Page 1

Siamo su internet all’indirizzo www.informatorepopolare.it

PERIODICO D’INFORMAZIONE POLITICA, CRONACA, CULTURA E SPORT DELL’ISOLA DI CAPRI ANNO XVI N.31 del 8 ottobre 2017


Impressionanti sequenze 2 di movimenti franosi: Aria di Capri installata una barriera con boe

Una barriera galleggiante con decine di boe a delimitazione dell’area a mare sotto il costone roccioso teatro degli ultimi movimenti franosi verificatisi a Capri, in località marina di Caterola. A disporre la realizzazione e l’installazione della barriera galleggiante di protezione con boe luminose, lunga 300 metri e ad una distanza di 150 metri dalla costa, è stato il Comune di Capri a seguito dell’ennesima sequenza di spaventose frane, la più grande verificatasi domenica scorsa nel pomeriggio. L’incarico è stato affidato al Gruppo Ormeggiatori che ha provveduto all’intervento mercoledì mattina. Disposta anche l’integrazione della segnaletica che indica il pericolo di caduta massi, danneggiata proprio dalle ultime frane. Detriti, sassi, terreno, arbusti, dal costone è precipitato di tutto. Una zona già interdetta alla navigazione e alla balneazione, interessata da continui fenomeni che stanno creando allarme e

preoccupazione. Capitaneria di Porto e Vigili del Fuoco, dopo l’ennesimo sopralluogo, hanno sollecitato il Comune di dar corso agli interventi di propria competenza. Il Sindaco, Gianni De Martino, ha fatto sapere di aver subito segnalato alla Protezione civile regionale la necessità di un sopralluogo. Ma a chi spetta intervenire sul costone? “Non abbiamo nella banca dati interventi previsti o chiesti su costoni rocciosi capresi - ha detto

al quotidiano Il Mattino l'ingegnere Roberta Santaniello, responsabile del dipartimento Protezione civile della Regione - è stato disposto un sopralluogo sul costone dell'ultimo evento, ma in quell'area non sappiamo con precisione chi debba intervenire. Dalle mappe catastali demaniali dobbiamo capire se la frana sia partita da una proprietà privata o pubblica”. E mentre si teme l’ennesimo rimpallo di responsabilità, Capri continua a franare.


Frane a Capri, l’esperto: 3 “Controllare infiltrazioni Aria di Capri e scarichi, serve prevenzione”

Quali le cause dei continui movimenti franosi che stanno interessando Capri? L’esperto non ha dubbi: è un mix di concause, dalla natura della roccia al clima, dai continui sbalzi di temperatura agli scarichi e infiltrazioni di acqua. Per il professor Franco Ortolani, docente emerito di Geologia, “il problema nasce da rocce di natura calcarea, che con il tempo si sono fratturate. Sono rocce fragili, su cui si sono inseriti altri elementi naturali che ne accrescono il logoramento. Le eruzioni vulcaniche del Golfo hanno trasportato sull' isola nei decenni masse di ceneri e lapilli, che hanno concimato il suolo rendendolo fertilissimo. La nascita spontanea di vari tipi di vegetazione, alcune coltivate altre no, si è sedimentata con le radici insinuatesi tra le rocce accrescendone la fragilità e l'instabilità”. Secondo Ortolani, il movimento franoso “è un fenomeno fisiologico, in un luogo che è un vero monumento della natura. Anche dai Faraglioni si liberano periodicamente dei sassi. D'estate, il sole fa salire la temperatura della roccia calcarea a 70-75 gradi. Quando il sole cala, i gradi diminuiscono di colpo e, con il tempo, le rocce si dilatano. Sono manifestazioni di vita”. Parlando della prevenzione, l’esperto dice: “Esiste un sistema di reti, ma non credo si possano avvolgere tutti i costoni capresi in quel modo. Oltretutto, si tratta di operazioni costosissime. Le ordinanze che delimitano le aree di balneazione e transito sono le attività preventive per evitare rischi”. “Non farei - continua il professore

- dell'allarmismo fuori luogo. Si tratta certamente di caratteristiche geomorfologiche, comuni a molte zone del nostro territorio, che possono essere tenute a bada con accorgimenti e attenzione, limitando gli accessi ai luoghi dove il rischio che franino massi è conosciuto. Per questo, occorre tenere sempre sotto controllo il territorio, monitorarlo. C'è qualcosa ancora, però, che si potrebbe fare nell' attività di monitoraggio. Verificare, questo spetta ai due Comuni isolani, in che modo siano convogliate e smaltite le acque sull' isola. Perdite e infiltrazioni di scarichi di acqua perduranti nel tempo possono infatti diventare ulteriori elementi predisponenti di frane”, conclude Ortolani.

Collisione tra motoscafo e jet: paura tra Capri e Napoli

Sarà un’inchiesta ad accertare responsabilità e dinamica dell’incidente in mare che ha fatto vivere momenti di autentico panico ma che, per fortuna, non ha fatto registrare nessun ferito. Lo scorso martedì mattina si sono vissute scene di comprensibile spavento a bordo

al “Capri Jet” della Navigazione Libera del Golfo, partito da Capri e diretto a Napoli. A poche miglia dal Molo Beverello un motoscafo “Pershing 50”, con una sola persona a bordo, che procedeva da sinistra verso destra è entrato in collisione con il jet. L’urto è stato violento, tanto che entrambe le unità hanno riportato danni e visibili squarci a prua e sulla fiancata. I passeggeri del jet di linea hanno indossato i giubbotti di salvataggio ma fortunatamente non è stata necessaria l’evacuazione. L’unità veloce ha potuto regolarmente proseguire e terminare la traversata. Sull’incidente è stata aperta un’inchiesta da parte della Guardia Costiera. Nelle foto: le due unità coinvolte nel sinistro


* In casi eccezionali è possibile richiedere un supporto psicologico qualificato direttamente a casa propria.


5 Silvio Staiano: “Violazioni e illegalità nei Aria di Capri confronti di Capri Watch”

Da Silvio Staiano, titolare dell’azienda “Capri Watch”, riceviamo e pubblichiamo la seguente precisazione al nostro articolo della scorsa settimana. Gent.le direttore, in relazione all’articolo apparso a pag. 10 dello scorso N.30 del 01.10.17, dove vi era indicata la posizione dell’Ufficio Tecnico che comunicava: “Abbiamo dato esecuzione ad un’ordinanza di rimozione, come abbiamo fatto in tante altre occasioni. L’esecuzione è stata portata a termine, senza alcuna violenza o violazione, nei modi previsti dalla legge,…” LA PROTESTA CHE MOSTRA LO “SCHELETRO” DELLA TENDA PROFANATA, VIOLENTATA SOTTO GLI OCCHI DEGLI AMMINISTRATORI.

Non è andata come qualcuno vuole far apparire celando le innumerevoli violazioni ed illegalità compiute da 5 addetti del Comune con a capo l’arch. Stroscio che è il dirigente dell’UTC del Comune di Capri.

Ecco i fatti: Per attuare una illegittima ordinanza di rimozione della Tenda di Capri Watch 5 dipendenti del Comune di Capri approfittando dell’assenza dei titolari dell’Azienda muniti di scale, provvedevano di soppiatto a dei danneggiamenti, tra cui taglio di fili e cavi e tessuto ed anziché smontarla decidono scelleratamente di tagliarla a pezzi con forbici e taglierini senza osservare alcuna norme di sicurezza: uno scandalo. - all’arrivo, fortuito, dell’amministratore che richiedeva spiegazioni dello scempio in corso gli venne riferito dal dirigente Stroscio che nulla gli era dovuto e che solo successivamente, avrebbe redatto una relazione di servizio. - Silvio Staiano, decide di filmare tutto per documentare quanto di illegittimo andava accadendo e non appena inquadra nel filmato l’arch. Stroscio, questi subito inizia a proferire una serie di minacce riguardo

la fine che avrebbe fatto il telefonino e si dichiara soddisfatto della “gogna” cui ha sottoposto Capri Watch facendo la tenda a brandelli e passando alle vie di fatto, tramite percosse, tenta di far volare via, senza riuscirvi, il telefonino di Staiano - lo stesso continuava le riprese della distruzione della tenda quando all’improvviso uno degli operai perdendo il controllo senza motivo colpisce Staiano a tradimento che però, riesce a mantenere nelle sue mani l’unica arma di sua difesa e cioè il telefonino con cui continua a filmare quelle terribili scene di violenze e minacce, offese e reiterati tentativi di aggressione. Di fronte al Silenzio dell’ente comunale, dichiara Staiano: “dopo aver assistito a quella inaudita violenza e abusi da parte di chi doveva invece agire con imparzialità e prendendo atto che dopo circa 10 giorni il Sindaco e l’intera amministrazione comunale non hanno condannato le modalità, le violenze e le aggressioni poste in essere dai pubblici dipendenti non posso fare altro che vergognarmi di essere caprese”!


6 Consiglio Comunale, slitta il rinnovo della Aria di Capri Commissione del paesaggio

E’ stato rinviato ad altra seduta del Consiglio Comunale di Capri il rinnovo dei componenti della Commissione locale del paesaggio. Nella seduta di mercoledì scorso, sono state ratificate alcune variazioni di bilancio ed è stata approvata la donazione al Comune del “Ritratto del Vescovo di Capri, Nicola Saverio Gamboni” di Vincenzo Figliolini (1777). Commemorate inoltre suor Matilde Cirillo e il professor Francesco Lucarelli, recentemente scomparsi. *** ANNUNCI IMMOBILIARI info@pipoloimmobiliarecapri.it - Cell. 328.4205196 CAPRI VENDESI Rif. 1204a appartamento di 75 mq circa situato in Via Moneta. La proprietà dispone di soggiorno con camino, cucina abitabile, una camera da letto matrimoniale, due camere da letto doppie, bagno e ampio terrazzo. La proprietà si presenta in buone condizioni con impianto di riscaldamento a pellet e aria condizionata.

CAPRI VENDESI Rif.1253 via Cristoforo Colombo. Appartamento di 60 mq circa collocato al primo piano con ingresso indipendente, nel cuore di Marina Grande con vista sul porto e il golfo di Napoli. La proprietà dispone di: soggiorno, cucina, 2 camere da letto con balcone, bagno, terrazzo porticato. La proprietà, dotata di impianto di climatizzazione, risulta in ottime condizioni.

CAPRI VENDESI Rif. 1203a via Tiberio. Appartamento da ristrutturare distante 15 minuti dal centro. Posto al primo piano e composto da salotto, camera da pranzo, cucina, camera da letto, bagno, terrazzo e giardino.

CAPRI VENDESI Rif. 1440 villa Via Trav. Sopramonte, distante 10 minuti dal centro, è costituita da due corpi di fabbrica contigui e da un’area esterna con magnifico terrazzo e giardino. La villa è suddivisa in tre unità abitative, ciascuna con accesso indipendente, e nello specifico: La prima unità presenta una superficie di 200 mq circa disposta su tre livelli. Al piano seminterrato troviamo un locale di servizio e una cisterna. Il piano terra è composto da ingresso, salone, portico, camera, bagno, cucina, disimpegno. Il primo piano ospita tre camere da letto e due bagni. Completano la proprietà il giardino e i terrazzi a livello.

La seconda unità immobiliare è di 90 mq circa ed è costituita da: salone, cucina, due bagni, due camere da letto e terrazzino con annessa piccola area scoperta a livello. La terza unità immobiliare di 90 mq è composta da: soggiorno, cucina, due bagni, tre camere da letto, terrazzino con annessa piccola area esterna scoperta adibita a viale di accesso e porzione di giardino. CAPRI VENDESI Rif.1293 Appartamento sito in via Padre Reginaldo Giuliani, nelle immediate adiacenze della piazzetta e dalla splendida Via Tragara. La proprietà vanta di un incantevole terrazzo in quarzo adornato da piante tipiche del luogo. Tramite una scala si accede ad un ulteriore terrazzo sul quale si può installare una Jacuzzi. L’immobile è composto da un luminoso soggiorno, una funzionale cucina, camera da letto padronale con bagno, camera da letto doppia, camera da letto singola, due ripostigli e due bagni. L’appartamento si presenta in ottime condizioni con rifiniture di gran pregio, pavimenti in marmo e soffitti con ampie volte a crociera.

giardino pianeggiante di 7000 mq, ove troviamo un fabbricato rurale ideale per una piccola dependance o per una camera di servizio. Dalla proprietà si gode di un'incantevole vista sul golfo di Napoli e su gran parte dell'isola. Comodo il parcheggio distante a 100 m dalla proprietà.

ANACAPRI VENDESI Rif. 1371 via La Fabbrica. Appartamento di 55 mq circa collocato a 15 minuti dal centro di Anacapri e accessibile con un mezzo a due ruote. La proprietà èdisposta su due livelli. Il primorisulta in ottime condizioni data la sua recente ristrutturazione e comprende un soggiorno, ampia cucina, bagno e un terrazzo a livello di 36 mq circa da cui si può godere di una bellissima vista sul mare , mentre il piano seminterrato di 40 mq è in stato grezzo. Completano la proprietà un terrazzo di ingresso di 40 mq e un ampio giardino.

ANACAPRI VENDESI Rif. 1372 via Caprile,piccolo appartamento di 40 mq circa situato nel pieno centro di Anacapri, a pochi passi da Piazza Caprile. L’immobile dispone di un soggiorno con balconcino, cucina, bagno e camera da letto soppalcata. Data la ristrutturazione CAPRI VENDESI Rif.1271 via Madre Serafino Cimmino, grazioso avvenuta di recente, l'appartamento dispone di aria condizionata ed appartamento posto al primo piano di una palazzina, con una super- infissi in pvc. ficie di 65 mq. Ristrutturato recentemente e dotato di impianto di climatizzazione, l’appartamentodispone di cucina, soggiorno con ANACAPRI VENDESI Rif.1353 via Giuseppe Orlandi, in posizione balcone, camera da letto e ampio bagno dotato sia di doccia che di comoda e centrale proponiamo un luminoso appartamento sito al I° vasca.La proprietà è rifinita con cura ed eleganza. piano di un condominio con una superficie di 60 mq circa. La proprietà dispone di: soggiorno, bagno, cucina, camera da letto, terrazCAPRI VENDESI Rif.1291Splendido appartamento in via Padre zo porticato panoramico e soleggiato. Reginaldo Giuliani di 70 mq circa ristrutturato recentemente. L’immobile è composto dadue camere da letto, due bagni, soggiorno ANACAPRI VENDESI Rif.1369Nell’incantevole e tranquilla zona di con cucina open space, disimpegno e due balconi. Dotato di impianto Mesola, proponiamo in vendita un monolocale indipendente compodi climatizzazione. sto da bagno e cucina con doppio ingresso sia pedonale che carrabile con posto auto e piccola camera di servizio con bagno. La proprietà CAPRI VENDESI Rif.1273 via Li Campi comodo appartamento sito recentementeè stata oggetto di lavori di ammodernamento ed è in posizione centralissima, con doppio ingresso indipendente. 140 dotata di impianto di climatizzazione. Ampio spazio esternoben mq di superficie così distribuiti:ampio salone con camino, 2 camere curato con prato, aiuole fiorite ed attrezzato con brace. Si gode di da letto, 2 bagni, cucina abitabile, camera di servizio, terrazzino e un’incantevole vista sul mare, e con i suoi tramonti, rende questa cantina. proprietà un oasi di piacere e rilassamento.

CAPRI VENDESI Rif.1250 via Vittorio Emanuele proponiamo piccolo appartamento in posizione privilegiata e centrale composto da soggiorno con angolo cottura, camera da letto e bagno. Ristrutturato recentemente con ottime rifiniture e dotato di impianto di climatizzazione. Ideale per chi desidera trovarsi a pochi passi dal salotto del mondo.

ANACAPRI VENDESI Rif. 1370 S Nicola appartamento al piano terra con doppio ingresso, ideale anche per uso studio, situato in pieno centro storico. L’immobile presenta una superficie utile interna di mq. 50 e si trova in ottimo stato manutentivo.

ANACAPRI VENDESI Rif.1360 via Linciano villetta indipendente da ristrutturare di 120 mq circa distribuita su 2 livelli con 3.000 CAPRI VENDESI Rif.1429 nella tranquilla zona di Marucella, a metri di giardino, vialetti e terrazzi. La proprietà vanta di un bellispochi minuti dal porto di Capri, proponiamo in vendita una villetta simo panorama e grazie alla sua esposizione gode di suggestivi trada ristrutturare distribuita su due livelli, circondata da un rigoglioso monti da togliere il fiato. Occasione interessante.


Via Krupp, arrivano le risposte alla lettera Aria di Capri aperta della Gheller

“Su via Krupp decidono i capresi (e non una società privata)”: è quanto scrive il comitato “via Krupp libera, via Krupp pubblica” in risposta alla lettera aperta di Attilio Gheller della scorsa settimana. “E’ clamoroso ed è gravissimo! La società Gheller, che ha presentato un progetto di ‘privatizzazione’ di via Krupp e dei Giardini di Augusto, progetto ispirato e voluto dall’Amministrazione Comunale di Capri, ha scritto una lettera aperta ai Capresi assumendo chiare posizioni politiche a favore della maggioranza amministrativa e contro chi non è d’accordo con il suo progetto. Il titolare della ditta Gheller si rende conto o meno che questa lettera e le pesantissime parole in essa contenute sono un vero e proprio atto di ingerenza e intimidazione teso a coartare e influenzare la volontà e l’opinione della popolazione di Capri che sta maturando, democraticamente e autonomamente, una decisione sul destino di un patrimonio naturalistico e storico importantissimo come il complesso di via Krupp e dei Giardini di Augusto?”, attacca il comitato. “Di chi diavolo sta parlando quando dice che ‘Tutti’ erano d’accordo se ben due Associazioni imprenditoriali su tre sono in disaccordo con il progetto, se le Associazioni ambientaliste sono nettamente contrarie e se dai verbali della Commissione consiliare su via Krupp emergono, chiaramente ed inconfutabilmente, posizioni contrarie di Consiglieri comunali della minoranza e rappresentanti di Associazioni?” si chiede il comitato. “E’ lo stesso Gheller ad ammettere che solo per compensare i mancati introiti della mancata bigliettazione per entrare nella strada si sia inserito il ‘gioiellino’ del Parco Augusto con un biglietto raddoppiato rispetto a quello attuale. Come la chiama il signor Gheller quest’operazione se non privatizzazione di una strada che rimarrebbe chiusa in ogni caso e comunque per tre mesi all’anno e di cui, per sua stessa ammissione in un incontro pubblico, avrebbe sempre e comunque le chiavi per aprirla o chiuderla come e quando riterrebbe opportuno e utile?”.

Sempre sull’argomento via Krupp riceviamo una lunga lettera in risposta alla lettera aperta di Gheller pubblicata la settimana scorsa. Non potendo pubblicare integralmente per motivi di spazio la nota, ne riportiamo alcuni passaggi significativi, ricordando che il giornale è a disposizione per ospitare spazi autogestiti previo contatti con l’agenzia pubblicitaria. Egregio Signor Gheller Partirei dalla fine della sua lettera con una battuta ,e non fraintenda il mio spirito, meno male che non era e non è sua intenzione entrare assolutamente in quella che lei ha definito “battaglia”, tra le forze politiche e imprenditoriali dell’isola altrimenti chissà cosa avremmo letto, ma questa può anche darsi sia stata una mia sensazione sbagliata. Forse almeno inopportuna la sua lettera potremmo definirla alla luce del momento nella quale viene recapitata, nella sua per carità legittima visione che via sia una guerra in corso ha dimenticato un terzo elemento, noi cittadini, chiamati in questo momento ad aderire o meno ad una chiamata referendaria su un quesito legittimo e secondo modalità democratiche non meritavamo distrazioni da parte di chi, spero non avrà difficoltà a riconoscerlo, possiamo definire in un certo senso parte interessata. (...) Ciò che ho confinato nelle mie capacità di comprendonio è che il projectfinancing è una tecnica finanziaria non una pratica ingegneristica, noi tutti, ma proprio tutti, vogliamo riaprire via Krupp, noi tutti , ma proprio tutti senza alcuna mal celata ironia siamo convinti della bontà del suo progetto tecnico, anche perché in tanti di noi mai avremo capacità e cultura per contestarlo qualora anche presentasse lacune, resta il problema di come ripagare i lavori e qui il motivo del contendere. La sua impresa ha presentato un projectfinancing, questi sono i lavori da fare, questi sono i costi, questa l’opportunità offerta per ripagarli in un certo tempo e secondo certe modalità, semplifico per capirmi, ora se noi, cittadinanza caprese, chiediamo un attimo di riflessione, fermiamo le bocce e verifichiamo magari se esiste una stra-

7

da diversa per poter ripagare i lavori, lei dopo perché dovrebbe ritirare il suo progetto? Perché il suo progetto potrebbe costare di più? Perché offrirebbe meno garanzie? Lo so potrebbe essersi arrabbiato per lo spettro agitato della “privatizzazione”, pure lei però perdoni ci ha messo un po’ del suo quando inizialmente immaginava pontili galleggianti, carrellini elettrici , c’era una visione magari non da “privatizzazione” secondo wikipedia ma vogliamo azzardare un uso privatistico? Certo si è cambiato ma ammetterà che almeno le perplessità erano legittime, ad essere sincero al posto di altri alla prima stesura non avrei dato dignità di argomento da discutere in assisi istituzionali ma un semplice rimando al mittente. (…) Mi permetta poi una piccola e garbata tiratina di orecchie, lei è il proponente del progetto in esame posto comunque all’esame della comunità, il titolare del maggiore interesse incluso quello imprenditoriale, forse non poteva concedersi una missiva simile in un momento nel quale decisioni stanno per essere prese. Il projectfinancing nel nostro ordinamento non credo sia stato introdotto per far strada ai benefattori, nato con la giusta intenzione di rivitalizzare investimenti laddove era impossibile agire ma per carità nessuna beneficenza, penso addirittura che a livello europeo , dove a certe cose sono attenti, non sia neanche visto tanto di buon occhio, arrivo a pensare anche che un povero comune, in termini di bilancio, accetti non di buon grado dover dare per avere ma certo qualcosa bisogna pur fare. (…) Oggi noi attendiamo risposte ad interrogativi pratici: quanto costa riaprire , lavori e controlli annuali annessi, quanti soldi abbiamo subito e quanto potremmo ricavare da questo e da quello, quanto costa alla comunità se facciamo così o facciamo colì, in pratica essere gestori dell’analisi di una scelta, su questi temi vorremmo essere lasciati liberi di verificare e decidere e se decisioni contrarie e diverse saranno prese essere noi a dire no grazie. Paolo Federico


Giovanni Masturzo non 10 ce l’ha fatta: fatale il pugno di Cronaca Mariotti indagato per omicidio

Un pugno, un maledetto pugno, violento, secco, diretto, è costato la vita a Giovanni Masturzo, 45 anni, di Anacapri, persona molto nota, sempre sorridente e ben voluta. Una morte davvero assurda. A sferrargli il colpo del ko, la sera del primo settembre, fu Stefano Mariotti, 50 anni, di Roma. I due litigarono in via Pagliaro. Masturzo aveva casualmente visto transitare la sua ex fidanzata in compagnia del nuovo compagno, Mariotti

lità volontaria, propedeutica all’indizione di un concorso pubblico, finalizzata alla copertura di un posto di “Istruttore Direttivo di Vigilanza – Comandante della Polizia Municipale” categoria D1. Per la partecipazione alla procedura di mobilità è richiesto il possesso dei seguenti requisiti: A) essere dipendenti in servizio di ruolo a tempo indeterminato appartenenti alle amministrazioni pubbliche di cui all’art.1, comma 2, del D.Lgs. n.165/2001, con esperienza lavorativa di almeno 24 mesi, ed inquadrati in categoria e profilo professionale uguale o analogo a quello relativo al posto da ricoprire; B) l’assenza nel biennio precedente di sanzioni disciplinari superiori al rimprovero verbale e/o di condanne penali e/o procedimenti penali in corso che precludono la costituzione/prosecuzione del rapporto di pubblico impiego; C) possesso del Diploma di Laurea, secondo il vecchio ordinamento, o laurea quinquennale nuovo ordinamento in Economia e Commercio, Scienze Politiche, Giurisprudenza o equipollenti, ai sensi del D.M. 09/07/2009; D) possesso del nulla osta al Il Comune di Anacapri trasferimento dell’Ente di appartenenza. avvia la selezione Le domande di partecipazione alle procedura di mobilità dovranno per il nuovo pervenire all’Ufficio Protocollo del comandante dei vigili Comune di Anacapri entro le ore Si avvicina il congedo, per soprag- 12:00 del 6 novembre 2017. La Commissione, composta dal giunti limiti di età lavorativa, per Marco Pollio, da molti anni coman- Segretario Generale e da altri due componenti individuati fra i dante della Polizia Municipale. Il responsabili di settore, procederà Comune di Anacapri ha, per questo, indetto una procedura di mobi- alla formulazione della graduatoria. appunto. La vista della coppia fece andare in escandescenza Giovanni che iniziò a inveire contro i due tra insulti e ingiurie. Il romano reagì in maniera violenta colpendo l’anacaprese con un pugno al volto talmente forte da provocargli lesioni alla mascella e la caduta a terra. Masturzo nella caduta batté la testa e perse i sensi. Da allora non si è più ripreso. Emorragia cerebrale, la corsa al pronto soccorso dell’ospedale Capilupi di Capri e il successivo trasferimento al San Giovanni Bosco a Napoli dove è morto la mattina del 2 ottobre. Le indagini sono condotte dai carabinieri di Anacapri in sinergia con la Procura di Napoli: sono stati ascoltati alcuni testimoni e acquisiti i filmati delle telecamere della zona. Nei confronti dell’aggressore, in un primo momento denunciato in stato di libertà per lesioni gravissime, cambia il capo di accusa. La Procura ha rubricato il reato in omicidio preterintenzionale. Per il momento resta a piede libero. Nella foto in alto: Giovanni Masturzo morto dopo un mese in coma Nella foto in basso: il responsabile del pugno fatale Stefano Mariotti


Al via progetto sanitario 11 da Napoli e Capri contro Cronaca i morsi dei serpenti in Benin

E’ partita da Napoli e da Capri l'iniziativa "Prevenzione e trattamento sanitario delle vittime morse dai serpenti velenosi nell'area rurale di Bassila Nord Benin". Un progetto assai insolito che l'Associazione Cotugno Africa Onlus di Napoli presieduta dal dottor Pietro Amoroso, che vede tra i fondatori il caprese Elio Sica, attuale segretario e tesoriere, sta realizzando in Africa, nel Benin, con straordinari successi. In appena due mesi sono state salvate già le prime 27 persone. Gli effetti dei morsi di serpenti velenosi costituiscono nel mondo un’emergenza sanitaria, che l’Oms considera tra quelle prioritarie. Solo in Africa i morti e i soggetti con serie amputazioni per avvelenamento vengono stimati, molto probabilmente in difetto, in circa 50mila casi l’anno.

Nell’area rurale di Bassila nel Benin del nord, che comprende 31 villaggi e circa 100mila abitanti, tra i più poveri di quel paese, il morso di serpenti velenosi (specie di una vipera locale assai venefica) è un evento frequente tra gli agricoltori e pastori che lavorano scalzi e privi di protezioni e tra i bambini che cacciano le nutrie (una specie di roditore) per nutrirsene o venderle, infilando le mani nelle tane , dove invece spesso si annidano i serpenti. L’intervento del progetto prevede tre direttrici: finanziare una campagna d'informazione tra la popolazione rurale del posto, fatta da esperti locali che girino nelle scuole e nei villaggi con l'accordo, oltre che con le Autorità locali, con i capi tribù; fornire alla popolazione presidi di protezione, quali scar-

pe o stivali leggeri e guanti robusti; mediante una convenzione coll’ospedale della zona, coprire i costi (oltre 100 euro per caso, ovviamente non sostenibili dai locali) del trattamento, che prevede l’uso di un siero anti-veleno polivalente e il ricovero in terapia intensiva. I referenti del progetto sono: per l’ospedale di zona di Bassila il dottor Arsene Guedegbe, medico internista del nosocomio e coordinatore e responsabile sanitario del progetto; per la curia arcivescovile P. Jean Louis Kpangon, vicario vescovile e parroco della Cattedrale Sacro Cuore di Djougou, fiduciario con l’incarico di vigilanza, controllo della gestione del progetto ed assegnatario dei fondi conferiti dall’associazione; Elio Sica (contattabile per ulteriori informazioni al numero 081.8372251 oppure email el.sica@tiscali.it), segretario e tesoriere nonchè referente dell’iniziativa ed incaricato dal Consiglio Direttivo dell’associazione, come previsto dalle norme statutarie, a concretizzare il progetto esecutore materiale delle operazioni e gestione, dando tempestiva comunicazione degli interventi ordinari ai consiglieri.


12 Ventesimo premio Malaparte a Han Kang: Eventi a Capri cerimonia alla Certosa

“Gwangiu è tutti i luoghi e tutti i tempi in cui dignità e violenza coesistono. Non è assolutamente qualcosa di terminato, ma che continua a tornare”. Così Han Kang, l’autrice coreana di un best seller mondiale come “La vegetariana”, ha ricevuto domenica scorsa alla

Certosa di San Giacomo a Capri il Premio Malaparte 2017 per il suo ultimo lavoro: “Atti umani” (ed. Adelphi), dedicato al massacro di Gwangju, rivolta contro il regime presidenziale repressa nel sangue nel 1980, vissuto in prima persona da Han Kang bambina e dalla sua famiglia. “Non ho scritto questo libro per me - ha detto la scrittrice nel suo sentito discorso di

ringraziamento - Volevo solo prestare le mie sensazioni, la mia esistenza, il mio corpo a coloro che sono stati uccisi, ai sopravvissuti e alle loro famiglie. E alla fine mi sono accorta che erano loro ad aiutare me. Io non ho fatto nulla. Ho solo scritto un libro”. Il Premio Malaparte, fondato nel 1983 da Alberto Moravia e da Graziella Lonardi Buontempo, dopo alcuni anni di stop è rinato grazie a Gabriella Buontempo e al sostegno di Ferrarelle ed è giunto quest’anno alla ventesima edizione.


13 Il gruppo scout di Capri tra sani principi e Eventi a Capri richieste di nuove adesioni Il gruppo scout di Capri è alla ricerca di ragazzi di più di 19 anni che desiderino dare una mano per trasmettere i principi dello scoutismo ai più giovani, con la speranza di contribuire a formare un mondo migliore diventando scout. Lo scoutismo è movimento mondiale educativo creato per i giovani che attraverso la fantasia, il gioco, l’avventura, la vita all’aria aperta, l’esperienza comunitaria, lo sviluppo della dimensione sociale e spirituale, punta a rispondere alle tante domande dei giovani sulla vita ed a formare dei buoni cittadini. Per sapere di più contatta la pagina @Scout CNGEI Napoli4/Capri o chiama al 3471270303.

L’Associazione Nazionale Carabinieri Isola di Capri organizza un viaggio in Sardegna dal 21 al 29 ottobre 2017. Partenza da Capri nel primo pomeriggio, arrivo a Civitavecchia con pullman gran turismo. Imbarco per Olbia con prenotazione in cabina andata e ritorno. Giro della Sardegna e ritorno a Capri in serata il 30 ottobre con sosta a Formia per il pranzo. Per informazioni: tel. 338.3189419 - 335.6693236


Annunci

Anacapri località Linaro vendesi terreno mq 868 con allaccio idrico. Tel. 338.9730186 Offerta interessante.

Via Marucella 20 vendesi locale uso deposito 60 mq più cisterna ingresso indipendente. Tel. 329.6236616

Gli annunci vengono pubblicati a pagamento: il costo di ogni annuncio è 14 2 euro a uscita per un minimo di 5 pubblicazioni consecutive (10 euro a “pacchetto”). Il pagamento va fatto all’atto della consegna dell’annuncio, che è possibile dal lunedì al giovedì, dalle ore 10 alle ore 12, presso la redazione in via Li Campi 19 a Capri. Piano superiore: tre camere da letto, corridoio, bagno e balaconata. Tel. 360.436183 081.8371132

Anacapri Piazza Vittoria vendesi o permutasi casa 75 mq composta da ampia zona giorno con cucina abitabile, cameretta, bagno e terrazzo al piano terra; 2 camere, bagno e balcoAnacapri località Mulino a Vento vendesi ter- ne al primo piano più piccolo giardino di 100 reno circa 380 mq. Tel. 339.3566959 mq circa con annesso piccolo monolocale con 338.4119738 angolo cottura e bagno. Immobile perfettamente ristrutturato con aria condizionata e Capri, via provinciale Marina Grande, vendesi riscaldamento centralizzato a pellet. Tel. appartamento panoramico di 90 mq composto 328.4450034 (13-15 e 19-21) da ingresso, salotto/pranzo, cucina, 2 camere da letto e bagno, più una meravigliosa veran- Anacapri-Località La Guardia 37/39 da e un terrazzo panoramici, discrete condiVendo parte di nuda comproprietà di appartazioni, libero. Tel. 328.7491287 menti e terreni agricoli. Primo appartamento composto da due ampie Vendo immobile in Anacapri, disposto su tre e soleggiate camere da letto, ampissimo salone, livelli (semi-terra-primo), composto da nove cucina abitabile, terrazzi, balconi posto auto e vani di cui solo tre misurano 45 mt c.a., cister- moto, giardino. Secondo appartamentino adiana con pozzo in pietra, garage (solo moto), tre cente all abitazione principale composto da terrazzi per un’area complessiva di oltre camera da letto bagno con vasca e cucina abi70mq. Gode di vista sull’intero golfo (esposta tabile con terrazzi e posti auto/moto. Due a nordovest). Giardino con viali e muretti in monolocali per un totale di 40mq da ristruttupietra (200 mq), diversi alberi di arancio e rare con ampio giardino e cantina. giardino coltivabile. Il tutto a soli tre minuti Appartamento con tre camere da letto, cucina dal centro. Benchè a norma ed abitabile, ha abitabile, due ampi bagni e ampissimo terrazbisogno di ammodernamento. Ottimo investi- zo circondato da giardino e terreni agricoli. mento per famiglia numerosa o per chi inten- Ottimo per investimento. Trattativa riservata. de trasformarlo. Prezzo imbattibile, comunque Tel. 339.4973145 da vedere. Seriamente disposto a scambio con altro immobile molto più piccolo. Tel. Vendesi Napoli zona Mergellina appartamento 340.8219795 dalle 12 alle 21 solo se veramente semipanoramico 90 mq, ottime rifiniture, terinteressati razzo e terrazzino a livello. Tel. 331.4891525

Vendesi luminosissimo appartamento a Capri in via Cesina 12 di di 65 mq + 20 mq di terrazzo coperto. Euro 480mila trattabili. Tel. 338.7722907

Vendesi casa centro storico Campitello Matese (San Massimo). Piano terra: ingresso, cucina, soggiorno, caminetto, ripostiglio e bagno.

Riviera di Chiaia – Napoli Via Bausan fittasi appartamento 3 camere letto 3 bagni soggiorno cucina riscaldamento autonomo. Nello stesso stabile 2 ampie camere con angolo cottura 2 bagni 2 soppalchi riscaldamento autonomo. Tel. 339.1666400

Fittasi per abitazione o uso ufficio in Napoli

via Tommaso Caravita 6 (nei pressi di piazza Carità , 3 min a piedi dalla stazione della metropolitana di via Toledo, 10 min a piedi dal molo Beverello) appartamento di 70 mq, primo piano affaccio interno con ascensore, composto da due ampi vani, cucina e bagno. Appartamento completamente ristrutturato a luglio. Tel. 368.3804634 (ore serali)

Fittasi camera con bagno privato e angolo cottura in via Belvedere Cesina 28. Tel. 347.2736069 - 345.6917391

Deposito fittasi adiacenze piazzetta. Tel. 334.7973681

Fittasi annualmente casa in località Marina Grande con due camere e accessori. Tel. 081.8637609 - 338.2994465

Fittasi locale 30 mq uso commerciale zona largo Fontana Marina Grande. Tel. 328.8039793

Fittasi locale come deposito o ufficio nei pressi della Piazzetta. Tel. 081.8377813 - 081.3653395

Anacapri centralissimo fittasi mini appartamento indipendente composto da cameretta, cucina e bagno. Tel. 081.8371874 329.3627105

Fittasi Anacapri bilocale anche a residenti con regolare contratto. Tel. 347.1502831 (dalle ore 17 alle 20)

Donna dello Sri Lanka di 38 anni, da 17 in Italia, cerca lavoro come collaboratrice domestica, cameriera in albergo o badante. Lunga esperienza. Parla bene italiano. Tel. 333.3856660 (Sara)

Si impartiscono lezioni private materie letterarie e lingua e letteratura inglese. Tel. 347.1270303


Cultura

A cura dell’Associazione di varia umanità

Chi è e cosa ha fatto suor Serafina

Crocifisso della Chiesa di S. Costanzo in Capri. LA SOPPRESSIONE DEI DUE MONASTERI ISOLANI Il Monastero di S. Michele in Anacapri fu soppresso con decreto Suor Serafina, il cui vero nome era Prudenza Pisa, nacque a Napoli del re di Napoli del 19 novembre 1808. Con analogo decreto del 28 il 24 ottobre 1619. dicembre 1808 fu soppresso il Il padre Nicolò Antonio Pisa, di Monastero di Capri. In entrambi i antica famiglia caprese, era commerciante a Napoli, dove viveva il casi i monaseri ed i relativi beni fratello don Ottavio, canonico della furono incorporati nel demanio statale. Degli altri cinque monasteri di cattedrale, e l’altro fratello padre suor Serafina restano quello di Gennaro che era gesuita. Aveva sposato in seconde nozze Giustina Massa Lubrense e quello di Strina, anch’ella di famiglia capre- Fisciano. se, la quale aveva un fratello sacer- IL PROCESSO DI BEATIFICAZIONE dote, don Marcello, che nel 1653 Subito dopo la sua morte terrena, diventò parroco di Capri. su sollecitazione del cardinale Portata a Capri, che non lasciò Vincenzo Maria Orsini, diventato mai più, quando aveva due anni, poi Benedetto XIII, iniziò il prodopo averla pensata per lunghissicesso di beatificazione di suor mi anni, solo il 18 aprile 1661 Serafina. E’ stato sospeso il 3 agoPrudenza Pisa ottenne l’autorizzasto 1876, e da allora nessuno ha zione ad istituire la comunità relifatto niente per riprenderlo. giosa femminile del Santissimo IL PRIMO SCRITTORE Salvatore. Per costruire il DI CAPRI Monastero usò la casetta che per Per le sue consorelle, seguendo questo scopo le aveva lasciato lo l’esempio di Santa Teresa d’Avila, zio don Marcello, morto di peste nel 1656. In seguito il Monastero si suor Serafina scrisse, in lingua italiana, ventidue piccoli trattati, che sarebbe notevolmente ampliato, ci sono stati conservati e che la così come si ampliò il Monastero di S. Michele in Anacapri, fondato rendono in assoluto il primo scrittore dell’isola. Scrisse anche molte l’11 ottobre 1683 nella casa donalettere di non poca importanza. tale dalla famiglia Ariviello. Suor Serafina, che aveva assunto 2167 furono raccolte in due volumi questo nome nel gennaio del 1670, che sono andati inspiegabilmente perduti. fondò e riorganizzò altri cinque IL SUO INVITO monasteri: a Massa Lubrense (nel Nell’isola, dove dal 1334 c’era la 1673), Vico Equense (1676), comunità dei certosini, suor Nocera dei Pagani (1680), Torre del Greco (1685), Fisciano (1691). Serafina fondò due comunità religiose femminili, con i relativi Scomparve a Capri il 17 marzo monasteri. 1699. I suoi resti riposano nella Questi sono stati luoghi di educaparete di sinistra della Cappella del

15

zione, di formazione, di preghiere, di studi, di lavori, di contemplazioni. Educarsi, formarsi, pregare, studiare, lavorare, contemplare, nella convinzione che si viene da Dio e si va verso Dio, è quello a cui suor Serafina invita le donne e gli uomini, i giovani e le giovani, i ragazzi ed i fanciulli del nostro tempo. CONCLUSIONE Per come ha vissuto, per quel che ha fatto e per quello che ha lasciato, suor Serafina dovrebbe essere riconosciuta ed onorata (ed anche pregata) sia nelle tre comunità cattoliche dell’isola, sia nelle due comunità civili, dove, per lo più, è ignorata, pur non essendoci stato caprese più grande di lei. Raffaele Vacca L’INFORMATORE POPOLARE Periodico d’informazione politica, cronaca, cultura e sport dell’isola di Capri Direttore: Manfredi Pagano Società editrice TPS S.R.L. Reg. Tribunale di Napoli Nr 5283 del 18/02/2002 Redazione: Via Li Campi, 19 80073 Capri (Na) Tel. 081.8383111 Fax 081.8370421 Sito internet: www.caprinews.it www.informatorepopolare.it Per scrivere alla redazione redazione@caprinews.it Per la pubblicità Mediacapri S.R.L. Tel. 081.8383111 Stampa: Rotostampa Lioni (Av) (Si comunica che foto e documenti consegnati in redazione non saranno restituiti)


Informatore Popolare 31 - 2017  

Numero 31 del 8 ottobre 2017