Page 1

opere recenti Carmelo Violi

“opere recenti�


Carmelo Violi, opere recenti di Lucio Barbera

Un turbine che coinvolge, un vento colorato, una suggestione che cattura: questa, a me sembra, è l’irruente pittura di Carmelo Violi (Reggio Calabria 1979) che dimostra come tale pratica sia tutt’altro che morta essendo sempre pronta a risorgere in una esultante esplosione. Bisogna dire che più che il maestro di Brera che è stato Saverio Terruso, è stata la sua tesi di laurea a segnarlo in qualche modo: era dedicata a Bonnard. Del grande francese ha saputo cogliere non solo le sottigliezze cromatiche, ma anche l’impasto di colore denso, ricco di grumi e di fermenti, a volte filamentoso e rugoso. Ma poi ci ha messo del suo liberandosi dallo studio e approdando ad un linguaggio che assorbe l’arte contemporanea e che non esito a porre dopo la Transavanguardia. Circola una veemenza espressionista, una capacità di taglio delle immagini sorprendente, una natura intimista, in questi suoi dipinti, aggressivi e delicati. Interni, paesaggi, nudi, gli arnesi del mestiere, le nature morte, le immagini della pittura e della coscienza si traducono in una stesura che è impetuosa cromaticamente e affollata, ma che sa anche essenzializzarsi in cadenze neo cubiste di grande efficacia. L’immagine respira fisiologicamente, fiera della sua assoluta libertà di manifestare stati d’animo, di essere di volta in volta specchio e stimolo di sensazione. In un’epoca in cui per eccesso di immagini spesso si incorre nella saturazione retinica (il rifiuto molto prossimo alla cecità indotta) e nell’ictus del pensiero (il rifiuto che sconfina nell’assenza), ed in cui il guardare si dissocia dal vedere, quella di Violi è pittura di grande attualità: non solo cattura le immagini ma, finalmente, stimola l’immaginazione. Lucio Barbera agosto 2003


“Interno di una fabbrica” olio su tela 2001, cm 80x110


Sinistra, “Penombra di una biblioteca”- olio su tela 2002, cm 50x70 Destra, “Interno di una bliblioteca 2” - olio su tela 2002 cm 50x70


“Interno di una bliblioteca 2” -olio su tela 2001, cm 90x60


sopra, “Atelier” - olio su tela 1999, cm 100x70 sotto, “Marzo 2003, colori nwl silenzio” - olio su tela 2003, cm 70x70


“La portafinestra sul mare del sud� - olio su tela 2002, cm 100x75


in alto a sinistra “La tovaglia quadrettata” - olio su tela 2002, cm 100x75 in alto a destra “Senza titolo” - olio su tela 2003, cm 90x70 sotto “Senza titolo” - olio su tela 2002, cm 70x70


“Figure assenti” - olio su tela 2002, cm 100x75


sopra, “Colori” - olio su tela 2000, cm 100x75 sotto, “Colori dall’alto” - olio su tela 2001, cm 100x70


sopra, “La toilette” - olio su tela 2003, cm 100x80 sotto, “Senza titolo” - olio su tela 2005, cm 60x60


sopra, “Senza titolo” - olio su tela 2003, cm 50x60 sotto, “Lo scolapasta rosso” - olio su tela 2003, cm 40x70


“Tra passato e presente� - olio su tela, 2003. cm 90x62


sopra, “Senza titolo” - olio su tela 2005, cm 50x50 sotto, “Senza titolo” - olio su tela 2005, cm 40x50


sopra, “Senza titolo” - olio su tela 2005, cm 50x50 sotto, “Senza titolo” - olio su tela 2005, cm 40x50


“Senza titolo” - olio su tela 2005, cm 60x60


“Dentro un frigor�, olio su tela 2003, cm 100x80


“Passaggi di luce” - olio su tela 2004, cm 90x70


“In superficie” - olio su tela 2004, cm 90x70


“Macchina da scrivere 1/3” - olio su tela 2005, cm 60x60


“Macchina da scrivere 3/3” - olio su tela 2005, cm 60x60


“La porta” - olio su tela 2004, cm 90x70


BIOGRAFIA Carmelo Violi è nato a Reggio Calabria nel 1979, ma vive da sempre a Milano. Diplomato al Liceo Artistico Statale I di Milano, continua gli studi nel corso di Pittura all’Accademia di Belle Arti di Brera, nella scuola di Saverio Terruso ove si laurea con il massimo dei voti nel 2002. Nel 2004 consegue una laurea specialistica per l’insegnamento delle discipline pittoriche presso l’Università degli Studi di Milano. Attualmente insegna discipline pittoriche e pittura murale presso un istituto d’arte milanese. Gli anni della sua formazione artistica sono fervidi di attiva produzione pittorica e plastica; fra il ’96 e il 2003 svolge un’interessante tirocinio presso lo studio dello scultore Luigi Teruggi ed in seguito presso l’atelier del suo maestro di Brera, il pittore Saverio Terruso. Negli anni accademici, le sue scelte sono quelle di rimanere orientato sulla figurazione, traendo grande insegnamento da artisti quali Chaim Soutine, Francis Bacon, Lucine Freud e Alberto Giacometti. Nella prima fase della produzione artistica la poetica di Violi è dominata dal tema degli interni. Successivamente le sue tematiche si fanno sempre più numerose, e accanto al tema degli interni realizza un’interessante serie di corpi femminili facendo riferimento ad artisti più legati all’espressionismo astratto americano. Comincia a studiare le qualità espressive del tessuto colore luce, imponendo al suo lavoro un percorso più razionale e riflessivo. Dal 2001 la sua tavolozza si arricchisce di nuovi colori, annullando quasi del tutto il metodo di lavoro che aveva caratterizzato gli esordi, basato solo su colori primari mescolati a tal punto da determinare un’infinita gamma di grigi. Progressivamente i suoi colori sono sempre più timbrici, luminosi e staturi. Quasi in parallelo riscopre la luce mediterranea di artisti quali Pierre Bonnard ed Henry Matisse. Nei suoi dipinti si comincia a delineare sempre di più una ricerca raffinata sul colore, con opere studiate e pensate come serie, quali gli “Atelier” del 2000 o le “Reiterazioni cromatiche” del 2004. In molte di queste opere sono i quadri appesi alle pareti a divenire oggetto di studio per il pittore, che li ridipinge da altri punti di vista. Come per Rothko, si avverte nelle sue opere di quest’ultima fase, l’assenza totale di spazio e la necessità di rappresentare sensazioni percettive, quasi a voler determinare un processo di estinzione del soggetto. Violi debutta come pittore a partire dal 1998, cercando di affermarsi con un linguaggio coerente e privo di condizionamenti legati al sistema dell’arte e del mercato pur essendo molto attivo in ambito espositivo. Nel 2001 vince il premio Gianfranco Manara al Salon I, al Palazzo della Permanente di Milano, e assieme ad altri colleghi artisti, porta avanti con successo una serie di mostre a Zurigo e Winthertur. Nel 2005 è scelto fra i finalisti dal comitato scientifico nella terza esizione del premio d’arte “Pavia la giovane arte europea” e partecipa alla mostra “Daegu-Milano, fine arts exhibition” in Corea del Sud.


Dal 2003, oltre all’attività di insegnamento è stato impegnato per l’editore Peruzzo, nella realizzazione di un corso di pittura pubblicato in Italia e Spagna. Accanto all’attività artistica porta avanti con entusiasmo quella dell’insegnamento di discipline pittoriche. Vive e lavora a Milano.


ATTIVITA’ ESPOSITIVA: 1998- “Arte per la riforma” curata da Grazia Verisco con presentazione di E.Tadini Sala Napoleonica di Brera. 1999- Collettiva al “Centro Culturale Bertolt Brecht” Milano. 1999- “2° Biennale di Pittura, Lions International” (premiato), Villa San Carlo Borromeo di Senago (Mi). 2000- “Arte sacra contemporanea” Tempio della Vittoria, Reggio Calabria. 2000- “Collettiva di artisti italiani” Galleria Des Migros Kulturburo di Zurigo. 2000- “Attravesto Milano, sette giovani artisti si confrontano con la città” X-Tra Limmathaus, Zurigo. 2000- “Arte figurativa italiana, Formen, Farben, Emotionen” Dynamogalerie, Zurigo. 2000- “5° Selezione di giovani artisti Menotrenta” Spazio Hajech, Milano. 2001- “Salon I” Museo della Permanente di Milano, (premio della giuria). 2001- “5° Premio Ricas” di Arese, (segnalato). 2001- Concorso “Think Finance, l’Arte di una brain company” catalogo a cura di Dario Trento. 2001- Rassegna “Senza cornice” Albano Sant’Alessandro Bergamo. 2002- “Saranno famosi” presentazione di F.De Filippi, asta di giovani artisti Galleria Ta Matete di Art’è, Milano. 2002- “L’Arte per l’Admo” Asta di artisti italiani Città di Loano, Savona. 2003- “Start, Ausstellungsreihe Junger Kunstlerinnen aus italien” presentazione a cura di Elena Pontiggia, Winterthur (ZH). 2003- Sentieri nascosti, spazio OZ Corso Como, Milano. 2003- “Dentro, fuori” Terza rassegna d’arte contemporanea Bovarchè, testo a cura di Lucio Barbera. 2003- “Prima edizione premio Helios Art Award” Museo della Scienza e della Tecnica, Milano. 2004- Collettiva “Meridiani d’oriente” testo a cura di Gabriele Perretta, Palazzo Mesiani comune di Bova (Rc). 2005- Collettiva Rote Fabrick di Zurigo. 2005- Daegu (Corea)-Milano Fine Arts Exhibition 2005- Finalista al premio “Pavia, la giovane arte europea” Castello Visconteo, Pavia.


Carmelo Violi Studio, Via Monte Popera 8, Milano cap. (20138) Tel. 02-510948 Cell. 3334747565

e-mail – carmelo1979@libero.it info - www.zenone.it

Carmelo Violi opere  

pittura contemporanea

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you