Page 1

26.02.2016 MIGRANTI Il Parlamento estende i poteri di sorveglianza dei confini all'esercito Il Parlamento ha votato a favore dell’estensione dei poteri dell’esercito per permettere il controllo dei confini nazionali. La modifica alla legge sulla Difesa e delle Forze armate è stata approvata in seconda lettura con l’appoggio di 137 parlamentari. Allo stato attuale, le forze armate hanno solo il permesso di fornire assistenza logistica ai funzionari del Ministero dell’Interno. L'aggiunta all'articolo 57 permetterà all'esercito di poter sorvegliare i confini del Paese in parità di condizioni con gli agenti della polizia. Tuttavia l'esercito verrà inviato solo in situazioni straordinarie e di crisi. Compito dell’esercito sarà anche preparare piani tattici in caso di pressione da parte dei migranti. Il Consiglio dei Ministri affiderà all'esercito compiti concreti e fornirà finanziamenti per la loro attuazione. Con l’approvazione degli emendamenti, il Ministro della Difesa Nikolay Nencev, ha assicurato che l'esercito avrà piena disponibilità di guardia dei confini aggiungendo che i dettagli saranno chiariti con il Ministro dell’Interno. Vi è anche la possibilità che vengano distribuiti pattugliamenti congiunti composti da soldati e agenti di polizia. La mossa è destinata a combattere l'immigrazione clandestina. Intanto il Governo ha approvato l'assegnazione di un massimo di 35 milioni di lev per proseguire con la costruzione di una barriera lungo il confine con la Turchia. Le spese aggiuntive saranno coperte dal bilancio del Consiglio dei Ministri e saranno fornite alle amministrazioni regionali di Burgas, Haskovo e Yambol, le regioni attraversate dalla recinzione. Secondo il Governo, l'estensione della barriera è di eccezionale importanza per contrastare il continuo aumento dei migranti sul confine bulgaro-turco. La recinzione è fondamentale anche per la protezione delle frontiere esterne dell'UE e per controllare l'ondata di migranti. TRASPORTI La Commissione Europea sollecita Sofia ad attuare la Direttiva sulla zona ferroviaria europea La Commissione Europea ha chiesto Bulgaria e ad altri sei Stati membri dell'UE di recepire la Direttiva 2012 che istituisce lo spazio ferroviario europeo. Gli altri Stati sono: Repubblica Ceca, Germania, Grecia, Lettonia, Lussemburgo e Romania. La Direttiva stabilisce le regole per la gestione delle attività infrastrutturali e di trasporto ferroviario, i criteri per la concessione delle licenze delle società ferroviarie e i principi e le procedure per l'impostazione e la riscossione degli oneri di infrastruttura e le assegnazioni. Gli Stati membri dovevano attuare le misure necessarie per conformarsi alla direttiva entro lo scorso 16 giugno 2015. Il 22 luglio 2015 la Commissione aveva inviato una lettera di messa in mora ai sette Stati membri ma finora questi “non hanno comunicato alcuna misura alla Commissione” secondo quanto dichiarato a Bruxelles. Ora gli Stati membri hanno due mesi di tempo per farlo. Il passo finale è un rinvio alla Corte di giustizia dell'Unione europea.


ISRAELE-BULGARIA Incontro tra Borissov e Netanyahu - possibile collaborazione nel settore energetico La collaborazione sul fronte energetico tra Israele e Bulgaria è stato uno dei temi al centro dell’incontro tra il Premier bulgaro, Boyko Borissov e l’omologo israeliano Benjamin Netanyahu a Gerusalemme. In particolare la cooperazione è intesa in termini di funzionamento e di trasporto di gas insieme anche ad altri Paesi partner: “Vedo un grande potenziale di giacimenti di gas in Israele. C'è un futuro serio in questo settore” ha dichiarato Borissov durante la conferenza stampa congiunta. “Attrarre gli investimenti israeliani nell’economia bulgara per noi ha grande importanza e il settore tecnologico è una priorità” ha rilevato Borissov illustrando i vantaggi del suo Paese come destinazione di investimenti e le condizioni particolarmente favorevoli per fare affari. D'altra parte la Bulgaria è interessata ad utilizzare la preziosa esperienza di Israele anche nel settore dell'agricoltura. Secondo il Premier bulgaro è opportuno lavorare per convocare la prima sessione della Commissione intergovernativa per la cooperazione economica che a suo dire potrebbe contribuire all’individuazione di aree e progetti di cooperazione comune. Boyko Borissov ha poi confermato la posizione di Sofia affinché il conflitto israelopalestinese si risolva raggiungendo la pace e la sicurezza tra due Stati coesistenti. “Il legame tra le nostre nazioni risale a secoli fa ma è particolarmente forte dopo il salvataggio degli ebrei bulgari dall'Olocausto”, ha detto Netanyahu ed ha riferito che gli ebrei bulgari hanno contribuito molto allo sviluppo di Israele. Il premier israeliano ha detto che saranno ridotte le tariffe e le tasse doganali nei confronti della Bulgaria in modo tale che vi sia una maggiore importazione di beni. “Collaboriamo a stretto contatto dopo l'attacco a Burgas (nel 2012). Noi siamo dalla quella parte che combatte contro l'estremismo e il terrorismo. Questa è una battaglia per i nostri valori comuni e per la civiltà a cui apparteniamo” ha aggiunto Benjamin Netanyahu.

News ccib 26 02 2016  

News ccib 26 02 2016