Page 28

Intervista all’Architetto Massimo Broglio Architetto Broglio, i Suoi progetti si identificano nell’avere una struttura attenta ai particolari e alla modernità; vuol spiegarci come nasce nella Sua mente un progetto e come viene poi sviluppato? Le dirò, il mio lavoro non lo faccio con la volontà di progettare edifici “alla moda”. Mi identifico nelle parole di Livio Vacchini, scomparso qualche anno fa, il quale, in occasione di una lezione al Politecnico di Milano, raccontava come ogni giorno si recava nel suo atelier di Lugano con l’unico scopo di creare un “capolavoro”. Questo concetto, in cui si rispecchia il mio modo di essere come persona e come professionista, inevitabilmente mi impone di dedicare molto tempo allo studio della storia dell’architettura e dei suoi maestri, nella ricerca ossessiva di forme nuove che continuo a manipolare fino ad arrivare a quello che sarà il progetto

finale, che presento all’utente con la grande convinzione che esso funzionerà! I miei progetti nascono in questo modo, passando attraverso l’ascolto ed il confronto con i miei interlocutori; tuttavia, per me, l’obiettivo rimane sempre quello di cercare di fare un “capolavoro”. Balza agli occhi la grande attenzione che pone anche nelle finiture, sempre accurate; come avviene la scelta del loro utilizzo? La scelta dei materiali è di volta in volta diversa a seconda del cliente, del contesto, del budget e della tipologia che devo ideare. Agli inizi della mia carriera mi capitavano sempre clienti “tirati” e, quindi, ho lavorato per anni con la necessità di realizzare edifici con pochi mezzi ma 28

Studio Architetto Broglio MASSiMo

Via Prà Bordoni n. 46/5 - Zanè (VI) Tel. 0445.315233 - Fax 0445.1745907 www.massimobroglio.com - info@massimobroglio.com

Casainmente living way n.04 maggio/giugno 2010  

Casainmente living way n.04 maggio/giugno 2010

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you