Page 1

S t o r i e

d a lle

c i t t à

d i

f r o n t i e r a ANNO III NUM .1

M ADE IN LINUX GNU

EdizioniLeSicil iane

CACCIATA PALE R M O LA

Ge nnaio-Fe bbraio 2008

D I CU FFAR O

2

EURO

"Suonala ancora, Sam "

SICILIA/ FRA MONNEZZA E DIOSSINA CREDITO/ I SILENZI DELBANCO LE SICILIANE/ CLARA SALVO CATANIA/ L'ANNO DI RACITI

Sveglia, Siciliani! Pino Maniaci, di Te l e jato, è s tato pe s tato dai m afios i de lbos s Vital e pe rch é de nunciava gl i intral l azzi de i bos s . "Vado avanti" h a de tto. Fino a q uando l as ce re m o s ol i a com batte re uom ini cos ì?

Ch i spara, ch i am m inistra, e ch i gestisce le im prese.

Li ch iam avano Trinità

Per esem pio, i superm ercati INCH IESTA

SALVATOREBORSELLINO/ UMBERTO SANTINO


2


"Ccu c'è c'è, ccu non c'è non c'è"

@

w w w.le siciliane .org

Non M ollare

__________________

Casabl anca

ANNO 3 NUM ERO - GEN.-FEB. 2008

__________________ Graz ie llaProto dire ttore graz ie llaproto@ inte rfre e .it Riccardo O rioles dire ttore re sponsabile riccardoorioles@ gm ail.com Lillo Ve ne z ia vice dire ttore Be ppe M usm e ci assiste nz a te cnica Con: Gian Carlo Case lli Be ppe Lum ia Claudio Fracassi Nando dalla Ch ie sa Um be rto Santino don Luigi Ciotti Robe rto M orrione Lidia M e napace Antone lla Se rafini Nadia Furnari M arisa Acagnino Giovanni Abbagnato Rita Borse llino Se bastiano Gulisano Gianfranco Faillaci Fabio Gallina Vane ssa M arch e se Fabio D'Urso Pie ro Cim aglia Giuse ppe Scatà Carlo Gubitosa Alessandro Gagliardo Dario Russo Antonio M az z e o Luca Salici Luciano Bruno Rosario Giuè Augusto Cavadi Conce tto Gre co Sonia Giardina Rocco Rossitto Luca Rossom ando France sco Fe ola France sco Galante France sco Di Pasq uale Fabio Vita Antone lla Consoli Vince nz o Contice llo Albe rto M arce done "Am m az z ate citutti" “Addiopiz z o” “IlPiz z ino” "Te le Jato" __________________ Illustraz ioni: M auro Biani Am alia Bruno Kanjano & Fe rro __________________

Proge tto grafico: Studio O . (da un’ide a di Pie rgiorgio M aoloni) __________________ Re daz ione via Caronda 412, Catania (09 5) 09 3249 0 Pubblicità via Caronda 412, Catania (334)809 3875 __________________ Stam pa: Litocon srl litostam pa e confe z ioni Contrada Torre Allegra Z ona Industriale, Catania (09 5)29 1862

__________________ Editore Ediz ioni Le Siciliane di Graz ie lla Rapisarda __________________ Re gistraz ione Tribunale di Catania n.23/06 de l12.7.06 __________________ «A ch e se rve vive re , se non c’è ilcoraggio di lottare ?» (Giuse ppe Fava)

SIA MO A L CA PO LINEA .

A S TIME GO ES BY, SICILY.

Q

ue s to num e ro di Cas abl anca e s ce , com e ve de te , m ol to in ritardo. Anz i, probabil m e nte , non e s ce affatto: ne lm om e nto in cui - dopo m ol te atte s e - l ol ice nz iam o, non s appiam o s e s are m o in grado di s tam parl o is n tipografia o s e l o dis tribuire m o in Pdf via inte rne t. Sono q uas i due anni ch e andiam o avanti cos ì e d e s s e re s opravvis s uti tanto a l ungo potre m m o anch e cons ide rl a una vittoria: q uantom e no d'orgogl io ("Ch iude re te dopo due num e ri!" am m onivano s e ve ram e nte i s e natori). M a non l o s are bbe pe r ilpopol o de l l 'antim afia e de l l a de m ocraz ia, ch e ci h a dato fiducia. Ilfatto è ch e non s i può far l a gue rra da s ol i, i ge ne ral iael aborare grandios e s trate gie e i s ol dati abbandonati a te ne re l a prim a l ine a s e nz a m uniz ioni. E' q ue l l o ch e è s ucce s s o, pe r q uanto ci riguarda, in q ue s ti due anni. Noi te niam o duro, non m ol l iam o. Sono nate cos e be l l is s im e attorno a Cas abl anca (bas ta pe ns are ai ragaz z i di Catania, ai giornal i dii q uartie re , al l 'antim afia concre ta e giovane ch e cre s ce q ui e ora) e noi non vogl iam o tradirl e . M a è tutto m ol to difficil e, a l ive l l o di pal az z o s iam o s ol i. A l ive l l o di m e rcato... M a ilm e rcato non e s is te , ne l l 'e ditoria s icil iana: conta ilpote re . Un te m po, a Catania e Pal e rm o, l a m aggioranz a de gl i im pre nditori convive va tranq uil l am e nte con l a m afia: pagava ilpiz z o, e non face va pubbl icità s ui giornal i antim afios i (ch e difatti m orivano as fis s iati). Ade s s o al m e no ilpiz z o com incia a non pagarl o più. M a q uanto a pubbl icità, q ue l l a è s e m pre e s ol o pe r i giornal i "pe rbe ne ".

Pe r fare

Cas abl anca c'è vol uto un im pe gno e una te nacia s traordinaria. Fors e non s appiam o fare az ie nda - m a non s i vol e va fare az ie nda - fors e s i è pe ccato di s upe rbia - e ppure , a vol te anch e turandoci ilnas o abbiam o fatto de i pas s i pe r noi difficil i fors e s i è pe ccato di arroganz a - m a in re al tà s i vol eva s e m pl ice m e nte dare un m e s s aggio dive rs o. Si vol e va s e m pl ificare ilpe rcors o e dare una ris pos ta ai tanti ch e invitavano a fare un "giornal e nos tro" (e ch e poi, giunti alfare , s ono s pariti). Si vol e va s e m pl ice m e nte dire : guardate ch e fare inform az ione non è poi cos ì difficil e , con un m inim o di im pe gno col l e ttivo non è difficol tos o, è pe s ante s e s i è da s ol i, circondati dalfos s ato. Cos ì com e è s ucce s s o a Cas abl anca - un grane l l ino di s abbia ne ldifficil e e com pl e s s o m ondo de l l ’inform az ione pe r ilq ual e s i s pe ndono tanti bl a bl a bl a…

3

Ci arre ndiam o?No, pe r nie nte . Se

non potre m o andare in tipografia, andre m o in inte rne t, trove re m o al tri m odi pe r fare “ l ’inform az ione ch e non c’è” , ce rcando di l im itare l e s pe s e al l a s ol a ge s tione de l l a s truttura. Ai nos tri affe z ionatis s im i abbonati ch ie diam o um il m e nte s cus a pe r non ave re s aputo ris ponde re alm as s im o al l a fiducia ch e ci h anno dato; pe r il m om e nto proce de re m o face ndo il giornal e a vol te cartace o a vol te in pdf. Ch i non fos s e inte re s s ato ce l o faccia s ape re con una m ail , ci re gol e re m o di cons e gue nz a re s titue ndo ciò ch e è dovuto. Ch ie diam o s cus a ai tanti ragaz z i im pe gnati ne i q uartie ri a ris ch io dove s ono già nati i giornal i di bas e e ch e col l aborano con Cas abl anca. A l oro diciam o ch e l a nos tra l otta continua, ch e contino com e s e m pre s u di noi.

C

h ie diam o s cus a agl i il l us tri e ditori, al l e grandi te s tate ch e ve ngono in Sicil ia pe r s crive re com m os s e parol e q uando am m az z ano q ual cuno di noi, e poi fanno patti con ge nte com e Ciancio, autoce ns urandos i l e pagine (com e fa Re pubbl ica a Catania) pe r non fargl i concorre nz a. Ch ie diam o s cus a agl i il l us tri am ici (ch iam am ol i anch e com pagni, s e non s i offe ndono) de i vari partiti e partitini de m ocratici, graz ie pe r l e m ol te prom e s se e l e m ol tis s im e buone parol e . Bas tava poch is s im o pe r farci s opravvive re (noi, pe rs onal m e nte , l avoriam o gratis : vorre m m o s ol o non dove rci ve nde re anch e l a cas a) e ppure q ue l poch is s im o non s 'è trovato. C’è s e m pre una q ue s tione o un'e m e rge nz a pol itica più im portante de l l ’inform az ione l ibe ra, s al vo poi a l am e ntars i pe r l e vittorie m e diatich e di Be rl us coni. Graz ie a tutti indus trial i, pol itici, com pagni, l ottatori da fiction, com m is s ari antim afia ve cch i e nuovi - e s cus ino l 'ardire .

C'

è bis ogno di approfondim e nti, C’è bis ogno di ge nte de i vari l uogh i. C’è bis ogno de l l e tante ge ne ros e e ne rgie dis s e m inate ne l l e varie piccol e te s tate ch e ope rano ne i te rritori e fanno s e nz a m e z z i, l ’inform az ione ch e non c’è. E’ utopis tico?No, non com pl e tam e nte . Bas te re bbe pe r e s e m pio orie ntare una parte di q ue l l e e ne rgie in m odo dive rs o: pre nde re atto de l l e re al tà te rritorial i ignorate dal l a l e gge s ul l ’e ditoria e pe ggiorate dal l a nuova propos ta di l e gge e , parte ndo da l oro, im pe gnars i pe r un organo di inform az ione al te rnativo al m onopol io. M a ne riparl e re m o.


STO R IE D A LLE CITTA ' D I FR O NTIE R A

SO LIDAR IDAD Pino M aniaci dirige una piccol a te l e vis ione di Partinico, "Te l e jato". Un re gis ta france s e l 'h a de finita l a tv più be l l a de l m ondo". Be h , l a più be l l a fors e no m a una de l l e più al l e gre ce rtam e nte : un Tg s cintil l ante , pie no di trovate e d'ide e , ch e non m ol l al o s pe ttatore ne anch e un is tante .E una de l l e più coraggios e : l a val l e de l l o Jato è fe udo di m afios i e padroni di vario tipo, ch e rie m piono ilpae s e di pre pote nz e e inq uinam e nto e non s ono abituati a s e ntirs i contraddire e tanto m e no a ve de rs i fare l e inch ie s te addos s o. Cos ì, l 'al tro giorno un paio di l oro h anno as pe ttato Pino e l 'h anno rie m pito di botte . E' s ucce s s o di pom e riggio, in pie no ce ntro di Partinico. Pino non è s ol o, pe rch è tutti noi antim afios i s iam o con l ui. M a anch e l e "pe rs one im portanti" de bbono inte rve nire : pe r e s e m pio l 'O rdine de i Giornal is ti, l a Com m is s ione antim afia, e cc. Non con s ol idarie tà ge ne rich e , m a riconos ce ndo form al m e nte a Pino M aniaci e a Te l e jato ill oro ruol o fondam e ntal e di prim a l ine a ne l l 'inform az ione s icil iana.

10 - La cacciata di Cuffaro

I giorni di Pale rm o

CO PERTINA DI M AURO BIANI

Un sal to di q ual ità pe r ilm ovim e nto antim afia. Cuffaro, ch e vol e va re stare , è stato costre tto a fil arse l a. "Pol itica", m anovre ? Forse . M a soprattutto pre ssione di una piazza m ol to de cisa.

17 - M afia e im pre sa

Le m ani sui supe rm e rcati Ne l l a Sicil ia occide ntal e si sono rive l ati uno de i grossi b usine ss de l l a m afia. Ne l l a Sicil ia orie ntal e si sta ancora indagando. A ch e punto è oggi l 'inse rim e nto m afioso ne l l 'e conom ia?

"M i ch iam o Tux e s ono un pinguino. Ch e ci faccio q ui?Be h , io s ono ils im bol o di Linux, ils is te m a pe r com pute r l ibe ro e s e nz a padroni. E q ue s to giornal e è fatto in Linux. E' ilprim o, in Ital ia! Anch 'io s to face ndo antim afia, a m odo m io".

25 - Le Sicil iane

Pane e anarch ia

Suo padre , ch e e ra anarch ico, l 'h a cre sciuta così, fra l ib ri e canzoni. Com e vive , ch e fa? Im possib il e riassum e re : dove te proprio l e gge rvi ilpe zzo

34 - Futb ol

IlCatania di ch i è

Buon gioco, partite com b attute , m a nie nte più te ppism o e scontri. I tifosi de lCatania a poco a poco si stanno ripre nde ndo l a l oro sq uadra, ribe l l andosi ai capi ul trà ch e se n'e rano im padroniti. Un e se m pio pe r l 'inte ra città?Spe riam o...

4


EDITO R IALI

@ EM ER GENZ A L O EO LUCA

Napol i? Una de l l e più be l l e città de lm ondo è s om m e rs a da cum ul i di rifiuti e dal l a pe rdita di cre dibil ità de l l e is tituz ioni, pol itici, burocrati e am m inis tratori incapaci e s pe s s o com pl ici de l os ch i affari. Be ne ve nto? Una provincia, e da q ue s ta provincia l 'inte ra re gione Cam pania appare ingabbiata in una ragnate l a di cl ie nte l e e di confl itti di inte re s s e ch e i m agis trati rite ngono configurare ipote s i di re ato. Pal e rm o?IlPre s ide nte de l l a re gione s icil iana, Sal vatore Cuffaro, fe s te ggia con arroganz a e con cannol i l a de cis ione di non dim e tte rs i, di rim ane re in carica nonos tante ilTribunal e di Pal e rm o l o abbia riconos ciuto re s pons abil e di ave r favorito m afios i e l o abbia

FINITO È un m om e nto di grande fe rm e nto in Sicil ia, gl i e q uil ibri ve ngono al te rati e ilGattopardo è s e m pre forte m e nte im pe gnato a trovare l ’e nne s im a m odal ità pe r far s ì ch e “tutto cam bi pe rch é nul l a cam bi” . La m afia s i e vol ve , i pote ri s i al l e ano, cam biano ne gl i anni l e e conom ie e s i affinano i m e todi pe r l avare s ol di e onore ; e l ’antim afia? L’antim afia innanz itutto cos ’è? Danil o Dol ci dice va ch e “La ve ra antim afia è una nuova rice rca- docum e ntaz ione - az ione - organiz z az ione ” . Pe r rice rcare bis ogna s tudiare , s ol o cos ì ci s i può dotare di bas i ch e facciano capire cos a occorre rice rcare ; l a docum e ntaz ione è l ’e ffe tto di una rice rca; l ’az ione l o s trum e nto di coinvol gim e nto de l l a s ocie tà civil e;l ’organiz z az ione dovre bbe agire s ul l a capil l arità de l l ’az ione ne l l e s ue m ol te pl ici e

LEGALITÀ

R LANDO

condannato a 5 anni di re cl us ione e d al l a inte rdiz ione pe rpe tua dai pubbl ici uffici. Rom a? Un appl aus o s cros ciante ne l l 'Aul a di M onte citorio accogl ie e s os tie ne gl i attacch i al l a m agis tratura da parte de l l 'e x M inis tro de l l a Gius tiz ia. Sono al cuni m acigni ch e ne lgiro di s e tte giorni s ono appars i e s ono pre cipitati s ul s is te m a pol itico, re nde ndo e vide nte un'e m e rge nz a l e gal ità ch e s i s om m a a una gravis s im a cris i e tica. L'e m e rge nz a l e gal ità è davanti agl i occh i di tutti. E' s ufficie nte s corre re i titol i de i notiz iari e de i q uotidiani pe r trovars i di fronte a una im pre s s ionante cate na di re ati ogge tto di inch ie s te giudiz iarie . La cris i e tica s i pal e s a ne l l 'arro-

ganz a di tal uni e s pone nti pol itici; e s s a s uona com e provocaz ione e offe s a a q uanti ne l l a s ocie tà civil e s i os tinano ad e s prim e re indignaz ione e coraggios a re s is te nz a a m afios i, corrotti e d e s tortori. Siam o in pre s e nz a di un im barbarim e nto e tico ch e ris ch ia di travol ge re tutto e tutti. Ris ch ia di travol ge re anch e pratich e re l igios e e val ori di fe de : abbiam o as s is tito cos ì, in Sicil ia, a ve gl ie di pre gh ie ra a favore de l Pre s ide nte de l l a re gione ch e , dopo anni di os te ntate invocaz ioni a Dio e al l a M adonna, è s tato riconos ciuto fre q ue ntatore e favore ggiatore di m afios i, e tra q ue s ti anch e il capo de l l a cos ca di Brancaccio, di q ue l l a s te s s a cos ca ch e h a uccis o don Pino Pugl ie s i.

IL TEM PO DELLE FICTIO N NADIA FUR NAR I

m ai s ufficie nti dire z ioni (l a s cuol a, l e fabbrich e , l e az ie nde , l a s ocie tà civil e tutta). Si tratta di un cicl o natural e ch e im pone un forte im pe gno e s oprattutto una buona dos e di um il tà. I conve gni fors e h anno un po’ s tancato, pe rch é s i h a l a pe rce z ione ch e s i de bba tornare ad arare l a te rra com e ci ins e gna l a s toria. Infatti, l a s toria de l l ’antim afia s icil iana h a radici l ontane e ci racconta di una l otta pe r l ’uom o, cioè q ue l l a ch e rie s ce a cogl ie re i bis ogni de l l a ge nte , ch e anal iz z a s ituaz ioni e l e conte s tual iz z a s e nz a ge ne ral iz z az ioni e s e m pl ificaz ioni . Im ovim e nti pe r l a cas a non s i l im itano oggi a prote s tare m a propongono s ol uz ioni, q ue l l i contro l a privatiz z az ione de l l ’acq ua indicano s trade e de nunciano s ituaz ioni di m e rcato anom al e,l e s cuol e e ducano al l a l e gal ità e s tudiano nuove

5

form e di com unicaz ione attrave rs o cui avvicinars i ai ragaz z i;al l e as s ociaz ioni, al l e coope rative de i te rre ni confis cati al l a m afia e ai s ingol i cittadini vie ne de l e gato ilcom pito di form ich e ope ros e . Se m inano, inte rce ttano bis ogni e ce rcano di tras form are l a dis pe raz ione in rabbia. In ris catto. Di q ue s to e s e rcito non ne s e ntire te parl are pe rch é l a fatica non fa notiz ia. I nos tri m orti non s ono e roi, s ono oggi un punto di rife rim e nto da non us are com e s trum e nto pe r ope raz ioni m e diatich e di bas s o profil o. In Sicil ia, è finito anch e ilte m po de l l e fiction pe rch é ogni giorno in q ue s ta Te rra s i gira un fil m di al to l ive l l o con re gis ti profe s s ionis ti e attori ch e h anno s tudiato. O gni giorno in Sicil ia uom ini e donne s conos ciuti danno ilciak di un fil m in cui tutti s ono protagonis ti.


6


PR O M EM O R IA

"I Siciliani vengono avanti..." GIUSEPPE FAVA Que sto è l'e ditoriale de lprim o num e ro de i Siciliani, ge nnaio '83. La m afia e le sue cope rture politich e . La cam orra. La gue rra. Il"m ortale inq uinam e nto" di Priolo. L'e m igrazione , la pove rtà. Il dolore de l Sud. M a anch e la sua dignità, ilsuo apparte ne re - ne lbe ne e ne lm ale - a tutti gli italiani. Ne ssuno di q ue sti problem i è stato risolto, da allora. Non se rve un gram m o di coraggio di m e no “I Siciliani” ve ngono avanti ne l grande s pazio de lla inform azione e de lla cultura, ne lm om e nto pre cis o in cui ilproblem a de lM e ridione è dive ntato finalm e nte , anzi s toricam e nte , il problem a de ll ’inte ra Nazione . Lo s pave ntos o lam po di violenza, ch e una dopo l’altra, h a re cis o la vita di uom ini (M attare lla, Cos ta, Pio La Torre , D alla Ch ie s a) alve rtice de lla s ocie tà, h a dram m aticam e nte rappre s e ntato e s pie gato la dim e ns ione de lla m afia e de lla s ua im m ane pote nza. M a q ue s to lam po h a s ve lato una ve rità più alta e tragica: la m afia è dovunq ue , in tutta la s ocie tà italiana, a Palerm o e Catania, com e a M ilano, Napoli o R om a, annidata in tutte le s trutture com e un inguaribile cancro, pe r cui l ’ordine di uccide re D alla Ch ie s a può e s s e re partito da un piccolo bunk e r m afios o di Catania, o da una de lle im pe rs crutabili s tanze politich e de lla capitale. E die tro la m afia, q ue llam po s anguinos o h a fatto intrave de re altri problem i im m e ns i ch e pe r de ce nni s ono s tati cons ide rati s oltanto trage die m e ridionali, cioè, s e colari, inam ovibili,

dis taccate dalcorpo vivo de lla Nazione e di cui s e m m ai ilPae s e pagava il pre zzo di una convive nza, e ch e inve ce apparte ngono dram m aticam e nte a tutti gli italiani, cos tre tti a s opportarne ildanno, s pe s s o ildolore , talvolta la dis pe razione . Ilm ortale inq uinam e nto de lte rritorio di Priolo, pe r cui m igliaia di e s s e ri um ani s ono s tati condannati a vive re , otto, die ci anni di m e no di q uanto non potre bbe ro s e vive s s e ro altrove ; la bas e de i m is s ili atom ici a Com is o, contro la q uale, a cinq ue m ila, s e im ila ch ilom e tri di dis tanza, s ono pe rfe ttam e nte puntate altre te s tate nucleari: e ntro i prim i tre o q uattro m inuti dallo s coppio di un conflitto, m e zza Sicilia e due m ilioni di e s s e ri um ani s parire bbe ro ne lla folgore atom ica; la fe rocia dilagante de lla cam orra ch e , s ubalte rna e alleata de lla m afia, s ta putre face ndo pe r s e m pre la grande anima napoletana; l ’e m igrazione m e ridionale alNord, ch e dapprim a è s tata s oprattutto s pe culazione de l grande capitale s ulla pove rtà, ignoranza, dis ponibilità di ce ntinaia di m i-

7

gliaia di infe lici, e d ora ne i giorni de lla grande re ce s s ione s ’è tras form ata in una grande piaga s anguinos a ch e as s e dia le grandi città s e tte ntrionali: q ue s ti problem i ch e la Nazione conos ce va e ch e pe rò s i rifiutò di riconos ce re com e s uoi, s ono appars i ne l lam po tragico di q ue s ti ultim i m e s i. Tutto q ue llo ch e accade a M ilano, R om a, Ve ne zia, Torino, ne l be ne e ne lm ale, appartie ne anch e ai m e ridionali, ai s iciliani. Que llo ch e accade ne lM e ridione e in Sicilia, il be ne e ilm ale, la paura, ildolore , la pove rtà, la violenza, la be llezza, la cultura, la s pe ranza, i s ogni, appartie ne a tutta la Nazione . “I Siciliani”giornale di inch ie s te in tutti i cam pi de lla s ocie tà: politica, attualità, s port, s pe ttacolo, cos tum e , arte , vuole e s s e re appunto il docum e nto critico di una re altà m e ridionale ch e profondam e nte , ne lbe ne e ne l m ale, appartie ne a tutti gli italiani. Un giornale ch e ogni m e s e s arà anch e un libro da cus todire . Libro de lla s toria ch e noi viviam o. Scritto giorno pe r giorno.


ITALIA

Uno Stato in ostaggio SALVATO RE BO RSELLINO

Non è ch e siano tutti corrotti. E' ch e ilsiste m a è orm ai tal e ch e i corrotti possono ricattare tutti gl i al tri. Pre nde re un inte ro gove rm o in ostaggio pe r due anni di se guito, costringe rl o a coprire vol e nte o nol e nte l e m agagne , a fare com e dicono l oro. E q uando un giudice coraggioso si m e tte di trave rso, guai a q ue lgiudice : avrà contro non sol o i disone sti m a anch e gl i one sti. O rm ai a tal punto intim iditi e ricattati da non ave r più al cuna capacità di m uove rsi autonom am e nte . E a pagare è l 'inte ro Pae se Se Be rlus coni ch e i giudici li h a s e m pre accus ati di e s s e re de i m alati m e ntali, li h a fatti corrom pe re dai s uoi am ici, li h a applauditi q uando h anno e m e s s o s e nte nze a lui favore voli e li h a e s e crati e d additati alpubblico dis pre zzo q uando h anno e m e s s o s e nte nze a lui s favore voli non ave s s e us ato ilconce tto a s uo us o e cons um o e in m anie ra dis torta, e lo ave s s e q uindi s vilito, m i ve rre bbe da e s prim e re un giudizio. Cioè ch e a Santa M aria Capua Ve te re , s e nza bis ogno di andare fino a Be rlino, abbiam o finalm e nte trovato un giudice , un “Giudice di Be rlino” , com e q ue llo ch e un m ugnaio voleva andare a ce rcare fino in q ue lla lontana città pe rch è gli re nde s s e gius tizia a fronte de i s oprus i de l R e di Prus s ia. Un giudice ch e , s e nza las ciars i intim idire da pros pe ttive di inch ie s te punitive , da rich ie s te di tras fe rim e nto e gogne m e diatich e com e q ue lle toccate a Luigi D e M agis tris e Clem e ntina Forleo, s i è is pirato al tante volte dis atte s o Articolo 3 de lla Cos tituzione . Que l fondam e ntale articolo ch e affe rm a ch e tutti i cittadini s ono e guali davanti alla legge s e nza dis tinzioni di s e s s o, di razza, di lingua, di re ligione , di opinioni politich e , di condizioni pe rs onali e s ociali e , ci s are bbe da aggiunge re , anch e “di cas ta” . A fronte de lle dim is s ioni di M as te lla dalla

carica ch e occupava inde gnam e nte , dim is s ioni da lui s te s s o più volte m inacciate a s copo di ricatto ve rs o il gove rno e purtroppo attuate s olo ne lm om e nto in cui anch e s ua m oglie è s tata colta in flagrante re ato, la s olidarie tà di Be rlus coni e de l s uo partito e ra atte s a e ovvia. Si tratta infatti di una “s olidarie tà di s cam bio” , indis pe ns abile tra i m e m bri di un Parlam e nto in cui tra pre s critti, inq uis iti, già condannati ne i prim i gradi di giudizio, graziati da leggi “ad pe rs onam ”e via andando, poch i s ono q ue lli a cui non conve nga procurars i, ad us o futuro, una gratitudine dai collegh i.

Una "solidarie tà di scam bio" Anch e la s olidarie tà de l gove rno e ra s contata. M as te lla gli h a fatto infatti finora da te s ta di arie te ne ll'ope ra di attacco e di im bavagliam e nto de lla m agis tratura ch e h a radici e m otivi profonde , cioè la fe rita ancora ape rta de ll'azze ram e nto de lla clas s e politica, logica cons e gue nza de lle inch ie s te de lla m agis tratura ai te m pi orm ai lontani di “M ani pulite ” , e la ne ce s s ità di far s i ch e una s tagione de lge ne re non pos s a più ripe te rs i. Ci s ono poi ne ce s s ità più re ce nti, cioè q ue lla di ins abbiare indagini ch e coinvolgono l’orm ai e x m inis tro “di Gra-

8

zia e d Indulto” e ch e potre bbe ro coinvolge re lo s te s s o, orm ai anch e lui e x, capo di q ue lgove rno i cui com pone nti, cos ì com e indis tintam e nte q ue lli di tutto ilparlam e nto, s i s ono affre ttati, con l'unica voce dis s ide nte di Antonio D i Pie tro, ad e s prim e re s olidarie tà al s ignor M as te lla. Ilq uale ne lle s ue dich iarazioni te nta di contrabbandare la dife s a de gli inte re s s i de lla s ua fam iglia con l'am ore fam iliare , pe r la m oglie in particolare , tanto da arrivare a dich iarare ch e q ue s ta s are bbe s tata pre s a in “os taggio”dalla M agis tratura. O tte ne ndo s ubito l ’e co riconos ce nte da parte di D ini la cui m oglie s are bbe anch e lei oggi in galera s e non fos s e arrivato in te m po ilprovvide nziale indulto da parte de llo s te s s o M as te lla. Im m agino ch e lo s te s s o s vis ce rato am ore M as te lla de bba nutrire pe r ilcons uoce ro, ils ignor Cam illeri, ch e ris ulte re bbe e s s e re ilprincipale re gis ta de lle ope razioni di concus s ione , pilotaggio di concors i, accaparram e nto di finanziam e nti e di appalti, ch e h a portato ne lle carce ri più di ve nti com pone nti de llo s te s s o partito, tanto da far titolare a Be ppe Grillo la notizia in un pe zzo de ls uo blog “Arre s tato l’Ude ur” . Pe r non divide re i due coniugi potre bbe a bre ve e s s e re ne ce s s ario alles tire una ce lla com une pe r tutta la fam iglia, ovviam e nte m unita di ogni com fortpe r ris pe tto al


ITALIA

"M aste lla?In fondo bisogne re bbe pure ringraziarlo pe r la sua totale m ancanza di pudore : alm e no così ilricatto si è fatto ape rto e ch issà, potre bbe anch e suscitare de lle re azioni" rango de ll'e x m inis tro e d alles tire un inte ro braccio ne m m e no tanto grande vis ta l’e s iguità de ls e guito de lpartito pe r tutti glialtri pe rs onaggi coinvolti. Abbiam o vis to M as te lla, con s tile tipico di ce rti am bie nti, affre ttars i a lanciare ve late m inacce con affe rm azioni de ltipo : ''M i dim e tto s ape ndo ch e un’ingius tizia e norm e è la fonte inq uinata di un provve dim e nto pe rs e guito con os tinazione da un procuratore ch e l'ordinam e nto giudiziario m anda a cas a pe r lim iti di m andato, e di q ue s to m i adde bita la colpa. Colpa ch e inve ce non ravvis a ne ll'e s e rcizio dom e s tico de lle s ue funzioni pe r altre vice nde ch e lam bis cono s uoi s tre tti pare nti e de lle q ualiè be ne ch e ilCs m e altri s i occupino'' . D ich iarazioni ch e da s ole bas tano a far tras parire la (s cars a) s tatura m orale di q ue s to individuo.

"La politica? La facciam o così" M a non bas ta, ne ls uo dis cors o alla Cam e ra, q uando un giornalis ta gli h a de tto ch e m olti a Ce ppaloni, ils uo re gno, am m e ttono di votare Ude ur in cam bio di favori, lo s te s s o M as te lla h a ris pos to: “Vado incontro ai bis ogni de lla ge nte . La politica s i fa cos ì, tutti la fanno cos ì. Se vogliam o cam biarla, cam biam ola. M a ade s s o q ue s to è” . E a q ue s to punto tutto ilparlam e nto s i è prodotto ne ll’ultim o applaus o, il più lungo. Ecco s ignor M as te lla, è proprio q ue s ta m anie ra di fare politica ch e noi vogliam o cam biare , s ono proprio q ue s ti inde gni ps e udo rappre s e ntanti de lpopolo ch e cos ì appas s ionatam e nte la applaudono ch e noi

vogliam o far ritornare ne lle loro tane , s e pos s ibile s e nza ne anch e q ue lle pingui pe ns ioni con le q uali dovre m o continuare a m ante ne rli pe r tutto ilre s to de lla loro vita.

Confusione fra "politica" e inte re ssi M i ch ie do cos a de bbano pe ns are gli Italiani di un m inis tro de lla Gius tizia ch e h a un tale conce tto de lla Gius tizia s te s s a da non acce ttarne pre ve ntivam e nte ilgiudizio, s de gnando di rim e tte rs i, com e dovre bbe ro fare tutti i cittadini, alle indagini de lla M agis tratura, m a ch e anzi s ulla M agis tratura s te s s a ce rca, dallo s cranno di cui dis pone , di ge ttare fango, e vocando os cure pe rs e cuzioni e tram e contro di lui. L'unica tram a ch e a m io giudizio s e m bra fino a q ue s to m om e nto e s s e rs i de line ata è q ue lla pe r l ’im bavagliam e nto de lla M agis tratura e il s uo as s e rvim e nto da parte de lla cas ta de i poltici, cioè q ue lla “m is s ione s torica”pe r com pie re la q uale ils ignor M as te lla, com e da lui s te s s o dich iarato, dopo i dubbi iniziali e s u cons iglio di Andre otti e di Cos s iga, acce ttò di “occupare ”ilm inis te ro di Grazia e Gius tizia. Pe r dare una ulte riore prova de lla confus ione ch e fa tra “politica”e “inte re s s i pe rs onali”il s ig. M as te lla, poch e ore prim a di dim e tte rs i dalla s ua carica di m inis tro h a e m e s s o il provve dim e nto di avvio de lla Scuola de lla M agis tarura indicando com e s e de principale di q ue s ta s cuola non R om a o Napoli m a ils uo fe udo Be ne ve nto e ne h a de s ignato i m e m bri de lCom itato D ire ttivo Que s ti s ono ovviam e nte ilPre s ide de lla Facoltà di Giuris prude nza di Be ne ve nto,

9

l’avvocato di fam iglia di M as te lla e , probabilm e nte a s copo di cooptazione ne l s uo e ntourage , uno de i Sos tituti Procuratori di Santa M aria Capua Ve te re , lo s te s s o ufficio ch e s ta proce de ndo ne i confronti s uoi e de lla s ua fam iglia Ancora una volta m i s e nto in dove re di ringraziare l' e x m inis tro M as te lla: fors e i s uoi s pudorati e cce s s i ne lla ge s tione de l pote re , ils uo ave r te nuto un Gove rno in os taggio pe r due anni fino all ’ultim o ricatto s ulla rich ie s ta di una s olidarie ta totale e incondizionata re lativam e nte ai s uoi affari privati, la ine vitabile e cons e gue nte caduta de lGove rno de te rm inata dall ’e s s e rs i ve nduto alcapo de ll’oppos izione , faranno fors e s i ch e la s opportazione de ll'opinione pubblica raggiunga illim ite e ch e la re azione de lla cos cie nza civile rie s ca a s pazzare via q ue s ta cas ta ch e occupa inde gnam e nte ilpote re e le s te s s e Is tituzioni.

Una casta di intoccabili Noi non s e ntire m o ce rto alcun rim pianto pe r lo s cioglim e nto di un parlam e nto orm ai de legittim ato ne l q uale s ie dono pe rs onaggi e letti non dalpopolo m a tram ite lis te im pos te dalla s e gre te rie de i partiti s ulle q uali non è ne ppure pos s ibile apporre pre fe re nze pe r s ce glie re tra i nom inativi propos ti q ue llo de lle pe rs one più one s te , s e m pre ch e s ia pos s ibile trovarne . Pe rs onaggi ch e una volta e letti profondono tutte le loro e ne rgie ne lla ge s tione non de llo Stato m a de lpote re e ne lla dife s a te nace de i loro privilegi e di q ue lli de lla cas ta di intoccabili cui rite ngono di apparte ne re .


SO CIETA' CIVILE/ I GIO R NI DI PALER M O

Cacciato dalpopolo non dai cortigiani .

Cuffaro, ufficial m e nte forte de l l a sol idarie tà di tutta q uanta l a de stra, e de l l a "com pre nsione " di una parte de lce ntrosinistra, e ra de cisissim o a re stare . E al l ora pe rch é se n'è dovuto andare così in fre tta e furia, giustificandosi con l a storie l l a de i cannol i? Pe rch é stavol ta i suoi avve rsari re al i non e rano sol o se gre te rie e portaborse m a dire ttam e nte i pal e rm itani in piaz z a, soste nuti dal l al e gge e dai giudici e fe rm am e nte de cisi a non tornare indie tro. Lui h a capito l 'antifona e se l 'è fil ata. Al tro ch e cannol i

Pe rch é Cuffaro s i è dim e s s o?La ve rs ione ufficiale, m e s s a ins ie m e in fre tta e furia, è: pe r colpa de i cannoli. Finiti inopinatam e nte s u un tavolo, fotografati pe r cas o ne l pe rcors o da e s s o all'avida bocca pre s ide nziale, e additati allo s candalo com e ve tta inarrivabile di k its ch . D onde la dim is s ione , m otivata pe r cos ì dire e s te ticam e nte e s os tanzialm e nte s pogliata di ogni connotazione "e ve rs iva". In re altà Cuffaro s i è dim e s s o pe rch é è s tato riconos ciuto ufficialm e nte un de linq ue nte . E l'opinione pubblica s iciliana (o la s ua m inoranza cons ape vole, m inoranza m a de cis iva) h a avuto s tavolta la forza pe r cacciarlo brutalm e nte via. Non l'ave va avuto pe r i Ciancim ino, pe r i cugini Salvo e pe r gli Andre otti. M a l'h a avuta oggi, anno di grazia di 2008, Cuffaro. Ne è pas s ato di te m po: m a ci s i è arrivati. A q ue s to s ono s e rviti Falcone e gli altri. A q ue s to s ono s e rviti anni e anni di s forzi os curi e m ai arre s i

de ll'e s e rcito di "form ich ine virtuos e " di cui parla Nadia Furnari a pagina 5. Ade s s o, ce rtam e nte , cantano vittoria tutti: i collegh i di s acch e ggio, ch e già s 'accapigliano pe r pre nde re il pos to di "Vas a-vas a", m olti de gl'invidios i rivali de ll'altro fronte (fra cui l'as tro de ll'Inciucio s plende com e non m ai ne lle baffute s e m bianze di D on R affaè), l'ala libe rale de gli indus triali (ch e , e s s e ndos i finalm e nte accorti ch e c'è la m afia, rite ngono ch e l'antim afia com inci ora). Tutti cos toro m ane ggiano, s 'arrabbattano, annodano e dis nodano s ch ie ram e nti e patti ne lla s pe ranza (ne ll'im m e diato re alis tica, m a in pros pe ttiva pue rile) di cam biare tutto pe rch é non cam bi nie nte . O non s 'è s e m pre fatto cos ì?Stavolta, pe rò la s ituazione è dive rs a. Le m anife s tazioni di Palerm o, q ue lle ch e h anno cacciato Cuffaro, non e rano s e m plice m e nte (o ge ne ricam e nte ) m anife s tazioni "anti" m afia. Com pre nde vano inve ce , fis icam e nte e politi-

10

cam e nte e , pe r cos ì dire , filos oficam e nte , dive rs e e be n m aturate com pone nti ch e ora, finalm e nte , pe rfe ttam e nte . D ai ce ti m e di in rivolta contro ilpizzo ai s e nzacas a ch e vogliono le cas e de i m afios i, dalm ovim e nto contro la dios s ina a q ue llo pe r l'acq ua libe ra e di tutti;vis i di giovani, di "s ignoruzze ", di ge nte ch e s copre ora la piazza, di barbe grige e s e rie di ve cch i m ilitanti civili: ch e cos a m anca? Tutti cos toro, e d altri ancora, s filavano con dignità cons ape vole pe r le vie di Palerm o. "Pre s idio davanti alPalazzo, ogni s e ttim ana!" ave va lanciato uno de i più atte nti politici, Fava. M a e s s i s ono s ubito andati più in là: "O gni giorno, pre s idio! Fino alla conclus ione !". E cos ì, alla fine di un ciclo, Palerm o h a vinto; e apre ilciclo nuovo, ch e s arà lungo e duro, m a non è più s olo dife ns ivo. Non è s tato l'ultim o atto di una re s is te nza m a ilprim is s im o di una rivoluzione .


SO CIETA' CIVILE/ I GIO R NI DI PALER M O E ade sso, via con la "politica". M a a de cide re sarà la polis, stavolta, non ilpalazzo

E dopo Cuffaro?Altro ch e paginetta: un ponde ros o volum e non bas terebbe per s criverci tutti gli intrigh i, le m anovre reciproch e, i m ach iavelli di q ues te ore. L'obbiettivo com une, inconfess ato, è della Grande Bonaccia, della M oderazione, della D c. Lom bardo, a cui già un anno fa il povero Fas s ino offriva nozze, è con ogni evidenza alcentro di tutto q ues to. Ilm ovim ento antim afios o (com pos to, com e s 'è vis to, di m olti e m olto vitali m ovim enti) h a poch is s im a voglia di las ciar m anovrare in pace i m anovratori. M a, a parte q ues to, nei giorni di Palerm o s i è verificato un epis odio, pas s ato inos s ervato o q uas i ai com m entatori, ch e invece h a un'im portanza grandis s im a, nazionale. Ilm ovim ento giovanile della des tra di An, Alleanza Giovani, h a ch ies to im m ediatam ente e decis am ente le dim is s ioni di Cuffaro, fregandos ene della divers a opinione dei s uperiori. Fini, ch e deve render conto ai cum m enda, a brach e calate li h a redarguiti. M a loro, alla faccia di tutti, s ono s ces i in piazza lo

11

s tes s o, vociando ins iem e con gli altro: "Via Cuffaro!" e invocando Bors ellino, ch e per anni nei loro com izi era s tato tanto tradito q uanto citato. Sapete ch e cos 'è q ues to?E' ilgirotondo di des tra, la m orettata. M oretti, s orto per cas o, h a s parigliato tutto, s fas ciando q uel bell' inciucio ai tem pi di D 'Alem a. Ques ti, nati a Palerm o m a pronti a far da m odello anch e altrove, s em brano des tinati a dar altrettanto fas tidio, altrettanti dis piaceri. I generali dei due es erciti, as s orti nelle loro callide s trategie, non s e ne s ono accorti; anch e dei girotondini, del res to, s i accors ero s olo q uando s e li ritrovarono a ballare s opra le s crivanie. Fos s im o Berlus coni, o Caltagirone o Fini (o anch e Veltroni, del res to), noi non s arem m o tranq uilli., Non s arà facile portare q ues ti m aledetti ribelli a votare di nuovo per Cuffaro (nè i nos tri per M as tella).


CASO CUFFAR O / 1

"Ilte m po è poco, la riform a m orale non si può rinviare più" FRANCESCO FO RGIO NE CO MMISSIO NE ANTIMAFIA

La vicenda Cuffaro non rappres enta una delle tante vicende giudiziarie s iciliane e neanch e una delle tante form e di dis tors ione della politica in una terra m artoriata dalla m afia. Per q ues to m erita una rifles s ione approfondita. Non è m ai s ucces s o prim a, nella s toria repubblicana, ch e un pres idente di regione fos s e condannato per favoreggiam ento ai m afios i. La s entenza è di una gravità eccezionale e s enza precedenti: 5 anni di reclus ione (ilm as s im o della pena previs ta per favoreggiam ento, aggravato dal com m a 2 dell’art. 378 delcodice penale) per aver favorito s oggetti aderenti all’as s ociazione m afios a. A q ues ta pena i giudici h anno aggiunto l’interdizione perpetua dai pubblici uffici, pena s ignificativam ente ancora più grave per ch iunq ue ricopra carich e pubblich e e, in q ues to cas o, s i trattava della m as s im a is tituzione della regione s iciliana, eq uiparata dalla nos tra cos tituzione a rango di m inis tro. Una s entenza ch e conferm a l’intero im pianto accus atorio dei pubblici m inis teri, condannando tredici s u q uattordici im putati, tra i q uali figura centrale è M ich ele Aiello, l’im prenditore di Bagh eria, proprietario della fam os a clinica Villa Santa Teres a, pres tanom e di Bernardo Provenzano, condannato a 14 anni di reclus ione e alla confis ca im m ediata di 60 m ilioni di euro, 20 dei q uali da res tituire alla as ldi Palerm o. L’altro elem ento riconos ciuto nella s entenza è la condotta continuata nella reiterazione del reato da parte di Cuffaro nels is tem a m es s o in piedi as s iem e aglialtri im putati. M a ch i s ono i s oggetti m afios i favoriti da Cuffaro? Innanzitutto Guttadauro, bos s e capo m andam ento di Brancaccio, uno dei principali q uartieri m afios i di Palerm o, più volte condannato e in galera e all’epoca dei fatti agli arres ti dom iciliari; Aragona m edico e m afios o con condanne già s contate; Greco, anch e lui m edico e all’epoca dei fatti s otto proces s o per m afia; M iceli, m edico, politico s uo fedelis s i-

Non si può ce rcando il conse nso condivide ndol o con l a m afia, dandol e forz a e conom ica e social e. La l otta al l a m afia non può e sse re re l e gata al l 'am bito giudiz iario. De v'e sse re il ce ntro de l l a pol itica, a pe na di crisi de l l 'inte ro siste m a m o, all’epoca dei fatti s em pre indagato per 416 bis e s ucces s ivam ente condannato a 8 anni di carcere; il m ares ciallo Riolo, condannato a 6 anni di reclus ione e l’im prenditore M ich ele Aiello. Una s entenza grave, per violazione di s egreto e favoreggiam ento aggravato a s ingoli m afios i m a non all’organizzazione Cos a Nos tra.

nelle s tes s e condizioni di Cuffaro, non può partecipare ad una gara pubblica, poich é non gli verrebbe conces s o ilcertificato antim afia, m entre Cuffaro poteva continuare a governare la Regione, ges tire i finanziam enti europei e nazionali, am m inis trare m iliardi di beni pubblici? Quanto s ta avvenendo in Sicilia, m a anch e nelle altre regioni del s ud più es pos te alle infiltrazioni m afios e, ci dice ch e c’è poco tem po, ch e non è più rinviabile una riform a m orale della s ocietà e delPaes e, s enza la q uaE’ ch iaro ch e una s entenza di q ues to tipo h a po- le la dem ocrazia s i s pegne, com e le s tes s e vis to un problem a di tras parenza della politica e cende politich e nazionali s tanno dim os trando, di legittim ità dem ocratica per la perm anenza con ilris ch io di un nuovo definitivo s contro alla più alta carica is tituzionale della Regione tra politica e m agis tratura. s iciliana. A q ues to Cuffaro h a ris pos to con le di- Per q uanto riguarda l'aggres s ione alle m afie e m is s ioni s olo dopo aver prim a rich ies to la fidu- la riform a della politica tocca ai partiti avere il cia dell’ARS e s olo q uando era convinto ch e il coraggio di s celte di rottura s ulrapporto con Governo nazionale avrebbe dis pos to la s ua s o- le azioni dei governi locali. Ilcons ens o alSud s pens ione. E fors e s enza la fam os a foto delfe- non può es s ere cercato condividendolo con le s teggiam ento a bas e di cannoli ancora s arebbe m afie, favorendone la diffus ione s ociale, alials uo pos to. Una incom patibilità etica e m ora- m entandone la forza econom ica, cons egnando le, in una regione ch e h a pagato ilpiù altro tri- ilcontrollo di interi apparati pubblici m a ricobuto di vite um ane allo s contro tra la m afia e s truendo una tras parenza ch e parta dalla lim pila dem ocrazia, con ils acrificio di uom ini dello dezza m orale ch e devono avere i s tato, m agis trati, politici, s indacalis ti, preti, rappres entanti delle is tituzioni. im prenditori e tanta gente “com une” , donne e Iltem a della lotta alla m afia im pone una s ua uom ini vittim e di una violenza s egnata dalla centralità nell’agenda politica, a condizione pres enza m afios a e dalle s ue coperture e collu- ch e la politica, tutta, a des tra e s inis tra, non ris ioni politico-is tituzionali. tenga di poterlo eludere per relegarlo Com e s i può s os tenere, nelm om ento della ri- nell’am bito giudiziario e penali. Ne va della bellione degli im prenditori e dei com m ercianti s ua credibilità, della s ua tras parenza e di alla m afia del pizzo, ch e un im prenditore, q uella dell’intera dem ocrazia repubblicana.

"Una incom patibilità e tica e m orale"

12


CASO CUFFAR O / 2

"Am ico de i m afiosi sì. M a m afioso no" Ch e vuoldire ? UM BERTO SANTINO CENTRO IMPASTATO

Com e si fa a favorire de i m afiosi se nz a favorire Cosa Nostra ne lsuo com pl e sso? Una se nte nz a biz antina, anal oga in un ce rto se nso a q ue l l a de lcaso Andre otti. Cl ie nte l e , contiguità, am biguità, e l e ggi poco ch iare Siam o orm ai in pie na ove rdos e di inde ce nza e te m o ch e non s ia age vole trovare l'antidoto pe r us cirne . La s e nte nza ch e condanna Cuffaro a 5 anni di carce re pe r favore ggiam e nto a s ingoli m afios i (q ue s ta è la lettura ch e danno de ldis pos itivo i procuratori Gras s o e M e s s ine o, m e ntre Cuffaro e i s uoi avvocati e s cludono q ualsias i rife rim e nto a im putati o condannati pe r m afia), m a non alla m afia ne ls uo com ples s o, è un capolavoro di bizantinis m o e vie ne incontro all'atte s a de l pre s ide nte ch e ave va più volte m anife s tato ils uo pe ns ie ro: s e non m i condannano pe r m afia re s to alm io pos to. D ifficile dire q uanto gli abbiano giovato le pre gh ie re de i s uoi am ici o q uanto s ia più te rre nam e nte da adde bitare a una gius tizia ch e non è nuova a s ortite de lge ne re . Già con ilproce s s o Andre otti s i e ra m e s s o a punto un m ode llo: q ue llo de l bicch ie re m e zzo vuoto e m e zzo pie no, cos ì s ono conte nti tutti. Conte nta la Procura ch e otte ne va l'acce rtam e nto de lde litto di as s ociazione s e m plice fino al 19 80, m a im punibile pe rch é pre s critto; conte nto l'im putato ch e da q ue ll'anno in poi ve niva riconos ciuto innoce nte e s antificato com e antim afios o. O ra, s ulla line a di q ue lpre ce de nte , Cuffaro vie ne condannato pe r favore ggiam e nto s e nza l'aggravante m afios a, in bas e a un'inte rpre tazione de lle norm e vige nti ch e s arà corre ttis s im a pe r gli adde tti ai lavori m a è indige ribile s ulpiano logico: non s i

capis ce com e favorire de i m afios i, ch e s ono tali pe r l'apparte ne nza all'organizzazione , non s ignifich i favorire la m afia. Si aggiunga ch e il re ato pe r cui è s tato condannato è s ogge tto a rapida pre s crizione , ch e l'e s clus ione pe rpe tua dai pubblici s e rvizi s catta s olo con s e nte nza de finitiva, ch e con ogni probabilità non ci s arà m ai. E volete ch e Totò non fe s te ggias s e con vas s oi di cannoli?

"L'h anno votato sape ndo..." La s tam pa annuncia ch e due m agis trati, ch e a q uanto pare h anno ide e un po' dive rs e , indagano pe r incrim inare Cuffaro pe r concors o e s te rno m a non è de tto ch e ci rie s cano. Ilpre ce de nte non può non pe s are com e non può non ave r pe s ato s u q uanto è accaduto la s ce lta de ll'allora procuratore capo di andarci piano e puntare s olo s ulfavore ggiam e nto, con ilris ultato di produrre profonde s paccature ne l palazzo di gius tizia. O ra, gius tis s im am e nte , l'oppos izione , le as s ociazioni, finora q ualch e m igliaio di pe rs one , ch ie dono ch e Cuffaro s i dim e tta e dalla m aggioranza arrivano pre s e di dis tanza da M iccich è e pe rfino da D e ll'Utri ch e h a s ulle s palle una condanna pe r concors o, m a s i rius cirà a s calzare Totò dalla poltrona? M i auguro ch e ci s i rie s ca, pe rch è la ve rgogna è troppo grande , m a i problem i ch e ci

13

troviam o di fronte vanno oltre le dis avve nture di un s ingolo pe rs onaggio. Pe r com inciare , una gius tizia ch e , s ulla bas e di una legis lazione antim afia, fre ttolos a, contraddittoria e lacunos a, picch ia duro s u capi e gre gari m a balbe tta s uls is te m a di re lazioni ch e fanno forte e , finora, indis truttibile il pote re m afios o. Si continua con un ve ro e proprio im barbarim e nto de lla vita politica: l'antico clie nte lis m o h a las ciato s pazio all'illegalità s is te m ica e diffus a, gre m bo os pitale pe r il prolife rare de lle m afie . Gli e lettori s iciliani h anno votato Cuffaro pur s ape ndo ch e e ra indagato: gli inte re s s i di m olti, le atte s e di tanti e vide nte m e nte h anno pe s ato più de lle inch ie s te giudiziarie o fors e le inch ie s te s ono s e rvite ad aure olare ilvolto tonde ggiante di Totò. Qualcuno parla di una "q ue s tione m e ridionale" irris olta pre cipitata in q ue s tione crim inale, m a, pe r fare q ualch e e s e m pio, le m ontagne di rifiuti cam pani prim a ch e prodotto de i cam orris ti lo s ono di politici s e dice nti di s inis tra incapaci e pas ticcioni. E le ultim e vice nde di M as te lla rim andano alle s ce lte de lgove rno: non ci voleva m olto a capire ch e tutto avre bbe dovuto fare m e no ch e il m inis tro de lla gius tizia. Se ilce ntrode s tra inclina alcrim inale, m a è rius cito finora a s alvare un be lpo' di pe nne , ilce ntros inis tra s i è liq ue fatto, be n più de lle pre vis ioni di Baum an.


M AFIA E IM PR ESA

Le m ani sui supe rm e rcati (e sulle città) GRAZ IELLA PRO TO

Qual ch e giorno prim a di Natal e è stato arre stato Giuse ppe Grigol i, im pre nditore conce ssionario de lm arch io De spar pe r l a Sicil ia O ccide ntal e (in particol are Trapani e Agrige nto). Gl i sono stati se q ue strati 52 punti ve ndita. E' accusato di e sse re il cassie re di M atte o M e ssina De naro pe r conto de lq ual e inve ste de nari colpre stigioso m arch io. L’ul tim o padrino storico fa affari tranq uil l am e nte , graz ie a Giuse ppe Grigol i, ve nde ndo ge ne ri al im e ntari e prodotti pe r l a casa Pizzini, pizzini, pizzini... Cus toditi in carpe ttine dis tinte , ordinate . Pizzini in e ntrata, pizzini in us cita; già inviati, arch iviati. Se lezionati a s e conda de l m itte nte , de lle q ue s tioni, pe nde nti o trattate di volta in volta ne lle varie m is s ive . Si tratta di un arch ivio pe rfe tto; un m e todo arcaico m a conte m porane am e nte m olto m ode rno, lento m a e fficie nte e valido pe r com unicare , dis q uis ire , com andare . Le tte rine contraddis tinte da num e ri in codice : 121 pe r Guttadauro Filippo, tram ite di fiducia fra Prove nzano e M e s s ina D e naro; 28 pe r Gius e ppe Falsone , bos s provinciale di Agrige nto; 30 pe r Salvatore Lo Piccolo 31 pe r s uo figlio Sandro e tanti altri più o m e no im portanti più o m e no vicini. Fra i tanti num e ri, un s olo nom e , Ales s io, alias M atte o M e s s ina D e naro, m a lui è una altra cos a. Con Prove nzano h a un rapporto di ris pe tto m a autore vole; os s e q uios o m a non s e rvile, autonom o. Si rivolge alcapo as s oluto pe r m e tte rlo alcorre nte ; gli racconta le trave rs ie de lla “s ocie tà” ; ch ie de m a allo s te s s o te m po re gala, fa ilge ne ros o. Ne lpizzino datato ottobre 2003 Ales s io s crive a Prove nzano: “...c’è una pe rs ona di Cas te lve trano ch e h a la conce s s ione de i s upe rm e rcati D e s par, cioè q ue s ta pe rs ona apre de i punti ve ndita D e s par in ogni pae s e e dà la ge s tione de l punto ve ndita a pe rs one de lm e de s im o pae s e e la pe rs ona rim ane com e fornitore de l punto ve ndita las ciando alge s tore un largo m argine di guadagno, infatti q ue s ti ge s tori

s e la pas s ano tutti be ne ...” . D a un lungo e d approfondito s tudio, gli inq uire nti h anno buone ragioni pe r cre de re ch e la pe rs ona di cui parla M atte o M e s s ina D e naro ne lla s ua m is s iva a Prove nzano è Gius e ppe Grigoli, indicato più s pe s s o com e “ilm io pae s ano” . Tutti e due infatti s ono di Cas te lve trano.

Prove nzano ch e prim a di e s s e re arre s tato ne l covo s om m e rs o dai pizzini, ne e ra m olto inte re s s ato pe r la s ua fam iglia. L’im pre nditore Gius e ppe Grigoli, m olto conos ciuto ne lle province di Trapani e d Agrige nto, s e condo le ricos truzioni de gli inq uire nti, “m ane ggiava” pilotato da M atte o M e s s ina D e naro con ilq uale ave va rapporti di continuità, di am icizia, di affe tto e di affari. Una offe s a fatta alGrigoli (s pie gh e rà più volte in q ue i pizzini trovati ne lcovo di M ontagnacavalli e ch e s e condo alcuni Qualch e giorno prim a de lNatale de l2007, e s pe rti s e m brano s critti al com pute r da Gius e ppe Grigoli è s tato arre s tato. Pe r la q ualch e s crivano ch e ne m e tte anch e la D IA di Palerm o non ci s ono dubbi, s i tratta firm a Ales s io, ce rtam e nte pe r de pis tare , m a de lcas s ie re di M e s s ina D e naro, l’e re de di anch e pe rch é illatitante M e s s ina de naro h a Be rnardo Prove ngano. A Grigoli, fare bbe q ualch e problem a agli occh i) pe r ilbos s tracapo ilgrande affare de i s upe rm e rcati D e - pane s e è fatta a lui. Tocca ils uo pre s tigio. s par ne lla Sicilia occide ntale e l’im pre ndito- M a com e proce de Grigoli?Ilm e ccanis m o re , oltre ad e s s e re una s pe cie di - s e m bre re bbe un s e m plice ch iavi in m ano: conce s s ionario unico - de lm arch io D e s par, l’im pre nditore di Cas te lve trano, il conce s ne gove rna anch e la grande dis tribuzione . s ionario Grigoli, acq uis ta de gli im m obili o Una te s i e una ricos truzione m e ticolos a li pre nde in affitto attrave rs o le s ue s ocie tà de lla q uotidianità di Cos a Nos tra s caturita e li de s tina a s upe rm e rcato avvalendos i de l dallo s tudio de i pare cch i pizzini trovati ne l m arch io D e s par; ce de la ge s tione de lpunto covo di Prove nzano dopo ch e è s tato arre - ve ndita ad un s ogge tto de l pae s e ove il s tato. Un pre s tanom e dunq ue ilGrigoli, de - punto ve ndita ope ra; oltre all’im m obile e d gli affari de l bos s trapane s e ch e e s s e ndo all’us o de lm arch io, Grigoli fornis ce alge rice rcato da più di 14 anni h a q ualch e diffi- s tore , i prodotti da ve nde re , dive ne ndo coltà a m os trars i in giro e s brigars e la da s e . dunq ue e s clus ivo fornitore de lla m e rce ; il L’ultim o capo s torico de lla m afia, pe r dirla guadagno de lle ve ndite de lla m e rce fornita con parole s e m plici, da latitante s i diletta a s pe tta al ge s tore , m e ntre il valore de lla far aprire s upe rm e rcati D e s par e ne h a m e rce ritorna alGrigoli. “...in ogni pae s e offe rto uno, da ge s tire a Corleone , anch e a s crive ancora M atte o M e s s ina D e naro ne l

"Caro Prove nzano, e cco ilm io pae sano"

14


DISEGNO DIAM ALIA BRUNO

M AFIA E IM PR ESA

pizzino di ottobre - c’è un ge s tore locale ch e dirige ilpunto ve ndita, a q ue s ti ge s tori il m io pae s ano (Grigoli) gli ve nde la m e rce e gli applica uno s conto de ll’1%; con q ue s to s conto 1% ch e ilge s tore ris parm ia lo s te s s o ge s tore s i paga gli am ici de lproprio pae s e , cioè è un m e todo pulito e buono pe r tutti” .

s uo allora pari grado agrige ntino Salvatore Fragapane , ch e ras s icurando ilcollega glidis s e di s e ntirs i a cas a s ua. Ne lcom une di R ibe ra i due punti ve ndita D e s par inte s tati a de i pre s tanom i, s ono ge s titi da M anue lSortino e dai frate lli Carm e lo e Gius e ppe Capizzi. A propos ito de i s upe rm e rcati di R ibe ra “Ales s io”s cris s e a Prove nzano un pizzino pe r raccontargli di alcune controve rs ie s coppiate tra le province di Trapani e d Agrige nto, tuttavia, il te s to Ne lle province di Trapani e d Agrige nto, il offre una altra ch iave di lettura grazie alla Grigoli pos s ie de una cate na e norm e di s u- q uale vie ne fuori ch e Gius e ppe Grigoli, pe rm e rcati. A far s i ch e s oprattutto ne lla pro- “conce s s ionario”o “Ilm io pae s ano” , agis ce vincia di Agrige nto tutto proce de s s e pe r il pe r conto di M atte o M e s s ina D e naro; D ie tro m e glio, un accordo fra M e s s ina D e naro e il s ue indicazioni e de cis ioni. “...A R ibe ra la

Te m pi duri pe r ilboss

s ce lta cadde s u un ce rto Capizzi Gius e ppe , ch e io non conos co. Que s to s ig. Capizzi s in dal prim o m om e nto com inciò a fare alla pe rs ona dis cors i di “annacam e nto”ge ne rale di com e ci s i com porta als uo pae s e .... Be n pre s to s i capì ch e ilfine di q ue s ti dis cors i e ra ch e lui non voleva pagare le forniture di m e rce , cioè voleva tutto gratis ... Infatti circa un anno fa il s ignor Capizzi dove va alla pe rs ona già 500 m ilioni di lire ... ilconce s s ionario ce rca di re cupe rare i 500 m ilioni di lire face ndo pre s s ioni dire tte s ul s ignor Capizzi e pe r circa un anno continua a dargli m e rce anch e s e in m odo ridotto, m a non c’è nie nte da fare e ilde bito arriva a più di 1 m iliardo di lire . Alch é poco te m po fa

SCH EDA UN SUPER M ER CATO TUTTO M IO A propos ito di un proge tto di ape rtura di un punto ve ndita De s par a Corl e one condivis o s ia da M e s s ina De naro ch e da Prove nz ano “Le i m i dice ch e occorre pe r aprire un punto ve ndita als uo pae s e ; occorre s ol ol a buona vol ontà di tutti noi, l e i m i ins e gna ch e q uando c’è l a buona vol ontà s i pos s ono ris ol ve re tante cos e ne l l a vita, l e s pie go: als uo pae s e c’è già un punto ve ndita di q ue s to... O ra ilm io pae s ano m i dice ch e ilpunto ve ndita de ls uo pae s e va m al e m a s ol o pe rch é ils uo pae s ano non è in grado di ge s tirl o, ...l e i de ve trovare una pe rs ona pul ita, cioè ch e non h a m ai avuto a ch e fare con l al e gge , appe na l e i h a q ue s ta pe rs ona io dirò alm io pae s ano di com prars i ilpunto ve ndita de ls uo pae s e e butta ilproprie tario attual e fuori, pe rò pagandogl i ilpunto ve ndita pe r q ue l l o ch e val e, cioè abus i non ne facciam o s u ne s s uno, ....Pe rò prim a ch e io faccio

m uove re ilm io pae s ano a com prare l e i de ve trovare ch i vie ne a fare ilge s tore , dico ciò pe rch é pe r com prare ci vogl iono m ol ti s ol di e d è as s urdo ch e ilm io pae s ano com pri e poi non abbia ilge s tore , anch e pe rch é ilm io pae s ano non e ra inte re s s ato a com prare il punto ve ndita de ls uo pae s e e l o s i fa s ol tanto pe r fare un favore a l e i... M i pe rm e tto di darl e un cons igl io, anch e s e l e i non ne h a bis ogno, alge s tore fargl i fare s ol tanto da pre s tanom e de l l a ge s tione e l e i gl i pas s a un buon s tipe ndio e poi i ricavi de l l a ge s tione s e l i pre ndono i s uoi fam il iari, l ’im portante è ch e i rapporti tra ilge s tore e d i s uoi fam il iari re s tino s e m pre al l o s curo s e no s al ta tutto. Le dico ciò pe rch é s o ch e con l a ge s tione di un punto ve ndita ci può cam pare una fam igl ia dignitos am e nte be ne e s oprattutto pe r s e m pre , non s ottoval uti q ue s ta opportunità.”

15


M AFIA E IM PR ESA

SCH EDA I PER SO NAGGI

faccio s ape re al conce s s ionario di ch iude re ilpunto ve ndita di R ibe ra pe rch è orm ai e ra dive ntato un ricatto s e nza via d’us cita e com e s i s uol dire m e glio pe rde re ch e s trape rde re . Infatti da poco te m po a q ue s ta parte a R ibe ra non c’è più il D e s par. D opo la ch ius ura de l punto ve ndita il s ignor Capizzi va dal conce s s ionario e gli dice ch e de ve us cire il pizzo annuo s u tutti i punti ve ndita D e s par ch e ci s ono ad Agrige nto; ...io pe ns o ch e q ue s to s ignor Capizzi Gius e ppe abbia capito l’andazzo de i te m pi e de lle difficoltà ch e ci s ono ne lcom unicare e s i s ia profittato di q ue s ta s ituazione ; non s to a giudicare l’ope rato di q ue s to s ig. Capizzi pe rch è non m i inte re s s a... Io voglio indie tro ilm iliardo di lire ...”E a propos ito de lfatto ch e gliagrige ntini s i s ono pe rm e s s i di ch ie de re ilpizzo a lui, bos s autore vole in tutta Cos a Nos tra aggiunge “...Io da parte m ia non acce tto alcuna rich ie s ta da s ubalte rni o pre s unti tali com e ils ig. Capizzi, q uindi pe r m e q ue s to dis cors o s ino ad ora non e s is te ;la pre go di fare s ape re agli am ici di Agrige nto ch e s e q ue s to dis cors o de lpizzo è ve ro lo voglio de tto - tram ite lei - dalm io pari di Agrige nto e s olo con ilm io pari pos s iam o aprire un dialogo...” Ils uo pari di Agrige nto Gius e ppe Falsone ,

Coinvol to ne i più e ffe rati om icidi ch e s ono s tati pe rpe trati ne lte rritorio de l l a provincia di Trapani e ne l l e s tragi m afios e ch e ne l l a prim ave ra de l 19 9 3 h anno ins anguinato Rom a e Fire nz e , M atte o M e s s ina De naro è s tato raggiunto ne l te m po da num e ros e s e nte nz e di condanna tra l e q ual i al cuni e rgas tol i. Riconducibil i a l ui s ono l ’om icidio de l l ’age nte di cus todia di Trapani Gius e ppe M ontal to. Gius e ppe Capiz z i, vice rappre s e ntante provincial e di Agrige nto, attual e capo de lm andam e nto di Ribe ra. E’ ilfigl io di Sim one Capiz z i, s torico capom afia condannato al l ’e rgas tol o con s e nte nz a de finitiva pe r om icidio e d as s ociaz ione m afios a. Suo frate l l o Carm e l o ge s tiva as s ie m e a l ui ils upe rm e rcato De s par di Ribe ra, m e ntre l ’al tro frate l l o M ario Capiz z i, è s tato condannato al l ’e rgas tol o con s e nte nz a de finitiva pe r l ’om icidio de lM are s cial l o de i Carabinie ri Guaz z e l l i e pe r ils e q ue s tro e l ’om icidio de lpiccol o Di M atte o Fil ippo Guttadauro è ilcognato di M atte o M e s s ina De naro, m arito de l l a s ore l l a Ros al ia, già irre vocabil m e nte condannato pe r apparte ne nz a al l ’as s ociaz ione m afios a Cos a Nos tra, e d e s tors ione aggravata. Fino a q uando h a potuto è s tato uno de i pos tini di fiducia fra s uo cognato e Prove nz ano

a dim os trazione ch e M e s s ina D e naro non s i com porta proprio be ne e “ch e non ci fa una be lla figura”con “la nos tra s ocie tà” al bos s Prove nzano e vide nzia ch e il punto ve ndita di Licata è s tato dato dire ttam e nte ad altro s tiddaro. “...inte re s s a procurare tutta la m anodope ra ch e q ue s ti punti ve ndita pos s ono procurarci, illavoro pe r noi e di prim aria im portanza.” . “Se il s ignore di R ibe ra s crive “Ales s io” ancora a Prove nzano - con i te m pi ch e corrono, ave s s e fatto ciò ch e h a fatto a ch icch e s s ia, a q ue s t’ora s are bbe già in carce re , pe rch é ch iunq ue s are bbe cors o alla cas e rm a a de nunciarlo. Solo ch e h a capito ch e ilm io pae s ano non ci andava in cas e rm a...”ins is te lam e ntandos i de ls uo pari agrige ntino Falsone . Ne l fratte m po un altro pe ntito, l’e x re gge nte de lm andam e nto di Sciacca M aurizio D i Gati ai giudici ch e lo inte rrogano racconta ch e q uando Le o Sute ra, e x e s pone nte di s picco s e ppe ch e Capizzi e Falsone volevano ch ie de re ilpizzo a M e s s ina D e naro s i oppos e e d e s clam ò m e ravigliato e s e gue ndo una s ua e tica “...e poi ch e facciam o, la m attina ci guardiam o allo s pe cch io e ci s putiam o in faccia?” . DISEGNO DIAM ALIA BRUNO

M atte o M e s s ina De naro, capom andam e nto di Cas te l ve trano, è l ’ul tim o capo s torico di Cos a Nos tra di cui rappre s e nta uno de i ve rtici as s ol uti de l l a provincia di Trapani e de l l ’inte ra as s ociaz ione m afios a. Latitante dal2 giugno de l19 9 3, è ilfigl io di France s co, anch ’e gl i pe r l ungo te m po l atitante , m afios o e capo autore vol e di cos a nos tra, cos a di cui M atte o s i onora e s pe s s o ricorda, tanto ch e Al ess io, ne l l a s ua corris ponde nz a con Prove nz ano s pe s s o ne fa m e nz ione , com e a vol e r ricordare l e s ue origini e l a s ua s toria, nonch é l a s ua particol are col l ocaz ione q ual e bos s de l l a provincia di Trapani in s e no a Cos a Nos tra. Anch e ilfrate l l o Sal vatore , pre pos to al l a banca Sicul a e Com it, è finito in m ane tte pe rch é coinvol to in ope raz ioni di m afia. La prorom pe nte pe ricol os ità di M e s s ina De naro M atte o s i e vide nz ia ne lpanoram a m afios o ne l19 9 3, al l orq uando ilcol l aboratore di gius tiz ia Bal duccio Di M aggio l ’h a indicato q ual e is piratore di s pie tate az ioni crim inos e . Subito dopo num e ros i al tri col l aboratori di Gius tiz ia h anno iniz iato ad indicare M atte o M e s s ina De naro q ual e s ogge tto e s tre m am e nte pe ricol os o e s anguinario face ndone e m e rge re un profil o di al tis s im o s pe s s ore crim inal e , dire ttam e nte col l e gato a Sal vatore Riina, Le ol uca Bagare l l a, Giovanni Brus ca, i frate l l i Graviano e tutti gl i al tri più pe ricol os i e s pone nti di cos a nos tra.

q ue llo ch e h a te ntato as s ie m e als uo vice provinciale Gius e ppe Capizzi, di fars i dare il “pizzo” non riconos ce ndo pe r ciò gli accordi pre s i dals uo pre de ce s s ore Fragapane con M atte o M e s s ina D e naro, h a con Be rnardo Prove nzano una corris ponde nza m olto fitta, e in un prim o m om e nto h a anch e ce rcato di convince re ilcapo, ch e il s uo pari trapane s e non s tava face ndo un buon lavoro pe r cos a nos tra. A talpropos ito s i e ra lam e ntato fra l’altro de lfatto ch e ne i ce ntri D e s par de ll’agrige ntino s ono s tate im pie gate poch e pe rs one vicine a cos a nos tra “di inte re s s e de lla nos tra s ocie tà” m e ntre , un s ignore de lla s te dda è rius cito a farne im pie gare di più. Non s olo, s e non fos s e inte rve nuto lui s ottoline a, lo s tiddaro avre bbe otte nuto lo s te s s o ris ultato ne lnuovo ce ntro D e s par di Favara. Infine , Falsone

16


M AFIA E IM PR ESA

E a Catania il"re de i supe rm e rcati", Ne llo Scuto M ARCO BENANTI

M afia e im pre nditori: non se ne parl a sol o dal l e parti di Pal e rm o. Anch e ne l l a Sicil ia orie ntal e i rapporti d'affari sono sal di oram ai da m ol to te m po. Fra i proce ssi in corso ce n'è uno - ne lbe ne e ne l m al e - m ol to inte re ssante . Anch e q ui si parl a di cate ne di supe rm ark e t. Un busine ss m ol to di m oda, a q uanto pare Il“cas o Catania” , m algrado Catania e la s ua s tam pa, re s ta attuale. D opo la s e nte nza di prim o grado pe r ilproce s s o de llo s candalo de lnuovo os pe dale“Garibaldi” ch e , ne lle grandi line e , h a confe rm ato ch e in Sicilia e a Catania grandi appalti s i traducono, com e ve nti anni fa, in m e ga-affari pe r politica, im pre nditoria e m afia, in atte s a

de ll’appe llo, pros e gue ilproce s s o ch e ve de im putato di as s ociazione m afios a e d e s tors ione il“R e de i Supe rm e rcati” , Se bas tiano Scuto. Ci vorranno ancora pare cch i m e s i, fors e più di un anno, pe r giunge re alla s e nte nza di prim o grado: Scuto è vittim a di Cos a Nos tra o è m afios o?E’ s olo un im pre nditore s iciliano e s torto, ch e vive cioè le

“contraddizioni am bie ntali” de lle nos tre parti (com e s i dice va a propos ito de i “cavalie ri de llavoro” , con ragionam e nti finiti anch e in s e nte nze de lla m agis tratura) o s i è avvantaggiato de lla crim inalità m afios a pe r allargare la s ua attività, fino a re alizzare un im pe ro e conom ico? Lui, Scuto non m anca m ai ad un’udie nza, accom pagnato dalla fam iglia: s aluta tutti,,

SCH EDA LA DESPAR DESPAR è l ’acronim o de rivato da “Door Ee ndrach ting Sam e nw e rk e n Profite re Al l e n Re ge l m atog”cioè, “be ne ficio re ciproco pe r ch i l avora ins ie m e ” . Ilgruppo inte rnaz ional e SPAR con s e de ad Am s te rdam , è re s pons abil e de l l o s vil uppo e de l l ’organiz z az ione a l ive l l o m ondial e e d affida l a conce s s ione de lm arch io De s par, Inte rs par o Euros par a vari s ogge tti giuridici pre s e nti s ui s ingol i te rritori naz ional i. E’ im portante pre cis are ch e l a SPAR, non è una m ul tinaz ional e , m a ogni pae s e de cl ina l a s ua fil os ofia s ulproprio te rritorio. La “De s par Ital ia” , ch e raggruppa l e az ie nde De s par attive s ulte rritorio ital iano, è un cons orz io a re s pons abil ità l im itata con s e de a M il ano, via Cal de ra, n. 21. De lcons orz io fanno parte dodici ce ntri di dis tribuz ione ch e , pe r m ark e ting e d acq uis ti, fanno rife rim e nto al l a ce ntral e com m e rcial e “Sinte s i” . I ce ntri di dis tribuz ione De s par de l l a Sicil ia ris ul tano tre e s ono rappre s e ntati dal l e s ocie tà: “Gruppo 6 G.D.O . s .r.l .” , con s e de a Cas te l ve trano (TP) ope rante ne l l e province di Trapani e Agrige nto in m ano a Grigol i e l a s ua com pagnia. “Al igrup S.p.A.”con s e de in San Giovanni La Punta (CT) e d ope rante ne l l e province di Pal e rm o, Enna, Cal tanis s e tta, Ragus a e Siracus a in m ano a Se bas tiano Scuto ch e da al cuni anni è s otto proce s s o pe rch é coinvol to ne lcos idde tto “Cas o Catania” ; (V. Sch e da) “Fiorino s .n.c. di R. & C. Fiorino”con s e de l e gal e a M e s s ina e d ope rante in q ue l l a provincia.

La s ocie tà “Gruppo 6 G.D.O . s .r.l .” , unica inte re s s ata pe r l e province di Trapani e d Agrige nto, h a due s ol i s oci: Grigol i Gius e ppe e l a m ogl ie , Fas ul o M aria. Ne de riva ch e , di fatto, ilGrigol i è e ffe ttivam e nte una s orta di conce s s ionario e s cl us ivo de lm arch io De s par pe r l e province di Trapani e d Agrige nto. E’ s tato acce rtato inol tre ch e Grigol i è am m inis tratore unico de l l a “Grigol i Dis tribuz ione s .r.l .”con s e de a Cas te l ve trano ne l l a via Partanna k m . 2, ope rante anch e ne ls e ttore com m e rcial e di rive ndita di prodotti al im e ntari e pe r l a cas a, ch e ne l l a vis ura cam e ral e de l 23 april e 19 9 7, ris ul tava ne l l ’e l e nco de i cons orz iati de l l a “De s par Ital ia”ilch e s ignifica dunq ue ch e e ffe ttivam e nte l ’indagato, ol tre ad e s s e re conce s s ionario de lm arch io De s par, è fornitore de l l a m e rce ch e i s upe rm e rcati ve ndono. Ilge s tore da parte s ua h a l a pos s ibil ità di dare pos ti di l avoro ris e rve rà a uom ini d’onore de l l a fam igl ia l ocal e o a l oro pare nti, o a te rz e pe rs one a titol o di “favore ” acq uis e ndo ne ls uo pae s e pre s tigio s ocial e e cons e ns o. Al l a De s par di Agrige nto as s unti com e dipe nde nti ris ul tano Antone l l a e Tania M otis i nipoti di Ce s are Lom bardoz z i;M arco Cas tronovo figl io di Cal oge ro de tto Totò, attual m e nte de te nuto, condannato in s e de de finitiva al l ’e rgas tol o, pe r as s ociaz ione m afios a e d om icidio ne lproce s s o “AK RAGAS” ; Raim ondo M ontana Lam po ge ne ro di Ce s are Cal oge ro Lom bardoz z i, ge s tis ce una rive ndita di pe s ce ins e rita ne i l ocal i di tal e punto ve ndita in forz a di un contratto. Apparte ngono al cons orz io anch e i s upe rm e rcati attivi con il m arch io “Euros par” , “Inte rs par”“Ipe rs par”e “Euro Cas h ” .

17


M AFIA E IM PR ESA "Ilblocco di pote re ch e h a in pugno la città si autotute la con i suoi giornali..." è ge ntile e dis ponibile, anch e con i cronis ti. R e s pinge s e m pre le accus e ch e gli s ono piovute addos s o, in particolare q ue lle de i pe ntiti ch e lo accus ano di connive nze pe s anti con ilclan Laudani di San Giovanni La Punta: i s uoi dipe nde nti, poi, lo adorano, s ono andati, ne l 2002, anch e s otto ilcarce re di Parm a a m anife s targlis olidarie tà e lo dife ndono s e m pre . Anch e non poch i im pre nditori s ono ve nuti a te s tim oniare in tribunale s ulla s ua corre tte zza: ils ignor Scuto?"Pe rs ona corre tta” . Gran parte de ls uo im pe ro è s otto am m inis trazione giudiziaria: com unq ue , le cos e non vanno poi cos ì m ale, bas ta legge re il giornale di Ciancio pe r os s e rvare com e i m arch i de lgruppo s ono s e m pre be n pubblicizzati, cos ì com e gli am pliam e nti com m e rciali. “La Sicilia”- m a è s olo una coincide nza - non s crive pre s s och é un rigo s ulle udie nze de l s uo proce s s o: il “Giornale di Sicilia”fa un po’ m e glio, s e m pre con pars im onia com unq ue , la “Gazze tta de lSud” , da par s uo, s e gue gli orie ntam e nti “culturali”de “La Sicilia” . Ilblocco di pote re ch e h a in pugno la città s i autotute la, ins om m a: con i s uoi giornali, i s uoi “giornalis ti” , con i s uoi avvocati, i giure cons ulti. Naturalm e nte , c’è poi da dife nde re l’im pre nditoria, ch e è s e m pre “s ana”(a propos ito: è ricom inciato iltam tam s ulla “s icilianità vittim a de lNord” )e poi, dall’antipolitica occorre prote gge re la politica ch e , pe rò, tranne rare e cce zioni, non parla de i problem i re ali (“Cas o Catania” ?Ch i?Cos a?Eppure ilPre s ide nte Scidà, continua a s crive re e a de nunciare fatti e s ituazioni s ui rapporti m afia-pote re giudiziario-politica-affari).

De ntro Cosa Nostra catane se D e ntro Cos a Nos tra catane s e - ufficialm e nte s e condo gli inq uire nti - com anda Santapaola, ch e , dire ttam e nte o indire ttam e nte , non m anca q uas i m ai, anch e s e s ta in carce re , ora a Tolm e zzo, da q uindici anni, al41bis con un diabe te galoppante , ch e glih a fatto abbas s are la vis ta. A finire ne lcalde rone de lle inch ie s te de lla Procura tanti ve cch i nom i de lla m afia, pe rs onaggi vis ti e rivis ti de cine di volte : pare ch e gli anni O ttanta, in te m a di crim inalità, q uas i vivano una s tagione di clonazione . O fors e , le capacità inve s tigative de lla Procura de lla R e pubblica s ono q ue lle ch e s ono. Cos a dire , inve ce , de i Laudani?D e lruolo

de gli Ercolano? D e lle “s pinte ” m afios e arrivate da Palerm o, tram ite i M azze i “Carcagnus i” ?E de i “m ovim e nti”de ntro ilPorto?E i forzie ri finanziari, gli intre cci di ce m e nto e capitali s porch i di una città s e nza re gole?I fium i di de naro ch e girano pe r Catania e provincia, da un’ avve ntura im pre nditoriale ad un’altra, da un ce ntro com m e rciale ad un altro: ch i controlla? La Com m is s ione Antim afia, q uando s ce s e a luglio a Catania, proclam ò atte nzione s u q ue s ti te m i: praticam e nte , non s e ne s a più nulla. Ch i h a s critto a lungo di q ue s te vice nde è - o è s tato - s otto proce s s o: di re ce nte , una buona notizia pe r ilgiornalis m o è arrivata con l ’as s oluzione di Grazie lla Proto, dife s a dall’avv. M ario Brancato, q ue re lata, ne l2003, dall ’arch ite tto Giuliano (poi de funto) pe r un articolo s u “Errone o.org” s ulle vice nde de l com une di San Giovanni La Punta. La vice nda di Se bas tiano “Ne llo Scuto”s i dipana in q ue s ta s tagione de lla città: in Tribunale a s e guire le udie nze un cronis ta uno (“e s tre m is ta-com unis ta”- dicono), R a-

Sulla stam pa locale nie nte inch ie ste dio R adicale ch e re gis tra, m a i giornalis ti pe r fare dom ande e non pe r copiare ve rbali dove s ono?Le te lecam e re de lla R ai o di Ciancio?D i re ce nte , è s puntata una troupe di “Ballarò” : apriti cie lo! “Ch i li h a m andati? Pe rch é s ono ve nuti?...” : la caccia alla ris pos ta s ui pre s unti m otivi “inconfe s s abili”di q ue s ta vis ita è partita. Poi, il15 ge nnaio, addirittura “IlSole 24 ore ”h a pubblicato un’inch ie s ta de l s uo giornalis ta Claudio Gatti s ui rapporti inconfe s s abili fra m ondo de lle s com m e s s e e am bie nti m afios i. E, tra l’altro, ch i ti tira fuori Gatti?Proprio di lui, di m is te r Scuto. Pe rch é?Il“Sole”fa rife rim e nto in particolare al bando s ulle age nzie s com m e s s e de l2006: da ch i s ono ve nute le offe rte più alte ?...” s ono ve nute – s crive Gatti - da piccole s ocie tà a ge s tione fam iliare . Non c’è inve ce ne s s uno de i colos s i de ls e ttore .

L'om e rtà rotta dalSole-24ore Cinq ue di q ue lle 14 offe rte s ono s tate pre s e ntate dalla Prim alSrl, una s ocie tà de lla provincia di Catania ch e , s pe nde ndo q uas i otto m ilioni e m e zzo di e uro, s i è aggiudicata 24 s ale e 71 corne r o punti di ve ndi-

18

ta. Gli attuali proprie tari di Prim al ris ultano e s s e re M ich e le Spina e s ua m oglie D onata Ge nove ffa Fe rrara, ris pe ttivam e nte con il 55 e il 45% de lle q uote . Andando pe rò a s cavare ne lla s toria s ocie taria, s i s copre ch e fino aldice m bre 19 9 9 ilpartne r di M ich e le Spina non e ra s ua m oglie be ns ì s uo zio, Se bas tiano Scu-

"Ne ssuna inch ie sta, tutto re golare " to...” . Gatti, poi, fa rife rim e nto a Spina, ch e , tra l’altro, h a confe rm ato ch e “tra i s uoi partne r ne lla gara c’e ra anch e Save rio D e Lore nzis , com proprie tario di M innie Srl as s ie m e alfrate llo Pas q uale....- Ebbe ne continua Gatti - anch e la fam iglia D e Lore nzis , com e Se bas tiano Scuto, è s tata accus ata dalla m agis tratura di legam i con la crim inalità organizzata. Ne llo s pe cifico, trattandos i di puglie s i, con un clan talentino de lla Sacra Corona Unita. Ne l2002, R occo D e Lore nzis e i s uoi figli Salvatore , Pie ro e Pas q uale h anno s ubito ils e q ue s tro di be ni, inclus o i titoli de lla s te s s a M innie Srl, dalla m agis tratura pe r s os pe tta as s ociazione m afios a. M e ntre a Pas q uale non ve nne m ai im putato nulla, Salvatore è s tato condannato in prim o e s e condo grado pe r as s ociazione alclan di Vito Paolo Trois i (ilricors o ris ulta ora pe nde nte in Cas s azione ), m e ntre Pie ro è s tato ogge tto di una m is ura di pre ve nzione patrim oniale de finitiva pe r as s ociazione m afios a” . Ins om m a, nulla: e vide nte m e nte ai ve rtici M onopoli di Stato non h anno rite nuto di fars i dom ande particolari. Ne s s una inch ie s ta, com unq ue , ne s s una ipote s i di re ato: tutto re golare . Gatti racconta fatti, m a già q ualcuno s i è ch ie s to: m a pe rch é q ue s to “attacco”a Ne llo Scuto dal giornale de lla Confindus tria? Ch e ci s arà die tro?Apriti cie lo! A Scuto non va giù l’articolo, gli avvocati de lla s ua dife s a m andano una lette ra all ’autore de ll’inch ie s ta s ul “Sole” : ci s are bbe ro im pre cis ioni: Scuto non è s ocio de lla Prim alda q uando s i occupa di gioch i, è s tato pros ciolto dall’accus a di concors o ne ll’om icidio di Salvatore Aie llo, ch e è avve nuto pe r contras ti fra clan e non pe r una rich ie s ta “s bagliata”- pe r i Laudani a Scuto; e poi ilpe ntito Fe rone , ilbos s ch e h a uccis o la m oglie di Santapaola (di cui Gatti riporta dich iarazioni s ui rapporti Scuto-Laudani) s i è contradde tto.


M AFIA E IM PR ESA

DISEGNO DIAM ALIA BRUNO

"Scriva be ne , e atte nto a non com m e tte re e rrori..." I consigli "am ich e voli" ch e arrivano alcronista

Ne l fratte m po, a Catania, il giornalis ta “e s tre m is ta-com unis ta” vie ne raggiunto, com e ils uo avvocato dife ns ore , da te lefonate di avvocati di Scuto: ogge tto, s e m pre l’inch ie s ta de l “Sole” . Ins om m a: ch e s i s criva be ne e s e nza e rrori... pe r e vitare s piace voli cons e gue nze . Anch e q ue s to è il clim a de lla “libe rtà d’inform azione ” a Catania. Frattanto, pe r l’im pre nditore punte s e continua, in prim o grado, un altro proce s s o pe r concors o in abus o d’ufficio, pe r un pre s unto vantaggio rice vuto dall’ape rtura di una s trada a San Giovanni La Punta in re lazione als uo ce ntro com m e rciale “Le Z agare ” : è s tato già as s olto in via de finitiva il

s indaco de ll ’e poca Santo Trovato. Com e finirà?Si parla già di pos s ibile pre s crizione e poi: s e è s tato as s olto ils indaco, com e potrà e s s e re condannato Scuto? M is te ri de lla cos idde tta gius tizia.

Una brutta notizia da Rom a Ad inizio ottobre s cors o, inve ce , una brutta notizia è arrivata da R om a: la Cas s azione , s cioglie ndo un nodo m e ram e nte proce durale, h a riape rto la vice nda ch e , in pas s ato, h a vis to im plicato Scuto pe r concors o ne ll’om icidio di un piccolo e s tortore , Salvatore Aie llo (ne abbiam o

19

parlato in rife rim e nto all ’inch ie s ta de l “Sole24ore ” ). D avanti alGup Scuto e ra s tato as s olto: la Procura Ge ne rale h a, pe rò, im pugnato - e dopo ch e la cos idde tta “legge Pe core lla”è s tata dich iarata incos tituzionale, è arrivato ilpronunciam e nto de lla Supre m a Corte . Solo ragioni proce durali - pre cis ano gli avvocati: Scuto è s tato già pros ciolto dall ’accus a. Già, ora m a e s is te un ipote tico “ris ch io” : ch e , dopo il pronunciam e nto de lla Cas s azione , pos s a e s s e re proce s s ato pe r q ue s ta ipote s i di re ato. Ve di un po’ cos a capita q uando la Corte Cos tituzionale e q ue ldocum e nto “os curo” ch iam ato Cos tituzione ci s i m e ttono di m e zzo.


SICILIA/ FR A DIO SSINA E M O NNEZ Z A

Com e ti ince ne risco la Sicilia SANTINA SCO NZ A E FABIO D'URSO

La capital e de i m ostri è a sude st, ne ltriangol o Augusta-M e l il l iPriol o; m a ora vogl iono dil agare dappe rtutto. C'è tutto un piccol o popol o, diffuso ne l l 'Isol a inte ra, ch e dispe ratam e nte si batte pe r fe rm arl i. Abbiam o parl ato con l oro. Colm e dico ch e da tre nt'anni ge tta l 'al l arm e sul l 'aum e nto de i tum ori, con l a donna de lcom itato di base , con l a dottore ssa ch e l otta sulfronte de l l a sal ute . Ne e sce ildram m atico q uadro di una Sicil ia fe roce m e nte sotto asse dio, q uasi travol ta. I m e dia l o rim uovono. Facil e dim e nticare Ilpolo indus triale di Augus ta, i com itati pe r l’am bie nte e illoro im pe gno politico e civile. Ilfuturo pe r i figli, ildiritto alla s alute , alla vivibilità, l ’im pe gno com e condizione pe r fare de m ocrazia. La parola a ch i s i è im pe gnato contro la re alizzazione de gliince ne ritori. *** R os s ana Z e re da, de lcom itato donne e m adri di Augus ta ci s pie ga q uali s ono i s ignificati pe r lei rite nuti im portanti. - Cos a pe ns i? “H o voglia di vive re pe ns ando alfuturo de i nos tri figli” . - Quanto im porta? “Que s to è q uanto vogliano noi donne ch e lavoriam o ne i com itati” . - Cos a cogliq ui ad Augus ta, vive ndoci? “ Spe s s o in q ue s to pos to colgo la volontà di rim uove re i problem i, ch e non s ono s oltanto le m alform azioni conge nite di tanti” . - Ci s i dim e ntica di lottare , ad Augus ta? “Es is te ne ll’atm os fe ra, una ce rta arroganza, ch e nas conde le difficoltà. Es s a h a s e gnato tutta una parte de lla s toria di q ue s to luogo” . - Se i arrabbiata? “L’arroganza non m i piace ” . - Cos a fare ? “R e s tare con la m e nte e con ilcuore ” . - Ch e vuoi dire ? “E’ im portante cre de re , vale la pe na di cre -

de re all’utopia” . - Anch e ne i m om e nti di difficoltà ? “Pe ns o q uanto s ia im portante continuare a de s ide rare , im pe gnars i a m andare avanti la re te di s olidarie tà” . - Con q ualis trum e nti ? “Con la pas s ione politica e l ’am ore pe r la nos tra te rra” . - Cos a s ignifica re s tare ad Augus ta? “ Sce glie re ” . - Ad e s e m pio?

Passione politica e am ore pe r la te rra “La pas s ione pe r la diffe re nziazione de i rifiuti m i h a pe rm e s s o di guardarm i attorno” . - E poi? “ Lavorando ne i com itati rifiuti ze ro h o conos ciuto tanti con cui h o condivis o te m po e d e s pe rie nza” . - Una donna ch e vuoi ricordare ? “M i vie ne in m e nte M ah odaya, giornalis ta ch e vive a Palerm o” . - Pe r q uale m otivo? “ Vive e com unica con s e rie tà ils uo im pe gno ne lcondivis ione de lla inform azione ” . - Un uom o ? ” Pe ns o a Erne s to Burgio, m e dico palerm itano, e als uo lavoro im portante ” . - Quale? “ Si è im pe gnato innanzi la Com m is s ione

20

R e gionale Am bie nte pe r re lazionare i danni acce rtati daltrattam e nto de i rifiuti attrave rs o gliince ne ritori” . - Poi? “Pe ns o ai ragazzi, ch e h o incontrato ne lla dive rs e città” . - In particolare a ch i pe ns i? “M i ve ngono in m e nte i ragazzi di Pate rno” . - Ch i altro? “M i vie ne in m e nte Paolo Guarnaccia s ta face ndo im pre s a biologica q ui, con la s ua voglia di re s tare vicino a tutti.” - Una fotografia de ls uo lavoro? “Quando a Catania h a tradotto le parole di PaulConne tt” . - Pe rch é?" “Le parole h anno una grande im portanza” . -Cos a e s prim ono? “Ilnos tro im pe gno, ch e è q ue llo di affam are le dis carica e l ’ince ne ritore ” . - Una lotta ne i conte s ti dove ognuno vive ? “ In ogni parte dove s i lotta". - Poi? “Le lotte s i inte rs e cano, s i ci re nde conto de lla cons ape volezza s ui conflitti e s is te nti” . - Cos a s ignifica pe r te ? “Ave re il coraggio di non s cappare da q ue s ta città, dove ci s ono più tum ori ch e in ogni altro pe zzo d'Italia".


SICILIA/ FR A DIO SSINA E M O NNEZ Z A "Un'am plissim a docum e ntazione scie ntifica inte rnazionale"

CO NTRO GLI INCENERITO RI Una de l l e tante m anife s taz ioni (q ue s ta è a Be l l ol am po, a Pal e rm o) contro gl i ince ne ritori. In bas s o: ilprof.Sol arino.

M EDIA E INQ UINAM ENTO "Q UESTO SILENZ IO CH E TO GLIER A' AI NO STR I FIGLI ILFUTUR O " Cam pania e Sicil ia s ono due re gioni con gl i s te s s i probl e m i di rifiuti s ol idi urbani. Pe r ris ol ve rl i non s ono bas tati 14 anni di com m is s ariam e nto pe r l a prim a e 9 pe r l a s e conda. A Napol i s ono s tati abbandonati i rifiuti pe r s trada, s i è tras form ata l a città in una pattum ie ra a cie l o ape rto, con i fal ò ch e i vigil i de lfuoco h anno s te ntano a s pe gne re , con fum i nocivi, conte ne nti dios s ina e m ol e col e organocl orurate . La città re s a invivibil e e un gravis s im o danno alturis m o. Si tratta di una s trate gia, s cie ntificam e nte s tudiata, pe r convince re i cittadini ad acce ttare i te rm oval oriz z atori, im pianti cons ide rati ad e l evata pe ricol os ità. In Sicil ia, l a raccol ta diffe re nz iata di fatto non s i fa; Cuffaro pe r primo h a messo l e m ani avanti, pave ntando l o s te s s o dis as tro cam pano in Sicil ia e q ue s to pe r gius tificare l a re al iz z az ione de i q uattro ince ne ritori. I m e dia h anno dato ris al to al l ’util ità de gl i ince ne ritori raccontati com e im pianti non inq uinanti. Sono s tati m os trati com e l a s ol uz ione ottim al e alprobl e m a rifiuti. Non s i è s e ntita una s ol a voce , un ce nno al l e e m is s ioni di dios s ine , di dibe nz ofurani, di al tri com pos ti organici cl orurati, di m e tal l i pe s anti e di nanopol ve ri infe riori a 2.5 m icron, tutte s os tanz e pe ricol os e di cui al cune dich iarate cance roge ne . Non s i è parl ato di nati m al form ati, di aum e nto di tum ori ch e s i re gis trano ne l l e z one in cui ope rano gl i ince ne ritori. Si è trattata di una ve ra e propria offe ns iva m e diatica ch e non h a dato s paz io ai com itati e d ai m ovim e nti contro gl i ince ne ritori al cuna pos s ibil ità di pre s e nz a e di ris pos ta ch e argom e ntas s e propos te al te rnative pe r una dive rs a ge s tione de i rifiuti. M a ne s s una s ol uz ione dive nta acce ttabil e s e nz a raccol ta diffe re nz iata s pinta (porta a porta) e s e nz a trattam e nto de l l a fraz ione re s idua indiffe re nz iabil e con proce s s i a “fre ddo”(70 – 9 0°C), com e l a bios s idaz ione , ch e non ge ne ra ce ne ri e d e m is s ioni gas s os e pe ricol os e com e fanno gl i ince ne ritori. Ne anch e di e m is s ione di e m is s ioni di anidride carbonica s i è più parl ato. Ne i dis cors i fatti pe r os annare gl i ince ne ritori s i s ono com pl etam e nte dim e nticati de lprotocol l o di K yoto e de l l e tre tonne l l ate di

CO 2 e de i 300 k g (corris ponde nti al30% ) di ce ne ri pe ricol os e da avviare in dis carich e s pe cial i; a Bre s cia q ue s te ce ne ri ve ngono inviate ne l l e m inie re te de s ch e di s al ge m m a, al l a s te s s a s tre gua de i rifiuti radioattivi ch e s i ge ne rano dal l ’ince ne rim e nto di una tonne l l ata di rifiuti. Ol tre al l a pe ricol os ità de l l e dios s ine e de i dibe nz ofurani, dal2004 un’am pl is s im a docum e ntaz ione s cie ntifica inte rnaz ional e h a dim os trato ch e ilnanoparticol ato infe riore a 2,5 m icron (non e s is tono ad oggi fil tri capaci di tratte ne rl o) ge ne rato dagl i ince ne ritori produce e ffe tti de vas tanti s ul l a s al ute : m al attie cronich e de ge ne rative , patol ogie al l e rgich e , tum ori e m al form az ioni conge nite . E’ pas s ato ilm e s s aggio ch e gl i ince ne ritori inq uinano m e no di una s trada trafficata, com e h a s os te nuto ilpre s ide nte onorario di Le gam bie nte Erm e te Re al acci. Ins pie gabil m e nte al cune as s ociaz ioni am bie ntal is te s tanno finge ndo di ignorare i pe ricol i de l l ’ince ne rim e nto de i rifiuti s ol idi urbani. Anch e Cas ini, inte rvis tato in una tras m is s ione te l e vis iva, s i è m e ravigl iato ch e in Sicil ia non s i s ono s tati fatti i 4 ince ne ritori pre vis ti da Cuffaro; Cas ini s e m brava s conos ce s s e ch e Cuffaro non ave va pubbl iciz z ato, a l ive l l o e urope o, ilbando di appal to de gl i ince ne ritori, com e pre vis to dal l a Unione Europe a, ch e Cuffaro non ave va appl icato ne gl i s te s s i bandi l e proce dure antim afia pre vis te dal l a l e gge , ch e l a s ocie tà Al te coe n, ch e parte cipava a due de i cons orz i d’im pre s e pe r l a cos truz ione di 2 ince ne ritori, e ra s tata incrim inata pe r m afia. Cuffaro, prim a di dare l e dim is s ioni e di offrire i fam os i cannol i s icil iani, h a com pl e tato l a s ua ope ra ince ne ritoris ta face ndo approvare , ne l l a finanz iaria 2008-2010, contributi annui di € 250 m il ioni (750 m il ioni com pl e s s ivi ne ltrie nnio) a favore de l l e s ocie tà affidatarie de gl i ince ne ritori, pur s ape ndo ch e gl i appal ti pe r q ue s te s ono s tati bocciati dal l a Corte di Gius tiz ia Europe a e q uindi dovranno e s s e re annul l ati. LUIGISO LARINO pre s ide nte De contam inaz ione Sicil ia

21


SICILIA/ FR A DIO SSINA E M O NNEZ Z A

L'ICAM Uno de gl i e ve nti più e m bl e m atici ne l l a s toria de l l a z ona Augus ta-M e l il l i-Priol o fu l 'e s pl os ione de l l 'Icam (a s inis tra), ne lm aggio '85.

Giacinto Franco tre nt'anni fa è s tato ilprim o m e dico a com pararare le prim e m orìe de i pe s ci ne lgolfo di Augus ta con le prim e nas cite con m alform azioni conge nite . Ilprim o a inform are ilpre tore di Augus ta, ilprim o a com inciare la lotta. Ad Augus ta a lottare con le re s is te nze di un inte ra clas s e dirige nte . Fors e in un altro luogo non s are bbe s tato guardato a vis ta, m e ntre die tro le s palle lo face vano cre tino. Ilpunto è e s attam e nte q ue s to, ch e q uando un pae s e dive nta un s is te m a indus triale, q uando l’indus tria è fatta di inte re s s i non com patibili con l'am bie nte , q uando in gioco c’è la pos s ibilità di re s tare a lavorare a cas a propria, fars i una vita e una fam iglia, allora la pe rs one s ono cos tre tte a acce ttare illavoro e la m alattia, la m alform azione de lbim bo ch e nas ce , e la m orte di ch i

m uore . Fino a q uando q ualcuno non s i ribe lla, non s i organizza, non s i organizza, non re nde ragione alla cons ape volezza. Lui con ils uo lavoro h a re s o pos s ibile q ue s ta pos s ibilità. La s ua lotta di q ue s ti tre nta anni è tipica pe r capire com e s ia difficile im pe gnars i pe r la s alute di tutti. I tum ori, e le m alform azioni conge nite s ono le cons e gue nze di un am bie nte indus triale. M a pos s ono e s s e re dim e nticati. La paura può anch e fare q ue s to e ffe tto. M onde zza di Napoli e re alizzazione de gli ince ne ritori. Cuffaro oltre ai cannoli h a offe rto gli ince ne ritori. M a ne s s uno s e m bra ch e s e ne s ia s candalizzato, alm e no s ui m e dia nazionali. Ch e h anno dato poco ris alto alla s e nte nza de lla Corte Europe a. Ecco cos a s ignificano i vari com itati,

e pe rch é è im portante ch e e s s i ch ie dano la vigilanza de ll ’Europa. Sugli ince ne ritori le q ue s tioni s ono q uattro. E q ui le s e m plifich iam o. Pe r prim a cos a la s e nte nza de ll ’Unione Europe a ave va già dich iarato nulla la re golarità de lle gare di appalto. La cons e gue nza è ch e le claus ole di aggiudicazione dovranno e s s e re ridis cus s e . E anch e la s ce lta de i luogh i e la proce dura di re alizzazione da parte de lle im pre s e appaltatrici. Poi ci s ono altre due q ue s tioni. La prim a riguarda le dim e ns ioni de gli im pianti ris pe tto alla produzione de i rifiuti s iciliani, ch e fanno pre ve de re un utilizzo anch e pe r im portazione di rifiuti da altre re gioni. La s e conda h a ch e fare con la m ancata attuazione de lpiano di e m e rge nza rifiuti e con

SCH EDA/ CR O NO LO GIA Q UESTI INCENER ITO R I SO NO CO NTR O l 'EUR O PA 19 9 9 / Vie ne individuato de ntro il Piano de l l e Priorità e de gl i Inte rve nti pe r l ’Em e rge nz a Rifiuti, il docum e nto ch e avvia gl i inte rve nti in Sicil ia. Si individuano priorità pe r gl i Am biti Te rritorial i O ttim al i: raccol ta diffe re nz iata, ricicl o, val oriz z az ione , re cupe ro e produz ione di com pos te CDR. 2000/ Vie ne program m ato ilpiano con i 4 ince ne ritori a Be l l ol am po ( Pal e rm o) Cas te l te rm ini (Agrige nto), Pate rno (Catania), Augus ta (Siracus a). 2001/Le ATO dive ntano da nove ve ntis e tte . 2006/Finis cono l e de rogh e di com m is s ariam e nto. 2007/Cuffaro annuncia l a fine de l l ’e m e rge nz a. 2007/La Corte de i Conti de nuncia: -l a dis atte s a de gl i obbie ttivi m inim i de l35% - ilraggiungim e nto de l5% di raccol ta diffe re nz iata - ilm ancato util iz z o de l l ’inform ativa antim afia ne gl i appal ti e l ’infil traz ione m afios a ne l l ’Al te coe n, aggiudicataria di 2 de i 4 s is te m i inte grati. - l ’e s is te nz a di 18 ricors i am m inis trativi pe nde nti, ris ul tato de l l a l ibe rtà data al l e im pre s e s ul l ’individuaz ione de i l uogh i dove far s orge re gl i im pianti (com e q ue l l o di Pate rnò, in un Sito di Inte re s s e

Com unitario). - l a s truttura com m is s arial e è cos tata 40 m il ioni di e uro, m a non ci s ono s tati ris ul tati. Lugl io 2007/ La Corte Europe a condanna, con una s e nte nz a, l ’Ital ia pe r irre gol arità ne l l a tras pare nz a de l l e proce dure di pubbl icaz ione de i bandi de i 4 im pianti di ince ne rim e nto. 2007/ Le gare d'appal to pe r gl i ince ne ritori s ono annul l ate dal l a Corte di Gius tiz ia Europe a. 30 ge nnaio 2008/ La Corte Europe a potre bbe infl igge re m ul te di 700.000 e uro pe r giorno di ritardo ne l l ’appl icaz ione de l l a s e nte nz a. Ma l ’ite r pe r l a cos truz ione de gl i Ince ne ritori proce de . 2008/ Si atte nde l ’autoriz z az ioni di Im patto Am bie ntal e , m a ilcantie re di Cas te l te rm ini vie ne s e q ue s trato pe r non ave re as pe ttato l e autoriz z az ioni. 2008/ L’e m e rge nz a in Cam pania re gal a al l a Sicil ia 1500 tonne l l ate di rifiuti. 2008/Riparte ildibattito pol itico s ugl i ince ne ritori. 2008/ Cuffaro fa approvare , ne l l a finanz iaria 2008-2010, i contributi annui di € 250 m il ioni (750 m il ioni com pl e s s ivi ne ltrie nnio) a favore de l l e s ocie tà affidatarie de gl i ince ne ritori.

22


SICILIA/ FR A DIO SSINA E M O NNEZ Z A

AUGUSTA 1/ R ECO R D DI TUM O R I I DATI DELCENTR O NASCITE: LE M ALFO R M AZ IO NI Progre s s ivo num e ro di nati con dife tti conge niti; dal l ’1,5% de l19 80 al3% de i prim i anni ’9 0, al3,5% de l9 6-9 7-9 8 fino al 5,6% de l l ’anno 2000. L’aum e nto de l l e m al form az ioni riguarda: - cuore e circol o 221,43‰ val ore l ocal e, contro il143,65‰ naz ional e; - apparato dige re nte 164,29 ‰ val ore l ocal e , contro il9 3,20‰ naz ional e; - apparato uro-ge nital e 214,29 ‰ val ore l o-

cal e , contro il 100,48‰ naz ional e. L’indagine e pide m iol ogica s ul l a m orte h a cons ide rato dall ’arco dal19 51 al19 80. La m ortal ità pe r tum ore : pas s a dal l o 8,9 % de l q uinq ue nnio 51-55 al 23,7% de l q uinq ue nnio 76-80, con punte de l28% ne l 78 e de l29 ,9 % ne l19 80. La m e dia de l trie nnio 78-80 e ra de l25,5% . La m ortal ità pe r tum ore de lpol m one pas s a dal9 ,1% de lq uinq ue nnio 51-55 al36,7%

de lq uinq ue nnio 76-80. Ne l l e donne iltum ore de lpol m one è, ne i cas i di m orte , circa il5% . Fino a tutto il19 88 s i riconfe rm avano gl i s te s s i dati. A Priol o ne lpe riodo 19 80-88, l a m ortal ità pe r tum ore è intorno al30% con punte de l 33,80% ne l19 87 e 32,75% ne l19 88.

AUGUSTA 2/ TER R ITO R IO FER ITO DIO SSINA NELLA TER R A, NELL’AR IA E NELM AR E Ils uol o de lpol o indus trial e di Augus ta è già e s pos to al l e pol ve ri tos s ich e e dal l a pre s e nz a de l l e dis carich e di m ate rial i tos s ici. O l tre die ci s iti s e q ue s trati. Al tri, con m ate rial i tos s ici inte rrati con autoriz z az ione de i Com uni. Ne l l a te rra dove vogl iono cos truire l ’ince ne ritore , l e dios s ine arrivano già a 30 cm s otto te rra. L’aria è pe rm ane nte m e nte inq uinata. Dai rapporti de gl i ul tim i ve nti anni e m e rge un inq uinam e nto, di bios s ido di z ol fo e d’idrocarburi non m e tanici. Ils upe ram e nto de l l a s ogl ia d’al l arm e e di q ue l l a d’e m e rge nz a in q ue s ti anni h a as s unto una gravità al tis s im a. La fal da idrica m e no profonda s i è abbas s ata di due ce nto m e tri. L’

il live llo bas s is s im o di raccolta diffe re nziata in Sicilia (intorno al5%) ris pe tto alle norm ative com unitarie . Più s i brucia, più aum e nta la dios s ina. In te levis ione ci h anno s pie gato ch e q ue s ti ince ne ritori ve ngono ch iam ati te rm ovalizzatori poich é e q uiparati a una fonte rinnovabile di e ne rgia. Ci h anno s pie gato ch e dalle nos tre bollette abbiam o dato s e tte ce nte s im i ogni e uro ch e abbiam o pagato. Sono pas s ati, com e da copione am e ricano, pe rs onaggi noti in tutte le prim e s e rate te levis ive a s pie garci com e dovre bbe ro s tare le cos e . Abbiam o as s is tito als ilenzio de i politici, anch e a q ue lli ch e avre bbe dovuto s altare dalle s e die . Ce rtuni s pie gavano: "Nie nte dios s ina, nie nte m alform azioni; non ci s ono s tati tum ori; pos s ono s tare anch e al ce ntro di una città. Ecco pe rch é la ge nte de lq uartie re popolare di Be llolam po potrà s tare tranq uilla. Ecco pe rch é ne l cuore de lla Sicilia, li pos s ono fare . D a Cas te lte rm ini alla Valle de i Te m pli, la dios s ina è buona e non fa m ale. A Pate rnò, ne l cuore di un Sic, non faranno m ale agliagrum e ti, alla agricoltura biologica, a una città di e s s e ri um ani". Un com itato di Augus ta dice ancora ris pe tto alla pe rce zione ch e la ge nte h a de lloro lavoro: “Ve niam o guardati con s trabis m o, con un occh io s i e s prim ono am m irazione , dall’altro s e m bra ch e gli rom piam o le uova ne lpanie re ” . A Pate rnò i giovani s i s ono organizzati e

intrus ione d’acq ua di m are h a re s o ins e rvibil i num e ros i poz z i. Ci s ono s tate infil traz ioni dal l e dis carich e abus ive e idrocarburi pe r s e rbatoi di carburante de ldoppio fondo. La fal da idrica più profonda rifornis ce d’acq ua potabil e. Ilm are antis tante agl i s carich i indus trial i è contam inato dai m e tal l i pe s anti, dalm e rcurio (22 vol te ol tre ill im ite ), e dal l e dios s ine . De pos iti d’e te rnit a M arina di M e l il l i. Al te raz ione de l l a m orfol ogia di s pe cie ittich e q ual il e ricciol e , i page l l i, i pal am iti. Z inco, m e til m e rcurio e cadm io ne i pe s ci. M utaz ioni ge ne tich e de lpe s ce “iure a” .

s tanno portando avanti l’im pe gno pe r l’am bie nte attrave rs o varie iniziative . Ci s ono q ue lli ch e fanno i vide o, ad e s e m pio. Si ch iam ano M alas trada. E ancora ci s ono i ragazzi di "Attrave rs am e nte ". Tre di loro s ono D anie le, Ellen e Andre a. Que s t’anno h anno fatto s e tte ce nto ch ilom e tri a pie di da una parte all’altra de lla Sicilia pe r s pe rim e ntare ins ie m e a ch i incontrano ch e s i può attrave rs are con la m e nte e con ilcuore una m e ntalità de lla ch ius ura individuale e de ll’e gois m o s ociale, con poch e parole, con attuazione di pas s aggi di te s ta, di cuore , e di vita. Ilm os tro di Pate rnò h a avuto un ne m ico anch e in Parlam e nto, il s e natore locale Santo Liotta ch e è s tato fra i poch i ch e l'h anno pre s o di pe tto in q ue lla s e de con inte rpe llanze e propos te .

s te lte rm ini e Cam pofranco è s tato s os pe s o dals uo incarico Ne s s uno de i due cos ì h a potuto parte cipare alla confe re nza de i s e rvizi pe r il rilas cio de ll’Autorizzazione inte grata Am bie ntale (AIA) e dare pare re riguarda all’ince ne ritore ne l q uartie re di Be llolam po a Palerm o. Com e dire ch e un dirige nte non può ch e e s s e re un burocrate s e vuole lavorare da una parte o dall’altra de lla Sicilia. Com e dire ch e Giacinto Franco avre bbe dovuto curare s e nza parlare . Ch e le m adri non s i s are bbe ro dovute ribe llars i. Ch e bis ogna s e m plice m e nte acce ttare . Ch e le m ultinazionali ci faranno s tare tranq uilli, e pie ni di dios s ina ne lla m e m oria, oltre ch e ne l s angue . Catania. Giovanni Cam po, urbanis ta, avre bbe potuto us are parole di s os te gno alla re s pons abilità collettiva s ulla nos tra is ola. O ppure Nicola Torre , e ditore , im pe gnato ne l lavoro di controinform azione . A Gioacch ino Ge nch i, dirige nte re s pons abi- Sono m orti m a la loro vita ci aiuta a lavole de l s e rvizio 3 “Tute la de ll’ Inq uina- rare alla bas e ne i dive rs i com itati. m e nto atm os fe rico” , l’otto ge nnaio de l *** 2007 è s tato re vocato ils uo contratto di R itorniam o a Palerm o. Uno de i m e dici incarico. Egli, in q uanto re s pons abile de l im pe gnati ne lla lotta contro gli ince ne ritos e rvizio, ave va dato ris pos ta ne gativo ri- ri è Gabrie lla Filippazzo. D om ande e ris pe tto l’ite r di approvazione de lproge tto s pos te pe r tutti: di re alizzazione de ll’ince ne ritore di Augu- - Gabrie lla, ch e cos a producono gli ince ne s ta. Anch e Ales s andro Pe llerito, re s pons abi- ritori ? le de lla Unità O pe rativa S3.I "Ve leni ch e re s tano pe r s e m pre s ulla te rra, “Autorizzazione alle e m is s ioni in atm os fe - ne i fium i e ne lm are ". ra” , ch e ave va dato pare re ne gativo pe r la - Aum e ntano ilris caldam e nto de lla te rra? re alizzazione de ll’ince ne ritore tra Ca- " Aiutano a cre are l'e ffe tto s e rra".

H anno attrave rsato la Sicilia a pie di

23


SICILIA/ FR A DIO SSINA E M O NNEZ Z A

SENZ A VALUTAZ IO NI D'IM PATTO CO M E TI Q UADR UPLICO ILM O STR O

La s ua pote nz ial ità annua è di 15.000 tonne l l ate annue . Ade s s o ci s i appre s ta a q uadrupl icarl o, arrivando cos ì a be n 60.000 tonne l l ate annue , di cui 56.000 pe ricos e . Que s to e norm e am pl iam e nto è s tato autoriz z ato s s e nz a troppi control l i pe rch é s e condo l 'O rdinanz a Com m is s arial e de l l a

L’ince ne ritore de l l a Ge s pi (Ge s tione Se rviz i Portual i e Indus trial i) pe r rifiuti portual i, indus trial i e os pe dal ie ri s i trova a Punta Cugno, tra m are e ce ntro urbano, vicino al l e Sal ine e alfium e M ul ine l l o. Attorno al l a s ua are a d’incide nz a i s iti SIC di Coz z o O gl iari e Fondal i di Brucol i.

Re gione Sicil iana de l 6 m aggio 2005 s i tratta di un im pianto pre e s is te nte . E dunq ue nie nte Val utaz ione d’im patto Am bie ntal e (VIA), nie nte Val utaz ione Am bie ntal e Strate gica (VAS), nè Val utaz ione d’incide nz a o Val utaz ione Inte grata Am bie ntal e.

ILCASO GENCH I E PELLER ITO "VUO I R ISPETTAR E LA LEGGE?E IO TI CACCIO !" Ol tre Augus ta ilpiano di rifiuti pre ve de al tri tre ince ne ritori: Cas te l te rm ini- Cam pofranco, Be l l ocam po e Pate rnò. Cuffaro s i è obbl igato a confe rirgl i 2.400.000 tonne l l ate di rifiuti l ’anno, m a in Sicil ia l a fraz ione re s idual e è s ol o 1.650.000 tonne l l ate . Aum e ntare l a produz ione di rifiuti? O

im portarl i?Com unq ue l i faranno s u are e prote tte : pe rciò l 'Europa h a condannato l 'inte ro piano. O gni 4 tonne l l ate , poi, ne producono una di ce ne ri, da s m al tire a parte . Se nz a contare i m il ioni di m e tri cubi di fum i, pol ve ri fini, nanopartice l l e e m e tal l i. Ch i (s e gue ndo l e l e ggi) h a s ol l e vato ilprobl e-

- Com e fanno a e ntrare ne ll’aria le dios s ine ? “Le te m pe rature ch e raggiungono gliince ne ritori non fanno liq ue fare e d e vaporare le s os tanze ch im ich e e d i m e talli conte nuti ne i rifiuti s olidi urbani. - Ch e s ucce de ? “ Ils olido re s iduo vie ne tratte nuto dai filtri, m a le s os tanze ch im ich e e vaporate , a contatto con la te m pe ratura e s te rna, s i de pos itano s uls uolo, s ull'e rba, ne ll'acq ua e d e ntrano ne lla cate na alim e ntare . - D ove le ritroviam o? “Ne lla carne , ne lpe s ce , ne llatte , ch e m angiam o.” - Fino ad e ntrare ne lcorpo? “Ne lcorpo de gli e s s e ri vive nti s i accum ulano.” - Ch e de te rm inano? “D anni tras m e s s i alle ge ne razioni s ucce s s ive ” . - D i q ualis os tanze ch im ich e parliam o?” “ Non s oltanto de lle dios s ine , m a anch e de lle polve ri ultras ottili.” - Fino alcorpo?Fino alla nos tra s aluta? “Le dios s ine all'inte rno de lle nos tre ce llule e de te rm inano danni a live llo de lD na” .

m a è s tato s ubito tol to di m e z z o: i due dirige nti, Ge nch i e Pe l l e rito, ch e ave vano dato pare re ne gativo al l e e m is s ioni, s ono s tati il l egittim am e nte s os pe s i dal l 'incarico. Tom m as o Sodano pre s ide nte Com m .Am bie nte e e rritorio, Be ni Am bie ntal i

“La vita ne gli s pazi urbani?” “L’inq uinam e nto de lle m acch ine producono le polve ri ultras ottilipiù conos ciute e m is urate . -Le polve ri de i nuovi ince ne ritori? “Appunto pe rch é ultras ottili non pos s ono e s s e re filtrate .” - Fai un e s e m pio? “L'ince ne ritore di Be llolam po, avre bbe la capacità di ince ne rire 400.000 tonne llate di rifiuti pe r anno” . - Ch e vuoldire ? “ Ch e produrrà in un giorno tante polve ri s ottili q uante s e ne producono in tutta la provincia di Palerm o. - M a i filtri? “Non e s is tono filtri in gradi di bloccare dios s ine e polve ri ultras ottili. -E l’ince ne rito di Bre s cia? “ Ne llo s pazio attorno ad e s s o, è s tato dim os trato di re ce nte , l’inq uinam e nto da dios s ine ch e e s s o h a prodotto” . - Le alte rnative agliince ne ritori ? “La raccolta diffe re nziata e iltrattam e nto a fre ddo de lre s iduo s i pos s ono re alizzare .” - Com e va e s e guita la raccolta diffe re nziata? “Va e s e guita porta a porta, pe ns a M ilano” . - Ch e cos a può e s s e re rius ato cos ì com ’é ? “Le bottiglie di ve tro, m a anch e ilgas di raffre ddam e nto de i frigorife ri. Ch e cos a va riutilizzato, una volta diffe re nziato? “Com pute r, com pone nti e lettronich e , te lefoni. - Ch e m ate riali vanno riciclati oltre alve tro, la carta, le plas tich e ? “ Le biciclette , le autom obili, fino ai m attoni

24

e ai m ate riali las ciati ne gli s pazi ve rdi e abbandonati.” - Quanto è im portante il com pos taggio de ll’um ido in putre fazione ? “ Gli s carti di cucina, le foglie e le bucce de lla frutta e de gli ortaggi, i re s idui di giardinaggio, bis ogne re bbe partire da lì. - E utile? “ Si, non s olo pe rch é cre a te rra fe rtile.” - Le m ate rie rare , com e ilpiom bo, ilm e rcurio, ilram e ch e poi dive ntano tos s ich e ? “ Non s i de vono las ciare dis pe rde re ne ll’am bie nte ” . - M a ch e razza d’ uom o vorre bbe gli ince ne ritori? “Ch i vuole arricch ire s e s te s s o e d i s uoi am ici.” - M a lich iam ano Te rm ovalorizzatori ? “Sono s tate fatte de lle leggi ch e fanno pagare ai cittadini i cos ti de ll’ince ne rim e nto, riconos cim e nto de i rifiuti com e fonti rinnovabili” . - Ch i vuole la raccolta diffe re nziata? “Ch i vuole arricch ire la te rra ch e è di tutti.” - Si tratta di un cam biam e nto de i m odi di vive re ? “..e di re cupe rare dai rifiuti.” - A cas a ? “ D is tingue re carta, ve tro, plas tica e lattine , um ido.” -Com e va organizzata la raccolta de ll’um ido in una città?” “Va raccolta, porta a porta alm as s im o e ntro due giorni” . - E pe r ilre s to? “Una volta alla s e ttim ana.” -Puoi fare un e s e m pio rius cito di raccolta diffe re nziata? “In alcuni pae s i de lla valle de lBe lice h anno iniziato a farla ottobre 2007 e s ono già al 50% di riduzione de i rifiuti” . Book m ark : w w w .is de .it, w w w .attrave rs am e nte .ne t

(h a collaborato: Livio Lom bardo)


Le Sicil iane

CLAR A SALVO

"La m attina apri la fine stra e h ai davanti i gabbiani"

GRAZ IELLA PRO TO

Storie d'am ore e d'anarch ia

Figl ia di un anarch ico e una m il itante de lPartito d'Az ione , cre sce l e gge ndo Buz z ati, ascol tando l a Fitz ge ral d e studiando antropol ogia. Sul l 'e se m pio di Ignaz io Buttitta e Ciccio Busacca, assie m e ad al tri fonda il "Canz onie re di Lotta Continua". E così nascono i "com iz i cantati", in dupl ice ve rsione : in ital iano pe r gl i stude nti e in sicil iano pe r gl i ope rai. Poi l 'incontro con Etta Scol l o, e ilproge tto di riscoprire e tram andare l e antich e ninne -nanne sicil iane Piccola bruna, occh ialini rotondi, cape lli a cas ch e tto la voce roca da fum atrice incallita, intim idita m i m os tra due libri s u di lei. Cos ì la de s crive la s crittrice de ll ’O re gon Sus an Cave rna Lloyd, una ragazza ve nuta in Sicilia alla rice rca de lle proprioe radici, una rice rca ch e l ’h a

fatta incontrare con Clare tta. D ive ntano am ich e e re s tano a cas a s ua a Trapani pe r circa tre m e s i. Quando ritorna a cas a ne ll ’O re gon, Sus an s crive un libro s uls uo viaggio, ch e parla principalm e nte di Clara: “La cas a di Clara” , “Il ris torante di Clara” , “Il giardino di Clara” , “La s toria di Cla-

25

ra” . Que llo ch e s ucce de dopo h a de ll’inaudito, com itive di donne dall’O re gon arrivano a Trapani e appe na la ve dono la toccano, s i s tupis cono, q uas i s te ntas s e ro a cre de re ch e s ia ve ra e vorre bbe ro ripe rcorre re lo s te s s o viaggio de ll ’autrice de llibro.


Le Sicil iane

CLAR A SALVO "Studiavo tradizioni popolari e cantavo.."

LE DUE CLARE Cl ara Sal vo s ul l a s ce na (q ui accanto) e ne l l a cucina de ls uo ris torante (a de s tra).

Ne l ‘9 4 s ubito dopo le e lezioni le ince ndiano ilris torante : tre nta m ilioni di danni. "Ne lle am m inis trative de l‘9 4 a Trapani s i s ono pre s e ntati tutti q ue lli de lla m ia ge ne razione . Siam o s tati coinvolti in prim a pe rs ona; a parte ch e I Trabanis è s tato s e m pre un punto di ritrovo, l’unico pos to in cui s i parla da un tavolo all’altro, in alcuni m om e nti dive nta un luogo di dis cus s ione una s pe cie di s e zio-

ne di partito continuam e nte ape rta". - Com e arrivi alla ris torazione ? "Pe rch é io face vo antropologia, s tudiavo tradizioni popolari con la s cuola di Buttitta, figlio di Ignazio e cantavo. D opo tanti anni a Palerm o, dove s tudiavo m e dicina m i ritrovo con cris i de pre s s ive e d incubi notturni. Stavo m alis s im o. H o s cope rto ch e m i m ancava ilm are , a Trapani la m attina apri la fine s tra e davanti h ai l ’orizzonte e i gabbiani ch e vo-

lano... non s e ntivo l’odore de lm are , e pe rch é ilrum ore de lla capitale pe r m e e ra troppo invas ivo. Que llo de lm are è dolce , non invas ivo". - E allora? "Pe r s tare a Trapani, m i s on dovuta inve ntare un m e s tie re , incontro ilm io futuro m arito, e x m ozzo dive ntato un e cce llente cuoco di una piattaform a pe trolife ra e dopo varie pe ripe zie lavorative approdo alla ris torazione . Apriam o

M EM O R IA L'INCO NTR O CO N R O SA BALISTR ER I Ave vo 16 anni, in q ue lpe riodo e ravam o tutti intorno alce ntro s e rviz i s ocial i Enaip. e pe r 35 l ire s e guivo i ragaz z i ch e ve nivano in bibl iote ca. A Pacco fu organiz z ata un re citalcon Ros a Bal is tre ri ch e in q ue lpe riodo abitava a Partitico. Io m e s s a in prim a fil a re gis travo. Ero m ol to e m oz ionata. Di fronte ad uno ch e dis turbava, l e i pre s e l a parol a e iniz iò a cantare . Uno s pe ttacol o: ave va una carica um ana ch e tras m e tte va forz a, vibraz ioni. A ce na, ad un ce rto punto Ros a bl occò tutti e

m i fe ce cantare , poi, m i propos e di andare in giro con l e i. Non pote i acce ttare m a q ue s to e pis odio è s tato de te rm inante . Lo s te s s o re pe rtorio?No: già m i dis piace ave re l a s te s s a im pos taz ione , l e i è inim itabil e , irripe tibil e . I pirati a Pal e rm o com e l a face va l e i è unica. Pe r anni m i s ono rifiutata di farl o. Era il69 , ilre pe rtorio di Ros a e ra tutto pol itico. “I Trabanis ”ris torante e ra una s pe cie di s al a s tam pa q uando fu m e s s a l a bom ba a Carl o Pal e rm o, è m ol to vicino altribunal e. Io di Lotta Continua, Ange l o pure da q ue l el

26

parti, ins om m a non s i pote va ve nire a ch ie de re ilpiz z o... m a poi io pe ns o ch e ilm afios o s ia m afios o e non s tupido ch e piz z o vie ni a ch ie de re in un pos to ch e h a 40 pos ti e q uindi poch i s ol di. E poi a Trapani s anno tutti i m ie i tras cors i, e l e m ie l otte con Lotta Continua, il papà de l l 'al l ora m io com pagno ch e e ra s tato coinvol to in proce s s i pol itici duri, q uindi... q ue lragaz z e tto ch e s i pre s e ntò fe ce s ubito l e cors e q uando vide noi tre io ilm io e x m arito e ilcom pagno.


"Apriam o un ristorante di cucina tradizionale..."

un ris torante di cucina tradizionale, e ra il19 83. Ilproge tto e ra q ue llo di, attrave rs o la cucina tradizionale, continuare a fare rice rca antropologia, l’ide a ch e attrave rs o l ’alim e ntazione puoi s tudiare tutta una s e rie di tras m is s ione orale dalla nonna alla m am m a alla figlia; h o una raccolta incre dibile di rice tte raccolte tavolitavoli. A Trapani la prim a carta de i vini l ’h o avuta io, i prim i ballon, i prim i bicch ie ri s pe cifici pe r ogni tipo di vino io... Non h o m ai fatto s oldi in vita m ia, ci arrivo q uando gli altri s e ne fre gano, poi gli altri dive ntano s trafigh i face ndo le s te s s e cos e dopo... Il caffé lette rario è nato s ubito dopo la s e parazione con Ange lo, io s e m pre avuto la fis s a di fare cultura, ...attrave rs o l’alim e ntazione di un popolo tu puoi s tudiare la s ua e conom ia, le tradizioni, ilte rritorio, la s ocializzazione , la tras m is s ione orale pe rch é le rice tte si tram andano s oprattutto ve rbalm e nte ".

- M a i grandi ch e f s ono s olo uom ini, s i dice ... "No s ono le m am m e de i s e i figli ch e de vono inve ntars i pe rch é i s oldi s ono poch i, pe rch é alfiglio piccolo piace una cos a dive rs a dal grande e cc. Ins om m a de vono cucinare cos e talm e nte appe tibilich e pos s ano s oddis fare e far m angiare i figli. Qualunq ue pae s ino ha tradizioni pe culiarità a s e condo di ciò ch e produce ".

"Iljazz e d Ella Fitzge rald" - E cos a c'e ntra la m us ica? "Canto, in re altà io h o s e m pre cantato. M io padre e ra un appas s ionato di jazz e di Ella Fitzge rald. Lui m e tte va i dis ch i e d io cantavo appre s s o alla Fitzge rald. Pe rch é m i piace va ilgioco ch e lei face va con la voce . Ne l‘68 com incio ad us cire e allora ave vam o un circolo Salve m ini, la pri-

27

m a m anife s tazione de lla m ia vita a 14 anni. Era contro la provincia, il m io lice o m anife s tava contro la provincia dove m io padre e ra inge gne re capo e ci pas s ava notizie . Era anarch ico de l gruppo di Paolo Sch icch i; fra i s uoi s critti h o trovato una re lazione congre s s uale. Lui agli anarch ici rim prove rava due cos e : e s s e re tris ti e paranoici. Cre do ch e s ia s tato s e gre tario di fe de razione anarch ica a Trapani. C’e ra uno zoccolo duro ch e poi s i s fas cia, il partito com unis ta a Trapani nas ce da un gruppo di anarch ici". - La politica, ins om m a. "Fare politica è vive re la s ocie tà, batte rs i pe r m igliorare la s ocie tà m a ilfine non può e s s e re la pove rtà pe r tutti be ns ì illus s o e ilbe ne s s e re pe r tutti. Lui e ra un grande inte llettuale, la s ua bibliote ca pe r m e è s tata fondam e ntale. A s e tte anni m i s pie gò la te oria de lla re latività, in m odo s e m plice e s inte tico ovviam e nte , e ra

Le Sicil iane

CLAR A SALVO


Le Sicil iane

CLAR A SALVO "Ce rto, parlavam o anch e di leggi de lcapitale e altre cose pe santi..."

un uom o e clettico, la cos a più im portante ch e m i h a ins e gnato l ’am ore pe r la conos ce nza, non s olo s e m plice m e nte pe r la cultura. Fino a die ci anni m i rifiutavo di legge re a poco a poco m i convins e e m i fe ce iniziare con Sim e non. In prim a m e dia legge vo Buzzati". - Buzzati? "Proprio cos ì. Quando lo s coprì, l’ins e gnante di lette re convocò m io padre : “Le i s a ch e s ua figlia legge il Colom bre di D ino Buzzati?". "Ce rto ris pos e lui - glie l'h o dato io. La dis cus s ione fini lì e l ’ins e gnante pe r tutto il te m po de lle m e die non aprì m ai più un dis cors o s ulle letture de i ragazzi...". - Im m agino... "M io padre ci s e guiva m olto. M a poi, ave vam o m aggior bis ogno di lui e de lla s ua pre s e nza, ci è m ancato. M i s ono ritrovata la bibliote ca, s ua e di s ua m adre . D urante ilpe riodo de l lutto andavo pe r s caffali. Prim a h o letto tutto Sartre , pe r tutto ciò ch e non trovavo a cas a, andavo dalm io libraio Gilibe rti, ch e s e s i ricordava ch e q ue ldato libro l’ave va già dato a m io padre m i dice va di ce rcarlo be ne pe rch é a cas a dove va e s s e rci pe r forza. Que s to è s tato un m otivo pe r farm i catalogare tutto ciò ch e c’e ra a cas a. Tutto ciò è s tato pos itivo?Non lo s o. Fors e h o letto Sartre ch e e ro troppo giovane , ne h o capito tutte le s fum ature ?Le poe s ie di Gins be rg, “Iltam buro di latta” , di Gunth e r Gras s ... H o capito fino in fondo?Alcune cos e le h o ripre s e da grande , m a non tutto". - E tua m am m a? "M ia m adre e ra un'attivis ta de lPartito d'Azione , s i e ra pre s a la te s s e ra a s e dici anni, h a fatto la cam pagna e lettorale s ia pe r la re pubblica... M io padre m orì ch e ave vo q uindici anni e da allora m ia m adre , im pie gata alla provincia, de legò tutto ciò ch e ri-

guardava la fam iglia a m e . Le i pe ns ava a portare lo s tipe ndio a cas a, cucinava, io dove vo aiutare e pe ns are a tutto ilre s to, s pe s a, tas s e , rim bors i, is crizioni a s cuola tutto. A q uindici anni io e ro ilcapofam iglia...". - E q ue s ta ch itarra? "M io padre s uonava la ch itarra e m i fe ce dare lezioni. Fino al‘73 non ave vo voluto im parare s ape vo s olo fare alcuni accordi, h o im parato pe r accom pagnarm i durante le m anife s tazioni politich e pe r am ore de lla battaglia politica. In ogni m anife s tazione o occupazione s i cantava q uas i ogni s e ra, Bae z, e d altri. In q ue lpe riodo a Palerm o dalle 150 ore ve nne fuori un gruppo di ope rai de i cantie ri navali e s tude nti ch e face va furore , io cantavo con loro a volte re citavo. Ne l ‘76 e ntram m o a D e m ocrazia Proletaria, “canzonie re di D e m ocrazia Proletaria” . Face vam o i com izi cantati.

"Tutta la storia da Garibaldi alla Dc" Abbiam o fatto tutta la cam pagna e lettorale face ndo tutta la s toria da Garibaldi alla D e m ocrazia Cris tiana. Ne gli anni s e s s anta Ignazio Buttitta as s ie m e a Ciccio Bus acca e d altri con un pulm ino 850, la ch itarra, i panne lli, uno de clam ava poe s ie ave va attrave rs ato tutti i pae s ini de lla Sicilia a fare controinform azione , pe rch é q ue s to face va, in tutte le piazze . "Lam e nto pe r la m orte di Turiddu Carne vale" da q ui nas ce , e non è controinform azione q ue s ta?Portare inform azione in piazza non è controinform azione ?". - Ce rto. "Ignazio e Ciccio Bus acca s ono s tati due grandi rivoluzionari, h anno avuto un grande pote nziale rivoluzionario, e s i cons ide ra ch e face vano tutto ciò ne gli anni Se s s anta. Quindi c’e ra q ue s ta e s pe rie nza ch e ci illum inava".

28

- Ins om m a, face vate le cos e in m anie ra politicizzata. "Ce rto, parlavam o di leggi de lcapitale e d altre cos e "pe s anti", a s e conda de l luogo in cui ci s i trovava, in piazza, s e zione o unive rs ità, s i adattava ilm odo di e s prim e rs i. Eravam o in q uattro, pe rò i com izi li face vam o io e d Enrico Stars i. In piazza i dis cors i e rano in dialetto s iciliano. A Cas te lve trano una s e ra ci pre s e ro in braccio e ci portarono al bar; all’Albe rgh e ria di Palerm o un gruppo di pe rs one de lq uartie re ci tras cinarono in tave rna, lum ach e e vino m e ntre loro cantavano. A Palerm o abbiam o cantato dappe rtutto, s trade , piazze , s e zioni, s cuole, unive rs ità... ovunq ue . Poi ci furono una s e rie inte rm inabile di fe s te de ll ’Unità, pe rò q uando non ci s i dive rtì più s i s m ise. - E poi ti s e i inve ntata un ris torante culturale di cucina tradizionale... "Già. Anch e q ue llo e ra un m odo". D ue anni addie tro l’incontro con Etta Scolo, "Conos ci de lle ninne nanne ?", le ch ie s e lei. “Ce rto” . E da lì s ubito ve nne fuori un proge tto, “Allavò, i canti de lla naca” , uno s pe ttacolo e m ozionantis s im o allo Spas im o, a Palerm o. Qualch e m e s e fa un invito particolare : l'h anno ch iam ata alle Barbados pe r re alizzare "i piatti de l Gattopardo" pe r una tribù di italiani ch e ge s tis ce alcuni albe rgh i ne i caraibi. Caponata, parm igiana e lezioni alla locale s cuola albe rgh ie ra. Poi di nuovo in Italia a organizzare gli “Sch iticch i culturali” a Trapani, pe r rilanciare illocale dove tra una pie tanza e una altra, s i re citano poe s ie , s i fa te atro, s i dibatte s u te m i s ociali... M e nù a pre zzo politico e dibattiti a te m a. Grande afflue nza e ge ne rale allegria: fino alla ch ius ura de llocale, m olte ore più tardi, pe r s finim e nto...


29


SO CIETA'

In Sicilia ilre cord de gli aborti clande stini RICCARDO DI GENNARO E' un dato te rribil e , ch e se gnal a trage die se nz a fine . Quante al tre donne m oriranno con l 'e l im inaz ione di fatto de l l a l e gge sul l 'aborto? La cam pagna pe r abol irl a è gia com inciata IlVaticano ci riprova. Com plice ilpiù ins idios o giornalis ta m e rce nario de lPae s e , va di nuovo all’attacco de lla legge s ull’aborto. Lo fa pe riodicam e nte , m a q ue s ta volta – dopo la fus ione de i D s con gli e x de m ocris tiani – potre bbe ave re buone pos s ibilità di otte ne re ils uo obie ttivo. A q ue lpunto s i potrà com inciare a calcolare non le m ancate nas cite , m a la pe rdita di ve re e proprie vite um ane pe r aborto clande s tino o s uicidio. L’affos s am e nto, o la re vis ione in s e ns o re gre s s ivo, de lla 19 4 s are bbe un colpo duris s im o pe r la Sicilia, ch e già oggi – nonos tante la legge – h a ilre cord de gli aborti illegali. Ne gli os pe dali de ll ’is ola, ogni anno, s i praticano 9 m ila inte rruzioni volontarie di gravidanza, m e ntre s i s tim a ch e gli aborti clande s tini s iano 1.500, pre valente m e nte di m inore nni. La cos a s e ns azionale è ch e , s tando agli ultim i dati ufficiali di fonte re gionale, ne l2004 gli aborti legali s ono dim inuiti in Sicilia de llo 0,5 pe r ce nto, a fronte di un aum e nto a live llo nazionale de l 3,4 pe r ce nto.

pubblich e ). Ne i tre m e s i e s tivi, poi, in Sicilia abortire è q uas i im pos s ibile, caus a la ch ius ura, s pe s s o e volentie ri, de i pre s ìdi pe r l’inte rruzione di gravidanza. Siccom e non s i può atte nde re l ’autunno, ch e cos a re s ta, dunq ue , s e non un be ll’aborto clande s tino, poco cos tos o e dis cre to, m agari con ils os te gno logis tico de lla m afia? Ilproblem a è ch e di aborto clande s tino s i può anch e m orire . M a q ue s to pe r ilVaticano e pe r q ue lle parti de lce ntros inis tra e de lce ntrode s tra as s e rvite alCupolone è

un particolare ins ignificante . Pe r s ape re le cons e gue nze di un pas s o indie tro ris pe tto alla legge s ull ’aborto è s ufficie nte , d’altronde , guardare a un Pae s e ch e non ne h a una, com e l ’Arge ntina. Quando, ne l2005, s ono s tato a Bue nos Aire s pe r un libro s ulle donne arge ntine , una tra le cos e ch e più m i h a colpito e ra il num e ro incre dibile di m inore nni incinta. La m aggior parte di loro non s ape va ne ppure com e avre bbe dato da m angiare al nas cituro, di q ui trage die fam iliari s e nza fine .

Strage di donne dove la legge non c'è O gni anno in Arge ntina 360 ragazze m uoiono a caus a di aborti illegali, una al giorno. O pe r dirla con un altro dato: un te rzo de lle m orti di donne rim as te incinta è provocato dagli aborti clande s tini. Lo de vono anch e a una Ch ie s a clas s is ta, s e s s is ta e ch e pre fe ris ce tute lare i pre ti pe dofili. Avre i una “m ode s ta propos ta”pe r conte ne re l’illegittim a inge re nza politica de l Vaticano ne lle cos e de llo Stato italiano: il s uo tras fe rim e nto all ’e s te ro. Non pe r s e m pre , pe r carità. L’ide a s are bbe di fare “ruotare ” , anch e pe r una q ue s tione di pari dignità de i fe de li, la pe rm ane nza de l ponte fice e de lla s ua corte ne lle capitali de i num e ros i pae s i cattolici de l m ondo. O gnuna s i accollere bbe onori e one ri de ll’os pitalità pe r un pe riodo, diciam o, di cinq uant’anni. Sare bbe , tra l ’altro, un aiuto e conom ico non da poco pe r ce rti Pae s i, com e la Polonia ad e s e m pio, ch e non h anno altre im portanti attrattive turis tich e .

Pre valente m e nte di m inore nni A ch e cos a s i de ve q ue s ta controte nde nza? Il dato è collegato a un aum e nto de gli aborti illegali?Pare proprio di s ì. Le donne s iciliane s i rivolgono ancora alle “m am m ane ”pe rch é s i ve rgognano di abortire nonos tante l ’inte rruzione di gravidanza in Italia s ia un diritto civile acq uis ito. noltre , cre s ce ilnum e ro de i m e dici obie ttori (ilch e com porta l ’aum e nto de i m e dici corrotti ch e ch ie dono s oldi in cam bio de ll’ope razione addirittura ne lle s trutture

30


ISTITUZ IO NI

Da poliziotto a ge ne rale L'uom o di Ge nova ora h a pie ni pote ri GIGI M ALABARBA ASSO CIAZ IO NE SINISTRA CRITICA

Ch issà ch e cosa inte ndono pe r "ordine pubbl ico" de stra e sinistra in q ue sto Pae se . Il m ode l l o, a q uanto pare , è ilG8: im punità ai te ppisti, torture ai pacifisti. Se m pre in nom e de l l '"e m e rge nz a" Se dopo s e tte anni, pas s ando attrave rs o q uattro gove rni di diffe re nte colore , fos s e s tato ilgove rno Be rlus coni a prom uove re ilcapo de gli s birri a capogabine tto de lVim inale, avre m m o gridato algolpe . M a lo h a fatto Prodi e s olo i pre fe ttizi s cavalcati h anno prote s tato, m e ntre ne lla s inis tra di gove rno s i s ono pe rs ino levate voci pe r dire ch e finalm e nte Gianni D e Ge nnaro e ra s tato m e s s o in dis parte . L'obnubilam e nto gove rnis ta h a im pe dito di com pre nde re la gravità de lla prom ozione da capo ope rativo a capo politico all'indom ani - e in ris pos ta! - all'is crizione ne l re gis tro de gli indagati de lcapo de lla polizia pe r la re gia occulta de lle te s tim onianze de gli age nti al proce s s o pe r ilG8 di Ge nova. Que s to è il punto.

Indagato e prom osso M a c'è q ualcuno ch e vuolcom inciare a m e tte re in re lazione la parte cipazione de ll'Italia alla gue rra con l'us o de i carabinie ri (q uarta forza arm ata, grazie algove rno D 'Alem a) s ia ne lle m is s ioni m ilitari ch e ne lle piazze ?Ch e cons e gue nze h anno l'arruolam e nto de i poliziotti e s clus ivam e nte tra i re duci dai te atri di gue rra e la form azione di corpi s pe ciali ne lla polizia locale pe r dare la caccia a m igranti e graffitari da parte di giunte di de s tra e di s inis tra?Ch e cos a s i ins e gna alpos to de lla Cos tituzione ne lle s cuole di polizia, s e D igos e R os vanno ufficialm e nte a Guantanam o a inte rrogare de te nuti s otto tortura (e ne s s un parlam e ntare de lla s inis tra di gove rno pre s e nta ne ppure un'inte rrogazione alriguardo)? I pogrom ch e com inciano a profilars i ne i confronti di rum e ni e rom , cons e gue nza

de lle leggi razziali e m anate dalce ntros inis tra con q ualch e tim ida obie zione di un m inis tro (pe raltro rim angiata ne l giro di q ualch e s e ttim ana), danno tris te m e nte l'ide a ch e proprio il pave ntato pe ricolo pe r la de m ocrazia rappre s e ntato da un pos s ibile ritorno di Be rlus coni e ra uno s pauracch io pe r far dige rire il pe ggio de l pe ggio. Solo Ste fano R odotà, autore volm e nte e da te m po, continua a m e tte re gius tam e nte in re lazione le politich e antite rroris m o partorite dopo l'11 s e tte m bre con l'involuzione de llo s tato di diritto. Ch i pe ns ava di s tare in gue rra s ì m a un pò m e no, di acce ttare il libe ris m o s ì m a un pò m e no, s i è trovato com e l'appre ndis ta s tre gone a dare alim e nto a un'oppos izione s ociale di de s tra e a fom e ntare rigurgiti razzis ti e xe nofobi. Que s to s ignifica la s inis tra radicale algove rno: la s parizione anch e di un punto di vis ta critico s ulla gue rra e illibe ris m o, in nom e de lla filos ofia de lm e no pe ggio.

q ualità ne ll'iniziativa de l gove rno: D e Ge nnaro nom inato s upe rcom m is s ario pe r affrontare l'e m e rge nza rifiuti! Si os s e rvino alcuni particolari di una nom ina, s ugge rita form alm e nte dalla de s tra e attuata dalce ntros inis tra: 1) l'e x capo de lla polizia, ilcui vice e fe de lis s im o M angane lli h a occupato ils uo pos to, h a las ciato "te m porane am e nte ", e cioè pe r il s olo pe riodo com m is s ariale, l'incarico alVim inale e q uindi vi torne rà; 2) ilnos tro h a pre te s o ch e ilcom andante de lla re gione Sud de ll'e s e rcito italiano fos s e pos to alle s ue dipe nde nze , pe r pote r im pie gare le forze arm ate ne lle ope razioni di "bonifica".

L'e se rcito alle sue dipe nde nze

Ch i può cre de re ch e l'e s e rcito non s arà utilizzato ne ll'ordine pubblico, s e vie ne de s tinato alla dife s a de lla "logis tica", os s ia pe r im porre de cis ioni non condivis e dalle popolazioni ch e vi abitano? Naturalm e nte , s pe riam o di s bagliarci e ch e nie nte di tutto ciò avve nga. M a q ue La Com m is s ione d'inch ie s ta s ul G8 pe r s to ulte riore incarico rafforza le am biziofar luce s ulla cate na di com ando ch e h a ni di un pe rs onaggio (e di una funzione , ordito la re pre s s ione a Ge nova (e prim a a aldi là de lla pe rs ona) ch e h a dis s e m inato Napoli) è s tata dapprim a s toppata dal di propri fiduciari polizia, carabinie ri, ce ntros inis tra alSe nato, dove dove va e s s e - guardia di finanza, polizie locali e s e rvizi re votata già ne l giugno 2006, e poi s e gre ti più o m e no rinnovati. bocciata in com m is s ione alla Cam e ra: ch i D opo la "riform a" de gli apparati, è noto h a prom os s o ilcapo de lla polizia a capoga- ch e il ruolo di Ne groponte italiano è bine tto de lm inis tro Am ato, com e s i ve de , q ue llo a cui D e Ge nnaro da s e m pre as piè parte de lproblem a. Andre bbe ro m e s s e ra: una tale conce ntrazione di pote ri, s otto critica l'ins ie m e de lle politich e s e nza bilanciam e nto alcuno rappre s e nta s ull'ordine pubblico e s ull'im m igrazione , un ris ch io gravis s im o pe r un s is te m a de di cui le de s tre s ia di oppos izione ch e di m ocratico. Sare bbe opportuno ch e la s inigove rno s ono ins ie m e protagonis te . E inve - s tra non fos s e cie ca e s orda proprio di ce ci troviam o con un ulte riore s alto di fronte a q ue s to.

Pogrom e leggi razziali

31


BANCH E

Non far troppe dom ande alBanco di Sicilia SEBASTIANO GULISANO

A ch i dà i sol di ilBanco di Sicil ia? M utui, pre stiti, im pre nditori? Al m e no pe r q uanto riguarda l e ope raz ioni in Sicil ia, è m e gl io non fare troppe dom ande a q ue sto proposito. Se ne è accorto Vince nz o Carl ì, profe ssione bancario. "M a com e sono stati ge stiti q ue sti m utui?", "M a com e m ai un tre ntacinq ue pe r ce nto di m orosità?", "M a ch i sono q ue sti cl ie nti?", "Scusate , m a q ue sta ope raz ione l 'ave te se gnal ata?", "M a pe rch é dite ch e di q ue sto cl ie nte non m i de bbo occupare ?". Lice nz iato «Ilm io lice nziam e nto rappre s e nta la ne gazione di ogni pos s ibilità di critica s indacale all’inte rno de l Banco di Sicilia». Vince nzo Carfì h a 60 anni, 41 de i q ualitras cors i in banca, 35 ne ls indacato, la Fis acCgil, di cui è s tato anch e s e gre tario nazionale. Carfì è s tato lice nziato il 13 dice m bre s cors o, a conclus ione di una vice nda iniziata tre anni fa, q uando ilBanco e ra ancora ne ll’orbita di Capitalia, prim a de lla fus ione con Unicre dit. Ne ldice m bre de l 2004, infatti, una “ris trutturazione ” de ll’are a Ce ntro Italia de l Bds porta all’e m arginazione di un ce ntinaio di dipe nde nti; pe r i s indacati azie ndali s i tratta di ve re e proprie «ritors ioni ne i confronti de i lavoratori», com e de nunciano in una lette ra ape rta ai ve rtici de ll ’is tituto in cui additano «l’inarrivabile live llo di criticità» raggiunto ne lla ge s tione de lpe rs onale, care nze organizzative , «cronico s cadim e nto de lle figure apicali» e m ancato ris pe tto de lle norm e s ulla s alute e la s icure zza de i dipe nde nti («les inando s ugli approntam e nti anti-rapina»). Ne l docum e nto unitario m anca s olo la firm a de ll’Ugl, m e ntre il coordinam e nto nazionale de lla Fabi s confe s s a la propria R s a e s olidarizza con i ve rtici de lBanco. Enzo Carfì, palerm itano m a in s e rvizio a R om a da un paio di de ce nni, s i è s e m pre dis tinto pe r ils uo attivis m o s indacale – è

s tato anch e s e gre tario nazionale de lla Fis ac – e pe r le s ue de nunce de lm alaffare die tro gli s porte lli, fin da q uando e ra dipe nde nte de lla Sicilcas s a, la s e conda banca s iciliana poi as s orbita dalBds . Le s ue de nunce s ui pre s titi facili a bos s s iciliani, a im pre nditori m afios i e anch e a de gli e s pone nti de lla Banda de lla M agliana s ono s fociate in inch ie s te de lla m agis tratura, proce s s i, condanne . Ma ris algono allo s cors o m illennio. E alla Sicilcas s a. Non ch e alBanco le cos e andas s e ro m e glio, ch é ave va gli s te s s i padrini politici e e largiva cre diti ine s igibiliai cavalie ri m afios i.

no le is tanze di de m ocrazia de i lavoratori» e de finis ce la lette ra ape rta «la dim os trazione più tangibile ch e “fare s indacato”in q ue s ta azie nda è ancora pos s ibile» pe r contras tare «l ’inde gna m ala ge s tione de lle ris ors e um ane ». In un s e condo s critto attacca la Fabi pe r ave re s ve nduto la propria autonom ia m e tte ndos i «als e rvizio de lla s ua controparte ». La ris pos ta de ll’azie nda non tarda – s iam o alla fine di m arzo de l 2005 – e s i m ate rializza s otto form a di annuncio di provve dim e nti dis ciplinari da parte de lla D ire zione ris ors e um ane de l Bds , cioè q ue lla s te s s a D ire zione pe s ante m e nte attaccata dai s indacati e da Carfì. Ne lla lette ra gli ve ngono conte s tati i «s uoi pe rs onali giudizi e valutazioni conce rne nti anch e la m ate ria de lle re lazioni s indacali fra l ’azie nda e le orgaQuando com incia q ue s ta vice nda, con la nizzazioni s indacali» (i due docum e nti “ris trutturazione ” , Carfì è un dirige nte di diffus i ne ls uo am bito di lavoro), nonch é s e condo live llo ch e s i occupa, ne lla princi- «appre zzam e nti les ivi de ll ’azie nda e pale s e de rom ana de lBanco, in via de l de lla re lativa D ire zione ». Cors o, de lla conce s s ione de i m utui ai pri- Ins om m a, s iccom e Carfì non ricopre più vati: s e s e i un im pre nditore de lCe ntro Ita- alcuna carica s indacale – è un s e m plice lia e vuoi un m utuo dalBanco di Sicilia is critto alla Fis ac-Cgil– non può e s prim e de vi ne ce s s ariam e nte ave re a ch e fare con re giudizi pubblici. lui. Ebbe ne , dopo ildocum e nto unitario Pe r punizione vie ne tras fe rito alla filiale de i s indacati, Carfì m e tte ne ro s u bianco di Pie tralata, q uartie re pe rife rico de lla ils uo «om aggio alla libe rtà di critica» e capitale, dove dire ttore e vice dire ttore , diffonde un foglio in cui e logia s e bbe ne s uoi am ici, s ono e ntram bi di li«l’e s e m pio più de gno di com e s i inte rpre ta- ve llo infe riore als uo.

"E io la trasfe risco a Pie tralata"

32


H O NO RÉ DAUM IER, BUSTO DI LEGISLATO RE, 1830

BANCH E

M a Carfì è uno cocciuto e anch e ne lla nuova s e de trova ilm odo di re nde rs i s com odo: «M i e ra s tato affidato un portafoglio di ce nto clie nti – racconta -, h o com inciato a fare de i controlli e h o trovato cre diti inge nti incagliati (s oldi non rie ntrati, ndr) da cinq ue anni e non ins e riti fra le s offe re nze (cre diti difficilm e nte e s igibili, ndr), ch e potre bbe ro configurare il falso in bilancio; la m ancata s e gnalazione di ope razioni s os pe tte da parte di un clie nte alle autorità com pe te nti; fatture false e s cope rture di conto corre nte a s ogge tti già in s offe re nza». I s uoi rilie vi ve ngono confe rm ati dagli is pe ttori de l Banco, m e ntre com incia a indagare la m agis tratura. Carfì, pe rò s i è occupato di un clie nte di cui, s e condo i s uoi dirige nti, non avre bbe dovuto occupars i. Stavolta a pagare è il s uo am ico dire ttore de lla filiale: vie ne rim os s o e non gli vie ne riconos ciuto l’avanzam e nto di grado. Iltribunale di R om a, intanto, lo re inte gra ne lla pre ce de nte s e de e m ans ione – s iam o all ’inizio de l

2007 – , cos ì torna in via de lCors o e s copre ch e ne ll’anno e m e zzo in cui è m ancato ci s are bbe s tata una ge s tione de i m utui q uantom e no legge ra, con un tas s o di m oros ità di circa il35 pe r ce nto, cioè non rie ntra un te rzo de i m utui conce s s i, 80 m ilioni di e uro. Carfì, inoltre , s i accorge ch e un ce rto num e ro di clie nti, appare nte m e nte s legati fra loro, rie ntravano conte m porane am e nte da s ituazioni di m oros ità, com e s e fos s e ro collegati e alle

Intanto ilBanco passa di m ano... loro s palle ci fos s e q ualcun altro. D opo un s us s e guirs i di lette re di critica e de nuncia – illegittim e , s e condo ilBds – e di un altalenars i di s e nte nze contras tanti, s i arriva prim a alla s os pe ns ione e als ucce s s ivo allice nziam e nto di Carfì, s u cui de vono ancora e s prim e rs i i giudici. Ne lfratte m po ilBanco è pas s ato di m ano ancora una volta: Capitalia s i è fus a con Unicre dit e , fors e , è finita la ge s tione

"Com e se fosse ro collegati e alle loro spalle ci fosse q ualcun altro..."

dis involta – o pre s unta tale – de lcre dito: ai prim i di ge nnaio di q ue s t’anno, infatti, una q uindicina di dirige nti de ll ’are a Ce ntro Italia de lBds s ’è vis ta re capitare una lette ra de i nuovi padroni in cui gli s i conte s tano irre golarità s ulla ge s tione de i cre diti e s i pros pe tta la pos s ibilità di rivalers i, pe r l’e ve ntuale danno arre cato all’is tituto, s ul patrim onio pe rs onale di cias cuno di loro. La docum e ntazione è s tata anch e inoltrata al pm rom ano Andre a M os ca, ch e già indagava s ulle de nunce di Carfì e h a m andato la Finanza a s e q ue s trare un be l po’ di carte , pe r ve de rci ch iaro in q ue s ta s toria dai ris volti im pre ve dibili. La Cgil, ne lfratte m po, s i è s ch ie rata con Carfì e h a ch ie s to a Unicre dit la s ua rias s unzione . M e ntre il Banco cam bia re gis tro m orale. Alm e no s e m bra. Il nuovo vice pre s ide nte , infatti, è l ’im pre nditore anti-pizzo Ivan Lo Be llo. E ch is s à ch e le com uni battaglie antim afia non facciano da collante e s e gnino ilnuovo cors o con ilre inte gro di Carfì.

PER SO STENERE "CASABLANCA: ABBO NAM ENTO O RDINARIO 30 EURO , SO STENITO RE 50 EURO PAYPAL: w w w .les iciliane .org/cas ablanca BO NIFICO BANCARIO : GRAZ IA RAPISARDA/ BANCA PO PO LARE DILO DI/ IT 37 J 05164 169 03 000000168811 33


FUTBO L

Clam oroso alCibali L'insolito gusto di un calcio norm ale GIANFRANCO FAILLACI

Al l o stadio di Catania, q ue st’anno, non si va arm ati e non si cantano cori contro l a pol iz ia. Le grandi sq uadre de vono ve nire q ui in trasfe rta, a dife nde rsi dal gioco arre m bante de i rossaz z urri. Tutto se condo copione , dunq ue . Se non fosse ch e a q ue sto copione , dopo q ue ldue fe bbraio, non e ravam o più abituati. M a se com inciasse a dive ntare un viz io, l ’ide a di stare in se rie A com e tutti gl i al tri? Se com inciassim o a col tivarl o, q ue sto viz io, anch e fuori dai cam pi di cal cio? Ilguaio di ch iam arti Pe ppe e di parlare con l'acce nto de lla Sicilia profonda - anzich é ch iam arti Alex e parlare con gli ucce llini - è ch e a te , Pe ppe , potranno anch e rius cire ce nto cos e m e raviglios e ; m a non è s e m pre de tto ch e tutti s e ne accorgano. Poi un brutto giorno ti vie ne m ale la cos a num e ro ce ntouno - s alti col gom ito troppo largo, dici una parola di troppo all'arbitro, s calci un pallone pe r s tizza - e , q ue lla, puoi s tar s icuro ch e ne s s uno te la pe rdona. Anch e pe r q ue s to ade s s o Pe ppe M as cara da Caltagirone , giocatore de lCatania con la m aglia num e ro die ci, h a im parato a conq uis tars i due volte le cos e ch e pe r m olti altri s ono s contate . Pe r e s e m pio, ade s s o M as cara è als uo s e condo cam pionato in s e rie A; e ppure è la prim a volta ch e gli rie s ce di giocars i norm alm e nte le partite ne l s uo s tadio, con q uarantam ila occh i ch e as pe ttano i s uoi dribbling, con ve ntim ila urli ch e accom pagnano i s uoi gol.E m agari la s e ra, davanti alla Tv, gire ranno anch e a lui i cabas is i q uando ve de ch e m e tà de i com m e ntatori ch e s anno di calcio non conos ce ancora i colori de lla s ua m aglia - ros s azzurra, non ros s oblù: è tanto difficile? -; o q uando as colta q ualch e e s pe rto m ilane s e ch e dis ce tta s ulle s ue doti di m ancino, q uando inve ce M as cara gioca in ogni zona de lcam po m a i golli fa s olitam e nte di de s tro. Ade s s o pe -

rò, con s ulle s palle un anno in più di s agge zza, Pe ppe M as cara s a ch e la s ua s trada può arrivare lontano. A patto ch e lui continui a giocare pe r la s q uadra e non s i m e tta a farlo s olo pe r s e s te s s o. A condizione di s ape re ch e la s alita è ancora lunga, e ch e da q ue s te parti nulla è m ai s contato. Qualch e volta ne ppure le cos e più norm ali.

contro la Juve ntus pe r un rigore a te m po s caduto conce s s o a D e lPie ro). Clam oros o, alCibali, s e m bra già ilfatto ch e q ue s t'anno le grandi s q uadre de bbano ve nirci a giocare . Non e ra s ucce s s o l'anno s cors o, dopo ildue fe bbraio e la lungh is s im a s q ualifica de l cam po; non e ra accaduto ne ppure ve ntiq uattro anni fa, ne lla pre ce de nte s tagione de lCatania in s e rie A: pe rch é anch e allora, a furia di incide nti e s q ualifich e , il Cibali rim as e ch ius o pe r dive rs i m e s i. Clam oros o alCibali - clam oros o e norm aClam oros o alCibali, s i dice va una volta. le - è ils is te m a de i controlli all'ingre s s o, E s i parlava di s q uadroni invincibili ch e finalm e nte ris pe ttos o, m a c'è voluto un allo s tadio di Catania las ciavano punti e m orto, de lle leggi italiane ; è ilfatto ch e pe rde vano s cude tti (l'Inte r di H e lenio non s i os te nti be ffardam e nte l'illegalità H e rre ra, l'anno m illenove ce nto-s e s s antu- com e avve niva un anno fa, q uando ci s i no, la voce di Sandro Ciotti...). vantava con gli am ici di e s s e re e ntrati O ggi allo s tadio "Ange lo M as s im ino" de l s e nza biglie tto e il cus tode , dipe nde nte q uartie re Cibali, a un anno dall'as s as s inio com unale, te ne va in cas a propria la s antade ll'is pe ttore R aciti, di clam oros o c'è barbara de gliultrà. s e m plice m e nte - e non e ra s contato - il Clam oros o e norm ale è il fatto ch e in fatto ch e le cos e s tiano proce de ndo s e - curva non s i ve dano agitare croci ce ltich e condo norm alità. Con q ualch e s oddis fazio- né s i s e ntano cori contro la polizia. Pone s portiva di q ue lle ch e s i ricorde ranno a tre bbe trattars i, è ve ro, di un arre tram e nto lungo (ils inis tro da tre nta m e tri di Vargas tattico de gli ultrà più facinoros i. M a non ch e h a cacciato ilM ilan fuori dalla Coppa è ne anch e im pos s ibile (ilgiorno ch e in Italia, ilde s tro arcuato di M artine z finito ce nto in due ce nto o anch e in m ille dove s in gololtre l'ultim a, vana dife s a de lportie - s e ro ripe te re uno di q ue i cori) ch e gli altri re de lPalerm o); con q ualch e de lus ione di diciannove m ila s pe ttatori de cidano una q ue lle ch e alla fine pas s ano (un paio di buona volta, tutti ins ie m e , di zittirli a partite nate s torte ; la vittoria m ancata s uon di fis ch i.

L'anno 19 61, la voce di Ciotti...

34


FUTBO L "Pe ppe M ascara, un num e ro die ci ch e non parla agli ucce llini"

BACIA SAN SIRO L'attaccante de l Catania Gius e ppe M as cara h a guidato l a s ua s q uadra al l a vittoria e s te rna contro ilM il an in Coppa Ital ia.

Tra le ragioni de ll'ins olita norm alità di q ue s ta s tagione c'è anch e ilfatto ch e , pe r le colpe di alcuni crim inali cope rti dai s uoi colori, la s q uadra de lCatania abbia pagato fino in fondo, s e nza s conti né furbizie , s ulla bas e de lle vige nti norm e di gius tizia s portiva. Un e s e m pio di ce rte zza de lla pe na ch e , ade s s o, dovre bbe far s cuola anch e altrove . Ne i dintorni de llo s tadio O lim pico di R om a, in q ue s ti m e s i, una banda di ultrà arm ati di colte llo e nas cos ti da s ciarpe gialloros s e h a m andato in os pe dale una tre ntina di tifos i avve rs ari. Sare bbe un'ottim a cos a s e la gius tizia s portiva rius cis s e a inte rve nire , prim a ch e ci s cappi ilm orto, anch e ne i confronti di s ocie tà cos ì ricch e e pre s tigios e . È s ciovinis m o dire q ue s to, dalla città in cui è s tato uccis o R aciti? Nie nte affatto. A condizione ch e non s i voglia con ciò dim e nticare ildue fe bbraio; o far finta - com e h a fatto in più occas ioni l'am m inis trazione com unale - ch e gli uccis ori di R aciti non abbiano «nulla a ch e fare »con Catania. Non è vittim is m o, ch ie de re ch e tutti pagh ino in proporzione ai re ati e non alportafoglio affari de lle s ocie tà. Purch é non ci s i dim e ntich i di guardare in faccia i m ali di cas a propria. Purch é non s i nas conda, die tro un pallone e una bandie ra ros s azzurra, ilde grado s ociale ch e h a re s o pos s ibile il due fe bbraio.

Non tutti i m ali ch e s ono e s plos i q ue lla s e ra, è be ne s ape rlo, s ono guariti da s é. Non fos s 'altro pe rch é le pas s ate violenze allo s tadio di Catania non s e m brano tutte apparte ne re s oltanto alla patologia de ltifo s portivo. Pe rch é s pe s s o, anzi, la partita giocata in alcuni s e ttori de gli s palti è com pletam e nte dive rs a da q ue lla ch e s i dis puta in cam po.

M a c'è ch i gioca un'altra partita... Pe r e s e m pio, q uando tre m e s i fa Catania e Palerm o s i s ono affrontate in un de rby finalm e nte norm ale, e m e ntre i giocatori ros s azzurri m e tte vano l'avve rs ario alle corde con giocate di fantas ia e furore atletico, buona parte de lla tifos e ria organizzata s e n'è rim as ta in s ilenzio, s e nza incoraggiare la propria s q uadra. I capi ultrà h anno fatto s ape re ch e s i trattava di una prote s ta, di un m odo pe r ricordare Gabrie le Sandri, ilgiovane tifos o de lla Lazio uccis o in un autogrill dall'age nte Spaccarote lla. E s iccom e ils ilenzio è una prote s ta civile, non ci s are bbe in fondo troppo da obie ttare . Solo ch e , la s e ttim ana dopo, è accaduto un e pis odio ch e las cia intrave de re , die tro la partita de ls ilenzio giocata da alcuni capi ultrà, q ualcos a di m olto dive rs o da una civile prote s ta. Qualcos a ch e as s om iglia, piuttos to, a una

35

q ue s tione di controllo m afios o de lte rritorio. Allo s tadio O lim pico di R om a s i giocava la gara contro la Lazio, e ilCatania ave va com e s e m pre als e guito m igliaia di pe rs one . Tra loro, tantis s im i s iciliani e m igrati con le loro fam iglie ; ge nte ch e da de ce nni s e gue la s ua s q uadra con la s te s s a pas s ione e la s te s s a nos talgia, s ia ch e s i gioch i in s e rie A contro R om a o Lazio, s ia ch e s i s offra in s e rie C contro Sora e Fros inone . A q ue s ti catane s i, q ue lpom e riggio, è s tato vie tato con le m inacce di incoraggiare la loro s q uadra. E non pe r via de lla s upre m azia num e rica de i tifos i avve rs ari, be ns ì pe r pre cis a volontà di q ualch e piccolo bos s con la s ciarpa de l Catania. Que l ch e è s ucce s s o lo racconta, s u Inte rne t, un ragazzo ch e e ra lì: «Ilcronom e tro s e gna all'incirca il10° de lla ripre s a con ilCatania s otto di una re te a ze ro. I ragazzi in cam po s ono in grande difficoltà, h anno bis ogno de ll'appoggio di tutta la tifos e ria. M a da parte di coloro ch e s i de finis cono "ultras " non un s olo coro di incitam e nto. Solo cori a favore di Gabrie le Sandri (q uas i ad accattivars i in m anie ra ruffiana la s im patia de lla tifos e ria laziale) e cori ve rgognos i contro le forze de ll'ordine . Alch e , dalla parte s upe riore de llo s picch io a noi as s e gnato, q ue llo dove e ravam o s e duti noi tifos i


FUTBO L/ LA CITTA' ATTO R NO

UNA STO R IA/ LIBR INO , VILLA FAZ IO CO M E TI SACCH EGGIO LA PER IFER IA Ch e cos 'è Vil l a Faz io? Un rude re in abbandono, ch e rappre s e nta l 'e m arginaz ione de lq uartie re -città Librino. Cos truita q uando a Librino c'e rano ancora i l im oni e l e arance , prim a de l l e s pe cul az ioni e dil iz ie , al l 'arrivo de l l e Unive rs iadi, te nute s i in Sicil ia ne l19 9 7, è s tata ris trutturata e tras form ata in ce ntro s portivo. Pe r q ual ch e anno, fino al2001, h a funz ionato da s trum e nto di cre s cita pe r ce ntinaia di bam bini de l q uartie re . Un cam po da cal ce tto, uno da bas k e t, uno da te nnis e uno da pal l am ano. Nie nte di s pe cial e , m a a Vil l a Faz io s i andava gratis ogni giorno e s i giocava tutti, s i face va am iciz ia e s 'im parava l o s port, non l a com pe tiz ione ; ci s i aiutava anch e fra e s trane i e s i cam biava s q uadra appe na ci s i annoiava. La s e ra ogni tanto, m agari, l a parrocch ia di vial e Cas tagnol a organiz z ava q ual ch e fe s ta, e l e ragaz z e de l l a PGS pal l am ano fe s te ggiavano l ìl e l oro num e ros e vittorie . Infine i ge nitori e rano fe l ici di ve de re i propri figl i in un l uogo s icuro a giocare , inve ce ch e in m e z z o al l a s trada. Vil l a Faz io è s e m pre s tata troppo piccol a pe r tutti i bam bini di Librino; m a al cuni ragaz z i de lq uartie re , pe r q ual ch e anno, h anno avuto l ìl al oro porz ione di s port norm al e , com e s e ci s i trovas s e ne lricco ce ntro cittadino. Fors e m e gl io, anz i: pe rch é in ce ntro, a giocare s otto cas a, non s i può andare . È durata fino al2001. Poi s ono pas s ati s e i anni, è cre s ciuta una nuova ge ne raz ione . Di cui fanno parte anch e i ragaz z ini arre s tati pe r l a gue rrigl ia de l2 fe braio, ch e ne l2001 e rano s ol o bam bini poco più ch e de ce nni. Ne gl i anni di Vil l a Faz io, fors e , non s are bbe ro m ai finiti in prigione . O ggi Vil l a Faz io è un rude re . M a potre bbe dive ntare un gros s o affare , pe r cui ilCom une h a de cis o di s ve nde rl a, ins e re ndol a ne lproge tto "Catania ris ors e ". Bl occata q ue s ta ipote s i dal l a s ovrinte nde nz a ai be ni cul tural i, dopo il2 fe bbraio ilCom une h a com inciato ad annunciare il

s uo re cupe ro. E da q ue lm om e nto s i s ono m ol tipl icati gl i atti vandal ici: non e rano m ai s tati cos ì num e ros i, in q ue s ti anni di abbandono. Ne l2007 Vil l a Faz io è s tata de vas tata al m e no 3 vol te ; prim a us ata com e rifugio occas ional e non s i s a da ch i;poi com e s tal l a abus iva;da nove m bre ne h anno fatto una dis carica. A iniz io dice m bre , un rive nditore di pe s ce è s tato invitato dai vigil i urbani a s pos tars i proprio l ì davanti, gius to pe r al im e ntare l a dis carica. A m e tà ge nnaio di q ue s t'anno, al l a dis carica è s tato dato fuoco. Da ottobre 2007 l a ge s tione è affidata ai parroci de lq uartie re . Ch e non h anno ne m m e no provato a farne un q ual ch e us o, anch e pe rch é prim a l a s truttura dovre bbe e s s e re profondam e nte ris anata. Cos ì l 'antica m as s e ria rural e , tras form ata in ce ntro s portivo pol ifunz ional e dalval ore di m ol ti m il ioni di e uro, h a vis to pre cipitare ils uo val ore . Ch iunq ue s ia s tato a orch e s trare l 'ope raz ione , ilris ul tato è ch e a Librino l o s port s i è tornati a praticarl o ne i m odi più ins ani pos s ibil i: s e duti in pol trona a ve de re giocare gl i al tri (con q uas i una parabol a ad ogni fine s tra);oppure face ndo gue rra agl i "s birri" s ul l e tribune de lCibal i. L'ope raz ione di dis truz ione ope rata ne l2007 s u Vil l a Faz io s e m bra ripe te rs i anch e con ilPal aNitta, pal as port di 1000 pos ti ch e os pita l e poch e m a gl orios e s ocie tà s portive di Librino. L'im pianto s ta cade ndo a pe z z i graz ie ad al tri atti vandal ici "ch irurgici", com e l 'al l agam e nto de l parq ue t di l e gno ch e è orm ai da s os tituire . In più i pre z z i pe r l e s ocie tà ch e vogl iano us ufruire de l l 'im pianto s ono aum e ntati a dis m is ura, e s attam e nte com e accade al l e pis cine com unal i. Com pl otti? Più ch e al tro m ate m atica: s e gl i im pianti s portivi de i q uartie ri popol ari dive ntano appe tibil i pe r i privati, ilCom une potrà far cas s a e tirare a cam pare . Due più due fa s e m pre q uattro. M a dis trugge re l e s pe ranz e di un q uartie re è facil e com e bruciare Vil l a Faz io. LEANDRO PERRO TTA

UNA SPER ANZ A/ R AGAZ Z I CO NTR O ILSILENZ IO "VE LA DIAM O NO I, L'INFO R M AZ IO NE!"

Un’e dicol a alce ntro di Catania. Un dis tinto s ignore s al uta e ch ie de “Re pubbl ica” . Appe na ilte m po di pre nde re l a s ua copia e arriva una ragaz z a ch e gl i propone uno s cam bio: l a copia appe na acq uis tata contro un’al tra ch e contie ne , in più, anch e l a cronaca re gional e . Il pre z z o non cam bia: è s e m pre un e uro. La s ce na com pare in uno s pot vide o (ch e pote te trovare al l ’indiriz z o w w w .s ciope rode il e ttori.com ) ch e s e rve a far conos ce re , anch e fuori dal l a Sicil ia, ilpatto tra ilgruppo Re pubbl ica e M ario Ciancio. «La Re pubbl ica – s pie ga infatti una voce fuori cam po – s tam pa ogni giorno a Catania 30 m il a copie pe r i s icil iani; 25 m il a arrivano a Pal e rm o, Trapani, Agrige nto, M e s s ina, Cal tanis s e tta e d Enna, com pl e te di cronaca re gional e . Le al tre 5 m il a ch e re s tano a Catania, no. A Catania s i s tam pa m a non s i l e gge ». Lo s pot, com e è e vide nte , s i is pira al l a fam os a pubbl icità di un

de te rs ivo de gl i anni '80 (q ue l l o con l a s ignora ch e rifiutava due fus tini più auto s portiva e vil l a in cam pagna pur di te ne rs i ils uo Das h ) e d è ilprim o cre ato dalgruppo vide o form atos i attorno a Cas abl anca. Non s i tratta, nonos tante l e appare nz e , di una facce nda catane s e . La rinuncia de lpiù grande q uotidiano ital iano a inform are s ul l ’inte ra Sicil ia orie ntal e,l ’accordo con un e ditore m onopol is ta, i s il e nz i s ugl i affari di q ue s to e ditore non s ono infatti probl e m a di una città, m a q ue s tione ch e riguarda l ’inform az ione ital iana ne ls uo com pl e s s o. Lo s pot è il prim o pas s o di una cam pagna – l anciata da Cas abl anca l a s cors a e s tate – pe r inform are in prim o l uogo i l e ttori di Re pubbl ica s ul l e s ce l te “e ditorial i”de ll oro giornal e . «A Catania l a Re pubbl ica non è ancora arrivata». Diffonde re q ue s to s pot è un piccol o pas s o pe r aiutarl a a nas ce re .

36


FUTBO L IERI, O GGI. E DO M ANI? A s inis tra Sandro Ciotti, l a voce di un cal cio ital iano ch e non e s is te più. In bas s o, un'im m agine de gl i incide nti alM as s im ino durante ilde rby CataniaPal e rm o de l2 fe bbraio 2007. La faccia de lcal cio di oggi, s e m pre più s pe s s o, as s om igl ia a q ue s ta s e conda im m agine . E ilcal cio di dom ani?

tranq uilli e i padri di fam iglia con bam bini als e guito, s orge un coro in occas ione di un calcio d'angolo a nos tro favore . Tutti ins ie m e , donne bam bini e ge nte pe r be ne . Non l'ave s s im o m ai fatto. D albas s o de l s e ttore s algono rapidam e nte i cos idde tti capi "ultras ", ch e con fare m inaccios o e violento ci intim ano di re s tare in s ilenzio, di non cantare più. Addirittura uno di q ue s ti capi, davanti ai bam bini e alle donne s pave ntate , arriva a m inacciarci di am m azzarci tutti s e nza pie tà pe rch é a s uo dire , cantando, abbiam o m ancato di ris pe tto a lui in q uanto capo e altifos o laziale m orto». Ildiritto di andare a ve de re una partita tifando norm alm e nte pe r la propria s q uadra, dunq ue , non è ancora de l tutto s contato. E tuttavia, non è s contato ne ppure ch e a q ue s to diritto s i de bba rinunciare : pe rch é i m afios e tti e i ne ofas cis ti convinti ch e ilte rritorio s ia cos a loro pos s ono ave r la m e glio s olo con ilcom piace nte s ilenzio di tutti gli altri. D e ntro lo s tadio, com e ne l re s to de lla città. *** La fe lice norm alità de lla s e rie A ros s azzurra, la clam oros a norm alità di q ue s ta s tagione al Cibali s ono ancora e pis odi, ce rto, ne lla vita de lla città. Eppure la s te s s a norm alità, riletta con s ch e m i dive rs i da q ue lli de lcalcio, potre bbe dive ntare ce nto altre cos e .

Pe r e s e m pio un te s s uto e conom ico capace di ribe llars i al rack e t e all'us ura. Pe r e s e m pio una gius tizia capace di far le gius te indagini s e nza i com prom e s s i ch e ne gli ultim i anni l'h anno avve lenata. Pe r e s e m pio un'inform azione capace di ris ponde re ai principi più e lem e ntari de l "m e rcato". Sogni? Può e s s e re . Eppure q ualch e gol alla M as cara, q ua e là, s i è com inciato a s e gnarlo; q ualch e s prazzo di fantas ia e un po' di gioco di s q uadra h anno dato, a volte , i loro ris ultati. L'antirack e t, cui appe na un anno fa s e m bravano cre de re s olo i ragazzini, ade s s o piace anch e alla Confindus tria. AlPalazzo di Gius tizia il Cs m h a propos to un procuratore e s trane o alve cch io e s tablis h m e nt, pre fe re ndolo ai protagonis ti de ll'ultim o "cas o Catania"; e s e q ue s to non è ancora un gol, è pe rlom e -

37

no un buon as s is t. Ne ll'inform azione , è ve ro, l'avve rs ario fa cate naccio e la norm alità è ancora rigoros am e nte vie tata: in cons e gue nza de llo s trapote re di M ario Ciancio, m a anch e pe r colpa e ve rgogna di un giornale "de m ocratico" e "illum inato" com e R e pubblica. M a s e s i rius cis s e una buona volta a tras form are q ue s t'inciucio di provincia in un cas o nazionale?Se s i rius cis s e , pe r una volta, a far parlare di Catania s e nza atte nde re un m orto am m azzato? Se , di fronte alla grande s tam pa nazionale e progre s s is ta ch e s 'inch ina alpote re fe udale di M ario Ciancio, s i com incias s e a indignars i non s olo a Catania, R agus a e Siracus a, m a anch e a Tre nto, Fire nze e Torino?Sta fors e s critto da q ualch e parte ch e , in s e rie A, Catania pos s a s tarci s oltanto ne lpallone ?


TESTIM O NIANZ E

Don Diana m e m oria e vita RO SARIO GIUE'

Sono passati q uattordici anni dal l a m orte di Pe ppino Diana, pre te ucciso a tre ntase i anni dal l a cam orra a Casal di Principe , in Cam pania. Que sta te stim onianz a è stata scritta da R osario Giuè, pre te pal e rm itano ch e ci ricorda ch e l a cam orra non può uccide re ilsuo m e ssaggio e ch e l a sua te stim onianz a può aiutare donne e uom ini di ogni sud a cam m inare con l al ibe rta de lVange l o. Com e i com itati de l l a Cam pania, sorti pe r farne m e m oria viva, noi ricordiam o ch e ilsuo m e ssaggio vive insie m e al l e nostre sce l te Ilm io inte re s s e pe r don Pe ppe D iana è nato lo s te s s o giorno in cui appre s i la notizia de lla s ua uccis ione , il19 m arzo 19 9 4. Allora s e ntii s orge re in m e una vicinanza pe r q ue s to giovane pre te indife s o. Con il te m po m i è pars o ch e s u don diana s ia calato ils ilenzio e ch e e gli s ia s tato dim e nticato dalla Ch ie s a Italiana. Cos ì h o m aturato ilde s ide rio di raccontare la vita di q ue s to coraggios o pre te , am m azzato dalla cam orra a s oli tre ntas e i anni, pe r dargli voce . H o cons ultato le s ue poch e carte e i s uoi s critti. Più di tutto h o attinto dalle te s tim onianze orali. H o voluto re nde rne pre s e nte la m e m oria a uom ini e donne ne lcam m ino de lla libe razione , s pe cialm e nte ne lSud d’Italia. D a giovane ave va s volto un ruolo s ignificativo la s ua e s pe rie nza di s cout, un’e s pe rie nza di e s s e nzialità, di um anità. Poi da pre te , h a fatto dive ntare ordinario l’im pe gno di libe razione dalla cam orra

all’inte rno di un lavoro di form azione inte grale de lla pe rs ona um ana e de ll ’e s s e re cris tiani ne lla s toria. R icordava ch e “bis ogna ridare l ’uom o a s e s te s s o, prom uove re l ’uom o, libe rarlo da ogni violenza, da ogni abus o de lpote re e conom ico e m ilitare , da ogni abus o de glis trum e nti di com unicazione e cos ì via” .

Ave va com inciato ne gli scout E’ s tato ordinato pre te il14 m arzo19 82. D a s e m inaris ta, e ra s tato s e m pre a contatto con le pe rs one , a pre s tare ils uo aiuto, ad e s s e re s olidale. D urante ilte rre m oto de ll’Irpinia, un anno prim a di e s s e re ordinato diacono, e ra s tato tra i prim i a s ce nde re e a dare una m ano ne lnapoletano e poi in Bas ilicata. La Parola di D io, più ch e dottrine e ve rità culturali s contate e legate alte m po. Il19

m arzo de l19 9 2, a San Lore nzo in Napoli in una te s tim onianza, ricordava: “Non bis ogna s trapazzare la Parola di Cris to, va fatta vive re , va s pie gata, va propinata; e q uindi q ue lla Parola di s alve zza la dobbiam o pre s e ntare , ave rne il coraggio, non ave rne paura.”Egli dava im portanza alle e s pe rie nza de lle com unità vicine alla te ologia de lle libe razione e d e ra legato ai bis ogni de lla ch ie s a locale. D urante tutti gli anni de ls uo m inis te ro ordinato, una volta dive nuto pre te , ildolore , la violenza, s ono tutti fatti ch e lo h anno s pinto ad una conve rs ione . Ne lm om e nto in cui s i è trovato de ntro una s ituazione “dura” , violenta e “pe r am ore de ls uo popolo”non s i è girato dall’altra parte , com e s pe s s o noi s iam o te ntati di fare . La vita re ale lo h a cam biato più de lla form azione iniziale. Il 19 s e tte m bre 19 89 don Pe ppe D iana e ra dive ntato parroco di S.Nicola a Cas al di Principe . Il21 luglio 19 9 1 un giovane ,

SCH EDA PADR E PUGLISI: "SO NO SO LO " Ricordo ne l l ’e s tate 19 9 2, dopo l e s tragi, l ’incontro con padre Pugl is i. “Le m arce antim afia s e rvono m a a Brancaccio bis ogna cos truire dai bis ogni prim ari: non e s is te is tituz ione s ocial e e , in una z ona di 17.000 m il a abitanti, c’è una s cuol a el e m e ntare con doppi turni;non c’è una s cuol a m e dia, un ce ntro m e dico, m ancano s e rviz i s ocial ie l a de l e gaz ione com unal e s vol ge l avori d’ufficio. Con al cuni l aici e as s is te nti s ocial i abbiam o is tituito un ce ntro pe r giovani dai 15 ai 21 anni, ch e non s anno s crive re ilproprio nom e ; s tiam o

cre ando un ce ntro s ocial e pol ival e nte pe r bam bini a ris ch io, ch e vivono in fam igl ie dove i val ori s ono l a forz a e l a viol e nz a, pe r aiutarl i a s ocial iz z are e cos cie ntiz z arl i al l al oro dignità” . E’ aiutato? “No, s ono s ol o, con i l aici; tutto q ui nas ce con ill oro vol ontariato: è s orto un com itato inte rcondom inial e , a cui m i col l e go pe r far nas ce re una com unità di bas e . Ilcom itato te nta di s m uove re il q uartie re .” . Ce ttina Scopaz z o

38


TESTIM O NIANZ E "Pe r am ore de lm io popolo non tace rò"

TRE LIBRISU DO N GIUSEPPE DIANA F.Ange l ino- E.Ras cato (a cura di), Ne ls ol co de l l a s pe ranz a, Editrice Re de nz ione , Napol i, 19 9 5. G.Fofi (a cura di ) , Pe r am ore de lm io popol o, Tul l io Pironti, Napol i, 19 9 4. Ros ario Giuè, Ilcos to de l l a m e m oria, Don Pe ppe Diana ilpre te uccis o dal l a cam orra, Ed.Paol ine .

te s tim one di Ge ova, ve niva uccis o pe r s baglio durante una s paratoria di cam orra. D on D iana e don Palella ave vano pre parano un docum e nto di condanna, s tam pato com e volantino. D a q ue lm om e nto e rano com inciati gli anni difficili. Le pe rs one attorno a lui lo ave vano s e guito. La ge nte nonos tante la s ua vivacità ne s e guiva lo s tile, la line a, la voglia di rinnovam e nto e di aute nticità. Ciò avvie ne con i laici de ll’Azione cattolica, e con q ue lli di altre re altà. Non e ra is olato tra la s ua ge nte , fors e lo e ra a live llo e ccles iale. D a q ui i s ilenzi de lla Ch ie s a, poi. M a don D iana s i e ra s pe s o pe r anni ne l fare pre nde re cos cie nza alla com unità de ll ’ave rs ano ch e la cam orra è com e una dittatura ch e va contro la dignità de lle pe rs one e contro ilVange lo. Ave va coinvolto anch e altri pre ti, e voleva ch e tutta la ch ie s a cam pana s i coinvolge s s e in un proce s s o di libe razione e di profe zia. I pre ti ch e com e lui oggi parlano di legalità, di gius tizia, danno fas tidio, pe rch é vi è ilpre valere di una conce zione de ll’e s s e re cris tiani e ch ie s a com e un “doppio binario” : a noi pre ti s tare bbe il parlare di cos e s pirituali, allo Stato de lre s to. L’annuncio di legalità ti cre a pe rs e cuzioni, contras ti, ti toglie dalla routine q uotidiana. In alcuni am bie nti e ccles iali s i dice parlare di legalità porta a “fare politica” . Si e vita di com prom e tte rs i ne i proce s s i di libe razione , non tras curando, pe rò, di fare politica, q uando vi s ono inte re s s i, conve nie nze e m ode lli culturali da dife nde re . Le te s tim onianze , gli s tralci de i proce s s i, la voce de lla s tam pa de ll ’e poca, h anno parlato de i s ilenzi de lla ch ie s a italiana s u don D iana. La ch ie s a, con de lle e cce zioni, in un prim o m om e nto ave va agito s ulpiano de lla “prude nza” , anch e q uando circolavano “voci” contro don Pe ppe , pe r de pis tare e pe r infangarlo. Poi, anch e dopo i proce s s i, h a continuato a dim e nticarlo, pe rch é farne m e m oria avre bbe s ignificato fars i conve rtire dalm ode llo di e s s e re pre te , cris tiano e ch ie s a di don D iana. Ils uo e s s e re giovane , am ante de lla libe rtà e de lvange lo de lla libe rtà, fors e pe r alcuni è s tato uno s candalo. M a Ge s ù è s tato s candalos o. Com e fare m e m oria di Ge s ù di Nazare th è im pe gnativo, cos ì

anch e pe r don Pe ppe D iana la m e m oria h a un “cos to” . Significa rim e tte re in dis cus s ione tanti m ode lli, as coltare la “s trada” dove le pe rs one incontrano il Vange lo di Ge s ù. Non s i fa m olto ne lla ch ie s a pe r fare conos ce re don D iana, fors e il s uo m ode llo non “s e rve ”in q ue s to m om e nto s torico. La s ua libe rtà, la s ua capacità critica, fors e non s e rvono. Fors e non “e ntra” ne ll’ingranaggio di ce rti e q uilibri e ccles iali o politici. Inve ce la s ua te s tim onianza va ripre s a pe rch é può aiutare la ch ie s a italiana a re nde re il Vange lo concre tam e nte . Fare m e m oria di don D iana è un’occas ione pe r te s tim oniare il Vange lo e cos truire la ch ie s a dalla parte de lle vittim e e d e s s e re cre dibili tra i giovani. I cris tiani uccis i s ono s tati dim e nticati pe rch é abbiam o m e m oria corta. La loro m e m oria è ins opportabile pe r il nos tro q uie to vive re di uom ini e donne , di cris tiani e di ch ie s a. Si pre fe ris ce lam e ntars i ne i corridoi inve ce di s alire “s ui te tti”com e ch ie de va Ge s ù Cris to e com e h a fatto don D iana. Quattordici anni dal 19 m arzo 19 9 4. O ggi è cam biato q ualcos a dove don Pe ppe è s tato parroco; è cam biato q ualcos a ne lcuore de lla ge nte pe r la q uale lui h a lottato?I s uoi am ici continuano la line a tracciata da don Pe ppe ins ie m e ad altri. Le pe rs one s e m plici s anno ch e lui è s tato un m artire de lVange lo de lla libe rtà e de lla ve rità. Gli s cout lo ricordano con ve ne razione in tutto ilPae s e . Tanti non cre de nti h anno incontrato attrave rs o di lui un pe rcors o di fe de pos s ibile e cre dibile. La s ua m e m oria vive . Ne lcors o de i proce s s i s ono s tate lanciate de lle calunnie contro don D iana e i s uoi am ici pe rch é la m afia e la cam orra in ge ne re uccidono due volte : una volta con il piom bo, una s e conda volta con ilve leno de lla m e nzogna. H anno voluto toglie re dignità a ch i h a os ato pors i s ulla loro s trada di m alaffare e h a de nunziato “ i cam orris ti a te ne rs i in dis parte , a non inq uinare e ancora una volta affos s are q ue s to nos tro caro pae s e , ch e orm ai h a s olo bis ogno di ris urre zione ”. Ne lcas o di don Pe ppe la cam orra è s tata s m e ntita s ia s ul piano proce s s uale ch e s ul piano de ll’im m agine .

I silenzi de lla ch ie sa

"IL CO STO DELLA M EM O RIA" “Que s to m e ritorio l ibro di don Giuè racconta s in ne i de ttagl i ilpe rcors o um ano, s piritual e e civil e - vorre i dire anch e "pol itico" - di Pe ppino Diana. Un tragitto purtroppo s pe z z ato e inte rrotto, m a com unq ue capace di re s tare pre z ios a e pe re nne te s tim onianz a: di coe re nz a e di fe de , di im pe gno e di rice rca”(dal l a pre faz ione di Luigi Ciotti a “Ilcos to de l l a m e m oria” ).

39


TECNO LO GIE

R accontare , condivide re , proporre : ilte rzo m ille nnio si fa così

Un fil m può far tre m are i ge ne ral i?A giudicare dal l e re az ioni a "Je nin, Je nin" (docum e ntario su una incursione in un cam po-profugh i pal e stine se ) si dire bbe di sì. Non è l a prim a vol ta ch e im m agini pacifiste ve ngono vie tate : "Addio al l e arm i", "Al l 'O ve st nie nte di nuovo..."

CARLO GUBITO SA

Vide o contro la gue rra: pe rch é fanno paura Un film ch e fa tre m are un e s e rcito "Vilipe ndio de lle forze arm ate ": è q ue s ta l'accus a m os s a da cinq ue s oldati is rae liani a M oh am m e d Bak ri, re gis ta e attore pales tine s e , pe r la re alizzazione de ldocum e ntario "Je nin, Je nin". Ne ll'aprile de l 2002 Bak ri è s tato uno de i prim i a docum e ntare pe r im m agini l'incurs ione de ll'e s e rcito is rae liano all'inte rno de lcam po profugh i pales tine s e di Je nin, de s crive ndo gli e ffe tti de gli attacch i ae re i s ulle abitazioni civili e raccoglie ndo te s tim onianze dire tte de i s opravvis s uti. Ilfilm , inizialm e nte bandito da tutto lo s tato di Is rae le, è s tato parzialm e nte s doganato dall'Alta Corte Is rae liana ch e h e h a pe rm e s s o s olo q uattro proie zioni pubblich e a Te lAviv e Ge rus alem m e , s ufficie nti a s cate nare la re azione de i cinq ue m e m bri de ll'ID F. In cas o di condanna Bak ri s are bbe cos tre tto a pagare una m ulta da 500m ila dollari, ch e lo m e tte re bbe in ginocch io s ulpiano e conom ico e profe s s ionale, dive ntando un de te rre nte pe r tutti i re gis ti inte re s s ati alconflitto Is rae lo/pales tine s e . Pe r s congiurare q ue s ta e ve ntualità è partita dall'Italia una cam pagna di s olidarie tà

40

con l'artis ta: tra il 28 ge nnaio e d il 1 fe bbraio, in coincide nza con la riape rtura de lproce s s o, s ono s tate organizzate proie zioni pubblich e de lfilm in varie città italiane . Non è la prim a volta ch e ilcine m a m e tte in cris i gli apparati be llici: è già s ucce s s o ne l 19 32 con "Addio alle arm i", un crudo racconto de lla s confitta di Capore tto e de lla prim a gue rra m ondiale, pe s ante m e nte ce ns urato e arrivato in TVs olo 50 anni più tardi. O s curam e nto in Italia e Ge rm ania anch e pe r ilfilm "All'O ve s t nie nte di nuovo", us cito ne l19 30, vincitore di due O s car m a troppo antim ilitaris ta. Ne l19 50 la s toria di un obie ttore di cos cie nza h a un e ffe tto cos ì dirom pe nte ch e il "s e rvizio s e gre to ps icologico" de ll'e s e rcito france s e ne im pe dis ce la re alizzazione . Ilfilm vie ne ripre s o die ci anni più tardi, cam bia titolo (da "L'obie ttore " dive nta "Non uccide re ") e ilre gis ta Autant-Lara è cos tre tto a re alizzarlo in Jugos lavia, fra il 19 61 e il19 63. Lì s i è "rifugiato" anch e France s co R os i pe r girare ils uo "Uom ini Contro", ch e ne l 19 70 h a s us citato un'ondata di s candalo tra i be npe ns anti. Info: ilpe s s ottim is ta.blogs pot.com /


TECNO LO GIE

I tre de side ri di Clark e M olti lo conos cono com e l'autore di "2001: O dis s e a Ne llo Spazio", m a Sir Arth ur C. Clark e e ' m olto piu' di uno s crittore di fantas cie nza. Ne l19 45 e ' ilprim o a s ognare la com unicazione via s ate llite con l'articolo di divulgazione s cie ntifica "Extra-Te rre s trialR e lays - Can R ock e t Stations Give W orldw ide R adio Cove rage ?" ne lq uale s i ipotizza pe r la prim a volta di far com unicare ilm ondo con s ate lliti fe rm i ris pe tto alla s upe rficie te rre s tre , ch e ruotano con la s te s s a ve locita' de lla te rra. Ne gli anni s ucce s s ivi Clark e s ogna un m ondo dove i s ate lliti ve ngono utilizzati com e s trum e nto didattico pe r offrire ai pae s i im pove riti una form azione accade m ica di alto live llo a cos ti irris ori, e le s ue rice rch e lo s pingono a tras fe rirs i in As ia pe r cam biare ilm ondo grazie alprogre s s o s cie ntifico. I proge tti di rice rca de lla fondazione Clark e com pre ndono s is te m i di m onitoraggio orie ntati alla prote zione civile e applicazioni te cnologich e m irate alle ne ce s s ita' di are e rurali e is olate : un m ix di e ne rgia s olare , te ledidattica e te lem e dicina. Clark e continua a s ognare a dis pe tto

de l calendario, e pe r fe s te ggiare q ue lle ch e lui ch iam a le s ue "novanta orbite attorno als ole" h a tras m e s s o s u Youtube un vide o m e s s aggio in cui ci las cia in e re dita' tre de s ide ri. Ilprim o e ' la s cope rta di form e di vita e xtrate rre s tre , il s e condo e ' la rinuncia de ll'um anita' alla "dipe nde nza patologica dal pe trolio" pe r abbracciare fonti di e ne rgia pulita, e il te rzo e ' la fine de l conflitto ch e lace ra da anni lo Sri Lank a, s ce lto da Clark e com e patria adottiva m e zzo s e colo fa. "Le te cnologie di com unicazione racconta Sir Arth ur - s ono ne ce s s arie , m a non s ufficie nti, affinch é noi um ani pos s iam o andare d'accordo l'uno con l'altro. E' pe r q ue s to ch e abbiam o tuttora tante dis pute e tanti conflitti ne lm ondo. Gli s trum e nti de lla te cnologia ci aiutano a raccoglie re e dis s e m inare inform azioni, m a ci s e rvono anch e q ualità com e la tolleranza e la com pas s ione pe r raggiunge re una m aggiore com pre ns ione fra popoli e fra nazioni". Buon Com pleanno Sir Arth ur, e s pe riam o ch e prim a o poi q ualcuno de i tuoi s ogni dive nti re alta'. nfo: w w w .clark e foundation.org

"Condivide re è giusto "Non rube re s ti un'auto, pe rch é s carich i un film ?" Alzi la m ano ch i non è s tato raggiunto alm e no una volta dalla propaganda de ll'indus tria de ll' intratte nim e nto, ch e vorre bbe crim inalizzare ch i legge libri, as colta m us ica o guarda film s e nza pagare , com e avvie ne ogni giorno (e legalm e nte ) in tutte le bibliote ch e de l m ondo. Pe r re agire alla m inaccia culturale rappre s e ntata dall'e q uazione condivide re = rubare , c'è ch i h a pe ns ato di non pe rde rs i troppo ne i dis cors i e las ciare la parola alle im m agini. "Th e IT Crow d" è una s ituation com e dy britannica a s fondo te cnologico tras m e s s a s u Ch anne l4, ch e ne lte rzo e pis odio de lla s e conda s e rie h a ridicolizzato gli s pot antipirate ria con un vide o (ovviam e nte dis ponibile s u youtube ) in cui un age nte de ll'FBI e lim ina a s angue fre ddo una ragazza inte nta a s caricare film dalla re te . Su iw ouldnts te al.ne t è appars o un altro vide o di antipropaganda, m e no goliardico, più "politico", e re alizzato dal gruppo ve rde all'e uroparlam e nto. In q ue s ta clip il te s to non las cia s pazio ad e q uivoci: "io non rube re i una bors a, e ne m m e no un'au-

to, m a s carico film da inte rne t. L'indus tria de ll'intratte nim e nto fa pre s s ioni pe r adattare le leggi ai propri inte re s s i. Sfruttano gli artis ti e ve ndono propaganda. Condivide re è gius to". Ne lte s to di pre s e ntazione de lvide o s i m e tte in e vide nza la diffe re nza tra ilfurto e la copia, s pie gando ch e s e condo la lobby de lm ultim e dia le leggi s ono ne ce s s arie pe r s os te ne re gli artis ti, m e ntre in re altà le azie nde "prote ggono s olam e nte i loro profitti". Tutte te s i già note , m a ch e fino ad ora e rano circolate s olam e nte tra gli adde tti ai lavori o com e iniziativa di s ingoli e s pone nti politici più "illum inati" e s e ns ibili s ulle q ue s tioni de ldiritto di acce s s o alla cultura e all'arte . Ch e cos a accadrà ora ch e un inte ro gruppo parlam e ntare e urope o h a m e s s o i pie di s ul tavolo pe r affe rm are ch e "la condivis ione fa cre s ce re la cultura"?Ne lnos tro pae s e q ualcuno avrà il coraggio politico di toccare gli inte re s s i e conom ici de lla SIAE e de lpugno di artis ti vip ch e la gove rnano a danno de i piccoli autori e de gli ute nti? D iffonde re q ue s ti vide o potrà aiutarci a s coprirlo.

41

"PIRATI" ANTIM O NO PO LIO O pagh i M e dias e tPre m ium o ti pe rdi il cam pionato m ondial e di cal cio pe r cl ub inde tto dal l a FIFA. E' q ue s to ilm e s s aggio l anciato a tutti gl i appas s ionati di Cal cio ital iani, ch e ne m m e no pagando l 'abbonam e nto a Sk y Cal cio pos s ono as s is te re alconfronto tra l e s q uadre ch e h anno vinto l a coppa UEFA in Europa, l a Coppa Libe rtadore s in Am e rica Latina, l a coppa CO NCACAF in am e rica ce ntro-s e tte ntrional e,l a CAF Ch am pions Le ague in Africa, l a coppa AFC in As ia e i vincitori de l l 'O ce ania Cl ub Ch am pions h ip. M a i pirati s ono s e m pre al l e rgici ai m onopol i e al l e tas s e obbl igate , e d e ' cos i' ch e ilbl ogge r Al e s s io h a s pie gato s u al e s s ios 4.bl ogs pot.com com e guardars i s u inte rne tl e partite de l l a coppa Fifa La rice tta ch e pe rm e tte ad anarch ici l ibe rtari, com unis ti, gay e anticl e rical i di e s prim e re l al oro pas s ione s portiva s e nz a finanz iare az ie nde e pe rs onaggi pol itici contrari all oro m odo di e s s e re e di pe ns are pas s a attrave rs o s iti ad acce s s o ape rto com e Sports tre am ing ( s ports tre am ing.t35.com ) e program m i l ibe ri e gratuiti com e Soapcas t (w w w .s opcas t.org), ch e q ual unq ue ute nte de l l a re te puo' s caricare e util iz z are a piacim e nto. Non e ' proprio facil e com e acce nde re l a tv: con l a vis ione onl ine l a q ual ità vide o non e ' e cce l s a, ils e gnal e vide o arriva con q ual ch e m inuto di ritardo (ch e pe rm e tte ai goldi e s s e re anticipati dal l e url a de lvicino ch e h a pagato) e l a te l e cronaca non e ' in ital iano. M a di q ue s to M e dias e tpuo' e s s e re s ol o conte nta, vis to ch e Inte rne t, Ingl e s e e Im pre s a s ono tra i piu' noti m arch i di fabbrica de ls uo padrone . Se l 'Im pre s a e ' l al ibe ra iniz iativa privata, q ual e iniz iativa piu' l ibe ra di s caricare partite in ingl e s e attrave rs o Inte rne tpe r prote s tare contro un m onopol io finanz iato con i s ol di de i cittadini? Poch i ricordano, infatti, ch e l e s trutture pe r ildigital e te rre s tre ch e oggi s pil l ano q uattrini a ch i vuolve de re l a coppa m ondial e Fifa non s ono s tate re al iz z ate a s pe s e di M e dias e tas s um e ndos i un ris ch io d'im pre s a, m a s ono s caricate s ulbil ancio de l l a te l e vis ione pubbl ica gravando s ulcanone RAI pagato dai cittadini graz ie al l a form idabil e l e gge Gas parri. Da q ue s to punto di vis ta guardare in re te l a coppa Fifa puo' e s s e re cons ide rato un atto e q uival e nte ad un m e ritato rim bors o fis cal e.


SATIR A/ K ANJANO & FER R O

42


SATIR A/ K ANJANO & FER R O

43


44


R AGUSA

M a i politici de vono com andare anch e ne ll'Unive rsità? TO M M ASO FO NTE CGILRAGUSA

Ce ne sono tre , di de stra e di sinistra, ne lConsigl io d'am m inistraz ione de l consorz io unive rsitario. Non sottobanco, m a ufficial m e nte : orm ai l a tracim az ione de i pote ri è norm al e ... La de cis ione unitaria as s unta dai parlam e ntari nazionali de lla provincia di R agus a, (M auro, D rago, Battaglia, ris pe ttivam e nte Forza Italia, UD C e Sinis tra D e m ocratica) di ins e diars i ne lcons iglio di am m inis trazione de l cons orzio unive rs itario di R agus a, s e bbe ne abbia s ollevato alcune legittim e pre s e di pos izione all’im m e diata vigilia di tale de cis ione , non h a s us citato q ue ll’ondata di indignazione ch e ci s are bbe potuto e dovuto

La pe rvasività de lla Casta as pe ttare . Ce rto, s are bbe facile attribuire ilge ne rale s ilenzio attorno a q ue s ta vice nda ad una s orta di s indrom e da rige tto ch e in tante circos tanze pe rvade i cittadini, ovve ro alla orm ai diffus a indiffe re nza alle s orti de lla cos a pubblica ne l nos tro Pae s e o pe ggio ancora allo s te ccato ch e s i è innalzato tra la cos idde tta s ocie tà civile e la clas s e politica. M a fors e in q ue s ta vice nda c’è ancora di più: non tanto l’e vide nte invade nza e pe rvas ività di una clas s e politica ch e in circos tanze com e q ue s ta e vide nzia e s plicitam e nte e s e nza pudore alcuno ilfars i cas ta e re gim e , m a q ue l ch e è pe ggio è l’as s oluta indiffe re nza ve rs o una s ocie tà

s e m pre più dis tante e dis taccata da q ue s te de cis ioni. Ce rto m i s i potre bbe legittim am e nte obie ttare ch e ilcons orzio unive rs itario di R agus a e ra già da prim a organo di s ottogove rno pe r la politica e ch e vice ve rs a ade s s o, è organo dire tto de lla politica (s ic) con gli indubbi be ne fici di una s im ile de cis ione ; “ch e ce rtam e nte porte rà R agus a ad e s s e re riconos ciuta dallo Stato com e q uarto polo unive rs itario s iciliano” (D ich iarazione congiunta de i parlam e ntari all’atto de ll ’ins e diam e nto.) O ra, am m e s s o e non conce s s o ch e talis trabilianti ris ultati i parlam e ntari de lte rritorio avre bbe ro ce rtam e nte potuto cons igliars i s e nza alcun bis ogno di occupare dire ttam e nte ilcons iglio di am m inis trazione , m a ne ll ’am bito de lle loro legittim e pre rogative is tituzionali, non s i rie s ce proprio a com pre nde re la ragione di una tale as s urda, s bagliata e controproduce nte de cis ione . Purtroppo ci s ono s olo due s pie gazioni: la prim a è tutta politica e ci porta ad e vide nza una s indrom e da cons ociativis m o late nte ; la s e conda e più dire ttam e nte legata alm alcos tum e orm ai late nte e s pe s s o indis tinto de lla nos tra politica ch e aldi là di valori e d ide alità, organizza e m anipola ilcons e ns o s pe s s o dire ttam e nte de rivante dalla ge s tione de lla cos a pubblica com e un fatto di parte o di partito e non già di is tituzioni ch e apparte ngono a tutti: in q ue -

s to cas o con la ge s tione di facoltà, cors i di laure a, s tude nti, as s unzioni, appalti, e q uant’altro ch e naturalm e nte rie ntri ne i bis ogni di una unive rs ità. Pe r l’unive rs ità di R agus a ave vam o bis ogno di altro: di capacità e com pe te nze , di m anage rialità, e cultura, di e ducazione e di ris pe tto pe r ils ape r e la conos ce nza, tutte q ue s tioni irrilevanti s e condo lor s i-

E poi un be ldibattito su e tica e politica... gnori. M a fors e tutto ciò ch e s i è cons um ato, tra l’altro ne lbe lm e zzo di un dibattito forte s u e tica e politica, s ui s uoi cos ti (non s olo q ue lli dire tti m a s oprattutto q ue lli s ociali ch e non s i contano orm ai più) s ulla dram m atica ne ce s s ità di m oralizzazione e di rigore ne lla ge s tione de lla cos a pubblica, h a m os trato tutti i lim iti di una s ocie tà civile orm ai allo s tre m o e fors e de finitivam e nte incapace di re alizzare la te s ta e il cuore s e cias cuno di noi, aldi là de i ruoli, de lle com pe te nze , de lle funzioni, non rius cirà a com pre nde re ch e vice nde com e q ue s ta s ono ils intom o più ch iaro e d ine q uivocabile de lla ne ce s s ità s ociale e civile di ricos truire , un’e tica de lla re s pons abilità e de lris pe tto de lle pe rs one e pe r le pe rs one ancor prim a ch e una nuova e tica ne lla politica e ne lle is tituzioni.

PER SO STENERE "CASABLANCA: ABBO NAM ENTO O RDINARIO 30 EURO , SO STENITO RE 50 EURO PAYPAL: w w w .les iciliane .org/cas ablanca BO NIFICO BANCARIO : GRAZ IA RAPISARDA/ BANCA PO PO LARE DILO DI/ IT 37 J 05164 169 03 000000168811 45


i le ttori

Scrive re a: Cas abl anca, via Caronda 412, Catania

l 'acq ua potabil e, l e s trade as fal tate . Ilre s indaco di al l ora l o pre s e da s ol o e gl i fe ce ve de re l a cartina topografica di Catai dis s e ch e ilPigno ne l l a s ua Ch e dire de l l o Strano, s e natore catane s e , di re Ve nni ad abitare alPigno, a Catania, ne l nia e gl ce nte am m irato s ui m uri de l l a nos tra città ne l l a 19 66. La ch ie s a c'e ra, m a s ol o i m uri; carta non e s is te va e q uindi non ave vam o ildiritto de l l 'acq ua nè al tro. viril e s tre tta di m ano con l 'attual e s indaco?H aunon c'e rano l e fine s tre , nè ilportone . L ui ci inv it ò a non andare a votare . Ils inte couture , s e nz a dubbio. Magl ioncino indos Ne parl ai all avoro con al cune donne daco di al l ora con il s uo s e guito ve nne s ato con m al ce l ata cive tte ria s ulve s tito, m is e ch e e rano de lm ovim e nto de l l a pros antiti andape rfe tta. Ma al l ora com e h a fatto a gridare s guatas , pe rch è andavano ne l l e pe rife rie do- alPigno: tante prom e s s e , e m ol iatam e nte q ue l"Se i una m e rda!" a q ue lcol l e ga ve non c'e rano l e ch ie s e e iniz iavano rono a votare . 'ide a con i giovani di ave re al s e natore , durante l a s e duta in s e nato? m om e nti s piritual i. Infatti l a prim a m e s - Lui e bbe l Pigno l a prim a bibl iote ca; ognuno e gl i L'abito, a q uanto pare , ùnon fa ilm os a ne l l a ch ie s a s e nz a fine s tra e portone ibri, ne pote va naco, figuriam oci il fu ce l e brata da un pre te ch e l oro portava- abitanti ch e ave va de i l a pris e natore . Cos ì fra una no. Ve nne ro due o tre pre ti m a ne s s uno portare uno. E cos ì ci fu alPigno l m a bibl iot e ca ge s t it a dai giov ani de l dich iaraz ione de l l a Fire s tava a l ungo. q uart ie re . nocch iaro e un s m s de r piacioPoi ne l l 'agos to de l'70 s e ppi ch e e ra arrine Rute l l i, e vide nte m e nte annoiato vato un pre te . A s e tte m bre ci fu l a m e s - Padre Gre co iniz iò a non s om m inis trare e va ch e tutti da una dis cus s ione dal l 'e s ito s contato, s a con ilve s covo di al l ora ch e face va più i s acram e nti pe rch è vol capis s e ro l 'im port anz a de i s acram e nti. a bbiam o potuto am m irare un s e nato ape rto dive ntare parroco de lPigno padre Gre L o f e ce pe r s e dici anni, m a poì iniz iò a e rappre s e ntativo di tutte l e cate gorie . Pe r co. Ero ne l l 'ul tim o pos to, e d e ro s ce ttica darl i a tutti. e s e m pio i bare l l ie ri ch e h anno fatto ill oro ingre s m e ntre as s is te vo a tutto. Ne l l a m e nte a s ua ge nte s i s e ntiva s o pe r s occorre re l o s ve nuto Cus um ano;dom aave vo un inte rogativo: "Quanto te m po Ave va capito ch e l rif iut at a anch e da l ui ch e inve ce ci ave ni, ch is s à, s arà l a vol ta de l l a prote z ione civil e. re s te rà q ue s to pre te tra noi"? v a s ce l t o, v ol e v a v iv e re con noi, condiviSal vo Fabio Un s abato pom e riggio s e ntii s uonare l a a nos tra vita in un cam pana, e ra tanto ch e non andavo a de re al m as s im o l PER RISANARE CATANIA m e s s a. Andai pe ns ando ch e c'e ra l a m e s - q uartie re di pe rife ria dove dopo anni di otte abbiam o avuto l 'acq ua, l e s trade , l e EM ETTERE DEIBO C s a. In re al tà c'e ra un gruppo di giovani l A RIM BO RSO GARANTITO ne ls alone . Dopo un po' di giorni, s e nti s cuole. La bibliote ca ora è com unale e ch i vuol e può pre nde re i l ibri e l e gge rl i. Pe r s congiurare ildis s e s to finanz iario de l bus s are al l a m ia porta. Aprii. Era padre ti, h a vol uto e s s e com une di Catania rim ane s ol o uno s truGre co ch e m i invitò ad andare pe r l e riu- Padre Gre co ci h a s ce l m e nto (com e da s e rie e s pe rie nz e di al tri nioni de i giovani. Andai, e iniz iò ilm io re ilpre te de i pove ri, h a vis s uto con noi l a m orte Ci h a vis s uto pe r 37 anni. Com uni): l ’e m is s ione di Boc, accom pacam m ino s piritual e con ilgruppo ch e an- fino al Non h o parol e pe r ringraz iare ilSignore gnati da una re l az ione finanz iaria tal e da cora c'è. garantire ilrim bors o ai s ottos crittori. H o s e guito padre Gre co in tutto ils uo pe rch è ci h a m andato padre Gre co ch e Ne s s uno ne lm e rcato naz ional e e l ocal e cam m ino. Padre Gre co dive ntò pre te ope - è s tato pe r m e m ae s tro, am ico padre , l o ne lSignore . anticipe re bbe s ol di ad un Ente con s variati raio pe r e s s e re ope raio com e l a s ua ge n- frate l Fil ippina m il ioni di de ficit. I Boc e m e s s i con una re l ate . (de tta Ful pì da padre Gre co) z ione ce rta s ul l a cope rtura rappre s e ntano Lui ci riuniva pe r fare s ciope ri e ch ie de re ne l l ’im m e diato l ’unico s trum e nto contabil e. O ccorre innanz itutto dis tingue re fra im poCon q ue s ta s trate gia (adottata da m ol ti co- tutti pe r pagare di m e no", ne lgiro di poch i s te is critte a ruol o e non ris cos s e e im pom uni) in un anno di inte ns o l avoro s i anni potre bbe avve rars i anch e q ui. Una s te non ce ns ite e d e vas e . avre bbe un'e m e rs ione de l25% de lge ttito s e m pl ice vol ontà pol itica, un ince ntivo ai De l l e im pos te Ici e Tars u is critte a ruol o si total e. dipe nde nti pre pos ti è l a ch iave di vol ta pe r s a ch e vi s ono s variati m il ioni di e uro non riRe cupe rando l e annual ità con l e s ovrattas - e vitare ildis s e s to finanz iario e tutto q ue l l o s cos s i e non pagati dai contribue nti. s e e inte re s s i e pe r gl i anni ancora non ch e in te m a di te ns ioni s ocial i ne pot re bbe Re l ativam e nte al l e im pos te ICI e Tars u pre s critti, ilcom une di Catania in un pro- de rivare . non ce ns ite e d e vas e da pare cch i contrigram m a pl urie nnal e potre bbe coprire ilde fiCarl o Cittadino bue nti, a Catania non s i è m ai appl icato un cit e addirittura attuare m inori al iq uote pe r Com m e rcial is ta di Catania control l o incrociato con l e ute nz e e l e ttrigl i anni futuri. Ilde tto orm ai fam os o, "pagach e , de l l ’acq ua e di contratti te l e fonici.

L'ABITO NO N FA IL SENATO RE (SPECIE SE E' STRANO )

UN RICO RDO DEL PRETE DEL M IO QUARTIERE

46


M ISTER I D'ITALIA

Una firm a di Pe rtini ch e forse Pe rtini non m ise m ai BEATRICE PIERI Un ufficial e de l l 'Ae ronautica si re nde "scom odo" in più occasioni ch ie de ndo l a ve rità: dal l a strage Ustica aldisastro di M onte se rra. Lo "dim e ttono" d'autorità. Con l a firm a di Pe rtini. M a Pe rtini... “Non riconos ciuto m e rite vole di cons e rvare ilgrado”gli fu com unicato con una raccom andata datata 29 ottobre 19 83, e s ubito, a M ario Ciancare lla, allora Capitano Pilota de ll’Ae ronautica M ilitare , gli s i toglie vano i gradi e lo s i rim uove va dals e rvizio attivo. Già q ualch e giorno prim a, il20 O ttobre e ra s tato inform ato dalCom ando ch e “con un de cre to m inis te riale in via di pe rfe zionam e nto” s are bbe s tata de cis a la s ua radiazione . “Ch ie s i - racconta oggi ilCapitano Ciancare lla - la form ale notifica de l provve dim e nto, com e ordinariam e nte avve niva in s im ili circos tanze , e pre te s i ch e ildocum e nto di radiazione fos s e un de cre to de l Pre s ide nte de lla R e pubblica com e pre vis to pe r Le gge , e non de lM inis tro com e m i ve niva com unicato. Non otte nni né l’una cos a né l’altra - continua - Pe r die ci anni h o ch ie s to inutilm e nte di ve de re q uantom e no una copia de lde cre to de lPre s ide nte ... Nulla” . D opo q uas i die ci anni, in s e guito alle polem ich e s us citate dalla m orte di Sandro M arcucci, s uo collega, am ico e com pagno di battaglie , die tro s ollecitazione de llo s te s s o inte re s s ato, ve niva prodotta copia de lde cre to di pe rdita de lgrado re cante la firm a de l Pre s ide nte Sandro Pe rtini. Una firm a ch e s e condo l’e x Capitano de ll’Ae ronautica non e ra atte ndibile. D a q ui la de cis ione di continuare la battaglia intrapre s a pare cch i anni prim a e ch e ave va raggiunto ilculm ine il29 s e tte m bre de l19 80 q uando ve nne arre s tato con una m are a di im putazioni pe r ins ubordinazione . La s cus a ufficiale una vice nda legata al Cral inte rno, di cui e ra s indaco re vis ore , e de lla pre te s a de l Com ando di pote rne de cre tare unilate ralm e nte lo s cioglim e nto e la s ve ndita de i be ni. In re altà as s ie m e alcollega Sandro M arcucci

ave va avuto l’ardire di fare alcune indagini s u Us tica. “...l’arre s to di Ciancare lla - s i legge in una ve cch ia inte rrogazione parlam e ntare di R ifondazione com unis ta - e ra finalizzato a tappare la bocca a tutti coloro ch e de nunciavano le violenze ne lle cas e rm e e ch e s i battono pe r la de m ocrazia all’inte rno de i luogh i m ilitari...” . In e ffe tti M ario, ne gli anni ave va fatto de nunce pre cis e e pe s anti s ulla s trage de lM onte s e rra, Us tica, ilparà Em anue le Scie ri. Fatti ch e ancora oggi ve ngono annove rati fra i m is te ri de ll’Italia. C’è de ll’altro: ne l fratte m po il capitano e altri s uoi collegh i, e rano rius citi a m e tte rs i in contatto con l’allora Pre s ide nte Sandro Pe rtini, ilq uale, ne lge nnaio de l19 79 , lo convoca in de legazione in q uanto l’unico Ufficiale ad ave r s ottos critto una pe tizione a lui rivolta e firm ata da oltre 800 Sottufficiali. In de legazione con lui ilT. Col. Sandro M arcucci ch e s ucce s s ivam e nte m orirà in m odo m olto s trano. “Con il Pre s ide nte Pe rtini s ottos crive m m o un “patto d’onore ” , noi non avre m m o m ai invocato il s uo pe rs onale inte rve nto pe r q uanto ci pote s s e accade re s ulpiano de lla pe rs e cuzione dis ciplinare ch e s are bbe naturalm e nte inte rve nuta, e lui avre bbe garantito la s ua pe rs onale atte nzione e vigilanza pe r re nde re pos s ibili q uantom e no le garanzie cos tituzionali m inim ali - s pie ga l’e x capitano avre m m o m ante nuto con il Pre s ide nte , finch é fos s e s tato pos s ibile, un continuo rapporto - pros e gue - ci invitò ad e s e m pio a s crive rgli con l’indicazione “ris e rvata-pe rs onale” ch e avre bbe ape rto s olo e pe rs onalm e nte lui. In re altà q ue l rapporto s i s are bbe s volto s oprattutto pe r iltram ite di un altro grande partigiano, ilCom andante

47

Bulow , als e colo ils e natore Arrigo Boldrini, ch e ilPre s ide nte – s e nza ave rce ne m inim am e nte acce nnato ne ll’incontro volle ch e m i ce rcas s e im m e diatam e nte face ndos i riconos ce re e s ibe ndom i un foglie tto dove ilPre s ide nte ave va voluto ch e ve rgas s i il m io nom e e d indirizzo” . Ne lcarce re m ilitare di Forte Bocce a, la prim a notte , l’um iliazione e s tre m a: fu as s alito da anonim i e s ilenzios i aguzzini ch e gli fe ce ro violenze di tutti i tipi. “Pe r q uindici anni h o ce rcato legali dis ponibili ad im pugnare la q ue s tione di nullità de ll’atto di radiazione e d avviare un corre tto e argom e ntato ite r giudiziario, anzitutto con una pe rizia calligrafica ch e acce rtas s e la e ffe ttiva non ge nuinità de lla firm a - s pie ga M ario Ciancare lla, - s olo ne l 2007 h o trovato la dis ponibilità de ll’Avv. Novani Se rgio di Viare ggio” . O ggi, dopo una vana rice rca durata q uindici anni - s i legge ne lcom unicato Stam pa - Ciancare lla h a rice vuto dalla dott.s s a R os alba Bonati, pe rita calligrafica incaricata, gli e s iti di una cons ulenza grafologica in cui s i conclude ch e “con ottim a probabilità, la firm a in ve rifica non appartie ne alPre s ide nte de lla R e pubblica in carica ne l19 83 Sandro Pe rtini” . Lo s tudio legale Novani s ta ora s tudiando le form e più opportune pe r proce de re . Tutto com unq ue può ancora finire in una bolla di s apone o in cas o contrario lo Stato dovrà trarre tutte le cons e gue nze . Non bas te rà in q ue lcas o dire ch e Ciancare lla e ra antipatico a q ualcuno, m a s are bbe ne ce s s ario ris ponde re all’inte rrogativo “de l pe rch è e de lpe r ch i”Ciancare lla fos s e tanto m ai pe ricolos o.


48


49


in l ibre ria w w w .s com unicaz ione .it

E FINIAM O LA Q UI DECALOGO

"IO SONO IL MASTELLA DIO TUO" Anticipiam o l e 10 Re gol e

Fondam e ntal i De lNuovo Um ane s im o De l l a Gius tiz ia annunciato dalLe ade r Pol itico M as te l l a Un nuovo re gol am e nto ch e m e tte al ce ntro de l l a vita pol itica, gl i affari de l l ’uom o ude urino e de l l a s ua fam igl ia 1° Ill e ade r de l l UDEUR è s e m pre un uom o pe rbe ne e a Lui de ve andare s ol idarie tà. 2° Non ci s ono al tri uom ini pe rbe ne al l ’infuori de ll e ade r e de l l a m ogl ie de ll e ade r ude urino. 3°Se i gove rni cadono è pe r dire tta re s pons abil ità di q ual ch e “ s ingol are pe rs onaggio” rappre s e ntante de l l a ve cch ia im pe rfe tta gius tiz ia ch e da oggi, ad onor de lve ro, tal e s ogge tto ve rrà de finito a piace re “ de l atore ”, “ inform atore ”o “ s pione ”. 4°La parol a raccom andaz ione s arà s os tituita da “ indicaz ione ”, appal to truccato da “ s ugge rim e nto”, bus tare l l a o m az z e tta da “ pos ta prioritaria”. 5°Non de ve e s s e re inte rce ttata l a donna d’al tri s opratutto q ue l l a de l l e ade r. 6°Il “ de l atore ” o “ inform atore ” può s bagl iare , ill e ade r e l a m ogl ie m ai. 7°Dopo il val oros o inte rve nto ne l l a cam pagna di gue rra de l l a prim a Re pubbl ica ( ve das i Dl la m e nte de ll e ade r), in cui ilnos tro audace pol itico s i batté s tre nuam e nte , in s e guito ai be rnoccol i riportati, Egl i non può e s s e re accus ato s e non di e s s e re troppo pre m uros o con l a s ua Fam igl ia e troppo one s to con ilpopol o. 8°Se l a firs t l ady o q ual cuno de l l a fam igl ia de ll e ade r accide ntal m e nte ve nis s e indagato, dopo ave r rice vuto s ol idarie tà in q uanto pre giudiz ial m e nte pe rs ona pe rbe ne , Egl i può aprire e ch iude re a s uo piacim e nto una cris i di q ue s te fattis pe cie : di ne rvi, de i m utui, di unità, e s is te nz ial e , di gove rno, d’ans ia e panico, di coppia e cc e cc a s uo piace re . 9 ° Egl i può diffonde re agl i indicati cd e s upporti audio-vide o pe r non farl i re s tare a bocca ch ius a agl i e s am i, pre via pos ta prioritaria. 10° In pre s e nz a di un re ato com m e s s o dall e ade r, l a nuova gius tiz ia pre ve de l a diffide nz a ve rs o i codici e l e l e ggi conte nute com e l e ggi di m ortal i, q uindi l ’obbl igatorie tà de l l ’az ione s ch ie nal e , de tta pure “ pos tura de l l a s ottom is s ione ”alvol e re de lpol itico e alm agis te ro de lnuovo Um ane s im o de l l a gius tiz ia.

NASCITA DELLA SCRITTURA Dorm iva l a tribù ne l l a cave rna s il e nz ios a. Ne lbuio ilfuoco il l um inava i l oro s ogni. IlTaciturno s ol ol i ve de va. Cos ì tracciava un s e gno ne l l a roccia,

50

danz ava con l e m ani l o s pe ttro de i pe ns ie ri: i s ogni de von e s s e r duraturi, ros s o s u ne ro dalfuoco il l um inati. Antone l l a Cons ol i


52

Casablanca numero 12  

Gennaio/Febbraio 2008

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you