Page 29

f)

Ratei e risconti

Sono iscritti in tali voci quote di costi e proventi, comuni a due o più esercizi, in applicazione del principio della competenza temporale. g)

Trattamento di fine rapporto

Riflette la passività maturata nei confronti di tutti i dipendenti al 31 dicembre 2010, in conformità alla legislazione vigente ed ai contratti collettivi di lavoro. h)

Fondi rischi ed oneri

I fondi per rischi ed oneri sono stanziati per coprire perdite o debiti di esistenza certa dei quali tuttavia alla chiusura dell’esercizio non erano determinabili l’ammontare o la data di sopravvenienza. Gli stanziamenti riflettono la migliore stima possibile sulla base degli elementi a disposizione. i)

Debiti

I debiti sono iscritti al loro valore nominale. l)

Impegni e conti d’ordine

Espongono l'ammontare delle garanzie e degli impegni, per il loro valore nominale o per il valore delle obbligazioni in essere alla fine dell'esercizio. m)

Iscrizione a conto economico di ricavi e costi, proventi ed oneri

I costi, gli oneri, i ricavi e i proventi sono rilevati in bilancio secondo il principio della competenza economica. I ricavi ed i proventi sono iscritti al netto di resi, sconti, abbuoni. In particolare: - i ricavi per le vendite di prodotti sono riconosciuti al momento del trasferimento della proprietà, che di regola corrisponde alla consegna o alla spedizione dei beni; - i ricavi per prestazioni di servizi sono riconosciuti sulla base dell'avvenuta prestazione e in accordo con i relativi contratti; - i proventi e gli oneri di natura finanziaria sono contabilizzati in base alla competenza temporale. n)

Imposte sul reddito dell’esercizio

Le imposte sul reddito correnti sono calcolate sulla base della stima del reddito imponibile; il debito previsto è rilevato alla voce “Debiti tributari” al netto degli acconti. Le imposte sul reddito differite e anticipate sono calcolate sulle differenze temporanee tra i valori delle attività e delle passività secondo criteri civilistici ed i corrispondenti valori riconosciuti ai fini fiscali. Le attività per imposte anticipate e le passività per imposte differite sono compensate se riferite ad imposte compensabili giuridicamente. Il saldo della compensazione, se passivo, è iscritto alla voce “Fondo per imposte”; il saldo attivo viene rilevato in apposita voce dell’attivo circolante

.

29

Viscolube - Annual report 2010  

Annual report 2010