Page 63

libreria

Déco

Duncan Alastair Electa Editore

Il periodo fra le due guerre, la grande Depressione, l’era del jazz, dell’automobile e del grattacielo, gli anni del fermento artistico e sociale nelle grandi citta d’Europa e d’America: l’Art déco accompagna l’avvento del mondo moderno e determina una nuova estetica che abbraccia gli stili decorativi più raffinati del Novecento. Nelle sue forme più pure il déco nasce a Parigi da un’idea di lusso e ricercatezza che, negli anni venti, si esprime spesso attraverso l’uso di materiali esotici e pregiati. Il fenomeno coinvolge successivamente i designer modernisti d’Europa e d’America che sperimentano l’uso del metallo e della plastica. Dall’ispirazione a modelli estetici e artigianali di altre culture - dall’antico Egitto all’antichità classica del Mediterraneo, agli imperi coloniali in Oriente e in Africa emerge così nelle arti decorative. Quell’insieme di stili che oggi rientrano nell’accezione più ampia di “Art déco”. Con un apparato iconografico di oltre 1000 immagini, il volume di Alastair Duncan rappresenta un’opera completa sulle arti decorative del periodo fra le due guerre. Oltre a testi di inquadramento storico e artistico, il libro offre un repertorio di più di quattrocento voci ordinate alfabeticamente, con le maggiori personalità nell’ambito dell’arte, della grafica e del design, le scuole più influenti, le esposizioni che hanno promosso le creazioni degli oggetti déco e le case che li hanno prodotti.

Grande atlante dei giardini in Oriente e Occidente

Great escapes Mediterranean

Una puntuale mappatura geo-storica che inizia con il giardino di Roma antica e si conclude con le ultime tendenze lanciate dai garden designer: questi i temi affrontati in oltre 300 pagine, corredate da più di 350 immagini che illustrano l’evoluzione delle diverse culture artistiche legate al giardino, presentate in sequenza cronologica e in modo orizzontale attraverso i cinque continenti. Al pari di altre discipline, come l’architettura o la pittura, anche l’arte dei giardini vanta un’origine antichissima come spazio carico di significati e simbolismi, che affonda le proprie radici nel necessario bisogno dell’uomo di rapportarsi con la natura, “addomesticandola” secondo il proprio sentire, nei luoghi del proprio vivere. Lo studio scientifico dell’evoluzione del giardino, disciplina definita e istituzionalizzata nel corso del XX secolo, ha messo in luce le differenze e le influenze che hanno indirizzato verso stili e mode diversi il rapporto dell’arte dei giardini con le altre arti, nelle diverse epoche. Questo atlante intende guidare il lettore in un viaggio attorno al mondo alla ricerca dei giardini, tra i tanti che si sono conservati fino a oggi, che maggiormente hanno caratterizzato un’epoca, sancito un cambiamento di gusto o rappresentato un modello, evitando la consueta separazione tra Oriente e Occidente.

Il Mediterraneo è un mare ricco di storia e mitologia sul quale si affacciano ben tre continenti e 21 nazioni differenti. Ognuna di queste diverse culture è comunque benedetta da un clime mite e soleggiato e da una fauna e flora tipiche. Angelika Taschen ha scoperto il meglio di questi paesi. Sfogliando il libro troviamo l’elegante Eden-Roc sulla Costa Azzurra, lo stiloso Monte Carlo Beach, l’hotel Stella Maris a nord di Portofino al quale si accede solo via mare o trekking e tutti i begli alberghi della costa di Amalfi. Aggiungete i piccoli alberghi della piccola isola croata di Lopud, l’esclusivo Perivolas a Santorini e infine l’Hotel Nord-Pinus a Tangeri che si affaccia sullo stretto di Gibilterra. I migliori includono l’Hotel Le Corbusier a Marsiglia, Casadelmar in Corsica, l’Hotel Torre di Cala Piccola all’Argentario, la Locanda di Barbablù a Stromboli, gli straordinari hotel nelle masserie di Apulia e l’Orloff Resort nella piccola isola greca di Spetses.

Filippo Pizzoni, Lucia Impelluso Electa Editore

Reiter Christiane Taschen

63

Casainmente living way n.04 maggio/giugno 2010  

Casainmente living way n.04 maggio/giugno 2010

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you