Page 1

21.05.2015 LA CRISI IN MACEDONIA Daniel Mitov: “Sono irresponsabili le parole di Serghiei Lavrov” “Ritengo estremamente irresponsabile la dichiarazione del Ministro degli Esteri russo, Serghiei Lavrov, nel corso dei lavori del Consiglio della Federazione dell’Assemblea Federale della Russia, e le sue insinuazioni sulla Repubblica di Macedonia che potrebbe essere ripartita tra Albania e Bulgaria”. Lo si legge in una nota del Ministro degli Esteri bulgaro, Daniel Mitov. “La Bulgaria ha appoggiato più di tutti gli altri Paesi l’indipendenza e la sovranità della Macedonia ed è stata il primo Paese a riconoscere la Repubblica di Macedonia”, ha ricordato. PETROLIO Lukoil inaugura a Burgas un impianto idro-cracking “Gli investimenti della compagnia petrolifera russa Lukoil miglioreranno la qualità dei combustibili fossili sul mercato bulgaro”. Lo ha dichiarato l’Amministratore Delegato della società, Vagit Alekperov, in visita in Bulgaria, dove ha inaugurato un impianto di idro-cracking nella raffineria Lukoil Neftochim di Burgas sul Mar Nero. Presenti all'inaugurazione il Premier bulgaro, Boyko Borissov, e l’Ambasciatore d’Italia a Sofia, Marco Conticelli. L’impianto di idro-cracking, il cui costo si aggira intorno a 1,5 miliardi di dollari, garantirà il massimo sfruttamento del petrolio greggio. La capacità di estrazione di derivati da una tonnellata di petrolio dovrebbe aumentare dall’attuale 74% al 90%. ENERGIA La ceca CEZ multata per 1,25 milioni di lev in Bulgaria per abuso di posizione dominante L'Autorità antitrust bulgara ha multato la filiale locale della compagnia ceca CEZ per 1,25 milioni di lev per abuso di posizione dominante. CEZ è una delle tre compagnie che si occupano della distribuzione dell’energia elettrica in Bulgaria insieme alla connazionale Energo-Pro e all’austriaca EVN. Secondo l’Authority bulgara CEZ avrebbe ritardato la firma per l’acquisizione delle sottostazioni necessarie all’allaccio alla rete. La compagnia ceca ha contestato la decisione dell’authority e si è appellata al Tribunale supremo amministrativo bulgaro. I problemi fra CEZ e le autorità di Sofia continuano da tempo. In passato Sofia ha già accusato CEZ, Energo-Pro ed EVN di abuso della loro posizione dominante, dando il via a una procedura per il ritiro delle loro licenze, motivata dal sospetto che le tre aziende abbiano messo in atto una procedura comune volta a rendere più complesso il cambiamento di fornitore per i consumatori.

Founded in 2003 and acknowledged by Italian Government in law no.518/70 Member of the Association of Italian Chambers of Commerce Abroad Bul. Knyaghinya Maria Luisa, 2, Business Center TZUM, fl.5 – Sofia 1000 – Bulgaria Tel: +359 2 8463280/1–Fax: +359 2 9440869 info@camcomit.bg –www.camcomit.bg


BULGARIA-ITALIA Sofia approva l’accordo intergovernativo sulla produzione cinematografica e audiovisiva Il Consiglio dei Ministri bulgaro ha approvato un Disegno di legge su un accordo intergovernativo con l’Italia nel settore della riproduzione cinematografica e audiovisiva. Lo ha comunicato l’ufficio stampa del Governo bulgaro, secondo cui la sigla del documento contribuirà allo sviluppo del settore artistico audiovisivo e confermerà le ottime relazioni fra i due Paesi. La promozione di prodotti audiovisivi è una delle priorità della politica europea nel campo cinematografico e audiovisivo.

Founded in 2003 and acknowledged by Italian Government in law no.518/70 Member of the Association of Italian Chambers of Commerce Abroad Bul. Knyaghinya Maria Luisa, 2, Business Center TZUM, fl.5 – Sofia 1000 – Bulgaria Tel: +359 2 8463280/1–Fax: +359 2 9440869 info@camcomit.bg –www.camcomit.bg

News ccib 21 05 2015  
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you