Page 1

24.07.2015 VISITA Mogherini: Oggi più che mai serve un’Europa unita e forte “La Bulgaria si trova ad un crocevia, sia per la sua posizione geografica sia per le sfide del giorno d’oggi, che sono sfide anche per l’intera UE”. Lo ha dichiarato, con riferimento alle pressioni migratorie ai confini esterni dell’UE e alla crisi in Ucraina, l'Alto rappresentante per la politica estera e di sicurezza dell'Unione Europea, Federica Mogherini, che è stata in visita ufficiale a Sofia, ospite dell'incontro annuale degli Ambasciatori bulgari nel mondo con il Ministro degli Esteri del Paese, Daniel Mitov. “Oggi più che mai c’è bisogno di un’Europa unita e forte, perché nessun Paese è abbastanza grande e forte per poter andare incontro da solo a queste sfide”, ha aggiunto ringraziando le istituzioni bulgare per l'impegno e gli sforzi nell'accoglienza dei migranti: "L’UE si basa anche sui valori della solidarietà”. Tre giorni fa il Governo di Sofia ha deciso di accogliere 500 migranti nell'ambito del piano per ricollocare in altri paesi UE circa 32 mila rifugiati giunti in Grecia e in Italia. Sull'Ucraina la Mogherini ha spiegato che “I livelli di aggressione sono assai inquietanti, tutti noi dobbiamo lavorare insieme per porre fine alla crisi perché una Russia messa in isolamento non è nell’interesse di nessuno”. E “la decisione UE di prolungare di sei mesi le sanzioni sono una delle garanzie per l’osservanza degli accordi di Minsk, ma oltre alle sanzioni è necessario avviare trattative tra le parti in conflitto”. Parlando, infine, dei Balcani la Mogherini ha osservato che “L'UE non sarà mai completata senza l’integrazione dei Paesi di questa area”. L'ingresso della Bulgaria in Schengen, la cooperazione regionale e internazionale, la sicurezza energetica sono stati poi tra i temi degli incontri con il Presidente della Repubblica, Rossen Plevneliev, con quello del Parlamento, Tsetska Tsaceva, e con il Premier Boyko Borissov. COMPROMESSO I partiti politici trovano un accordo per la proposta di emendamenti della Costituzione I partiti politici al Parlamento hanno trovato un accordo per un progetto comune di modifiche costituzionali al fine di attuare la riforma del sistema giudiziario. “Abbiamo tenuto in conto l’opinione di tutti e abbiamo trovato il compromesso che tutte le parti avevano richiesto”, ha detto il Premier Boyko Borissov. La proposta di riforma sarà presentata dal partito di Borissov, GERB, dal Blocco riformista e dai due partiti che formano la coalizione di minoranza. Con l’appoggio annunciato anche da alcuni partiti minori e dei partiti d’opposizione Dps e Centro democratico bulgaro, la proposta dovrebbe ottenere i 160 voti necessari per essere approvata. Contrari i socialisti e il partito nazionalista Ataka. Founded in 2003 and acknowledged by Italian Government in law no.518/70 Member of the Association of Italian Chambers of Commerce Abroad Bul. Knyaghinya Maria Luisa, 2, Business Center TZUM, fl.5 – Sofia 1000 – Bulgaria Tel: +359 2 8463280/1–Fax: +359 2 9440869 info@camcomit.bg –www.camcomit.bg


AIUTI Ue stanzia 16,2 milioni di euro per la Bulgaria e la Grecia dopo i disastri naturali dell'inverno 2015 La Commissione Europea ha annunciato la decisione di stanziare 16,2 milioni di euro per aiutare la Grecia e la Bulgaria dopo le calamità naturali che hanno colpito i due Paesi lo scorso inverno. La parte più consistente dei fondi, pari a 9,9 milioni di euro, sarà destinata alle autorità elleniche, mentre 6,3 milioni di euro andranno a quelle bulgare. L'obiettivo è coprire parte dei costi delle operazioni di emergenza a seguito dei disastri avvenuti in entrambi i Paesi. Le risorse UE aiuteranno in particolare a ripristinare le infrastrutture e a coprire una parte dei costi di bonifica nelle regioni colpite. “Il Fondo di solidarietà dell'Unione Europea è uno dei nostri simboli più forti nei momenti di necessità”, ha commentato Corina Cretu, Commissario per la Politica regionale. La Grecia, dall'inizio del febbraio 2015, è stata colpita da diffuse inondazioni nelle zone dei fiumi Evros e Arda nella Macedonia orientale e in Tracia. Le inondazioni hanno colpito soprattutto il settore agricolo, con circa 17.500 ettari di terreno inondati. Inoltre, 150 km di strade sono state danneggiate, così come l'approvvigionamento idrico e la rete fognaria. Nello stesso periodo, vaste parti della Grecia centrale e occidentale, tra cui le regioni dell'Epiro e della Tessaglia, sono state colpite da eventi simili. Nell'Epiro il 60 % della rete stradale è stato danneggiato. Anche la Bulgaria alla fine dello scorso gennaio è stata colpita da forti piogge, neve, inondazioni e frane. Le infrastrutture pubbliche hanno subito danni considerevoli. La regione del Sud-Est è stata la più colpita e nella sola città di Burgas oltre 300 edifici sono stati allagati.

Founded in 2003 and acknowledged by Italian Government in law no.518/70 Member of the Association of Italian Chambers of Commerce Abroad Bul. Knyaghinya Maria Luisa, 2, Business Center TZUM, fl.5 – Sofia 1000 – Bulgaria Tel: +359 2 8463280/1–Fax: +359 2 9440869 info@camcomit.bg –www.camcomit.bg

News ccib 24 07 2015  

News ccib 24 07 2015

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you