Issuu on Google+

Catalogo schede tecniche 2014

I dati contenuti sono indicativi e potrebbero subire delle variazioni .


Sommario

BOSAN Amarone della Valpolicella

Recioto

IL BOSCO

Amarone

Amarone della Valpolicella Classico

della Valpolicella Classico

della Valpolicella Classico

Jèma

RIPASSO BOSAN

Corvina veronese

Valpolicella Ripasso superiore

MARA

Cento Filari

Rajo

Valpolicella Ripasso superiore

Lugana

Valpolicella Classico

Pagina successiva


Boscarel

Nibai

Mitico

Mitico

Veneto igt

Soave Classico

Merlot delle Venezie

Chardonnay delle Venezie

Valpolicella Classico

Bardolino Classico

Bardolino Chiaretto Classico

Soave Classico

Fiorile

Fiorile

Grappa BOSAN

Pinot Grigio

Friuli Grave Merlot

Sommario

Grappa di Amarone della Valpolicella


“BOSAN” 2005 Amarone della Valpolicella Denominazione di Origine Controllata

Frutto di ricerca e di lavoro agronomico decennale. L’Amarone Bosan nasce nella zona più vocata della Valpolicella da uve Corvina 80% e Rondinella 20%. La qualità di questo vino ha le sue basi nella profonda cura con cui è gestito il vigneto, l’intensità di impianto, una potatura accurata, il diradamento e la scelta solo dei grappoli migliori, forniscono un’uva che, dopo un attento appassimento di quattro mesi, ci dona questo grande vino, completato dall’affinamento in botte di rovere grande, in barrique e dal lungo riposo in bottiglia. Occorrono così quasi sei anni prima che l’amarone Bosan esca dalle nostre cantine portatore di tutta la nostra esperienza e delle caratteristiche della vendemmia.

Andamento climatico 2005 Le precipitazioni invernali sono state abbondanti su tutto il territorio permettendo all'inizio della primavera una ripresa vegetativa rigogliosa, in tutti i casi regolare, che ha determinato un ottimo germogliamento, una buona fioritura ed una discreta allegagione. I mesi estivi sono stati caratterizzati da temperature mediamente poco elevate, la colonnina di mercurio è rimasta al di sotto dei 30 gradi. L'invaiatura, cioè il cambio di colore del grappolo, è iniziato con circa una settimana di ritardo, mantenuta anche in seguito, visto che le operazioni di raccolta sono risultate posticipate mediamente di oltre una settimana.

Produzione Le uve destinate alla produzione dell'Amarone vengono raccolte con 1-2 settimane di anticipo rispetto a quelle per il Valpolicella. Durante la vendemmia vengono selezionati solo i grappoli perfettamente integri ed asciutti, poi adagiati, in cassette basse, con un solo strato di grappoli. Rimangono ad appassire in appositi locali ben aerati, chiamati fruttai, per evitare il rischio dell'attacco di muffe. Il processo di appassimento dura fino a fine febbraio, durante questi mesi i grappoli vengono costantemente controllati ed eventualmente rimossi se danneggiati. Al termine dell’appassimento le uve perdono il 30-40% del loro peso mentre aumentano la concentrazione zuccherina, indispensabile, durante la successiva fermentazione, a garantire un notevole grado alcolico (intorno al 16%). La macerazione viene effettuata a contatto con le bucce per un periodo di 30 giorni. Dopo la svinatura il prodotto viene avviato in vasche di acciaio al fine di svolgere la fermentazione malolattica nei mesi successivi. A questo punto inizia la fase di maturazione, che durerà 3 anni con affinamento in botte grande (rovere di Slavonia) e legni piccoli, barriques (rovere francese). Prima dell’immissione al consumo la maturazione è completata da 12-15 mesi di riposo in bottiglia. Dell’annata 2005 usciranno dalla nostra cantina di Cavaion circa 30.000 bottiglie.

Descrizione organolettica Il caratteristico aroma di ciliegia si integra con sentori di spezie, cacao e vaniglia. Dal gusto pieno e vellutato, mostra tutta la sua potenza in un corpo prorompente caldo ed elegante. Predilige l’abbinamento con cacciagione, carne grigliata e stufata, tuttavia ne consigliamo il consumo anche come vino da conversazione.

Dati analitici Alcool: 15,8 % Acidità totale: 5,7 g/l. Acidità volatile: 0,68 g/l. Zuccheri riduttori: 6,5 g/l. Estratto secco netto: 32,8 g/l.


“Il Bosco” 2007 Amarone della Valpolicella Classico Denominazione di Origine Controllata

L’Amarone del vigneto “Il Bosco” viene vinificato solo quando le uve sono perfettamente sane ed in annate di grande qualità. Il singolo vigneto è una piccola zona le cui viti superano i 22 anni di vita, pertanto naturalmente avviene una prima selezione, di quantità a vantaggio della qualità. Le uve durante la vendemmia vengono selezionate e solo le migliori verranno poste nei “fruttai” per l’appassimento e poi pigiate nel mese di gennaio. il vino viene posto a maturare per 2 anni in barrique e in grandi botti di Slavonia. Una volta posto in bottiglia il vino viene poi definitivamente affinato per almeno altri 8 mesi.

Zona di Produzione Vigneto “Il Bosco”, fraz. CastelRotto di San Pietro in Cariano (Vr)

Andamento climatico 2007 La stagione invernale è stata mite con temperature medie al di sopra della media, la pianta ha quindi anticipato tutte le sue fasi vegetative. L’inizio estate, caratterizzato da una bassa piovosità, ha ulteriormente incrementato questo anticipo, causando qualche sofferenza alle piante in zona collinare, la situazione si è poi riequilibrata, verso fine luglio – inizio agosto, grazie ad una ripresa delle precipitazioni. La vendemmia si è comunque svolta con un leggero anticipo rispetto alla media.

Produzione Frutto di un uvaggio, costituito da circa il 80% di Corvina, il 20% di Rondinella. Solo i grappoli provenienti dal vigneto “il bosco” concorrono alla produzione di questo vino. Durante la vendemmia vengono selezionati solo i grappoli perfettamente integri ed asciutti, poi adagiati, in cassette basse, con un solo strato di grappoli. Rimangono ad appassire in appositi locali ben aerati, chiamati fruttai, per evitare il rischio dell'attacco di muffe. Il processo di appassimento dura fino a fine gennaio, durante questi mesi i grappoli vengono costantemente controllati ed eventualmente rimossi se danneggiati. Al termine dell’appassimento le uve perdono il 30-40% del loro peso mentre aumentano la concentrazione zuccherina, indispensabile, durante la successiva fermentazione, a garantire un notevole grado alcolico (intorno al 15%). La macerazione viene effettuata a contatto con le bucce per un periodo di 20-30 giorni. Durante la fermentazione, dato l'elevato grado alcolico che si produce, i lieviti dovranno essere altamente selezionati e resistenti sia all'alcol che al freddo (il periodo di fermentazione dell'Amarone è tra gennaio e febbraio). Dopo la svinatura il prodotto viene avviato in vasche di acciaio al fine di svolgere la fermentazione malolattica nei mesi successivi. A questo punto inizia la fase di maturazione, che durerà 2 anni con affinamento in barriques (rovere francese) e botte grande (rovere di Slavonia).

Bottiglie Prodotte Dell’annata 2007 usciranno dalla nostra cantina di Cavaion n. 27.650 bottiglie.

Descrizione organolettica Colore rosso intenso con riflessi purpurei. Caratteristico aroma di ciliegia, spezie, cacao, mandorle amare. Pieno, vellutato, caldo, vino complesso e al tempo stesso fine ed elegante.

Dati analitici: Alcool: 15,50% Acidità totale: 6,00 gr/l. Acidità volatile: 0,70 gr/l. Estratto secco netto: 31,0 gr/l.


Amarone della Valpolicella Classico Denominazione di Origine Controllata

2009

Prodotto nei comuni di Negrar, Marano di Valpolicella, Sant’Ambrogio, Fumane, San Pietro in Cariano nella zona storica. Le uve Corvina, Rondinella e Molinara subiscono un accurato appassimento sui graticci fino a metà gennaio, dopo la pigiatura e le successive fermentazioni avviene l’affinamento in botte di rovere grande, in barrique e dopo un lungo riposo in bottiglia, ci donano questo grande vino.

Andamento climatico 2009 Un inverno regolare con buone precipitazioni e una primavera equilibrata hanno garantito un germogliamento regolare della vite. Le piogge di fine estate hanno portato vigore ai grappoli e hanno garantito un incremento delle rese delle uve. Le condizioni climatiche hanno permesso uno sviluppo vegetativo piuttosto regolare, sebbene di qualche giorno in anticipo sulla media stagionale. Il buon soleggiamento dei mesi di luglio e agosto ha permesso un’ottima invaiatura e un’eccellente maturazione favorendo la qualità delle uve.

Produzione Frutto di un uvaggio, costituito da circa il 75% di Corvina Veronese, il 20% di Rondinella e il 5% di Molinara; Le uve destinate alla produzione dell'Amarone vengono raccolte con 1-2 settimane di anticipo rispetto a quelle per il Valpolicella. Durante la vendemmia vengono selezionati solo i grappoli perfettamente integri ed asciutti, poi adagiati, in cassette basse, con un solo strato di grappoli. Rimangono ad appassire in appositi locali ben aerati, chiamati fruttai, per evitare il rischio dell'attacco di muffe. Il processo di appassimento dura fino a fine gennaio, durante questi mesi i grappoli vengono costantemente controllati ed eventualmente rimossi se danneggiati. Al termine dell’appassimento le uve perdono il 30-40% del loro peso mentre aumentano la concentrazione zuccherina, indispensabile, durante la successiva fermentazione, a garantire un notevole grado alcolico (intorno al 15%). La macerazione viene effettuata a contatto con le bucce per un periodo di 20-30 giorni. Durante la fermentazione, dato l'elevato grado alcolico che si produce, i lieviti dovranno essere altamente selezionati e resistenti sia all'alcol che al freddo (il periodo di fermentazione dell'Amarone è tra gennaio e febbraio). Dopo la svinatura il prodotto viene avviato in vasche di acciaio al fine di svolgere la fermentazione malolattica nei mesi successivi. A questo punto inizia la fase di maturazione, che durerà 3 anni con affinamento per 12 mesi in botte grande (rovere di Slavonia) ed un 20% in legni piccoli, barriques e tonneaux (rovere francese). Prima dell’immissione al consumo la maturazione è completata da minimo 6 mesi di riposo in bottiglia.

Descrizione organolettica Si presenta di colore porpora intenso ed esprime un bouquet di confettura, ciliegia e prugna unitamente a sensazioni di vaniglia e tostato. Al gusto è pieno, armonico, equilibrato e persistente. Lascia al palato tutta la sua potenza con un corpo caldo ed elegante.

Abbinamenti e servizio Predilige l’abbinamento con cacciagione, carne grigliata e stufata, ma, anche, come vino da conversazione. Va servito alla temperatura di 18-20°C. Da stappare almeno due ore prima di servire.

Dati analitici Alcool: 15% Acidità totale: 5.7 g/l. Acidità volatile: 0,65 g/l. Estratto secco netto: 31,5 g/l.


Recioto della Valpolicella Classico Denominazione di Origine Controllata e Garantita

2010

Un tempo molto più famoso del suo fratello Amarone, ora il recioto, vino amato dai romani, è principalmente un vino da dessert. Vasta è la storia legata al nome Recioto. Si racconta sia dovuto al fatto che venivano utilizzate per l'appassimento le "recie" (le orecchie), la parte alta e più esposta del grappolo e, quindi, più dolce e matura. Ma la versione più attendibile è quella che indica il nome Recioto derivare dal latino "racemus" (grappolo), infatti su molte ordinanze del XIII e XIV secolo troviamo la parola "recis", che significa "grappoli staccati e appesi". Profonda è la cura che poniamo nel seguire l’evoluzione di questo vino, partendo dalla scelta durante la vendemmia solo dei grappoli migliori, il delicato appassimento e l’attento controllo della sua fermentazione.

Produzione Frutto di un uvaggio, costituito da circa il 65% di Corvina Veronese, il 30% di Rondinella e il 5% di Molinara; Le uve destinate alla produzione del Recioto vengono raccolte con 1-2 settimane di anticipo rispetto a quelle per il Valpolicella. Durante la vendemmia vengono selezionati solo i grappoli perfettamente integri ed asciutti, poi adagiati, in cassette basse, con un solo strato di grappoli. Rimangono ad appassire in appositi locali ben aerati, chiamati fruttai, per evitare il rischio dell'attacco di muffe. Il processo di appassimento dura fino a fine febbraio, durante questi mesi i grappoli vengono costantemente controllati ed eventualmente rimossi se danneggiati. Al termine dell’appassimento le uve perdono il 30-40% del loro peso mentre aumentano la concentrazione zuccherina, indispensabile, durante la successiva fermentazione, a garantire un notevole grado alcolico (intorno al 18%). La macerazione viene effettuata a contatto con le bucce per un periodo di 20-30 giorni. Dopo la svinatura il prodotto viene inviato direttamente in tonneaux e barriques e ripetutamente travasato per inibire la fermentazione. Terminato il periodo di affinamento in legno di 12/18 mesi, dopo una breve permanenza in acciaio, la maturazione è completata da 6 mesi di riposo in bottiglia.

Descrizione organolettica Il nostro Recioto si contraddistingue per il colore rosso porpora molto carico; mescendo-lo nel bicchiere mostra tutta la sua consistenza sprigionando un intenso profumo di ciliegia sotto spirito con note lievi e ben integrate di frutti di bosco, vaniglia e tostato. Al palato pur mostrando tutta la sua morbidezza (per l’elevato tenore zuccherino 80:100 gr/l) è sostenuto da una potente struttura e da tannini bilanciati e dolci.

Abbinamenti e servizio Il nostro Recioto si sposa a fine pasto con dolci a pasta friabile e secca, frutta secca e macedonia di fragole, per le sue caratteristiche si accosta splendidamente con il ciocco-lato. La particolare fruttuosità unita alle note delicate vanigliate e tostate ne fanno altresì un vino da meditazione e da conversazione nel fine serata.

Dati analitici Alcool: 13,00% Acidità totale: 5,50 gr/l. Acidità volatile: 0,60 gr/l. Zuccheri riduttori 105 gr/l. Estratto secco netto: 33,5 gr/l.


Jèma 2009 Corvina Veronese Indicazione Geografica Tipica

La conoscenza del territorio, la volontà di approfondire e di far conoscere le caratteristiche e le peculiarità dei vitigni tipici della nostra terra ci hanno spinto a selezionare questo vino prodotto al 100% con il monovitigno Corvina. La Corvina è la base dei grandi rossi della Valpolicella, ma è solo in purezza che possiamo capire le sue differenti espressioni nel colore, nei profumi e nel corpo. Un percorso organolettico istruttivo e piacevole alla scoperta dei sentori e gu-sti primari alla base dei nostri vini. Impianto: Pergola veronese Produzione: 80-90 quintali per ettaro

Andamento climatico 2009 Un inverno regolare con buone precipitazioni e una primavera equilibrata hanno garantito un germogliamento regolare della vite. Le piogge di fine estate hanno portato vigore ai grappoli e hanno garantito un incremento delle rese delle uve. Le condizioni climatiche hanno permesso uno sviluppo vegetativo piuttosto regolare, sebbene di qualche giorno in anticipo sulla media stagionale. Il buon soleggiamento dei mesi di luglio e agosto ha permesso un’ottima invaiatura e un’eccellente maturazione favorendo la qualità delle uve.

Produzione Per esaltare le caratteristiche di questo prodotto, si è resa necessaria, durante la fase di invaiatura, praticare un ulteriore diradamento dei grappoli e una maturazione avanzata sino a fine ottobre. Le uve sono state vendemmiate con cura e poste in cassetta per un appassimento di 20 giorni. La macerazione fermentativa è durata circa 20 giorni. Dopo la svinatura è seguita la fermentazione malolattica completa. L’affinamento in legni francesi di piccola capacità si è protratta per 18 mesi a cui è seguito un assemblaggio in botte e successivo affinamento per ulteriori 6 mesi. Un anno di bottiglia ne completano le caratteristiche organolettiche.

Descrizione organolettica Dal colore vivo, rosso porpora. Sprigiona un bouquet di frutti rossi e ciliegia macerata con note lievemente tostate con evidenze di cacao e caffè. Al gusto è morbido, pieno ed armonico, di ottima lunghezza e persistenza.

Abbinamenti e servizio Si abbina perfettamente con cacciagione, carne grigliata e stufata oltre a formaggi molto stagionati. Ideale come vino da compagnia. Da servire alla temperatura di 18-20°C. Da stappare almeno due ore prima di servire.

Dati analitici Alcool: 13,8 % Acidità totale: 5,40 g/l. Acidità volatile: 0,65 g/l. Zuccheri riduttori: 8,5 g/l. Estratto secco netto: 29,5 g/l.


Ripasso “BOSAN” Valpolicella Ripasso Superiore Denominazione di Origine Controllata

Dopo l’esperienza dalle quali abbiamo ottenuto un grande amarone Bosan, è il 2001 l’anno in cui si concretizza questo Valpolicella superiore di Ripasso. Nasce nel mese di Marzo con la rifermentazione per circa 15 giorni dell’omonimo vino sopra la vinaccia appassita del vigneto Bosan. Questa tecnica tipica e storicamente legata al Valpolicella consente di rafforzare, irrobustire un vino definendolo in modo unico e irripetibile. Al termine del periodo di “ripasso” la svinatura ci ha consegnato un prodotto molto ricco di colore, corpo, aromi e tannini. Dopo la fermentazione malolattica, il successivo affinamento sia in barriques che in botti di rovere francese e un lungo riposo in bottiglia, questo prodotto è pronto per essere degustato.

Produzione La tecnica del “Ripasso” viene utilizzata storicamente in Valpolicella, si riassume come pratica di rifermentazione di vini della stessa annata o di annate precedenti sulla vinaccia fermentata di uve appassite per produrre amarone. Fondamentalmente ha lo scopo di rafforzare e di irrobustire il Valpolicella, frutto di un uvaggio, costituito da circa il 80% di Corvina Veronese, il 20% di Rondinella, carpendo quanto è rimasto nelle nobili vinacce dell’amarone Bosan. La rifermentazione ha una durata di circa 15 giorni, il vino Valpolicella così “ripassato” acquisisce colore, struttura, aromi, tannini e circa 1÷1,5 gradi alcolici in più rispetto al vino originale. Dopo la definitiva svinatura di Marzo e l’avvenuta fermentazione malolattica, il vino viene avviato all’affinamento per circa 12 mesi in barriques di rovere francese seguito dall’assemblaggio in botti di rovere per altri 6 mesi. La maturazione è completata da almeno 8 mesi di riposo in bottiglia.

Descrizione organolettica Brillante dal colore intenso e purpureo. Al bouquet si esprime in note di frutti rossi, ciliegia e spezie. Corpo pieno ed armonico, acidità integrata nel piacevole retrogusto vellutato con percezioni di cioccolato e caffè tostato.

Abbinamenti e servizio Si abbina perfettamente con cacciagione, carne grigliata e stufata oltre a formaggi molto stagionati. Ideale come vino da compagnia. Da servire alla temperatura di 18-20°C. Da stappare almeno due ore prima di servire.

Dati analitici Alcool: 14,00 % Acidità totale: 5,80 gr/l. Acidità volatile: 0,60 gr/l. Zuccheri riduttori: 7,5 gr/l. Estratto secco netto: 30,1 gr/l.


Mara Valpolicella Ripasso Superiore Denominazione d’Origine Controllata

“Mara” è un Valpolicella classico superiore di Ripasso. E’ un vino di esperienza e tradizione. Non in tutti i vini si riesce a percepire così distinta-mente la sua storia, il suo territorio e la sua tecnica di produzione. È pro-dotto con un metodo così particolare che lo si può collocare tra i vini più curiosi ed interessanti. Il vino Valpolicella nel mese di gennaio subisce una rifermentazione effettuata sulle vinacce dell’Amarone, del quale ne acquisisce parte del corpo e degli aromi.

Produzione La tecnica del “Ripasso” viene utilizzata storicamente in Valpolicella, si riassume come pratica di rifermentazione di vini della stessa annata o di annate precedenti sulla vinaccia fermentata di uve appassite per produrre amarone. Fondamentalmente ha lo scopo di rafforzare e di irrobustire il Valpolicella, frutto di un uvaggio, costituito da circa il 70-75% di Corvina Veronese, il 20% di Rondinella e il 5% di Molinara, carpendo quanto è rimasto in queste nobili vinacce. La rifermentazione ha una durata di 15/18 giorni, il vino Valpolicella così “ripassato” acquisisce colore, struttura, aromi, tannini e circa 1÷1,5 gradi alcolici in più rispetto al vino originale. Dopo la definitiva svinatura di Febbraio e Marzo e l’avvenuta fermentazione malolattica, il vino viene avviato all’affinamento per circa 12 mesi in botti di rovere di Slavonia (80%) e tonneau di rovere francese (20%). La maturazione è completata da almeno 6 mesi di bottiglia.

Descrizione organolettica Già da un primo esame olfattivo si percepiscono immediatamente caratteristici sentori di frutta matura, confettura e ciliegia. Colpisce in maniera particolare l'incredibile persistenza, che prosegue al palato, quando si apre in tutta la sua potenza con un corpo caldo ed elegante.

Abbinamenti e servizio Predilige l’abbinamento con cacciagione, carne grigliata e stufata. Da servire alla temperatura di 18-20°C. Da stappare almeno due ore prima di servire.

Dati analitici Alcool: 13.56% Acidità totale: 5,05 gr/l. Acidità volatile: 0,50 gr/l. Estratto secco netto: 29,1 gr/l.


Cento Filari Lugana Denominazione di Origine Controllata

Zona: vigneto situato tra i comuni di Pozzolengo e Peschiera. Superficie: 11 ettari Allevamento: 4.100 ceppi ettaro ad archetto semplice Terreno: Argilloso - Calcareo Nel 2008 si è concluso l’iter di ricerca universitaria promosso dal consorzio di Lugana insieme ai produttori, che ha definitivamente codificato come Turbiana il vitigno autoctono che caratterizza questo vino e lo distingue da tutti i trebbiani coltivati nel nostro paese.

Vitigni Turbiana 95% Chardonnay 5%

Produzione La scacchiolatura dei giovani tralci e le pratiche di diradamento hanno contenuto in 90 q.li/ha la produzione. Circa il 20% dell’uva è stata fatta maturare in pianta a tralcio reciso per esaltare la struttura e la concentrazione. La vinificazione è stata effettuata attraverso una pressatura soffice dei grappoli e la fermentazione alcoolica a temperatura controllata a 18/20°C. Il prodotto è, in seguito, rimasto fino a gennaio a contatto delle proprie fecce al fine di esprimere al meglio le proprie potenzialità. L’imbottigliamento è stato effettuato nel mese di febbraio.

Descrizione Organolettica Brillante e dal colore giallo paglierino. Prorompe in note floreali e fruttate intense. Al palato evidenzia buona mineralità e acidità unite a pienezza e morbidezza con retrogusto persistente.

Abbinamenti Perfetto con pesce di lago (come i tipici coregone ed anguilla) e di mare e con primi piatti delicati. Ideale come aperitivo, va servito a 10°-12°C. Per le sue caratteristiche di vitigno e territorio nonostante l’evoluzione in bottiglia, può essere degustato anche 2-3 anni dal millesimo di produzione.

Dati Analitici Alcool: 13,30% Acidità totale: 5,70 g/l. Acidità volatile: 0,30 g/l. Zuccheri riduttori: 7,20 g/l. Estratto secco netto: 19,50 g/l.


Boscarel Veneto Indicazione Geografica Tipica

In un momento in cui i vini di qualità sembra possano essere concepiti solo nel legno, la nostra fiducia nelle potenzialità delle uve venete ci ha portato a creare Boscarel, vino che nella sua maturazione non effettua alcun passaggio in barrique, un vino frutto dell’interazione tra territorio, vitigni, pratiche agronomiche ed enologiche. È ottenuto da un uvaggio innovativo di uve Merlot e Cabernet. Fermentate a temperatura controllata con prolungata macerazione delle bucce. I vigneti sono situati nel comune di Cavaion veronese, dove il clima e le caratteristiche morenico-alluvionali del terreno contribuiscono alla buona maturazione delle uve.

Produzione Il sistema di allevamento della vite è a cordone speronato con una densità di impianto di 5.000 ceppi per ha. La produzione per ettaro è pari a 60 hl di vino. Merlot 70% e Cabernet 30% sono le percentuali dell’uvaggio dalle quali si ottiene il Boscarel. Le uve vinificate separatamente (a causa della loro maturazione scalare) subiscono una macerazione delle bucce per 15 giorni. Nella seconda/terza decade di Ottobre si procede alla costituzione del blend, al quale segue la fermentazione malolattica. Dopo lo stoccaggio invernale, nella primavera successiva alla vendemmia, si procede all'imbottigliamento.

Descrizione organolettica Vino fresco e giovane, dal colore rosso rubino intenso con riflessi violacei, è un vino molto profumato con sentore di frutti di bosco. Il sapore è pieno, morbido, caratteristico, armonico. Versato sprigiona un bouquet intenso di lampone e mirtillo, creando sensazioni molto piacevoli al gusto, in un crescendo che affascina.

Abbinamenti e servizio Predilige l’abbinamento con carni rosse, selvaggina e formaggi stagionati. Si consiglia di servire alla temperatura di 16-18°C.

Dati analitici Alcool: 13,40% Acidità totale: 5,30 gr/l. Acidità volatile: 0,45 gr/l. Estratto secco netto: 34,9 gr/l.


Nibai Soave Classico Denominazione di Origine Controllata

Il Soave è vino conosciuto fin dal 1272, e nel 1483 viene ri-cordato come il vino che dette il nome alla splendida cittadina di Soave. La nostra costante ricerca della qualità ci ha portato a selezionare prima il vigneto, che per esposizione e giacitura ci diede le più ampie garanzie. Un’accorta potatura e tecniche moderne di coltivazione, unita ad una cernita nella vigna delle uve migliori, portano ad esaltare questo vino di classe. Eccellente complemento per antipasti, crostacei, pesce e minestre delicate.

Produzione Prende vita dalle varietà Garganega 80% e Trebbiano di Soave 20% coltivate nell’alta collina di Monteforte d’Alpone. Il sistema di allevamento è la pergola tipo trentina. La particolare cura dell’uva attraverso il diradamento dei grappoli e la vendemmia tardiva, favoriscono un’ottima maturazione del frutto. La vinificazione con parziale criomacerazione delle bucce è seguita dalla fermentazione a temperatura controllata, nella primavera successiva il prodotto viene assemblato e con le dovute cure messo in bottiglia nella nostra cantina di Cavaion. Descrizione organolettica Il risultato è un vino dal colore giallo paglierino carico, bouquet intenso di fiori di biancospino e frutta matura, gusto pieno, armonico, leggermente amarognolo, ma cremoso e persistente, dove il lieve sapore di vaniglia e spezie ne aumentano l’importanza lasciandone intatta l’eleganza. Abbinamenti e servizio Servito a temperatura di 12/14°C, gradisce l’abbinamento con portate di pesce, crostacei e carni bianche. Dati analitici Alcool: 12.22 % Acidità totale: 5.10 gr/l. Acidità volatile: 0.10 gr/l. Estratto secco netto: 18.5 gr/l.


Mitico Merlot Indicazione Geografica Tipica

La qualità della materia prima, unita all’esperienza acquisita ci ha convinti a confrontarci anche su prodotti “internazionali” e l’eccellente risultato ci ha convinti a perseverare su questa strada. Il segreto sta nella selezione del miglior prodotto, nella giusta scelta e nel corretto dosag-gio dei legni, per ottenere il massimo dal punto di vista olfattivo e gu-stativo.

Produzione Ottenuto, da uve merlot per il 90% e cabernet sauvignon per il 10%, nelle zone più vocate del Friuli Venezia Giulia, questo vino si esprime in modo elevato grazie a scelte agronomiche tese a limitare la produzione e a favorire la massima maturazione delle uve. Dopo la macerazione fermentativa di 15 giorni, il prodotto viene sottoposto alla fermentazione malolattica e nella primavera successiva inviato alla maturazione in barriques (rovere allier medio tostato, 60% di prodotto in barriques nuove e 40% in barriques di secondo passaggio) che si protrarrà per 15 mesi. Segue il riposo in bottiglia per non meno di 6 mesi.

Descrizione organolettica Vino dal colore rosso rubino carico, esplode al bouquet per l’inconfondibile espressione di frutti a bacca rossa (mirtillo e prugna selvatica), muschio e note ben integrate di vaniglia e spezie. Al palato si mostra caldo, vellutato e ben equilibrato.

Abbinamenti e servizio È saggio dopo aver stappato e scaraffato il nostro “Mitico Merlot” accostarlo a piatti di carni rosse grigliate nonché cacciagione da penna e pelo.

Dati analitici Alcool: 13,20% Acidità totale: 5,5 gr/l. Acidità volatile: 0,45 gr/l. Zuccheri riduttori: 5,4 gr/l. Estratto secco netto: 27,4 gr/l.


Mitico Chardonnay Indicazione Geografica Tipica

La qualità della materia prima, unita all’esperienza acquisita ci ha convinti a confrontarci anche su prodotti “internazionali” e l’eccellente risultato ci ha convinti a perseverare su questa strada. Questo vino è frutto di una ricerca agronomica accurata sia per il vitigno quanto per la giacitura e l’esposizione del terreno.

Produzione Lo Chardonnay 100% costituisce la base di questo vino a monovitigno. L’areale di coltivazione è racchiuso nella zona sud della provincia di Trento e nel tratto confinante con la provincia di Verona. Le condizioni pedologiche particolarmente favorevoli della valle dell’Adige garantiscono uve sane e particolarmente ricche dal punto di vista zuccherino e aromatico. La vendemmia rigorosamente effettuata a mano consegna alla cantina l’uva destinata alla vinificazione in bianco. Il mosto dopo opportuna decantazione viene posto a fermentare per il 30% in barriques (francese), il 30% in botte grande (rovere di Slavonia) e il 40% in acciaio. Solo dopo circa 10 mesi si effettua l’assemblaggio delle aliquote al fine di procedere all’imbottigliamento. Almeno 6 mesi di riposo in bottiglia sono necessari per apprezzarne i suoi positivi aspetti.

Descrizione organolettica Alla mescita colpisce per il suo colore giallo paglierino intenso, emanando uno spiccato bouquet di frutta esotica costituita da ananas e kiwi legata a sentori delicatamente gradevoli di vaniglia e tostato tenue. Avvolgente nel corpo di buona persistenza caldo e armonico.

Abbinamenti e servizio È un vino importante che si abbina con risotti e paste a base di pesce, crostacei e carni bianche. Servire a 12-14°C.

Dati analitici Alcool: 13% Acidità totale: 4,80 gr/l. Acidità volatile: 0,31 gr/l. Zuccheri riduttori: 4,7 gr/l. Estratto secco netto: 19,8 gr/l.


Ràjo 2011 Valpolicella Classico Denominazione di Origine Controllata

Produzione: Dai nostri vigneti più vocati della Valpolicella, in zona classica, nasce il nostro Valpolicella Rajo. Le uve Corvina, Corvinone e Rondinella, lasciate surmaturare in pianta sino alla seconda decade di ottobre, vengono sottoposte ad una macerazione fermentativa di 10/12 giorni allo scopo di esprimere tutto il loro potenziale. Dopo la fermentazione malolattica segue un periodo di maturazione in acciaio ed almeno tre mesi di riposo in bottiglia.

Descrizione organolettica: Colore rosso rubino di buona intensità, bouquet intenso di ciliegia e frutti rossi maturi, avvolge per la sua struttura, eleganza e morbidezza. Armonico, bilanciato, sapido, di medio corpo ma persistente, equilibrato con tannini morbidi.

Abbinamento: Da servire a temperatura di 16/18°C, abbinandolo preferibilmente a risotti, carni rosse grigliate, cacciagione e formaggi di media stagionatura. Può invecchiare 2/3 anni.

Dati Analitici: Alcool: 13,00% vol. Acidità Totale: 5,40 g/l Zuccheri: 5 g/l Estratto Secco Netto: 29,00 g/l


Valpolicella Classico Denominazione d’Origine Controllata

TIPO vino rosso secco AREA DI PRODUZIONE Zona Classica della Valpolicella, provincia di Verona VITIGNI Corvina 75% Rondinella 25% ALCOOL 12 % COLORE rosso rubino leggermente ambrato, brillante PROFUMO Fresco e fruttato con sentori di frutti rossi GUSTO Secco, vellutato, sapido e ben bilanciato DA ACCOMPAGNARE A Da tutto pasto, adatto soprattutto a bolliti, carni rosse e arrosti SERVIRE ALLA TEMPERATURA DI 16°/18°C. PRODUZIONE Il periodo di vendemmia è compreso tra il 20 settembre e il 15 ottobre. Segue la vinificazione in rosso con macerazione del-le bucce per dieci giorni e successivamente avviene la fermentazione malolattica. Subisce un affinamento in acciaio per almeno 4 mesi, imbottigliamento e commercializzazione dopo 1-2 mesi di riposo in bottiglia.


Bardolino Classico Denominazione d’Origine Controllata

TIPO vino rosso secco AREA DI PRODUZIONE Colline moreniche del lago di Garda, zona Classica di Bardo-lino, provincia di Verona. VITIGNI Corvina 60% Rondinella 15% Molinara-Negrara-Rossignola 25% ALCOOL 12 % COLORE rosso rubino chiaro PROFUMO Fruttato con sentori di viole GUSTO morbido e fruttato, asciutto e armonico DA ACCOMPAGNARE A Primi piatti, carni bianche e formaggi freschi. SERVIRE ALLA TEMPERATURA DI 16°/18°C PRODUZIONE Vendemmia tra il 15 settembre e il 15 ottobre, vinificazione in rosso con macerazione delle bucce per giorni 8 e successiva fermentazione malolattica. Permanenza in acciaio per almeno 4 mesi, imbottigliamento e commercializzazione dopo 1-2 mesi di riposo in bottiglia.


Bardolino Chiaretto Classico Denominazione d’Origine Controllata

TIPO vino rosato secco AREA DI PRODUZIONE Colline moreniche del lago di Garda, zona Classica di Bardo-lino, provincia di Verona. VITIGNI Corvina 50% Rondinella 25% Molinara 20% Negrara 5%

ALCOOL 12 % COLORE Rosa intenso PROFUMO Fine, intenso con sentori floreali e fruttati.

GUSTO Secco, fresco e vellutato

DA ACCOMPAGNARE A A tutto pasto, ottimo con piatti di pesce, e carni bianche

SERVIRE ALLA TEMPERATURA DI 10°/12°C PRODUZIONE La vendemmia si svolge verso la fine di settembre. Si ottiene dalla vinificazione parziale delle uve rosse, il mosto rimane in contatto con le parti solide dell'uva fino al raggiungimento della tonalità rosa desiderata, viene svinato ed inizia il processo di fermentazione.


Soave Classico Denominazione d’Origine Controllata

TIPO vino bianco secco AREA DI PRODUZIONE Zona Classica del Soave, provincia di Verona VITIGNI Garganega 50% Trebbiano 40% Chardonnay 10% ALCOOL 12 % COLORE Giallo paglierino PROFUMO Bouquet persistente di frutta matura e biancospino. GUSTO Secco, equilibrato. DA ACCOMPAGNARE A Si abbina piacevolmente con antipasti e primi piatti delicati e soprattutto con portate a base di pesce. SERVIRE ALLA TEMPERATURA DI 10°/12°C. PRODUZIONE Vendemmia tra fine settembre e il 20 di ottobre. Vinificazione in bianco e successiva fermentazione del mosto con lieviti selezionati a temperatura controllata di 20°C. Parziale fermentazione malolattica, successiva permanenza in acciaio di 4 mesi. Si può imbottigliare dal febbraio successivo all’anno della vendemmia.


Fiorile Pinot Grigio Indicazione Geografica Tipica

TIPO vino bianco secco AREA DI PRODUZIONE Tre venezie (Veneto-Friuli-Trentino) VITIGNI Pinot Grigio 100% ALCOOL 12 % COLORE Giallo paglierino PROFUMO Bouquet fresco di frutta e fiori. GUSTO fragrante, asciutto, sapido, armonico, ben bilanciato con sen-tori fruttati persistenti DA ACCOMPAGNARE A Ottimo come aperitivo o come accompagnamento ad antipasti, è eccellente con qualsiasi piatto a base di pesce e frutti di mare. SERVIRE ALLA TEMPERATURA DI 10°/12°C. PRODUZIONE Vendemmia: rigorosamente a mano nei primi dieci giorni di settembre. Vinificazione: il mosto ottenuto dalla soffice pressatura dell’uva intera, viene lasciato fermentare a temperatura controllata. A primavera inoltrata si procede all’imbottigliamento e all’affinamento in bottiglia per almeno due mesi.


Fiorile Merlot Indicazione Geografica Tipica

TIPO vino rosso secco AREA DI PRODUZIONE Tre venezie (Veneto-Friuli-Trentino) VITIGNI Merlot 100% ALCOOL 12 % COLORE Rosso rubino. PROFUMO Vino di grande struttura, con i suoi profumi tipici, che vanno dai piccoli frutti rossi, cannella e alla prugna matura. GUSTO gusto morbido ed armonico con sentori che ricordano le more e le prugne DA ACCOMPAGNARE A Si abbina con risotti, carni rosse, selvaggina e cacciagione. Ottimo anche con tutti i generi di arrosti. SERVIRE ALLA TEMPERATURA DI 18°C. PRODUZIONE Vendemmia rigorosamente a mano verso fine settembre e primi di ottobre. Vinificazione: l’uva viene diraspata ed in seguito pigiata. Il mosto viene lasciato macerare con le bucce. Dopo 6-8 mesi dalla vendemmia, si procede all’imbottigliamento e al successivo affinamento in bottiglia per almeno altri due mesi.


Grappa di Amarone Bosan

CATEGORIA Distillato di vinaccia

AREA DI PRODUZIONE Valpolicella, provincia di Verona VITIGNI Corvina 75-80% Rondinella 15-25%

ALCOOL 45 %

TIPO DI ALAMBICCO Caldaiette a funzionamento discontinuo alimentate a vapore diretto

SISTEMA DI DISTILLAZIONE È un processo fisico attraverso il quale, con l’uso del calore, è possibile concentrare i componenti alcolici delle vinacce. Per produrre la grappa è necessario che le vinacce siano completamente fermentate, che abbiano subito solo una leggera pressatura, e distillate immediatamente dopo la svinatura. Il distillato ottenuto è mediamente a 75 gradi alcolici e prima dell’imbottigliamento viene diluito con acqua distillata e portato al grado voluto, refrigerata ad una temperatura di meno 10°C e filtrata dopo 48 ore.

COMPONENTI Acqua – alcool etilico e centinaia di molecole infinitesimali, ma di grande importanza per le caratteristiche organolettiche del distillato, quali esteri, aldeidi, olii, glicerine naturali, ecc.

INVECCHIAMENTO minimo 2-3 anni di maturazione in barriques.

MATURAZIONE DELLE UVE DI AMARONE Maturazione delle uve in settembre –ottobre e raccolta. Appassimento delle uve fino a gennaio-febbraio. Vinificazione in febbraio-marzo.

PERIODO DI DISTILLAZIONE Aprile


2014 cesari Catalogo vini - tablet