Page 1

DIRETTORE RESPONSABILE: Gianluca Cardillo CONDIRETTORE: Giulio Iannone www.cronachecittadine.it • post@cronachecittadine.it

ANNO XXIX N° 1387 DICEMBRE 2018

Periodico di Colleferro, Valmontone, Segni e centri del comprensorio

COLLEFERRO / Consegnati in Aula Consiliare

Premio “Colleferro per lo Sviluppo”. Riconoscimenti e Premi Speciali alle migliori realtà

a pag. 3/4/5

n OSPEDALE

I Sindaci annunciano: «2mln di investimenti in apparecchiature...» a pag. 10

n ARTE

Inaugurata ad Assisi la mostra antologica di A. Fiore “Ufagrà”

a pag. 11

n SEGNI

La Virgo Fidelis, patrona dell’Arma, Messa in Cattedrale

a pag. 12/13

Celebrazioni in onore di S. Barbara Patrona di Colleferro A COLLEFERRO è stata ancora una volta celebrata degnamente la Festa di S. Barbara, Patrona della Città. Un rapporto particolarmente sentito quello con la Santa, protettrice dei lavoratori della fabbrica di armi intorno alla quale nacque il primo nucleo della moderna Colleferro. Eledina Lorenzon a pag. 6/7

COPIA OMAGGIO


Colleferro / “Premio Colleferro per lo Sviluppo” e “Premi Speciali”, importante e significativa manifestazione pubblica voluta ed organizzara dall’amministrazione comunale

I

l “Premio Colleferro per lo Sviluppo”, giunto alla III edizione, consegnato in una emozionante cerimonia in Aula consiliare La mattinata della prima domenica di Dicembre si è aperta con un importante appuntamento nell’Aula Consiliare del Comune, il “Premio Sviluppo Colleferro 2018” e “Premi Speciali“. Giunto alla sua III edizione, l’evento è tornato in scena nell’ultimo mese dell’anno, questa volta nell’ambito del palinsesto dei festeggiamenti in onore di Santa Barbara, Patrona della città. Nell’Aula Consiliare, gremita da numerosi intervenuti, erano presenti, oltre al sindaco Pierluigi Sanna, il vicesindaco Diana Stanzani, il presidente del Consiglio Comunale Vincenzo Stendardo, gli assessori Sara Zangrilli, Umberto Zeppa e Rosaria Dibiase ed i consiglieri comunali Agnese Rossi, Mario Poli e Luigi Moratti. Dopo una breve introduzione musicale curata dal “Moonlight Trio” – arpa Vanessa D’Aversa, violino Beatrice Alessandrini, voce Gloria Trapani – il sindaco Pierluigi Sanna ha dato il via all’evento e salutando gli intervenuti. «Un premio che si addice particolarmente alla nostra città – ha affermato – che è e rimane città operaia e del lavoro, un termine, una definizione che implica in se stessa la fatica, il sacrificio, perché non c’è fatica e non c’è sacrificio che non corrispondano al lavoro e all’impegno in tutti i settori della società. Una definizione che si addice anche al nostro ruolo di “Città del ’900” perché le città giovani come la nostra, che hanno nemmeno un secolo di storia, hanno avuto la sorte di vivere nel secolo passato, un secolo particolarmente nuovo rispetto a tutti gli altri che lo avevano preceduto, un secolo di grandi sconvolgimenti, un secolo in cui millenni di convinzioni culturali, tradizionali e a vocazione agricola, hanno lasciato lo spazio invece alla crescita di un nuovo modello e di un progresso diverso…». Premio “Colleferro per lo Sviluppo 2018” SOCIALE Associazione Onlus “Lollo 10” La Onlus “Lollo10” nasce per onorare la memoria del piccolo Lorenzo Caschera e si propone di raccogliere fondi per aiutare le famiglie dei piccoli degenti dei reparti di Oncologia Pediatrica e Neurochirurgia Infantile del Policlinico Agostino Gemelli di Roma. Ha fatto della solidarietà

Meritato riconoscimento alle migliori realtà locali distintesi nei vari settori il suo cavallo di battaglia aiutando i genitori dei bambini ricoverati nel reparto di Oncologia del Gemelli ad affrontare economicamente e spiritualmente la malattia dei loro figli. Consegna il premio il vicesindaco Diana Stanzani, ritira il premio Maurizio Caschera. CULTURA Ensamble “Butterfly” Associazione musicale nata nel 1998 dall’intuizione e dalla passione del Maestro Giuseppe Pignatelli che l’ha diretta fino alla sua scomparsa nel dicembre 2016. L’Ensemble Butterfly è divenuta negli anni una realtà concreta e consolidata del panorama musicale del territorio. Consegna il premio il consigliere comunale Luigi Moratti, ritira il premio Cesare Buccitti. INDUSTRIA ED ARTIGIANATO Comecol Una vasta conoscenza tecnica nel campo industriale e commerciale da oltre 30 anni nell’ambito specifico della costruzione e il montaggio di apparecchiature, macchinari, impianti chimici petrolchimici, farmaceutici e il trattamento acque. La società è in grado di acquisire commesse per progettazione costruzione e montaggio sia con aziende leader come Avio, sia con lo Stato Italiano. Consegna il premio il consigliere comunale Mario Poli, ritirano il premio Sandro Serangeli e Domenico Baglione Med Marine Srl Moldengineering Design Med Marine come sinonimo di precisione e alta tecnologia, azienda leader nella realizzazione di attrezzature per la chirurgia e micro-chirurgia. Camera bianca sterile per lo stampaggio di materiale chirurgico e medico. Stampaggi su materiali plastici e in carbonio.Consegna il premio il consigliere comunale Agnese Rossi, ritira il premio Massimo Cordella. Point Plastic La società ha dimostrato un’ eccezionale competenza e uno specifico know-how nell’industria del PET in Europa, offre una gamma completa di soluzioni tecnologiche innovative per il mercato del PET. La produzione copre l’intero processo produttivo. Consegna il premio il presidente del Consiglio Comunale Vincenzo Stendardo, ritira il premio Tonino Severini

SPORT Squadra di Pallanuoto “Sport Team 2000” Per la prima volta la squadra di pallanuoto di Colleferro, Sport Team 2000, militerà nel campionato di serie C. I complimenti da tutta l’Amministrazione alla squadra, all’allenatore, a tutto lo staff e la società. Consegna il premio l’assessore allo Sport Sara Zangrilli, ritira il premio il Capitano della Squadra Alessandro Frasca Paolo Forte Prima di tutto appassionato, in passato giocatore, poi allenatore (in serie A con la Lazio di calcio a 5, in A2 con il Colleferro). Fondatore della Forte Colleferro militante nel campionato di Serie B Calcio a 5. Nominato, ultimamente, dal Comitato Regionale Lazio Commissario Tecnico della Rappresentativa Under 19. Consegna il premio l’assessore allo Sport Sara Zangrilli, ritira il premio Paolo Forte. COMMERCIO Rete di imprese “Colleferro Commerciale” Colleferro Commerciale, la Rete d’impresa del Comune di Colleferro. Vincitrice di un bando regionale con un progetto incentrato sul tema della Rigenerazione Urbana e della Trasformazione del Territorio, come occasioni straordinarie di ricerca identitaria e di crescita dell’intera comunità. Le attività commerciali aderenti alla Rete hanno saputo interpretare in maniera innovativa la possibilità di lavorare su temi e programmi condivisi, rinnovando la mentalità di un tessuto commerciale disomogeneo e poco incline alla collaborazione tra operatori. Consegna il premio l’assessore al Commercio Rosaria Dibiase, ritira il premio il presidente della Rete d’Imprese “Colleferro Commerciale”, Emilia Della Guardia. TRASPORTI Consorzio Autotrasportatori “Caac” Il Consorzio nasce il 5 Febbraio 1982 specializzato nel trasporto del cemento, materiali per costruzione e materie prime. Quest’unione di trasportatori locali nasce per coprire le necessità organizzative delle aziende del settore. Ha annoverato clienti importanti come l’Italcementi e la Bpd ed è diventata negli anni punto di riferimento per il trasporto locale e dei Comuni limitrofi.

Al momento il Consorzio conta 17 soci ed è nato contestualmente ai Consorzi di Civitavecchia e Guidonia. Consegna il premio l’Assessore Umberto Zeppa, ritirano il premio il presidente del Consorzio Baldo Cecchetti e il direttore Giancarlo Ceccarelli. Il susseguirsi della consegna dei premi è stato intervallato da brani musicali. In una breve pausa il sindaco ha spiegato il significato della fusione sul “lato B” del premio, dedicato quest’anno a “Colleferro Città della Cultura Lazio 2018”. A causa degli impegni di alcuni dei premiati, il premio ha visto un epilogo differito che è andato in scena, ancora in Aula Consiliare, nel pomeriggio dell' 8 Dicembre. Nel giorno della festa alla Madonna è stata poi completata la cerimonia di consegna premi. Tra i numerosi presenti, oltre ai suddetti amministratori comunali erano altresì presenti anche il consigliere comunale d’opposizione Riccardo Nappo ed il dirigente scolastico del Polo Liceale Marconi prof. Antonio Sapone. Nell’introdurre la serata, il sndaco Pierluigi Sanna ha voluto ancora una volta ricordare il senso ed i motivi ispiratori del “Premio Colleferro per lo Sviluppo”, «… il modo più semplice, dal punto di vista della comunicazione, per consegnare a tutta la comunità dei buoni esempi da seguire…». PREMIO SPECIALE Fiorenza Ceraglia La cucina è di per sé scienza, sta al cuoco farla diventare arte (Gualtiero Marchesi). La passione per la cucina e cucinare per una famiglia numerosa ha permesso di realizzare un sogno aprendo un Ristorante per poter far assaporare, ad una platea più vasta, l’amore per la cucina con piatti tradizionali. Così nasce la Locanda del Parco, durante i sette anni di attività riesce a trasferire la sua passione per la cucina partecipando al campionato mondiale Spaghetto D’Oro, manifestazione dove partecipano Chef provenienti da tutto il mondo e conquistando nel 2016 il primo premio con lo spaghetto al ragù bianco. Nello stesso anno conquista anche il titolo di campionessa italiana e di vice campionessa europea. Nel 2017 conquista per la seconda volta il titolo di campionessa del mondo con lo spaghetto

Esplosione di Autunno . Nel 2018 si aggiudica il titolo di Pizzaiola Stellata ed è nominata vice campionessa del Mondo con lo Spaghetto Mare Monti e Mentuccia. L’Associazione Professionale Italiana Cuochi la investe con il titolo di Chef facendola entrare nel proprio albo e nel circuito mondiale di Chef riconosciuto in tutto il mondo. Consegna il premio il sindaco Pierluigi Sanna, ritira il premio Fiorenza Ceraglia. CULTURA Mirca Rosciani Il silenzio che segue agli accordi non ha nulla dei silenzi comuni; è un silenzio attento, è un silenzio vivente. Tante cose inaspettate si mormorano in noi grazie al quel silenzio, e non si sa mai cosa stia per dirci una musica che finisce (Margherite Yourcenar). Mirca Rosciani nata a Colleferro. Ha collaborato dal 1999 ad oggi con il Rossini Opera Festival; legata al grande naestro Alberto Zedda come pianista e preparatrice per l’Accademia Rossiniana “Alberto Zedda” in tutte le edizioni dell’opera “Il viaggio a Reims” dal 2006 al 2015. Diplomata in pianoforte nel 1988 presso il Conservatorio Retice di Frosinone ha partecipato a numerosi corsi di alto perfezionamento nazionali e internazionali. Parla correntemente Francese, Tedesco, Inglese. Presso il Conservatorio di Santa Cecilia di Roma ha conseguito il diploma del corso principale di Lettura della Partitura (Maestro sostituto nei teatri dell’Opera) ha collaborato con diverse orchestre. Di recente ha presentato il nuovo cd “Largo al Factotum” con il grande baritono Nicola Alaimo.Consegna il premio l’assessore al Bilancio Rosaria Dibiase, ritira il premio Mirca Rosciani. SANITÀ – MEDICINA Mario Pagliei Descrivere il passato, comprendere il presente, prevedere il futuro: questo è il compito della medicina (Ippocrate). Esperto cardiologo, si è laureato all’Università La Sapienza di Roma in Medicina e Chirurgia con 110 e lode specializzato in cardiologia ed è esperto in medicina di emergenza. È stato direttore della scuola Simeu, Membro del collegio Viri Simeu Nazionale (biennio 2009/2011) in Ecografia , membro del consiglio direttivo della società Italiana di Medicina di Urgen-

za e Emergenza sezione Lazio e docente per il Master di II Livello in Medicina d’Urgenza presso l’Università la Sapienza di Roma. Per 9 anni è stato direttore Uoc Medicina d’Urgenza e Pronto Soccorso Ospedale di Colleferro. Esperto in elettrostimolazione cardiaca. Consegna il premio il sindaco Pierluigi Sanna, ritira il premio Mario Pagliei PREMIO SPECIALE Alfredo Paniccia Niente come lo sport sa dare gioie pazzesche che durano un attimo, e bisogna farlo durare nel cuore (Dino Zoff). Giovane colleferrino che a soli 32 anni ha raggiunto la massima serie del Campionato Italiano di calcio a 5. Sin dalle prime esperienze con il Palestrina è passato poi a prendere posto sulla panchina del Regalbuto riportando importanti vittorie. In questa stagione sportiva il coach Alfredo Paniccia è alla guida della squadra di Serie A del Latina calcio a 5 . L’Amministrazione ha deciso di riconoscergli questo premio speciale con l’auspicio di una carriera ricca di soddisfazioni e successi sportivi. Consegna il premio l’Assessore allo Sport Sara Zangrilli, ritira il premio Alfredo Paniccia. PREMIO SPECIALE Associazione “Cuori in ballo” Nata nel 2017 ha pianificato vari eventi per raccogliere fondi a sostegno delle popolazioni terremotate del centro Italia. L’associazione “Cuori in ballo” nasce inizialmente come gruppo di amici che ispira la sua attività al principio di solidarietà e di volontariato. Attraverso iniziative di aiuto alle popolazioni vittime di catastrofi naturali ed eventi ispirati ai principi di fratellanza e comunanza, ha dimostrato “sul campo” che la solidarietà non è un semplice principio astratto ma è concretezza, conforto e aiuto alle vite altrui. Motore del gruppo e uomo di sensibilità umana e solidarietà è stato Marco Compalati che ancora oggi ispira ogni attività ed evento dell’associazione. Consegna il premio il consigliere comunale Luigi Moratti, ritira il premio per l’Associazione “Cuori in Ballo” Simone Compalati. Al termine dell’evento il sindaco di Colleferro Pierluigi Sanna non ha potuto fare a meno di ricordare Marco Compalati, recentemente scomparso. (nelle pagine seguenti le immagini dell’evento)

CRONACHE CITTADINE | Dicembre 2018 | pag. 3


CRONACHE CITTADINE | Dicembre 2018 | pag. 4


CRONACHE CITTADINE | Dicembre 2018 | pag. 5


Il 4 Dicembre la Città si è “colorata” di variopinte bancarelle e numerosi stands tra manifestazioni religiose, culturali, sociali, ed appuntamenti di forte aggregazione

È

scesa la notte e le vie, le piazze di Col leferro tornano al loro silenzio dopo la giornata fantastica del 4 Dicembre che l’ha vista invasa, complice anche la temperatura mite ed insolita per la stagione, da tantissimi cittadini e visitatori per i festeggiamenti di Santa Barbara, Patrona della città. Un rapporto particolarmente sentito quello con la Santa, invocata sin dal XV sec. per scongiurare i pericoli del fulmine e della “morte improvvisa e priva dei conforti sacramentali”, per i lavoratori della fabbrica di armi fatta costruire dall’Ing. Leopoldo Parodi Delfino nel primo decennio del ’900, attorno alla quale nacque il primo nucleo della moderna Colleferro, istituita comune nel 1935. La giornata è iniziata al mattino con l’omaggio del sindaco Pierluigi Sanna e delle autorità istituzionali politiche e religiose, al Sacrario in ricordo delle vittime dello scoppio del 1938 nel reparto esplosivi della Bpd, cui ha fatto seguito la visita all’interno dell’allora stabilimento, soffermandosi nel luogo della tragedia. Un ricordo ed un fiore vi sono stati anche per Roberto Pignalberi, ultima giovane vittima deceduta a seguito di un’esplosione verificatasi nell’ottobre 2007. Alle ore 11, nella Chiesa di Santa Barbara colma di fedeli, si è tenuta una solenne concelebrazione presieduta dal Vescovo S. E. Rev.ma Mons. Vincenzo Apicella e partecipata dal Parroco Mons. Luciano Lepore e dai sacerdoti del Clero Diocesano. Erano presenti, con il sindaco Pierluigi Sanna, il Commissario Capo Angelo G. Vitale, dirigente del Commissariato della Polizia di Stato, il Cap. Ettore Pagnano, comandante della locale Compagnia dei Carabinieri, il Cap. Ivan Cesare, comandante la locale Compagnia della Guardia di Finanza e la D.ssa Antonella Pacella, comandante della Polizia Loca-

Tutta Colleferro coesa per la festa della sua Patrona Santa Barbara nel pieno rispetto della tradizione

le. Al termine il sindaco ha evidenziato come questa festività sia nel cuore di ogni colleferrino che riscopre i propri valori ed il senso di comunità, rivivendo momenti di

CRONACHE CITTADINE | Dicembre 2018 | pag. 6

emozione e di riflessione che rinsaldano le proprie radici ed il senso civico di appartenenza. Successivamente c’è stata la visita nella caserma dei Vigili del Fuoco in

onore della Santa che è anche loro Protettrice, per un brindisi augurale. Lungo Via Artigianato, in Piazza Italia ed in Largo Boccaccio, si è tenuta la suggestiva fiera

con tantissime bancarelle che offrivano i più disparati prodotti, presenti anche numerosi gazebo delle associazioni e scuole del territorio, presi d’assalto gli stands di

street food per abbandonarsi ad un gustoso peccato di gola passeggiando per la città. Nel pomeriggio è stata molto visitata la Mostra permanente di Modellismo, a cura dell’Associazione Modellismo Colleferro – Club 2000 – presso il Museo delle Telecomunicazioni in Via degli Esplosivi, un vero mondo fantastico per gli appassionati: plastici e diorami ferroviari, esemplari di aeromodellismo; modelli navali statici e dinamici; auto d’epoca e moderne; esposizioni riguardanti esplorazioni spaziali della Nasa; oggettistica d’epoca; città, castelli e galeoni della Lego e tanto ancora per regalare emozioni a grandi e piccoli. Boom di visitatori per i Rifugi antiaerei di Colleferro che hanno impegnato non poco le bravissime guide volontarie capitanate da Renzo Rossi con Laura, Franco, Paola e all’accoglienza Antonietta, per effettuare un percorso all’interno dei cunicoli, frutto di scavi per l’estrazione della pozzolana, materiale da costruzione che servì per edificare le prime case della città. Grazie alle guide del Gruppo speleologico del Cai – Ipogei dei Monti Lepini Sezione di Colleferro – è stato possibile anche visitare i cunicoli non illuminati e solitamente non aperti al pubblico. All’uscita, dopo tanta fatica,sono stati offerti un dolcetto ed un bicchierino di marsala o vermuth com’era tradizione nei tempi passati! A chiudere la serata è stato il concerto della della Fanfara dell’Associazione Nazionale Bersaglieri di Colleferro “Enrico Toti” diretta dal C.F. Mauro Conti, e coordinata dal Col. Anacleto Romani che ha attraversato le vie cittadine partendo dalla Chiesa di San Bruno con arrivo … di corsa e piume al vento in Piazza Italia, dove hanno presentato brani della tradizione. Eledina Lorenzon


CRONACHE CITTADINE | Dicembre 2018 | pag. 7


20


019


Sanità / Lo hanno reso noto in un comunicato stampa congiunto i Sindaci di Colleferro, Valmontone, Gorga, Carpineto, Gavignano, Labico, Segni

All’Ospedale di Colleferro. «300mila euro per il Pronto Soccorso e circa 2 milioni per apparecchiature sanitarie e 8 oss…»

N

oei giorni scorsi, con un comunicato stampa congiunto, i Sindaci di di Colleferro, Valmontone, Gorga, Carpineto, Gavignano, Labico e Segni hanno comunicato all’opinione pubblica importanti novità riguardanti l’Ospedale di Colleferro “L.P. Delfino”. «Il piano degli investimenti dell’azienda sanitaria Rm5 - si legge nel comunicato - prevede nuove apparecchiature per l’Ospedale Parodi Delfino per circa 2 milioni di euro più 300mila euro per l’ammodernamento del Pronto Soccorso. Nel dettaglio saranno acquistati i seguenti macchinari: colonna urologica ecotomografo, jag Laser, Defibrillatori semiautomatici, Defibrillatori alta fascia, elettrocardiografo, Holter ECG, carrelli per emergenza, frigorifero per farmaci, asta cistoclisi, ecografo, ecocardio-

grafo Philips, defibrillatori Biesse medica, carrello elevatore, multifunzione, mammografo per screaning di II livello, portatile per radioscopia, tavolo paziente per apparecchio radiologico, centrale di monitoraggio costituita da una centrale, 4 monitor e 6 telemetrie, monitor multiparametrico. Arriveranno, inoltre, 8 nuovi Operatori Socio Sanitari. «Come Sindaci del territorio con il commissario Dott. Quintavalle, abbiamo iniziato un percorso di collaborazione orientato alla stabilizzazione dell’Ospedale di Colleferro. Questo percorso ha portato ora i risultati che riteniamo positivi per i cittadini. Crediamo che il rinnovamento tecnologico dei macchinari, alcuni di questi diventati ormai obsoleti è un passo avanti che ci consente di aumentare gli standard qualitativi dei servizi e dei livelli assistenziali».

Inaugurato a Gavignano il Museo della Civiltà Contadina È stato inaugurato, nel grazioso paese di Gavignano il Museo della Civiltà Contadina, dopo tre anni di inattività a causa dei lavori che hanno interessato il Palazzo Baronale. Il Museo, che nasce dall’eredità di un precedente allestimento, è ora ubicato nei locali a lato del Palazzo stesso, con una sua entrata indipendente. A tagliare il nastro il Sindaco Emanuele Datti, il Presidente della Pro loco Paola Proietti, la Vice Pre-

CRONACHE CITTADINE | Dicembre 2018 | pag. 10

sidente Emanuela Gagliarducci e Cristina Avenali – Resp. “Ufficio di Scopo per i Piccoli Comuni e Contratti di Fiume”. Un momento di grande soddisfazione ed emozione che ha coronato il lavoro infaticabile dei volontari della Pro Loco e dei cittadini, presenti numerosi alla manifestazione, che hanno fortemente creduto in questo progetto, donando tutti gli oggetti esposti. Gli strumenti e gli attrez-

zi, ma anche suppellettili e capi di corredo, che restaurati e catalogati testimoniano la vita che si svolgeva nel paese, talvolta in condizioni economiche ed ambientali assai difficili. Il Museo rimarrà aperto fino al 30 Gennaio, tutti i fine settimana con orari 10-12 e 14-17, quindi non resta che programmare una visita che sarà anche l’occasione di scoprire o riscoprire il fascino del caratteristico e suggestivoborgo di Gavignano.


Arte / Successo della manifestazione ospitata al Palazzo di Monte Frumentario organizzata dal Comune e patrocinata dalla Regione Umbria e Comune di Segni

Antonio Fiore Ufagrà inaugura ad Assisi la sua mostra antologica in occasione dei suoi 80 anni e dei 40 di attività artistica

N

otevolissimo è stato il successo di pubblico e di critica dell'inaugurazione della mostra antologica di Antonio Fiore Ufagrà promossa dal Comune di Assisi e patrocinata dall’Assemblea Legislativa della Regione Umbria e Comune di Segni. la rassegna artistica dedicata al grandissimo maestro futurista segnino spazia dal post futurismo alla cosmopittura ed è curata da Massimo Duranti e Andrea Baffoni, allestita nelle sale del Palazzo di Monte Frumentario ad Assisi e visitabile ad ingresso libero fino al 6 gennaio 2019 (catalogo Gangemi, Roma), attraversa tutte le fasi creative dell’artista: dagli esordi alle più recenti opere, in un itinerario stilistico dove pittura e scultura si alternano in un dialogo multiforme. Un approdo importante quello di Antonio Fiore nella città di San Francesco, voluto dal Comune e dall’Ufficio valorizzazione del patrimonio culturale e artistico e dal suo responsabile Giulio Proietti Bocchini. L’artista celebra gli ottant’anni di età e i quaranta di pittura, con una mostra che vuole sottolineare il suo ruolo di continuatore del messaggio futurista, in funzione tanto del messaggio laico quanto di quello sacro. Particolarmente significativo, infatti, il ruolo avuto da Fiore, proprio nell’ambito della tematica sacra. Un percorso, questo, iniziato grazie alla vicinanza con i maestri del Futurismo quali Sante Monachesi, Enzo Benedetto, Francesco Cangiullo e soprattutto le figlie di Giacomo Balla. Stimoli che furono per lui fondamentali a maturare quella poetica oggi visibile nella mostra di Assisi, dove viene dipanato tutto il suo percorso estetico. Circa sessanta sono le opere in esposizione, con un’attenzione particolare proprio al tema dell’arte sacra, accostata a quello della cosmo-pittura, due segmenti fondamentali per Antonio Fiore legati alla grande tradizione dell’Aeropittura. Fu grazie al perugino Gerardo Dottori, infatti, che negli anni Trenta avvenne il rinnovamento dell’arte sacra futurista, in relazione alle tematiche aeropittoriche del volo come sconfinamento atmosferico e filosofico oltre i limiti terrestri. Suggestivo l’ingresso negli spazi di Monte Frumentario, grazie all’ambientazione scenica costruita da Paolo Ballerani in collaborazione con Musicservice di Massimiliano Versiglioni, che permette al visitatore di immergersi nel multiforme e colorato mondo di Antonio Fiore. Su tutto campeggia l’opera omaggio ad Assisi, dove un San Francesco tradotto in chiave moderna alza la sua preghiera a Fratello Fuoco e Sorella Luna. La mostra presenta anche una sezione di circa dieci opere in cui sono esposte opere dei futuristi significativi per la formazione di Antonio Fiore: Balla, Dottori, Prampolini, Cangiullo, Monachesi, Benedetto, Peruzzi, un piccolo assaggio di collezione che concorre a celebrare degnamente una carriera spesa nell’impegno di comunicare la forza di un’avanguardia il cui messaggio è ancora oggi valido e attuale. Antonio Fiore, nato a Segni il 1º Agosto 1938, dalla fine degli anni Settanta, dopo aver conosciuto il futurista marchigiano Sante Monachesi, prende parte al Movimento Agrà. Battezzato all’arte col nome di Ufagrà inizia così il suo percorso di ricerca aderendo, poco più tardi, alla “Dichiarazione di Futurismo Oggi” redatta nel 1967 da Enzo Benedetto. Ha frequentato altri futuristi quali Francesco Cangiullo, Osvaldo Peruzzi e Mino Delle Site. Numerose le sue mostre in Italia e all’estero ed è considerato dalla critica l’ultimo prosecutore delle poetiche futuriste, dopo la fine storica del movimento avvenuta nel 1944. La mostra è visitabile ad ingresso gratuito dal Mercoledì alla Domenica, orario 10.30/13.00-15.30/19.00 info: 3476352712 – 3400694942. Foto - Mario Colaiacomo CRONACHE CITTADINE | Dicembre 2018 | pag. 11


Arma dei Carabinieri / Solenne celeberazione liturgica nella Concattedrale di S. Maria Assunta di Segni alla presenza del Vescovo diocesano Mons. Apicella e delle autorità militari e civili

Virgo Fidelis, ultrasecolare devozione che si rinnova nel segno dell’appartenenza di GIULIO IANNONE

N

ella tarda mattinata del 26 Novembre, presso la Concattedrale Santa Maria Assunta di Segni, la Compagnia Carabinieri di Colleferro ha celebrato la ricorrenza della “Virgo Fidelis” (Patrona dell’Arma), rievocando il 77° Anniversario dell’eroica difesa del caposaldo di Culqualber. Alla celebrazione della Santa Messa, officiata da S.E. Rev.ma Mons. Vincenzo Apicella, Vescovo della Diocesi Suburbicaria Velletri-Segni, hanno partecipato, ospiti del Comandante della Compagnia Carabinieri di Colleferro Cap. Ettore Pagnano, il Comandante della Compagnia della Guardia di Finanza Cap. Ivan Cesare, ed ancora a fare gli “onori di casa” il Comandante del Nucleo Radiomobile della Compagnia Ten. Agatino Roccazzello nonché i Comandanti (o loro rappresentanti) delle Stazioni Carabinieri dipendenti dalla Compagnia di Colleferro: per Arte-

na il Lgt. Mario Ferrari, per Gavignano il Brig. Ca. Guido Lanna, per Gorga il Lgt. Tommaso Livorno, per Labico il M.llo M.re Guido Natella, per Mon-

CRONACHE CITTADINE | Dicembre 2018 | pag. 12

telanico il Lgt. Giuseppe Calabrò, per Segni il Lgt. Pasquale Villano, per Valmontone il Lgt. Francesco Montesano. Erano presenti anche rappresentanti dell’Associazione Nazionale Carabinieri – con il Coordinatore Provinciale Ten. Massimo Tamorri, e della locale Associazione Arma Aeronautica. Tra le autorità civili, insieme al sindaco di Segni, erano presenti il sindaco di Colleferro Pierluigi Sanna, il presidente del consiglio comunale di Carpineto Romano Annalisa Mancini, il sindaco di Gavignano Emiliano Datti ed il presidente della Compagnia dei Lepini. Erano schierati i Labari dei Comuni di Segni, Colleferro e Carpineto Romano. È stata una SS. Messa molto “speciale” quella officiata dal Vescovo il quale, così come per la Compagnia Carabinieri di Velletri, ha voluto celebrare in prima persona (concelebranti Mons. Franco Fagiolo e

Don Claudio Sammartino) la “Virgo Fidelis” – che tradizionalmente è una tra le più toccanti celebrazioni religiose-militari della Repubblica – nella splendida Concattedrale di Segni. Le letture della liturgia sono state scandite dal Comandante della Stazione Carabinieriorestali di Segni M.llo Alessandro Francesco e dal M.llo Natale Piccerillo effettivo Stazione CC di Segni. La Preghiera del Carabiniere è stata letta dal Comandante della Stazione Carabinieri di Segni Lgt. Pasquale Villano, mentre la ricostruzione storica degli eventi commemorati in questa giornata è stata affidata al Comandante del Nucleo Radiomobile della Compagnia Ten. Agatino Roccazzello. Alla celebrazione, oltre a quelli in servizio nei nove comuni di competenza della Compagnia, sono intervenuti numerosi Carabinieri in congedo e relativi familiari; a tutti loro il Comandante della Compagnia, Cap. Ettore Pagnano, nel suo breve

intervento, si è rivolto affermando: «Continuo ad emozionarmi ascoltando la ricostruzione storica degli avvenimenti di Culqualber, quando gli inglesi nel 1941, stupiti dall’eroismo dei Carabi-

nieri reali, resero l’onore delle armi a quei 7mila italiani che si avviavano alla sorte della prigonia…». Un semplice aperitivo, presso l’Hotel “La Pace”, ha chiuso l’evento.


CRONACHE CITTADINE | Dicembre 2018 | pag. 13


Colleferro / Anche quest’anno la tradizionale iniziativa svoltasi al Centro Sociale Anziani ha riscosso pieno successo Periodico di Colleferro, Valmontone, Segni e centri del comprensorio EDITO DALL’A.C.A.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE CuLTuRALE  AMICI DELLA STAMPA VIA DELL ‘ARTIGIANATO, 43 00034 COLLEFERRO (ROMA) tel - fax 069780585 mob. 3319021516 - 34557783238 - 3429808664 www.cronachecittadine.it e-mail: post@cronachecittadine.it cronachecittadine@gmail.com

La “piccola” grande solidarietà del Comitato Piazza Mazzini a favore dei più svantaggiati

Direttore Responsabile GIAN LuCA CARDILLO Condirettore GIuLIO IANNONE Vice Direttore LuCIANA VINCI Direttore P.R. Marketing BEATRICE CARDILLO Impaginazione FILIPPO M. CARDILLO Segretaria di Redazione MIRIAM D’EMILIA Direzione, Redazione c/o sede dell’A.C.A.S. Associazione Nazionale Culturale Amici della Stampa - Club Amici della Stampa - Via artigianato 61 00034 Colleferro (Roma) - Tel: 06 9780585 (anche Fax)Editore A.C.A.S. - Cod. Fisc. unico n° 95008710584 - Iscrizione al Tribunale di Frosinone n° 200 3/1990 - Iscrizione al Registro Nazionale della Stampa n° 2950 Iscrizione al nazionale ROC n° 1394. Stampa: Gescom Spa. Strada Teverina,7 Viterbo.Il contenuto degli articoli, dei servizi, le foto ed i loghi nonché quello voluto da chi vi compare rispecchia esclusivamente il pensiero degli artefici e non vincola mai in nessun modo Cronache Cittadine, la direzione, la redazione, la proprietà, l’Acas, che si riservano il pieno ed esclusivo diritto di pubblicazione, modifica e stampa a propria insindacabile discrezione senza alcun preavviso né autorizzazioni di sorta. Articoli, foto ed altro materiale, anche se non pubblicati, non si restituiscono. La collaborazione a qualsiasi livello e sotto qualsiasi forma è soltanto gratuita e riservata ai soci, sostenitori, e simpatizzanti del sodalizio rientrando nelle norme statutarie dell’Acas che non persegue fini di lucro. Tutti i collaboratori e sostenitori sono considerati per libera scelta ed automaticamente soci ed il loro contributo è volontario per l’affermazione dei valori culturali, informativi e sociali insiti nelle finalità sociali. In nessun caso esiste per tali motivi un rapporto di tipo lavorativo e/o subordinato diretto o indiretto a qualsiasi livello e con chiunque. Le inserzioni e spot sono riservate ai soli associati (eff., onorari, sostenitori) e/o simpatizzanti e collaboratori ed hanno carattere divulgativo-promozionale nel loro stesso ambito. Ogni inserzione dà automaticamente diritto alla qualifica di socio onorario sostenitore e/o benemerito e simpatizzante. È vietata ogni tipo di riproduzione di testi, foto, disegni, marchi, etc. sia sulle edizioni cartacee che sui siti on line. Si avvisano i soci che le date, i formati, i contenuti, possono subire variazioni. Spazi e inserzioni sempre proporzionali ai formati editi.Copia omaggio ceduta senza alcun corrispettivo ad associati e simpatizzanti. Esente IVA e bolla di accompagnamento ai sensi di legge. © Copyright dal 1990 al 2018

CRONACHE CITTADINE | Dicembre 2018 | pag. 14

COLLEFERRO - - Il Comitato di Quartiere Piazza Mazzini, con in testa il suo dinamico presidente Ludovico Doleatti validamente coadiuvato daii suoi collaboratori, ha espresso anche quest'anno viva soddisfazione per l’ottima riuscita della tradizionale cena di beneficenza dedicate alle persone e categorie più svantaggiate I colleferrini hanno

risposto con la loro massiccia partecipazione in un contratto pieno di amicizia ed aggregazione in vista delle festività natalizie. Lo scopo di questa iniziativa, ormai da oltre 10 anni, è stato quello di aiutare le persone in difficoltà delle parrocchie locali, devolvendo il ricavato a loro sostegno.

La cena preparata, sia nelle pietanze sia nella parte goliardica, dal Comitato tutto, ha visto oltre 150 partecipanti tra i quali anche il sindaco Pierluigi Sanna. La partecipazione all’evento ha superato le previsioni con diversi sostenitori che hanno contribuito con offerte in denaro o in regali. A.D.R.


Profile for Cronache Cittadine

Cronache Cittadine 1387 Dicembre 2018  

Notizie dal Lazio in Tempo Reale

Cronache Cittadine 1387 Dicembre 2018  

Notizie dal Lazio in Tempo Reale

Profile for ccnwebtv
Advertisement