Page 7

Quelli che giocano a carte al bar di Matteo Cadorin

Altra categoria ambitissima è quella dei giocatori di carte al bar. Si ritrovano sempre lì, ed è l’unico momento in cui sono veramente liberi. Possono prendere da soli tutte le decisioni che vogliono, senza doverle passare al vaglio delle mogli. Le loro partite sono sempre epiche, tormentate, oserei dire quasi leggendarie. Il vincitore rimane, fino alla partita successiva, una specie di idolo. Ma chi sono questi giocatori? Signori sulla sessantina, e li riconosci subito: hanno quasi sempre addosso un classico gilet scozzese, i pantaloni di velluto e, calato sul viso, l’immancabile “bunet” o coppola. Non sono di molte parole, quasi tutti fumano le nazionali senza filtro o, chi si sente già più moderno, le Merit. Si ritrovano sempre al solito bar, ed ogni loro partita è un romanzo. Non vi sto a descrivere tutti i giocatori, mi soffermerò su uno in particolare, Nino, o “Il Nino”. Questo personaggio è grossissimo, fatica perfino a camminare, tanto che, per andare al bar per la consueta partita di carte giornaliera, prende la macchina, lui, che abita proprio lì di fronte. “Arriva” di fronte al bar ed entra, lasciando la macchina, un’Alfa Giulietta amaranto, con le porte aperte, tanto in paese si conoscono tutti. Si siede al solito tavolino, con il suo immancabile bicchiere di rosso e la partita comincia. Appena ha le carte in mano si addormenta, soffre di narcolessia. Quando un suo compagno lo sveglia perché è il suo turno, scrolla la testa, guarda le carte sul tavolo e scende le sue. Dopodiché si riaddormenta di nuovo, fino alla mano successiva. E via così.

Le Vie Nuove - Settembre 2016

Pag 7

Profile for giorgio raviola

Le Vie Nuove Settembre 2016  

Il notiziario di Camper Club Etruria w Camminare InCamper

Le Vie Nuove Settembre 2016  

Il notiziario di Camper Club Etruria w Camminare InCamper

Advertisement