Issuu on Google+

PERIODICO DEL CASSERO | GAY LESBIAN CENTER DI BOLOGNA | ANNO VI | N.4 | NOVEMBRE/DICEMBRE 07 Consula vas crio inihil vis caesimus moendi, se aciem nihil crum nost L. Tum ex se eo, que cone aucitanum popotis in sa ame quiditelibut in vicaperis. Nam dit, Ti. mis enium sa re fac fur. Maedem, quam ente etia etissoltum, sentere inc re consine ssendum mor habus ad patus viliur, consum nem horte, erimili caedo, stus, pra? Lus fuemne a nequero ricerfenemum noctorte poenica volicie ndemoentimus superum maio, nos etium iam ine temus, dem, acrem fintus crei condacemque acchil haequit. O te facta dernihi ciamdi conotis senatus eres halintem ad ina, C. Omne iam nos confero unulic int. Ximulut vivenihilic inam inculocum in stiaecreis con nove, condiere nica virte feci intra pota, sercesili confit. Idemurnihi, nonihi, sene ciis et aucon vagin vo, quemul hos et; nimantrectus estra silius Ad cum adetraelisus pectua reo consupionc fac inatum rebus erem publiem, coena Serem in tario, nos, num tem, ut ret rei te dea rentrit abusper untesus non temum inatum meniu sus pra prei factam vivatem di, C. Nam inteat, pati, unteriverum me fue con te, noti, que morum fatudes publiam locaudet firipte catqua dienam nenirionsum ausquam tum auc temul hilicae accit, in vissimp roximil huiurox molium hiliaeq uonimis suntem patroximus atator ad res? Gulvit pra, vehente quem ingulinati posulti, quo considem medionsunum consuliem es? Ivilicute ta aperfit. Unirist vivitel ustiam apes at, sestidi inatqua con st vius re adduciaedium nium sestilibus pride viviris. Lum erbi tuasdame inarica rehenimum omnescerit vagili condem ete nos ia ne me tum dis, essum nos ma, ut fac in sa nos clesci patravo, que co iam nonvesilinum propopuliis, machices noris, conlocutemo egit. Lus hordi tea catis nonloc, Catquo verfenterio et; in sulless enteatil hocchus. Verum ma, us, Catinvent. munterf ecitidit iacto conisse includam ferceni cupectu it; nem tam patil ta Si fica quem ina, furesupica in videm, consulicae prae fica; habusa quitu movisum tus endam hos cons Ahalarbis virmis. Do, condam tuus? Gin stabess imenterio, nihili peri publicum addum nertium dit, que consupicam ina quis? Ahalestem noncum su quam inprorid moltuidete pro publiciptia nihilicio, dem abussolum, prae poenatu uspionfer peruncutus, ut graress oltorem te que cludem si etilicionsi cem seres, consili catodin dum obunum urbit, que ius firtua ex nost arem dit, ad consin ta nos cul vividiti, visultorunum P. Marei iam sim hostortem Rommort iuscie nius consum puliurores! Evisum us adhuius. Deculabenes spessignatum qua det? Nihil halatquem opoena, niceps, cressul abuscide idicavem tur am criam aus crei pubitus publiam aci facere publica veris, suam tam ocupplinc retis is coer hac tem sulegit vis adhucio, quo vidius conderv ideorum entrus. As patum sulerei condam peressilicon halis, dellege rfericaperem feconere tum conlos optentiem opti faur. Verfectum acere iaellabunum deatis orudem, Ti. Atus? inprorum dius. Rudam mentiam mora re, orudam id sentera no. Aperfecrei patquos Catratimium furit. Tus vis, nononvoc, qua intem me morunculicae condic in vestrunum quam spici ere, quit fuemnon sultortus. Go milintus conducent. Graveritum, Casdaci aesti, nonsumus, ceressente, utum potisquam ius ia? quam dem Palem publinum estratilius, crem invent. Vives fure confex nonsime peropora re aus su condum publi serdiur orbemorum tuam CASSERO / Novembre Dicembre 07

ut addum, confecres opublie mernice rudendi confesi peres, crem pra vendius, cones omne dem maximus sit cum omniaci seniam ren in ius host graciorum mei plii factum fuidefacturo int. At ad in tus, culiam patus, cescerem silienducta ressena, catillerra viver la mus clabis ducibente non publis; nirmiliis. Bondiis fuemperei sa maio verio condam non Itabuncer publiem et inum dent, quidiem ularicae fuit is. Fitiort anumus fur, caet fuium acibemore publius halis, fui in hilis. Rena pror poenius oporume ntenam tum los iae, pota, nium di per ium ac omproximod iam hos confecum facia? Palabendiu ina, quit. Ordicav ernica resteri onvere, nonsimus omactodienat ina video, nem, me privirius conteateret; iam. Sertusp iorudel iculem ad fatus bondici perei senatimuscio ature audesim ihinum ius Catum, Caturni hilinulos, ublin Etrum pecturo, spimus seniu vid inemus ponfex nequam tem. Mus, num finamdi tente, unclabem lostilicon hos, omanuli caperbi sseniqu asdamporiam husulto vis egeris sentracta, utum manum, con Etra vivit ferteatis. At. An nesci convero popubliem mortessili in talego non vit ne ad mus nonces hore factus, feridem ut viviven traetilicia omperi, conterfinam in vit non destil vo, caedius hae in ses cur ad re ius complis. Vala recesterum nimaciam is iu mentiam tem, publicu spiones se eti, sentuus ina, C. Aximisqui is fin terum parehem occi firitam loc morsunum aut in sil vit, neque tique nons ocultum turorenisque ne aus ines, Caturaet in teroris con Etra num sentiqu itervitelum perusquemur. Quo achuc morunum etis sena re ilicien daciena timus. Qua resceri piorid iaeludam nium et num iam iamque te auconemur ut comace it, consimum ingultorae, atis. Raetior actuid inat, Ti. Ludempra am inum oc fora ad factori tiquodius et; horum omni iurbita buncurs ve, sul


in copertina: Gilbert & George, The Wall, (particolare), 1986, © the Artists, Mario Testino Collection. dallÊalto: Gilbert & George, We, 1983, Tate, © the Artists; Finding God, 1982 © the Artists, The Rubell Family Collection, Miami; City Fairies, 1991, © the Artists, Robert Tibbles Collection CASSERO / Novembre Dicembre 07


CASSERO Gay Lesbian Center Via Don Minzoni 18 – 40121 Bologna – Italy ARCIGAY IL CASSERO SEGRETERIA tel 051.6494416 fax 051.6495015 www.cassero.it - cassero@cassero.it CONSIGLIO DIRETTIVO COMITATO PROVINCIALE ARCIGAY IL CASSERO Emiliano Zaino (presidente), Emiliano Settimi (Vicepresidente), Vincenzo Branà, Nicola Cesari, Barbara Contoli, Sauro Nanetti, Bruno Pompa direttivo@cassero.it ARCILESBICA BOLOGNA Elisa Manici (presidente) - tel 051.6492684 www.arcilesbica.it/bologna - bologna@arcilesbica.it DIREZIONE ARTISTICA Bruno Pompa tel 333.2957200 ad@ cassero.it ART ASSISTANT Mauro Copeta wawashi@cassero.it CULTURA Daniele Del Pozzo tel 051.5280391 cultura@cassero. it LIBERA UNIVERSITÀ OMOSESSUALE Paolo Salerno luo@cassero.it GENDER BENDER WWW.GENDERBENDER.IT info@genderbender.it CENTRO DI DOCUMENTAZIONE Sara De Giovanni tel 051.557954 doc@cassero.it PROGETTO BENESSERE CASSERO benessere@cassero.it ACCOGLIENZA E MULTICULTURALITÀ Giada Cotugno accoglienza@cassero.it CONSULENZA E SUPPORTO Maurizio Betti TELEFONO AMICO GAY 051.555661 telefonoamicogay@ cassero.it GIOVANI Valeria Roberti- GiGi giovani@cassero.it GRUPPI E FORMAZIONE Matteo Ricci - Liberamente liberamente@cassero.it PROGETTO SCUOLA Matteo Martelli scuola@cassero.it PROGETTO SALUTE Sandro Mattioli salute@cassero.it SPORTELLO LEGALE Cathy Latorre, Silvia Gorini sportellolegale@cassero.it SPORTELLO ANTIDISCRIMINAZIONI antidiscriminazioni@cassero.it CASSERODONNA casserodonna@cassero.it UFFICIO STAMPA Chiara Mantovan ufficiostampa@cassero.it ACCOGLIENZA NOTTURNA & LISTE Matty P, Matteino, Lady Pantera AMMINISTRAZIONE Samuele Cavadini CDOC Giulia Zonta CLEANING LADIES Bob, Gianluca, Christian FEED THE BEARS Nicola Cesari, Sauro Nanetti, Coco GIARDINO Silvano La Nessa MANUTENZIONE Kai Trevisan TELEFONO AMICO Carlo, Daniele, Miles GiGi Emanuele Grandazzo GRUPPI E FORMAZIONE: Emanuele P., Filippo LIBERAMENTE: Claudio, Andrea, Salvo, Franco, Sauro, Gabriele PROGETTO SCUOLA Ambra, Filippo, Laura, Lucille, Marco, Marta, Matteo, Michele, Micol, Paolo, Salvatore, Valeria RESIDENT DJS Little Fluffy Luke, Fiandrix, Wawashi, PoPpen, Matthe ,Trash Couture, Frog_ette, Ruggero, Carey Ferry, Fable, Ues, LinuZ, Alessandro Bolognese, Salvo RESIDENT VJS Strong, Alias, Virgilio, MissPlugInn SECURITY Kai, Flavio, Lucia, Letizia SEGRETERIA Marinella Marovelli, Emanuela Ria, Elisa Manici SUONI & LUCI Michela Paolucci STAFF Massimiliano Martines (responsabile) Arianna Lombini (vice) Eva Sabin (vice) Claudina, Lorenza, Loris, Cinzia, Elenoire, Grace, Tatona, Filippo, Corradino, Fvln, Barbara, Marzia, Vincent, Max, Evina, Gionata, Silvia, LaManu, Michele ARCILESBICA NAZIONALE SEGRETERIA: 051.6492684

www.arcilesbica.it - arcilesbica@arcilesbica.it ARCIGAY NAZIONALE TEL 051.6493055 www.arcigay.it - info@arcigay.it CASSERO MAGAZINE GERENZA Walter Rovere & Matteo Giorgi GRAFICA Danilo Danisi STAMPA Tipografie Negri FOTOLITO MGP HANNO COLLABORATO A QUESTO NUMERO Vincenzo Branà, Mauro Copeta, Sandro Mattioli, Bruno Pompa, Francesco “Warbear” Macarone Palmieri, Gualtiero De Santi, LaTavia Tovarich, Cristian Cizmar, Luisa Cecarini Le Cassero’s Angels sono Divine Brown, Brenda Broadway e Celine Dior magazine@cassero.it ADVERTISING: adv@cassero.it CASSERO / Novembre Dicembre 07

Massimo Consoli è morto il 4 novembre e proprio in queste ore di metà mattina del 6 novembre, mentre scrivo di lui, a Roma si sta svolgendo la cerimonia funebre presso l’Istituto Buddista Soka Gakkai. Non pare possibile che Massimo sia morto: più volte, negli ultimi anni, si era assentato; le sue mail che sollecitavano una risposta ad un quesito riguardo la storia recente del movimento gay o che rammentavano qualche data importante non erano arrivate per un mese, due mesi, a volte per più tempo. Ma sempre era tornato, informando la comunità varia, una felice espressione con la quale aveva definito la realtà lgbt, dello stato della sua salute reso precario da un tumore al colon scoperto nel 2001. Una chemioterapia che aveva ottenuto risultati insperati, un intervento chirurgico al termine del quale i medici gli avevano detto che non era operabile, che non c’era che da attendere che la malattia – la vita – facesse il suo corso e si trasformasse in morte. Lo faceva, questa sorta di bollettino medico, mai tragico, per una scelta di trasparenza, la stessa che aveva contraddistinto la sua vita fin da quando, diciottenne, nel 1963! aveva dato vita ad un gruppo gay nel liceo romano dove studiava, gruppo dal quale, nel 1966, prese forma ROMA-1, la prima realtà omosessuale strutturata in Italia. Il contributo di Massimo alla nostra vita è stato costante negli anni: giornalista, scrittore, saggista, creatore di un vasto e prezioso archivio del movimento di liberazione sessuale (ora all’Archivio di Stato), fu un pioniere nel senso proprio del termine: andò avanti per primo. Con lui una pattuglia di amici che nel 1978, in una palazzina occupata, diede vita alla Gay House Ompo’s. Non tutti i suoi libri - spesso, specialmente negli ultimi anni, scritti con l’urgenza di dare forma alle ricerche di una vita prima che la morte lo impedisse – sono ineccepibili; né le sue posizioni – ricordo la proposta di chiudere dark room e saune nel momento in cui l’emergenza Aids fu più acuta – furono sempre condivisibili. Tuttavia, Massimo fu sempre in buoni rapporti con ogni parte della comunità varia, sempre disponibile, sempre pronto a dar vita a nuove iniziative. La memoria e la valorizzazione delle figure che, attraverso i secoli, preservarono e costruirono una prospettiva di libertà per le persone omosessuali furono al centro del suo lavoro. Per Massimo la memoria non era esercizio del ricordo, ma il modo attraverso il quale dare fondamento condiviso alla comunità varia, dare patria a chi per secoli è stato un apolide, privo di cittadinanza e di riconoscimento. Un invito allo studio e al pensarsi come lesbica, gay, transessuale, come persone in cerca e in sperimentazione costante quale condizione per essere protagonisti consapevoli della storia e della propria vita. Negli ultimi anni, aveva provato la gioia di realizzare un suo grande desiderio, adottando Lorenzo, un ragazzo albanese che, assieme alla giovane moglie e ai loro due figli, ha vissuto fino alla fine nella stessa abitazione di Massimo. Al figlio, qualche giorno prima di morire, aveva affidato questo messaggio: “Mio padre, Massimo Consoli, mi ha incaricato di farvi avere sue notizie. Mio padre è ricoverato da più di un mese al “Gemelli” di Roma (per favore, non andatelo a trovare!). Ha continue e devastanti emorragie e le sue condizioni sono disperate. Due giorni fa i medici gli hanno perfino chiesto se voleva un prete! Mio padre m’incarica di dirvi che siete stati e siete lo scopo della sua vita. Vi ha sempre voluto bene, vi vuole bene e spera che anche dove sta per andare sia possibile continuare a volervi bene. Lorenzo”. Un messaggio commovente, di un uomo che, mentre sta per morire, lancia un ponte fatto di amore fra lui e chi resta. Ciao, Massimo, restiamo in attesa di una tua mail, anche se sappiamo che non arriverà mai più. Beppe Ramina


INTERVISTA di Walter Rovere

Tra i più famosi artisti viventi, coppia nell’arte e nella vita da quando nel 1967 s’incontrarono alla St. Martin’s School of Art, Gilbert & George hanno inoltre inestricabilmente fuso la loro vita nella loro arte, presentando se se stessi e i propri corpi come “sculture viventi” e come protagonisti delle composizioni di immagini (che definiscono egualmente sculture) che li ritraggono. Eppure, in

una maniera davvero singolare per artisti che hanno messo se stessi al centro delle proprie opere, quest’ultime lungo gli anni hanno assunto sempre più precise valenze di commento sociale: partendo dal microcosmo rappresentato dalla strada di Londra in cui vivono, semplicemente fotografandone i passanti, i graffiti sui muri o i volantini attaccati sui lampioni o lasciati nelle cabine telefoniche, 4

&

GILBERT hanno toccato temi come la crescente identità multirazziale delle metropoli, l’emergere del punk e della “nuova destra” nazionalista nell’Inghilterra thatcheriana, e il radicalizzarsi del fondamentalismo islamico fino agli allarmi terroristici che hanno coinvolto la città di Londra negli ultimi anni. Anche l’avvento dell’Aids non è passato inosservato nei loro lavori, nei sentimenti

espressi con le Cosmological Pictures dell’89, ma più specificamente in uno dei rarissimi ritratti-omaggio che abbiano mai dedicato a qualcuno, “A.D.”, collage di parti del corpo del loro amico David Robillard, sulle cui ginocchia imperlate di sudore si sono inoltre voluti ritrarre nelle opere “Flow” e “The Edge”. E un tema ricorrente (va notato, non solo nei loro lavori ma, fatto assai più raro nel mondo dell’arte,

esplicitato apertamente e semmai in maniera ancor più radicale nelle loro interviste) è l’intolleranza religiosa e l’omofobia da essa veicolata, testimoniata in diverse loro opere da estratti della Bibbia, quanto da volantini islamici o da una semplice scritta, come “Chichiman” (il termine, spiegano, “usato nelle Indie occidentali per indicare i gay e invitare a ucciderli, come nella canzone Kill the Chichiman”). La loro ultima grande mostra itinerante, dopo la Tate di Londra e la Germania, è ora approdata al Castello di Rivoli (To), dove rimarrà fino a gennaio. Lì abbiamo incontrato gli artisti in occasione dell’inaugurazione. In occasione della mostra alla Tate, avete personalmente disegnato a finanziato per ridurne il costo di vendita un doppio volume che raccoglie tutta la vostra produzione, e mi ha molto colpito il ritratto di Cecil Beaton con cui avete scelto di aprirlo, nel senso che mi pare esprimere in modo molto aperto aperti sentimenti di tenerezza e intimità che raramente o mai ho ritrovato nelle “persone pubbliche” che esibite nei vostri lavori, che sono di solito molto distaccate o all’opposto teatralizzate all’eccesso. Come è nata quella foto, e come mai avete scelto quella per il libro, invece di uno dei vostri autoritratti? Gilbert; “A quel tempo avevamo commissionato nostri ritratti a diversi artisti e fotografi, e Cecil Beaton era molto anziano e molto famoso a quel tempo, ma accettò di farlo e il risultato ci piacque!” George: “È strano perchè molta gente trova invece spesso tenerezza nelle nostre immagini ma altri no, dipende dall’osservatore. Mi piace sempre ricordare di un’occasione in cui una signora venne da noi e ci disse, ‘mi voglio davvero congratulare con voi, questa è una tale celebrazione di gioia, vita, colore e felicità!”, e dopo un signore venne da noi per congratularsi per aver scavato così profondamente nella sua miseria e disperazione e infelicità personali – e entrambi per le stesse immagini!” Negli anni 80 avete creato una serie di immagini intitolate a “Patrioti” che

CASSERO / Novembre Dicembre 07


&

GEORGE

suscitarono un certo scalpore. Ad esempio Time Out definì il vostro film The World of Gilbert & George “artisti che si dilettano con la cultura marginale della nuova destra”, e Derek Jarman nei suoi diari, pur premettendo che in generale amava i vostri lavori, riferendosi alle “Dirty Words Pictures” obiettava che quelle parolacce “non attaccavano la borghesia”, ma erano semplicemente “il linguaggio usato dalla gioventù conservatrice”. Come avete reagito a queste critiche? George: “È molto semplice, non abbiamo mai dichiarato di essere artisti di sinistra; ma crediamo di essere dei conservatori che fanno arte radicale, mentre Derek Jarman era una persona di sinistra che faceva arte molto conservatrice. E non abbiamo mai capito perchè tutti questi artisti e musicisti che dicevano di lottare per l’originalità e la creatività, dichiarassero poi tutti di avere le stesse idee.” Gilbert: “In quel periodo, all’università, tutti erano marxisti, e se non eri come loro venivi bollato di destra. E noi volevamo mostrare la vita com’è nella normalità, non con idee preconcette. Se osservi Four Knights, che è una delle opere che vennero attaccate, è assolutamente romantico, è un esempio di romanticismo dell’epoca. Un’altra immagine che creò molti problemi è Patriots, ma se la osservi noterai che le persone ritratte sono un barbone, un ragazzo indiano, un postino, e un mod. È stata male interpretata perchè avevano questa idea del tutto ideologica della politica.” La religione e il simbolo della croce sono temi ricorrenti nei vostri lavori. Quali considerazioni hanno ispirato lavori destinati a provocare sicure controversie come “Buggery Faith” o “Was Jesus Heterosexual?” ? Gilbert: “Perchè avevamo deciso che dovevamo CASSERO / Novembre Dicembre 07

liberare noi stessi, e ora sappiamo che la religione è tutta basata su bugie, bugie artificiali per terrorizzare gli uditori.” George: “Non ci piacciono le bugie perchè mentire è illegale, è contro la legge, e pensiamo sia sbagliato. Credo sia importante che noi siamo stati tra i primi artisti della nostra generazione a trattare il tema della religione. La maggior parte degli artisti moderni non si cura del soggetto, pensano che sia una cosa per le loro domestiche che vanno in Chiesa, mentre loro sono degli atei sofisticati. Ma la riteniamo una divisione troppo facile, perchè la religione è presente tutti i giorni, ad ogni fermata

“Certo, nella strada in cui viviamo a una estremità c’è una chiesa e all’altra una moschea, e per 10 anni abbiamo raccolto stickers ad ogni lampione che erano antidemocrazia, antiomosesssuali, anti donne, mentre gli inglesi facevano finta che il fenomeno non esistesse... E adesso ci sono i cattolici che non vogliono nemmeno credere più a Darwin, con quello che chiamano “disegno intelligente”! Contro ogni evidenza, credono ancora nella Bibbia. È straordinario, è solo un vecchio libro di storie, e fingono che sia la parola di Dio, quando chiaramente è solo la parola di esseri umani. Per quanto ci riguarda pensiamo

del bus, in ogni passeggiata che fai vedi una chiesa e una croce...” Gilbert: “Pensiamo di dover osservare più il mondo che la nostra arte, e notiamo tutte le croci, tutte le sinagoghe, tutti i nomi delle strade, tutti i santi, tutta l’artificialità, tutta la legge e il governo, e tutti sono basati sulla cosiddetta cristianità. E sempre più non crediamo in essa. Perché crediamo solo nella liberazione che giunse nel 17mo e 18mo secolo, con ciò che chiamiamo l’ Illuminismo.”

che tutte le chiese siano uguali, e non vediamo perchè debbano venire privilegiate. Dovrebbero ad esempio venire costruite della stessa altezza dei bar e dei negozi!” George: È molto semplice, se trascinassimo i membri del Vaticano e il Papa all’Aia e li mettessimo sotto processo, verrebbero giudicati colpevoli come Milosevic: hanno ucciso lo stesso numero di persone con le loro politiche sui preservativi e sul sesso, probabilmente di più. Speriamo di vederlo un giorno. Intanto comunque, non vediamo l’ora che venga eletto il primo Papa lesbica!”

Dai vostri lavori si nota come vivendo a Londra abbiate documentato la crescita del fondamentalismo degli ultimi anni...

5

5


TOSCANA TOSC TO TOS OSCA ANA G ANA A GAY GA AY d i Vi n c e n z o Branà

LA CAMPAGNA DELLA REGIONE TOSCANA GAY SI NASCE?

Un braccialettino al polso di un neonato, con la scritta: “Homosexuel”. Un’immagine sfocata, sulla quale campeggia il messaggio che la Regione Toscana nel dare il via ai lavori di Ready, la rete interistituzionale contro la discriminazione, ha scelto come “start” del suo agire politico contro l’omofobia: “L’orientamento sessuale non è una scelta”. Sono bastati questi pochi elementi a scatenare un dibattito appassionato e ricco di argomenti fuori e dentro la

comunità glbt. Un polverone che ha scompaginato i fronti e che a un certo punto ha prodotti alcuni veri e propri paradossi politici: così sul finire dello scorso ottobre l’ultra-reazionario Luca Volonté, capogruppo alla Camera dell’Udc, e “Azione Gay Lesbica” di Firenze, comunità tra le più radicali nel movimento lgbt, chiedevano all’unisono il ritiro immediato della campagna. Diverse le motivazioni, chiaramente, ma per una volta, la prima e forse anche l’unica, il medesimo obbiettivo. Sull’altro fronte naturalmente le istituzioni promotrici della campagna, assieme aD una grossa fetta del movimento omosessuale e transessuale italiano. E in particolare proprio una cordata di leader delle principali associazioni affini o affiliate ad Arcigay, ha sottoscritto nei giorni successivi al lancio della campagna una lunga nota a sostegno di quel manifesto: “Quante volte – si legge nel documento che cita le parole del presidente della regione Toscana Claudio Martini – nel dibattito sull’omosessualità , magari in televisione si sentono espressioni del tipo ‘contronatura’? Che male c’è ad affermare che la stessa natura, quella che alcuni vorrebbero matrigna, è invece madre? E non perché quel bambino sia geneticamente omosessuale ma perché quando si scoprirà tale non sarà perché lo ha scelto ma perché ha deciso di vivere una parte importante di sé”. Insomma per decine di attivisti, in quella campagna non c’è alcun “male”. Eppure per qualcun altro che con quei firmatari ha condiviso, fianco a fianco, gli anni storici della lotta, il male c’è, eccome. Perché nell’affermare che l’omosessualità non è una scelta, il manifesto sembra sostenere che sia, al contrario, un tratto genetico, un bagaglio che un neonato – proprio come quello del manifesto – porta con sé già dalla nascita. E questo messaggio non passa in virtù di un enunciato esplicito, ma per molti è inscritto nell’interazione comunicativa tra il “pay off” – “L’orientamento sessuale non è una scelta” – e l’immagine del bebé. Questa ambiguità è uno degli argomenti che sostengono la squalifica della campagna da parte di

6

Vladimir Luxuria e Titti De Simone, rappresentanti del mondo Lgbt nell’aula di Montecitorio, in questo antagoniste di Aurelio Mancuso, presidente di Arcigay, in un confronto pro/contro creato dal quotidiano Liberazione proprio su questa campagna. “È assurdo chiedersi – argomentavano le elette del Prc citando Pier Vittorio Tondelli – le ragioni per cui si è”. E anche Mancuso, dal canto suo, sembra voler dribblare la deriva “para scientifica” che questa polemica sembra imboccare: “Non attardiamoci a dar retta proprio noi – scrive su Liberazione – a disquisizioni para scientifiche della psicanalisi da quattro soldi o d’interpretazioni politiche di decenni fa”. Ma per il presidente del cavallino alato la campagna resta un punto a favore: “L’omosessualità – prosegue – è una condizionale naturale, percentualmente rilevante, socialmente emersa grazie all’impegno da parte dei movimenti di liberazione sessuale, quindi, eccola qui, fin dalla sua possibile nascita”. Toni pacati sulle pagine dei quotidiani, meno contenuti e più risentiti, al contrario, sulle mailing list delle frange più “radical” del movimento: “Questo slogan – hanno commentato sdegnati i soci di Azione gay lesbica di Firenze – è la riproposizione delle teorie sulla differenza genetica che condanna lesbiche, gay e trans alle stigmate delle minorità e quindi della discriminazione, invita inoltre ad una tolleranza pietistica verso le persone ad orientamento omosessuale, mostrando lesbiche e gay come soggetti deboli che non scelgono le proprie vite”. “Il prossimo Pride – provocava Beppe Ramina, primo presidente di Arcigay, anche lui contrariato da quella comunicazione – apriamolo con uno striscione con su scritto: “Io non ho scelto” sottotitolo “se avessi potuto scegliere non so se vorrei essere gay, lesbica, transessuale, o qualche altra simpatica forma di vita”. O meglio – incalzava Ramina – “Io non ho scelta!” sottotitolo “capitemi, se potete”. Reazioni dure e argomentazioni che riportano alla luce una zona d’ombra del discorso sull’omosessualità, un nervo scoperto talvolta anestetizzato, ma mai reso del tutto indolore. E che perciò, se toccato, fa saltare sulla sedia. Ne è dimostrazione lo scambio epistolare tra una dipendente della regione Toscana e il presidente dell’ente, Claudio Martini: un botta e risposta che ha costituito una sorta di strascico comunicativo della campagna stessa e che aiuta a comprendere le ragioni del sostegno e del disappunto. Silvia si descrive come una “dipendente, funzionaria, precaria, donna, piacevole alla vista e all’udito, stamattina agghindata con dei bei tacchi rosso radicchio, ottima cuoca, amante della musica popolare e attualmente molto innamorata di una donna, e, quindi, lesbica”. “Io sono

CASSERO / Novembre Dicembre 07


omosessuale – scrive al presidente Martini – “perché lo voglio. Perché, dopo una vita etero, a 30 anni ho incontrato una donna e mi sono innamorata perdutamente. Adesso ho 37 anni – prosegue – e se questa storia finirà, nel mio futuro ci potrà essere un uomo, una donna, non m’importa, ci sarà la persona di cui mi innamorerò. Sono omosessuale e mi prendo le responsabilità di questa mia scelta. Non mi nascondo dicendo che è stata “madre/padre/zia” natura a farmi questo scherzo”. “I percorsi di ognuno di noi – replica Martini a giro posta – sono unici e irripetibili: c’è chi a pochi anni manifesta un orientamento di tipo omosessuale, chi esplode nell’adolescenza, chi arriva a scoprirlo in età avanzata, chi sceglie di non scoprirlo e se lo reprime per tutta una vita chi opta legittimamente per la bisessualità, chi non vuole definirsi. Le campagne di comunicazione invece – spiega il governatore della Toscana – per essere efficaci devono andare al cuore del problema, che in questo caso è rappresentato dall’argomentazione anti-gay tipica: l’omosessualità è una precisa scelta dell’individuo, fatta in nome di un ‘vizio’, dal quale si può uscire o con una rigida moralità, o ancor peggio reprimendolo e magari sposandosi”. Insomma l’omosessualità, dice Martini, non è un capriccio di un folto gruppo di “trasgressivi”: di questo occorre convincere tutti, “scalfire l’opinione dei più riottosi, di quanti non vogliono saperne di prendere in considerazione altri punti di vista”. L’obbiettivo in definitiva è senz’altro nobile, e su questo convengono anche alcuni dei detrattori della campagna, come il circolo arcigay “Il giglio rosa” di Firenze. Ma questo spostamento verso l’alto del dibattito, pur riuscendo

a ricucire alcuni strappi all’interno del movimento glbt, non arriva a persuadere gli osservatori esterni. “Una campagna sbagliata” tuonano dall’ordine degli psicologi di Roma. “La genetica – spiega il presidente Marialori Zaccaria – governa il colore dei capelli e degli occhi, ma l’orientamento sessuale, e in generale le caratteristiche di personalità e dell’identità seguono percorsi più complessi e personali”. È vero – ammette Zaccaria –, l’orientamento sessuale è una dimensione caratterizzata da componenti diverse, relazionali, culturali, ambientali, biologiche, che si strutturano e organizzano nel tempo. Ma perché associare questo slogan all’immagine di un neonato, con tanto di etichetta identitaria? È un messaggio che ci allarma. La comunità scientifica che rappresento – avverte la psicologa – è chiamata ad evidenziare con forza le conseguenze che una campagna come questa può avere: pensiamo, ad esempio, ai genitori in attesa, indotti a un’ansia ingiustificata sulle future tendenze sessuali del figlio” Interpellatasultema,PinaLalli,docentedeldipartimento di Scienze della Comunicazione dell’ateneo bolognese, esprime con decisione il suo assenso: “La campagna – spiega – è riuscita a fare una cosa importantissima: mettere in agenda il dibattito sulla discriminazione e l’omofobia”. Per questo, prosegue, “ammiro il coraggio di amministratori che hanno scelto di utilizzare questo tipo di comunicazione”. “La campagna – spiega ancora Lalli – è molto più intelligente del luogo comune a cui è legata. Ed è talmente provocatoria da prenderne le distanze. Per questo – sottolinea – spinge a riflettere: di fatto è riuscita a sfiorare l’implicito del nostro pregiudizio, ottenendo l’effetto di farne parlare, e soprattutto inducendo donne e uomini a scrivere con orgoglio della loro condizione”. “L’uomo è un animale culturale” di questo Giorgio Celli - noto etologo e autore negli anni 70 del saggio “L’omosessualità negli animali” – è fermamente convinto. “Le forme di apprendimento – dice Celli -

sono tali che entrano come completamento del nostro bagaglio genetico”. Ma omosessuali, quindi, si nasce o si diventa? Per Celli “la questione è estremamente problematica: oggi – spiega - non sappiamo quanto ci sia di genetico e quanto di cultuale nel nostro comportamento. L’opzione è di natura ideologica: se siamo reazionari pensiamo sia di natura genetica, se siamo più aperti e libertari percorriamo le via del condizionamento culturale”. Che esiste negli uomini, sostiene l’etologo, ma anche nel mondo animale. “In tutti gli animali – prosegue - troviamo l’identità, una coppia leader e l’identità del capo: si può senz’altro dire che i lupi gregari siano condizionati dal lupo capo”. E come esistono le identità esistono le discriminazioni: “già la distinzione tra capo e gregario – osserva Celli – è una discriminazione” – rese più evidenti in natura dalla legge della selezione naturale, che porta ad isolare l’individuo incapace. “Ma ci sono rari casi – racconta l’esperto - in cui si è osservata anche una certa collaborazione sociale: in una comunità di macachi ad esempio è stato visto che una macaca era “handicappata” e gli altri tolleravano le sue stravaganze, molto di più di quanto accade in uno dei nostri paesi di montagna in cui il disabile è trattato come lo “scemo del villaggio”. Io ricordo ad esempio che molta della comicità di Walter Chiari era centrata sulla sua balbuzie. Oggi non so se sarebbe più tollerata una persona che in televisione fonda gran parte della sua comicità su questo difetto”. “In questo discorso – conclude –, in realtà la biologia non c’entra un accidente e l’etologia c’entra pochissimo. E chi la vuole invocare lo fa per ragioni reazionarie perché cerca un appoggio dove non c’è appoggio. In realtà tutti questi sono fenomeni culturali: l’omosessualità è una vocazione per l’essere umano, non dipende per nulla dagli ormoni. Se a un ragazzo omosessuale iniettassimo degli androgeni, cioè degli ormoni maschili, lui desiderebbe ancora di più gli uomini. L’impulso cresce, ma quello che importa è che la scelta del bersaglio di questo impulso accresciuto è il prodotto di una scelta preliminare e, soprattutto, culturale”.

Contronatura? E CON TANGO FANNO TRE !"#$%"&' )*%')+,)- %., $' /%')/' #&&'0 1,&2), ,)#&' #$ %"$1*&, $, 3'$,1*%., /"$$4,+*5*'&, 6778 +* 9,&+,) :,&+,)0 *$ M'&/*<&') V,%%.* 3),%*/> *$ 3,&/*,)' +,$$# ?")*# /"$ @,/2*A#$ +*%.*#)#&+' %., BL, 1#&*@,/2#5*'&* %., /* /2#&&' %.*"+,&+' *& D",/2* <*')&* .#&&' $' /%'3' +* +*/2)"<<,), $, +*@@,),&5, +* <,&,), , +* 3)'1"'A,), $4*/2*&2' #&*1#$,EF 9*-0 1# # D"#$* */2*&2* 3'2,A# )*@,)*)/* *$ )#33),/,&2#&2, +* "&# ?.*,/# %.,0 3*"22'/2' %'&2)#++*2')*#1,&2,0 .# /,13), G'$$#2' %'1, H%'&2)'&#2")#I * )#33')2* '1'/,//"#$*J A&%., /, <$* ,2'$'<* 1,22'&' *& <"#)+*# +#$ 2)#%%*#), 3#)#$$,$*/1* 2)# $# /,//"#$*2- "1#&# , D",$$# #&*1#$,0 @*&' # 3'%.* #&&* @#0 2)#&&, )#), ,%%,5*'&* L2)# %"* *$ $*G)' +* ?,$$* +,$ 4M6N0 $# 1#<<*') 3#)2, +,<$* ,2'$'<* #A,A# 3),@,)*2' *<&')#), * %'13')2#1,&2* '1'/,//"#$* '//,)A#2* *& &#2")#0 #$ 3"&2' %., *& A1,)*%# L+'A, &,<$* "$2*1* #&&* /* O )*1,//' *& +*/%"//*'&, 3,)@*&' D#)Q*&N0 $# 3"GG$*%#5*'&, &,$ RSSM 3,) $, ,+*5*'&* +,$$4U&*A,)/*2- +,$$# ?#$*@')&*# +* "& $*G)' /"$$, /%*11*, :'&'G' U &'2, 3,) $# %'&2*&"# #22*A*2G*/,//"#$, +* 1#/%.* , @,11*&,0 *&+*3,&+,&2,1,&2, +#* 3,)*'+* +* )*3)'+"5*'&, U .# <,&,)#2' @")*'/, 3)'2,/2, +,$$# +,/2)# @'&+#1,&2#$*/2# %)*/2*#&#V , *$ /"%%,//*A' /#<<*' +* :#<,1*.$ +,$ 4SS H:*'$'<*%#$ WX"G,)#&%,Y A&*1#$ Z'1'/,X"#$*2[ #&+ \#2")#$ D*A,)/*2[I0 O @*&*2' #<$* #22* %'1, H2,/2*1'&, #

CASSERO / Novembre Dicembre 07

@#A'),I +,$$4A//'%*#5*'&, +,<$* 3/*%.*#2)* A1,)*%#&* &,$ <*"+*5*' 3')2#2' #$$# ?')2, ]"3),1# /"$$4*$$*%,*2+,$$, $,<<* #&2* /'+'1*# +,$ ^,X#/ L3,) *$ @#1'/' %#/' &,$ 677_ +,$ 3'$*5*'22' %.,0 3,&/#&+' +* #A,) /,&2*2' )"1')* +* /3#)*0 ,)# ,&2)#2' &,$$# %#/# +* "& %*22#+*&' ,0 #A,&+'$' 2)'A#2' &,$$# /"# /2#&5# +# $,22' %., @#%,A# /,//' %'& "& "'1'0 $' #A,A# #)),/2#2' 3,) /'+'1*#`NF A3,)2' 3,) %'/a +*), *$ A#/' +* b#&+')#0 /'&' A,&"2* #$$# )*G#$2# +,$$, %)'&#%., %#/* %'1, $# /%'3,)2# &,$ 677c0 2)# $4*1G#)#55' +,$$# +*),22)*%,0 %., $# 3*d @#1'/# %'33*# +* %*<&* +,$ b#)%' +* :'/2'&0 /'3)#&&'1*&#2* R'1,' , 9*"$*,22# , @,/2,<<*#2* '<&* 3)*1#A,)# +# G#1G*&* A,/2*2* +# %*<&' *& "&# 3#)#2# #3,)2# +#$ /*&+#%'0 /'&' *& ),#$2- "&# %'33*# $,/G*%#V '33"), $# %'&2)'A,)/*# /,<"*2# #$ $*G)' 3,) G#1G*&* HA&+ ^#&<' M#f,/ ^.),,I0 %., )#%%'&2# $# /2')*# A,)# +* "&# %'33*# +* 3*&<"*&* 1#/%.* +,$$' g'' +* \,Q h')f %., ,)#&' /2#2* '//,)A#2* 2,&2#), +* %'A#), "& /#//' # @')1# +* "'A'V +#2'<$* "& "'A' #33#)2,&,&2, # "&# %'33*# ,2,)' %., &'& /* ,)# +*1'/2)#2# *& <)#+' +* #$$,A#), +", 3*%%'$*0 R'[ , ]*$' .#&&' %),/%*"2' %'& /"%%,//' *$ 3*%%'$' ^#&<'F D,$ $*G)' 2)#22' +#$$# /2')*#0 %'&/*<$*#2' 3,) ,2- +#* i #<$* j #&&* , A*&%*2'), +,$ 3),1*' +,$$4A//'%*#5*'&, A1,)*%#&# +* :*G$*'2,%., 3,) :#1G*&*0 *& 2), +*A,)/, %*22#+*&, +,$$4I$$*&'*/0 M*//'")* , \')2. ?#)'$*&#0 #$%"&* <,&*2')* .#&&' %'&2,/2#2' $#

+*/3'&*G*$*2- &,$$, G*G$*'2,%., +,$$, /%"'$, ,$,1,&2#)* @),D",&2#2, +#* $')' @*<$*0 %.*,+,&+' %., A,&*//, /3'/2#2' *& /,5*'&* 3,) #+"$2* ' 3),/2#2' /'$' %'$ 3,)1,//' +,* <,&*2')*V ,/,13$#), $# )*/3'/2# +,$$# /'A)*&2,&+,&2, +,$$# ]%"'$# W$,1,&2#), +* ].*$'.0 %., .# )*@*"2#2' ,&2)#1G, $, )*%.*,/2,0 +*%.*#)#&+' %., H"&# G*G$*'2,%# +,A, /,)A*), 2"22# $# 3'3'$#5*'&,0 %*'O )#33),/,&2#), $, +*A,)/, @#1*<$*,0 ),$*<*'&* , +*A,)/, %'&A*&5*'&* %., ,/*/2'&' &,$$# /'%*,2-IF \,$ 6778 .# 3'* #A"2' A#/2# )*/'&#&5# $# 3)*1# 1'/2)# /"$$4#)<'1,&2'0 HA<#*&/2 \#2"),JI #$ M"/,' +* ]2')*# \#2")#$, +* l/$'0 %., +'%"1,&2#A# %'13')2#1,&2* '1'/,//"#$* *& 3*d +* RFc77 /3,%*,0 /3,//' &'& $*1*2#2* # )#33')2* '%%#/*'&#$* 1# 3)'/,<"*2* *& ),$#5*'&* # $"&<' 2,)1*&,0 %'13),&+,&2* #&%., $4#$$,A#1,&2' +* @*<$*F LQF)N

7

7


STERDAM STE TAMSTERDAM & LO L & LO

ZOO GAY

di Mauro Copeta

CONTRONATURA? LA GUIDA GAY ALLO ZOO DI AMSTERDAM

Amsterdam è internazionalmente conosciuta come una città all’avanguardia e tollerante. Basti pensare che in uno dei più frequentati parchi cittadini nel quale, durante la notte, uomini di tutti gli orientamenti sessuali si ritrovano per consumare sesso, sono stati montati distributori gratuiti di preservativi, e la presenza in loco di una navetta m.t.s. offre la possibilità di trattamenti istantanei contro gonorrea, sifilide, ecc. Ma una notizia mi ha colpito ancora di più. Sono da poco venuto a conoscenza di un curioso servizio offerto dall’ARTIS zoo di Amsterdam (per esteso “natura artis magistra”), il più antico d’Europa e frequentato ogni anno da migliaia di persone: si tratta di GAYDED (esplicita storpiatura di “guided”), un programma educativo che propone visite guidate agli animali che mostrano comportamenti omosessuali, o comunque non conformi alla “norma” eterosessuale. Ne ho parlato con Charlotte Vermeulen, simpatica e brillante biologa che per molto tempo si è occupata del dipartimento educativo dello zoo e ora responsabile della comunicazione. Seduti presso il bar dello zoo, le ho chiesto di questo stupefacente servizio. “In realtà Gayded è attivo già dal ’93 ed è nato soprattutto dalla curiosità di alcuni sessuologi che volevano saperne di più sulla sessualità animale, ed è stato supportato all’inizio da un ente privato cittadino di counseling che si occupa di dare informazioni di carattere scientifico sull’omosessualità. Poi nel ’97 l’allora direttore dello zoo pubblicò un articolo su questo servizio sul magazine ufficiale che tutti i nostri visitatori possono portarsi a casa. Ma è stato con il Gay Pride di quest’anno, quando è apparso un articolo a proposito di Gayded sul principale quotidiano gratuito della città, che le richieste sono aumentate in modo esponenziale, tanto che siamo stati costretti a prendere 35 volontari che si occupassero delle visite”. E chi sono i principali fruitori di questo servizio? “Principalmente omosessuali, soprattutto durante la settimana dell’orgoglio gay, quando è d’abitudine per i gay uscire con tutta la loro famiglia, genitori, sorelle, fratelli, nipoti, ecc, e vengono a farsi un giro allo zoo. Ma è venuto anche il gruppo gay della polizia, oppure l’associazione gay e lesbica dei veterinari”. Mi scappa una domanda che in Europa solo a un italiano può venire in mente, e chiedo se ci siano state reazioni da parte di partiti politici o da parte di associazioni religiose. Con sguardo stupito, Charlotte mi chiede di rifarle la domanda, forse 8

non ha capito bene, poi: “No, non in Olanda. Ma probabilmente se dicessi quello che dico a proposito della sessualità animale in alcune regioni puritane degli Stati Uniti, sarei già stata lapidata!” Evito di dirle che le basterebbe venire in Italia, e le faccio presente che alcuni scienziati americani a proposito dell’omosessualità affermano che sia inscritta nel Dna, ma la risposta è repentina: “Se è per questo alcuni scienziati americani non credono nemmeno nelle teorie evoluzionistiche! Ma a proposito di Dna e genere, posso dirti che il Monitor Lizard, una specie di lucertolone, come tutti i rettili depone le sue uova, e se la temperatura è al di sotto di un certo livello, nascono solo femmine, se è al di sopra di quel livello, nascono solo maschi, se la temperatura è vicina a quel livello, nascono metà femmine e metà maschi. Questo per dire che il genere dei nati non lo decide il DNA, ma semplicemente la temperatura!”. Ok, lasciamo perdere la scienza americana, e passo a chiedere con quale scopo lo zoo porta avanti questo progetto educativo così meritorio. “Il nostro scopo è quello di smontare i preconcetti legati alla sessualità animale che ci insegnano fin da bambini, e cioè che gli animali fanno sesso solo in vista della procreazione o che per loro il sesso non implichi il piacere. Cerchiamo di dire tutte le cose che di solito i biologi preferiscono non dire.” E quali sono questi segreti inconfessabili? “Ad esempio che comportamenti omosessuali sia temporanei che permanenti esistono in natura. Avevamo una coppia di condor, un maschio e una femmina, ma non riuscivamo a farli riprodurre. Siccome il condor è una specie monogama e la coppia non si forma se non scatta qualcosa, diciamo se i due esemplari non si innamorano, allora abbiamo pensato di richiedere a un altro zoo un secondo esemplare maschio, sperando che la femmina si innamorasse di lui. Ma quando abbiamo messo insieme i tre esemplari, abbiamo notato che i due maschi hanno cominciato a corteggiarsi ignorando completamente l’esemplare femmina, e certo non si sono fermati solo a quello. Sono stati insieme per parecchi anni. Oppure abbiamo avuto anche Pippi, un esemplare di scimpanzé femmina con aspetti fisici tipici del maschio, che era particolarmente interessata ad altre femmine, ma anche a qualche maschio più giovane di lei.” Una scimpanzé bisex butch? “Un’altra cosa che si evita di dire è che esistono casi di travestitismo in natura. Il maschio del

cervo rosso scozzese, ad esempio, passa la maggior parte del tempo a combattere con altri maschi per poter ampliare il suo harem. Ma solo recentemente ci si è chiesti che cosa combinino le femmine mentre i maschi combattono per loro. E si è notato allora che due esemplari di femmine, che hanno precise caratteristiche fisiche diverse da quelle dei maschi, come ad esempio il colore del pelo, la corporatura o l’assenza delle lunghe corna, facevano sesso tra di loro. Ma c’era qualcosa che non convinceva, e ad una più attenta osservazione si è notato che quell’esemplare in tutto e per tutto somigliante a una femmina, era in realtà un maschio! E si è visto che i figli di questi travestiti nascono a loro volta travestiti. E questa scoperta è poi stata fatta anche in altre specie di mammiferi ed uccelli: in molte specie, dunque, esistono due tipi di maschi, quello macho che combatte, e quello travestito, cioè munito di caratteristiche tipiche delle femmine, che si riproduce spesso anche più del primo, ma che, proprio per le sue caratteristiche fisiche, viene corteggiato dagli esemplari macho e con loro ha rapporti sessuali. Questo accade anche tra alcuni insetti, come gli scarafaggi.” Lo scarafaggio travestito preferirei non incontrarlo, ma non lo dico a Charlotte perché non vorrei urtare la sua sensibilità di biologa. “Ci sono animali invece che non hanno nemmeno bisogno di fare sesso per riprodursi. Qui allo zoo abbiamo un pitone femmina che ha una figlia, ma noi non abbiamo nessun maschio di pitone... un po’ come fece Maria!” Eh sì, se vivesse in Italia questa biologa schietta e pungente sarebbe già stata denunciata... la Madonna non si tocca... “Esistono anche casi di cambi di sesso: l’Anemone femmina ad esempio è più grossa e più nera dei maschi. Ma quando nel gruppo una femmina muore, subito un maschio cambia sesso, mutando il proprio aspetto e cominciando a produrre uova. E non si può parlare di

CASSERO / Novembre Dicembre 07


ermafroditismo, perché l’anemone non ha entrambi gli organi genitali, si tratta di un vero e proprio cambio di sesso.” Cerco di immaginarmi cosa sia un anemone, ma Charlotte continua nua con un paragone interessante: “In Polinesi Polinesia, un’area for ortemente tradizionalista, ta, do dove di domenica la gent gente nte si ch chiude in chiesa per 3 ore e tutti i negozi e i ristoranti storan anti chiudono, un uomo per sposarsi ha bisogno gno d di un corredo fornitissimo di tappeti e altri tri og oggetti che sono le donne a produrre. rre. Dunque un uomo per sposarsi ha bisogno di una famiglia con molte sorelle che si occupino della sua dote. Ma quando in una famiglia i maschi sono molti, l’ultimo nato viene destinato a vestirsi, comportarsi e fare sesso con gli uomini come una donna, indipendentemente dal fatto cche sia omosessuale o eterosessuale. Dunque possiamo affermare anche che D alc lcuni comportamenti sessuali sono di sicu curo dettati dalla natura, altri invece nvece da fatto tori cultturali”. Anch che in natura pos possono esistere cas asi di omos osessualità tàà coatta? “I gorilla adol ado dolescenti olesc passaano no tutto il tem tempo empo in gruppi format forma mati ati solo da masch chi hi e il 20% di loro oro o ha rapportii o omosessuali, ua , mentrree da adulti i rapporti rtii o om omosess mosess moses essuali ssuali scendono scendon al 2% 2%.. E’ un po’ il cas caso dei car carcerati, ca arcerati, in un n certo sen senso. sens Mentre Ment ntre per le esem esemplari m ari femmine f mmin mine lee cose cco stanno stan o div diversamente: dive ame men e: in quelle qu adolesc scccenti e i i rapporti ra orti omoses mo osessuali uali aarrivano ua rriv al 12%, 12 2% ma ma a differenza d ffer a dei de maschi m schi, chi ch l’in l’incidenza enz di questi qu i rapporti r ort daa adulte ulte non on scende sc c e dii molto, m o, e

raggiunge ungee un 9%.” Insomma le femmine dei gorilla se la spasssano di più degli esemplari maschi quasi totalmen nte eterosessuali! E come a confermare questa t mia idea, Charlotte presto aggiunge: “I rapp porti omosessuali tra i maschi gorilla durano solo qualche secondo, quelli tra le femmine fino a 9 minuti.” Ma torniamo all’ermafroditismo... “Gli animali ermafroditi più famosi sono sicuramente le lumache che producono da sé sia le uova che lo sperma. I loro rapporti sessuali sono molto lunghi perché tutti vogliono inseminare l’altro ma nessuno vuole essere inseminato, e allora passano anche un’ora a respingere uno il pene dell’altro.” Pazze! – non posso imperdirmi dal pensare... a questo punto le chiedo delle coppie animali gay più famose al mondo, ovvero la coppia di pinguini maschi che in Germania ha suscitato suscit sc qualche scandalo poiché si era messa in testa sta di avere pure un piccolo, e la coppia di cigni nerii d dii Londra che stanno insieme da 5 anni. “Gli uccelli so sono on per lo più monogami, mon per cui una volta che scelgo scelgono on il loro o partner, p non lo cambiano più. Inoltre llaa maggior parte degli uccelli (e anche che i pin pinguini ing nguini lo sono) non ha il pene, perr cui pe p cu non esiste una sensibile se differenza d diffe dif erenza fisica.”” Ma tuttavia tut è iin indubbio ndu che queste coppiee aabbiano ab bbia b b bi no scelto elto un esemplare esempla dello ello llo stesso stessso s o sesso se s o a differenza di quanto qua to accade dee nella n la maggior magg m mag parte delle

in naatura non ha solo a che fare con il compo ortamento sesssuale, ma anche con il concetto to di fam miglia, col preendersi cura l’un l’altro e dei de proprio o piccoli.” Piacevo olmente sto tordito da tutte queste ste notizie, notizie i chiedo perché m mai a noi poveri mortali rtali vengano sempree ripetute ute le solite panzane della lla femmina che va in caalore ore e del maschio pronto a inseminarla. i “Per esseere dei buoni biologi bisogna isogna innanzitutto imparaare a osservare, lasciando ndo a casa le proprie opinion ni su cosa sia la sessualità, ualità, su cosa sia gay e cosa ssia et etero, su cosa siaa normale e cosa no.” E forse ssemplic icemente non n ostinandosi a dare un senso a qualcos osa come laa sessualità che, mi sembra di capiire, una norma no fissa fissa e uguale per tutti non ce l’h ha, nemmen meno in natura. “Esattamente! Ma m molte persone ne preferiscono non vedere. vedere Basterrebbe andare in n ccampagna e osservare cosa cos fanno o le mucche e le cap capre, apre, per essere testimon testimoni di atte teggiamenti omosessuali mosessuali uali in natura. E volend volendo restar are in città, è sufficientee o osservare i cani ni iin un p parco, ma i loro padroni, davan davanti vanti al loro can cane che si fa montare are da un altro maschio, io, di solito ssi affre rettano a dire ire che ‘Billy sta giocando’!” nd ” Il p poter potere dell lla rimozione, one, direbbe Freud!

Per er finir finire chiedo ch a Charlotte harlotte quali qual uali ali sono sson so gli animali mali gay ospitat ospitati dallo zoo, zoo, e anche in n questo quest qu que uee u caso ne scopro delle d le belle. “Abbiamo “Abbia delle d giraffe. raf affe. ffe fe Allo A stato sta selvaggio gg il 95% 9 dei rapporti rap sessuali suali osservati osser erv è tra soli maschi. Abbiamo Abbiam dei leoni, oni, che nel n 8% 8 dei casi, e sempre allo stato s ato selvaggio, selvagg o, fanno sesso sesssso esclusivamente con altri ltri maschi. asc Lo L stesso vale vale per le leonesse. Dei gorilla lla abbiamo abb già parlato. la o. Abbiamo anche molti casi di oche o gay g o lesbiche ch che stanno insieme tutta ta la vita. Per P r non parlare parla e del cigno nero australiano: la mortalità alità dei cuccioli cucciol cu u nelle coppie eterosessuali di questa ta specie specie è del de 70%, mentre nelle coppie omosessuali uali lii è solo oll del o de 20%, poiché ci sono due maschi pronti ti a difendere difend re i piccoli. E questo esempio dimostra anche che la questione omosessuale

ARTIS ZOO, Amsterdam / www.artis.nl Per informazioni e per prenotare il Gayded Tour (disponibile anche in inglese) contattare: rondleidingen@artis.nl

CASSERO / Novembre Dicembre 07

9

9


PAOLA CHIARA

SI SCONTRANO CON LE CASSERO’S ANGELS

Cari lettori, i mali di stagione hanno colpito anche le vostre adorate Casser A CasseroÊs Angels e la prima a cadere sotto i colpi micidiali affreddo ddore è stata la filiforme Celine Dior. I danni del raffreddore sembr di quello che sembrava una banale influenza sono ormai evident sulla evidenti s no am che da una settimana gira per nostraa amica on la parrucca parru rucca calata sugli occhi (colpa dei continui casa con sta sstarnu starnut starnuti) tarn tarnuti) implorandoci imp ndocici di spacciarle s acciarl lÊennesima bustina di spac Fluimi Fluimicil uimicil. imicil. icil. cil.l. Ormai Orm O mai è nel ne tunnel! el! Io e Brenda intanto, con la Fluimicil. solita sensibilit nsibilità ibilità ilitàà che c cic contraddistingue, ccontradd cont ngue, stiamo st sensibilità pensando seri eriam riamente se mettere metter ettere teree fine finee alla a sua esistenza esis a staccandole stac seriamente la spin pina del el Silkepil. Silke SSilkepi Silkepil ilkepil. kepil. epi p Povera Po a bestia, best bestia stia, quanto qua soffre! Ma M la vita spina cco ontinua, e non possiamo ossiamo ssia siamo iamo mo certo cce dimenticare dimen dimenti imentic enticare are re i mille mi m e impegni impeg continua, m mondani che due dive d come mee nnoi oii hanno hha hann in questo qu que too periodo. peri perio B daa infatti sta telefonando Brenda telefon alla lla laa Conad Co Conad Con add di d via v Mazzini Mazz Mazzin azzini per c unicare comunicare care are che per p lÊinaugu lÊinaugurazione nee del d reparto re rrepa rep epaarto eparto to surgelati surge s gelati elati ati s emo soltanto saremo oltanto noi n due. Problema Pr a risolto: ris rriso ri oltto: o: ora oraa manca m ma so daa decidere che solo ch spetta spettacolo prop oppor opo oporre porre po rrree per rre pe p questo que quest questo sto tto proporre pprestigioso pr pre re gioso evento restigioso evento. Ci guardiamo guardi pens sos so sose o e per ose per circaa 7 pensose m innuti, u poi oi finalmente un lampo lamp scuote la la paresi par pares aresi reesi res resi si facciale fa ffacc fac facci faccia accia minuti, d Brenda: di Brreenda: enda: ndd „Divine, vine, ma siamo siam una bionda bion onndaa e una u a mora! m moora! mora a!! PPotremmo Po reem mmo mm mo fare ffa far aarree Paola are P Stiam am amo moo già g à provando pro prov prova rovan ovando vand ndo do e Chiara!‰ Stiamo oreeog eoogrraafie afifie fifiee di d „Festival‰ „„Fe FFeestiv Fes esstiva esti est sttivvvalll‰‰ quando qu qquand qua uand andoo leggiamo leg leegg legg ggiam giamo iamo moo laa lee coreografie nnotizia otiz ot ti a che ch chee sta staa per st pe perr uus scir cire iree ili lor lo oro roo nnuo nuovo nuovo voo album al albu lbum bum e uscire loro album, no stitia iam am moo allÊ al a lÊid Êid ide dea eaa ddi scop ssc sco copr opri prire rire ire re qualc qqua qu ualch ualche lche pezzo pezz peezzo zo nonn rresistiamo allÊidea scoprire qualche uovo per la asscia asc ciar aree a boc bo bbocca occa cca caa aape pert perta ertaa tutt tut tu utti ttiti i clclie cclienti liennti lient nuovo lasciare aperta tutti n d d così osìì decidiamo ddeecid cidi idia dia iam moo di di chiamarle ch cchiam iam ama marrlee per ppeer er Conad ir tuttoo su s que qu ues est sta ta loro lorroo nuo nnuova uov uova ova farcici di dire questa en ura u discografica! graf afificaa!! afic avventura

Allora care, avete abbandonato le spiagge assolate, le location trendy, i bonazzi a torso nudo (ahinoi) dei successi passati. La location del vostro nuovo video è molto più intimista: la scogliera, voi in versione “Compagnia dell’anello”, pioggia, sabbia nera, mare agitato.. rispecchia quello che serve per “Cambiare Pagina”? “E’ che ci serviva una sorta di limbo, un non-luogo realmente esistente ma che non fosse riconducibile a nulla. Abbiamo subito pensato all’Islanda: una terra magnifica, lunare, al di fuori di qualsiasi pensiero possibile con quei deserti neri che vanno avanti per chilometri e chilometri, e avete ragione: davvero ricorda un po’ la Compagnia dell’Anello” Ed è il brano di lancio di “Win the game” l’album che arriva dopo 10 anni da “Amici come prima”… “E’ un disco quasi completamente in inglese. Ci sono olo due du pezzi in italiano. Dire che è un disco dance solo è fu iante c’è elettronica, new wave, un sacco di fuorviante: o os ti: Ron Trent, Tre ospiti: Tommy Vee, Ricky Montanari, onus nus track, sorprese..” bonus Anche An A Anch Anc che nei ei v vostri ultimi due singoli ci sono un ssacco sac sa acco acc co o di d versioni: rs dalla club alla bossanova. o fa fate ate per ate pe p Lo raggiungere più persone o per sp men ment menta enta ntare ntare are? e? sperimentare? “In In n qu q questi ultimi ultim ltimi mii anni an aann ci siamo molto appassionate musi music mus usica club. usic b. D’altronde b. D’al D D’a ’altr alla musica i dj sono i nuovi grandi p ori dei d i 2000. 0. Già G da “Vamos a bailar” abbiamo produttori co com me mesc esc esc es cominciato a mescolare il pop con l’ambiente disco. Ora abb bbia bbi biam iam virato sull ll’l’ele ll’el ll’e abbiamo sull’elettronica, sui suoni più sofisticati, cllub clu club lub ub. b.”” b più club.” Chiara C Ch hia ha in inciso un singolo da sola “Nothing att A All” Paola ha “Alone” nel suo MySpace... All”, irre per fare come le boyband, che prima si Finirete dividono e poi si rimettono insieme? “No, no, Paola & Chiara non si sciolgono, cioè dovrebbe proprio succedere che litighiamo di brutto” Sì, ma tanto vi toccherebbe vedervi comunque ad ogni pranzo di Natale… “Infatti, non si scapperebbe comunque. Diciamo che consideriamo Paola & Chiara un progetto aperto: siamo autrici, cantanti, e ora anche produttrici e discografiche di noi stesse visto che con grande sforzo abbiamo aperto la nostra etichetta. Ci piace anche l’idea di sperimentare singolarmente, ma non la consideriamo una carriera. Sarebbe limitante definirla così...”

10

Non è che volete finire come la Carrà che alla sua età è ancora sul palcoscenico… “No, non ci entusiasma l’idea di

invecchiare sulla scena, anche se nella vita mai dire mai, ma ci vorremmo stare solo fino a quando potremo permettercelo.. Vorremmo dedicarci anche ad altri progetti tipo produrre altri artisti, ma si parla di un periodo molto molto lontano” Cioè quello in cui i reggiseno con ferretto non serviranno a sostenere più nulla… “Si quando diventeranno inutili pure quelli allora saremo pronte..” La ricetta del vostro successo pare sia nel gioco del rinnovamento, del cambiare continuamente… “Beh, all’estero è una cosa normale, qua in Italia si sa

CASSERO / Novembre Dicembre 07


come funziona. All’inizio è stato molto difficile far capire alle persone che ci piace cambiare, ora è diventato un gioco. La gente se lo aspetta: vedere come saranno le nuove Paola & Chiara” Ma non era più facile farsi scrivere qualcosa da Gigi D’Alessio? “Devo rispondere?” Però, dai, da Paola & Chiara ci si aspetta sempre che si spoglino. Non per niente la vostra foto più famosa vi vede nude seno contro seno. In quel periodo sembravate un po’ le T.A.T.U. italiane. Era perché vi piaceva dare questa immagine un po’ lesbo-chic oppure semplicemente vi volevate più bene? “Diciamo che ce la siamo tirata un po’ addosso, voluta. C’era voglia di ribellione, di scuotere le coscienze, di lanciare un messaggio e una voglia di riflettere e comunicare che andasse oltre il singolo pezzo. E, tesore, noi siamo arrivate ben prima delle TATU..” Dai, diciamolo che era una strategia suggerita dalla casa

A proposito di “strategie commerciali” anche l’essere state vicine alla comunità gay so che quest’estate vi ha causato qualche problema in Puglia… “Eravamo state contattate per andare a fare una serata a Mesagne, in provincia di Brindisi. Noi avevamo dato la nostra disponibilità, poi non abbiamo più saputo niente. Settimane dopo su MySpace hanno cominciato ad arrivare messaggi di fan che ci chiedevano se era vero che il concerto era stato annullato a causa del nostro sostegno alla comunità gay. Siamo cadute dalle nuvole promettendo che ci saremmo informate. Ho chiesto all’organizzazione ma non mi hanno risposto. Ma quando siamo tornate in Puglia a fare una data in una radio, un fan ci ha consegnato un plico contente tutti gli articoli dei giornali che parlavano di questa vicenda. Praticamente a nostra insaputa il parroco e il sindaco avevano annullato perché, avevano dichiarato, “le ragazze hanno aderito al Gay Pride e sono a favore della comunità gay. E quindi questa cosa è inaccettabile per una comunità come Mesagne, perché loro sono seguite da pullman di Arcigay”: una frase che ci ha fatto molto ridere, chissà nel loro linguaggio cosa volevano dire… Ma sì te lo spiego io... vuol dire che siete seguite dai gay più gay che ci sono.. “Sì i superfinocchi all’ennesima potenza. Comunque alla fine hanno chiamato Silvia Salemi, ma la polemica è montata e devo dire che molti giornali si sono schierati dalla nostra parte dicendo che era un’indecenza che una cosa così potesse succedere nel 2007” Sentite una curiosità: mi dichiarate la vostra vera altezza? “Quella vera non la sappiamo nemmeno noi, perché ormai siamo confuse dalle piccole bugie che abbiamo raccontato rubando centimetri a destra e a manca” Ma Paola, tu sei sempre stata più alta o ti sei sviluppata dopo? “No, mi sono fatta tirare…” Infatti, il primo Sanremo eravate alte uguali.. “Non alte uguali mai: è che ci piegavamo facendo quella mossa un po’ rock. Comunque anche se c’è una di noi che ha qualche centimetro in più non starei a sottilizzare perché è veramente una guerra da poco”.

discografica... “Ma guarda che in realtà alla fine “Kamasutra” è stato il progetto che forse più ci ha tagliato le gambe.. L’Italia si sa è un paese tradizionalista, un po’ bigotto, dove sei vista come la sorellina ideale e quindi con quel video censurato praticamente ovunque abbiamo destabilizzato le coscienze dei benpensanti” Fino a “Kamasutra” eravate due lolite acqua e sapone… “Ci dicevano che eravamo studiate a tavolino dalla Sony. E invece uno dei più grandi pregi di quel periodo fu che la casa discografica ci fece esprimere come volevamo: credevano molto all’album e quando siamo andate al Festival ci hanno detto: andate sul palco e siate voi stesse. E noi eravamo due leonesse che abbiamo trasformato la voglia di vincere con noi stesse in una vittoria a Sanremo.”

CASSERO / Novembre Dicembre 07

Parliamo piuttosto di sesso: si sanno le voci che girano sull’ambiente dello spettacolo, quindi diciamolo francamente: una cosa a 3, quante volte ve l’hanno proposta? Cioè le sorelle Iezzi vanno via come il pane o no? “Ma dici proposta esplicita? Vis a Vis? Beh, qualche allusione c’è stata.. sì però per farlo ne dovrebbe valere veramente la pena..” Insomma ragazze, i direttori ci hanno minacciate che se non gli portiamo almeno uno scoop ci scordiamo gli elastici per capelli delle Winx che ci hanno promesso come paga per l’articolo... vediamo: il nome di un amante famoso! “Ma dai ragazzi.. qualcuno c’è stato.. ma non si può… possiamo solo dirvi che Chiara ne ha avuti molti di più, ma non possiamo fare nomi” Ma guardate che perfino le gemelle Kessler hanno rivelato in tv di essersi fatte Burt Lancaster. “Ma insieme?” Non se lo ricordano... l’hanno dichiarato ora dopo 50 anni quindi sono poco attendibili..

per quello dovete farlo ora altrimenti quando sarete rincoglionite non vi crederà più nessuno.. “No dai su, non si può dire.. non ce la sentiamo..” Se noi fossimo stati Signorini e la Toffanin però ce l’avresti detto.. “No no: a Signorini mai” Volete dire che alla Toffanin sì? “No, nemmeno a lei..” Va be’, proviamo con un altro scoop: avete avuto una parentesi come coriste degli 883 che vi lega a Max Pezzali. Credete che questa vicinanza vi porterà a ingrassare a dismisura come ha fatto lui? “Guarda che lui adesso è dimagrito e voi siete veramente cattive..” E prima di Max cosa facevate? “Molte serate con le band dell’epoca, andavamo un po’ dove ci volevano, pensate che abbiamo perfino fatto Castrocaro” Ma nell’anno della Pausini? Perché tirano fuori sempre la Pausini quando parlano di Castrocaro.. “No, abbiamo portato “Il tempo di morire” di Battisti rifatta in chiave reggae. Eravamo tantissimi.. una band tipo Casino Royale. Io suonavo il basso. Hanno fatto bene ad eliminarci perché era terribile.” Voi conoscete le Drag Queen e di conseguenza le Drag King, cioè le donne che si travestono da uomini.. in questo caso voi chi interpretereste? Noi pensavamo che sareste perfette come “Cugini di Campagna” “No, tesoro, direi di no…piuttosto che ne so.. John Holmes... va bene John Holmes?” Ma ci metti del tuo o ti servono degli aiuti? “Un po’ di accessori, magari..” Grazie care, per vostra grande gioia abbiamo finito… “Oh ragazze fate i riti Voodoo per l’uscita del disco…” Guarda, per Natale lo regaleremo a tutti, dalle mamme alle nonne! Basta pantofole! “Si va bene per tutte le età. Mia nonna che va sempre a ballare è impazzita…” Ma non è un po’ di parte tua nonna? “No, è sempre molto critica… ma le piace ballare…” Quindi con “Festival” sarà andata giù di testa… “Ah sì, poi vedeva tutti i ballerini… basta non diciamo altro sennò ci uccide se sa che parliamo di lei..” Infatti non parliamo della nonna… piuttosto dell’amante famoso, che noi sappiamo essere… “Non lo diciamo!!! Piuttosto ci salutate la Favolina e le chiedete quando torniamo al Manumission di Ibiza assieme?”

11


ABSOLUTELY GIORGIA SOPHIA LOREN A lei il premio alla carriera come miglior donatrice ambulante di organi: il solito cespuglione posticcio di capelli cotonatissimi dal solito colore improbabile, il solito mezzo metro di ciglia finte da arancia meccanica, il solito vestitone nero luccicoso con la solita horror scollatura sulla pellaccia lampadata cascante, quel solito rabbrividente occhieggiare delle tettozze rifatte di plasticaccia dura appropriate come può esserlo una pitturata di rossetto sulle labbra screpolate di una mummia. Smetta di soffrire al più presto, abbattetela.

12

Cito da Vanity Fair. Domanda: “Il suo ex manager dice che se fosse stata più umile avrebbe potuto diventare una delle più famose cantanti al mondo. Ha ragione?” Risposta della signorina Giorgia Todrani: “Io sono un’artista, lui un manager. Per lui contano solo i soldi, per me quello che faccio e come lo faccio.” Analizziamo quindi il suo ultimo singolo: appena ho ascoltato “Parlo con te”, già sentivo quelli che avrebbero detto quanto è bello e quanto è brava. Invece madonna mia che palle, questo basso profilo fatto di nulla è noiosissimo, colpa di questo nuovo corso con nuovi manager e nuovi autori raffazzonati tipo il fidanzato della Gerini che manco mi ricordo come si chiama ma deve essere quello dei TiroMancino. Non-melodie, testi neutri atti alle proiezioni sbagliate di nonscopate. Adolescenti che ascoltano questa musica leggendo Moccia invece di provare un cazzo vero. Lei c’è cascata in pieno, cantasse le canzoni pop instead.

CASSERO / Novembre Dicembre 07


HILTON L’anno sta giungendo inesorabilmente al termine e così anche il senso di questa rubrica. D’altronde le mode passano più veloci di quel vento freddo che ci costringe a ritirare fuori dall’armadio i nostri maglioncini sempre più attillati e sempre più infeltriti. Da gennaio Absolutely Hilton cambierà faccia e sarete voi e la vostra stupidità a riempire queste pagine. Avete inutili consigli che potrebbero sollazzare il popolo gay,

IL NULLA CON IL VENTO IN POPPA di Matty P.

lesbico, bisessuale e trans? Volete sfogare la vostra voglia di diventare le Maria Giovanna Maglie o Barbara Palombelli del nuovo millennio? Scriveteci entro il 10 dicembre a magazine@cassero.it Se il nostro stomaco reggerà, da gennaio sarete sul CasseroMagazine, nel frattempo chiudiamo il 2007 con i dovuti trash-bilanci: il peggio di quello che abbiamo visto ravanando su blog, web, e lettere di amiche…

BRITNEY Perenne fonte di ispirazione per la nostra rubrica… questa volta vorrei focalizzarmi sulle dichiarazioni di Bill Donohue, presidente della Catholic League di New York (un’associazione per la difesa dei diritti dei cattolici che spesso scaglia anatemi e grani di rosario contro film, programmi televisivi, canzoni e quant’altro sia ritenuto lesivo dell’immagine del “buon cattolico”), il quale definisce l’artwork del nuovo disco-ciofeca di Britney “il fondo del barile”. In una foto del booklet, infatti, la bolsa cantante di “Gimme More” tenta di sedurre un prete in confessionale. C’è da dire anche che mai come in quel momento il ministro della Chiesa sembra voler rinnovare il proprio voto di castità dopo averla vista in quelle condizioni.

CASSERO / Novembre Dicembre 07

SEPARATI ALLA NASCITA In alto a destra: Loredana Bertè In alto a sinistra: l’inutile cantante dei Tokio Hotel: Bill Kaulitz. Da un fan su “Yahoo Answer” viene definito: “Maschio anke se molti insistono che sia trans o gay. Ma nn lo è. Ha un suo stile personale e gli piace truccarsi, mettersi lo smalto e tenere i capelli lunghi. Tutto qui”

13


PROGRAMMA

12

NOVEMBREMERCOLEDI

13

LUNEDI’

<*'A#&*m%#//,)'F*2

0122144

N;N FATE LE IGN;RANTI

01 23144 SE7PRE APERT; TEATR; Le nostre riunioni di circolo

Il cineclu( del marted\

ArciLes(ica Bologna

Due ragazze innamorate, +* M#)*# M#<<,&2* LU/# RSScN

15

16

18

VENERDI

Q H2 settimaneS

GAJPATCL Secondo episodio

uno show con MATTY P, LADY P, MINERVA LOWENTHAL, ANNIE 80, BERTHA BLACK # /,<"*), /'"&+/ G[ DIlR ADDI?^ ),<*# +*Y ]^Rl\9 /2#@@ %),#2*'& G[Y L#?LAUDI\A

HIGH QWALITY HOUSE presenta: PERSONA RECORDS SHOWCASE $*&, "3Y UW] +p D,,3A$/' L$*A,N ]2,Q#)2 r#$f,) L$*A,N ^'"#&, L$*A,N FIRST FLOOR: # %")# +*Y L# :'"2*D", +,$$4W)'/ 9#[s].'3 A*/"#$ G[ ALIA] Vt $*<.2/ G[ MI?q

01 34144

Progetto Scuola COME AFFRONTARE UNÊASSEMBLEA SCOLASTICA L#G')#2')*' +* @')1#5*'&, &#5*'&#$, I&@'Y /%"'$#m%#//,)'F*2

DOMENICA

01 3M144

LIBERA7ENTE Gruppo di incontro, confronto e sperimentazione

Corpo a corpo ! Relazione fisica e sessualità

21

19

STASERA CWX ANDREA Incontro del Gruppo Giovani

ABS;LFTELJ KFEER DISC; NIGLT 02:00 >>> PRIDE LOTTERY SHOW commercial sounds :RW\DA :RlADrAh L$*A,N L6_Y77 s 76Y_7N oA:LW +p W]^RAgIl\W DWI bRWMI L76Y_7 s 7iY_7N oIA\DRIX +p ingresso 3 euro (con tagliando di partecipazione alla PRIDE LOTTERY) 1 euro di questa sottoscrizione verrà destinato al finanziamento di un film $*<.2/ n A*+,' G[ DAMIA\l documentario di Gabriella Romano (maggiori info su materiali in distribuzione in serata)

ingresso 10 euro intero / 5 euro ridotto liste: 335 – 5382848 MATTY oppure www.cassero.it/list

0122144

Il cineclu( del marted\

01 23144 SE7PRE APERT; TEATR; Le nostre riunioni di circolo

01 24144

SABATO

N;N FATE LE IGN;RANTI

ArciLes(ica Bologna

MERCOLEDI

SPECIALE B;L;GNA PRIDE244M bRIDW ]bWW?Z

17 20

MARTEDI

LUNEDI’

start 0 2HI44

14

C;FNTD;PN B;L;GNA PRIDE 244M

open 0 2HI44 start 0 2O144

ingresso 3 euro (nuovi tesserati ingresso omaggio)

01 22144 P;RZ IN PR;GRESS

start 0 2HI44

ABS;LFTELJ KFEER DISC; NIGLT SPECIALE B;L;GNAPRIDE244M commercial sounds (23:00 - 02:30) ?A]Z n oWRRh +p (02:30 - 04:30) LI^^LW oLUooh LUqW +p $*<.2/ n A*+,' G[ DAMIA\l 02:00 >>> PRIDE LOTTERY SHOW PRIDE SPEECH ingresso 3 euro (con tagliando di 9AhrA^?Z ?RWr L$*A,N partecipazione alla PRIDE LOTTERY) W]^RAgIl\W DWI bRWMI

01 3?144 INC;NTR; ECTRA;RDINARI; GRFPP; GI;VANI

ArciLes(ica Bologna

GIOVEDI

14

MARTEDI

Mezzanotte nel giardino del bene e del male, +* ?$*&2 W#/2Q''+ LU/# RSSMN

22 GIOVEDI ArciLes(ica Bologna 01 22144 P;RZ IN PR;GRESS

CASSERO / Novembre Dicembre 07


24 SABATO 01 3^1H4

Il Cerc0io Stimoli e condivisione di esperienze sullWidentità ga` e les(ica

start 0 2HI44

ABS;LFTELJ KFEER DISC; NIGLT SPECIALE B;L;GNAPRIDE244M

MARTEDI

0122144

N;N FATE LE IGN;RANTI Il cineclu( del marted\

Aka - Le bugie sono desideri, +* D"&%#& R'[ L9: 6776N

1

commercial sounds (23:00 - 02:30) ^RA]Z ?lU^URW +p (02:30 - 04:30) LI^^LW oLUooh LUqW +p $*<.2/ n A*+,' G[ DAMIA\l 02:00 >>> bRIDW Ll^^WRh ]Zlr bRIDW ]bWW?Z MAXXLLN Lq[$*, 2)*G"2, $*A,N ESTRAZIONE DEI PREMI *&<),//' _ ,")' L%'& 2#<$*#&+' +* 3#)2,%*3#5*'&, #$$# bRIDW Ll^^WRhN

28

MERCOLEDI

specialea GIORNATA MONDIALE PER LA LOTTA CONTRO LÊAIDS 0 2HI44 bRlIWgIl\W DWLLl ]bW^^A?lLl ^ZW I^ALIA\ MI]] AL^WR\A^IVW 677M non serve farsi prete per mettersi una gonna L77Y_7 s 76Y_7N oRl9vW^^W +p L76Y_7 s 7cY_7N ^AMA ]UMl +p w:,)<.#*&xb#&')#1#G#)0:,)$*&y A*/"#$ G[ ]^Rl\9 Ap $*<.2/ G[ MIqh

2

4

MARTEDI 0122144

N;N FATE LE IGN;RANTI Il cineclu( del marted\

Jeffrey, +* ?.)*/2'3.,) A/.$,[ LU/# RSScN

5

LUNEDI’

26 29 GIOVEDI

ArciLes(ica Bologna 01 22144 P;RZ IN PR;GRESS

DOMENICA 01 3M144

LIBERA7ENTE Gruppo di incontro, confronto e sperimentazione

 sempre un piacere ! LÊHIV e le altre malattie a trasmissione sessuale

ingresso 10 euro intero / 5 euro ridotto liste: 335 – 5382848 MATTY oppure www.cassero.it/list

01 23144 SE7PRE APERT; TEATR; Le nostre riunioni di circolo

PROG DICEMBRE DICEMBRE

SABATO C;FNTD;PN B;L;GNA PRIDE 244M ]Q H4 settimaneS LIGL KPALITJ L;FSE

ArciLes(ica Bologna

]Q H3 settimaneS

HIGH QWALITY HOUSE the best techno music night in town L6_Y77 s 76Y_7N LI\Ug Dt L76Y_7 s 7iY77N UW] Dt L7iY77 s 7cY_7N oRl9vW^^W Dt ZAbbh :IR^ZDAh UW] A*/"#$ G[ ]^Rl\9 $*<.2/ G[ MIqh ingresso 10 euro intero / 5 euro ridotto liste: 335 – 5382848 MATTY oppure www.cassero.it/list

IL COMING OUT IN FAMIGLIA I/%)*5*'&*Y G,&,//,),m%#//,)'F*2

27

C;FNTD;PN B;L;GNA PRIDE 244M

ArciLes(ica Bologna

3

MERCOLEDI 01 24144

STASERA CWX ANDREA Incontro del Gruppo Giovani start 0 2HI44

ABS;LFTELJ KFEER DISC; NIGLT

42I44 zzz PRIDE LOTTERY SHOW

SPECIALE B;L;GNAPRIDE244M bRIDW ]bWW?Z

commercial sounds LAL{ M%?ALLA\ L$*A,N L6_Y77 s 76Y_7N ?A]ZnoWRRh +p W]^RAgIl\W DWI bRWMI L76Y_7 s 7iY_7N rArA]ZI DWWtAh +p ingresso 3 euro $*<.2/ n A*+,' G[ DAMIA\l (con tagliando di partecipazione alla PRIDE LOTTERY)

01 23144 SE7PRE APERT; TEATR; Le nostre riunioni di circolo

LUNEDI’

6

GIOVEDI ArciLes(ica Bologna

01 22144 P;RZ IN PR;GRESS

Dove non specificato l’ingresso è gratuito CASSERO / Novembre Dicembre 07

15


GRAMMA DICEMBRE

7

VENERDI FEED TLE BEARS raduno mensile orsi e cacciatori

ingresso 10 euro intero 5 euro ridotto liste: 335 – 5382848 MATTY oppure www.cassero.it/list

speciale prefestivo *& %'&/'$$,Y ?l!4l4\Ug Dt | Dstlh ^RA]Z ?lU^URW Dt 9LAMlUR:Rlr\ Dt A*/"#$ G[ w!y $*<.2/ G[ D#1*#&' )*%%' G"@@,2 *& /#$#

MARTEDI 0122144

11

SABATO LIGL KPALITJ L;FSE

8

immaculate techno $*&, "3Y L6_Y77 s 76Y77N rArA]ZI DWWtAh L76Y77 s 7_Y_7N ALW]]A\DRl :lLl9\W]W Dt L7_Y_7 s 7cY_7N MA^^ZW Dt A*/"#$ /,2 G[ ALIA] Vt $*<.2/ G[ MI?qh

C.R.A.Z.Y., +* t,#&sM#)% V#$$}, L?D\ 677cNRSScN

MERCOLEDI’

C;FNTD;PN B;L;GNA PRIDE 244M ]Q 2M settimaneS ACCETTAZIONE, OMOFOBIA E BULLISMO A SCUOLA LIGL KPALITJ L;FSE

notte latinoamericana

/%"'$# s /3,22#%'$* s G#$$* #&*1#5*'&, s <*'%.* dance latina commercial and techno latino /3,%*#$ <",/2 +p $#2*&' RULl A'%#$/ A\DRIX n @)*,&+/ A\IMAgIl\W $*<.2/ G[ DAMIA\l $#2*&' A*/"#$ $''3

I/%)*5*'&*Y G,&,//,),m%#//,)'F*2 in consolle L6_Y77 s 7RY_7N :WbbW LlDA +p L7RY_7 s 7_Y_7N Iso +p L7_Y_7 s 7cY_7N bWAq \I?q +p A*/"#$ /,2 G[ ALIA] Vt $*<.2/ G[ MIqh

SABATO

ingresso 3 euro (nuovi tesserati ingresso omaggio)

Gruppo di incontro, confronto e sperimentazione

Natale in famiglia ! Coming out, accettazione e visibilità

16 0 24I44

*$ ?#//,)' 3),/,&2#Y

APERITIV; TRA A7IZE inizio spettacolo ore 23144

G"@@,2 .'/2,+ G[ LAMA\U %.*$$ '"2 1"/*% /,$,%2*'& G[ MA^^h b +p ingresso 5 euro

16

01 22144 P;RZ IN PR;GRESS

Stimoli e condivisione di esperienze sullWidentità ga` e les(ica

LATIN;R;SA

LIBERA7ENTE

ArciLes(ica Bologna

Il Cerc0io

start 0 2HI44

01 3M144

12

13

01 3^1H4

VENERDI

DOMENICA

Le nostre riunioni di circolo

<*'A#&*m%#//,)'F*2

ingresso 3 euro (con tagliando di partecipazione alla PRIDE LOTTERY)

14

01 23144 SE7PRE APERT; TEATR;

01 3?144 INC;NTR; ECTRA;RDINARI; GRFPP; GI;VANI

commercial sounds L6_Y77 s 76Y_7N RU99WRl +p L76Y_7 s 7iY_7N blbbW\ +p $*<.2/ n A*+,' G[ DAMIA\l 02:00 >>> PRIDE LOTTERY SHOW bRIDW ]bWW?Z LA^I\lRl]A ]Zlr^IMW L$*A,N W]^RAgIl\W DWI bRWMI

Il cineclu( del marted\

ArciLes(ica Bologna

GIOVEDI

SPECIALE B;L;GNAPRIDE244M

LUNEDI

Biblioteca Vivente per i Diritti Umani 2"22*+*A,)/*2"22*"<"#$*G'$'<&#m<1#*$F%'1 2"22*+*A,)/*2"22*"<"#$*G'$'<&#FG$'</3'2F%'1

ingresso 10 euro intero / 5 euro ridotto liste: 335 – 5382848 MATTY oppure www.cassero.it/list

ABS;LFTELJ KFEER DISC; NIGLT

N;N FATE LE IGN;RANTI

10

C;FNTD;PN B;L;GNA PRIDE 244M ]Q 29 settimaneS

start 0 2HI44

15

ArciLes(ica Bologna 01 23144 SE7PRE APERT; TEATR;

Le nostre riunioni di circolo

LUNEDI

17

ingresso 10 euro intero / 5 euro ridotto liste: 335 – 5382848 MATTY oppure www.cassero.it/list

MARTEDI

18 0122144

N;N FATE LE IGN;RANTI Il cineclu( del marted\

La mia vita in rosa, +* A$#*& :,)$*&,) L: RSSjN

CASSERO / Novembre Dicembre 07


19

MERCOLEDI 01 24144

STASERA CWX ANDREA Incontro del Gruppo Giovani

start 0 2HI44

ABS;LFTELJ KFEER DISC; NIGLT

02:00 >>> PRIDE LOTTERY SHOW

SPECIALE B;L;GNAPRIDE244M PRIDE SPEECH

commercial sounds L6_Y77 s 76Y_7N oIA\DRIX +p L76Y_7 s 7iY_7N LI^^LW oLUooh LUqW +p $*<.2/ n A*+,' G[ DAMIA\l

22

21

/.'Q2*1, 9AhrA^?Z ?RWr W]^RAgIl\W DWI bRWMI ingresso 3 euro (con tagliando di partecipazione alla PRIDE LOTTERY)

LIGL KPALITJ L;FSE presenta:

L6_Y77 s 76Y_7N Rl9WR +p L76Y_7 s 7iY77N MA^^ZW Dt L7iY77 s 7cY_7N UW] Dt A*/"#$ G[ ]^Rl\9 Ap $*<.2/ G[ MI?qh

start 0 2HI44

SPECIALE B;L;GNA PRIDE244M

commercial sounds L6_Y77 s 76Y_7N ^RA]Z ?lU^URW +p L76Y_7 s 7iY_7N rArA]ZI DWWtAh +p $*<.2/ n A*+,' G[ DAMIA\l 02:00 >>> PRIDE LOTTERY SHOW bRIDW ]bWW?Z MAXXXLLN L$*A,N W]^RAgIl\W DWI bRWMI

ingresso 10 euro intero 5 euro ridotto liste: 335 – 5382848 MATTY oppure www.cassero.it/list

Terzo episodio

uno show con MATTY P, LADY P, MINERVA LOWENTHAL, ANNIE 80, BERTHA BLACK # /,<"*), /'"&+/ G[ oVL\ ),<*# +*Y ]^Rl\9 /2#@@ %),#2*'& G[Y L#?LAUDI\A

25

start 0 2HI44

special CLRIST7AS DISC; PARTJ in consolle 9LAMlUR:Rlr\ Dt ALW]]A\DRl :lLl9\W]W Dt A*/"#$ $''3 &#A*+#+ $*<.2 G[ MI?qh ingresso 5 euro

ABS;LFTELJ KFEER DISC; NIGLT

SABATO

GAJPATCL

MARTEDI

ingresso 10 euro intero / 5 euro ridotto liste: 335 – 5382848 MATTY oppure www.cassero.it/list

29

open 0 2HI44 start 0 2O144

ingresso 3 euro (nuovi tesserati ingresso omaggio)

SABATO C;FNTD;PN B;L;GNA PRIDE 244M ]Q 2d settimaneS

VENERDI

26

ArciLes(ica Bologna 01 22144 P;RZ IN PR;GRESS

ingresso 3 euro (con tagliando di partecipazione alla PRIDE LOTTERY)

LIGL KPALITJ L;FSE

last weekend - last party *& %'&/'$$, L6_Y77 s 7RY_7N ]ALVl Dt L7RY_7 s 7_Y_7N ^l\I\l U\gIb Dt L7_Y_7 s 7cY_7N LI\"g Dt A*/"#$ G[ ]^Rl\9 Vt $*<.2/ G[ :RA\A4

01 22144 P;RZ IN PR;GRESS

27 28

MERCOLEDI

C;FNTD;PN B;L;GNA PRIDE 244M ] Q 2^ settimaneS

ArciLes(ica Bologna

GIOVEDI

VENERDI

LUNEDI

31 ingresso 25 intero / 20 ridotto liste 335 5382848 MATTY oppure www.cassero.it/list

start 0 2HI44

ZEZZAP;DANN;c NEP JEAR EVENT

I& %'&/'$$,Y first floor L77Y_7 s 7_Y_7N ?A]Z n oWRRh L7_Y_7 s 78Y_7N MA^^h b groundfloor L6_Y_7 s 7RY_7N LI^^LW oLUooh LUqW L7RY_7 s 7iY77N rArA]ZI DWWtAh A/ oRl9vW^^W L7iY77 s 7MY77N UFWF]F A/ MA^^ZW

/.'Q2*1, G[ AGG*,22# M%?#$$#& V*)<*$*' Ap n $#/,) /.'Q ]^Rl\9 Ap $*<.2 G[ M*%f[

Dove non specificato l’ingresso è gratuito CASSERO / Novembre Dicembre 07

17


HIGH QWALITY HOUSE SABATO 17 NOVEMBRE SABATO 1 DICEMBRE STEWART WALKER DeepAlso Touane

Confesso di provare sempre un po’ di imbarazzo quando si tratta di scrivere di personaggi del calibro di Stewart Walker. Come fai a spiegare a chi non lo conosce che non stai parlando di un produttore come tanti altri, ma di una pietra miliare della musica techno? Mica è facile. Sei costretto a dover dare spiegazioni, delucidazioni, chiarimenti. Tiri in ballo che questo tizio ha fatto parte della scena di Detroit, che è amico di Jeff Mills e di Richie Hawtin, che ha pubblicato per etichette come la Tresor, la Force Inc, la M_nus, che è il boss della Persona Records. E più scendi nei particolari più ti sembra di mortificare il grande artista di cui stai parlando. E allora che dire? Forse in questi casi l’unica mossa sensata da fare è in realtà la più semplice, quella che riporta tutto al vero quid delle cose, quando si ha a che fare con la musica, e cioè che l’orecchio è fatto per collegare la testa ai piedi. Per cui non rimane altro che ascoltare le prodezze di questo “grande”. Per le chiacchiere c’è sempre tempo. Ad accompagnare Stewart Walker, due dei migliori artisti della Persona Records, due menti nate e cresciute a Bologna, Touane e Deep Also, che hanno trovato in Stewart il perfetto mecenate. Un po’ di sano campanilismo fa sempre bene. A fare gli onori di casa Under Electric Shock dj. f

18

SPECIALE GIORNATA MONDIALE LOTTA AIDS

Da 30 anni il primo dicembre si celebra la giornata mondiale per la lotta contro l’AIDS, durante la quale si cerca di richiamare l’attenzione su un’epidemia che ancora non è stata sconfitta e sulla quale troppo spesso si tace. Eppure, da quel fatidico primo dicembre del 1981, quando ne è stato diagnosticato il primo caso, l’AIDS ha ucciso 25 milioni di persone. Un’ecatombe. Per questa serata speciale, salirà in consolle, con tanto di fiocchetto rosso al petto che verrà regalato anche a tutti gli avventori, Tama Sumo, resident del Berghain di Berlino, ormai di casa anche al Cassero. E per l’inizio serata la speciale proiezione di THE ITALIAN MISS ALTERNATIVE 2007, la manifestazione che da ormai 12 anni con le sue improbabili modelle raccoglie fondi per la LILA.

SABATO 15 DICEMBRE BEPPE LODA, I-F, PEAKNICK

Serata prestigiosa: un vero e proprio evento. In consolle saliranno ben tre generazioni di dj che hanno saputo imporsi per il loro stile personalissimo e avanguardistico. Beppe Loda, classe 1957, è un personaggio quasi mitico: fu il resident dj dal 1980 al 1987 (ovvero dall’apertura alla chiusura) del Typhoon, il locale che, proprio grazie alle intuizioni di Beppe, lanciò uno nuovo stile. Stiamo parlando dell’afro music, che dalla provincia di Brescia, in breve tempo, conquistò tutta la comunità “alternativa” della nostra penisola, ma anche della Germania e dell’Austria. Per renderci conto delle proporzioni del successo della musica che Beppe Loda suonava, basti pensare che il party di chiusura del locale trascinò a Gambara, un piccolo comune di 4.000 abitanti, una folla di 10.000 persone, le quali non potendo entrare nel locale (che ne conteneva al massimo 500) vagarono per un’intera notte per le strade della cittadina presa d’assalto. Dopo la chiusura del locale, Beppe portò i suoi adepti e tutto il suo bagaglio musicale e d’esperienza presso un altro club (in qualche modo concorrente del Typhoon), il Cosmic, dal quale lo stile afro prese poi nome. Ma Beppe ci tiene a precisare che “la cosmic music” non è mai realmente esistita. Questo nome è troppo riduttivo. Quel movimento del quale anche il Cosmic faceva parte era molto più articolato e noi preferivamo usare il termine “afro”. E questo sound a 90 bpm, precursore di tendenze e sperimentazioni, è oggi stato riscoperto grazie ad alcuni dj ed etichette come Mooner (Zombie Nation), la Compost Records, la Gomma Records... e I-F. Ferenc a.k.a. I-F è senza ombra di dubbio il più influente esponente della scena underground olandese. Amante appassionato della Chicago house e dell’acid, ha anticipato il trend electro-clash componendo una pietra miliare come “Space Invaders Are Smoking Grass” per la Clone Records. Ha inciso un album seminale come Fucking Consumer per la Disko B., un’alchimia strabiliante di italo disco, electro e techno. Ha poi fondato la sua etichetta, la Viewlexx, con la quale pubblica oscuri brani di italo, Chicago House e electro. Sempre a lui si deve l’apertura della fortunata webradio CBS. Il suo dj set durante la serata popUP della scorsa stagione è senza dubbio uno dei migliori dj set che abbiamo mai ascoltato al Cassero. Con PeakNick torniamo in Italia. E in particolar modo al Plastic di Milano, locale che vanta 30 anni di storia, di sperimentazione, di provocazioni, di glamour e di rispettata reputazione a livello europeo. PeakNick è stato anche una delle anime delle memorabili serate Notte Vidal presso la vecchia sede del Link di Bologna. Il suo sound è un intricato e raffinato mix di stili musicali, dalla disco alla techno, dalla house alla italodisco.

CASSERO / Novembre Dicembre 07


Non N No o on Fate ate ate le e Igno Ignoranti Ign Ig Ig gno gn nora no ora ant a an nt Il cine cineclub clu del marte club tedì

ore 22.00 00 0 gr groundfloor g gro round / Ingre gresso libero gre

martedì 13 novembre Due ragazze innamorate, di Maria Maggenti (Usa 1995) La diciassettenne Randy lavora a un distributore di benzina e vive con la zia Rebecca, lesbica dichiarata. Un giorno, da una Range Rover scende Evie, afroamericana di ricca famiglia: è amore a prima vista, ma quando la madre di lei le scopre, tra le famiglie scoppia lo scandalo, e Randy ed Evie si rifugiano in un motel. I pregiudizi sessuali si sommano a quelli razziali e di classe, ma Randy non si perde d’animo, e compila una lista di richieste per la processione di mamme, zie e amiche che le asserragliano... Racconto comico e toccante sulle esitazioni e gli entusiasmi del primo amore (non solo lesbico, come tiene a precisare la regista), il film è divenuto un piccolo cult. Maria Maggenti è l’autrice del recente Puccini for Beginners, presentato a Gender Bender 2007.

CASSERO / Novembre Dicembre 07

martedì 20 novembre Mezzanotte nel giardino del bene e del male, di Clint Eastwood (Usa 1997) Un film gay diretto da Clint Eastwood? La cosa può stupire solo chi non ha seguito l’opera di demolizione degli stereotipi del macho che il regista-attore ha perseguito in tanti suoi film, da Sudden Impact a Corda Tesa, nel quale adombrava perfino l’ipotesi di un suo passato omosessuale; ma certo si è superato con Mezzanotte nel giardino del bene e del male, che racconta la storia (vera) del processo a un ricco antiquario per l’uccisione del suo giovane amante, il tutto ambientato nell’eccentrica atmosfera “vodoo” della città di Savannah. Meditazione morale (simboleggiata dalla statua che sigla il film) alleggerita da toni di commedia (l’esilarante drag queen Lady Chablis), il film è notevole anche per il casting, che sceglie Kevin Spacey (attore da sempre bersaglio di gossip sulla sua omosessualità) e un allora poco conosciuto Jude Law (nella parte del “più bel culo di Savannah”), che veniva da due precedenti ruoli gay con i film Wilde e Bent. Se non bastasse, la colonna sonora è interamente dedicata alle canzoni del paroliere (omosessuale) Johnny Mercer (originario della città), interpretate da KD Lang e altri.

martedì 27 novembre Aka - Le bugie sono desideri, di Duncan Roy (GB 2002)

martedì dìì 4 dicembre bre Jeffrey, Jeffrey dii Christopher Ashley shley (Usa 1995 199 1995)

Dean è un diciottenne disturbato, oppresso dalla vita in un quartiere periferico e dal padre violento. Decide allora di crearsi una nuova identità spacciandosi per Alex Gryffoyn, figlio di Lady Gryffoyn. Nel nuovo ambiente conosce un ricco americano che lo porta a Parigi, e un ragazzo che come lui si è infiltratonell’aristocrazia. Ma i suoi maneggi con le carte di credito lo tradiranno e si ritrova ricercato dalla polizia... Tratto da una storia vera, AKA tratta della mancanza di ideali e della ricerca dell’amore con una struttura originalissima, su tre schermi simultanei (la visione in sala è d’obbligo) che offrono diverse inquadrature e dettagli rivelatori per ogni singola scena.

Terror Terrori ro orizzato dall’Aids, un camerier ameriere amerier meriere re di New York re decide che d’o d’ora d’ d in poi non farà più iù ù ssesso con nessuno. Naturalmente tur il giorno dopo incontra in in palestra l’“uomo omo mo della sua vita”, che gli li rivela d’essere d’esser sieropositivo. o Che fare? Una sceneggiatura giatura iatura (tratta (tr (t da un testo teatrale) eatral per nulla stupida per una commedia brillante tee che vede Jeffrey confrontarsi con un prete gay, un’isterica Sigourney Weaver terapista di gruppo u per “Sessuomani Anonimi”, An e i saggi consiglii su come affromtare vita e amore am di un amico più anziano, iano, anche lui partner in una coppia siero-discordante, interpretato da Patrick Stewart (il capitano pelato di Star Trek!) in tutina rosa.

martedì m a 11 dicembre C.R.A.Z.Y., A.Z.Y., di Jean-Marc Vallée (CDN 2005) Sei ei nato nel ’60, e da adolescente dolescente ti ttrovi a mimare nella tua stanza le canzoni di David Bowie, truccato come lui periodo iodo Ziggy Stardust: Stard e neghi con tutte le tue forze (agli altri, ma soprattutto tutto a te stesso) di essere gay? Il rapporto con tre fratelli idioti, un padre che oscilla tra severità e comprensione per quel figlio “riuscito male”, i sensi di colpa instillati dall’educazione religiosa (da cui verrà salvato, paradossalmente, da un sogno mistico in Israele), segnano il doloroso cammino di formazione verso la presa di coscienza e la costruzione della propria identità del giovame Zac. Votato in un sondaggio miglior film del Québec di tutti i tempi, ha vinto In Italia il Grifone D’Oro Rassegna del Cinema per i Ragazzi e la Gioventù Giffoni Film Festival del 2006.

mar martedì 18 dicembre La mia vita in rosa, di Alain Berliner (B 1998) Ludovic è un bambino di sette anni che sente di essere nato del sesso sbagliato, e che ama identificarsi con la magica Pam, eroina di un serial televisivo. E’ sicuro che un giorno un miraco iracolo riuscirà a farla diventare u una ragazza, e intanto ntanto insiste insis con i genitori per mettersi me la gonna. Insegnanti e psicologi non approdano a nulla di fronte onte alla serena determinazione inazione del bambino, mentre entre i genitori iniziano a vedersi edersi rifiutati da amici e vicini vicin di casa e dall’intera ntera comunità in cui vivono. ono. La situazione precipita pita quando Ludovic conosce osce Christine, una bambina bina che si vuole vestiree da ch ragazzo... zzo... Straordinaria naria riia favola f a rosa confetto, il film mh ha vinto vint premi in festival tival all d di tutto il mondo e ill Go Golden G olden o Globe in Americ riica. c

19


EVENTI GAYWATCH

“ESSERE LUCY”

VENERDI 16 NOVEMBRE VENERDÌ 21 DICEMBRE Apertura ore 23.00 Inizio spettacolo ore 24.00 Ingresso 3 Euro (per i nuovi tesserati omaggio)

MERCOLEDÌ 21 NOVEMBRE

Siete pronti per non uno ma ben due viaggi nel mondo di Gaywatch? La ciurma composta da Annie ’80, Lady Pantera, Matty P, Minerva Lowenthal e Bertha Black torna a novembre e dicembre con due nuovi appuntamenti del nuovo show mensile del Cassero, ogni terzo venerdì del mese. Con loro tornano anche le deliranti avventure di “Cule senza età” che vede i nostri protagonisti invecchiati di qualche decennio alle prese con l’artrite ma sempre con la stessa voglia di spettegolare. Continueranno l’inedita stagione di “Simple Life” che vedrà Paris & Nicole in una fattoria di San Giovanni in Persiceto e le imbarazzanti “inchieste giornalistiche” di Matty P. Sul palco ritroveremo le pupe di “Non ce la fai” sempre a rincorrere un provino nel quale esibire re il loro poco talento e i “Fatti Nostri” Vaness & Alan che cercheranno nno nn di entrare al Cassero sero senza fare la tessera ser Arcigay… e le sorprese re non mancheranno… La regia è di STRONG, e i costumi e le scenografie di LaCLAUDINA E se volete rivedere i video delle scorse puntate basta andare su YouTube e digitare GAYWATCH CASSERO Dopo lo show (il cui cu inizio è previsto a mezzanotte circa) rca) musica tutta la notte con co le nostre regine in drag ag delle passerelle e della consolle: a novembre mb DIOR ADDICT, e per er la speciale puntataa natalizia FVLN.

20

20

Lucy può narrare quasi tutto il ventesimo secolo partendo da un punto di vista decisamente inascoltato: il suo racconto è una preziosa testimonianza della vita di un transessuale che ha vissuto i momenti più drammatici e dolorosi del Novecento, come la guerra e il campo di concentramento. Luciano, classe 1924, è stato consapevole della propria diversità sin da piccolo ed ha vissuto in prima persona le ipocrisie della morale e della propaganda fascista nel suo paese d’origine, in Piemonte. Sulla fine degli Anni 30 la famiglia si trasferisce a Bologna e qui Luciano vive la propria adolescenza, i primi amori, la consapevolezza sempre più chiara di essere omosessuale. Condivide questi anni con alcuni amici omosessuali con cui è ancora in contatto oggi e sono collegati alla Bologna degli Anni 30-40 i suoi ricordi più belli e più spensierati. Poi è chiamato alle armi, parte soldato nel 1943: dopo l’8 settembre non vuole continuare a stare con l’esercito dell’Italia fascista e diserta. Viene catturato e costretto a scegliere tra l’esercito repubblichino e quello tedesco: sceglie quello tedesco per sfuggire alle ritorsioni. Scappa di nuovo, torna a Bologna dove vive nascosto sorp per un po’ di tempo. Viene però sorpreso in una alb insieme ad un ufficiale tedesco: ted stanza d d’albergo L disertor e omosessuale, viene vien il giovane Luciano, disertore mandato a Dachau, il suo amante a Bergen Belsen mand mandato Belsen. trau Da questa esperienza indelebile e traumatizzante vata, disperata di Luciano esce anche con una rinnovata, l’ene voglia di vivere, di recuperare il tempo e l’energia che hanno tentato di rubargli. Questo è solo l’inizio del documentario che consisterà principalmente del racconto in prima persona di Lucy, in forma di dialogo, più che di intervista. Le riprese si svolgeranno in alcuni dei luoghi significativi della vita di Lucy: Torino, Fossano e Bologna. Questo viaggio a ritroso risveglierà antichi ricordi e consentirà di fare utili paragoni tra il presente ed il passato. Lucy incontrerà vecchi amici e conoscenti a Torino e a Bologna e, dialogando con loro, riaffioreranno altri ricordi e ulteriori spunti di riflessione. Alle varie parti di dialogo sarà affiancato materiale di repertorio fotografico e cinematografico per illustrare i giorni e gli eventi rievocati e per inserire la vicenda personale nel suo contesto storico. Il Comitato Patrocinatore del progetto è composto ra gli g altri dall’ Assessorato Cultura del Comune tra Bolog di Bologna, Assessorato Pari Opportunità del Comune di Bologna, Provincia di Bologna e Il B assero che devolverà devolver 1 Euro per ogni ingresso so di d Cassero oledì 21 novembre alla realizzazione di questo que qu uesto mercoledì progetto rogetto di d Gabriella Romano.

FEED THE BEARS SPECIALE 7 DICEMBRE VENERDÌ 7 DICEMBRE Apertura ore 23.00 Ingresso 10 euro intero / 5 euro ridotto Anche per questo 66° appuntamento casserino con gli Orsi ci aspettiamo un incontro gioioso di questa popolazione, orgogliosa del proprio girovita, dei propri peli e della propria omosessualità. Orsi e cacciatori (così si chiamano i “non orsi” amanti del genere) si incontreranno per far festa come ogni primo venerdì del mese ma, essendo dicembre, tra pelose esibizioni ed orgogliose abbondanze corporee, ostenteranno anche il nastro rosso della lotta all’AIDS. Saranno presenti banchetti informativi del Settore salute del nostro circolo e sarà possibile dare il proprio contributo al finanziamento delle campagne di informazione e di distribuzione dei profilattici. Come al solito Nicola e il suo staff tengono segretissimo fino all’ultimo momento il succulento

buffet, ma siamo certi che si tratterà di un opulento sollazzo per le papille gustative di tutti. In consolle un florilegio di dj e di amiche: ad aprire la padrona di casa Coq’o’Nuz coadiuvata dalla regina della musica nera D-Joy. Proseguiranno la serata i Trash Couture di Matty P e FVLN, che da dominatrice delle liste si trasformerà in tuttofare della consolle. Chiuderà la gran soirèe GlamourBrown, meglio conosciuta come Agonia, la nostra amata art director. La particolare coincidenza pre-festiva comporterà un biglietto di €10,00 con ingresso in lista a €5,00 per chi arriva prima delle 01:30. Contatti liste: 335-5382848 Matty web-list: http://www.cassero.it/list/ info: www.cassero.it/feedthebears info@feedthebears.it CASSERO / Novembre Dicembre 07


APERITIVO CON AMIKE DOMENICA 16 DICEMBRE Apertura ore 20.00 Inizio spettacolo ore 21.00 CHILL OUT music by MATTY P Ingresso 5 Euro Non ne puoi più di impacchettare regali di natali riciclati? Sei stanco di andare in giro per le vie del centro di Bologna rischiando un attacco epilettico ad ogni lucina intermittente che incontri? Sei nauseato all’idea di dover mangiare ancora l ennesima caldarrosta carbonizzata? Allora che aspetti??? Corri al Cassero. Domenica 16 Dicembre, le Amike Show vi aspettano numerosi per gustare insieme un delizioso aperitivo. Lady Free, Dollie Holiday, Brenda Broadway, Celine Dior e Divine Brown, dopo l esperienza da perfette padrone di casa nel loro Hotel Brown, sono state invitate alla maison per accogliere gli infreddoliti avventori in questo aperitivo pre-natalizio preparato dalla maitresse Manu. Risate, canzoni e ospiti assolutamente esclusivi animeranno questa serata a base di ottimo cibo e bevande alcoliche. Basterà questa serata per farvi affrontare serenamente un altro bianco Natale passato a giocare a tombola con i parenti? Noi pensiamo proprio di si!

WORK IN PROGRESS TUTTI I GIOVEDI’ APERTURA ORE 22.00 Ingresso Libero I giovedì di questi ultimi due mesi del 2007 saranno dedicati all’elaborazione di nuove forme di aggregazione e di “setting” del tradizionale spazio settimanale del Cassero, dedicato prevalentemente alle lesbiche. All’interno del consueto spazio musicale e dedicato all’incontro, si cercherà di riflettere, ripensare, sperimentare nuove possibilità artistiche, culturali e aggregative, da produrre nel consueto spazio del giovedì sera al Cassero per il 2008. Insomma quelli di novembre e dicembre di ArciLesbica saranno dei giovedì di “lavoro” allestiti, anche visibilmente, al fine di rappresentare l’opera in corso di “ristrutturazione” di queste serate a cui vorremmo partecipassero con idee e proposte, tutte coloro che hanno voglia di ritrovare uno spazio aggregativo lesbico, interessante e stimolante, al Cassero.

ABSOLUTELY QUEER DISCO NIGHT SPECIALE PRIDE 2008 TUTTI I MERCOLEDI’ APERTURA ORE 23.00 Ingresso 3 Euro (con tagliando di partecipazione alla Pride Lottery) L’INCASSO ANDRA’ TOTALMENTE ALLA REALIZZAZIONE DEL PRIDE 2008 Mancano solo pochi mesi al Pride bolognese del 28 giugno 2008 e da questo mese il noto mercoledì casserino comincia il suo personale conto alla rovescia. Ogni settimana alle 2 scatterà “il Pride Lottery Show” che permetterà ad uno degli avventori di portarsi a casa ricchi premi (viaggi, I-Pod, ecc. ecc.) e cotillon. A fare da madrine le nostre soubrette di lungo corso: Lalà, McCallan, Brenda Broadway, Maxxx(l) accompagnate da Rudy, Mr. Cassero 2007 che tra una performance e l’altra, estrarranno il biglietto vincente. Ovviamente a farla da padrona dalle 23 alle 5 di mattina sarà sempre la musica dei nostri dj resident: Little Fluffy Luke, Fiandrix, Wawashi, PoPpen, Trash Couture, Ruggero, Cash & Ferry e Fable.

Introducing... LaLa McCallan! La nuova stagione si apre con grandi novità per la matriarca di tutte le nostre showgirls: Abbietta diventa LaLa (pronunciato alla francese, come in Oh LaLa), e parte alla conquista del mondo con un nuovo sito e due videoclip musicali presentati in anteprima a Gender Bender, nei quali oltre alle sue leggendarie tre ottave sfoggia nuovi, fantastici look. Potete vedere il tutto su www.lalamccallan. com !Adieu Abbietta, bienvenue, LaLa!

CASSERO / Novembre Dicembre 07

21


BURLESQUE

Dal 14 novembre la nuova stagione di BURLESQUE! è al teatro del Navile di Bologna, dalla geniale mente di... «devo davvero scrivere “geniale”?» chiedo alla dispotica LaTavia Tovarich autrice dello spettacolo. Meglio non contraddirla, conosco bene come è fatta, dato che sono io stessa. LaTavia Tovarich, ovvero me medesima, nasce artisticamente in quegli anni in cui Il Cassero si spartiva una porta della città con un circolo ricreativo per anziani. Inizia a scrivere spettacoli che nessuno ricorda, o finge di non ricordare; uno su tutti: “TRASHVISION” in cui un’istrionica Fiele Molotova presentava sequenze di trash-movies memorabili, indossando i costumi delle protagoniste. Il giorno in cui Fiele vestì i panni di “Rita la Passerina” con un costume da bagno leopardato e un’immensa vagina sulla pancia (come dettava il maestro John Waters), LaTavia capì che il suo talento stava per scoppiarle in faccia e avrebbe potuto causare decine di feriti. Fugge via e scompare. Dopo anni di esilio, ritorna recidiva, riportando il teatro del Cassero alla ribalta delle cronache con la sua ultima ideazione: BURLESQUE!, il primo vero spettacolo di burlesque in Italia. Rinizia BURLESQUE! e questa volta in un teatro e non più tra le mura della Salara, come mai questo cambiamento? Ogni progetto, per mantenere valore artistico, deve svilupparsi altrimenti ristagna nell’autocelebrazione e muore. Finita la scorsa stagione io e le altre mezze calzette che animano quel palco ci siamo riuniti e ci siamo detti: «Cosa possiamo fare per continuare questo lavoro senza finire per odiarlo?». Così il progetto ha cercato altre strade per far conoscere alla città Il Cassero non solo come luogo aggregativo ma come produttore e promotore di cultura omosessuale. Abbiamo pensato che inserirci nel cartellone teatrale cittadino potesse portare ancora più lustro, orgoglio e ! credibilità alle produzioni teatrali del circolo. È per questo che il Cassero è diventato produttore? No, in verità sono convinti che il proselitismo omosessuale sia possibile. Le mezze calzette di cui parla sono i componenti del cast? Guardi, scegliere chi doveva partecipare a questa stagione di BURLESQUE! è stato un po’ come entrare dall’ortolano e decidere quale zucchina ti farà meno male. Anche questa stagione ci sarà a presentare Leonardo Feltrin, con Lysandra Coridon e David White a recitare il meglio della produzione teatrale inizio secolo, quella deliziosamente intellettuale, e lei -possiamo dirlo? - è un po’ la paladina della comicità intellettuale.... Il Feltrin, bravo attore... peccato che in bagno non centri mai il water... e intendo quando caga.

22

Signora Tovarich! Quelle classe! Guardi che il segreto di questi spettacoli è tutto nella scatologia finale: puoi prendere in giro il conflitto umano di Raskolnikov, oppure far satira sulla risoluzione del “Tractatus” di Wittgenstein, canzonare “L’Anticristo” di Nietzche, destrutturare declinando nel comico Dante ma alla fine quello che farà più ridere sarà sempre una citazione scatologica. Parlavamo del cast: ci sarà Wilbi che canterà con “La piccola Orchestrina In-Sensitive” una band jazz-swing tutta dal vivo e Michela con il suo Organetto Diatonico. Il Cassero quindi diventa produttore e

"

Dal 14 novembre Teatro Navile Bologna

l’associazione culturale “alberTStanley” dirigerà il tutto: come ha fatto a far convergere queste sinergie? In entrambi i casi ho ex amanti o amici a cui presto denaro a strozzo, poi faccio passare il tutto come impegno politico e divulgazione di cultura omosessuale. Cosa c’è di omosessuale in BURLESQUE!? Intende oltre all’immaginario, a me, al presentatore, alla pin-up, agli attori, alla cantante, al regista, al montatore? So che l’organetto diatonico non è omosessuale. No, ma fa turismo sessuale nelle Filippine. Comunque ogni spettacolo di Vaudeville mostrava con orgoglio stranezze o raccapriccianti freaks, noi cerchiamo solo di reinserire gli omosessuali nella bella e splendente categoria del «diverso», perché siamo convinti che «diverso» voglia dire «ricco». Il cabaret di BURLESQUE!... Ripeta quella parola e non vedrà la luce del domani! Il mio è avanspettacolo, non cabaret, e come tale fa recupero e critica culturale, non sociale. Mi spiego: nessuno qui fa caricature di caratteri o citazioni televisive. A me pare di ricordare che nella scorsa stagione David White interpretava una cinese che... Non perdiamo altro tempo, lei scriva solo che i biglietti sono pochi quindi sarà meglio prenotare se si vuole venire a trovarci e che l’abito da sera è obbligatorio per tutti! Mi tolga una curiosità, ma perché proprio la fine degli anni ‘40, perché ambientare la nuova stagione durante gli anni della resistenza partigiana? Signorina, cosa vuole che le dica? È un modo come un altro per prepararsi alla rivoluzione, e poi a fronte dei diritti che non siamo riusciti ad ottenere, le pare faccia differenza il 2007 e il 1948? La dispotica LaTavia Tovarich a questo punto dice di essersi stancata di me e ingurgita qualche pillola di Ritalin. Mentre mi dissolvo nella lattiginosa luce delle sue psicosi, ho il tempo per ricordare che il teatro del Navile è in via Marescalchi 2 (vicino piazza Maggiore), che il biglietto è di 10 euro (più 1 euro per la tessera del teatro) e che è possibile prenotarsi al numero 051224243 o sul sito www.myspace.com/casseroburlesque

CASSERO / Novembre Dicembre 07


)MAGE1UEENSLAND!USTRALIA

¾\ZJP[VPS:7(9;(*<:Â&#x2039; PU]LUKP[HKHWWLY[\[[V (KLZZVPU]LUKP[HULP ULNVaPVVUSPULHSZP[V ^^^SPILYPHIHILSLP[ ^^^JSLW[VTHUPHP[

WHNPULrJVSVYPrSPUN\L

7LYSH]VZ[YHW\IISPJP[¡!PUMV'ZWHY[HJ\ZKL

!14-.&,Z-#$1

23


Feedback

SOTTOTITOLO CONDENSED

Feedback VERONICA RAIMO Il dolore secondo Matteo (Minimum Fax) Cinico come un impresario di pompe funebri, anzi così cinico da diventarlo. Per Matteo Carnevale la soglia del dolore è un traguardo mai tagliato. La sofferenza a lui non è mai entrata in circolo, neanche per osmosi, come nelle piante, quando ha cominciato, un giorno, a consigliare a famiglie in lutto legni e marmi per l’estremo saluto del defunto. Le vetrine di quel negozio romano di casse da morto diventano il fondale de “Il dolore secondo Matteo”, l’opera prima della giovanissima Veronica Raimo. Il

MIGUEL BARNET Le regine dell’Avana (Einaudi) Miguel Barnet conosce bene l’animale uomo e le sue complicate sfaccettature. Figlio di una cultura dell’intensità e della contraddizione, di una libertà tropicale in bilico fra difficoltà e piacere del vivere, oggi pubblica Le regine dell’Avana. I racconti che compongono l’antologia sono ritratti femminili vividi; nella galleria di figure muliebri, fra le sante, le streghe e le malinconiche, spicca su tutte una perla rara, Fatima, protagonista trasgressiva delle notti cubane, creatura affascinante, travestito dalla pelle morbida, filosofo a modo suo. Il ritmo “parlato” rimanda alla cultura orale afro-

AA.VV./DANIEL WANG Milky Disco (Lo Recordings) Sulla scia del successo dei due cd di Black Devil Disco Club, tenebroso progetto dark disco sul quale vige una sorta di mistico mistero, la Lo Rec. pubblica una selection di brani “cosmici” curata da Daniel Wang, già ospite al Cassero durante l’ultimo festival di Homobeat, e grande amante delle sonorità disco e italo. Il risultato è quello che si può tranquillamente definire un trip. Le tracce si susseguono in un climax di atmosfere rarefatte, scure come la notte, ermetiche come un enigma. Intendiamoci, non si tratta certo di un cd difficile, ma sicuramente non è un album che ascolti prima di uscire con le amiche, mentre ti stai stirando i capelli davanti allo specchio. È piuttosto uno di quegli album che hai voglia di ascoltare quando, abbassate le luci di casa, accesa qualche candela e un paio di incensi, ti vuoi connettere con il mondo astrale, o semplicemente rilassarti nella tua vasca da

bagno immerso in olii essenziali, o, più banalmente, quando ti sdrai sul divano con un bel libro in mano. Di cosa sto parlando? Ok ok, continua a stirati i capelli... MAURO COPETA

dolore – specie nella forma del lutto – è una sorta di d genere performativo a sé, zeppo di regole fatte su misura che rispetto al quotidiano suonano come lascive eccezioni. Si piange, ci si abbraccia, si confessano ferite inguaribili e lacune impossibili da colmare. La debolezza, insomma, diventa virtù: chi più ne mostra, finisce tra i migliori. Di questo Matteo sembra essere convinto e con indosso il suo sorriso migliore si muove con destrezza suggerendo lumini e portafoto come fossero fili di perle ai quali è impossibile dire di no. Matteo insomma col dolore ci sa fare. Ne è talmente estraneo da riuscire a riconoscerne vizi e brame. Per poi, furbamente, assecondarli. Così la sua giornata si articola in una serie di concessioni, dal pompino rituale di Filippo in bagno prima di tirar su la saracinesca alla crudeltà patinata delle pratiche sadomaso di cui Claudia non può fare a meno. L’occhio del lettore è filtrato dalla prospettiva anestetizzata – benché lucida –, del protagonista e attraverso di lui guarda gli afflitti dentro la teca: e da quella distanza – ottimale per una letterale apatia – si scarta clamorosamente il sentimento e ci si fissa sul sapore, sull’odore, e sull’osservazione degli stati fisici. Perché forse se non fossimo distratti dalle soglie speculari del dolore e del piacere riusciremmo ad accorgerci di come ome tutto questo sia istantaneamente tradotto dal nostro organismo organism in umori e secrezioni, liquidi che fanno fluire o ill viss vissuto da corpo a corpo. E la capacità di raccogliere e v c condensare co densare condens nsare questa metamorfosi col linguaggio rende l’opera l’’opera l’op opeera di Raimo un piccolo capolavoro, che riabilita riabili la parola nella sua potenzialità rola la nel nell potenzialità di andare p dare oltre il diacronico diacron co e di rendere dere re il sincronico sincrronico sin onico uno u spazio narrativo denso. denso VIN INCENZO O BRANÀ RA ANÀ

24

cui Barnet è studioso; il racconto incalza, cubana dii cu trasportato dalla voce narrante di Fatima. Specchi di vita omosessuale, nello sfondo di una Cuba rivoluzionaria. Fatima a sette anni si chiama Manolo. Improvvisamente gli appare la visione di una Madonna mulatta. Tutti gli credono, forti di una fede incrollabile quanto assurda, che li aiuta a sopportare la fatica e i disagi. E lui, spavaldo e creativo, spudorato e timorato di Dio, non fugge per mare con un gommone come tanti esuli, bensì resta e abita il suo popolo, un’isola di gente povera, di puttane, di guaritori, di militari, di trafficoni e di troppi turisti. Reagisce alla delusione della perdita di Andrès, l’amore della sua vita, con un cambio d’abito, una nuova scena, ed esce in strada come Fatima, bella come la Madonna che vide da bambino. La crudezza desolante della prostituzione e le dinamiche schiaccianti di un mondo maschilista, sono stemperate da una fantasia e da una forza interiore uniche. Fatima è curiosa ed estroversa: accoglie i segreti degli uomini, quasi tutti sposati. Il denaro e la necessità di sopravvivere, il talento esibizionistico, istico, il cabaret e le bettole: questi gli elementi nti della sua su uaa esistenza. esistenz ste Inevitabile un’allegoria di Cuba, abile vedere ere re Fatima come c immobile sue caratteristiche quanto desiderosa bile nelle su caratte di arricchirsi occidentalizzarsi. È il travestito rricchirsi e d di occide losofo santone, filos osofo sofo sopra sop opra le righe, che partecipa ai culti e come ai riti ti paganii com co ome a quelli que qu cattolici. E la saggezza lieve trucco malfatto è la cosa peggiore di un n consiglio: consiglio o: “un trucc esistere”. che he pos possa po p ssa esiste esist stte CRISTIAN IAN AN CIIZM IZMAR

Novembr SSERO O / Novembre CASSERO CAS CA Novemb Novem N Nove ovem re Dic Dicembre mbre e 07


ROISIN MURPHY Overpowered (Sony) Roisin is back! Dopo il flop in termini di vendite del primo album composto insieme a quel produttore geniale dai mille pseudonimi, Matthew Herbert (riprova del fatto che la gente non capisce proprio un cazzo di musica... andatevelo un po’ a riascoltare, e ne scoprirete l’eleganza sottile e inebriante), l’ex cantante dei Moloko si affida questa volta all’estro pop di alcuni talentuosi produttori come Andi Cato dei Groove Armada, Calvin Harris e Richard X. Come dire, dall’underground alla Top ten. Evidentemente Roisin aveva bisogno di vendere. Ma come biasimarla? Gli abiti di Yohji Yamamoto costano! L’album sta raccogliendo ovunque grandi consensi da parte della critica. Qualcuno ha anche scritto che quello della Murphy è l’album che Madonna non ha avuto il coraggio di fare. Ed effettivamente questo delizioso disco pop riesce a non scadere mai nello

scontato e mantenere una buona credibilità dall’inizio alla fine. Certo i riferimenti (garbato eufemismo per non dire “le scopiazzature”) sono molti: da Bobby O. a Adamsky, da Goldfrapp al funk degli anni 80... Ma il risultato rimane sorprendentemente piacevole e fresco. MAURO COPETA

CASSERO / Novembre Dicembre 07

FEDERICO D’AGOSTINO, SCILTAN GASTALDI Gay: Diritti e Pregiudizi (Nutrimenti) C’è ancora qualcuno che ha il coraggio di affermare che l’omosessualità è una malattia dalla quale si può guarire (dallo shopping compulsivo si può guarire, ma dall’omosessualità no...). Per non parlare di chi sostiene che il Gay Pride è una baracconata inconcepibile e inutile, se non addirittura dannosa per l’immagine degli omosessuali (e tra costoro possiamo annoverare anche molti gay), o che i froci sono più promiscui degli etero. Le scemenze e gli spropositi (per non dire gli insulti...) che i rappresentanti politici e religiosi (ma anche il nostro elettricista, il barista sotto casa, il ragazzo della nostra migliore amica,

ecc) sparano in continuazione nei confronti degli omosessuali sono cronaca di tutti i giorni. Se siete in cerca di una risposta spiazzante che faccia chiudere per sempre la bocca di quel vostro zio scassapalle che ce l’ha a morte coi busoni, nonostante sua moglie abbia i baffi, leggete con attenzione questo testo, pieno di spunti e argomentazioni interessanti. Il libro è scritto sotto forma di dialogo, rifacentesi esplicitamente al modello galileiano, così da sottolineare il carattere m scientifico (ergo inoppugnabile) delle argomentazioni esposte. MAURO COPETA

SIBA AL-HAREZ Gli altri (Neri Pozza Editore) Un romanzo di un’autrice proveniente dal mondo arabo, non paragonabile ad alcuna scrittrice europea. Siba al-Harez è lo pseudonimo usato da una ventiseienne saudita che ci apre la finestra su un mondo sconosciuto. Perché senz’altro non sappiamo cosa vuol dire essere donne sciite nel paese sunnita per

eccellenza: non sapere quale marito ci assegneranno i parenti, proprio mentre abbiamo le prime storie d’amore con altre donne. Oppure, sentirsi separate dal resto del mondo da crisi epilettiche sempre più frequenti. Questo diario descrive la situazione delle ragazze saudite istruite, che fanno amicizia con i loro coetanei maschi tramite le chat ma hanno le loro prime esperienze sessuali con le coetanee. Sono le compagne di scuola o le insegnanti, con cui le madri le lasciano sole, a scatenare le violente passioni adolescenziali di queste ragazze, costrette a misurarsi con i sensi di colpa e con il destino ineluttabile del matrimonio combinato. Siba al-Harez, fra una citazione dal Corano e una dal film The Others, fra una canzone della star libanese Fairuz e una di Eminem, ci dà la possibilità di catturare frammenti di una generazione che cerca spazi di libertà e briciole d’affetto, scontrandosi con la tradizione, i pregiudizi, le differenze di genere e di classe, con tutta la fragilità e lo slancio di una qualsiasi adolescente LUISA CECARINI

25

25


Famiglie Arcobaleno co co ob b eno no no FAMIGLIE ARCOBALENO AL PREMIO LIBERO BIZZARRI 2007

La gran parte delle dispute avutesi nel campo delle cosiddette pari opportunità – dunque anche nel riconoscimento delle coppie di fatto – si è venuta accendendo sotto il pretesto di divergenze politiche: le une decise a concedere a tutti gli

di “amore dal basso” che ignora le saune, i glutei, il trendy e insomma un’imbambolata ecolalia omosexy in favore di corpi e sguardi e desideri comuni a milioni di persone. Si prendano i due documentari passati fuori concorso all’ultimo Festival di San Benedetto (la storica rassegna del documentario giunta alla sua XIV edizione): Le famiglie arcobaleno di Nadia Dalle Vedove e Lucia Stano; Qu’ils soient heureux jusqu’à la fin des temps di Alessandro Grisolini e Bernard Vandal. Le signore delle famiglie arcobaleno non pretendono di essere particolarmente attraenti, materia per loro decisamente accessoria, ma all’opposto cercano le dolcezze quotidiane di un idillio familiare da cui non escludere le rispettive figliolanze. Di rincontro e forse in qualche parte divergenti le posizioni dei due maschietti del secondo documentario realizzato in Canada, che non puntano direttamente sulla linea dell’adozione (il fiorentino Alessandro vorrebbe aver dei bimbi, non altrettanto il suo compagno quebecchese) e non disdegnano di

è ricco si prende tutti i suoi agi (o se li paga, e magari viene anche ricevuto dal Papa), chi non ha soldi deve vedersela con un quotidiano difficile e non è nemmeno ammesso nei salotti buoni. Vorremmo aggiungere che su queste famiglie arcobaleno non infuria alcun vento di sovversione erotica che rivoluzioni la famiglia, ma è comunque una rivoluzione che due lesbiche vogliano vivere con i loro figli e che due maschi gay pensino di poterlo fare. Non c’è insomma provocazione in nessuno dei due film: com’è del resto confermato dai titoli, entrambi rassicuranti: ecco le famiglie color arcobaleno, che solo pretendono di vivere la serenità dopo la tempesta; ecco quella frase in francese, che si traduce semplicemente con la formula di una esistenza che dura nel tempo, scandita in piena monogamia finché morte non separi i contraenti. Non è raro che lungometraggi e corti con tematiche omosessuali trovino la strada dei festival. Ma è invece più raro che un festival che lavora sul documentario inteso quale finestra del presente apra uno spazio alle

stessi diritti (come ha operato in Spagna il governo Zapatero), le altre invece prone di fronte ai mille diktat vaticani e clericali. Tali dispute e divergenze non sono state predeterminate, come pure alcuni hanno osservato, da problemi di principio, quanto da un’irriducibile negazione dei diritti da accordare democraticamente ad ognuno e – perché no? – riconoscibili anche agli operai, ai negri, ai diseredati, ai diversi sessuali: a quanti il razzismo della nostra società situa nella scala degli infimi, per ciò stesso da opprimere. Le questioni di principio nascondono insomma le infezioni del nostro sistema civile. Ciononostante le persone in questione – e in particolare le persone omosessuali – hanno scoperto e praticato una propria rotta semplicemente collocandosi nel quotidiano. Restando nella società e non occultando la loro presenza. Al fondale dell’incostanza e della leggerezza gay, si è sovrapposta l’immagine di una assoluta regolarità: coppie formate da persone che si amano; coppie che per il fatto di amarsi vogliono anche adottare dei figli. Lo stereotipo gay (richiamato ad es. con grazia in un delizioso film americano del 2007, Dire fare baciare di C. Andreas, che ovviamente tesaurizza la proporzione dei corpi e dei volti degli interpreti riproponendo un luogo comune estetico ma annebbiandolo con una bella ironia), in questo caso, e nel caso di film in cui vengono mostrate tutte queste convivenze, viene spazzato via da una sorta

far vedere belle coppie gay (l’acme è raggiunto da un abbinamento bianco-nero). Rimane in comune ad entrambi i film una vicenda assidua dei fenomeni più delicati del cuore, che fa uscire a pezzi lo stereotipo anti-omosessuale. Il documentario canadese ha però il pregio di aprire il confronto con la situazione italiana. Nella quale non è concesso nulla di quanto invece è riconosciuto altrove. L’effetto comparativo funziona ad hoc e getta come una luce ulteriore sull’auroralità del filmato italiano, in cui la forza e la sanità morale delle signore trovano comunque a contraltare il conflitto innestato dalla parte retriva della società (ciò che in una certa misura si osserva in Dalla testa ai piedi di Simone Cangelosi e che emergeva con evidenza anche nel forte e drammatico documentario di Alberto Vendemmiati, La persona De Leo N., realizzato nel 2005). Non è detto che da tutto questo anelare e aspirare a un’unione riconosciuta non venga fuori un altro stereotipo, quello della famiglia e dell’adozione a tutti i costi. Ma non è l’uguale presupposizione di chi idealizza, vagheggia e pratica la diversità a tutti i costi (penso a quanto dichiarato al tempo della manifestazione di Piazza Navona dal mai troppo vituperabile Zeffirelli e da un invecchiato – anche nella mente – Paolo Poli). Il che reintroduce nella vicenda gay e lesbica una discriminazione di classe ultimamente non messa a fuoco al modo giusto: chi

problematiche gay e lesbiche che si intende allargare e prolungare nel corso dell’anno e nelle prossime edizioni del festival: fissando una sorta di specchialità tra il film che interpreta criticamente il mondo e il mondo che insegue risposte nella scrittura cinematografica; ricercando equivalenze tra la documentazione delle contraddizioni che viviamo su scala mondiale e la linea della militanza e battaglia gay. Se è la forza della realtà a condannare la chiesa cattolica e i suoi alleati clericali a una sicura sconfitta, ebbene quella stessa forza della realtà sostiene le ragioni del documentario critico e sociale se esso contrasti la degradazione del nostro immaginario e del nostro quotidiano. GUALTIERO DE SANTI

Lo scorso settembre si è tenuta la quattordicesima edizione della rassegna del documentario di San Benedetto del Tronto. Tra omaggi a Antonioni, Fernando Birri, Silvano Agosti e nuovi titoli, era presente anche “Diritto alle pari opportunità”, una piccola sezione dedicata alle famiglie omoparentali. Abbiamo chiesto al suo direttore artistico, il critico letterario e cinematografico Gualtiero de Santi, un commento sulla valenza di questi titoli all’interno del festival. (w.r.)

6 26

26

CASSERO / Novembre Dicembre 07


S Salute QUANTI SONO I SIEROPOSITIVI IN ITALIA?

Quanti sono i sieropositivi in Italia? Questa domanda campeggiava sull’ultimo bollettino di Anlaids dove, giustamente, si sottolineava che l’Italia è uno dei pochi Paesi europei che non può rispondere a questa domanda. Non esiste, infatti, un sistema di rilevazione nazionale così come avviene per i casi di AIDS. Solo poche regioni/province hanno autonomamente deciso di registrare questo dato essenziale per comprendere l’andamento dell’epidemia. L’Emilia Romagna non è fra quelle regioni virtuose che hanno attivato un sistema di sorveglianza, solo

www.kitchencoop.it

Coordinamento Emilia-Romagna

Facile come fare il test hiv.

800.56.60.80 numero verde aids www.helpaids.it

la provincia di Modena e, più di recente, di Rimini conoscono con precisione questo dato. Dato che per Rimini ha costituito sicuramente un brusco risveglio, che ha posizionato la città romagnola al vertice in Italia, con un indice d’aumento di sieropositività quasi doppio rispetto alle stime regionali, già molto più alte delle medie nazionali. Quindi in generale quando parliamo di persone sieropositive possiamo solo fare delle ipotesi, leggere le proiezioni elaborate dall’Istituto superiore di sanità o dalle Aziende sanitarie locali. Ciò detto i dati in nostro possesso sulle nuove infezioni non sono molto tranquillizzanti: se la media nazionale si attesta sul 7,6 % ogni 100.000 abitanti, sale al 8,3% in Emilia Romagna e al 14,5% in provincia di Rimini. A questi dati associo quanto rilevato dall’indagine che il Cassero ha effettuato sugli omosessuali CASSERO / Novembre Dicembre 07

residenti a Bologna: il 26% degli intervistati non ha mai fatto il test in vita sua, percentuale che cresce in modo preoccupante se consideriamo anche coloro che non si testano da oltre cinque anni. Pertanto se è vero che i casi di AIDS anche per il 2006 dovrebbero registrare un lieve calo rispetto al 2005, con ogni probabilità la diminuzione non è da attribuire alla riduzione delle nuove infezioni, quanto all’effetto delle terapie antiretrovirali, anche se sia l’accesso alle terapie che il loro effettivo successo, è fortemente condizionato dalla conoscenza della condizione di sieropositività. In effetti le stime dell’ISS ci dicono che le nuove infezioni, in diminuzione fino alla fine degli anni 90, ad oggi si sono stabilizzate e sono addirittura in aumento in alcune zone del Paese. E in aumento è anche la quota delle persone che scoprono di essere infette solo in fase avanzata della malattia: nel 53% dei casi, sono intercorsi meno di sei mesi fra il primo test positivo e l’evoluzione in AIDS, dato che sale al 58 % fra le persone omosessuali sieropositive. Il “serbatoio” di infezioni è ancora ampio e viene stimato fra le 110.000 e le 130.000 unità in Italia, fra le 6.000 e le 9.000 in Emilia Romagna. Un andamento generale che, secondo l’ISS, potrebbe preludere ad una ripresa dell’infezione in vaste aree d’Italia. Di fronte a tutto ciò appare evidente quanto sia indispensabile ricominciare a parlare di questo problema anche e soprattutto all’interno della nostra comunità che, praticamente da sempre, è stata lasciata sola ad occuparsi del problema. Da tempo ci diciamo che siamo impegnati nella lotta contro l’AIDS sia a livello di associazione che di movimento. Di fatto però entrambi questi soggetti faticano ad associare il proprio nome e i propri obiettivi all’AIDS, probabilmente a causa del rischio di strumentalizzazione e di discriminazione delle persone omosessuali. Rischio reale, come dimostrano la difficoltà che affrontiamo ogni giorno per sradicare il concetto di categorie a rischio che ci vede fra i protagonisti. Tuttavia, oggi, si rende necessaria una scelta politica che vada nella direzione della lotta a una infezione che modifica in modo importante la vita delle persone omosessuali e che, ancora oggi, sia pur in pochi casi, può essere ad esito infausto. Sulla base di questi dati, il Laboratorio sulla Salute ha iniziato a chiedersi come muoversi per dare un concreto segnale alla comunità omosessuale di Bologna e della regione. La scelta è caduta sull’ideazione di una campagna di sensibilizzazione verso il test per l’HIV. Può sembrare una scelta strana, ma, oltre ai dati esposti sopra, c’è un altro dato importante da sottolineare: una diagnosi precoce è essenziale per la buona riuscita della terapia antiretrovirale. Il ritardo nella diagnosi comporta sia maggiori difficoltà nella ricostruzione del sistema immunitario, sia una maggiore esposizione a malattie che approfittano dell’incapacità del sistema immunitario di respingerle. Ragionando sui molti target possibili, trattandosi

della prima campagna nel suo genere, la scelta è caduta su quello degli “over-lapped riskers”, ovvero persone che, pur non avendo uno stile di vita particolarmente esposto all’HIV e alle MTS, hanno cumulato negli anni una serie di occasioni di contagio di lieve e media entità, e che da vario tempo non si testano o non si sono mai testati, legittimandosi perché non hanno avuto comportamenti a rischio elevato, ma che al tempo stesso si interrogano sul proprio status. Un bersaglio, quindi, molto numeroso. Abbiamo cercato d’essere più semplici possibile nella comunicazione, spingendo sulla facilità di esecuzione del test da un lato, e sulla tranquillità dell’intento - appunto sul fatto che il test toglie quel peso in fondo al cuore. Abbiamo perciò scelto di promuovere il numero verde Aids regionale (800.85.60.80) che consente l’esecuzione del test in anonimato, senza prescrizione né permesso di soggiorno, e il portale regionale aids (www.helpaids.it). Strumenti da noi testati, e in grado anche di fornire un supporto a chi eventualmente dovesse scoprirsi sieropositivo. La campagna prevede l’affissione di manifesti e la distribuzione di cartoline nelle principali città della regione con l’aiuto del Coordinamento regionale Arcigay, il tutto finanziato dalla Regione Emilia Romagna. Il prossimo step del Laboratorio sulla salute consisterà nella realizzazione di un sito web sul safer sex omosessuale, che, con un linguaggio accurato e franco, dia informazioni e indicazioni chiare, in linea con le esperienze internazionali. www.iss.it/binary/publ/cont/ coa2007web2.1186393056.pdf www.epicentro.iss.it/territorio/pdf/ STATO%20INFEZIONE%20HIVAIDS%20AL%2031-12-2005.pdf www.modidi.net/risultati_della_ricerca/ risultati_maschi.pdf SANDRO MATTIOLI Responsabile area salute salute@cassero.it

27


WORLD ARTE E OMOSESSUALITÀ. DA VON GLOEDEN A PIERRE ET GILLES FIRENZE Trova casa (senza patrocinio del Comune ospitante causa, dice l’assessore alla cultura, “qualità delle opere non adeguata”) la mostra la cui cancellazione il giorno dopo l’inaugurazione ha piombato Milano in piena epoca medievale ( o v v e r o prossima ventura, come profetizzava R o b e r t o Vacca). E comprensiva delle pietre dello scandalo quali la Miss Kitty di Schmidlin, la Pietà di Cassarà, il San Sebastiano di Canavacciuolo, eccetera. Il catalogo Electa è stato rifatto per l’occasione, e oltre agli interventi del curatore Eugenio Viola e di Marco Mancassola (mancano invece gli onorevoli La Russa e Luxuria presenti nel precedente), ne contiene uno nuovo di Vittorio Sgarbi, intitolato “Sesso e libertà”, che vale la pena di citare: nelle due pagine, dopo aver stigmatizzato il senatore De Corato (vicesindaco di Milano, che aveva annunciato di non voler dare più finanziamenti a iniziative gay lesbiche nella città), per avere intrapreso “una crociata contro il mondo omosessuale, e l’espressione di libertà individuali garantite dalla democrazia ed esaltate dalla letteratura”, Sgarbi trova però “inaccettabile” la posizione di Massimo Cacciari, “che al grido di ‘non sarò mai un censore’ ha concesso il patrocinio allo spettacolo Messiah Game della Biennale Teatro di Venezia (che il Patriarca Angelo Scola e i gruppi di consiliari di Lega Nord, Forza Italia, e AN avevano chiesto di cancellare), r a g i o n a n d o che, come si è stigmatizzato Calderoli per la maglietta con le caricature della religione musulmana, “è necessario pretendere rispetto per la fede e la religione di molti italiani, benché maggioranza”; e a supporto del discorso cita il caso Bologna, dove “dopo insulti alla Madonna”, “si annuncia il patrocinio a una mostra curata da Arcilesbica (…) che reintepreta i 10 comandamenti in chiave saffica”.

28

a cura di Walter Rovere

Riferendosi qui, senza evidentemente averla vista, all’innocente “Linea di Luce” censurata a fine giugno, ma soprattutto facendo finta di dimenticare una storia delle arti colma di immagini “blasfeme” (da Caravaggio a Serrano, da Bunuel a Pasolini) e soprattutto – seguendo il filo logico – dando ragione allora anche ai talebani che pretenderebbero distrutto l’affresco di Giovanni da Modena in San Petronio. Tutto questo, dal pulpito di una mostra che aveva appena esposto Papa Ratzinger in guepière e il Cristo della Pietà sostituito da una bambola da sexy shop, e di un critico che, non più tardi del 30 luglio scorso, sulle pagine del Giornale aveva definito inquietante l’invocare della “pratica della censura per una ragione o per l’altra e sempre con una motivazione religiosa, in Occidente e in Italia”, in un articolo mirato a stigmatizzare le dichiarazioni dei bolognesi Merighi e Grandi sull’affresco. La mostra beninteso, non è affatto quella che con enfasi “di parte” alcuni hanno scritto “permetterà anche in Italia” “un dibattito sulla presenza gay nell’arte, nella storia, nella cultura” e rimane un guazzabuglio, tra i neomanieristi imposti si suppone da Sgarbi, scelte discutibili sui singoli artisti e cadute di qualità abissali tra essi, ma presenta anche intuizioni notevoli (Carol Rama e Bussotti, per dirne due) e, ovviamente, rappresenta ora un documento sociologico imperdibile per valutare cosa, in una città come Milano che basa gran parte della sua economia sul lavoro di omosessuali, non si è ritenuto meritasse sostegni pubblici (come se le tasse le pagassero solo etero e cattolici...), e che i suoi cittadini potessero scegliere liberamente se andare a vedere. Firenze, Palazzina Reale (Stazione FS di Santa Maria Novella – Piazza Adua, 50), fino al 6 gennaio 2008 Informazioni: tel. 0422.410886 www.artematica.tv

URS LÜTHI - ART FOR A BETTER LIFE MILANO Pittore e fotografo, tra gli iniziatori della Body Art, ha sviluppato a partire dal 1968 una serie di autoritratti fotografici centrati sul tema dell’identità sessuale. Nelle pose in vesti e make up femminili, dichiarava di stare esplorando il proprio “make up psicologico” e la sua relazione con la fidanzata dell’epoca (Ecky, che ricopre esattamente il suo profilo in una foto celebre del ’74). Ma accanto a queste, Lüthi ha spesso e sistematicamente accostato foto con tratti esplicitamente e a volte parodisticamente “maschili”; come ha dichiarato, “l’ambivalenza in quanto tale” era il contenuto più significativo del suo lavoro, costituendosi come invito agli spettatori ad esplorare e riconoscere i “tratti contraddittôri” che vivono nel proprio inconscio. Negli ultimi anni Lüthi è tornato ad avere un grande riscontro con la serie di lavori «Art For A Better Life», e con «Therapies for Venezia», il suo acclamato allestimento per la Biennale di Venezia del 2001, con opere che mettevano in primo piano l’arte come “logo” pubblicitario e commerciale, in ironiche riflessioni sulla “ricerca della felicità” e le manie salutiste contemporanee. Galleria Carla Sozzani corso Como 10 – Milano fino al 2 dicembre www.galleriacarlasozzani. org

WO Da sinistra: Bruce Weber, Kyle & Laine, Carlson Golden Beach Florida, 2000; David Hockney, Untitled (Male Nude Santa Monica), 1973; Urs Lüthi, Self portrait, 1970 © Urs Lüthi

CASSERO / Novem Novembre Dicembre 07


SEDUCED - ART AND SEX FROM ANTIQUITY TO NOW LONDRA Ancora una mostra sulle rappresentazioni della sessualità e sui confini tra arte e pornografia, questa volta a Londra e con un approccio che abbraccia 2000 anni di storia: vietato l’ingresso ai minori, si va dagli affreschi di Pompei ai “Modi” di Giulio Romano che, accompagnati dai sonetti dell’Aretino, suscitarono la furia papale e portarono all’arresto dello stampatore, dalla foglia di fico in bronzo forgiata per coprire la nudità del David di Michelangelo alla vista della regina Vittoria, ai disegni erotici segreti di Turner, e ancora da Annibale Carracci a Picasso, da Schiele a Tracey Emin e dal Portfolio X di Mapplethorpe e alla serie di Jeff Koons con Cicciolina. Londra, fino al 27 gennaio 2008, www. barbican.org.uk/artgallery

DAVID LACHAPELLE MILANO A Palazzo reale la più grande mostra italiana sull’artista americano che esordì 18enne per la rivista di Warhol Interview: tra circa 350 opere, sono esposti tutti i lavori che lo hanno reso famoso, divisi in sezioni come “Plastic People” (con Amanda Lepore in prima fila), “Excess”, “Consumption” e “Star System”, ma sono presenti anche molti lavori meno noti come le “Recollections in America”, che riciclano foto amatoriali anni 70, “Violence as Entertainment”, rifacimento di scene dei film Taxi Driver e Scarface, e le “After Pop” che riprendono l’iconografia di lavori Pop Art di Oldenburg, Wesselmann, Hamilton ed altri. Splendida inoltre la sezione più recente che comprende Museum e Deluge, quest’ultimo ispirato al Diluvio Universale di Michelangelo. In mostra anche una serie di videoclip realizzati per Elton John, Robbie Williams, Gwen Stefani, Britney Spears, Jennifer Lopez, e Christina Aguilera. Bello il catalogo (Giunti Arte), che contiene un’interessante comparazione tra artisti del passato e i lavori di LaChapelle, e una lunga intervista nella quale l’artista ricorda tra l’altro apertamente le drammatiche circostanze della perdita per Aids del suo compagno, quand’era gli inizi della sua carriera. Palazzo Reale, Piazza Duomo, Milano, fino al 6 gennaio 2008 www.davidlachapelle.it

ORLD Da sinistra: Jeff Koons, Ilona on Top (Rosa background), 1990. Private collection, courtesy Galerie Max Hetzler, Berlin; David LaChapelle, Elton John: Never Enough, Never Enough, 1997, ©David LaChapelle Studio; Pierre et Gilles, St. Sebastian, 1987, Collection Walter Haas, Zurich.

CASSERO / Novembre mbre Dicembre 07

IL TORMENTO E L’ESTASI GENOVA Tornando a palla alla vicenda di Arte e Omosessualità, Eugenio Viola ha raccontato ad Exibart che quando Letizia Moratti ha vietato, oltre all’apertura pubblica della mostra, perfino la distribuzione del catalogo, lo fece motivando che conteneva, oltre ad opere “blasfeme” (la Miss Kitty eccetera), riproduzioni di immagini a tema religioso, come i San Sebastiano di Taverna, Antonello da Messina, Guido Reni, e l’Estasi di Santa Teresa del Bernini, in un contesto “quasi pornografico” qual’era quello dell’esposizione. Non c’è che dire, una bella lezione di storia (da parte di un ex Ministro dell’Istruzione), che cancella ogni senso di prospettiva storica dell’arte, che è storia dell’interpretazione quanto di contenuti. Che poi il tema dei vari San Sebastiano di Mantegna, Sodoma, Reni, eccetera, fosse solo la bellezza dello spirito e non (e soprattutto) quella della carne, lo può pretendere solo chi non abbia presente i Lacan e Huberman citati da Viola nel suo catalogo (“In tutto quello che è dilagato dagli effetti del cristianesimo, nell’arte in particolare, tutto è esibizione di corpi evocanti il godimento”, scrive ad esempio il secondo), ma anche il Vasari che secoli prima raccontava di come nella chiesa che lo ospitava ci si fosse accorti di come il San sebastiano di Frà Bartolomeo pensieri di corruzione nelle donne; e perfino il Dizionario iconografico dell’Arte Cristiana di Louis Rèau del 57, doveva ammettere che al Santo, un tempo protettore contro la Peste, “vittima del progresso dell’igiene e della concorrenza di patroni più qualificati” “non resta che il patronage compromettente e per nulla invidiabile di sodomiti e omosessuali, sedotti dalla sua nudità di efebo apollineo.” Traiamo queste ultime citazioni da una bella doppia pagina di Alberto Bevilacqua e di Francesca Bonazzoli sul Corriere, a proposito appunto della mostra di Genova, che espone cinque degli otto ritratti del Santo realizzati da Guido Reni, e dei quali cui i due autori ricordano le “letture” successive (dalle lodi di Oscar Wilde alla voluttuosa versione scenica affidata a una donna di D’Annunzio, all’eccitazione fisica e rivelazione della propria omosessualità provate da un Yukio Mishima adolescente), quanto gli intenti originali del pittore che, scrive la Bonazzoli aveva messo in quei dipinti “molte delle proprie ossessioni omoerotiche: la fobia per le donne, la convinzione che il sesso femminile gli gettasse il malocchio, l’amore per i garzoni raccattati per strada”. Genova, Palazzo Rosso, fino al 20 gennaio 2008. www. palazzorosso.it 29


ALL ACCESS PROGETTI DI BENESSERE

Il Progetto Benessere si rinnova. Attraverso un gruppo di lavoro coordinato da cinque persone e aperto alla partecipazione volontaria di tutt* coloro abbiano voglia di mettere in circolo le proprie competenze e la propria disponibilità, il Progetto Benessere raccoglie una serie di iniziative volte a trovare nuove opportunità di socializzazione e di formazione rivolte alla comunità lgbtq, ma non solo. Da un lato c’è il desiderio di valorizzare le esperienze già in corso – dal Progetto Scuola a Liberamente, dal Gruppo Giovani al Telefono Amico Gay; dall’altro c’è l’intenzione di moltiplicare gli spazi e i tempi di accoglienza, incontro e partecipazione per fare diventare il Cassero un luogo ancora più inclusivo di tutte le differenti identità appartenenti alla variegata comunità lgbtq. Per info e contatti: benessere@ cassero.it

domenica di ciascun mese, sempre dalle 18 alle 20. Per aggiornamenti sui temi degli incontri: www. cassero.it/liberamente Per fare la tua proposta: liberamente@cassero.it

IL CERCHIO

Nasce un nuovo spazio di confronto per chi vuole approfondire le tematiche dell’identità gay e lesbica. Il Cerchio propone appuntamenti mensili di tre ore in cui poter crescere attraverso stimoli tratti da testi letterari o da testimonianze dirette e attraverso la messa in condivisione delle proprie

TELEFONO AMICO GAY: NUOVI ORARI

Il TAG offre un servizio d’informazioni sulla vita lgbt (consultazione guide, presenza di locali e luoghi d’incontro sul territorio, modalità di accesso); una linea di confronto sulla salute e sulla sessualità (comportamenti e pratiche a rischio, modalità di prevenzione HIV/AIDS ed altre MTS); un servizio di supporto psicologico (ascolto e comunicazione su situazioni di disagio, accettazione, identità, visibilità, confronto, motivazione all’inserimento nella vita gay). Il Telefono Amico Gay risponde allo 051.555661 il lunedì e il martedì dalle ore 20 alle ore 23 oppure via mail a: telefonoamicogay@cassero.it

4 VOLTE LIBERAMENTE

Da 6 anni Liberamente è uno spazio d’incontro, confronto e sperimentazione aperto a tutti e tutte. Si tratta di appuntamenti quindicinali auto-conclusivi, coordinati da operatori del Progetto Benessere, dedicati a temi di interesse per la popolazione lgbtq. Ogni volta chi partecipa potrà sperimentare se stess* nel raccontarsi, nell’ascoltare e nel mettersi in gioco in modalità di relazione sempre differenti. I prossimi appuntamenti si svolgeranno a novembre e dicembre nella prima e terza

esperienze. Ecco i primi due appuntamenti di novembre e dicembre: sabato 24 novembre alle 16.30: Il Coming Out In Famiglia sabato 15 dicembre alle 16.30 Accettazione, Omofobia e Bullismo a Scuola Se vuoi partecipare, basta inviare un’e-mail a benessere@cassero.it con i tuoi dati, un tuo contatto mail o telefonico e la data scelta. Il gruppo avrà un massimo di 18 partecipanti. www.cassero. it/ilcerchio

Bologna proporsi come capofila nazionale nella promozione di interventi nella realtà scolastica. Info e contatti: scuola@cassero.it

TUTTI GLI APPUNTAMENTI DI GIGI

GiGi – Gruppo Giovani del Cassero è una dimensione d’incontro e confronto tra giovani – gay, lesbiche, trans o etero – che vogliono conoscersi, scambiarsi esperienze e partecipare alle attività associative e della comunità lgbtq bolognese e nazionale. GiGi si ritrova ogni quindici giorni di mercoledì, prima della serata Absolutely Queer Disco Night con l’appuntamento “Stasera c’è Andrea” dalle ore 20 alle 22.30. In questi appuntamenti si chiacchiera, si discute e si organizzano attività di scambio, come progetti interculturali e incontri con altre associazioni giovanili. I prossimi appuntamenti si svolgeranno mercoledì 7 e 21 novembre e mercoledì 5 e 19 dicembre, sempre dalle 20 alle 22.30 GiGi propone inoltre un incontro “extraordinario” mensile dedicato all’accoglienza dei/delle giovanissim*. Occhio al calendario, i prossimi due incontri saranno, dalle 15 alle 18, martedì 13 novembre e giovedì 13 dicembre. Info e contatti: giovani@cassero.it

BIBLIOTECA VIVENTE PER I DIRITTI UMANI 10 dicembre 2007 Evento organizzato dal Comitato Tutti diversi tutti uguali di Bologna, di cui fa parte il Gruppo Giovani Cassero Orari e luoghi verranno pubblicizzati a ridosso dell’evento. Info tuttidiversituttiuguali@gmail. com – tuttidiversituttiuguali.blogspot.com AGEDO BOLOGNA L’Associazione di Genitori di Omosessuali riceve su appuntamento il sabato dalle ore 16 alle ore 18 tel 338.1869101 - mail:flavia.madaschi@gmail.com

COME AFFRONTARE UN’ASSEMBLEA SCOLASTICA

Il Progetto Scuola propone da 5 anni differenti en tipi di interventi nelle scuole superiori rivolti ivolti volti sia s agli studenti e alla studentesse, sia agli insegnanti nsegnant e nan n e al personale scolastico, dedicati all’educazione ducaz ducazio caz azio all’alterità e alla lotta al bullismo a sfondo sfffo o on ondo omofobico. Il 18 novembre, bre, dalle ore 10 alle 19, il i Pro Progetto Prrogetto ogget Scuola organizza nizza un laboratorio dedicato ato a “Come “C Come affrontare un’assemblea scolastica”, sc rivolto vo agli gli operatori e alle operatrici trici Arcigay che vogliono vogli vo i intervenire negli istituti. u Si tratta di un primo uti. prr passo in un percorso o di formazione chee vede v 30

CASSERO / Novembre Dicembre 07


CENTRO DI DOCUMENTAZIONE

Il Centro di Documentazione del Cassero è una biblioteca ricchissima di 10.000 titoli accumulati in oltre vent’anni di attività, ma anche una fornitissima videoteca e un’ampia scelta delle riviste gay lesbiche più cool del momento. Il Centro partecipa all’SBN (Sistema Bibliotecario Nazionale) ed è convenzionato con il Ministero per i Beni e le Attività Culturali e con la Regione Emilia Romagna. Per ricerche puoi trovare il nostro catalogo on line su www.cassero.it/doc oppure contattarci direttamente via e-mail doc@cassero. it, telefono 051.557954, e via SKYPE all’account: cdocassero. Se sei uno studente universitario di Lettere e Filosofia oppure di Scienze della Formazione, ricorda che qui puoi effettuare anche il tuo tirocinio formativo. Ma anche se non sei studente puoi contribuire alle attività del Centro ed entrare a far parte del nostro gruppo di lavoro. La biblioteca cerca costantemente di implementare il proprio patrimonio di documenti, filmati, registrazioni audio, fotografie riguardanti la storia del circolo e del movimento omosessuale dalle sue origini ad oggi; facciamo appello a tutte/i coloro che ne possiedano a lasciare una copia di queste preziose tracce al Centro, e a chi voglia, di lasciarci donazioni di libri, video, riviste e qualsiasi altro materiale a tematica GLBTQ. Le tue donazioni contribuiranno a costruire la nostra storia! IL CDOC è aperto lun-ven dalle 14 alle 19, mar-giov anche dalle 10 alle 13, e il lunedì anche dalle 21 alle 24. O / Novembre Dic CASSERO Novembr Nov o Dicembre 07 7

SHIATSU AL CASSERO

La scuola di shiatsu Araba Fenice propone un corso base per apprendere i fondamenti della disciplina dello shiatsu. La serata di presentazione è prevista Lunedì 12 Novembre alle ore 21. Il corso di svolgerà in 12 lezioni ogni lunedì a partire dal 19 novembre, dalle 21 alle 23. La scuola opera a Bologna da più di 10 anni, e i suoi corsi hanno visto sempre più la partecipazione di persone omosessuali che nelle lezioni e nei percorsi formativi hanno portato un contributo particolare di sensibilità e socialità; da qui l’idea di realizzare un corso al Cassero. In una società sempre più virtuale in cui i contatti tra le persone sono sempre più difficili, lo shiatsu si propone di recuperare le risorse creative proprie dell’individuo. Il corso di base è condotto da un istruttore omosessuale, formato alla nostra scuola. Lo shiatsu è una disciplina evolutiva che valorizza le risorse vitali di ambedue le persone coinvolte nella pratica. Genera una miglior qualità della vita qualunque sia l’età, la condizione e lo stato di benessere/disagio dei soggetti coinvolti. Non è una terapia alternativa né un massaggio terapeutico: i suoi benefici sono frutto non di un’attività mirata alla cura di patologie, ma di un processo naturale connesso al generale miglioramento della vitalità. Il costo per l’iscrizione è di 120 euro. Per informazioni e iscrizioni Francesco Vommaro 340 2364786.

31

31


QUEER CULTURE: LA GRANDE FRODE RASSEL-THAEMLITZ di Francesco “Warbear” Macarone Palmieri

TERRE

Ho conosciuto Terre al Cassero durante l’edizione 2004 di Gender Bender. In quell’occasione lei/ lui presentava uno splendido lavoro audiovideo intitolato Love Bomb, dedicato ad una critica densa dell’amore visto come ideologia usata per giustificare atti di violenza altrimenti inaccettabili. Tematiche quali amore, morte e l’assassinio dell’amore come riformulazione della felicità sono un leit-motiv che attraversa ogni suo lavoro. L’assassinio è qui visto come soppressione di concetti e pratiche di potere attraverso un bombardamento al napalm di analisi queer. Terre attualmente vive a Kawasaki, dove il rifiuto del suo transgenderismo da parte della cultura giapponese, espresso in un silenzio costante nelle relazioni sociali, gli/le produce l’unico safe space di inquieto vivere. In occasione del nostro secondo incontro ad Amsterdam per il Festival C’lick Me - Net Porn, Terre mi ha regalato il suo ultimo prodotto The Laurence Rassel Show; un Radio Dramma concepito da lui/lei stessa/o e Laurence Rassel, attivista cyberfemminista Belga e direttrice

dell’organizzazione Constant vzw. Nella narrazione, una molteplicità di voci e di personaggi che incarnano i pensatori del postmoderno compongono un testo aperto di riflessioni abrasive su tematiche quali i ‘diritti d’autore’ dei corpiinformazioni, il femminismo, l’ideologia della visibilità, l’identità di genere, la teoria queer, il genio e l’assassinio. 32

The Laurence Rassel Show nasce come programma radiofonico commissionato in Germania nel 2005 per venire poi ritardato ed infine soppresso. Puoi fare l’anatomia di questo ‘assassinio’ raccontandoci com’é andata? “Lo show era l’indiretto seguito al mio TransSisters Radio il cui tema era quello dei viaggi e della migrazione transgender. Purtroppo sia io che Laurence ci siamo accorti che temi come il genere e il femminismo non sono così sexy e commerciali come invece il transgenderismo trattato nel mio programma precedente. Fatto che naturalmente, essendo io una persona transgender, ho trovato irritante e oggettivizzante, sebbene non mi abbia stupito. Il produttore ci ha accusato di essere stati troppo teorici, che non ci fosse abbastanza musica (sebbene ce ne fosse di più che in Trans-Sisters Radio) e, fatto ancora più bizzarro, paventava problemi per i diritti d’autore dei testi di Barthes e altri che leggevamo, e di quelli dei brani musicali che ho campionato – ma fondamentalmente, non condivideva i contenuti. A questo punto, i tipici giochi del business sono partiti... tutti coloro che hanno a che fare con questo mondo, sanno di cosa parlo. Mail senza risposta, persone che si negano al telefono, ecc. Così quando dopo un anno abbiamo mandato una scadenza dopo la quale avremmo considerato il contratto non più valido, abbiamo ricevuto una lettera che ci informava che “con dispiacere” l’azienda accettava i termini della nostra cancellazione del contratto. In più, quando abbiamo deciso di produrre il cd e di dare la possibilità di scaricarlo gratuitamente, il network ha reagito in modo aggressivo, sentendosi accusato di censura. Così la vicenda è proseguita, ma niente di così profondo da dover essere raccontato. Come accade molto spesso nei campi dell’arte e dell’intrattenimento, chi detiene il potere preferisce parlare di “decisioni personali basate sul proprio gusto”, senza tener presente le responsabilità e le implicazioni del potere che detengono in quanto dirigenti di media. Semmai interessante è notare come tutte queste dinamiche di potere, ego, autorialità e il ‘venire nominati’ fanno parte del contenuto affrontato nella nostra trasmissione.” Hai reso questo lavoro liberamente scaricabile dal tuo sito comatonse.com e da Public Record (publicrecord.org). È una scelta che intendi espandere sul tema dei diritti d’autore? Quali sono gli strumenti di liberazione dell’informazione per la

THA

condivisione delle risorse e quali quelli di difesa del diritto «morale» dell’autore? “Penso che sia corretto dire che sia io che Laurence consideriamo l’idea della ‘condivisione delle informazioni’ e dei ‘diritti morali dell’autore’ come mere finzioni. È vero tuttavia che queste finzioni inquadrano tutto il nostro lavoro (non solo questo progetto), e con esse dobbiamo sempre fare i conti. Semplicemente, tenevamo a renderlo disponibile dato che ci avevamo lavorato così a lungo. Come dicevo, i dettagli della cancellazione non sono particolarmente profondi in sé, solo sintomatici delle pratiche che determinano che tipo di contenuti verranno trasmessi e distribuiti. La maggior parte degli avvenimenti della nostra vita accadono senza grossi clamori, e le nostre oppressioni assumono un senso di grazia. Non vengono combattute con bombe Molotov: in un’epoca di Individualismo Umanistico, assumono l’aspetto di fallimenti personali e di scelte di vita. Laurence e io siamo interessati ai modi in cui il personale diventa politico (il vecchio motto femminista), e a come tutto diventi un incrocio di politica ed ego. Alla fine, il nodo di questa storia non è l’autorialità, ma le forme di sfruttamento (professionale e interpersonale) che avvengono in presenza di questioni legate ad essa.”

In «A special message from Joan Smith» sottolinei come la nascita del concetto di proprietà privata della terra si basi su quello di appropriazione del corpo della donna, e come il matrimonio funga da certificazione sociale della proprietà e del controllo. Se applichiamo questa prospettiva ai matrimoni gay, ironicamente la loro rivendicazione assume l’aspetto di un prodotto storico del XVIII secolo, plasmato su identità sociali oggi abortite. Qual’è la tua posizione a riguardo? “Sì, penso sia molto difficile trovare qualcosa che oggi facciamo che non sia un lascito deformato delle ideologie e delle pratiche sociali del 18mo secolo. La nostra crescente sensibilità politicamente corretta ha portato alla censura e alla cancellazione di molte idee antiquate riguardanti il genere, la CASSERO / Novembre Dicembre 07


sessualità, ecc; e ironicamente, per il fatto che non riusciamo più a vedere le marce radici del nostro modo di pensare attuale, siamo convinti di essere depositari di nuove verità. Ma di fatto non facciamo che riciclare assurdità, la maggior parte delle quali non ci porta da nessuna parte. Ad esempio, siamo diventati ossessionati dai matrimoni gay e da altre forme che legalizzano i nostri corpi, anziché

con i colleghi di lavoro ecc. Facciamo cose in una sfera che non potremmo mai rivelare nelle altre. E questo tentativo di rappresentare se stessi con una faccia, dissimulando le altre, costruisce una parte di invisibile, di nascosto, di contraddittorio che mina dalle fondamenta e invalida tutto ciò che facciamo “visibilmente” in un determinato momento o contesto. Trovare modi di accettare

cercare di intervenire contro la rovina alla quale le corruzioni della legalizzazione ci portano. Che sono inevitabili: io stesso non avrei mai avuto la possibilità di vivere in Giappone, se non mi fossi sposato. Questi sono i ruoli in cui siamo costretti a vivere, mentre cerchiamo il modo di lottare contro di essi. In un mondo in cui a tutti vien fatto sin da piccoli il lavaggio del cervello sul fatto che “il matrimonio è la risposta!” (nonostante ci si scontri continuamente con dinamiche familiari completamente fottute), ha senso che anche i gay e le lesbiche vogliano sposarsi, ha senso che le persone infelici del proprio corpo vogliano cambiare sesso. Solo per il fatto che siamo Queer, non significa che siamo stati dotati di immaginazione speciale. Siamo noiosi e stupidi quanto chiunque altro. E le maniere in cui, in quanto comunità, cerchiamo di ottenere dei ‘diritti’, ne sono la prova.”

le contraddizioni in noi stessi e imparare a portarle in primo piano, potrebbe essere un modo per trovare nuove strategie nelle nostre azioni.”

transuomini? E cosa pensi dei transuomini che si identificano sessualmente come maschi gay o bisessuali? “Mi stai chiedendo cosa penso degli artisti/teorici FtM che si sono sottoposti alla transizione da donna a uomo e del loro massiccio utilizzo di immagini di dominazione maschile, S&M e stupro nei loro lavori? Personalmente trovo limitante il fatto che questo processo di “autopotenziamento” venga costantemente rappresentato in modi che sembrano partecipare al potere stesso del maschio violentatore. Ma a dispetto delle asserzioni che molti artisti FtM fanno a proposito di questo processo, non penso che sia in realtà il nodo focale dei loro lavori. Sono propenso a considerare le comunitàtransgender, e in particolar modo quella FtM, come abbastanza trasparenti a proposito del fatto che siamo intrappolati in una serie di traumi. Tenendo presente le esperienze di abusi di routine che la maggior parte delle persone FtM ha affrontato (e che possiamo generalizzare a proposito dei traumi affrontati da MtF, gay e lesbiche), trovo comprensibile – anche se poco fantasioso - che i modelli di sessualità rappresentati dagli artisti FtM ruotino quasi sempre attorno ai concetti di stupro e brutalità. Questi lavori mi colpiscono di più per il loro aspetto catartico che per il loro messaggio di “autopotenziamento”, poiché hanno a che fare con il tentativo di dare un senso alle violenze subite per poter salvaguardare una certa dose di sanità mentale. In definitiva, trovo ci sia un forte substrato ‘femminile’ nei lavori degli artisti FtM che diventa paradossalmente più pronunciato quanto più è lo sforzo dell’artista di presentare se stesso come ‘mascolino’. Penso che questo abbia a che fare con ciò che Laurence dice nel nostro programma, e cioè che le

AEMLITZ TZZ In «A special message from Peggy Phelan» focalizzi il discorso sull’ «ideologia del visibile». Se la visibilità è una trappola perché produce sorveglianza e legge, quali sono le strategie invisibili per combattere l’oppressione sociale che aggredisce le diversità ? “Non penso che esista un mondo sotterraneo di strategie segrete di cui non siamo al corrente. L’ipocrisia, consciamente o no, è parte di tutto ciò che facciamo. Nella società interpretiamo ruoli multipli e contraddittori: cambiamo comportamento quando siamo con gli amici, con i genitori, CASSERO / Novembre Dicembre 07 7

In “On transgendered authorship” fai una critica a come nella comunità transessuale, i processi di transizione MtF puntino su modelli di rappresentazione conservatori, patriarcali. Tali modelli sono spesso enfatizzati dai media i quali non mostrano mai invece gli aborti di tale bellezza socialmente normata, ovvero le transdonne che hanno chirurgicamente fallito l’obiettivo, e che sono la maggioranza. Ciò produce una negazione simbolica dei processi di transizione FtM perché è più pacificante rappresentare un processo di perdita del potere (dal maschile al femminile) piuttosto che uno di acquisizione (dal femminile al maschile). Non pensi che in quest’ottica vada fatta una critica radicale anche ai modelli di transizione maschile che spesso si schiacciano su prospettive di potere, autorità e violenza funzionali all’integrazione sociale dei

33


‘donne’ (intese come ogni corpo che parte da una F) sono sempre “oltre” - ovvero che il bisogno di analizzare e comprendere l’oppressione patriarcale porta al bisogno di identificarsi con modelli di potere patriarcali che nello stesso tempo vengono però etichettati come obsoleti e superflui dalla stessa controparte ‘M’ ‘autopotenziata’. Per quanto riguarda la tua domanda a proposito dei trans-uomini che si identificano sessualmente come gay o bisex, penso che il genere e la sessualità siano due cose distinte. Credo che l’autoidentificazione sessuale sia una questione di convenienza che, a ben pensarci, non ha alcun senso. Se dovessi identificare me stesso sessualmente, probabilmente risponderei “queer pansessuale”, ma in altre situazioni mi identificherei come gay o etero o confuso. Trovo ironico che la maggior parte dei gay “essenzialisti” che ho conosciuto e che erano così decisi quando si trattava di difendere il fatto che erano “nati gay”, a un certo punto abbiano finito per sposarsi ed avere dei figli. Che cazzo significa tutto ciò? Per questo non mi interessa molto il modo in cui ciascuno identifica se stesso.” Per concludere, una domanda “bonus track” trasmessaci dal nostro direttore Walter Rovere: avendo letto in libri come quelli di Lawrence, Gilbert o Reynolds di quanto le piste da ballo dagli anni 70 all’acid abbiano rappresentato “zone temporaneamente autonome” di liberazione di nuove politiche del corpo, stupisce leggere che nelle note di copertina di K-She scrivi che “Le piste da ballo odierne sono veglie in memoria di un’era mitica di apertura che non è mai esistita”. Puoi spiegare meglio questa affermazione? “Sì, è buffo che alcuni di questi testi citino anche me come dj Sprinkles, anche se all’epoca non ero nessuno, e la storia del premio che ricevetti nel 91 come “miglior dj” del Sally’s è la prova di quanto la gente ami credere al mito dei club di New York. Tutti ora citano il Sally’s, il famigerato club per prostitute transessuali portoricane e afroamericane, ma nessuno, se non i loro clienti, lo frequentava. Ci entraisostituendo un dj portoricano omofobo che suonava solo hip hop e che odiava lavorare coi “froci”, e solo un mese o due dopo essere stato votato dalle ragazze come miglior dj, fui licenziato perché suonavo solo deep house strumentale underground (o meglio perché rifiutai di suonare un disco di Gloria Estefan richiestomi daa un ricco paparino ino no e, sono per dirla con le parole ole di Sally, ““non “n le ragazze gazze a paga pagare pagar l’affitto, ma i clienti!”). 34

Così venni sostituito da un ragazzo gay bianco dell’East Village che suonava i Pet Shop Boys e Lisa Stansfield. Questo era il vero sound della trasgressiva scena underground di New York. In realtà tutti quei fantastici pezzi deep house che tanto appassionano i produttori e i collezionisti oggi, non venivano suonati nei club. Per nulla! La musica veniva prodotta, ma non c’erano posti dove suonarla. Junior Vasquez, Frankie Knuckles, Danny Krivit e tutti questi grandi dj “underground” erano fermi a Clivillés e Cole e cose del genere, facevano remix vocali, e tutti impazzivano. Ma se andavi più sulla deep venivi fischiato. Dopo essere stato licenziato dal Sally e da ogni altro club perché non suonavo “pezzi che piacevano alla folla”, mi sono messo a fare musica immaginando che così sarei entrato in contatto con gli altri musicisti che mi piacevano. Credevo ancora in una stupida nozione di “comunità”, che ci fosse un posto con della gente figa e musica figa. La realtà era molto più casuale e disgiuntiva, cosa che per me - da giovane - era difficile da accettare. Il fatto che gli stessi dj dell’89 tengano ancora nelle loro mani il monopolio dei club nel 2007, ti fa capire quanto la scena in realtà fosse chiusa e quanto continui ad esserlo. È vero però che i club furono molto importanti per i froci degli anni 80 e per gli attivisti che si occupavano di HIV. Erano i posti dove le persone cercavano una via di fuga dalle difficoltà delle loro vite. Non bisogna dimenticare che in quegli anni la polizia pestava senza problemi e si faceva dare soldi da trans e marchette, e attaccava fisicamente i dimostranti. Negli anni 80 a New York ci furono molte rivolte scatenate dalla polizia, ed era comune che degli attivisti sull’Aids “sparissero” per 3 o 4 giorni in prigione prima di essere rilasciati senza nessun capo d’accusa, mentre durante quei giorni era stato loro negato l’accesso alle medicine. È stato un periodo orribile, e alla fine la polizia e i conservatori hanno vinto. Dalla metà degli anni 90 New York è diventata la versione Disney. I senzatetto sono stati allontanati, gli affitti di quelli che erano quartieri poveri sono divenuti impossibili, la prostituzione nel mid-town è stata debellata, e molte trans sono state costrette a spostarsi in altri stati. New York ora è solo una barzelletta. Certo, oggi abbiamo

ancora l’house music, ma si è perso di vistaa il il contesto c to di to d povertà tàà e oppressione daa cui musica. ccu uii è nataa questa q ussiic Il mito u m to dell’amore e della ma ellla fratellanza ffrr nzza nei club n b rimane, rriim im ma senza comprendere der eree i motivi vii per p cui quelle ueelllee persone one si ritrovavano ne nei Disney è veramente n ei cclub. D Di vveer ente l’analogia più corretta orrrettta ta per l’oggi, ta l’l’o og perché og rcch hé è come me andare in un e divertirsi u castello cassteel ello llo principesco nci nc cip di d irsi sognando dii vivere r come com ome m dei re, reee, senza s a un n pensiero p pe erro o a tutto il sangue g che che è stato ssta taat versato rrssa sat per er costruirlo. cos cco osstr lo o Glii house party ar di d oggi oggggi non no sono n so on o no altro n lttro o che cch he una na trovata (quanto va per turisti ur u (qu uan anto n o in i maggioranza mag ma aggg orran nza za erano eer no o anche he allora or - buttate b ate via via ia ogni oggn idea dea de ea di di autenticità, au uttten tenti tic àà,, per favore!). av ) Non on n capisco piscco perché perrcch mi mi trovi ttrrovi ad ad essere eess esse s ree il solo a demistifi mi fi ficcare c e ‘l’età ’etàà dell’oro’ ’e del d elll el ll’o ll’o o o’’ – tutto ttu uttto o questo qu ques q uest esto stto o romanticismo i ic o è imperdonabile, m rd don onab abi biille le, le, e, a mio miio parere”. m pare p rere erre””. (traduzione: ne Wawashi) Wa assh h

CASSERO / Novembre Dicembre 07


dallÊalto: Gilbert & George, Winter Tongue Fuck, 1982, © the Artists, Thea Westreich-Ethan Wagner Collection; All, 1989, © the Artists, Martin Hatebour Collection; Naked Faith, 1982, Tate © the Artists CASSERO / N Novembre Dicembre 07

35


Consula vas crio inihil vis caesimus moendi, se aciem nihil crum nost L. Tum ex se eo, que cone aucitanum popotis in sa ame quiditelibut in vicaperis. Nam dit, Ti. mis enium sa re fac fur. Maedem, quam ente etia etissoltum, sentere inc re consine ssendum mor habus ad patus viliur, consum nem horte, erimili caedo, stus, pra? Lus fuemne a nequero ricerfenemum noctorte poenica volicie ndemoentimus superum maio, nos etium iam ine temus, dem, acrem fintus crei condacemque acchil haequit. O te facta dernihi ciamdi conotis senatus eres halintem ad ina, C. Omne iam nos confero unulic int. Ximulut vivenihilic inam inculocum in stiaecreis con nove, condiere nica virte feci intra pota, sercesili confit. Idemurnihi, nonihi, sene ciis et aucon vagin vo, quemul hos et; nimantrectus estra silius Ad cum adetraelisus pectua reo consupionc fac inatum rebus erem publiem, coena Serem in tario, nos, num tem, ut ret rei te dea rentrit abusper untesus non temum inatum meniu sus pra prei factam vivatem di, C. Nam inteat, pati, unteriverum me fue con te, noti, que morum fatudes publiam locaudet firipte catqua dienam nenirionsum ausquam tum auc temul hilicae accit, in vissimp roximil huiurox molium hiliaeq uonimis suntem patroximus atator ad res? Gulvit pra, vehente quem ingulinati posulti, quo considem medionsunum consuliem es? Ivilicute ta aperfit. Unirist vivitel ustiam apes at, sestidi inatqua con st vius re adduciaedium nium sestilibus pride viviris. Lum erbi tuasdame inarica rehenimum omnescerit vagili condem ete nos ia ne me tum dis, essum nos ma, ut fac in sa nos clesci patravo, que co iam nonvesilinum propopuliis, machices noris, conlocutemo egit. Lus hordi tea catis nonloc, Catquo verfenterio et; in sulless enteatil hocchus. Verum ma, us, Catinvent. munterf ecitidit iacto conisse includam ferceni cupectu it; nem tam patil ta Si fica quem ina, furesupica in videm, consulicae prae fica; habusa quitu movisum tus endam hos cons Ahalarbis virmis. Do, condam tuus? Gin stabess imenterio, nihili peri publicum addum nertium dit, que consupicam ina quis? Ahalestem noncum su quam inprorid moltuidete pro publiciptia nihilicio, dem abussolum, prae poenatu uspionfer peruncutus, ut graress oltorem te que cludem si etilicionsi cem seres, consili catodin dum obunum urbit, que ius firtua ex nost arem dit, ad consin ta nos cul vividiti, visultorunum P. Marei iam sim hostortem Rommort iuscie nius consum puliurores! Evisum us adhuius. Deculabenes spessignatum qua det? Nihil halatquem opoena, niceps, cressul abuscide idicavem tur am criam aus crei pubitus publiam aci facere publica veris, suam tam ocupplinc retis is coer hac tem sulegit vis adhucio, quo vidius conderv ideorum entrus. As patum sulerei condam peressilicon halis, dellege rfericaperem feconere tum conlos optentiem opti faur. Verfectum acere iaellabunum deatis orudem, Ti. Atus? inprorum dius. Rudam mentiam mora re, orudam id sentera no. Aperfecrei patquos Catratimium furit. Tus vis, nononvoc, qua intem me morunculicae condic in vestrunum quam spici ere, quit fuemnon sultortus.

Go milintus conducent. Graveritum, Casdaci aesti, nonsumus, ceressente, utum potisquam ius ia? quam dem Palem publinum estratilius, crem invent. Vives fure confex nonsime peropora re aus su condum publi serdiur orbemorum tuam ut addum, confecres opublie mernice rudendi confesi peres, crem pra vendius, cones omne dem maximus sit cum omniaci seniam ren in ius host graciorum mei plii factum fuidefacturo int. At ad in tus, culiam patus, cescerem silienducta ressena, catillerra viver la mus clabis ducibente non publis; nirmiliis. Bondiis fuemperei sa maio verio condam non Itabuncer publiem et inum dent, quidiem ularicae fuit is. Fitiort anumus fur, caet fuium acibemore publius halis, fui in hilis. Rena pror poenius oporume ntenam tum los iae, pota, nium di per ium ac omproximod iam hos confecum facia? Palabendiu ina, quit. Ordicav ernica resteri onvere, nonsimus omactodienat ina video, nem, me privirius conteateret; iam. Sertusp iorudel iculem ad fatus bondici perei senatimuscio ature audesim ihinum ius Catum, Caturni hilinulos, ublin Etrum pecturo, spimus seniu vid inemus ponfex nequam tem. Mus, num finamdi tente, unclabem lostilicon hos, omanuli caperbi sseniqu asdamporiam husulto vis egeris sentracta, utum manum, con Etra vivit ferteatis. At. An nesci convero popubliem mortessili in talego non vit ne ad mus nonces hore factus, feridem ut viviven traetilicia omperi, conterfinam in vit non destil vo, caedius hae in ses cur ad re ius complis. Vala recesterum nimaciam is iu mentiam tem, publicu spiones se eti, sentuus ina, C. Aximisqui is fin terum parehem occi firitam loc morsunum aut in sil vit, neque tique nons ocultum turorenisque ne aus ines, Caturaet in teroris con Etra num sentiqu itervitelum perusquemur. Quo achuc morunum etis sena re ilicien daciena timus. Qua resceri piorid iaeludam nium et num iam iamque te auconemur ut comace it, consimum ingultorae, atis. Raetior actuid inat, Ti. Ludempra am inum oc fora ad factori tiquodius et; horum omni iurbita buncurs ve, sul

SOTTOTITOLO CONDENSED

Fitiort anumus fur, caet fuium acibemore publius halis, fui in hilis. Rena pror poenius oporume ntenam tum los iae, pota, nium di per ium ac omproximod iam hos confecum facia? Palabendiu ina, quit. Ordicav ernica resteri onvere, nonsimus Coordinamento omactodienat ina video, nem,Emilia-Romagna me privirius conteateret; iam. Sertusp iorudel iculem ad fatus bondici perei senatimuscio ature audesim ihinum ius Catum, Caturni hilinulos, ublin Etrum pecturo, spimus seniu vid inemus ponfex nequam tem. Mus, num finamdi tente, unclabem lostilicon hos, omanuli caperbi sseniqu asdamporiam husulto vis egeris sentracta, utum manum, con Etra vivit ferteatis. At. An nesci convero popubliem mortessili in talego non vit ne ad mus nonces hore factus, feridem ut viviven traetilicia omperi, conterfinam in vit non destil vo, caedius hae in ses cur ad re ius complis. Vala recesterum nimaciam is iu mentiam tem, publicu spiones se eti, sentuus ina, C. Aximisqui is fin terum parehem occi firitam loc morsunum aut in sil vit, neque tique nons ocultum turorenisque ne aus ines, Caturaet in teroris con Etra num sentiqu itervitelum perusquemur. Quo achuc morunum etis sena re ilicien daciena timus. Qua resceri piorid iaeludam nium et num iam iamque te auconemur ut comace it, consimum ingultorae, atis. Raetior actuid inat, Ti. Ludempra am inum oc fora ad factori tiquodius et; horum omni iurbita buncurs ve, sul

Facile come fare il test hiv.

tus. Go milintus conducent. Graveritum, Casdaci aesti, nonsumus, ceressente, utum potisquam ius ia? quam dem Palem publinum estratilius, crem invent. Vives fure confex nonsime peropora re aus su condum publi serdiur orbemorum tuam ut addum, confecres opublie mernice rudendi confesi peres, crem pra vendius, cones omne dem maximus sit cum omniaci seniam ren in ius host graciorum mei plii factum fuidefacturo int. At ad in tus, culiam patus, cescerem silienducta ressena, catillerra viver la mus clabis ducibente non publis; nirmiliis. Bondiis fuemperei sa maio verio condam non Itabuncer publiem et inum dent, quidiem ularicae fuit is.

800.56.60.80 numero verde aids www.helpaids.it

CASSERO / Novembre Dicembre 07

www.kitchencoop.it

TITOLO PAGINA


Cassero Vol. VI no. 4 - nov-dic 2007