Issuu on Google+

Terna, alla stazione elettrica di Gasto i camion Aria di Capri con i primi trasformatori

2

Restano ancora molti nodi da sciogliere, soprattutto relativi alla futura distribuzione, ma importanti passi avanti si continuano a fare sul fronte dell’allacciamento di Capri alla rete elettrica nazionale. Si è conclusa nei giorni scorsi la fase del trasporto e dell’ingresso nella nuova stazione elettrica di Gasto dei due grossi trasformatori desti-

colare attenzione, rappresenta una delle tappe fondamentali di quel percorso che ci libererà presto dalla dipendenza della Centrale Sippic”, ha detto il sindaco di Capri Gianni De Martino, riferendosi all’arrivo dei camion con i grossi trasformatori. “Il progetto Terna va avanti senza interruzioni. Noi continueremo a lavorare per questo, e non

lità politiche, il non aver previsto, da parte di Terna, da parte della passata amministrazione e da parte del Ministero dello Sviluppo Economico, la chiusura e lo spegnimento definitivo della vecchia centrale Sippic che invece resterà al suo posto e funzionerà come riserva a freddo. Molto positivi invece gli accordi in

nati al programma Terna. Gli interventi, che hanno richiesto la temporanea chiusura al transito per diverse ore di via Don Giobbe Ruocco per consentire il passaggio dei camion, hanno trovato conclusione nel pomeriggio del 14 dicembre. “Tale passaggio, in programma da mesi ed atteso da tutti con parti-

consentiremo mai che un argomento di tale importanza diventi strumento di lotta politica per o contro qualcuno”, ha scritto l’amministrazione comunale in una nota diffusa dal gruppo politico della Primavera attraverso i social network. Unico aspetto negativo della vicenda, su cui ci sono gravi responsabi-

atto tra Terna e Sippic che consentiranno di accelerare i tempi per l’allaccio dei cavi nella centrale. La Sippic, impresa che ha dato lavoro e dà lavoro da decenni a centinaia di famiglie, continuerà dunque ad avere un ruolo importante e determinante nel futuro energetico dell’isola.


Informatore Popolare 41 - 2016