Issuu on Google+

T REDICI A NNI DI T RIONFI


Quando uno stacca tutti dalla ruota uno spettacolo, questo l aspetto pi bello del ciclismo . (Marco Pantani)


T REDICI A NNI DI T RIONFI

A cura di

BEPPE CONTI Traduzioni di

ELENA CONTI


Carrera nasce a metà degli anni ‘60 in Italia e ben presto si colloca tra i primi produttori di jeans in Italia e Europa. Il segreto del suo successo, da sempre, è la capacità di abbinare tecnologie d’avanguardia alla cura artigianale del prodotto, per trasformare un fiore delicato come il cotone in prodotti belli, resistenti e alla moda. Carrera controlla l’intera filiera produttiva, dalla coltivazione dei campi di cotone alla lavorazione dei prodotti, dalla distribuzione alla vendita di promozione. Il Centro Design è in Italia per garantire tutti gli alti standard riconosciuti alla tradizione e all’esperienza italiana. Carrera disegna e produce 4 collezioni: Uomo Donna Bambino Bambina.

Carrera was born in Italy in the mid-’’60s and soon became one of the top producers of jeans in Italy and Europe. The secret of its success is the ability to combine cutting-edge technologies to the craftsmanship of the product, to turn a delicate flower such as cotton products into beautiful, durable and fashionable products. The company controls the entire production chain to the end consumer: from the cultivation of cotton fields to the processing of the products, from distribution to sales. The Design Center is in Italy, to ensure all the high standards, recognized to the Italian tradition and experience. Carrera creates and produces 4 collections: Man, Woman, Children and Girl.

5


Tredici anni di vittorie ed avventure, emozioni e sconfitte. Tredici stagioni irripetibili della nostra vita. Spesso riviviamo con la mente quegli attimi e quelle sensazioni forti. Come se il tempo si fosse fermato. I trionfi giovanili di Pantani, al Giro d’Italia ed al Tour de France, sulle montagne del mito; la classe cristallina, la forza d’animo, le disavventure di un grandissimo atleta e la simpatia e la fragilità di un uomo “semplice”. Un personaggio che è rimasto nel cuore di noi tutti ed al quale va spesso il nostro commosso pensiero. E le imprese forti di Chiappucci, da ciclismo antico e leggendario. E i duelli fra Visentini e Roche, la classe purissima ed il talento di quei due campioni. Le volate di Bontempi, e le imprese, piccole e grandi, di oltre 100 professionisti e grandi uomini che hanno indossato la maglia della Carrera e che ricordiamo con commozione. Ecco perché ci è sembrato bello lasciare un segno, un ricordo di quell’epoca e di quei trionfi, di momenti indimenticabili, di annate splendide della nostra vita quando si andava alle corse sorretti da una entusiasmante passione per lo sport della bicicletta, sempre fascinoso e spettacolare per tutti. Il tempo inesorabile è passato a velocità folle. Siamo in un altro millennio, è cambiata la vita, è cambiato anche il ciclismo. Però quelle imprese e quei momenti restano scolpiti per sempre nella nostra memoria ed in quella degli appassionati più sinceri. Per questo ci sembra davvero piacevole rivivere, con questa raccolta e con immutata passione e un po’ di nostalgia, quell’epoca indimenticabile e felice, 13 anni di trionfi Carrera. Un grazie di cuore a chi ha collaborato per la realizzazione di questo libro. Imerio e Tito Tacchella

Thirteen Years of adventures and success, emotions and losses. Thirteen unique seasons of our life. We often recall the memories of those last moments and strong emotions, as if time stood still. The early triumphs of Pantani at the ““Giro d’’Italia”” and the ““Tour de France””, on the mountains of our idol, his spectacular performance, his will power and the disadventures of a great athlete, his charm and the fragility of a simple man. A unique person, whose memory remains in our hearts and of who we often remember in our prayers. The hard challenges that Chiappucci faced as an acclaimed and legendary cyclist, as much as the challenges between Visentini and Roche, all moulded their extraordinary class and talents of these two champions. The sprints and challenges of Bontempi and his 100 strong professional team, whom we remember with emotion have worn the CARRERA gear. For all these reasons we decided to leave a sign, a memory of those moments remembering the successes and objectives, the unforgettable moments and the wonderful years of our lives, when we all used to participate in the cycling races with enthusiasm and passion for the spectacular sport. Time has flown by fast. We are in a new Millennium, and while life has changed cycling has changed too. But those moments remain embedded forever in our memory as do all those individuals who sincerely love this sport. For this reason, we thought it was reasonable to relive the pleasant moments with a collection in memory of unforgettable happiness and passion being 13 years of Carrera successes. Our sincere thanks goes to all those who collaborated in the publication and success of this book. Imerio and Tito Tacchella

7


È davvero il caso di scrivere: formidabili quegli anni. La seconda metà degli anni ottanta, la prima metà degli anni novanta. Lo faccio anche a nome di tanti appassionati ed illustri colleghi presenti sui traguardi più prestigiosi delle varie sfide. E sfilano al setaccio della memoria campioni che appartengono già alla storia del nostro sport, non soltanto del ciclismo. Il Pantani più bello, giovane, sorridente ed irresistibile in montagna. Battaglin al crepuscolo e il ciclone Bontempi, Visentini e Roche, la classe ed il talento all’insegna d’un duello fantastico. E l’entusiasmante Chiappucci e tutti gli altri. Sì, 13 anni di trionfi splendidi targati Carrera al cospetto d’una serie di avversari altrettanto celebri e che non era facile battere. Non sarebbe semplice scegliere i momenti più belli, è facile invece ricordarli quasi tutti e celebrarne con classe e signorilità, come sempre hanno fatto i fratelli Tacchella, il piacevole ricordo a distanza di così tanto tempo. Una festa splendida che aiuta a ricordare, che ci rende tutti almeno per un attimo più giovani e spensierati al fianco di quei simpatici campioni. Beppe Conti

We really need to say it: the second half of the ‘‘80s and the first of the ‘‘90s were extraordinary. This is the thought also of many fans and famous colleagues that followed those races. We remember champions that belong to sport’’s history, not just to cycling’’s: the best Pantani, young and smiling, invincible on the Mountains. Battaglin at the end of his career, and the great Bontempi, Visentini and Roche, class and talent dedicated to a fantastic duel. Then the extraordinary Chiappucci and all the other riders. Carrera branded thirteen years of great successes, against as famous and formidable rivals. It wouldn’’t be easy to choose the best moments, it is easy instead to remember them all and to celebrate their pleasant memory with class and elegance as Tacchella brothers has always done. A wonderful party that helps us remember and that makes us younger and light-hearted at least for a moment, next to those friendly champions. Beppe Conti

8


Carrera, il marchio dei campioni. L’ho sentito dire tante volte in tutti questi anni, in quell’epoca felice al seguito dei grandi eventi del ciclismo. E sono fiero d’essere stato il team manager - come si dice adesso - di quel fantastico gruppo di ragazzi. È bello poter rivivere quei trionfi e quei momenti con emozione e nostalgia. Ma il merito di tutto va alla famiglia Tacchella, splendide persone che hanno saputo darmi entusiasmo e fiducia nel guidare quel gruppo di corridori. Vi garantisco che non è stato facile, perché si tratta di campioni e di atleti in possesso di notevole personalità. Però i fratelli Tacchella sapevano darmi stimoli e concentrazione anche nei momenti più difficili, più impegnativi nel portare avanti il progetto. Il segreto era anche quello di saper valorizzare i giovani, puntando tanto su di loro, anno dopo anno. E la soddisfazione più grande la vivevo quando personaggi come Stephen Roche e Marco Pantani, tanto per citarne un paio, chiedevano espressamente di poter correre con noi, senza alcuna sollecitazione da parte nostra. Ringrazio dunque Imerio e Tito Tacchella, la famiglia Carrera, nel festeggiare con emozione tanti nostri trionfi di quell’epoca realmente felice. Davide Boifava

Carrera, champions’’ brand. I have heard it say several times during all these years, in the happy period following the big events of cycling. And I am proud to have been the team manager of that fantastic group. It is very nice to have the chance to live again the triumphs and moments with emotion and nostalgia. But all the merit goes to Tacchella Family, wonderful people that gave me the enthusiasm and that trusted in me to be the team manager of that group of cyclist. I must say it was not easy, because we are speaking of champions and athletes with great personality. But Tacchella brothers encouraged me to go ahead with the project, also in the hardest moments. The secret was to appreciate young riders’’ talent, believing in them, year after year. And I was living my best satisfactions when riders as Stephen Roche and Marco Pantani, just to name a few, were asking to be part of our team, without any request from us. Therefore I need to thank Imerio and Tito Tacchella and Carrera family, celebrating our great successes of a very happy time. Davide Boifava

9


ELENCO VITTORIE DAL 1984 AL 1996 1984

GIRO D’ITALIA Vittorie di tappa

Vittorie di tappa

Vittorie di tappa

CAMP. SVIZZERI

CAMP. ITALIANI

Roberto Visentini

1985

Bruno Leali

TOUR DE FRANCE Vittorie di tappa

In salita

Jörgen-V. Pedersen

1986

Guido Bontempi

1987

Velocità

Beat Breu

GIRO D’ITALIA Vittorie di tappa (5)

Guido Bontempi

Octavio Dazzan

TOUR DE FRANCE

CAMP. SVIZZERI

Vittorie di tappa (3)

In linea

Vittoria

Roberto Visentini

Vittorie di tappa

Vittorie di tappa

Roberto Visentini

Erich Mächler

GIRO D’ITALIA Vittorie di tappa (2)

Roberto Visentini

Urs Zimmermann

Guido Bontempi

MILANO-SANREMO Vittoria

Erich Mächler

Vittorie di tappa (2)

TOUR DE FRANCE Vittoria di tappa

Stephen Roche Vittoria

Stephen Roche

Stephen Roche Vittoria di tappa

Guido Bontempi

1988

GIRO D’ITALIA Vittorie di tappa (2)

Guido Bontempi

1989

GIRO D’ITALIA Vittoria di tappa

Acácio da Silva

1990

Vittoria di tappa

Massimo Ghirotto

TOUR DE FRANCE Vittoria di tappa

Acácio da Silva

TOUR DE FRANCE Vittoria di tappa

Massimo Ghirotto

10

TOUR DE FRANCE

Vittoria di tappa

Guido Bontempi

VUELTA A ESPAÑA Vittoria di tappa

Ettore Pastorelli

VUELTA A ESPAÑA Vittoria di tappa

Massimo Ghirotto


1991

GIRO D’ITALIA

MILANO-SANREMO

Vittoria di tappa

TOUR DE FRANCE

Vittoria

Vittorie di tappa (2)

Claudio Chiappucci

Volodymur Pulnikov

VUELTA A ESPAÑA Vittorie di tappa (2)

Djamolidine Abdoujaparov

Vittoria di tappa

Guido Bontempi

Vittoria di tappa

Massimo Ghirotto

Claudio Chiappucci

Vittoria di tappa

Maximilian Sciandri

1992

GIRO D’ITALIA

TOUR DE FRANCE

Vittorie di tappa (2)

Guido Bontempi

CAMP. UCRAINA

Vittoria di tappa

VUELTA A ESPAÑA

Vittoria di tappa

Guido Bontempi

Vittorie di tappa (4)

Volodymur Pulnikov

Djamolidine Abdoujaparov

Vittoria di tappa

Claudio Chiappucci Vittoria di tappa

Stephen Roche

1993

GIRO D’ITALIA Vittoria di tappa

Vittoria di tappa

Vittoria di tappa

Vittoria di tappa

Guido Bontempi

Claudio Chiappucci

1994

TOUR DE FRANCE Fabio Roscioli

LIEGI-BASTOGNE-LIEGI Vittoria

Rolf Sørensen

Claudio Chiappucci

GIRO D’ITALIA Vittorie di tappa (2)

Marco Pantani

Vittoria di tappa

Volodymur Pulnikov

1995

GIRO D’ITALIA Vittoria di tappa

Enrico Zaina

1996

GIRO D’ITALIA Vittorie di tappa (2)

Enrico Zaina

TOUR DE FRANCE Vittorie di tappa (2)

Marco Pantani

TOUR DE FRANCE Vittoria di tappa

Massimo Podenzana

13 ANNI DI TRIONFI

11


M AGLIA U FFICIALE C ARRERA S TAGIONE 1987

LE NOSTRE MAGLIE UFFICIALI

M AGLIA U FFICIALE C ARRERA S TAGIONE 1992

M AGLIA U FFICIALE C ARRERA S TAGIONE 1996

12


M AGLIA C ARRERA M ONDIALI 1987 M AGLIA R OSA C ARRERA G IRO D ’I TALIA 1986

LE MAGLIE DELLE VITTORIE

M AGLIA R OSA C ARRERA G IRO D ’I TALIA 1987 ( CON DEDICA S.R OCHE)

M AGLIA C ARRERA C AMPIONATI I TALIANI 1987 M AGLIA G IALLA C ARRERA T OUR DE F RANCE 1987 13


I PIÚ BEI MOMENTI DELLA NOSTRA STORIA

14


Stephen ROCHE, irlandese di Dublino, classe ’59, fra i campioni di eccellente livello negli anni 80,protagonista di uno storico e leggendario tris in maglia Carrera nella stagione ’87, quando vinse Giro d’Italia, Tour de France e campionato del Mondo, eguagliando - se non altro sul piano statistico - l’inarrivabile Eddy Merckx, protagonista di quella tripletta nel ’74. Rocambolesca la vittoria al Giro d’Italia al termine dell’inedito duello con Visentini. In Francia si impose grazie anche al gran lavoro della Carrera, più forte di tutte le altre squadre e decisiva nella crono per gruppi sportivi di Berlino. Spettacolare infine il successo iridato di Villach quando seppe anticipare nel gran finale il campione del mondo uscente Moreno Argentin.

Stephen ROCHE, Irish from Dublin, born in 1959, has been one of the top-level cyclist of the Eighties, protagonist of three legendary victories in Carrera jersey in 1987: he won Giro d’’Italia, Tour de France and the Worlds, equaling (at least statistically) the great Eddy Merckx, protagonist of that triplet in 1974. His victory at the Giro d’’Italia against Visentini was legendary. In France he won also thanks to the great work of Carrera team. He was stronger than anybody else and decisive in the team time trial in Berlin. Great also his victory at the world championship in Villach, when he anticipated the ex world champion Moreno Argentin.

13 ANNI DI TRIONFI

15


16


Roberto VISENTINI, bresciano di Gardone Riviera, classe ’57, campione del mondo fra gli juniores, è stato negli anni 80 un grandissimo protagonista delle sfide in rosa al Giro d’Italia nell’epoca gloriosa di Moser e Saronni. In possesso di classe purissima, sapeva andar forte in montagna e contro il tempo. Straordinaria la sua vittoria nella nostra massima corsa a tappe nell’86, quando nella classifica finale mise in fila nell’ordine proprio Saronni,Moser e Greg LeMond.

Roberto VISENTINI, from Gardone Riviera (Brescia), was born in 1957. He won the World championship in the junior class, and in the Eighties he was a very good protagonist of the Giro d’’Italia in the glorious years of Moser and Saronni. With his great class, he knew he was very strong on the mountains and in time-trials. His success at the Giro d’’Italia in 1986 was great: he placed first in the final classification over Saronni, Moser and Greg LeMond.

13 ANNI DI TRIONFI

17


18


13 ANNI DI TRIONFI

19


Giovanni BATTAGLIN, vicentino di Marostica, classe ’51, è stato fra i grandi scalatori del ciclismo moderno, protagonista di un applaudito record nell’81. Vinse,infatti, la Vuelta di Spagna e poi il Giro d’Italia nel breve spazio di soli 45 giorni. Miglior scalatore al Tour de France ’79, s’è aggiudicato anche numerose classiche, sfiorando il titolo iridato a Valkenburg, sempre nel ’79, fallito soltanto a causa di una maledetta caduta allo sprint provocata dalle scorrettezze degli avversari. Ha chiuso la carriera con la maglia della Carrera cogliendo al circuito di Col S. Martino l’ultima vittoria della vita.

Giovanni Battaglin, born in 1951 in Marostica (Vicenza), has been one of the greatest climbers of the recent cycling, protagonist of a very good record in 1981: he won the Vuelta a Espana and the Giro d’’Italia in just 45 days. Best climber at the Tour de France in 1979, he won several one-day races, missing the World championship in Valkenburg, again in 1979, because of a bad fall during the sprint, caused by rivals’’ unfairness. He ended his career with Carrera jersey, obtaining his last victory of his life at the circuit in Col San Martino.

20


Guido BONTEMPI, bresciano di Gussago, classe ’60, uno dei più grandi velocisti italiani di tutti i tempi, cresciuto alla scuola Inoxpran e poi Carrera, recordmen del mondo su pista fra i dilettanti ai Giochi di Mosca ’80 nel chilometro da fermo, protagonista di numerose classiche straniere ed italiane. Spettacolari i suoi successi colti alla Parigi-Bruxelles e due volte alla GandWevelgem, autore di trionfali sprint sulle strade del Giro d’Italia (16 vittorie di tappa), del Tour de France (6 centri) e della Vuelta di Spagna (3 vittorie). Al Giro ha vinto anche la classifica a punti nell’86.

Guido BONTEMPI, born in 1960 in Gussago (Brescia), has been one of the best Italian sprinters ever. He was ““born”” in the team Inoxpran and then Carrera. As amateur he alternated road races and trackraces and at the Olympic Games in Moscow in 1980 beat the World record of the kilometer with standing start. He was the protagonist of several one-day races, both in Italy and in Europe. His successes at Paris-Bruxelles and twice at the Gand-Wevelgem were extraordinary. He has been also author of great sprints at Giro d’’Italia (16 stages victories), at Tour de France (6 victories) and at Vuelta a Espana (3 victories). He also placed first at the point classification of Giro d’’Italia 1986.

13 ANNI DI TRIONFI

21


Massimo GHIROTTO, padovano di Boara Pisani, classe ’61, alla Carrera a metà degli anni 80, ha ottenuto vittorie importanti su differenti traguardi, pur schierandosi con generosità al servizio dei differenti leader anche in maglia azzurra nel corso di una lunga carriera. Fra le vittorie più belle la Wincaton Classic di Coppa del Mondo sulle strade inglesi, numerose classiche italiane, tappe del Giro e del Tour de France.

Massimo GHIROTTO was born in Boara Pisanai (Padova) in 1961. He was in Carrera team from half Eighties, he obtained important victories on different finishing lines, even if he was also able to help with generosity his leaders, also when he was wearing the blue jersey of the national team. Among his best victories, the Wincaton Classic of the World Cup, several one-day races in Italy and stages at Giro d’’Italia and Tour de France.

22


Erich MAECHLER, svizzero di Hochdorf, classe ’60, generoso e grintoso in appoggio ai suoi capitani, ha saputo comunque cogliere successi importanti e fra questi una spettacolare MilanoSanremo’87. L’ha vinta animando una fuga da lontano iniziata addirittura ad Ovada da un gruppetto di attaccanti che poi Maechler ha eliminato uno alla volta sino al traguardo. La stagione precedente sempre in maglia Carrera aveva vinto una prestigiosa tappa al Tour de France sul mitico Puy de Dome.

Erich MAECHLER, from Hochdorf, Switzerland, was born in 1960. Generous and pushy supporting his captains, he was able to get important successes: one of these was the Milano-Sanremo in 1987. He won it animating a breakaway from Ovada with a little group that then Maechler won one by one before the finishing line. The year before, still in Carrera jersey, won a glorious stage at Tour of France on the legendary Puy de Dome.

13 ANNI DI TRIONFI

23


Bruno LEALI, bresciano di Roè Volciano, classe ’58, è stato fra i punti di forza della gloriosa Carrera a metà degli anni ’80. Campione d’Italia ’87 sul traguardo della Coppa Agostoni, vinta per distacco anticipando campioni come Moser e Saronni, il giovane Bugno e tanti altri. Preziosissimo per le vittorie Carrera nelle crono a squadre al Giro ed al Tour, ha indossato per tre giorni la maglia rosa e per ben 7 volte quella azzurra della nazionale di Alfredo Martini al campionato del mondo.

Bruno LEALI, from Roè Volciano (Brescia), born in 1958, has been a strong point of the glorious Carrera of half Eighties. He won the Italian championships in 1987 on the same finishing line as the Coppa Agostoni’’s and he left behind champions as Moser and Saronni, the young Bugno and many others. He was very important for Carrera victories at Giro d’’Italia and Tour de France time-trials. He wore for three days the pink jersey at Giro d’’Italia and for seven times the blue one of Alfredo Martini’’s Italian National team at the Worlds.

24


Urs ZIMMERMANN, svizzero, classe ’59, ideale corridore da gare a tappe, molto forte in salita, ha saputo vincere fra le altre corse Giro di Svizzera e Delfinato, sfiorando il clamoroso successo al Giro d’Italia (terzo nell’88) ed al Tour de France (terzo nell’86). In Francia Hinault e LeMond per eliminarlo lo attaccarono nella perfida discesa del Galibier nella celebre tappa dell’Alpe d’Huez ’86 perché temevano la sua reazione nella scalata finale.

Urs ZIMMERMANN, Helvetian, born in 1959, great rider of stage races, very good on the ascents, he won also a Tour of Switzerland and a Tour of Delfinato, coming very close to the Giro d’’Italia (he placed third in 1988) and Tour de France (third in 1986). In France, in order to defeat him, Hinault and LeMond attacked him on the descent of the Galibier in the famous stage of the Alpe d’’Huez in 1986 because they were afraid of his reaction on the final ascent.

13 ANNI DI TRIONFI

25


Davide CASSANI, romagnolo di Faenza, classe ’61, è cresciuto a metà degli anni ’80 alla Carrera, prima di cogliere successi di prestigio nelle altre formazioni. È infatti con quella gloriosa casacca che ha ottenuto la prima vittoria importante al Gran Premio Sanson a Conegliano. Professionista dall’82 al ’96, è diventato poi un apprezzato commentatore tecnico del grande ciclismo in tivù.

Davide CASSANI, born in Faenza in 1961, grew up in Carrera of the half Eighties, before getting good victories in other teams. It was with Carrera jersey that he won the Gran Prix Sanson in Conegliano. Pro from 1982 to 1996, he is now a valued cycling technical commentator on TV.

26


Acacio DA SILVA, portoghese,classe ’61, corridore eclettico e brillante per tutti i terreni. Numerose le sue vittorie nelle corse di un giorno, dal Campionato di Zurigo ’86 al Giro dell’Emilia ’85, dalla Coppa Placci ’84 alla Coppa Agostoni ’85. Spettacolare la sua vittoria di tappa sull’Etna nella fase d’avvio del Giro d’Italia ’89.

Acacio DA SILVA, Portuguese, born in 1961, was an eclectic and brilliant rider on every ground. He won several one-day-races: Zurich championship in 1986, the Tour of Emilia in 1985, the Coppa Placci 1984 and the Coppa Agostoni in 1985. He was able to get a great victory of the Etna stage at Giro d’’Italia 1989.

Max SCIANDRI, toscano nato a Derby in Gran Bretagna, classe ’67, brillante e veloce, protagonista d’una lunga carriera illustrata da numerose vittorie nelle corse di un giorno. Ha vestito la gloriosa maglia Carrera nei primi anni tra i professionisti, stagioni ’90 e ’91, vincendo il Giro di Romagna (per la seconda volta consecutiva nel ’90) e la tappa di Savona al Giro d’Italia ’91. Tra i suoi successi più belli la Leeds Classic di Coppa del Mondo nel ’95. Dopo aver chiuso con le corse è diventato un apprezzato tecnico e scopritore di giovani talenti.

Max SCIANDRI, Tuscan but born in Derby (UK) in 1967, was a good sprinter, protagonist of a long career with several victories of one day races. He wore Carrera jersey in 1990 and 1991, winning the Giro of Romagna (for the second consecutive year in 1990) and a stage in Savona during the Giro d’’Italia in 1991. Among his best victories there is the Leeds Classic of the World Cup in 1995. He is now a great sport director and a good talent scout.

13 ANNI DI TRIONFI

27


Claudio CHIAPPUCCI, varesino di Uboldo, classe ’63, fra i campioni più popolari del ciclismo moderno agli inizi degli anni 90, cresciuto alla Carrera dove ha debuttato nell’85. Maglia gialla, maglia a pois al Tour de France, ha colto successi spettacolari e commoventi come la Milano-Sanremo ’91 attaccando addirittura nella discesa del Turchino e la tappa di Sestriere al Tour ’92, con una fuga storica sulle montagne alpine degne del ciclismo leggendario d’altri tempi. Due volte secondo ed una volta terzo sia al Giro d’Italia che al Tour de France, ha sfiorato anche il titolo iridato, secondo ad Agrigento ’94. Nelle foto le vittorie storiche alla Sanremo ed in maglia a pois degli scalatori al Tour a Sestriere.

Claudio CHIAPPUCCI, born in Uboldo (Varese) in 1963, was one of the most famous cyclists of the modern cycling at the beginning of ’’90. He grew up in Carrera team, where he started in 1985. He wore the yellow jersey and won the polkadot jersey at the Tour de France; he won fantastic races as the Milano-Sanremo in 1991, attacking on the Turchino descent, and the Sestriere stage at Tour of France 1992, with a great breakout on the Alps. He twice placed second and once placed third at the Giro d’’Italia and at Tour de France, he came close to the World championship, finishing second in Agrigento in ’’94. In the pictures, you can see the extraordinary victories at the Milano-Sanremo and wearing the polkadot jersey as best climber in Sestriere, at Tour de France.

28


13 ANNI DI TRIONFI

29


30


Peter LUTTENBERGER, austriaco, classe ’62, scalatore eccellente, aveva debuttato tra i professionisti nel ’94 con la maglia della Carrera, vincendo due anni dopo il Giro della Svizzera.

Peter LUTTENBERGER, born in Austria in 1962, excellent climber, has started his career as a pro in 1994 with Carrera jersey, winning two years after the Tour of Switzerland.

13 ANNI DI TRIONFI

31


Fabio ROSCIOLI, marchigiano di Grottammare, classe ’65, grintoso e brillante al servizio di tanti corridori di spicco nelle differenti squadre in cui ha militato. Ha vestito nel ’92 e nel ’93 la gloriosa maglia Carrera cogliendo forse la vittoria più bella nella tappa di Marsiglia al Tour de France ’93, al termine d’una lunga ed applauditissima fuga. Fabio ROSCIOLI, born in 1965 in Grottammare. At the team service, he helped many riders in the different teams he joined. He wore the Carrera jersey in 1992 and 1993 getting maybe the best victory ever in Marsiglia stage at Tour de France 1993, at the end of a long and great breakaway.

Djamolidine ABDUJAPAROV, uzbeko di Tasckent, classe ’64, velocista eclettico e funambolico fra i più forti al mondo, grande rivale di Mario Cipollini all’inizio degli anni ’90, ha saputo indossare la maglia di leader della classifica a punti sia al Giro d’Italia che al Tour de France ed alla Vuelta di Spagna, grazie ai suoi spettacolari sprint. Djamolidine ABDUJAPAROV, from Tasckent (Uzbekistan), was born in 1964. He has been an eclectic sprinter, one of the best sprinters in the world, great rival of Mario Cipollini at the beginning of ’’90s. He wore the points classification leader jersey at Giro d’’Italia, at Tour de France and at Vuelta a Espana, thanks to his extraordinary sprints.

32


Rolf SORENSEN, danese di Copenhagen, classe ’65, grande protagonista delle classiche, ha vissuto una stagione d’oro nella Carrera nel ’93 aggiudicandosi fra le altre corse una spettacolare Liegi-Bastogne-Liegi anticipando sulla collina di Ans campioni come Rominger, Fondriest, Argentin e Chiappucci. Rolf SORENSEN, born in Copenhagen in 1965, has been a protagonist of one-day races. He had a golden season in Carrera team in 1993, winning, among other races, a great Liegi-Bastogne-Liegi outdistancing, on the hill in Ans, champions as Rominger, Fondriest, Argentin and Chiappucci.

13 ANNI DI TRIONFI

33


Enrico ZAINA, bresciano, classe ’67, ideale corridore da gare a tappe, in possesso di un eccellente recupero, ha sfiorato la vittoria al Giro d’Italia ’96 chiudendo al secondo posto in classifica alle spalle di Pavel Tonkov e davanti a Olano, Ugrumov e Gotti. Spettacolare in quell’edizione della corsa rosa la sua vittoria per distacco sul Pordoi (nella foto) davanti a Ivan Gotti e Gianni Bugno. Enrico ZAINA, born in Brescia in 1967, perfect rider of stage races, coming very close to the success at the Giro d’’Italia in 1996, placing second in the standing just after Pavel Tonkov and chased by Olano, Ugrumov and Gotti. He won on the Pordoi (picture), outdistancing Gotti and Bugno.

34


Beat ZBERG, svizzero, classe ’71, corridore brillante e forte su tutti i terreni. In maglia Carrera ha colto numerose vittorie e fra queste il G.P. di Francoforte ’96. Molto brillante anche il fratello Marcus, tre anni più giovane e che ha debuttato tra i professionisti proprio nella squadra di Davide Boifava. Beat ZBERG, Helvetic, born in 1971, has been a great rider on every ground. With Carrera jersey he won several races, as the Gran Prix of Frankfurt in 1996. Also his brother Marcus, three years younger than him, was a good rider and he started his career with Davide Boifava.

13 ANNI DI TRIONFI

35


Marco PANTANI, romagnolo di Cesenatico, nato il 13 gennaio ’70, scomparso il 14 febbario 2004. Il mito e leggenda del ciclismo moderno, l’ultimo fuoriclasse italiano che ha fatto sognare la gente sul finire del novecento, protagonista commovente e spettacolare della doppietta classica, il Giro d’Italia ed il Tour de France nella stessa estate, nel ’98. Prima di lui, fra i mitici campioni italiani c’era riuscito soltanto Fausto Coppi nel ’49 e nel ‘52. Pantani aveva fortemente voluto debuttare nel grande ciclismo con la maglia Carrera e con Davide Boifava nonostante le numerose offerte ricevute dopo la vittoria al Giro d’Italia dilettanti. Ed in maglia Carrera si è rivelato al grande pubblico vincendo a Merano ed all’Aprica al Giro d’Italia quando seppe mettere in crisi sul Mortirolo il grande Indurain e poi all’Alpe d’Huez al Tour de France. Nelle foto vediamo infatti la prima vittoria di Merano al Giro, poi la replica All’Aprica sempre nel ’94 ed infine l’impresa all’Alpe d’Huez ’95.

Marco PANTANI was born in Cesenatico on January 13th 1970 and he died on February 14th 2004. He is still considered the myth and legend of modern cycling, the last real Italian champion who could make everybody dreaming. Moving and great protagonist of the best double victory: Giro d’’Italia and Tour de France in the same summer, in 1998. Before Pantani, among the Italian champions, only Fausto Coppi was able to do that, in 1949 and 1952. Pantani strongly wanted to start his career in Carrera jersey and with Davide Boifava, even if he had a lot of offers from various of the most important sport teams after the victory in Giro d’’Italia of the beginners. With the Carrera jersey he won the Merano stage by a wide gap and the Aprica stage, outdistancing Miguel Indurain on the Mortirolo and then on the Alpe d’’Huez at Tour de France. We can see in the pictures the first victory in Merano at the Giro d’’Italia, and then again in 1994 at the Aprica and finally at the Alpe d’’Huez in 1995.

36


13 ANNI DI TRIONFI

37


38


13 ANNI DI TRIONFI

39


40


La bici Carrera 20 anni ai massimi livelli di tecnologia e Design.

13 ANNI DI TRIONFI

41


Ieri

Anni 80’/90’

Oggi

Anni 2000 42


......Domani

Phibra Two (R201)

Da severissimi test ed accurati studi nasce Phibra Two, la bicicletta in grado di garantire la migliore sintesi tra la innovativa forma del telaio a due archi orientabili e il massimo in fatto di leggerezza e rigiditĂ . Prestazioni elevate che si riflettono per Phibra Two sulle superiori capacitĂ  di assorbimento delle vibrazioni e la straordinaria attitudine a offrire inediti standard di comfort di guida e una migliore reattivitĂ , naturale ed immediata, alle sollecitazioni.

Thanks to the introduction of new structural characteristics and severe tests, the Phibra Two was born, to guarantee the best possible synthesis between the innovative shape of the frame and the maximum factors of lightness and rigidity. Raised performance levels that for Phibra Two reflect superior capacity to absorb vibrations, and the extraordinary potential in offering high comfort standards, and a better level of reaction, towards natural and immediate strains.

13 ANNI DI TRIONFI

43


GRANDI TRIONFI CARRERA Tour de France ’87 Giro d’Italia ’86 Giro d’Italia ’87 Mondiale ’87 a Villach Milano-Sanremo ’87 Milano-Sanremo ’91 Liegi-Bastogne-Liegi ’93 Parigi-Bruxelles ’86 Gand-Wevelgem ’84 Gand-Wevelgem ’86 Gand-Wevelgem ’91 Campionato Italiano ’87 Giro di Svizzera ’96 Super Prestige ’87 Due G.P. della Montagna al Tour de France ’91 e ’92

con con con con con con con con con con con con con con

Stephen Roche Roberto Visentini Stephen Roche Stephen Roche Erich Maechier Claudio Chiappucci Rolf Sorensen Guido Bontempi Guido Bontempi Guido Bontempi Djamolidine Abdujaparov Bruno Leali Peter Luttenberger Stephen Roche

con Claudio Chiappucci.

I CORRIDORI E LE SQUADRE CARRERA 1984 CARRERA-INOXPRAN

Giorgio Aiardi, Giovanni Battaglin, Guido Bontempi, Simone Fraccaro, Cesare Lang, Bruno Leali, Luciano Loro, Valerio Lualdi, Giancarlo Perini, Glauco Santoni, Carlo Tonon, Roberto Visentini.

1985 CARRERA INOXPRAN

Guido Bontempi, Fabio Bordonali, Beat Breu, Claudio Chiappucci, Massimo Ghirotto, Cesare Lang, Bruno Leali, Eric Maechler, Stephen Mutter, Jorge Pedersen, Giancarlo Perini, Francesco Rossignoli, Glauco Santoni, Roberto Visentini, Urs Zimmermann.

1986 CARRERA

Guido Bontempi, Fabio Bordonali, Marco Bergamo, Beat Breu, Davide Cassani, Claudio Chiappucci, Massimo Ghirotto, Bruno Leali, Erich Maechler, Jorge Pedersen, Giancarlo Perini, Stephen Roche, Francesco Rossignoli, Eddy Schepers, Roberto Visentini, Urs Zimmermann.

1987 CARRERA

Guido Bontempi, Fabio Bordonali, Marco Bergamo, Davide Cassani, Claudio Chiappucci, Massimo Ghirotto, Bruno Leali, Eric Maechler, Jorgen Pedersen, Giancarlo Perini, Stephen Roche, Francesco Rossignoli, Eddy Schepers, Roberto Visentini, Beat Zberg, Urs Zimmermann.

1988 CARRERA

Marco Bergamo, Guido Bontempi, Fabio Bordonali, Primos Cerin, Claudio Chiappucci, Mario Chiesa, David Deno, Massimo Ghirotto, Bruno Leali, Eric Maechler, Walter Magnago, Ettore Pastorelli, Giancarlo Perini, Francesco Rossignoli, Raimondo Vairetti, Roberto Visentini, Marco Votolo, Urs Zimmermann.

44


1989 CARRERA

Bruno Bonnet, Guido Bontempi, Primos Cerin, Claudio Chiappucci, Mario Chiesa, Acacio Da Silva, Massimo Ghirotto, Alessandro Giannelli, Christian Henn, Eric Maechler, Jure Pavlic, Giancarlo Perini, Felice Puttini, Laurent Roche, Luca Rota, Maximilian Sciandri, Enrico Zaina.

1990 CARRERA

Bruno Bonnet, Guido Bontempi, Primos Cerin, Claudio Chiappucci, Mario Chiesa, Acacio Da Silva, David Deno, Massimo Ghirotto, Christian Henn, Erich Maechler, Walter Magnago, Ettore Pastorelli, Jure Pavlic, Giancarlo Perini, Felice Puttini, Laurent Roche, Raimondo Vairetti, Marco Votolo, Enrico Zaina, Urs Zimmermann.

1991 CARRERA

Djamolidine Abdujaparov, Guido Bontempi, Claudio Chiappucci, Mario Chiesa, Massimo Ghirotto, Alessandro Giannelli, Flavio Giupponi, Christian Henn, Eric Maechler, Hervé Meyvish, Jure Pavlic, Giancarlo Perini, Vladimir Pulnikov, Felice Puttini, Remo Rossi, Maximilian Sciandri, Enrico Zaina.

1992 CARRERA

Djamolidine Abdujaparov, Guido Bontempi, Henry Cardenas, Claudio Chiappucci, Mario Chiesa, Massimo Ghirotto, Alessandro Giannelli, Hervé Meyvish, Marco Pantani (da agosto), Giancarlo Perini, Vladimir Pulnikov, Stephen Roche, Fabio Roscioli, Remo Rossi, Andrea Tafi, Andrei Teteriuk.

1993 CARRERA TASSONI

Marco Artunghi, Guido Bontempi, Claudio Chiappucci, Mario Chiesa, Alessandro Giannelli, Hervè Meyvisch, Nicola Miceli, Marco Pantani, Vladimir Pulnikov, Stephen Roche, Fabio Roscioli, Remo Rossi, Rolf Sorensen, Andrea Tafi, Beat Zberg.

1994 CARRERA TASSONI

Marco Artunghi, Alessandro Bertolini, Stefano Cembali, Stefano Checchin, Claudio Chiappucci, Mario Chiesa, Alessandro Giannelli, Yaanus Kuum, Mario Mantovan, Nicola Miceli, Marco Pantani, Vladimir Pulnikov, Remo Rossi, Samuele Schiavina, Leonardo Sierra, Cristian Zanolini, Beat Zberg.

1995 CARRERA TASSONI

Marco Artunghi, Sergio Barbero, Alessandro Bertolini, Stefano Cembali, Stefano Checchin, Claudio Chiappucci, Mario Chiesa, Peter Luttenberger, Mario Mantovan, Nicola Miceli, Marco Pantani, Remo Rossi, Samuele Schiavina, Marcello Siboni, Leonardo Sierra, Filippo Simeoni, Enrico Zaina, Beat Zberg.

1996 CARRERA LONGONI SPORT

Marco Artunghi, Sergio barbero, Stefano Checchin, Claudio Chiappucci, Mario Chiesa, Giovanna Fidanza, Peter Luttenberger, Marco Pantani, Oscar Pelliccioli, Samuele Schiavina, Marcello Siboni, Filippo Simeoni, Mario Traversoni, Enrico Zaina, Beat Zberg, Markus Zberg.

45


CAMPIONI DELLA CARRERA Ecco i principali protagonisti che hanno segnato le loro carriere correndo al servizio del tecnico e team manager bresciano.

Giovanni BATTAGLIN • Nato a Marostica (Vicenza) il 22 luglio ’51 (pag. 18) Scalatore eccellente, ha debuttato tra i prof nel ’73 dopo aver vinto il Giro d’Italia dilettanti. È passato all’Inoxpran nel ’79. Ha smesso nell’85. Giro d’Italia ’81 Vuelta di Spagna ’81 Giro dei Paesi Baschi ’79 Giro di Puglia ’75 Giro del Lazio ’73 Giro dell’Appennino ’74 Coppa Bernocchi ’78 Giro di Reggio Calabria ’79 Trofeo Pantalica ’79 Trofeo Matteotti ’79 Coppa Placci ’79 e ’80 Coppa Agostoni ’79 Milano-Torino ’80 Gran Premio della Montagna Tour de France ’79.

Guido BONTEMPI• Nato a Gussago (Brescia) il 12 gennaio ’60 (pag. 19) Velocista di grande potenza, da dilettante alternava strada e pista realizzando a Mosca ai Giochi Olimpici il record del mondo del chilometro con partenza da fermo e dei 4 km ad inseguimento a squadre. Prof nell’81 con l’Inoxpran, ha chiuso nel ’95. Parigi-Bruxelles ’86 Gand-Wevelgem ’84 e ’86 Giro di Puglia ’87 e ’90 Tre Valli Varesine ’86, ’88, ’91 Giro del Piemonte ’83 Giro di Reggio Calabria ’86 Coppa Placci ’86 Coppa Bernocchi ’87 e ’88 Giro del Friuli ’87 e ’88 G.P. Harelbeke ’88 Campione d’Italia su pista, keirin,’81 16 tappe al Giro d’Italia 6 tappe al Tour de France 3 tappe alla Vuelta di Spagna.

46


Stephen ROCHE • Nato a Dublino il 28 novembre ’59 (pag. 13) Passato alla storia del ciclismo per il tris degno di Merckx dell’87, Giro, Tour e Mondiale nella sua stagione magica. Campione molto adatto alle gare a tappe. Prof dall’81, con Boifava dall’86, ha smesso nel ’93. Tour de France ’87 Giro d’Italia ’87 Mondiale ’87 Parigi-Nizza ’81 Giro di Corsica ’81 Giro di Romandia ’83, ’84, ’87 Criterium International ’85 Vuelta Valenciana ’87 Giro dei Paesi Baschi ’89 Quattro Giorni di Dunkerque ’90 Settimana Catalana ’91 Nizza-Alassio ’84 Super Prestige ’87.

Roberto VISENTINI • Nato a Gardone Riviera (Brescia) il 2 giugno ’57 (pag. 14) È stato il primo campione del mondo juniores nel ’75 a Losanna. Ideale corridore da gare a tappe, molto forte a cronometro e resistente in montagna. Debutto tra i prof nel ’78, con Boifava dall’83 all’Inoxpran, ha chiuso nel ’90. Giro d’Italia ’86 Giro del Trentino ’81 Tirreno-Adriatico ’83 Ruota d’Oro ’83 Parma-Vignola ’86 Trofeo Baracchi ’82 con Gisiger Campione d’Italia su pista, inseguimento ’79 27 giorno in maglia rosa al Giro d’Italia.

Marco PANTANI • Nato a Cesena il 13 gennaio ’70, morto a Rimini il 14 febbraio 2004 (pag. 34) Il mito, fra i più grandi scalatori della leggenda ciclistica, protagonista di una storia e di una vita tragica. Prof dal ’92 con Boifava alla Carrera, ha chiuso con lui nel 2003. Tour de France ’98 Giro d’Italia ’98 Vuelta a Murcia ’99 Attraverso Losanna ’98 14 giorni in maglia rosa, 6 giorni in maglia gialla.

47


Claudio CHIAPPUCCI • Nato a Uboldo (Varese) il 28 febbraio ’63 (pag. 26) Campione eclettico e generoso, molto spettacolare nell’andare all’attacco. Tra i prof nell’85 con la Carrera, ha chiuso nel ’99. Milano-Sanremo ’91 Classica di San Sebastian ’93 Giro dei Paesi Baschi ’91 Giro di Catalogna ’94 Giro del Trentino ’92 Giro del Piemonte ’89 e ’95 Giro dell’Appennino ’92 Coppa Placci ’89 Tre Valli Varesine ’94 Japan Cup ’93,’94,’95 Coppa Sabatini ’93 Tre gran premi della montagna al Giro, due al Tour de France, 8 giorni in maglia gialla, 8 volte in azzurro ai mondiali su strada, 4 volte in azzurro a quelli di ciclocross.

Bruno LEALI • Nato a Roè Volciano (Brescia) il 6 marzo ’58 (pag. 22) Corridore di grande carattere al servizio della squadra ma anche in grado di prendersi belle soddisfazioni personali. Prof dal ’79 all’Inoxpran con Boifava, ha chiuso nel ’94. Campione d’Italia ’87 Giro del Lazio ’85 Trofeo Baracchi ’87 con Ghirotto Settimana Siciliana ’89 7 volte in azzurro ai Mondiali su strada, 2 su pista.

Massimo GHIROTTO• Nato a Boara Pisani (Padova) il 20 giugno ’61 (pag. 20) Al servizio della squadra ha colto comunque belle vittorie. Prof dall’83, con Boifava dall’85, ha chiuso nel ’95. Wincanton Classic ’92 Trofeo Matteotti ’87 Coppa Placci ’87 Trofeo Baracchi ’87 con Leali G.P. Larciano ’88 Giro dell’Umbria ’90 Tre Valli Varesine ’92 e ’93 Giro del Veneto ’92 Due tappe al Tour de France 6 volte in azzurro ai Mondiali.

48


Erich MAECHLER • Nato a Hochdorf il 24 settembre ’60 (pag. 21) Corridore completo per tutti i traguardi, spesso al servizio della squadra, prof dall’82 al ’94. Milano-Sanremo ’87 Tirreno-Adriatico ’88 Vuelta Valenciana ’88 Campione svizzero ’84.

Rolf SORENSEN • Nato a Gladsakse (Danimarca) il 20 aprile ’65 (pag. 31) Grande protagonista delle classiche ha colto uno dei suoi primi importanti successi a Liegi con la Carrera. Prof dall’86 al 2002. Liegi-Bastogne-Liegi ’93 Giro delle Fiandre ’97 Parigi-Bruxelles ’92 e ’94 Parigi-Tours ’90 Tirreno-Adriatico ’87 e ’92 Giro d’Olanda ’96 e ’98 Settimana Siciliana ’90 Milano-Torino ’93 G.P. Francoforte ’93 Trofeo Matteotti ’94 Coppa Bernocchi ’89 e ’93

Davide CASSANI • Nato a Faenza il primo gennaio 1961

(pag. 24)

Ha debuttato tra i prof nell’82 con la Termolan di Reverberi ed ha chiuso nel ’96 per intraprendere la carriera di commentatore televisivo. Due le stagioni in Carrera nell’86 e ’87. Giro dell’Emilia 1990, ’91, ’95 Coppa Bernocchi ’90 Coppa Agostoni ’91 e ’93 Milano-Torino ’91 Giro di Campania ’92 Giro del Mediterraneo ’94 Giro di Romagna ’95

Djamolidine ABDUJAPAROV • Nato a Tashkent (Uzbekistan) il 28 febbraio ’64 (pag. 30) Velocista eccellente, grande rivale di Cipollini. Due stagioni alla Carrera. Gand-Wevelgem ’91 Giro del Piemonte ’91 G.P. Van Steenbergen ’94

49


Acacio DA SILVA • Nato a Montalegre (Portogallo) il 2 gennaio ’61 (pag. 25) Uno dei corridori portoghesi di maggior talento dopo Joaquim Agostinho. Eclettico e brillante sia nelle classiche che nelle gare a tappe. Con Boifava nell’89 e nel ’90. Campionato di Zurigo ’86 Tour du Limousin ’83 Coppa Placci ’84 Coppa Agostoni ’85 Giro dell’Emilia ’85.

Max SCIANDRI• Nato a Derby (Gran Bretagna) il 15 febbraio ’67 (pag. 25) Brillante e veloce, molto adatto alle classiche. Toscano a tutti gli effetti, eccellente anche come tecnico dei giovani, è stato in Carrera all’inizio della sua attività tra i prof nel ’90 e ’91. Giro di Romagna ’89 e ’90 Giro di Gran Bretagna ’92 Giro del Lussemburgo ’93 G.P. Fourmies ’93 e ’95 Leeds International Classic ’95 Giro del Lazio 2000.

Andrea TAFI • Nato a Fucecchio il 7 maggio ’66 (pag. 31) Campione delle classiche e del pavè possiede un curioso e prestigiosissimo record che non tutti conoscono. È l’unico corridore italiano nella storia di tutti i tempi ad aver vinto sia il Fiandre che la Roubaix. Due stagioni alla Carrera nel ’92 e nel ’93. Giro del Lazio ’91,’96 e ’98 Parigi-Bruxelles ’96 Giro di Lombardia ’96 Rochester Classic ’97 Campionato Italiano ’98 Parigi-Roubaix ’99 Giro del Piemonte ’99 Parigi Tours 2000 Giro delle Fiandre 2002.

Davide BOIFAVA Storico team manager della Carrera, è nato a Nuvolento (Brescia) il 14 novembre 1946. Professionista dal ’69 al ’78, ha indossato la maglia azzurra e quella rosa, ha vinto Giro del Lussemburgo e di Romagna, il tricolore dell’inseguimento e una crono al Giro d’Italia. Un incidente gli ha precluso una notevole carriera. S’è rifatto però come direttore sportivo e team manager scoprendo talenti e guidando al successo campioni di differenti generazioni, legando il proprio nome soprattutto ai trionfi della Carrera. 50


Progetto Grafico Carrera Finito di stampare nel mese di settembre 2012 presso Graphot, Torino.


Carrera S.p.A. Via S. Irene,1 37042 Caldiero, Verona - Italy Tel. +39 045 6139111 - +39 045 6150040 carrera@carrerajeans.it www.carrerajeans.com


Carrera Jeans - Tredici anni di Trionfi