flavonoidi. Della famiglia dei flavonoidi fanno parte gli antociani, i quali sembrerebbero essere responsabili delle potenziali caratteristiche anti-infiammatorie delle fragole.

Proprietà e virtù delle fragole

Le fragole aiutano il metabolismo e sono preziose per la bellezza perché sono fatte al 90% di acqua; per questo idratano le cellule dell'organismo, senza appesantirlo con troppe calorie, Le fragole sono anche ricche di enzimi capaci di attivare il metabolismo dei grassi, aiutando il corpo a dimagrire con meno fatica. Sono anche ricche di fibre che aumentano il senso di sazietà, regolarizzano l'intestino e fanno assorbire meno grassi e meno zuccheri. Sono inoltre antirughe e anticellulite! Il loro contenuto di vitamina C (cinque fragole contengono una quantità di vitamina C pari a quella di un'arancia) favorisce l'assorbimento del ferro, utile per la formazione dei globuli rossi e per i muscoli, e la produzione di collagene, una proteina che previene le rughe e rafforza i capillari riducendo ritenzione idrica e cellulite.

NOI - GIUGNO 2013

Questa azione antiritenzione viene potenziata dal potassio, un minerale di cui le fragole sono ricche. Poi, non lo sapevate? sbiancano e proteggono i denti. Questi frutti contengono xilitolo, una sostanza dolce che previene la formazione della placca dentale e uccide i germi responsabili dell'alitosi. Sono poi antiossidanti e mantengono giovani. Le fragole sono state inserite tra i super cibi che "mantengono giovani" nella speciale classifica ORAC (Oxygen Radical Absorbance Capacity) stilata dall'USDA (il dipartimento dell'agricoltura statunitense), per il contenuto record di sostanze antiossidanti benefiche per la salute. Infine, fanno bene al cervello. Alcune ricerche hanno dimostrato che, grazie al loro contenuto di acido folico, le fragole sono utili per il mantenimento della memoria. Ma come scegliere le fragole? - Preferite un prodotto italiano e acquistatele quando sono di stagione, in primavera.

- Sceglietele turgide con colore rosso vivo e uniforme, e con picciolo ben attaccato al frutto. - Se le acquistate in vaschetta, controllate che non vi siano frutti ammaccati o ammuffiti, perché nel giro di poco la muffa si può estendere a tutta la confezione. Come fare per sfruttare le proprietà delle fragole che abbiamo descritto? Ecco una preparazione buona e salutare, da consumare una volta al giorno per 4-5 volte a settimana: Insalata di rucola e fragole Pulite, lavate e asciugate un ciuffo di rucola, poi spezzettate le foglie in una terrina. Pulite e affettate 8 funghi champignon e 8 fragole mature e sode. Mettete anche questi ingredienti nella terrina con la rucola. Schiacciate bene altre 4 fragole, unite 1 cucchiaio di olio d'oliva extravergine, mezzo cucchiaino di senape, sale, pepe, succo di limone ed emulsionate con cura. Versate la salsina sull'insalata, mescolate e servite.


TRENTO - Cantine Ferrari, Villa Margon e Locanda Margon

Un percorso nel bello e


Provato perVoi

nel buono


ENOGASTRONOMIA

Lunedì 3 giugno a Trento, nella splendida cornice dei vigneti della famiglia Lunelli, proprietaria del rinomato marchio Ferrari, “re dei bollicine” italiani, si è svolto l’atteso incontro tra la DOP novarese di casa Igor, il Gorgonzola "Gran Riserva Leonardi" e le specialità dello chef Alfio Ghezzi della “Locanda Margon”. L’incontro eno-gastronomico è stato preceduto da una visita alle Cantine Ferrari, un viaggio nel cuore della

cui scultura “Centenarium Ferrari” svetta all’ingresso delle Cantine, e prosegue poi sottoterra, fra interminabili corridoi di bottiglie e pupitres, dove silenzio e oscurità sono i soli compagni del lungo riposo delle bollicine in affinamento sui propri lieviti.

tradizione delle bollicine italiane, un affascinante percorso che permette di rivivere la magica trasformazione dello Chardonnay delle colline trentine in perlage dorato.

Per una volta abbiamo dimenticato la fretta, l’ansia, il rumore. La via che conduce alla maturazione del Ferrari è un viaggio lento verso la perfezione del gusto. Non è casuale l’ideale abbinamento al Gorgonzola Igor “Gran Riserva Leonardi”, anch’esso risultato di un’atten-

Il visitatore è accolto dall’arte di Arnaldo Pomodoro, la 62

Il viaggio nelle più grandi cantine italiane di metodo classico si conclude con un brindisi a Ferrari Incontri, struttura dedicata all’ospitalità.

ta maturazione e di una raffinata selezione, frutto dell’idillio fra natura e abilità dell’uomo, risultato di un’arte tramandata di generazione in generazione dalla famiglia Leonardi. La visita alle Cantine Ferrari è stata la prima tappa di un percorso “nel bello e nel buono”, proseguito nello splendido complesso di “Villa Margon” e nella possibilità di apprezzare l’alta cucina dello chef Alfio Ghezzi della Locanda Margon.

Lo stretto legame tra Ferrari e l’arte è sigillato da Villa Margon, fortemente voluta dalla Famiglia Lunelli quale sede di rappresentanza del gruppo. Non è soltanto una delle più belle residenze nobiliari extramoenia di tutto l’arco alpino, è anche un monumento, tra i più NOI - GIUGNO 2013


ENOGASTRONOMIA

sontuosi del Trentino, carico di storia e di leggende. Complesso cinquecentesco che si svela nel verde fittissimo di boschi e filari sulle colline che abbracciano Trento, Villa Margon ha ospitato, negli anni del Concilio di Trento (15451563), cardinali e prelati giunti da tutta Europa per la grande assise che diede il via alla Controriforma e, così vuole la tradizione, anche l’imperatore Carlo V, le cui gesta, non a caso, sono raccontate in un

ciclo di affreschi che impreziosiscono la villa, e il cui letto è tra gli arredi più significativi. Affrescata anche all’esterno, Villa Margon risalta, a pochi chilometri da Trento, in un parco che è intatto da secoli e che, per la vegetazione, soltanto in parte autoctona, è considerato NOI - GIUGNO 2013

un capolavoro della natura. A conclusione del tour, giunta l’ora di pranzo, ecco immersa nei vigneti Ferrari, a brevissima distanza dalla Cantina e dalla Villa, la Locanda Margon, una splendida terrazza naturale sulla città di Trento, voluta dalla famiglia Lunelli quale luogo di sperimentazione per modi innovativi di vivere le bollicine. Il ristorante di casa Ferrari è diretto dallo chef Alfio Ghezzi, che dopo alcuni anni dedicati

all'insegnamento è ritornato all'originale vocazione dopo aver appreso l’arte da due grandi maestri quali Gualtiero Marchesi e Andrea Berton. Con il primo ha lavorato all'Hosteria dell'Orso a Roma e al Casinò Les Princes di Cannes, del secondo è invece

sous-chef da Trussardi alla Scala a Milano. La Locanda Margon si propone infatti come luogo di sperimentazione per affascinanti ed innovativi abbinamenti, che sposano alla cucina del territorio la magia delle bollicine declinata nelle sue diverse versioni, per un abbinamento magistrale dall’aperitivo al dessert. Il Gorgonzola “Gran Riserva Leonardi” è stato presenta-

to dallo Chef Alfio Ghezzi in insoliti abbinamenti che hanno riscosso consensi entusiasti: tra gli altri, una deliziosa “Insalata di mango, olive e “Gran Riserva Leonardi”: un abbinamento perfetto con le bollicine di Casa Ferrari. MT 63


Villa Margon


Villa Margon - Particolare del parco


Villa Margon - La Chiesa


Villa Margon - Interni


Villa Margon - Interni


Villa Margon - Interni


Villa Margon - Particolari

77


La vista su Trento dalla terrazza della Locanda Margon


La veranda della Locanda Margon ed acuni piatti proposti


ENOGASTRONOMIA

Ledi Emi ricette di Emi Guidetti

Capesante

su letto di Riso con Zucchine

Ingredienti per 4 persone 24 capesante, 2 zucchine, 200g. di riso, 250 ml di yogurt bianco, 2 rametti di prezzemolo, qualche stelo di erba cipollina, 1 spicchio d’aglio, 40 ml di olio extravergine d’oliva, sale, pepe. Tempo: 20 minuti circa. Preparazione: Lessate il riso al dente per 10 minuti, leggendo attentamente le indicazioni sulla confezione. Lavate le zucchine, spuntatele, tagliatele a bastoncini. Lavate il prezzemolo e l’erba cipollina, quindi sbucciate l’aglio e tritatelo insieme alle erbe aromatiche. Versate lo yogurt in una ciotola, unite il trito preparato e 20 ml di olio; regolate di sale, insaporite con il pepe. Mescolate gli ingredienti e lasciate riposare la salsina almeno 20 minuti in frigorifero. Nel frattempo, pulite le capesante, staccando i molluschi dalle valve; lavatele bene, per eliminare ogni residuo di sabbia. Infilzate sugli spiedini di legno, spennellate con l’olio rimasto e grigliate per 5 minuti, voltandole a meta cottura. Suddividete riso, zucchine e spiedini in piatti individuali e servite con la salsa a parte.

82

Vedogiovane diversifica con un nuovo ristorante

Novità in vista per i 25 anni di Vedogiovane: la ricorrenza sarà festeggiata infatti con l'avvio - a Borgomanero - di una nuova attività, l'apertura di "Cucina 41", un ristorante accogliente attento ai bambini, con ludoteca con animatrice, menu dedicati e attenzione alle diete speciali; è anche un luogo di incontro che propone corsi di cucina, laboratori per grandi e piccoli, eventi, mostre fotografiche. Una nuova formula ("family friendly") unita alla buona cucina. Per Vedogiovane è una scelta che va nell'ottica di diversificare le proprie attività e di mettere al servizio del territorio il know how accumulato in questo "quarto di secolo" di lavoro con famiglie, prime infanzia e bambini: da qui l'idea di innovare, realizzando una società ad hoc (VG Food srl) specializzata nella gestione di questa particolare formula di ristorante, nei corsi di cucina e dei laboratori didattici di educazione al gusto. Tutti giovani trentenni gli amministratori di questa nuova nuova "start up": Debora Giromini, Raffaella Cerri, Federico Medda. La presentazione di "Cucina 41" si è tenita sarà venerdì 24 maggio con un aperitivo aperto a tutti, mentre dal sabato successivo è iniziata l'attività, che continuerà poi dal lunedì al venerdì a pranzo, dal giovedì alla domenica a cena. Il ristorante "Cucina 41 si trova all'interno di Spazio ViGi/Casa Allegria, a Borgomanero, la nuova struttura in via Alfieri 7. info@cucina41.it Cucina41: tel.0322/81475

NOI - GIUGNO 2013


E quando tutti i giorni diventano uguali è perchÊ non ci si accorge piÚ delle cose belle che accadono nella vita ogniqualvolta il sole attraversa il cielo. dal libro "L'alchimista" di Paulo Coelho

A LC HIM I S T A il ristorante

L'Alchimista ristorante

Oleggio Castello (NO) - Via Vittorio Veneto, 53 Tel. 0322 53255 - 339 3776370


NOI Magazine - Giugno 2013  
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you