Page 1

La tecnologia nello studio medico del Medico di Famiglia: coniugare approccio olistico e high-tech

68° CONGRESSO NAZIONALE 4-9 novembre 2013 Roma - Ergife Palace Hotel

“ERRORE NELLA PRIMARY CARE”. I dati preliminari della regione Sicilia Paolo Giorgianni Fimmg- Metis Catania

4 Novembre 2013


IL RISK MANAGEMET Il risk management, letteralmente « Gestione del rischio » , è l’insieme degli strumenti, dei metodi e delle azioni attuate, mediante cui si misura il rischio e successivamente si sviluppano strategie per governarlo .


«To err is human: building a safer healt system» Il tema dell’errore in medicina è stato focalizzato nel 1999 negli U.S.A. in seguito alla pubblicazione del rapporto dell’Institute of Medicine. Da allora , e specialmente negli ultimi anni, la sicurezza del paziente e le strategie per ridurre il numero degli errori in medicina è diventato argomento sempre più discusso


L’errore in Medicina (anche Generale) Triade del danno Tre concetti che non coincidono ma possono intersecarsi tra loro

Rischio clinico

Errore

Evento avvers o Teoria di Reason


RISCHIO CLINICO

Rischio clinico PossibilitĂ che un paziente subisca un danno o disagio, imputabile alle cure sanitarie, che causa un peggioramento delle condizioni di salute o la morte.

Errore

Evento avvers o


EVENTO AVVERSO

Rischio clinico

Evento inatteso correlato al processo assistenziale che comporta un danno al paziente, di carattere non intenzionale e indesiderabile. Gli eventi avversi possono essere prevenibili e non prevenibili. Un evento avverso attribuibile ad errore è ‘’ un evento avverso prevenibile ’’

Errore

Evento avvers o


errore

Rischio clinico

Fallimento nella pianificazione e/o nella esecuzione di una sequenza di azioni che determina il mancato raggiungimento, non attribuibile al caso, dell’obiettivo desiderato.

Errore

Evento avvers o


IN ITALIA: LA MEDICINA GENERALE

Viene riconosciuta al MMG ed al PLS la funzione fondamentale di promuovere la sicurezza del paziente adottando appropriate metodologie e strumenti nella propria pratica professionale‌


E quindi ci siamo messi a lavoro… La regione Sicilia in collaborazione con le regioni Toscana e, successivamente, Veneto, e d’intesa con il Ministero della Salute ed il Gruppo di lavoro nazionale sul Rischio Clinico, hanno avviato una attività di sperimentazione finalizzata alla corretta rivelazione degli eventi avversi connessi all’attività assistenziale.


L’attività iniziata tende alla costituzione di una struttura stabile , a livello nazionale, per il monitoraggio di una tipologia di evento avverso, ancora poco segnalato dalla letteratura scientifica, e per l’individuazione e costruzione di strumenti barriera all’errore in grado di rafforzare le capacità di difesa del sistema.


Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema

QUALIFICA

MMG

78

PLS

3

Totale schede

81


• ASP : • Agrigento 12 • Caltanissetta 10 • Catania 24 • Enna 0 • Messina 1 • Palermo 0 • Ragusa 17 • Siracusa 5 • Trapani 12 • Totale schede 81


CRITICITA’ Dati siciliani esigui per: a) insufficiente tempo a disposizione (fine marzo – fine aprile) peraltro in fase di notevole incremento di carico di lavoro burocratico : oltre il solito anche : - prove di trasmissione flussi informativi - adeguamento alle norme nazionali per le esenzioni ticket per reddito - revisione periodica delle schede di start up - ripulitura liste aziendali per screening oncologici;


CRITICITA’ • b) La scheda di segnalazione presentava delle difficoltà tecniche di gestione informatizzata e di farraginosità nella compilazione anche cartacea; pur tuttavia comprende tutti i parametri valutativi da considerare per l’analisi del singolo evento. •

c) verosimile scarsa attitudine , “atavica” , a registrare e segnalare gli eventi avversi.


EVENTO ACCADUTO

DATA EVENTO • NO 23 • SI 39

Negli ultimi 2 anni più di 2 anni fa non ricordo

37 12 0


• SESSO PAZIENTE 20 • MASCHI 26 • FEMMINE


TIPOLOGIA DI EVENTO AVVERSO


DESCRIZIONE EVENTO / QUASI EVENTO


FATTORI LEGATI AL PAZIENTE


FATTORI LEGATI AGLI OPERATORI O AL SISTEMA


ESITO DELL’EVENTO • Quasi evento 33 • Grave danno

5

COME SI POTEVA PREVENIRE L’ EVENTO? Verifica attrezzature

2

Migliore comunicazione

8

Mettere per iscritto posologia e 1 modalità assunzione farmaci Condivisione di protocolli

2

Alleggerire carico burocratico

1


SONO STATE INTRAPRESE AZIONI DI MIGLIORAMENTO?

• SI • NO

13 5

QUALI? Migliore comunicazione con il pz

1

Acquisto pc

1

Maggiore attenzione

1

Terapia scritta

1


EVENTO RIPETUTO

• SI • NO

11 29


Obiettivi •Coscienza del problema da parte degli operatori sanitari •Creazione di una struttura nazionale di coordinamento •Individuazione e costruzione strumenti di barriera


Strumenti • Corretta rilevazione ed attenta registrazione degli eventi avversi occorsi durante lo svolgimento della attività clinica ed assistenziale.

• Self - audit


Ruolo del MMG

• Il MMG, per il peculiare ruolo funzionale svolto, per la visione olistica del paziente e per la percentuale di contatti avuti con l’intera popolazione, risulta essere il più diretto osservatore, e quindi registratore, delle difficoltà pratiche e gestionali incontrate dal paziente nella attuazione di qualunque programma terapeutico seguito.


Proposte • ampio coinvolgimento della Medicina Generale per la stesura e la pratica realizzazione di elementi barriera ai potenziali rischi in corso di trattamento terapeutico.


Bisogni • Ma solo questo non potrà essere sufficiente se la cultura della stretta osservanza delle regole di sicurezza non entrerà a pieno, e condiviso, titolo nel ‘’modus operandi’’ di ogni operatore che fornisce servizi di assistenza sanitaria


SOLUZIONI A) operative: - Necessaria diminuzione del carico burocratico complessivo per destinare pi첫 tempo al momento clinico della relazione con il paziente. - Assegnazione istituzionalizzata di collaboratori di studio adeguatamente formati;


SOLUZIONI B) culturali: - revisione del back ground formativo del medico - insegnamento universitario della prevenzione del rischio - allo stesso modo dell’attitudine del “ meglio prevenire che curare” si dovrà creare un MMG formato alla necessità della affidabilità delle cure.


GRAZIE PER L’ATTENZIONE Paolo Giorgianni

Paolo Giorgianni  

“Errore nella primary care”. I dati preliminari della regione Sicilia