Page 33

materiali e tecnologie Ad esempio, l’utilizzo del vetro per l’illuminazione, sia nella lampadina che nel neon. Tirare questo materiale fino all’estremo creando dei fili porta ad ottenere la lana di vetro, eccellente isolante termico, molto utile come materiale da costruzione. Con i fili di vetro si fabbricano tessuti, incombustibili e isolanti elettrici. Inoltre si possono aggiungere alla plastica per darle la rigidità e la resistenza che altrimenti non avrebbe. Ora l’industria produce il vetro float, delle grandi lastre di vetro con uno spessore e delle superfici molto omogenee. Prende il nome dalla tecnica di lavorazione, in quanto galleggia su una superficie di stagno fuso. Infine, non si può non ricordare i palazzi di vetro e i pannelli solari che catturano l’energia, le grandi conquiste tecnologiche che hanno cambiato i costumi e le abitudini dell’uomo contemporaneo. Come materiale di costruzione Il vetro è un materiale fragile. Trova impiego sotto forma di lastre nella realizzazione degli infissi, per le finestre o per le facciate continue. Permette alla luce di entrare negli ambienti interni e al tempo stesso isola l’edificio dagli agenti atmosferici. Può essere utilizzato anche a scopo decorativo, realizzando ad esempio delle vetrate a mosaico. Le lastre di vetro possono essere assemblate in strati, tra cui viene lasciata un’intercapedine. Si parla in questo caso di vetrocamera. L’utilizzo della vetrocamera permette un buon isolamento termico e acustico. Esiste anche la possibilità di creare dei “mattoni” in vetro, detto vetrocemento. È possibile realizzare pareti divisorie in vetrocemento che permettono il passaggio della luce mantenendo allo stesso tempo una certa privacy. Per porre rimedio alla fragilità del vetro si utilizzano alcuni accorgimenti. Per quanto riguarda la sicurezza la troviamo declinata in tre tipi di lavorazione: in vetri armati (o retinati), prodotti inserendo in fase di laminazione, quando il vetro è ancora fluido, una rete metallica che ha la funzione di trattenere i frammenti in caso di urto; in vetri temprati, soggetti a trattamenti termici atti ad aumentarne la resistenza all’urto e di conseguenza quando si rompono si frantumano in piccoli frammenti con spigoli arrotondati; in vetri stratificati, interponendo tra due lastre di vetro, di norma temprate, un foglio di materiale plastico.

33

Casainmente living way n.09 ottobre-novembre  

Casainmente living way n.09 ottobre-novembre

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you