Issuu on Google+

Siamo su internet all’indirizzo www.informatorepopolare.it

PERIODICO D’INFORMAZIONE POLITICA, CRONACA, CULTURA E SPORT DELL’ISOLA DI CAPRI ANNO XII N.6 del 18 febbraio 2013


Lettera di precisazione dell’Ascom Capri

Solo qualche breve considerazione sullo scritto, apparso sul numero di domenica scorsa dell'Informatore Popolare a firma del Capogruppo consiliare "Per Capri" signora De Pascale e presentato come replica ad una nostra precedente nota sulle aperture e chiusure dei pubblici esercizi nel periodo invernale.

Lavori in corso

Non si tratta affatto di una replica; la nostra nota estremamente lineare e chiara, peraltro su uno specifico e circostanziato argomento, non contiene alcun elemento che giustifichi la sequela di affermazioni gratuite e personali che, ci piacerebbe sapere con quali obiettivi, la De Pascale manifesta nei confronti dell'Ascom e dei propri Associati; si tratta di giudizi di merito sull' Associazione in quanto tale, offensivi e screditanti, di cui in ogni caso ci auguriamo la Signora voglia darcene conto.

2

È' un palese controsenso dichiarare che l'obiettivo è quello di voler "aprire un dibattito" coinvolgendo un'Associazione della quale ella stessa non ha evidentemente alcuna stima e considerazione. A nostro avviso, il suo modo di porsi serve solo ad invelenire il clima per non giungere a nessun tipo di risultato se non quello di lasciare le cose come stanno. Piuttosto che poco "accorta" ci sembra che la Consigliera aveva intenzione, a prescindere, di manifestare pubblicamente quelle che sono sue personali convinzioni; l'ha fatto; era certamente libera di farlo; riteniamo però scorretto che per farlo abbia inteso prendere a pretesto una specifica questione, mistificando e falsando il contenuto di una nostra nota. Parole in libertà sono una caratteristica che troppi di coloro che “fanno politica", presuntuosamente credono appartenga alla funzione. Nello specifico della questione "aperture/chiusure dei pubblici esercizi" abbiamo affermato che esiste un regolamento che le disciplina durante la stagione invernale; che esso non viene rispettato in toto da parte di qualche esercente, associato o meno che sia; che questa situazione si trascina da anni; se casi del genere si verificano, è anche perché non si vogliono attivare i previsti ed opportuni controlli che stroncherebbero sul nascere simili situazioni. Da qui, è più che evidente


che non esiste nesso logico con i giudizi in libertà espressi nei confronti dell'Associazione, quali: gli Associati non sono interessati al buon andamento dell'Associazione; non c'è alcuna forma di collaborazione tra l'Associazione e le istituzioni; l'Ascom è un'Associazione a “metà”, impotente sia nei confronti degli Associati che delle istituzioni e così di seguito. L' Ascom è un' Associazione di categoria alla quale ciascuno liberamente, e quindi solamente se intende farlo, aderisce; la De Pascale lasci pertanto agli Associati che ne fanno parte e agli Organi direttivi che li rappresentano, decidere sulla gestione interna, sul comportamento degli Associati, sul modo di rapportarsi con le istituzioni locali e quant'altro. Lei invece ricopra in maniera seria ed esaustiva il suo ruolo di rappresentante dei cittadini e accetti il consiglio che già ci siamo permessi di darle e che le riproponiamo; sulla questione specifica, si attivi per chiarire i motivi e le responsabilità che impediscono che un semplice regolamento comunale non venga rispettato; questo rientra nelle sue prerogative e responsabilità di rappresentanza. Avrebbe già dovuto farlo e non attendere, come afferma, di aver a suo modo chiara, la posizione dell'Ascom. Augurandoci di non dover più ritornare sull'argomento, cogliamo occasione per inviare i nostri cordiali saluti. Ascom Capri

I cani e le forme di maltrattamenti, abusi e cattiva gestione

Gent.mo Direttore, spesso sulla stampa o in rete leggia-

Lavori in corso

mo con giusto sdegno dei maltrattamenti o della violenza sugli animali. Spesso di tratta di violenza di gente ignorante, altre volte c'è un vero e proprio sfruttamento e traffico di queste bestiole. C'è però un'altra forma di maltrattamento, di abuso, di cattiva gestione dei propri animali domestici. Si tratta di quello perpetrato da persone che posseggono per esempio un cane e non hanno la capacità - o più spesso la voglia - di gestirlo. Così magari lo lasciano ore ed ore in giardino o fuori ad un terrazzo, da solo senza fregarsene del fatto che la bestia, non addestrata e neanche educata, passi il tempo ad abbaiare rovinando la quiete della zona e la giornata degli sfortunati vicini. Anche a Capri, come purtroppo nella mia zona (matermania-arco naturale-dentecala), vige questo malcostume. E spesso proprio le zone che dovrebbero risultare più tranquille sono quelle più colpite. Il menefreghismo di queste persone è tanto più odioso perchè da un lato espongono il proprio cane ("uno di famiglia") alla possibile violenza di gente più incivile di loro per cui si leggono quelle orribili notizie di cui sopra, dall'altro - come nel caso di Matermania - approfittano della natura di gente perbene che neanche ipotizza una cattiva azione nei confronti di un animale in fondo incosciente ed innocente. Una volta passata la stagione invernale in cui si sta più in casa con le finestre chiuse, il problema si ripresenta coi primi caldi, ma i nostri improvvisati "cinofili" non se ne danno per intesi; probabilmente anche quest'anno lasceranno che i propri cani turberanno la quiete ed il sonno del prossimo. Magari contando sul fatto che le proprie vittime sono persone più civili di loro. Lettera firmata

3

*** Queste pagine sono a disposizione dei cittadini, dei movimenti e delle associazioni, per gli interventi, le lettere, i dibattiti, le interviste, i programmi, per aiutare i capresi ad orientarsi sui problemi presenti e futuri di Capri e per giungere alla scelta del nuovo Sindaco e della nuova amministrazione. Volete commentare gli interventi pubblicati questa settimana? Volete approfondire una nuova tematica? Volete dire la vostra su argomenti di stretta attualità? Per contattare la redazione potete scrivere a redazione@caprinews.it. Si pubblicano soltanto lettere o comunicati che ci pervengono rigorosamente firmati: non accettiamo lettere anonime ma comunque garantiamo la pubblicazione senza firma nel caso in cui ci venga richiesto dall’autore. Il contenuto degli interventi è libero e non necessariamente rispecchia la linea editoriale e il pensiero del giornale.


Muore in eliambulanza, aperta un’inchiesta. Aria di Capri Le accuse dei familiari

La magistratura indaga su un possibile caso di malasanità. I familiari di una donna di 63 anni di Anacapri, Anna Mucciariello, affetta dalle complicazioni di una grave forma di psoriasi che le aveva provocato una serie di piaghe squamose su tutto il corpo, deceduta domenica scorsa mentre veniva trasportata in eliambulanza da Capri a Napoli, hanno presentato una denuncia al commissariato di polizia di Capri. I parenti della signora, nella denuncia presentata, parlano di ''gravi inadempienze'' da parte dei sanitari che in un primo intervento, avvenuto il 3 febbraio con carenza di liquidi, febbre alta e forti dolori al pronto soccorso dell'ospedale Capilupi, avevano ritenuto di non dover ricoverare la loro congiunta nel reparto degenze ma avevano deciso di rimandarla a casa consigliandone il ricovero in una struttura specializzata. Nell'arco della settimana le condizioni della donna erano peggiorate e il 10 febbraio con un intervento del 118 la 63enne era stata riportata al Capilupi, per essere assistita dai medici di turno che avevano constatato lo stato comatoso ed essere immediatamente trasferita in elicottero all'ospedale Cardarelli di Napoli. La donna è deceduta in volo durante il trasporto. Da qui la denuncia dei parenti, presentata negli uffici del commissariato di Capri in via Roma. La magistratura ha aperto un’inchiesta e la salma è stata sequestrata su disposizione dell’autorità giudiziaria per gli accertamenti del caso. Un nipote della signora, che ha contattato la nostra redazione, è molto duro: “La signora è stata abbandonata. Poteva essere salvata e invece le è stato perfino negato il ricovero in quanto, a detta del personale del Capilupi, avremmo dovuto noi parenti provvedere a reperire un centro specializzato. Ci abbiamo provato ma non ci siamo riusciti. Di psoriasi non si muore e invece la donna è morta”. Resta un giallo il motivo per il quale la 63enne è stata mandata via dall’ospedale di Capri la sera del 3 febbraio dopo le prime cure.

“Ci è stato detto - continua il nipote che non poteva essere portata in reparto perché la struttura non era attrezzata e perché c’era il rischio di contagio per altri pazienti e soprattutto per i bambini. Eppure la psoriasi non è una malattia infettiva. Siamo stati quindi costretti a riportarla a casa, sebbene nelle condizioni in cui si trovava era proibitivo muoverla. L’abbiamo affidata alle cure del medico di famiglia e abbiamo cercato invano un centro specializzato a terraferma dove poterla trasferire”. Nei giorni successivi alle dimissioni, si è verificato un brusco aggravamento delle condizioni. Nella mattina di domenica 10 febbraio i parenti l’hanno riportata al pronto soccorso dove è giunta in gravissime condizioni. Al Capilupi è stata rianimata e intubata e sono state subito avviate le procedure per il trasferimento in elicottero al Cardarelli. Ma all’ospedale napoletano è giunta ormai priva di vita. Secondo i familiari, “esistono grosse responsabilità ed inequivocabili superficialità ed imperizia”. Sul caso farà luce l’inchiesta avviata dalla magistratura che ha disposto il sequestro della salma. Le cause del decesso saranno chiarite dall’esame autoptico.

4

Imu: un salasso per i capresi! Capri quarta località più cara d’Italia

Imu: stangata prima casa, Capri è il quarto comne d'Italia nella speciale classifica dei centri più cari. Chi ha pagato mediamente di piu' per l'Imu sulla prima casa sono i cittadini residenti a Portofino, con ben 1.030 euro per abitazione. Tra seconda casa e altri immobili, poi, la media sale fino a 1.761,29 euro. Chi, invece, ha pagato mediamente di meno per l'Imu sono i cittadini di Zerfaliu nell'oristanese con soli 16,14 euro. Sono alcune delle curiosita' verificabili nella distribuzione per Comune dei versamenti Imu, fornita dal Mef (Ministero dell'Economia e delle Finanze). Tra i comuni italiani dove si paga piu' Imu sulla prima casa, dopo la cifra record di Portofino, seguono a debita distanza Pecetto Torinese con una media di 687,26 euro, seguita da Forte Dei Marmi con 643,31 euro, Capri al quarto posto in Italia (e primo in Campania) con 610,95 euro in media per immobile, Casamicciola Terme ad Ischia con 609,76 euro, Courmayer con 599,74 euro, Formello alle porte di Roma con 576,06 euro, Siena con 567 euro e Roma con 537 euro.

Pappagalli senza certificazione, negoziante denunciato

Vendeva pappagalli senza essere in possesso delle relative certificazioni di provenienza. Un commerciante di Capri è stato denunciato dagli agenti del commissariato di polizia a conclusione di accertamenti avviati in sinergia con il corpo forestale. Il negoziante deve rispondere del reato di falso in quanto, secondo i poliziotti, i documenti attestanti la provenienza dei volatili, previsti per legge, in possesso del commerciante, erano discordanti rispetto a quelli forniti dalle società di trasporto. La denuncia si va ad aggiungere ad una sanzione amministrativa comminata la scorsa estate per violazione della normativa prevista dal Cites.


Il 3D sbarca sul digitale 5 terrestre di Telecapri: nuovo Aria di Capri primato per la tv dei faraglioni

Nuovi primati per la tv dei faraglioni. Dopo lo storico passaggio alla tecnica di trasmissione in digitale terrestre, TeleCapri, leader storica in Auditel in Campania e tra le prime Tv locali in Italia, ha avviato un graduale percorso di sviluppo diviso su due binari: miglioramento qualitativo del palinsesto e innovazione tecnologica grazie al nuovo sistema di trasmissione. Sul primo, sono già entrati a far parte della corposa cineteca dell’emittente caprese numerose pellicole, le più gettonate dal genere drammatico a quello comico, con successi già accreditati negli ultimi quattro anni. Sul versante tecnologico, dopo importanti studi e pianificazioni strategiche, è di questi gioni la notizia dell’avvio ufficiale su TeleCapri e su altri canali del proprio multiplex della sperimentazione delle trasmissioni in tecnica 3D, ossia di immagini tridimensionali. Grazie ad un sistema innovativo ed unico nel suo genere messo a punto dall’ingegnere Pietrangelo Gregorio, storico esperto del settore televisivo già noto dai tempi della tv via cavo, dall’introduzione della stereofonia fino ai giorni nostri, la visione in tre dimensioni potrà essere possibile sui televisori di nuova generazione già predisposti per il 3D

oppure sugli apparecchi tradizionali grazie all’utilizzo dei classici occhialini in plastica blu e rosso.

Sono in corso, inoltre, accordi con negozi di elettronica di consumo per la distribuzione degli occhialini per la visione in 3D sui televisori che non supportano tale tecnologia. Con questa importante novità sul piano tecnologico TeleCapri vuole, non solo confermare, ma rafforzare la sua posizione di leader storica nel panorama televisivo locale offrendo qualità e innovazione assolutamente incomparabili sul piano concorrenziale. Una novità che a breve comporterà importanti sviluppi nel già ricco palinsesto. Al momento i programmi-test sono visibili tutti i giorni dalle 8:30 alle 9.00 e dalle 10:30 alle 11:00. Dal 5 febbraio TeleCapri è visibile sul n. 17 del telecomando (LCN). Per rendere effettiva la visione su questa posizione è necessario risintonizzare il proprio decoder-tv.


6 Omicidio di Stefano Federico, in aula il marittimo Aria di Capri che aveva assistito al pestaggio

Importante deposizione al processo per il decesso di Stefano Federico, il 32enne di Capri ucciso due anni fa nell’area portuale di Napoli per la cui morte sono imputati 4 vigilantes. Nei giorni scorsi è sfilato in aula il principale teste dell’accusa, un marittimo che il 6 gennaio 2011 dal ponte della nave sulla quale lavorava aveva assistito alle fasi del pestaggio. Fu grazie al racconto del marittimo e ai successivi riscontri avuti con le intercettazioni telefoniche a ambientali che la Polizia riuscì a chiudere le indagini con l’arresto dei 4 vigilantes. Ha giurato di aver visto quelle persone accanirsi su Stefano con inaudita violenza (elemento suffragato anche dalle registrazioni dell’impianto di videosorveglianza). Molto preciso sui fatti, non altrettanto però sulle persone. Il teste, intervenendo in corte d’assise, nel confermare quanto già verbalizzato alla polizia giudiziaria ha riferito di non aver saputo all’epoca identificare gli autori dell’aggressione e di non saperli riconoscere nemmeno oggi. I 4 sono accusati di omicidio preterintenzionale in concorso. Nelle prosime udienze verranno sentiti i consulenti della parte civile e della Procura. Quindi a mrzo la parola agli imputati e poi le conclusioni.

Carrelli elettrici: raffica di controlli e di multe

Carrelli elettrici, task-force dei vigili urbani. Nei giorni scorsi, di buon mattino, la polizia municipale di Capri è stata protagonista di una serie di massicci controlli ai veicoli elettrici in circolazione nelle stradine capresi. Fermati decine di carrelli, identificati i conducenti, verificati il possesso dei requisiti, delle autorizzazioni e dei libretti di circolazione. Numerose le sanzioni amministrative elevate per violazioni varie.

Manifestazione pro-Unicef ad Anacapri

Domenica scorsa ad Anacapri, in Piazza Cerio, è stato allestito il Gazebo dell’Uunicef per supportare l’iniziativa, svolta a livello nazionale, “#iovotoperibambini”. L’iniziativa mirava alla sensibilizzazione rispetto alle tematiche di interesse generale a favore dei bambini. Gli interessati avevano davanti una scheda sulla quale scegliere tra dieci tematiche di interventi a favore dei bambini tre opzioni, le quali idealmente saranno sottoposte al prossimo governo proprio per sensibilizzare a scelte di

indirizzo politico che tengano presente gli adolescenti, i bambini ed i loro rispettivi diritti. Da parte dei promotori un ringraziamento a tutti coloro che hanno collaborato all’allestimento del gazebo. Un ringraziamento ad Andrea e Pietro che hanno prestato il gazebo. Un grazie ai volontari che si sono alternati durante la giornata per raccogliere le proposte dei cittadini, Silvia, Salvatore L., Luca, Salvatore M., Gustavo, Fabio, ed a tutti coloro che in un modo o in un altro con la permanenza e l’azione più o meno duratura hanno comunque tenuto compagnia i presenti nell’arco dell’intera domenica. Infine un ringraziamento speciale a Mirella, Aldo e Gennaro rispettivamente per il caffè ed il the offerto per tenere i partecipanti al caldo in una giornata decisamente fredda ed iniziata all’insegna della neve sul Solaro e per l’assistenza materiale a tutte le nostre piccole problematiche. Questa è la bellezza di queste iniziative; il senso della coralità che più spesso dovremmo percepire e perseguire. In fondo un paese vive dell’insieme di tante piccole cellule che solo unite e salde riescono a mettere in piedi ed a far vivere un corpo. E’ nelle piccole cose, talvolta le più insignificanti, che si riscopre il valore dell’essenza, del nostro senso della vita e della necessità che abbiamo tutti di vivere per noi stessi nella dimensione del dono agli altri.


L’amministrazione sta 7 facendo di tutto per perdere Aria di Capri definitivamente il mercatino

Che ne sarà di quello che fu il mercatino comunale di piazza Martiri d’Ungheria? Impossibile dirlo. L’amministrazione comunale di Capri e in particolare il Sindaco Ciro Lembo hanno avuto l’abilità di smantellare un importante mercato, punto di riferimento per le massaie capresi. Dopo aver tentato di percorrere varie strade, dalla realizzazione di uffici pubblici alla costruzione di un centro commerciale attraverso il sistema del project financing, adesso gli amministratori stanno pensando di destinare quei locali interrati ad attività commerciali di vario genere stravolgendo completamente il ruolo storico del mercatino. Riusciranno i nostri “eroi” nella loro gloriosa impresa? Ai posteri l’ardua sentenza. Quel che è certo è che stanno facendo di tutto per perdere definitivamente il mercatino comunale.

Alpinismo e Faraglioni al Centro Cerio

Si terrà quest’oggi, domenica 17 febbraio, alle ore 10.00, presso la sala conferenze del Centro Caprense Ignazio Cerio, il nuovo appuntamento con il Salotto Caprese, musica cultura e… cose di Capri, promosso dall’Assessorato alla Cultura e al Turismo della Città di Capri in collaborazione con il Centro Caprense Ignazio Cerio. Questo salotto sarà dedicato ad una immagine davvero inedita, tra le tante rappresentate, dell’isola: quella dell’alpinismo, che si è sviluppato sulle sue rocce da almeno un secolo. Attraverso l’ausilio di un documentario il professore Luigi Ferranti, geologo in forza all’Università degli Studi di Napoli Federico II, e Franco Del Franco, editore ed appassionato di alpinismo dolomitico,

dipaneranno il filo tessuto da generazioni di alpinisti che fecero delle pareti, guglie e faraglioni di Capri una “palestra di arrampicamento” per più memorabili imprese sulle Alpi. Una immagine che continua anche ai nostri giorni, ma nel solco tracciato dai rocciatori che si chiamarono “Gruppo delle Lucertole Azzurre”: questo perché per varie ragioni Capri non è stata toccata dallo sviluppo di forme di arrampicata di massa oggi diffuse anche in Campania, e resta dunque un luogo privilegiato per la conoscenza e la pratica e dell’Alpinismo. Nella seconda parte il prof. Filippo Barattolo, professore ordinario di Paleontologia presso l’Università degli studi di Napoli Federico II, parlerà dei Faraglioni di Capri. Ad accompagnare in musica questo salotto saranno le note della chitarra di Rosaria De Gregorio.

Via Caprile n. 24 - Anacapri Per contatti cell. 331.1027251


10 febbraio 2013. La neve ad Anacapri. Cartoline da una Capri imbiancata negli scatti di Massimo Paturzo (sopra) e Gianni Catuogno (sotto)


Maltempo: si fa la conta 10 dei danni, fulmine colpisce Cronaca il Faro di Punta Carena

cazione è stata che bisognava trovare il *** guasto, poi cercare il trasformatore da Pellegrinaggio in pullman da sostituire e la relativa manutenzione da Capri al santuario mariano di fare. Medjugorje dal 15 al 20 marzo La cosa che più innervosisce, a noi abitanti della zona, è che capita molto spesso 2013 in occasione del messaggio straordinario annuale a Mjriana di non avere la luce se non dopo almeno 10 ore dalla fine del temporale, quando del 18 marzo 2013. Al ritorno celeormai il sole splende dopo la tempesta.E brazione dell'eucarestia al santuacapita persino quando il temporale non rio mariano di Loreto (Santa c'è. Casa) Per informazioni e adesioni Può compredere tutti i disagi provati ,al contattare Gianfranco al di la della mancanza di luce, come per esempio la mancanza di riscaldamento in 3293855754 o al 0818378246 (ore una sera in cui il mio bimbo piccolo pasti) aveva la febbre e necessitava anche di Medjugorje, messaggio fare l'aerosol (che abbiamo sospeso per del 2 febbraio 2013 (Mirjana) un giorno intero), il deterioramento del Cari figli, l’amore mi porta a voi, cibo in frigo e nei freezer, il cattivo funzionamento degli elettrodomestici sempre l’amore che desidero insegnare soggetti ad attacca e stacca, la scarsità di anche a voi, il vero amore, l’amore acqua calda dopo ore in cui gli scaldaba- che vi ha mostrato mio Figlio quangni sono spenti. do è morto sulla croce per amore Siamo stanchi e chiediamo di finirla con verso di voi. L’amore è sempre pronquesti piccoli soprusi anche nelle nostre to a perdonare e chiedere perdono; case dove la puntualità della lettura dei quanto è grande il vostro amore? Il contatori e della consegna delle esose mio cuore materno e’ afflitto mentre bollette sono opposte alla qualità del serContinui disservizi vizio e al ritardo nel ripare i danni. cerca l’amore nei vostri cuori, voi in via Migliera Subiamo da questa, a tutti nota,società non siete pronti per amore a sottoGentilissimo Direttore, che eroga enerigia sull'isola ,da troppi mettere la vostra volontà alla volontà desidero approfittare, se Lei me lo conpunti di vista:sulle strade con il servizio di Dio! Non mi potete aiutare affinsentirà, del Suo spazio ai cittadini per evi- pubblico, sull'erogazione della corrente, ché chi non conosce l’amore di Dio denziare un costante disservizio che noi sull'aumento delle tariffe e sull'inquinalo conosca, perché voi non avete il abitanti di Via Migliera di Anacapri rice- mento che sta distruggendo anche la viamo. Com'è a tutti noto, il 13 febbraio, nostra salute.Non ci vengono fatti sconti vero amore. Consacrate i vostri cuori nel pomeriggio, l'isola è stata colpita da di nessun genere e pur comprendendo che io vi guiderò. Vi insegnerò a perdoun , seppur breve, intenso temporale, con qui la zona è soggetta a maggiori guasti a nare, ad amare i nemici, e vivere grandine, lampi e tuoni. Ovviamente, causa della presenza di tanti alberi, chiecome anche nei casi di più leggere pertur- diamo efficienza nella riparazione ed ade- secondo mio Figlio. Non abbiate paura per voi stessi. Mio Figlio non bazioni, va via la corrente dopo una scari- guamento e modernità della linea. ca in tutta Anacapri.La cosa era prevediPer il momento mi resta una preghiera da si scorda di coloro che amano quanbile ed accettabile. Però, verso le 19 dalla rivolgere al Signore affinchè eviti che l'i- do sono nelle difficoltà. Sarò accanto mia finestra cominciavo a vedere che sola di Capri sia battuta da temporali e a voi, pregherò il Padre Celeste pian piano varie zone del comune di che resti tutto l'anno l'isola del sole che affinché vi illumini con la luce delsopra cominciavano a rillimuninarsi, anche io amo tanto. l’eterna verità e amore. Pregate per i aspettando fiduciosa che prima o poi La ringrazio per il Suo tempo e per la Sua vostri pastori perché attraverso la anche da noi tornasse la luce. Cosa che è attenzione e Le porgo i miei più preghiera vi possano guidare nell’aaccaduta solo dopo 18 ore( esattamente Cordiali saluti alle 12 e 15 del 14 febbraio). La giustifiS.F., una abitante della Migliera more. Vi ringrazio. Danni e disagi per l’ondata di maltempo che a più riprese ha interessato l’isola nelle ultime due settimane. Ad Anacapri, il 7 febbraio, un fulmine ha colpito il Faro di Punta Carena provocando un black-out e un principio di incendio. Sono intervenuti nel cuore della notte i vigili del fuoco e la polizia. Molta paura per quanto accaduto: al buio l’intera struttura. Altri problemi si sono verificati nella serata del 13 febbraio quando un temporale, accompagnato da forti scariche elettriche e da una violenta grandinata, ha colpito l’isola. Anche in questo caso i disagi maggiori si sono verificati ad Anacapri: tamponamenti e incidenti a catena sulle strade ghiacciate rese scivolose dai chicchi di grandine, black-out elettrici in varie zone. Problemi anche all’illuminazione pubblica che in alcune aree dell’isola è andata in tilt così come la rete della telefonia sia fissa che mobile che ha subìto grossi disservizi. Super lavoro per i tecnici delle varie aziende che hanno lavorato a lungo per riparare i guasti.


Educazione, istruzione 11 e addestramento del cane Cronaca (seconda parte)

Gentili lettori, nella prima parte del precedente articolo ho citato volutamente, soltanto alcune delle principali leggi riguardanti la cinofilia e lascio affrontare questa materia ben più complessa ad esperti avvocati. Da quanto espresso finora possiamo dedurre che educare e possedere un animale non è esclusivamente un gioco o un piacere. La figura professionale dell’istruttore cinofilo nasce con la legge quadro 21 dicembre 1978, n. 845 proprio per qualificare questo lavoro, eliminare le vio-

lenze, l’improvvisazione e l’abusivismo di tutti coloro che si cimentano in tale professione senza possedere le competenze e il titolo richiesto dalla legge. Nel nostro Comune possiamo assistere a strade imbrattate di feci, vie che emettono odori nauseabondi, cani che in estate nelle ore serali passeggiano liberi sulla spiaggia pubblica (con conseguenti problemi igienico-sanitari

dovuti alle feci, alle urine e ai parassiti), cani che corrono liberi nella nostra famosa piazza e soprattutto nelle vie secondarie, padroni che abitualmente non raccolgono le feci, persone che hanno paura di passeggiare, correre nei parchi o di percorrere alcune strade! Senza dimenticare che ogni anno molte persone e bambini indifesi vengono aggredite da animali (a causa del mancato e adeguato addestramento). Per mia diretta esperienza, le frasi più comuni con cui si difendono i proprietari degli animali aggressivi sono: “il mio cane è bravo, il mio cane non morde, se il mio cane ti ha morso vuol dire che sei stato tu ad avergli fatto qualcosa, ecc”. Per quanto possa sembrare ovvio a tutti, vorrei precisare che non è possibile condurre al guinzaglio un cane di media e grossa taglia o addirittura più cani contemporaneamente, se il conduttore del cane è un bambino, una donna o un uomo esile (purché non siano stati preventivamente educati da persone competenti). Ricordo che i cani di grande taglia possono arrivare a pesare oltre 80 Kg e occorre una notevole forza per condurli al guinzaglio, soprattutto quando vedono un gatto o quando repentinamente diventano aggressivi con cose e persone! Voglio ricordare che qualche anno fa 2 cani di media taglia condotti al guinzaglio e senza museruola, sono sfuggiti alla dog-sitter uccidendo un noto gatto situato vicino l’Hotel Esperia. Proprio per questo, ribadisco l'importanza di esperienza e competenza di un conduttore o di un dog-sitter. Non oso immaginare se al posto di quel povero gatto,

il cane avesse voluto aggredire un bambino, un disabile o una signora di anziana età!! L’atto di condurre al guinzaglio un cane e camminare per strada tra innumerevoli stimoli è di per se un atto educativo! Infine voglio precisare che anche i proprietari di cani di piccola taglia dovrebbero far addestrare il proprio animale, perchè generalmente queste razze (se educate male) sono le più irrequiete, aggressive e dominanti, e talvolta vanno ad infastidire e a provocare i cani più grandi. Vista l’importanza degli argomenti trattati e ricordando che anche Capri è un pezzo d’Italia, spero di sensibilizzare tutti i lettori e anche l’amministrazione comunale affinché si sorvegli, si denunci e si prendano i giusti provvedimenti in merito. Vorrei concludere proponendo di collaborare professionalmente per il Comune e di addestrare tutti i cani che vivono sul territorio. Prendo spunto dalle parole della Prof.ssa Anita De Pascale che in più occasioni ha chiesto al Comune, di adibire le aree totalmente abbandonate e incustodite da decenni ai bambini, costruendo parchi per giocare. Sarebbe fantastico vedere bambini e cani addestrati giocare armoniosamente in uno spazio dedicato al loro bisogno istruttivo e sociale, di correre, camminare, saltare, strisciare e di stare all'aria aperta (ovviamente sotto il mio occhio vigile e dei genitori). Mi piacerebbe offrire le mie competenze e dare un'interessante svolta educativa ed innovativa alla nostra isola, magari lavorando in un piccolo spazio comunale dove poter educare i cani con esercizi di socializzazione, di gioco e di apprendimento. Resto a disposizione di tutti gli abitanti. Giovanni De Martino Istruttore Cinofilo Professionista contatto cellulare: 349-32-54-435 contatto e.mail: capri.dogschool@libero.it


12 Il racconto di Maria Astarita: Eventi a Capri Antichi mestieri

Tralasciando i mestieri che sopravvivono tuttora e ,anzi, stanno prendendo piede visti i tempi che corrono, c’è stato u n ritorno a coltivare la terra, un dedicarsi speranzoso alla produzione di vino, olio, o alla pesca, è giusto ricordare quanta importanza hanno avuto nella nostra cultura mestieri ormai scomparsi . Ma più che di mestieri si trattava di arti manuali tramandate da padre in figlio ed esercitate quotidianamente per trarne lucro, proprio il caso di dire ‘’impara l’arte e non metterla da parte’’. Ad ogni epoca i suoi mestieri : gli ambulanti venditori di generi alimentari , i cenciaioli, i saltimbanchi, i cantastorie , i suonatori fanno parte della nostra storia col loro girovagare ce li siamo ritrovati a far da contor no a storie romantiche e avventurose . All’occhio più attento non sfuggono tracce di antichi mestieri esercitati da infaticabili ed onesti lavoratori, attività oggi, impensabili , basta una passeggiata in aperta campagna ed ammirare le ultime ‘’mura a secco’. Con la sola forza delle braccia,le pietre’’vive’’ ,con un sapiente gioco di incastri servivano ad erigere mura di cinta per delimitare proprietà come uliveti e vigneti, a difesa di greggi altrimenti sull’orlo di pericolosi dirupi opere tenaci, intoccate dal trascorrere del tempo. Fino a pochi anni fa era facile imbattersi in un pastore, al secolo Natale, e le sue pecore che pascolavano felici tra appetitosi cespugli e siepi erbose: scomparso l’ultimo dei pastori, è venuta a mancare un’attività salutare e redditizia come la produzione di latte , caciotte e formaggi,oggi non restano che pochi esemplari di capre, montoni inselvatichiti, impegnati in scorribande libere su ripide scogliere.Una volta alla base dell’attività edilizia era trasformare le pietre calcaree in calce , un lavoro, peraltro massacrante, ora le vecchie calcare, pregne del la fatica , del sudore dei nostri antenati, sono solo dei ruderi sparsi qui e là. La tessitura della seta è forse l’arte più antica che ci riguarda ,risale all’epoca angioina, molti capresi si dedicarono a coltivare i bozzoli, attività svolta in alcune famiglie, fino alla metà del secolo scorso. Il lavoro veniva eseguito senza insegnamento alcuno, i più ignoravano l’esatta terminologia in

merito a bozzoli , filati e quant’altro. Si operava praticamente grazie all’indomita volontà di perfezionarsi in tal senso: l’arte eccelsa nel ricavare il filo di seta , del torcere del filare e del tessere drappi serici da spedire in Italia e in Europa. Chi l’avrebbe detto , le piante di gelso che ombreggiano i nostri viali e giardini vantano sì gloriosi trascorsi.Qualcuno, ricorderà il ‘’craunaro’’o venditore di carbone e carbonelle, dapprima attività svolta a domicilio, poi in botteghe oscure tant’erano affumicate , annerite ma indispensabili per la vita del focolare , anche questo mestiere era destinato a scomparire con l’avvento della cucina a gas . Mio nonno è stato l’ultimo stagnino.Aveva clienti che arrivavano da ogni parte. Ricordo la sua grande bottega, nei pressi della piazza, vicina alla chiesa, era piena di attrezzi che lui maneggiava con abilità, messa una maschera per proteggere gli occhi, dalle sue mani abili nascevano pentole, padelle, scodelle,capienti ziri ,oliere,mestoli. Se non lo vedevi lo sentivi, tagliava, martellava il rame , punzonava: tra sbuffi , scintille e un vago odore di zolfo mi sembrava d’essere in un girone dantesco. Era ,il suo, un mestiere antico, rumoroso vitale che aveva a che fare con elementi primitivi, come il fuoco, la bottega diveniva un palcoscenico per noi bambini, luogo di ritrovo per adulti oziosi, frequentatori di piazza, tra la creazione di un oggetto e l’altro ,il nonno distoglieva l’attenzione del visitatore, dal suo operato,forse un pò geloso e lo intratteneva raccontando i suoi trascorsi nelle lontane Americhe.Era poi la volta ‘’dò sapunar’ rrobba vecchia’’ che si manifestava nelle piazze con richiami antichi, allora era una corsa a raccattare ferri vecchi, arruginiti, cerchi di botte , scatole di latta , secchi e bagntiell’ d’alluminio sfondati ed inservibili, il tutto in cambio di asettici , indistruttibili, recipienti domestici ,il riciclo a favore di un baratto che segnava l’avvento della più leggera , malleabile plastica ,un affare che contribuiva all’economia casalinga. L’arte romantica delle ricamatrici di paese, creatrici di interi corredi nuziali , lenzuola decorate ‘’a punto a giorno’’ , preziosi asciugamani in fiandra con le iniziali ricamate a ‘’punto

pieno’’ e federe, tovaglie , copriletti di filet una dote preziosa per la futura sposa. Per l’ombrello rotto sarebbe arrivato ‘’’o cconcia’mbrell’’,oggi sarebbe quasi vergognoso pensare solo di recuperarlo, l’arrotino era atteso con trepidazione per ridare funzionalità e lucore a forbici e coltelli in disuso. il ferracavalli era una sorta di manicurista per alacri zoccoli equini.Un altro mestiere era destinato ben presto a scomparire,la ‘’mammana’’, di solito, era un energico ed intraprendente esemplare femminile che faceva di quel lavoro una missione ,generalmente,campava a lungo quasi si nutrisse, orgogliosa, delle tante nascite al suo attivo , godeva della stessa considerazione del primo cittadino, aveva voce in capitolo in vista di un lieto evento, che tanto lieto non doveva essere visti i patimenti e le sofferenze dell’incompresa partoriente: la futura mamma in preda a doglie spossanti che duravano giorni e giorni, arrivata al momento cruciale senza un briciolo di forza, veniva incitata senza mezzi termini a spingere, sbrigarsi, strattonata, tirata,mollata,spremuta come un tubetto di dentifricio, e poi che c’era da lamentarsi , quello era il momento più bello per una donna...la nascita di un figlio in casa sul proprio letto ed era andato tutto bene! intanto , il marito preoccupato da tanto trambusto attendeva in cucina facendosi forza con un bicchiere di rosso e circondato da un considerevole numero di mozziconi sparsi un pò dovunque.... non gli restava che attendere in fondo,quella non era arte sua, era una faccenda di donne,o meglio..di ‘’mammane’’. Maria Astarita

Comunicato Ascom Anacapri

Gentili associati, siete invitati a partecipare all'assemblea annuale dei soci Ascom Anacapri che si terra' il giorno 17 febbraio, domenica , alle ore 17.30 presso il chiostro di piazza San Nicola ad Anacapri. si richiede una forte partecipazione. Cordiali saluti Il presidente Gelsomina Maresca


Calcio: brillante vittoria degli Allievi Eventi a Capri capresi

CAMPIONATO ALLIEVI Pol. CAPRI - Sporting VESUVIO 4 - 1 Pol..CAPRI : Zaccagnini I., Vuotto R. , Falciani F., Giordani., Aprea A . (Cioffi M.), Milano G. , Ipri V., Pelli M., Di Ruocco R. (Di Stefano L.), D'Orsi F., Acampora C.--Allenatori : Pelli E.- Falciani Gf. RETI : Acampora - D'Orsi F. (3) Brillante vittoria degli Allievi isolani sulla capolista del girone Sporting Vesuvio con punteggio abbastanza clamoroso, che li conferma nella seconda posizione al termine del girone d'andata.. Se anche questa volta si evidenziava Ferdinando D'Orsi, realizzatore di una tripletta e consolidatosi capocannoniere della quadra con 14 reti realizzate, bisogna dire anche che vanno elogiati per la lodevole prestazione tutti i partecipanti alla gara. Vi erano questa volta alcuni indisponibili come Yoursi, Torelli ed Esposito, ma la formazione schierata risultava omogernea in tutti i reparti. Ivan Zaccagnini tra i pali disputava come abitualmente la sua buona partita ed i difensori con Marco Giordani centrale con buona padronanza del ruolo ed i compagni Vuotto, Falciani ed Aprea, questa volta adibiti al marcamento "ad uomo", anch'essi svolgevano diligentemente il proprio compito. Centrocampisti erano il rientrante

Milano con Ipri e Pelli e svolgevano con diligenza il proprio compito come gli attaccanti D'Orsi, Di Ruocco ed Acampora anch'egli autore di una rete e tutti disponibili anche ai necessari rientri..Subentravano con merito nel secondo tempo anche Di Stefano a centrocampo e Cioffi in difesa. La prossima gara sarĂ  nuovamente casalinga per la prima di ritorno con il Pama Sport che vinse nella gara di andata ,ma ora gli isolani sperano di riscattarsi raccogliendo una nuova vittoria.

CAMPIONATO GIOVANISSIMI Pol. CAPRI - CONCORDIA 3 - 0 POL. CAPRI : Spinella, Verdino, Oraldo, Cafiero, Santarpia L., Ruggiero L.,Parlato, Vaccaro A., Somma C., Maresca G., Esposito D., -- panchina :Pecoraro, Farace, Scoppa (subentrati), -Canzanella, Zora, Cangiano, Catuogno, D'Esposito,Zora.-Allenatore: M.Maresca RETI: Somma C. (2) - Esposito D.-Vittoria dei giovanissimi Capresi nella gara casalinga con il Concordia in una gara che li vedeva prevalere abbastanza nettamente con le reti di Davide Esposito e le due di Carmine Somnma , ma con un finale piuttosto movimentato per una baruffa, che coinvolgeva quasi tutti dopo uno scontro tra due giocatori ed induceva l'arbitro prima a sospendere la gara e poi a riprenderla portandola a conclusione e si potrebbe.. .ironizzare sul nome della squadra ospite" Concordia" assistendo all'accaduto pur trattandosi di una gara tra giovanissimi. Gli isolani si schieravano come abitualmente sia in difesa con Spinella tra i pali e Luigi Santarpia centrale difensivo con cui si schieravano quasi tutti gli altri disponibili nella giornata alternandosi nei due tempi ,come a centrocampo con Giovanni

13

Maresca ed Andrea Vaccaro si alternavano anche qui molti dei disponibili della rosa ed in attacco infine con Carmine Somma capocannoniere della squadra e Davide Esposito, anche lui questa volta a segno. La prossima gara gli isolani saranno impegnati in trasferta con la Bagnolese.

CAMPIONATO 3^ CATEGORIA AZZURRA CAPRI 0 RIN. S. GIOVANNESE 4 AZZURRA CAPRI : Sicignano V., Serena R., Gargiulo C..,Mariella G., Anastasio S., Scarfato V., Tizzano A., Salvia C., Visalli S.,Ruggiero G., Filomene A. -- subentrati: Aljure R., Caso F., Sicignano C., Russo, Visalli M. Allenatore: Vincenzo Scarfato Scivolone casalingo dell'Azzurra Capri nella gara interna disputata questa volta sul campo di Anacapri per concomitanza di varie gare al al campo San Costanzo. Pur disponibili la maggior parte degli elementi della rosa non erano in buone condizioni fisiche e purtroppo arrivava la prima sconfitta interna per la giornata No della maggior parte di essi. I veterani isolani sponsorizzati dai fratelli Rusciano si ripromettono comunque di impegnarsi per una pronta riscossa. Lo schieramento era quello abituale con Sicignano tra i pali ed in difesa Stefano Anastaasio , Giuseppe Mariella, Roberto Serena e Ciro Gargiulo; a centrocampo Vincenzo Scarfato, Gino Ruggiero e Carmine Salvia ed in attacco Salvatore Visalli con Antonio Tizzano e Antonio Filomene rientranti anche a centrocampo. Subentravano poi Carlo Sicignano, Ramiro Aljure, Russo , Marco Visalli e Flavio Caso, che si consola con una sua originale classifica, che lo vede in positivo per i periodi di termpo in cui è stato utilizzato in campo.La prossima gara valevole per la prima di ritorno gli isolani saranno impegnati in casa con la Rinascita Sangiovannese.

Nella foto: Ferdinando D'Orsi, autore di una tripletta e capocannoniere degli Allievi con 14 reti.


Annunci

Fittasi Marina Grande appartamentino, ben arredato, composto da camera da letto, bagno e cucina. Stagionale o tutto l’anno anche a residenti. Tel. 347.5671795

Vendesi a Capri nella centralissima via Valentino (a pochi passi sia dalla Piazzetta sia da via Camerelle) locale circa 55 mq uso deposito/magazzino. Ideale come deposito per attività commerciale o come deposito per attività nel settore edilizia/artigianato. Tel. 377.6612008

Capri località Torra vendesi terreno piano panoramico accesso diretto strada, per impresa varia agricola, vivai, spazi espositivi ecc. circa 5.000 mq foglio 1 particelle 68 e 72 per euro 280.000. Tel. 081.8377073 - 339.2245719

Fittasi o vendesi locale commerciale con servizi via Listrieri. Tel. 339.2504885

Via Vanassina fittasi tutto l’anno anche a residenti appartamento due stanze, doppi servizi, cucina, veranda, terrazzo. Completamente ristrutturato. Tel. 346.6845161

Anacapri, fittasi centralissimo locale affaccio piazza ca mq 30 da ristrutturare con licenza approvata, adatto qualsiasi attività commerciale studio fiscale, ingegneria, ufficio commerciale pub gelateria o negozio. Pasti e serali. Tel. 081.8371052

Capri via Caterola fittasi tutto l’anno anche a residenti appartamento 3 vani, bagno, cucina, deposito, terrazzo di 60 mq più piccolo giardino. Tel. 081.8377443 - 335.1409215

Fittasi appartamento Anacapri patti in deroga solo a persone referenziatissime. Tel. 333.7299801

Anacapri fittasi appartamento centrale composto da 2 camere, cucina, bagno. Disponibile sia annuale che per periodo estivo. Tel. 081.8372110 333.3679854

Anacapri località fine di via Pagliaro fittasi appartamentino con posto auto tutto l’anno a residenti e non residenti. Tel. 320.2481325 - 081.8371818

Fittasi Anacapri centro appartamento arredato, 3

Gli annunci vengono pubblicati a pagamento: il costo di ogni annuncio è 14 1 euro a uscita per un minimo di 5 pubblicazioni consecutive (5 euro a “pacchetto”). Il pagamento va fatto all’atto della consegna dell’annuncio, che è possibile dal lunedì al giovedì, dalle ore 10 alle ore 12, presso la redazione in via Li Campi 19 a Capri. vani, bagno, cucina abitabile, terrazzi e giardino. Tel. 347.3156854 - 081.8372888

Capri fittasi bilocale nei pressi della piazzetta preferibilmente a persone italiane. Tel. (ore 20-21) 081.8377973

Fittasi Anacapri centro piccolo locale (con servizi) per attività commerciale o ufficio. Tel. 081.8373429 ore serali oppure 335.8213174

Anacapri. Affare. Vendo terreno panoramico Via Castagnelle mq 1450 con piccolo rudere con luce e acqua. Fronte strada. Tel. 347.5980266

Fittasi ad Anacapri appartamento di 45mq. 700 euro mensili. Tel. 338.9879450

Via Don Giobbe Ruocco fittasi, tutto l’anno anche a residenti, appartamento composto da camera da letto, camera da pranzo, cucina e bagno con ingresso indipendente. Tel. 081.8376732 (oer 15.00-23.00)

Fittasi appartamento nei pressi della Piazzetta. Tel. 081.8377813 - 081.3653395

Condivido uso ufficio ubicato in Capri zona centralissima. Tel. 333.6713837

Centralissimo (Via Sant’Aniello numero 8) fittasi appartamentino 50 mq circa due stanze più servizi da marzo ad ottobre. Tel. 339.5052818

Ufficio al Centro Direzionale is. G8 3 camere servizi sala attesa e posto auto fittasi 600 euro. Tel. 338.8257115 Cercasi commessa anche prima esperienza, periodo marzo-novembre, per punto vendita in Capri. Settore articoli da regalo, gioielleria. Inviare curriculum corredato di foto ad: assunzionicapri@email.it Madrelingua inglese impartisce lezioni private ed effettua traduzioni. Tel. 338.7974598

Dog sitter offresi. Tel. 338.1970431

Vendesi bellissima cuccia per cane taglia grande come nuova. Tel. 338.4604494

Esperta esegue bomboniere e altri splendidi lavori con l’uncinetto. Tel. 392.5958747

Caprese signora massima serietà offresi per lavori domestici o stiro o come baby sitter. Tel. 346.6845161

Si impartiscono ripetizioni di fisica, chimica e matematica. Tel. 349.7061784

Studentessa impartisce lezioni di inglese e francese a ragazzi di scuole medie. Tel. 366.47119399

Vendesi Vespa Piaggio Px150 anno 2000 km 30.000 colore nero revisione valida a giugno 2014. Euro 1.600,00. Tel. 347.6126381 Anacapri laureata impartisce ripetizioni per ragazzi di elementari e medie (no francese) e superiori (materie letterarie). Tel. 333.1688967

Cerco lavoro come giardiniere, lavori in cucina, lavapiatti, operaio presso ditte di manutenzuione, custode nelle ville, accompagnatore di persone in difficoltà. Tel. 333.3057440

Friggitrice elettrica Delonghi living innovation F16233 220-230v 1800w capacità olio 2,5 litri removable bowl nuova. Listino 150 euro, vendo a 100 euro trattabili. Tel. 347.6084299

Occasione! Si vendono, per cambio disposizione, due sofà Bcappa, due posti ciascuno (uno è divanto letto) colore panna, totalmente sfoderabili, imbottitura in piuma d’oca. Tutti e due 300 euro. Tel. 081.8371679

Vendo magnetoterapia professionale, per domiciliari/studio usata, in metallo no plastica. Frequenza max 100, gauss max 100. Completa di elettrodi e fascia elastica. Per varie tipologie: astenia, atrofia muscolare, artrite, dolori intercostali, borsite, nevralgie, fratture. Euro 170. Tel. 328.0245951 Fabio

Vendo sella vespa Piaggio px colore nero. La sella presenta 2 tagli laterali. Volendo si può tappezzare, oppure rimediare con qualche altro sistema (collanastro). Facendola rivestire, avrete una sella nuova e originale. Euro 30. Tel. 328.0245951 Fabio


Cultura

A cura dell’Associazione di varia umanità

Nell’albo d’oro delle opere vincitrici del Premio Capri – S. Michele c’è “Conversazioni” di Giuseppe Dossetti, alla quale fu assegnato il Premio della Dodicesima edizione, svoltasi nel 1995. È una piccola ma preziosissima opera, che è sempre d’attualità, e non solo in questi giorni, nei quali si sta ricordando, con convegni, studi, pubblicazioni, il centenario della nascita dell’autore, avvenuta a Genova il 13 febbraio 1913. La famiglia di Giuseppe Dossetti era però della provincia di Reggio Emilia, dove egli trascorse la sua gioventù. Giuseppe Dossetti è una delle figure italiane più straordinarie del Novecento. Dopo essere diventato docente universitario di diritto ecclesiastico, accettò di entrare in politica, dove restò fino al 1958, rivelandosi come uno degli uomini di punta della Democrazia Cristiana. Partecipò con proposte e scelte decisive alla redazione della Costituzione Italiana. Ordinato il 6 gennaio 1959, fu sacerdote diocesano di Bologna, fino al 1968, quando preferì diventare monaco nella comunità religiosa da lui fondata. Morì a Monteveglio il 15 dicembre 1996. Da sacerdote partecipò al Concilio Vaticano II, che accettò un suo progetto di riforma dei lavori conciliari, nominando quattro cardinali moderatori, dei quali diventò il segretario. È stato detto che caratteristica di Dossetti era di dire, con sicurezza e grande amore per la verità, le cose come le aveva vissute, viste e meditate, anche se con profondità e ampiezza culturale. Questo appare evidente nel leggere “Conversazioni”, che raccoglie testi del 1994. In questa opera Giuseppe Dossetti sostiene che, anche dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale, specialmen-

Un’opera sempre attuale te in Italia (come nella nostra isola) si è continuato a credere che si vivesse in una cristianità, ovvero in un sistema globale (culturale, sociale, politico) ispirato al cristianesimo. Ma questo non era più vero. La cristianità non esisteva più. Logicamente esisteva (ed esisterà sempre) il cristianesimo, che richiedeva e richiede una cultura creativa, adeguata alla realtà del progresso delle scienze. Quindi “il cristianesimo forte, non debole, di sempre”. Per Giuseppe Dossetti è vano rimpiangere ciò che è stato e non c’è più, o ciò che poteva essere e non è stato. È necessario prendere piena consapevolezza della situazione in cui si è. E la situazione del 1994, quando parlava, e che è rimasta tale, se addirittura non è peggiorata, è quella di un’inquietante notte, causata, almeno in Italia, da una decadenza globale. A questa hanno portato, tra l’altro, la ricerca esclusiva di un piacere “sempre più autonomo e sofisticato”, l’infiacchimento delle potenzialità naturali, l’affievolimento della creatività, della contemplazione naturale, del discernimento, anche per “l’eccesso furibondo di immagini mediatiche”, causando quel vuoto ideale e conseguentemente etico, che dai più si tenta di compensare “con la ricerca spasmodica di ricchezza”, (ma che l’attuale situazione di crisi economica ha reso sempre più problematico). Tra le cause profonde della notte c’è il persistere dell’impreparazione politica, che Giuseppe Dossetti, insieme con Giuseppe Lazzati, aveva vista all’inizio del suo impegno politico. Impreparazione in coloro che si danno all’attività politica, ma anche in tutti gli altri che dovrebbero seguire la politica, in modo da ben comprenderla, ben giudicarla, non lasciarsi né ingannare, né fuorviare. Quasi invano Giuseppe Dossetti ha invitato a saper “pensare politicamente”. Quasi invano ha sacrificato, per così dire, il suo impegno attivo in poli-

15

tica, per poter insegnare a “pensare politicamente”. Tra le cause della notte in cui siamo ci sono anche una sempre crescente mancanza di spiritualità (comune nell’intero Occidente) e la decadenza della scuola. Questa, “specialmente la scuola superiore, è in gravissimo ritardo nel rinnovamento dei suoi ordini, delle sue strutture e dei suoi programmi”, è sempre più inadeguata a compensare il desolante vuoto ed, in certi ambiti locali, “è fatalisticamente rassegnata a non funzionare più per nulla”. Per tutta la sua vita Giuseppe Dossetti si è sforzato di vivere nel mondo, ma non di essere del mondo. È quello che ci indica: “essere nel mondo per doverosamente adempiere un incarico verso i fratelli, senza peraltro venir meno alla fondamentale e radicale estraneità del mondo”. Raffaele Vacca L’INFORMATORE POPOLARE Periodico d’informazione politica, cronaca, cultura e sport dell’isola di Capri Direttore: Manfredi Pagano Società editrice TPS S.R.L. Reg. Tribunale di Napoli Nr 5283 del 18/02/2002 Redazione: Via Li Campi, 19 80073 Capri (Na) Tel. 081.8383111 Fax 081.8370421 Sito internet: www.caprinews.it www.informatorepopolare.it Per scrivere alla redazione redazione@caprinews.it Per la pubblicità tel. 081.8383111 Stampa: Rotostampa Lioni (Av) (Si comunica che foto e documenti consegnati in redazione non saranno restituiti)


Spazio elettorale a pagamento


Informatore Poplare 6 - 2013