Page 1

29-06-2018 BULGARIA-UE Aumentano i fondi di coesione per la Bulgaria, uno dei paesi più poveri dell’Ue La Bulgaria riceverà un aumento dell'8% dei fondi nell'ambito della politica di coesione della Commissione europea per il nuovo periodo di programmazione, nel corso del quale disporrà complessivamente di 9 miliardi di euro. Lo ha dichiarato Vittoria Alliata di Villafranca, direttore nella Direzione generale della politica regionale e urbana della Commissione, nel corso della presentazione a Sofia delle proposte della Commissione per la politica di coesione nel periodo 2021 - 2027. Alliata di Villafranca ha precisato che, nonostante la riduzione del 10% dei finanziamenti per la politica di coesione nella proposta di bilancio dell'Ue, i fondi per la Bulgaria invece aumenteranno perché il Paese rientra nella categoria di quelli più poveri dell'Ue. “La Bulgaria dovrebbe valutare come semplificare le regole e facilitare l'accesso dei cittadini ai fondi, perché questi fondi non sono destinati solo ai ministeri, ma dovrebbero essere gestiti sul principio di partenariato tra governo, società civile e imprenditori”, ha concluso Vittoria Alliata di Villafranca. BREXIT Rumen Radev, nessuna conseguenza per i diritti dei cittadini bulgari “La Brexit non dovrebbe avere ripercussioni negative sui diritti dei bulgari che vivono nel Regno Unito. L'Ue e la Gran Bretagna hanno interesse a raggiungere un accordo sull'accesso all'occupazione e all'istruzione per i 3,8 milioni di cittadini di altri Paesi europei che vivono nella Gran Bretagna e per i circa 900.000 britannici stabilitisi in altri paesi dell'Ue”. Lo ha dichiarato il presidente, Rumen Radev, nel corso dei colloqui a Sofia con il presidente del Gruppo dei conservatori e riformisti al Parlamento europeo, Syed Kamall. I due hanno convenuto che “il voto dei cittadini britannici deve essere rispettato”, ma anche che è nell'interesse dell'Ue e del Regno Unito “mantenere la reciproca fiducia, il dialogo costruttivo e la cooperazione in settori sensibili come la sicurezza e la difesa”. Il Presidente Radev ha rilevato la proficua cooperazione bilaterale tra Bulgaria e Gran Bretagna nel campo della sicurezza e della lotta contro il terrorismo e ha espresso la fiducia che questo partenariato continui a svilupparsi. BULGARIA-REPUBBLICA CECA Borissov incontra Vondracek, focus sull’immigrazione Il primo ministro Boyko Borissov ha incontrato a Sofia il presidente della Camera dei deputati della Repubblica Ceca Radek Vondracek. Al centro dei colloqui, i progressi in alcuni dossier chiave affrontati durante la presidenza di turno bulgara del Consiglio Ue.


Borissov ha illustrato la posizione bulgara sulla gestione dei flussi migratori, rilevando che Sofia ha dimostrato “con successo” come proteggere le proprie frontiere esterne e affrontare “l'ondata migratoria”. In questo contesto, Borissov ha rimarcato la necessità di un ampio consenso tra tutti i paesi membri per i flussi di migranti. Il premier ha chiesto nelle ultime settimane misure urgenti per la chiusura delle frontiere esterne dell'Ue e severi controlli sui migranti che entrano nei confini dell’Ue. BULGARIA-GERMANIA Ekaterina Zaharieva incontra Heiko Maas a Berlino il due luglio prossimo Il ministro degli Esteri Ekaterina Zaharieva si recherà in visita in Germania il prossimo 2 luglio. A Berlino incontrerà l'omologo tedesco Heiko Maas. Al centro dei colloqui, le relazioni bilaterali, i risultati raggiunti durante la presidenza di turno bulgara del Consiglio Ue, e questioni legati all'agenda dell'Unione. Previsto anche un colloquio tra il ministro bulgaro e il presidente della Fondazione Konrad Adenauer, Norbert Lammert, e con il consigliere per la politica estera del cancelliere tedesco, Jan Hecker. CINA Il premier Li Keqiang in visita in Bulgaria Il premier cinese Li Keqiang sarà in visita ufficiale in Bulgaria e parteciperà alla settima riunione dei leader di Cina e dei paesi dell'Europa centrale e orientale, che si terrà il 7 luglio a Sofia. Lo riferisce il ministero degli Esteri cinese. Il formato 16+1 è un'iniziativa della Cina volta a intensificare ed espandere la cooperazione con undici Stati membri dell'Ue e paesi balcanici in settori quali investimenti, trasporti, finanza, scienza, istruzione, cultura e altri. Quest’anno Bulgaria e Cina hanno definito quattro potenziali aree prioritarie per la cooperazione economica per il 2018: alta tecnologia, investimenti, partenariato industriale, joint venture, infrastrutture, agricoltura, turismo.

News ccib 29 06 2018  
News ccib 29 06 2018  
Advertisement