Issuu on Google+

© Febbraio 2012 / Anno

Il mensile gratuito

2 - n. 19

www.costadeglietruschinews.com

News

Territorio

Eventi Gennaio

La nuova fiera di Venturina a pag 3

Puntare sull’enoturismo a pag 5

Gastronomia

Cultura

Per giorni amari a pag 4

Rivoluzione Interiore a pag 6

Appuntamenti a pag. 7 Il calendario del Carnevale a pag 7

La ricetta anti-crisi del Prefetto Mannino: consapevolezza, ingegno e azione

I

Oltre alla mediazione occorrono strategie

l prefetto, questo sconosciuto! E’ proprio il caso di dirlo: molti di noi non sanno bene che ruolo svolge benché tutti abbiano bene in mente che si tratta di una delle più alte cariche a livello provinciale. Dal 2008 il dott. Domenico Mannino “veglia” su Livorno. La passione per il suo lavoro traspare da come comunica: argomenta con trasporto concetti importanti come verità, apertura mentale, democrazia e libertà. In un momento in cui tutto è in dubbio, idee così chiare risuonano forti e senza incertezza: una sferzata di obbiettività che fa bene allo spirito. Che responsabilità ha il suo ruolo in questo preciso momento storico? La mia posizione è delicata, come lo è la attuale situazione. Mi trovo di fronte a conflitti sociali, ad aziende in crisi, alla difficoltà di ottenere finanziamenti dalle banche. Ora la parola d’ordine è mediazione e la priorità è quella di mantenere il concetto di protezione sociale che l’Italia ha sempre avuto ben presente. C’è la necessità che le varie forze in campo, tra politica, parti sociali,

Il Prefetto

Nella foto il Prefetto

economia, sindacati, si impegnino con sforzi comuni perché le risorse a disposizione sono poche e dobbiamo ottimizzarle lavorando insieme. Qual è la sua visione su come trattare argomenti così difficili? Il rapporto con questi altri gruppi in gioco non è sempre idilliaco ma la mia posizione è che sia importante dire sempre la verità, e il prima possibile: solo avendo una chiara percezione della situazione, i problemi si possono affrontare nel modo giusto. Non possiamo morire di una malattia solo perché non ce l’hanno detto! La responsabilità di questa verità, io me

lo voglio assumere perché solo la consapevolezza può portare all’azione. Non possiamo continuare a mentire, soprattutto nei confronti dei nostri giovani. Cosa vogliamo lasciar loro per il futuro? I giovani sono un tema che le sta a cuore… Per loro mi auguro che ci sia un cambio di mentalità, occorre che aprano la loro visione del mondo. Personalmente mi si può considerare un emigrante: dalla Calabria il mio lavoro mi ha portato nelle Marche, in Sicilia, Campania, Emilia e ora qui. L’amarezza è che, in alcuni luoghi, le per-

Tramonto

Foto Archivio Accademia Navale

Nella foto l’Ammiraglio Cavo Dragone

sone siano costrette ad andarsene: purtroppo, di solito, se ne vanno i migliori. A Livorno, per fortuna, partire può essere una scelta. Ma io esorto i ragazzi a lanciarsi, vivere per un po’

Nel 2011 il PIL di Livorno ha ottenuto una crescita dell’1%, tanto per valore aggiunto che unità di lavoro impiegate. Questo è quello che è emerso dal rapporto IRPET sul SEL (sistema economico locale, ndr) livornese. “Sia i dati 2011, sia le previsioni 2012, sottolineano l’importanza dell’export per Livorno – ha dichiarato l’assessore al lavoro e alla semplificazione Darya Majidi. “Le nostre hanno capacità e competenze per ambire a competere a livello internazionale. Il Pil dei paesi emergenti è comunque intorno al 6% e starà all’intraprendenza delle nostre aziende riuscire a catturare le opportunità. I dati purtroppo confermano una situazione difficile per l’edilizia, mentre l’automotive e la cantieristica stanno puntando all’innovazione e reggono la situazione. Fondamentale – conclu-

A conclusione dei festeggiamenti del 130° Anniversario dell’Accademia Navale di Livorno, è stata donata all’Istituto l’opera “Tramonto accademico”, del pittore livornese Massimo Lomi, da parte delle Gallerie d’Arte Athena, Le Stanze eUVA Studio dell’Arte dell’800 , già protagoniste Box NERA 6x5 6-07-2010 17:13 Pagina 1della Mostra “L’Accademia, Livorno e il mare”. Box Momenti Conviviali 6x5 6-07-2010 17:23 Pagina 1 C

M

Y

CM

MY

CY CMY

K

porto di Livorno dobbiamo pensare a come sarà tra 40 anni, non domani, tenendo bene in mente che dovremo fare dei passi per arrivare al quel traguardo così lungo, dovremo fare degli interventi, ma che non è sempre possibile vincere tutte le battaglie, l’importante è vincere la guerra. Dobbiamo credere, volere il bene comune, l’impegno. Livorno è nata sul concetto di libertà, di apertura verso gli altri: esaltiamo quella mentalità! Perché è quella che ha fatto grande la città! Io non mi trovavo nella visione della mia Calabria perché si tendeva a sopravvivere e non a vivere. L’assistenza non è la strada: bisogna reagire e pensare che anche questa crisi passerà e che bisogna rimboccarsi le maniche. Bisogna anche avere il coraggio di osare: se alcuni settori non funzionano più perché la competizione mondiale non gli dà scampo, dobbiamo affrontare questa verità, combattere trovando soluzioni alternative. Abbiamo le conoscenze, le maestranze, uno stile e creatività che tutti ci invidiano: abbiamo tutto quello che ci serve per questo importante “cambio di tendenza”. Paola Pavan

Livorno, Pil in crescita: +1%

Accademico

è un poliedrico “professionista” dell’amministrazione. Era e rimane tuttora “l’uomo dei cento mestieri”, che alterna i vari profili e la varie facce della stessa figura: il Prefetto di “polizia” come autorità provinciale di pubblica sicurezza, il Prefetto calato nelle emergenze sociali, il Prefetto rappresentante del Governo nella provincia, il Prefetto nel sistema delle autonomi locali, il Prefetto organo di protezione civile, il Prefetto mediatore nei conflitti sociali, ed altro ancora…

a contatto con altre culture, per capire cosa sono le regole e cosa vuol dire libertà. Uscire fa capire cos’è la democrazia, ci mette davanti al bello e al brutto: con questa consapevolezza, le scelte sono più responsabili perché si conosce cosa si ottiene e cosa si perde. La società ora aiuta i giovani? A livello umano, forse dovremmo insegnare di più che servono sacrifici per ottenere i risultati: le capacità si raggiungono con l’impegno, la dedizione. Una volta si imparavano le poesie a memoria per insegnare lo sforzo, ora i ragazzi vengono tenuti un po’ troppo al riparo dalle necessità… Questo uccide la mentalità del combattere, del conquistare, quella che io vedevo nel ’68. Riguardo a ciò che la società materialmente può dare, il momento è critico: il diritto del lavoro non riesce a stabilizzarsi, parliamo di pensioni ma non sappiamo se tra 70 anni ci saranno soldi. E poi il paese sta cambiando: noi eravamo forti nel manifatturiero ma oggi non possiamo competere con la concorrenza globale. Di cosa c’è bisogno? Di strategie, a lungo termine. Del

C

M

Y

CM

MY

CY CMY

de l’assessore - è che le aziende del territorio puntino all’innovazione, alla qualità, a fare rete, per poter crescere in competitività”. Dopo il tonfo del 2009 e il rimbalzo positivo del 2010, il +1% del 2011 ha confermato il cambio di tendenza. La crescita del valore aggiunto ha riguardato tutti i settori economici di attività, con particolare riferimento all’industria e ai servizi di trasporto, magazzinaggio e logistica. Il settore delle costruzioni, invece, non è riuscito a tirarsi fuori dal trend negativo imboccato negli ultimi anni e ribadito nel 2011 in cui, accanto alla stabilità del valore aggiunto, ha fatto registrare una riduzione consistente delle unità di lavoro impiegate. La riduzione del valore aggiunto nel settore delle costruzioni, insieme alla dinamica

piatta del settore dei servizi sociali e alla persona, pubblici e privati, sono elementi che vanno inquadrati nel più generale momento di stallo dei consumi delle famiglie e della riduzione della spesa dell’amministrazione pubblica, che mostrano segnali di difficoltà più evidenti nell’Area Livornese che a livello regionale. Nelle previsioni per il 2012 si stima una lieve flessione del prodotto interno lordo a livello regionale. Nel sistema economico locale livornese la flessione non dovrebbe verificarsi e l’andamento economico dovrebbe essere orientato a una sostanziale stabilità, con una leggera crescita rispetto al 2011. Paola Pavan

K

Mettersi insieme è un inizio, rimanere insieme è un progresso, lavorare insieme un successo.

H. Ford

Per realizzare pubblicità, promuovere la tua azienda ed i tuoi prodotti scegli

Per spazi pubblicitari cell. 331.2418182 commerciale@costadeglietruschinews.com


2

Febbraio 2012

www.costadeglietruschinews.com

Tutta la formazione della Provincia Tunisia. Diario di una

news

Ecologia

Raccolta

differenziata 1000 ragazzi ad imparare la cultura del rispetto e della sostenibilità per poi insegnarla agli altri. E’ questo il progetto ambientale “Differenziamoci, Trattiamo i rifiuti con rispetto” promosso dal Comune di Livorno in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Provinciale, la Capitaneria di Porto, la Provincia, oltre a numerose associazioni culturali ed ambientaliste. I ragazzi degli Istituti superiori, dopo un percorso formativo- informativo con lezioni in classe e visite guidate agli impianti, faranno da tutor ai più piccoli trasmettendo loro le conoscenze acquisite. Il progetto terminerà nella settimana dell’Acqua indetta dalla Commissione Europea dal 22 al 26 maggio. In questa occasione le classi dei bambini più piccoli adotteranno ciascuna una spiaggia del nostro litorale nel tratto Antignano–Accademia ed effettueranno una pulizia simbolica delle spiagge.

In tempo di crisi e di ricerca affannosa di un posto di lavoro da parte di molti cittadini italiani si conferma, anche per il 2012, un progetto della Provincia di Livorno che può facilitare l’apprendimento delle varie professioni ed il successivo inserimento in un mercato lavorativo sempre più febbrile. Ma di cosa si tratta in sostanza l’offerta che la Provincia propone? Il progetto “Ricerca attiva” mira ad assegnare ed a finanziare voucher individuali. In sostanza, attraverso il voucher, coloro che sono iscritti ai percorsi di ricerca attiva presso i vari Centri per l’Impiego possono iscriversi e frequentare i corsi inseriti nell’Offerta Formativa Provinciale. L’iter per poter partecipare al progetto prevede sei seminari di orientamento (di gruppo) e due col-

loqui individuali, in cui saranno verificate le corrispondenti propensioni ad un determinato lavoro scelto. Da sottolineare, la necessaria partecipazione da parte del cittadino interessato ad almeno due seminari. In seguito al colloquio individuale, vi sarà l’assegnazione del voucher formativo. La prima data utile è rappresentata dal seminario che si terrà il 1 aprile seguita dal colloquio

I percorsi saranno:

• Addetto all’assistenza base O.S.A. • Amministrazione e contabilità del personale - Elaborazione buste paga • Addetto ad attività alimentari semplici e complesse • Formazione obblig. agente e

del 20 maggio, mentre l’avvio del percorso è previsto per il 10 giugno. Le date successive saranno le seguenti: 1 agosto-20 settembre (seminario e colloquio individuale) e 10 ottobre (avvio del percorso), infine 1 ottobre-20 novembre (seminario e colloquio individuale) e 10 dicembre (avvio del percorso). Le sedi Centro per l’Impiego, in cui si svolgeranno i seminari formativi

ed i colloqui per l’assegnazione dei voucher sono ben cinque in tutto il territorio livornese: Livorno, Rosignano, Cecina, Piombino e Portoferraio. Sottoscrivendo un atto unilaterale di impegno, entro cinque giorni, l’assegnatario del voucher dovrà presentarsi all’Organismo formativo del percorso scelto.

rappresentante di commercio • Formazione obblig. per accesso alle attività commerciali nel settore merceologico alimentare (C.A.A.) • Formazione obblig. addetti ai servizi di controllo per attività di intrattenimento e spettacolo in luoghi aperti o esercizi pubblici • Formazione obblig. addetto al

pronto soccorso in Aziende B, C • Formazione obblig. per agente di affari in mediazione • Formazione obblig. addetto antincendio in attività a rischio basso e medio • Formazione obblig. rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (R.L.S.)

Valentina Cambi

365 giorni di Benessere ze delicate, insieme a frutta fresca e tisane: la spa è un’esperienza polisensoriale in cui lo stress è bandito. E’ benessere a 360°. E si può fare anche in coppia per tener viva la complicità”. Una delle cartine tornasole della nostra salute è la pelle: “E’ il nostro biglietto da visita, ciò che resta più visibile agli altri e necessita di cure e idratazione perché il tempo atmosferico e l’inquinamento rischiano di farla invecchiare più velocemente. Bastano pochi gesti quotidiani e le estetiste, che conoscono i propri clienti, possono suggerire le creme e le azioni per mantenerla sempre giovane”. Altro capitolo per il benessere tutto l’anno dovrebbe essere dedicato alla silhouette. Lo sport è il primo motore per il muscoli e il metabolismo: “L’attività fisica è essenziale ma provate anche a farvi fare un massaggio defa-

Nuova zona WI-FI gratuita a Livorno

Notizie flash La Pietra della Memoria alla Città di Brescia A Brescia nel marzo del 2012 un monumento celebrativo verrà eretto a chiusura del 150° anniversario dell’Unità d’Italia. Livorno ha partecipato donando una pietra risorgimentale a ricordo delle difesa della città nel 1849. La pietra simbolica, con incise le date “10 e 11 maggio 1849”, a ricordo di quelle giornate, andrà ad aggiungersi a tante altre pietre, provenienti da tutta Italia, per costituire la base del monumento.

ticante poi o una sauna e vi sentirete subito di nuovo pieni di energia. Ma quando il grasso è molto concentrato o di vecchia data, è necessario un intervento più profondo e così, qui a Flexy Lady, abbiamo investito molto in macchinari di ultima generazione. Come la pedana vibrante che è perfetta come ri-attivatore metabolico. O la crioterapia che congela le cellule adipose e le fa riassorbire.” Ecco pochi consigli utili per ritornare a volersi bene: ora la palla passa a noi…. Paola Pavan

Non è uno sport da maschi Le donne ed il rugby: uno strano connubio che oggi è una solida realtà

Formazione

Scuola per filmaker Diventare filmaker documentarista, un professionista in grado di creare film documentari, ma anche docufiction, redazionali pubblicitari, contenuti per web e web-tv, grazie ad un corso, promosso dalla provincia di Grosseto. Le lezioni avranno una durata di 358 ore, di cui 179 di work-experience in set esterni per le riprese, per il montaggio e mixaggio e si svolgeranno all’Istituto Istruzione Superiore Polo “L. Bianciardi”. Sono disponibili 10 posti, le iscrizioni scadono il 18 febbraio 2012, per informazioni e iscrizioni rivolgersi a: Istituto Superiore “L. Bianciardi” - Grosseto Tel. 0564 26010 Cell: 3209154012 email: agenziaformativabianciardi@gmail.com

Presentato a Livorno il diario-cronaca scritto da Francesca Russo e Simone Santi che prende spunto dal suicidio di protesta di un venditore ambulante che ha coinvolto tutto il popolo, portando all’abbattimento del regime di Ben Alì. Il racconto si basa sull’esperienza personale degli autori, con interviste ai familiari delle vittime e centinaia di messaggi messi in rete, la “piazza virtuale” che ha reso possibile lo sviluppo della “primavera araba”.

L’Emeroteca di via del Toro, sezione della Biblioteca Labronica “F.D. Guerrazzi”, acquista nuovi 30 posti di consultazione e, in più, mette a disposizione il servizio di navigazione wi-fi. Gli utenti, muniti del proprio computer portatile, possono posizionarsi in tutte le sale e collegarsi al web per un massimo di 1 ora.

Curare corpo e mente immersi in atmosfere rilassanti

Il nostro tenore di vita a volte sballa anche i ritmi del nostro corpo e quindi della nostra salute. A ben considerare però quello che oggi non possiamo proprio trascurare siamo noi stessi, l’unico vero patrimonio che abbiamo. E se è bene iniziare l’anno con un bel controllo medico generale, è altrettanto un bene programmare qualche piccola coccola per rendere più forte la mente. “Un massaggio, un trattamento per la pulizia della pelle, un’esperienza di benessere: a volte sono proprio i piccoli momenti quelli che possono risollevare lo spirito” – ci spiegano Silvia e Francesca Moscardini del centro benessere Flexy lady. “In un momento in cui tendiamo a vedere tutto nero, passare una giornata rilassandosi tra idromassaggio e sauna è un “tocca sana” che può dare la carica per molti giorni. Luci soffuse, melodie rilassanti, fragran-

rivoluzione

Nacque tutto intorno al 2000-2002, gli anni in cui il rugby, uno degli sport più nobili, antichi e maschi di sempre, si affacciava sulla scena internazionale conquistando quell’interesse che mancava, da parte del grande pubblico. Il fair-play, il terzo tempo, gli abbracci finali, il sollazzo postgara tra avversari, quell’essere nemici e rudi per un’ora e, al fischio finale, scordarsi di tutto e bere insieme un boccale di birra. Tutte cose che

mancano in altri sport, specialmente in quello nazionale, il calcio, colmo di violenza e polemiche, tutte cose che hanno creato un aura di signorilità intorno alla palla ovale. Un duro scontro fisico, un gioco ruvido, fatto di contatto, di spinte e placcaggi, di botte e di corsa, cose da uomini, verrebbe da pensare. E invece no.. “Tutta roba per donne” direbbe mister Alessandro Brondi, coach della squadra femminile di rugby di Livor-

no, che tanto bene sta figurando nel campionato nazionale. Nacque tutto nel 2002, quando il settore femminile dei “Lions” non dava i risultati sperati e le ragazze passarono tutte nella società “Etruschi” riunendosi in un’unica compagine. Fu proprio qui, che qualche anno dopo, iniziò l’avventura da “mister” di Alessandro, già giocatore professionista, che dopo un fastidioso infortunio, decise di dedicarsi all’impegno di allenatore del settore

femminile. “Vidi subito che c’erano grandi margini di miglioramento, prospettive di lavoro interessanti per ottenere dei risultati.” E quei risultati non hanno tardato ad arrivare, nelle ultime due stagioni, le ragazze hanno conseguito un undicesimo ed un sesto posto assoluti e quest’anno puntano di nuovo ad essere inserite nel quadro delle prime dieci, per giocarsi fino in fondo le finali. “Per me il rugby è uno sport asessuato!” afferma il

Maremma C

M

Y

CM

MY

CY

CMY

K

Griffe d’Arte - www.griffedarte.it Arazzi su tela - Paesaggi Toscani

coach, “Le ragazze non hanno affatto paura dello scontro fisico e hanno ottime capacità di incamerare le tecniche e le tattiche di gioco.” L’unica cosa che Brondi vorrebbe migliorare è lo spirito di gruppo, facendo sì che ogni ragazza si affidi alle altre, giocando con loro e per loro: un risultato più difficile da ottenere con le donne, rispetto agli uomini. Sempre secondo il mister: “la nostra è una grande squadra, con più di un’individualità, l’obiettivo è amalgamarsi per puntare a vincere!” Dedite al duro lavoro e al sacrificio, potrebbero sembrare donne atipiche, di certo la domenica non indosseranno i tacchi o la minigonna, ma sono ragazze normalissime che, quando scendono in campo danno tutto, perché alla palla ovale non interessa il cromosoma, basta giungere alla “meta”. Gianluca Parodi


www.costadeglietruschinews.com

Un caffè con Carducci Venerdì 9 marzo la festa a Bolgheri

marmellate d’uva e di frutta”. La vera novità però riguarderà il vizioso cioccolato che sarà lavorato davanti agli occhi degli avventori: “Le macchine per il cioccolato non sono grandi e così ne terremo una in negozio. Poi per le lavorazioni più sofisticate ci sarà un laboratorio appropriato: ho intenzione di creare una linea di cioccolatini al vino.- continua Massimo - Studieremo la possibilità di usare i diversi varietali, magari useremo anche le foglie della vite. Ma ora non è il caso di svelare tutti i segreti. Vi aspetto per una grossa festa con tutti noi del Caffè Carducci e della Costa degli Etruschi News”. Siete quindi tutti invitati venerdì 9 Marzo dalle ore 17,00.

M

Y

CM

MY

CY CMY

Febbraio 2012

K

3

A Venturina lavori in arrivo per la zona fieristica

Il futuro della Fiera Giovedì 20 gennaio, presso le fiere di Venturina, il comune di Campiglia ha presentato alla cittadinanza il preliminare del piano particolareggiato in cui si stanno decidendo le modifiche all’area della fiera. Il Sindaco Rossana Soffritti ha sottolineato che la zona è pubblica e deve avere funzioni sociali e che la riqualificazione è ancora più importante se si considera che ormai la struttura è stata inglobata dalla città.

Caffè Carducci, una nuova possibilità di svago e di “vizio” sta arrivando a Bolgheri. Immaginate una bella colazione a fianco di nonna Lucia o di togliervi lo sfizio di un cioccolatino artigianale. Venerdì 9 marzo ci saranno ben 3 buoni motivi per festeggiare: l’apertura di questo nuovo punto di ritrovo in uno dei borghi più preziosi della zona, il compleanno di Massimo Tanini, nostro eclettico editore e patron della caffetteria, e l’annuale appuntamento per gli amici della Costa degli Etruschi News. “Caffè Carducci nasce dall’intento di dare un prodotto alternativo a Bolgheri. – spiega Massimo - Sarà un luogo in cui bere un buon caffè e in cui riscoprire i gusti della pasticceria locale. Del caffè cureremo la selezione e produzione e potrà anche essere acquistato in piccoli sacchettini. In più abbiamo pensato di preparare giornalmente i dolci tipici e far conoscere ai nostri clienti la torta campigliese, le crostate “fatte in casa”, le

C

I punti di intervento sono essenzialmente tre: “Si pensa di realizzare un edificio polifunzionale nell’area retrostante la “distilleria” che possa anche fungere da collegamento tra l’esterno pedonale e l’interno della zona fieristica. Ovviamente una parte del lavoro poi sarà dedicato alla risistemazione dei capannoni e dei servizi igienici collegati. In più si pensa ad un area attrezzata nella parte est, quella vicino alla zona verde, che potrebbe essere adibita a servizi per la cittadinanza e per

gli spettacoli. – spiega il sindaco. - Vogliamo dare servizi anche alle associazioni per far sì che l’area sia vissuta”. La fiera di Venturina è gestita dalla Se.fi, società completamente partecipata dal Comune di Campiglia che segue anche la farmacia comunale, gli uffici turistici e la “Casa dei Racconti”. “Il successo della fiera della Val di Cornia è trainato dalla fiera campionaria (arredamento, abbigliamento, artigianato) che è adatta a tutti e che ci permette di avere la maggior affluenza possibile, anche grazie all’ingresso gratuito”. – argomenta Leonardo Carolini, presidente della Se.fi - “Purtroppo però il bacino di utenza non è così ampio: 80/100.000 abitanti non consentono di ipotizzare fiere monotematiche; una fiera altamente specializzata rischierebbe di non aver successo. Perciò il restante lavoro della struttura è legato alla richiesta dello spazio da parte di gruppi organizzati: in quel caso ottengono il servizio

chiavi in mano e sfruttano le infrastrutture”. Quale sarà il futuro della fiera? “In questo preciso momento di stallo economico, non è facile trovare spunti a cui rivolgersi ma l’obiettivo è di mantenere importante questa fiera e far crescere anche le manifestazioni collaterali. Lo spazio è modulare con 2 capannoni grandi, una tensostruttura di 1000 mq e un’ampia area scoperta: può essere ideale per molti diversi utilizzi”. PROSSIMI APPUNTAMENTI 19 Febbraio D-day raduno privato soft-air organizzata dall’Associazioni Clessidra 26 Febbraio Festa di Carnevale dei giovani democratici 25 Marzo 22a Expo Regionale Cinofila organizzata dal gruppo cinofilo Livornese “G.U. della Gherardesca” 26 Maggio – 03 Giugno 41° Fiera Mostra Economica Costa Toscana Paola Pavan

Paola Pavan

Nella foto l’Area Fiera

Nella foto Conferenza del Comune

news

Progetti culturali

Musica Etrusca La rete dei Musei della Provincia di Grosseto ha realizzato un progetto scientifico per far riscoprire ai cittadini la musica perduta degli Etruschi attraverso un intreccio, originale e divertente, tra ricerca storica, performance musicale, proiezioni di immagini e lettura espressiva. L’iniziativa, che ha riscosso un grande successo negli 8 incontri sul territorio provinciale, verrà esportata a Firenze, al Museo archeologico nazionale.

GIOVANI TALENTI

Vogliamo attirare l’attenzione verso ragazzi e ragazze che si stanno facendo largo nel mondo dello sport, dell’arte e della musica, della letteratura e della scienza. Da sempre i giovani sono tartassati dai soliti, negativi, luoghi comuni e se qualcuno di loro riesce, con costanza e impegno a raggiungere il proprio sogno, allora che serva di esempio e di aiuto a chiunque voglia provarci

TIMOTHY NOCCHI:

GLI INTRECCI DEL DESTINO La storia del giovane portiere di Rosignano amico di Buffon La maglia numero 1, di un colore diverso dagli altri, l’ultimo baluardo, l’ostacolo più grande tra un calciatore e la gioia di un gol, l’unico in campo che può usare le mani, più semplicemente..il portiere! Nasce tutto da un campo di provincia, prima culla, poi trampolino di lancio di un ragazzo, che più di ogni altro, in Italia, può dire d’aver seguito le orme del numero uno al mondo. Di strada da fare ce n’è ancora molta, moltissima, ma i presupposti, sono quelli del campione! Timothy Nocchi, ragazzo di Rosignano Solvay, classe 1990, portiere titolare della Carrarese, squadra che naviga nelle parti alte della classifica del campionato di Lega Pro, la vecchia serie C1, è cresciuto nella Juventus, si è allenato con Buffon per cinque anni, fianco a fianco. Gigi c’ha scherzato,

l’ha osservato, l’ha preso in giro come i veterani fanno con i giovani, gli ha insegnato qualche trucco, l’ha aspettato e poi l’ha scelto. Sì, l’ha scelto! Perché proprio il portiere della Juventus e della nazionale è anche uno dei quattro soci di maggioranza della Carrarese, la squadra dove lo stesso Buffon ha mosso i primi passi e che ora vuol far risorgere con grandi investimenti, portandola nei posti che contano del calcio professionistico. Nella sessione estiva di mercato, a Carrara serviva un portiere, giovane, affidabile, rampante e lo staff, in accordo proprio con Buffon non ha avuto esitazioni: tramite il procuratore di Timothy, Claudio Chiellini, fratello di Giorgio, difensore della Juve, si è intavolata la trattativa e il giovane rosignanese, proveniente da un’ottima stagione con il Poggibonsi, in serie C2, è finito in prestito ai piedi delle Apuane. “Come potevo rifiutare? Come avrei potuto dire di no a Gigi?” Afferma Timo estasiato da questa esperienza che lo sta conducendo dritto verso il calcio che conta. Nocchi prende tra le mani i primi palloni proprio nel suo paese, Rosignano, dove approda di nuovo dopo 5 anni d’esperienza a Torino

Nella foto Nocchi alla Juventus

Nella foto Nocchi in allenamento

Nella foto il portiere alla Carrarese

che lo formano nel corpo e nello spirito. Torna sotto l’ala protettiva di colui che l’aveva lanciato, che, per primo aveva creduto in lui, il preparatore

QUELLA TELEFONATA DURANTE IL RISCALDAMENTO…. “Mi stavo preparando alla partita più importante della mia carriera, teso e concentrato ero entrato in campo per il riscaldamento pre-gara. Corsa, esercizi di ginnastica, prendo confidenza col terreno e poi qualche cross per entrare in clima partita. Proprio mentre il preparatore s’accingeva a calciare mi si avvicina un dirigente della mia squadra invitandomi a prendere in mano il suo telefono e rispondere. Ho provato a rifiutarmi perché stavo cercando la concentrazione e non era il momento di telefonate ma lui ha insistito strenuamente. Allora mi sono tolto i guanti, un po’ scocciato, non avendo assolutamente idea di chi potesse essere, un familiare forse.. “Hey Timo! Forza! Sei il numero 1!”.. Il timbro di voce era inconfondibile! Mi aveva chiamato Gigi Buffon in persona, non potevo sbagliare!” dei portieri Massimo Lupi. Ed è l’anno più difficile: dopo aver sfiorato la serie A, vedere il proprio nome inserito nella lista della Champions League,

essersi seduto sulla panchina dell’Old Trahfford di Manchester, non è facile tornare a calcare i campi di provincia, solo un bagno d’umiltà e tanta voglia di

non mollare mai possono farti resistere. Ma la stoffa c’è e lui non si abbatte, al Solvay disputa una stagione fantastica in serie D, toccando l’apice nel derby contro il quotatissimo Pisa, vinto dal Rosignano con uno storico 1 a 0 all’arena Garibaldi grazie anche ad alcuni suoi miracoli. Poi il calcio professionistico, l’approdo al Poggibonsi, un anno da protagonista e le valige di nuovo pronte per confrontarsi con la categoria superiore e proseguire la scalata. Arriva a Carrara come secondo dell’esperto Gazzoli, ma dopo un infortunio di quest’ultimo, Timothy debutta proprio nel sentitissimo derby con lo Spezia, di fronte a 5mila spettatori, in un clima di fuoco. Una telefonata di Buffon in persona, prima del riscaldamento, suona la carica, poi il talento fa tutto il resto, una vittoria indimenticabile, condita da interventi da campione, da qualche parata “alla Gigi” che convince il mister a promuoverlo definitivamente come titolare. “E’ stata la partita più bella della mia vita!” La partita più bella della tua vita..per ora! Sotto con il lavoro e il sacrificio, le rinunce e le responsabilità, la strada è quella giusta, lo sponsor è il più prestigioso, in bocca al lupo Gianluca Parodi Timo!


4

Febbraio 2012

www.costadeglietruschinews.com

Cioccolato che passione Durante gli ultimi giorni di questo Febbraio bisestile e durante i primi giorni di Marzo sia la città di Livorno sia il centro urbano cecinese ospiteranno la ormai consueta manifestazione dedicata all’arte del cioccolato, Choccolandia, appunto. Questo evento che giunge quest’anno alla sua ottava edizione, riunisce ,nelle due località toscane in questione, maestri cioccolatai ed artigiani pronti a proporre al pubblico tante dolci golosità. Ma non solo: l’evento vuol riuscire a comunicare anche tutti quegli aspetti salutistici che appartengono alle caratteristiche nutrizionali del cioccolato. Proprio a questo merito abbiamo rivolto alcune domande a Riccardo Cerretini, pasticcere livornese che dal 1992 dirige la sua pasticceria nella città di Livorno.

gastronomia e ... dintorni

DOC BOLGHERI La Provincia ha pubblicato un bando per l’assegnazione delle quote di iscrizione all’albo della DOC Bolgheri. E’ aperto verso le superfici vitate situate nella zona DOC Bolgheri, comune di Castagneto Carducci, e il termine per presentare domanda è il 10 febbraio 2012. Possono partecipare tutti i titolari di aziende situate nel perimetro della D.O.C. Bolgheri Rosso e Rosato che hanno realizzato impianti iscritti all’elenco delle vigne IGT e tutti i titolari di aziende situate nel perimetro della DOC Bolgheri Bianco, Doc Bolgheri Vermentino, Doc Bolgheri Sauvignon che hanno impianti iscritti all’elenco delle vigne IGT Bianco. In entrambi i casi le vigne devono rispettare le caratteristiche richieste dal disciplinare. Per informazioni Unita’ di Servizio Sviluppo Rurale - Via G. Galilei, 62 –Livorno

Domanda schietta: il cioccolato è un alimento che fa bene o che fa male al nostro organismo? “E’ certamente un alimento dalle grandi qualità nutrizionali, che sicuramente mangiato nelle giuste quan-

a

In

in uc

Creazione di Cerretini

tità apporta un notevole supporto alla dieta quotidiana. Intendo il cioccolato vero, non quello proposto da alcune grandi multinazionali.” Lei che cioccolato propone ai suoi clienti? “Io lavoro con il cioccolato belga, Belcolade. Una cioccolata buonissima che si affida per la lavorazione dei suoi prodotti solamente a fave di cacao monorigine. Questo permette a me di essere certo della qualità del prodotto con il quale lavoro.”

Il mondo del cioccolato risente di questa lunga crisi? “Se proprio devo essere sincero, no. Almeno nel mio caso, devo ammettere che non ho subito un grosso deficit, nell’ultimo Natale per esempio posso affermare di avere lavorato più che nel precedente. Sarà forse perché il costo del cioccolato e dei cioccolatini in genere non è che sia poi così elevato. Ma credo che in questo periodo le persone abbiano bisogno di qualità, per questo quindi io cerco

sempre di proporla”. Sappiamo che parteciperà all’ottava edizione di Choccolandia, può anticipare che cosa proporra? “Proporrò una scultura di cioccolato che raffiguri la fortezza vecchia di Livorno. Proprio questo luogo perché a mio avviso è un simbolo della città e proprio per questo credo debba essere maggiormente sfruttata e valutata”. Marco Provinciali

C

pranzi surgelati!

Torta “Delia” Questo mese sono stata ospite in cucina di Matteo, classe 1975, gestisce da circa dieci anni un noto locale della zona e cucina per lavoro ma soprattutto per passione! Sposato con Cinzia hanno una figlia Delia, sei anni. Per la festa di San Valentino

Matteo lavora, ma è un babbo e un marito attento e premuroso e con una ricetta semplice e un tocco di romanticismo, ha preparato una torta golosa per festeggiare insieme alle sue “donne” la festa degli innamorati. Dose per 6 persone: 70gr burro 150gr farina 00 120gr fecola di patate 1 bustina lievito 4 uova 1/2 bicchiere di latte 150gr zucchero

1 limone Nutella q.b. farina di cocco q.b. PREPARAZIONE: Separare i tuorli dalle chiare. Sbattere i tuorli con lo zucchero almeno 15 minuti, poi incorporare il burro ammorbidito a temperatura ambiente. Una volta che l’impasto è ben amalgamato ,unire farina, fecola, lievito meglio se setacciati alla fine il latte e la scorza del limone grattugiata. Montare

le chiare a neve ferma con un pizzico di sale e unirle all’impasto delicatamente, movimenti dal basso verso l’alto per non smontare l’impasto. Imburrare una teglia (cm 24) e infarinarla, versare il composto e cuocere in forno a 180 gradi per 45/50 minuti. Sfornare la torta e farla raffreddare su di una grata. Una volta raffreddata tagliare la torta per orizzontale dividendola in due dischi alti uguali,farcire la torta con

I macerati d’erba del monte Amiata: una tradizione dei monaci cistercensi

Abbazia San Salvatore

Amaro Stilla

San Salvatore i Longobardi fondarono nell’VIII secolo un Monastero tutt’ora ben conservato, che da subito è divenuto centrale per tutto il territorio amiatino. Nel 1228 Papa Gregorio IX lo assegnò ai Monaci Cistercensi e da qui comincia la nostra storia.

La Merenda Box 23-06-2011 13:19 Pagina 1 C

M

Y

CM

MY

CY CMY

K

I Monaci infatti avevano la spiccata tendenza ad inventarsi qualcosa di gradevole da bere (sono lo stesso ordine dei Birrai Trappisti per capirci!), così non passò molto tempo che, complici forse i rigidi inverni montani, iniziarono la produzione di un amaro a base di erbe la cui fama si diffuse in fretta. E poi arrivò pure il nome giusto: Amaro Stilla. Ma si sa, il vento cambia, e anche per i Monaci il tempo del commercio finì. Oggi la tradizione legata ai macerati di erbe è stata rinnovata a livello professionale da una piccola azienda di Abbadia che si chiama Lombardi&Visconti, dai nomi dei

due fondatori e che ha recuperato le antiche ricette per riproporle in chiave decisamente originale, come nel caso del citato Amaro Stilla, ma non solo. Bella l’idea di creare un macerato che utilizza una rara varietà di frutto locale, la pera Picciola e molte altre referenze tra cui gli Enoliti. I macerati d’erbe, sono ottenuti da “frantumazione” e macerazione appunto di vegetali (radici, rizomi, sommità fiorite di piante officinali) e i processi di lavorazione (macerazione-infusione e fermentazione), dicono da Lombardi&Visconti, “sono realizzati tutti con miscele di erbe aromatiche o frutti su ricetta esclusiva della ditta. Fatta eccezione ovviamente per l’amaro Stilla, che è ottenuto seguendo una ricetta appartenuta ai monaci

nutella e richiudere, con una spatola spalmare su tutta la superficie bordi compresi la nutella rimasta ed alla fine spolverizzare con farina di cocco,farla rassodare un paio d’ore in frigo. un piccolo difetto ce l’ha questo capolavoro di golosità…….. aspettare due ore prima di poterla gustare! Auguri a tutti i “babbi” innamorati! Chiara Comparoni

Notizie flash

Rimedi contro i giorni “Amari”

L

Timballo di stelle filanti pasticciate, Hamburger di pollo mascherati della casa, scherzo di purè (che nasconde all’interno tante salutari verdure), Cenci. Quasi quasi viene voglia di ritornare a scuola con un menù così. A Febbraio nelle tavole delle mense scolastiche di Livorno si festeggia con i piatti di carnevale e a Marzo invece si imparerà a conoscere la cucina veneta con il risotto al radicchio… Etica e attenzione caratterizzano il servizio di ristorazione per il quale è stata redatta una carta utile per la conoscenza dei principi ispiratori del servizio, della sua organizzazione e del sistema di controllo. Parità di diritti degli utenti, sicurezza igienico sanitaria degli alimenti, controllo della qualità dei fornitori e delle derrate sono solo l’inizio del processo che porta i cibi sulle tavole, che poi continua con l’attenzione ai menù, gradevoli ma bilanciati ed al servizio, continuo, regolare, efficiente ed efficace.

. n.. o c Rubrica per tutte le mamme moderne che hanno poco tempo per cucinare ma che non si arrendono ai

BABBO MATTEO:

a montagna Solitaria. Sembra il nome perfetto da trovare in un libro Fantasy eppure rende bene l’idea del Monte Amiata. Un piccolo universo, rivolto a se stesso con la sua gente, i suoi borghi e le sue tradizioni millenarie. Qui, dove oggi sorge l’abitato di Abbadia

Menù speciali per la ristorazione scolastica

cistercensi”. Sia le erbe aromatiche che i frutti usati provengono da quattro aziende agricole situate nei comuni di Abbadia San Salvatore, Castel del Piano e Castiglion d’Orcia, unica eccezione sono le erbe di origine asiatica, come il Karkadè che, dicono gli artigiani, non si possono trovare sul territorio perché “le coltivazioni sperimentali non hanno dato esiti soddisfacenti”. Resta il fatto che una realtà di eccellenza come questa rappresenta un punto di orgoglio per tutto il comprensorio dell’Amiata, che di carte da giocare ne ha davvero molte, ma a volte preferisce ancora attardarsi a sonnecchiare all’ombra familiare dei suoi magnifici castagni. Renato Nesi

Equità nel latte GROSSETO. Latte Maremma promuove le pari opportunità. Sulle sue confezioni logo, numero di telefono e il sito web della Commissione provinciale Pari Opportunità, e lo slogan: “Ogni giorno accanto a te contro ogni violenza. Ogni giorno per dare dignità al tuo futuro. Ogni giorno per garantire pari opportunità a tutti.” La campagna di sensibilizzazione, con 300mila cartoni distribuiti in Toscana e Emilia Romagna, punta a far conoscere il prezioso aiuto di questo organismo contro i soprusi quotidiani.


www.costadeglietruschinews.com

Febbraio 2012

5

Puntare sul vino per il turismo tutto l’anno Le aziende di eccellenza sulla costa ampiano le potenzialità di presenze anche nelle stagioni minori ultimando le traduzioni in 4 lingue e contiamo entro i primi giorni di febbraio di riuscire a pubblicare il tutto. Partecipiamo alle maggiori iniziative sul vino e sui prodotti tipici che si svolgono sul territorio, cercando di aggregare e di dare maggiore visibilità sia all’iniziativa che alle aziende produttrici. Partecipiamo ad eventi sia turistici che agroalimentari sia in Italia che all’estero, essendo di supporto alle aziende socie. La prossima tappa sarà la BIT a Milano dove saremo presenti con le altre Strade del Vino, senza dimenticare i vari workshop turistici come la BETA o la Borsa di Viterbo. Organizziamo inoltre educational per Tour Operator e giornalisti cercando di veicolare un immagine unitaria del territorio. Quanto all’accoglienza, il nostro compito principale è di aiutare i visitatori quando sono in zona e lo facciamo con mappe cartacee che indicano aziende vinicole, agri-

turismi, produttori di eccellenze tipiche. Curiamo poi la segnaletica stradale e ovviamente stiamo puntando agli strumenti informatici perché questi mezzi possono arrivare potenzialmente a tutti. E così, oltre al sito internet, abbiamo iniziato anche a sperimentare un software per le prenotazione delle visite alle cantine. Teniamo anche dei corsi di formazione anche per gli operatori turistici della zona che possono così consigliare con maggior competenza vini e visite aziendali. Una riflessione sulla nostra zona? Io credo, e non sono l’unico, che la nostra costa abbia enormi potenzialità e che molte di queste siano inespresse. Non c’è solo il mare, c’è il vino, ma anche l’archeologia, splendidi percorsi per le biciclette o per il trekking, La natura ci ha aiutati. Un piccolo appunto lo vorrei fare riguardo alla denominazione con cui chiamiamo il nostro territorio: quando arrivai a Bolgheri, ci

il territorio Foto Archivio Consorzio Strada del Vino

Vigne, ulivi, case patronali: parte dell’economia della Costa degli Etruschi è trainata dal vino e non solo per le vendite in Italia e all’estero. Prima del giro di boa del Vinitaly, che quest’anno è anticipato dal 25 al 28 Marzo, parliamo di enoturismo e di promozione turistica con il presidente della Strada del Vino e dell’Olio Costa degli Etruschi, Piermario Meletti Cavallari. “Abbiamo uno splendido territorio che va dal mare alla collina con incastonate aziende vinicole di eccellenza. E se i turisti estivi dalla spiaggia spesso vanno a passeggiare nei borghi e partecipano a visite alle cantine e degustazioni, é altrettanto vero che, grazie al vino, abbiamo la possibilità di avere villeggianti tutto l’anno”. Come promuovete il territorio? Il nostro lavoro si divide tra la promozione e l’accoglienza. Per quanto concerne la promozione avviene attraverso canali molto diversi tra loro. Primo tra tutti internet: il sito, il blog ed i social network. Stiamo

Nella foto panorama della Strada del Vino

pregiavamo dell’appellativo “Alta Maremma” che invece sta sparendo… Io credo che sarebbe giusto riscoprire un po’ questa nostra accezione: la Maremma di Carducci era qui. Questo termine, che in passato magari aveva un significato negativo, ora è di moda e descrive un territorio naturale, ancora incontaminato e prezioso, distante

dalle frenesie ma con molte occasioni di vita sana e sportiva. Abbiamo tanti piccoli gioielli, non tutti così immediati, quindi una visita in questo territorio può stimolare il gusto della scoperta: faremo il possibile perché sempre più gente ne resti affascinata. Paola Pavan

Zaino, scarpe da trekking, cartina, provviste, immancabile “bordone”, il bastone da viaggio e l’ingrediente più importante: la curiosità di scoprire cosa c’è oltre la prossima collina! Non manca nulla. E allora mettiamoci in cammino lungo una delle strade più antiche che attraversa la Toscana: la Via Francigena. Secoli fa era il sentiero dei pellegrini diretti a Roma dalla lontana Inghilterra, dalla Francia o dai regni del nord Italia, oggi è un itinerario unico che taglia mezza Europa attraverso foreste, borghi medievali, brughiere e montagne. In Toscana il cammino parte da Aulla, al confine con la Liguria e giunge fino a Radicofani, per proseguire poi nell’alto Lazio. La prima cosa da fare prima di cominciare il viaggio, meglio da maggio a settembre, è ottenere la Credenziale, una sorta di

Nella foto Bagno Vignone

documento del Pellegrino che non ha nulla a che vedere con la devozione, ma serve soprattutto a progettare il percorso, a darsi un on obiettivo. Ognuno ha le sue ragioni per intraprendere il Cammino a prescindere da quelle religiose, ciò che conta è metterle a fuoco. La Credenziale, che sulla Francigena si chiama Testimonium (mentre a Santiago è la Compostela), rappresenta tutto questo. Una specie di simbolo. Il modo più semplice di ottenerla è rivolgersi

Foto R.Nesi

A piedi lungo la Via Francigena

all’Associazione Il Pellegrino a.p.s. di Firenze e ricordarsi di farla timbrare ad ogni tappa, negli Ospitali (ostelli dove si dorme lasciando un’offerta), nei comuni o nelle chiese. L’elenco completo si trova sul sito www. francigenaintoscana.org . Uno dei tratti più suggestivi della Francigena è quello compreso tra le provincie di Siena e Grosseto e permette di entrare in contatto con una natura selvaggia, ancora lontana dai ritmi del nostro tempo

e decisamente alternativa rispetto ai crismi del turismo di massa. Procediamo con ordine. Un buon punto di partenza per godersi alcuni giorni di cammino è San Gimignano. Da qui la Via prosegue su sentieri ben tracciati verso Monteriggioni, ideale come prima tappa. Incantevole borgo medievale cinto da mura in direzione di Siena, circondato da oliveti. Da qui si può scegliere se toccare la città di Siena o addentrarsi nelle colline boscose che portano alla Valle del Merse, selvaggia e bellissima, fino all’abitato di Monticiano e alla vicina basilica cistercense di San Galgano. In questo tratto il tracciato è più difficoltoso e non sempre segnato alla perfezione (necessaria una carta dei sentieri ben dettagliata), ma l’impegno è ripagato per intero dal misticismo del luogo. Una chiesa che ha per pavimento l’erba ed il cielo a far da soffitto. E poi c’è la spada nella roccia! Per vederla basta risalire la collina sovrastante e raggiungere la Cappella di Montesiepi, costruita nel 1183, ricca di leggende e misteri. La tappa successiva

Foto F. Venturini

Foto F. Venturini

Foto F. Venturini

Una giornata di Trekking

è Buonconvento, porta della Val d’Orcia, da cui in un giorno di cammino si arriva a San Quirico, la nostra destinazione, con i suoi vicoli medievali, i parchi e le chiese gotiche in marmo. A dir la verità, pochi chilometri oltre il borgo ci sono anche Bagno Vignoni, antica stazione termale tutt’ora in attività, dove rigenerarsi dopo giorni di cammino ed il Monte Amiata, siccome però le cose belle vanno guadagnate passo dopo passo, ciascuno decida per sé! In questo caso non esistono traguardi veri e propri da raggiungere, ma luoghi dell’anima da riconoscere. Camminare a piedi è un’esperienza molto forte, perché cambia le regole del guardare e del sentire i luoghi, i colori, gli odori. Ti costringe a prestare attenzione ai dettagli e ad ascoltarti. Non perdete l’occasione di parlare con le persone che incontrate, di scambiare storie e emozioni. Alla fine, come diceva DeAndrè, la sola ragione del viaggio è viaggiare. Renato Nesi

Com’è bella Livorno!

Alla scoperta della sue chicche Per chi è poco attento o si è scordato di quanti piccoli scorci e particolarità la città ha da offrire, sono intervenute le diverse associazioni cittadine, con la Fisar, il Museo di villa Henderson, tutte coordinate dalla cooperativa Intinera, a far sì che anche quest’anno, per la seconda edizione, i cittadini possano godersi luoghi e tradizioni. Bella Livorno è una rassegna di iniziative culturali all’insegna della riscoperta del territorio e della cultura. Iniziata a Gennaio ha visto una “befana scienziata” guidare una caccia al tesoro al Museo di storia Naturale, il regista Emanuele Barresi intrepretare Piero Mascagni e ha fatto assaggiare a tutti una bella merenda marinara tra le rime in musica del menestrello Fulvio Pacitto. Ora, a Febbraio, altri appuntamenti altrettanto curiosi. “26 i ‘vaini…71 i piedi diacci…20 Montinero” domenica 12 si gioca alla tombola livornese. Domenica 19 invece si mangia il vero Cacciucco con i pescatori e si ascoltano le loro storie. Carnevale lo si festeggia al museo di Storia Naturale martedì 21 Febbraio mentre domenica 26 passeggiata unica attraverso le cantine sotterranee della città per scoprire il laboratorio dell’ultimo Maestro d’ascia ancora attivo. Per ogni informazioni, Cooperativa Itinera 0586 - 89.45.63 (Michela Vianelli).


Febbraio 2012

Arte

Contemporanea

Boom di presenze 6mila visitatori per la mostra “Ossessione Dalì. Passione, ribellione e lucida follia”, l’evento espositivo organizzato dalla Rete museale della Provincia di Grosseto e curato da Maurizio Vanni. “La rete museale della Provincia è riuscita a tenere relativamente bene, grazie alla scelta di garantire un nuovo modo di fruire il museo, non come luogo di esclusiva conservazione ma di vera e propria sperimentazione. spiega Cinzia Tacconi, assessore provinciale alla Cultura. - Tra le molteplici attività organizzate, le esposizioni legate ai grandi nomi dell’arte contemporanea come Klinge, Niki de Saint Phalle, Mirò e Dalì sono state un importante richiamo. Puntare su eventi di questo livello è un antidoto contro la crisi per i nostri musei”. Ossessione Dalì è andata bene a Follonica e Castell’Azzara. Ma colpisce soprattutto il risultato di Porto Santo Stefano, con 2000 presenze nel mese di ottobre. “Se qualcuno avesse ancora dei dubbi - continua la Tacconi - questi dati confermano che attraverso la cultura si può lavorare anche sull’allungamento della stagione turistica”. “Eravamo certi che Dalì portasse un record di presenze e di attenzioni mediatiche – dichiara il curatore Maurizio Vanni – Ma vedere tantissimo pubblico anche agli eventi collaterali ci ha confermato che la strada intrapresa è giusta e che la Maremma è pronta a diventare un punto di riferimento per le arti contemporanee”. La Rete Museale investirà nella formazione del personale con un corso di specializzazione sul tema del museo contemporaneo tra show business e marketing emozionale a cui parteciperanno oltre 50 addetti dei Musei del territorio.

Riscoprire il Mausoleo di Caio Trebazio Grazie ai bambini rinasce a nuova vita un monumento romano avvolto da misteri e leggende “Il Mausoleo di Caldana è il bene culturale da salvaguardare”. Con questo imperativo gli alunni della Scuola Elementare “G. Marconi” dell’Istituto Comprensivo di Campiglia Marittima hanno condotto una ricerca storica che ha valso il primo premio al concorso indetto dalla fondazione Cassa dei risparmi di Livorno “Alla scoperta di vecchi tesori”, un esempio importante di sinergia tra scuola e cultura. Grazie all’impegno dei ragazzi e al contributo della fondazione, che ha permesso all’amministrazione di riqualificare l’area dove si trova il mausoleo di Caio Trebazio, è stato possibile rendere la giusta importanza ad un patrimonio storico risalente al I secolo d.c. ignorato dalla maggioranza dei cittadini e dei turisti. Un bene culturale del quale non si conosce molto, avvolto

Un

on Tuff

a

tori

S ella

Le Terme di Venturina L’acqua è senza dubbio l’elemento che caratterizza millenni di storia dell’uomo. Il fiume e le sorgenti termali sono gli elementi che legano la civiltà etrusca e quella romana, alla storia del nostro territorio e nello specifico di Venturina. Se il Cornia è il fiume che assegna il nome all’intera vallata, Caldana è il toponimo di origine latina, chiaramente associato alle acque calde che tanta fama hanno portato al Comune di Campiglia Marittima. Nella preistoria le “terme” sono luoghi di culto, ove gli uomini offrono omaggi alle divinità in cambio di pronte guarigioni. Nell’epoca etrusca, quando la zona diventa la più popolata della penisola, la risorsa è sfruttata per scopi produttivi e per il benessere dell’aristocrazia di quella civiltà che molto ebbe a prendere a prestito dagli antichi greci. Lo stesso fecero poi i romani, che avvalendosi della via Emilia

da interrogativi, misteri e leggende. In quel punto duemila anni fa passava l’antica via romana detta Aurelia (dal nome di Caius Aurelius Cotta) che collegava Roma con le colonie dell’Etruria marittima. “La posizione e la tecnica di costruzione non lasciano spazio a dubbi. Il monumento è senza dubbio un

(l’attuale Aurelia) strada che collegava Roma alle colonie militari costiere, godevano dei bagni termali venturinesi, così come facciamo noi oggi. Anche se oggi non esistono più le prove tangibili degli antichi “centri termali” se ne ritrovano le tracce in pubblicazioni di autorevoli scrittori e intellettuali. Sia nel De Thermis del 1571 di Andrea Bacci, così come in uno scritto del naturalista Giovanni Targioni Tozzetti del 1700, fino ad arrivare alla fine dell’800 con Danielli, si parla della presenza di “splendidi avanzi balneari di remota età”, probabilmente distrutti durante le restaurazioni negli anni a venire. Dopo la conquista Longobarda, le acque termali riconquistano importanza solo nel 700. Con la bonifica, Leopoldo II trasforma il territorio paludoso in fertili pianure aprendo così una nuova stagione produttiva. Le acque termali, e in special modo quelle del “Bottaccio” vengono piegate alle nuove produzioni: mulini, ferriere, industria mineraria e del marmo, attività che favoriranno l’incremento demografico e la produttività dei centri urbani. Oggi sopra millenni di storia, sorgono due centri Termali. Jacopo Bertocchi

Foto Achivio Comune

storia, arte e cultura

www.costadeglietruschinews.com

mausoleo di età romana ma l’idea dell’appartenenza a Caio Trebazio si è ormai fortemente radicata nella cultura popolare della nostra zona pur non essendo certa da un punto di vista scientifico”. Queste le parole del Prof. Piero Cavicchi che con il Dott. Gianluca Camerini ha curato per la Sosam, un’associazione per

la divulgazione della cultura storica sul territorio dell’Alta Maremma, la parte scientifica del progetto di riqualificazione. “La prima attestazione, seppure indiretta si trova in epoca medievale” -aggiunge Cavicchi - “Sono contratti, uno del 17 giugno 1249 e uno del 26 gennaio 1257 con cui i Della Gherardesca

alienano dei beni a favore del monastero di S. Giustiniano di Falesia: in essi si definisce il vicino mulino sulla Fossa Calda de turre seu mussolei. Nel 1934 ne fa menzione Nello Toscanelli nel suo volume Pisa nell’antichità. Trent’anni più tardi ci sarà l’attribuzione del nome a seguito del ritrovamento, nei pressi del paese, di una gemma recante il nome dell’antico patrizio romano Caius Trabatius”. La ricerca condotta sul mausoleo è ancora inedita ma la novità maggiore del lavoro della Sosam riguarda in particolare la spiegazione delle cavità presenti nel monumento e dell’apertura alla base dello stesso, ipotesi supportata anche dall’opinione degli archeologi Fabio Fedeli e Francesco Ghizzani Marcia. Jacopo Bertocchi

Rivoluzione interiore Sabina Manetti e la musica: per sé, per le donne, per il mondo...

Foto Mauro Puccini

6

Foto Achivio Comune

Sabina Manetti, italo-francese e sanvincenzina doc, è cantautrice, insegnante della Scuola di Musica Comunale di Cecina e “capo tribù” del coro Patchworld. La sua passione è il suo lavoro: cantare, e incoraggiare gli altri a farlo! Quali sono state le tappe principali del tuo percorso artistico? La formazione Jazzistica con Gianna Grazzini a Firenze e cantare nel suo coro Jazz Gospel mi ha aperto tante porte. L’improvvisazione, i virtuosismi melodici e ritmici compensavano la mia ‘timidezza emotiva’ e quindi la man-

canza di potenza e acutezza. Poi la scoperta della World Music e lo studio di Bobby Mc Ferrin , Zap Mama, e Sheila Chandra hanno placato le mie ansie da prestazione. Questa la tappa l’ho successivamente ampliata e approfondita con la psicoterapia Gestalt individuale e di gruppo con il dottor Marco Longhi. Nel 2000, altra tappa fondamentale è stata la creazione della TRIBU’ VOCALE PATCHWORLD, gruppo multietnico a cappella di 20 elementi che esplora musiche da ogni parte del mondo, nella direzione dell’ integrazione e contaminazione dei generi e delle culture. Anche il mio percorso di insegnante è stato ugualmente segnato dalla ricerca. La svolta è avvenuta con la conoscenza di Franco Fussi, foniatra luminare di Ravenna, che ha avuto il merito di raccogliere e mettere a confronto tutte le scuole di canto e gli esperti di ‘voce’ in convegni biennali, per metterli a confronto e farli crescere in una visione più ampia e sfaccettata dell’argomento. Nel 2006 è uscito il tuo primo disco con sonorità a

metà tra il jazz e la canzone francese. Al titolo “libertè, creativitè, feminitè” segue la dedica” alle donne del passato e del futuro”. Qual è il messaggio di questo tuo progetto musicale? Il messaggio principale è quello di ‘RIVOLUZIONE INTERIORE’ per le donne di oggi perché in futuro non ci siano più donne complessate o succubi degli uomini.. ma soprattutto vittime di se stesse, delle proprie convinzioni castranti. Il tuo impegno nel sociale è molto forte. Quanto il canto e la musicoterapia possono favorire il percorso di crescita personale di ognuno di noi? Tantissimo. La voce è lo strumento più vicino all’anima. Essa mette in comunicazione non solo il soggetto con l’esterno, ma mette in comunicazione e ‘armonizza’ il soggetto con se stesso, con l’inconscio, con la sua emotività, con la sua anima e il suo corpo. Progetti futuri? Un nuovo CD per il 2013 con la tribù vocale, stavolta con musicisti. Valentina Norcini


www.costadeglietruschinews.com

“Le Gorille” 2“George Brassens” (1922-1981)

LIVORNO - “Attenti al gorilla” cantava Fabrizio de Andrè nel 1968 traducendo la sarcastica canzone contro la pena di morte, scritta dal francese George Brassens. Quarantanni dopo, ispirandosi al titolo di questo pezzo, nascono i livornesi “Le Gorille”, usciti il 16 dicembre 2011 con il loro secondo album intitolato “Nautilus”. La formazione è composta tra tre giovani musicisti labronici: Claudio Laucci, pianoforte e organo; Giorgio Ramacciotti, chitarra e basso; Matteo Falleni, batteria e percussioni. Impossibile l’attribuizione netta ad un genere musicale: funk, jazz, surf, contaminazioni rock e blues, affondi psichedelici di Hammond, contrazioni intimistiche, passaggi struggenti ed espansioni esplosive. Una tracklist meravigliosamente variopinta, undici tracce strumentali che sono altrettante colonne sonore: basta chiudere gli occhi per trovarsi in un film di Quentin Tarantino o al volante di una Giulietta in un rocambolesco inseguimento come nei poli-

poeta, cantautore e musicista francese. L’intento dei suoi album era di “popolarizzare” la poesia e avvicinarla alla gente. Ci riuscì con l’album “La Mauvaise Réputation” nel 1957 quando molti dei pezzi contenuti divennero veri e propri classici. Anche “Le Gorille” era fra questi brani, ma per il suo tono satirico e fortemente accusatorio nei confronti della pena di morte, fu a lungo censurato dalle emittenti radiofoniche.

ziotteschi anni ‘70. Ascoltare questo disco è salpare come novelli Giulio Verne a bordo del “Nautilus” pronti ad un viaggio che trascende i confini musicali: si parte “Nella Piramide”, attraverso “I sotterranei” e “Le Terra del Fuoco”, si sconfina nei “Paradisi Indiani” prima di rimettere piede una “Notte sulla Terra”. Questi sono i titoli di un album in cui scorre una musica che fa forte leva sull’immaginazione, in grado di tirare fuori un emozioni, ricordi e di sogni. Un album emozionale e visivo che ha come filo conduttore una coerenza atipica e affascinante, adatto a tutti i momenti della vita, da mettere in macchina per divorare chilometri sulla via della scoperta e della riscoperta di sé.

Febbraio 2012

7

Rock & Roll is Back a Livorno! Con la musica dal vivo di qualità rivive la splendida struttura di Villa Corridi LIVORNO - La buona musica è finalmente tornata nello splendido scenario del Teatro Mascagni, un’opera del 1930 accolta nelle magnifiche strutture dell’ottocentesca Villa Corridi a Livorno. Da poco aperto in questa nuova location, il The Cage Theatre - in via del Vecchio Lazzeretto 20, Livorno sud - è un locale vivo e vivace che è riuscito nella doppia missione di riportare musica di qualità sulla costa toscana e dare nuova vita ad una struttura comunale restaurata nel 1996 e poco sfruttata. Un importante polo di aggregazione per gli amanti della live music che possono ritrovarsi e ascoltare ogni settimana una curata selezione di concerti che non ha paragone in Toscana, grazie alla passione e all’esperienza di Toto Barbato, direttore artistico del locale. La possibilità di assaggiare i piatti popolari della cucina “Melafumo al Cage”

prima dei live, di mangiare un “Panino Clandestino” dopo le 24 e bersi il tradizionale ponce alla livornese fanno di questo locale uno spazio per passare una meravigliosa serata! Tutto è a portata di mano...e di tasca! Dopo gli spettacoli infatti l’ingresso è gratuito e la musica continua con la rockoteca di “La Svolta Sound” fino a tarda notte! Una curiosità: non potete andarci senza farvi una foto ricordo nella fotocabina in bianco e nero che scatta in analogico proprio come negli anni ‘70! Un vero cult! Ecco il programma dei concerti dei prossimi mesi che porta sul palco del The Cage Theatre i migliori artisti italiani e internazionali in circolazione! 04/02 Shandon 11/02 The Hacienda 18/02 Bad Love Experience

24/02 Emergenza Festival 25/02 Calibro 35 02/03 Emergenza festival 03/03 Appaloosa 08/03 Emergenza Festival 09/03 e 10/3 Bobo Rondelli 16/03 Emergenza Festival 17/03 Helmet + Fighting With Wire 23/03 Emergenza Festival 24/03 Teatro degli Orrori 31/03 Modena City Ramblers 07/04 Offlaga Disco Pax 20/04 Emergenza Festival Semifinali 21/04 Big Sir (Lisa Papineu + Juan Alderete/Mars Volta) 24/04 Motorpshyco 27/04 Emergenza Festival Semifinali 29/04 Napalm Death 04/05 Emergenza Festival Semifinali 01/06 e 02/06 Emergenza Festival Finali Francesco Venturini

eventi Spettacoli LIVORNO La Sirenetta Musical Domenica 26 Teatro Goldoni

Lo spettacolo ispirato a una delle fiabe più note e commoventi di Andersen è un mix di grandi emozioni con un cast eccezionale e scenografie mozzafiato Enrico Brignano Tutto suo Padre Sabato 25 PalaLivorno

Francesco Venturini

Non è solo uno spettacolo, ma un vero e proprio omaggio al padre recentemente scomparso. Risate e comicità, ma anche di momenti di riflessione sulla società odierna e sulle vicende dell’Italia oggi.

Nella foto teatro The Cage

********************** GROSSETO

CECINA

La Targa Domenica 5 e 12 Febbraio, nel centro cittadino ore 14,00 Nel tradizionale percorso della Targa Cecina sfileranno carri allegorici, mascherate di gruppo, una sfilata non competitiva del gruppo Cecina Cosplay , la Banda Cittadina “Filarmonica P. Mascagni” che per l’occasione si presenterà con costumi carnevaleschi, una parata a tema di artisti da strada del gruppo “Mondo Amabile” che concluderanno la

manifestazione con uno spettacolo di giochi di fuoco. Giochi gonfiabili, area di animazione e truccabimbi. E poi ancora un mercatino, un’esposizione di auto e biciclette d’epoca.

popolari. Particolarità: i carri sono in realtà degli ”apini”, motori a 3 o 4 ruote artisticamente approntati per la sfilata

Curiosità: Domenica 12 Febbraio in collaborazione con l’Associazione culturale “La Livornina” si svolgerà il 1° Torneo di Scacchi viventi Città di Cecina (nella foto in alto)

PIOMBINO

Il Carnevale di Bacco

SUVERETO

Il Carnevale nel borgo Domenica 19 Febbraio, ore 14.00, centro storico La sfilata per le vie del borgo nasce dalla partecipazione spontanea in gruppi o singoli di suveretani che si associano su tematiche prettamente

Opera di Francesco Baronti

IL CALENDARIO DEL CARNEVALE DELLA COSTA LIVORNESE

VENTURINA

Giovedì 16 Febbraio presso la Cevalco, Festa di Carnevale con merenda della Consulta del Sociale Martedì 21 Febbraio presso l’ex Cinema Mannelli, festa con merenda dell’Ente Valorizzazione

E’ arrivato alla sua 5a edizione. Per promuovere i vini della DOCG Val di Cornia e DOCG Suvereto, in ogni data saranno allestiti percorsi enogastronomici all’interno del Rivellino. Informazioni su http://carnevale. prolocopiombino.it

Venerdì 10 febbraio Premiazione del concorso “Canzone del Carnevale” e Finale di “Miss Carnevale” al Palazzetto dello sport Sabato 11 febbraio Ore 15.00 – Veglioncino per bambini in Piazza Gramsci Domenica 12 febbraio Ore 15.00 1a sfilata dei Carri Giovedì 16 febbraio Ore 15.00 – Veglioncino per Bambini al quartiere Fiorentina-Populonia. Ore 22.00 – Concerto di musiche tradizionali carnevale senegalese Sabato 18 febbraio Ore 15.00 – Veglioncino per Bambini al quartiere Perticale; Ore 18.30 Veglione Domenica 19 febbraio Ore 15 2a Sfilata in città Martedì 21 Febbraio Ore 15 Sfilata Carri Ore 17.30 Rogo del Cicciolo Ore 18.30 festa per le vie del centro Giovedì 23 febbraio Ore 21 Concerto di Carnevale

Costa Degli Etruschi News n. 19 - Tiratura mese di Febbraio 5.000 copie

Mensile indipendente distribuito gratuitamente da Livorno a Grosseto _ (Tribunale Livorno N. Registro stampa 9/2010 Aut. del 23/07/2010) Editore Massimo Tanini - Coordinatore Generale Esecutivo Valentina Cambi - Direttore Responsabile Paola Pavan - Art Director e Grafica Valentina Cambi - Redazione: Renato Nesi, Valentina Norcini, Gianluca Parodi, Marco Provinciali, Francesco Venturini, Jacopo Bertocchi Stampa Pacini Editore SpA Pisa - Distribuzione Promo Costa degli Etruschi PER LA PUBBLICITA’: Area Livorno e Pisa Serena Conti; Prov. Livorno Catia Miccio; Area Follonica Massimo Giometti. Mail: commerciale@costadeglietruschinews.com SEDE LEGALE via G.Mazzini n.2 - 57023 Cecina mail: info@costadeglietruschinews.com

©2010 I testi sono di proprietà riservata della rivista. Ne è vietata a tutti la riproduzione totale o parziale in altra sede.

Giulia Pratelli In concerto Giovedì 16 Spazio72

Classe 1989, ha studiato canto a Firenze, seguendo il metodo “Vocal Power” Nel 2012 parteciperà al Festival di Sanremo. Kataklò Sabato 18 Teatro Moderno

Puzzle é il nuovo spettacolo della famosa formazione di ballerini acrobati. Pura emozione.

Diventa

“Amico di Costa degli Etruschi News” registrati sul nostro sito www. costadegli etruschinews. com e ricevi gratuito il nostro giornale VIA MAIL



N° 19 - Costa degli Etruschi News