Page 1

Siamo su internet all’indirizzo www.informatorepopolare.it

PERIODICO D’INFORMAZIONE POLITICA, CRONACA, CULTURA E SPORT DELL’ISOLA DI CAPRI ANNO XII N.25 del 30 giugno 2013


Lavori in corso

Il parchetto del Centro Congressi abbandonato

Dna dei cani, il commento del Comitato Strade Pulite

Spett. redazione, Egr. Sindaco di Capri vi segnalo che soprattutto nelle ore sig. Ciro lembo serali/notturne il parchetto del Centro Egr. Vice-Sindaco Congressi di vico Sella Orta è diven- sig. Marino Lembo tato terra di nessuno. Gruppetti di Egr. consigliere, delegato giovani di tutte le età si recano nel all’Ambiente giardino per bivaccare o fare baldoria avv. Alessandro Esposito o giocare a calcio. Perchè l’amminiE p. c. Egr. Comandante Polizia strazione non interviene per ridare Municipale decoro a questa struttura? dott.ssa Marica Avellino Un lettore SEDE

2

Oggetto : DNA canino Il Comitato Strade Pulite (Decorose e Sicure) ha seguito i lavori del convegno ”Attività di Igiene Urbana Veterinaria” che venerdì 14 giugno si è tenuto nella Sala Azzurra del Centro Congressi. Capri, quindi, avvierà un progetto pilota in collaborazione con il C.R.I.U.V (Centro di Riferimento Regionale per l’Igiene Urbana Veterinaria), con l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno e con il Dipartimento di Medicina Veterinaria Università degli Studi Federico II, attraverso il quale, individuando il DNA canino, si attuerà una prevenzione della fecalizzazione ambientale sul territorio del Comune di Capri. Un progetto simile fu avviato qualche anno fa a Gerusalemme e a Tel Aviv ma non è andato a buon fine perché la ricerca del DNA si basava sul prelievo volontario della saliva dei cani. Ma, per Capri, sembra tutta un’altra storia. Il filo conduttore del progetto è il rischio sanitario. A proposito, a nessuno è venuto in mente la somministrazione di pasticche astringenti? Sistema veloce ed economico! E’ stato spiegato dagli esperti infatti, ma in realtà lo sapevamo già tutti e molto bene, che, attraverso le feci dei cani si possono trasmettere svariate malattie all’uomo. E’ il caso di dire che a Capri siamo stati molto fortunati se, finora, non si è mai verificato un caso di trasmissione di infezione parassitaria all’uomo, perché la presenza di feci di cani sulle strade e il conseguente rischio per la salute dei cittadini, soprattutto dei bambini , ma anche l’immagine indecorosa delle strade, sono stati denunciati per anni, soprattutto da questo Comitato. Quello che non è stato mai denunciato dal Comitato, ma ci ha pensato il Sindaco al convegno, è stato il serio rischio che le signore con preziosi vestiti lunghi e scarpe costose hanno


corso di rovinare il loro abbigliamento. E anche questo non è da sottovalutare. Insieme alle denunce l’amministrazione è stata invitata, per anni, ad impiegare le forze della Polizia Municipale, gli Ispettori Ambientali per un pattugliamento delle strade così da scoprire in flagrante i cittadini che lasciavano defecare i loro cani liberamente sul suolo pubblico o individuare i cani in libertà che per anni, appunto, grazie alla inciviltà dei loro padroni, hanno insozzato le strade. Ma, per anni è stato assolutamente impossibile per l’Amministrazione risolvere l’incresciosa situazione delle strade sporche, nonostante, nelle denunce, si fosse fatto riferimento, sempre, ai pericoli per la salute pubblica, a dimostrazione che conoscevamo molto bene quali fossero i rischi. Stavolta sembra che, grazie al progetto pilota, per i proprietari “allergici” al rispetto delle regole”, non ci sia più possibilità di fare i furbi. Pattugliamento obbligatorio sulle strade, soprattutto di periferia, di personale formato, di vigili urbani formati, affissioni di manifesti, inviti alla cittadinanza ad iscrivere i cani all’anagrafe canina (ce ne sono ancora molti non dichiarati), tutto questo e altro contribuirà affinché questo progetto arrivi agli obiettivi prefissati: difesa della salute dei cittadini e mantenimento del decoro urbano. Ma c’era bisogno di un progetto così ambizioso per risolvere il problema delle feci dei cani sulle strade? Gli esperti hanno sottolineato che , oltre al plauso, si aspettano anche le critiche. E fanno bene! Le prime sono quelle del Comitato che si fa portavoce dei tanti giudizi negativi in merito alla questione. Qualche anno fa, quando si parlò per la prima volta di DNA dei cani , siamo finiti su tutti i giornali (ridicolmente attaccati) e anche in televisione nella pungente satira della Littizzetto a “Che tempo

Lavori in corso

che fa”. Insomma si è riso di Capri e non è stato piacevole. Lo scetticismo in merito mostrato in passato dal Comitato e non solo, non avrà più ragione di esistere ? Staremo a vedere. E staremo a vedere anche se il tutto non si risolverà in una bolla di sapone,in un occasione per fare ”risonanza” nella Regione Campania. Risonanza che potrebbe fare comodo a molti. A tutti quelli che si preoccupano del costo del progetto è stata data assicurazione sia dai relatori che dal Sindaco Ciro Lembo, che non uscirà quasi niente dalle casse comunali. Il bilancio di previsione ci dirà. Ultima nota. Il dott. Caputo, direttore tecnico del C.R.I.U.V. ha anticipato che c’è l’intenzione di dare vita ad un registro tumori canino, contemporaneamente ad un’indagine epidemiologica sui territori, quindi anche su Capri. La motivazione? I tumori negli animali preannunciano molti anni prima i tumori nell’uomo. Vuoi vedere che il comune di Capri si troverà a finanziare un’indagine epidemiologica per i cani, mentre per quella per noi isolani non “ha potuto” (?) cacciare nemmeno un euro? Il Comitato si augura, comunque, che quando i vigili pattuglieranno le strade, perché gli addetti della Capri Servizi preleveranno le feci solo in presenza di un pubblico ufficiale per poi confrontarli con la banca dati, segnaleranno anche il degrado ambientale che regna sull’isola (strade dissestate, muri sventrati, siepi incolte che oscurano il panorama, alberi pericolanti, erbacce , aiuole di alberi mancanti mai ripiantati ridotte ad immondezzai nonché lampadine fulminate, cestini della spazzatura arrugginiti, cabine della Telecom usurate…) In attesa di un riscontro, il Comitato saluta cordialmente. Comitato Strade Pulite (Decorose e Sicure)

3

*** Queste pagine sono a disposizione dei cittadini, dei movimenti e delle associazioni, per gli interventi, le lettere, i dibattiti, le interviste, i programmi, per aiutare i capresi ad orientarsi sui problemi presenti e futuri di Capri e per giungere alla scelta del nuovo Sindaco e della nuova amministrazione. Volete commentare gli interventi pubblicati questa settimana? Volete approfondire una nuova tematica? Volete dire la vostra su argomenti di stretta attualità? Per contattare la redazione potete scrivere a redazione@caprinews.it. Si pubblicano soltanto lettere o comunicati che ci pervengono rigorosamente firmati: non accettiamo lettere anonime ma comunque garantiamo la pubblicazione senza firma nel caso in cui ci venga richiesto dall’autore. Il contenuto degli interventi è libero e non necessariamente rispecchia la linea editoriale e il pensiero del giornale.


4 Passerelle di jet e catamarani, pericolo Aria di Capri costante sul porto

E’ costante il pericolo che si registra sul porto di Capri soprattutto in concomitenza con gli sbarchi contemporanei di più natanti in arrivo da diverse località. Emblematico quanto accaduto lo scorso martedì mattina, poco prima delle 8, in occasione dell’arrivo di jet e catamarani, l’uno da Napoli e l’altro da Sorrento. L’attracco simultaneo di più mezzi determina il riversamento sulle banchine di un numero enorme di passeggeri con conseguente pericolo. In questo caso il pericolo non è rappresentanto soltanto dalla calca ma si riferisce più specificamente all’inadeguatezza delle passerelle utilizzate per lo sbarco e l’imbarco dei passeggeri. Martedì scorso, infatti, il mare era mosso

e il moto ondoso determinava continui spostamenti ondulatori dei mezzi in banchina. Di conseguenza la passerella di uno dei natanti di linea da poco attraccato

andavati avanti e indietro, spostandosi di dieci centimetri verso terra e verso mare in continuazione. Nella confusione molte persone che si trovavano a transitare sul porto sbarcate dall’altro mezzo hanno rischiato di ritrovarsi con un piede sotto la passerella, non riuscendo ad accorgersi in tempo del movimento dello scivolo usato per far scendere i passeggeri. Fortunatemente è filato tutto liscio, grazie anche alla prontezza di riflessi del personale di bordo e degli addetti alla security che hanno invitato i passanti a prestare la massima attenzione. In questa occasione nessuno è rimasto ferito, ma il pericolo sul porto di Marina Grande è purtroppo sempre dietro l’angolo.


Raffica di controlli 5 sui bus dell’Atc, Aria di Capri è caccia ai “portoghesi”

Da alcune settimane l’Atc ha potenziato i controlli sui mezzi dell’autoservizio pubblico ingaggiando diversi giovani, non capresi, con la funzione di controllori muniti di qualifica di polizia amministrativa. L’Atc ha dichiarato guerra ai cosiddetti “portoghesi”. A dire il vero a Capri è rarissimo trovare persone che non paghino il biglietto, visto che il ticket può essere acquistato anche a bordo direttamente presso l’autista. In questi primi giorni di attività dei controllori, infatti, le multe elevate sono state pochissime rispetto alla gran quantità di passeggeri, segno della civiltà dei capresi e dei turisti. Capita però spesso che qualche utente chieda un passaggio, uno strappo, per un percorso di poche decine di metri, ad esempio dai Due Golfi al capolinea di Piazza Strina, oppure dalla chiesa di San Costanzo allo stazionamento di Marina Grande, oppure ancora dal Monumento al Cimitero di Anacapri. Con la presenza dei controllori questo fenomeno non potrà essere più tollerato, nel senso che anche per un percorso di pochi metri sarà necessario munirsi del biglietto per non correre il rischio di incappare nelle sanzioni amministrative.

Piano orario estivo dell’autotrasporto pubblico, albergatori e commercianti scrivono alla Provincia

Piano orario estivo dei bus del trasporto pubblico: è l’oggetto di una nota che Federalberghi isola di Capri e Ascom Anacapri hanno inviato nei giorni scorsi alla Provincia di Napoli. “A memoria, non era ancora accaduto - si legge nella nota - che a stagione estiva iniziata, le ultime corse del bus pubblico sulla tratta Capri/Anacapri e viceversa avessero luogo rispettivamente alle ore 24,00 e alle 24,15 come previsto dal piano orario invernale in vigore fin dal mese di ottobre scorso. Per rendersi conto degli effetti che tale decisione determina è sufficiente trovarsi al terminal di Capri intorno alla mezzanotte di ogni giorno; fila interminabile, bus stipato all'inverosimile, utenti

non imbarcati, inevitabili proteste e discussioni, sorrisi beffardi dei malcapitati turisti. È una ulteriore ‘sorpresa’ - continua il documento di albergatori e commercianti - che viene riservata alla cittadinanza e agli ospiti dell'isola da parte della società Atc di cui sono ormai troppo frequenti i ‘colpi di testa’; essa manifesta ancora una volta, la propria insensibilità nei confronti dell'utenza, la propria inadeguatezza nella gestione del servi-

zio, la propensione a prendere impunemente decisioni autonome ignorando impegni ed obblighi sottoscritti e che fanno parte dei protocolli di assegnazione del servizio. Tutto ciò - si legge nella nota - in un contesto di ormai evidente acquisita impunità, considerato che le Autorità preposte, accreditando voci di complicità, sembrano ignorare questa e come nel passato altre situazioni simili ed omettono di intervenire”.


6 Legalità: intitolato a Giuseppe Salvia il carcere Aria di Capri di Poggioreale

Un uomo semplice, incorruttibile, un servitore dello Stato. A Giuseppe Salvia, originario di Capri, vittima della Nuova camorra organizzata di Raffaele Cutolo, e' stata intestata la Casa circondariale di Poggioreale, a Napoli. Sabato 22 giugno si è svolta la cerimonia di scopertura della targa posta all'ingresso del carcere dove Salvia e' stato vicedirettore e responsabile del padiglione di massima sicurezza dal '73 fino al 1981, quando un commando di sei killer mandati dal boss detenuto lo freddarono mentre rientrava a casa. "Un riconoscimento che arriva a distanza di trent'anni - sottolinea il figlio, Claudio, che all'epoca aveva 3 anni e ora lavora alla sezione antimafia della prefettura napoletana - ma la giustizia non ha tempo, come la memoria". "Questo e' un giorno importante perche' segna un'ulteriore vittoria per lo Stato dal momento che il suo ricordo restera' per le nuove generazioni". Un ricordo che la famiglia coltiva con cura, come racconta il primogenito di Salvia, Antonino, (anche lui lavora a Poggioreale) che rimarca i risultati dell'associazione e della scuola elementare di Capri, che gli sono intestate. "Oggi e' il nostro angelo commenta la moglie Giuseppina Troianiello - i suoi insegnamenti sono stati una guida per me che ho trasferito ai miei figli il suo essere giusto, tenero eppure inflessibile. Era amato anche dai suoi detenuti che per il suo funerale fecero arrivare 69 corone di fiori". Un uomo che seppe dire a Cutolo, che rifiutava di essere perquisito, "lei e' un detenuto come tutti gli altri", racconta Tommaso Contestabile, provveditore generale degli istituti penitenziari della Campania, mettendone in rilievo i valori di "funzionario fedele e per questo uomo sco-

modo. E' anche grazie a lui nel carcere ci sono i segnali di un corso nuovo". Un omaggio "a un eroe", commenta Teresa Abate, direttrice di Poggioreale, "ma anche un'occasione per ricordare e riflettere sui tempi duri del dopo terremoto, quando in carcere si consumava una sanguinosa faida". Salvia, ribadisce il capo del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria Giovanni Tamburino, "era nel punto piu' avanzato della trincea della lotta alla camorra. Un uomo che sentiva la necessita' di mostrare il volto fermo e umano dello Stato, convinto che l'uguaglianza della legge dovesse prevalere sull'arroganza criminale. Lo Stato non ha dimenticato e Salvia continuera' ad essere un monito verso chi semina odio e sangue".

L’Unitre di Capri in escursione alle Tremiti

Dall’Unitre riceviamo e volentieri pubblichiamo. Ancora ricordando il recente viaggio in Emilia-Romagna la presidente professoressa Ines Stinga, coadiuvata dalle signore Giulia Borà, Olga Sasso e Lucia D’Angelo, ha organizzato con il solito amorevole impegno questa escursione. Abbiamo raggiunto il caratteristico sperone dello stivale d’Italia che è il Gargano. Lungo la strada abbiamo potuto osservare i laghi costieri di Lesina e di Varano, salati perché comunicanti con il mare. Peschici, paese ridente, dal bianco abbagliante

delle case è stata la prima meta dove abbiamo preso alloggio in un importante villaggio turistico. Il giorno successivo, imbarcati su un mezzo veloce a noi riservato, abbiamo effettuato il periplo del più piccolo arcipelago italiano, costituito da quattro piccole isole, di cui solo due abitate. Abbiamo fatto scalo all’isola di San Nicola e molti di noi non hanno resistito alla tentazione di fare una nuotata nell’acqua cristallina. I più fisicamente dotati, affrontando una rampa fortificata, hanno raggiunto l’Abbazia di Santa Maria del Mare, fondata dai Benedettini nell’XI secolo, per ammirare antichi reperti. Dal mare poi abbiamo fatto conoscenza delle altre isole: San Domino, la più estesa, detta nell’antichità Diomedea perché vi sarebbe stato sepolto l’eroe Diomede e ancora Capraia e Cretaccio, minuscole e disabitate. Durante la navigazione di ritorno abbiamo ammirato i famosi trabucchi, singolari postazioni di pesca, e abbiamo fatto onore ad una gustosissima spaghettata ai frutti di mare, allestita dai marinai di bordo, annaffiata da un generoso vino pugliese. Anche grazie a questo nettare l’allegria e i canti hanno raggiunto l’acme. Gli studenti dell’Unitre vogliono esprimere alla Presidente e alle sue collaboratrici la loro gratitudine perché si prodigano con generosità per questa nostra Unitre che da diciotto anni rappresenta un valore per la Nostra Isola.


Franco Troccia dedica 7 un suo racconto in ricordo Aria di Capri della signora Venere

Per motivi di famiglia non eravamo presenti in Capri. Al nostro rientro abbiamo saputo della scomparsa improvvisa della cara Venere alla quale eravamo affezionati. Io e mia moglie ci uniamo al cordoglio di Costantino, Claudio e dei familiari. Nell'occasione desidero dedicare questo mio modesto racconto in ricordo della cara estinta. Franco Troccia

Mamma

Una mamma per un figlio dà tutto, sempre, comunque. E' pronta ad ogni tuo richiamo, è presente nella gioia e nel dolore. Per se non chiede mai nulla. E' sempre pronta ad asciugare una lacrima, a donare un bacio. Non ti chiede se sei stato buono o cattivo. Ella ti ama sempre, con affetto, con passione. Sa che sei carne della sua carne, il sangue che scorre nelle tue vene è suo, ogni battito del tuo cuore, è il suo battito, ad ogni tua emozione, ella trema per te. Quando una mamma diventa vecchia il suo antico amore non scema, è uguale come allora, quando nascesti e ti attaccasti al suo seno per la prima volta. Ora il tempo le ha dato una testa bianca, la sua schiena è ricurva dal peso degli anni e aspetta paziente una tua visita, una carezza, ella te ne a date tante. Ti chiede solo una parola d'affetto, un tuo bacio, e sentirti dire ancora " ti voglio bene mamma ". Quando ero bambino, ricordo chiaramente le lunghe giornate d'inverno davanti al camino dove la mamma mi prendeva tra le braccia, mi baciava e mi stringeva a se con amore. Poi mi metteva a cavalcione sulle sue gambe e mi cantava canzoni antiche del nostro paese che narravano di fate, di orchi e di guerrieri. Una filastrocca lunga e interminabile che non finiva mai, fino a quando stanco non le chiedevo di mettermi giù per terra. Allora mi inseguiva carponi come un cagnolino che vole va mordere il mio pancino, e io ridevo, ridevo fino alle lacrime.Il tempo è passato, ora la mia mamma non c'è più, è vola-

ta su nel cielo accanto ad altre mamme a pregare per noi. Quando vorrei ancora accarezzare la sua testa bianca e scrutare il suo dolore nascosto da un sorriso, come allora. Come rimpiango quegli anni, i suoi consigli, le sue preoccupazioni, le sue carezze. Per tutto quello che ti ho fatto e che avrei voluto donarti, ma che non ti ho saputo dare, perdonami mamma. Solo ora me ne ricordo, anche se è tardi, voglio dirti: ti amo mamma. poetafrancotroccia@teletu.it

Ringraziamento

Intendo ringraziare per la partecipazione al lutto che ha colpito me e la mia famiglia l’Anffas di Capri e il Comitato Fratelli d’Italia giovani, i cui attestati di cordoglio mi sono pervenuti dopo l’uscita dell’Informatore della settimana scorsa. Costantino ***

Gli utenti di Trivago incoronano Capri tra le località più amate del Mediterraneo

Capri prima in Italia e terza nel Mediterraneo tra le località più amate. Lo dice Trivago. Si avvicina il momento di prenotare le vacanze e in molti si saranno chiesti: qual è il posto migliore dove andare? Per rispondere alla domanda ci pensa trivago.it, il più grande motore di ricerca hotel al mondo, che ha stilato la classifica delle 20 migliori destinazioni del Mediterraneo in base alla loro reputazione online. Dalla Grecia al Portogallo, dalla Spagna alla Francia passando, ovviamente, per l’Italia sono tantissime le località al mare dove trascorrere un weekend o una settimana di relax baciati dal sole, ma quali sono davvero le migliori? In base alle valutazioni rilasciate dagli utenti della rete sulle strutture ricettive nelle località balneari del Mediterraneo,

Trivago ha stilato la classifica delle destinazioni con la più alta reputazione online e decretato vincitori la città greca di Imerovigli con 85 punti, seguita dall’altra greca Fira (82) e in terza posizione Capri (81). Tra le 20 migliori mete estive, ben 6 sono perle italiane che hanno saputo ammaliare i turisti e utenti online grazie alla loro bellezza e ottima qualità degli hotel presenti in loco. Nella classifica internazionale subito dopo Capri, con pochissimi centesimi di differenza, si trovano le città di Chania e Rethymnon a Creta, Lagos nel sud del Portogallo, Siracusa, Llanes in Spagna, Monaco/Monte Carlo e Tavira in Portogallo. Tra le destinazioni esclusivamente italiane primeggiano Capri, Siracusa e Otranto come città al mare con le strutture ricettive più apprezzate dagli utenti di Trivago. Nella classifica delle migliori 10 mete nostrane per l’estate 2013 troviamo anche Trapani, Alghero, Tropea, Santa Margherita Ligure, Lignano Sabbiadoro, Gallipoli e Rimini. Secondo questa classifica i migliori alberghi sono quelli siciliani e pugliesi con 2 città per regione nella lista.

Sceicchi e teste coronate su yacht da favola, è entrata nel vivo l’estate caprese

Sceicchi e teste coronate invadono Capri in questi giorni di fine giugno. Tra i vacanzieri illustri la famiglia reale di Giordania, a bordo dello yacht da mille una notte Sarafsa, lungo 82 metri, con a bordo il mistero della presenza, probabile ma non certa, di Rania di Giordania, la moglie del sovrano. Su uno yacht da 90 metri, Lauren L, avvistati anche i reali sauditi. Il by night e' gia' caldo, movimentato dalla presenza di magnati turchi e imprenditori americani: uno su tutti Leslie Wexner, proprietario del marchio di lingerie Victoria's Secret.


10 Appello della Gori: uso parsimonioso dell’acqua Cronaca per evitare crisi idriche

Evitare sprechi d'acqua nel periodo estivo. In una nota inviata ai sindaci dei Comuni dell'Ato 3 (tra i quali Capri e Anacapri), l'Amministratore Delegato della Gori Giovanni Paolo Marati ha fatto il punto della situazione relativamente all'aumento dei consumi idrici per elevate temperature e prelievi anomali. "Si sta registrando in questi giorni, a causa delle elevate temperature, un incremento dei prelievi idrici, da parte dell’utenza, che stanno superando notevolmente il consumo abituale", si legge nella nota. "Purtroppo tale situazione - continua Marati - ha già provocato, in alcuni comuni del nostro Ambito Territoriale Ottimale, alcuni disservizi quali abbassamenti di pressione e mancanze d’acqua nelle zone poste a quota altimetrica più elevata ed ai piani alti degli edifici. Gori sta provvedendo, attraverso il sistema di Telecontrollo degli impianti, a monitorare costantemente i flussi idrici per cercare, laddove possibile, di eseguire manovre sulle reti idriche e ridurre al minimo i disagi all’utenza". La Gori, nella nota, ha invitato le Amministrazioni a sensibilizzare la cittadinanza ad un utilizzo dell’acqua attento e parsimonioso, limitandolo al solo uso domestico, così come previsto dal Regolamento del Servizio Idrico Integrato, sospendendo o vietando qualunque diverso utilizzo, in particolare quello irriguo e di innaffiamento. "Ciò - conclude l'ad della Gori - potrà essere effettuato, così come accaduto in analoghe situazioni di crisi idrica, mediante l’adozione di apposite Ordinanze sindacali. Tale azione potrà rilevarsi particolarmente utile a prevenire eventuali disservizi nella distribuzione idrica".

Recita di fine d’anno dell’Istituto Padre Ludovico da Casoria di Anacapri

È trascorso un altro anno scolastico dell’Istituto “Beato Ludovico da Casoria”. C’è soddisfazione nell’animo delle suore, che hanno cercato di svolgere nel miglior modo possibile il loro compito. La maggior

parte dei ragazzi, insieme ai nuovi iscritti, ritornerà a settembre, mentre quelli di quinta si sono avviati verso la scuola media con un patrimonio d’istruzione, che darà loro la sicurezza per proseguire gli studi, e un’educazione culturale e religiosa che potrà autoformarli ad essere cittadini consapevoli di se stessi e della comunità di Anacapri. Ma come spiegare, a chi leggerà questo articolo, cosa hanno vissuto e realizzato i bambini in questo percorso educativo scolastico e, non ultimo, la recita di fine anno rappresentata il 17 giugno? Temi fondamentali: Diritti e doveri; Ti dico grazie. Due valori, quelli dei diritti e dei doveri, oggi facilmente calpestati, a causa dell’egoismo che abbruttisce sempre più la società di oggi. L’uomo è sacro e come tale ha il diritto alla vita, alla salute, alla famiglia, al lavoro, ma altrettanto è tenuto a svolgere doveri come buon cittadino. Il segreto per attuare tutto questo? Ce lo hanno suggerito i bambini: amore, dolcezza, ascolto, rispetto. Certamente, tale convivenza ci porterà a vivere felici, a dire grazie per l’educazione, per l’amico, soprattutto per aver conosciuto le suore del Beato Ludovico da Casoria. Bravi, bravi i bambini, veri protagonisti da meritare applausi da un pubblico che gremiva la Piazza San Nicola e le stradine adiacenti. Sicuramente le famiglie hanno goduto momenti di gioia nel vedere e ascoltare i propri figli che, con sicurezza, si sono improvvisati artisti. Tutto ciò è stato frutto di assiduo e continuativo lavoro delle suore,

affiancate da un gruppo di mamme e dalla maestra di danza Maria Luisa Iaccarino. L’augurio più sincero è di trascorrere un meritato riposo estivo e l’impegno a continuare il lavoro a favore di tanti fanciulli di Anacapri.

Tiro con l’arco: Capri alla Coppa Italia delle Regioni

L'Arco Club Capri presente alla Coppa Italia delle Regioni. Infatti l'atleta Anna Clemente dopo aver superato le gare di selezione a Campolattaro (Bn) e Rotondi (Av) è stata convocata per partecipare alla prestigiosa manifestazione. Anna indosserà la maglia della Campania e il 6 e 7 luglio se la dovrà vedere con le migliori atlete di tutte le regioni italiane nella categoria seniores arco nudo nella gara di tiro di campagna. Si tratta di una delle tecniche più difficili di questa disciplina. Un augurio ad Anna che ce la sta mettendo tutta allenandosi tutte le sere sul campo di Palazzo a Mare.


Il gotha del giornalismo 11 riunito a Capri Cronaca per il Premio Biagio Agnes

Giunto alla sua quinta edizione, il Premio Biagio Agnes, importante riconoscimento del giornalismo nazionale e internazionale presieduto da Simona Agnes, ha visto celebri nomi del mondo dell'informazione e della comunicazione darsi appuntamento a Capri per un evento volto a valorizzare e premiare la professione giornalistica. Tra le iniziative culturali organizzate nei giorni del Premio, il Convegno 'Mezzogiorno e nuovo meridionalismo: i moniti di Napolitano' con la partecipazione di Pellegrino Capaldo, Paolo Franchi, Roberto Napoletano e Filippo Patroni Griffi. La Cerimonia di premiazione (trasmessa dai Raiuno e mandata in onda in differita qualche sera fa) si e' svolta sabato 22 giugno nel corso di una serata-evento condotta da Laura Chimenti e Gerardo Greco nella Certosa di San Giacomo di Capri. A ricevere il Premio Internazionale dal Direttore Generale della Rai Luigi Gubitosi e' stato John Lloyd, giornalista del Financial Times; il Premio alla Carriera e'

andato a Mario Cervi, editorialista de Il Giornale, che ha ricevuto la scultura dal Direttore de Il Sole 24 Ore, Roberto Napoletano. La consegna dei premi ha visto l'alternarsi sul palcoscenico di alcuni fra i protagonisti dell'informazione giornalistica, radiotelevisiva e del web quali Francesco Verderami (Premio per la Carta stampata) de Il Corriere della Sera; il Direttore del Tg2 Marcello Masi (Premio per la Televisione), insignito da Simona Agnes;

Eduardo Montefusco (Premio per la Radio), Presidente di Radio Dimensione Suono; Pasquale Cascella (Premio Comunicazione Istituzionale), gia' Consigliere del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano; Raffaele La Capria, vincitore del Premio Giornalista Scrittore; Angelo Maria Perrino (Premio Nuove Frontiere del Giornalismo), fondatore e direttore di Affaritaliani.it e Costanza Calabrese (Premio Giovani Under 35), giornalista del Tg5. Un Premio Speciale e' stato, inoltre, consegnato all'inviato del Tg1 Duilio Giammaria; a Padre Ibrahim Faltas, economo custodiale e parroco di Gerusalemme; a Liberta' di Piacenza che quest'anno ha compiuto 130 anni, connotandosi come uno dei piu' antichi quotidiani italiani; ad Adnkronos, per i suoi 50 anni di attivita' e a Monsignor Dario Edoardo Vigano', Direttore del Centro Televisivo Vaticano. Una Menzione speciale e' stata conferita anche a Giovanna Chirri, vaticanista dell'Ansa e a Romana Liuzzo, caposervizio di Panorama. Per la prima volta quest'anno, infine, la Fondazione Biagio Agnes ha istituito una Borsa di studio assegnata a Francesco Antonio Grana, per premiare l'impegno dei giovani verso l'attivita' giornalistica. Sul palco della Certosa si sono anche alternati artisti della musica e dello spettacolo: ad aprire la serata i ballerini Samanta Togni e Raimondo Todaro accompagnati dalla violinista Roberta Nitta. Ad omaggiare questa prima edizione sono stati, inoltre, Annalisa, Paolo Belli, Rosalia Misseri e Ilaria Porceddu. Nelle foto: alcuni momenti della serata

Musica: il DuoKeira al Centro Caprense

Michela Chiara Borghese e Sabrina De Carlo, in arte DuoKeira, presentano un concerto per pianoforte a quattro mani “Sounds” con musiche di J. S. Bach, G. Kurtag, G. Sollima, F. Schubert, G. Holst, giovedì 4 luglio ore 19,00 presso la sala Concerti del Centro Caprense. Il ricavato dell’incasso sarà interamente devoluto a

Oxfam Italia. Per informazioni: info@duokeria.com - 334.3560975

Iscrizioni al Torneo Dodgeball 2013

L’Azione Cattolica di Anacapri comunica che sono in corso le iscrizioni al Torneo Dodgeball 2013. Il Torneo è diviso in due categorie Open e Ragazzi. Per tutte le informazioni consultare la pagina facebook “Torneo Dodgeball 2013 Azione Cattolica”. Termine ultimo 5 luglio.

Arte: in campo la Proloco Anacapri

A.A.A. artisti cercasi. È questo l' "appello" della Proloco di Anacapri. Sono, infatti, aperte le iscrizioni per la kermesse "Anacapri Incontra L'Arte", che si terrà sull'isola azzurra dal 24 al 28 luglio 2013. Ovvero cinque giorni durante i quali le stradine e le piazze del comune "di sopra" si trasformeranno in una unica grande esposizione artistica. "La Proloco di Anacapri spiegano gli organizzatori - organizza una manifestazione, che si terrà lungo le vie del centro storico, tesa a valorizzare e promuovere l’arte nei suoi molteplici linguaggi. Una vera e propria mostra all’aperto alla quale potranno partecipare artisti contemporanei di ogni nazione, sesso ed età. Saranno cinque giorni di esposizione, lavoro e contatti di scena nel cuore di Anacapri. L'orario flessibile permetterà agli espositori di conoscere meglio l'isola e di utilizzare il luogo come laboratorio di idee, una sorta di grande atelier all'aperto". Il tema è libero e le sezioni per le quali è possibile candidarsi sono: pittura, fotografia, grafica, illustrazione, scultura e fumetto. Le iscrizioni chiuderanno il 15 luglio 2013. Per informazioni, contattare la segreteria della Direzione Artistica, dalle 15 alle 18, allo (+39) 081 837 1977 oppure 335 6496914 / 333 623 55 77. Per scaricare il bando di iscrizione e leggere il regolamento, visitare il sito ufficiale dell'organizzazione www.anacapriproloco.it - info@anacapriproloco.it.


12 Il racconto di Maria Astarita: Eventi a Capri Stranieri in patria

Proviamo a chiudere gli occhi, sederci su una panchina,una domenica o giovedì pomeriggio, ora che le giornate si sono allungate, attardarsi fino a che il tramonto lasci il posto alle stelle. Se si ha la costanza di perseverare c’è la possibilità d’imparare l’abc serbo-croato, russo, rumeno e quant’altro, una serenata poco romantica alla luna caprese e con tale sinfonia in sottofondo, sembrerà di essere sull’uscio di un isba o sulla riva del Don . Grazie alla crociata dei popoli dell’est(leggi badanti), si assiste a situazioni curiose : i settori che hanno bisogno di personale sembrano guardare di traverso il lavoratore nostrano, sarà l’innata esterofilia che ci contraddistingue, ma quando accenti esotici si mescolano col nostro idioma sembrano avere maggior voce in capitolo. In un bla bla di suoni gutturali, difficile da decifrare, ci si sente stranieri in patria. La sensazione è palese quando, in minoranza, ci si imbatte in un gruppetto misto che ti viene incontro quasi con sfida, in una stradina isolana conversando disinvoltamente , possono dire di tutto tanto chi li capisce? Intanto imparano la nostra lingua con velocità invidiabile. Invitata per un evento mi sono ritrovata in un ambiente di lavoro in cui era palese la maggioranza di shrilankesi, e devo dire che lavorano sodo e col sorriso a 44 denti rispettosi hanno capito tutto , gradino per gradino conquistata la fiducia del datore di lavoro che difficilmente rinuncerà ai loro servigi. Sanno fare di tutto, contadini, giardinieri, camerieri cuochi, diligenti parlano correntemente italiano e napoletano salvo sprofondarti nel limbo quando si avventurano nei loro discorsi privati che ti escludono senza pietà. Non c’è che dire, siamo in netto svantaggio. Niente da obiettare, ma accade sempre più spesso di captare dissensi, e malcontento tra gli indigeni che vedono invadere e restringere il proprio spazio, già limitato di suo. Nuovi profumi culinari penetranti invadono e si spandono per vicoli e piazze raggiungono, disturbando, gli olfatti più delicati e ricettivi. Una sorta di duello ad armi impari, le spezie

orientali prevalgono sui cibi nostrani. Il nostro paese , nonostante tutto,è divenuto una grande torta a cui tutti attingono per assicurarsi la propria fetta. In uno scenario da brivido, dal mare, arrivano barconi carichi come formiche di poveri diavoli in condizioni disumane, alla ricerca dell’Eldorado, con affanno cercano il limite ideale fra il vivere o morire. Il Bel Pese scambiato per un luogo in cui accumulare ricchezze, fare fortuna, molti, quando non ci rimettono la pelle, trovano una realtà ancor più triste. Di chi è la colpa ? Sarà perchè non abbiamo fiducia nelle nostre capacità, così non riusciamo a fare a meno degli altri in passato asserviti al governo sovrano, e oggi in balìa delle nuove crociate, seppur pacifiche, forse la colpa è del divorzio( come dicono gli anziani a cui attribuiscono la precarietà della società), o dell’inversione dei ruoli, della disgregazione dei nuclei familiari. Fatto stà che niente è più al suo posto i ruoli tradizionali, i valori in cui credere sono decaduti e quando la porta resta aperta a chiunque è consentito l’accesso. Assumersi le proprie responsabilità sembra essere un onere insostenibile, un regresso inevitabile, anche se nessuna posizione, sembra, sia mai stata conquistata. I nostri vecchi i panni sporchi li lavavano in famiglia, oggi la soluzione ai problemi si cerca al di fuori del nucleo familiare. Per andare avanti, occorre remare tutti in un unica direzione ma quasi mai è così. E quando si è nel caos totale è facile penetrare e aver la meglio su manifeste vulnerabilità. Forse bisogna fare un passo indietro, ritrovare la nostra identità un briciolo di buona educazione, ricercare un minimo di armonia, senza gesti bruschi, senza gridare, senza impazienze, senza compiangersi. Forse c’è bisogno di parlare con toni bassi, attenuati, sorridere per riconciliarsi con sè stessi e partire alla conquista di un futuro benessere. Maria Astarita

Podismo: a... tutta pista

Il 15 e 16 giugno si sono svolti allo stadio comunale di Marano i Campionati regionali maschili e femminili Master di società su pista. In programma, nella seconda giornata, c'erano i 3000m.femminili e i 5000 maschili: al via anche 4 atleti capresi tesserati per la ''Napoli Sport Event's”.In campo femminile, sui 3000m Margherita Cacace e Maria Pia Averardi alla loro prima esperienza su pista realizzavano una grande prestazione. Cacace conquistava un 3°posto assoluto ed un 2° di categoria MF 45 correndo in un ottimo 13'28'9. Averardi a sua volta si classificava al 10° posto assoluto ed un 2°di categoria MF 50 con 15'26''. In campo maschile sui 5000m, dopo tanti anni di assenza dal manto rosso Rosario Massa si classificava 2° assoluto e 1° di categoria MM 50 in 18'19'9. Santo Scirè Calabrisotto, anch’egli alla prima esperienza sull'anello rosso, si classificava 26°assoluto e 7°di categoria MM45, con un interessante 24'45'5. Rimanendo in tema di 'Pista''....in questo periodo alcuni giovani podisti capresi nell'ambito del ''Golden Gala'' hanno partecipato sabato 8 giugno alla maxstaffetta intitolata ''Il Palio dei Comuni''. Ben 158 squadre presenti con12 ragazzi per ogni squadra a passarsi il testimone ogni 200m. I ragazzi isolani si sono distinti effettuando un'ottima prova. Il 9 giugno sulla pista di Avellino Giulia Cataldo partecipava a 2 gare 400m e 800m distinguendosi in entrambe le gare. Una nota per Rosario Massa che in veste di ''allenatore'', aiutato dai fratelli Cacace, si presta alla preparazione dei giovani capresi sperando che l'atletica giovanile cresca sempre più.


Calcio: gli Allievi capresi sconfitti Eventi a Capri di misura in finale

GE.CA. S.ANT. AB. 4 POL. CAPRI 3 POL. CAPRI: Zaccagnini, Vuotto, Falciani, Giordani , Milano Pelli, Ipri, Torelli ,Yoursi( Di Ruocco), Acampora, D'Orsi. ------ (Di Stefano, Aprea, Tranchese) Allenatori Ernesto :Pelli - Gianfranco Falciani Reti: D'Orsi, Giordani, D'Orsi Nella finale del campionato disputatasi sul campo neutro di Massalubrense gli Allievi isolani sono stati superati di misura dalla Ge. Ca.di S.Antonio Abate ed i ragazzi capresi sono stati premiati con la Coppa per il 2^ posto dai dirigenti federali presenti sul campo, che li elogiavano per la generosa gara disputata con grande sportività , venendo superati dalla squadra avversaria ingiustamente solo nel finale. La gara era stata abbastanza equilibrata e gli isolani, che erano in vantaggio per 3 2 ,hanno il rammarico di aver sbagliato un rigore a favore, che avrebbe portato il punteggio sul 4 - 2 a favore , ma purtroppo gli avversari nel finale riuscivano a capovolgere fortunosamente il risultato. Lo schieramento isolano era quello abituale con Ivan Zaccagnini tra i pali , difensori Marco Giordani, Roberto Vuotto e Francesco Falciani; centrocampisti Giorgio Milano, Masimo Pelli con esterni Vincenzo Ipri e Simone Torelli, trequartista Ilyias Yoursi ed attaccanti Ferdinando D'Orsi e Carmine Acampora. Tutti da elogiare quindi i ragazzi per la gara e per l'ottimo campionato disputato. Le reti dell'ultima gara venivano realizzate da Marco Giordani e Ferdinando D'Orsi, la cui partecipazione alla gara era in forse per un infortunio, ma orgogliosamente riusciva a giocare ed a siglare anche una doppietta consolidandosi come capocannoniere con 23 reti realizzate. Il gruppo dei tifosi isolani al seguito era abbastanza numeroso, che inneggiavano per i ragazzi capresi che avrebbero meritato sicuramente di vincere loro la finale avendo disputato tutti un ottimo campionato.

La storia di Capri nelle passeggiate del weekend

L’associazione Percorsi & Sentieri isola di Capri, per dare il giusto risalto ad un evento di eccezionale valore storico per l’isola di Capri, verificatosi nel 1808, ha deciso di dedicargli alcune delle passeggiate inserite nell’ambito della programmazione estiva promossa dall’assessorato cultura e turismo del comune di Capri. L’evento in questione è la conquista dell’isola di Capri da parte delle forze francesi guidate dal re Gioacchino Murat, insediato da Napoleone Bonaparte sul trono del regno di Napoli dopo la cacciata dei Borboni. Le forze inglesi comandate da Hudson Lowe (noto come il carceriere di Napoleone) ex alleati dei Borboni, avevano fortificato l’isola fino a farla definire “una piccola Gibilterra”. Con la collaborazione della Dottoressa Rosa Petagna, laureata in storia moderna, ripercorreremo i siti di interesse strategico per le nazioni in armi che furono teatro di avvenimenti durante i quindici giorni di battaglie che videro coinvolti le truppe maltesi comandate dal generale John Hamill deceduto in battaglia e seppellito nel cimitero di Anacapri, soccombere alle truppe comandate dal “temerario” Lamarque, che grazie alle scale dei lampionari di Napoli sbarcò ad Orrico contravvenendo agli ordini del generale Pietro Colletta che aveva definito l’impresa “piccola nell’oggetto, complicata nell’esecuzione, ingegnosa negli accidenti”. L’associazione ha dedicato a tale avvenimento alcune delle passeggiate programmate, ossia quelle del sabato 6 luglio dedicata al blocco della scala Fenicia e allo sbarco a Palazzo a Mare, quella di domenica 14 luglio alle difese alte di belvedere Cesina e della chiesa della croce e quella di sabato 20 luglio alle difese alte di Anacapri Materita e torre Guardia e per concludersi con il percorso del giorno sabato 27 via mare da dove sarà possibile ripercorrere le fasi dello sbarco e le difese approntate sul perimetro dell’isola, oltre che ad un magnifico tramonto sul mare. In verità sarebbe intenzione dell’associazione (e speriamo vivamente di riuscirci) chiudere il ciclo storico delle passeggiate, con l’ingresso in “Palazzo Canale” che quale sede sia delle

13

truppe inglesi prima che di quelle francesi poi fu un l’osservatore silenzioso della firma della resa inglese e della partenza di Lowe con le sue truppe ai quali furono riservati gli onori militari. Lowe, benché denigrato da Napoleone che lo considerava “uomo ignobile che degrada la sua specie” fu da sempre considerato anche nella disfatta il vincitore morale per come aveva coraggiosamente e brillantemente affrontato la supremazia delle forze francesi messe in campo. Ma la programmazione predisposta dell’associazione per la corrente stagione stiva, riserva ben altre sorprese che vanno dai tramonti visti da posti unici come, dal mare, da villa Jovis, da Caterola, dal faro, alle sensazione e sorprese nel percepire quei profumi e quei sapori emanati dai prodotti agricoli capresi assaggiati direttamente sui luoghi di produzione, è quindi una programmazione, quella della stagione 2013, basata principalmente su sensazioni come quelle che si provano nelle passeggiate naturalistiche che si sviluppano lungo il versante est dell’isola come Caterola, calanca, tuoro grande e tuoro piccolo oppure come quelle passeggiate che sono state posto sotto l’egida dell’architettura che hanno consentito la visita alla chiesa evangelica luterana di tragara ancora intatta negli arredi e nella misticità del luogo e l’accesso alla parte antica dell’albergo Certosella (ex abitazione di Camille Du Locle regista e librettista delle opere di Verdi) con arredi d’epoca o della visita agli alberghi o ex alberghi di marina grande dove con il consenso dei proprietari, ai quali va il nostro ringraziamento, è stato possibile ripercorrere e risentire le atmosfere del Belvedere e tre re, della pensione Italia, dello storico Schweizerhof dove alloggiò Krupp, dove si custodiscono ancora affreschi liberty come nell’albergo Exccelsior Parco antica dimora della famiglia Ambrogi. Altre visite a siti di interesse storico architettonico sono in via di definizione per il periodo di settembre che potranno essere pubblicizzati solo dopo il consenso all’ingresso da parte dei proprietari ai quali va comunque il nostro sincero ringraziamento. Associazione Percorsi & Sentieri isola di Capri


Annunci

Vendesi a Capri nella centralissima via Valentino (a pochi passi sia dalla Piazzetta sia da via Camerelle) locale circa 55 mq uso deposito/magazzino. Ideale come deposito per attività commerciale o come deposito per attività nel settore edilizia/artigianato. Tel. 377.6612008 Fittasi o vendesi appartamento indipendente su due livelli con ampio terrazzo e giardino. L’accesso all’appartamento è disponibile sia dal primo che dal secondo livello. Aria condizionata calda/fredda, infissi di primissima qualità a norma con la legge risparmio energetico. Primo livello: camera da letto con armadi a muro, bagno, ampia camera per cucina/sala e cantina. Secondo livello: accesso possibile a mezzo scala di marmo e composto da bagno, camera da letto, verandina con piccolo terrazzo e cameretta. E’ possibile anche il fitto per livello in quanto tutto autonomo con contatori divisi. Appartamento disponibile dal 1 novemnbre 2013. Tel. 348.2659977 Capri zona centrale fittasi appartamento. Tel. 081.8377813 - 081.3653395 Capri zona centro fittasi locale uso studio o deposito. Tel. 347.0554592

Gli annunci vengono pubblicati a pagamento: il costo di ogni annuncio è 14 1 euro a uscita per un minimo di 5 pubblicazioni consecutive (5 euro a “pacchetto”). Il pagamento va fatto all’atto della consegna dell’annuncio, che è possibile dal lunedì al giovedì, dalle ore 10 alle ore 12, presso la redazione in via Li Campi 19 a Capri. brevi periodi o per week-end. Tel. 081.8377973

Fittasi o vendesi Capri 100 mt dalla Piazzetta, via Castello 3, locale mq 60 circa più soppalco, vari usi. Tel. 06.9081511 ore serali Fittasi a tre studenti, Napoli piazza Dante (Port’alba), appartamento quinto pianto con ascensore, 2 camere da letto, 3 posti letto, bagno. Tel. 081.5441958

Fittasi monolocale in località Migliera spese comprese nel prezzo del fitto. Tel. 334.3379857 349.3679340 Anacapri a 100 mt dal Belvedere Migliera vendesi villetta con giardino e piscina. Tel. 081.8372713

Anacapri centro storico fittasi estate o ad anno monocamera indipendente pian terreno adatto per due persone anche uso ufficio o ambulatorio. Tel. 081.0320345 pomeriggio segreteria telefonica Anacapri fittasi villetta molto panoramica con giardino e piscina periodo estivo o tutto l'anno. Tel. 339.6312457

Fittasi ad anno o stagionale o vendesi Capri centro (200 metri dalla Piazzetta Due Golfi) appartamento arredato, completamente indipendente (unico corpo di fabbrica), composto Anacapri, fittasi centralissimo locale affaccio da veranda-soggiorno, camera da letto, cucina, piazza ca mq 30 da ristrutturare con licenza approvata, adatto qualsiasi attività commerciale bagno, terrazzo e aiuola. Aria condizionata. Tel. 333.8519867 dalle 20 alle 22 studio fiscale, ingegneria, ufficio commerciale pub gelateria o negozio. Pasti e serali. Tel. Cerco in affitto monolocale max 800 euro men081.8371052 sili non lontano dalla Piazzetta. Tel. Capri via Posterula zona centralissima all'inter- 348.6095562 no di studio professionale fittasi stanza arredata Signora caprese cerca lavoro come commessa uso ufficio-studio con ingresso indipendente, con esperienza e buona conoscenza lingue strasaletta di attesa e servizio condiviso. Tel. niere. Tel. 339.7638442 e 081.8378100 (serali) 340.9650725 Capri, zona porto, vendesi abitazione mtq. 40 da ristrutturare. Tel. 366.3703920

Capri fittasi camera con due letti e bagno per

Cerco lavoro come badante o per stiro ore

pomeridiane. Tel. 327.4052287

Dog sitter offresi. Tel. 338.1970431

Cerco lavoro come manutentore o giardiniere munito anche di patente nautica. Tel. 335.6814904

Laureata in lingue e letterature straniere offre ripetizioni di Inglese e Francese ed eventuale supporto per la preparazione di esami di Stato o licenza media. Tel. 334.9811212 Laureata di 25 anni in filosofia offre ripetizioni a bambini di elementari e medie in tutte le materie e a ragazzi di scuole superiori in materie umanistiche e lingua inglese (la mia conoscenza della lingua è a livello universitario: a1+a2 - b1+b2 del Quadro Europeo). Orari e prezzi flessibili in base alle esigenze. Tel. 081.8371961 Dhahbi Jamel, cerco qualsiasi lavoro. Tel. 320.6746669

Giardiniere cerca lavoro con alloggio. Tel. 389.1044837

Cerco lavoro come aiuto cuoco a domicilio o in ristoranti. Tel. 335.6814904

Offresi signora per lavori domestici o stiro. Disponibile solo part-time. Massima serietà. Tel. 342.3617446

Fuoribordo Yamaha 4 cavalli vendesi mai usato. Tel. 081.8372644 ore pasti Fiat Grande Punto colore rosso buone condizioni poco usata vendesi trattativa riservata con il proprietario. Tel. 081.8371132 serali e 360.436183 Ford Fiesta 1300 16V 5 anno 2005 colore blu trattativa privata. Tel. 380.5236681 333.3113071 (ore pasti)


Cultura

A cura dell’Associazione di varia umanità

Nel 1995, in occasione dell’ottocentesimo anniversario della nascita di Sant’Antonio, che si ritiene avvenuta a Lisbona il 15 agosto 1195, scelsi e tradussi dai suoi “Sermones” alcuni brani, che costituirono il testo della XVIII edizione dell’ “Incontro d’agosto”. Essendo rimasta in me la convinzione che esprimessero quel che Sant’Antonio avrebbe potuto dire agli isolani del nostro tempo, l’anno dopo li raccolsi in un volumetto intitolato “Il messaggio di Sant’Antonio per l’isola di Capri”. I testi sono suddivisi in nove capitoletti, preceduti da una prefazione del cardinale Pio Laghi, a quel tempo Prefetto della Congregazione per l’Educazione Cattolica (dei Seminari e degli Istituti di Studio), e seguiti da una sintetica storia di come è stata celebrata la festa del Santo Patrono ad Anacapri. Il volumetto si conclude con una Preghiera a Sant’Antonio, ispirata dai suoi testi e dalla situazione del nostro tempo. È una preghiera sempre attuale, giacché capresi ed anacapresi continuano a vivere tra bellezze naturali, uniche al mondo, che, a chi sa ben osservarle, rivelano l’orma di Colui che le ha create, così come ha creato tutte le altre cose e gli stessi uomini. Anche nell’isola ci sono coloro che pensano che l’uomo viene dal nulla e va verso il nulla. Ma, a ritenere Sant’Antonio patrono di Anacapri e quindi capace di aiutarla e proteggerla con l’aiuto di Dio, sono coloro che credono che si venga da Dio e si vada verso Dio. È la fede che, nella sua breve ma densissima vita, Sant’Antonio testimoniò con il suo

La preghiera di Sant’Antonio

15

agire, il suo insegnare, il suo scrivere. Sapeva che era nel mondo, ma non era del mondo, per cui, stando ed agendo nel mondo, non doveva legarsi a questo, ma tender al cielo in novità di spirito, ovvero alimentando continuamente lo spirito, in particolare con la contemplazione e la carità fraterna. La contemplazione è l’intensa concentrazione su un determinato aspetto, per comprenderne il valore e l’essenza, che debbono guidare nella vita pratica. Per cui un retto vivere si ha quando la contemplazione che dona letizia, precede l’azione, e non quando si agisce spinti dai venti del momento. La carità fraterna è l’amore di un uomo, che ritiene di essere stato creato da Dio, per gli altri uomini, creati dallo stesso Dio e quindi suoi fratelli, avendo tutti lo stesso padre. Ci sono momenti in cui tutto è limpido, sereno, per cui sembra chiaro il cammino che si deve percorrere. Ma ci sono momenti in cui domina l’oscurità, che rende difficile il sapere dove e come andare, senza smarrirsi. Sempre Sant’Antonio, se sentitamente invocato, è come stella splendente che indica il giusto cammino ed aiuta in questo, che deve tendere a raggiungere la città celeste. Questa la si raggiunge con i meriti guadagnati con il proprio agire, con quelli guadagnati avendo saputo contemplare il vero, il bello, il bene, ed anche per la misericordia di Gesù, che è benedetto nei secoli. Tutto ciò è sintetizzato nella Preghiera che è questa:

cielo, avendo acuta la vista della fede, e nutrendoci con la letizia della contemplazione e la carità fraterna. Sii per noi sempre astro lucente che ci guidi, anche nella caligine, verso la città celeste, alla quale, con i meriti della vita attiva e quelli della vita contemplativa, e per Sua misericordia, ci faccia giungere Colui che è benedetto nei secoli. Amen. Raffaele Vacca

Fa’ che noi, vivendo tra bellezze naturali che manifestano l’orma del loro e del nostro Creatore, sappiamo, in novità di spirito, tendere al

(Si comunica che foto e documenti consegnati in redazione non saranno restituiti)

A SANT’ANTONIO PATRONO DI ANACAPRI

L’INFORMATORE POPOLARE Periodico d’informazione politica, cronaca, cultura e sport dell’isola di Capri Direttore: Manfredi Pagano Società editrice TPS S.R.L. Reg. Tribunale di Napoli Nr 5283 del 18/02/2002

Redazione: Via Li Campi, 19 80073 Capri (Na) Tel. 081.8383111 Fax 081.8370421 Sito internet: www.caprinews.it www.informatorepopolare.it Per scrivere alla redazione redazione@caprinews.it

Per la pubblicità tel. 081.8383111 Stampa: Rotostampa Lioni (Av)


Informatore Popolare 25  

Numero 25 del 30 giugno 2013

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you