Page 1

22-05-2018 GAS Rumen Radev, la sicurezza delle forniture energetiche è molto importante La Bulgaria si augura che la possibilità di forniture dirette di gas dalla Russia attraverso il Mar Nero sia rivista. Lo ha detto il presidente della Bulgaria Rumen Radev in un incontro con il primo ministro russo Dmitri Medvedev a Mosca. Radev ha definito la sicurezza delle forniture energetiche molto importante per Sofia e per l'Ue nel suo insieme. “Pertanto, spero che i nostri governi riconsiderino la possibilità di forniture dirette di gas dalla Russia attraverso il Mar Nero”, ha detto Radev. “Questo approccio è dettato dal buon senso e dalle esigenze di sicurezza energetica e di efficienza, non solo per la Bulgaria, ma anche per l'Unione europea nel suo insieme”, ha aggiunto il capo dello Stato, secondo il quale il desiderio di Sofia è poco differente dalle intenzioni di Berlino di implementare il Nord Stream-2. Dopo il 2019 la Bulgaria dovrebbe ricevere il gas russo attraverso il condotto Turkish Stream, collocato lungo il fondale del Mar Nero. Il paese dovrà fare uso delle condotte di transito attraverso la Turchia. Radev è giunto per una visita di due giorni in Russia. Ieri ha incontrato il premier Dmitrij Medvedev, mentre oggi a Sochi è prevista una riunione con il presidente Vladimir Putin, il primo incontro bilaterale dei presidenti di Russia e Bulgaria in dieci anni. INFRASTRUTTURE Temenuzhka Petkova a Baku per la conferenza sul Corridoio meridionale del gas Il ministro dell'Energia Temenuzhka Petkova si recherà in visita nella capitale azerbaigiana Baku il 13 giugno per prendere parte a una conferenza internazionale sul settore energetico. Petkova parteciperà al forum incentrato sul Corridoio meridionale del gas e sulla sicurezza energetica nell'Europa sudorientale. I partecipanti discuteranno di temi legati alla sicurezza energetica nell'Europa sud-orientale e nella regione dei Balcani, del ruolo dell'Azerbaigian nella diversificazione delle rotte di approvvigionamento del gas verso l'Europa, dell'agenda dell'Unione europea in termini di sviluppo del settore energetico, del ruolo della Bulgaria nella sicurezza energetica dell'Europa e dell'attuazione del progetto del Corridoio meridionale del gas.


DIFESA Il ministro Karakachanov incontra il collega montenegrino Boskovic Il ministro della Difesa Krasimir Karakachanov è in visita ufficiale di quattro giorni nel Montenegro, dove si è incontrato con il suo omologo, Predrag Boskovic. Sono stati discussi i passi per approfondire la cooperazione militare tra i due paesi e le opportunità di formazione di militari montenegrini nelle scuole militari superiori bulgare. Un importante accento è stato posto sul miglioramento dell'interoperabilità tra i due eserciti attraverso esercitazioni congiunte e corsi di formazione. I due ministri hanno parlato anche della necessità di estendere la cooperazione nella lotta contro il terrorismo e l'immigrazione illegale. SINDACATI Il costo della vita è cresciuto di un terzo in dieci anni L’Istituto per ricerche sociali e sindicali presso il sindicato Knsb ha annunciato che secondo gli ultimi dati riguardanti i prezzi al consumo e il costo della vita in Bulgaria nel periodo dal marzo 2008 al marzo 2018, il costo della vita è aumentato di oltre il 30%. Per i prodotti alimentari la crescita dei prezzi al consumo è del 37% e per il non alimentare - del 24%. Secondo i calcoli di Knsb, nel mese di dicembre 2017, per vivere in modo normale, una famiglia di quattro persone aveva bisogno di 2.325 lev al mese. SICUREZZA Arrestato un cittadino bulgaro a Marsiglia, sospettato di terrorismo Un cittadino bulgaro di 48 anni è stato arrestato preso la stazione ferroviaria di Marsiglia in Francia, perché sospettato di preparare un attacco terroristico. A confermare l'arresto ma non l'ipotesi di terrorismo è stato il ministero degli Esteri Ekaterina Zaharieva. L'uomo è risultato essere in possesso di apparecchiature che potrebbero essere utilizzate per realizzare un ordigno esplosivo, ha rilevato la stampa nazionale. Il detenuto è stato identificato mentre l'ambasciata bulgara a Parigi ha dichiarato che al momento non ci sono dati a conferma che il detenuto fosse in effetti pianificando un attentato terroristico. Nel 2012 era stato emesso un mandato di arresto europeo nei confronti dell'arrestato per tentato omicidio.

News ccib 22 05 2018  

News ccib 22 05 2018

News ccib 22 05 2018  

News ccib 22 05 2018

Advertisement