Page 14

designer e design Questi ultimi rifiutarono, certi che nessuno mai avrebbe accettato di mettersi in casa oggetti in acciaio cromato. Breuer cominciò allora a costruire i suoi prototipi fuori dai laboratori della Bauhuas, con l’aiuto di un fabbro, e la Wassily apparve come primo prodotto della neonata società di Breuer, la StandardMöbel Lengyel. Negli anni, Wassily Chair ha subito parecchie modifiche: per prima cosa, da una struttura in acciaio tubolare saldato si passò ben presto ad un’unica struttura senza saldature. Questa, piegata in modo da ridisegnare il “cubo d’aria” già citato, permetteva al fruitore di godere sia di stabilità che di una lucida eleganza. In seguito furono variati i colori della seduta e dei braccioli in cuoio, e fu data la possibilità di applicare dei piccoli peduncoli di plastica o gomma sotto le parti d’appoggio, in modo da non danneggiare il pavimento, al contatto col rigido acciaio. Wassily Chair è ancor oggi un oggetto d’arredamento adatto sia alla casa che all’ufficio; i diritti sul disegno appartengono alla Knoll inc. ma, siccome i diritti dei maestri dal Bauhaus sono attivi solo in alcuni paesi del mondo, altri produttori – tra cui alcune ditte italiane – possono offrire delle riproduzioni precise dell’oggetto, perfettamente rispondenti all’originale ed autorizzate.

14

Casainmente living way n.06 luglio-agosto  

Casainmente living way n.06 luglio-agosto

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you