Page 1

d. Legno e mobili Il settore del legno e del mobile riveste tradizionalmente una grande importanza per l’economia bulgara, anche per la disponibilità delle materie prime, con una quota pari al 3,1% del volume della produzione industriale del Paese. Nel 2014 il fatturato delle aziende del settore ha raggiunto 981 milioni di euro. Sono oltre 4.000 le aziende produttrici, sparse su tutto il territorio del Paese, con più di 40.000 addetti, di cui più dell’80% sono microimprese. Le esportazioni di mobili sono aumentate nel 2015, raggiungendo i 536 milioni di euro (+12%). Anche la lavorazione del legno è un settore significativo, con 318 milioni di euro (+0,3%). I principali acquirenti della produzione bulgara sono i Paesi dell’UE (Germania, Italia, Francia, Repubblica Ceca, Regno Unito, Polonia e Grecia), anche se si rileva un interesse crescente da parte di paesi del Medio Oriente, Africa e Nord America. L’Italia è tra i principali fornitori di mobili della Bulgaria, con una quota di mercato del 9,8%, preceduta da Polonia, Cina e Germania.

e. Chimica e farmaceutica La posizione geografica strategica del Paese gioca un ruolo chiave anche nella produzione nel settore chimico, che nel 2014 ha registrato un export aggregato di circa 900 milioni di euro verso Paesi membri UE e extra-UE15 . In Bulgaria si trovano le più grandi fabbriche per la produzione di carbonato di sodio sintetico in Europa e grandi aziende internazionali, come Solvay, Şişecam Group, Saint Gobain, Air Liquide, Italcementi Group, Lukoil, la cui presenza decennale ha permesso il consolidamento dell’intero settore. Uno dei grandi vantaggi della Bulgaria per il settore è la presenza di materie prime sul territorio. Nel Paese, infatti, si trovano ricchi giacimenti di sale, caolino, calcare, sabbia e argilla, la maggior parte dei quali in prossimità delle principali aree di produzione del settore16. Per quanto riguarda il settore farmaceutico, si è di fronte a uno dei comparti produttivi a più rapida crescita del Paese. Nel 2011 il mercato ha registrato una crescita del 12% rispetto al 2010. Un ulteriore aumento dell’8,2% nel 2015 rispetto all’anno precedente ha portato il valore del mercato del settore a 1,104 miliardi di euro. Similmente le esportazioni del settore verso Paesi membri UE e Paesi extra-UE sono aumentate arrivando nel 2014 a un valore di circa 740 milioni di euro17. Il tessuto produttivo bulgaro nel settore conta all’incirca 30 aziende nazionali e diversi gruppi internazionali, tra cui Sopharma, Unipharm, Actavis, Zentiva, Adipharm. Dall’entrata della Bulgaria nell’Unione Europea, inoltre, il settore farmaceutico ha armonizzato i suoi standard e regolamenti con quelli europei, facilitando l’integrazione di imprese straniere. 15 Eurostat 2014 16 InvestBulgaria 17 Eurostat 2014

56

Settore legno e mobili  

Settore legno e mobili

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you