Page 43

3 L’assetto istituzionale e la struttura organizzativa | bilancio sociale 2011

moralità e capacità che non siano Soci dell’Assemblea. Il Consiglio Direttivo è presieduto dal Presidente. Al Consiglio Direttivo partecipa, senza diritto di voto, il Segretario Generale. Il Consiglio Direttivo dura in carica tre anni ed è rieleggibile. Le delibere sono assunte con il voto favorevole della maggioranza dei presenti. In caso di parità prevale il voto del Presidente. In qualità di organo esecutivo dell’Associazione, il Consiglio Direttivo è investito dei poteri di ordinaria e straordinaria amministrazione e compie tutti gli atti necessari per l’attuazione dello Statuto, delle delibere e delle linee programmatiche approvate dall’Assemblea, oltre ad ogni altra operazione necessaria al raggiungimento degli scopi associativi. Lo Statuto prevede la possibilità di corrispondere ai componenti del Consiglio Direttivo, in ragione dell’effettiva responsabilità ed impegno di ciascuno, emolumenti individuali nel rispetto e nei limiti previsti dalla legge. Tali emolumenti non vengono tuttavia corrisposti.

Il Presidente rappresenta l’Associazione, a tutti gli effetti, di fronte a terzi ed in giudizio; ha la responsabilità generale dell’Associazione e compie tutti gli atti giuridici che impegnano la stessa; sovrintende, in particolare, all’attuazione delle delibere dell’Assemblea e del Consiglio Direttivo; convoca e presiede l’Assemblea ed è eletto dall’Assemblea dei Soci, dura in carica tre anni ed è rieleggibile. Il Presidente sovrintende inoltre all’attività del Segretario Generale. In casi eccezionali di necessità e urgenza, il Presidente può compiere atti di straordinaria amministrazione, convocando successivamente il Consiglio Direttivo per la ratifica del suo operato. In caso di inadempimento, assenza o impedimento, le relative funzioni vengono esercitate dal Vicepresidente con firma e rappresentanza legale dell’Associazione. Il Presidente può delegare facoltà di sua competenza ad altro membro del Consiglio, con approvazione del Consiglio stesso.

»» ORGANIGRAMMA

3.2 Struttura organizzativa e organigramma Nel corso del 2011 l’organigramma dell’Associazione è stato rivisto alla luce del processo di riorganizzazione interna che ha interessato in particolare alcune funzioni e aree, quali ad esempio: Responsabile Africa Australe (RR_AA) e Coordinatore Attività di Educazione allo Sviluppo (CEAS), funzioni non più esistenti; e area Comunicazione Raccolta Fondi, in parte rivista e riorganizzata. Il nuovo organigramma è stato approvato dal Consiglio Direttivo in data 19/12/2011.

ASSEMBLEA SOCI as

CCS HQ

Approvato in sede di Consiglio Direttivo del: 19.12.2011 REV 02 del 31.12.2009

Al Collegio dei Revisori dei Conti compete la revisione della gestione amministrativa dell’Associazione. Esso presenta la propria relazione all’Assemblea riguardo ai bilanci predisposti dal Consiglio Direttivo e relativamente a quant’altro di rilevante sia emerso nel corso dello svolgimento delle proprie funzioni. I Revisori dei Conti sono nominati dall’Assemblea ordinaria in numero di tre e durano in carica tre anni, sono rieleggibili e possono essere scelti, in tutto o in parte, fra persone estranee all’Associazione. Come per il Consiglio Direttivo, lo Statuto prevede di corrispondere emolumenti ai Revisori dei Conti, ma questi non vengono corrisposti.

collegio dei revisori cdr

consiglio direttivo cd

controllo interno ctrl

rapp.te direzione rd responsabile sgq rgq

segretario generale sg coordinatore attività estero cae

amministrazione df

information tecnology it

comunicazione raccolta fondi crf

office manager om

raccolta fondi individui rfi

rapp.te paese estero rpe nepal

rapp.te paese estero rpe cambogia

rapp.te paese estero rpe zambia

rapp.te paese estero rpe mozambico

39

Bilancio Sociale 2011 CCS Italia Onlus  

Il nostro Bilancio Sociale 2011

Bilancio Sociale 2011 CCS Italia Onlus  

Il nostro Bilancio Sociale 2011

Advertisement