Page 1

Siamo su internet all’indirizzo www.informatorepopolare.it

PERIODICO D’INFORMAZIONE POLITICA, CRONACA, CULTURA E SPORT DELL’ISOLA DI CAPRI ANNO XV N.41 del 18 dicembre 2016


Terna, alla stazione elettrica di Gasto i camion Aria di Capri con i primi trasformatori

2

Restano ancora molti nodi da sciogliere, soprattutto relativi alla futura distribuzione, ma importanti passi avanti si continuano a fare sul fronte dell’allacciamento di Capri alla rete elettrica nazionale. Si è conclusa nei giorni scorsi la fase del trasporto e dell’ingresso nella nuova stazione elettrica di Gasto dei due grossi trasformatori desti-

colare attenzione, rappresenta una delle tappe fondamentali di quel percorso che ci libererà presto dalla dipendenza della Centrale Sippic”, ha detto il sindaco di Capri Gianni De Martino, riferendosi all’arrivo dei camion con i grossi trasformatori. “Il progetto Terna va avanti senza interruzioni. Noi continueremo a lavorare per questo, e non

lità politiche, il non aver previsto, da parte di Terna, da parte della passata amministrazione e da parte del Ministero dello Sviluppo Economico, la chiusura e lo spegnimento definitivo della vecchia centrale Sippic che invece resterà al suo posto e funzionerà come riserva a freddo. Molto positivi invece gli accordi in

nati al programma Terna. Gli interventi, che hanno richiesto la temporanea chiusura al transito per diverse ore di via Don Giobbe Ruocco per consentire il passaggio dei camion, hanno trovato conclusione nel pomeriggio del 14 dicembre. “Tale passaggio, in programma da mesi ed atteso da tutti con parti-

consentiremo mai che un argomento di tale importanza diventi strumento di lotta politica per o contro qualcuno”, ha scritto l’amministrazione comunale in una nota diffusa dal gruppo politico della Primavera attraverso i social network. Unico aspetto negativo della vicenda, su cui ci sono gravi responsabi-

atto tra Terna e Sippic che consentiranno di accelerare i tempi per l’allaccio dei cavi nella centrale. La Sippic, impresa che ha dato lavoro e dà lavoro da decenni a centinaia di famiglie, continuerà dunque ad avere un ruolo importante e determinante nel futuro energetico dell’isola.


Falsi residenti, la lettera: 3 “Noi capresi all’estero senza Aria di Capri esenzioni nè agevolazioni”

Il caso dell’esercito dei falsi residenti, trattato domenica scorsa da questo giornale, ha suscitato diverse reazioni. Tra queste registriamo un interessante intervento di un caprese da molti anni residente all’estero, Lino Chierchia, nostro affezionato lettore, che ci segue costantemente on line attraverso il nostro sito www.caprinews.it su cui viene pubblicato ogni settimana l’Informatore Popolare in versione diogitale e che ci scrive la lettera che pubblichiamo di seguito.

d’Identità e a cosa vale essere iscritto nella liste dei residenti all´estero??? Vale solo perchè i partiti politici vogliono il nostro voto??? Le biglietterie dicono che privati proprietari delle linee marittime non riconoscono i residenti all’estero; allora vuol dire che io emigrato italiano sono solo carne da macello come cantava Mario Merola nella canzone L’Emigrato??? E devo ancora oggi vedere che gli immigrati che affollano piazze, città, paesi della mia patria, alcuni con modi maleducati, senza rispetto per le nostre leggi, per le nostre donne, senza un miniCaro Direttore. mo di pudore per la nostra ospitaliDopo un po’ si silenzio, prendo la tà possono fare quello che vogliocarta e scrivo, ma la testa mi gira no, ricevono soldi, alloggio , vestiti eccome. L’esercito dei falsi residenti sull´isola, esenzioni e agevo- e telefonino gratis. Caro Direttore, scusi il mio sfogo, lazioni a quantità. Questo è un pugno nel centro della faccia con la vorrei scrivere ancora tante cose, sicuramente non belle, ma sotto rottura del setto nasale per tutti Natale voglio essere anche io un quei capresi che vivono all’estero. Noi nati a Capri, iscritti all’anagra- po’ più buono, ma il magone resta eccome. Grazie, inviamo a Lei e fe dei residenti all’estero nel Comune di Capri, delle agevolazio- alla sua redazione sinceri auguri di Buon Natale e un Buon Anno ni e esenzioni non abbiamo mai 2017, e grazie di avermi ospitato usufruito fino ad oggi. Siamo in sul Suo giornale che leggo con regola con tutto e con tutti, ma siamo trattati come turisti in gene- affetto da decenni. Lino Chierchia rale con doveri e senza diritti. Mi (Badenweiler-Foresta Nera spieghi perchè quando torniamo a Germania) casa, dai nostri genitori, fratelli, sorelle, parenti, non riceviamo la riduzione su mezzi di trasporti (aliscafo, nave, funicolare, autobus locali)? Ci viene detto che noi siamo residenti all’estero e non abbiamo diritto, anche se sulla Carta d´Identità rilasciata dal Comune della Città di Capri c’è scritto residente in..... Germania etc. e non residente in loco. Ma allora a cosa vale questa Carta

Un tuffo nel passato: scrivevano di Capri. “Si annuncia una strage di alberi a Capri per far passare autobus troppo larghi” (03.03.1977)

Appuntamento settimanale con la nostra rubrica nella quale periodicamente pubblichiamo ritagli di giornali del passato riguardanti l’isola. Tra cronaca, politica, costume, spettacolo, un tuffo indietro negli anni. Questa settimana vi presentiamo un articolo del 1977, dal titolo “Si annuncia una strage di alberi a Capri per far passare autobus troppo larghi”. Una vicenda di quasi quarant’anni fa, quando giunsero sull’isola nuovi pullman del servizio pubblico le cui misure furono prese in maniera errata risultando più larghi del previsto: per consentire un agevole transito lungo le strade dell’isola fu necessario rimuovere e abbattere diversi alberi, tra le proteste degli ambientalisti. Siete in possesso di articoli o ritagli di giornale del secolo scorso? Potete inviarli alla nostra redazione all’indirizzo e-mail redazione@caprinews.it.


Natale e Capodanno, saranno pochi gli alberghi Aria di Capri aperti sull’isola

In vista dell’approssimarsi delle festività natalizie e di fine anno, cominciano a circolare i primi programmi di eventi, feste, veglioni, cenoni sull’isola. Purtroppo dobbiamo constatare che saranno pochi gli hotel in attività nel periodo di Capodanno, molti dei quali già registrano boom nelle prenotazioni. Appena 13 alberghi aperti (una decina a Capri e tre ad Anacapri), secondo i primi dati diffusi sul sito dell’Azienda di Turismo. In pratica, tre hotel su quattro resteranno chiusi. Ancor meno a Natale quando gli hotel aperti non saranno più di 5 o 6. L’allungamento della stagione turistica, dunque, non riesce per niente a decollare. In compenso, però, saranno diverse decine gli affittacamere e i b&b che hanno assicurato l’apertura per il periodo delle festività. ***

ANNUNCI IMMOBILIARI info@pipoloimmobiliarecapri.it Cell. 328.4205196

6

Giuliani appartamento molto luminoso di 80 mq composto da 2 camere da letto, 2 bagni, soggiorno cucina open space, terrazzo porticato.

tre vani, disimpegno, cucina, bagno, balcone con meravigliosa vista sul golfo di Napoli e terrazzo. Da ristrutturare.

CAPRI VENDESI Via Certosa appartamento di 100 mq composto da 2 camere da letto, 2 bagni, soggiorno, cucina, lavanderia, terrazzo a livello di 110 mq.

ANACAPRI VENDESI Via Boffe appartamento di 55 mq composto da: camera matrimoniale, cameretta con letto a castello, bagno, soggiorno, cucina. Terrazzo a livello di 30 mq. piccolo deposito. Buone condizioni.

CAPRI VENDESI Via Le Botteghe in pieno centro, appartamento di 45 mq circa, composto da 3 vani e bagno. Ideale anche per uso studio o ufficio.

CAPRI VENDESI Via Sopramonte Villetta panoramica, con ingresso indipendente, di 140 mq. composto da 4 camere da letto, 2 bagni, soggiorno con camino, cucina, cantina, 2 terrazzi. La proprietà è da ristrutturare.

CAPRI VENDESI Via Marucella appartamento con ingresso indipendente. molto luminoso e panoramico posto al primo piano. 70 mq. cosi suddivisi: 3 vani, cucina, bagno, terrazzo. Cantina e terrazzino al piano terra. CAPRI VENDESI Via Lo Capo appartamento con ingresso indipendente, di 45 mq circa, composto da 4 vani con bagno, terrazzino, cantina. Ristrutturato recentemente.

CAPRI VENDESI Via Moneta appartamento di 40 mq circa composto da piccola cucina, tre vani, bagno, terrazzo panoramico e giardi- CAPRI VENDESI Via Cesina appartamento sito al secondo piano di un condominio di case no. popolari di 70 mq circa composto da: 2 cameCAPRI VENDESI Via Cercola appartamento re da letto, soggiorno, cucina abitabile, disimmolto luminoso e soleggiato di 55 mq compo- pegno, bagno.La proprietà, dotata di impianto di climatizzazione, è in ottime condizioni. sto da 2 camere da letto, 2 bagni, soggiorno cucina open space, terrazzo porticato. Buone CAPRI VENDESI Via Lo Capo appartamencondizioni. Occasione interessante. to di 85 mq da ristrutturare composto da 3 CAPRI VENDESI Via Tiberio, zona barbone, vani cucina, 2 bagni, terrazzo. Completa la appartamento di 85 mq composto da soggior- proprietà una cantina e un piccolo giardino. no, 2 camere da letto, cucina, 2 bagni, lavanCAPRI VENDESI Via provinciale Anacapri deria, terrazzo. giardino. Da ristrutturare. Appartamento con ingresso indipendente sito al primo piano di 70 mq circa composta da CAPRI VENDESI Via Padre Reginaldo

ANACAPRI VENDESI Via La Guardia Villetta di 65 mq composto da 2 camere da letto, ampio soggiorno con cucina, bagno più manufatto di 45 mq, terrazzo, giardino e posti auto.

ANACAPRI VENDESI Via La Vigna appartamento collocato al primo piano molto luminoso e soleggiato di 70 mq da ristrutturare composto da 3 vani, bagno e cucina. Cantina con terrazzino al piano terra. ANACAPRI VENDESI Via Tr. Lo Pozzo appartamento di 60 mq composto da 3 vani, cucina, bagno e terrazzo di 40 mq. Piccolo giardino, parcheggio motorino e cantina. Occasione interessante.

ANACAPRI VENDESI Via Giuseppe Orlandi Appartamento sito al I° piano di 60 mq circa. Dispone di: soggiorno, bagno, cucina, camera da letto, balcone e terrazzo porticato panoramico e soleggiato.

ANACAPRI VENDESI Via Giuseppe Orlandi porzione di villa con ingresso indipendente.110 mq così distribuiti: tre camere da letto, soggiorno, cucina, due bagni e terrazzo porticato. Completano la proprietà una cantina di 65 mq e un ampio giardino. Ottima esposizione al sole. ANACAPRI VENDESI Via Tr. Lo Pozzo appartamento di 80 mq. con 2 camere da letto, 1 bagno, soggiorno cucina open space, ampio terrazzo a livello. Ottime rifiniture, abitabile da subito.


Nel periodo delle festività saremo aperti dal 27 al 30 dicembre a pranzo e a cena

CAPRI, Via Tiberio 7 - Per prenotazioni: 081 837 41 28 “Lo Sfizio” augura a tutti i clienti Buon Natale e Felice 2017!!!


Francesco Bassani a un 10 secolo dalla morte nel ricordo Cronaca del Centro Caprense

Qualche curioso visitatore del Cimitero cattolico di Capri avrà forse notato un’ampia lastra di travertino con la scritta «Francesco Bassani, naturalista sommo N Thiene 1853 – M Capri 1916» domandandosi per quale ragione uno scienziato veneto abbia scelto di riposare nel piccolo cimitero caprese. Francesco Bassani nasce a Thiene il 29 ottobre 1853. Si laurea all’Università di Padova in Scienze naturali nel 1875. Si occupa dello studio dei pesci fossili e si perfeziona in questa disciplina soggiornando per un biennio a Parigi, Vienna e Monaco di Baviera formandosi alla scuola dei maggiori scienziati del tempo. Ritorna in Italia nell’autunno del 1879 ed intraprende la carriera di docente presso le scuole, a Padova e poi a Milano. Nel 1880 incontra l'olandese Everdina Douwes - Dekker che sposa poco dopo. Vincitore di concorso, il 25 febbraio 1887 viene nominato professore straordinario di Geologia e direttore dello stesso presso l’Università di Napoli. Fino alla sua morte dirige l’Istituto di Geologia dell’Università di Napoli e si adopera al suo sviluppo così come a quello dell’annesso Museo di Geologia e Paleontologia. Autore di un centinaio di pubblicazioni scientifiche, oltre il 70% di queste è scritto dopo la sua venuta a Napoli. Il suo primo contatto con l’isola di Capri risale ad appena tre anni dopo, spinto dall’interesse di studiare le ellipsactinie, fossili particolarmente abbondanti a Capri e risalenti a circa 150-130 milioni di anni fa. Questi organismi, sull’isola di Capri, erano stati, infatti, segna-

lati un paio di anni prima da due geologi tedeschi. I risultati della missione del 1891 non sono mai pubblicati, ma presso il Museo di Paleontologia di Napoli ancora si conserva il libretto di terreno con gli schizzi a matita di Bassani. I rapporti maggiori con Capri Bassani li ha in occasione dell’importante scoperta del sito pleistocenico del Quisisana fatta da Ignazio Cerio nel 1905. Cerio comprende subito la rilevanza scientifica del sito e prende contatto con i più eminenti scienziati italiani del tempo per far analizzare le selci paleolitiche ed i resti dei grossi vertebrati. Il ritrovamento di selci associate ai resti di mammiferi ha un’eco nazionale e trova spazio nei quotidiani del tempo. Qualche mese dopo l’archeologo Innocenzo Dall’Osso è incaricato dalla Direzione del Museo Nazionale di Napoli e degli Scavi di Pompei di eseguire un sopralluogo. Dall’Osso si convince che Ignazio Cerio abbia interpretato male il contesto stratigrafico e ritiene che i reperti in selce siano, invece, di età molto più recente, neolitica, e non contemporanei con i reperti ossei. Si scatena un’aspra polemica che dura alcuni mesi e – una volta sopita – lascia comunque irrisolta la posizione stratigrafica delle selci e, quindi, l’intera questione. L’amara vicenda convince l’illustre paletnologo Luigi Pigorini e Ignazio Cerio ad organizzare uno specifico scavo finalizzato a dirimere la questione. L’occasione propizia è il congresso della Società Italiana per il Progresso delle Scienze che si tiene a Napoli nel 1910. La Società finanzia lo scavo organizzato da

Cerio ma diretto da Francesco Bassani, allora direttore dell’Istituto di Geologia. Nel dicembre 1910 venne effettuato lo scavo nel terreno adiacente l’hotel Quisisana. Questo, però, risulterà non conclusivo per l’assenza di resti ossei. Da anni, però, Francesco Bassani ha il fisico debilitato dal diabete e trova giovamento nel soggiornare a Capri, accolto e seguito dall’amico medico Ignazio Cerio. Nel 1916 i coniugi Bassani si recano a Capri per le vacanze di Pasqua del 1916 ma il 26 aprile Bassani muore per improvvise complicanze, nonostante le assidue cure di Cerio. Viene sepolto nel Cimitero cattolico di Capri, dove 17 anni dopo riposeranno anche le spoglie della moglie che aveva scritto: “ora, io sono qua (a Capri) stabilitavi per sempre. Faccio da guardiana ad una sacra tomba”. Non lascerà più l’isola. Numerose sono le lettere di Francesco Bassani, conservate presso il Centro Caprense Ignazio Cerio, che documentano i rapporti di familiarità con Ignazio Cerio. E proprio il Centro Caprense Ignazio Cerio ha chiesto ufficialmente al Comune della Città di Capri di potere prendersi cura della tomba dello scienziato perché non si perda il ricordo dello scienziato illustre. ***

AUGURI

Agli affezionati lettori sinceri auguri di buon Natale, felice 2017 e buone feste da parte di Costantino Federico e della redazione dell’Informatore Popolare.


Natale di solidarietà con il mercatino benefico Cronaca a favore dell’Anffas

Natale all'insegna della solidarietà. E' in corso a Capri in via Roma, al ristorante Al Caprì, il mercatino di beneficenza a favore dell'Anffas. Il mercatino sarà aperto fino a domenica 18 dicembre dalle 10 alle 18.30. Il ricavato della vendita sarà interamente devoluto all'Anffas.

noscere che vento tira, le nuvole in che direzione camminano e siamo a dicembre . La coda d'autunno ha deciso di graziarci, il mare borbotta ma il cielo è limpido contrariamente al solito l'aria frizzantina e il raggio tiepido asciugano lenzuola e ossa. La colonia insediatasi a Marina Piccola di questo periodo, cresce ogni giorno di più, s' è sparAnnuale “Concerto sa la voce che volendo si può fare degli Auguri” a cura il bagno, a proprio rischio, s'intende, in prossimità dei faraglioni. di Fidapa e Lions Appena si riemerge, come tante Giovedi 22 dicembre, alle ore 19, Veneri (?) presso la Chiesa di S. Stefano si dalle acque, svolgerà il consueto “Concerto un operaziodegli Auguri” organizzato ormai da ne semplice molti anni, in occasione dell’avvicome il camcinarsi delle festività natalizie, bio del costudalla Fidapa Sezione Isola di me può risulCapri e dal Lions Club Capri. tare difficile, L’evento si avvale del patrocinio visto che la morale della Città di Capri e sarà temperatura realizzato anche grazie alla dispocorporea nibilità della Parrocchia S. Stefano, assomiglia a nella persona del Parroco Rev. Don quella di un Carmine del Gaudio. ghiacciolo Il concerto, diretto dal maestro non si riesce Stefano Giordano, vedrà la parteci- a proferir pazione della Ensemble vocale parola, prima Chroma on stage e di Lorenzo di riprenderti Bortone alle percussioni. ce ne vuole quasi non ti Il racconto ricordi chi sei, ma in di Maria Astarita: fondo, anche Dicembre stavolta ti è Costume da bagno, cappello, crema andata bene. proteggente,panino con melanzane E allora è sott'olio, bottiglietta d'acqua: il cor- tutto un '' redo estivo. A prima mattina ti alzi altro che con quell'intento, come il fumatore palestra, la cellulite spasi fuma la prima sigaretta, il tuo pensiero, ormai mare-dipendente, è risce e l'interse esce il sole o no, ormai sai rico- no coscia è

11

tonificato a costo zero " , in fondo è quasi una tortura affrontare spavaldi i flutti mentre si accende l'albero di Natale in piazzetta. L'altra parte del mondo, la maggioranza, ti studia come un insetto al microscopio, cerca di capire, indirettamente s'interroga sul mistero del bagno invernale, quello che muove le endorfine del cervello, che ti regala brivido , vigore e un momento di spensierato incontro con la natura... una delle più ambite. Maria Astarita


Premiati i vincitori di 12 “Adotta un libro - Premio Eventi a Capri Maria Laura Di Pietro” nella bellezza dell'isola.

-Primo classificato: SANTARPIA LAURA (Classe II B Istituto Commerciale). “La lapide tra le ortensie celesti” L'originalità del racconto e i riferimenti storici in un lavoro dove è contenuta una grande umanità.

L’Istituto Axel Munthe dell’Isola di Capri in collaborazione con gli assessorati alla cultura di Capri ed Anacapri, la Federalberghi Isola di Capri, l'associazione culturale Antemussa, Tonino Cacace e il Capri Palace, la scrittrice Camilla Baresani nell'ambito del progetto “Writers in Residence” ha dato vita per l’anno 2016 alla ottava edizione del concorso “Adotta un libro – Premio Maria Laura Di Pietro”. Un concorso nato per ricordare la figura della professoressa Maria Laura Di Pietro, fiduciaria sino alla sua prematura scomparsa dell’Istituto Alberghiero di Capri, al quale hanno partecipato tutti gli studenti dell’Istituto Axel Munthe sia della Sezione Commerciale che della Sezione Alberghiera, del Liceo Classico e del Liceo Scientifico. I candidati hanno redatto e presentato ai loro docenti di italiano e storia un lavoro esclusivamente inedito di scrittura creativa suddiviso nelle sezioni: cinema (copione/sceneggiatura), musica (testo e spartito di una canzone), teatro (copione/testo), fumetto (disegno e dialoghi), racconto di fantasia, reportage giornalistico, testo autobiografico. Gli elaborati, sono stati

consegnati presso la sede del plesso scolastico di riferimento. La Commissione giudicatrice era composta dalla giornalista Anna Maria Boniello, la professoressa Caterina Mansi e la scrittrice Romana D’Angiola che dopo aver letto i 53 elaborati degli alunni partecipanti, per la correttezza, l’originalità e lo spirito critico manifestato ha designato meritevoli di riconoscimento i seguenti elaborati:

-Terzo classificato: ARUTA ALESSANDRO (Classe IV B – Istituto Alberghiero). “Paradisola” L'autore riesce a narrare un'isola nella quale ha avvicinato il folklore con la tradizione di Capri in uno stile evocativo e mai banale.

-Secondo classificato: TODARO EDOARDO (Classe I Liceo Classico). “La storia di qualcuno che odiava annoiarsi” L'unicità di uno scritto particolare che condensa in poco spazio una storia surreale di pura fantasia riuscendo a centrarla

-Premio Antemussa: MADUSHAN PASINDU (Classe IV B Istituto Commerciale). “Uno straniero che si sente 'caprese'”. I ragazzi capresi riescono con la loro amicizia e far sentire uno straniero uno di loro tanto che oggi si definisce un caprese che vuole realizzare un sogno: portare sua nonna a Capri. -Premio Federalberghi: MAHALU ROXANA ELENA (Classe I Liceo Classico). “Un'imperfezione”. L'amore tra due persone diverse per età e nazionalità riesce a far superare tutte le differenze.

Successivamente saranno resi noti i vincitori della “Borsa di Studio Mario Cacace” e gli studenti selezionati a partecipare ad un corso di scrittura creativa che sarà tenuto da Camilla Baresani.


13 Basket femminile serie C: poker di vittorie Eventi a Capri per l’Olimpia Capri Basket Under 13 Olimpia Capri corsara a Sorrento Polisportiva Sorrento Olimpia Capri

Olimpia Capri Meomartini Benevento

69 56

Continua la striscia positiva delle ragazze dell’Olimpia Capri in serie C regionale di basket femminile. Quarta partita e quarta vittoria consecutiva per le ragazze capresi che, davanti al proprio pubblico (accorso numeroso), hanno superato senza particolari difficoltà il Meomartini Benevento 69-56. Netta alla fine la supremazia locale, anche se la partita è stata comunque per ampi tratti equilibrata, soprattutto nel primo quarto. Prossimi impegni di campionato: doppia trasferta il 18 dicembre a Minori e il 27 a Ischia, gara in casa il 29 con il Napoli Bk Vomero.

32 46

Turno in trasferta presso gli amici della Polisportiva Sorrento. Partita a senso unico che vede la nostra giovane rappresentativa in continuo miglioramento sotto l’aspetto del temperamento e della consapevolezza in campo.La gara si chiude a + 14 con un bel gioco di squadra e buone scelte difensive .Ottima prestazione della compagine isolana che si porta ai primi posti della classifica .Da segnalare i primi 2 punti in campionato di Luana Rusciano e di Giulio Gaeta. Prossimo impegno casalingo per Paolini e compagni domenica 18 alle 10,45 tendostruttura San Costanzo.


Annunci

Gli annunci vengono pubblicati a pagamento: il costo di ogni annuncio è 14 2 euro a uscita per un minimo di 5 pubblicazioni consecutive (10 euro a “pacchetto”). Il pagamento va fatto all’atto della consegna dell’annuncio, che è possibile dal lunedì al giovedì, dalle ore 10 alle ore 12, presso la redazione in via Li Campi 19 a Capri.


Cultura

A cura dell’Associazione di varia umanità

Che cosa è e che cosa è diventato il Natale

della salvezza eterna per gli uomini, e come loro partecipazione alla vita divina. Nel Medioevo ci si incominciò a sofQuasi quarant’anni fa, un noto studioso tedesco scrisse che l’avvicinarsi fermarsi sempre più su i singoli aspetti dei racconti evangelici della del Natale, in molti che conoscevano Natività. Si ebbero rappresentazioni che cosa esso sia, più che vera gioia teatrali di questi aspetti e poi il presesuscitava malumore ed un segreto pe, inventato, per così dire, a Greccio moto di stizza. Ciò perché, invece di nel 1223 da San Francesco, e nel restare nel silenzio, si ritrovavano in un fastidioso e crescente frastuono, ed quale, in seguito, e specialmente nel in una serie di incombenze che allon- Settecento a Napoli, fu proiettata la tavano dal vivere adeguatamente l’at- vita quotidiana, idealizzandola, così come faceva l’arte ed in particolare la tesa del Natale. pittura. Dal allora l’autentico significato Ma, nonostante secoli di cristianesidella festività cristiana del Natale è mo, la vita concreta, per lo più, non sempre più scomparso. Nelle città, nei paesi, nelle televisio- era una vita quieta, pacifica, ma una vita di discordie e di conflitti, di perfini, in tanti mass media domina non una cultura cristianamente ispirata, ma die e di malvagità, di ipocrisie e di quella ispirata dal ritenere che si viene disonestà, di malafede e di egoismi esasperati. E sempre più difficile, se dal nulla e si va verso il nulla. E che di conseguenza, guardando unicamen- non impossibile, era il diventare e restar se stessi. te al vivere terreno, invita a godersi materialmente la vita, usando e consu- Specialmente nel Novecento, quando l’era tecnico-industriale si è sostituita mando i prodotti di ogni genere che alla plurimillenaria era agricola, il l’industria, applicando la tecnica, mette continuamente a disposizione di mondo mercantilistico si è impadronitutti, tralasciando lo spirito che invece to del Natale e lo ha determinato. Ha porta a comprendere l’autentica essen- sviluppato la presenza dell’albero che, con un certo sforzo, viene poeticaza del Natale. Questo, nei migliori casi, viene identificato con il ritrovarsi mente armonizzato con la capanna; ha inventato la figura di Babbo Natale, ed il cenare in famiglia nella sera che porta doni ovvero prodotti indudella sua vigilia, o con l’assistere eccezionalmente bisognosi che invece striali, allontanando dalla figura di Gesù Bambino. dovrebbero essere assistiti ordinariaSenza dubbio, qui e là, fra tanti mente e costantemente, anche se è eventi cosiddetti culturali, ma lontani lodevole che si sia particolarmente dal cristianesimo, non mancano esecuvicini a loro a Natale. La festività del Natale fu introdotta a zioni di musiche ispirate dall’autentiRoma nella prima metà del IV secolo co Natale, e rappresentazioni della Natività. Ma restano quasi sempre dopo Cristo, quando l’isola di Capri manifestazioni esteriori, che difficilera sul punto di diventar cattolica, o mente alimentano e rendono vivente forse lo era già diventata. Questa festività volle ricordare l’in- la realtà dell’esperienza cristiana. Non carnazione di Gesù Cristo come inizio rafforzano e rendono vivente la con-

15

vinzione che si è cristiani quando si crede che si viene da Dio, si va verso Dio, e si ha fede in questo. In un discorso, rivolto a studenti dell’università nel Duomo di Munster il 13 dicembre 1964, l’allora docente universitario Joseph Ratzinger affermò che era stato detto che il Novecento sarebbe stato caratterizzato dalla comparsa dell’uomo incapace di riconoscere Dio. Da allora ciò è diventato sempre più evidente, anche in un’isola come la nostra Capri. Ed in questo ha contribuito e contribuisce il dimenticare che il Natale fu istituito per ricordare l’incarnazione del Figlio di Dio, che portò agli uomini la possibilità della salvezza eterna e la partecipazione alla vita divina. Raffaele Vacca L’INFORMATORE POPOLARE Periodico d’informazione politica, cronaca, cultura e sport dell’isola di Capri Direttore: Manfredi Pagano Società editrice TPS S.R.L. Reg. Tribunale di Napoli Nr 5283 del 18/02/2002 Redazione: Via Li Campi, 19 - 80073 Capri (Na) Tel. 081.8383111 Fax 081.8370421 Sito internet: www.caprinews.it www.informatorepopolare.it Per scrivere alla redazione redazione@caprinews.it Per la pubblicità Mediacapri S.R.L. Tel. 081.8383111 Stampa: Rotostampa Lioni (Av) (Si comunica che foto e documenti consegnati in redazione non saranno restituiti)


Informatore Popolare 41 - 2016  

Numero 41 del 18 dicembre 2016

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you