Issuu on Google+

PIROFILO Utilizzatore A, B, C ovvero La lampada di Aladino

EQUIPèCO


Pirofilo Utilizzatore di classe A-B-C, ovvero, La lampada di Aladino © 2011 by EQUIPèCO Carmine Mario Muliere Editore Tutti i diritti riservati E-book 5 - Formato: Pdf ISBN 978 - 88 - 904667 - 4 - 8 € 5,00 ______________________________________ Via Donnicciola 25 - 00030 San Cesareo - RM Telefono: 06 9570723 www.equipeco.it Impaginazione: mcm art&copy Codice d’acquisto: EB005 In copertina Muliere, Pentalfa, 1995


EQUIPèCO Racconto 4

Il testo di Pirofilo ha origine da un racconto di fantascienza, letto dall’autore diversi anni fa, intitolato «L’utilizzatore di classe A» e scritto da Robert Sheckley, scrittore straordinario.


GLOSSARIO Glück Leben Wasser Feuer Luft Erd Stein Gold Silber Kupfer Eisen Licht Orakel Widerhallend Verrückten Wohldenkenden Einfall Fall Dreieinig Salz Schwefel Quecksilber Gewissen Siebenrotte Unechtesgold Unreinquecksilber Falscheeisen Unwahrkupfer Blei Auswanderung Einwanderung SchwelleWächter Verkehr

Fortuna, felicità Vita Acqua Fuoco Aria Terra Pietra Oro Argento Rame Ferro Luce Oracolo Il risonante Matti Benpensanti Ispirazione Evento Uno e trino Sale Zolfo Mercurio La coscienza La banda dei sette Oro falso Mercurio impuro Ferro falso Rame non veritiero Piombo Emigrazione Immigrazione Guardiani della soglia Traffico 4

Pirofilo - Utilizzatore di classe A-B-C, ovvero, La lampada di Aladino - EQUIPèCO


CApItOLI

1- L’utilizzatore di classe A ovvero La lampada di Aladino.............................. 2- L’utilizzatore di classe B ovvero Il micro-scopio interiore.......................... 3- L’utilizzatore di classe C ovvero Il vento...................................................... 4- Interludio ovvero Alla ricerca della Rosa dei Venti...................................... 5- Le ispirazioni ovvero Il magico mondo delle risonanze.............................. 6- L’altro sentiero ovvero Procedendo oltre...................................................... 7- Una Società Dreieinig ovvero Storia di una riunione................................. 8- L’utilizzatore di classe Ω ovvero Una nuova dimensione............................ 9- L’utente di classe Ω ovvero Un nuovo statuto.............................................. 10- Il Giardino della Vita ovvero Il Gran Libro della Natura............................ 11- Cronache di Esplorazioni ovvero La visione dall’altra parte Prima esplorazione...................................................................................... 12- Seconda esplorazione................................................................................... 13- Preliminari alla terza esplorazione.............................................................. 14- Terza esplorazione........................................................................................ 15- Quarta esplorazione..................................................................................... 16- Elaborazione cartografica preliminare........................................................ 17- Quinta esplorazione..................................................................................... 18- Seguito dell’laborazione cartografica........................................................... 19- Sesta esplorazione......................................................................................... 20- Nuove correzioni alle mappe....................................................................... 21- Tentativo di riflessione.................................................................................. 22- Capitolo finale? Nel luogo sacro delle riunioni.......................................... 23- Raccontino di Widerhallend........................................................................ 24- Chiusura........................................................................................................

5

Pirofilo - Utilizzatore di classe A-B-C, ovvero, La lampada di Aladino - EQUIPèCO

Pagina 7 19 26 35 39 44 51 59 66 74 79 83 86 89 93 95 102 104 109 114 123 126 135 144


L’utilizzatore di classe A ovvero La lampada di Aladino Un giorno qualsiasi di un mese qualsiasi

O

ggi mi è capitata una vicenda che mi lascia molto perplesso. Stavo uscendo da casa, quando ho incontrato un fattorino di un’agenzia di recapiti, che mi ha portato un pacco da parte della Ditta Gluck & Leben. A mia conoscenza non ho mai avuto rapporti con tale Ditta, perciò ho domandato al fattorino se era sicuro di recapitarlo alla persona giusta. Mi ha letto l’indirizzo, che corrispondeva perfettamente. Sempre piú perplesso ho allora domandato se anche lui apparteneva alla Ditta sunnominata. No, mi ha risposto, la Cooperativa Eventi, alla quale appartengo, cura da anni la distribuzione dei prodotti della Ditta Gluck & Leben. Mai errori, a mio ricordo, mi ha detto. Troverà in ogni modo all’interno del pacco tutto quello che è necessario. -Ma lei sa cosa contiene il pacco, ho domandato. -No, veramente non lo so. Mi scusi, debbo andare perché vado molto di fretta. La mia Cooperativa è piena di lavori. -A questo punto, dato che andavo di fretta anch’io, ho lasciato il pacco a casa e sono uscito. Piú tardi ientrando piú tardi, mi ero quasi dimenticato dell’esistenza del pacco. Si trattava di un pacco di medie dimensioni, grande circa come le scatole di imballaggio che contengono i televisori. Sono rimasto parecchi minuti ad osservarlo, prima di decidermi di aprirlo, sempre piú convinto che si trattasse di un errore: non avevo mai sentito neanche lontanamente nominare la Ditta Gluck & Leben. Ho pensato anche a qualche nuovo sistema per ingannare in modo indiretto la buona fede del destinatario. Congratulazioni! Lei ha vinto un favoloso premio ecc. ecc.!

R

6

Pirofilo - Utilizzatore di classe A-B-C, ovvero, La lampada di Aladino - EQUIPèCO


Alla fine ha prevalso la curiosità. Anche un po’ della nostra innata furbizia. Se c’è scritto il mio nome, mi sono detto, sono anche autorizzato ad aprire il pacco. Detto, fatto. Dentro al pacco ho trovato una specie di sfera metallica, con tre zampe per poggiare in terra ed un grande pulsante rosso sulla sommità. Un cavo di alimentazione normale, con presa normale. Di lato una targhetta con le indicazioni dell’apparecchiatura e le specifiche elettriche d’uso. C’era scritto: Gluck & Leben, Utilizzatore di classe A, modello..., serial number..., 220 Volts AC, 1 Ampere, 50Hz. Ho cercato invano all’interno della scatola il manuale d’uso. Niente di niente. Neanche un briciolo d’informazione su un eventuale recapito della ditta produttrice. Io sono fondamentalmente pigro. L’idea di fare ricerche per rinviare il pacco al mittente mi ha profondamente disturbato. Perciò ho deciso di fare come faccio sempre: aspettare. Di solito le pratiche noiose si risolvono da se stesse. Mi sono detto: aspettiamo che la Ditta Gluck ecc. mi invii una fattura per un oggetto che non ho mai richiesto. Allora, senza particolare fatica, salvo quello di scrivere o telefonare, potrò risolvere il problema. In fondo sono loro che mi hanno inviato qualcosa non da me espressamente richiesta. Cosí ho fatto. Ho messo da una parte l’oggetto misterioso, nel suo imballaggio, e mi sono occupato d’altro. Poco piú di un mese piú tardi ono stato assente per qualche settimana. Al mio ritorno, nella posta ricevuta, nessuna traccia di comunicazioni da parte della Ditta Gluck ecc. L’utilizzatore di classe A sempre al medesimo posto. Sempre piú perplesso, ma anche piú curioso, con la naturale furbizia incoraggiata dall’assenza di notizie dirette, sono arrivato alla conclusione di attaccare la spina e vedere il risultato.

S

7

Pirofilo - Utilizzatore di classe A-B-C, ovvero, La lampada di Aladino - EQUIPèCO


Niente di particolare, salvo l’accensione di una piccola spia luminosa. Anche un lievissimo ronzio come qualsiasi altra apparecchiatura elettrica alimentata. Ho notato l’assenza di un qualsiasi interruttore On-Off. Di solito, uno aspetta qualche minuto. L’utilizzatore non dava alcun segno di riscaldamento anomalo. Perciò, la tentazione di spingere l’unico pulsante, quello rosso, è diventata sempre piú grande. Mi sono domandato: cosa mai può succedere? Un’esplosione? La push botton mania alla fine ha prevalso. Improvvisamente, non so per quale nuova diavoleria tecnologica, sulla superficie della sfera è comparso una specie di schermo televisivo, con l’immagine di un signore dall’aria molto distinta, giacca e cravatta, che si è presentato immediatamente. -Io sono il Signor Wasser, l’incaricato che le è stato assegnato personalmente all’atto dell’invio dell’Utilizzatore. Aspettavo da tempo di essere da lei contattato. Lei ha aspettato, invece, piú di un mese e purtroppo per lei debbo dirle che ha perso il diritto di esercitare le funzioni complete previste nell’Utilizzatore. Si rende conto di quello che ha perso con questa sua imperdonabile negligenza? -Caro Signor Wasser, ho risposto, sono io che debbo lamentarmi con voi per la vostra negligenza. Ho ricevuto il vostro pacco senza alcuna istruzione. Inoltre non mi sono mai sognato di concordare con voi l’invio di tale apparecchiatura. Senza indicazioni del vostro recapito non sono poi stato in grado di contattarvi prima. Naturalmente mentivo spudoratamente. Avrei potuto farlo benissimo, o almeno tentare di farlo, ma si sa bene come vanno le cose quando si discute. Non si vuole ammettere l’evidente. -Ma come, caro Signore, mi ha replicato il Signor Wasser, non mi vorrà dire che nessuno della sezione commerciale della nostra Ditta ha parlato con lei? -Proprio cosí. Non so nulla. Fra l’altro a cosa serve un Utilizzatore di classe A? -Quello che mi dice è veramente grave. Non è mai successo prima di ora. 8

Pirofilo - Utilizzatore di classe A-B-C, ovvero, La lampada di Aladino - EQUIPèCO


-Lei avrebbe dovuto avere un colloquio con il nostro addetto commerciale. -Ancora piú grave perché l’invio gratuito di un Utilizzatore di classe A costituisce un evento del tutto straordinario. Non si può dare un Utilizzatore a una persona qualsiasi, con accesso all’uso completo delle funzioni. Relativamente, invece, alle istruzioni di solito non ne mandiamo per il fatto che è ben difficile descrivere il vero significato di un Utilizzatore. Preferiamo farlo a voce. Proprio per questo mi meraviglio che si sia potuto commettere il cosí imperdonabile errore di non prendere con lei diretti contatti. Aprirò subito un’inchiesta molto rigorosa. -Lasci perdere. In fondo non è successo niente. Ma lei non mi ha ancora detto a che serve un Utilizzatore, per di piú di classe A. -Lei non si rende conto di quello che ha perso. Lo ribadisco ancora una volta. A cosa serve un Utilizzatore di classe A? Lei ha mai sentito parlare della Lampada di Aladino? -Scusi, Signor Wasser, lei mi sta forse dicendo che…? -Esattamente. Si tratta ovviamente di una versione piú moderna. Non le dico le reali probabilità delle nostre scelte di un cliente adatto. Una volta ogni morte di Papa, si fa per dire, un fortunato essere vivente viene scelto per ricevere un Utilizzatore di classe A. Deve però entro un mese dal ricevimento mettersi in contatto con noi per stabilire, dopo il periodo di prova, che appunto dura un mese, le regole per l’utenza, che ora non le sto a dire, anche perché non ne ha piú il diritto d’uso. Il periodo di prova gratuito è ormai una normale prassi commerciale in uso nel Software. Si prova il prodotto e se si rimane soddisfatti si conferma un contratto d’uso. -Ma di solito, almeno nel Software, uno può mettersi in regola anche oltre i trenta giorni. -Non per noi. Siamo molto rigidi in materia. -Ma se questo è avvenuto non è per colpa esclusivamente mia. -Non importa. La Ditta Gluck & Leben ha le sue regole. Anche se possono 9

Pirofilo - Utilizzatore di classe A-B-C, ovvero, La lampada di Aladino - EQUIPèCO


sembrarle troppo rigide. Tuttavia l’Utilizzatore rimane di sua proprietà e lei accede automaticamente al subset ridotto delle funzioni. Lei per ora non lo sa, ma anche l’utilizzo ridotto dell’Utilizzatore, mi perdoni il bisticcio delle parole, comporta grandi vantaggi. Non molti su questa terra sono autorizzati all’uso ridotto. Si figuri quanti pochi all’uso completo. Che peccato per lei! -Non capisco molto bene. Mi vorrebbe gentilmente spiegare cosa significa un uso ridotto? -Mi scusi. Nella foga del discorso avevo dato per scontato che lei conoscesse di già le regole d’uso. Mi sono dimenticato che nessuno del Commerciale non le ha mai parlato. Con uso ridotto si intende che la Lampada di Aladino può essere utilizzata solo nel dominio della Potenza. L’uso completo si estende invece anche all’Atto. -Qui non lo seguo piú. Cosa intende dire per Potenza? E per Atto? -Mi rendo conto che lei non è preparato in materia, perciò incontra tante difficoltà. Partiamo dall’uso completo. Lei desidera una cosa. Preme il pulsante rosso, arrivo io, Wasser, ed esaudisco il suo desiderio. -Intende dire come il genio della Lampada? -All’incirca. Io faccio solo da coordinatore tecnico. Tutto lo staff della Produzione della Ditta Gluck & Leben si mette all’opera. Creda, non sempre è una cosa da poco. -Non mi permetterei di dubitarne. Ha detto desiderio esaudito? -Proprio cosí. Ossia desiderio attuato, cioè in Atto. Il mio cognome dovrebbe suggerirle qualcosa. -Forse incomincio a capire. Come funziona invece per la Potenza? Nel caso specifico l’assistente tecnico diventa il Signor Feuer, che le presento. Mi ricresce, non avrò piú a che fare con lei, salvo che si verifichi una evento abbastanza improbabile, che comunque le spiegherà il mio collega. La saluto. -Anch’io la saluto. Da quello che mi dice spero di rivederla. Certo, ripensandoci sopra, avete due strani cognomi. Forse alla Gluck assumono perso10

Pirofilo - Utilizzatore di classe A-B-C, ovvero, La lampada di Aladino - EQUIPèCO


nale solo quando hanno nomi particolarmente strani. Sto scherzando. Allora Signor Feuer come sta? Quali sono le funzioni di assistenza che potrò beneficiare da lei? -Senta, caro Signor Cliente, io credo che per oggi possa bastare. Mi chiami domani, con la stessa procedura, cosí potremo concordare meglio le norme d’uso. -Pulsante rosso? Pulsante rosso. Arrivederci. Il giorno dopo ’è qualcosa che non mi torna nei discorsi di Wasser. Per prima cosa come è possibile credere alla Lampada di Aladino. Ma anche tutto il resto, relativo alla Potenza, come può logicamente star su. Se si tratta di Potenza a quale scopo dobbiamo ricorrere ad un Utilizzatore per vedere realizzati i nostri desideri? Ora chiamo il Signor Feuer. Pulsante rosso premuto. -Signor Feuer, sono pronto a parlare con lei delle norme d’uso dell’Utilizzatore. Le va bene farlo ora? -Certamente. Sono sempre a sua disposizione. La Ditta che rappresento è molto seria e ci tiene molto ad accontentare i clienti. -Signor Feuer, mi sembra di aver capito che l’Utilizzatore mi consente l’uso di funzioni che trattano solo i desideri nel dominio della Potenza. È esatto? -Esattissimo. -Mi è difficile capire molte cose. Provo a comunicargliele. Per primo, se si tratta di desideri solo in Potenza, che bisogno ho di un Utilizzatore? Non posso forse fare le cose da me stesso? -È qui che si sbaglia. Anche profondamente. Se agisce da solo, la probabilità di creare disordine nella formulazione dei suoi stessi desideri è quasi certezza. I desideri debbono essere belli. Premere il pulsante rosso significa per lei avvalersi delle competenze quasi insuperabili, come qualità e stile, della Ditta

C

11

Pirofilo - Utilizzatore di classe A-B-C, ovvero, La lampada di Aladino - EQUIPèCO


Gluck & Leben. Oltre alla mia assistenza di natura maggiormente realizzativa, lei utilizzerà tutto il talento del Signor Luft, esperto di progettazione. -Luft, che stranissimo nome! Ma se io non volessi utilizzarvi cosa potrebbe succedere dei miei desideri in Potenza? -Niente, sarebbero desideri disordinati e basta, fine solo a se stessi. Tuttavia, mi permetta di dirle che ogni utilizzo spontaneo da parte sua dei nostri servizi, le consente, oltre alla creazione di desideri dalle forme armoniche, di accumulare una serie di bonus di merito. Oltre un certo limite, l’accumulo dei bonus consente nuovamente l’accesso, senza limiti di qualsiasi genere, alle funzioni complete dell’Utilizzatore. Lei potrebbe recuperarne l’uso, che solo la sua sbadataggine, mi scusi, non le ha consentito. Sento però il dovere morale di dirle che non è sufficiente solo superare un determinato numero di accessi. Esiste anche un fattore correttivo in funzione dello stile dei desideri da lei formulati. Il peso di tale correttore è di solito determinante. -Mi faccia capire bene. Voi farete passare solo i miei desideri che superano un livello di qualità da voi stabilito? -Non è esatto quello che dice. Un suo desiderio in potenza passa comunque, ordinato o disordinato che sia e si fissa in una sua forma potenziale. Noi siamo qui per consigliare. Se lei è spontaneamente d’accordo con i nostri suggerimenti, allora scatta un premio di qualità per le forme piú armoniche da lei immaginate. Noi teniamo alla qualità dei desideri dei nostri clienti. -Ma scusate: quanto mi costa tutto questo? I vostri servizi avranno bene un costo. Mi fornite un Utilizzatore a titolo gratuito, mi passate suggerimenti senza spesa da parte mia. Ma quale è lo scopo di tutta questa filantropia? -Egregio Signor Cliente: nessuna spesa aggiuntiva da parte sua. La sua è una domanda del tutto normale. Quasi tutti i clienti nostri ce la pongono all’inizio. Non riescono a comprendere che fra gli scopi sociali della Ditta Gluck & Leben ci sia il raggiungimento di un ordine nella grande confusione che regna nei desideri degli uomini. Allora, crede di poter accettare le nostre con12

Pirofilo - Utilizzatore di classe A-B-C, ovvero, La lampada di Aladino - EQUIPèCO


dizioni di servizio? -Onestamente, quello che mi ha detto mi sembra quasi incredibile. Naturalmente accetto, ma mi riserbo di rinunciare all’Utilizzatore se mi dovessi accorgere strada facendo che le cose non vanno poi esattamente come mi dite. Per ora non credo di riuscire a chiarire meglio i miei pensieri. Confermate che si tratta di un accordo sulla parola fra uomini liberi e leali? -Certamente. Nessun rischio da parte sua. Quando vuole può recedere dall’accordo. Da adesso può incominciare ad utilizzare i nostri servizi di consulenza. Dopo un periodo sufficientemente lungo, un anno, due anni… i accorgo che il tempo sta passando velocemente. Continuo a adoperare l’Utilizzatore e, naturalmente le consulenze dei Signori Luft e Feuer. Non posso assolutamente lamentarmi della loro opera fattiva. Sono sempre attenti e scrupolosi e molto comprensivi. Non c’è dubbio che con il tempo ho imparato a migliorare la qualità dei miei desideri, anche e forse soprattutto grazie al loro apporto. Comunque, è sempre un’impresa molto faticosa. Quello che mi preoccupa è che sto diventando sospettoso, anche perché mi rendo meglio conto che i desideri molto spesso non hanno una solida base. Non riesco a cogliere il filo logico di tutta questa avventura, di cui intuisco l’esistenza, senza peraltro esserne del tutto sicuro. Per esempio, non riesco a conoscere informazioni esatte sull’accumulo dei miei bonus. Quando faccio domande dirette mi viene sempre risposto in modo molto evasivo. Artisticamente evasivo. Si alternano risposte sfumate ad altre che farebbero intravedere una rapida soluzione finale in senso positivo. Ma poi tutto continua come prima. Forse avrei dovuto chiarire meglio, prima di accettare, le condizioni d’uso, soprattutto in materia di bonus. Ma ora è tardi e, purtroppo o per fortuna, mi sono abituato all’Utilizzatore. Oggi

M

13

Pirofilo - Utilizzatore di classe A-B-C, ovvero, La lampada di Aladino - EQUIPèCO


mi sento particolarmente aggressivo e desidero chiarire molte cose con i Signori Luft e Feuer. In fondo si tratta di un mio desiderio, perciò si rientra nell’area di pertinenza dell’Utilizzatore. Pulsante rosso premuto. -Buongiorno a voi Signori Luft e Feuer. -Buongiorno a lei, Signor Cliente. Sbagliamo se scorgiamo in lei un atteggiamento differente dal solito? -Non sbagliate affatto. Ho deciso di chiarire con voi tutta una serie di dubbi che progressivamente stanno crescendo in me. Vi dico subito che non mi lamento del vostro servizio di consulenza, che non potrebbe essere migliore. I miei dubbi riguardano la vostra Ditta, soprattutto in materia dei suoi veri scopi, che francamente mi sembrano poco chiari. O meglio, ho la sgradevole sensazione di essere utilizzato. Mi domando per quale scopo si debba dare forma ordinata ai desideri degli uomini. A cosa serve tutto questo ordine? A me oppure soprattutto a voi? La sensazione che ho è che la vostra Ditta utilizzi a nostra stessa insaputa il risultato dei nostri miglioramenti. Ma non riesco a comprendere come e per quale scopo. -Caro Signor Cliente. Quello che dice costituisce un’accusa molto grave nei nostri confronti. Prima però di dare vita in noi a legittimi risentimenti, vorremmo che lei ci chiarisse meglio i suoi pensieri. In base a quali percezioni è arrivato a dare corpo a pensieri cosí ostili verso di noi? -Per prima cosa desidero chiarire che non posso assolutamente lamentarmi dei vostri personali servizi. Siete quasi perfetti. Mi sento a disagio per altre ragioni. Come in tutte le sensazioni di disagio è particolarmente difficile risalire alle vere cause dei miei sospetti. Ma ci proverò lo stesso, anche perché voglio fugare ogni ombra di sospetto nei miei pensieri e sensazioni. Prima ragione dei miei sospetti: quando mi avete mandato l’Utilizzatore, l’avete fatto a mia insaputa. Il vostro Ufficio Commerciale non mi aveva contattato. Avete detto poi che si è trattato di una negligenza di qualche addetto, comunque la prima nella vostra Ditta. È cosí? 14

Pirofilo - Utilizzatore di classe A-B-C, ovvero, La lampada di Aladino - EQUIPèCO


-Certamente, abbiamo fatto un’indagine accurata e confermiamo quello che abbiamo detto. -Io ho invece il sospetto che agganciate i vostri clienti sempre nella stessa maniera. Il mese di prova, che io fra l’altro non ho utilizzato, serve solo a persuadere i clienti che l’Utilizzatore funziona anche nel dominio dell’Atto. Però, il tempo di prova è troppo corto per consentire ai clienti di spingere l’uso dell’Utilizzatore troppo in là, in un certo senso al di fuori delle possibilità di gestione da parte vostra. Le conseguenze di realizzazioni di desideri troppo spinti potrebbero creare grandi difficoltà anche alla vostra Ditta, nonostante i mezzi grandiosi che io suppongo a sua disposizione. -Continui. Stiamo ascoltando. -In fondo, anche senza l’aiuto di un Utilizzatore, i desideri talvolta si realizzano. Anche le vincite al Lotto possono avvenire senza una Lampada di Aladino. Perciò, con abilità, si possono far passare per deterministici i risultati che sono invece ampiamente frutto del caso. Sicuramente ne avreste la capacità. Non so con esattezza, anche per il fatto che il mio iter è stato differente rispetto alla norma, ma io credo che al termine della prova gratuita, o per una ragione o per l’altra, i clienti sono messi in condizioni tali da non essere in grado di accettare le clausole di full-use, per qualche ragione probabilmente troppo onerosa per loro, ma tutti accettano volentieri le clausole di impiego ridotto, solo nel dominio della Potenza, come è stato nel mio caso. Facendo balenare l’ipotesi di ottenere il full-use senza oneri , solo in base ai bonus accumulati costituisce un’esca irresistibile per chiunque, soprattutto se il cliente ha goduto direttamente qualche beneficio iniziale. Il Signor Wasser è abilissimo a gestire il trapasso da un tipo di contratto ad un altro. -Ci sembra che lei non abbia ancora finito. Poi ci riserbiamo di rispondere adeguatamente ai suoi dubbi o sospetti. -Ecco, io credo che presso di voi non esista alcun Ufficio Commerciale, di quelli tradizionali. Il vostro vero scopo non è di collocare l’Utilizzatore di classe A 15

Pirofilo - Utilizzatore di classe A-B-C, ovvero, La lampada di Aladino - EQUIPèCO


full-use, ma piuttosto quello con uso limitato. Non so bene come vi procurate una mailing-list di tutti i clienti, ai quali mandate in prova l’Utilizzatore. Dovete avere necessariamente un’efficientissima banca dati, perché sicuramente non lo mandate a coloro che molto infantilmente e irresponsabilmente vi chiederebbero immediatamente la luna nel pozzo. Sareste già falliti. Come fate a far funzionare (in pratica) la lampada, anche se per un limitato periodo come trenta giorni, proprio non lo so. Ma non è questo il punto di origine dei miei dubbi. In definitiva, alla base dei miei dubbi rimane sempre il fatto dei desideri. Perché la vostra Ditta ha tanto interesse a far coltivare nei clienti una bella serie di desideri ordinati? E, a questo proposito, mi sembra proprio che questo sia piú facile da realizzare nel dominio della Potenza piuttosto che in quello degli Atti. Ho finito. Ora sono pronto a ricevere tutte le vostre obiezioni. -Hm! -Che fate? Non rispondete piú? Qualche istante fa sembravate pronti a divorarmi. -Stiamo pensando. -Ahi. Quest’ultima frase non mi fa presagire nulla di buono. Quale altra macchinazione occulta state preparando? -Caro Signor Cliente, nessuna macchinazione da parte nostra. Invece, crediamo fermamente che siano radicalmente cambiate le condizioni implicite alla base del nostro accordo iniziale. -Cosa intendete dire con implicite? In un accordo si è in due. Se c’è qualcosa di non dichiarato non è certamente qualcosa da parte mia. -No, certamente, lei è in perfetta buona fede. Le condizioni implicite erano solo da parte nostra, non chiaramente espresse. Lei è arrivato a scoprirle quasi per intero, tramite il suo intuito. Le condizioni implicite, non rivelate ai clienti, riguardano esclusivamente i desideri, da manifestare essenzialmente in Potenza. Nell’interesse stesso dei clienti non vengono mai rivelate da noi, 16

Pirofilo - Utilizzatore di classe A-B-C, ovvero, La lampada di Aladino - EQUIPèCO


altrimenti verrebbero a mancare a loro le necessarie spinte. Ma se un cliente se ne accorge allora l’accordo non ha piú valore. Ora ci sembra che lei si stia spostando nel campo della ricerca. Sempre di desideri si tratta, ma non si riferiscono piú solo alle forme ordinate. I suoi desideri si sono spostati su un altro piano, quello delle ricerche. L’Utilizzatore di classe A non è piú adatto: ci vuole un Utilizzatore di classe B. Le assicuriamo formalmente che lei non deve diffidare di noi. -Andiamo bene. Con queste premesse dovrei non diffidare? Adesso mi direte che il nuovo assistente, al quale verrò affidato, che avrà sicuramente un nome molto strano, non sarà nessuno di voi due. Come posso fidarmi? -Caro Signor Cliente, la sua ipotesi è del tutto esatta. Il nuovo assistente è il Signor Erd, che le presentiamo. Comprendiamo le sue diffidenze, sono del tutto naturali, ma confidiamo che lei capisca la situazione. -Caro Signor Erd, sono felice di conoscerla. Malgrado tutto non mi sento particolarmente risentito. Saluto i vecchi assistenti, che mi hanno accompagnato per molto tempo. Mi scuso per aver nutrito dubbi e sospetti, che, però, non erano su di loro e non erano del tutto infondati. Ora sono pronto a ricominciare, ma sicuramente i dubbi di fondo non sono svaniti. Come potrebbero dopo di quello che è successo? Spero che questo non sia una condizione incompatibile con l’Utilizzatore di classe B. Se ho afferrato qualcosa, mi sembra che la classe B abbia a che fare con le ricerche. Per una ricerca seria sono anche disposto a prendere dei rischi. Prima di proseguire, però, non posso fare a meno di pensare ancora una volta ai vostri nomi. Ho solamente conosciuto quattro funzionari della Ditta Gluck & Leben. Nessuno che si chiamasse Rossi, o Dupont, Smith oppure Müller. Oppure un nome qualsiasi. Invece Wasser, Luft, Feuer ed ora Erd. Che ci sia una ragione recondita? -Caro Signor Cliente, innanzi tutto benvenuto nel mondo degli Utilizzatori di classe B! Come potrà bene immaginare il numero degli utenti di tale classe è ulteriormente ridotto. La categoria della ricerca è ristretta ad una cerchia eli17

Pirofilo - Utilizzatore di classe A-B-C, ovvero, La lampada di Aladino - EQUIPèCO


taria. Perciò le faccio anche le mie congratulazioni. Debbo anche dirle che i dubbi sono condizione essenziale ed indispensabile per utilizzare i servizi tipici della classe B. Perciò, ora, non solo non ne siamo offesi, ma anzi la incoraggiamo ad avere dubbi. La nostra collaborazione si svolgerà su un piano sostanzialmente differente rispetto alla classe A. Innanzi tutto le dico che già da ora il suo Utilizzatore, se accetta di proseguire con noi, è già abilitato alla classe B. Non è né necessario né consigliabile cambiare la targhetta sull’apparecchio, che apparentemente rimane di classe A. Cosí nessuno potrà sapere, esaminando esteriormente il nostro prezioso apparecchio, che lei è entrato a far parte dei ricercatori. I veri ricercatori debbono essere lasciati non solo tranquilli ma soprattutto celati ai rumori caotici del mondo. Anche agli invidiosi. -Ora, a questo punto, certamente non mi tiro indietro. Vorrei, se possibile, cercare di capire meglio la differenza fra classe A e classe B. -È certamente possibile. Anche se, d’ora in avanti, lei dovrà tenere in considerazione il fatto che nessuna delle risposte che riceverà o che sarà in grado di chiarire da se stesso potrà avere una veste definitiva. Allora, la classe A tratta essenzialmente di desideri, senza troppo occuparsi delle ragioni che ne sono alla base né di quelle che regolano la loro manifestazione. La classe B, invece si occupa di ricerca, cioè di scoprire le ragioni di essere della classe A. -Senta, caro Signor Erd, visto che i dubbi sono ammessi, non si darà il caso che ci saranno anche Utilizzatori di classe C e superiori? Mi sembra sempre di percepire un alone di mistero intorno alla vostra Ditta, che in parte si è dissolto, per accrescersi in qualche altro modo che non riesco a percepire con chiarezza. -Scusi se ridacchio un po’. La classe C sicuramente c’è. Toccherà a lei, con il mio aiuto, scoprirla. Per le altre eventuali classi superiori non sono competente. Intuisco che esistono, ma non so confermarle l’esistenza, anche perché è al di fuori delle possibilità del mio nome. 18

Pirofilo - Utilizzatore di classe A-B-C, ovvero, La lampada di Aladino - EQUIPèCO


-Allora è vero che i quattro nomi significano qualcosa? -Certamente. A lei lo sforzo di scoprire la loro funzione. -Non ho ancora ben capito il significato della sua assistenza. Le cose che in questo momento non capisco sono tante, ma conto di iniziare subito la ricerca. Sempre con il pulsante rosso? -Sempre con il pulsante rosso. L’utilizzatore di classe B ovvero Il micro-scopio interiore Altri anni dopo opo molti anni di utilizzo della classe B, mi sento nelle condizioni di spirito di ritornare panoramicamente sulle mie esperienze. La classe B è sicuramente molto diversa da vivere rispetto alla classe A. Uno si sente immediatamente piú a suo agio. Perde quasi subito la sgradevole sensazione di essere tenuto volutamente all’oscuro. In un certo senso si sente pienamente au pair. Certamente la personalità del Signor Erd appare molto complessa e difficile da decifrare. Apparentemente si confonde quasi con me stesso. Però, sin dall’inizio, ho avuto la sensazione di tutta una serie di strati di profondità che esistono nel suo modo di essere, che mi fanno ritenere che la sua posizione gerarchica, rispetto agli altri tre consulenti sia superiore. Quasi di coordinatore. Debbo dire che con me si comporta in maniera ineccepibile. Non mi fa mai pesare le sue superiori doti di ricercatore, anche quando le stupidaggini che penso sono talmente evidenti da fare arrossire qualsiasi persona. La classe B si differenzia soprattutto per la bi-direzionalità delle chiamate e anche per il fatto che spesso si rivedono, insieme sullo schermo, i consulenti della classe A. Insomma, lavorano in gruppo. In questa mia breve disanima delle esperienze di vari anni, riporterò alcuni episodi, che io reputo piú significativi. Quando sono avvenuti e in che ordine

D

19

Pirofilo - Utilizzatore di classe A-B-C, ovvero, La lampada di Aladino - EQUIPèCO


Collana Racconto 1- Carmine Mario Muliere, OASI, febbraio 2007. 2- Stefano Betti, Emma e i Cattivi Compagni, presentazione di Flavio De Bernardinis, maggio 2007. 3- Stefano Betti, Quattro-Tre-Tre. Modulo d’Attacchi, presentazione di Gianni Rivera, marzo 2008. 4-Pirofilo, L’utilizzatore di classe A-B-C, ovvero, La lampada di Aladino, luglio 2011.

145

Pirofilo - Utilizzatore di classe A-B-C, ovvero, La lampada di Aladino - EQUIPèCO


146

Pirofilo - Utilizzatore di classe A-B-C, ovvero, La lampada di Aladino - EQUIPèCO


Finito di stampare nel mese di luglio 2011 EQUIPèCO Carmine Mario Muliere Editore E-book 5 www.equipeco.it

147

Pirofilo - Utilizzatore di classe A-B-C, ovvero, La lampada di Aladino - EQUIPèCO


PIROFILO Utilizzatore A, B, C ovvero La lampada di Aladino Il testo di Pirofilo ha origine da un racconto di fantascienza, letto dall’autore diversi anni fa, intitolato proprio «L’utilizzatore di classe A» e scritto da Robert Sheckley, scrittore straordinario. Il nome, Pirofolo, è preso in prestito da un antico trattato alchemico ed è lo pseudonimo di un ricercatore che, seguendo la tradizione, preferisce non accentuare l’identità dell’autore.

EQUIPèCO E-book 5 - Pp. 148, Formato: Pdf ISBN 978 - 88 - 904667 - 4 - 8 € 5,00


Racconto