Issuu on Google+

PORTFOLIO Selezione di lavori GIS 2010-2011

Contacts cate.impa@hotmail.com elicostantino@gmail.com


La tecnologia GIS, i SIT e le loro applicazioni La tecnologia GIS (Geographyc Information Systems) è sempre più diffusa in molteplici settori come strumento di analisi e gestione dei fenomeni sul territorio. I sistemi GIS, infatti, consentono di realizzare carte digitali costituite da molteplici strati sovrapponibili e realizzate tramite il ricorso a foto satellitari ed apparecchi ture GPS (sistema satellitare di posizionamento geo-spaziale a copertura globale). Questa peculiarità, combinata con la possibilità di integrare dati multitematici permette di realizzare mappe complesse ed analizzare simultaneamente fenomeni correlati, altrimenti indescrivibili e non rappresentabili. Nasce così la logica dei SIT (Sistemi informativi Territoriali) come “organizzazioni” che collegano uomini, strumenti, procedure di calcolo ed eventi al fine di integrare informazioni, disciplinarmente diverse e interscambiabili, ma unite dal comune soggetto: il territorio visto come “uno”. I Sistemi Informativi Territoriali consentono di alleggerire i compiti, ottimizzare le risorse, rappresentare i problemi, individuare le soluzioni e, pertanto, supportare nelle decisioni chi è preposto al governo del territorio o delle attività correlate. Le potenzialità sono illimitate, tanto quanto i possibili settori d’intervento. Il competente utilizzo delle tecnologie GIS prevede una influenza operativa decisionale in numerose discipline, dalle scienze ambientali alla pianificazione urbana, dall’economia alle azioni di sicurezza e difesa e oltre. Questa grande varietà d’impiego permette a chiunque di combinare il proprio campo d’interesse con lo strumento GIS. Il GIS è uno strumento utile in applicazioni di “Governace territoriale” ad uso delle pubbliche amministrazioni e dei soggetti privati interessati alla pianificazione ed il controllo degli interventi sul territorio. Campi di applicazione: Catasto, Rilevo e topografia, Trasporti e logistica, Urbanistica e Ricerca, Agricoltura (uso del suolo), Gestione delle risorse naturali, Economia (analisi di mercato), Difesa (logistica, pianificazione), Ecologia e conservazione AM/FM (“gas, acqua & luce”), Protezione civile, Gestione delle risorse naturali, Gestione forestale, Salute pubblica (epidemiologia), Istruzione e Formazione, Geologia, Oceanografia, Gestione beni immobiliari, Osservazione della Terra, Telecomunicazioni, Gestione di dati amministrativi, Gestione di infrastrutture, Redazione di mappe e banche dati, Industria estrattiva e mineraria.

ELABORATI 1. Analisi territoriale del Comprensorio Tindari-Nebrodi 2. Comprehensive Plan per Mammoth Hot Springs - Yellowstone National Park 3. Analisi dei dati socioe-conomici della Regione Sicilia e approfondimento sulla Provincia di Catania 4. Integrazione e gestione di dati catastali 5. Analisi sull’uso del suolo del PRG del comune di Torino 6. Studio per la localizzazione di una discarica e individuazione di aree a bassa suscettività 7. Mappa di idoneità potenziale faunistica dell’istrice 8. Valutazione di Impatto Ambientale di un progetto di interporto 9. Indagine pluviometrica sulla Provincia di Trapani 10. Analisi sulle tipologie di tutela paesaggistico-ambientale 11. Costruzione di una mappa di idoneità per la localizzazione di nuove strutture scolastiche 12. Contaminazione del suolo da Cesio137 e rapporto con il cancro alla tiroide nell’area di Chernobyl


U.S. Department of the Interior

Wyoming - Montana - Idaho

1. Analisi territoriale del Comprensorio Tindari-Nebrodi Analisi territoriale del Comprensorio Tindari-Nebrodi all’interno del progetto presentato dal Consorzio stesso e denominato “Strategia Integrata per lo Sviluppo Sostenibile delle Aree Rurali Mediterranee”. Il progetto si colloca nello scenario del Programma Operativo di cooperazione transnazionale MED 2007-2013. L’obiettivo è quello di stimolare la cooperazione tra gli attori dei diversi territori coinvolti, per trasformare lo spazio Mediterraneo in una regione geografica competitiva a livello internazionale, all’interno di un’ottica di sviluppo sostenibile, sociale, economico e ambientale. Le tavole tematiche proposte riguardano le “Risorse ambientali e territoriali” interne al Consorzio, analizzate secondo questa lista di indicatori: Aree protette; Strumenti locali e piani di tutela paesaggistica; Stato di pianificazione delle aree protette; Qualità dell’acqua; Uso del suolo; Qualità dell’aria; Energia prodotta da fonti rinnovabili.

Quadrants to Gardiner 2. Comprehensive Plan per Mammothfor HotMammoth Springs - Yellowstone National Park 1" Hot = 200' Comprehensive Plan per Mammoth Springs Yellowstone National Park. Il Piano coinvolge una delle quattro aree sviluppate del Parco per le quali si sta provvedento alla redazione di comprehensive Legend plans in grado di gestire le trasformazioni del terPark Boundary ritorio. In questo caso si è fornito supporto tecnico Survey Area Major Rivers nel processo di pianificazione per mezzo di analisi Secondary Rivers settoriali volte a garantire gli obiettivi di protezione Buildings Roads delle risorse naturali, a migliorare l’accessibilità e Trails garantire la sicurezza dei visitatori. Data la complessità dell’ambiente il processo viene supportato da Legend Legend for for Buildings Buildings (Historic (Historic Numeration) Numeration) una consistente produzione di analisi specialistiche condotte con i GIS. Oltre che a mappe utilizzate nelle sessioni di studio e consultazione, si sono prodotte mappe inserite nel documento finale di piano coprendo differenti soggetti e scale. Alcune delle analisi riguardano: il patrimonio architettonico storico e archeologico; le risorse geotermali e le infrastrutture viarie e di servizio; presenza di specie animali e vegetali protette; flussi migratori di animali. Gardiner Gardiner 2001 General Repair 2001 General Repair 2002 Power House/Gardiner 2002 Power House/Gardiner Hazardous Hazardous materials materials 2004 A Gardiner 2004 A GardinerTin Tin Shed Shed 2004 2004BB Oil OilStorage Storage House House 2005 Reamer Dorm 2005 Bunkhouse 2009 Vehicle 2009 VehicleStorage Storage Shed Shed 2010 Gardiner 2010 GardinerWarehouse Warehouse #2 #2 2011 Gardiner 2011 GardinerWarehouse Warehouse #1 #1 Mammoth Mammoth 2045 TW 2045 TWEngineering Engineering 40 Chittenden 40 Chittenden House House 39 US 39 USEngineering Engineering Office Office 2044 Spruce 2044 SpruceDorm Dorm 590 Aspen 590 AspenDorm Dorm 2025 Mammoth 2025 Mammoth Hot Hot Springs Springs Hotel Hotel 2026 Dining 2026 DiningRoom Room and and Terrace TerraceGrill Grill 2027 Recreational Hall Hall 2027 Recreational 2029 JupiterDorm Dorm 2029 Jupiter 2082 LodgpoleDorm Dorm 2029 2029 2082 Lodgpole 2060 GeneralStore Store 2060 General 2063 ServiceStation Station 2063 Service 2036 OldChilds’ Childs’ House House 2036 Old 49 Judge’s House House 49 Judge’s VisitorCenter Center 11 Visitor 2-12 Officer’s Row Row Residence Residence 2-12 Officer’s 14,16 16 Residences Residences 14, 13 Jail 13 Jail 70 Residences (Building (Building 70) 70) 70 Residences 1000 PostOffice Office 1000 Post 557 Clinic 557 Clinic 36 Administrative Building Building 36 Administrative 37 Blacksmith’s Shop Shop 37 Blacksmith’s 35 Credit Union/Canteen 35 Credit Union/Canteen 27 Center for Resources 27 Center for Resources 32 Mailhandler’s House 32 Mailhandler’s House

1

38 38 34 34 28 28 23 23 25 25 79, 46 79, 46 75 75 76, 77 76, 77 62 62 78 78 30-33, 30-33, 24 24 17 17 19 19 20 20 22 22 2051 2051 2058 2058 2031 2031 2030 2030 74, 74, 73 73 72 72 575 575 61 61 56 333 331 556

573 447 574 583 Terraces 500 2021

Comm. Center Comm. Center Supply Center Supply Center Maintanance Maintanance Fire Cache Fire Cache Carpenter Shop Carpenter Shop Garage Garage Paint Shop Paint Shop Garage Garage Plumbing Parts Storage Plumbing Parts Storage Storage Shed Storage Shed Row Row Residence Residence

Chapel Chapel Craft Craft Shop Shop Electrical Shop Electrical Shop Plumbing Shop Plumbing Shop Natural Store Natural Store Haynes’ Residence Haynes’ Residence Huntley Huntley Child’s Child’s Residence Residence Childs’ Childs’ House Residence Shed Comfort Station Comfort Station Firewood Vendor Bldg. Bldg. Firewood Vendor Mammoth Campground Mammoth Campground Ranger Ranger Station Station Comfort Station Comfort Station Power House Garage Little People Learning Center Communities Center/School Trails Cache Mammoth Corral Shed Tack Shed Boneyard

National Park Service U.S. Department of the Interior

Yellowstone National Park Wyoming - Montana - Idaho

Quadrants for Mammoth to Gardiner 1" = 200'

:

Park Boundary

A

Survey Area Major Rivers Secondary Rivers Buildings Roads Trails

Legend Legend for for Buildings Buildings (Historic (Historic Numeration) Numeration) Gardiner Gardiner 2001 General Repair 2001 General Repair 2002 Power House/Gardiner 2002 Power House/Gardiner Hazardous Hazardous materials materials 2004 A Gardiner 2004 A GardinerTin Tin Shed Shed 2004 2004BB Oil OilStorage Storage House House 2005 Reamer Dorm 2005 Bunkhouse 2009 Vehicle Storage 2009 Vehicle Storage Shed Shed 2010 Gardiner Warehouse 2010 Gardiner Warehouse #2 #2 2011 Gardiner 2011 GardinerWarehouse Warehouse #1 #1 Mammoth Mammoth 2045 TW 2045 TWEngineering Engineering 40 Chittenden 40 Chittenden House House 39 US 39 USEngineering Engineering Office Office 2044 Spruce 2044 SpruceDorm Dorm 590 Aspen 590 AspenDorm Dorm 2025 Mammoth 2025 Mammoth Hot Hot Springs Springs Hotel Hotel 2026 Dining 2026 DiningRoom Room and and Terrace TerraceGrill Grill 2027 Recreational Hall Hall 2027 Recreational 2029 JupiterDorm Dorm 2029 Jupiter 2082 LodgpoleDorm Dorm 2029 2029 2082 Lodgpole 2060 GeneralStore Store 2060 General 2063 ServiceStation Station 2063 Service 2036 OldChilds’ Childs’ House House 2036 Old 49 Judge’s House House 49 Judge’s VisitorCenter Center 11 Visitor 2-12 Officer’s Row Row Residence Residence 2-12 Officer’s 14, 16 Residences 14, 16 Residences 13 Jail 13 Jail 70 Residences (Building (Building 70) 70) 70 Residences 1000 PostOffice Office 1000 Post 557 Clinic 557 Clinic 36 Administrative Building Building 36 Administrative 37 Blacksmith’s Shop Shop 37 Blacksmith’s 35 CreditUnion/Canteen Union/Canteen 35 Credit 27 Center for Resources 27 Center for Resources 32 Mailhandler’s House 32 Mailhandler’s House

38 38 34 34 28 28 23 23 25 25 79, 46 79, 46 75 75 76, 77 76, 77 62 62 78 78 30-33, 30-33, 24 24 17 17 19 19 20 20 22 22 2051 2051 2058 2058 2031 2031 2030 2030 74, 74, 73 73 72 72 575 575 61 61 56 333 331 556 573 447 574 583 Terraces 500 2021

Comm. Center Comm. Center Supply Center Supply Center Maintanance Maintanance Fire Cache Fire Cache Carpenter Shop Carpenter Shop Garage Garage Paint Shop Paint Shop Garage Garage Plumbing Parts Storage Plumbing Parts Storage Storage Shed Storage Shed Row Row Residence Residence Chapel Chapel Craft Craft Shop Shop Electrical Shop Electrical Shop Plumbing Shop Plumbing Shop Natural Store Natural Store Haynes’ Residence Haynes’ Residence Huntley Huntley Child’s Child’s Residence Residence Childs’ Childs’ House Residence Shed Comfort Station Comfort Station Firewood Vendor Bldg. Bldg. Firewood Vendor Mammoth Campground Mammoth Campground Ranger Station Ranger Station Comfort Station Comfort Station Power House Garage Little People Learning Center Communities Center/School Trails Cache Mammoth Corral Shed Tack Shed Boneyard

Focus area B

Terrace Warming Hut Corral Barn

Quadrant A: Gardiner Area (34x44) Quadrant B: Mammoth Area (34x44) Quadrant C: Mammoth Hot Springs Terraces Area (34x44) Quadrant D: Ycc Facilites Area (11x17)

C

B

Terrace Warming Hut Corral Barn

Quadrant A: Gardiner Area (34x44) Quadrant B: Mammoth Area (34x44) Quadrant C: Mammoth Hot Springs Terraces Area (34x44) Quadrant D: Ycc Facilites Area (11x17)

2

D

Septem

Produced by the Yellowstone Spatial Analysis Center 307-344-2246

C

K:\Planning_Comprehensive\Mammoth\Mammoth_Charette\ArcGIS_Projects\Meeting_September_2_2010\QUADRANTS\Quadrants_Topo_100\quadrants200.mxd

D

Produced by the Yellowstone Spatial Analysis Center 307-344-2246

September 2010

K:\Planning_Comprehensive\Mammoth\Mammoth_Charette\ArcGIS_Projects\Meeting_September_2_2010\QUADRANTS\Quadrants_Topo_100\quadrants200.mxd

3

1 Utilities and Infrastructure 2 Historic Properties 3 Thermal Features

:

A Legend


3.Analisi Analisidei deidati datisocio-economici socioe-conomici della della Regione RegioneSicilia Siciliae approfondimento sulla Provincia di Catania Indicatori socioeconomici delle province siciliane (dati Istat 1991)

Lab 14_ 23/09/2011_ Impastato Costantino Indice di turisticità

Legenda

1,591 Enna

1,537 Caltanissetta

Pop res/presenze

1,8

Messina

41

1,6

Indice struttura pop attiva

1,4

Indice ricambio pop attiva

1,2

Indice lavoro potenziale

1 0,8 0,6 0,4 0,2

0,592 Catania 0,429 Trapani

0,406 A grigento

indice attività

0,395 Siracusa

Indice occupazione in agricoltura

0,372 Ragusa

0,363 Palermo

Indice occupazione in industria Indice occupazione altre attività

0,164 Messina

Indice di disoccupazione

Catania

0

Provicia

Palermo Trapani

Indici socioeconomici della provincia di Catania (dati Istat 2001)

Enna

Indice di sfruttamento territoriale

Agrigento

Province 1991

Siracusa

±

indice di invecchiamento indice di vecchiaia Ragusa

indice di dipendenza giovani indice di dipendenza anziani

0

25

50

100 Km

indice di dipendenza totale

5,118 Messina 6 4,701 Palermo 4,62 Catania 5,5 5 4,5 3,324 Siracusa 4 2,971 Ragusa 2,95 Trapani 2,77 A grigento 3,5 3 2,5 1,503 Caltanissetta 2 0,903 Enna 1,5 1 0,5 0

0

5

10

20 Km

N° ab+arrivi / kmq

Legenda

Provicia

Indice di affollamento delle province siciliane (dati Istat 1991)

Densità turistica delle province siciliane (dati Istat 2001)

Messina

Messina

Palermo

Trapani

Palermo

Trapani

Enna

Enna

Catania

Legenda

Indice di affollamento

Siracusa

66 67 - 69

Ragusa

70 - 74 25

50

100 Km

Caltanissetta

Legenda

Caltanissetta

0

Catania

Agrigento

Agrigento

75

±

Catania

Caltanissetta

±

Densità turistica

Siracusa

21 - 22 Ragusa

23 - 167 168 - 223 224 - 309

0

25

50

100 Km

±


4. Integrazione e gestione dei Integrazione dei dati catastali_Parte 1 dati catastali - parte 1

Impastato Costantino_ 14/09/2011_ Lab 13

parte 3 Integrazione dati catastali_parte 2

Impastato Costantino_15/09/2011_Lab 13

Legenda

Legenda

Area_Studio

Zoning B2

Foglio 19

F1

Foglio 14

F2

Foglio 16

Parcheggio

Foglio 14

Particelle catastali non residenziale

B2

Fabbricati Particelle

residenziale

F2

Parcheggio

F1

0

Integrazione dati catastali_parte 3 parte 2 Legenda Castasto Fabbricati Foglio 16 Da CTR Particelle foglio 16

25

Meters 100

50

±

Costantino Impastato _ Lab 13_ 19/09/2011 Il lavoro svolto ha evidenziato le potenzialità del Gis nel gestire e sovrappore dati appartenente a diverse fonti. In questo caso si trattava di confrontare rispetto ad un' ortofoto (634010), i dati provenienti dal catasto fabbricati e dalla Ctr. Nonostante i dati da catasto abbiano come sistema di proiezione il cassini-soldner, attribuendo al data frame di lavoro il sistema di proiezione Roma 1940_Gauss Boaga est, far dialogare le diverse feature classes per confrontarle. E' stato aggiornato dapprima il layer relativo ai fabbricati da Ctr, editando quelli non riportati rispetto all'ortofoto. quindi, si è passato ad aggiornare il catasto ggiungendo con il comando "append" gli edifici presenti nella ctr e non riportati in catasto. Il risultato è un completamento delle informazione catastale per il foglio di riferimento 16.

± 1:4.500

0 25 50

100

150

Meters 200

Foglio 16

Foglio 19


5. Analisi sull’uso del suolo del PRG di Torino

Analisi sull'uso del suolo del PRG di Torino

Ese7_Torino Impastato Costantino 13/07/11 405975 54026,6

157568

La presente esercitazione sull'uso del suolo del PRG di Torino permette di ragionare sui comandi summarize e dissolve e di evidenziarne le differenze. Il comando summarize permette di derivare nuove tabelle da quelle esistenti riorganizzando i dati e calcolando informazioni statistiche. In questo caso si è usato a partire dalla tabella attributi di uso suolo PRG per sommare i campi con stessa tipologia di uso suolo con l'aggiunta dei campi superficie e perimetro. Dalla tabella si è estrapolato il grafico che mostra lei unità di aree per ogni tipologia.

51907,8

1039140

524301

623936

136903

27984,5 12130,3

235956

14240,7

29517,2 57743,1

7362790 970,1 12982,8

88553,9 30130

Il comando Dissolve, presente nella ToolBox, permette di unire poligoni adiacenti che hanno lo stesso valore in riferimento ad un campo. Applicando il dissolve si genera un nuovo shape file con una composizione di poligoni semplificata.

152135

13467,1

21164 60155,2

142555

29913

24916,1

354115113671

58499,9 15875,1

59063 96004,7 317093 40363,3

61376,6

76444,6 132815

Tabella degli attributi risultato dell'operazione di dissolve FID 0 1 2 3 4 5 6 7 8

Shape * Polygon Polygon Polygon Polygon Polygon Polygon Polygon Polygon Polygon

TIPO CEMETERY HOSPITAL INDUSTRIAL COMPLEX PARK (CITY/COUNTY) PARK (STATE) SHOPPING CENTRE SPORTS COMPLEX UNDEFINED TRAFFIC ARE UNIVERSITY/COLLEGE

Cnt_TIPOLOGIA 1 3 5 33 1 1 5 1 1

Legenda

160316 57134,7

Cnt TIPOLOGIA CEMETERY HOSPITAL INDUSTRIAL COMPLEX PARK (CITY/COUNTY) PARK (STATE) SHOPPING CENTRE SPORTS COMPLEX UNDEFINED TRAFFIC AREA UNIVERSITY/COLLEGE

Uso del suolo PRG di Torino Tipologie

148676

54555 169595

CEMETERY

416915

HOSPITAL

2605160 239141

Tabella degli attributi risultato dell'operazione di summarize OID 0 1 2 3 4 5 6 7 8

Sum _AREA Sum _PERIMETRO 623936 3353,8999 314820,601 4064,3259 3409471,60 15794,1599 5118089,20 51729,7701 7362790 24593,5 142555 1565,04 563587,5 6917,269 970,102 121,416 88553,8984 1340,3101

Tabella riassuntiva dell'analisi sul PRG di Torino Tipologia Superficie CEMETERY 623.936,000 HOSPITAL 314.820,602 3.409.471,602 INDUSTRIAL COMPLEX 5.118.089,204 PARK (CITY/COUNTY) PARK (STATE) 7.362.790,000 SHOPPING CENTRE 142.555,000 SPORTS COMPLEX 563.587,500 970,102 UNDEFINED TRAFFIC AREA 88.553,898 UNIVERSITY/COLLE GE

±

INDUSTRIAL COMPLEX 186742

PARK (CITY/COUNTY) PARK (STATE)

470690

SHOPPING CENTRE

29556,8

SPORTS COMPLEX 34141,3 318056

N. Unità 1 3 5 33 1 1 5 1 1

97712,5

0

500

1.000

2.000 Meters

UNDEFINED TRAFFIC AREA UNIVERSITY/COLLEGE


diuna unadiscarica discarica 6.Localizzazione Localizzazione di - individuazione di aree a bassa suscettività

Ese_specialistica_Costantino_Impastato_28/09/11

±

±

1:100.000

Suscettività aree PRG

1:100.000

Suscettività aree SIN e SIC 1:100.000

±

Legenda Aree finali idonee 1 suscettività bassa 3 suscettività media 5 suscettività alta

Suscettività uso suolo CLC

±

1:100.000

Legenda aree_idonee

Esclusione totale 0

Suscettività geologia

1

Suscettività

±

1:100.000

7 9 11 13 15 17 19 21

±

0 250 500

1.000

1.500

Meters 2.000

Suscettività aree vincolo idrogeologico

La localizzazione di una discarica deve rispettare dei precisi vincoli normativi affinchè gli impatti derivati siano nulli o al massimo minimizzati. per far ciò abbiamo utilizzato il concetto di "suscettività" definito come la capacità per un'area di accogliere la discarica stessa, ossia le caratteristiche di un territorio in termini di propensione al rischio. L'analisi della suscettività ha riguardato dei precisi strati informativi: - zonizzazione da prg - vincolo idrogeologico - aree SIN aree SIC - geologia Per associare agli elementi di ciascun strato informativo, le classi di suscettività si sono utilizzati i valori di un'apposita tabella che riportava tre classi: bassa, media, alta e i rispettivi valori 1, 3, 5. Per alcuni strati informativi il processo è stato mediato dalla nostra valutazione. Una volta ottenuti i valori di suscettività, gli strati informativi sono stati trasformati in raster e quindi matematicamente sommati tramite il Rester Calculator al fine di ottenere un raster finale con la suscettività totale del territorio in esame. Il raster così ottenuto mostra delle classi con valori da 7 a 21 dove la suscettività più bassa rappresenta le aree più idonee per allocare la discarica. Nel nostro caso sono state 3 le aree classificate come tali. All'analisi sulla suscettività si unita quella sulle esclusioni. Infatti vi sono delle precise aree dove per legge è impossibile allocare una discarica. Per ottenerle si sono considerati: - i corsi d'acqua e i loro buffer a 150 mt - i beni architettonici - aree SIC - le sorgenti e il lor buffer di 150 mt - i centri abitati e i loro buffer a 1000 mt Ogni strato informativo è stato classificato aggiungendo un campo "esclusione" e dando valore 0 alle parti di territorio dove è possibile allocare la discarica e 1 alle aree di esclusione. Con un overlay di unione finale si sono ottenute le aree di esclusione totale che sovrapposte al raster della suscettività totale, hanno ridimensionato le superfici in precedenza classificate come idonee. Inoltre alcune delle superfici idonee sono state escluse perchè aventi superficie troppo limitata per ospitare una discarica. L'esercitazione ha dimostrato la validità dell'approccio multicriteria come tipologia di analisi per localizzare servizi con grande impatto ambientale come una discarica.


7. Mappa di idoneità potenziale faunistica dell’istrice

MAPPA DI IDONEITA' POTENZIALE FAUNISTICA DELL'ISTRICE Confronto con le localizzazioni rilevate 12°10'0"E

42°0'0"N

12°20'0"E

±

12°30'0"E

12°40'0"E

12°50'0"E

Ese11_Esercitazione specialistica_Costantino Impastato_26/07/2011 13°0'0"E

13°10'0"E

13°20'0"E

13°30'0"E

13°40'0"E

13°50'0"E

14°0'0"E

Legenda Valori di idoneità ambientale

[z z [

0

[ z

42°0'0"N

1 2

[ z

[ z [ z

3

[ z [ z

[ z

41°50'0"N

[ z

[ [z z

41°50'0"N

[ z z [ [z

[ z

[ [z z [ z

Localizzazione istrice

[ z [ z

41°40'0"N

[ z

[ z

[ z

41°40'0"N

[ z

[ z

[ [z z 41°30'0"N

[ z

[ z

[ z [ z

[ z

[ z [ z

[ z

[ z [ z

[ z

[ z

[ z

41°30'0"N

[ z

[ z

[ z

[ z

[ z

[ z

[ z

[ z

[ z

41°20'0"N

[ z

Non ottimale

[ z

[ z

[ z [ z

41°20'0"N

41°10'0"N

0

Ottimale

12°20'0"E

12°30'0"E

12°40'0"E

12°50'0"E

[ z

[ z

Parzialmente adatto

13°0'0"E

13°10'0"E

13°20'0"E

5 13°30'0"E

10

20 13°40'0"E

30 13°50'0"E

1:400.000

40 Kilometers

14°0'0"E

41°10'0"N


8.Valutazione Valutazione di Impatto Ambientale di un progetto di interporto di Impatto Ambientale di un progetto di interporto Ese_VIA_Costantino_Impastato_06_10_11

9. Indagine pluviometrica sulla ProvinciadidiTrapani TrapaniEse_8 Impastato Costantino 21/07/2011 Indagine pluviometrica sulla Provincia 9°30'0"W

±

Legenda Uso suolo pre operam Tipologia Superfici artificiali Terreni agricoli

S.Andrea B. 55slm

± Situazione pre-operam

0

500

1.000

!

Specchia 140slm

!

Infrastrutture area studio

Uso suolo post operam 35°10'0"N

Terreni agricoli Terreni boscati

0

500

1.000

metri 2.000

!

Salemi 340slm

!

Partanna 407slm Castelvetrano 190slm

!

!

400 - 499

!

500 - 599

!

600 - 700 35°20'0"N

1:300.000

!

0

5

Km 20

10

P io v o sità me d ia 1998-2002 staz io n i p lu v io me trich e T rap an i

Tabella di rafronto dei parametri calcolati pre e post operam

650 600 550 500 450 400 350 300 250 200 150 100 50 0

La presente esercitazione effettua un'analisi sulla pluviometria della Provincia di Trapani. L'acquisizione dei dati è stata effettuata attraverso: - esportazione dei dati sulle stazioni pluviometriche in feature class dal dxf; - definizione dell'area di studio dallo shape relativo a tutte le province Siciliane. Il successivo passaggio consiste nel popolamento della tabella relativa alle pluviometriche di Trapani con la creazione dei nuovi campi: - piovosità '98, piovosità '99, piovosità '00, piovosità '01, piovosità '02, media quinquennale '98-'02; quota s.l.m, codice stazione. Le fonti dei dati sono stati forniti dall'Idrografico di Palermo (ARRA Sicilia) e dall'Istituto delle Acque. Durante l'eborazione dei dati tabellari abbiamo riscontrato delle incongruenze relativamente alle coordinate geografiche riportate all'interno delle fonti originarie: queste trasformate in coordinate planimetriche e visualizzate sul data view sono risultate al di fuori del perimetro provinciale.

Variazioni percentuali del rapporto tra perimetro e area pre e post operam

Infine sono state elaborate delle indagini statistiche che abbiamo rappresentato attraverso due grafici: il primo mostra per ogni stazione pluviometrica il dato della piovosità media annuale quinquennale; il secondo il trend della piovosità relativo alle stazioni Petrosino (stazione che ha registrato maggior piovosità nell quinquennio) e Birgi Nuovo (stazione con minor piovosità nel quinquennio).

5 8 5 ,6A lc a mo 3 3 3 ,8 4B irg i Nu o v o 4 9 2 ,4B o rg o Fa z io 5 5 8 ,9Ca la ta f imi 6 4 2 ,6Ca s te lla mma re d e l G . 3 8 1 ,2 8Ca s te lv e tra n o 5 7 3 ,8Cia v o lo 5 3 1 ,1Dig a Ru b in o 5 8 4 ,5Fa s ta ia 6 0 0 ,9G ib e llin a 5 2 5 ,1L e n tin a 3 4 1 ,8 2Ma rs a la 3 7 2 ,7Ma z a ra d e l V . 5 0 9 ,2Pa rta n n a 6 7 6 ,7 2Pe tro s in o 4 4 6 ,6S .A n d re a B .

S TAZIO N E

An d ame n to p io g g e P e tro sin o e B irg i N u o v o 785010,6 1 .9 9 8 ,

7 2 4 ,4 1 .9 9 9 ,

700

Petrosino Birgi Nuovo

8 0 8 ,6 2 .0 0 2 , 35°0'0"N

6 2 1 ,6 2 .0 0 1 ,

4 7 7 ,4 2 .0 0 0 ,

454070,6 1 .9 9 8 , 400

4 2 6 ,2 2 .0 0 2 , 3 0 8 ,6 1 .9 9 9 ,

300 1 .9 9 8 ,

2 6 9 ,8 2 .0 0 0 , 2 1 7 2 .0 0 1 ,

1 .9 9 9 ,

2 .0 0 0 ,

An n o

2 .0 0 1 ,

2 .0 0 2 ,

34°40'0"N 9°10'0"W

9°0'0"W

35°10'0"N

600 mm

34°50'0"N

Confronto dati superfciali pre e post operam

334 - 399

!

35°0'0"N

L'esercitazione si propone di valutare gli impatti sull'ambiente derivati dall'inserimento di un interporto con annessi raccordi stradali e ferroviari nell'area studio. I due paramentri di riferimento della valutazione riguardano la sottrazione e la frammentazione degli habitat naturali derivati dall'intervento. A tal fine si calcolano in situazione pre operam e post operam una serie di parametri di tipo superficiale, percentuale e numerico relativi alle tre tipologie di uso suolo presenti: aree agricole, aree boscate e aree artificiali. Si rileva un incremento delle superfici artificiali, incremento della frammentazione delle aree agricole e boscate nonché della loro superficie totale.

!

Gibellina 386slm

!

Mazara del V. 8slm

±

MEDIA 1998-2002 (mm)

!

!

35°30'0"N

Stazioni Pluviometriche

M E D IA A N N U A L E

Superfici artificiali

Calatafimi 345slm

Petrosino 14slm

Tipologia

Alcamo 256slm

Legenda

!

Ciavolo 128slm

Inquadramento regionale

!

Fastaia 182slm Diga Rubino 187slm

!

!

Marsala 4slm

Infrastrutture

Situazione post-operam

!

Borgo Fazio 194slm

Area studio

8°50'0"W

35°40'0"N

Castellammare del G. 63slm

!

Birgi Nuovo 20slm

Legenda

Localizzazione delll'iterporto secondo ipotesi progettuale

Lentina 93slm

!!

!

35°20'0"N

9°0'0"W

!

Trapani 30slm

metri 2.000

9°10'0"W

S.Vito Lo Capo 3slm

35°30'0"N

Terreni boscati

9°20'0"W

8°50'0"W

8°40'0"W

8°30'0"W


10. Analisi sulle tipologie di tutela paesaggistico-ambientale

Tipologia di tutela paesaggistica-ambientale

Specialistica 1_ 27/09/2011_ Costantino Impastato

Legenda Aree tutela costa ZPS Aree parchi e riserve

Legenda ZPS SIC Aree protette

0

5

10

20

30

Area studio

40 Kilometers

¯

SIC Aree tutela aste fluviali Aree boscate Corine Land Cover 2000 Area studio

0

5

10

20

30

40 Kilometers

¯

Tipologie di uso del suolo all'interno delle aree SIC 214.937.623,367

Legenda SIC

15.753.759,504 3.510.559,16 5.185.797,093

Corine Land Cover 2000 Corpi idrici Territori agricoli

Legenda Area di rispetto coste 300m (TU 42/2004) Area di rispetto corsi d'acqua 150m (TU 42/2004) Area studio

0

5

10

20

30

40 Kilometers

¯

327.820.130,689

Territori boscati e ambienti semi naturali Territori modellati artificialmente Zone umide Area studio

0

5

10

20

30

40 Kilometers

¯


11.Mappa Mappa di perper la localizzazione di nuove di strutture diidoneità idoneità la localizzazione nuovescolastiche scuole

Ese_specilistica_Modellazione_cartografica_ Costantino_Impastato_28/09/11 # n # n n#

# #n nn #

#

#

Mappa #di idoneità vettoriale

# #

#n #

Mappa di idoneità raster

n

Scuole esistenti

#

Servizi esistenti

Servizi esistenti

Valori idoneità 2

Valori di idoneità

#

Scuole esistenti

3

#

3-4

4

5-5

5

6-6

# # # #

n

#

7-7 8-8 9 - 10

# ## # n #

0 0,5

Criterio 1 - Vicinanza ai servizi esistenti

1

Km 2

#

±

# #

n

Criterio 2 - Distanza dalle scuole esistenti

Legenda

6 7 8

#

9

## # n #

0 0,5

Criterio 3 - Pendenza

Legenda

1

Km 2

±

Criterio 4 - Uso suolo (aree agricole)

Legenda

1

1

1

2

2

2

3

3

3

4

4

4

5

5

5

6

6

6

7

7

7

8

8

8

9

9

9

1

10

10

10

10

Legenda


12. Contaminazione deldasuolo da Cesio137 rapporto il cancro alla tiroide Contaminazione del suolo Cesio137 e rapportoecon il cancro conEse_10 Costantino Impastato 21/07/11 nell’area Chernobyl alla tiroide di nell'area di Chernobyl

Contaminazione del suolo da Cesio137 e rapporto con il cancro alla tiroide nell’area di Chernobyl Lo studio realizzato ha avuto lo scopo di comprendere la correlazione tra i punti campionati relativi alla presenza di Cesio137 e i casi di tumore alla tiroide riscontrati nei distretti dell’ex-Bielorussia, oggi Ucraina, a seguito del disastroso incidente di Chernobyl.

1

2

3

La visualizzazione in 3D dai dati forniti dall’Istituto “International Sakharov Environmental University” è stata fondamentale per raggiungere tale scopo. È bene sottolineare che l’isotopo Cesio137 permane a lungo nell’ambiente e nelle catene alimentari rappresentando uno dei fattori di rischio più pericolosi nell’incidenza dei tumori alla tiroide. Siamo partite dalla feature class relativa alla localizzazione dell’isotopo e l’abbiamo trasformata in un vettoriale 3D visualizzato su ArcScene; successivamente abbiamo applicato la stessa procedura ai distretti in cui si sono verificati casi di tumori alla tiroide. Il nuovo vettoriale 3D ottenuto è stato graficamente enfatizzato, evidenziandone l’estrusione della terza dimensione e semplificandone la comprensione. Il passaggio successivo è stato quello di ricavare un GRID con interpolazione IDW dei punti campionati di Cesio137 al fine di spalmare i valori inziali su una superficie omogenea che con apposita classificazione ha evidenziato le aree di maggiore concentrazione dell’isotopo radioattivo. Quindi sovrapponendo alla superficie ottenuta i distretti con casi di tumore e selezionando tra essi quelli che superano il valore di 0.5 ogni 1000 individui, abbiamo evidenziato i distretti a rischio. Dall’analisi risulta evidente una correlazione diretta tra la concentrazione di Cesio137 e i distretti con più casi di tumore alla tiroide. Fa eccezione il dato di picco localizzato in un’area con minore concentrazione di Cesio137, quindi si rimanda ad ulteriori approfondimenti per esplorarne le motivazioni più profonde. Infatti è possibile ipotizzare un’errata rilevazione del dato di contaminazione o a fattori ambientali o di altra natura influenti.

4

Legenda 1 - Vettoriale 3D della distribuzione al suolo di Cesio137 2 - Correlazione tra distribuzione di Cesio137 e casi di cancro alla tiroide riscontrati nei distretti intorno a Chernobyl 3 - Raster risultato dall'interpolazine (IDW) dei dati sulla distribuzione di Cesio137 e estrusione del dato sul tumore alla tiroide 4 - Visualizzazione dei dati relativi ai distretti a rischio in cui si rileva un valore di casi di tumore della tiroide superiore allo 0.5 ogni 1000 individui

"

Distretti con casi di tumore superiore a 0,5 per 1000 individui

!

Punti campionati di CS137

"

Casi di cancro riscontrati nei distretti di Chernobyl

Raster Idw Cesio Valori High : 197,272

Low : 0

Diffusione della radiazione al 1996_ Fonte wikipedia


Portfolio GIS (Italian)