Page 1

25.07.2016 BRUXELLES La Commissione UE chiede alla Bulgaria di adeguarsi alla direttiva sul rendimento energetico nell'edilizia La Commissione UE ha inviato un “parere motivato” alla Bulgaria per richiedere la corretta trasposizione nella legislazione nazionale di tutti i requisiti previsti dalla direttiva sul rendimento energetico nel settore dell'edilizia. Il “parere motivato” non è di natura vincolate, ma è uno strumento che permette alle istituzioni UE di esprimere la loro posizione prima di aprire una procedura di infrazione. In base alla direttiva sul rendimento energetico nel settore dell'edilizia, gli Stati membri sono tenuti a stabilire e applicare norme minime di rendimento energetico per gli edifici nuovi e per quelli già esistenti. Un esame dettagliato della legislazione nazionale in relazione all'attuazione della direttiva ha rivelato tuttavia che la Bulgaria non è riuscita a garantire che i certificati di prestazione energetica siano sempre emessi e consegnati al potenziale acquirente o locatario degli edifici, come previsto dalla direttiva. Le autorità bulgare adesso hanno due mesi per notificare alla Commissione Europea le misure adottate per porre rimedio alla situazione segnalata. Se ciò non verrà fatto la Commissione potrà decidere di presentare la questione alla Corte Europea di giustizia. ENERGIA Tomislav Doncev: Compagnie straniere si interessano della centrale di Belene Alcune compagnie straniere hanno manifestato il proprio interesse per il progetto della centrale nucleare di Belene. Lo ha dichiarato il Vicepremier bulgaro Tomislav Doncev, il quale ha precisato però di non saper quanto sia tangibile il loro interesse per la privatizzazione del progetto. “L’interesse delle compagnie straniere non ci stupisce, perché in fin dei conti non ci sono molti progetti nucleari al mondo in uno stato di lavori così avanzato: le strumentazioni specifiche sono pronte e anche le piattaforme sono state realizzate”, ha aggiunto il Vicepremier. Donchev ha però rilevato che le manifestazioni di interesse non avrebbero valore fino a quando non verrà effettivamente presentata un’offerta per avviare la procedura di privatizzazione. FINANZE La Moody's assegna il rating Ba2 alle obbligazioni della BEH L’agenzia Moody’s ha assegnato un rating provvisorio Ba2 alla decisione della Bulgarian Energy Holding (BEH), la maxi società che racchiude tutte le compagnie energetiche bulgare, di emettere delle obbligazioni. Queste valutazioni provvisorie sono abbastanza tipiche prima dell’emissione di titoli. Moody’s infatti esprime un parere preliminare sul credito che si riferisce solo all’operazione. Di conseguenza il rating definitivo potrebbe essere diverso da quello provvisorio. Attualmente la BEH ha un rating di Ba1 con outlook


stabile. Il rating dell’emissione, invece, è di un grado inferiore rispetto a quello della compagnia, una scelta che riflette secondo Moody’s “le incertezze sul caso di arbitrato internazionale relativo alla centrale di Belene e alla tempistica e la natura della completa liberalizzazione del mercato all'ingrosso dell'energia elettrica e del suo impatto su BEH”. ECONOMIA Compagnia cinese vuole investire nel settore automobilistico in Bulgaria La compagnia automobilistica cinese Citic Group ha proposto un investimento per un totale di 100 milioni di dollari in una fabbrica per la produzione di cerchioni in alluminio in Bulgaria. Ad annunciare l'investimento è stato il presidente del Citic Group, Wang Jiong, dopo l'incontro di una delegazione di imprenditori cinesi con il Premier Boyko Borissov. Il gruppo cinese ha dichiarato che la fabbrica dovrebbe essere costruita nella città di Russe, al confine con la Romania, un hub centrale a livello industriale e di trasporti lungo il Danubio. L'impianto proposto da Citic Group creerà 300 posti di lavoro e rispetterà tutti gli standard ambientali fissati dall'Unione Europea. TURISMO Si prevede un aumento del 10 per cento dei turisti stranieri Il numero di turisti stranieri che visiteranno la Bulgaria nel corso dell’estate aumenteranno del 10 per cento quest'anno rispetto al 2015. È quanto annunciato alla Btv dal Ministro del Turismo, Nikolina Anghelkova, secondo cui circa 4,6 milioni di turisti sono attesi in Bulgaria durante la stagione estiva rispetto ai 4,2 milioni del 2015. La crescita sarà trainata dai turisti russi, seguiti da quelli provenienti da Francia, Germania e Regno Unito.

News ccib 25 07 2016  

News ccib 25 07 2016