Page 1

27-08-2018 INCIDENTE Si rovescia un bus turistico, sedici i morti Sedici persone sono morte e ventisei ferite quando un bus turistico si è rovesciato lungo un'autostrada vicino a Sofia precipitando in un burrone per oltre 20 metri nei pressi della città di Svoghe. L'incidente è avvenuto sabato scorso alle 17.10. Diversi feriti versano in condizioni critiche. Il governo ha proclamato una giornata di lutto nazionale oggi. Il premier Borissov annulla visita in Albania Il primo ministro Boyko Borissov ha cancellato la visita programmata per oggi in Albania. La decisione avviene dopo che è stata indetta una giornata di lutto nazionale per oggi in Bulgaria in ricordo delle sedici vittime dell'incidente di un autobus. Borissov era stato invitato in Albania per prendere parte a un incontro tra i capi di governo dei paesi del Balcani occidentali, incentrato sull'integrazione economica regionale. Il forum di Durazzo vedrà riuniti oggi i sei premier dei paesi dei Balcani occidentali con lo scopo di predisporre una strategia volta alla creazione di un'area di libero scambio regionale, per stimolare l'economia dei paesi e avanzare lungo il percorso di adesione all'Ue. BANCAROTTA Le autorità di Sofia intendono proteggere i clienti della Olympic Insurance La Commissione di supervisione finanziaria di Sofia ha dichiarato che “farà ogni sforzo” per proteggere gli interessi dei clienti dagli effetti del fallimento della filiale bulgara della Compagnia di assicurazione Olympic Insurance Company, che ha sede legale a Cipro. La crisi finanziaria della società ha portato alla scopertura assicurativa per circa 200 mila cittadini bulgari clienti della Olympic. La Commissione di supervisone finanziaria assicura ai clienti interessati della compagnia di assicurazione Olympic che farà tutto il possibile, nei limiti dei suoi poteri legali, per proteggere i loro interessi e informarli a tempo debito dei loro diritti e procedure per la protezione di questi diritti. DIFESA Rumen Radev rileva fattori di rischio per l’aeronautica nazionale L’aeronautica militare bulgara rimane esposta a fattori di rischio quali il basso numero di velivoli e risorse insufficienti per la formazione dei piloti. Lo ha affermato il presidente Rumen Radev parlando con la stampa presso la base aerea di Vrazhdebna (vicino all'aeroporto di Sofia). Secondo Radev, le criticità riguardano il numero insufficiente di mezzi, mancanze di risorse per la formazione e il basso numero di ore di volo che, ha evidenziato Radev, “aumenta il rischio” di potenziali incidenti aerei.


“Il punto non è solo quello di volare, dovrebbero essere già disponibili più tecnologie che ci consentano di essere interoperabili e realizzare in modo sicuro ed efficace le missioni insieme ai nostri alleati”, ha aggiunto Radev. Rumen Radev critica la visita di una delegazione ministeriale a Washington Il presidente Rumen Radev ha criticato la visita programmata di funzionari del ministero della Difesa a Washington proprio mentre il paese è alla ricerca di offerte per le forniture di nuovi jet da combattimento per l’aeronautica militare, dagli Stati Uniti e da diversi altri paesi. Il ministero della Difesa di Sofia ha reso noto nei giorni scorsi che una delegazione guidata dal vice ministro Atanas Zapryanov visiterà gli Stati Uniti questa settimana, a seguito di un invito dell'ambasciata statunitense a Sofia. Radev, ex comandante delle Forze aree bulgare, ha affermato che la visita potrebbe mettere alcuni dei possibili offerenti in una posizione meno favorevole rispetto alle offerte. BULGARIA-ROMANIA La recinzione al confine contro la peste suina sarà pronta entro la fine del mese La recinzione al confine tra la Bulgaria e la Romania sarà pronta entro la fine di agosto per far fronte all’emergenza della peste suina africana. Lo ha annunciato il ministro delle Politiche agricole, alimentari e forestali bulgaro Rumen Porozhanov in un’intervista alla BTV. L’opera, prevista per contrastare il propagarsi dell’epidemia di peste suina dalla Romania verso la Bulgaria, costerà 1,1 milioni di lev, più di quanto inizialmente previsto per aggiungere filo più resistente. “Fino ad ora, la metà della recinzione è stata installata. Ci aspettiamo che le altre due consegne arrivino la prossima settimana”, ha aggiunto Porozhanov. Guardie forestali e impiegati delle imprese forestali dello Stato hanno aiutato a completare l'installazione nell’ultimo mese e mezzo. “La peste suina africana è già alle porte. L'ultima epidemia è a Calarasi (capoluogo romeno del distretto omonimo) a 15 chilometri da Silistra (città portuale del nord-est della Bulgaria)”, ha concluso il ministro.

News ccib 27 08 2018  
News ccib 27 08 2018  
Advertisement