Issuu on Google+

CASA DELLA SALUTE “Roberto Masoni” Montopoli in Val d'Arno (PI)    

Img_3603.jpg

  

Nasce nel 2010 Coinvolge 5 MMG Personale amministrativo e infermieristico del distretto Personale infermieristico e di segreteria dei medici Assistente sociale Associazionismo e 118 Struttura H12 perchè nel frattempo non si è riusciti a spostare la continuità assistenziale.


Casa della salute “Roberto Masoni” Montopoli in Val d'Arno (PI)

La nostra Casa della Salute è intitolata al Collega Roberto Masoni, prematuramente scomparso all'età di 62 anni e che era stato uno dei Medici fondatori nel lontano 1990 di una delle prime esperienze di Medicina di Gruppo. Siamo convinti che anche questa volta sarebbe stato con noi.


Casa della salute “Roberto Masoni� Montopoli in Val d'Arno (PI)


Casa della salute “Roberto Masoni” Montopoli in Val d'Arno (PI) La sperimentazione è nata grazie a:  contributi ministeriali per il miglioramento delle cure territoriali (finanziaria 2008).  alla già forte integrazione fra medici di MG, infermieri e specialisti dell’Asl.  alla forte presenza di medici che lavorano in gruppo (presenti nella ASL 22 M di Gruppo, 1 medicina in Associazione e 1 in associazione complessa e a 2 Cooperative di MG (una per Zona).  agli ottimi rapporti sindacali Fimmg-Asl.


Casa della salute “Roberto Masoni” Montopoli in Val d'Arno (PI) Superficie di 250 mq o Sede distrettuale o Servizi sociali comunali e ASL o Servizio Infermieristico territoriale o Servizi amministrativi o Medicina Generale Attigui  Sede di associazione di volontariato  Servizio 118  Continuità assistenziale


Casa della salute “Roberto Masoniâ€? Montopoli in Val d'Arno (PI) 5 Medici di Medicina Generale con 7200 assistiti 4 Infermieri Professionali dipendenti ASL di cui 1 dedicato al progetto di gestione delle cronicitĂ  (Chronic Care model per diabete, scompenso cardiaco e BPCO) 1 Infermiera P. dipendente del Gruppo dei Medici 2 Segretarie per complessive 60 ore settimanali 1 Operatore sanitario addetto alle vaccinazioni e agli Screening di prevenzione primaria. 1 Ostetrica 1 Assistente Sociale 1 Impiegata Amministrativa per alcune ore settimanali 6 Medici Specialisti (Chirurgo, Ortopedico, Neurologo, Cardiologo, Ginecologo e Chirurgo Vascolare)


Casa della salute “Roberto Masoni� Montopoli in Val d'Arno (PI)

La Medicina Generale garantisce la presenza di almeno un Medico per 12 ore giornaliere e il Sabato fino alle 10. L'integrazione del personale infermieristico distrettuale con l'operatrice dipendente dai medici lo abbiamo risolto facendo lavorare la nostra infermiera quasi esclusivamente in studio, gli infermieri del distretto prevalentemente sul territorio.


Casa della salute “Roberto Masoni” Montopoli in Val d'Arno (PI) I Medici, oltre al normale svolgimento della loro attività di diagnosi e cura partecipano: 1) alle campagne vaccinali nei soggetti a rischio per influenza e pneumococco e alle sedute vaccinali obbligatorie della ASL insieme all'Infermiere dedicato a tale attività. 2) Alla supervisione della gestione integrata delle patologie croniche secondi il modello del Chronic care Model (BPCO, Diabete mellito tipo 2 e scompenso cardiaco), facendo invitare i pazienti a controlli e visite periodiche gestite da personale infermieristico, appositamente formato, forniti dalla ASL . 3) allo screening sulla popolazione sana invitando i pazienti a sottoporsi a controlli periodici per sangue occulto feci, pap test e mammografia.


Casa della salute “Roberto Masoni� Montopoli in Val d'Arno (PI) Le Segretarie, oltre a lavorare per i Medici del Gruppo ricevendo e registrando le chiamate dei pazienti, grazie a un accordo con la ASL, gestiscono anche funzioni amministrative delegate e gestiscono l'accesso al CUP per tutti i cittadini del Distretto (ca 11000 persone). La ricezione di documentazione per il rilascio delle esenzioni Ticket. Durante le sedute specialistiche, oltre a gestire il corretto afflusso agli studi si occupano anche di riscossione del Ticket.


Casa della salute “Roberto Masoni� Montopoli in Val d'Arno (PI)

Le Segretarie hanno preso appuntamenti per tutti gli ambulatori medici (800 a settimana) Hanno stampato 20.000 ricette di prescrizioni continuative e esami periodici Hanno preso appuntamenti tramite collegamento al CUP aziendale per oltre 3000 persone (in questo caso per tutti i cittadini del Comune)


Casa della salute “Roberto Masoni” Montopoli in Val d'Arno (PI) RACCORDO FRA I MEDICI E LA ASL è il REFERENTE DEL GRUPPO. Scelto autonomamente dai medici per gestire i rapporti con la ASL e con i vari operatori del gruppo di lavoro. Questa figura si deve sobbarcare di un onere extralavorativo non indifferente. In media tre ore settimanali del suo tempo è impiegato in riunioni per l'organizzazione del lavoro suo e degli altri. E' altresì vero anche che da quando si fanno tali riunioni non abbiamo più avuto problemi coi servizi infermieristici e si è instaurato un ottimo rapporto di collaborazione anche coi servizi sociali.


Casa della salute “Roberto Masoniâ€? Montopoli in Val d'Arno (PI) DATABASE Per poter avere tutto questo è stato necessario prima di tutto avere un database in comune gestito da un server a cui tutti gli studi, dotati di stazioni client, si collegano e consentire a tutti gli operatori di potervi accedere. Questo ha comportato la risoluzione di tutta una serie di problemi


Cosa abbiamo fatto    

 

Uniformità nella raccolta e registrazione dei dati Tracciabilità dei dati (chi li ha inseriti e come) Tabellazione dei problemi, accertamenti e terapie Per avere la possibilità di estrazione e elaborazione dei dati registrati Creazione di registri di patologia Raccolta consenso informato


Come ci siamo preparati 

Riunioni preparatorie (4 di due ore ciascuna) in cui tutti gli operatori: (5 medici, l’infermiera dei medici, 3 infermieri del modulo e 2 segretarie) hanno letto il progetto e hanno individuato i percorsi e i ruoli. Accesso al database gestionale condiviso per tutto il personale non dimenticando la tracciabilità e facendo in modo che ognuno usasse gli stessi termini e metodi di archiviazione dei dati. Raccolta del consenso informato.


Casa della salute “Roberto Masoni” Montopoli in Val d'Arno (PI) DATI DI ATTIVITA' 2011 Nell’anno 2011 abbiamo avuto circa 70000 accessi che divisi per 260 giorni di attività fanno circa 268 accessi al giorno. In questi accessi sono comprese ca 1200 accessi programmati per non ambulabili e circa 4800 visite domiciliari. Ho voluto confrontare queste cifre con quelle dell’anno 2001 ed ho trovato un aumento del carico di lavoro del 67%!!


MOVIMENTO PAZIENTI ANNO 2011 MOVIMENTO PAZIENTI ANNO 2011 Medico Santoli Caciagli Biondi Rinaldi Cinini Assistiti 1537 1538 1152 1545 1243 Rinaldi 17 25 20 10393 42 Biondi 13 44 8903 37 8 Cinini 27 27 22 122 11050 Santoli 13363 78 120 83 23 Caciagli 71 13959 20 61 23 Infermieri distretto 429 463 159 276 204 Infermiera medici 231 348 136 376 281 Sostituta 255 206 29 1250 251 Segretarie 3026 2879 786 5368 2272


100000

MOVIMENTO PAZIENTI 10393

10000

8903

11050

13363

13959 5368 23 80 72 96 2272 1250

1000

786 44 62 39

122

100 42 25 20 17 10

44 37

27 22

120 78 38

276 204 159

33 74 68 281 231

S a n t o li C a c ia g li

2 5 15 206

B io n d i

136

R in a ld i

71 61

23

23 20

S a n t o li

C a c ia g li

C in in i 29

13 8

1 A s s is t it i

R in a ld i

B io n d i

C in in i

I n f e rm ie ri d is t re t t o

I n f e rm ie ra m e d ic i

S o s t it u t a

S e g re t a rie


Casa della salute “Roberto Masoni” Montopoli in Val d'Arno (PI) L'esecuzione di 70.000 visite, se raffrontato al numero degli assistiti in carico ai medici del gruppo (7000) porta ad oltre 10 contatti l’anno per paziente. Le visite domiciliari sono state circa 5000 e di queste circa 1000 in ADI o ADP che è l’assistenza dedicate alle persone che per malattia non possono frequentare gli ambulatori e vengono seguite periodicamente al loro domicilio con l’aiuto di personale infermieristico e spesso con l’integrazione con operatori dipendenti dai servizi sociali.


Considerazioni finali 

La nostra è un’esperienza partita da poco più di 18 mesi, quindi, anche volendo non siamo in grado e non ci sembra il momento dei bilanci. Però ci stiamo chiedendo se oltre alla migliore accessibilità riusciremo a migliorare la qualità delle cure, L’analisi preliminare sulla gestione del diabete mellito di tipo 2 sono incoraggianti.


Considerazioni finali o I dati qualitativi preliminari sono incoraggianti. o In ogni caso la professionalità con cui hanno lavorato tutti gli operatori e l’entusiastica risposta che hanno dato i pazienti ci fa sperare che la sperimentazione sia positiva e possa essere estesa a tutti gli altri medici del distretto


Grazie per l’attenzione


Caciagli plenaria