Page 1

21-10-2016 PRESIDENZIALI Primo dibattito elettorale fra Tsaceva (GERB) e Radev (BSP) I due principali candidati alla presidenza della Bulgaria per le elezioni del 6 novembre prossimo, Tsetska Tsaceva e Rumen Radev, sono entrambi favorevoli alla sospensione delle sanzioni UE contro la Russia. Questo è uno dei principali punti emersi dal primo dibattito elettorale trasmesso dal canale bTV, in cui i candidati del GERB e del Partito Socialista Bulgaro (BSP) non hanno lesinato attacchi reciproci. Tsaceva ha posto l’enfasi sulla necessità per la Bulgaria di proseguire sul percorso euroatlantico, impegnandosi poi a lavorare per la giustizia e per un’immagine più positiva per il Paese. Il generale in congedo Radev ha invece rilevato come gli obiettivi del Presidente debbano essere quelli di unire il Paese, porre degli obiettivi e riuscire “a dire no”, puntando inoltre alla sicurezza delle istituzioni e dei confini nazionali. “La politica estera dovrebbe essere elaborata in Bulgaria ed esportata all’estero, mentre al momento accade esattamente il contrario”, ha ribadito Radev, ex comandante dell’aeronautica militare bulgara. Al contempo, entrambi i candidati hanno sostenuto la sospensione delle sanzioni imposte dall’UE alla Russia a causa della crisi in Ucraina. “Le sanzioni andrebbero senza dubbio riviste, e la diplomazia bulgara dovrebbe impegnarsi nell’elaborazione di una posizione condivisa in merito a livello europeo”, ha aggiunto Tsaceva. Secondo Radev, “la Bulgaria è membro dell’UE e della NATO, e su questo non ci sono alternative, ma ciò non vuol dire che al di fuori di tali alleanze sia necessario farsi dei nemici: l’eurofilia non deve tradursi in russofobia”. Radev ha poi espresso delle critiche sulla “dipendenza” della Bulgaria dalla Turchia, come nel caso dei cittadini turchi estradati la scorsa settimana dal Paese, senza le procedure previste dalla legge bulgara, accusati dal governo di Ankara di far parte del network del predicatore Fetullah Gulen. DPS annuncia il suo sostegno a Oresharski Il Movimento per i Diritti e le Libertà (DPS), il partito della minoranza turca in Bulgaria, ha deciso di sostenere la candidatura di Plamen Oresharski alla presidenza. Il DPS si era finora tenuto fuori dalla competizione per le elezioni presidenziali, senza nominare un proprio candidato alla carica di Capo dello Stato. L’appoggio del DPS per Oresharski, ex Premier per 14 mesi, dal 2013 al 2014, era stato preannunciato dalla stampa. Oresharski, che aveva in passato reso nota la sua intenzione di non continuare la carriera politica attiva, si è registrato a sorpresa per le elezioni presidenziali. Il sostegno del DPS a Oresharski potrebbe avere una certa incidenza sulle elezioni, stando ai sondaggi finora pubblicati, che vedono l’ex Premier fermo al 2-3 per cento delle preferenze.


Il leader del DPS, Mustafa Karaday, ha dichiarato la scorsa settimana che il partito spera di avere un ruolo determinante nel decidere il risultato delle consultazioni del 6 novembre prossimo. Saranno aperti 307 seggi all'estero Il numero totale dei seggi aperti all’estero per le elezioni presidenziali in Bulgaria sarà di 307 in 71 paesi. Lo ha annunciato il portavoce della Commissione elettorale centrale, Alexander Andreev. “Abbiamo ricevuto proposte ben documentate dai direttori di missioni consolari e diplomatiche per aumentare il numero dei seggi in alcuni Paesi”, ha spiegato Andreev. Il numero di seggi è stato aumentato a Berlino, a Monaco di Baviera, a Madrid e a Vienna. Il seggio originariamente aperto a Giacarta è stato invece chiuso, ha aggiunto Andreev, per mancanza del numero necessario di votanti. FISCO Le dichiarazioni dei redditi dovranno essere compilate elettronicamente Le dichiarazioni dei redditi in Bulgaria dovranno essere compilate soltanto elettronicamente per i cespiti accumulati a partire dal primo gennaio 2017 per le le imprese e dal primo gennaio 2018 per le persone fisiche, hanno deciso i deputati in prima lettura. È previsto uno sconto di mille lev al massimo per le dichiarazioni dei redditi completate elettronicamente entro il 31 marzo 2017. L’applicazione della proposta approvata si estende anche agli eredi delle persone fisiche autorizzate a compilare la dichiarazione dei redditi dei parenti deceduti. L’ultima disposizione elaborata riguarda invece i pagamenti: tutti i trasferimenti di importo superiore a 5.000 lev dovranno essere effettuati via intermediario bancario. TURISMO Inaugurato a Tokyo un centro bulgaro per informazioni turistiche Il Ministro del Turismo Nikolina Anghelkova ha presenziato all’apertura di un Centro di Informazioni Turistiche bulgaro a Tokyo, in Giappone. Il centro è stato aperto sulla base di un accordo tra il Ministero del Turismo della Bulgaria e l’Associazione per gli Affari tra Giappone ed Europa orientale (JSEEPA). Stando alle condizioni dell’accordo, la Bulgaria non pagherà nulla per l’apertura del centro, tutti i costi relativi alle attività portate avanti dal centro saranno sostenuti dalla JSEEPA, mentre il Ministero del Turismo bulgaro provvederà alla fornitura di tutto il materiale promozionale. Il Ministro Anghelkova ha sottolineato quanto sia importante la presenza della Bulgaria all’interno del settore turistico giapponese. Alla cerimonia


d’inaugurazione del centro, il Presidente della JSEEBA, Kihachiro Nishiura, ha parlato dei servizi che verranno offerti e degli obiettivi che l’istituto si proporrà di raggiungere, in particolar modo quello di aumentare i flussi turistici bilaterali tra i due paesi negli anni a venire. Ha inoltre espresso i suoi ringraziamenti per la collaborazione e il supporto dimostrati dalla Bulgaria durante i lavori di realizzazione dell’iniziativa.

News ccib 21 10 2016  

News ccib 21 10 2016