Page 1

25-05-2017 ITALIA - BULGARIA L’Ambasciatore Stefano Baldi si è incontrato con il Ministro dell’Economia Emil Karanikolov Lavoreremo per il rafforzamento e l'ulteriore sviluppo dei rapporti commerciali ed economici tra Bulgaria e Italia. Lo ha dichiarato il Ministro dell'Economia, Emil Karanikolov, nel corso di un incontro a Sofia con l'Ambasciatore d'Italia in Bulgaria Stefano Baldi. Karanikolov ha rilevato che l'Italia è il tradizionale partner d'eccellenza e si è detto convinto che l'eventuale partecipazione di imprese italiane nei progetti infrastrutturali in Bulgaria possa contribuire all'ampliamento degli scambi bilaterali. L'Ambasciatore Baldi da parte sua ha ricordato che oltre seimila compagnie e joint venture italiane operano in Bulgaria e danno lavoro a circa cinquantamila persone. I due interlocutori hanno espresso il desiderio di fare sforzi congiunti per attirare nuovi investimenti italiani volti a rafforzare la posizione d'avanguardia dell'Italia come partner economico della Bulgaria. LA STRAGE DI MANCHESTER Messaggio di cordoglio del Patriarca Neofit “Noi tutti siamo creature di un Padre Celeste e in giorni di cordoglio e dure prove non possiamo rimanere indifferenti verso il dolore e lo sconvolgimento che hanno travolto il popolo britannico”. Lo ha dichiarato il Patriarca della Chiesa ortodossa bulgara Neofit, con riferimento alla strage terroristica di Manchester, in un messaggio di cordoglio inviato alla regina Elisabetta II e all’Arcivescovo di Canterbury, Justin Portal Welby. “Questo atto è un ulteriore attacco contro il dono più prezioso datoci da Dio, la vita, contro la pace, la fiducia e l’amore tra gli uomini”, ha aggiunto il patriarca. Anche le massime autorità dello Stato bulgaro hanno inviato lettere di condoglianze per le vittime del sanguinoso attentato. 24 MAGGIO Celebrata la festa dei santi Cirillo e Metodio In Bulgaria si è celebrata ieri la festa dei santi Cirillo e Metodio, i due fratelli bulgari che nel secolo IX idearono l'alfabeto delle lingue slave, adottato di seguito da diversi popoli in Europa. I fratelli Cirillo e Metodio furono canonizzati per la divulgazione in lingua protoslava della Bibbia, nonché per la diffusione del cristianesimo tra i popoli slavi nel Medioevo. La lingua e la scrittura slava furono riconosciute nell'anno 880 dal papa Giovanni VIII come sacre, accanto all'ebraico, al latino e al greco. Nel 1980 papa Giovanni Paolo II dichiarò Cirillo e Metodio compatroni d'Europa. Il sepolcro di Cirillo si trova a Roma, nella basilica di San Clemente, dove ogni anno una delegazione ufficiale bulgara rende omaggio, il 24 maggio, alla sua memoria e poi si reca in udienza dal papa. Oggi la scrittura in cirillico è ufficiale in diversi paesi tra i quali Bulgaria, Russia, Ucraina, Serbia, Macedonia, Mongolia. Il cirillico è il terzo alfabeto adottato nell'UE, oltre a quello latino e greco. A seguito della strage di


Manchester, il ministero dell’Interno di Sofia ha rafforzato ieri le misure di sicurezza nei luoghi pubblici dove si sono svolte le manifestazioni in occasione della festa. FINANZE Vladislav Goranov: l’ingresso nell'eurozona resta una priorità L’accesso all’eurozona resta la priorità principale per la Bulgaria. Lo ha dichiarato il Ministro delle Finanze Vladislav Goranov il quale è intervenuto alla conferenza tenutasi in occasione del 25mo anniversario della nascita dell’Associazione delle banche commerciali di Bulgaria. “Ho sentito un interessante annuncio da parte del Commissario Europeo per gli Affari economici e monetari Pierre Moscovici, su una proposta che potrebbe essere fatta ai Paesi al di fuori dell’eurozona”, ha spiegato Goranov, rilevando che questo rientra nei progetti di lungo periodo del Governo di Sofia. Il governatore della Banca centrale bulgara Dimitar Radev ha confermato che l’ingresso nell’eurozona è uno degli obiettivi del Paese, ma che per raggiungerlo sarà necessario proseguire il percorso di riforme. ECONOMIA FMI: il sistema finanziario della Bulgaria ormai è stabile, ma permangono rischi Il sistema finanziario della Bulgaria è ormai stabile, dopo il collasso nel 2014 di alcune delle principali banche del Paese. Questo si legge nel rapporto pubblicato dal Fondo Monetario Internazionale (FMI) sulla Bulgaria, nel quale si sottolineano i rischi ancora presenti nel sistema finanziario del Paese. Il report dell’FMI è basato sul lavoro di una missione dell'istituzione finanziaria con sede a Washington, in visita in Bulgaria dall’ottobre 2016 al gennaio 2017. Nel rapporto si illustrano i progressi fatti per rafforzare il sistema di supervisione bancario, ma viene altresì sostenuto come sia necessario ancora un forte impegno nel settore.

News ccib 25 05 2017  

News ccib 25 05 2017

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you