Issuu on Google+

Siamo su internet all’indirizzo www.informatorepopolare.it

PERIODICO D’INFORMAZIONE POLITICA, CRONACA, CULTURA E SPORT DELL’ISOLA DI CAPRI ANNO XII N.12 del 31 marzo 2013


Carrelli elettrici sfrecciano tra la folla, urge presidio fisso dei vigili in Piazzetta

Egregio direttore, con l’entrata nel vivo della stagione primaverile e l’arrivo delle prime carovane di turisti si ripresenta, puntuale, un problema mai risolto: quello della circolazione incontrollata dei carrelli elettrici. Soprattutto nelle prime ore pomeridiane, nella Piazzetta e nelle stradine circostanti

Lavori in corso

sfrecciano i carrelli senza alcuna regolamentazione in ordine ai limiti di velocità. Chi deve far rispettarli? Ovviamente i vigili urbani che però in Piazzetta si vedono raramente. Ci sono due o tre agenti in postazione su via Roma ma nemmeno uno fisso in Piazzetta. Perchè, soprattutto ora che sono stati riassunti i vigili a tempo determinato (i cosiddetti agenti stagionali) e quindi sicuramente non c’è carenza di personale, il comando non predispone un controllo fisso e stabile in Piazza e nelle stradine pedonali anche (ma non solo) per verificare che i carrelli rispettino orari e limitazioni? Perchè

2

non viene istituita una postazione o un presidio fisso in Piazzetta, come avviene in tutte le piazze delle località turistiche del mondo? Lettera firmata giunta via e-mail

Tabelloni della Terna, il cavo sottomarino cosa ci riserverà?

Spett.le redazione, come avrete sicuramente notato, in settimana sono comparsi tabelloni Terna, con le indicazioni tecniche, a


Lavori in corso

3

*** Queste pagine sono a disposizione dei cittadini, dei movimenti e delle associazioni, per gli interventi, le lettere, i dibattiti, le interviste, i programmi, per aiutare i capresi ad orientarsi sui problemi presenti e futuri di Capri e per giungere alla scelta del nuovo Sindaco e della nuova amministrazione. Volete commentare gli interventi pubblicati questa settimana? Volete approfondire una nuova tematica? Volete dire la vostra su argomenti di stretta attualità? Per contattare la redazione potete scrivere a redazione@caprinews.it. Si pubblicano soltanto lettere o comunicati che ci pervengono rigorosamente firmati: non accettiamo lettere anonime ma comunque garantiamo la pubblicazione senza firma nel caso in cui ci Sippic resterà a Marina Grande con ne locale dell’energia elettrica? venga richiesto dall’autore. tutti i problemi annessi e connessi, Dobbiamo essere entusiasti della Il contenuto degli interventi mentre diversi “misteri” circondano presenza di questi bellissimi e colorati cartelli o invece si tratta dell’en- l’operazione, come abbiamo sintetizè libero e non necessariazato nel titolo in prima pagina di nesimo specchietto per le allodole? mente rispecchia la linea Un abitante di Marina Grande questo giornale. Rimandiamo comunque anche all’articolo pubblieditoriale e il pensiero del cato a pagina 5. Risponde la redazione: giornale. * Quella di Terna è una delle tante Gasto all’esterno del cantiere per la realizzazione della stazione terminale dell’elettrodotto. Mi chiedo: i lavori quando realmente inizieranno e quando davvero termineranno? Che fine farà la centrale della Sippic e soprattutto quale rapporto ci sarà tra Terna e Sippic per la distribuzio-

manovre del Sindaco di Capri che, in palese conflitto di interessi, sta gestendo in prima persona da anni una pratica così delicata e importante per il futuro dell’isola. I tempi dei lavori sono incerti, tra l’altro finora di operai non vi è traccia. Quel che è certo è che la centrale elettrica della


Riaperta Villa Jovis, 4 restano degrado e disagi Aria di Capri negli scavi e in viale Maiuri

Lunedì scorso sono stati riaperti gli scavi archeologici di Villa Jovis dopo

una chiusura di due mesi e mezzo circa. Il degrado e i disagi restano nell’intera

area archeologica dove, a parte un po’ di pulizia lungo i percorsi e l’eliminazione di qualche sterpaglia, continua uno stato generale di abbandono e di pericolo che di sicuro non fa onore a Capri e che rischia di provocare ulteriori danni di immagine per l’isola. Gravissime le responsabilità comunali visto che Sindaco e amministrazione non sono stati capaci nemmeno di disporre una messa in sicurezza e un intervento di bonifica generale in viale Amedeo Maiuri, la strada di accesso a Villa Jovis, dove sono presenti numerosi massi staccatisi dal muro che delimita il viale con il sovrastante Parco Astarita, anch’esso in condizioni indecenti.


Elettrodotto, le manovre 5 del Sindaco sulla pelle degli Aria di Capri abitanti di Marina Grande

La cartellonistica indicante tutte le informazioni sui lavori della Terna per la realizzazione dell’elettrodotto è presente da alcuni giorni in via Don Giobbe Ruocco, in località Gasto, nella zona in cui dovrebbe sorgere la stazione di arrivo del cavo. I cartelli contengono diverse informazioni tecniche e riferiscono tra l’altro come data di inizio lavori il 28 gennaio e come tempi di ultimazione 700 giorni. Il primo bluff: i lavori sarebbero iniziati a fine gennaio ma di operai al momento non vi è traccia. E’ evidente che questa dell’elettrodotto

è un’operazione di facciata del Sindaco Ciro Lembo che, ormai a fine mandato, è alla ricerca di una “sistemazione” alla

Terna e, quindi, solo per interessi personali spinge affinchè inizino i lavori. L’obiettivo è quello di confezionare un nuovo abito su misura e di consegnare tutto nelle mani dell’Acea, il colosso dell’energia che si appresterebbe dunque ad essere il nuovo gestore dell’elettricità sull’isola grazie proprio alla regia del Sindaco. Manovre, nemmeno tanto oscure, sulla pelle degli abitanti di Marina Grande. La centrale Sippic? Ovviamente resterà al suo posto dato che il Sindaco e l’amministrazione di delocalizzarla non ne vogliono affatto sapere.


Stop allo sbarco di auto 6 e moto: dallo scorso Aria di Capri 28 marzo in vigore il decreto

E’ entrato in vigore il decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale numero 68 del 21 marzo, con il quale si dispongono da partire dallo scorso 28 marzo le limitazioni all'afflusso e alla circolazione dei veicoli sull'isola di Capri. Anche quest’anno le amministraziono comunali hanno spinto affinchè i furbetti venissero aiutati: infatti sono esclusi dal divieto coloro che possiedono casa sull’isola pur non essendo residenti, una deroga assurda e incredibile che rende quasi vano il provvedimento. Ecco di seguito il testo integrale del decreto. Art. 1 Divieto Dal 28 marzo 2013 al 1° novembre 2013 e dal 20 dicembre 2013 al 7 gennaio 2014, sono vietati l'afflusso e la circolazione sull'isola di Capri degli autoveicoli, motoveicoli e ciclomotori, appartenenti a persone non facenti parte della popolazione stabilmente residente nei Comuni di Capri e Anacapri. Art. 2 Deroghe Nel periodo di cui all'art. 1 sono esclusi dal divieto i seguenti veicoli: a) autoveicoli, motoveicoli e ciclomotori appartenenti a persone facenti parte della popolazione stabile, proprietari o che abbiano in godimento abitazioni ubicate nei Comuni dell'isola, ma non residenti purche' iscritti nei ruoli comunali della tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani. Tale deroga e' limitata ad un solo veicolo per nucleo familiare e i Comuni dell'isola dovranno rilasciare un apposito contrassegno per il loro afflusso; b) autoambulanze per servizio con foglio di accompagnamento, servizi di polizia, carri funebri e veicoli trasporto merci, di qualsiasi provenienza sempre che non in contrasto con le limitazioni alla circolazione vigenti sulle strade dell'isola e /veicoli che trasportano merci ed attrezzature destinate ad ospedali, sulla base di apposita certificazione rilasciata dalla struttura

sanitaria; c) autoveicoli che trasportano invalidi, purche' muniti dell'apposito contrassegno previsto dall'art. 381 del decreto del Presidente della Repubblica 16 dicembre 1992, n. 495 e successive modifiche ed integrazioni, rilasciato da una competente autorita' italiana o estera; d) autoveicoli con targa estera, sempre che siano condotti dal proprietario o da un componente della famiglia del proprietario stesso, purche' residenti all'estero; e) autoveicoli che trasportano materiale occorrente per manifestazioni turistiche, culturali e sportive, previa autorizzazione rilasciata dal Comune di Capri o Anacapri e per la durata temporale dei singoli eventi; f) autoveicoli di proprieta' dell'Amministrazione Provinciale di Napoli condotti dagli agenti di vigilanza venatoria; g) autoveicoli di servizio per il trasporto di attrezzature in uso al Servizio Territoriale del Dipartimento Provinciale dell'ARPAC. Art. 3 Sanzioni Chiunque viola i divieti di cui al presente decreto e' punito con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 410 a euro 1.643 cosi' come previsto dal comma 2 dell'art. 8 del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, con gli aggiornamenti di cui al decreto del Ministro della Giustizia in data 19 dicembre 2012. Art. 4 Autorizzazioni in deroga Al Prefetto di Napoli e' concessa la facolta' in caso di appurata e reale necessita' ed urgenza, di concedere ulteriori autorizzazioni in deroga al divieto di sbarco sull'isola di Capri e di circolazione nei Comuni di Capri ed Anacapri. Art. 5 Vigilanza Il Prefetto di Napoli e' incaricato della esecuzione e della assidua e sistematica sorveglianza sul rispetto dei divieti stabiliti con il presente decreto, per tutto il periodo considerato.

Ricordo di Beatrice White

Cara Beatrice, sei volata via, leggera come una piuma, nel primo giorno di questa incerta primavera. Appartenevi ad un gruppo di straordinarie donne capresi che, in vario modo, sia per impegno, sia per professionalità, sia per stile di vita, essendo vissute nell’isola, hanno lasciato l’impronta della loro presenza e dovrebbero essere di esempio per le nuove generazioni. Adesso Flora, Ada, Lina, Maria, Adelaide, Teresa e Lena sono con te e forse vi riunirete come quando eravate quaggiù e, poichè avevate dato vita all’unica associazione femminile isolana, insieme portavate avaanti il discorso di un miglioramento della condizione femminile. Avanti negli anni, per amore di nuove conoscenze dimostrasti uno spirito di innovazione e di adattabilità ai tempi iscrivendoti all’Università delle tre età. Attenta e partecipe, con entusiasmo seguivi le elezioni ed eri un esempio di come l’età anagrafica non è poi così importante quando si è giovani dentro. Non dimenticherò le ore trascorse insieme, la freschezza dei tuoi racconti di una Capri lontana nel tempo e forse irrimediabilmente perduta, il presepe che ogni anno preparavi con cura. La nostra amicizia unica ed irripetibile va oltra la morte. Con affetto, Marta

***

La Società San Vincenzo de’ Paoli, a nome della presidente della Conferenza Santa Sofia di Anacapri, ringrazia tutti gli isolani che con prontezza hanno risposto al nostro appello e augura a tutti una serena Pasqua.


Invasione di ragazzi a Capri per la “Pasqua Aria di Capri dei giovani 2013” Invasione di giovani a Capri sabato 23 marzo: quasi 1.500 ragazzi appartenenti alle comunità parrocchiali della diocesi di Sorrento-Castellammare di Stabia hanno partecipato all’edizione 2013 della “Pasqua dei giovani” che, quest’anno, ha avuto come location l’isola azzurra. Si tratta della tappa conclusiva del cammino intrapreso lo scorso 19 febbraio con i Martedì di Quaresima. L’appuntamento è iniziato con un incontro a Marina Grande. Quindi un momento di preghiera con monsignor Francesco Alfano, arcivescovo della diocesi, nella ex cattedrale di Santo Stefano in Piazzetta. Il clou, in pomeriggio inoltrato, con il raduno dei giovani nel campo sportivo San Costanzo, con tanta musica, testimonianze e preghiere, una riflessione dell'arcivescovo Alfano, la consegna della luce della Giornata mondiale della gioventù alla comunità del Seminario, la professione del Credo e la consegna della croce della gioventù ad una delle parrocchie della diocesi. Sul sito www.caprinews.it le interviste video a monsignor Francesco Alfano e al parroco di Capri don Carmine Del Gaudio.

Weekend tra arte, natura e cultura con Nesea

(Comunicato a cura dell’associazione culturale Nesea) Successo di presenze per il weekend di arte, natura e cultura proposta dalla Nesea di Capri. Sabato 23 marzo si è partiti alla

scoperta del Cimitero delle fontanelle: la visita si è svolta completamente all’interno delle cave di tufo che ospitano l’ossario. Dal camposantiello delle capuzzelle, voci narranti hanno evocato personaggi, leggende, storie e riti legati al culto del “refrisco” delle anime “d’ò priatorio. Un percorso antropologico drammatizzato per indagare l’animo più profondo dei napoletani, tra peste e colera, anime dannate e pezzentelle, bella ‘mbriana e munacielli, religiosità e superstizione. Domenica 24 marzo è stata la volta dell’escursione al Sentiero degli Dei tra Bomerano (Agerola) e Nocelle (Positano). Dalla Piazza di Bomerano un gruppo di escursionisti costituito da circa 40 persone ha iniziato a percorrere il sentiero sterrato attraversando terrazzamenti coltivati a vigneto sino a Colle Serra, e ammirando numerosi punti panoramici sugli abitati di Praiano e Positano, gli isolotti de Li Galli e la penisola Sorrentino-Amalfitana fino a Punta Campanella e Capri. La visita è stata guidata da Luigi Esposito dell’associazione Capri outdoors. Per coloro che vogliono organizzare una pasquetta fuori porta, il programma prevede: Lunedì 1 aprile, alle ore 10 - Pasquetta è … INNO al CASATIELLO, dirige la pastiera! (Appuntamento stazione metro Piazza Cavour, linea 2) Sinfonia di sapori della tradizione pasquale partenopea, scenografia i meravigliosi borghi dei Vergini e della Sanità, dove nacque e visse il grande Totò. In collaborazione con le compagnie teatrali SCUGNIZZI ‘E MO’ e PAZZIANNE E REDENNE e le associazioni Viviquartiere di Napoli e Antemussa di Capri. Per gli appassionati del trekking il prossimo appuntamento, invece, è domenica 7 aprile con La valle delle Ferriere. Dall'abitato di Pogerola (frazione di Amalfi) ci si incammina per circa un chilometro e mezzo in salita, per lo più su scale sino a raggiungere un fitto castagneto dove il percorso diviene sterrato e si addolcisce tra brevi saliscendi e attraversando piccoli corsi d'acqua alimenta-

7

ti da spettacolari cascate. Giunti in località Fic a' Noce, punto più interno valle con attraversamento del Rio Dragone, il sentiero si allarga e in leggera salita si raggiunge Punta D'Aglio da qui in discesa raggiungeremo il borgo medioevale di Pontone (frazione di Scala) per immetterci poi sul sentiero basso che porta ai ruderi dell'antica Ferriera che sovrastano una serie di rigogliose cascate. Avvicinandoci ad Amalfi costeggeremo i ruderi delle antiche cartiere. Giunti ad Amalfi consigliamo la visita al Museo della Carta e/o il museo degli Arsenali. *La partecipazione è gratuita e sotto la propria responsabilità, per facilitare gli spostamenti sarà noleggiato un pulmino al costo di euro 12,00 a persona. Eventuali donazioni saranno utilizzate per l’acquisto di materiale di soccorso per le emergenze lungo i sentieri della penisola sorrentina – amalfitana. Partenza nave per sorrento ore 7, rientro con nave ore 1925. Coloro che vogliono partecipare devono necessariamente dare conferma e versare la quota entro venerdì 5, per l'occasione la sede dell'associazione Capri outdoors in Vico S. Tommaso 7 resterà aperta venerdì 5 dalle 18,00 alle 19,30 **Si consiglia abbigliamento e calzature adatte all’escursionismo, l’escursione può essere modificata o cancellata dagli organizzatori per cause di forza maggiore. Il pranzo è libero pertanto è necessario organizzarsi in proprio. Per informazioni contattare il 349.5290191 3405005069 o scrivere a info@neseacapri.org – caprioutdoors@libero.it

Auguri a Giovanni Acierno per il conseguimento della laurea in biotecnologie moderne con 110 e lode.


10 Celebrata la prima edizione della giornata Cronaca europea del gelato artigianale

Con fragoline di bosco o limone di Sorrento per i campani, con biscotti e croccantini per i tedeschi o con dulce de leche per gli spagnoli. Le declinazioni possono essere infinite, a seconda di tradizioni, gusti e latitudini. Ma da domenica scorsa esiste un gelato che mette d'accordo ben 17 Paesi. Fior di latte variegato, mandorle caramellate e cioccolato, è il «Fantasia d'Europa» il primo gusto uguale in tutto il Vecchio continente nato per festeggiare la prima Giornata europea del gelato artigianale che si è tenuta domenica 24 marzo. Secondo i numeri della Confederazione delle associazioni dei gelatieri artigiani europei (Artglace), presieduta dal caprse Ferdinando Buonocore, sono 50mila le aziende in tutta Europa con 300mila addetti e circa 4 miliardi di euro di fatturato. E l'Italia e la Campania sono leader mondiali nel settore. Le gelaterie artigianali sono circa 32mila, circa 1.500 solo in Campania, e l'80% delle macchine per la lavorazione dei gelati si produce in Italia. «È un settore particolarmente florido e radicato sul territorio - ha detto il presidente di Artglace - Ci sono anche produttori che si stanno espandendo e stanno aprendo sedi all'estero».

Federcaccia: trofeo Isola di Capri memorial Lola Vuotto e assemblea annuale

La sezione Federcacciatori dell’Isola di Capri ha organizzato una gara su pernici nella zona addestramento cani di Faicchio (Bn) gestito da Enrico Tuccinelli. Non è stata una semplice gara ma un memorial che i cacciatori dell’Isola di Capri hanno voluto dedicare alla compianta moglie del presidente Umberto Vuotto recentemente scomparsa, Lola, che pur essendo amanti degli

animali, come un po’ tutti i tedeschi, ha sempre rispettato la passione del marito per la caccia anche perché praticata secondo le vecchie tradizioni e sempre con rispetto, educazione e correttezza. La competizione, giudicata da Felice Addeo e Nicola Tuccillo, si è svolta con spirito sportivo e correttezza secondo il regolamento S. Uberto. Nella categoria “Juniores” si classificava al primo posto il giovane Andrea Salvia; nella categoria “Cacciatori” il Trofeo andava a Raffaele Mollo, giovane promessa anacaprese, ed infine nella categoria “Assoluti” si piazzava al primo posto Vincenzo Salvia il cui cane “Diana” riportava il miglior punteggio in assoluto facendo ottenere al suo padrone il Trofeo Isola di Capri. Al termine della gara e dopo l’ottimo pranzo, vi è stato un momento di riflessione per ricordare Lola Vuotto, commemorata dal Presidente Provinciale Giovanni De Stefano e dal marito presidente Umberto il quale ricordava come l’aveva conosciuta, i sacrifici fatti con lei per laurearsi vendendo prima i giornali in Via Camerelle e poi gestendo una libreria in Via Vitt. Emanuele fino all’apertura dello studio legale. Lola era venuta a Capri in gita e conoscendo Umberto non era più ritornata in Germania, e per amore si convertì alla religione cristiana lei che di origine era protestante. I vincitori del Trofeo Isola di Capri sono poi stati premiati in occasione della annuale assemblea dei soci tenutasi il giorno 17 marzo al Centro Congressi di Capri. Hanno premiato il figlio di Lola, l’Avv. Conny Vuotto, sua moglie Toni e le loro figlie Marina e Rebecca. È stato difficile evitare la commozione quando il presidente ha ricordato la moglie ed ha ringraziato i presenti per la partecipazione e quando gli è stato consegnata la bellissima targa commemorativa a nome dei Federcacciatori di Capri “ … a Lola, moglie, mamma e nonna esemplare”. L’associazione Federcacciatori

ha voluto poi premiare il giovane Leopoldo Cataldo, pluricampione italiano nella categoria “arco nudo” e l’associazione Arco Club Capri per i sempre brillanti risultati ottenuti in campo nazionale. L’assemblea, presieduta dalla dott.ssa Anna di Stefano, giudice federale, ha poi approvato il bilancio e dopo la relazione del presidente, si è passati poi al sorteggio fra tutti i presenti di numerosi premi consistenti in articoli per la caccia. Come di consuetudine la serata si è conclusa con assaggi di rustici preparati dalla “Vela” e l’ottimo dolce del “Bar Faro”.

Tripadvisor: Capri isola più amata d’Italia

L’isola di Capri isola più amata e più bella in Italia secondo i viaggiatori della community di Tripadvisor. I dati premiano l’intero arcipelago campano, visto che nella top ten figurano anche Ischia e Procida, rispettivamente al quarto e al sesto posto in Italia. Capri e' la terza isola in Europa e la prima in Italia ad ottenere il Tripadvisor Travellers' Choice Islands Awards 2013 ma anche Lampedusa e Favignana sono sul podio delle migliori isole italiane secondo milioni di viaggiatori europei. La prima edizione dei Travellers' Choice Islands Awards vede Campania e Sicilia tra le regioni più premiate della classifica italiana, rispettivamente con tre e cinque isole nella top ten. Basati su milioni di recensioni e opinioni postate dai viaggiatori sul sito, questi riconoscimenti hanno premiato più di 100 isole in tutto il mondo, con classifiche dedicate ad Africa, Asia, Caraibi, Europa, Sud America, Sud Pacifico e Stati Uniti. A livello mondiale e' Ambergris Caye, la più grande isola del Belize, a vincere i Travellers' Choice Islands Awards. Sul podio della classifica mondiale anche le Isole Vergini Americane nei Caraibi con St. John (secondo posto) e Bora Bora nella Polinesia Francese (terzo posto). A livello europeo invece, a precedere Capri (terza) nella parte alta della classifica sono due isole greche: Santorini, prima e Cefalonia, seconda.


Vicenda Imi-Sir: c’è anche 11 una villa milionaria di Anacapri Cronaca nell’inchiesta sul riciclaggio

Otto milioni e mezzo di euro considerati parte del «bottino» incassato dai Rovelli nella causa Imi-Sir vinta nel 1994 in seguito alla sentenza «comprata» sarebbero in realtà serviti a Rita Rovelli, figlia del petroliere scomparso parecchi anni fa ed ex moglie dell'imprenditore Francesco Bellavista Caltagirone, per l'acquisto e la ristrutturazione di una villa ad Anacapri. Villa già sequestrata nell'ambito di un'inchiesta della Procura di Roma per evasione fiscale e ritenuta di proprietà dell'imprenditore riarrestato venerdì scorso per la vicenda del porto di Fiumicino. È quanto ipotizza il pm di Milano Roberto Pellicano in seguito a una serie di accertamenti che hanno portato agli arresti domiciliari Gabriele Bravi Tonossi, commercialista e in alcune operazioni ritenuto il fiduciario dello stesso Bellavista Caltagirone, e indagato per riciclaggio con il suo collaboratore Giulio Donghia e la stessa Rita Rovelli. Bravi Tonossi, come lui stesso ha confessato, ha gestito investimenti alle isole Vergini Britanniche e appoggiati a conti in Svizzera per un totale di quasi 63 milioni. (Fonte: corriere.it) *** Fermato Gabriele Bravi Tonossi, il commercialista fiduciario di Francesco Bellavista Caltagirone e della ex moglie Rita Rovelli, figlia del finanziere Angelo, indagata per riciclaggio. La Guardia di Finanza di Busto Arsizio ha operato su richiesta del pm di Milano Roberto Pellicano. Il fermo è stato concesso dal giudice Cantù Rajnoldi. Bravi avrebbe aiutato Rita Rovelli a reciclare 8,5 milioni di euro, che secondo la procura arriverebbero dalla provvista Imi Sir. Bravi avrebbe investito i soldi nell'acquisto e ristrutturazione di una villa ad Anacapri, attraverso una società denominata Obispo. Questa, attraverso una banca svizzera avrebbe operato per acquistare la villa. La provvista di Rita Rovelli sarebbe stata di 65 milioni e per il reato di riciclaggio ha già patteggiato due anni e due mesi con la procura di

Monza. Bravi, Interrogato, ha ammesso di aver avuto il mandato da Rita Rovelli per acquistare la villa e la provenienza del denaro. La villa, secondo l'inchiesta condotta dalla procura di Milano, che indaga Rita Rovelli per riciclaggio, sarebbe stata comprata e restaurata, tra il 2006 e il 2011, con 8,5 milioni di euro, frutto di una parte dei soldi ottenuti dalla famiglia Rovelli con la sentenza Imi-Sir del 13 gennaio 1994 e frutto di corruzione. L'inchiesta di Milano nasce da una segnalazione di operazioni sospette per il trasferimento di denaro dalla Svizzera all'Italia. I soldi arrivati dalla Svizzera sono transitati anche presso i conti personali di Giulio D'Onghia, collaboratore del commercialista Bravi Tonossi e insieme gestiscono decine di società off-shore. Nell'inchiesta milanese, risultano indagati sia la Rovelli che D'Onghia e Bravi Tonossi, tutti per l'ipotesi di riciclaggio. Bravi tonossi è stato fermato giovedì scorso dalla guardia di finanza e il suo fermo è stato convalidato ieri dal tribunale di Milano che ha disposto per il commercialista gli arresti domiciliari. Il collegamento tra le operazioni per la villa ad Anacapri e i soldi provenienti dalla sentenza Imi-Sir sono stati trovati attraverso un trust, Dalan (che nel 2002 aveva fondi per 56 milioni di euro), di cui è beneficiaria Rita Rovelli (beneficiaria anche di un'altra società, la Cargen con fondi per 6,8 milioni). (Fonte: repubblica.it)

Beppe Massa confermato presidente dell’Ascom di Capri

Beppe Massa riconfermato alla guida dei commercianti capresi. Si sono tenute giovedì 21 marzo le elezioni per il rinnovo del Consiglio Direttivo dell'Ascom Capri che resterà in carica per il quinquennio 2013 - 2017. Sono stati 63 gli associati che hanno partecipato al voto.

Beppe Massa è stato nuovamente eletto presidente. Eletti nel consiglio direttivo Gianfranco Arbace, Guido Gargiulo, Giuseppe Maggipinto e Alberto Staiano.

Festa di fine anno agonistico per l’Arco Club Capri

L'Arco Club Capri martedì 19 marzo festeggiava la chiusura dell'indoor, per poi riprendere il 13 ottobre, con una gara di solidarietà nella tendostruttura di San Costanzo. Per l'occasione durante la festa si è parlato dei futuri progetti e di

quanti successi si sono raccolti in questi anni. Si sono riuniti tutti gli arcieri con i genitori, insieme al sindaco e all’assessore allo sport, per complimentarsi con la squadra che quest'anno ha raggiunto il massimo delle medaglie conquistate fino ad adesso.


Il racconto di Maria Astarita: Eventi a Capri Era di Pasqua

Si chiamava ‘’ ‘a quaravesm’ ‘’, ricordo la preparazione di quella sagoma fatta di paglia e cenci a mò di vecchia strega sotto la lunga nera veste, ricavata talvolta, da un vecchio ombrello rovesciato, era posta una patata su cui venivano infilzate sette penne di gallina, messa poi a penzolare fuori dal balcone fra forme di caciotta in salamoia e mele stipate su assi di legno. Per noi bambini era come una figura inquietante che attirava curiosità e di cui non capivamo ,in fondo ,il significato, come non comprendevamo perchè ogni sabato, a turno, si toglieva una penna da quel tubero sempre più avvizzito. Era questa l’attesa per la massima solennità della liturgia cristiana rappresentativa del mistero della Resurrezione di Gesù Cristo.Di solito la Pasqua veniva a braccetto della primavera, fra rami d’ulivo, confetti e palummiell’ la benedizione della palme era un momento di aggregazione gioioso ed emozionante , un abbraccio corale profondamente suggestivo. Intanto si faceva incetta di uova di giornata nei pollai, venivano messe a bagno per almeno ventiquattro ore quantità industriali di grano, in cucina l’aroma del fior d’arancio e canditi mi facevano pensare alle gemme dischiuse sui peschi e ciliegi: una montagna di candida ricotta accanto alla farina a fontana per la regina dei dolci pasquali : la pastiera.Tra i suoi ingredienti non mancava nessuno degli aromi, dalla cannella al chiodo di garofano .Sin dalle prime ore del mattino le donne di casa , artefici di tanto ben di Dio ,erano all’opera, silenziose per non disturbare il sonno di vecchi e bambini.D’altra parte non ci era concesso stare ‘’tra i piedi’’ ad ostacolare e disturbare l’impegnativa fatica culinaria.Il tutto veniva svolto a menadito, non c’era bisogno di spendere molte parole per accompagnare quei gesti antichi, sapienti di cui ,forse, erano un pò gelose. Maniche accorciate su robuste braccia di massaie,inarrestabili, abituate al lavoro più duro, che si apprestavano ad amalga-

mare, impastare lo strutto di produzione propria, con uova zucchero e “fiora’’, la palla di pasta veniva schiacciata con vigore , premuta , tirata, arrotolata : preparata la pastafrolla era lasciata a riposare accanto al forno a legna scoppiettante, in piena attività , mansioni da cui l’uomo veniva escluso ,quasi messo all’angolo, era il trionfo dell’operosità tutta al femminile. Le voci in cucina attorno al grande focolare si facevano più decise man mano che il giorno avanzava, a tratti si sovrapponevano , dissentivano al momento cruciale dell’’infornata , poi era la volta dell’impasto per i casatielli, s’intrecciavano i rotoli di pasta adagiandovi sopra le uova : a noi bambini spettavano quelli a 1 uovo, per proseguire fino a quattro , cinque , otto uova a seconda dell’importanza del destinatario. Il forno alimentato dalla legna raccolta da noi ,in giro per la vicina campagna, instancabile sfornava il dolce ed il salato per familiari e vicini. Era incredibile come con gli stessi ingredienti e le stesse dosi assumessero sapore diverso a seconda della ‘’mano’’che li lavorava. Con la restante pastafrolla si faceva la pizza’’chiena’’ con ingredienti come il formaggio salumi e uova ,un connubio vincente tra il dolce e il salato. La mensa pasquale era tanto ricca quanto laboriosa richiedeva tempo per le lunghe lievitazioni e passione . Alla fine quando tutto era pronto non c’era spazio per riporre un ago lì nella grande cucina: i tortani e casatielli raccolti in spasoni, mentre i ruoti in ferro( erano quelli più adatti) venivano tolti fumanti dal forno e il contenuto, lasciato a riposare fino al giorno della festa.Si aspettava con trepidazione la messa di mezzanotte allora,,in chiesa, venivano liberati degli uccelli tra il fumo d’incenso e gli sbadigli dei chierichetti,i volatili diurni, disturbati nelle abitudini, si libravano storditi dicendo la loro, contrastando gli inni sacri, con cinguettii eloquenti. Il suono dell’organo accompagnava i canti delle ‘’donne cattoliche’’ rigorosamente in vestito scuro.

12

Mia nonna ne faceva parte, conservava la sua ‘’divisa’’ in quello che ,a me, sembrava un grande armadio: il vestito nero era accompagnato da un cappotto dal collo di pelliccia raso , le calze nere come le sobrie ma eleganti scarpe dal tacco medio e allacciate sul davanti, ma quello che più mi piaceva era lo scialle di pizzo che serviva a coprire il capo in processione ed in chiesa : allora, ricordo, gli uomini nell’entrare, dovevano togliere il cappello e le donne ,anche le bambine, coprirsi il capo.In tale ricorrenza, codesto vestiario, riposto con cura la maggior parte dell’anno, veniva rispolverato: ed in chiesa era un mare di scialli di pizzo nero, davanti sedevano le donne mentre agli uomini erano riservati i posti più distanti dall’altare. Da quelle teste canute, morigeratamente coperte s’alzavano gli inni sacri , in tempi di ‘’ite, missa est’’ ,mia nonna che era analfabeta, per intenderci , firmava con una vistosa ‘’X’’, intonava il tutto in perfetto latino compreso recitare il Rosario con la sua Corona fatta, mi pareva, con i semi di carrube da cui non si separava mai. La cerimonia in onore del Cristo Risorto, raggiungeva l’apice , quando dal pulpito si alzava la predica ,il parroco sembrava più vicino al cielo che alla terra, le pie donne rapite dalla solennità della funzione, si commuovevano ed io fissavo preoccupata ,il viso assorto e rigato di lacrime di mia nonna , e più le ‘’donne cattoliche’’ si commuovevano più le parole del parroco si levavano con enfasi e ardore tra l’acre odore d’incenso e tacite preghiere. Poi guardavo il volto della Madonna Addolorata con la sua aureola dorata, il vestito nero, il fazzoletto di pizzo tra le dita pensando a quanto grande era la sua sofferenza di Madre per quel Figlio morto in croce ...e, mentre il suono soave dell’organo chiamava i fedeli all’altare per la Comunione, aspettavo di vederla sorridere perchè ormai, era Pasqua e Gesù era Risorto. Maria Astarita


13 Peppino Di Capri “cavaliere del turismo”: Eventi a Capri gala a Roma

Peppino Di Capri nominato cavaliere del turismo dall'Associazione internazionale cavalieri del turismo. Nel corso di una serata di gala nello storico albergo Hadi Trinità de’ Monti a Roma, è stata conferita a Peppino di Capri, ospite d’onore della manifestazione, la nomina di socio onorario dell’Associazione con la seguente motivazione: “al socio onorario Peppino di Capri per aver contribuito con le sue immortali melodie, quale appassionato interprete della canzone italiana, a sviluppare il turismo internazionale in Italia e verso l’isola di Capri”. L’Associazione è costituita da una élite di operatori turistici, albergatori, tour operator, giornalisti di settore coordinati dal presidente Nino Vermicelli, la cui rielezione all’unanimità per il prossimo triennio è stata annunciata proprio durante l’evento di gala. Tale Associazione si prefigge il compito di operare nelle rispettive professionalità contribuendo allo sviluppo del turismo, con l’apporto delle proprie esperienze.

Riapre la Casa Rossa di Anacapri

Dopo il periodo di chiusura invernale, ha riaperto il 29 marzo il Museo "Casa Rossa" di Anacapri. Dal 2003 grazie all´impegno del Comune di Anacapri, il Museo riapre anche quest´anno le sue porte a quanti decideranno di visitare una delle più singolari dimore costruite alla fine dell´800 sull´isola. Edificata dall´americano John Clay MacKowen, colonnello dell´esercito sudista, la Casa Rossa rappresenta la testimonianza della diffusione dello stile eclettico a Capri nel XIX secolo in cui si fondono motivi architettonici e decorativi di diverse epoche e culture. La Casa Rossa, situata nel centro storico di Anacapri ospita nel suo interno la pregevole collezione comunale di dipinti dell´Ottocento. Trattasi di un´interessante percorso nei luoghi che hanno reso famosa Capri nel mondo attraverso le rappresentazioni

proposte dai numerosi artisti che frequentarono l´isola in quel periodo. Le sale del Museo sono state ulteriormente arricchite dal 2008 dalla presenza delle statue romane della Grotta Azzurra posizionate in una sala appositamente dedicata mostrando tutto il loro fascino e suggestione ai turisti facendo loro immaginare la magia dei marmi nell´azzurro intenso nella grotta più famosa al mondo. Come negli anni precedenti, durante tutto il periodo di apertura, sono previsti eventi e visite guidate con lo scopo di arricchire ed integrare la

fruizione del Museo e delle sue attività. Biglietto intero 3,00 € a persona. Visite guidate all´interno del museo curate dall´Associazione Culturale Kaire Arte Capri con qualificati storici dell´arte. Riposo settimanale lunedì.

Auguri a Marietta Mennillo per i suoi 98 anni. Nelle foto è con le figlie, il genero e i nipoti


Annunci

Vendesi a Capri nella centralissima via Valentino (a pochi passi sia dalla Piazzetta sia da via Camerelle) locale circa 55 mq uso deposito/magazzino. Ideale come deposito per attività commerciale o come deposito per attività nel settore edilizia/artigianato. Tel. 377.6612008

Capri località Torra vendesi terreno piano panoramico accesso diretto strada, per impresa varia agricola, vivai, spazi espositivi ecc. circa 5.000 mq foglio 1 particelle 68 e 72 per euro 280.000. Tel. 081.8377073 - 339.2245719 Capri poco distante dalla Piazzetta fittasi per week-end camera 2 posti letto con bagno. Tel. 081.8377973 Via Vanassina fittasi da maggio a settembre appartamento mq 85, due stanze, doppi servizi, cucina, veranda, terrazzo. Completamente ristrutturato. Tel. 346.6845161

Anacapri, fittasi centralissimo locale affaccio piazza ca mq 30 da ristrutturare con licenza approvata, adatto qualsiasi attività commerciale studio fiscale, ingegneria, ufficio commerciale pub gelateria o negozio. Pasti e serali. Tel. 081.8371052

Anacapri fittasi appartamento centrale composto da 2 camere, cucina, bagno. Disponibile sia annuale che per periodo estivo. Tel. 081.8372110 - 333.3679854

Gli annunci vengono pubblicati a pagamento: il costo di ogni annuncio è 14 1 euro a uscita per un minimo di 5 pubblicazioni consecutive (5 euro a “pacchetto”). Il pagamento va fatto all’atto della consegna dell’annuncio, che è possibile dal lunedì al giovedì, dalle ore 10 alle ore 12, presso la redazione in via Li Campi 19 a Capri. Fittasi ad Anacapri appartamento di 45mq. 700 euro mensili. Tel. 338.9879450

Anacapri vendesi via Li Campi terreno pianeggiante di circa 700 mq. Tel. 347.5096205

Via Don Giobbe Ruocco fittasi, tutto l’anno anche a residenti, appartamento composto da camera da letto, camera da pranzo, cucina e bagno con ingresso indipendente. Tel. 329.6971993 Fittasi appartamento nei pressi della Piazzetta. Tel. 081.8377813 - 081.3653395

All’interno di studio professionale in Capri, zona centralissima, fittasi stanza arredata uso ufficio-studio, con ingresso indipendente e con saletta di attesa e servizio condiviso. Tel. 340.9650725 Fittasi appartamento a Roma, università Tor Vergata, vicino metro. Arredato, ristrutturato, termoatuonomo, aria condizionata, 60 mq, composto da salone, camera, cucina, bagno e balcone. Tel. 338.6086788

Capri locale 45 mq ca. con 2 entrate e una vetrina grande fittasi per uso negozio ufficio o deposito in Via Padre R. Giuliani a 5 minuti dalla piazzetta. Tel. 081.995463

Fittasi Anacapri centro appartamento arredato, 3 vani, bagno, cucina abitabile, terrazzi e giardino. Tel. 347.3156854 - 081.8372888

Fittasi o vendesi Capri 100 mt dalla Piazzetta, via Castello 3, locale mq 60 circa più soppalco, vari usi. Tel. 06.9081511

Fittasi in via Acquaviva n. 25/a locale di mq. 45 con bagnetto uso commerciale, studio, deposito. Tel. 081.8378140 ore pasti e cell. 380.4237484

Centralissimo (Via Sant’Aniello numero 8) fittasi appartamentino 50 mq circa due stanze più servizi da marzo ad ottobre. Tel. 339.5052818

Capri fittasi bilocale nei pressi della piazzetta preferibilmente a persone italiane. Tel. (ore 20-21) 081.8377973

Fittasi in via Valentino ufficio o deposito mq. 21 con piccolo bagno. Tel. 335.6601926

Anacapri fittasi appartamento composto da 2 camere letto cucina abitabile sala da pranzo e bagno anche a residenti. Tel. 081.8373698 - 328.9486685

Anacapri fittasi monolocale con cucina e bagno. Telefonare primo pomeriggio e sera. Tel. 081.8371874

Fittasi Anacapri centro piccolo locale (con servizi) per attività commerciale o ufficio. Tel. 081.8373429 ore serali oppure 335.8213174

Fittasi negozio ad Anacapri in via Giuseppe Orlandi a due passi dalla Casa Rossa. Anche uso ufficio. Tel. 333.3418558

Condivido uso ufficio ubicato in Capri zona centralissima. Tel. 333.6713837

Centro storico Anacapri, fittasi ampio e luminoso monolocale arredato, dotato di cucinotto, bagno neoristrutturato, piccolo ripostiglio, terrazzo, lavanderia e cortile d’ingresso. Tel. 333.2389902

Capri a pochi passi dalla piazzetta fittasi camera con cucina e bagno aria condizionata ingresso indipendente per brevi e lunghi periodi. Tel. 081.8378100 (ore serali) oppure 339.7638442 Signora caprese cerca lavoro come commessa con esperienza e buona conoscenza lingue straniere. Tel. 339.7638442 e 081.8378100 (ore serali) Madrelingua inglese impartisce lezioni private ed effettua traduzioni. Tel. 338.7974598

Dog sitter offresi. Tel. 338.1970431

Esperta esegue bomboniere e altri splendidi lavori con l’uncinetto. Tel. 392.5958747

Madrelingua russa con carta di soggiorno, ottimo italiano parlato e scritto, cerca lavoro come domestica, cameriera in albergo o ristorante, baby-sitter, badante, assistente agli anziani ed ai malati , addetta alle pulizie. Tel. 333.8449837 Ragazza 35 anni ottima conoscenza computer, buona conoscenza inglese, ottime qualità organizzative e tanta volontà cerca lavoro. Disponibile da subito. Tel. 347.3356344

Ragazza caprese 22enne cerca lavoro come commessa o baby-sitter. Molto seria e affidabile. Tel. 329.2083629

Caprese signora massima serietà offresi per lavori domestici o stiro o come baby sitter. Tel. 346.6845161

Cercasi badante (età compresa tra i 30 e i 50 anni) per signora in Anacapri. Telefonare solo se in possesso di regolare permesso di soggiorno. Tel. 340.3529252

Studentessa impartisce lezioni di inglese e francese a ragazzi di scuole medie. Tel. 366.47119399

Anacapri laureata impartisce ripetizioni per ragazzi di elementari e medie (no francese) e superiori (materie letterarie). Tel. 333.1688967

Cerco lavoro come giardiniere, lavori in cucina, lavapiatti, operaio presso ditte di manutenzuione, custode nelle ville, accompagnatore di persone in difficoltà. Tel. 333.3057440

Cerco lavoro presso alberghi o ristoranti, servizio ai tavoli, conoscenza lingue. Tel. 334.3063444 dopo le 16

Cerco lavoro come giardiniere, pulizie domestiche, stiratura, lavori in cucina, aiuti ad anziani. Disponibile da subito. Tel. 331.4303310

Signora esperta cerca lavoro come babysitter o donna delle pulizie, anche ad ore. Tel. 392.5958747

Signora straniera, a Capri da sette anni, cerca lavoro come babysitter o badante. Esperta affidabile e nolto amorevole con bambini e anziani. Tel. 331.5469490

Causa trasloco vendo lavatrice Bosch classe A pagata 380 euro vendo a 180. Ottimo stato. Letto pieghevole come nuovo, prezzo listino 110, vendo a 50 euro. Stufa a gas nuova vendo a 60 euro. Tel. 320.2642700 Antonio


Cultura

A cura dell’Associazione di varia umanità

Siamo in un tempo in cui nell’animo di molti ci sono delusioni, tristezze, rimpianti, amarezze per quel che sarebbe potuto essere e non è stato, e si ritiene non potrà più essere, ma suscitare solamente, di tanto in tanto, qualche dolce anche se struggente nostalgia. E che anzi talvolta par spingere a credere che si venga dal nulla e si vada verso il nulla. Per questo potrebbe essere utile risoffermarsi sull’episodio di Emmaus, uno dei più belli e sublimi che l’umanità conosca. È riportato nel Vangelo di San Luca. Rivela come due uomini ritrovano inaspettatamente, in modo nuovo e più perfetto, ciò che avevano ritenuto perduto per sempre. Quel che avvenne è notissimo. Nel giorno della Resurrezione, due discepoli di Gesù, che non erano però tra gli apostoli, e che si erano recati a Gerusalemme pieni di speranze, stanno ritornando dalla città al loro villaggio di Emmaus, distante dodici chilometri da quella, conversando tra loro su quel che è avvenuto durante la settimana che è trascorsa. Come dicono al viandante che li ha raggiunti e che ora cammina con loro, sono rattristati perché Gesù di Nazareth, che è stato “profeta possente in opere e parole davanti a Dio e a tutto il popolo”, è stato consegnato al governatore romano dai sommi sacerdoti e dagli altri capi, affinché fosse condannato a morte e crocifisso. È quello che è avvenuto. Sanno che alcune donne hanno raccontato che, essendo andate al mattino al sepolcro, non hanno trovato il suo corpo, ma hanno visto angeli che hanno detto che Egli è vivo. Sanno anche che poi al sepolcro sono corsi alcuni apostoli, i quali pur constatando che davvero il sepolcro era vuoto, non hanno visto Gesù. Ma tutto ciò non mitiga quel che sentono nell’animo, né infonde loro speranze.

Un augurio Non diversamente avviene per coloro che, nei passati decenni, hanno creduto che si stesse progredendo verso un sempre maggior benessere sia materiale che spirituale. E che solo quando il benessere materiale si è affievolito si sono accorti dell’esistenza di un malessere sociale, culturale, politico, religioso, che ai pochi che lo avevano indicato invano or sembra un andar verso la barbarie. Il vero, il bene, il bello, che l’umanità ha conquistato durante la sua storia, sono stati degradati sempre più. Ed ai valori che ne derivavano, sono stati sostituiti sempre più quelli di un individualismo, tendente a promuovere e soddisfare unicamente bisogni materiali. Il vandalismo spirituale si è propagato non solo nei luoghi dove si abita, ma talvolta nelle stesse proprie case. Ciò anche per la dabbenaggine, l’ipocrisia o la disonestà (che è ipocrisia non consapevole) di alcuni che dovevano salvaguardare e difendere lo spirito. San Luca ci rivela che, mentre sono nei pressi di Emmaus, i due discepoli invitano colui che li ha affiancati, e che mostra di voler andar oltre, a restar con loro, giacché il giorno è tramontato ed è venuta la sera. E che lo riconoscono solo quando sono a mensa ed egli spezza il pane e lo benedice. Ma a questo punto egli scompare. Allora si accorgono che, mentre parlava lungo la strada, il loro cuore era diventato ardente. È quello a cui bisogna por mente nel tempo in cui siamo. Le parole superficiali, effimere, che si susseguono ininterrottamente, tendono a portarci lontano da noi stessi, a rendere freddo, vuoto il nostro animo ed a farci naufragare nel nulla. Solo l’ascolto di parole autentiche, ispirate dal vero, dal bello, dal bene, rendono ardente il nostro animo e valida la nostra unica ed irripetibile vita terrena. L’individualismo che soddisfa solamente bisogni materiali allontana spiritualmente da se stessi, e contribuisce alla propria degradazione ed a quella del mondo. Il vivere, innanzi tutto in se stessi, il vero, il bello, il bene, rigettando i richiami di

15

coloro che continuano a proclamare, sia pur meno fortemente di una volta, la “morte di Dio”, salva la propria vita e contribuisce nello stesso tempo a limitare la decadenza della società e dell’umanità. Per tutto ciò l’augurio per la Pasqua del 2013 è che si sappia aver consapevolezza di quell’ardore dell’animo che viene dal vero, dal bello, dal bene, i quali danno senso ed orientamento al vivere personale, a quello comunitario, ed a quello dell’intera umanità. Raffaele Vacca L’INFORMATORE POPOLARE Periodico d’informazione politica, cronaca, cultura e sport dell’isola di Capri Direttore: Manfredi Pagano Società editrice TPS S.R.L. Reg. Tribunale di Napoli Nr 5283 del 18/02/2002

Redazione: Via Li Campi, 19 80073 Capri (Na) Tel. 081.8383111 Fax 081.8370421 Sito internet: www.caprinews.it www.informatorepopolare.it Per scrivere alla redazione redazione@caprinews.it

Per la pubblicità tel. 081.8383111 Stampa: Rotostampa Lioni (Av) (Si comunica che foto e documenti consegnati in redazione non saranno restituiti)



Informatore Popolare 12